LICEO LINGUISTICO. prot n 2075 / A22 Bari,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO LINGUISTICO. prot n 2075 / A22 Bari, 15.05 2015"

Transcript

1 LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO LICEO ECONOMICO- SOCIALE G. BIANCHI DOTTULA BARI C.so Mazzini 114 tel. 080/ fax c.f prot n 2075 / A22 Bari, Atti Albo on line Oggetto: Indicazioni generali per lo svolgimento degli scrutini finali as Criteri del C.D. per lo svolgimento degli scrutini, in relazione a comportamenti omogenei da adottare nei Consigli di classe, a norma: dell O.M. 90/ 01 dell O.M. 92/ 07 del DM 122 /2009 Regolamento sulla valutazione degli alunni del DM 99/ 09 relativo alle nuove tabelle di assegnazione del credito scolastico nonché delle seguenti delibere del Collegio Docenti: 1. della delibera del C.D n del n 14 Monte ore di assenze degli studenti e criteri deroghe 2. della delibera del C.D n del n 15 - Criteri di valutazione del comportamento 3. della delibera del C.D n del n 16 - Piano di recupero e sostegno a.s della delibera del C.D del n 17 - Criteri generali di valutazione dell apprendimento 5. della delibera del C.D del n 20 - Modalità di valutazione dei crediti formativi - progetti e attività alternative- 6. della delibera del C.D. n 30 e 3\1 dell Criteri generali per lo svolgimento degli scrutini - classi intermedie e finali- Esame di Stato e certificazione delle competenze Ogni insegnante farà la sua proposta di voto (con un breve giudizio motivato scritto del C.d.C. solo per classi con esami) che tenga conto: 1. degli obiettivi programmati dal Consiglio di classe, in relazione al livello di ingresso generale della classe; 2. del progresso compiuto rispetto alla situazione di partenza ( singolo livello soglia) da parte di ciascuno studente 3. degli esiti dello scrutinio del 1^ quadrimestre e delle rilevazioni di interperiodo (dicembreaprile) 4. dell impegno, dell interesse e della partecipazione dimostrati nell intero percorso formativo, nonché dell assiduità nella frequenza delle attività curricolari 5. dell impegno in tutte le attività volte al sostegno/ recupero delle carenze e delle insufficienze (1-2 quadrimestre) comprese tutte le forme di recupero curricolare e in itinere, che hanno previsto la pausa didattica nell avanzamento delle lezioni e metodologie alternative di approfondimento, nonché i corsi pomeridiani. Il C.d.c., nella formulazione del giudizio finale, tiene conto: 1. delle singole proposte di voto di cui al punto precedente 2. dei criteri deliberati dal Collegio Docenti

2 3. della partecipazione alle attività POF e ai progetti di recupero posti in essere dai Consigli di Classe 4. delle specifiche personalità degli studenti, del comportamento scolastico,dell impegno, della partecipazione e delle assenze. RIEPILOGO DELLE DELIBERE del C.D. DPR 122/ 09 Monte ore di assenze degli studenti e criteri deroghe Delibera n. 14 Il C. D. delibera all unanimità: DPR 122/ 09 Monte ore di assenze consentite per tutti gli indirizzi di studio Monte ore Monte ore Monte ore Ore annuali di settimanali annuale annuale assenze consentite Classi biennio ,25 222,75 Classi triennio ,5 247, deroghe: 1) fino a 15 gg., corrispondenti a 75 ore per: - assenze continuative documentate con certificazione medica, ricoveri ospedalieri, decorsi post-operatori e malattie specifiche da documentare - per terapie e cure programmate del tipo chemioterapico solo con progetto alternativo di Scuola in Ospedale, purché vi siano delle valutazioni che rendono possibile lo scrutinio - per patologie di natura non fisica attinenti il benessere psicologico, con assenze anche non continuative ma certificate 2) fino a 10 gg, corrispondenti a 50 ore per: - per partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal CONI 3) fino a 30 gg, corrispondenti a 150 ore per maternità I certificati giustificativi devono essere consegnati in segreteria didattica all inizio dell anno scolastico e al verificarsi della patologia Effetti delle assenze sul voto di comportamento Effettuazione del 75% del monte ore di assenze consentite, senza accesso alle deroghe, voto 6 Effettuazione del 60% del monte ore di assenze consentite, senza accesso alle deroghe, voto CRITERI Delibera n. 15 Il CD delibera all unanimità i seguenti criteri di valutazione del comportamento, con le integrazioni già indicate. Indicator i Voto corri spon dente Trasgressioni al Regolamento di Istituto e provvedimenti Relazioni all interno della comunità scolastica Puntualità negli impegni quotidiani scolastici Interazione didattica Indiscipli nato. Appena accettabil e 5 -Episodi di Sospensioni superiori ai 14 giorni - Sanzioni riferite alla tabella mancanze disciplinari del Regolamento punti Sospensioni e/o note disciplinari individuali o di gruppo ricevuti per -Continue recidive nel comportamento indisciplinato. -Assoluta incapacità di modificare il proprio comportamento. -Mancanza di rispetto nei confronti dei diritti altrui e delle regole della vita scolastica. Necessita di continui interventi correttivi; Frequenti assenze ingiustificate - Assenze pari al 75% del monte ore annuale, Negativa Inesistente Di disturbo Non partecipe o passiva o distratta

3 Quasi corretto Sempre corretto Costruttiv o comportamenti sanzionabili -Comportamento di disturbo - ammonizioni del D.S. -Allontanamento della classe dall aula, in assenza del docente, anche per recarsi in palestra senza autorizzazione. - sanzioni riferite alla tabella mancanze disciplinari del Regolamento punti Una singola nota individuale - sanzioni riferite alla tabella mancanze disciplinari del Regolamento punti 1-2 Comportamento quasi corretto, ma sensibile al richiamo 8 Nessuna nota individuale Comportamento sempre corretto; rispettoso degli altri 9 Nessun provvedimento disciplinare Lodevole 10 Nessun provvedimento disciplinare Aperto al confronto e rispettoso dei diritti di tutti - Rispetto del Reg. Istituto -Comportamento sempre costruttivo Capace di interagire nel determinare un clima positivo e costruttivo all interno della classe Proficuità nella relazione educativa fatte salve le deroghe previste -qualche assenza ingiustificata -Ingressi frequenti e ripetuti alla 2^ ora. Non sempre rispetta le consegne del lavoro scolastico e domestico o vi risponde in modo pigro - assenze pari al 60% del monte ore annuale, fatte salve le deroghe previste -Ingressi saltuari alla 2^ ora. Puntuale nelle giustifiche e nel rispetto degli orari scolastici Sempre puntuale nelle giustifiche e nel rispetto degli orari scolastici Sempre puntuale nelle giustifiche e nel rispetto degli orari scolastici o disordinata o inopportuna o superficiale Da sollecitare e discontinua, ma opportuna Partecipativa attiva propositiva continua Approfondita proficua trainante costante Originale critica rielaborata intuitiva logica Nell assegnazione del voto di comportamento, si tiene conto della relazione tra più criteri, non considerando imprescindibile il verificarsi di tutte le condizioni previste dalla lettura in orizzontale della tabella. Delibera n 17 Criteri di Valutazione Generali che intrecciano valutazione in decimi e certificazione delle competenze VOTA LIVELLO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA ZIONE Per LINGUISTICHE ELABORATVE e in competenz APPLICATIVE decimi e 2-4 Non raggiunto Molto frammentarie e gravemente lacunose Non individuabili. Non rilevabili 5 Parzialmen te raggiunto Superficiali e incomplete rispetto ai contenuti minimi stabiliti Comunica in modo elementare, commettendo qualche errore. Usa un linguaggio generico. Applica le conoscenze minime, commettendo qualche errore. Opera analisi e sintesi non sempre adeguate. Coglie solo parzialmente i nessi problematici.

4 Base Intermedio Avanzato Limitate ai contenuti minimi Corrette e fondamentali Complete Complete e approfondite Complete, approfondite e ricche di apporti personali Comunica in forma semplice, e nel complesso corretta Comunica in modo chiaro e sa utilizzare terminologie specifiche. Comunica in modo chiaro, puntuale e sa utilizzare terminologie specifiche. Ha un ottima padronanza linguistica e di tutte le terminologie specifiche. Ha un ottima padronanza linguistica e di tutte le terminologie specifiche. Applica le conoscenze minime ed elabora processi di analisi e di sintesi, anche se semplici. Applica in modo corretto le conoscenze fondamentali. Sa elaborare adeguatamente processi di analisi e di sintesi nella decodifica dei testi Elabora con padronanza processi di analisi e di sintesi nella decodifica dei testi. Effettua collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. Analizza in modo completo e approfondito e opera ottimi processi di sintesi. Effettua ampi collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. E in grado di risolvere problemi. Rielabora in modo autonomo i contenuti di studio. Analizza in modo completo e approfondito, operando ottimi processi di sintesi. Effettua ampi collegamenti all interno della disciplina e a livello pluridisciplinare. E in grado di risolvere problemi. Rielabora criticamente apportando personali contributi. Delibera n 30 del C.D. dell COMPETENZE IN USCITA dal QUINQUENNIO AREA LINGUISTICA E DEI LINGUAGGI ( Italiano- Arte- Latino- Lingua straniera-ed. Motoria) ITALIANO- ARTE Padroneggia strumenti espressivi ed argomentativi ai fini della gestione dell interazione comunicativa Utilizza il linguaggio generale e specifico Legge, comprende, analizza e interpreta testi scritti di vario tipo ( anche grafico-pittorico)

5 Produce testi corretti in relazione e scopo a destinatario È capace di argomentare, utilizzando strumenti logici di carattere probatorio e confutatorio Coglie le relazioni tra testo ( di ogni genere) e contesto storico ARTE (specifiche) Coglie le relazioni tra prodotto artistico e contesto storico È consapevole del grande valore culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico del nostro Paese e delle relative misure di salvaguardia e tutela LATINO Padroneggia strumenti espressivi ed argomentativi ai fini della gestione dell interazione comunicativa Utilizza il linguaggio generale e specifico Legge, comprende, analizza e interpreta testi letterari Coglie le relazioni tra testo e contesto storico Coglie i rapporti di continuità, opposizione e reinterpretazione che la civiltà europea ha instaurato con la cultura latina nel corso del tempo LINGUE STRANIERE LICEO ECONOMICO-SOCIALE Utilizza la lingua straniera in base ai livelli B1-B2, in uscita dai curricoli. Colloca nel tempo fenomeni storici e letterari della lingua studiata e li collega a fenomeni europei dello stesso periodo storico. Compone testi scritti ed espone oralmente su tematiche letterarie e fenomeni storici studiati. Dispone di strumenti comunicativi volti all analisi, all interpretazione e all argomentazione di fenomeni culturali e letterari afferenti ai Paesi di cui si studia la lingua. Utilizza strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca. Si esprime in ordine ad argomenti di carattere socio-economico e finanziario relativi alle tematiche studiate LICEO LINGUISTICO Utilizza la lingua straniera in base ai livelli B1-B2, in uscita dai curricoli. Colloca nel tempo fenomeni storici e letterari della lingua studiata e li collega a fenomeni europei dello stesso periodo storico. Compone testi scritti ed espone oralmente su tematiche letterarie e fenomeni storici studiati. Dispone di strumenti comunicativi volti all analisi, all interpretazione e all argomentazione di fenomeni culturali e letterari afferenti ai Paesi di cui si studia la lingua. Utilizza strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca. Analizza testi letterari con riferimento ad una pluralità di generi, relativi ad autori particolarmente rappresentativi della tradizione letteraria del Paese di cui si studia la lingua. LICEO DELLE SCIENZE UMANE Utilizza la lingua straniera in base ai livelli B1-B2, in uscita dai curricoli. Colloca nel tempo fenomeni storici e letterari della lingua studiata e li collega a fenomeni europei dello stesso periodo storico. Compone testi scritti ed espone oralmente su tematiche letterarie e fenomeni storici studiati. Dispone di strumenti comunicativi volti all analisi, all interpretazione e all argomentazione di fenomeni culturali e letterari afferenti ai Paesi di cui si studia la lingua. Utilizza gli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca. Si esprime in ordine ad argomenti relativi allo studio delle scienze umane quali la psicologia, la sociologia e l antropologia.

6 EDUCAZIONE MOTORIA Pratica attività motorie sapendo riconoscere le proprie potenzialità e i propri limiti. Si sa autovalutare. Produce risposte motorie efficaci in base alle afferenze esterocettive e propriocettive, anche in contesti impegnativi. Comunica attraverso il corpo. Coopera al meglio con i compagni di squadra per il raggiungimento di un obiettivo comune, esprimendo al meglio le proprie potenzialità, promuovendo il rispetto delle regole e del fair play. Comprende il valore della sicurezza e tutela in tutti i suoi aspetti. Sa come intervenire in situazioni di primo soccorso E consapevole dell importanza delle proprie scelte per il mantenimento della salute e del benessere generale. Possiede uno spiritico critico nei confronti di atteggiamenti devianti. AREA STORICA- GIURIDICO-ECONOMICO- SOCIALE ( Storia- Scienze Umane- Filosofia - Diritto ed Economia - Religione) Comuni all Area linguistica e dei linguaggi Utilizza il linguaggio generale e specifico Legge, comprende, analizza e sa interpretare testi scritti e documenti di vario tipo Produce testi corretti in relazione a scopo e destinatario Utilizza consapevolmente gli strumenti logico-argomentativi, di carattere probatorio e confutatorio Coglie relazioni tra testo e contesto storico Comuni a tutte le discipline di area È consapevole della propria dimensione di cittadino italiano ed europeo È consapevole di essere inserito in un contesto socio-economico e di essere soggetto corresponsabile dell attuazione dei diritti/doveri previsti dall ordinamento giuridico STORIA Analizza un evento storico nell ottica diacronica e sincronica, sia in relazione alle singola specificità disciplinare, sia nella prospettiva pluridisciplinare FILOSOFIA Utilizza il lessico e le categorie specifiche della disciplina Contestualizza un tema filosofico e/o un autore riconoscendo gli elementi storico-culturali che hanno contribuito alla loro affermazione. Sviluppa flessioni personali, giudizio critico, attitudine all approfondimento e alla discussione razionale È capace di argomentare una tesi. SCIENZE UMANE Si orienta nei linguaggi delle Scienze umane, in una prospettiva pluridisciplinare ai fini dell analisi di relazioni interpersonali (antropologia-psicologia) socio-culturali (sociologia)ed educative (pedagogia) Utilizza saperi e conoscenze teoriche quali strumenti di interpretazione dei fenomeni socioculturali e dei processi educativi DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Si orienta nell individuazione delle fonti giuridiche e dei dati economici Legge, comprende, analizza e sa interpretare testi di fonti giuridiche, dati e teorie economiche Applica in modo critico saperi e conoscenze acquisti in contesti e casi della realtà giuridico-economicosociale RELIGIONE

7 Utilizza le fonti autentiche della rivelazione ebraico- cristiana e del Magistero della Chiesa (testi storicobiblici, patristici, documenti della Chiesa, documenti storico culturali),interpretandone correttamente i contenuti. È consapevole dell importanza delle proprie scelte, confrontandosi con la visione cristiana del mondo. Ha capacità critica in modo da elaborare una posizione personale libera e responsabile, aperta alla ricerca della verità e alla pratica della giustizia e della solidarietà. È consapevole della necessità dei valori fondamentali per la costruzione della vita personale e della società. AREA SCIENTIFICO- MATEMATICA e TECNOLOGICA Comuni all area linguistica e dei linguaggi Padroneggia strumenti espressivi ed argomentativi ai fini della gestione dell interazione comunicativa Utilizza il linguaggio generale e specifico Legge, comprende, analizza e interpreta testi scritti di vario tipo( per dedurre informazioni qualitative e quantitative) Produce testi corretti È capace di argomentare, utilizzando strumenti logici di carattere probatorio e confutatorio MATEMATICA Utilizza le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici ed algoritmici per affrontare situazioni problematiche di varia natura ed elaborare opportune soluzioni FISICA Analizza fenomeni fisici, individuandone le grandezze caratterizzanti Interpreta le principali leggi fisiche ed utilizza modelli disciplinari per investigare fenomeni naturali e quotidiani Riconosce esistenza di relazioni tra leggi fisiche e sviluppo tecnologico SCIENZE Coglie nessi e relazioni tra contenuti disciplinari e pluridisciplinari, anche ai fini della comprensione di fenomeni della realtà naturale, con implicazioni di carattere etico- sociale Applica le conoscenze acquisite alle situazioni della vita reale Utilizza il metodo scientifico (: osservazione dei fenomeni, formulazione di ipotesi, sperimentazione, analisi dati, interpretazione, conclusione) ai fini dell interpretazione dei fenomeni naturali COMPETENZE TECNOLOGICHE Utilizzare reti, strumenti e software informatici per attività di studio., ricerca ed approfondimento Utilizzare gli strumenti tecnologici per presentazione e condivisione di lavori didattici Del n 30 Criteri di ammissione alla classe successiva Il C.d.c., in sede di scrutinio finale, tiene conto dei seguenti criteri quantitativi / qualitativi situazione indicazioni azioni del C.d.C. A) nei confronti Le conoscenze, le abilità e le 1) Formula il giudizio di promozione alla degli studenti per competenze descritte nella classe successiva cui abbia espresso programmazione di Dipartimento e 2)Calcola il credito scolastico da assegnare valutazione del C.d.C. risultano conseguite per le classi del triennio ( DM 99/ 09)

8 pienamente positiva, e che abbiano conseguito valutazioni sufficienti in ciascuna disciplina e nel comportamento B) nei confronti degli studenti che -presentino anche 1 insufficienza (= 5 o meno) e massimo fino a 3 insufficienze pur avendo seguito le attività di recupero almeno nel livello di sufficienza Nella valutazione degli studenti delle classi 1^ si terrà conto degli effettivi progressi rispetto alla situazione di partenza Valuta la possibilità che lo studente consegua gli obiettivi formativi e di contenuto entro la fine dell anno scolastico di riferimento con: a) attività di studio individuale e guidato, tenendo conto delle capacità, delle conoscenze e delle abilità conseguite nelle altre discipline, della frequenza regolare alle lezioni durante l anno scolastico b) attività di recupero organizzato dall Istituto nei limiti dei criteri già definiti dal C.D. e compatibilmente con le risorse finanziarie assegnate 3) compila la certificazione delle competenze in uscita dal 2 anno di corso per l assolvimento dell obbligo di istruzione Formula motivazione di sospensione del giudizio e rinvia il giudizio finale alla prova estiva, segnalando lo studente per una delle seguenti attività 1) SPORTELLO DIDATTICO di recupero di 15 ore (materie orali) 2) CORSO DI RECUPERO disciplinare di 15 ore ( materie con scritto) Compila comunicazione per le famiglie con indicazione dei voti riportati nelle singole discipline e delle carenze rilevate ( art 7. c 2 OM 92/ 07), fornendo indicazione sugli argomenti da approfondire. C) nei confronti degli studenti che - presentino insufficienze lievi ( 5) e gravi( 3.-4) in numero superiore a 3 - che siano stati sospesi dalle lezioni per periodi superiori ai 14 gg - che abbiano superato il tetto delle ore consentite di assenze per ciascun indirizzo di studio e che non accedano alle deroghe previste - che, nonostante le deroghe al numero di ore di assenze, non abbiano elementi valutativi tali da consentire lo scrutinio valutata l impossibilità che lo studente consegua gli obiettivi formativi e di contenuto con attività di recupero estivo, considerata la generale situazione di insufficienza derivante da assenza di impegno e di interesse, considerato che le capacità non sono state potenziate, considerate le numerose assenze e la scarsa partecipazione al dialogo educativo, considerato che il monte ore di assenze supera quello previsto dalla normativa vigente e dalle deroghe previste dal Collegio Docenti D) scrutinio estivo risolve la sospensione del giudizio integra lo scrutinio finale di giugno, previo accertamento del recupero delle carenze formative 1) formula giudizio motivato di non ammissione alla classe successiva 2) Compila comunicazione per le famiglie, riportando i voti delle singole discipline e il giudizio di non ammissione, dati da riportare anche nel verbale. 1)effettua esame scritto e tiene conto dei risultati conseguiti non solo in sede di accertamento finale, ma anche nelle diverse fasi del recupero ( art 8, c 3) 2) Registra i voti riportati in tutte le discipline, con indicazione ammesso o non ammesso. 3) per gli studenti delle classi 3^-4^ ammessi alla classe successiva, integra il

9 credito scolastico, nella misura prevista dalla Tabella A allegata al DM 99/ 09 4) compila la certificazione delle competenze in uscita dal 2 anno di corso per l assolvimento dell obbligo di istruzione Alunni H L ammissione alla classe successiva e quella agli esami, avverrà in presenza delle seguenti condizioni: a)valutazione esplicitata e documentata nel 1 e nel 2 quadrimestre. Gli alunni che hanno seguito un percorso didattico individualizzato differenziato, ai sensi dell art 15, c 4 OM 90/ 01, sono valutati con attribuzione di voti e crediti relativamente al PEI, di cui agli articoli 314 e 318 del D.Lgs 297/ 94. Gli alunni con valutazione paritaria sono valutati con riferimento agli obiettivi minimi concordati nel Piano didattico personalizzato all interno del C.d.C. b)frequenza delle lezioni, anche se non assidua, nel 1 e 2 quadrimestre, anche se con utilizzo delle deroghe previste Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Per gli alunni con DSA certificati, in sede di scrutinio si deve tener conto delle specifiche situazioni soggettive, della programmazione prevista dal C.d.C., del Piano didattico personalizzato (PDP), nonché delle misure compensative e dispensative utilizzate. Qualora l alunno con DSA fosse inserito in una classe V^, il C.d.C. ha l obbligo di segnalarlo già nel Documento del 15 maggio, allegando il PDP agli atti della commissione. Per gli alunni DSA frequentanti le classi 1^-2^-3^-4^, il Coordinatore concorda un incontro informativo con le famiglie circa l esito delle misure dispensative e compensative utilizzate. Classi V^ Criteri generali di non ammissione Il C.d.C. non procede alle ammissioni, nel caso di: a) studenti che non abbiano conseguito la votazione di almeno 6/10 in ciascuna disciplina. c) studenti che conseguano la valutazione del comportamento inferiore ai 6/10( art 2, c 3 D.L: 137/ 08, convertito in L. 169/2008; art 2, c 3 DM 5/09, DPR 122/ 09) d) studenti che abbiano superato il tetto massimo di assenze consentite e in assenza di certificazione che consente l accesso alle deroghe deliberate dal C.D. Criteri di ammissione Ai sensi dell O.M. 13/ 2013, poiché la valutazione del comportamento concorre assieme alla valutazione del profitto alla valutazione complessiva dello studente, il Consiglio delle classi di esame procede ad una valutazione complessiva dello studente che tiene conto: a) della valutazione del comportamento che incide sulla determinazione del credito scolastico e che deve essere pari almeno a 6/10 b) della votazione di 6/10 conseguita in ciascuna disciplina c) delle conoscenze e delle competenze acquisite dallo studente nell ultimo anno del corso di studi, d) delle sue capacità critiche ed espressive e) degli sforzi compiuti per colmare eventuali lacune e raggiungere una preparazione idonea a consentirgli di affrontare l esame, anche a seguito di attività di recupero e potenziamento f) dei percorsi di alternanza scuola lavoro e delle competenze acquisite. GIUDIZI DI AMMISSIONE / NON AMMISSIONE Il giudizio di non ammissione deve essere puntualmente motivato. La formulazione del giudizio di ammissione è obbligatoria per tutti gli studenti, per evidenziare punti di forza e di debolezza, nonché per segnalare i casi di eccellenza. 5) Criteri di assegnazione del credito scolastico e formativo. L'attribuzione del credito scolastico, per ogni alunno va deliberata, motivata e verbalizzata Le tabelle di assegnazione del credito scolastico sono allegate al DM 99/ 09 Indicazioni generali per l assegnazione del credito. Il C.d.C.:

10 1. assegna il credito scolastico, tenendo conto anche della valutazione del comportamento, che concorre alla sua assegnazione 2. discute gli esiti relativi all anno in corso per le attività curricolari e tiene conto della preparazione raggiunta da ciascun alunno nell anno scolastico in corso, con riguardo al profitto, all assiduità della frequenza scolastica, all interesse e all impegno nella partecipazione al dialogo educativo, 3. pone particolare attenzione alla valutazione delle attività scolastiche extracurricolari e all impegno in particolari progetti scolastici, soprattutto quelli che hanno avuto ricaduta sul curricolo. Se il progetto è stato attuato con insegnanti diversi da quelli del gruppo classe, sarà necessario acquisire la valutazione dai docenti che hanno seguito l attività ( Tutor o esperti) 4. attribuisce il punteggio, in numeri interi, nell ambito della banda di oscillazione che non può subire alterazioni per eventuali crediti formativi. 5. assegna il credito per l anno in corso e lo somma al credito attribuito nelle due classi precedenti, fino a nello scrutinio finale dell ultimo anno di corso, può motivatamente integrare il credito, fermo restando il massimo dei 25 punti attribuibili (c 4 art 11 DPR 323/ 98- OM 44/ 10 art 8, c 6) 7. i docenti di religione cattolica partecipano alle deliberazioni per l assegnazione del credito scolastico agli alunni che si avvalgono dell insegnamento 8. nella determinazione del credito scolastico per gli studenti che non si avvalgono della Religione Cattolica, si tiene conto dell attività alternativa svolta. 9. nella determinazione del credito all interno della banda di oscillazione, si prenda come riferimento la media dei voti con 0,49 a cui verrà assegnato il punteggio più basso nella banda di oscillazione, a partire invece dalla media con 0.50 il C.d.C. assegnerà il punteggio più alto della banda di oscillazione. Classi V^ di esame M = MEDIA DEI VOTI CREDITI SCOLASTICI Classi III^ e IV^ Media dei voti (in sede di scrutinio) V anno M= <M <M <M <M Credito scolastico (Punti) II e IV anno M = < M < M < M < M NOTE generali alle tabelle dei crediti Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalle precedenti tabelle, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività

11 complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. TABELLA B CREDITO SCOLASTICO Candidati esterni Esami di idoneità Media dei voti conseguiti in esami di idoneità Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti agli esami di idoneità. Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 in caso di esami di idoneità relativi a 2 anni di corso in un unica sessione. Esso va espresso in numero intero. Per quanto concerne l'ultimo anno il punteggio è attribuito nella misura ottenuta per il penultimo anno. TABELLA C (sostituisce la tabella prevista dall'art. 11, comma 8 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323) CREDITO SCOLASTICO Candidati esterni- Prove preliminari Media dei voti delle prove preliminari Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti nelle prove preliminari.. Per i candidati esterni, il punteggio attribuito nella banda di oscillazione della Tab C va moltiplicato per 2 nel caso di prove relative agli ultimi 2 anni e per 3 nel caso di prove preliminari relative agli ultimi 3 anni Esso va espresso in numero intero Modalità di valutazione dei crediti formativi (progetti e attività alternative) Delibera n 21 C.D. A) Punteggio per credito formativo certificato da enti esterni ECDL 0,50 Certificazioni di Lingue 0,50 Esami di Conservatorio 0, premio a concorsi musicali e partecipazione a concerti 0,30 Corsi e progetti certificati da Università ed enti accreditati e riconosciuti in ambito 0,30 universitario - CRIF - Progetto ISOMERI Attività agonistiche organizzate dal CONI e premiate a livello regionale e nazionale 0,30 Attività di volontariato, laboratori, stage e animazione sociale, prestati per un periodo di 0,30 almeno 30 ore (anche sommate per più attività) e certificati dai seguenti enti: AISM Associazione Italiana Sclerosi multipla- ASL GREENpeace FAI WWF - STELLA MARIS, nonché da associazioni sociali e culturali, riconosciute a livello locale e impegnate in attività formative (le attività devono essere prestate in orario aggiuntivo) Partecipazione a laboratori teatrali organizzati e certificati da enti teatrali accreditati a 0,30 livello nazionale ( minimo 30 ore)

12 B) Punteggio per le attività extracurricolari, le iniziative complementari ed integrative, organizzate dalla scuola con incidenza sul credito scolastico: Progetti PON da 50 ore 0,40 Progetti PON da 30 e 15 ore 0,30 Progetti POF con tolleranza del 10% di assenze sul 0,30 monte ore previsto dal progetto Concorsi promossi da Enti e dalla scuola 1 classificato 0,30 2 classificato 0,25 3 classificato 0,20 Per partecipazione ai concorsi 0,15 Prix Murat Recensione progetto lettura Le nostre idee argomentate Proverbio francese Banca d Italia C) Modalità valutativa per l attività alternativa svolta dallo studente che non si avvale della religione cattolica, con diretta ricaduta sul credito scolastico. sufficiente buono molto moltissimo 21.2 Il CD delibera all unanimità di non riconoscere alcun punteggio agli alunni con sospensione del giudizio; 21.3 Il CD delibera all unanimità l applicazione del minimo della banda di oscillazione se l ammissione alla classe successiva dovesse avvenire per delibera del C.d C, nel caso di sospensione del giudizio e in sede di esame integrativo finale. f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO Anna Maria AMORUSO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI

LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI LICEO DELLE SCIENZE UMANE- LICEO ECONOMICO SOCIALE - LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI C.so Mazzini, 114 tel. 080/5277834 fax 0805277535 c.f. 80023110721 www.imbianchidottula.bari.it BAPM010001@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R.

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI PRIMIERO Liceo Economico per l Impresa, Liceo Economico per il Turismo, Liceo Scientifico, Corso Tecnico per le Costruzioni, l Ambiente ed il Territorio Criteri per

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE

INFORMATIVA: VALUTAZIONE, CREDITI VALIDITÀ ANNO SCOLASTICO E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE I.T.I. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 35126 Padova Tel.: 049/8040211 Fax 49/8040277 e-mail: marconi@provincia.padova.it - pdtf02000e@pec.istruzione.it pdtf02000e@istruzione.it Istituto Tecnico per

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca Istituto d'istruzione Superiore Statale Balilla Pinchetti via Monte Padrio, 12 23037 Tirano (SO) Indirizzo di PEC: sois008005@pec.istruzione.it-

Dettagli

ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO

ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO E SCOLASTICO Attribuzione del credito formativo Ogni Consiglio di classe, in conformità alle indicazioni del D.M. 24.02.2000, n. 49, valuterà la rilevanza qualitativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

COM 393 Mogliano Veneto, 29.04.2015 COMUNICATO DOCENTI - STUDENTI - GENITORI - COORDINATORI DI CLASSE BACHECA SCUOLANEXT - SITO LICEO

COM 393 Mogliano Veneto, 29.04.2015 COMUNICATO DOCENTI - STUDENTI - GENITORI - COORDINATORI DI CLASSE BACHECA SCUOLANEXT - SITO LICEO LICEO STATALE Giuseppe BERTO CLASSICO LINGUISTICO SCIENTIFICO SCIENZE UMANE Via Barbiero, 82 31021 Mogliano Veneto (TV) Tel. 041/453906 Fax. 041/5903991 www.liceoberto.it - lssgberto@tin.it - tvps04000q@pec.istruzione.it

Dettagli

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Al termine del primo trimestre ( dicembre) Alla fine del mese di marzo inizio aprile ( valutazione intermedia) Alla fine dell anno scolastico.

Dettagli

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti

Dettagli

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA

LICEO STATALE REGINA MARGHERITA LICEO STATALE REGINA MARGHERITA Scienze Umane Linguistico Scientifico Liceo delle Scienze Umane; Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Liceo Linguistico; Liceo Scientifico opzione Scienze

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA Per la valutazione degli alunni i consigli di classe faranno riferimento ai criteri sotto indicati: Competenze chiave di cittadinanza attiva Assi culturali (biennio)

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICE Perché è nato questo manuale p. 3 Scheda di osservazione alunno diversamente abile con proposta tipologia PEI p. 4 PEP di

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI

CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI CRITERI DI SVOLGIMENTO DEGLI SCRUTINI PREMESSA Richiamata l'attenzione sul fatto che: - il momento della valutazione finale costituisce la verifica dei progressi nella maturazione personale, nelle conoscenze

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose

Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Repubblica Italiana Provincia Autonoma di Trento Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese, 10/04/2012 CIRCOLARE STUDENTI N 119 Agli STUDENTI del TRIENNIO Ai DOCENTI COORDINATORI di classe

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN TERAMO Via L. Sturzo, 5 64100 Teramo - Centralino 0861/413747-

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ARTOM (POF - Allegato D) I.T.I.S. A. Artom CREDITO SCOLASTICO CANDIDATI INTERNI PER L'ANDAMENTO SCOLASTICO DEGLI ULTIMI TRE ANNI VENGONO ATTRIBUITI MAX 25

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta:

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta: Il voto di condotta, espresso in sede di scrutinio intermedio e finale, si riferisce all insieme dei comportamenti tenuti dall allievo nel periodo di permanenza nella sede scolastica e durante le attività

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1A Indirizzo di studio Scientifico Docente Monti Gabriella Silvana Disciplina Monte

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LA VALUTAZIONE 1. CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA

LA VALUTAZIONE 1. CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEL VOTO DI CONDOTTA LA VALUTAZIONE La valutazione rappresenta un momento centrale nella pratica educativa, e la trasparenza dei comportamenti valutativi permette allo studente di imparare ad autovalutarsi e a sviluppare così

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Iniziative di sostegno e recupero scolastico

Iniziative di sostegno e recupero scolastico Iniziative di sostegno e recupero scolastico Premessa Le attività di sostegno e di recupero, normate dai recenti provvedimenti: Legge 1/2007 ( definisce i criteri di ammissione all esame di Stato ); D.M.

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE

LICEO CLASSICO STATALE G.MELI A.S. 2014/15 VALUTAZIONE VALUTAZIONE La valutazione rappresenta un momento centrale del processo formativo, si collega all apprendimento, all acquisizione delle competenze, al conseguimento di capacità, all accertamento delle

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 INDICE Perché è nato questo manuale p. 3 Scheda di osservazione alunno diversamente abile con proposta tipologia PEI p. 4 PEI

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Normativa e indicazioni Linguistico Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che nello scrutinio finale conseguano una votazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015 IIS Ceccano Istituto d Istruzione Superiore Ceccano ITE Ceccano ITE Ceprano IPSSEOA Ceccano MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni SISTEMA DEI CREDITI CREDITO SCOLASTICO E CREDITO FORMATIVO Il credito scolastico tiene conto del profitto strettamente scolastico dello studente, il credito formativo considera le esperienze maturate al

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

Vademecum Esame di Stato a.s. 2010-2011

Vademecum Esame di Stato a.s. 2010-2011 Vademecum Esame di Stato a.s. 2010-2011 (Riferimenti e normativa: http://archivio.pubblica.istruzione.it/argomenti/esamedistato/home.html Approfondimenti: http://www.isanordio.it/pof.htm) Candidati interni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

PER LA REDAZIONE DEL VERBALE DELLO SCRUTINIO SCUOLA PRIMARIA

PER LA REDAZIONE DEL VERBALE DELLO SCRUTINIO SCUOLA PRIMARIA PER LA REDAZIONE DEL VERBALE DELLO SCRUTINIO SCUOLA PRIMARIA Su invito del presidente gli/le insegnanti procedono agli adempimenti relativi alla valutazione quadrimestrale ai sensi dell art. 3, comma 1

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole Criteri comuni di valutazione La valutazione è espressa in decimi (la gamma dei voti va da 1 fino a ). I risultati della valutazione scritta saranno comunicati agli alunni in sede di consegna delle verifiche

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli