Il knowledge management in azienda: approccio ed esperienza della Sigma Corporation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il knowledge management in azienda: approccio ed esperienza della Sigma Corporation"

Transcript

1 Il knowledge management in azienda: approccio ed esperienza della Sigma Corporation di Davide Massa Sempre più aziende si trovano a valutare se intraprendere progetti di Knowledge Management. I progetti IT tradizionali sono per lopiù volti ad automatizzare le attività più labour-intensive, sulle quali è relativamente più facile effettuare misure di efficienza, rispetto a progetti innovativi volti a supportare attività di tipo brain-intensive, come quelli inerenti la gestione della conoscenza.tale difficoltà non è un motivo sufficiente per accantonare progetti di knowledge management, che anzi hanno un potenziale vantaggio per l impresa di gran lunga superiore dei progetti tradizionali, per due ordini di motivazioni. Da un lato un progetto «tradizionale» apporta un vantaggio assai modesto, proprio perché basato su tecnologie consolidate, spesso volte ad automatizzare operazioni non troppo specifiche (dalla fatturazione al controllo di gestione); dall altro i progetti tradizionali ottimizzano raramente l uso del cespite più importante: il capitale intellettuale. L introduzione del knowledge Management in azienda La tecnologia da sola non può in alcun modo imporre agli utenti la condivisione della conoscenza, può solo, eventualmente, rendere possibile la volontà delle persone coinvolte. In quest ottica, la prima osservazione da fare riguarda una certa approssimazione alimentata anche da taluni fornitori. Si tratta della riduzione di un sistema di knowledge management ad un semplice sistema di gestione documentale. Certo è pressoché indispensabile che una piattaforma di knowledge management disponga di un modulo per la registrazione ed il reperimento della conoscenza espressa nei documenti o in altri file multimediali, anzi lo si può considerare il punto di partenza di una qualunque soluzione in questo ambito. Perciò la gestione dei documenti non può che essere un punto di partenza, non un punto di arrivo. Il fulcro dovrebbe invece essere costituito da un meccanismo che consenta la descrizione dei processi aziendali, in modo da trattare la conoscenza incorporata (1). Inoltre occorre correlare l uso dei documenti alle singole specifiche attività svolte, al fine di creare nuova conoscenza, e in particolare di fornire informazioni sulla utilità dei singoli documenti per le diverse attività cui ciascun utente è chiamato. Perciò un modulo di gestione sia della conoscenza incorporata, sia di quella creabile. Un altro elemento essenziale di una piattaforma di questo genere - la seconda è proprio il sistema documentale - dovrebbe essere una knowledge map, una mappa della conoscenza che metta in relazione i singoli individui che formano un organizzazione con le competenze da questi possedute. Si tratterebbe di un modulo deputato al duplice scopo di consentire da un lato l identificazione dei depositari delle competenze (conoscenza tacita (2), e dall altro di realizzare un modello dell organizzazione medesima, necessaria al modulo di modellazione dei processi per assegnare all esecutore più idoneo, ciascuno dei singoli task che formano il processo. La tecnologia Si è detto della necessità di disporre prevalentemente di tre diversi moduli. Note: (1) Conoscenza incorporata: è la conoscenza incorporata nel modo di fare le cose, nelle attività e procedure organizzative. (2) Conoscenza tacita: è la conoscenza delle singole persone che talvolta non sono in grado di esprimere, ma che guida e influenza continuamente il lavoro di ciascuno. 31

2 Informatica Gestione di progetti Modellazione dei processi La modellazione dei processi consiste, di fatto, nel descrivere i singoli processi aziendali, per formare, nel loro complesso, un modello di funzionamento dell organizzazione. Tale descrizione però non deve essere espressa a parole, poiché, anche quando fosse corredata da tabelle che mostrano le responsabilità di ciascun individuo coinvolto, resterebbe di difficile e faticosa consultazione. La risposta è un Workflow Management System (WFMS), che da un lato permetta di descrivere i processi con un linguaggio grafico, e dall altro di mandare in esecuzione tali diagrammi, chiamando direttamente in causa gli utenti coinvolti nel processo descritto. Mentre un processo, una routine organizzativa, quando è descritta a parole poi deve essere effettivamente eseguita da persone che spesso non l hanno letta e più o meno la seguono per tradizione orale, un workflow si comporta per l utente come una sorta di wizard, di autocomposizione, che mostra sulla finestra di un browser, passo-passo, ciò che egli deve fare. Perciò non si tratta di una mera descrizione statica che sta in uno scaffale, ma di uno strumento che assiste l utente semplificando ed allo stesso tempo imponendo l ottemperanza con la best-practice descritta nel modello. Consente di sapere se, per certe attività, magari estremamente critiche, ma che vengono svolte solo di rado, certi documenti siano stati utili. Ma questo è possibile solo se il sistema ha «coscienza» di quale attività svolga l utente che accede al documento. Si noti altresì che il sistema ricava dal comportamento dell utente queste importanti meta-informazioni senza aggravare affatto il suo lavoro. Inoltre, l esame delle istanze dei workflow consente di ricavare statistiche utili, fra l altro per valutare, sia in tempo reale che a posteriori, l operato delle persone e per effettuare calcoli di efficienza e fornire dati oggettivi per contabilità industriale di tipo Activity Based Costing. Gestione Documentale Un moderno sistema di gestione documentale dovrebbe essere basato su un repository centralizzato, accessibile anche con i protocolli web, su cui collocare qualunque tipo di documento, ivi compresi file audiovisivi e scansioni di documenti cartacei. A supporto delle attività di ricerca, di tutti i documenti che gestisce, dovrebbe essere garantita l indicizzazione ed un sistema di categorizzazione molto più flessibile della gerarchia di cartelle offerta da un normale file-system. Un efficace sistema software di gestione documentale dovrebbe poi fornire una serie di servizi ulteriori, fra i quali la notifica automatica della modifica di documenti di interesse o la possibilità di effettuare una annotazione ad un documento esistente. Mappa della Conoscenza Premesso che un software di knowledge management deve in generale favorire l esplicitazione di conoscenza tacita, è pleonastico affermare che, comunque, una parte consistente della conoscenza a disposizione dell organizzazione non può che restare tacita. Un modo per affrontarla e cercare di gestirla, è definire una mappa CFC/CSC (Chi Fa Cosa/Chi Sa Cosa), che metta in relazione le competenze dell individuo con le attività che questi svolge. Naturalmente sarà corredata anche di una serie di attributi ulteriori, fra cui, a seconda dei casi, potrebbero trovare posto informazioni anagrafiche, fotografie, costi orari e altro. In alcune organizzazioni può assumere la forma di una sorta di sistema di pagine gialle, un people-finder, consultabile dagli utenti via web. Si tratta a tutti gli effetti di un modello dell organizzazione, che, nell ambito di un sistema integrato, serve al modulo di workflow per assegnare i singoli task all esecutore più idoneo. Le competenze possono essere classificate con almeno due diversi gradi di dettaglio. L approccio minimale consiste nel definire dei ruoli e di associare a ciascun ruolo individui o gruppi di individui, intendendo così che quegli individui possiedono le competenze necessarie a svolgere un dato ruolo. Questo concetto si può maggiormente articolare se si dispone di una gerarchia di competenze, esplorabile con controlli di tipo tree-view. Ad ogni macro-competenza, sono associate delle competenze, che a loro volta possono essere composte da micro-competenze. E così via, per tutti i livelli gerarchici che occorrono. Alle micro-competenze che sono foglie della gerarchia viene associato un punteggio che esprime il livello di conoscenza e/o abilità posseduta. L albero delle competenze è specifico di ogni organizzazione. In ogni caso, il confronto delle competenze possedute da un individuo con quelle specificate per un ruolo è utile anche per capire quali esigenze formative e quali criticità ci possano essere presso le risorse umane dell azienda. Altre componenti Le tecnologie di supporto e le specifiche componenti che possono completare un framework di KM sono molto numerose. Innanzitutto l infrastruttura di 32

3 base, oggi quasi scontata, è costituita da un sistema di posta elettronica, meglio se dotato di caratteristiche di groupware sofisticate, accanto ad una Intranet o Extranet, che permetta un accesso unificato alle risorse via browser, attraverso un portale aziendale. Se sono disponibili i budget, anche per l ampiezza di banda necessaria, talvolta è possibile disporre di sistemi di videoconferenza e, in generale, di collaboration più spinta. Ma oltre alla infrastruttura è il caso di citare due tecnologie per certi versi consolidate, ma dalle grandi potenzialità, che possono rivendicare un ruolo importante nell ambito della gestione della conoscenza di una organizzazione. Si tratta della Business Intelligence e dell e-learning. La prima vanta un numero considerevole di applicazioni che affrontano l estrapolazione di conoscenza creabile. Si tratta perlopiù di sistemi di datawarehouse, dotati in particolare di moduli che consentano di svolgere ricerche sofisticate sulle informazioni «nascoste» nei dati e di data-visualization che mostrino i dati in forma sintetica e/o grafica permettendone la facile selezione. L altro ambito, quello dell e-learning, è già fortemente basato sulle tecnologie web. Si tratta di software che consentono l apprendimento a distanza, con minori o maggiori caratteristiche di interattività. Sono strumenti molto maturi ed efficaci. Ciò che però, spesso, li rende poco integrabili e non abbastanza efficaci in ottica knowledge management sono i contenuti. Sono ancora pochi i corsi fruibili nella modalità che rende la formazione a distanza veramente più efficace di quella dal vivo. Convenienza nell investire in knowledge management Da una recente ricerca NetConsulting, che ha analizzato il parere dei responsabili dei sistemi informativi su un campione di grandi imprese italiane, emerge uno scenario complesso: da un lato vi è la percezione che informatica e telecomunicazioni restano leve fondamentali per recuperare in competitività, ma dall altra parte ci sono meno disponibilità ad investire. Di conseguenza, in azienda, si rileva una diminuzione dei budget per l ICT e i progetti non essenziali e dal ritorno incerto vengono sempre più spesso cancellati per favorire investimenti in tecnologie fondamentali, capaci cioè di mettere in moto e alimentare il business. Dalle interviste condotte risulta che le tecnologie su cui le organizzazioni vogliono investire maggiormente rientrano nella sfera del knowledge management. Il 40% del campione ritiene prioritario investire nei portali d impresa e nelle reti Intranet, il 31% negli strumenti di business intelligence, il 20% nella gestione dei documenti e il restante 9% nelle soluzioni per la condivisione di informazioni/conoscenze. L ICT in azienda non è più un centro di costo ma bensì un investimento strategico finalizzato ad ottenere maggiore competitività sul mercato. Di conseguenza, in azienda chi è responsabile della pianificazione strategica aziendale non si dovrà più occupare solo ed esclusivamente di rilevare che la «tecnologia» funzioni ma avrà anche e soprattutto il compito di dimostrarne un ritorno sugli investimenti (Roi). ROI e tecnologia abilitante per il knowledge management Quando in azienda si decide di pianificare un progetto di knowledge management risulta di vitale importanza essere in grado di calcolarne il ritorno sugli investimenti tecnologici. Generalmente identificare gli obiettivi di business per valutare il ritorno sugli investimenti tecnologici dei progetti di KM è il primo passo per migliorare l efficienza operativa. Coinvolgere, poi, la divisione finanziaria, insieme a quella IT, nella definizione della metodologia e nell analisi del ROI, permette di creare un linguaggio comune, uno standard. A livello aritmetico il Roi calcolato su progetti di knowledge management è definito come il rapporto tra la differenza dei Ricavi/Benefici di progetto con i costi del progetto e gli stessi costi complessivi per progetto; in formula: ROI = (Ricavi di KM - Costi di KM)/Costi di KM. In quest ottica, il calcolo del ROI sarà di più facile applicabilità se il progetto di KM sarà tanto più gestito seguendo la logica della catena del valore e di conseguenza della gestione/organizzazione per processi. Infatti, in questo modo sia i costi sia i ricavi d investimento possono essere facilmente allocabili nella catena del processo produttivo. Considerando questa tipologia di progetti come investimenti a lungo termine è ipotizzabile che un Roi pari ad un valore di 0,5 raggiunto nei primi due anni dall avvio del progetto costituirebbe già un buon risultato. In questo caso l impresa in questione potrebbe apprezzare risultati in termini di: risparmi di tempo produttivo (riduzione dei costi per la gestione degli errori, riduzione delle attività duplicate, maggior rapidità di accesso alle informazioni desiderate, ); aumenti di produttività (maggiore rapidità di sviluppo dei prodotti abbinati ad una maggior motivazione ed impegno da parte dei lavo- 33

4 Informatica Gestione di progetti ratori, riduzione dello sforzo per ciascuna attività, ecc ); maggior innovazione (maggiore sviluppo di idee e creazione di maggiori opportunità, riduzione dell inefficienza, ). Knowledge management: la storia di un intuizione aziendale Il presidente di una multinazionale americana, leader nel settore degli elettrodomestici si convinse che sarebbe stato possibile trasformare l enorme esperienza e conoscenza aziendale in un reale e tangibile valore di mercato per poter essere sempre più competitivi ed innovativi. Intorno a sé, ogni giorno, vedeva i propri colleghi e collaboratori perdere tempo prezioso nella ricerca di informazioni urgenti, deciso a porre fine a tanto spreco, il presidente condivise le sue preoccupazioni con un piccolo gruppo di collaboratori e assegnò loro il compito di verificare se quell immenso capitale dell azienda, costituito dalla conoscenza, potesse essere catturato, conservato e reso accessibile ad una più vasta utenza in un ambiente protetto e produttivo ed interattivo. Tre gli elementi chiave inderogabili concordati: 1) qualsiasi proposta scaturisse da tale valutazione doveva essere globale sia in termini di sviluppo che di implementazione; 2) i costi di progettazione sarebbero stati sostenuti dal Presidente stesso per i primi due anni (nella fase di valutazione e sperimentazione) ma avrebbero dovuto essere trasferiti al business nel minor tempo possibile a testimonianza di un coinvolgimento più ampio da parte della dirigenza aziendale, nonostante la sponsorship del maggiore livello aziendale; 3) il progetto avrebbe elaborato un accurata analisi coinvolgendo il maggior numero di collaboratori. L ultimo punto venne deciso sulla base di una precisa richiesta del gruppo che, visto l argomento estremamente vago, frutto della ferrea volontà di un singolo, e dello scetticismo usuale dell organizzazione verso elementi troppo nuovi, a volte filosofici o comunque teorici, non desiderava passare attraverso le forche caudine di un lancio globale, supportato dalle funzioni più strategiche per poi, dopo la fase di valutazione, concludersi in un mega fallimento. Il gruppo di lavoro costituitosi disegnò un piano d azione a quattro fasi per poter rispondere all esigenza e richiesta del proprio presidente (Tavola 1). Le quattro fasi del piano d azione Prima di ogni altro elemento venne identificato il perché un azienda globale, dinamica e innovativa dovesse affrontare un lavoro enorme di raccolta e distribuzione delle informazioni aziendali e vennero quindi listati i benefici di produttività e crescita che ne sarebbero derivati. I componenti del gruppo sapevano che senza una lista di benefici credibili e misurabili in termini di Tavola 1 Piano d azione a quattro fasi 34

5 valore e business il progetto non avrebbe avuto nessuna possibilità di successo, anzi, nessuna possibilità neanche per un momento di attirare l attenzione del personale aziendale a qualsiasi livello. Venne poi effettuata un accurata analisi e valutazione dell ambiente culturale, organizzativo, gestionale e tecnico dell azienda al momento dello start-up del progetto al fine di identificare al meglio il cosa: quali conoscenze ed argomenti dovevano essere raccolti o perlomeno con quale priorità, quali gli strumenti di condivisione ed interazione, che i collaboratori aziendali avrebbero potuto utilizzare in maniera veloce ed efficace, chi erano i providers eccellenti di tali informazioni e quali gli users a livello globale, quale era il loro processo di condivisione di conoscenza e quali gli spazi di miglioramento e così via. Il piano di azione così delineato terminava con un dettaglio del come (vera e propria sequenza di attività e loro tempistica e chi (cioè con quali risorse coinvolte ed i relativi costi). Gli incaricati della realizzazione del knowledge management attraverso interviste, focus groups e attività di coinvolgimento interne identificarono i 3 argomenti con i quali iniziare a testare il processo di KM abbozzato e ne mapparono i contenuti: Customer Insight, Innovation, Finance. Il processo di raccolta, organizzazione e condivisione in ambiente web venne chiamato K2K (Knowledge to Knowledge) al fine di raffigurare il continuo passaggio/scambio di conoscenza (da tacita ad esplicita, da persona a persona, da conoscenza ad azione). Il gruppo infatti aveva nel frattempo deciso di testare l utilizzo dell infrastruttura, dei contenuti e degli strumenti identificati in un ambiente virtuale per poi passare, in un secondo momento, al test e supporto dello scambio della conoscenza più tacita e personale in ambiente non virtuale. Nei mesi successivi vennero coinvolte e reclutate altre persone interne all organizzazione, le resero regionalmente responsabili della categoria o meglio della Practice Area a cui erano stati assegnati dal business stesso e con loro iniziarono a costruire il primo sistema knowledge management on-line, contenente depositi di contenuti statici, database operativi e strumenti di interazione tra users quali, ad esempio: un database globale di curriculum registrati e gestiti dagli stessi utilizzatori; un database globale di progetti gestiti autonomamente dai collaboratori aziendali; uno strumento informatico messo a disposizione degli utenti per cercare di risposte a domande ricorrenti o proporre nuovi quesiti in maniera anonima e non alla Comunità di Comunicazione Interna globale. Da quel momento il team iniziò una continua attività di comunicazione, con un grande sforzo in termini di tempo e di energia ma certi del fatto che solo portando gli utilizzatori davanti allo schermo, questi avrebbero cominciato a beneficiare realmente del sistema ed a dimostrare l efficacia del progetto stesso. Alcune settimane più tardi, il gruppo lanciava il nuovo design e il nuovo logo del sistema di knowledge management, che a quel punto del cambiamento veniva trasformato in «Know, Learn & Do». Al gruppo venne inoltre richiesto di definire la strategia globale di e-learning per guidare e lanciare il portale aziendale globale. L idea è che, nonostante siano fondamentali i metodi e-based di raccolta, organizzazione e condivisione delle informazioni a proposito di abitudini del consumatore, idee innovative, precedenti esperienze dei dipendenti attraverso pagine web o esperienze e lezioni apprese durante progetti, l effettiva trasformazione di queste informazioni e dati in conoscenza richiede necessariamente la presenza e l interazione delle persone. L attività di discussione, dialogo ed analisi di queste conoscenze è quello che trasforma numeri, statistiche e concetti in idee dal valore aggiunto, progetti, servizi o prodotti: l azione. Dunque tale progetto e sperimentazioni guidate hanno permesso al gruppo di supportare un profondo e robusto cambiamento culturale per facilitare una più veloce e più produttiva raccolta e distribuzione delle informazioni all interno della società. Bibliografia Armuzzi G., Costa P., «KM: da disciplina a metodologia organizzativa», Sviluppo & Organizzazione, Febbraio Copeland T, Koller K., Murrin J. Valuation: measuring and managing the value of companies, Mckinsey & Co Inc., New York Davenport T. H., Prusak L., Working knowledge: how organizations manage what they know, Harvard College, USA, Jacono G, L organizzazione basata sulla conoscenza - Verso l applicazione del KM in azienda, Franco Angeli, Milano, Hansen M., Nohria N., Tierney T., «What s your strategy for managing knowledge», Harvard Business Review, articoli March-April, Sorge C., Gestire la conoscenza. Introduzione al knowlege management, Sperling & Kupfer Editori, Milano,

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Il KM nell economia della conoscenza Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Giovanni Marrè Amministratore Delegato it Consult Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, 5

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Fondamenti di Knowledge e Business Process Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Business Process Management input Competenze individuali Fattori Tecnologici PROCESSO Competenze

Dettagli

Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult

Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult Capitolo 5: Una software house che fornisce applicazioni per il Knowledge Management: it Consult 5.1 Il profilo di it Consult It Consult è una software house fondata nel 2001 ad Urbino dall amministratore

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

L Introduzione del Knowledge Management in Azienda

L Introduzione del Knowledge Management in Azienda L Introduzione del Knowledge Management in Azienda Giovanni Marrè (Amministratore Delegato it Consult) La condivisione di conoscenza è un fatto assolutamente volontario, che non si ottiene solo perché

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire. ECM solutiondoc Enterprise Content Management inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.it Cos è SolutionDOC SolutionDOC : ECM (Enterprise Content Management

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Soluzioni efficaci di Knowledge Management

Soluzioni efficaci di Knowledge Management S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 11 MEETING NAZIONALE EVOLUZIONE DEI SERVIZI PROFESSIONALI DELLA CONSULENZA (R)INNOVARE LO STUDIO Soluzioni efficaci di Knowledge Management Dott. STEFANO

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione del vostro business. Famiglia IBM System i

Soluzioni innovative per la semplificazione del vostro business. Famiglia IBM System i Soluzioni innovative per la semplificazione del vostro business Famiglia IBM System i Caratteristiche principali E una piattaforma dalle prestazioni elevate, che offre alta affidabilità e sicurezza, per

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

FRANCHISING E CATENE DI

FRANCHISING E CATENE DI Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Soluzione di GESTIONE DOCUMENTALE. Passato presente

Soluzione di GESTIONE DOCUMENTALE. Passato presente www.vmsistemi.it Soluzione di Passato presente La soluzione per la gestione elettronica dei documenti, dei processi aziendali e la conservazione sostitutiva Dall era cartacea all era digitale Ogni anno

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fare Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fareretail è una soluzione di by www.fareretail.it fareretail fareretail è la soluzione definitiva per la Gestione dei Clienti e l Organizzazione

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

CAPITOLO 3: METODOLOGIE A SUPPORTO DEL KNOWLEDGE MANAGEMENT BASATE SULLA TECNOLOGIA: IL CASO IT CONSULT

CAPITOLO 3: METODOLOGIE A SUPPORTO DEL KNOWLEDGE MANAGEMENT BASATE SULLA TECNOLOGIA: IL CASO IT CONSULT CAPITOLO 3: METODOLOGIE A SUPPORTO DEL KNOWLEDGE MANAGEMENT BASATE SULLA TECNOLOGIA: IL CASO IT CONSULT 1. INTRODUZIONE Obiettivo di questo capitolo è di approfondire l esame delle metodologie basate sulla

Dettagli

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR La valutazione del personale Come la tecnologia può supportare i processi HR Introduzione Il tema della valutazione del personale diventa semprè più la priorità nella gestione del proprio business. Con

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

Una storia di successo: Alpitel

Una storia di successo: Alpitel Una storia di successo: Alpitel La suite applicativa People Talent conquista l'azienda italiana, leader nello sviluppo e nella realizzazione di reti ed impianti per le telecomunicazioni. L esigenza La

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

Indice. Buongiorno, e grazie del Suo interesse. Sta cercando una soluzione? Possiamo fornirla noi.

Indice. Buongiorno, e grazie del Suo interesse. Sta cercando una soluzione? Possiamo fornirla noi. italiano Indice Introduzione e quadro d insieme Pag. 4-5 Integrazione gestionali Dynamics Pag. 6-7 E-mail Management Pag. 8-9 Buongiorno, e grazie del Suo interesse. Sta cercando una soluzione? Possiamo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE WEB

GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE WEB I N F I N I T Y P R O J E C T GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE WEB GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE WEB Fino a non molto tempo fa la gestione delle trasferte e delle note spese avveniva con la compilazione

Dettagli

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo)

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo) INFORMATICA (1 2 3) Sono previsti diversi moduli di Informatica, ciascuno dei quali prevede un esame e l acquisizione di 5 crediti. Il modulo A fornisce competenze di base di informatica e di uso del personal

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

capitolo 3 LE LINEE GUIDA

capitolo 3 LE LINEE GUIDA capitolo 3 LE LINEE GUIDA Il presente capitolo illustra i principali elementi metodologici ed operativi che caratterizzano le Linee guida proposte per la valutazione dei prodotti didattici per l e-learning.

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. IBM and Business

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Marketing e Comunicazione: Promo-Pub-DM

Dettagli

SIxS - Soluzioni Informatiche per il Sociale

SIxS - Soluzioni Informatiche per il Sociale SOMMARIO Perché Gecos 3 Principali caratteristiche del software 4 Gestione Personale 6 Dati anagrafici 6 Rapporto di lavoro 7 Assegnazioni 8 Situazione debiti-crediti ore 9 C.V. Corsi di Formazione - Gestione

Dettagli

ricapitolazioni TEMI& LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO 2. Documenti e Materiali Introduzione E-learning

ricapitolazioni TEMI& LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO 2. Documenti e Materiali Introduzione E-learning LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO Le relazioni di seguito riportate costituiscono la documentazione di riferimento, sottoposta all attenzione degli organi competenti, nella fase di discussione

Dettagli

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET Coelda.NET Gestione Documentale.NET Cos è Gestione Documentale.NET? Gestione Documentale.NETè un programma che permette la creazione, l archiviazione e la gestione rapida e completa di un qualunque tipo

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti

7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti Report gratuito 7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti Il volume di informazioni da gestire cresce a un ritmo esponenziale. Senza un efficace sistema di gestione

Dettagli

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa LibrERP in sintesi LibrERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Integrazione ed elaborazione di dati real-time

Integrazione ed elaborazione di dati real-time 76 Integrazione ed elaborazione di dati real-time Le nuove tecnologie dell automazione hanno permesso di acquisire e rendere disponibili enormi quantità di segnali. Spesso risulta complesso utilizzare

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Benvenuti. Claudio Cancelli. Mnemosyne

Benvenuti. Claudio Cancelli. Mnemosyne Metodologie di Redazione di Manuali e Procedure aziendali Benvenuti Claudio Cancelli Mnemosyne 1 Introduzione al Knowledge Management Funzioni centrate della comunicazione Strumentale (ottenere qualcosa)

Dettagli

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria La suite a supporto dell Associazione di Categoria che si rinnova Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu L evoluzione delle associazioni

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB PRESENZE WEB Presenze Web èlasoluzione ideale per l azienda che vuole automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati di presenza del personale.

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

Presentazione Azienda

Presentazione Azienda Un esperienza vincente di integrazione del sistema di organization intelligence con SAP Edoardo Gentili Resp. Sistemi informativi, Scavolini S.p.A. Presentazione Azienda La Scavolini nasce a Pesaro nel

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

IL CRM di Platinumdata

IL CRM di Platinumdata IL CRM di Platinumdata Cos è un CRM? Il Customer relationship management (CRM) o Gestione delle Relazioni coi Clienti è legato al concetto di fidelizzazione e gestione dei clienti. Attualmente il mercato

Dettagli

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS 1 DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunicazione Interna) Bruno Cocchi / (Direzione

Dettagli

Un esempio di modellazione di processo con josh. Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult

Un esempio di modellazione di processo con josh. Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult Un esempio di modellazione di processo con josh Pierpaolo Manzini Direttore Commerciale, it Consult Agenda it Consult: presentazione e posizionamento strategico Approccio a Knowledge, Workflow e Document

Dettagli

3. I vantaggi della condivisione immediata delle informazioni con i clienti e i dipendenti: il caso Adecco Italia

3. I vantaggi della condivisione immediata delle informazioni con i clienti e i dipendenti: il caso Adecco Italia 3. I vantaggi della condivisione immediata delle informazioni con i clienti e i dipendenti: il caso Adecco Italia Davide Brembati 1 Il caso Adecco Italia è emblematico di come la digitalizzazione dei processi

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework è la base di tutte le applicazioni della famiglia Infinity Project

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta

ALYANTE Enterprise. Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta ALYANTE Enterprise Il sistema ERP più flessibile, nella sua versione più evoluta Con l esperienza del canale ACG per gestire Dimensione e Complessità aziendale 1 Indice TeamSystem 2 ACG 4 POLYEDRO 6 ALYANTE

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV permette di concentrarvi sulla vostra attività

Microsoft Dynamics NAV permette di concentrarvi sulla vostra attività Microsoft Dynamics NAV SielteCloud + Microsoft Dynamics NAV permette di concentrarvi sulla vostra attività Segue il vostro ritmo di crescita, accresce la vostra forza e ottimizza le risorse a disposizione,

Dettagli

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 INTRODUZIONE Gran parte del patrimonio informativo di una organizzazione risiede in insiemi

Dettagli

PIANIFICAZIONE TURNI WEB

PIANIFICAZIONE TURNI WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PIANIFICAZIONE TURNI WEB Nel corso degli anni i settori di attività nei quali si utilizzano i turni di lavoro sono costantemente aumentati e, nello stesso tempo, sono aumentate

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata Tutti noi prendiamo decisioni, facciamo valutazioni, pianifichiamo strategie basandoci sulle informazioni in nostro possesso. Il tempo è una risorsa preziosa, ottimizzarlo rappresenta un obiettivo prioritario.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Knowledge Management. Sistemi Informativi 08/05/12. Introduzione (1/2)

Knowledge Management. Sistemi Informativi 08/05/12. Introduzione (1/2) Knowledge Management Concetti base e tecnologie Chianese Angelo Introduzione (1/2) La capacità delle moderne organizzazioni di creare valore ed innovazione è sempre sempre più fortemente dipendente dalla

Dettagli

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM Customer Relationship Management Cosa vuol dire CRM? L espressione significa letteralmente gestione

Dettagli

www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534

www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA applicazioni WEB Gestore di Portali

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 Sicuritalia: quadro di una realtà innovativa Sicuritalia è leader in Italia nel settore della sicurezza

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Fabrizio Amarilli Fondazione Politecnico di Milano amarilli@fondazionepolitecnico.it Brescia, 6 maggio 2009 2009 - Riproduzione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese

ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese 1 Indice TeamSystem 2 POLYEDRO 4 ALYANTE Start 8 Accessibilità, collaboration e funzionalità condivise 11 Aree funzionali

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli