L attività di. installazione impianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attività di. installazione impianti"

Transcript

1 L attività di installazione impianti Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento è stata curata da: Massimiliano Palombi in collaborazione con Paolo Carducci e Luisa Petetta ULTIMO AGGIORNAMENTO: 25/09/2009

2 Indice 1. FINALITÀ DELLA NORMATIVA DEFINIZIONE DI ATTIVITA IMPIANTISTICA REQUISITI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI IMPIANTISTICA RAPPORTO RESPONSABILE TECNICO-IMPRESA UFFICI TECNICI INTERNI PROCEDURE COSTITUZIONE DI NUOVA IMPRESA INDIVIDUALE INIZIO INSTALLAZIONE IMPIANTI DA PARTE DI IMPRESA INDIVIDUALE GIÀ ISCRITTA PER ALTRA ATTIVITÀ INIZIO ATTIVITA DA PARTE DI SOCIETÀ SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ CESSAZIONE ATTIVITÀ RIFERIMENTI NORMATIVI...20 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 2

3 1. FINALITÀ DELLA NORMATIVA L attività impiantistica è disciplinata fin dal 1990 (legge 5 marzo 1990, n. 46) al fine di garantire la sicurezza e la realizzazione a regola d arte di installazioni potenzialmente in grado di mettere a repentaglio l incolumità e la salute dei cittadini nonché l integrità del loro patrimonio immobiliare. Il legislatore con la regolamentazione del settore ha inteso riservare l attività di installazione di impianti a imprese dotate dei necessari requisiti di professionalità. Le suddette finalità sono alla base anche della più recente normativa (D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) che, rispetto alla previgente normativa ha un campo di applicazione più ampio e prevede requisiti di professionalità più stringenti per le imprese. 2. DEFINIZIONE DI ATTIVITA IMPIANTISTICA Per attività impiantistica si intende l installazione, la trasformazione, l ampliamento e la straordinaria manutenzione degli impianti di seguito indicati. a) Impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l automazione di porte, cancelli e barriere. Per impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica si intendono i circuiti di alimentazione degli apparecchi utilizzatori dal punto di consegna del distributore fino alle prese a spina (comprese) con esclusione degli equipaggiamenti elettrici delle macchine, degli utensili e degli apparecchi elettrici in genere. b) Impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici in genere. Per impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici in genere si intendono le componenti impiantistiche necessarie alla trasmissione ed alla ricezione dei segnali e dei dati, anche relativi agli impianti di sicurezza, ad installazione fissa alimentati a tensione inferiore a 50 V in corrente alternata e 120 V in corrente continua, mentre le componenti alimentate a tensione superiore, nonché i sistemi di protezione contro le sovratensioni sono da ritenersi appartenenti all impianto elettrico. Ai fini dell autorizzazione, dell installazione e degli ampliamenti degli impianti telefonici e di telecomunicazione interni collegati alla rete pubblica, si applica la normativa specifica vigente. c) Impianti di riscaldamento, climatizzazione, condizionamento, refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali. d) Impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie. e) Impianti per la distribuzione e l utilizzazione dei gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali. Per impianti per la distribuzione e l utilizzazione dei gas si intende l insieme delle tubazioni, dei serbatoi e dei loro accessori, dal punto di consegna del gas, anche in forma liquida, fino agli apparecchi utilizzatori, l installazione ed i collegamenti dei medesimi, le predisposizioni edili e meccaniche per l aerazione e la ventilazione dei locali in cui deve essere installato l impianto, le predisposizioni edili e meccaniche per lo scarico all esterno dei prodotti della combustione. f) Impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili. g) Impianti di protezione antincendio. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 3

4 Per impianti di protezione antincendio si intendono gli impianti di alimentazione di idranti, gli impianti di estinzione di tipo automatico e manuale nonché gli impianti di rilevazione di gas, di fumo e di incendio. Le imprese possono essere abilitate anche limitatamente ad alcune delle attività indicate da ciascuna lettera purché la limitazione sia fatta nell ambito della declaratoria di ogni singola lettera. Gli impianti in questione sono quelli posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d uso, collocati all interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l impianto è connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura. Per punto di consegna della fornitura si intende quello in cui l azienda fornitrice o distributrice rende disponibile all utente l energia elettrica, il gas naturale o diverso, l acqua, ovvero il punto di immissione del combustibile nel deposito collocato, anche mediante comodato, presso l utente. Attività particolari Rientrano nel campo di applicazione della normativa: impianti di autoproduzione di energia elettrica (es. impianti fotovoltaici) fino a 20 kw nominali (lettera a); impianti fotovoltaici che non producono energia elettrica: o per il riscaldamento dell immobile, se comportano interventi sull impianto (lettera c) o per il riscaldamento dell acqua, se comportano interventi sull impianto (lettera d) impianti elettrici per l automazione di porte, cancelli e barriere (lettera a); impianti posti all esterno degli edifici ma collegati, anche solo funzionalmente, agli edifici (es. insegna al neon collegata all impianto dell edificio) (lettera a); gli impianti a GPL con proprio deposito o stoccaggio mobile (bombole) o fisso (bomboloni), il punto di consegna è la bombola bombolone (lettera e); impianti a servizio di delle attività di processo, commerciali e terziarie svolte all interno delle imprese (es. impianti di refrigerazione per supermercati, centrali frigorifere, banchi e celle frigorifere). Non rientrano nel campo di applicazione della normativa gli impianti elettrici di produzione, trasporto, distribuzione dell energia elettrica degli enti distributori sino al punto di consegna; gli impianti elettrici posti totalmente all esterno degli edifici (es. illuminazione pubblica, semafori, cartelloni pubblicitari, elettrificati non collegati all impianto di un edificio); gli impianti a bordo macchina e l equipaggiamento elettrico degli apparecchi utilizzatori; la linea di alimentazione degli impianti di sollevamento di persone o di cose a partire dal punto di consegna dell energia o dal quadro generale dei servizi condominiali compreso l interruttore di protezione della stessa posto all origine (si ritiene di competenza del costruttore dell impianto di sollevamento); la linea di alimentazione dei carri-ponte (blindo trolley), di gru, gru a torre, monorotaie e simili, compreso il relativo interruttore di protezione (si ritiene di competenza del costruttore dell impianto di sollevamento); il quadro di comando e di controllo di centrali termiche, di condizionamento e di centrali idriche e le linee di alimentazione a valle del medesimo; la manutenzione ordinaria degli impianti (per ordinaria manutenzione si intendono gli interventi finalizzati a contenere il degrado normale d uso, nonché a far fronte ad eventi L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 4

5 accidentali che comportano la necessità di primi interventi, che comunque non modificano la struttura dell impianto su cui si interviene o la sua destinazione d uso secondo le prescrizioni previste dalla normativa tecnica vigente e dal libretto di uso e manutenzione del costruttore). Per ascensori e montacarichi in servizio privato la manutenzione è soggetta a specifica normativa. 3. REQUISITI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI IMPIANTISTICA Le imprese sono abilitate all esercizio dell attività impiantistica se hanno determinati requisiti professionali. I requisiti possono essere posseduti dal titolare individuale, dal legale rappresentante o da un responsabile preposto alla gestione tecnica. I requisiti possono essere maturati in quattro modi alternativi. 1) Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta. 2) Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore di attività presso un istituto statale o legalmente riconosciuto + due anni continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d è sufficiente un solo anno di esperienza lavorativa). 3) Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale + quattro continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti due anni di esperienza lavorativa). 4) Esperienza lavorativa di tre anni consecutivi alle dipendenze di una impresa del settore in qualità di operaio installatore specializzato. 5) Collaborazione tecnica continuativa (anche non specializzata) in qualità di titolare, di socio o di collaboratore familiare, di una impresa del settore per sei anni (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti quattro anni di esperienza lavorativa) Le singoli opzioni sono di seguito riportate in dettaglio. 1) Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta. Titolo di studio lett. A lett. B Tipologia di impianti lett. lett. lett. C D E Lauree in materie tecniche Ingegneria SI SI SI SI SI SI SI Architettura SI SI SI SI SI SI SI Fisica SI SI SI SI SI SI SI lett. F lett. G L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 5

6 Scienze nautiche SI SI SI SI SI SI SI Diplomi universitari Ingegneria logistica e della SI NO NO NO NO NO NO produzione Ingegneria delle telecomunicazioni SI SI NO NO NO SI NO Ingegneria meccanica SI NO SI SI SI SI SI Ingegneria elettrica SI NO NO NO NO NO NO Lauree triennali Scienze e tecnologie fisiche SI SI SI SI SI SI SI Ingegneria informatica SI SI NO NO NO NO NO Architettura NO NO SI SI NO SI NO Scienze architettura e ingegneria NO NO SI SI NO SI NO edile Ingegneria civile e ambientale NO NO SI SI NO SI SI Ingegneria industriale SI SI SI SI SI SI SI Titoli di studio espressamente ritenuti non validi per alcuna attività impiantistica Diploma universitario in ingegneria dell ambiente e delle risorse Laurea in scienze delle informazioni Laurea in informatica N.B. L elenco dei titoli di studio idonei, redatto in base alle indicazioni ministeriali e ai pareri del Comitato universitario nazionale non è da considerarsi esaustivo. Informazioni e pareri in merito a titoli di studio non inseriti nella tabella possono essere richiesti alla Camera di commercio di Macerata con richiesta da inviarsi tramite una e.mail all indirizzo 2) Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore di attività presso un istituto statale o legalmente riconosciuto + due anni continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d è sufficiente un solo anno di esperienza lavorativa). Tipologia di impianti Titolo di studio lett. A lett. B lett. C lett. D lett. E lett. F lett. G Diplomi di istruzione tecnica rilasciati da Istituti Tecnici Industriali Elettrotecnica SI SI NO NO NO SI SI Elettronica industriale SI SI NO NO NO SI SI Energia nucleare SI SI NO NO NO SI SI Fisica industriale SI SI SI SI SI SI SI Telecomunicazioni SI SI NO NO N0 SI SI Informatica SI SI NO NO NO SI SI Costruzioni aeronautiche NO NO SI SI SI NO SI Edilizia NO NO SI SI SI NO SI Industria metalmeccanica NO NO SI SI SI NO SI Industria mineraria NO NO SI SI SI NO SI Industria navalmeccanica NO NO SI SI SI NO SI Meccanica NO NO SI SI SI NO SI Meccanica di precisione NO NO SI SI SI NO SI Termotecnica NO NO SI SI SI NO SI Chimica industriale NO NO NO NO SI NO SI Industria tintoria NO NO NO NO SI NO SI Materie plastiche NO NO NO NO SI NO SI Metallurgia NO NO NO NO SI NO SI L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 6

7 Nautica (capitani) NO NO NO NO N0 NO SI Nautica (macchinisti) NO NO SI SI NO NO SI Nautica (costruttori navali) NO NO NO NO NO NO SI Nautica (aspirante direzione NO NO SI SI SI NO NO macchine di navi mercantili) Geometra con frequenza triennale SI SI SI SI SI SI SI della materia impianti Diplomi di maturità professionale (5anni) rilasciati da Istituti Professionali Statali per Industria e Artigianato (IPSIA) Tecnico delle industrie elettriche SI SI NO NO NO SI SI Tecnico delle industrie elettroniche SI SI NO NO NO SI SI Tecnico delle industrie meccaniche NO NO SI SI SI NO SI Tecnico delle ind. mecc. e dell autov. NO NO SI SI SI NO SI Tecnico dei sistemi energetici NO NO SI SI SI NO SI Diplomi di qualifica professionale (3 anni) rilasciati da Istituti Professionali Statali per Industria e Artigianato (IPSIA) Addetto manutenzione elaboratori SI SI NO NO NO SI SI elettronici Installatore di apparecchiature SI SI NO NO NO SI SI elettriche ed elettroniche Operatore delle macchine utensili NO NO SI SI SI NO SI Installatore di impianti NO NO SI SI SI NO SI idro-termo-sanitari Installatore di impianti idraulici e NO NO SI SI SI NO SI termici Montatore e riparatore di apparecchi SI SI NO NO NO SI SI radio-televisivi Installatore di impianti telefonici SI SI NO NO NO SI SI Apparecchiatore elettronico SI SI NO NO NO SI SI Elettricista installatore SI SI NO NO NO SI SI elettromeccanico Operatore elettrico SI SI NO NO NO SI SI Operatore elettronico industriale SI SI NO NO NO SI SI Operatore per telecomunicazioni SI SI NO NO NO SI SI Operatore meccanico NO NO SI SI SI NO SI Operatore termico NO NO SI SI SI NO SI Frigorista NO NO SI SI SI NO SI L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro lavoratore dipendente (anche operaio generico, con esclusione di attività amministrativo-contabili valida la formazione lavoro con riferimento alla qualifica d uscita valido l apprendistato) collaboratore familiare lavorante collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 7

8 abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). L esperienza lavorativa deve essere maturata successivamente al conseguimento del titolo di studio. N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL. **** I periodi di esperienza lavorativa, anche se maturati con un contratto di formazione e lavoro non possono mai sostituire il titolo di studio. **** Per gli impianti di cui alle lettere b,c,d,e,f,g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. **** Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. I 3) Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, + un periodo di inserimento di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti due anni di esperienza lavorativa). L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 8

9 lavoratore dipendente (anche operaio generico, con esclusione di attività amministrativo-contabile valida la formazione lavoro con riferimento alla qualifica d uscita valido l apprendistato i) collaboratore familiare lavorante collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). **** L esperienza lavorativa deve essere maturata successivamente al conseguimento del titolo di studio. N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL **** I periodi di esperienza lavorativa, anche se maturati con un contratto di formazione e lavoro non possono mai sostituire il titolo di studio **** Per gli impianti di cui alle lettere b,c,d,e,f,g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. **** Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. 4) Esperienza professionale specializzata per un periodo non inferiore a tre anni L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 9

10 L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante specializzato di ditta individuale socio lavorante specializzato di società di persone amministratore lavorante specializzato di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro specializzato lavoratore dipendente (operaio installatore con qualifica di specializzato non valido il periodo di apprendistato non valido il periodo come operaio qualificato): OPERAIO SPECIALIZZATO Settore Industria Settore Artigianato IV, V, VI livello IV, III, II BIS collaboratore familiare lavorante specializzato collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL In particolare, nel caso di assenza di titolo di studio l attività prestata deve essere specializzata, anche se prestata dal titolare, dal socio o dall amministratore. Questi ultimi dichiarano nel modello con cui effettuano la denuncia d inizio attività di aver prestato un attività assimilabile a quella svolta dall operaio specializzato. Per gli impianti di cui alle lettere b, c, d, e, f, g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 10

11 I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. 5) Collaborazione tecnica continuativa (anche non specializzata) in qualità di titolare, di socio o di collaboratore familiare, di una impresa del settore per sei anni (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti quattro anni di esperienza lavorativa). L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali collaboratore familiare lavorante 4. RAPPORTO RESPONSABILE TECNICO-IMPRESA Il responsabile tecnico deve avere con l impresa che svolge attività di autoriparazione un rapporto di immedesimazione. Tale rapporto è ritenuto esistente per le seguenti figure: titolare o institore lavorante dell impresa; socio lavorante di società di persone (accomandatario in caso di società in accomandita semplice); amministratore lavorante di società di capitale; lavoratore dipendente (anche part-time); collaboratore familiare; associato in partecipazione con apporto di lavoro; procuratore (dalla procura deve risultare l attribuzione degli specifici poteri legati allo svolgimento dell attività di installazione impianti) prestatore di lavoro somministrato (ex interinale); prestatore di lavoro ripartito. La qualifica di titolare/socio/amministratore lavorante è attestata da iscrizione all INAIL. Forme contrattuali diverse da quelle indicate, possono essere valutate di volta in volta. Al riguardo si consiglia di acquisire preventivamente il parere della Camera di commercio mediante richiesta di un parere da inviare alla casella di posta elettronica NON possono instaurarsi con il responsabile tecnico rapporti di: collaborazione esterna (incarico professionale) lavoro intermittente lavoro a progetto *** INCOMPATIBILITA *** Il responsabile tecnico svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 11

12 Il responsabile tecnico esterno deve essere in esclusivo rapporto professionale con l impresa e non può svolgere altre attività continuative (anche part-time) di lavoro autonomo o dipendente anche se di natura diversa rispetto a quella impiantistica. Tra le attività incompatibili vanno ricomprese anche quelle di amministratore di società, socio con poteri di amministrazione e/o rappresentanza, liquidatore di società e, ovviamente, titolare di impresa individuale. L incompatibilità non vale per l imprenditore con requisiti e per il legale rappresentante legale di società con requisiti. L amministratore con requisiti privo di legale rappresentanza è da considerarsi responsabile tecnico esterno è quindi soggetto alle incompatibilità di cui sopra. Nella tabella seguente vengono riportate, a titolo esemplificativo, alcune situazioni tipo. Non vengono considerate incompatibilità previsti da altre normative ne i requisiti necessari per il riconoscimento della qualifica di impresa artigiana. Titolare di una impresa individuale impiantistica Legale rappresentante di una o più società (anche impiantistiche) AMMESSO Legale rappresentante di più imprese (anche impiantistiche) AMMESSO Titolare di una impresa individuale impiantistica Legale rappresentante di una o più società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Altra attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc Altra attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. Titolare di impresa o amministratore di società (anche non impiantistica) Attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. Socio non amministratore/non rappresentante legale di società (anche impiantistica) AMMESSO AMMESSO NON AMMESSO NON AMMESSO AMMESSO L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 12

13 Amministratore (privo di rappr. legale) con requisiti di società impiantistica Attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. NON AMMESSO 5. UFFICI TECNICI INTERNI Gli uffici tecnici interni sono strutture costituite da risorse umane e strumentali preposte all impiantistica, alla realizzazione degli impianti aziendali ed alla loro manutenzione i cui responsabili posseggono i requisiti tecnico professionali previsti dall art. 4 del Decreto 37/08. Le imprese non installatrici che dispongono di uffici tecnici interni sono autorizzate all installazione, alla trasformazione, all ampliamento e alla manutenzione degli impianti, relativi esclusivamente alle proprie strutture interne e nei limiti della tipologia di lavori per il quali il responsabile possiede i requisiti. Come per le imprese installatrici le imprese operanti in altri settori con struttura tecnica interna hanno diritto al rilascio del certificato camerale da cui risulti il riconoscimento dei requisiti tecnico professionali. A tal fine le imprese non installatrici sono tenute ad iscrivere al Repertorio economico amministrativo il responsabile tecnico preposto alla struttura interna secondo le modalità specificate nella parte seconda. 6. PROCEDURE L attività di installazione impianti, in base a quanto previsto dall art. 3 comma 3) del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37, è soggetta all istituto della dichiarazione d inizio attività come disciplinata dall art. 19 della legge 7 agosto 1990, n L art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 è stato ancora una volta modificato dalla Legge 18/6/2009 n. 69 in vigore dal 4 luglio 2009 e nella sua formulazione attuale prevede unicamente la presentazione di una denuncia di inizio attività - D.I.A (scompare l obbligo di presentare la comunicazione di inizio attività). In considerazione del fatto che l onere di accertare il possesso dei requisiti per lo svolgimento dell attività impiantistica è posto in carico all imprenditore/legale rappresentante in sede di presentazione della D.I.A e che l impresa può immediatamente iniziare l attività si invitano coloro che abbiano dubbi riguardo ai titoli abilitativi (sia dell impresa che del responsabile tecnico) a formulare un preventivo quesito all Ufficio del Registro delle imprese mediante utilizzo della casella postale Si rammenta infatti che le dichiarazioni rese da imprenditori e legali rappresentanti di società vengono poi verificate mediante controllo a campione (o controllo puntuale in caso di fondato motivo) in base alla vigente normativa. N.B. Le imprese artigiane, a norma dell art. 7 del D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558 presentano le denunce alla Commissione provinciale per l artigianato. La competenza dell Ufficio del Registro delle imprese è quindi limitata alle imprese non artigiane. In proposito si rammenta che le imprese con responsabile tecnico diverso dal titolare di impresa individuale e dal socio lavoratore di società sono da considerarsi in ogni caso non artigiane. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 13

14 Si riportano di seguito alcuni casi pratici inerenti l attività di installazione impianti con i relativi adempimenti. La modulistica specifica per l attività di impiantistica (modello DIA/37, allegato A/37, allegato B/37) è scaricabile dal sito web della Camera di commercio di Macerata nella sezione Registro imprese/attività economiche - REA/impiantistica. 6.1 COSTITUZIONE DI NUOVA IMPRESA INDIVIDUALE TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello I1 Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato. Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. cartacea telematica cartacea telematica cartacea telematica Il modello I1 e il modello DIA/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. L allegato B/37 deve essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo con allegazione di un documento di identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Iscrizione impresa individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Iscrizione impresa individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti Marca da bollo da euro su modello I1. Non vanno apposte marche sugli altri modelli. 17,50 euro 27 euro La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrateufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere allegata alla pratica. Nel caso pratica telematica deve essere allegata una scansione della stessa. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 14

15 6.2 INIZIO INSTALLAZIONE IMPIANTI DA PARTE DI IMPRESA INDIVIDUALE GIÀ ISCRITTA PER ALTRA ATTIVITÀ TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello I2 Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. cartacea telematica cartacea telematica cartacea telematica Il modello I2 e il modello DIA/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. L allegato B/37 deve essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo con allegazione di un documento di identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Iscrizione impresa individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Iscrizione impresa individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 27 euro Marca da bollo da euro su modello I2. Non vanno apposte marche sugli altri modelli. 17,50 euro La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrateufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere allegata alla pratica. Nel caso di pratica telematica deve essere allegata una scansione della stessa. 6.3 INIZIO ATTIVITA DA PARTE DI SOCIETÀ TERMINE MODULISTICA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello S5 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 15

16 SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato. Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare.. Denuncia dati REA 30 euro + Integrazione diritti accertamento requisiti per società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 euro Non dovuta La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrate- Ufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere scansionata e allegata alla pratica telematica. 6.4 SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE (senza variazione di categorie di attività esercitata) TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE I L impresa non può restare priva di responsabile tecnico a meno che non cessi o sospenda l attività impiantistica. La data di nomina del nuovo responsabile tecnico deve quindi coincidere con quella di cessazione del vecchio. Il termine per la presentazione della denuncia di sostituzione è di 30 giorni. Modello I2 Allegato A/37 con il quale il titolare prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di univocità del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico Intercalare P di cessazione per il responsabile tecnico sostituito (solo nella pratica telematica) cartacea telematica Il modello I2 e il modello A/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il modello B/37 deve essere firmato in modo autografo dal responsabile tecnico che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare DIRITTI Modificazione ditta individuale 23 euro + L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 16

17 SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA cartacea telematica Non dovuta Non dovuta Integrazione accertamento requisiti Totale diritti 9 euro = 32 euro Modificazione ditta individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti Totale diritti 9 euro = 27 euro 6.5 SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ (senza variazione di categorie di attività esercitata) TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA L impresa non può restare priva di responsabile tecnico a meno che non cessi o sospenda l attività impiantistica. La data di nomina del nuovo responsabile tecnico deve quindi coincidere con quella di cessazione del vecchio. Il termine per la presentazione della denuncia di sostituzione è di 30 giorni. Modello S5 Allegato A/37 con il quale il rappresentante legale prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico Intercalare P di cessazione per il responsabile tecnico sostituito Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal legale rappresentante Modifica dati rea società 30 euro + Integrazione accertamento requisiti società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 Non dovuta Non dovuta eur o 6.6 AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 17

18 L impresa può ovviamente nominare più di un responsabile tecnico per le medesime attività. TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA 30 giorni dalla data di nomina Modello I2 Allegato A/37 con il quale il titolare prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico cartacea telematica cartacea telematica Non dovuta Non dovuta Il modello I2 e il modello A/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il modello B/37 deve essere firmato in modo autografo dal responsabile tecnico che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Modificazione ditta individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Modificazione ditta individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 27 euro 6.7 AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ L impresa può ovviamente nominare più di un responsabile tecnico per le medesime attività. TERMINE MODULISTICA 30 giorni dalla data di nomina Modello S5 Allegato A/37 con il quale il legale rappresentante prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 18

19 SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal legale rappresentante. Modifica dati rea società 30 euro + Integrazione accertamento requisiti società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 Non dovuta Non dovuta eur o 6.8 CESSAZIONE ATTIVITÀ In caso di cessazione attività la normativa non prevede particolari formalità. L impresa dovrà presentare entro 30 giorni dalla data di cessazione la relativa denuncia all Ufficio del Registro delle imprese utilizzando la modulistica del caso (I2/S5). L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 19

20 7. RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Ministero Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n. 37 Legge 5 gennaio 1996, n. 25 art. 6 Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 112 art. 22 D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558 Legge 7 agosto 1990, n. 241 (in particolare art. 19) Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 29 agosto 1990 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 22 giugno 1994 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 1 luglio 1996 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 6 novembre 1997 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 27 marzo 1998, n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 5 dicembre 2000 n Circolare Ministero Attività Produttive del 11 novembre 2003, n Circolare Ministero Attività Produttive del 20 febbraio 2004 n Circolare Ministero Attività Produttive del 22 ottobre 2004 n Circolare Ministero Attività Produttive del 6 aprile 2006 n Circolare Ministero Attività Produttive del 12 settembre 2006 n Circolare Ministero Sviluppo Economico del 18 dicembre 2007 n Parere Consiglio Universitario Nazionale 23 giugno 2006 n Parere Consiglio Universitario Nazionale del 10 ottobre 2006 n Parere Ministero Sviluppo Economico del 24 luglio 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 5 agosto 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 28gosto 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 1 ottobre 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 7 ottobre 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 10 ottobre 2008 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 20

L attività di autoriparazione

L attività di autoriparazione L attività di autoriparazione Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento è stata curata da: Massimiliano Palombi in collaborazione con Paolo Carducci e Luisa Petetta Indice 1. FINALITÀ

Dettagli

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività:

UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE. Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: UFFICIO ALBO IMPRESE ARTIGIANE Istruzioni per la compilazione dei modelli di segnalazione certificata di inizio attività: IMPRESE DI INSTALLAZIONE, AMPLIAMENTO, TRASFORMAZIONE, MANUTENZIONE DI IMPIANTI

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI INIZIO ATTIVITA' INSTALLAZIONE IMPIANTI REV. 2 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' DI INSTALLAZIONE IMPIANTI ( D.M 37/2008- Art. 19 legge 241/1990) Il sottoscritto nato a Prov. Stato il Residente

Dettagli

LM-17 fisica, LM-44 modellistica matematico-fisica per l ingegneria, LM-58 scienze dell universo; laurea in ingegneria aeronautica:

LM-17 fisica, LM-44 modellistica matematico-fisica per l ingegneria, LM-58 scienze dell universo; laurea in ingegneria aeronautica: Appendice TITOLI RICHIESTI PER L ACCESSO AI POSTI PREVISTI PER MURATORE, MECCANICO DI AUTOMEZZI, ELETTRICISTA E IDRAULICO (Art. 2, comma 3 del bando di reclutamento) MURATORE. Possesso dell attestato di

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività: AUTORIPARATORI (L. 122/92) 30/11/2003 1 Premessa La legge 122/92 prevede che coloro che esercitano

Dettagli

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n.

ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n. Il presente modello va trattato esclusivamente con modalità informatiche e compilato negli appositi campi modulo. Terminata la compilazione, il file dovrà essere convertito nel formato standard per la

Dettagli

Legge 46/90. Sommario

Legge 46/90. Sommario Legge 46/90 Sommario Definizione dei requisiti e della procedura per l'abilitazione all'installazione degli impianti. Dichiarazione di conformità. Progettazione impianti. Adeguamento impianti esistenti.

Dettagli

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE

Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE Indicare n. tel. / posta elettronica @. di chi presenta il modello. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CROTONE SCIA (Segnalazione certificata di inizio di attività relativa agli

Dettagli

IMPIANTISTICA (D.M. 37/08) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti

IMPIANTISTICA (D.M. 37/08) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti IMPIANTISTICA (D.M. 37/08) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti marzo 2013 INDICE pag. 1 - TITOLI DI STUDIO E ATTESTATI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ABILITANTI ALL'ESERCIZIO

Dettagli

Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08

Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08 Guida operativa Imprese di installazione di impianti DM 37/08 1. Premessa La mancanza di disposizioni transitorie e l incertezza nel coordinamento di alcune parti del Decreto hanno causato diverse problematicità

Dettagli

IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI

IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI Istruzioni comuni per la presentazione della segnalazione certificata di inizio attività al Registro delle imprese e all Artigianato Attività di installazione soggette

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE 1 (Legge n. 122 del 5.2.1992 D.P.R. N. 558 DEL 14.12.1999)

SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE 1 (Legge n. 122 del 5.2.1992 D.P.R. N. 558 DEL 14.12.1999) SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI AUTORIPARAZIONE 1 (Legge n. 122 del 5.2.1992 D.P.R. N. 558 DEL 14.12.1999) Il sottoscritto (cognome) (nome) nato in ( ) il / / codice fiscale / / / tit./leg. Rappr. dell

Dettagli

Documentazione e modulistica.

Documentazione e modulistica. Registro delle Imprese di Napoli ATTIVITA DI IMPIANTISTICA ( D.M.37/2008 ex Legge 46/1990) Guida per la presentazione della pratica. Documentazione e modulistica. Indice argomenti Sommario 1) Modelli 2)Modalità

Dettagli

GUIDA IMPIANTISTI. Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti

GUIDA IMPIANTISTI. Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti GUIDA IMPIANTISTI (D.M. 37/2008) Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti (Marzo 2014) ALBO IMPRESE ARTIGIANE presso la

Dettagli

GUIDA IMPIANTISTI. Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti

GUIDA IMPIANTISTI. Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti GUIDA IMPIANTISTI (D.M. 37/2008) Istruzioni per l iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane dei soggetti esercenti attività di installazione di impianti (Luglio 2015) ALBO IMPRESE ARTIGIANE presso la

Dettagli

Guida alla conversione dalla Legge 46/90 al DM 37/08 INSTALLATORI DI IMPIANTI

Guida alla conversione dalla Legge 46/90 al DM 37/08 INSTALLATORI DI IMPIANTI Guida alla conversione dalla Legge 46/90 al DM 37/08 INSTALLATORI DI IMPIANTI Versione 1.00 del 01/08/2012 SOMMARIO SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 PRESUPPOSTI... 4 CONVERSIONE AUTOMATICA E CONVERSIONE D UFFICIO...

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE

IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (Legge n. 122 del 05.02.1992) Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane dei soggetti esercenti l attività di autoriparazione (versione del 27 dicembre 2012) IMPRESE

Dettagli

Professione: Installatore Elettrico

Professione: Installatore Elettrico Professione: Installatore Elettrico Su questo numero di Contatto Elettrico introduciamo la rubrica A scuola di..., che dà spazio alle importanti attività di formazione professionale e alle aziende che

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

PRESENTA ai sensi dell art. 19 L. 241/90 e succ. modificazioni

PRESENTA ai sensi dell art. 19 L. 241/90 e succ. modificazioni SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E SANIFICAZIONE (L. 25/1/1994 N. 82; D.M. 7/7/1997 N. 274) al Registro delle Imprese o all Albo delle

Dettagli

L ADEGUAMENTO AI SENSI DEL D.M. 37/08

L ADEGUAMENTO AI SENSI DEL D.M. 37/08 L ADEGUAMENTO AI SENSI DEL D.M. 37/08 E da tempo diffusa l esigenza, manifestata dalle imprese operanti nel settore, che si proceda ad un aggiornamento delle posizioni delle stesse, e quindi delle visure

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11 - quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90.

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. AMBITO DI APPLICAZIONE - ART. 1 Il DM N. 37 del 22/01/2008 trova applicazione negli interventi relativi

Dettagli

ni norm osizion ia di in Dispo gianato e A mercio Indu ustria Artig era di Comm Agricoltura di 2012)

ni norm osizion ia di in Dispo gianato e A mercio Indu ustria Artig era di Comm Agricoltura di 2012) GU UIDA AL A DM M 377/08 Dispo osizion ni norm mativ e in materi m ia di in nstall azionee degli impiaanti al l interrno deegli ed difici: analissi dellee definiizioni e dei requissiti teccnico p professsionaali

Dettagli

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 025-2008 RVARI C&F Milano, 03-11-2008 Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

PARTE INTEGRANTE. Il/La sottoscritto/a. Nato/a il a Prov. [_] Titolare dell impresa individuale. [_] Legale rappresentante della società

PARTE INTEGRANTE. Il/La sottoscritto/a. Nato/a il a Prov. [_] Titolare dell impresa individuale. [_] Legale rappresentante della società ATTIVITA DI DISINFESTAZIONE, DI DERATTIZZAZIONE E DI SANIFICAZIONE (L. 82 DEL 25/01/1994 D.M. 274 DEL 07/07/1997 L. 40/2007) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AI SENSI DELL ART. 22 D.LGS. 112/98,

Dettagli

ni norm osizion ia di in Dispo gianato e A mercio Indu ustria Artig era di Comm Agricoltura di (SETTEMBRE2012)

ni norm osizion ia di in Dispo gianato e A mercio Indu ustria Artig era di Comm Agricoltura di (SETTEMBRE2012) GU UIDA AL A DM M 377/08 Dispo osizion ni norm mativ e in materi m ia di in nstall azionee degli impiaanti al l interrno deegli ed difici: analissi dellee definiizioni e dei requissiti teccnico p professsionaali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane Denuncia inizio attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (L. 25/1/1994 n. 82; D.M. 7/7/1997 n. 274; DPR 14/12/1999 n.558) Allegato alla denuncia di: Iscrizione

Dettagli

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI PREMESSA L'elettricista/installatore d impianti, è una figura professionale che dispone di conoscenze generali di elettrotecnica, disegno di schemi elettrici, impiantistica

Dettagli

Guida operativa: imprese di Autoriparazione

Guida operativa: imprese di Autoriparazione Guida operativa: imprese di Autoriparazione (legge 122/92) REGISTRO DELLE IMPRESE Aggiornamento febbraio 2014 a cura del Dott. Luciano Ciccaglione 1 SOMMARIO Attività soggette alla disciplina dell autoriparazione

Dettagli

TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi)

TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi) TABELLA A - ELENCO TITOLI DI STUDIO ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (come da DPR 75/2013 e smi) ATTENZIONE! I professionisti abilitati devono possedere oltre ad uno dei titoli di studio indicati,

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA DISINFEZIONE DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE - SANIFICAZIONE ******* Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane

IMPRESE DI PULIZIA DISINFEZIONE DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE - SANIFICAZIONE ******* Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane IMPRESE DI PULIZIA DISINFEZIONE DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE - SANIFICAZIONE ******* Istruzioni per l iscrizione nell Albo Imprese Artigiane dei soggetti esercenti l attività di pulizia disinfezione

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Pagina 1 di 6 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Home > Operatori > Gas Domande e risposte Accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Documenti collegati Provvedimenti n. 40/04

Dettagli

TITOLI ABILITANTI ALLA MECCATRONICA

TITOLI ABILITANTI ALLA MECCATRONICA TITOLI ABILITANTI ALLA MECCATRONICA 1 DIPLOMI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO Premessa Si riconoscono idonei per il riconoscimento dell abilitazione alla meccatronica i titoli che precedentemente

Dettagli

IMPIANTISTA TERMO IDRAULICO

IMPIANTISTA TERMO IDRAULICO [16/04/2014] RASSEGNA STAMPA IMPIANTISTA TERMO IDRAULICO Come diventare impiantista termoidraulico il 10 ottobre 2013 Oggi cercheremo di darvi alcuni chiarimenti e suggerimenti sulla professione di impiantista

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

Classificazione delle attività delle imprese di pulizia

Classificazione delle attività delle imprese di pulizia Ambito di applicazione Le imprese che intendono svolgere le attività di impresa di pulizie previste dalla legge n. 82/94, per iscriversi all Albo Imprese Artigiane o al Registro delle Imprese o per aggiungere

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI Al Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti Via Sensales 88100 - Catanzaro presidentescopelliti@regcal.it All Assessore Demetrio Arena Assessorato Attività Produttive demetrio.arena@regical.it

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA

CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI Istruzioni comuni per l iscrizione nel Registro delle imprese dei soggetti esercenti l attività di installazione di impianti all interno

Dettagli

AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999

AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999 AUTORIPARATORI Legge 5 febbraio 1992, n. 122 e D.lgs. 112/98 art. 22 e dall art. 10 del D.P.R. 558/1999 1. IMPRESE AUTORIPARATORI soggette alla L. 122/92: 2. IMPRESE AUTORIPARATORI NON soggette alla L.122/92:

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ. LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92) DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE (legge 122/92) (L. 5.2.1992 n. 122 D.P.R. 18/04/1994 n. 387 L. 05/01/1996 n. 25 L. 26/09/1996 n. 507 Circolare Ministero industria n. 3286/C del

Dettagli

AUTORIPARAZIONE (L. 122/92) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti (aggiornato alla L. 224/12)

AUTORIPARAZIONE (L. 122/92) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti (aggiornato alla L. 224/12) AUTORIPARAZIONE (L. 122/92) Elenco dei titoli di studio e degli attestati di formazione abilitanti (aggiornato alla L. 224/12) marzo 2013 INDICE pag. 1 - TITOLI DI STUDIO E ATTESTATI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI

LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI LEGGI, DECRETI E ORDINANZE PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274.

IMPRESE DI PULIZIA. Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. IMPRESE DI PULIZIA Normativa di riferimento: Legge 25 gennaio 1994 n. 82 e successive modifiche o integrazioni. Decreto 7 luglio 1997 n. 274. Le attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione

Dettagli

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380)

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380) Modello 16-A REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE COMUNE DI GIGNOD Marca da bollo 14,62 EGREGIO SIG. SINDACO Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R.

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) il titolare/legale rappresentante dell impresa con sede in cod. fisc. n. R.E.A. Tel.

Il sottoscritto nato a ( ) il titolare/legale rappresentante dell impresa con sede in cod. fisc. n. R.E.A. Tel. SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITA DI DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E SANIFICAZIONE 1 (Legge n. 82 del 25.01.1994-D.M. n. 274 del 7.7.1997-D.M.n. 439 del 4.10.1999-D.P.R. n. 558 del 14.12.1999-Legge n.

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO:

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO: Schema di Relazione tecnica. DIA SANITARIA per STABILIMENTO O LABORATORIO DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E CONFEZIONAMENTO OD ESERCIZIO COMMERCIALE, NONCHE DEPOSITO DI SOSTANZE ALIMENTARI Lettera a) del quadro

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di MILANO

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di MILANO Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di MILANO Documento n. A CR012346570180001031 estratto dal Registro Imprese in data 11/12/2012 Visura di societa' di persone Denominazione: PROVA

Dettagli

- Antinfortunistica stradale

- Antinfortunistica stradale BUCCINO RAFFAELE Studio: c/o OMNIA s.r.l. P.le Cosimini 13-58100 GROSSETO Tel /Fax 0564-26403 - Cell. 347-3656762 P. IVA: 01467410534 e-mail : rbuccino8@gmail.com DATI ANAGRAFICI Nato a ROMA, il 26/05/1943

Dettagli

La qualificazione degli installatori

La qualificazione degli installatori Decreto Legislativo 28/2011 «Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2008/29/CE sulla promozione dell uso per l energia da fonti rinnovabili» La qualificazione degli installatori

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957

Normativa ministeriale di riferimento:decreto Ministeriale 9 settembre 1957 Esami di Stato professione di Ingegnere Normativa ministeriale di riferimento Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. L'Albo è attualmente diviso in due Sezioni: Sez. A (Ingegnere) Sez. B (Ingegnere

Dettagli

ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA)

ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA) ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA) DITTA INDIVIDUALE Modalità Operative Sommario Modalità semplificata Pag. 2 Iscrizione ditta individuale Albo Imprese Artigiane e Registro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione Visto l'art. 15 della legge

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

ATTIVITA' DI PULIZIE. 3.1. Requisiti di onorabilità: Devono essere posseduti:

ATTIVITA' DI PULIZIE. 3.1. Requisiti di onorabilità: Devono essere posseduti: ATTIVITA' DI PULIZIE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge n. 82 del 25 Gennaio 1994 D.M. 7 luglio 1997, n. 274. D.M. 4 ottobre 1999, n. 439 Art. 7, 8, D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558. D.L. 31.1.2007, n. 7 art.

Dettagli

COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI Costi e adempimenti amministrativi - 39 COSTI E ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI 1. Impresa in un giorno inizio dell attività di mediazione: impresa individuale 43 e società (Già modello base I1 44 / I2 /UL

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.) Sportello Unico dell Edilizia del Comune di GROPPARELLO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.) TITOLARE

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

Guida agli adempimenti per l esercizio dell attività di AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO L. 204/85

Guida agli adempimenti per l esercizio dell attività di AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO L. 204/85 Guida agli adempimenti per l esercizio dell attività di AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO L. 204/85 Versione 1.00 del 11/10/2012 SOMMARIO SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 REQUISITI

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Attestato di Prestazione Energetica (APE): quale tecnico può redigerlo?

Attestato di Prestazione Energetica (APE): quale tecnico può redigerlo? Attestato di Prestazione Energetica (APE): quale tecnico può redigerlo? 16/04/2015 - Non è certamente uno dei mercati professioni più floridi per i professionisti dell'area tecnica, ma una delle domanda

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

GUIDA AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO. Vers. 1.0

GUIDA AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO. Vers. 1.0 GUIDA AGENTE E RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO Vers. 1.0 AVVERTENZE GENERALI... 3 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 DEFINIZIONE... 4 INCOMPATIBILITA... 4 REQUISITI... 5 TITOLI DI STUDIO ABILITANTI E NON ABILITANTI...

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEI PRATICANTI 1. Cosa è necessario per essere iscritto all Albo? Per essere iscritto

Dettagli

CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA

CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA IMPRESE DI INSTALLAZIONE IMPIANTI Istruzioni comuni per l iscrizione nel Registro delle imprese dei soggetti esercenti l attività di installazione di impianti all interno

Dettagli

LA LEGGE 5 MARZO 1990 N.46

LA LEGGE 5 MARZO 1990 N.46 Introduzione La diffusa e conforme applicazione della Legge 5.3.90, n.46, costituisce da sempre uno degli obiettivi strategici dell ANIM CNA. In effetti, a poco più di 11 anni dalla sua promulgazione,

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Comune di Jesi Area Servizi Tecnici Ufficio Controllo del Territorio ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Spazio riservato all'ufficio Pratica

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L APERTURA O IL TRASFERIMENTO DI PUBBLICO ESERCIZIO Marca da bollo 14,62 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Costa Masnaga Il/La sottoscritt nat_ a il prov. cittadinanza

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Dott. Ing. Michele Baleani M. +39 349 2807769 0F. +39 071 7231280 We Plan Ingegneria è costituito da un gruppo di giovani

Dettagli

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ;

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ; Modello di domanda volta ad ottenere il certificato di agibilità pag. 1 Vers. 1/2006 Marca da Bollo 14,62 Spazio per Ufficio Protocollo AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI Provincia di Perugia Confindustria Perugia Confapi Perugia CNA Perugia Confartigianato Perugia Adiconsum Umbria ADOC Umbria ACU

Dettagli

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008 Pagina 1 di 5 L OPUSCOLO HA CARATTERE PURAMENTE INFORMATIVO, POTREBBE CONTENERE ERRORI O ESSERE MANCANTE DI EVENTUALI AGGIORNAMENTI. Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e

Dettagli

Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS

Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS D.Lgs. 81/2008: Gli obblighi dei datori di lavoro, dei progettisti e degli installatori in materia di sicurezza aziendale e relative responsabilità professionali Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata

Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata 6.1 Richiesta certificato di agibilità OGGETTO: Richiesta per ottenere il permesso di Agibilità. Al sig.

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), il / /,

Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), il / /, Enel Servizio Elettrico Servizio di maggior tutela MODULO PER L INOLTRO DELLA RICHIESTA DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA RISERVATA A COLORO CHE UTILIZZANO POMPE DI CALORE ELETTRICHE COME UNICO

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Modifiche e cancellazione dell impresa individuale

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Modifiche e cancellazione dell impresa individuale CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Modifiche e cancellazione dell impresa individuale Guida a cura del Registro delle Imprese di Ancona Per informazioni registro.imprese@an.camcom.it versione 2 del 10 gennaio

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE MODELLI DOCUMENTAZIONE DIRITTI IMPOSTA DI BOLLO Sommario: - 1. Norme di carattere generale. 2. Le domande di iscrizione. 2.1. L iscrizione di

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio

Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio SOPPRESSIONE RUOLO - RECEPIMENTO DIRETTIVA SERVIZI Il decreto legislativo 26.03.2010 n. 59 (recepimento della "direttiva servizi" CE 123/06) ha soppresso

Dettagli