Note di Rilascio Utente Versione Tutti gli Applicativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note di Rilascio Utente Versione 11.50.10 - Tutti gli Applicativi"

Transcript

1 Note di Rilascio Utente Versione Tutti gli Applicativi INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Eseguire il salvataggio degli archivi prima di procedere con l aggiornamento. La Fix può essere utilizzata come aggiornamento della versione e successive. Come consultare la documentazione dalla Barra degli strumenti La documentazione consultabile in B.Point SOLUTION PLATFORM, è suddivisa in sezioni: **** ULTIMI DOCUMENTI RILASCIATI Posta nella parte superiore dell elenco, con tutti i documenti rilasciati con l aggiornamento. **** GUIDE OPERATIVE Contiene le guide di riferimento di tipo operativo. **** MANUALI Suddivisi per aree di competenza: CONTABILE-FISCALE-PAGHE-AZIENDALE-STUDIO/ASSOCIAZIONI. **** STORICO NOTE DI RILASCIO Posta a fondo elenco, con le note di rilascio distribuite a partire dalla release La suddivisione delle note di rilascio è per tipologia di utenza: Ver xx - NR TUTTI gli UTENTI Informazioni su Moduli utilizzati da tutti gli utenti Ver xx - NR Contab.-Fiscale- Informazioni su Adempimenti a carattere CONTABILE, FISCALE Gest.Studio e GESTIONE dello STUDIO Ver xx - NR Utenti Paghe Informazioni su Moduli utilizzati per la GESTIONE DEL PERSONALE Ver xx - NR Utenti Azienda Informazioni sul Modulo AZIENDALE WEB SEMINAR Per formare ed aggiornare il personale di Studio in tempi rapidi Comodamente dallo Studio, seguire il corso in diretta (possibilità di rivederlo in un momento successivo il corso è anche disponibile in modalità registrata) Subito operativi, i Web Seminar offrono una formazione puntuale, approfondita ed interattiva Filo diretto con WKI, i Web Seminar sono tenuti direttamente dagli esperti WKI ai quali, in modo interattivo, è possibile porre domande e chiedere chiarimenti durante l evento. Per saperne di più, consulta la Scheda Prodotto su CONTENUTO AGGIORNAMENTO Diagnostici 2 Modelli Unico - Quadro RF - Altre Variazioni in Diminuzione, campo 15) 2 Modulo Contabile 2 Comunicazione Over Gestione Contratti 2 Prospetto Plafond 2 Modello Dichiarazione Integrativa 5 Modelli Unico 7 Avvertenza 7 Dichiarazione Correttiva e Integrativa 7 Modello Unico Persone Fisiche 8 Stampa prospetto "Elenco Imposte" 8 Studi di Settore 8 Controlli SOGEI - Versione del 1/7/ Modello IRAP 8 Generazione Telematico 8 Dichiarazione Correttiva e Integrativa 8 Funzione "Cancella Dichiarazione" 9 Avvertenza 10 Avanzamento DR. Complementari 10 Esportazione dichiarazioni/importazioni dichiarazioni 10 Avvertenza 10 Funzioni di recupero dati disattivate 10 Modello

2 Funzioni "CD Cancella Dichiarazione/Quadri e "CT Cancellazione Totale 11 Paghe e Stipendi 11 Detassazione La gestione dell'errata applicazione 11 Diagnostici Modelli Unico - Quadro RF - Altre Variazioni in Diminuzione, campo 15) Dopo l installazione di questo aggiornamento, al primo accesso nei moduli Modello Unico PF/SP/SC/ENC, viene eseguito un diagnostico (uno per ogni modulo) per individuare le dichiarazioni nelle quali è presente il dettaglio nel rigo "ALTRE VARIAZIONI IN DIMINUZIONE - 15) Plusvalenze/ Sopravvenienze attive: differenza Civile/Fiscale" ma è assente l'importo nel relativo campo. Applicativo Rigo corrispon. Campo corrispondente Unico PF RF39 15) Plusvalenze/Sopravvenienze attive: differenza Civile/Fiscale Unico SP RF47 15) Plusvalenze/Sopravvenienze attive: differenza Civile/Fiscale Unico SC RF54 15) Plusvalenze/Sopravvenienze attive: differenza Civile/Fiscale Unico ENC RF41 15) Plusvalenze/Sopravvenienze attive: differenza Civile/Fiscale Al termine viene stampato l'elenco delle anagrafiche per le quali occorre inserire l'importo indicato dal diagnostico. Modulo Contabile Comunicazione Over Gestione Contratti Il Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 21/06/2011 ha modificato la struttura del tracciato telematico della Comunicazione Over (previsto dall originale Provvedimento del 22/12/2010) stabilendo tra le altre cose che, qualora siano stipulati più contratti tra loro collegati, occorre comunicare già da subito e contestualmente a ciascuna fattura di acconto o a saldo, l ammontare complessivo dei corrispettivi previsti per tutti i predetti contratti. Si è reso dunque necessario: Aggiungere alla Gestione Contratti due nuovi importi relativi all Imponibile complessivo ed all IVA complessiva dell intero contratto. Integrare la funzione "CF. Codice Fiscale Corrispettivi con i dati riepilogativi del contratto, nonché con il nuovo campo <Modalità di pagamento: Acconto/Saldo/Importo non frazionato> e con il nuovo valore del campo <Natura Operazione: Imponibile con IVA a margine>. Con l'occasione è stato attivato il nuovo bottone [Quadratura] che permette la stampa di raffronto tra i dati presenti nella funzione "CF. Codice Fiscale Corrispettivi e le registrazioni effettuate in Prima Nota IVA con le causali dei Corrispettivi (di regola da 300 a 310), di cui i primi costituiscono sottoinsieme. Prospetto Plafond L elaborazione del Prospetto Plafond viene ora effettuata esclusivamente in fase di simulazione della Liquidazione IVA e non più in fase di stampa della Liquidazione e dei Registri IVA. Le modifiche in sintesi La tabella del Plafond viene aggiornata esclusivamente dalla funzione SI. Simulazione Chiusura IVA (l aggiornamento è subordinato all attivazione dell'opzione <Prospetto Plafond:S>) che predispone tutti i dati necessari per la stampa del Prospetto Plafond. Nella stampa della Liquidazione IVA, eseguita dalla Chiusura IVA Periodica, viene riportato il Prospetto Plafond così come elaborato dalla funzione SI. Simulazione Chiusura IVA (la tabella del Plafond non viene più aggiornata dalla Chiusura IVA Periodica ). Nella stampa dei Registri IVA delle fatture (o dei corrispettivi) viene riportato, appena sopra il riepilogo della Liquidazione e non più in appendice alle registrazioni, il Prospetto del Plafond così come elaborato dalla funzione SI Simulazione Chiusura IVA (la tabella del Plafond non viene più aggiornata dalla funzione di stampa dei Registri IVA). Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 2 di 13

3 L archiviazione dei Registri e delle chiusure IVA, stampa il Prospetto Plafond nel file delle chiusure (modello CHIVA), nella pagina immediatamente precedente a quella in cui viene esposto il riepilogo della Liquidazione. Gestione Versamenti Situazioni Chiusure IVA Introdotto il nuovo prospetto intestato Periodo compilazione plafond (attivo solo per le aziende con Plafond) che mostra, mese per mese, la situazione del Prospetto Plafond. Per consultarlo occorre accedere alla funzione "Situazione Chiusure IVA", presente all interno della Gestione Versamenti : Il prospetto indica se è stata eseguita o meno l elaborazione del Prospetto Plafond nel mese indicato, ovvero, se è stata attivata la forzatura: L elaborazione della tabella del Plafond viene eseguita esclusivamente dalla funzione SI. Simulazione Chiusura IVA (l aggiornamento è subordinato all attivazione dell'opzione <Prospetto plafond:s>): Controlli sui mesi precedenti a quello elaborato Sono stati attivati alcuni importanti controlli di sequenzialità delle operazioni: Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 3 di 13

4 È possibile eseguire la Liquidazione di un periodo solo se è stata già eseguita la Liquidazione di tutti i periodi precedenti; in caso contrario la procedura segnala il periodo a partire dal quale occorre rieseguire tutte le liquidazioni dalla funzione SI. Simulazione Chiusura IVA : È possibile eseguire la Liquidazione di un periodo solo se in tutti i periodi precedenti l importo Disponibile Finale risulta uguale al Disponibile Iniziale del mese successivo; in caso contrario la procedura segnala il periodo a partire dal quale occorre rieseguire tutte le liquidazioni tramite la funzione SI. Simulazione Chiusura IVA. Qualora venga inserito o modificato un movimento in presenza di un Prospetto Plafond già elaborato per il periodo stesso o per un periodo successivo, vengono automaticamente azzerati gli importi del Prospetto Plafond per il periodo stesso e per i successivi ; inoltre viene segnalata la necessità di eseguire nuovamente tutte le liquidazioni tramite la funzione SI. Simulazione Chiusura IVA. Nel caso di contabilità presso terzi i messaggi indicano il periodo a partire dal quale occorre eseguire la simulazione (di regola il mese successivo a quello in cui si è verificata l incongruenza): Stampe Effettive ed Archiviazione Il Prospetto Plafond viene ora stampato, insieme alle Chiusura, immediatamente prima del Riepilogo della Liquidazione, in un apposita pagina del Registro IVA delle fatture (o dei corrispettivi) intestata e numerata. Pertanto: la stampa dei Registri IVA non riporta più il Prospetto Plafond; la stampa dei Registri e Chiusure IVA stampa il Prospetto Plafond immediatamente prima del Riepilogo della Liquidazione; l Archiviazione dei Registri e Chiusure IVA stampa il prospetto nel file delle chiusure (modello CHIVA), nella pagina immediatamente precedente a quella in cui viene esposto il Riepilogo della Liquidazione. Procedura Disabilita Registri La procedura "Disabilita Registri" cancella il Prospetto Plafond solo se viene specificamente richiesto dall operatore. Forzatura tabella Plafond Nella tabella Plafond, in corrispondenza del campo <Tipo Esportatore> è stato previsto il nuovo valore L che permette di accedere alla gestione delle liquidazioni (si tratta dei dati visualizzati tramite il prospetto Periodo compilazione plafond sopra descritto): Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 4 di 13

5 Da questa funzione è possibile la manutenzione manuale dell'opzione di Liquidazione (l'indicazione del Periodo è irrilevante, la funzione opera per l'intero anno solare): Modello 730 Dichiarazione Integrativa Scelta FISCALE Gestione Contribuente Dichiarazioni DC. Dichiarazioni Complementari Attiva Integrativa È possibile la gestione del Modello 730 Integrativo. Per procedere è necessario selezionare la tipologia di Dichiarazione Integrativa che si intende elaborare: Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 5 di 13

6 Nella tabella che segue sono descritte le tre tipologie ammesse per gestire il Modello 730 Integrativo con alcune specifiche, per ognuna di esse: Cod. casella 730 integ" Cod. 1 Cod. 2 Cod. 3 Tipologia di variazione Modifiche e/o integrazioni di dati presenti nel Modello 730 originario che non riguardano i dati del Sostituto d imposta. La variazione deve determinare un maggior importo a credito, un minor debito ovvero, un imposta pari a quella determinata con il Modello 730 originario. Modifiche e/o integrazioni di dati presenti nel Modello 730 originario che riguardano esclusivamente i dati del Sostituto d imposta. Modifiche e/o integrazioni di dati presenti nel Modello 730 originario relativi sia al Sostituto d imposta che ad altri dati. La variazione deve determinare un maggior importo a credito, un minor debito ovvero, un imposta pari a quella determinata con il Modello 730 originario. Tipologia Mod Modello Integrativo Modello Ordinario Modello Ordinario Viene compilata la casella Integrativo dati sostituto errati con il codice (3) Operazioni eseguite dalla procedura Ricalcolo e ricompilazione del Mod , ad eccezione della I^ e II^ o unica, rata di ACCONTO IRPEF (nei righi 94 e 95 del PL Dichiarante e nei righi 114 e 115 del PL Coniuge, devono essere riportati i dati del Mod originale) e dell ACCONTO Addizionale Comunale (nel rigo 97 del PL Dichiarante e nel rigo 117 del PL Coniuge, devono essere riportati i dati del Mod originale). Non vengono compilati i righi 151 e 152 del PL. Nel PL risultano compilati anche i righi 151 e 152 (La Dichiarazione Integrativa deve essere liquidata con i criteri della Dichiarazione Ordinaria). Rideterminazione degli Acconti, IRPEF e Addizionale Comunale (Nel PL i righi 151 e 152 risultano compilati). Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 6 di 13

7 Modelli Unico Avvertenza A partire dal periodo di imposta 2009 NON è più possibile compilare la Dichiarazione Integrativa e Correttiva relativa al Modello IRAP dalla scelta Dichiarazioni Complementari presente nei modelli Unico. Dichiarazione Correttiva e Integrativa Scelta FISCALE 22/23/24-01.Gestione Contribuente Dichiarazioni DC. Dichiarazioni Complementari Rilascio delle procedure per la gestione della Dichiarazione Integrativa e della Dichiarazione Correttiva. Modalità operative L attivazione della Dichiarazione Integrativa/Correttiva è consentita solo se sono state eseguite le funzioni Dichiarazione telematica e Creazione telematico per la Dichiarazione Originaria. La gestione si attiva dalla funzione DC. Dichiarazioni Complementari : Attivando una dichiarazione Integrativa/Correttiva è possibile salvare la Dichiarazione Originaria (rispondendo Sì alla domanda - scelta consigliata) e visualizzarla successivamente nella scelta "Visualizza dichiarazioni salvate" (rispondendo No alla domanda non viene eseguita la copia della Dichiarazione originaria). In funzione della selezione viene valorizzato automaticamente il campo <INTEGRATIVA> oppure <CORRETTIVA> presente nei "Dati Generali". Procedere con la modifica della Dichiarazione originaria. Nella funzione "EI. Estremi Imposte", nella sezione Differenze Debiti/Crediti tra Dichiarazione Originaria e Dichiarazione Correttiva/Integrativa vengono evidenziati, per singolo tributo, gli importi a Debito/Credito determinati con la Dichiarazione Originaria e quelli con la Dichiarazione Correttiva/Integrativa; con lo specifico tasto funzione è possibile stamparli.. "DG. Dati Generali" dopo la modifica alla Dichiarazione Originaria: La funzione Attiva integrativa riporta nella sezione dei quadri compilati presente nei "Dati Generali": 0 se sulla Dichiarazione originaria il quadro era valorizzato [N] 1 se sulla Dichiarazione originaria il quadro era valorizzato [S] Modificare manualmente il valore dei campi (con 0, 1, 2, 3) in relazione alle rettifiche effettuate secondo la seguente tabella: Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 7 di 13

8 Terminato il completamento, eseguire la stampa ministeriale in modalità Reale del Modello Unico e procedere all invio telematico. Modello Unico Persone Fisiche Stampa prospetto "Elenco Imposte" Scelta FISCALE 22/23/ La stampa del prospetto "Elenco Imposte", sia in modalità Analitica che in modalità Sintetica, è stata implementata con l'inserimento della 1^ e della 2^ rata di Acconto, relative alla CEDOLARE SECCA. Nel prospetto Analitico i dati vengono riportati nella colonna "Altre Imposte". Studi di Settore Controlli SOGEI - Versione del 1/7/2011 Rilascio delle procedure di controllo SOGEI degli Studi di Settore integrate nei modelli Unico. I controlli sono presenti nella scelta, di ogni modulo: "Gestione Contribuenti/Società Utilità_1 CS.Controlli Sogei oppure dalla scelta esterna di ogni applicativo: 22. Unico PF Controlli Sogei 23. Unico SP Controlli Sogei 24. Unico SC Controlli Sogei ENC Controlli Sogei Modello IRAP Generazione Telematico È possibile generare il file telematico (anche degli Enti Pubblici), da inviare all'amministrazione Finanziaria, dalle scelte: Gestione Contribuente Utilità DT.Dichiarazione Telematica 08.Telematico - 01.Generazione Telematico Dichiarazione Correttiva e Integrativa Scelta FISCALE Gestione Contribuente Dichiarazioni DC. Dichiarazioni Complementari Rilascio delle procedure per la gestione della Dichiarazione Integrativa e della Dichiarazione Correttiva. Modalità operative L attivazione della Dichiarazione Integrativa/Correttiva è consentita solo se sono state eseguite le funzioni Dichiarazione telematica e Creazione telematico per la Dichiarazione Originaria. La gestione si attiva dalla funzione DC. Dichiarazioni Complementari : Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 8 di 13

9 Attivando una dichiarazione Integrativa/Correttiva, è possibile salvare la Dichiarazione Originaria (rispondendo Sì alla domanda - scelta consigliata) e visualizzarla successivamente nella scelta "Visualizza dichiarazioni salvate" (rispondendo No alla domanda non viene eseguita la copia della Dichiarazione originaria). In funzione della selezione viene valorizzato automaticamente il campo <INTEGRATIVA> oppure <CORRETTIVA> presente nei "Dati Generali". Procedere con la modifica della dichiarazione originaria. Nella funzione "EI. Estremi Imposte", nella sezione Differenze Debiti/Crediti tra Dichiarazione Originaria e Dichiarazione Correttiva/Integrativa vengono evidenziati, per singolo tributo, gli importi a Debito/Credito determinati con la Dichiarazione Originaria e quelli con la Dichiarazione Correttiva/Integrativa; con lo specifico tasto funzione è possibile stamparli.. "DG. Dati Generali" dopo la modifica alla Dichiarazione Originaria: La funzione Attiva integrativa riporta nella sezione dei quadri compilati presente nei "Dati Generali": 0 se sulla Dichiarazione originaria il quadro era valorizzato [N] 1 se sulla Dichiarazione originaria il quadro era valorizzato [S] (Esempio di Modello IRAP Persona Fisica) Modificare manualmente il valore dei campi (con 0, 1, 2, 3) in relazione alle rettifiche effettuate secondo la seguente tabella: Terminato il completamento, eseguire la stampa ministeriale in modalità Reale del Modello IRAP e procedere all invio telematico. Funzione "Cancella Dichiarazione" Scelta FISCALE Gestione Contribuente Utilità CD. Cancella Dichiarazione Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 9 di 13

10 Avvertenza La funzione Cancella dichiarazione (in tutte le opzioni previste) eseguita dal modulo Dichiarazione IRAP, cancella la sola Dichiarazione IRAP. La funzione Cancella dichiarazione (in tutte le opzioni previste) eseguita dai moduli Dichiarazione UNICO, cancella la sola Dichiarazione UNICO e non la Dichiarazione IRAP. A - Cancellazione della Dr. per l anno fiscale Sono possibili due opzioni: Selezionando "A Cancellazione della Dr. in linea e delle DR. salvate vengono cancellate le Dichiarazioni IRAP in linea con le eventuali Integrative o Correttive e la Dichiarazione IRAP Originaria salvata. Selezionando "B Cancellazione della sola Dr. in linea e ripristino dell ultima salvata vengono cancellate le Dichiarazioni IRAP in linea con le eventuali Integrative o Correttive e viene ripristinata la Dichiarazione IRAP Originaria salvata. B - Cancellazione completa della Dr. Vengono cancellate: le Dichiarazioni IRAP in linea, con le eventuali Integrative o Correttive; la Dichiarazione IRAP Originaria; TUTTE le Dichiarazioni IRAP degli anni precedenti presenti in archivio. Avanzamento DR. Complementari Scelta FISCALE Avanzamento Dichiarazioni Complementari Vengono stampate le anagrafiche per le quali sono presenti Dichiarazioni Integrative/Correttive e lo "stato di avanzamento lavori" di queste ultime. Esportazione dichiarazioni/importazioni dichiarazioni Scelta FISCALE Esportazione dichiarazione / 03.Importazione dichiarazione È possibile esportare/importare le Dichiarazioni IRAP. Avvertenza Entrambe le funzioni eseguite dal modulo Dichiarazione IRAP, provvedono all'esportazione/ importazione della sola Dichiarazione IRAP (per le Dichiarazioni Unico, eseguire l'esportazione/importazione dai moduli Dichiarazione UNICO). Funzioni di recupero dati disattivate Quando le tipologie di dichiarazione sono diverse tra Unico e IRAP, per esempio Dichiarazione Unico Ordinaria e Dichiarazione IRAP Integrativa, sono inibite alcune operazioni di recupero dati. Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 10 di 13

11 Dichiarazione IRAP Prospetto "Dati per calcolo acconti" sia Impresa che Professionisti: inibito il Recupero dati" dai quadri F o G / E: Quadro IQ (Persone Fisiche) / Quadro IP (Società di Persone) / Quadro IC (Società di Capitali) / Quadro IE (Enti non Commerciali): inibito il "Prelievo dati" dai quadri d'impresa del Modello Unico e degli Studi di Settore in tutte le sezioni in cui è presente la funzione di recupero dati. Quadro IS / Prospetti vari: inibito il "Prelievo dati" in tutte le sezioni in cui è presente la funzione di recupero. Dichiarazione Modelli Unico Inibite le funzioni: AI Abilita Importi SD Simulata Delega RI Riepilogo Imposte SI Stampa riepilogo Imposte Modello 770 Funzioni "CD Cancella Dichiarazione/Quadri e "CT Cancellazione Totale Scelta FISCALE Gestione dati Modello Utilità DC. CD Cancella Dichiarazione/Quadri - CT Cancellazione Totale Con la funzione "CD. Cancella Dichiarazione/Quadri viene cancellata la sola dichiarazione dell'anno selezionato (di regola l anno in linea 2011), con possibilità di selezionare/deselezionare i singoli quadri. A partire da questo aggiornamento, qualora vengano selezionati tutti i quadri, viene altresì cancellata l anagrafica fiscale del Modello 770 per l anno fiscale in trattamento. Con la funzione "CT. Cancellazione Totale viene cancellata la dichiarazione in tutti gli anni fiscali (dunque sia quella dell anno selezionato che quella degli anni precedenti (anno 2010). Paghe e Stipendi Detassazione La gestione dell'errata applicazione A seguito di alcuni quesiti con la richiesta di chiarimenti circa le somme detassate nei mesi di Gennaio e Febbraio 2011 da ricondurre a Tassazione ordinaria (Circolari 3/E del 14 febbraio e 19/E del 10 Maggio 2011), tramite Assosoftware, l'agenzia delle Entrate comunica che: «i sostituti d imposta effettueranno il versamento della differenza tra l importo dell imposta sostitutiva già versato e l importo effettivamente dovuto in applicazione delle ritenute ordinarie sui redditi di lavoro dipendente, comprensiva di interessi. Nell ipotesi in cui il sostituto d imposta debba provvedere al versamento della differenza, l esposizione dei dati di versamento nel prospetto ST, secondo le regole ordinarie dovrebbe essere il seguente: periodo di riferimento 1/2011 ritenute operate 100 (imposta sostitutiva) data di versamento 16/02/2011 Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 11 di 13

12 periodo di riferimento 2/2011 ritenute operate 100 (imposta sostitutiva) data di versamento 16/03/2011 periodo di riferimento 1/2011 ritenute operate 130 (differenza tra tassazione ordinaria 230 e imposta sostitutiva 100) importo versato (130 + interessi) interessi da calcolare sul differenziale data di versamento 18/07/2011 periodo di riferimento 2/2011 ritenute operate 130 (differenza tra tassazione ordinaria 230 e imposta sostitutiva 100) importo versato (130 + interessi) interessi da calcolare sul differenziale data di versamento 18/07/2011 Inoltre, posto che a fronte di ogni importo versato in F24, deve essere compilato un rigo del prospetto ST, nella fattispecie evidenziata e a fronte di nessuna erogazione detassabile nei periodi di gennaio e febbraio 2011, si fa presente che, nel Quadro ST del Modello 770, con il codice 1053 andrà indicata l imposta sostitutiva e con la previsione di una nuova nota verrà gestito il collegamento tra tale rigo e quello nel quale verrà indicata la maggiore tassazione ordinaria.» A seguito di questa precisazione e a rettifica di quanto riportato nelle Note di rilascio allegate ai precedenti aggiornamenti, riportiamo il flusso operativo per la corretta gestione del quadro versamenti: Gestione Quadro Versamenti Scelta PAGHE Dopo avere eseguito l'elaborazione Versamenti del mese (es. Corresponsione emolumenti 06/2011 -> data versamento 18/07/2011), intervenire nella "Sezione Erario" per scorporare dalle ritenute del Tributo 1001, la differenza d'imposta relativa ai mesi di errata applicazione della detassazione ed apportare le seguenti operazioni: Diminuire nel rigo Tributo "1001" relativo alle ritenute del mese, gli importi nei campi <Ritenute- Debito> (tasto funzione "F7 Suddivisione ritenute" sul campo <Ritenute>) e <Versato> della differenza tra la Tassazione ordinaria e l'imposta sostitutiva (utilizzando i valori sopra indicati come esempio: = 260). Inserire un nuovo rigo Tributo "1001", utilizzando l'apposito tasto funzione [F7] Accodamento rigo, per il versamento del differenziale d'imposta del mese di Gennaio, indicando: nel campo <Tr> il codice tributo "1001" nel campo <Ritenute-Debito> (tasto funzione "F7 Suddivisione ritenute" sul campo <Ritenute>) la differenza d'imposta mese gennaio (nell'esempio 130) nel campo <Versato>, la differenza d'imposta + gli interessi mese gennaio (nell'esempio ,81 = 130,81 dove 0,81 è stato ricavato dalla formula interessi = 130*1,5/100*151/365=0,806 -> 0,81) nel campo <Int.car.Dat.> gli interessi mese gennaio (nell'esempio 0,81) nel campo <Mese riferimento tributo> il mese a cui si riferisce il versamento (nell'esempio 1 gennaio). Ripetere l'operazione per ogni mese nel quale è stata effettuata l'errata applicazione della detassazione (nell'esempio febbraio). <Mese di riferimento tributo>: Il campo <Mese riferimento tributo> è stato introdotto con questo rilascio per consentire l'inserimento del mese di riferimento per i mesi di errata applicazione della detassazione. Questo campo, previsto per i soli tributi della sezione erario, viene valorizzato a zero dalla procedura di elaborazione versamenti; in tal caso il mese di riferimento riportato nella Delega F24 viene automaticamente valorizzato uguale al mese del periodo di riferimento. Nel caso in cui venga rieseguita l'elaborazione Versamenti per la ditta e mese, che sono stati oggetto di modifica, occorre introdurre nuovamente le variazioni in corrispondenza del Tributo Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 12 di 13

13 Nel tabulato "CALCOLO INTERESSI ERRATA DETASSAZIONE", rilasciato con il precedente aggiornamento, il differenziale d'imposta relativo ad ogni mese di errata applicazione della detassazione, è esposto nel rigo "TOTALE DITTA" della colonna "Differenza": Wolters Kluwer Italia Versione Pagina 13 di 13

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Contratti di Solidarietà Difensivi

Contratti di Solidarietà Difensivi Manuale Operativo Contratti di Solidarietà Difensivi (SOL) UR1206125000 Wolters Kluwer Italia S.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Teorema New Gestione condominio

Teorema New Gestione condominio Teorema New Gestione condominio manuale per l'utente 1 Indice Introduzione e condizioni di utilizzo del software La licenza d'uso Supporto tecnico e aggiornamenti I moduli e le versione di Teorema per

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli