Pubblicazioni. E-Learning: nuovo orizzonte. nella formazione continua e nel knowledge management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazioni. E-Learning: nuovo orizzonte. nella formazione continua e nel knowledge management"

Transcript

1 Pubblicazioni di Francesco Tarantini E-Learning: nuovo orizzonte nella formazione continua e nel knowledge management La rivoluzione apportata con l avvio del progetto ECM da parte del Ministero della Salute ha posto tutti i professionisti che gravitano in ambito sanitario dinanzi ad un dilemma angosciante: come conseguire i Crediti Formativi (CF) previsti dal piano relativo alla mia professione? Come seguire i corsi di aggiornamento e nel contempo svolgere la professione? Ebbene una probabile risposta a tutto questo potrà venire dall utilizzo delle tecnologie informatiche multimediali per la formazione e l aggiornamento, in una parola l elearning. Un rinnovato e più incisivo ruolo dell infermiere nel contesto sanitario richiede un professionista adeguato a questo scopo; l adeguatezza passa necessariamente da una formazione che consenta il consolidamento e/o l acquisizione delle nuove tecniche e tecnologie, nonché lo sviluppo di una conoscenza e cultura professionale adatta a tale contesto. Quali sono i soggetti, le cosiddette Agenzie Formative, coinvolte nel percorso formativo dell infermiere, in poche parole chi forma l infermiere? Ritengo di poter affermare senza tema di smentita che le principali agenzie formative siano: Università Istituzioni e aziende sanitarie Federazione e Collegi IPASVI Associazioni di categoria Sindacati Si capisce bene quindi come sia rilevante, oserei dire fondamentale, la capacità delle Agenzie Formative di essere in grado, accanto a metodologie didattiche più tradizionali, di impostare strategie di insegnamento/apprendimento anticipatrici e innovatrici per la creazione di un professionista che sappia trasporre la competenza disciplinare nel contesto operativo, con una capacità di rinnovamento continuo e in sintonia con la crescita e lo sviluppo che caratterizza la società odierna. 53

2 so dalla RAI un programma volto all alfa- Fino a qualche anno fa non si trovavano betizzazione di massa (se non ricordo che poche pagine sparse qua e la per la male dal titolo: Non è mai troppo tardi ) rete, essenzialmente negli USA, mentre ovvero permettere anche agli adulti adesso un motore di ricerca come ormai fuori dai circuiti scolastici ed Altavista (www.altavista.com) restituisce educativi di imparare a leggere e scrivere; attualmente la televisione offre dei circa siti sull argomento. Investigando ulteriormente per capire percorsi formativi (si veda a tal proposito la produzione del Consorzio Nettuno) quando siano state pubblicate queste pagine (in termini ovviamente statistici e mediante la diffusione di corsi universitari; sino alle attuali teleconferenze satelli- non assoluti), come previsto, il 90% circa è stato pubblicato fra il 2000 e il tari in grado di riunire virtualmente Ovviamente la stessa ricerca e indagine, attorno allo stesso tavolo persone di ogni ristretta al solo ambito italiano (www.google.it) ha dato un risultato altrettanto sor- conoscenze e scambiare informazioni. parte del pianeta al fine di condividere prendente: circa pagine in italiano Il CBT, ossia l utilizzo del computer come contengono al loro interno il termine tecnologia didattica di auto-istruzione elearning o suoi consimili (e-learning, viene applicato inizialmente in ambito E-Learning, e learning, ecc.). informatico (p. es. addestramento all uso Questo fa capire come l elearning sia uno di Hardware e Software), oppure in funzione di supporto nell apprendimento strumento, una tecnologia, una metodologia didattica assolutamente nuova ma che delle lingue straniere, o nell ambito di è stata in grado di diffondersi e svilupparsi in maniera esponenziale. quindi, risulta essere l integrazione di progetti formativi aziendali. L elearning, L e-learning nasce dall integrazione di questi due metodi: FaD + CBT. due diverse tipologie didattiche: Lo sviluppo e la diffusione dei supporti Formazione A Distanza (Fad) ottici per l archiviazione e la distribuzione dei dati, ovvero i CD-ROM, e di con- Computer Based Training (CBT) La FaD segue l evoluzione delle tecnologie di comunicazione, per cui passiamo sti ultimi al posto di dispense cartacee, seguenza la possibilità di distribuire que- dai corsi per corrispondenza (chi non può essere considerato un primo metodo ricorda la famosa Scuola Radio Elettra ), di applicazione dell elearning, ma è all utilizzo della radio e della televisione - soprattutto con la diffusione di massa di dai primi anni 60 quando veniva trasmes- Internet e del WWW che il fenomeno ini- 54 zia ad assumere un importanza e un inte-

3 resse particolare per le aziende specializzate nello sviluppo di software dedicato. La possibilità offerta dalla rete di diffondere e distribuire su larga scala - e a costi particolarmente competitivi - informazioni e dati, unita alla possibilità a livello tecnico-informatico di tracciare e controllare l utenza, quindi di seguire sotto tutti gli aspetti i discenti, apre nuovi orizzonti nell ambito della didattica e della formazione on line. Tutti noi conosciamo la rapidità con la quale le tecnologie informatiche e multimediali, si evolvono e crescano. Un termine di paragone fra i più frequenti è che se le tecnologie legate ai trasporti si fossero evolute tanto velocemente quanto l informatica, oggi andare e tornare da Marte sarebbe facile tanto quanto prendere un aereo per un viaggio intercontinentale. Ancor più sorprendente è stato lo sviluppo e la diffusione di Internet. Basti pensare che per raggiungere 50 milioni di utenti la radio ha impiegato 38 anni, la televisione 13 anni, i personal computer anomalo, che di qui a qualche anno si assisterà ad una flessione nel numero dei PC connessi alla rete a vantaggio di tutti quei nuovi dispositivi (cellulari, palmari, elettrodomestici ) che consentiranno di ottenere, tramite la loro connessione alla rete, delle prestazioni in termini di applicazioni nella vita quotidiana a dir poco sorprendenti. P.F. Drucker già nel 1993 affermava che la chiave del successo di un azienda consiste non tanto nel suo personale o nel suo capitale, quanto nella capacità di gestire le conoscenze/competenze aziendali. Questo vale sia a livello aziendale ma anche se applicato ad un contesto professionale personale. In un contesto di mercato del lavoro sempre più orientato alla qualità, come si suol dire all eccellenza, sarà necessario per il professionista infermiere (come per le aziende sanitarie e ospedaliere) poter garantire un percorso formativo in grado di mantenere il livello di aggiornamento ai massimi livelli. Questo comporterà un aumento delle risorse destinate alla formazione 16 anni, mentre Internet in soli 4 anni ha ma, contemporaneamente, festeggiato i suoi cinquanta milioni di utenti connessi (fonte: NUA, Morgan Stanley). Questi risultati sorprendenti in termini di penetrazione del mercato hanno portato le aziende produttrici di hardware e software a sviluppare continuamente nuovi dispositivi in grado di connettersi alla rete. Si prevede infatti, e ad una prima lettura questo dato può apparire costringerà alla ricerca di nuove e più dinamiche soluzioni in grado di consentire questi processi. Subentreranno quindi problemi legati alla valutazione economica del momento formativo più di quanto non accada ora. In ogni ambito professionale, e a maggior ragione in quello della sanità, le esigenze di aggiornamento e formazione si stanno spostando da esigenze occasiona- 55

4 li (o just in case) a esigenze di formazione se, in poche parole i tempi morti, soprat- permanente, di aggiornamento tutto in un contesto di de-localizzazione costante anche nella gestione delle competenze e conoscenze aziendali. L elearning permette una estrema semplificazione grazie alla gestione automatica delle informazioni, garantendo nel contempo un notevole risparmio sui costi organizzativi e logistici visto che un modulo formativo può essere utilizzato più volte; prendiamo in considerazione una struttura ospedaliera: per consentire la partecipazione ad un corso di aggiornamento obbligatorio interno per 50 persone occorre calcolare: il costo della struttura, il costo del formatore (proporzionalmente alle giornate di docenza), il tempo sottratto alla produttività del personale in formazione, e così via. Ovviamente se dopo poco tempo si devono formare altre 50 persone sullo stesso argomento occorrerà sostenere nuovamente queste spese per intero; e così via per tutte le volte che si dovrà ripetere il momento formativo. Con la realizzazione di un modulo formativo mediante una piattaforma di elearning tutto ciò non sarà necessario se non in minima parte in quanto il docente non dovrà essere nuovamente pagato, il costo della struttura non esisterà più e così via. Un altro elemento da prendere in considerazione sono le modificazioni degli delle aree di lavoro e di globalizzazione delle informazioni, vengono by-passati dalla possibilità di erogare i contenuti formativi rendendoli accessibili 24/24 ore per 7/7 giorni da qualunque luogo e in qualunque situazione. Senza dubbio l introduzione di queste nuove tecniche didattiche porterà all esigenza di aumentare le competenze in ambiti nuovi e diversi come quelli dell informatica e delle tecniche multimediali. Questo è uno dei punti più delicati quando si parla di formazione moderna. Da una parte l elearning richiede nuove e maggiori competenze nel campo dell Information Technology, dall altra la velocità di aggiornamento delle informazioni in rete permette di rispondere adeguatamente all accorciarsi della vita media delle competenze, fenomeno che si evidenzia sempre più nel panorama del lavoro. Qualche decennio fa una persona acquisiva delle conoscenze in ambito lavorativo che gli sarebbero servite per il resto della propria vita lavorativa, oggi apprendere una tecnica, una procedura, può tornare utile, forse, per un paio di anni (fonte Merryl Linch). De Kerkhoeve e altri ricercatori hanno dimostrato come si siano attuate profonde modificazioni nelle modalità cognitive ovvero nelle stili di vita: i lunghi spostamenti, le atte- 56 modalità e negli stili di apprendimento.

5 È interessante notare come nell ambito della formazione aziendale e professionale vi sia una notevole similitudine fra la scuola costruttivista e i punti focali su cui converge l elearning: collaborative learning, learning by doing, discussione critica, controllo costante degli skills assessment ecc. Ovviamente qualcuno potrebbe obiettare che non è chiaro se è l elearning ad essere costruito sull esigenza o se in realtà alcune scuole di pensiero stiano creando esigenze e ricerche metodologiche in funzione dell evoluzione (scontata) delle tecnologie didattiche Comunque sia il risultato finale sarà sicuramente uno sviluppo sempre maggiore di questa tecnologia. Analizziamo alcune caratteristiche che possono condizionare il buon esito e l efficacia di un progetto di e-learning. Modalità di apprendimento: Apprendimento Sincrono: ovvero il docente eroga la lezione e il discente in tempo reale ne fruisce. Apprendimento Asincrono: il docente mette la lezione a disposizione del discente che ne fruisce in momenti diversi. Apprendimento Cooperativo: si ha la possibilità di interagire con altri discenti collaborando, attuando lavori d equipe, in una parola, socializzando. Apprendimento Individuale: ovvero il discente fruisce singolarmente del momento formativo senza interagire con altri colleghi. Se ne deduce che in linea di massima la lezione in aula sarà sicuramente di tipo sincrono/cooperativo mentre l elearning dovrebbe essere di tipo asincrono/individuale. In realtà il punto di forza di una piattaforma per l elearning deve essere proprio quello di integrare le diverse modalità di apprendimento riuscendo ad erogare momenti formativi in grado di favorire la collaborazione, l apprendimento cooperativo, il lavoro d equipe e la socializzazione. Vediamo ora alcuni dei requisiti principali che bisognerà chiedere alla piattaforma scelta per la progettazione della nostra soluzione di elearning. La prima caratteristica da valutare (sia in fase di scelta della piattaforma, sia in fase di progettazione del corso) deve essere la Modularità. Questo permetterà innanzitutto di ottimizzare a livello economico i costi di realizzazione dei corsi successivi. Quando parliamo di modularità parliamo, in primis, della strutturazione in blocchi diversi. Questi blocchi avranno innanzitutto una differenziazione circa il media usato, poichè un corso richiederà vari media: web, audio, video, materiale cartaceo, e così via. Un ulteriore differenziaione dei blocchi potrà essere relativa alla qualità e accessibilità dell informazione: viene cioè lasciata la possibilità di accessi differenziati e personalizzati ai diversi blocchi. Un esempio a mio avviso molto chiarificante è il seguente: immaginate di dover 57

6 sviluppare un corso di cucina, se all interno della lezione I risotti parlate del rittura potremo forse parlare di ricavi che non parliamo più di costi, ma addi- soffritto senza strutturarlo sotto forma Dovrà prima di tutto permetterci di gestire le informazioni all interno di un di modulo a se stante, qualora vi venisse poi chiesto di realizzare la lezione sui Database, è questa infatti la parte più Condimenti e sughi non sarà immediatamente utilizzabile se non con modifi- del database è uno dei punti più critici importante; una corretta organizzazione che e quindi con costi ulteriori. Sarebbe dell intera progettazione. Le sue caratteristiche fondamentali dovranno essere: opportuno invece strutturare il modulo completamente a se stante, in modo da possibilità di aggiornamento con contenuti anche non omogenei rispetto al poterlo utilizzare immediatamente e senza ulteriori modifiche/costi. materiale di partenza; consentire un L altro aspetto della modularità dovrà accesso personalizzato e differenziato in riguardare la valutazione dello stato di funzione delle modalità d uso; le informazioni devono essere rese disponibili apprendimento, consentendo la possibilità di modificazioni in corso d opera. in modo ragionato e non dispersivo. Infine un aspetto non trascurabile è quello relativo ai costi. L uso di media diverre il Testing (verifica) del discente: la Dovrò poi avere la possibilità di effettuasi e la presenza di contenuti diversi porterà a dei costi diversi. Un eventuale re un duplice ruolo, valutazione per il verifica dell apprendimento deve svolge- acquirente potrebbe decidere di acquistare solo certi moduli e non un corso obiettivi; fornire al discente il suo livello docente/azienda della distanza dagli nella sua interezza. E qui si introduce un di avanzamento. Se ne deduce quindi nuovo concetto: abbiamo sempre pensato al corso di formazione o aggiornare immediatamente la valutazione, deve che gli strumenti di testing devono fornimento come un qualcosa di interno alla quindi essere continuo, di conseguenza è nostra azienda e destinato, quasi sempre, necessario strutturare i contenuti in ai soli dipendenti quindi in termini - modo tale che ogni passaggio sia verificato. Dovrò avere poi la possibilità di badate bene - meramente economici, contabili: aggiornamento = costo. creare e gestire delle Comunità Virtuali. Se invece il nostro progetto di formazione e aggiornamento è sviluppato attra- progetto di elearning ha il duplice scopo La comunità virtuale all interno di un verso l elearning, possiamo rivenderlo ad di offrire uno strumento didattico per lo un altra azienda interessata, capite bene 58 svolgimento di determinati compiti, e di

7 fornire un aiuto nella comprensione e nella familiarizzazione con l ambiente virtuale. Le modalità di svolgimento e creazione possono essere diverse, sia sincrone che asincrone (per. es. asincrono: forum, mailing list; sincrono: chat). Queste comunità virtuali ci permetteranno poi di organizzare, per esempio, dei gruppi di studio sia guidati che spontanei (anche se in quest ultimo caso è opportuno che un tutor ne segua lo svolgimento magari in ascolto passivo ). Dovrò poi avere la possibilità di creare del avere un ottima conoscenza dei materiali presenti nel database oltre che, ovviamente, una completa padronanza degli strumenti informatici. In linea di massima sarà un assistente del docente o un responsabile del settore oggetto del corso relativo al progetto di formazione e aggiornamento (dovrà quindi essere formato prima dell inizio del corso). In conclusione un rapido accenno ai costi. Abbiamo visto che molteplici figure - e professionalità - sono coinvolte nello sviluppo e nella realizzazione di un progetto materiale aggiuntivo elearning (il (per permettere degli approfondimenti) oltre allo stretto indispensabile per il corso. Questo è uno dei punti caratterizzanti l elasticità dell elearning perché, attraverso questo materiale di approfondimento, è infatti possibile strutturare percorsi differenziati. Il materiale potrà essere ricavato dai dati presenti nel database e organizzato in funzione del modulo che si sta sviluppando, oppure essere totalmente nuovo. Dovrà comunque essere curato dai docenti. Per ultimo non per importanza, anzi tutt altro il Tutoring. Il tutor dovrà essere una figura di riferimento fondamentale per i discenti. Sarà coinvolto sin dal principio nella programmazione del corso, con particolare riferimento per esempio alla strutturazione degli docente, i tutors, il grafico, il regista, eventualmente degli attori per il video, lo speaker, ecc.) anche in relazione ai media utilizzati, di conseguenza i costi per la realizzazione saranno direttamente proporzionali. Sviluppare dei momenti formativi con tale metodologia ha un costo che in taluni casi può essere anche superiore alla metodologia tradizionale; è opportuno quindi effettuare una attenta analisi, pianificazione, valutazione al fine di definire i margini di convenienza - per ogni singolo progetto all'interno di ogni singola azienda - entro cui è conveniente utilizzare tale metodologia per la formazione e aggiornamento del personale, ovvero bisogna prestare molta attenzione a non creare/crearsi delle false illu- approfondimenti, di conseguenza dovrà sioni sull utilizzo dell'elearning

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning: Metodi e Strumenti Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning Definisce metodi/strumenti di apprendimento con cui si trasferiscono le conoscenze a distanza: spaziale e/o temporale

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

applicazione strategica per le università

applicazione strategica per le università E-learning applicazione strategica per le università Enrico Cavalli Università degli Studi di Bergamo Strategie dell e-business Università degli Studi di Bergamo 5-6 giugno 2002 e-learning E-learning Distance

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

documento di progettazione Pagina 1

documento di progettazione Pagina 1 documento di progettazione Pagina 1 MASTER UNIVERSITARIO IN E-LEARNING Sommario 1. Introduzione e contesto - Finalità generali del corso - Titolo - Tema 2. Obiettivi - Macroobiettivo 3. Contenuti - Destinatari

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING CAPITOLO 2 DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING Il fenomeno dell e-learning rappresenta una ennesima tappa dell annoso tentativo di affrancare l apprendimento dalla contestualità spaziale e temporale.

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DI UN CORSO DEL CISCO NETWORKING ACADEMY

GUIDA ALLA SCELTA DI UN CORSO DEL CISCO NETWORKING ACADEMY PREMESSA Il presente documento ha la finalità di fornire indicazioni utili per scegliere un corso di formazione del Cisco Networking Academy ma la maggior parte delle indicazioni presenti possono essere

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità.

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. 4. Organizzazione L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. Di solito l organizzazione si riferisce soprattutto agli aspetti

Dettagli

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu 09 L Informatica nel mondo del lavoro Dott.ssa Ramona Congiu 1 L informatica in azienda Al giorno d oggi la quantità di informazioni in circolazione è talmente vasta che senza il supporto delle tecnologie

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

La formazione a distanza

La formazione a distanza Diap.: 1 La formazione a distanza Diap.: 2 La formazione a distanza ambiente formativo tecnologico comprensivo di forme di didattica adistanzaediapprendimentoonline Diap.: 3 permette una interazione tra

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Contesto promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning Obiettivi realizzazione di un sistema

Dettagli

Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat

Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat Come governare i processi formativi La formazione a distanza nell esperienza di Isvor Fiat Federica Garbolino - Area New Media La formazione per l innovazione- FORUM P.A. - Roma, 9 maggio 2002 14/05/02

Dettagli

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY Giugno 2010 Teleskill Learning Community Teleskill Learning Community è un portale on-line che consente al cliente di gestire

Dettagli

formazione professionale continua a distanza

formazione professionale continua a distanza formazione professionale continua a distanza Piattaforma formativainnovaforma.com Moodle 2.7 Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l apprendimento modulare,

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

How to START E-LEARNING

How to START E-LEARNING How to START E-LEARNING come INIZIARE Set-up di progetto e-learning AZIENDALE Premessa Per ogni azienda è oggi fondamentale riuscire a tradurre i cambiamenti in innovazione nel più breve tempo possibile.

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning 1 METHODY: the one stop shop solution for your e-learning projects La FAD (Formazione a Distanza) dopo anni di sperimentazione

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Organizzare l e-learning. learning in una Facoltà: l esperienza di Psicologia. Prof. G.Vidotto Dott. L. Filipponi Facoltà di Psicologia

Organizzare l e-learning. learning in una Facoltà: l esperienza di Psicologia. Prof. G.Vidotto Dott. L. Filipponi Facoltà di Psicologia Organizzare l e-learning learning in una Facoltà: l esperienza di Psicologia Prof. G.Vidotto Dott. L. Filipponi Facoltà di Psicologia Distance learning (DL) La definizione più elementare di apprendimento

Dettagli

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS Università di Padova La rendicontazione e le misure di accompagnamento nei percorsi IFTS 14 Marzo 2006 Università di Padova La rendicontazione negli IFTS Università di Padova Cosa cambia con e-learning

Dettagli

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE Con l edizione speciale di 30giorni di agosto è stato pubblicato il materiale didattico del corso Il benessere degli animali in allevamento. Lo stesso corso viene ora

Dettagli

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 FORMAZIONE INTEGRATA E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 1 TUTOR Bevilacqua Barbara Discenti: Giuseppe Marino Nadia Vincenzo 2 La scheda a fianco proviene dalla Svizzera; descrive le attitudini e le

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA Programma Operativo Nazionale 2007/2013 INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA del corso PON Didatec base D-5-FSE-2010-1 a.s. 2012-2013 Con la presente nota si vogliono fornire al Dirigente

Dettagli

Lifelong Learning: Med3 come modello di integrazione fra Università e Aziende Sanitarie marzo 2006 di Flavia Rubbi, Eugenia Rinaldi, Giampaolo Ricci

Lifelong Learning: Med3 come modello di integrazione fra Università e Aziende Sanitarie marzo 2006 di Flavia Rubbi, Eugenia Rinaldi, Giampaolo Ricci WBT.IT: E-Magazine - Lifelong Learning: Med3.http://www.wbt.it/index.php?risorsa=lifelong_learning 1 of 9 Introduzione Il Consorzio Med3 Se vuoi puoi inserire un commento a questo articolo nel forum del

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut

E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE I CORSI A.I.N.UT. A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut E-LEARNING NELLA FORMAZIONE DEI PROFESSIONISTI DELLA NUTRIZIONE A cura del Gruppo di Formazione A.I.Nut L AMBIENTE DI E-LEARNING DEI CORSI A.I.Nut Multimedialità, interattività, personalizzazione e differenziazione

Dettagli

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance «L e-learning è l istruzione di domani, il nuovo modo di studiare reso possibile

Dettagli

Lavorare in sicurezza. La Soluzione integrata per la formazione in materia di sicurezza sul lavoro

Lavorare in sicurezza. La Soluzione integrata per la formazione in materia di sicurezza sul lavoro Lavorare in sicurezza La Soluzione integrata per la formazione in materia di sicurezza sul lavoro In breve italiana d.o.c. open source requisiti di legge T.U.S.L. totalmente web based cross platform multi

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo Nuova Piattaforma Formazione a Distanza Le regole di utilizzo LA STRUTTURA DEI CORSI Il catalogo formativo prevede per ogni utente di Agenzia un percorso formativo determinato sulla base del ruolo NewAge

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Vassilios Papaspyropoulos Convegno ECM Professioni Sanitarie & ICT Sala Convegno Fondazione Il Faro

Dettagli

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning e-learning INAIL dai CBT al Collaborative Learning Elearning : direttive, linee guida e accordi 2000 Commissione Europea lancia l iniziativa: < E-learning Pensare l istruzione di domani > 2001 Direttiva

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA DIPARTIMENTO II Risorse Umane Ufficio Reclutamento Formazione e tempo Determinato

UNIVERSITÀ DI PISA DIPARTIMENTO II Risorse Umane Ufficio Reclutamento Formazione e tempo Determinato PIATTAFORMA E-LEARNING Overnet.it *** Obiettivo S7 *** Utilizzo dell'area di erogazione didattica come discente Per poter accedere alla piattaforma di e-learning è necessario accedere al sistema (www.overnet.it)

Dettagli

Profilo Professionale

Profilo Professionale Profilo Professionale Gestore Comunità Virtuali Roma 11 Settembre 2014 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità Certificata ISO 9001:2008 Certificata OHSAS 18001:2007 Finalità Nell ambito di un

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

L inglese nel web 2.0. Corsi online all ITSOS Una didattica sostenibile

L inglese nel web 2.0. Corsi online all ITSOS Una didattica sostenibile L inglese nel web 2.0. Corsi online all ITSOS Una didattica sostenibile Claudia Casapollo ITSOS Marie Curie claudia.casapollo@tes.mi.it Il concetto di didattica sostenibile, in un primo momento, rischia

Dettagli

UNIVERSITAS MERC ATORUM

UNIVERSITAS MERC ATORUM All. 4 Carta dei servizi Pag. 1 Carta dei servizi dell Università Telematica Universitas Mercatorum Art. 1- Premessa L Univeristà Telematica Universitas Mercatorum è costituita in seno al Sistema delle

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il Gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

L analisi dei fabbisogni formativi

L analisi dei fabbisogni formativi L analisi dei fabbisogni formativi 0 Premessa In un contesto come quello attuale di difficile congiuntura economica, la Formazione assume un ruolo strategico per le organizzazioni che vogliono essere competitive

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Pierfranco Ravotto ITSOS Marie Curie Via Masaccio 4 Cernusco sul Naviglio pfr@tes.mi.it Sommario La formazione in rete può avere

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Pillole formative e-learning

Pillole formative e-learning Pillole formative e-learning Amicucci Formazione Umberto Santucci Il problema della formazione Ci aspettano tempi duri (energia, ambiente, globalizzazione) Ci saranno meno risorse per la formazione Ma

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009

Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009 Virginia Alberti Porte Aperte sul Web Giornata Aperta 2009 IT Gentileschi 11 maggio 2009 Lo scenario della scuola ospedale Sempre piu spesso ogni istituto scolastico si trova a dover gestire casi di studenti

Dettagli

Introduzione e modello EAS

Introduzione e modello EAS Nr. modulo Titolo modulo formativo Descrizione argomenti trattati Competenze professionali in uscita 1 CORSO BASE PER 20 PERSONE DI 10 Lavorare con gli Episodi di Apprendimento Situato in classe. Progettazione,

Dettagli

Gestione Informatizzata del Personale Amministrativo

Gestione Informatizzata del Personale Amministrativo Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale delle risorse umane del Ministero, acquisti e affari

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi.

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Dal 1989 l informazione assicurativa indipendente Percorsi formativi di abilitazione

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori a cura di Patrizia Vayola Moodlemoot Italia 2006, Alessandria, 6-7 aprile 2006 Alcuni dati Cosa: utilizzo

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

La piattaforma e-learning dello IAL

La piattaforma e-learning dello IAL La piattaforma e-learning dello IAL Lo IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro della Campania è da sempre attento alle richieste formative e di aggiornamento che arrivano dai giovani e dal mercato del lavoro.

Dettagli