Marketing industriale e direzione d'impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing industriale e direzione d'impresa"

Transcript

1 Marketing industriale e direzione d'impresa Modulo di: KNOWLEDGE MANAGEMENT & VALUE CREATION (Frosinone oct-nov hours 2 CFU) PhD,MBA,PEng Francesco Rogo LEZIONE 1 1

2 DIREZIONE D'IMPRESA Contenuti del corso: - Corporate governance - La corporate governance della società per azioni. Il codice di autodisciplina. Modelli di corporate governance italiani e stranieri (anglosassone, renano, latino). Upper Echelon's Theory, Interlocking. Dinamiche di corporate governance in Italia comparate con quelle internazionali, sistemi di voto, teoria delle coalizioni, indice del potere di Shapley. - Clima organizzativo e cultura organizzativa - La comunicazione interpersonale - La negoziazione organizzativa - Il conflitto organizzativo, la geometria del negoziato, negoziato distributivo ed integrativo, la razionalità limitata, tecniche di vendita - Knowledge Management e Capitale Intellettuale - Innovazione e Creazione di Valore. Organizzazioni che apprendono, Knowledge creation ed Open Innovation. - Comunità di innovazione, misura del capitale intellettuale. - Gestione del cambiamento e leadership MARKETING INDUSTRIALE - Il marketing e Il comportamento d'acquisto del consumatore - La razionalità limitata del consumatore - L'ambiente del marketing e l'analisi delle serie storiche Materiale didattico: - Marketing Intelligence e tecniche di analisi statistica - Brand marco_greco/didattica/marketi - Pianificazione strategica del marketing e posizionamento - Ciclo di vita del prodotto ng-industriale-e-direzionedimpresa - Proprietà Intellettuale: Marchi, Brevetti, know-how, design - Sviluppo nuovo prodotto e determinazione del prezzo - La comunicazione organizzativa e la vendita - Web marketing, viral marketing, guerrilla marketing 2

3 Obiettivi del modulo: Obiettivi: Il modulo fornisce nozioni di natura teorica e pratica utili per la gestione di un'impresa e l esercizio della professionalità degli ingegneri gestionali. In particolare, mentre la prima parte del modulo è focalizzata sulla gestione della conoscenza, la seconda è orientata al processo di innovazione e gestione della proprietà intellettuale quale asset intagibile primario per la realtà industriale. DIREZIONE D'IMPRESA: Knowledge management, Knowledge process, Creatività MARKETING INDUSTRIALE: Innovation e value creation, Proprietà intellettuale, Management strategico della proprietà intellettuale Lezioni frontali: lun 7, gio 17, gio 24, gio 31, (_), mar 12, (_) mar 26 Assistenza Studenti: fine lezione, , ricevimento Bibliografia consigliata: - La Bella A., Capece G. (2012) «Manuale di Direzione d impresa» FrancoAngeli - Kotler, P (2007) «Marketing Management> XII edizione, Pearson-Prentice Hall - EPO - European Patent Office (2012) Patent teaching kit, freely available at EPO s website: 3

4 Name: Francesco Rogo Age: 41 Nationality: Italian Degree: Computer Science Engineering at La Sapienza University MBA: Business Engineering at Tor Vergata University PhD: Knowledge Management at Tor Vergata University Profile: 6 years in Marconi (a UK communications Company) Specialist in real-time embedded software Satellite communications and tactical data-link systems 8 years in Finmeccanica Spa (IT Aerospace & Defence) Security & Defence Product Policy Chairman of the Software Community (CoI) Current Positions: FINMECCANICA (Innovation & IP valorization) Group Intellectual Property Manager Technology Transfer, Spin Off / Start-Up Venturing & Tutoring Profile UNICAS ( MIDI - module of KMVC / ESI module of IPVM ) 4

5 Struttura del modulo: KNOWLEDGE MANAGEMENT KNOWLDGE PROCESSES why CREATIVITY & INNOVATION what INNOVATION & VALUE CREATION INTELLECTUAL PROPERTY IP STRATEGIC MANAGEMENT how

6 Lessons I-III LESSON I (3 hours) KNOWLEDGE MANAGEMENT (Mon 07.X.2013) Knowledge Management Intellectual Capital Knowledge gaps LESSON II (3 hours) KNOWLEDGE PROCESSES (Thu 17.X.2013) SECI model Knowledge processes Knowledge measurement LESSON III (3 hours) CREATIVITY (Thu 24.X.2013) Creativity and innovation Individual and Organizational creativity Improvement tools for creativity 6

7 Lessons IV-VI LESSON IV (3 hours) INNOVATION AND VALUE CREATION (Thu 31.X.2013) Knowledge and value creation Leaning organizations Communities of innovation LESSON V (3 hours) INTELLECTUAL PROPERTY (Tue 12.XI.2013) Intellectual property (patents, copyrights, know-how, design) How patents are used Searching for patents (exercise-part 1-intro / working groups) LESSON VI (3 hours) IP STRATEGIC MANAGEMENT (Tue 26.XI.2013) Relevance of IP Developing IP strategies Searching for patents (exercise-part 2-solution) 7

8 LA CONOSCENZA NELLA TEORIA D IMPRESA Rilevanza primaria della conoscenza sugli altri fattori di produzione CARATTERISTICHE PECULIARI: Immaterialità e difficile quantificabilità; Soggezione alle leggi dei rendimenti crescenti; Capacità di generarsi e rinnovarsi autonomamente; Dipendenza dagli individui e dai contesti di applicazione; Funzione di coordinamento e riconfigurazione degli altri fattori di produzione. 8

9 CONOSCENZA E TEORIA DELL INFORMAZIONE Soggezione alle leggi dei rendimenti crescenti; 9

10 EVOLUZIONE DEL RUOLO DELLA CONOSCENZA DYNAMIC CAPABILITIES KNOWLEDGE- BASED VIEW RESOURCE- BASED VIEW ECONOMIA DEI COSTI DI TRANSAZIONE 10

11 ECONOMIA DEI COSTI DI TRANSAZIONE Organizzazione Struttura di transazioni tra individui e gruppi Analisi statica Transazioni su beni tangibili Limitata considerazione delle competenze e delle risorse uniche dell impresa Scarsa attenzione alla conoscenza come fonte di vantaggio competitivo 11

12 RESOURCE-BASED VIEW Penrose (1959) Impresa Collezione di risorse Conoscenza come risorsa strategica Fonte di vantaggio competitivo Importanza delle capacità cognitive Apprendimento e fiducia Concentrazione su acquisizione e protezione di risorse critiche Scarsa attenzione su integrazione e coordinamento Focalizzazione solo sulla conoscenza esistente

13 DYNAMIC CAPABILITIES Vantaggio competitivo Teece, Pisano e Shuen (1997) Continuo sviluppo delle competenze Riconfigurazione delle risorse e delle capacità specifiche Importanza del rinnovamento di competenze e capacità Estensione in chiave dinamica della teoria precedente 13

14 KNOWLEDGE-BASED VIEW 1.cambiamenti economici Grant (2002) Rilevanza della conoscenza come fattore primario di produzione; Focalizzazione sui beni intangibili; Miglioramento della capacità di trasferire, conservare ed elaborare informazioni e conoscenza; Riduzione dei confini spaziali e temporali delle attività umane; Incremento della velocità di diffusione dell innovazione tecnologica. 14

15 KNOWLEDGE-BASED VIEW: 2.fondamenti 1. Ogni impresa possiede risorse e capacità specifiche; 2. Il vantaggio competitivo dipende dalla conoscenza dell impresa e dall abilità di integrare risorse interne ed esterne; 3. L essenza dell impresa consiste nell abilità di creare, trasferire, assemblare ed utilizzare i knowledge assets; 4. La gestione della conoscenza diventa fondamentale per il vantaggio competitivo. 15

16 KNOWLEDGE-BASED VIEW: 3.approfondimenti CONOSCENZA COME RISORSA PRIMARIA INTEGRAZIONE TRA OBIETTIVI STRATEGICI E GESTIONE DELLA CONOSCENZA IMPLEMENTAZIONE DELLE ATTIVITA DI GESTIONE DELLA CONOSCENZA NEI PROCESSI AZIENDALI IMPORTANZA DELLA MISURAZIONE RUOLO ABILITANTE DELLE TECNOLOGIE 16

17 PREMESSE AL KNOWLEDGE MANAGEMENT RISORSE INTANGIBILI DATI, INFORMAZIONE E CONOSCENZA CLASSIFICAZIONI DELLA CONOSCENZA CONOSCENZA E CAPITALE INTELLETTUALE 17

18 LE RISORSE UMANE COME GENERATRICI DI VALORE RISORSE UMANE Generano valore INTERNO ESTERNO Tangibile Intangibile Tangibile Intangibile Macchinari Know-how Prodotti Immagine Impianti Strumenti tecnologici (Cravera et al., 2002) Innovazione Cultura aziendale Relazioni con i clienti Brand awareness

19 LE RISORSE INTANGIBILI RISORSE TANGIBILI INTANGIBILI Competenze Relazioni Individuali Collettive Individuali Collettive Conoscenze Database Reputazione Reputazione Capacità Capacità Lealtà Lealtà Atteggiamenti (Cravera et al., 2002) Cultura Relazioni Interpersonali Relazioni Interpersonali

20 CONOSCENZA DATI INFORMAZIONE = ƒ (DATI, CONTESTO, IDEE) INFORMAZIONE CONOSCENZA = ƒ (INFORM., ESPERIENZE) La conoscenza è un mix di esperienze strutturate, di valori e di informazioni che consentono di valutare in maniera critica nuove esperienze e informazioni. CONOSCENZA 20

21 TRASFORMAZIONE DELLE INFORMAZIONI IN CONOSCENZA INFORMAZIONI Comparazione Connessioni Conseguenze decisioni e azioni Conversazione CONOSCENZA 21

22 CLASSIFICAZIONE DELLA CONOSCENZA (1) Conoscenza Tacita Altamente soggettiva Conoscenza derivante esperienza Altamente legata agli individui Difficile da formalizzare e condividere nell organizzazione Risiede nelle menti degli individui (non è più nell organizzazione quando essi la lasciano) Esempi: abilità, punti di vista, saggezza, esperienza, comportamenti Conoscenza Esplicita Altamente oggettiva Conoscenza derivante razionalità Scritta e codificata Semplice da codificare e condividere nell organizzazione E fatta propria dagli individui e applicata a specifici contesti Esempi: diagrammi, note, bilanci, documenti, libri, files

23 CLASSIFICAZIONE DELLA CONOSCENZA (2) CONOSCENZA LIMITATA Non garantisce competitività a lungo termine Non c è differenziazione CONOSCENZA EVOLUTA Consente di essere competitivi Lieve differenziazione della conoscenza specifica CONOSCENZA INNOVATIVA Permette l acquisizione di posizioni di predominio Differenziazione rispetto ai propri concorrenti 23

24 CONOSCENZA E CAPITALE INTELLETTUALE? CONOSCENZA = CAPITALE INTELLETTUALE CAPITALE INTELLETTUALE ASSET INTANGIBILI CONOSCENZA? GESTIONE DELLA CONOSCENZA 24

25 IL CAPITALE INTELLETTUALE Insieme con il capitale fisico e finanziario, il capitale intellettuale è una delle tre risorse vitali delle organizzazioni. Il capitale intellettuale (fonte Marr, 2008) 25

26 CAPITALE INTELLETTUALE RISORSA VITALE Es. HW: capitale strutturale (comp. basica) SW: capitale umano (comp. costosa) NET: capitale relazionale (comp. potenziale) 26

27 CAPITALE INTELLETTUALE(2) Capitale umano Insieme di tutte le capacità cognitive possedute all interno dell organizzazione COMPETENZE: Talento o doti tecniche accumulate e/o accresciute con investimenti in formazione ATTEGGIAMENTO MENTALE: Approccio e motivazione psicologica VIVACITA INTELLETTUALE: Duttilità al cambiamento e propensione alle novità 27

28 CAPITALE INTELLETTUALE (3) Capitale relazionale Insieme delle relazioni stabilite con tutti gli attori esterni con i quali si deve confrontare SCAMBIO DI BENI ED INFORMAZIONI ALL INTERNO DELLA RETE CON I PROPRI RELATORI ASPETTO QUALITATIVO E NON QUANTITATIVO 28

29 CAPITALE INTELLETTUALE(4) Capitale strutturale Insieme delle entità di sistema, di processo e di rete che consentono il funzionamento ottimale di un organizzazione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: Infrastruttura e proprietà intellettuali (marchi e brevetti) CULTURA AZIENDALE: Risultato della continua interazione interna (orizzontale e trasversale) INNOVAZIONE: Capacità di proiettarsi verso il futuro 29

30 CONOSCENZA, ASSET INTANGIBILI E CAPITALE INTELLETTUALE (1) CAPITALE INTELLETTUALE L insieme di tutte le conoscenze che le persone di un azienda possiedono e che conferiscono all azienda un vantaggio competitivo (T. Stewart, 1994) L insieme di tutte le conoscenze e delle relazioni che possono essere trasformate in valore (Edvinsson, Malone, 1997) Il valore economico delle tre categorie di asset intangibili di un organizzazione (Bontis, 1999) 30

31 CONOSCENZA, ASSET INTANGIBILI E CAPITALE INTELLETTUALE (2) ASSET INTANGIBILI Ogni oggetto intangibile dotato di valore per il suo possessore (Oxford Business Dictionary). Capitale Intellettuale Asset intangibili 31

32 CONOSCENZA, ASSET INTANGIBILI E CAPITALE INTELLETTUALE (3) CONOSCENZA La conoscenza comprende sia lo stock formato dagli assets intangibili sia il flusso che viene scambiato fra questi assets. (Reinhardt et al. 2001). Conoscenza Capitale Intellettuale Conoscenza Asset Intangibili 32

33 CONOSCENZA, ASSET INTANGIBILI E CAPITALE INTELLETTUALE (4) Il capitale intellettuale è una rappresentazione degli stock degli assets intangibili, mentre la conoscenza è la corrente elettrica che corre lungo questi assets per far crescere ed illuminare il capitale umano, relazionale e strutturale (Chatzkel, 2000). La gestione della conoscenza mira a costruire le capacità e le relazioni che rappresentano gli asset intangibili di un azienda 33

34 CAPITALE INTELLETTUALE E CREAZIONE DI VALORE (1) Il capitale intellettuale contribuisce a guidare il successo e la creazione di valore. Sebbene le attività finanziarie e le risorse fisiche rimangono importanti, le risorse del capitale intellettuale come le competenze, le giuste conoscenze, un rispettato marchio, una buona reputazione aziendale, forti relazioni con i fornitori chiave, la conoscenza dei bisogni del cliente e del mercato, o una forte e pervasiva cultura dell innovazione, pongono le imprese in posizioni di assoluto vantaggio competitivo. La capacità di crescita, un superiore livello degli utili rispetto alla media di mercato ed il vantaggio competitivo, non sono più guidati da investimenti in beni e risorse fisiche come fabbriche, uffici, o macchinari, ma si ottengono invece sempre più investendo nella valorizzazione del capitale intellettuale. [Marr, 2007] Il capitale intellettuale consente alle organizzazioni di sfruttare le proprie risorse tangibili. Senza un appropriato capitale intellettuale, le attività e le risorse fisiche sono solo pre-condizione per produrre, nella migliore delle ipotesi, dei ritorni eguali a quelli della concorrenza [Lev, 2001]. 34

35 CAPITALE INTELLETTUALE E CREAZIONE DI VALORE (2) Il successo di aziende leader nei propri settori industriali come: è basato proprio sul capitale intellettuale. Le risorse tradizionali (asset fisici e tangibili) quali magazzini, impianti, uffici e negozi rimarranno importanti, ma non tanto quanto la conoscenza (ad esempio) dei clienti, della tecnologia, dei mercati. Per esempio, organizzazioni come Wal-Mart, con la sua enorme infrastruttura di vendita distribuita sul territorio, non poteva svolgere altrettanto bene il proprio business facendo a meno di: l'intelligenza nel costruire i suoi negozi nelle giuste locazioni commerciali; la conoscenza dei consumatori per gestire le fasi cicliche dell offerta di beni; l esperienza nella gestione delle scorte dei magazzini; 35

36 CAPITALE INTELLETTUALE E CREAZIONE DI VALORE (3) Il capitale intellettuale (fonte RICARDIS, 2006) 36

37 LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA... per creare valore di business e per generare un vantaggio competitivo. La gestione della conoscenza concerne la creazione, la comunicazione e l applicazione di conoscenza di tutti i tipi per raggiungere gli obiettivi di business (Tiwana, 2000). TACITA ESPLICITA Conversione da tacita in esplicita Approccio sistematico per l organizzazione della conoscenza 37

38 PERCHE GESTIRE LA CONOSCENZA Rilevanza degli asset di conoscenza; Capacità di anticipare e guidare i cambiamenti; Abilità di creare, acquisire ed elaborare la conoscenza; Sfruttamento della complessità a proprio vantaggio; Supporto alle decisioni e sfruttamento delle opportunità; Conservare la conoscenza tacita. IMPORTANZA DELLA CONDIVISIONE 38

39 COSA NON E LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA Non è ingegneria della conoscenza, ma un problema di business Non riguarda solo i processi e le reti digitali; Non coincide con la costruzione di una intranet Non è un investimento una tantum Non è solo cattura della conoscenza E un problema di gestione dell organizzazione e non riguarda solo l aspetto tecnologico 39

40 BENEFICI Miglioramento dei processi produttivi; Superamento delle barriere alla circolazione della conoscenza; Apprendimento dalle decisioni passate per le applicazioni future; Aumento della propensione alla condivisione; Scambio diffuso di informazioni e conoscenza; Link tra strategia aziendale ed investimenti tecnologici. 40

41 KNOWLEDGE STRATEGY (1/3) Manage the right knowledge in the right way (Zack, 1999) STRATEGIA DI CONOSCENZA LINK TRA: STRATEGIA DI CONOSCENZA e STRATEGIA AZIENDALE 41

42 KNOWLEDGE STRATEGY (2/3) B U S I N E S S RISORSE STRATEGICHE gap CONOSCENZE STRATEGICHE gap C O N O S C E N Z A 42

43 KNOWLEDGE STRATEGY (3/3) B U S I N E S S STRATEGIA DI BUSINESS STRATEGIA DI CONOSCENZA C O N O S C E N Z A 43

44 KNOWLEDGE STRATEGY vs K.M. STRATEGY La strategia di conoscenza descrive l approccio generale che l organizzazione intende seguire per allineare le proprie risorse di conoscenza e le proprie capacità alle richieste intellettuali della sua strategia di business (Zack, 1999). La strategia di gestione della conoscenza guida e definisce i processi e le infrastrutture per la gestione della conoscenza strategica (Zack, 1999). 44

45 KNOWLEDGE ASSESSMENT (1/4) cosa è? Individuazione degli asset e dei flussi di conoscenza; Identificazione dei gap di conoscenza esistenti o potenziali; Miglioramento del coordinamento e dell accesso alla conoscenza maggiormente richiesta; Individuazione delle aree critiche e degli interventi. 45

46 KNOWLEDGE ASSESSMENT (2/4) obiettivi Fornire una visione dell estensione, della natura e della struttura della conoscenza presente in una specifica area; Fornire input significativi per la formulazione di un piano strategico di elaborazione della conoscenza; Identificare le repositories di conoscenza più importanti all interno dell organizzazione; Determinare le caratteristiche qualitative e quantitative delle parti di conoscenza presenti all interno di una particolare repository. Debenham e Clark (1994) 46

47 KNOWLEDGE ASSESSMENT (3/4) gli step fondamentali 1. Identificare la conoscenza esistente nelle aree strategiche 2. Identificare la conoscenza mancante nelle stesse aree 3. Fornire alcune raccomandazioni al management sulla situazione attuale e sui possibili miglioramenti delle attività di gestione della conoscenza nelle stesse aree 47

48 KNOWLEDGE ASSESSMENT (4/4) Passo 1 Passo 2 Elencare in modo dettagliato le categorie di conoscenza necessarie per lo svolgimento del proprio lavoro. Di quali tipologie di conoscenza hai bisogno per svolgere meglio il tuo lavoro? Quali categorie di conoscenza sono attualmente disponibili? Come viene utilizzata questa conoscenza? Da quante fonti puoi ottenere la conoscenza? Quali fonti vengono utilizzate e perché? Quali sono i potenziali utenti di questa conoscenza che potrebbero non esserne in possesso? Quali tipologie di conoscenza utilizzi più volte? Di quanto potresti aumentare la tua performance se avessi accesso a tutta la conoscenza di cui avresti bisogno? Chi o che cosa potrebbe servire come potenziale fonte di conoscenza? Ci sono persone che hanno posto domande (delle quali sei a conoscenza) che non hanno avuto risposta? In quale area lavorano? 48

49 KNOWLEDGE GAP Divario tra conoscenze possedute e quelle necessarie per l attuazione della strategia di business KNOWLEDGE GAP Gap interno Gap esterno ELIMINAZIONE DEI GAP ATTRAVERSO LO SVILUPPO O L ACQUISIZIONE DALL ESTERNO 49

50 KNOWLEDGE SURPLUS Posizione competitiva favorevole e conoscenze da sfruttare KNOWLEDGE SURPLUS SFRUTTAMENTO DELLA CONOSCENZA ESISTENTE 50

51 KNOWLEDGE ASSESSMENT strumenti Knowledge mapping: identificazione delle aree aziendali in cui risiede conoscenza rilevante; Content mapping: attività per la cattura, la distribuzione e la sicurezza della conoscenza rilevante; Web mapping: utilizzo della rete per l eliminazione di alcuni gap di conoscenza (es. skills inventory); Knowledge network: esplicitazione delle relazioni sulle quali transitano i flussi cognitivi e dei ruoli dei soggetti coinvolti (es. social network analysis) 51

52 Es. Intellectual Capital Statement (1) Intellectual Capital Statement (fonte InCaS, 2008) 52

53 Es. Intellectual Capital Statement (2) La più recente iniziativa europea, che si è occupata di definire delle norme per la gestione del capitale intellettuale, è l Intellectual Capital Statement Made in Europe (InCaS, 2008). Questo, vero e proprio manuale, si articola in una metodologia di sei step; InCaS propone una standardizzazione degli elementi intangibili e delle relative definizioni, in modo da iniziare a creare una tassonomia univoca che permetta di creare una cultura unitaria (a livello europeo) sulla gestione del capitale intellettuale; InCaS propone le linee guida per la stesura di un documento (report ICS), al fine di comunicare il valore del capitale intellettuale internamente ed esternamente. Individua i punti fondamentali da trattare all interno di questo report, sia nel caso di report interno che nel caso di report esterno. 53

54 RIFERIMENTI Bontis N. (1999), Managing Organizational Knowledge by Diagnosing Intellectual Capital: Framing and Advancing the State of the Field, International Journal of Technology Management, No.8. Debenham J., Clark J. The Knowledge Audit, Robotics and Computer Integrated Manufacturing Journal, Pergamon Press, Vol. 11, N 3, 1994 Edvinsson, L. and Malone, M.S., Intellectual Capital: Realizing Your Company s True Value by Finding its Hidden Brainpower. Harper Business, NY, Grant R.M., The Knowledge Based View of the Firm, in Bontis N., Choo C.W. (Eds.), The Strategic Management of Intellectual Capital and Organizational Knowledge, Oxford University Press, NY, InCas Consortium (European Commission), Intellectual Capital Statement (InCaS) Made in Europe European Guideline Marr, B., (2008). Impacting Future Value: How to Manage your Intellectual Capital, Management Accounting Guideline, jointly published by AICPA, CMA, CIMA. Penrose E., The Theory of the Growth of the Firm, Oxford: Basil Blackwell, Polanyi M. (1966), The Tacit Dimension, Routledge and Kegan Paul. European Commision DG for Reserach (2006). RICARDIS, report of High Level Expert Group EUR Stewart T.A., Your Company s Most Valuable Asset: Intellectual Capital Fortune, 1994 Teece D.J., Managing Intellectual Capital. Organizational, Strategic, and Policy Dimensions, Oxford University Press, Teece, Pisano e Schuen, Dynamic Capabilities and Strategic Management, Strategic Management Journal, Vol. 18(7), Zack M., Developing a knowledge strategy, California Management Review 41(3),

Marketing e Direzione d Impresa Introduzione. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Introduzione. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Introduzione Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni utili Riferimenti bibliografici: La Bella A., Capece G. (2012) «Direzione d impresa»

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Master in Project Management and System Engineering Master in Project Management and System Engineering

Master in Project Management and System Engineering Master in Project Management and System Engineering PROGRAMMA CORSO GESTIONE DEI SISTEMI COMPLESSI 1 PARTE PRIMA: TEORIA E MANAGEMENT DELLA COMPLESSITÁ Prof. Alberto Felice De Toni detoni@uniud.it 10 ore TEORIA DELLA COMPLESSITÁ MANAGEMENT DELLA COMPLESSITÁ

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA

KNOWLEDGE MANAGEMENT ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA 1 KNOWLEDGE MANAGEMENT ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Tutti desiderano possedere la conoscenza, ma relativamente pochi sono disposti a pagarne il prezzo PERCHE LA CONOSCENZA E IMPORTANTE 2 E IN ATTO UN GRANDE

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

MaMIT MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE. 1ª edizione a.a.

MaMIT MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE. 1ª edizione a.a. MaMIT MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE 1ª edizione a.a. 2012/2013 Obiettivi Al giorno d oggi l Innovazione è riconosciuta come

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Proteggere il proprio Business con BSI.

Proteggere il proprio Business con BSI. Proteggere il proprio Business con BSI. Siamo i maggiori esperti nello standard ISO/IEC 27001, nato dalla nostra norma BS 7799: è per questo che CSA ci ha coinvolto nello sviluppo della Certificazione

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE Marina Migliorato Responsabile CSR e Rapporti con le Associazioni Relazioni Esterne Enel Roma, 21 giugno 2011 LUISS Business School

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DELLE COMUNICAZIONI E DELL INFORMAZIONE

INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DELLE COMUNICAZIONI E DELL INFORMAZIONE Cyberlaw Tecnologie digitali e diritto nell era della Rete Avv. Massimiliano Granieri Head, Intellectual Property and Technology Transfer Fondazione Wireless INTELLECTUAL ASSET MANAGEMENT NELL INDUSTRIA

Dettagli

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Robert M. Grant Presentazione di: Radi Davide SCOPO DEL CAPITOLO: Valutare

Dettagli

Formazione Continua. Offerta Formativa

Formazione Continua. Offerta Formativa Formazione Continua Offerta Formativa 2014-2015 Sommario Chi siamo: formazione continua dell ECS I nostri servizi Offerta formativa Tecnology & ICT Governance Sviluppo della Persona e dell Organizzazione

Dettagli

L IT Governance e la gestione del rischio

L IT Governance e la gestione del rischio L IT Governance e la gestione del rischio Silvano Ongetta - AIEA Manno 16 Gennaio 2008 copyrighted 2004 by the IT Governance Institute. Definizioni La Corporate Governance è il sistema attraverso il quale

Dettagli

L IT a supporto della condivisione della conoscenza

L IT a supporto della condivisione della conoscenza Evento Assintel Integrare i processi: come migliorare il ritorno dell investimento IT Milano, 28 ottobre 2008 L IT a supporto della condivisione della conoscenza Dott. Roberto Butinar AGENDA Introduzione

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo. -Henry Ford-

Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo. -Henry Ford- Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo. -Henry Ford- WHY GROUP: UNA SCELTA VINCENTE Soluzioni personalizzate, veloci ed efficaci sono

Dettagli

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza

Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Il KM nell economia della conoscenza Il Knowledge Management nell'economia della conoscenza Giovanni Marrè Amministratore Delegato it Consult Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, 5

Dettagli

AVVISO RISERVATO AI POLISTI

AVVISO RISERVATO AI POLISTI AVVISO RISERVATO REALIZZAZIONE CORSI DI FORMAZIONE - BUSINESS SCHOOL PREMESSO CHE a) che la Regione Abruzzo, nell ambito del POR FESR ABRUZZO 2007-2013 e a valere sull Attività I.1.2. Sostegno alla creazione

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Introduzione Dr. Gualtiero de Bigontina coordinatore della Agenzia Qualità di AMD

Introduzione Dr. Gualtiero de Bigontina coordinatore della Agenzia Qualità di AMD Introduzione Dr. Gualtiero de Bigontina coordinatore della Agenzia Qualità di AMD Numerosi lavori, tra tutti in Italia il DAI e gli Annali 2006 di AMD, evidenziano la distanza esistente tra la conoscenza

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

Visione d insieme e definizione

Visione d insieme e definizione Visione d insieme e definizione Corso di Organizzazione Aziendale Alcune capacita /competenze organizzative STRUTTURA STRATEGIA TECNOLOGIA RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE 1 Raggruppamento Funzionale Raggruppamento

Dettagli

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO L utilizzo di Internet è un aspetto fondamentale del business, in quanto ha fornito nuove opportunità per lo svolgimento di attività commerciali, nuovi

Dettagli

CATALOGO CORSI E PERCORSI NOMESIS. E vietata la riproduzione anche parziale e la divulgazione. Il catalogo è di proprietà NOMESIS.

CATALOGO CORSI E PERCORSI NOMESIS. E vietata la riproduzione anche parziale e la divulgazione. Il catalogo è di proprietà NOMESIS. Il catalogo è di proprietà NOMESIS. E vietata la riproduzione anche parziale e la divulgazione senza preventiva autorizzazione. CATALOGO 1 CORSI E PERCORSI NOMESIS 2015 2 PREMESSA 2 Il catalogo Nomesis

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 Business School since 1967 EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 LIVING OPERATIONS BUSINESS IN ACTION TECNOLOGIE E MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE MARKETING & COMMERCIAL MANAGEMENT 2 PERCHÉ ISTAO STORIA E FUTURO Fondata

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Assolombarda Milano, 19 luglio 2005 Parte Prima Tendenze

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

La valutazione del personale negli enti locali: valorizzare le competenze per il bene comune. Luciano Hinna

La valutazione del personale negli enti locali: valorizzare le competenze per il bene comune. Luciano Hinna 1 La valutazione del personale negli enti locali: valorizzare le competenze per il bene comune Luciano Hinna FONDAZIONE GIANDOMENICO ROMAGNOSI Pavia, 19 Ottobre 2010 2 I punti che si intendono toccare

Dettagli

Digital Marketing Master 14 gg

Digital Marketing Master 14 gg Digital Marketing Master 14 gg Master specialistico in Marketing Digitale, progettato per coloro che desiderano approfondire i fondamentali della strategia, del e del business online. Chi dovrebbe partecipare

Dettagli

Strumenti per la Formazione esperienziale dei Manager: Il caso Finmeccanica

Strumenti per la Formazione esperienziale dei Manager: Il caso Finmeccanica Strumenti per la Formazione esperienziale dei Manager: Il caso Finmeccanica Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Marina Possi Responsabile Funzione Formazione Manageriale e Sviluppo

Dettagli

Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work!

Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work! Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work! I 4 step che compongono il programma permettono ai partecipanti di: 1. Costruire il futuro con l innovazione

Dettagli

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale Università degli Studi di Padova Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali luglio 2014 Indice 1 Introduzione 4 2 Anagrafica delle aziende del campione 5 2.1 Distribuzione delle aziende

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni?

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni? Cosa si può fare? LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? La Sicurezza delle Informazioni nell impresa di oggi è il raggiungimento di una condizione dove i rischi

Dettagli

"Innovare senza conflitti" Value innovation per la PA

Innovare senza conflitti Value innovation per la PA VALUE INNOVATION STRATEGIC MARKETING "Innovare senza conflitti" Value innovation per la PA Forum PA 2014 Roma, 28.5.2014 Fedi Associates Düsseldorf, 2009 Associazione di liberi professionisti specializzati

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Corsi formazione Digital Dictionary 2015

Corsi formazione Digital Dictionary 2015 Corsi formazione Digital Dictionary 2015 La nostra offerta formativa La nostra offerta formativa Formazione ad hoc Digital Refresh Corsi introduttivi Corsi metodologici Corsi operativi Aggiornamento professionale

Dettagli

Le competenze digitali

Le competenze digitali Le competenze digitali Alessandro D Atri Roma, 14 Luglio 2008 1 Indice Le competenze digitali Competenze ICT dei business manager Il concetto di competenza Un modello per le competenze ICT Impatto delle

Dettagli

Indice. Presentazione della seconda edizione... xiii La rete come risorsa delle comunità... xvii. Introduzione... xxv

Indice. Presentazione della seconda edizione... xiii La rete come risorsa delle comunità... xvii. Introduzione... xxv Presentazione della seconda edizione... xiii La rete come risorsa delle comunità... xvii Prefazione di Giorgio De Michelis...xxii Introduzione... xxv Ringraziamenti...xxvii Capitolo 1 Scenario di riferimento...

Dettagli

ESI International Project Management & Business Analysis Solutions

ESI International Project Management & Business Analysis Solutions ESI International Project Management & Business Analysis Solutions ESI International Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis AGILE Project Management

Dettagli

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo Open Innovation Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo 1 Agenda Definizioni Diversi modi di intendere l apertura- Variabili rilevanti Esempi di posizionamento Rischi e vantaggi Da cosa dipende in

Dettagli

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano IL VALORE DEL VIAGGIO NEL TEMPO Nuovo Museo del Duomo 22 Maggio 2014 LA STORIA E GLI ACQUISTI Procurement Hour CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

Dettagli

VALUE MANAGEMENT DEGLI ASSET INTANGIBILI D IMPRESA

VALUE MANAGEMENT DEGLI ASSET INTANGIBILI D IMPRESA Leverage the intangible assets VALUE MANAGEMENT DEGLI ASSET INTANGIBILI D IMPRESA White paper ICM Advisors INTELLECTUAL CAPITAL MANAGEMENT VALUE MANAGEMENT DEGLI ASSET INTENGIBILI D IMPRESA di Pier Angelo

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007 FINANCIAL INTELLIGENCE dati, informazioni e fattore tempo Gianpaolo BRESCIANI CFO IBM ITALIA S.p.A. Globalizzazione: opportunità e sfide Opportunità... Ottimizzazione supply chain Mercato del lavoro (costi

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In collaborazione con DESIGN FOR BUSINESS & BUSINESS FOR DESIGN Design italiano come valore, innovazione e strategia (non solo di prodotto ma anche di processo!)

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008 IT Transformation Maurizio Salvalai U.S. Road Show 17 2129 November gennaio 2008 2003 1 Indice Il contesto Il programma IT Transformation Sviluppare il personale interno 2 Il contesto: la Direzione ICT

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Roma, Palazzo Altieri 15 e 16 maggio 2006 La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Francesco Miggiani Amministratore Delegato, Hay Group 2 Il contesto

Dettagli

MASTER in BUSINESS ADMINISTRATION XIII edizione - 2016-2018

MASTER in BUSINESS ADMINISTRATION XIII edizione - 2016-2018 MASTER in BUSINESS ADMINISTRATION XIII edizione - 2016-2018 Caratteristiche dello scenario Il cambiamento non è né comodo né facile, possiamo definirlo come una faticosa opportunità ed oggi il successo

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

Soluzioni efficaci di Knowledge Management

Soluzioni efficaci di Knowledge Management S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 11 MEETING NAZIONALE EVOLUZIONE DEI SERVIZI PROFESSIONALI DELLA CONSULENZA (R)INNOVARE LO STUDIO Soluzioni efficaci di Knowledge Management Dott. STEFANO

Dettagli

Piattaforma Italiana per il Future Internet

Piattaforma Italiana per il Future Internet Piattaforma Italiana per il Future Internet L innovazione ICT come opportunità di crescita economica e sociale In risposta alla recente crisi economica e a sfide preesistenti quali la globalizzazione,

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma MASTER in MARKETING MANAGEMENT - 2012 BUSINESS MODEL & CUSTOMER

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

Organizzare la sicurezza, palo. Pierluigi D Ambrosio. p.dambrosio@businesssecurity.it. 2002-2014 Business Security 1

Organizzare la sicurezza, palo. Pierluigi D Ambrosio. p.dambrosio@businesssecurity.it. 2002-2014 Business Security 1 Organizzare la sicurezza, ovvero come legare il cane al palo Pierluigi D Ambrosio p.dambrosio@businesssecurity.it 2002-2014 Business Security 1 Problema: Possiedo un cane, un palo, della corda, della catena

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Catalogo corsi di formazione in videoconferenza

Catalogo corsi di formazione in videoconferenza Catalogo corsi di formazione in videoconferenza Abilità personali Contabilità - finanza Gestione aziendale amministrazione Marketing vendite Assicurazioni Aprile 2015 Catalogo corsi di formazione in videoconferenza

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto

ACQUISTI IN TEAM ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR. Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto ACQUISTI IN TEAM PROCUREMENT HOUR ACQUISTI IN TEAM Corresponsabilizzare i Clienti Interni al miglioramento delle performance d acquisto 1 Indice 1 ACQUISTARE VALORE DAL MERCATO 2 IL PROCESSO D ACQUISTO

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 September 18, 2013 Missione La nostra missione consiste nel dare valore ai nostri azionisti e clienti attraverso la prestazione

Dettagli