Le priorità nazionali della ricerca industriale 3 Rapporto. Area: Mobilità sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le priorità nazionali della ricerca industriale 3 Rapporto. Area: Mobilità sostenibile"

Transcript

1 con il supporto e il patrocinio di Comune di Milano Assessorato Ricerca, Innovazione, Capitale Umano Le priorità nazionali della ricerca industriale 3 Rapporto Area: Mobilità sostenibile RAPPORTO FINALE CORSO G. CESARE 4 bis/b TORINO TEL. (011) FAX (011) VIA FUCINI MILANO TEL. (02) (02) FAX (02)

2 Pagina 2 di 173

3 INDICE I. IMPOSTAZIONE DELLO STUDIO DI TECHNOLOGY FORESIGHT...5 II. LE FUNZIONI-CHIAVE...7 II.1. PREVALENTE FOCUS PERSONE...8 II.2. PREVALENTE FOCUS MERCI...12 II.3. TRASVERSALI...15 III. LE TECNOLOGIE-CHIAVE...19 III.1 LE TECNOLOGIE INNOVATIVE D INTERESSE...19 III.2. LE TECNOLOGIE INNOVATIVE CRITICHE...23 IV. L ANALISI DI ATTRATTIVITÀ E FATTIBILITÀ DELLE TECNOLOGIE-CHIAVE...31 IV. 1 SISTEMI SOFTWARE...32 IV. 1.1 OPEN ARCHITECTURES...32 IV COLLABORATION SOFTWARE / KNOWLEDGE MANAGEMENT SYSTEMS...36 IV.1.3 GIS...42 IV.1.4 TRANSPORTATION MANAGEMENT SYSTEMS...45 IV.1.5 SISTEMI PREDITTIVI PER L ANALISI DEI FLUSSI DI TRAFFICO...52 IV.1.6 SISTEMI PER LA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DI POLITICHE DI MOBILITÀ...58 IV.1.7 SISTEMI PER LA PREVISIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE...63 IV.1.8 SISTEMI INTELLIGENTI PER LA GESTIONE DEL TRAFFICO...68 IV.1.9 SOLUZIONI DI MOBILE PAYMENT...75 IV.1.10 CONTEXT AWARENESS...81 IV.1.11 INTERFACCIA UOMO-MACCHINA (HMI)...87 IV TECNOLOGIE PER IL RICONOSCIMENTO E LA SINTESI VOCALE...91 IV.2 SOLUZIONI MOBILE & WIRELESS...97 IV.2.1 GPS...97 IV.2.2 Wi-Fi IV.2.3 WiMAX IV.2.4 RFId IV.3 SISTEMI PER L IDENTIFICAZIONE IV.3.1 SISTEMI DI VISIONE ARTIFICIALE IV.4 SENSORISTICA IV.4.1. WIRELESS SENSOR NETWORKS IV.5 AUTOMAZIONE E ELETTRONICA IV.5.1. GESTIONE DEL CONTROLLO DEI MOVIMENTI DEI MEZZI IV.6. TECNOLOGIE E MATERIALI AVANZATI PER LA RIDUZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE IV.6.1 PNEUMATICO INTELLIGENTE V. CONSIDERAZIONI DI SINTESI BIBLIOGRAFIA ALLEGATO N 1: DEFINIZIONI DI MOBILITÀ SOSTENIBILE ALLEGATO N 2: METODO DI IDENTIFICAZIONE DELLE TECNOLOGIE-CHIAVE CRITICHE ALLEGATO N 3: CHECK-LIST Pagina 3 di 173

4 Pagina 4 di 173

5 I. IMPOSTAZIONE DELLO STUDIO DI TECHNOLOGY FORESIGHT Al fine di definire chiaramente l ambito per il quale effettuare le analisi di Foresight volte a individuare le tecnologie innovative di interesse prioritario per il sistema nazionale della ricerca e dell innovazione nell ambito della Mobilità sostenibile si è ritenuto necessario assumere preliminarmente una definizione precisa di tale nozione, ossia: una mobilità e un trasporto di persone e merci più efficiente e allo stesso tempo più rispettoso delle esigenze in campo ambientale e sociale. L ambito di analisi è stato poi limitato alla mobilità di persone e di merci su infrastrutture stradali con veicoli quali automobili, autobus, autocarri, autoarticolati nel contesto sia urbano sia extraurbano inclusi i nodi di interconnessione con le altre modalità di trasporto (ferrovia, nave e aereo). Tale scelta è dettata da esigenze di focalizzazione e dalla prevalenza (e di conseguenza dalla criticità e rilevanza) dei flussi di persone e merci su infrastrutture stradali. La metodologia seguita discende direttamente dall approccio generale adottato per la elaborazione del 3 Rapporto e si è articolata nelle seguenti fasi: 1. individuazione delle Funzioni chiave 2. individuazione dell insieme di Tecnologie chiave innovative per la realizzazione di soluzioni con più elevate prestazioni per le Funzioni chiave, potenzialmente rilevanti nel contesto nazionale 3. selezione, all interno di questo insieme, delle Tecnologie chiave con maggiore potenziale di criticità 4. validazione delle Tecnologie così selezionate in base alla loro Attrattività e Fattibilità sono state introdotte diverse definizione della nozione di mobilità sostenibile, alcune delle quali sono riportare in Allegato n. 1. Pagina 5 di 173

6 Tutte queste attività sono state effettuate con il contributo di conoscenze da parte di un Panel di esperti, operanti nei campi della ricerca, dell industria e dei servizi. Con il loro mix di competenze professionali specialistiche è stato possibile affrontare il tema delle tecnologie innovative per la mobilità sostenibile integrando le molteplici e diversificate prospettive e valutazioni di tutti i soggetti rilevanti del sistema della mobilità, dai ricercatori scientifici ai produttori di tecnologie innovative fino ai gestori delle infrastrutture e dei servizi. Il Panel di esperti è stato così costituito: Coordinamento ed elaborazione Prof. Alessandro Perego (Coordinatore) Ing. Riccardo Mogre Esperti Dott. Enrico Albizzati Dott. Roberto Andreoli Dott. Luca Avegno Dott. Gian Paolo Balboni Prof. Luigi Battezzati Ing. Paolo Beria Prof. Flavio Boscacci Dott. Ascanio Borchi Dott. Marco Bosi Prof.ssa Maria Brovelli Sig. Andrea Campi Dott. Edoardo Colombo Dott. Bruno Conterno Dr. Pietro Evangelista Dott. Giuseppe Fresa Dott. Giovanni Leonida Dott. Francesco Mazzone Dott. Marco Morfino Dott. Roberto Moro Dott. Luca Negri Dott. Stefano Novaresi Arch. Alessandro Panighetti Ing. Stefano Pasetti Ing. Enrico Pisino Dott. Mario Rebuscini Ing. Antonio Sciarappa Prof. Fernando Sansò Dott. Alvaro Spizzica Ente o Impresa Politecnico di Milano (Dipartimento di Ingegneria Gestionale) Politecnico di Milano (Dipartimento di Ingegneria Gestionale) Ente o Impresa Pirelli Labs ATM Milano Gruppo Fantuzzi TI Lab Politecnico Milano Politecnico di Milano Politecnico Milano Argo Finanziaria Gruppo Gavio Siemens Politecnico Milano Italsempione Infomob ELSAG CNR Università di Napoli Federico II Centro Ricerche FIAT Assologistica ACI Cargoclay Project Automation Pirelli Pneumatici Consorzio Dafne Gruppo Comifar Autostrade Milano Serravalle ATM Milano Centro Ricerche FIAT Laser Navigation Istituto Superiore Mario Boella Politecnico di Milano Euromodale Gruppo Gavio Pagina 6 di 173

7 II. LE FUNZIONI CHIAVE Le Funzioni chiave rappresentano le tematiche più rilevanti da affrontare anche attraverso l innovazione tecnologica per conseguire obiettivi generali primari nello sviluppo dell area Mobilità sostenibile. Esse sono state individuate in relazione alle tipologie di principali utilizzatori delle infrastrutture e dei servizi di mobilità, ossia: Prevalente focus Persone 1. Monitoraggio e gestione dei flussi di trasporto 2. Assistenza ai viaggiatori 3. Sicurezza del viaggiatore e dell ambiente circostante Prevalente focus Merci 4. Gestione delle flotte 5. Visibilità e governo della supply chain 6. Gestione del rischio e della sicurezza nel trasporto delle merci 7. Gestione del trasporto intermodale delle merci Trasversali 8. Mobilità urbana sostenibile 9. Ecocompatibilità 10. Sostenibilità sociale della mobilità Viene qui di seguito fornita una sintetica descrizione di ciascuna delle funzioni chiave individuate, con l articolazione in Sotto funzioni. Pagina 7 di 173

8 II.1. PREVALENTE FOCUS PERSONE MONITORAGGIO E GESTIONE DEI FLUSSI DI TRASPORTO Monitoraggio e condivisione tra gli attori interessati dei dati relativi ai flussi di trasporto e loro utilizzo, in combinazione con interventi gestionali e infrastrutturali, a supporto della pianificazione e gestione dei flussi stessi, con il fine di ridurre i complessivi tempi di percorrenza dei mezzi in circolazione, eventualmente agevolando esigenze specifiche di alcune categorie di veicoli. Monitoraggio dei flussi di trasporto La pianificazione e gestione dei flussi di trasporto è imprescindibile da una corretta conoscenza dei flussi stessi, attraverso la rilevazione di dati puntuali dal campo. Alcuni esempi di sistemi per il monitoraggio dei dati di traffico sono le stazioni fisse o mobili poste lungo le infrastrutture viarie, le soluzioni basate sul concetto di veicolo come sensore in grado di rilevare e trasmettere i dati raccolti, le soluzioni basate sulla tracciatura su base statistica del flusso associato alle carte SIM dei telefoni cellulari. Condivisione e governo delle informazioni sul traffico e supporto alla pianificazione La disponibilità di dati relativi ai flussi di traffico pone il tema della loro condivisione, a livello aggregato, fra i numerosi attori interessati. I benefici potrebbero essere rilevanti: la condivisione delle informazioni da parte dei gestori dell'infrastruttura e degli utilizzatori e/o delle loro associazioni consentirebbe l applicazione di politiche per la pianificazione congiunta dei flussi di trasporto nel territorio. Il tema della condivisione implica la necessità di un governo delle informazioni che renda possibile ed efficace la condivisione dei dati e allo stesso tempo tuteli la privacy delle persone. Gli esempi di soluzioni in questa categoria vanno da strumenti modellistici per verificare come le politiche della mobilità realizzate da un comune impattino su comuni limitrofi agli strumenti di e government per favorire l espressione delle esigenze di mobilità (relative ad esempio a temi quali il trasporto pubblico e le infrastrutture viarie) da parte del territorio. La modellistica a supporto del calcolo delle emissioni teoriche del singolo modello di auto potrebbe portare a politiche selettive per l autorizzazione alla circolazione. Pagina 8 di 173

9 Gestione del traffico L attuazione delle politiche definite nella fase di pianificazione trova applicazione nella gestione vera e propria dei flussi di traffico e nella prioritizzazione degli spostamenti di alcune categorie di veicoli (ambulanze, vigili del fuoco, polizia, etc.). In questa categoria ricadono soluzioni come la preferenziazione semaforica, le corsie dinamiche, il road tolling. ASSISTENZA AI VIAGGIATORI Supporto alla persona in mobilità attraverso indicazioni e informazioni sul percorso, prenotazione e pagamento di servizi di mobilità, arricchimento dell esperienza di viaggio con attività alternative di svago, turismo e lavoro Informazioni sul percorso e navigazione Questa categoria comprende l aggiornamento della persona in mobilità sullo stato e sulle condizioni del viaggio (tempo atteso di percorrenza, condizioni del manto stradale nel caso di trasporto individuale su gomma, tempo di attesa del bus, etc.). Le informazioni possono inoltre essere condivise dai detentori a scopo di consuntivazione: si pensi al trasportatore che voglia conoscere il tempo medio di percorrenza della propria flotta di mezzi su un tratto autostradale, oppure il ciclista amatoriale che voglia conoscere le proprie prestazioni su alcune salite. Il supporto non è puramente informativo, ma ha valenza anche decisionale consentendo al viaggiatore non solo di programmare al meglio la propria agenda in base ai tempi di trasporto attesi, ma anche di confrontare percorsi (e modalità di trasporto) alternativi. Si pensi all instradamento dinamico su strade che hanno percorrenze attese reali minori oppure agli strumenti di supporto alla mobilità intermodale delle persone (ad esempio offrendo istruzioni di navigazione che in base ai reali tempi di percorrenza e al costo previsto dello spostamento consentono al viaggiatore di decidere se parcheggiare l auto e prendere un bus o una metropolitana oppure proseguire alla guida del proprio mezzo). In questo ambito possono essere ricomprese anche le soluzioni che prevedono modelli di invio uno a tanti e di ricezione tanti a uno in una modalità che potremmo definire 2.0: si pensi all utente (o l autoveicolo stesso) che informa in tempo reale gli altri autisti (o autoveicoli) in merito alla pericolosità del manto lungo un tratto stradale specifico. Pagina 9 di 173

10 Ricerca di punti di interesse e fruizione di servizi associati All interno di questa categoria rientrano i servizi di ricerca di punti di interesse (stazioni di servizio, parcheggi, ma anche cinema o ristoranti) che meglio si adattano (per tempi di percorrenza o esigenze personali) alle necessità del viaggiatore. I Location Based Services (servizi a valore aggiunto che siano personalizzati in base alla effettiva posizione dell utente) presentano alcuni casi applicativi interessanti. Si pensi ad avvisi di vicinanza a stadi, cinema, stazioni o altri luoghi di interesse, che prevedono la possibilità di consultare informazioni di dettaglio relative ai loro servizi e in qualche caso l acquisto contestuale dei servizi stessi direttamente dal dispositivo mobile. Arricchimento dell'esperienza di viaggio Questa categoria include, ad esempio, i sistemi per l intrattenimento, audio e video, che trovano diffusione sia su mezzi di trasporto individuale e collettivo sia a supporto di persone in mobilità. Nel sostegno al turismo ne sono esempio le piattaforme in grado di trasmettere al viaggiatore informazioni dettagliate sul patrimonio culturale, artistico e storico del territorio circostante. Infine particolare attenzione va posta alle soluzioni per lavoratori mobili, che consentono di ricreare il proprio posto di lavoro (mobile office esteso) anche durante viaggi e trasferimenti. Particolare attenzione va posta all interfaccia uomo macchina, vale a dire a come le informazioni non strettamente legate alla guida possano essere trasmesse all autista in tutta sicurezza. Prenotazione, pagamento e fruizione di servizi di mobilità Questa sotto funzione include i sistemi per l individuazione dei servizi di mobilità più adeguati per il viaggiatore, come, ad esempio, parcheggi o mezzi di trasporto pubblico e per la definizione delle modalità di prenotazione. In questa funzione sono inoltre da includere anche i sistemi di pagamento di tali servizi. SICUREZZA DEL VIAGGIATORE E DELL AMBIENTE CIRCOSTANTE Monitoraggio, prevenzione e mitigazione degli eventi avversi attraverso il controllo remoto dello stato del viaggio, il supporto al viaggiatore e l integrazione informativa tra unità in movimento e ambiente circostante (infrastruttura, altri veicoli, vulnerable road users). Pagina 10 di 173

11 Monitoraggio dello stato del viaggio Tra le soluzioni che hanno come focus il veicolo è possibile citare la tele diagnosi (a guasto o predittiva) del veicolo e delle sue parti in base ai parametri rilevati, oppure le applicazioni che prevedono azioni immediate nel caso uno dei parametri rilevati superi una soglia prestabilita: si pensi a soluzioni che prevedono il blocco del motore nel caso il guidatore presenti un tasso alcolico superiore al limite consentito. O ancora, l antifurto telematico basato sul controllo del veicolo da remoto o le scatole nere in grado di ricostruire le dinamiche di un incidente oppure funzionali a far variare il premio assicurativo in funzione di percorrenza reale e stile di guida. Tra le soluzioni a supporto della persona in movimento è possibile citare i sistemi per il tracciamento dei colli nel caso del trasporto aereo, che avvertono il viaggiatore che il suo bagaglio è stato effettivamente imbarcato con il volo oppure sono in grado di rintracciarne rapidamente la posizione in caso di smarrimento. Supporto al viaggiatore Questa categoria comprende le soluzioni di guida assistita (ad esempio sistemi che, in caso di immediato pericolo, assumono il controllo del veicolo e lo riportano in condizioni di sicurezza) e di guida automatica (sistemi che sterzano in maniera autonoma seguendo la corsia di marcia, localizzano gli ostacoli sul percorso, e sono in grado di effettuare cambi di corsia e sorpassi). Questa funzione include inoltre le soluzioni volte a filtrare i messaggi diretti al guidatore (interfaccia uomo macchina): le informazioni ricevute devono essere funzionali all arricchimento dell esperienza di viaggio (ad esempio entertainment) ma non devono distrarre il guidatore oppure nascondere la segnalazione di messaggi di pericolo. In questa categoria ricadono inoltre interventi tecnologici che aumentano la sicurezza del processo di guida o della persona in mobilità: si pensi a sistemi di illuminazione più efficaci che possono agevolare sia il percorso in auto sia a piedi. Integrazione informativa tra unità in movimento e ambiente circostante Questa sotto funzione riguarda l integrazione tra unità in movimento e ambiente circostante, inteso come l insieme di infrastruttura di trasporto, altri mezzi che condividono l uso dell infrastruttura e vulnerable road users ossia pedoni e altri soggetti che possono essere danneggiati dal trasporto. Tra le soluzioni è possibile citare sistemi che, in base alla rilevazione dello stato della pavimentazione stradale, trasmettono opportuni messaggi al viaggiatore o regolano automaticamente le impostazioni per la guida automatica o assistita. O ancora, sistemi in grado di Pagina 11 di 173

12 segnalare la posizione reciproca tra veicolo e altri veicoli o vulnerable road users, principalmente con lo scopo di evitare collisioni o supportare il guidatore in caso di visibilità precaria. II.2. PREVALENTE FOCUS MERCI GESTIONE DELLE FLOTTE Gestione sistemica e ottimizzata delle flotte di veicoli (e dei loro carichi nel caso di trasporto merci) per incrementare l efficienza del trasporto e il livello di servizio. Scheduling e routing La funzione gestione flotte in prima istanza ha come focus l insieme dei veicoli di un organizzazione o un impresa. Se si fa riferimento al trasporto merci, le soluzioni sono legate all ottimizzazione congiunta dell assegnazione dei carichi ai mezzi in base agli ordini ricevuti (scheduling) e del percorso del singolo mezzo (routing). La recente disponibilità di soluzioni per il monitoraggio della posizione dei singoli mezzi permette inoltre di attuare logiche di ottimizzazione in tempo reale con assegnazione dinamica delle prese e consegne in base alla prossimità del mezzo all area di ritiro e consegna della merce (dynamic routing). Nel caso del trasporto pubblico questa funzione si riferisce alla pianificazione della frequenza di partenza dei mezzi in funzione delle fasce orarie (cioè nei periodi di maggior affluenza di persone si aumenta la frequenza dei mezzi) anche dinamicamente, nel caso sia possibile conoscere la posizione e il numero di persone salite su ciascun mezzo. Borse carichi L impatto delle soluzioni per la gestione delle flotte può essere di natura più sistemica: si pensi, ad esempio, a piattaforme per il trasporto merci che svolgono il ruolo di borse carichi facendo incontrare la domanda e l offerta di trasporto con l obiettivo di minimizzare i viaggi a vuoto, ad esempio, per tratte come quelle in prossimità di centri intermodali, interessate da un forte squilibrio di flussi. Pagina 12 di 173

13 VISIBILITÀ E GOVERNO DELLA SUPPLY CHAIN Supporto al monitoraggio e alla tracciabilità del flusso di prodotti e delle informazioni lungo la supply chain al fine di favorire l applicazione di politiche di Supply Chain Management. Visibilità In questa categoria rientrano le soluzioni volte ad incrementare la visibilità di un azienda sulla propria supply chain, visibilità intesa come capacità di accedere alle informazioni rilevanti per il business possedute dai partner di filiera: si pensi, ad esempio, ad applicazioni per il monitoraggio dei tempi di transito della merce nei vari livelli della supply chain, laddove si considerino filiere complesse o che operino con lead time di consegna ridotti. In questi casi, oltre al monitoraggio del flusso di informazioni sul campo, risultano poi fondamentali ai fini del funzionamento della soluzione complessiva piattaforme per la condivisione dei dati tra gli attori coinvolti, che prevedano opportuni messaggi di alert nel caso siano riscontrati valori anomali nei processi. Tracciabilità In questa sotto funzione sono ricomprese soluzioni che variano tipicamente in base alla filiera per la quale sono state adottate. Si pensi, ad esempio, alla tracciabilità di prodotti nella filiera agroalimentare, per la quale l identificazione dei lotti è un esigenza assai rilevante, o ancora il monitoraggio della temperatura per alcune categorie merceologiche del settore grocery e farmaceutico. Anche in questo caso l integrazione tra sistemi per la rilevazione dei dati sul campo e piattaforme per la condivisione dei dati tra gli attori è alla base di queste soluzioni. Anticontraffazione Per alcune filiere, si pensi al settore farmaceutico e ancora più a quello moda, risulta fondamentale l utilizzo di soluzioni volte ad evitare o limitare l anticontraffazione dei prodotti senza essere nel contempo percepite come lesive della privacy dei consumatori. GESTIONE DEL RISCHIO E DELLA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI Monitoraggio, prevenzione e mitigazione degli eventi avversi per operatori coinvolti nel processo di trasporto e nella movimentazione della merce per categorie di prodotti soggetti a rischio. Pagina 13 di 173

14 Gestione delle merci pericolose Un primo ambito di analisi è costituito dalla sicurezza degli operatori e dell ambiente circostante nel trasporto di merce soggetta a rischi specifici. In questo ambito le soluzioni riguardano in primo luogo il monitoraggio dello stato della merce ed in secondo luogo la condivisione di queste informazioni a livello sistemico (regionale o nazionale) e con le autorità preposte all intervento (vigili del fuoco o 118 ad esempio). Importanti le soluzioni di scheduling che permettono di selezionare il mezzo più adeguato al trasporto di una determinata tipologia di merci. Di rilievo infine sono le modalità di verifica ed adeguamento agli standard internazionali. Safety & Security nelle aree operative I centri di smistamento e distribuzione, i porti e gli interporti necessitano di strumenti volti ad incrementare la sicurezza, sia in termini di safety degli operatori sia di security delle merci. Per la prima categoria di rischio sono di particolare rilevanza le soluzioni per il monitoraggio della posizione degli operatori. La security delle merci può essere incrementata attraverso soluzioni di antifurto per mezzi e unità di trasporto e soluzioni per individuare il comportamento anomalo delle persone attraverso sistemi per l interpretazione di immagini e video. Security nel processo di trasporto Ci si riferisce alla security del processo di trasporto per merci di elevato valore, includendo tutte le soluzioni anti furto. GESTIONE DEL TRASPORTO INTERMODALE DELLE MERCI Pianificazione e gestione dei flussi di trasporto intermodale di merci al fine di migliorarne la competitività rispetto ad altre modalità. Integrazione veicolo infrastruttura In questa categoria sono ricomprese le soluzioni che facilitano un trasbordo più facile e rapido delle unità di trasporto da una modalità ad un altra, attraverso una migliore integrazione tra veicolo e infrastruttura, anche sfruttando sistemi ad elevata automazione. Pagina 14 di 173

15 Riequilibrio modale A livello di filiera del trasporto intermodale maggiore enfasi va posta su soluzioni che abilitino il monitoraggio del flusso e la localizzazione delle unità di trasporto e l integrazione informativa e di processo tra i diversi attori coinvolti nel trasporto intermodale. A livello sistemico l utilizzo di piattaforme per la condivisione dei dati e la pianificazione congiunta dei flussi di trasporto intermodale tra i gestori dell infrastruttura e gli operatori della logistica e del trasporto consentirebbe, ad esempio, di individuare i colli di bottiglia di una rete di trasporto intermodale e programmare gli opportuni interventi, anche infrastrutturali, per una ripartizione e un riequilibrio dei flussi. Riduzione dei lead time per le attività di ispezione L iter burocratico di verifica e controllo di prodotti da parte degli enti doganali incide in modo rilevante sul lead time complessivo del trasporto intermodale. Soluzioni per l integrazione informativa tra operatori del trasporto ed enti deputati al controllo, piuttosto che soluzioni per l ispezione automatica o che permettono di individuare il contenuto senza aprire l unità di carico o il collo, possono rappresentare una leva fondamentale per l incremento della competitività di questo tipo di trasporto. II.3. TRASVERSALI MOBILITÀ URBANA SOSTENIBILE Monitoraggio e coordinamento congiunto del flusso di trasporto di merci e persone in ambito urbano a supporto della mobilità del viaggiatore e delle esigenze commerciali. In questa funzione sono ricomprese le soluzioni a supporto della mobilità urbana, che essendo contraddistinta da una serie di particolarità (alta densità abitativa e margini ridotti o nulli di possibilità di intervento infrastrutturale) richiede un insieme di soluzioni ad hoc per la sua gestione. Pagina 15 di 173

16 City logistics In questa categoria è possibile includere le soluzioni a supporto della logistica urbana, o city logistics per l appunto, come piattaforme on line per la condivisione di spedizioni tra un consorzio di trasportatori, o la prenotazione dinamica delle zone di carico e scarico delle merci. Gestione delle zone a traffico limitato Sono ricomprese in quest ambito tutte le iniziative per il controllo degli accessi, con pedaggio eventualmente contestuale. Supporto al turismo e all intermodalità per le persone Quest ambito comprende le soluzioni di supporto informativo e decisionale alle persone che si muovono nell ambiente urbano. Si pensi, ad esempio, alle soluzioni di supporto alle persone in visita nelle città d arte con la possibilità di definire propri itinerari pedonali; o ancora all assistenza ai viaggiatori nella definizione ottimale dell itinerario e dei mezzi da utilizzare, in un contesto come quello urbano, da sempre caratterizzato da un elevata esigenza di intermodalità. ECOCOMPATIBILITÀ Riduzione dell impatto dei flussi di traffico sull ambiente circostante in termini di inquinamento atmosferico e acustico, sia di breve medio (come l inquinamento atmosferico in ambiente urbano) che di lungo periodo (come l emissione di CO2) In questa funzione sono incluse tutte le soluzioni, non ricomprese negli altri ambiti, che hanno uno specifico focus sulla riduzione dell impatto ambientale legato alla mobilità. Monitoraggio dell impatto ambientale della mobilità La corretta pianificazione e gestione degli interventi per la riduzione degli impatti ambientali della mobilità sono imprescindibili da un monitoraggio dei dati sul campo. Ricadono in questa categoria soluzioni basate su sistemi fissi e mobili per il monitoraggio in grado di trasmettere i dati rilevati ad un centro di raccolta. Pagina 16 di 173

17 Promozione e gestione della mobilità alternativa Sono ricomprese in questa categoria i servizi per la promozione e la gestione di soluzioni per la mobilità alternativa, che hanno un focus specifico sulla riduzione dei consumi. Soluzioni di questo tipo, che prevedono nuovi modelli d uso di veicolo (iniziative di car pooling e car sharing) piuttosto che l utilizzo di mezzi alternativi all auto (iniziative di bike sharing) possono portare benefici ad esempio in termini di minore congestione, risparmi economici, maggiore disponibilità di parcheggi. Interventi per la riduzione dell impatto ambientale In questa categoria sono comprese le soluzioni per ridurre l impatto ambientale dei flussi di traffico sia interne ai veicoli (motori a basse emissioni), sia esterne ai veicoli (come le barriere acustiche). SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ Supporto alla mobilità in modo che soddisfi istanze sociali, come l assistenza alla mobilità di persone disabili o che vivono in aree disagiate in termini di servizi di mobilità In questa funzione sono incluse tutte le soluzioni, non ricomprese negli altri ambiti, che hanno uno specifico focus sullo scopo sociale che caratterizza la mobilità sostenibile. Supporto alla mobilità dei disabili Questa categoria comprende le soluzioni di supporto informativo e decisionale ai viaggiatori disabili nelle modalità più consone (ad esempio, messaggi registrati per non vedenti), oppure gli strumenti che abilitano una maggiore sicurezza negli spostamenti delle persone disabili, attraverso la segnalazione reciproca della posizione di persone e mezzi. Aree di particolare interesse sono l identificazione univoca delle persone disabili e l automazione delle operazioni di ingresso e alloggiamento del disabile all interno dei mezzi, soprattutto in riferimento al trasporto pubblico. Pagina 17 di 173

18 Supporto alla mobilità in caso di eventi/festività In questa sotto funzione sono ricomprese le soluzioni a supporto della mobilità delle persone nel caso di eventi o festività che implicano un forte squilibrio nei flussi di persone. Si pensi ad esempio ad eventi localizzati (come nel caso di concerti, eventi sportivi, notti bianche) piuttosto che agli esodi che si verificano, in coincidenza di giorni specifici, per le ferie estive. In primo luogo sembrano essere necessari strumenti che consentano l analisi storica dei flussi, la pianificazione e la gestione degli interventi, ad esempio con il dimensionamento delle aree di parcheggio e la combinazione di van/car pooling con trasporto pubblico e mobilità individuale. In secondo luogo è necessario utilizzare soluzioni che aiutino a pianificare e gestire al meglio la security e la safety in condizioni difficili, caratterizzate dal forte afflusso di persone e veicoli in un luogo circoscritto. Supporto alle aree disagiate dal punto di vista della mobilità In questa sotto funzione sono ricomprese le soluzioni a supporto alla mobilità in aree disagiate: dalla misura dei flussi di traffico, in combinazione con misure di densità abitativa, al fine di pianificare al meglio la frequenza e la capacità dei mezzi di trasporto pubblico fino alla pianificazione di più lungo periodo, nella quale l utilizzo di dati di densità e di traffico, unitamente con le esigenze dei cittadini (rilevate, ad esempio, tramite soluzioni di e government) sia funzionale alla pianificazione delle infrastrutture. Garanzia della privacy delle persone Molte delle soluzioni che abilitano le funzioni chiave necessitano il rilevamento di dati sensibili: si pensi ad esempio al tracciamento del flusso veicolare, che spesso comporta l identificazione del singolo veicolo, o piuttosto le scatole nere che rilevano informazioni sullo stile di guida degli autisti. Un area di particolare criticità è la garanzia che questa mole di dati sia trattata in maniera aggregata, in modo che non sia possibile ricondurre l informazione al singolo individuo (come avviene per la previsione dei flussi di traffico) oppure con un utilizzo puramente funzionale a garantire una migliore efficacia del servizio all utente (come avviene nel caso di riduzione dei premi assicurativi nel caso di guida sicura ). Pagina 18 di 173

19 III. LE TECNOLOGIE CHIAVE III.1 LE TECNOLOGIE INNOVATIVE D INTERESSE Le Tecnologie chiave rappresentano gli ambiti di innovazione tecnologica più significativi, tramite i quali si possono sviluppare soluzioni applicative con più elevate prestazioni per le tematiche espresse nelle Funzioni chiave. La lista preliminare di tecnologie innovative di potenziale interesse per le Funzioni chiave è riportata qui di seguito (Tabella 1): le tecnologie sono state aggregate in Famiglie tecnologiche in base alla omogeneità della loro base di conoscenze e della loro struttura e articolazione. Preme sottolineare che, coerentemente con l impostazione generale del 3 Rapporto, tali tecnologie sono state individuate fondamentalmente e prioritariamente all interno delle aree delle ICT e dei Materiali avanzati. Si è altresì tenuto conto che le tecnologie energetiche innovative per l alimentazione dei motori per i veicoli stradali sono già trattate nell ambito Energia di questo Rapporto. Pagina 19 di 173

20 Tabella 1: Tecnologie innovative d interesse Tabella 1a: Famiglia Sistemi software Sotto famiglia System Software Application software Intelligenza artificiale Interfacce Localizzazione Tecnologia Operating systems Network software (anche per EDI, web EDI, internet) Database Management Software Development tools and programming language software Open architectures Office suite applications Collaboration Software / Knowledge Management Systems ERP Home use applications GIS Soluzioni per l elaborazione statistica di dati Soluzioni per l'eliminazione temporizzata di dati Transportation Management Software Sistemi predittivi per l analisi dei flussi di traffico Sistemi per la valutazione dell impatto di politiche di mobilità Sistemi per la previsione dell'impatto ambientale Sistemi intelligenti per la gestione del traffico Motori di ricerca Soluzioni mobile payment Pattern recognition Context awareness Soluzioni SCADA (Supervisory Control And Data Acquisition) Interfaccia uomo macchina (HMI) Tecnologie text to speech Tecnologie per il riconoscimento vocale Tecnologie per il riconoscimento di composti chimici Localizzazione automatica Localizzazione satellitare Pagina 20 di 173

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE LIVORNO - 5 Dicembre 2008 Dott. Luca Cattermol General Manager DAXO DAXO è una società operante nel settore delle Information and Communication Technologies (ICT), specializzata

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI Esigenza Numerose aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti in conto terzi, nonché le aziende di produzione, che hanno la necessità di

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

RENT. Insieme per un risultato unico

RENT. Insieme per un risultato unico RENT Insieme per un risultato unico Soluzione integrata per il mondo del Noleggio Marzo 2012 Scenari di Applicazione NAV RENTAL è la soluzione software per la gestione completa della aziende di noleggio

Dettagli

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Osservatorio ITS School of Politecnico di Milano Alessandro Perego 14 Novembre 2007 L Osservatorio Intelligent

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

Sistema di Gestione dei Rifiuti per il Comune di Eboli SARIM VALUE UP

Sistema di Gestione dei Rifiuti per il Comune di Eboli SARIM VALUE UP Sistema di Gestione dei Rifiuti per il Comune di Eboli SARIM VALUE UP Eboli, 11 dicembre 2008 1 Agenda L Azienda Il Progetto di Ricerca La soluzione Descrizione del processo Architettura del servizio Funzionalità

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City SMART CITY- VISIONE DI UN SISTEMA DI SISTEMI Ing. Massimo Povia L importanza della Logistica e della Manutenzione nel contesto

Dettagli

Documento di sintesi del progetto pubblicato sul sito

Documento di sintesi del progetto pubblicato sul sito ZIGBEEfinder piattaforma per la connessione, raccolta e gestione delle informazioni provenienti da sensori e dispositivi elettronici diffusi sul territorio Documento di sintesi del progetto pubblicato

Dettagli

La Nabla Quadro s.r.l.

La Nabla Quadro s.r.l. La Nabla Quadro s.r.l. Nasce dall iniziativa di ingegneri con esperienza decennale nell ambito dello studio e controllo delle ricadute ambientali dovute alla costruzione e all esercizio di infrastrutture

Dettagli

1. Introduzione. 2. Il Progetto

1. Introduzione. 2. Il Progetto 1. Introduzione Con l espressione trasporto pubblico locale intelligente si intende l uso di tecnologie a supporto della mobilità e degli spostamenti di persone. Grazie allo sviluppo di dispositivi e strumenti

Dettagli

La nostra proposta per il trasporto internazionale.

La nostra proposta per il trasporto internazionale. pagina 1 di 6 La nostra proposta per il trasporto internazionale. Movendo Srl. Movendo Srl è specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources Management).

Dettagli

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Strategie e nuovi valori dell ICT per l ecosostenibilità 12 luglio 2012 Centro Congressi Torino Incontra PROGETTO GRIIN Oggetto

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

leggeri, No leggi o spe veico ciali RENT pesa nt i,

leggeri, No leggi o spe veico ciali RENT pesa nt i, RENT Noleggio veicoli pesanti, leggeri, speciali Ottobre 2011 Scenari di Applicazione Sateltrack RENT è un software di Gestione Flotta avanzato e integrato con la tecnologia GPS, costruito per servire

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

perché Monitoraggio Merci Pericolose?

perché Monitoraggio Merci Pericolose? Relatore p.i Antonio Magnani Convegno Telemobility Monza 14-15 novembre 2007 perché Monitoraggio Merci Pericolose? Esempio utilizzo OrangeBOX 22/11/2007 TracciaService srl 1 OrangeBOX Premessa: Il trasporto

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, PER IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Direzione Generale per la Programmazione e i Programmi Europei Divisione 3 :

Dettagli

Metodologia di progettazione di un SIT

Metodologia di progettazione di un SIT Metodologia di progettazione di un SIT Approccio alla progettazione di soluzioni ICT a supporto della governance territoriale Corso di Sistemi Informativi Territoriali Avanzati UD13 Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Città di Messina Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Conferenza stampa di presentazione del sistema Si.D.U.M.Me Indice «Europa 2020» Infomobilità cittadina

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Genova Robot s.r.l. www.genovarobot.com info@genovarobot.com Genova Robot s.r.l fornisce un sistema intelligente con

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Mobile & App Economy: i molteplici mercati abilitati. 19 Novembre 2014

Mobile & App Economy: i molteplici mercati abilitati. 19 Novembre 2014 & App Economy: i molteplici mercati abilitati 19 Novembre 2014 L ecosistema italiano Verso 45 milioni di Smartphone e 12 milioni di Tablet (fine 2014) Il 35% delle grandi imprese e il 25% delle PMI italiane

Dettagli

Logistica urbana: evoluzione e innovazione

Logistica urbana: evoluzione e innovazione TRT TRASPORTI E TERRITORIO SRL Logistica urbana: evoluzione e innovazione Enrico Pastori, Milano Casa Abruzzo, 16 Luglio 2015 *Limitatamente alla sede di Milano TRT TRASPORTI E TERRITORIO srl MILANO: VIA

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Intesa Spa Novembre 2015

Intesa Spa Novembre 2015 Certificazione delle Consegne Delivery Control 2015 Trusted Logistics Solutions Intesa Spa Novembre 2015 Certificazione delle consegne Delivery Control INDICE DEI CONTENUTI 3 5 6 7 14 15 INDUSTRY TREND

Dettagli

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA Esigenza Con riferimento al Decreto Ministeriale 290 dell 1 dicembre 2010, fanno parte dei servizi svolti dagli Istituti di Vigilanza le seguenti attività: servizio

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO STRABUS Aspetti generali (1) Il servizio STRABUS permette di analizzare e valutare lo stato

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico Sardegna DistrICT => Lab => >Distretto Tecnologico

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico

Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico Mezzocorona, 25 febbraio 2011 1 Agenda Scenario di riferimento Europa Italia

Dettagli

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano : Trend Tecnologici Trend tecnologici per la sicurezza delle città intelligenti Luca Bertoletti Hyperion Srl Direttivo ClubTi - Milano 10 Febbraio 2014 Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano Security

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

SATfinder. Il sistema intelligente per la localizzazione di persone e mezzi

SATfinder. Il sistema intelligente per la localizzazione di persone e mezzi SATfinder Il sistema intelligente per la localizzazione di persone e mezzi SATfinder è la soluzione di Tellus per le aziende che vogliono conoscere in tempo reale la posizione di persone e mezzi, consuntivare

Dettagli

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence.

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence. L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities Donatella Sciuto Smart city Intelligenza al servizio della sostenibilità Intelligence Sensors Model of the city Actuators Contesto urbano, sociale,

Dettagli

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc VisualTailor Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc devo creare le specifiche per realizzare un prodotto personalizzato su richiesta dei miei clienti!!! Come devo fare????? Visual Tailor

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO Nell ambito del processo di rinnovamento aziendale avviato negli ultimi anni, si inserisce un sempre maggiore impegno nella Ricerca & Sviluppo (R&S) sia come motore

Dettagli

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART UNICO 3 SYSTEM A SMART SOLUTION FOR SMART PEOPLE Unicò 3 System La soluzione completa per la tua azienda Unicò 3 System è la soluzione più evoluta e completa per gestire tutti i reparti della tua azienda

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Supporto alla guida per l AUTISTA. Miglioramento dell efficienza per il GESTORE FLOTTE

Supporto alla guida per l AUTISTA. Miglioramento dell efficienza per il GESTORE FLOTTE H I - T E C H N O L O G Y A N D T E L E M A T I C S L I N N O V A Z I O N E A L S E R V I Z I O D E L L E F F I C I E N Z A, D E L L A S I C U R E Z Z A E D E L C O M F O R T Dalla collaborazione tra IVECO

Dettagli

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Obiettivi di progetto (1/2) Il Comune di Genova nell ambito del progetto LO.SE, ha perseguito l obiettivo legato all

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche Ageing at home Esperienze idee soluzioni nella Regione Marche Alcune caratteristiche della Regione La Regione Marche è caratterizzata: da un alto tasso di invecchiamento della popolazione da elevate aspettative

Dettagli

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE Il sistema proposto consente di erogare un insieme di servizi di logistica basati sulla capacità di stabilire comunicazioni bidirezionali tra una Centrale Operativa ed

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3050 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FRAGOMELI, SENALDI, GIACHETTI, FOSSATI, GAROFANI Modifiche all articolo 9 del decreto legislativo

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S ne-t by Telerete Nordest NE-T: società di servizi per le telecomunicazioni, l information technology

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO Progetto: SIMOB - Sistema Integrato per l infomobilità Finanziatore: Regione Toscana Asse di finanziamento: APQ Competitività dei territori e delle

Dettagli

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda Scenario Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda I servizi di ronda/ispezione forniti dagli Istituti di Vigilanza vengono effettuati da Guardie Giurate incaricate di verificare ed ispezionare

Dettagli

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA Ing. Sergio Marino Direttore Generale ARPA Sicilia Ogni Ente Pubblico deve garantire il diritto d accesso, la

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati.

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Milano, 10 novembre 2010 L efficienza della Supply Chain sanitaria. La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Relatore: Roberto Mariani Dir. Customer Service

Dettagli

Introduzione Il progetto WORKPAD Individuazione delle attuali sfide tecnologiche

Introduzione Il progetto WORKPAD Individuazione delle attuali sfide tecnologiche Il Progetto WORKPAD Migliorare la gestione delle emergenze attraverso la gestione dei processi e la geo-collaborazione Andrea Marrella marrella@dis.uniroma1.it Indice della Presentazione Introduzione Il

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Dr.ssa Marina Melissari

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Dr.ssa Marina Melissari Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Dr.ssa Marina Melissari SIGEI è una piattaforma ICT web based di interoperabilità tra

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli