Il presente volume intende illustrare i risultati di un indagine dell Isfol sull utilizzo delle nuove

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente volume intende illustrare i risultati di un indagine dell Isfol sull utilizzo delle nuove"

Transcript

1 Temi&Strumenti Studi e ricerche 34 Temi&Strumenti Studi e ricerche34 Il presente volume intende illustrare i risultati di un indagine dell Isfol sull utilizzo delle nuove tecnologie nelle attività delle Associazioni di Promozione Sociale. L associazionismo come fenomeno è in continua crescita e con esso aumentano gli scambi, le reti e la necessità di un confronto sempre più stretto e costante con le Istituzioni. L opportunità introdotta con la L.383/00 ( Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ) di rinnovare la propria infrastruttura tecnologica e di introdurre o implementare servizi attraverso le ICT ha avuto grande eco nel mondo associativo. I progetti attivati sono stati numerosi e l analisi dei dati emersi dall indagine e dall approfondimento dei casi di studio ha evidenziato come lo sviluppo di strumenti tecnologici abbiano riguardato prioritariamente i seguenti ambiti: creazione di siti web e diverso utilizzo di internet; aggiornamenti dei sistemi hardware e software nelle associazioni; erogazione da parte delle Associazioni di Promozione Sociale di corsi di formazione. L introduzione di nuovi strumenti e l implementazione dei servizi ha inevitabilmente prodotto cambiamenti che, alla luce dei dati, possiamo chiamare miglioramenti, relativamente a tre marco aspetti su cui si è concentrata l attenzione della ricerca: l impatto interno alle organizzazioni, l impatto sui destinatari e sugli utenti dei servizi, l impatto sull esterno (relazioni con le altre organizzazioni e con le reti). Nel presente rapporto, si evidenzia come gli strumenti di nuova tecnologia siano utilizzati, soprattutto, al fine di rendere maggiormente efficace la comunicazione. Molti di questi strumenti si sono rivelati come contenitori di comunicazione che tendono ad essere efficaci per lo sviluppo o l informazione di alcuni eventi specifici. In tali casi si è verificato un alto utilizzo di newletters e brochures telematiche. Come conseguenza del cambiamento dei canoni comunicativi è emersa l esigenza di migliorare le competenze interne su tutto ciò che riguarda le nuove tecnologie (investimento sulla formazione degli operatori) e di iniziare un processo di apertura inteso come opportunità alla popolazione di accedere a tali tecnologie. Risulta importante, però, anche sottolineare che alcune Associazioni di Promozione Sociale non hanno maturato tali esigenze dimostrando impermeabilità all utilizzo delle nuove tecnologie. Questo non vuole significare un assenza dell uso delle nuove tecnologie, quanto, piuttosto, che tali strumenti sono rilevati solo come un supporto e non ne è stata evidentemente analizzata, programmaticamente, un ipotesi di percorso che preveda un loro maggiore utilizzo. In entrambi i casi si evidenzia la necessità di investire in questo settore, per replicare le buone prassi realizzate o per stimolare le organizzazioni più ostiche o semplicemente meno formate ed informate sull utilizzo delle ICT. ISBN NUOVE TECNOLOGIE E PROMOZIONE SOCIALE NUOVE TECNOLOGIE E PROMOZIONE SOCIALE Ministero della Solidarietà Sociale Osservatorio Nazionale dell Associazionismo Sociale Direzione Generale Volontariato, Associazionismo e Formazioni sociali Divisione II Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori

2 Temi&Strumenti Studi e ricerche 34 ISBN

3 L Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, è stato istituito con D.P.R. n. 478 del 30 giugno 1973, e riconosciuto Ente di ricerca con Decreto legislativo n. 419 del 29 ottobre 1999; ha sede in Roma ed è sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale. L Istituto opera in base al nuovo Statuto approvato con D.P.C.M. del 19 marzo 2003 ed al nuovo assetto organizzativo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 12 del Svolge attività di studio, ricerca, sperimentazione, documentazione, informazione e valutazione nel campo della formazione, delle politiche sociali e del lavoro, al fine di contribuire alla crescita dell occupazione, al miglioramento delle risorse umane, all inclusione sociale ed allo sviluppo locale. Fornisce consulenza tecnico-scientifica al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e ad altri Ministeri, alle Regioni, Province autonome e agli Enti locali, alle Istituzioni nazionali pubbliche e private. Svolge incarichi che gli vengono attribuiti dal Parlamento e fa parte del Sistema statistico nazionale. Svolge anche il ruolo di struttura di assistenza tecnica per le azioni di sistema del Fondo sociale europeo, è Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci, Centro Nazionale Europass, Struttura nazionale di supporto all iniziativa comunitaria Equal. Presidente Sergio Trevisanato Direttore Generale Giovanni Principe La collana Temi&Strumenti articolata in Studi e Ricerche, Percorsi, Politiche comunitarie presenta i risultati delle attività di ricerca dell Isfol sui temi di competenza istituzionale, al fine di diffondere le conoscenze, sviluppare il dibattito, contribuire all innovazione e alla qualificazione dei sistemi di riferimento. La collana Temi&Strumenti è curata da Isabella Pitoni, responsabile Ufficio Comunicazione Istituzionale Isfol ISFOL Via G. B. Morgagni, Roma Tel

4 Ministero della Solidarietà Sociale Osservatorio Nazionale dell Associazionismo Sociale Direzione Generale Volontariato, Associazionismo e Formazioni sociali Divisione II ISFOL NUOVE TECNOLOGIE E PROMOZIONE SOCIALE ISFOL EDITORE

5 Il volume raccoglie i risultati di una ricerca curata dall Area Risorse strutturali ed umane dei sistemi formativi (diretta da Claudia Montedoro) dell Isfol nell ambito del progetto Nuove tecnologie e promozione sociale promosso e finanziato a valere su risorse dell Osservatorio Nazionale dell Associazionismo (Legge 383/00) Ministero del Lavoro e Politiche Sociali ora Ministero della Solidarietà Sociale Direzione Generale per il Volontariato, l Associazionismo e le Formazioni Sociali. La ricerca è stata condotta da Elena Caramelli, Giancarlo Cursi, Marco Marucci, Germana Monaldi, con la collaborazione della Società BBJ Consult Ag - rappresentanza italiana per la parte relativa alla rilevazione ed analisi dei dati e della Società Ecoter per l interpretazione dei dati. Il volume è a cura di Elena Caramelli e Marco Marucci. Sono autori del volume: Cecilia Donaggio (prefazione), Mariano Martone, Elisabetta Patrizi (introduzione), Elena Caramelli, Marco Marucci (nota metodologica), Olivier La Rocca (parte prima), Elena Caramelli, Olivier La Rocca, Marco Marucci (parte seconda), Elena Caramelli, Olivier La Rocca (parte terza), Claudia Montedoro (conclusioni). Coordinamento editoriale della collana Temi & Strumenti : Piero Buccione e Aurelia Tirelli. Con la collaborazione di Paola Piras.

6 INDICE pag. Prefazione 7 Introduzione Nota metodologica 13 Parte Prima Contesto della ricerca 17 1 Associazioni di Promozione Sociale e rapporto con le nuove tecnologie 19 2 Le nuove tecnologie come valore 28 Parte Seconda Risultati dell indagine 1 Caratteristiche della popolazione oggetto dell indagine 33 2 Ruolo delle tecnologie nei progetti svolti dalle associazioni 34 3 Campi d attività e strutture di intervento 36 4 Infrastruttura tecnologica e servizi erogati 40 5 La spinta al rinnovamento tra formazione e innovazione tecnologica 42 6 Percezione dell influenza delle nuove tecnologie 44 sulle attività delle associazioni 47 7 Sistema delle relazioni: rappresentazioni e significati 50 8 Considerazioni conclusive 65 Parte Terza Approfondimento qualitativo 69 1 Contesto internazionale 69 2 Analisi SWOT dei 7 casi di studio Legambiente - Italia Libera - Italia Unione Italiana Ciechi - Italia UNIEDA - Italia Sos Femmes Accueil Francia Amoverse - Spagna The Khmer Institue of Democracy Cambogia 91 5

7 INDICE pag. Conclusioni 95 Appendice Allegato A Lista delle associazioni contattate 105 Allegato B Questionario on line 109 Allegato C Schede dei casi studio Legambiente - Italia Libera - Italia Unione Italiana Ciechi - Italia UNIEDA - Italia Sos Femmes Accueil Francia Amoverse - Spagna The Khmer Institue of Democracy Cambogia 167 Bibliografia 103 6

8 PREFAZIONE La Legge 383 del 2000, intervenuta dopo quasi dieci anni l emanazione della Legge quadro sul volontariato, mirava a riconoscere ed irrobustire il principio costituzionale della partecipazione dei cittadini alla vita sociale e culturale, oltre che politica ed economica, del Paese. In un quadro di grande complessità del mondo del non profit in Italia, il fenomeno dell associazionismo di promozione sociale è in continua e costante espansione, con circa associazioni e 10 milioni di italiani coinvolti. Questa articolata partecipazione non può non collegarsi a quanto dispone la Legge 383, che, sin dal primo articolo, afferma la significativa importanza che la promozione sociale riveste, enunciando il principio che la Repubblica riconosce il valore sociale dell associazionismo, ne promuove lo sviluppo, ne salvaguarda la sua autonomia e favorisce l apporto di associazioni per finalità di carattere sociale, civile, culturale e di ricerca etica e spirituale. Le associazioni, il cui campo d azione è ormai vastissimo (attività di natura sportiva e ricreativa, assistenziali, di culto, di studio e di ricerca, culturali), rappresentano peraltro uno strumento agile a disposizione delle amministrazioni pubbliche per l assolvimento di alcuni obblighi istituzionali e contribuiscono nei territori a perseguire il filo della proficua interazione tra Pubblica Amministrazione e mondo della solidarietà. Il tema trattato nella presente ricerca, di estremo interesse per l Amministrazione, testimonia la vitalità del settore e insiste sull elevato valore aggiunto che le Nuove Tecnologie comportano nel lavoro quotidiano delle Associazioni di promozione sociale in tutti i diversificati campi del loro agire. Sono sicura che i risultati qui presentati si dimostreranno particolarmente utili sia per una valutazione specifica da parte dell Osservatorio Nazionale dell Associazionismo, che nel 2005 ha commissionato la ricerca all Isfol, sia per il Ministero, nel quadro di un virtuoso apprezzamento delle politiche implementate. 7

9 PREFAZIONE La sempre maggiore diffusione delle tecnologie informatiche si rivela, credo, particolarmente preziosa per quelle realtà che operano direttamente per e dentro la società civile, consentendo, in misura sempre maggiore, una efficace compartecipazione dei cittadini alla vita del Paese e contribuendo, allo stesso tempo, all inveramento dei valori repubblicani di solidarietà e di pieno sviluppo della personalità di ogni cittadino. Il Sottosegretario di Stato Dr.ssa Cecilia Donaggio 8

10 INTRODUZIONE I risultati dell indagine presentata in questo volume testimoniano la forte attenzione che l Osservatorio Nazionale dell Associazionismo del Ministero della Solidarietà Sociale - DG per il Volontariato, l Associazionismo e le Formazioni sociali - rivolge all introduzione e all uso delle nuove tecnologie nelle attività delle Associazioni di Promozione Sociale. Il mondo associativo si è trasformato in questi anni in una realtà molto consistente, sia in termini numerici che i termini qualitativi (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). In tale processo di trasformazione emerge un continuo confronto tra nuove tecnologie e ambito sociale. L utilizzo delle ICT, infatti, da parte delle Associazioni di Promozione Sociale sta diventando uno strumento di lavoro sempre più diffuso e una corretta gestione degli strumenti informatici può favorire la mission e il ruolo tipici delle realtà associative. A partire dal 2002 il Ministero ha finanziato, attraverso fondi previsti dalla Legge 383/00 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), iniziative di formazione e di aggiornamento delle attività associative e progetti di informatizzazione e di banche dati in materia di associazionismo sociale (art. 12, lett. D), riconoscendo, così, il ruolo strategico delle nuove tecnologie nell accrescere la capacità di programmazione e di lavoro dell associazionismo sociale. Nell analisi di contesto (Parte Prima), si è inteso esplorare qualitativamente il significato che gli operatori delle Associazioni di Promozione Sociale attribuiscono alle nuove tecnologie, al fine di comprendere la percezione in termini di utilità e miglioramento delle attività. In questa fase l intento è comprendere anche quale sia il livello di valore percepito dagli operatori. A tal fine è stata utilizzata la Matrice del Valore 1 che ha dimostrato come la tecnologia dipenda for- 9

11 INTRODUZIONE temente sia dal valore apprendimento, sia dalla messa in rete ed, infine, dal valore definito economico sociale. Tali tipologie di valori vengono identificate sia a livello di contesto interno all associazione che nel contesto esterno dove il mix di competenza degli individui (operatori dell associazione) con le nuove tecnologie effettua cambiamenti rilevanti sul territorio di riferimento. La Seconda Parte evidenzia i risultati della ricerca e quindi, a differenza dell analisi contestuale che mira ad individuare l ambito di osservazione a livello teorico. Vengono individuati i risultati dell indagine svolta tramite la somministrazione di questionari on line con una specifica attenzione all importanza percepita, da parte degli operatori degli strumenti di nuova tecnologia che sono stati inseriti nelle loro attività. L obiettivo è quello di verificare il livello di importanza rilevata dagli operatori stessi, e quindi non è solo una mera analisi dall esterno che può indicare l importanza politica e/o strategica, ma si è voluto rilevare l importanza che il singolo operatore ha verificato sul suo percorso di procedure lavorative. L interesse è stato posto su un analisi quantitativa e si è teso a verificare, a livello percentuale, le singole risposte confrontando il grado di utilizzo o nel caso la volontà di investimento in alcune strumentazioni. L analisi quantitativa ha anche mostrato quali siano le necessità che le associazioni hanno individuato ed i relativi percorsi procedurali per l inserimento delle strumentazioni tecnologiche nel contesto lavorativo. In parallelo si è valutato quali tipologie di attività di formazione sulle nuove tecnologie siano state messe in atto dalle associazioni, al fine anche di verificare se vi sia una correlazione tra necessità interne ed erogazioni di corsi di formazione tematici. Inoltre, nel presente rapporto, si evidenzia come gli strumenti di nuova tecnologia siano utilizzati al fine di rendere maggiormente efficace la comunicazione. Molti di questi strumenti si sono rivelati come contenitori di comunicazione che tendono ad essere efficaci per lo sviluppo o l informazione di alcuni eventi specifici. In tali casi si è verificato un alto utilizzo di newletters e brochures telematiche, dove l immaterialità dello strumento all interno del sito web risulta essere molto più efficace di quanto fosse stato in passato l invio a popolazioni selezionate. L intento della ricerca non è stato solo quello di misurare l impatto dello strumento tecnologico sugli utenti ma anche valutare come tali strumenti, molto spesso, dopo un investimento iniziale oneroso, divengano una spesa velocemente ammortizzabile e nel medio lungo periodo quasi completamente azzerabile. 1 Marco Ruffino, Manuale dei progetti interregionali, Franco Angeli, Milano,

12 INTRODUZIONE La Terza Parte sposta il punto di osservazione sulle Associazioni di Promozione Sociale in ambito internazionale. Riferendosi direttamente alle osservazioni effettuate nel secondo capitolo, il gruppo di ricerca ha ritenuto fondamentale effettuare un approfondimento qualitativo a livello nazionale, comunitario ed internazionale attraverso l analisi e il confronto dei casi studio. Dalle analisi dei questionari somministrati ed attraverso l osservazione del contesto internazionale, sono stati identificati sette casi specifici che hanno dimostrato di avere tra le loro caratteristiche: forte radicamento sul territorio, maturata esperienza e organizzazione gestionale ben strutturata. Per ogni singolo caso si è analizzato, attraverso l analisi di uno specifico progetto, il beneficio che la nuova tecnologia ha apportato alle procedure ed alla gestione delle attività nelle Associazioni di Promozione Sociale. Le rilevazioni dei benefici è stata effettuata calcolando a livello oggettivo l impatto dei benefici sia all interno dell associazione che sul territorio (destinatari, reti). La lettura dei dati è stata effettuata attraverso lo strumento della SWOT (Strenghts, Weaknesses, Opportunities, Threats), come strumento di percezione del cambiamento. L utilizzo di tale strumento di analisi permette l identificazione di tutti i fattori, siano essi positivi che negativi, che ogni associazione deve prevedere prima di effettuare un attività sul territorio. Difatti saranno presentati due diagrammi, uno ex-ante al progetto ed uno ex-post al fine di valutare l impatto delle possibili opportunità e minacce che non possono essere verificate in fase progettuale ma possono essere solo identificate a livello ipotetico. Si auspica che gli spunti emersi da questa ricerca possano costituire un buon punto di partenza per offrire un quadro del rapporto tra associazionismo e nuove tecnologie, anche al fine di poter meglio indirizzare la capacità di programmazione in questo ambito. 11

13

14 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA DELL INDAGINE L indagine ha adottato un approccio esplorativo con finalità prevalenti di tipo descrittivo ed un approfondimento qualitativo attraverso l analisi di casi studio. Sul piano operativo, a valle di una prima fase di approfondimento bibliografico e documentale - orientata ad una contestualizzazione dell oggetto della ricerca nello scenario storico-sociale di riferimento - si è passati alla realizzazione di un indagine sul campo che ha riguardato l intero universo delle associazioni iscritte al Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale (APS). La rilevazione è stata realizzata facendo ricorso prevalentemente a tecniche quantitative, integrate da alcuni approfondimenti di tipo qualitativo in relazione ad elementi di particolare interesse rispetto all oggetto d indagine. Inoltre, si è effettuato uno studio approfondito di 7 casi nazionali e internazionali inerenti l impatto delle nuove tecnologie sulle APS. Il disegno della ricerca si è, così, articolato in alcuni passaggi sequenziali caratterizzati da specifiche esigenze conoscitive ed operative. In una prima fase, si è provveduto ad effettuare un inquadramento preliminare dello scenario di riferimento. Tale passaggio si è concretizzato, come accennato, nella realizzazione di un analisi bibliografico-documentale e della normativa di settore. Particolare attenzione è stata riservata ad approfondimenti sulla normativa inerente l oggetto della ricerca e ad un ampia ricognizione degli studi e delle ricerche effettuate in relazione all oggetto d indagine. Ciò ha consentito di focalizzare con maggiore precisione le aree problematiche di interesse della ricerca e di finalizzare la messa a punto degli strumenti di rilevazione. Vista la natura dell indagine di carattere esplorativo che mira ad acquisire informazioni sulla percezione del rapporto tra tecnologie e promozione sociale, e data la variegata tipologia delle Associazioni di Promozione Sociale, si è individuato come universo di riferimento le 114 associazioni iscritte al 2006 al Registro nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale (Allegato A). Si è giunti alla costruzione di un questionario strutturato con risposte precodificate (Allegato B). L uso del questionario standardizzato è stato preferito 13

15 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA DELL INDAGINE anche date le sue caratteristiche di velocità e facilità di compilazione e di standardizzazione dei risultati ottenuti, in modo da garantire la confrontabilità e cumulabilità dei dati. Il questionario è composto da cinque dimensioni d indagine: Struttura dell associazione; Esplorazione dell attività di progettazione svolta negli ultimi anni; Dotazione tecnologica ed uso delle tecnologie comprende anche le attività formative erogate e quelle di aggiornamento infrastrutturale; Percezione del cambiamento e nuove tecnologie; Relazioni. Una volta testato, il questionario è stato somministrato via web. Questo ha permesso di ridurre i costi dell indagine e le possibili difficoltà legate alla distanza geografica (le 114 associazioni sono dislocate sull intero territorio nazionale). Non da meno, questa modalità di somministrazione ha consentito di ridurre i tempi di lavoro complessivi attraverso l immissione automatica dei dati in matrice, meccanismo che ha anche evitato la presenza di errori dovuti all imputazione manuale (errori di battitura dovuti a cali d attenzione dell operatore e ad errata interpretazione delle schede). Per migliorare gli esiti della somministrazione on-line è stata svolta un adeguata strategia di sensibilizzazione e coinvolgimento, oltre alla pubblicizzazione degli scopi della ricerca alle APS per invitarle a compilare il questionario. La risposta è stata di 50 questionari compilati 2. I dati raccolti sono stati, in primo luogo, sottoposti ad analisi monovariata al fine di studiarne le distribuzioni di frequenze e i valori caratteristici: tendenza centrale e scostamento. Questo ha permesso, oltre ad avere una primo riscontro di natura descrittivo-esplorativa sul campione, di verificare la tenuta complessiva dello strumento e delle singole domande. In generale questa fase ha consentito di verificare la validità del data set informatizzato in funzione della successiva elaborazione ed analisi dei dati. L elaborazione dei dati è stata condotta sulla base di un piano di incroci coerente con ipotesi interpretative congruenti con le finalità del lavoro di ricerca, in certa misura affinate in fase di realizzazione dell indagine anche grazie alle informazioni ricavate dall analisi dei dati secondari e documentale. Oltre all analisi bi e tri-variata, è stato fatto ampio uso di tecniche multivariate di sintesi dei dati (ACM - Analisi delle Corrispondenze Multiple) al fine di aggregare le informazioni a disposizione in modo da poter lavorare su nuove variabili dotate di una più alta capacità di sintesi ed interpretazione (fattori dell ACM). 2 Questa caduta della popolazione oggetto di studio può essere in parte attribuita alla modalità di somministrazione adottata. In generale il questionario auto-somministrato spedito all intervistato è soggetto ad una caduta nel numero dei rispondenti, in questo caso, la auto-somministrazione on-line potrebbe aver accentuato tale tendenza. Si deve, però, anche considerare la scarsa propensione del mondo associativo a rispondere a questo tipo di iniziative (probabilmente perché pressati da iniziative analoghe). 14

16 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA DELL INDAGINE Riguardo ai dati relazionali è stata condotta, prevalentemente, un analisi degli egonetworks (reticoli individuali), vale a dire delle reti di relazioni proprie di ogni singola associazione presente nel campione. A tale proposito è importante sottolineare come la network analysis non ha rappresentato il centro dell indagine, ma un contributo teorico, tecnico e metodologico utile ad arricchire l interpretazione della realtà oggetto di studio. Essa, quindi, è stata adattata ad una logica di ricerca propria della tradizionale social survey, soprattutto con riguardo alle modalità di selezione delle unità di rilevazione. Inoltre, per problemi di praticità di somministrazione del questionario, non è stato possibile fornire agli intervistati intere liste contenenti i nomi delle associazioni con cui avrebbero potuto avere contatti. Per questo motivo si è deciso di lavorare prevalentemente sullo studio di egonetworks cercando di verificare, a posteriori, la presenza di legami tra le associazioni componenti il campione. In alcuni casi è stato possibile rilevare tali legami e, rispetto alle reti da essi generate, individuare tanto le posizioni ricoperte dalle singole associazioni (bridges, gate keepers, gregari) quanto le caratteristiche strutturali complessive (strutture ad albero, clique, triadi, diadi). Parallelamente alla fase di rilevazione dei dati si è proceduto all approfondimento qualitativo su 7 casi di studio nazionali e internazionali: progetti innovativi che evidenziano l impatto dell uso delle ICT sulle Associazioni di Promozione Sociale. Sono stati individuati 4 casi italiani a partire dai progetti finanziati dal Ministero della Solidarietà Sociale ai sensi della Legge 383/2000 (art. 12 lettera D) nel triennio orientati all organizzazione ed erogazione di attività di informatizzazione e potenziamento dell infrastruttura tecnologica delle associazioni. Per la selezione dei progetti è stata utilizzata un apposita griglia di valutazione al fine di evidenziare alcune caratteristiche dei progetti presentati e approvati. In particolare si è considerata l efficacia di questi attribuendo una valutazione su alcuni fattori che caratterizzavano (a) l impatto che il progetto ha avuto all interno dell associazione stessa (b) l impatto sui destinatari/beneficiari dell associazione (c) l impatto sull esterno e sulla creazione di reti 4. I 3 progetti internazionali (Spagna, Francia e Cambogia) sono stati selezio- 3 Elena Caramelli ed Elisabetta Patrizi (a cura di), Investire nella progettualità delle Associazioni di promozione sociale Compendium progetti Legge 383/200 triennio , Isfol, Roma, I fattori presi come criteri di valutazione per l Impatto interno sono stati : coerenza tra metodi e obiettivi; maggiore coesione associativa; partecipazione degli attori coinvolti nel progetto; impatto sull organizzazione interna; incremento e maggiore condivisione della mission dell associazione; uso più efficiente delle risorse (meno sprechi); maggiore rapporto costi/benefici; miglioramento delle competenze; necessità di formazione per l utilizzo delle nuove tecnologie; evidenti limiti da superare. I fattori presi come criteri di valutazione per l Impatto sui destinatari sono stati: migliore rapporto con i beneficiari; migliore comprensione del contesto in cui si opera; impatto sull assetto istituzionale locale; coinvolgimento dei beneficiari; impatto sulle strategie di comunicazione (esterna). I fattori presi come criteri di valutazione per l Impatto esterno sono stati: riproducibilità in situazioni analoghe, trasferibilità in ambiti/settori diversi; mainstreaming - applicabilità ad altri livelli di programmazione; creazione di reti/partenariati; impatto sull ambito di intervento dell associazione. 15

17 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA DELL INDAGINE nati secondo il particolare e innovativo uso delle tecnologie, l ambito di attività e la dislocazione geografica 5. Sono state, quindi, predisposte 7 schede (Allegato C), una per ciascun caso studio, che riportano la descrizione dell associazione, la sintesi del progetto e l impatto delle tecnologie nei tre ambiti già individuati: impatto interno, impatto esterno e impatto sui destinatari. Si è potuto così completare l ultima fase della ricerca che ha previsto uno studio comparativo, a livello internazionale sull impatto che le nuove tecnologie hanno sulle APS. 5 Francia e Spagna sono rappresentative di esperienze analoghe a livello comunitario. Il progetto dell associazione cambogiana è rappresentativo di un Paese in via di sviluppo. 16

18 PARTE PRIMA CONTESTO DELLA RICERCA Come definito nella disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale 6, sono riconosciute associazioni i movimenti, i gruppi e i loro coordinamenti o federazioni che sono costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di terzi, senza avere finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e dignità degli associati. Quindi, tale definizione stabilisce che l Associazione di Promozione Sociale è tale in base all obiettivo che si prefigge o goal, come definiscono gli inglesi. L accezione inglese risulta essere, a nostro parere, maggiormente chiarificatrice poiché identifica il puntuale campo di azione che viene reso tangibile dalle azioni che l associazione vuole effettuare. Proprio per tale caratterizzazione le associazioni hanno molteplici obiettivi ed effettuano attività che, ovviamente, sono di utilità sociale ma sono differenziate sia a livello orizzontale che verticale. Il livello orizzontale delle azioni si contestualizza nelle tipologie di pratiche delle associazioni, e quindi si passa a forme di attività a livello civico, come azioni educative e sociali o a livello culturale o ancora a livello sportivo, ad attività di assistenza socio sanitarie come ad attività che vengono effettuate all interno del contesto parrocchiale. La gamma di attività a questo livello orizzontale è tale che, a partire dalla cooperazione internazionale o alle attività per un consumo critico, si arrivi a tutte quelle forme di impegno non convenzionale quali la firma di petizioni, parte- 6 La Legge 383 del 7 dicembre 2000 completa il quadro normativo del Terzo settore, disciplinando il riconoscimento e la costituzione delle Associazioni di Promozione Sociale. Il Ministero della Solidarietà Sociale ha poi approvato il regolamento che disciplina il procedimento per l iscrizione e la cancellazione delle associazioni a carattere nazionale nel registro di cui all art. 7 della citata Legge. 17

19 PARTE PRIMA cipazione a campagne elettorali, segnalazione di problemi ad amministratori locali, etc. Direttamente collegato alle attività esplicitate risulta essere l individuazione delle tipologie di destinatari che passano da anziani a portatori di handicap, da tossicodipendenti a minori in difficoltà sino agli immigrati. Oltre ad una importante diversificazione delle azioni a livello orizzontale, esiste anche una netta demarcazione a livello verticale, poiché al fine di raggiungere il proprio obiettivo le associazioni possono prediligere azioni che sono dirette: (a) ai destinatari finali; (b) alla popolazione che non risulta essere coinvolta o che in altri casi vuole essere coinvolta; (c) alle figure istituzionali che sono gli elementi che possono effettuare atti normativi o finanziari di utilità sociale. In base a tali diversificazioni è evidente che le associazioni anche se rientrano nella dizione di promozione sociale hanno scopi e modalità di azioni completamente diverse. Anche per questo i loro approcci alle attività possono essere differenti e richiedere competenze diversificate, come anche i loro approcci alle nuove tecnologie. Il presente volume non intende analizzare le nuove tecnologie come soli elementi di innovazione, termine che oramai è abusato e spesso non identifica un reale cambiamento, ma un aggiornamento di strumenti o metodologie già definite, e quindi, in quanto, tali oggettivamente necessari ed utili. L intenzione è quella di evidenziare quali tipologie di strumenti ad alto valore tecnologico siano consoni per le attività delle associazioni. Tale visione di nuova tecnologia ha permesso di non perdersi all interno di tutte le varie tipologie di strumentazioni più o meno nuove, e di focalizzare, soprattutto, l attenzione su strumenti quali quelli di knowledge managment come di software specifici, sempre al fine di una migliore gestione delle attività interne. Pertanto, è compreso anche il sistema Internet come contenitore di opportunità e strumenti ad alto valore tecnologico e a basso costo economico, viste le opzioni che vengono offerte nel mercato. Per questi strumenti però, come si denoterà in seguito, è necessario un lungo periodo di formazione individuale al fine di generare le competenze necessarie al loro utilizzo. Non si è tralasciata l analisi relativa alla creazione e, soprattutto, gestione dei siti web con i relativi contenuti. Nello specifico la ricerca non ha teso solo ad evidenziare una mera presenza del sito web, anche se si è verificato che il 60% delle associazioni del campione non ha siti web dedicati, ma si è voluto far emergere l esistenza nel sito di pagine dedicate a forum o chat o sistemi di mailinglist o di community on line, etc. 18

20 CONTESTO DELLA RICERCA Infine si è analizzato il sistema strutturale delle nuove tecnologie poiché in questo caso l interesse specifico verte sul sistema di collegamento delle reti, sia all interno della struttura stessa che con collegamenti ad altre strutture. Risulta evidente che il valore aggiunto della nuova tecnologia nella creazione di collegamenti con tutti gli utenti dell associazione, è rilevato da benefici quali, ad esempio, l accorciamento dei tempi di trasmissione di documenti informatici. Gli operatori delle associazioni, quindi, acquisiscono uno strumento e delle nuove competenze nella gestione della rete. La priorità in questo caso derivava dalla verifica di come le singole strutture ritengano fondamentali, per il miglioramento della qualità della vita lavorativa, l investimento nella creazione di sistemi di connessione di reti. 1 Associazioni di Promozione Sociale e rapporto con le nuove tecnologie Indipendentemente dalle attività specifiche delle associazioni è risultato ovvio che tutte le strutture associative hanno recepito le innovazioni che provengono dalle nuove tecnologie, dimostrando una spiccata attenzione nel saper valutare quali siano le strumentazioni maggiormente confacenti all uopo. Il primo dato da enucleare è quello rispettivo ai differenti ruoli che il gruppo di ricerca ha dato alle figure dei volontari e degli operatori nelle associazioni. I volontari sono la parte fondamentale che mette in atto le azioni che potremmo definire prettamente sul campo, poiché sono la linfa vitale di ogni associazione in quanto realizzano le azioni che coinvolgono una importante diffusione delle attività; mentre per operativi si sono intese tutte quelle figure che hanno un ruolo più stabile nella gestione di tutti i processi che l associazione ha ritenuto prioritari. Di solito i volontari sono figure che svolgono già altre professioni e che, quindi, nel loro tempo libero si attivano e prendono parte alle azioni dell associazione. Tra le professionalità che più diffusamente esercitano, risultano essere quelle di tipo impiegatizio, ed in particolare quelle degli insegnanti o quelle di lavoratori autonomi. Ad un livello di età inferiore si denotano le figure degli studenti che spendono molto del loro tempo all interno della vita associativa. Si evidenzia, così, un alta intensità partecipativa durante gli anni degli studi ma che via via diminuisce nel periodo di inserimento lavorativo o, molto spesso, termina bruscamente con la prima occupazione. In base anche alle tipologie professionali, i volontari denotano un livello culturale medio-alto, il che contraddistingue la spiccata sensibilità per tali tematiche. Tali fattori hanno sempre offerto un forte impatto positivo nell impegno 19

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli