e dopo il diploma? Le opportunità formative e professionali per i neodiplomati a cura di Donatella Allori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e dopo il diploma? Le opportunità formative e professionali per i neodiplomati a cura di Donatella Allori"

Transcript

1 e dopo il diploma? Le opportunità formative e professionali per i neodiplomati a cura di Donatella Allori

2 Indice Presentazione 1. Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla 2. Le opportunità formative dopo il diploma 2.1 La formazione professionale: cosa, dove, come, quando. La formazione a distanza Progetto TRIO 2.2 IFTS: cosa, dove, come, quando L Università: cosa è cambiato e cosa cambia ancora (laurea triennale, specialistica, classi di laurea, corsi di laurea, CFU, requisiti di accesso, corsi professionalizzanti a finanziamento regionale, ecc...). Corsi universitari nel Circondario 2.4 Sistema dell alta formazione artistica e musicale (Accademie, Istituti superiori di studi musicali e coreutici, Scuole Superiori post diploma, Istituti superiori ISIA ecc.. ) 3. L inserimento nel mondo del lavoro dopo il diploma 3.1 I servizi per l impiego e le politiche attive per il lavoro 3.2 Come attivare la ricerca: i canali e le strategie 3.3 Strumenti per la ricerca: CV e lettera di accompagnamento 3.4 La riforma del mercato del lavoro 4. Internet per orientarsi 5. Sportelli informativi pag. 3 pag. 5 pag. 11 pag. 11 pag. 16 pag. 20 pag. 27 pag. 32 pag. 37 pag. 39 pag. 45 pag. 53 pag. 55 pag. 58 Aggiornamento ottobre 2011

3 2

4 Presentazione Lo sviluppo personale e sociale dell individuo passa attraverso le scelte e la capacità di progettare il percorso personale per la costruzione della propria identità. A sostegno dei processi decisionali e di elaborazione di progetti personali diviene strategica l informazione, intesa come capacità di cogliere le opportunità del contesto di riferimento, e la capacità di orientarsi come sviluppo dell autonomia/responsabilizzazione dell individuo. In quest ottica si sviluppano le attività di orientamento sui Centri per l Impiego, finanziate dal Circondario Empolese Valdelsa con le risorse del Fondo Sociale Europeo, che prevedono, tra l altro seminari di informazione e orientamento rivolti ai ragazzi e alle ragazze delle ultime classi delle scuole superiori. I seminari, proposti dai Servizi per l impiego e organizzati in stretta collaborazione con gli insegnanti referenti per l orientamento degli istituti superiori del Circondario Empolese Valdelsa, affrontano diverse tematiche quali le opportunità offerte dall istruzione e dalla formazione, l approccio al mondo del lavoro, i servizi offerti dai Centri per l impiego, nell ottica comune di informare e orientare i ragazzi e le ragazze che si trovano ad affrontare la costruzione del proprio percorso formativo e professionale dopo il conseguimento del diploma. Dall esigenza di organizzare in maniera sistematica e integrata una serie di informazioni che provengono da ambiti diversi (formazione, università, lavoro) 3

5 ma che risultano essenziali per impostare una scelta consapevole, è nata l idea di questa pubblicazione. La guida, a cura della Dott.ssa Donatella Allori, consulente di orientamento e referente per le attività seminariali con le scuole, dopo aver descritto lo scenario di riferimento, illustra le opportunità formative post diploma e le modalità di inserimento nel mondo del lavoro. Rappresenta una sorta di vademecum che accompagna e aiuta il lettore nella progettazione del proprio percorso formativo e/o professionale. Naturalmente è possibile raccogliere ulteriori e più approfondite informazioni rivolgendosi direttamente agli sportelli dei servizi per l impiego, alle università e alle agenzie formative. La guida può rappresentare un utile strumento anche per insegnanti, operatori e tutti coloro che operano nel campo dell orientamento e della formazione. La Responsabile dell Ufficio Politiche del Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa Dott.ssa Silvia Meoli 4

6 1. Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla Dopo il diploma di scuola superiore conviene proseguire gli studi oppure è meglio cercare lavoro? Se decido di proseguire gli studi quale corso di laurea conviene scegliere? Se il percorso universitario mi sembra troppo impegnativo cos altro posso scegliere? Come fare per cercare un lavoro? Sono le domande più ricorrenti che si pongono gli studenti che terminano la scuola superiore. Certo, oggi, affrontare la transizione post diploma può apparire più complicato, alla luce di una maggiore complessità delle modalità di inserimento nel mercato del lavoro. Ma la complicazione si riduce molto se parti con il piede giusto e cerchi di dare una meta al tuo futuro ponendoti la domanda: che obiettivo voglio raggiungere e come lo posso raggiungere? La risposta richiede che tu conosca prima di tutto te stesso e il mondo che ti circonda con le sue dinamiche e le sue regole, le opportunità che ti offre. Schematizzando, perché tu possa affrontare in modo consapevole la scelta è necessario: conoscere in generale tutte le opportunità che hai a disposizione dopo il diploma conoscere cosa puoi scegliere tenendo conto del tuo percorso formativo, ma anche delle tue capacità, inclinazioni, attitudini e interessi (che puoi aver scoperto non coincidere completamente con il tuo percorso formativo) conoscere che cosa puoi scegliere considerando quello che può esserti realmente offerto (vale a dire l offerta formativa e di lavoro) conoscere quali sono i tuoi margini di manovra a partire dalla concreta situazione in cui ti trovi (famiglia, condizioni economiche, residenza ) Le prospettive dopo il diploma Dovresti avere abbastanza chiare le opportunità a tua disposizione: - cercare subito un lavoro - seguire una formazione professionale post diploma per inserirti in modo più qualificato nel mondo del lavoro Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla 5

7 - iscriverti all Università o in una delle Accademie o altri Istituti Superiori di livello universitario. Su ciascuna di queste diverse prospettive torneremo in modo puntuale nei capitoli seguenti, adesso vorremmo fornirti qualche elemento più generale di riflessione. Sicuramente hai discusso anche a scuola della crisi economica che ha investito negli ultimi anni la gran parte dei paesi occidentali e il nostro paese tra questi. Avrai letto di come i giovani risultino i più colpiti dalla crisi occupazionale. Il tasso di disoccupazione giovanile si avvicina al 20% nell area OCSE ed è poco al di sotto del 30% in Italia. Far fronte alla disoccupazione è difficile per tutti. Ma per i giovani poco qualificati e in particolare per quelli che hanno lasciato la scuola senza qualifiche, riuscire a trovare lavoro o conservarlo per un lungo periodo è ancora più complicato. Un diploma, una specializzazione, una laurea continuano ad essere buoni investimenti per il futuro. Non è difficile comprendere questo: una delle caratteristiche salienti dell epoca attuale è il ruolo cruciale che nella nuova organizzazione sociale vanno assumendo i processi di apprendimento come strumento di crescita dello sviluppo personale e dell occupabilità (cioè della possibilità di trovare e mantenere un lavoro). Ciò non significa che tutti devono frequentare l università (non è la strada più opportuna per tanti ruoli professionali) ma che tutti devono prevedere momenti ricorrenti di formazione (formale e informale) durante tutto l arco della propria vita. La scuola ti ha dato le basi per essere soggetto attivo nella società della conoscenza: ora sta a te scegliere, a seconda dell obiettivo che vuoi raggiungere, come alimentare l acquisizione di competenze necessarie per svolgere una data professione. Se decidi per l inserimento lavorativo Può apparire la scelta più lineare e ovvia per chi ha un diploma tecnico e professionale ma non sempre è facile inserirsi direttamente e in modo qualificato nel mondo delle aziende specializzate e del terziario. Sul nostro territorio esiste tuttora una richiesta di diplomati da parte delle piccole e medie imprese, sia del settore industriale che in quello dei servizi: in particolare di addetti alla contabilità, di personale di segreteria, di periti tecnici industriali. Complice la crisi, non raramente le offerte più ricorrenti sono però relative a piccoli lavori saltuari e mal retribuiti. 6 Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla

8 La maggior parte dei primi lavori dei diplomati non passa attraverso la forma del lavoro dipendente ma attraverso collaborazioni occasionali o collaborazioni a progetto.. o attraverso lavoro non regolare. Anche quando si tratta di lavoro subordinato, nella grande maggioranza dei casi, si tratta di lavoro a termine e quindi privo delle garanzie tipiche del lavoro dipendente. Ha poco senso avere nostalgia per i tempi del posto fisso, semplicemente perché quei tempi sono superati, è un dato di fatto; nessuno ti garantirà in futuro un lavoro, nessun sindacato o raccomandazione, se non la tua capacità di essere professionalmente utile a qualcuno. Per questo, anche se pensi all inserimento immediato al lavoro, non perdere occasioni per accrescere le tue competenze, valorizzando l apprendimento che puoi acquisire dal lavoro o da occasioni di formazione esterna appositamente pensate per chi lavora. Per approfondire la tematica della ricerca di lavoro vedi il capitolo 3 L inserimento nel mondo del lavoro dopo il diploma. Se decidi per l università.. Al termine della scuola superiore la maggior parte dei diplomati oggi sceglie questa via, anche se non sa dire bene il perché e non ne è convinta fino in fondo. Alcuni, non sapendo bene cosa fare, preferiscono provare e parcheggiano un po di tempo all università; altri pensano al pezzo di carta o a far contenti i genitori, ma senza troppa convinzione e motivazione; altri vedono nell università la possibilità di raggiungere posizioni di prestigio sociale e ben retribuite, senza fare i conti che per arrivare a quelle c è molto da studiare e da attendere. altri, infine, - e questo si può valere la pena - si iscrivono all università perché la ritengono un importante occasione per formarsi sia umanamente che professionalmente, a contatto con un ambiente culturalmente stimolante, un investimento teso ad acquisire un metodo di studio e di lavoro che potrà sfociare nella professione desiderata. Dispiace ricordare che l università italiana ha il più basso numero di laureati d Europa, perché quasi la metà degli iscritti non consegue il titolo di studio e solo una piccola parte lo consegue nei tempi legali del corso Al cattivo orientamento di coloro che scelgono questa strada senza valutare seriamente la propria motivazione verso lo studio, le proprie capacità e l interesse ad approfondimenti disciplinari specifici, si è sommato il malfunzionamento dell Università italiana: difficoltà organizzative e strutturali degli Atenei, mancanza di risorse, la poca flessibilità dei corsi di laurea, percorsi esageratamente lunghi e impegnativi, poco confronto e sinergia tra università Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla 7

9 e mondo del lavoro. A queste criticità ha cercato di rispondere il Decreto Ministeriale n.509 del 3 novembre1999 che ha riformato l Università italiana, avvicinandola al modello organizzativo europeo e il successivo Decreto Ministeriale n.270 del 22 ottobre 2004 che ha previsto alcuni aggiustamenti al primo decreto. Adesso l università è investita da una nuova ondata di cambiamenti, soprattutto dal punto di vista del riassetto organizzativo e alcune novità saranno in vigore dall anno accademico Per approfondire il tema dell università vedi la sezione specifica all interno del capitolo 2 Le opportunità formative dopo il diploma. Se decidi per la formazione professionale.. Negli ultimi anni si è andata rafforzando l offerta formativa di corsi professionali rivolti a diplomati e un numero via via più ampio di giovani vi si rivolge per acquisire, in tempi abbastanza contenuti, competenze operative su profili professionali specifici, facilitando così l inserimento al lavoro. La formazione professionale (corsi di qualifica o di specializzazione, corsi IFTS Istruzione e Formazione Tecnico Superiore) può rappresentare una buona opportunità se non ti senti pronto per l inserimento lavorativo, se hai un diploma liceale e hai bisogno di acquisire una formazione più mirata, se hai un diploma tecnico o professionale ma non ti interessano le attività coerenti con quel titolo e vuoi spostarti su un altro settore. Soprattutto la formazione finanziata (cioè gratuita per i partecipanti) può essere un opportunità di crescita umana e professionale per coloro che non possono permettersi percorsi onerosi in termini economici. Naturalmente la formazione professionale non sostituisce l Università e non può darti quello che potrebbe darti l Università; è semplicemente un altra opportunità che hai a disposizione nella scelta post diploma e che, a seconda delle tue caratteristiche e dell obiettivo che decidi di perseguire, potrebbe rispondere meglio dell università ai tuoi bisogni. Per approfondire il tema della formazione professionale vedi la sezione specifica all interno del capitolo 2 Le opportunità formative dopo il diploma. Decalogo per studenti neo diplomati.. Nei capitoli che seguono cerchiamo di fornire le informazioni essenziali affinché tu possa acquisire gli elementi per impostare una scelta. Sappiamo che la guida non potrà in ogni caso rispondere a tutte le domande che ti passeranno per 8 Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla

10 la testa: per approfondire alcuni aspetti non sufficientemente trattati dovrai rivolgerti, a seconda delle necessità, o alle singole Facoltà, o ad Agenzie formative o ad aziende. Abbiamo già accennato nelle prime pagine alla necessità che la scelta parta da te, da ciò che vorrai diventare, da ciò che ti senti in grado di sostenere; dovresti sforzarti di definire un obiettivo provando a rispondere a queste domande: Qual è la spendibilità sul mercato del lavoro delle cose che so fare e del mio titolo di studio? Che voglia ho di continuare a studiare e qual è il grado di successo che ho conseguito finora negli studi? I risultati migliori si ottengono nelle aree professionali di interesse. In quali settori vorrei lavorare? Quali attività mi sento più portato a fare? Una delle difficoltà che possono incontrare le persone appena diplomate nello scegliere un obiettivo è la scarsa conoscenza del mondo delle professioni. Se si conoscono poche professioni la nostra ricerca di lavoro e le nostre scelte di formazione rischiano di rimanere limitate. In questi casi sono molto utili i repertori professionali, guide che presentano aree e profili professionali, che puoi trovare in formato cartaceo (in consultazione negli spazi di accoglienza dei CPI e in libreria) o in internet. Qui segnaliamo il repertorio messo a punto da ISFOL che puoi consultare digitando l indirizzo Nel capitolo 4 Internet per orientarsi troverai altre indicazioni. Ricordati: per condividere alcuni dubbi e avere un sostegno al tuo processo decisionale puoi utilizzare i servizi di orientamento disponibili, gratuitamente, sui Centri per l Impiego. In chiusura di questa prima parte ti proponiamo un breve decalogo, alcune regole che possono aiutarti a dare ordine al tuo processo decisionale e a fare, ti auguriamo, scelte di successo. Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla 9

11 Decalogo per il neodiplomato evita di compiere scelte dettate dal caso: parti da una riflessione sui tuoi interessi, aspirazioni, abilità e definisci un tuo progetto professionale (può prevedere continuare a studiare o attivare da subito una ricerca di lavoro in un certo settore o prevedere un po di formazione) scegli di fare qualcosa che ti piace e cerca di farla molto bene se decidi di continuare a studiare dopo il diploma: raccogli informazioni sui corsi di laurea ma anche sulle altre opportunità formative possibili qualsiasi strada tu scelga, cura le lingue e l uso del computer; approfitta delle varie opportunità di mobilità giovanile per passare un po di tempo all estero amplia la conoscenza del mondo delle professioni consultando guide, materiali sulle aree professionali e cerca strategie di avvicinamento al mondo del lavoro anche mentre stai studiando se scegli di cercare lavoro: informati su come attivare al meglio la ricerca, per evitare errori che possono demoralizzare valuta opportunità di stage o tirocini per acquisire quelle sperienza che spesso viene richiesta quando ti presenti per un posto di lavoro frequenta i Centri per l Impiego e gli sportelli di orientamento: trovi operatori disponibili a sostenerti nella definizione delle tue scelte 10 Lo scenario: la complessità della scelta, come affrontarla

12 2. Le opportunità formative dopo il diploma 2.1 La formazione professionale post diploma: cosa, dove, come, quando Tra le opportunità che puoi prendere in considerazione per integrare le tue conoscenze scolastiche, o per acquisire nuove conoscenze e competenze in ambiti diversi rispetto al tuo indirizzo di studio, vi sono i corsi di formazione professionale. La formazione professionale post diploma è finalizzata a facilitare l inserimento al lavoro e prevede una preparazione di tipo operativo raggiunta anche attraverso momenti significativi di stage in azienda. E programmata a livello territoriale (la Regione Toscana ha delegato la programmazione alle Province, per il territorio empolese al Circondario E/V) per rispondere ai fabbisogni formativi del sistema produttivo ed economico. Rappresenta per questo uno dei principali strumenti per lo sviluppo delle politiche attive del lavoro. Non rilascia diplomi ma attestati di qualifica o di specializzazione professionale validi per inserirsi nel mondo del lavoro. I corsi di formazione professionale coprono quasi tutti i settori del sistema produttivo (artigianato artistico, amministrazione, informatica e nuove tecnologie, turismo, cultura, elettrotecnica, servizi alla persona, moda, edilizia, sociale...). Per farti capire, citiamo alcuni corsi post diploma svolti nel Circondario E/V e in provincia di Firenze nel e alcuni previsti per il 2012 (al momento in cui scriviamo la programmazione deve completarsi). Tecnico delle attività di installazione, configurazione, collaudo, manutenzione e riparazione di sistemi di telecomunicazioni Tecnico della Progettazione ed Elaborazione di Sistemi di Risparmio Energetico Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Tecnico della realizzazione di elaborati grafici attraverso l uso di strumenti informatici e programmi CAD Tecnico della ripresa e del montaggio per la realizzazione di programmi video Tecnico di elaborazione del materiale editoriale stampa e multimedia Tecnico della progettazione di mobili e complementi di arredamento Tecnico dell ideazione, progettazione, modellazione di manufatti orafi La gran parte dei corsi di formazione viene finanziata con il Fondo Sociale Europeo (FSE, sigla che ricorre spesso nelle schede informative dei corsi) che costituisce uno degli elementi fondamentali della politica economica e sociale Le opportunità formative dopo il diploma 11

13 dell Unione Europea. I corsi finanziati hanno costo zero per i partecipanti ma prevedono sempre un numero chiuso (mediamente 15 partecipanti) e quindi una selezione. Oltre ai corsi gratuiti puoi trovare anche tanti corsi privati a pagamento, spesso in settori non coperti dall offerta pubblica o dove l offerta pubblica è insufficiente rispetto alla domanda. Alcuni di questi corsi sono buoni, altri meno buoni, altri ancora possono essere vere e proprie fregature. Considera che le amministrazioni pubbliche possono avere dei finanziamenti (voucher per formazione individuale) da erogare a coloro che intendono frequentare corsi a pagamento per migliorare le proprie possibilità di inserimento lavorativo (per informazioni rivolgiti ai Centri per l Impiego) Prima di iscriverti e pagare un corso è opportuno che tu verifichi: se prevede al termine una certificazione di competenze o il conseguimento di una qualifica riconosciuta se prevede uno stage e se sono già state individuate le aziende ospitanti se il corpo docente è composto da professionalità del settore che tipo di requisiti di accesso richiede: se per un corso di animatore turistico non viene richiesta la buona conoscenza di almeno una lingua straniera c è da insospettirsi. Il rapporto ore di lezione costo. Ci sono corsi posizionati sui fine settimana che durano sì 5-6 mesi per un totale di ore però ridicolo rispetto al costo! Se, nonostante questi suggerimenti mantieni delle perplessità, rivolgiti ai Centri per l Impiego: personale esperto può aiutarti ad avere informazioni corrette... dove e quando Una delle caratteristiche della formazione professionale è che, a differenza della scuola e dell università, non ha sedi stabili e corsi che si ripetono tutti gli anni con inizio definito in una parte precisa dell anno. I corsi possono svolgersi presso le sedi delle agenzie formative che li organizzano. Sul nostro territorio molta formazione è proposta dall Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa e i suoi corsi, nella parte di aula, si tengono presso la sede di via delle Fiascaie ad Empoli (per maggiori informazioni visita il sito web: www. asev.it ) Le stesse scuole superiori sono sedi di corsi di formazione professionale. 12 Le opportunità formative dopo il diploma

14 Gran parte degli istituti superiori del Circondario sono accreditati come agenzie formative e possono organizzare (da soli o con altri partner) corsi di formazione post diploma. Così ad esempio l Istituto E.Fermi e l Istituto Ferraris- Brunelleschi di Empoli, l Istituto A.Checchi di Fucecchio, l Istituto F.Enriques di Castelfiorentino. Più semplicemente, a volte, possono mettere a disposizione i loro locali per corsi organizzati da altre agenzie. Relativamente ai tempi di partenza dei corsi esiste molta flessibilità. I corsi sono programmati annualmente ma non è detto che i corsi approvati e finanziati partano tutti all inizio dell anno. Vi possono essere dei corsi che iniziano a gennaio, altri a marzo, altri a giugno o settembre. Per informare il pubblico dell organizzazione e partenza di un certo corso le agenzie formative utilizzano diversi canali di pubblicizzazione: da spazi sui quotidiani locali a manifesti affissi su spazi pubblici, passaggi radio, presentazione sui loro siti web. In ogni caso, il miglior suggerimento che possiamo darti affinché tu possa sempre essere aggiornato sulle opportunità offerte, è quello di frequentare i punti di accoglienza e informazione dei Centri per l Impiego. Lì, infatti, arrivano tutte le comunicazioni e i materiali informativi relativi ai corsi del territorio, delle province toscane e, a volte, anche di corsi fuori regione. Operatori del Centro predispongono e aggiornano continuamente fascicoli, disponibili per la consultazione, che riportano i corsi di formazione finanziati (gratuiti) divisi per province, e i corsi a pagamento divisi per settori. come Al momento in cui hai individuato un corso che ti interessa devi capire se e come puoi partecipare. Esistono dei requisiti di accesso che devi conoscere e valutare leggendo l informativa che pubblicizza il corso. In genere, per i corsi finanziati vi sono requisiti precisi: se sono corsi post diploma, il titolo è necessario ma potrebbe non essere sufficiente. Assieme al titolo può essere richiesto lo stato di inoccupazione o disoccupazione (e allora devi esserti iscritto al Centro per l Impiego e aver fatto la dichiarazione di immediata disponibilità alla formazione e al lavoro - D.Lgs 181/00. Gli stessi corsi a pagamento possono richiedere requisiti specifici per la partecipazione; di solito però sono meno stringenti (a volte totalmente assenti e questo deve insospettire ) Verificato il possesso dei requisiti richiesti devi compilare la domanda di partecipazione e consegnarla (o spedirla) all agenzia formativa che gestisce il progetto, entro la scadenza prevista. Le opportunità formative dopo il diploma 13

15 Se le domande sono superiori ai posti disponibili viene fatta una selezione che spesso consiste nella verifica di alcune conoscenze ritenute propedeutiche alla frequenza del corso (spesso viene proposto un test con quesiti a risposta multipla) e nella verifica della motivazione alla partecipazione al corso (colloquio motivazionale). In ogni caso le modalità di selezione sono anticipate sulla scheda informativa del corso. I corsi di formazione professionale sono articolati con una parte di aula, certe volte di laboratori, e con uno stage aziendale. I corsi che rilasciano qualifica regionale mediamente vanno dalle 600 alle 900 ore; i corsi di specializzazione e quelli che certificano competenze possono variare dalle 200 ore in su. La frequenza è obbligatoria, non è possibile fare assenze superiori al 30% pena l esclusione dall esame finale. A seconda dell organizzazione del corso può esserti richiesto un impegno di 4-5 ore la giorno o anche un impegno pieno (7-8 ore) per 4-5 giorni a settimana. I corsi che non rilasciano qualifica o attestato di specializzazione possono prevedere ugualmente una prova finale di verifica e un attestazione degli apprendimenti acquisiti. Di nuovo, per maggiori informazioni puoi rivolgerti ai punti di accoglienza e informazione dei Centri per l Impiego. Formazione a distanza Progetto TRIO Una possibilità di formazione gratuita alla quale puoi accedere con semplicità è quella promossa dal Progetto TRIO, progetto di Teleformazione finanziato dalla Regione Toscana tramite il Fondo Sociale Europeo. Obiettivo del progetto è quello di fornire a numerose categorie di destinatari (occupati, disoccupati, studenti, imprese, agenzie formative, scuole ) occasioni di formazione e di acquisizione di competenze professionali. Utilizzando il proprio computer con collegamento internet, o utilizzando i computer di un polo di teleformazione, hai la possibilità di seguire corsi di informatica, di lingua, di marketing, in materia di ambiente e sicurezza, di comunicazione e tanti altri. Presso la struttura che ospita il Centro per l Impiego in via delle Fiascaie a Empoli e presso la struttura che ospita il Centro per l Impiego in via Tilli a Castelfiorentino sono collocati due poli di teleformazione. Puoi rivolgerti lì per avere maggiori informazioni sul progetto e sulle modalità di partecipazione ai corsi; puoi utilizzare, con ampia scelta di orario, una delle postazioni di lavoro (PC multimediali) per lo svolgimento di sessioni di auto apprendimento o per lezioni in videoconferenza. Per maggiori informazioni visita il portale di teleformazione all indirizzo www. progettotrio.it. 14 Le opportunità formative dopo il diploma

16 ESEMPIO DI INFORMATIVA RELATIVA A UN CORSO SVOLTO SUL CIRCONDARIO 2010 Circondario Empolese Valdelsa Circondario Empolese Valdelsa Il corso di formazione è finanziato da Circondario Empolese Valdelsa con le risorse del FSE nel quadro del P.O.R. Obiettivo Il corso di formazione è finanziato da Circondario Empolese Valdelsa con le risorse del FSE nel quadro del P.O.R. Obiettivo FSE. Investiamo nel vostro futuro Corso di formazione G R AT U I T O FSE. Investiamo nel vostro futuro Corso di formazione G R AT U I T O corso di QUALIFICA corso di FOR.TEL Tecnico delle attività di installazione, configurazione, collaudo, manutenzione e riparazione di sistemi di telecomunicazioni corso di QUALIFICA corso di PROMO-TUR Empolese Valdelsa Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "G. FERRARIS / F. BRUNELLESCHI" obiettivo sviluppo obiettivo sviluppo Ag. accreditata R. T. n. FI0228 Le opportunità formative dopo il diploma 15

17 2.2. Istruzione e Formazione Tecnico Superiore (IFTS): cosa, dove, come, quando I corsi IFTS sono un opportunità ancora poco conosciuta dai giovani in uscita dalla scuola superiore. Sono stati istituiti dall art.69 della Legge 144/99 con la finalità di costruire un nuovo canale per la specializzazione tecnica superiore dei giovani e degli adulti, occupati e non occupati, e hanno tre obiettivi generali: accelerare l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro riqualificare chi è già in possesso di un esperienza lavorativa articolare e potenziare il sistema di formazione professionale superiore (oltre all università), secondo gli indirizzi dell Unione Europea, in modo da sviluppare un canale parallelo e in raccordo con percorsi universitari. I corsi IFTS si basano sull integrazione tra università, scuole superiori, agenzie formative e aziende che congiuntamente partecipano alla progettazione e organizzazione dei corsi. I corsi sono programmati, secondo standard nazionali, da ciascuna Regione, sulla base di fabbisogni di professionalità espresse dalle imprese locali. Sono le Regioni che, dopo un esame finale, sono incaricate di rilasciare un certificato di specializzazione valido su tutto il territorio nazionale e anche in Europa. I corsi IFTS hanno una durata variabile da 800 a 1000 ore, sono strutturati per moduli e UFC (Unità Formative Capitalizzabili), il che consente ai partecipanti eventuali entrate ed uscite personalizzate durante il percorso, sulla base delle competenze possedute e/o delle esigenze formative. Questo canale formativo post-secondario presuppone un sistema integrato di certificazione, valido sia per la prosecuzione dell iter formativo nel canale universitario, grazie al riconoscimento dei crediti formativi da parte dell Università, sia per il riconoscimento di qualifiche professionali da parte delle Regioni. Nell attestato finale sono elencate le conoscenze e le competenze acquisite nonché i crediti formativi, poiché un punto di particolare innovazione è rappresentato dalla possibilità di riconoscimento a livello europeo delle competenze acquisite, ai fini della mobilità lavorativa e di ulteriori esperienze formative. Per farti capire, segnaliamo alcuni corsi IFTS proposti negli ultimi anni nel Circondario E/V e nelle Province circostanti 16 Le opportunità formative dopo il diploma

18 Tecnico superiore per il disegno e la progettazione industriale Tecnico superiore per la produzione Tecnico superiore il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti Tecnico superiore per lo sviluppo software:programmatore di applicazioni web Tecnico superiore per l innovazione di processi e prodotti meccanici Tecnico per l assistenza alla direzione di strutture ricettive Tecnico superiore per la progettazione e l applicazione dei sistemi domotici Tecnico superiore per le telecomunicazioni I corsi sono finanziati con risorse FSE, del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero Lavoro e delle Politiche Sociali e sono gratuiti per i partecipanti; possono anche prevedere rimborsi spese e piccole indennità giornaliere per i partecipanti.. dove e quando Come per i corsi di formazione professionale, anche per gli IFTS non esistono sedi stabili e partenze regolari in un preciso periodo dell anno. Per quanto riguarda le sedi di svolgimento spesso sono utilizzate le aule e i laboratori della scuola o dell agenzia formativa che partecipano al progetto, per lo stage prima di tutto sono coinvolte le imprese che, evidenziando il bisogno di formare certe professionalità, hanno promosso e condiviso il progetto. Il piano regionale dei corsi IFTS viene approvato annualmente ma i corsi possono partire in tempi più o meno rapidi rispetto all avvenuto finanziamento: come per i corsi di formazione puoi trovare corsi che partono in primavera, o all inizio dell estate o in autunno. La programmazione della Regione Toscana per i prossimi due anni ( ) dovrebbe prevedere partenza dei corsi in autunno. Per essere aggiornato sui corsi approvati in Toscana puoi visionare il sito della Regione all indirizzo istruzione_ricerca/visualizza_asset.html_ html ; per quelli approvati nelle altre parti di Italia fai riferimento al sito php e ai siti delle singole Regioni. In generale, nei siti regionali trovi elenchi di corsi approvati ma non informazioni dettagliate sui singoli corsi. Per queste devi consultare le schede informative Le opportunità formative dopo il diploma 17

19 che, come per i corsi di formazione, vengono predisposte per pubblicizzare l iniziativa e raccogliere adesioni. Anche in questo caso, rivolgendoti ai punti di accoglienza e informazione dei Centri per l Impiego puoi controllare la disponibilità di corsi IFTS e i tempi per presentare domanda.. come Anche i corsi IFTS prevedono un numero massimo di partecipanti (mediamente 20) e, se le domande superano i posti disponibili viene effettuata una selezione, tendente a valutare se il livello di conoscenze e competenze iniziali è adeguato al corso che vuoi frequentare e la tua motivazione alla frequenza. I corsi hanno una durata che va dalle 800 alle 1000 ore in caso lo stage sia previsto all estero. I corsi sono articolati in lezioni teoriche, pratiche e attività di laboratorio. Per legge, almeno il 30% delle ore totali deve essere dedicato a stage formativi nelle aziende (in Italia o all estero). Anche per gli IFTS la frequenza è obbligatoria, non è possibile fare assenze superiori al 20% ; se possiedi già alcune competenze, acquisite attraverso altri percorsi formativi o lavorativi puoi chiedere un riconoscimento di crediti e ridurre le ore di frequenza. A seconda dell organizzazione del corso può esserti richiesto un impegno di 4-5 ore la giorno o anche un impegno pieno (7-8 ore) per 4-5 giorni a settimana. Al termine del corso ottieni il certificato di specializzazione valido su tutto il territorio nazionale superando un esame che si compone di un colloquio individuale (saranno valutate le conoscenze culturali e professionali da te acquisite, richiamata la valutazione ottenuta nello stage e analizzata una tua relazione nella quale presenti le riflessioni sul percorso formativo svolto) e una prova di simulazione (intende accertare l acquisizione operativa delle conoscenze e competenze. 18 Le opportunità formative dopo il diploma

20 Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regione Toscana e dopo il diploma? Corso IFTS REGIONE TOSCANA Tecnico superiore per l'amministrazione economico finanziaria ed il controllo di gestione Circondario Empolese Valdelsa Il corso di formazione è finanziato dal Circondario Empolese Valdelsa con le risorse del Fondo Sociale Europeo nel quadro del P.O.R. Obiettivo con determina Dirigenziale n. 163/2011 UROGEST obiettivo sviluppo POR FSE Partner Università degli Studi di Firenze Istituto Statale di Istruzione Superiore Federigo Enriques 20 partecipanti di cui 10 donne dicembre gennaio 2013 GRATUITO 800 ore di cui 280 di stage frequenza obbligatoria Scadenza iscrizioni 15 dicembre 2011 Istituto Superiore Statale Enrico Fermi Studio Associato Peruzzi Triggiani Dani Le opportunità formative dopo il diploma 19

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

la strada della Istruzione Artistica

la strada della Istruzione Artistica la strada della Istruzione Artistica Come viverci senza problemi... In questo percorso è necessario essere disponibili ad andare a scuola per un monte ore settimanale di circa 40 ore, per cui è probabile

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

LA FORMAZIONE POST-DIPLOMA

LA FORMAZIONE POST-DIPLOMA LA FORMAZIONE POST-DIPLOMA Il conseguimento del diploma di Scuola Secondaria Superiore (o Scuola Media Superiore), rappresenta una tappa molto importante, adesso hai varie opportunità tra le quali scegliere

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE I corsi di formazione professionale permettono di integrare le conoscenze scolastiche o di acquisire nuove conoscenze e competenze in ambiti diversi dall indirizzo di studio

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi Prot. n. 1002 /D1 Bando per l ammissione al corso biennale di Diploma Accademico di secondo livello in DESIGN DEI SISTEMI Anno Accademico 2011/2012 (Delibera n. 217 del Consiglio Accademico del 30.06.11)

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010

I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari A.A. 2009/2010 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per la Didattica e le Attività Post Lauream SENATO DEL 28/09/2009 I test di valutazione/ammissione ai corsi triennali e a ciclo unico dell Ateneo di Cagliari

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore?

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Agenda L Università oggi Cosa fare, come muoversi? Cosa si studia in Cattolica I perché di una scelta L orientamento in Cattolica L università oggi E dopo la scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA Scuola superiore Laurea (3 anni) Master I Livello Laurea Magistrale (2 anni) Master II Livello Specializzazione Dott. Ricerca Mondo del lavoro Università degli Studi di

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE I Licei Gli istituti tecnici Gli istituti professionali Offerta formativa più ricca per aumentare

Dettagli

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS)

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS) PUNTO INFORMAGIOVANI Villa Carcina (BS) La normativa italiana Prevede per tutti i ragazzi/e: - l obbligo di istruzione per almeno 10 anni, cioè fino a 16 anni di età, - il diritto-dovere all istruzione

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

La scuola italiana. Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare?

La scuola italiana. Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare? La scuola italiana Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare? Obbligo scolastico In Italia è obbligatorio frequentare la scuola sino al compimento del sedicesimo anno d età (16 anni). Obbligo Formativo

Dettagli

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni

Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Formazione tecnico-scientifica e lavoro: l'esperienza dei giovani Il punto di vista di 1460 giovani tra i 15 e i 29 anni Obiettivo Indagare il ruolo e l importanza della formazione tecnico-scientifica

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari D i s c i p l i n a C o r s i d i l a u r e a m a g i s t r a l i Art. 1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi dei corsi

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/14 Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 18 giugno 2013 INDICE >OFFERTA FORMATIVA< TEST E PROVE DI ACCESSO IMMATRICOLAZIONI

Dettagli

GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA

GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA GUIDA AI TEST PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IL NUMERO PROGRAMMATO numero massimo di studenti che un Corso di Laurea intende immatricolare Nell anno accademico 2014/2015 tutti i Corsi di Laurea e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Anno accademico 11/ L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Il Ministro dellistruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dellistruzione, dell Università e della Ricerca Allegato C Numerosità studenti Tabella 1 Numerosità minime, massime e di per gruppi di classi di laurea e laurea magistrale Corsi di laurea A 50 75 10 B 100 150 20 C 180 230 36 D 250 300 50 Corsi di laurea

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato 1-bis Requisiti minimi - docenza di ruolo I requisiti minimi di docenza di ruolo sono stabiliti in relazione ai criteri, appresso indicati, sulla base dei documenti del Comitato doc. 17/01, doc.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO MULTIMODALE PER LA DIDATTICA L UNIVERSITÀ SEDI OFFERTA FORMATIVA TUTOR ASSISTENZA TECNICA DIDATTICA PRIMA DELL ISCRIZIONE

SISTEMA INTEGRATO MULTIMODALE PER LA DIDATTICA L UNIVERSITÀ SEDI OFFERTA FORMATIVA TUTOR ASSISTENZA TECNICA DIDATTICA PRIMA DELL ISCRIZIONE L UNIVERSITÀ L Università degli Studi Guglielmo Marconi, riconosciuta con D.M. 1 marzo 2004, è la prima Università aperta (Open University) che unisce metodologie di formazione a distanza con le attività

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO. Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO. Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria A cura della Prof.ssa Paola Giacone Giacobbe a.s. 2010-2011 Il Sistema

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA E FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI I LIVELLO IN ECONOMIA

Dettagli

M a s t e r d i P r i m o L i v e l l o a p p r o v a t o c o n n o t a M U R - A F A M p r o t. 4 3 9 d e l 4 l u g l i o 2 0 0 6

M a s t e r d i P r i m o L i v e l l o a p p r o v a t o c o n n o t a M U R - A F A M p r o t. 4 3 9 d e l 4 l u g l i o 2 0 0 6 Regione Puglia I s t i t u t o d i A l t a F o r m a z i o n e M u s i c a l e e A r t i s t i c a CON IL CONTRIBUTO DEL FSE, DELLO STATO E DELLA REGIONE PUGLIA POR PUGLIA 2000-2006 Ob.1 Mis. 3.7 Formazione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE Allegato D CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE INDIRIZZO DI LAUREA MACROAREA ASSEGNATA LM-1 ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA LM-2 ARCHEOLOGIA LM-3 ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO LM-4

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE Indice Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia A.L.E.F.... 2 Dipartimento di Bioscienze...

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria)

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2008 2009 Codice Corso di Studio: 10805 Art. 1 Per l anno

Dettagli

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento

Docenti La docenza dei corsi è affidata a personale qualificato così come previsto dalla normativa di riferimento L Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa spa si è affermata in questi anni come soggetto in grado di dare risposta ai bisogni di formazione, consulenza e innovazione provenienti dal tessuto economico

Dettagli

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013 INDICE OFFERTA FORMATIVA... 2 CORSI AD ACCESSO PROGRAMMATO... 3 VERIFICA DELLA PREPARAZIONE INIZIALE... 7 INIZIO DELLE LEZIONI... 8 1 OFFERTA FORMATIVA 1) Mi sono appena diplomato. A quali corsi potrei

Dettagli

ECONOMIA E MANAGEMENT

ECONOMIA E MANAGEMENT CORSO DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2015 / 2016 COSA STAI CERCANDO? LUIGI MARENGO DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Le solide basi teoriche, la vocazione internazionale e l orientamento in parte specialistico dal

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015-201 Denominazione del Corso di Studio Scienze della Formazione Primaria Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA Tavola 1 Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA 1 Indirizzo medico e odontoiatrico 2 3 6 7 Indirizzo farmaceutico Indirizzo sanitario tecnico,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE Testo aggiornato al 10 ottobre 2012 Decreto ministeriale 11 novembre 2011 Gazzetta Ufficiale 22 febbraio 2012, n. 44 Equiparazione dei diplomi delle scuole dirette a fini speciali, istituite ai sensi del

Dettagli

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici ITALIA I DESCRIZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO 1. Popolazione educativa e lingua di istruzione Nell anno scolastico 2005-2006, il totale degli studenti, a tutti i livelli scolastici, è stato di 7.714.557,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 19/ 8 DEL 9.5.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 19/ 8 DEL 9.5.2007 19/ 8 9.5.2007 Oggetto: POR 2000-2006. Programma Master and Back. Linee di indirizzo per i nuovi bandi annualità 2006 e 2007. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Riteniamo questa una grande opportunità da diffondere, come informativa, ai vostri iscritti potenzialmente interessati.

Riteniamo questa una grande opportunità da diffondere, come informativa, ai vostri iscritti potenzialmente interessati. Spett.le Libersind Conf. Sal, Via Virgilio Melandri, 72 Roma Roma 18/09/2012 Spett.le Libersind, la presente per informarvi, in qualità di Partner Elidea, dell opportunità di BORSE DI STUDIO A COPERTURA

Dettagli

Classi di Laurea avvantaggiati e svantaggiati dalle numerosità previste nel DM 893/2014 (Costi Standard)

Classi di Laurea avvantaggiati e svantaggiati dalle numerosità previste nel DM 893/2014 (Costi Standard) Classi di Laurea avvantaggiati e svantaggiati dalle numerosità previste nel DM 893/2014 (Costi Standard) Numerosità massima immatricolati Costi Standard Numerosità massima immatricolati AVA Sconto L-22

Dettagli

I percorsi formativi del Politecnico

I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico I percorsi formativi del Politecnico Questa parte della Guida descrive l offerta formativa del Politecnico di Torino per l a.a. 2005-2006. L attivazione delle diverse

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

4.1 Novità e caratteristiche

4.1 Novità e caratteristiche 34 4.1 Novità e caratteristiche Gli istituti professionali fanno parte a pieno titolo del sistema di istruzione assieme ai licei e agli istituti tecnici e si distinguono nettamente da questi ultimi, perché

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media

Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo, del cinema e dei media (LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Nel nostro Paese si è legati ancora ad un modello culturale che tende spesso a contrapporre il sapere al saper fare, la conoscenza teorica alle competenze tecniche e pratiche,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli