L attività di. installazione impianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attività di. installazione impianti"

Transcript

1 L attività di installazione impianti Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento è stata curata da: Massimiliano Palombi in collaborazione con Paolo Carducci e Luisa Petetta ULTIMO AGGIORNAMENTO: 25/09/2009

2 Indice 1. FINALITÀ DELLA NORMATIVA DEFINIZIONE DI ATTIVITA IMPIANTISTICA REQUISITI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI IMPIANTISTICA RAPPORTO RESPONSABILE TECNICO-IMPRESA UFFICI TECNICI INTERNI PROCEDURE COSTITUZIONE DI NUOVA IMPRESA INDIVIDUALE INIZIO INSTALLAZIONE IMPIANTI DA PARTE DI IMPRESA INDIVIDUALE GIÀ ISCRITTA PER ALTRA ATTIVITÀ INIZIO ATTIVITA DA PARTE DI SOCIETÀ SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ CESSAZIONE ATTIVITÀ RIFERIMENTI NORMATIVI...20 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 2

3 1. FINALITÀ DELLA NORMATIVA L attività impiantistica è disciplinata fin dal 1990 (legge 5 marzo 1990, n. 46) al fine di garantire la sicurezza e la realizzazione a regola d arte di installazioni potenzialmente in grado di mettere a repentaglio l incolumità e la salute dei cittadini nonché l integrità del loro patrimonio immobiliare. Il legislatore con la regolamentazione del settore ha inteso riservare l attività di installazione di impianti a imprese dotate dei necessari requisiti di professionalità. Le suddette finalità sono alla base anche della più recente normativa (D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) che, rispetto alla previgente normativa ha un campo di applicazione più ampio e prevede requisiti di professionalità più stringenti per le imprese. 2. DEFINIZIONE DI ATTIVITA IMPIANTISTICA Per attività impiantistica si intende l installazione, la trasformazione, l ampliamento e la straordinaria manutenzione degli impianti di seguito indicati. a) Impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l automazione di porte, cancelli e barriere. Per impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica si intendono i circuiti di alimentazione degli apparecchi utilizzatori dal punto di consegna del distributore fino alle prese a spina (comprese) con esclusione degli equipaggiamenti elettrici delle macchine, degli utensili e degli apparecchi elettrici in genere. b) Impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici in genere. Per impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici in genere si intendono le componenti impiantistiche necessarie alla trasmissione ed alla ricezione dei segnali e dei dati, anche relativi agli impianti di sicurezza, ad installazione fissa alimentati a tensione inferiore a 50 V in corrente alternata e 120 V in corrente continua, mentre le componenti alimentate a tensione superiore, nonché i sistemi di protezione contro le sovratensioni sono da ritenersi appartenenti all impianto elettrico. Ai fini dell autorizzazione, dell installazione e degli ampliamenti degli impianti telefonici e di telecomunicazione interni collegati alla rete pubblica, si applica la normativa specifica vigente. c) Impianti di riscaldamento, climatizzazione, condizionamento, refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali. d) Impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie. e) Impianti per la distribuzione e l utilizzazione dei gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali. Per impianti per la distribuzione e l utilizzazione dei gas si intende l insieme delle tubazioni, dei serbatoi e dei loro accessori, dal punto di consegna del gas, anche in forma liquida, fino agli apparecchi utilizzatori, l installazione ed i collegamenti dei medesimi, le predisposizioni edili e meccaniche per l aerazione e la ventilazione dei locali in cui deve essere installato l impianto, le predisposizioni edili e meccaniche per lo scarico all esterno dei prodotti della combustione. f) Impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili. g) Impianti di protezione antincendio. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 3

4 Per impianti di protezione antincendio si intendono gli impianti di alimentazione di idranti, gli impianti di estinzione di tipo automatico e manuale nonché gli impianti di rilevazione di gas, di fumo e di incendio. Le imprese possono essere abilitate anche limitatamente ad alcune delle attività indicate da ciascuna lettera purché la limitazione sia fatta nell ambito della declaratoria di ogni singola lettera. Gli impianti in questione sono quelli posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d uso, collocati all interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l impianto è connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura. Per punto di consegna della fornitura si intende quello in cui l azienda fornitrice o distributrice rende disponibile all utente l energia elettrica, il gas naturale o diverso, l acqua, ovvero il punto di immissione del combustibile nel deposito collocato, anche mediante comodato, presso l utente. Attività particolari Rientrano nel campo di applicazione della normativa: impianti di autoproduzione di energia elettrica (es. impianti fotovoltaici) fino a 20 kw nominali (lettera a); impianti fotovoltaici che non producono energia elettrica: o per il riscaldamento dell immobile, se comportano interventi sull impianto (lettera c) o per il riscaldamento dell acqua, se comportano interventi sull impianto (lettera d) impianti elettrici per l automazione di porte, cancelli e barriere (lettera a); impianti posti all esterno degli edifici ma collegati, anche solo funzionalmente, agli edifici (es. insegna al neon collegata all impianto dell edificio) (lettera a); gli impianti a GPL con proprio deposito o stoccaggio mobile (bombole) o fisso (bomboloni), il punto di consegna è la bombola bombolone (lettera e); impianti a servizio di delle attività di processo, commerciali e terziarie svolte all interno delle imprese (es. impianti di refrigerazione per supermercati, centrali frigorifere, banchi e celle frigorifere). Non rientrano nel campo di applicazione della normativa gli impianti elettrici di produzione, trasporto, distribuzione dell energia elettrica degli enti distributori sino al punto di consegna; gli impianti elettrici posti totalmente all esterno degli edifici (es. illuminazione pubblica, semafori, cartelloni pubblicitari, elettrificati non collegati all impianto di un edificio); gli impianti a bordo macchina e l equipaggiamento elettrico degli apparecchi utilizzatori; la linea di alimentazione degli impianti di sollevamento di persone o di cose a partire dal punto di consegna dell energia o dal quadro generale dei servizi condominiali compreso l interruttore di protezione della stessa posto all origine (si ritiene di competenza del costruttore dell impianto di sollevamento); la linea di alimentazione dei carri-ponte (blindo trolley), di gru, gru a torre, monorotaie e simili, compreso il relativo interruttore di protezione (si ritiene di competenza del costruttore dell impianto di sollevamento); il quadro di comando e di controllo di centrali termiche, di condizionamento e di centrali idriche e le linee di alimentazione a valle del medesimo; la manutenzione ordinaria degli impianti (per ordinaria manutenzione si intendono gli interventi finalizzati a contenere il degrado normale d uso, nonché a far fronte ad eventi L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 4

5 accidentali che comportano la necessità di primi interventi, che comunque non modificano la struttura dell impianto su cui si interviene o la sua destinazione d uso secondo le prescrizioni previste dalla normativa tecnica vigente e dal libretto di uso e manutenzione del costruttore). Per ascensori e montacarichi in servizio privato la manutenzione è soggetta a specifica normativa. 3. REQUISITI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI IMPIANTISTICA Le imprese sono abilitate all esercizio dell attività impiantistica se hanno determinati requisiti professionali. I requisiti possono essere posseduti dal titolare individuale, dal legale rappresentante o da un responsabile preposto alla gestione tecnica. I requisiti possono essere maturati in quattro modi alternativi. 1) Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta. 2) Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore di attività presso un istituto statale o legalmente riconosciuto + due anni continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d è sufficiente un solo anno di esperienza lavorativa). 3) Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale + quattro continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti due anni di esperienza lavorativa). 4) Esperienza lavorativa di tre anni consecutivi alle dipendenze di una impresa del settore in qualità di operaio installatore specializzato. 5) Collaborazione tecnica continuativa (anche non specializzata) in qualità di titolare, di socio o di collaboratore familiare, di una impresa del settore per sei anni (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti quattro anni di esperienza lavorativa) Le singoli opzioni sono di seguito riportate in dettaglio. 1) Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta. Titolo di studio lett. A lett. B Tipologia di impianti lett. lett. lett. C D E Lauree in materie tecniche Ingegneria SI SI SI SI SI SI SI Architettura SI SI SI SI SI SI SI Fisica SI SI SI SI SI SI SI lett. F lett. G L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 5

6 Scienze nautiche SI SI SI SI SI SI SI Diplomi universitari Ingegneria logistica e della SI NO NO NO NO NO NO produzione Ingegneria delle telecomunicazioni SI SI NO NO NO SI NO Ingegneria meccanica SI NO SI SI SI SI SI Ingegneria elettrica SI NO NO NO NO NO NO Lauree triennali Scienze e tecnologie fisiche SI SI SI SI SI SI SI Ingegneria informatica SI SI NO NO NO NO NO Architettura NO NO SI SI NO SI NO Scienze architettura e ingegneria NO NO SI SI NO SI NO edile Ingegneria civile e ambientale NO NO SI SI NO SI SI Ingegneria industriale SI SI SI SI SI SI SI Titoli di studio espressamente ritenuti non validi per alcuna attività impiantistica Diploma universitario in ingegneria dell ambiente e delle risorse Laurea in scienze delle informazioni Laurea in informatica N.B. L elenco dei titoli di studio idonei, redatto in base alle indicazioni ministeriali e ai pareri del Comitato universitario nazionale non è da considerarsi esaustivo. Informazioni e pareri in merito a titoli di studio non inseriti nella tabella possono essere richiesti alla Camera di commercio di Macerata con richiesta da inviarsi tramite una e.mail all indirizzo 2) Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore di attività presso un istituto statale o legalmente riconosciuto + due anni continuativi di esperienza lavorativa maturata in una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d è sufficiente un solo anno di esperienza lavorativa). Tipologia di impianti Titolo di studio lett. A lett. B lett. C lett. D lett. E lett. F lett. G Diplomi di istruzione tecnica rilasciati da Istituti Tecnici Industriali Elettrotecnica SI SI NO NO NO SI SI Elettronica industriale SI SI NO NO NO SI SI Energia nucleare SI SI NO NO NO SI SI Fisica industriale SI SI SI SI SI SI SI Telecomunicazioni SI SI NO NO N0 SI SI Informatica SI SI NO NO NO SI SI Costruzioni aeronautiche NO NO SI SI SI NO SI Edilizia NO NO SI SI SI NO SI Industria metalmeccanica NO NO SI SI SI NO SI Industria mineraria NO NO SI SI SI NO SI Industria navalmeccanica NO NO SI SI SI NO SI Meccanica NO NO SI SI SI NO SI Meccanica di precisione NO NO SI SI SI NO SI Termotecnica NO NO SI SI SI NO SI Chimica industriale NO NO NO NO SI NO SI Industria tintoria NO NO NO NO SI NO SI Materie plastiche NO NO NO NO SI NO SI Metallurgia NO NO NO NO SI NO SI L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 6

7 Nautica (capitani) NO NO NO NO N0 NO SI Nautica (macchinisti) NO NO SI SI NO NO SI Nautica (costruttori navali) NO NO NO NO NO NO SI Nautica (aspirante direzione NO NO SI SI SI NO NO macchine di navi mercantili) Geometra con frequenza triennale SI SI SI SI SI SI SI della materia impianti Diplomi di maturità professionale (5anni) rilasciati da Istituti Professionali Statali per Industria e Artigianato (IPSIA) Tecnico delle industrie elettriche SI SI NO NO NO SI SI Tecnico delle industrie elettroniche SI SI NO NO NO SI SI Tecnico delle industrie meccaniche NO NO SI SI SI NO SI Tecnico delle ind. mecc. e dell autov. NO NO SI SI SI NO SI Tecnico dei sistemi energetici NO NO SI SI SI NO SI Diplomi di qualifica professionale (3 anni) rilasciati da Istituti Professionali Statali per Industria e Artigianato (IPSIA) Addetto manutenzione elaboratori SI SI NO NO NO SI SI elettronici Installatore di apparecchiature SI SI NO NO NO SI SI elettriche ed elettroniche Operatore delle macchine utensili NO NO SI SI SI NO SI Installatore di impianti NO NO SI SI SI NO SI idro-termo-sanitari Installatore di impianti idraulici e NO NO SI SI SI NO SI termici Montatore e riparatore di apparecchi SI SI NO NO NO SI SI radio-televisivi Installatore di impianti telefonici SI SI NO NO NO SI SI Apparecchiatore elettronico SI SI NO NO NO SI SI Elettricista installatore SI SI NO NO NO SI SI elettromeccanico Operatore elettrico SI SI NO NO NO SI SI Operatore elettronico industriale SI SI NO NO NO SI SI Operatore per telecomunicazioni SI SI NO NO NO SI SI Operatore meccanico NO NO SI SI SI NO SI Operatore termico NO NO SI SI SI NO SI Frigorista NO NO SI SI SI NO SI L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro lavoratore dipendente (anche operaio generico, con esclusione di attività amministrativo-contabili valida la formazione lavoro con riferimento alla qualifica d uscita valido l apprendistato) collaboratore familiare lavorante collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 7

8 abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). L esperienza lavorativa deve essere maturata successivamente al conseguimento del titolo di studio. N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL. **** I periodi di esperienza lavorativa, anche se maturati con un contratto di formazione e lavoro non possono mai sostituire il titolo di studio. **** Per gli impianti di cui alle lettere b,c,d,e,f,g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. **** Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. I 3) Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, + un periodo di inserimento di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti due anni di esperienza lavorativa). L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 8

9 lavoratore dipendente (anche operaio generico, con esclusione di attività amministrativo-contabile valida la formazione lavoro con riferimento alla qualifica d uscita valido l apprendistato i) collaboratore familiare lavorante collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). **** L esperienza lavorativa deve essere maturata successivamente al conseguimento del titolo di studio. N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL **** I periodi di esperienza lavorativa, anche se maturati con un contratto di formazione e lavoro non possono mai sostituire il titolo di studio **** Per gli impianti di cui alle lettere b,c,d,e,f,g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. **** Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. 4) Esperienza professionale specializzata per un periodo non inferiore a tre anni L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 9

10 L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante specializzato di ditta individuale socio lavorante specializzato di società di persone amministratore lavorante specializzato di società di capitali associato in partecipazione con apporto di lavoro specializzato lavoratore dipendente (operaio installatore con qualifica di specializzato non valido il periodo di apprendistato non valido il periodo come operaio qualificato): OPERAIO SPECIALIZZATO Settore Industria Settore Artigianato IV, V, VI livello IV, III, II BIS collaboratore familiare lavorante specializzato collaboratore coordinato e continuativo/collaboratore a progetto (la fattispecie dovrà essere valutata caso per caso per accertare le mansioni effettivamente svolte durante la collaborazione/progetto); prestatore di lavoro somministrato (già interinale); prestatore di lavoro ripartito; in una impresa esercente le attività impiantistiche per le quali si chiede il riconoscimento dei requisiti (es. l esperienza lavorativa maturata in un impresa abilitata per gli impianti di cui alle lettere c,d,e costituisce requisito per l abilitazione all installazione degli impianti di cui alle lettere c,d,e). N.B. Requisito sostanziale per aver maturato il requisito tecnico è l effettivo esercizio dell attività che potrà essere verificato dall Ufficio del registro delle imprese, anche a campione, presso i competenti istituti assistenziali e previdenziali. In particolare, per titolari di impresa, soci e amministratori di società l attività lavorativa deve essere comprovata da iscrizione all INAIL In particolare, nel caso di assenza di titolo di studio l attività prestata deve essere specializzata, anche se prestata dal titolare, dal socio o dall amministratore. Questi ultimi dichiarano nel modello con cui effettuano la denuncia d inizio attività di aver prestato un attività assimilabile a quella svolta dall operaio specializzato. Per gli impianti di cui alle lettere b, c, d, e, f, g è da considerarsi valida l esperienza lavorativa maturata in imprese operanti nel settore non civile (cioè su immobili ad uso industriale, artigianale, commerciale etc.) e pertanto non abilitate ai sensi della legge 46/90 purché si dimostri il concreto svolgimento dell attività in questione. Per ottenere il riconoscimento dei requisiti necessari all installazione degli impianti di cui alla lettera a) nella sua nuova formulazione (comprensiva di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche e di automazione di porte, cancelli e barriere) può essere presa in considerazione l esperienza lavorativa maturata: - fino al 26 marzo 2008 in imprese abilitate sia per la lettera a) che per la lettera b) - abilitate alla lettera a) dal 27 marzo L esperienza maturata in imprese abilitate alla sola lettera a) fino al 26 marzo 2008 può essere considerata al fine di abilitazioni parziali. **** I periodi lavorativi indicati si intendono a tempo pieno (full-time). L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 10

11 I rapporti di lavoro a tempo parziale (part-time) vengono valutati secondo criteri di proporzionalità. Quindi a titolo esemplificativo, un anno di impiego al 50% equivale a sei mesi di lavoro a tempo pieno. 5) Collaborazione tecnica continuativa (anche non specializzata) in qualità di titolare, di socio o di collaboratore familiare, di una impresa del settore per sei anni (per l attività di installazione di impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie lettera d sono sufficienti quattro anni di esperienza lavorativa). L esperienza lavorativa può essere maturata in qualità di : titolare lavorante di ditta individuale socio lavorante di società di persone amministratore lavorante di società di capitali collaboratore familiare lavorante 4. RAPPORTO RESPONSABILE TECNICO-IMPRESA Il responsabile tecnico deve avere con l impresa che svolge attività di autoriparazione un rapporto di immedesimazione. Tale rapporto è ritenuto esistente per le seguenti figure: titolare o institore lavorante dell impresa; socio lavorante di società di persone (accomandatario in caso di società in accomandita semplice); amministratore lavorante di società di capitale; lavoratore dipendente (anche part-time); collaboratore familiare; associato in partecipazione con apporto di lavoro; procuratore (dalla procura deve risultare l attribuzione degli specifici poteri legati allo svolgimento dell attività di installazione impianti) prestatore di lavoro somministrato (ex interinale); prestatore di lavoro ripartito. La qualifica di titolare/socio/amministratore lavorante è attestata da iscrizione all INAIL. Forme contrattuali diverse da quelle indicate, possono essere valutate di volta in volta. Al riguardo si consiglia di acquisire preventivamente il parere della Camera di commercio mediante richiesta di un parere da inviare alla casella di posta elettronica NON possono instaurarsi con il responsabile tecnico rapporti di: collaborazione esterna (incarico professionale) lavoro intermittente lavoro a progetto *** INCOMPATIBILITA *** Il responsabile tecnico svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 11

12 Il responsabile tecnico esterno deve essere in esclusivo rapporto professionale con l impresa e non può svolgere altre attività continuative (anche part-time) di lavoro autonomo o dipendente anche se di natura diversa rispetto a quella impiantistica. Tra le attività incompatibili vanno ricomprese anche quelle di amministratore di società, socio con poteri di amministrazione e/o rappresentanza, liquidatore di società e, ovviamente, titolare di impresa individuale. L incompatibilità non vale per l imprenditore con requisiti e per il legale rappresentante legale di società con requisiti. L amministratore con requisiti privo di legale rappresentanza è da considerarsi responsabile tecnico esterno è quindi soggetto alle incompatibilità di cui sopra. Nella tabella seguente vengono riportate, a titolo esemplificativo, alcune situazioni tipo. Non vengono considerate incompatibilità previsti da altre normative ne i requisiti necessari per il riconoscimento della qualifica di impresa artigiana. Titolare di una impresa individuale impiantistica Legale rappresentante di una o più società (anche impiantistiche) AMMESSO Legale rappresentante di più imprese (anche impiantistiche) AMMESSO Titolare di una impresa individuale impiantistica Legale rappresentante di una o più società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Responsabile tecnico esterno di una impresa individuale o società impiantistiche Altra attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc Altra attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. Titolare di impresa o amministratore di società (anche non impiantistica) Attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. Socio non amministratore/non rappresentante legale di società (anche impiantistica) AMMESSO AMMESSO NON AMMESSO NON AMMESSO AMMESSO L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 12

13 Amministratore (privo di rappr. legale) con requisiti di società impiantistica Attività professionale o lavoro dipendente o cariche di amministratore, liquidatore etc. NON AMMESSO 5. UFFICI TECNICI INTERNI Gli uffici tecnici interni sono strutture costituite da risorse umane e strumentali preposte all impiantistica, alla realizzazione degli impianti aziendali ed alla loro manutenzione i cui responsabili posseggono i requisiti tecnico professionali previsti dall art. 4 del Decreto 37/08. Le imprese non installatrici che dispongono di uffici tecnici interni sono autorizzate all installazione, alla trasformazione, all ampliamento e alla manutenzione degli impianti, relativi esclusivamente alle proprie strutture interne e nei limiti della tipologia di lavori per il quali il responsabile possiede i requisiti. Come per le imprese installatrici le imprese operanti in altri settori con struttura tecnica interna hanno diritto al rilascio del certificato camerale da cui risulti il riconoscimento dei requisiti tecnico professionali. A tal fine le imprese non installatrici sono tenute ad iscrivere al Repertorio economico amministrativo il responsabile tecnico preposto alla struttura interna secondo le modalità specificate nella parte seconda. 6. PROCEDURE L attività di installazione impianti, in base a quanto previsto dall art. 3 comma 3) del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37, è soggetta all istituto della dichiarazione d inizio attività come disciplinata dall art. 19 della legge 7 agosto 1990, n L art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 è stato ancora una volta modificato dalla Legge 18/6/2009 n. 69 in vigore dal 4 luglio 2009 e nella sua formulazione attuale prevede unicamente la presentazione di una denuncia di inizio attività - D.I.A (scompare l obbligo di presentare la comunicazione di inizio attività). In considerazione del fatto che l onere di accertare il possesso dei requisiti per lo svolgimento dell attività impiantistica è posto in carico all imprenditore/legale rappresentante in sede di presentazione della D.I.A e che l impresa può immediatamente iniziare l attività si invitano coloro che abbiano dubbi riguardo ai titoli abilitativi (sia dell impresa che del responsabile tecnico) a formulare un preventivo quesito all Ufficio del Registro delle imprese mediante utilizzo della casella postale Si rammenta infatti che le dichiarazioni rese da imprenditori e legali rappresentanti di società vengono poi verificate mediante controllo a campione (o controllo puntuale in caso di fondato motivo) in base alla vigente normativa. N.B. Le imprese artigiane, a norma dell art. 7 del D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558 presentano le denunce alla Commissione provinciale per l artigianato. La competenza dell Ufficio del Registro delle imprese è quindi limitata alle imprese non artigiane. In proposito si rammenta che le imprese con responsabile tecnico diverso dal titolare di impresa individuale e dal socio lavoratore di società sono da considerarsi in ogni caso non artigiane. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 13

14 Si riportano di seguito alcuni casi pratici inerenti l attività di installazione impianti con i relativi adempimenti. La modulistica specifica per l attività di impiantistica (modello DIA/37, allegato A/37, allegato B/37) è scaricabile dal sito web della Camera di commercio di Macerata nella sezione Registro imprese/attività economiche - REA/impiantistica. 6.1 COSTITUZIONE DI NUOVA IMPRESA INDIVIDUALE TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello I1 Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato. Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. cartacea telematica cartacea telematica cartacea telematica Il modello I1 e il modello DIA/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. L allegato B/37 deve essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo con allegazione di un documento di identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Iscrizione impresa individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Iscrizione impresa individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti Marca da bollo da euro su modello I1. Non vanno apposte marche sugli altri modelli. 17,50 euro 27 euro La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrateufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere allegata alla pratica. Nel caso pratica telematica deve essere allegata una scansione della stessa. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 14

15 6.2 INIZIO INSTALLAZIONE IMPIANTI DA PARTE DI IMPRESA INDIVIDUALE GIÀ ISCRITTA PER ALTRA ATTIVITÀ TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello I2 Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. cartacea telematica cartacea telematica cartacea telematica Il modello I2 e il modello DIA/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. L allegato B/37 deve essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo con allegazione di un documento di identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Iscrizione impresa individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Iscrizione impresa individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 27 euro Marca da bollo da euro su modello I2. Non vanno apposte marche sugli altri modelli. 17,50 euro La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrateufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere allegata alla pratica. Nel caso di pratica telematica deve essere allegata una scansione della stessa. 6.3 INIZIO ATTIVITA DA PARTE DI SOCIETÀ TERMINE MODULISTICA La dichiarazione d inizio attività va presentata contestualmente all inizio delle attività dichiarate. Modello S5 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 15

16 SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA Modello DIA/37 Nel modello vanno indicati i requisiti per lo svolgimento dell attività. Compilare un allegato A/37 per ogni responsabile tecnico nominato. Allegato B/37 di accettazione per ogni responsabile tecnico. Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello DIA/37 con firma digitale. L allegato B/37 può essere firmato dal responsabile tecnico in modo autografo e scansionato unitamente a un documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare.. Denuncia dati REA 30 euro + Integrazione diritti accertamento requisiti per società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 euro Non dovuta La tassa di concessione governativa (168 euro) deve essere versata sul conto corrente postale n.8003 intestato ad Agenzia delle entrate- Ufficio tasse concessioni governative. L attestazione del versamento deve essere scansionata e allegata alla pratica telematica. 6.4 SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE (senza variazione di categorie di attività esercitata) TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE I L impresa non può restare priva di responsabile tecnico a meno che non cessi o sospenda l attività impiantistica. La data di nomina del nuovo responsabile tecnico deve quindi coincidere con quella di cessazione del vecchio. Il termine per la presentazione della denuncia di sostituzione è di 30 giorni. Modello I2 Allegato A/37 con il quale il titolare prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di univocità del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico Intercalare P di cessazione per il responsabile tecnico sostituito (solo nella pratica telematica) cartacea telematica Il modello I2 e il modello A/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il modello B/37 deve essere firmato in modo autografo dal responsabile tecnico che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare DIRITTI Modificazione ditta individuale 23 euro + L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 16

17 SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA cartacea telematica Non dovuta Non dovuta Integrazione accertamento requisiti Totale diritti 9 euro = 32 euro Modificazione ditta individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti Totale diritti 9 euro = 27 euro 6.5 SOSTITUZIONE RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ (senza variazione di categorie di attività esercitata) TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA L impresa non può restare priva di responsabile tecnico a meno che non cessi o sospenda l attività impiantistica. La data di nomina del nuovo responsabile tecnico deve quindi coincidere con quella di cessazione del vecchio. Il termine per la presentazione della denuncia di sostituzione è di 30 giorni. Modello S5 Allegato A/37 con il quale il rappresentante legale prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico Intercalare P di cessazione per il responsabile tecnico sostituito Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal legale rappresentante Modifica dati rea società 30 euro + Integrazione accertamento requisiti società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 Non dovuta Non dovuta eur o 6.6 AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN IMPRESA INDIVIDUALE L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 17

18 L impresa può ovviamente nominare più di un responsabile tecnico per le medesime attività. TERMINE MODULISTICA SOTTOSCRIZIONE C O S T I DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA 30 giorni dalla data di nomina Modello I2 Allegato A/37 con il quale il titolare prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico cartacea telematica cartacea telematica Non dovuta Non dovuta Il modello I2 e il modello A/37 debbono essere firmati in modo autografo dal titolare che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il modello B/37 deve essere firmato in modo autografo dal responsabile tecnico che allega una copia di un documento d identità in corso di validità. Il titolare sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal titolare. Modificazione ditta individuale 23 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 32 euro Modificazione ditta individuale 18 euro + Integrazione accertamento requisiti 9 euro = Totale diritti 27 euro 6.7 AGGIUNTA DI RESPONSABILE TECNICO IN SOCIETÀ L impresa può ovviamente nominare più di un responsabile tecnico per le medesime attività. TERMINE MODULISTICA 30 giorni dalla data di nomina Modello S5 Allegato A/37 con il quale il legale rappresentante prepone il responsabile tecnico e ne dichiara i requisiti posseduti. Allegato B/37 Il modello contiene la dichiarazione del responsabile tecnico di accettazione dell incarico e di esclusività del rapporto. Intercalare P di nomina per il nuovo responsabile tecnico. L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 18

19 SOTTOSCRIZIONE DIRITTI SEGRETERIA IMPOSTA BOLLO TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA Il rappresentante legale sottoscrive la distinta Fedra e il file contenente la scansione del modello A/37 con firma digitale. Il responsabile tecnico può firmare anche in modo autografo il modello B/37 che dovrà essere poi scansionato unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità in un file firmato digitalmente dal legale rappresentante. Modifica dati rea società 30 euro + Integrazione accertamento requisiti società 15 euro = Totale diritti segreteria 45 Non dovuta Non dovuta eur o 6.8 CESSAZIONE ATTIVITÀ In caso di cessazione attività la normativa non prevede particolari formalità. L impresa dovrà presentare entro 30 giorni dalla data di cessazione la relativa denuncia all Ufficio del Registro delle imprese utilizzando la modulistica del caso (I2/S5). L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 19

20 7. RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Ministero Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n. 37 Legge 5 gennaio 1996, n. 25 art. 6 Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 112 art. 22 D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558 Legge 7 agosto 1990, n. 241 (in particolare art. 19) Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 29 agosto 1990 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 22 giugno 1994 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 1 luglio 1996 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 6 novembre 1997 n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 27 marzo 1998, n Circolare Ministero Industria Commercio Artigianato del 5 dicembre 2000 n Circolare Ministero Attività Produttive del 11 novembre 2003, n Circolare Ministero Attività Produttive del 20 febbraio 2004 n Circolare Ministero Attività Produttive del 22 ottobre 2004 n Circolare Ministero Attività Produttive del 6 aprile 2006 n Circolare Ministero Attività Produttive del 12 settembre 2006 n Circolare Ministero Sviluppo Economico del 18 dicembre 2007 n Parere Consiglio Universitario Nazionale 23 giugno 2006 n Parere Consiglio Universitario Nazionale del 10 ottobre 2006 n Parere Ministero Sviluppo Economico del 24 luglio 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 5 agosto 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 28gosto 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 1 ottobre 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 7 ottobre 2008 Parere Ministero Sviluppo Economico del 10 ottobre 2008 L attività di installazione impianti Camera di Commercio di Macerata 20

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Guida a. versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia

Guida a. versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia Guida a versione: 1.60 data: 26.03.2015 autore: Infocamere collaborazioni: CCIAA di Venezia INDICE 1. La Comunicazione Unica con ComunicaStarweb... 6 1.1 Cos è la Comunicazione Unica... 6 1.1.1 Novità

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli