DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP)"

Transcript

1 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP) Studentessa/Studente:... Insegnante di tirocinio:... Docente esaminatrice/tore:... Esperta/Esperto:... Data dell esame:... Dipartimento della formazione professionale pratica 3. anno di formazione ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

2 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Prüfet alles, behaltet das Gute, und wenn etwas Besseres in euch selber gereift, so setztet es zu dem, was ich euch in diesen Bogen in Wahrheit und Liebe zu geben versuchte, in Wahrheit und Liebe hinzu. Johann Heinrich Pestalozzi, Schwanengesang 1825 ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

3 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Sommario 1. Condizioni quadro Luogo e data dell esame Contenuto dell esame e ampiezza Docenti esaminatori ed esperti Svolgimento dell esame Prima dell esame Esame Dopo l esame Annotazioni Valutazione Disposizioni Criteri di valutazione Qualifica complessiva Annotazioni... 5 Appendice: strumenti... 6 Protocollo sullo svolgimento... 6 Scheda di valutazione Progettazione scritta Scheda di valutazione Svolgimento dell insegnamento Scheda di valutazione Colloquio Valutazione della mezza giornata d esame Voto di diploma nella formazione pratica professionale Promemoria per le esperte e gli esperti ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

4 1. Condizioni quadro 1.1 Luogo e orario dell esame L esame ha luogo nel quadro del tirocinio Autonomia nella realtà professionale quotidiana al rispettivo livello destinatario. La data dell esame come pure il nome del o della docente esaminante vengono resi noti agli studenti/alle studentesse prima delle vacanze primaverili. Previo accordo tra le studentesse e gli studenti con le/i docenti esaminanti e le/gli insegnanti di tirocinio vengono concordati in modo definitivo gli orari delle lezioni della mezza giornata di esame al più tardi una settimana prima dell'inizio del tirocinio 1.2 Contenuto dell esame e ampiezza L esame nella formazione di pratica professionale dà modo agli studenti/alle studentesse di certificare le proprie competenze nella progettazione e nello svolgimento dell insegnamento come pure nella riflessione sullo stesso. Vengono verificate le competenze a livello didattico-metodologico e quelle riferite alla materia; oggetto d esame sono pure l operato pedagogico e la capacità di riflessione supportata dalla teoria. Si parte dal presupposto che le studentesse e gli studenti mettano in risalto quanto hanno avuto occasione di apprendere nel corso dei tre anni di formazione. Indirizzo di studio scuola dell infanzia (SI): Nel corso dell esame gli studenti/le studentesse mettono in pratica un unità didattica coerente composta da una sequenza guidata in cui sia presente l'approfondimento a livello individuale e una sequenza libera della durata di 2-2 ½ ore. A conclusione della fase di insegnamento si dispone di 20 minuti per la riflessione individuale circa l insegnamento svolto. In seguito lo studente/la studentessa presenta, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, la riflessione fondata sulla teoria. Indirizzo di studio scuola elementare (SE): L esame consiste di tre lezioni consecutive. Almeno una lezione deve provenire dalle aree di studio della prima lingua o della matematica. Sono consentite anche doppie lezioni. Nel corso della mezza giornata degli esami andrebbe evitato che venga tenuta due volte la stessa lezione o che non venga effettuata più di una lezione con la semiclasse. A conclusione della fase di insegnamento si hanno 20 minuti per la riflessione individuale sull insegnamento svolto. In seguito lo studente/la studentessa presenta, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, la riflessione fondata sulla teoria. 1.3 Docenti esaminatori ed esperti Le docenti ed i docenti attivi alla ASPGR fungono da docenti esaminanti. Gli insegnanti e le insegnanti di tirocinio assumono la funzione di esperti (cfr. promemoria in appendice). ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 4

5 2. Svolgimento dell esame 2.1 Prima dell esame Le studentesse/gli studenti consegnano alla/al docente esaminante una copia della loro progettazione di massima del tirocinio. Scadenza per la consegna: entro il primo giorno di tirocinio (timbro postale). Le progettazioni inviate in ritardo non hanno diritto a punti. SE: un analisi delle premesse, due progettazioni di massima con lo schema delle prospettive, inclusa l analisi della materia, relative a due settori disciplinari/aree di studio, e per gli altri settori disciplinari un corrispondente sommario della progettazione (secondo le indicazioni della Didattica generale, si veda l allegato allo schema delle prospettive) Per l insegnamento in pluriclassi valgono le medesime direttive. Al fine di limitare ragionevolmente l impegno di pianificazione si prega di badare nella misura del possibile affinché si lavori allo stesso soggetto e i compiti vengano differenziati. Insegnanti di tirocinio e docenti esaminanti avranno comprensione se eventualmente le pianificazioni nelle pluriclassi risultassero un po meno circostanziate. In linea di principio le studentesse e gli studenti praticheranno l insegnamento in tutte le discipline. Nelle discipline in cui non si è avuto un approfondimento (in modo particolare in educazione fisica e nelle attività creative e tecniche) l insegnante di tirocinio è tenuto ad essere presente per motivi di sicurezza e per ragioni assicurative ed è responsabile per la classe. SI: un'analisi delle premesse, un'analisi dell'unità didattica tematica con lo schema delle prospettive secondo W. Klafki e tre progettazioni settimanali. 30 minuti prima dell inizio dell esame, le matrici didattiche in forma scritta devono essere pronte e a disposizione dei/delle docenti esaminanti e delle/degli esperti (SE: schema della progettazione con tutti i materiali corrispondenti / SI: progettazione della mezza giornata (senza sequenza guidate e libera), progettazione dettagliata della sequenza guidata con approfondimento a livello individuale e progettazione dettagliata della sequenza libera). Gli studenti/le studentesse hanno l opportunità, per un tempo massimo di 10 minuti, di fornire agli esaminatori/alle esaminatrici spiegazioni supplementari sulle lezioni. Tutti i lavori scritti relativi alla progettazione dell insegnamento vengono redatti al computer. Le matrici didattiche devono essere spedite elettronicamente ai/alle docenti esaminanti entro le ore 22 della sera precedente l esame. 2.2 Esame L insegnamento viene svolto nel rispetto delle condizioni locali (rituali, organizzazione degli intervalli, ecc.). 2.3 Dopo l esame Alla fine della lezione, agli studenti/alle studentesse vengono accordati 20 minuti per effettuare una riflessione. In seguito gli studenti/le studentesse presentano, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, i punti rilevanti ai fini di una completa riflessione sull insegnamento attestando in questo modo la loro competenza nella riflessione (cfr. anche p. 9). L'esperto/l'esperta partecipa al colloquio e redige un protocollo. Una volta definito il voto, viene comunicato a voce agli studenti/alle studentesse se la loro prestazione è sufficiente o insufficiente. Non viene comunicato il voto dell'esame! I/Le docenti esaminanti della ASPGR nonché gli esperti e le esperte (insegnanti di tirocinio) non sono legittimati a rendere noto il voto agli studenti. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 5

6 2.4 Annotazioni Indirizzo di studio scuola dell infanzia: Nel caso di orario a blocchi l insegnante di tirocinio deve organizzare la conclusione della mezza giornata d esame in funzione della situazione in modo tale che sia garantita una presenza per i bambini e che il colloquio possa tenersi in un locale separato. L'insegnamento può aver luogo anche dalle ore 9.30 (circa) fino all'orario di chiusura facendo seguire successivamente il colloquio. Indirizzo di studio scuola elementare: Se l esame di diploma ha luogo in mattinata, l insegnante di tirocinio provvede ad una soluzione ragionevole per la quarta lezione. Per il pomeriggio la fase di riflessione ha luogo a conclusione delle lezioni. 3. Valutazione 3.1 Disposizioni Gli esami di diploma per le studentesse e gli studenti sono conformi all Ordinanza sulle formazioni e sugli esami del 14 agosto Criteri di valutazione La valutazione della mezza giornata d esame si compone di tre parti: progettazione dell insegnamento, svolgimento e riflessione dell'insegnamento; allo svolgimento viene assegnato un valore doppio (cfr. rispettive schede di valutazione in appendice). Nella valutazione delle singole competenze è possibile l assegnazione di mezzi punti. 3.3 Qualifica complessiva Ai sensi dell art. 26 dell Ordinanza sulle formazioni e sugli esami del 14 agosto 2007, risultano due giudizi per il tirocinio: a) la valutazione finale da parte del docente di tirocinio, in base alle prescrizioni per il tirocinio di diploma; b) la valutazione della mezza giornata d esame da parte di un/una docente dell ASP. Affinché il tirocinio di diploma venga convalidato, la media non arrotondata del voto di tirocinio e della mezza giornata d esame deve corrispondere almeno a un 4.0. In caso di mancato successo del tirocinio di diploma, questo può essere ripetuto una volta presso un'altra sede di tirocinio. Il calcolo del voto di diploma è effettuato dal reparto della FPP in seguito alla consegna da parte del/della docente esaminante del giudizio della mezza giornata d esame e dopo aver ricevuto la scheda di verifica degli obiettivi compilata dall insegnante di tirocinio. In caso di insufficienze vengono consultati l insegnante di tirocinio e il/la docente esaminante. 3.4 Annotazioni Indirizzo di studio scuola dell infanzia: Nella scuola dell infanzia il/la docente esaminante redige un protocollo sulla sequenza guidata, sull'approfondimento a livello individuale e sulla sequenza libera. Indirizzo di studio scuola elementare: Nella scuola elementare le lezioni vengono protocollate singolarmente da parte del/della docente esaminante. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 6

7 Appendice: strumenti Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 7

8 Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 8

9 Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 9

10 Scheda di valutazione Progettazione scritta Competenza Commento Punti Progettazione di massima: La studentessa/lo studente sa allestire una progettazione di massima accurata per il tirocinio: progettazione di massima in base allo schema delle prospettive, inclusa l analisi delle premesse e l analisi tematica sommari della progettazione / piani settimanali SE: Progettazione della lezione / SI: Progettazione di costituenti didattici Lo studente/la studentessa sa individuare e descrivere le premesse sostanziali per la progettazione della lezione/della situazione didattica (p.es. il livello di apprendimento dei bambini/ragazzi, potenzialità relative alle aule,...). Lo studente/la studentessa è in grado di formulare obiettivi concreti, conseguibili e commisurati alla situazione e alle competenze (obiettivi della materia, sociali e personali) e li verifica ricorrendo a una appropriata modalità di controllo dell apprendimento. Lo studente/la studentessa sa fornire le motivazioni per i contenuti, gli obiettivi e le procedure didattiche in maniera sensata, comprensibile e plausibile da un punto di vista teorico. Lo studente/la studentessa sa individuare appropriati contenuti didattici, li struttura in modo chiaro e li organizza in modo logico e ragionevole. Lo studente/la studentessa è in grado di programmare plausibilmente il modo di procedere: attività appropriate per i bambini/ragazzi e dell insegnante, forme didattiche e sociali adatte, materiale proficuo per l apprendimento, organizzazione e passaggi da una fase all altra evidenti e ritmi appropriato all insegnamento Lo studente/la studentessa sa tener conto nella progettazione di aspetti appropriati relativi a processi di individualizzazione e differenziazione. Totale Valutazione complessiva della Progettazione didattica ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 10

11 Scheda di valutazione Svolgimento dell insegnamento 1 Lo studente/la studentessa sa iniziare le lezioni in modo da suscitare interesse e curiosità e tale da predisporre gli allievi all apprendimento e alle attività. Commento Punti Lo studente/la studentessa sa portare i bambini/ragazzi a confrontarsi con contenuti didattici importanti e sa strutturare la situazione di apprendimento/la lezione in modo chiaro per quanto riguarda i contenuti. Lo studente/la studentessa è in grado di organizzare le modalità procedurali adeguandole al contesto e tali da risultare efficaci per l apprendimento: - le forme didattiche individuate vengono impiegate appropriatamente; i ritmi e l organizzazione sono giusti, i passaggi alle fasi successive sono realizzati armonicamente; - il materiale impiegato è ben meditato e supporta il raggiungimento degli obiettivi didattici; - si tiene conto di procedure di individualizzazione e di differenziazione: tutti i /ragazzi vengono incentivati appropriatamente secondo le loro possibilità di apprendimento e gli viene dato spazio per poter partecipare attivamente. Lo studente/la studentessa sa stabilire un atmosfera didattica favorevole all apprendimento. - affronta i singoli bambini/ragazzi con sensibilità e rispetto, motivando, sostenendo, stimolando e reagendo in modo costruttivo - reagisce in modo appropriato a problemi comportamentali e a situazioni impreviste o di fronte a situazioni conflittuali e sa dirigere la classe in modo deciso e chiaro. Lo studente/la studentessa dispone di competenze nei vari settori disciplinari / nelle varie aree di studio. 6 Lo studente/la studentessa si esprime in maniera comprensibile e utilizza un linguaggio corretto e adatto al livello. Sa usare la voce in modo funzionale e dinamico; il ritmo nel parlare è confacente. Il modo di presentarsi quale insegnante è appropriato e esemplare. Totale Impressione complessiva dello svolgimento dell insegnamento ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 11

12 Scheda di valutazione Colloquio Osservare / riconoscere Lo studente/la studentessa sa individuare gli episodi, i fatti, le situazioni e le modalità comportamentali sostanziali; li sa illustrare in modo chiaro e presentare in modo strutturato. Comprendere / analizzare Lo studente/la studentessa sa comprendere gli episodi, i fatti, le situazioni e le modalità comportamentali e sa analizzarli con l aiuto della teoria. Sa distinguere tra causa ed effetto e sa argomentare in quest ottica in modo logico. L insegnamento viene valutato in modo differenziato, realistico e (auto-)critico. Trarre conclusioni / conseguenze Lo studente/la studentessa è in grado di trarre conseguenze costruttive e ragionevoli. Riesce a formulare le principali cognizioni acquisite e a documentare i progressi nell apprendimento. Commento Totale Punti Impressione complessiva della competenza nella riflessione ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 12

13 Valutazione della mezza giornata d esame Studentessa/Studente: Docente esaminante:.. Data:... Esperta/o: Progettazione scritta (max. 48 punti) Punteggio raggiunto: Svolgimento dell insegnamento conta doppio: (max. 108 punti) Punteggio raggiunto: Colloquio (max. 18 punti) Punteggio raggiunto: Totale (max. 174 punti) Punteggio raggiunto: Scala dei voti Voto: Firma docente esaminantee: Ratifico lo svolgimento dell esame e il punteggio assegnato Non ratifico Motivi: Firma dell esperta/o: In qualità di docente esaminante è pregata/o di consegnare la presente scheda al dipartimento FPP. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 13

14 Voto di diploma nella formazione pratica professionale (ad uso interno del dipartimento FPP) Studentessa/Studente:... Insegnante di tirocinio:... Docente esaminante:... Esperta/o: Punteggio/voto mezza giornata d esame Punti: Voto: Voto tirocinio Punti: Voto: Media dei due voti Voto (non arrotondato): Voto: Data: Annotazioni (in accordo con il/la docente esaminante): Annotazioni (in accordo con l insegnante di tirocinio): Firma dipartimento Formazione professionale pratica: ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2013/14 13

15 Esami di diploma Estratto dal foglio d istruzioni per le esperte e gli esperti Basi legali Ordinanza sulla formazione e gli esami presso l'alta scuola pedagogica del 14 agosto 2007 (BR ) Le esperte e gli esperti nella formazione pratica professionale (esami di pratica professionale) Obiettivi degli esami di pratica professionale Compito delle esperte e degli esperti Negli esami di pratica professionale vengono valutate le competenze pedagogiche, le capacità complessive e le competenze in didattica disciplinare delle candidate e dei candidati. Le esperte e gli esperti sono chiamati anzitutto ad assicurare che gli esami si svolgano in modo obiettivo e corretto da un punto di vista formale e controllano che i tempi dati per lo svolgimento degli esami vengano rispettati. In considerazione di eventuali ricorsi è necessario che le esperte e gli esperti provvedano a redigere un protocollo d esame da cui, in un momento successivo, sia possibile ricostruire lo svolgimento dell esame. Valutazione Le ed i docenti esaminanti attribuiscono il voto consultandosi con le esperte e gli esperti. Laddove sussistono delle divergenze inappianabili esse vanno registrate sul foglio dei voti. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2013/14 14

MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana

MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Dipartimento della formazione professionale pratica 3. anno di formazione Ogni insegnamento ha i propri ritmi, che bisogna conoscere,

Dettagli

MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione

MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione Studente/ssa Sede tirocinio, scuola/scuola dell infanzia Insegnante o insegnanti di tirocinio Classe/classi Mentore Periodo del tirocinio

Dettagli

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Campus Accreditato L.U.de.S., Lugano (Svizzera) Facoltà di Scienze Mediche BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Premessa pto.01 La conoscenza e il

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

Piano di studio Animazione di corsi per adulti

Piano di studio Animazione di corsi per adulti Piano di studio Animazione di corsi per adulti Formazione supplementare con certificato CAS 1 Basi legali 2 2 Obiettivi di studio 2 3 Ammissione 2 3.1 Condizioni di ammissione 2 3.2 Procedura di ammissione

Dettagli

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio Formazione di Pratica Professionale Aprile 2008 Contenuto 1. Introduzione... 3 2. Profilo e formazione professionale pratica dell

Dettagli

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Piano degli studi 2015/2016

Dettagli

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Il Consiglio di amministrazione della Scuola Svizzera1 di Roma adotta in esecuzione dell articolo 18 dello Statuto

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA DIPARTIMENTO di MATEMATICA REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA Emanato con D.R. n. 413 del 2 luglio 2015 INDICE Art. 1 Definizioni... 3 Art. 2 Obiettivi della

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE Classe: 3^B RIM A.S. 2014/15 Docente: prof. Fabio Borghin DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla fine dell anno scolastico, gli alunni dovranno essere

Dettagli

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri IFCAM - Istituto svizzero per la formazione di capi-azienda nelle arti e mestieri La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri Istituto svizzero per la formazione di capi azienda Scopo del corso La

Dettagli

ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE

ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE ESAMI DI QUALIFICA PROFESSIONALE La procedura per lo svolgimento degli esami di qualifica professionale, per le classi terze inizia nel primo Consiglio di classe successivo agli scrutini di febbraio, con

Dettagli

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale DIRETTIVA sul regolamento dell'esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale di Maestra tessile/maestro

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA La valutazione: il quadro comune e le specificità per i disabili Il P.E.I. come strumento di conoscenza e di valutazione Isp. Luciano Rondanini LA VALUTAZIONE

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Prot. n 2669 C/48 Pietrelcina, 27maggio 2014

Prot. n 2669 C/48 Pietrelcina, 27maggio 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado San Pio da PIETRELCINA Viale Cappuccini 114, 82020 Pietrelcina - Tel. 0824.991221 - fax 0824.991221-48 e-mail: bnic82300p@istruzione.it;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica)

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Criteri di base Legge federale del 9 aprile 978 sulla formazione professionale (vlfpr) Ordinanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Master di I livello in. Obiettivi formativi

Master di I livello in. Obiettivi formativi Master di I livello in Pedagogia e metodologia montessoriana - servizi educativi 0-3 anni - scuola dell infanzia - scuola elementare a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master di primo livello in Pedagogia

Dettagli

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI Preparazione agli Esami di Stato per Dirigenti di comunità CANDIDATI ESTERNI - ISCRIZIONI 1) I Corsi di preparazione agli Esami per Dirigenti di comunità sono destinati

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO Pag 1/5 INCONTRI DI INIZIO ANNO SCOLASTICO Al più presto il docente di sostegno, non appena assegnato a nuovi casi, dovrà curare alcuni incontri: Con il gruppo docente dell anno precedente Con i genitori

Dettagli

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015

BANDO PER ATTIVITA TUTORIALI AI SENSI DEL D.M. 198/2003 a.a. 2014/2015 Prot. n. 685/14 DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE - Visto il comma 6 dell art. 7 del DL 165/01; - Visto il DL 9.5.2003 n. 105, convertito in Legge n. 170 dell 11.7.2003; - Visto l art. 2 del DM 23.10.2003

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

Modalità di svolgimento del corso di preparazione ed esami per Giudici Regionali

Modalità di svolgimento del corso di preparazione ed esami per Giudici Regionali COMMISSIONE NAZIONALE GIUDICI DI GARA Modalità di svolgimento del corso di preparazione ed esami per Giudici Regionali Si trascrivono di seguito le modalità di svolgimento del corso di preparazione e degli

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Operatrice pubblicitaria/operatore pubblicitario con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2005 (Stato 26 febbraio 2007) 53106 Operatrice

Dettagli

Facoltà: SCIENZE STATISTICHE Corso: 8053 - FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) INDICE Art. 1 Generalità Art. 2 Insegnamenti dei corsi di studio e loro articolazione Art. 3 Obiettivi formativi ed eventuali

Dettagli

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015

Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione. Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 2015 Esercitazioni di compilazione del RAV per le aree Risultati scolastici e Inclusione e differenziazione A cura di Sara Romiti, INVALSI Area Risultati scolastici Caltanissetta e Palermo - 7 maggio 015 Rispondere

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

Bando di selezione allievi Corso ITS

Bando di selezione allievi Corso ITS Fondazione ITS ALBATROS Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Alimentare Bando di selezione allievi Corso ITS Tecnico per il controllo e la valorizzazione delle produzioni

Dettagli

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame Agli insegnanti delle classi con allievi dislessici e/o diversamente abili GUIDA AGLI ESAMI DI STATO PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Con suggerimenti e fase operativa Le finalità dell esame di Stato

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione 40.50 Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione emanata dal Governo il agosto 008 visto l'art. 45 della Costituzione cantonale ) I. Disposizioni generali

Dettagli

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato Indicazioni a cura del Consiglio di Corso di Studio di Scienze della Formazione Primaria concernente la tesi, le attività di tirocinio e l esame finale. Art. 1 Oggetto Il presente documento disciplina

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Disegnatrice/Disegnatore con attestato federale di capacità (AFC) nel campo professionale pianificazione del territorio e della costruzione del

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

BENVENUTE CLASSI PRIME!!!

BENVENUTE CLASSI PRIME!!! ACCOGLIENZA BENVENUTE CLASSI PRIME!!! Anno Scolastico 2005-2006 PROGETTO ACCOGLIENZA Passare da una scuola ad un altra è un momento critico nel percorso formativo della maggior parte degli studenti. Lasciare

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

Direttive concernenti gli stage previsti nell ambito del ciclo di studio Master of Science in formazione professionale

Direttive concernenti gli stage previsti nell ambito del ciclo di studio Master of Science in formazione professionale Direttive concernenti gli stage previsti nell ambito del ciclo di studio Master of Science in formazione professionale del giugno 0 La direttrice dell Istituto Universitario Federale per la Formazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

Master di 2 Livello. «Coordinatore pedagogico di asili nido e servizi per l infanzia»

Master di 2 Livello. «Coordinatore pedagogico di asili nido e servizi per l infanzia» Facoltà di Scienze della Formazione Uniser Pistoia Comune di Pistoia Gruppo Nazionale Nidi-Infanzia Master di 2 Livello «Coordinatore pedagogico di asili nido e servizi per l infanzia» Coordinatore Prof.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Addetta alla logistica / addetto alla logistica con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 18 ottobre 2006 95505 Addetta alla logistica CFP

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Gruppo di Ricerca DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Università Ca Foscari Venezia CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE A. FORMAZIONE PER LA SCUOLA PRIMARIA FORMAZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo d istruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione Isp. Luciano Rondanini LA VALUTAZIONE

Dettagli

L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA

L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA L ESAME FINALE DEL CORSO ASA, OSS: STRATEGIE PER UNA VALUTAZIONE OBIETTIVA 17 ottobre 2009 Angelo Benedetti 1 OBIETTIVI Conoscere le modalità di svolgimento dell esame finale dei percorsi formativi Asa,

Dettagli

Metodologia Trasmissiva potenziata dagli strumenti della LIM

Metodologia Trasmissiva potenziata dagli strumenti della LIM Sample Test Modulo 2 Competenze metodologico didattiche - Essential Metodologia Trasmissiva potenziata dagli strumenti della LIM Test d esame 2.1E 01 [Durata: 180 - Punteggio max: 100 punti] Il seguente

Dettagli

REGOLAMENTO D ESAME PER I CORSI DI LINGUA

REGOLAMENTO D ESAME PER I CORSI DI LINGUA REGOLAMENTO D ESAME PER I CORSI DI LINGUA INTRODUZIONE 3 PROCEDURA DI QUALIFICAZIONE 3 1 TEST DI LIVELLO 3 1.1 Ammissione al TEST DI LIVELLO 3 1.2 Forma 3 1.3 Supporti esterni 3 1.4 Correzione e valutazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Informatica Classe: 1A A.S. 2015/16 Docente: Alessia Gaiarsa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Risulta ancora prematuro valutare l'esatto livello cognitivo della classe date le poche

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Ottico con attestato federale di capacità (AFC) del 10 maggio 2010 85504 Ottico AFC Augenoptikerin EFZ/Augenoptiker EFZ Opticienne CFC/Opticien CFC L Ufficio

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A.A. 2007/2008

BANDO DI CONCORSO A.A. 2007/2008 BANDO DI CONCORSO A.A. 2007/2008 ART. 1 Attivazione VIII Edizione della Scuola Estiva di Alta Formazione Nuove metodologie partecipative per la cooperazione allo sviluppo rurale in Africa (Ex - Sistemi

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della ALLEGATO TECNICO ALL ACCORDO NAZIONALE 12 MARZO 2009 tra il Ministero dell istruzione, della ricerca e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2, comma 3, della

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA...2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE...2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA...3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI...3 I FORMATORI

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO. PER Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell edilizia sostenibile.

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO. PER Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell edilizia sostenibile. BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell edilizia sostenibile Biennio 2014-2016 LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli