DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP)"

Transcript

1 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana DIRETTIVE Esami di diploma Formazione pratica professionale (FPP) Studentessa/Studente:... Insegnante di tirocinio:... Docente esaminatrice/tore:... Esperta/Esperto:... Data dell esame:... Dipartimento della formazione professionale pratica 3. anno di formazione ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

2 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Prüfet alles, behaltet das Gute, und wenn etwas Besseres in euch selber gereift, so setztet es zu dem, was ich euch in diesen Bogen in Wahrheit und Liebe zu geben versuchte, in Wahrheit und Liebe hinzu. Johann Heinrich Pestalozzi, Schwanengesang 1825 ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

3 DIRETTIVE / Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Sommario 1. Condizioni quadro Luogo e data dell esame Contenuto dell esame e ampiezza Docenti esaminatori ed esperti Svolgimento dell esame Prima dell esame Esame Dopo l esame Annotazioni Valutazione Disposizioni Criteri di valutazione Qualifica complessiva Annotazioni... 5 Appendice: strumenti... 6 Protocollo sullo svolgimento... 6 Scheda di valutazione Progettazione scritta Scheda di valutazione Svolgimento dell insegnamento Scheda di valutazione Colloquio Valutazione della mezza giornata d esame Voto di diploma nella formazione pratica professionale Promemoria per le esperte e gli esperti ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15

4 1. Condizioni quadro 1.1 Luogo e orario dell esame L esame ha luogo nel quadro del tirocinio Autonomia nella realtà professionale quotidiana al rispettivo livello destinatario. La data dell esame come pure il nome del o della docente esaminante vengono resi noti agli studenti/alle studentesse prima delle vacanze primaverili. Previo accordo tra le studentesse e gli studenti con le/i docenti esaminanti e le/gli insegnanti di tirocinio vengono concordati in modo definitivo gli orari delle lezioni della mezza giornata di esame al più tardi una settimana prima dell'inizio del tirocinio 1.2 Contenuto dell esame e ampiezza L esame nella formazione di pratica professionale dà modo agli studenti/alle studentesse di certificare le proprie competenze nella progettazione e nello svolgimento dell insegnamento come pure nella riflessione sullo stesso. Vengono verificate le competenze a livello didattico-metodologico e quelle riferite alla materia; oggetto d esame sono pure l operato pedagogico e la capacità di riflessione supportata dalla teoria. Si parte dal presupposto che le studentesse e gli studenti mettano in risalto quanto hanno avuto occasione di apprendere nel corso dei tre anni di formazione. Indirizzo di studio scuola dell infanzia (SI): Nel corso dell esame gli studenti/le studentesse mettono in pratica un unità didattica coerente composta da una sequenza guidata in cui sia presente l'approfondimento a livello individuale e una sequenza libera della durata di 2-2 ½ ore. A conclusione della fase di insegnamento si dispone di 20 minuti per la riflessione individuale circa l insegnamento svolto. In seguito lo studente/la studentessa presenta, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, la riflessione fondata sulla teoria. Indirizzo di studio scuola elementare (SE): L esame consiste di tre lezioni consecutive. Almeno una lezione deve provenire dalle aree di studio della prima lingua o della matematica. Sono consentite anche doppie lezioni. Nel corso della mezza giornata degli esami andrebbe evitato che venga tenuta due volte la stessa lezione o che non venga effettuata più di una lezione con la semiclasse. A conclusione della fase di insegnamento si hanno 20 minuti per la riflessione individuale sull insegnamento svolto. In seguito lo studente/la studentessa presenta, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, la riflessione fondata sulla teoria. 1.3 Docenti esaminatori ed esperti Le docenti ed i docenti attivi alla ASPGR fungono da docenti esaminanti. Gli insegnanti e le insegnanti di tirocinio assumono la funzione di esperti (cfr. promemoria in appendice). ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 4

5 2. Svolgimento dell esame 2.1 Prima dell esame Le studentesse/gli studenti consegnano alla/al docente esaminante una copia della loro progettazione di massima del tirocinio. Scadenza per la consegna: entro il primo giorno di tirocinio (timbro postale). Le progettazioni inviate in ritardo non hanno diritto a punti. SE: un analisi delle premesse, due progettazioni di massima con lo schema delle prospettive, inclusa l analisi della materia, relative a due settori disciplinari/aree di studio, e per gli altri settori disciplinari un corrispondente sommario della progettazione (secondo le indicazioni della Didattica generale, si veda l allegato allo schema delle prospettive) Per l insegnamento in pluriclassi valgono le medesime direttive. Al fine di limitare ragionevolmente l impegno di pianificazione si prega di badare nella misura del possibile affinché si lavori allo stesso soggetto e i compiti vengano differenziati. Insegnanti di tirocinio e docenti esaminanti avranno comprensione se eventualmente le pianificazioni nelle pluriclassi risultassero un po meno circostanziate. In linea di principio le studentesse e gli studenti praticheranno l insegnamento in tutte le discipline. Nelle discipline in cui non si è avuto un approfondimento (in modo particolare in educazione fisica e nelle attività creative e tecniche) l insegnante di tirocinio è tenuto ad essere presente per motivi di sicurezza e per ragioni assicurative ed è responsabile per la classe. SI: un'analisi delle premesse, un'analisi dell'unità didattica tematica con lo schema delle prospettive secondo W. Klafki e tre progettazioni settimanali. 30 minuti prima dell inizio dell esame, le matrici didattiche in forma scritta devono essere pronte e a disposizione dei/delle docenti esaminanti e delle/degli esperti (SE: schema della progettazione con tutti i materiali corrispondenti / SI: progettazione della mezza giornata (senza sequenza guidate e libera), progettazione dettagliata della sequenza guidata con approfondimento a livello individuale e progettazione dettagliata della sequenza libera). Gli studenti/le studentesse hanno l opportunità, per un tempo massimo di 10 minuti, di fornire agli esaminatori/alle esaminatrici spiegazioni supplementari sulle lezioni. Tutti i lavori scritti relativi alla progettazione dell insegnamento vengono redatti al computer. Le matrici didattiche devono essere spedite elettronicamente ai/alle docenti esaminanti entro le ore 22 della sera precedente l esame. 2.2 Esame L insegnamento viene svolto nel rispetto delle condizioni locali (rituali, organizzazione degli intervalli, ecc.). 2.3 Dopo l esame Alla fine della lezione, agli studenti/alle studentesse vengono accordati 20 minuti per effettuare una riflessione. In seguito gli studenti/le studentesse presentano, nell ambito di un colloquio di circa 30 minuti, i punti rilevanti ai fini di una completa riflessione sull insegnamento attestando in questo modo la loro competenza nella riflessione (cfr. anche p. 9). L'esperto/l'esperta partecipa al colloquio e redige un protocollo. Una volta definito il voto, viene comunicato a voce agli studenti/alle studentesse se la loro prestazione è sufficiente o insufficiente. Non viene comunicato il voto dell'esame! I/Le docenti esaminanti della ASPGR nonché gli esperti e le esperte (insegnanti di tirocinio) non sono legittimati a rendere noto il voto agli studenti. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 5

6 2.4 Annotazioni Indirizzo di studio scuola dell infanzia: Nel caso di orario a blocchi l insegnante di tirocinio deve organizzare la conclusione della mezza giornata d esame in funzione della situazione in modo tale che sia garantita una presenza per i bambini e che il colloquio possa tenersi in un locale separato. L'insegnamento può aver luogo anche dalle ore 9.30 (circa) fino all'orario di chiusura facendo seguire successivamente il colloquio. Indirizzo di studio scuola elementare: Se l esame di diploma ha luogo in mattinata, l insegnante di tirocinio provvede ad una soluzione ragionevole per la quarta lezione. Per il pomeriggio la fase di riflessione ha luogo a conclusione delle lezioni. 3. Valutazione 3.1 Disposizioni Gli esami di diploma per le studentesse e gli studenti sono conformi all Ordinanza sulle formazioni e sugli esami del 14 agosto Criteri di valutazione La valutazione della mezza giornata d esame si compone di tre parti: progettazione dell insegnamento, svolgimento e riflessione dell'insegnamento; allo svolgimento viene assegnato un valore doppio (cfr. rispettive schede di valutazione in appendice). Nella valutazione delle singole competenze è possibile l assegnazione di mezzi punti. 3.3 Qualifica complessiva Ai sensi dell art. 26 dell Ordinanza sulle formazioni e sugli esami del 14 agosto 2007, risultano due giudizi per il tirocinio: a) la valutazione finale da parte del docente di tirocinio, in base alle prescrizioni per il tirocinio di diploma; b) la valutazione della mezza giornata d esame da parte di un/una docente dell ASP. Affinché il tirocinio di diploma venga convalidato, la media non arrotondata del voto di tirocinio e della mezza giornata d esame deve corrispondere almeno a un 4.0. In caso di mancato successo del tirocinio di diploma, questo può essere ripetuto una volta presso un'altra sede di tirocinio. Il calcolo del voto di diploma è effettuato dal reparto della FPP in seguito alla consegna da parte del/della docente esaminante del giudizio della mezza giornata d esame e dopo aver ricevuto la scheda di verifica degli obiettivi compilata dall insegnante di tirocinio. In caso di insufficienze vengono consultati l insegnante di tirocinio e il/la docente esaminante. 3.4 Annotazioni Indirizzo di studio scuola dell infanzia: Nella scuola dell infanzia il/la docente esaminante redige un protocollo sulla sequenza guidata, sull'approfondimento a livello individuale e sulla sequenza libera. Indirizzo di studio scuola elementare: Nella scuola elementare le lezioni vengono protocollate singolarmente da parte del/della docente esaminante. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 6

7 Appendice: strumenti Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 7

8 Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 8

9 Protocollo dello svolgimento SI/SE (grado):... No. bambini/allievi:... Settore disciplinare... Argomento:... Sottotematica:... Orario Svolgimento, osservazioni Constatazioni, commento Impressione complessiva ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 9

10 Scheda di valutazione Progettazione scritta Competenza Commento Punti Progettazione di massima: La studentessa/lo studente sa allestire una progettazione di massima accurata per il tirocinio: progettazione di massima in base allo schema delle prospettive, inclusa l analisi delle premesse e l analisi tematica sommari della progettazione / piani settimanali SE: Progettazione della lezione / SI: Progettazione di costituenti didattici Lo studente/la studentessa sa individuare e descrivere le premesse sostanziali per la progettazione della lezione/della situazione didattica (p.es. il livello di apprendimento dei bambini/ragazzi, potenzialità relative alle aule,...). Lo studente/la studentessa è in grado di formulare obiettivi concreti, conseguibili e commisurati alla situazione e alle competenze (obiettivi della materia, sociali e personali) e li verifica ricorrendo a una appropriata modalità di controllo dell apprendimento. Lo studente/la studentessa sa fornire le motivazioni per i contenuti, gli obiettivi e le procedure didattiche in maniera sensata, comprensibile e plausibile da un punto di vista teorico. Lo studente/la studentessa sa individuare appropriati contenuti didattici, li struttura in modo chiaro e li organizza in modo logico e ragionevole. Lo studente/la studentessa è in grado di programmare plausibilmente il modo di procedere: attività appropriate per i bambini/ragazzi e dell insegnante, forme didattiche e sociali adatte, materiale proficuo per l apprendimento, organizzazione e passaggi da una fase all altra evidenti e ritmi appropriato all insegnamento Lo studente/la studentessa sa tener conto nella progettazione di aspetti appropriati relativi a processi di individualizzazione e differenziazione. Totale Valutazione complessiva della Progettazione didattica ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 10

11 Scheda di valutazione Svolgimento dell insegnamento 1 Lo studente/la studentessa sa iniziare le lezioni in modo da suscitare interesse e curiosità e tale da predisporre gli allievi all apprendimento e alle attività. Commento Punti Lo studente/la studentessa sa portare i bambini/ragazzi a confrontarsi con contenuti didattici importanti e sa strutturare la situazione di apprendimento/la lezione in modo chiaro per quanto riguarda i contenuti. Lo studente/la studentessa è in grado di organizzare le modalità procedurali adeguandole al contesto e tali da risultare efficaci per l apprendimento: - le forme didattiche individuate vengono impiegate appropriatamente; i ritmi e l organizzazione sono giusti, i passaggi alle fasi successive sono realizzati armonicamente; - il materiale impiegato è ben meditato e supporta il raggiungimento degli obiettivi didattici; - si tiene conto di procedure di individualizzazione e di differenziazione: tutti i /ragazzi vengono incentivati appropriatamente secondo le loro possibilità di apprendimento e gli viene dato spazio per poter partecipare attivamente. Lo studente/la studentessa sa stabilire un atmosfera didattica favorevole all apprendimento. - affronta i singoli bambini/ragazzi con sensibilità e rispetto, motivando, sostenendo, stimolando e reagendo in modo costruttivo - reagisce in modo appropriato a problemi comportamentali e a situazioni impreviste o di fronte a situazioni conflittuali e sa dirigere la classe in modo deciso e chiaro. Lo studente/la studentessa dispone di competenze nei vari settori disciplinari / nelle varie aree di studio. 6 Lo studente/la studentessa si esprime in maniera comprensibile e utilizza un linguaggio corretto e adatto al livello. Sa usare la voce in modo funzionale e dinamico; il ritmo nel parlare è confacente. Il modo di presentarsi quale insegnante è appropriato e esemplare. Totale Impressione complessiva dello svolgimento dell insegnamento ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 11

12 Scheda di valutazione Colloquio Osservare / riconoscere Lo studente/la studentessa sa individuare gli episodi, i fatti, le situazioni e le modalità comportamentali sostanziali; li sa illustrare in modo chiaro e presentare in modo strutturato. Comprendere / analizzare Lo studente/la studentessa sa comprendere gli episodi, i fatti, le situazioni e le modalità comportamentali e sa analizzarli con l aiuto della teoria. Sa distinguere tra causa ed effetto e sa argomentare in quest ottica in modo logico. L insegnamento viene valutato in modo differenziato, realistico e (auto-)critico. Trarre conclusioni / conseguenze Lo studente/la studentessa è in grado di trarre conseguenze costruttive e ragionevoli. Riesce a formulare le principali cognizioni acquisite e a documentare i progressi nell apprendimento. Commento Totale Punti Impressione complessiva della competenza nella riflessione ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 12

13 Valutazione della mezza giornata d esame Studentessa/Studente: Docente esaminante:.. Data:... Esperta/o: Progettazione scritta (max. 48 punti) Punteggio raggiunto: Svolgimento dell insegnamento conta doppio: (max. 108 punti) Punteggio raggiunto: Colloquio (max. 18 punti) Punteggio raggiunto: Totale (max. 174 punti) Punteggio raggiunto: Scala dei voti Voto: Firma docente esaminantee: Ratifico lo svolgimento dell esame e il punteggio assegnato Non ratifico Motivi: Firma dell esperta/o: In qualità di docente esaminante è pregata/o di consegnare la presente scheda al dipartimento FPP. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2014/15 13

14 Voto di diploma nella formazione pratica professionale (ad uso interno del dipartimento FPP) Studentessa/Studente:... Insegnante di tirocinio:... Docente esaminante:... Esperta/o: Punteggio/voto mezza giornata d esame Punti: Voto: Voto tirocinio Punti: Voto: Media dei due voti Voto (non arrotondato): Voto: Data: Annotazioni (in accordo con il/la docente esaminante): Annotazioni (in accordo con l insegnante di tirocinio): Firma dipartimento Formazione professionale pratica: ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2013/14 13

15 Esami di diploma Estratto dal foglio d istruzioni per le esperte e gli esperti Basi legali Ordinanza sulla formazione e gli esami presso l'alta scuola pedagogica del 14 agosto 2007 (BR ) Le esperte e gli esperti nella formazione pratica professionale (esami di pratica professionale) Obiettivi degli esami di pratica professionale Compito delle esperte e degli esperti Negli esami di pratica professionale vengono valutate le competenze pedagogiche, le capacità complessive e le competenze in didattica disciplinare delle candidate e dei candidati. Le esperte e gli esperti sono chiamati anzitutto ad assicurare che gli esami si svolgano in modo obiettivo e corretto da un punto di vista formale e controllano che i tempi dati per lo svolgimento degli esami vengano rispettati. In considerazione di eventuali ricorsi è necessario che le esperte e gli esperti provvedano a redigere un protocollo d esame da cui, in un momento successivo, sia possibile ricostruire lo svolgimento dell esame. Valutazione Le ed i docenti esaminanti attribuiscono il voto consultandosi con le esperte e gli esperti. Laddove sussistono delle divergenze inappianabili esse vanno registrate sul foglio dei voti. ASPGR Dipartimento della formazione professionale pratica / 3. anno di formazione 2013/14 14

MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana

MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana MANUALE Tirocinio di diploma Autonomia nella realtà professionale quotidiana Dipartimento della formazione professionale pratica 3. anno di formazione Ogni insegnamento ha i propri ritmi, che bisogna conoscere,

Dettagli

MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione

MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione MANUALE Tirocinio Situazioni di apprendimento 1 o anno di formazione Studente/ssa Sede tirocinio, scuola/scuola dell infanzia Insegnante o insegnanti di tirocinio Classe/classi Mentore Periodo del tirocinio

Dettagli

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio Formazione di Pratica Professionale Aprile 2008 Contenuto 1. Introduzione... 3 2. Profilo e formazione professionale pratica dell

Dettagli

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso ANIMARE CORSI PER ADULTI (Livello 1 FSEA/SVEB) Sommario 1. Introduzione 2 2. Metodi d insegnamento 2 3. Destinatari, obiettivi e contenuti della formazione 3 Destinatari: 3 Finalità: 3 Obiettivi: 3 Contenuti:

Dettagli

LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI. LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona

LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI. LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona L A B O R T R A N S F E R LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona DOCUMENTAZIONE DI PRESENTAZIONE DEL CORSO ANIMARE

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA...2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE...2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA...3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI...3 I FORMATORI

Dettagli

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014.

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014. Direttive inerenti al regolamento d esame per l esame professionale federale di mentore aziendale Versione del 14 luglio 2014 Indice Indice 1 1. Introduzione 2 1.1 Scopo delle direttive 2 1.2 Profilo professionale

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale DIRETTIVA sul regolamento dell'esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale di Maestra tessile/maestro

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Documentazione della formazione professionale di base

Documentazione della formazione professionale di base 1. Compiti nella formazione professionale I miei compiti più importanti e quelli del mio formatore 2. Le basi della formazione Come funziona la formazione professionale, ordinanza sulla formazione professionale,

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

Per l esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione

Per l esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione Per l esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione CHI? FA? COSA? QUANDO? Pro memoria degli adempimenti e delle procedure da seguire per un corretto svolgimento delle prove d esame Tempo Contenuto

Dettagli

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame Agli insegnanti delle classi con allievi dislessici e/o diversamente abili GUIDA AGLI ESAMI DI STATO PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Con suggerimenti e fase operativa Le finalità dell esame di Stato

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale in DESIGN (Classe LM - 12 ) Anno Accademico di istituzione: 2009-2010 Art. 1. Organizzazione del corso di studio

Dettagli

Clara Rossi Carla Toninelli. Gli strumenti per l inclusione

Clara Rossi Carla Toninelli. Gli strumenti per l inclusione Clara Rossi Carla Toninelli Gli strumenti per l inclusione Alunni con disabilità Diagnosi Funzionale Profilo Dinamico Funzionale PEI PROGRAMMAZIONE Valutazione Documenti base per il sostegno degli alunni

Dettagli

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE CIGNA, BARUFFI, GARELLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO ANNUALE 3ª INDIRIZZO RIM ARTICOLAZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Docente: Ore totali d insegnamento

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Il Consiglio di amministrazione della Scuola Svizzera1 di Roma adotta in esecuzione dell articolo 18 dello Statuto

Dettagli

Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07

Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07 Attività di Orientamento in ingresso Anno Accademico 2006/07 1 - Interventi per favorire la Continuità Didattica Obiettivo dell iniziativa è quello di facilitare il dialogo tra i due macro-sistemi Scuola

Dettagli

CORSO DI DIPLOMA (CAS) FORMATORE / FORMATRICE DI TIROCINIO SCOLASTICO

CORSO DI DIPLOMA (CAS) FORMATORE / FORMATRICE DI TIROCINIO SCOLASTICO CORSO DI DIPLOMA (CAS) FORMATORE / FORMATRICE DI TIROCINIO SCOLASTICO Alta scuola pedagogica dei Grigioni Reparto Aggiornamento Scalärastr. 17 7000 Coira Tel. 081 354 03 02 info@phgr.ch Concetto e redazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

panettieri-pasticcieri-confettieri CFP

panettieri-pasticcieri-confettieri CFP panettieri-pasticcieri-confettieri CFP Nome Cognome: Indirizzo professionale: Durata della formazione: Questo documento è indirizzato ad entrambi i generi (f/m) in ugual modo. Per facilitarne la lettura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: PROFESSORE: Valerio Mandarino CLASSE: 4 A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO A.S.: 2015/2016 AMMINISTRAZIONE FINANZA

Dettagli

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE FISICA Anno Scolastico 2013-2014 Classe II C Insegnante : Franco Cricenti OBIETTIVI GENERALI Nel II anno degli istituti professionali accanto agli insegnamenti dell area generale comuni a tutti gli indirizzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione 40.50 Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione emanata dal Governo il agosto 008 visto l'art. 45 della Costituzione cantonale ) I. Disposizioni generali

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Operatrice pubblicitaria/operatore pubblicitario con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2005 (Stato 26 febbraio 2007) 53106 Operatrice

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE Classe: 3^B RIM A.S. 2014/15 Docente: prof. Fabio Borghin DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla fine dell anno scolastico, gli alunni dovranno essere

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

Piano di formazione concernente la formazione professionale di base

Piano di formazione concernente la formazione professionale di base Piano di formazione concernente la formazione professionale di base Progettista meccanica AFC / Progettista meccanico AFC Konstrukteurin EFZ / Konstrukteur EFZ Dessinatrice-constructrice industrielle CFC

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione

Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata. Fasi fondamentali della progettazione Percorsi scuola e lavoro per gli allievi diversamente abili con programmazione evalutazione differenziata Premessa Fasi fondamentali della progettazione Sulla base di quanto stabilito nel D.Lgs 77 del

Dettagli

ESAMI DI STATO SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2011-2012 ISTRUZIONI PER L USO

ESAMI DI STATO SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2011-2012 ISTRUZIONI PER L USO ESAMI DI STATO SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2011-2012 ISTRUZIONI PER L USO La valutazione finale è, per la scuola, una verifica dell efficacia delle azioni messe in atto per favorire il raggiungimento di

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Addetta alla logistica / addetto alla logistica con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 18 ottobre 2006 95505 Addetta alla logistica CFP

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI Nel presente questionario troverà un elenco di affermazioni riguardanti alcuni comportamenti riferiti alla sua attività professionale. Per ciascuna affermazione

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI A completamento delle nuove linee guida della P.A.T. relative alla valutazione degli studenti stranieri, si forniscono alcune indicazioni in vista

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

Guida metodica per il regolamento degli esami. Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere

Guida metodica per il regolamento degli esami. Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere Guida metodica per il regolamento degli esami Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere Indice 1 Introduzione 3 1.1 Scopo della guida metodica 3 1.2 Ambito di lavoro 3 1.3 Organizzazione

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Ciò che conta non è il fatto che una persona in situazione di handicap trovi una collocazione all'interno dell'istituzione scolastica,

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITÀ FRA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PREMESSA

PROTOCOLLO DI CONTINUITÀ FRA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PREMESSA Istituto Comprensivo di Luzzara Scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo grado Viale Filippini, 42 42045 Luzzara (RE) tel. 0522 22 31 37 www.icluzzara.gov.it Email: reic83200d@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI Pag. 1 di 9 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE PRODOTTI COMPETENZE MIRATE Comuni/Cittadinanza professionali Il mio portapenne olimpico Prodotto - Portapenne in acciaio saldato e verniciato - Rappresentazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale "ALDO PASOLI"

Istituto Tecnico Commerciale Statale ALDO PASOLI Istituto Tecnico Commerciale Statale "ALDO PASOLI" PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 PROF. Domenico Dott. Francullo I.T.P. Prof..ssa Barbara Rag. Bellini MATERIA INFORMATICA GESTIONALE CLASSE 3^

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI PROGETTO PER IL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI In applicazione del D.M. n. 80 del 3/10/2007 e del Regolamento di cui al D.M.I. n 92 del 5/11/2007 ( POF 2007-09 ) 1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA

Dettagli

1. SEDE E NOMINA DELLE COMMISSIONI ESAMINATRICI

1. SEDE E NOMINA DELLE COMMISSIONI ESAMINATRICI Allegato 1 CIRCOLARE SULLE PROVE DI ACCERTAMENTO FINALE DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DI COMPETENZA PROVINCIALE E DEI CORSI DI CUI ALL ART. 27 DELLA L.R. 95/80 Le prove di accertamento finale dei

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ACCADEMIA DEI LINCEI E NORMALE PER LA SCUOLA

ACCADEMIA DEI LINCEI E NORMALE PER LA SCUOLA ACCADEMIA DEI LINCEI E NORMALE PER LA SCUOLA Anno scolastico 2015/2016 1 Palazzo della Carovana Scuola Normale Superiore Piazza dei Cavalieri, 7 Pisa Elaborazione a cura del Servizio Comunicazione e Relazioni

Dettagli

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale Repubblica e Cantone Ticino Divisione della formazione professionale Ufficio della formazione continua e dell innovazione Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Le presenti linee guida per l accoglienza e l inclusione degli alunni stranieri

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

Diagramma delle competenze per l assistente d ufficio CFP

Diagramma delle competenze per l assistente d ufficio CFP Diagramma delle competenze per l assistente d ufficio CFP Il diagramma delle competenze è lo strumento per rilevare le prestazioni in azienda e nei corsi interaziendali e il comportamento della persona

Dettagli

Commesso di vendita/ commessa di vendita

Commesso di vendita/ commessa di vendita Delibera n. 285 del 15.03.2016 Ordinamento formativo per il mestiere oggetto d apprendistato del/della Commesso di vendita/ commessa di vendita 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato

Dettagli

II EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO/CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE BANDO DI AMMISSIONE

II EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO/CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE BANDO DI AMMISSIONE II EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO/CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ANNO ACCADEMICO 2012/2013 BANDO DI AMMISSIONE Art.1

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Disciplina: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E PRODOTTO Classe: 5^AM A.S. 2015/16 Docente: LORENZI GIORGIO Docente di compresenza: POLICASTRO ALESSANDRO Ore settimanali : 5 (3 di compresenza) ANALISI

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Ufficio delle scuole comunali LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Informazioni per i genitori Bellinzona, settembre 2004 1 [Le denominazioni

Dettagli

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso:

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: 5. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: Progetti mirati per ogni singola classe Percorsi alternativi a quelli curricolari Attività a

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Prot. n. 4592 Circolare n. 299 Mussomeli, 26/05/2015

Prot. n. 4592 Circolare n. 299 Mussomeli, 26/05/2015 Istituto di Istruzione Superiore Mussomeli e Campofranco C.da Prato, s.n. 93014 Mussomeli (CL) Tel. 0934 951415 - telefax 0934 951520 e-mail: clis016002@istruzione.it Codice Meccanografico: CLIS016002

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo La scuola che vorremmo di Adriana Agostinucci, Daniela Bertocchi, Franca Quartapelle Una proposta per una scuola rinnovata I risultati dell indagine internazionale

Dettagli

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015 GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE a.s. 2014 2015 La seguente guida è un attento resoconto del documento fornito dalla Regione, prot. N 4128 del 28/04/2015 Gli esami di qualifica si articolano

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO L alternanza scuola-lavoro, istituita tramite L. 53/2003 e Decreto Legislativo n. 77 del 15 aprile 2005 e successivamente innovata e regolamentata con i D.P.R. 15 marzo

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Corso per esperti esa

Corso per esperti esa Corso per esperti esa Guida per la 2a parte della formazione degli esperti Documento della direzione esa 30. April 2013 Indice 1. Obiettivi della formazione degli esperti 4 Competenze del formatore: 4

Dettagli

Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media

Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media Stato del documento: Approvato il 29 marzo 2010 dalla Direzione DFA Firmato il 13 aprile 2010 dal Direttore

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

Anno scolastico / Classe sezione. Classe sezione. Classe sezione. Scuola

Anno scolastico / Classe sezione. Classe sezione. Classe sezione. Scuola REGISTRO DELLE RIUNIONI DOCENTI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico / Classe sezione Classe sezione Classe sezione Scuola Insegnante di Materia Nome e cognome Insegnante di Insegnante di Insegnante di Insegnante

Dettagli