PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT"

Transcript

1 PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT CORSO DI GESTIONE DELLA CONOSCENZA Prof. Alberto Felice De Toni 11 giugno Knowledge Management 1

2 Framework modelli LEGENDA: * * * * * MODELLI ** * * * ** ** ** * ** ** * = Articolo ** = Libro A = Market to Book Value B = Q di Tobin Zack, 1999 Hansen e altri, 1999 Choi e Lee, 2003 Armbrecht e al, 2001 Holsapple e Joshi, 2002 Stankostky e al, 2005 Lee e yang, 2000 Stewart, 1997 A Stewart, 1997 B Sveiby, 1997 Lev, 2001 Edvinsson, 1998 Tiwana, 1999 Dalkir, 2005 KS CONTEXT CONTENT PROCESS KM MAIN VARIABLES KNOWLEDGE CYCLE IMPLEMENTATION STEPS MONETARY KE HOLISTIC NON MONETARY ATOMISTIC Knowledge Management: principali modelli di riferimento 2 2

3 Autore di riferimento: Amrit Tiwana Amrit Tiwana è Associate Professor of Logistics Operations and Management Information Systems alla Iowa State University. Ha conferito il titolo di Ph.D. in Business Administration al Robinson College of Business dell Università di Georgia State focalizzando la sua ricerca sulla knowledge integration e l information systems management. Prima di approdare alla Iowa State University, ha insegnato alla Goizueta Business School e Information Systems al Robinson College of Business at Georgia State University. È membro della Academy of Management, della Association for Information Systems, e della Academy of Computing Machinery. Knowledge Management: principali modelli di riferimento 3 3

4 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 4 4

5 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 5 5

6 1. Analizzare l infrastruttura esistente 1. Comprendere se esiste un modello deliberato di KM o se esiste solo in forma latente ed eventualmente capire su quali tecnologie si basa. 2. Comprendere il ruolo delle reti (intranet e extranet) presenti all interno dell organizzazione, e definire come queste potrebbero supportare il KM. 3. Analizzare, valorizzare e rendere scalabili data mining, data warehousing, e business intelligence che potrebbero essere già in uso all interno dell organizzazione. 4. Comprendere le scelte alla base dei server aziendali e le logiche di condivisione dei dischi di sistema. 5. Comprendere le limitazioni dei tool esistenti e identificare quali potrebbero essere i gap nell infrastruttura. 6. Pensare a come integrare le reti e le tecnologie individuate nel nuovo modello di KM. 7. Creare degli step concreti per valorizzare e rendere scalabile l infrastruttura esistente. Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 6 In the first step you analyze your existing infrastructure, then you identify concrete steps that you can take to leverage and build your knowledge management system upon. In this first step, you gain an understanding of various components that constitute the knowledge management strategy and technology framework. By analyzing and accounting for what is already in place in your company, you can identify critical gaps in the existing infrastructure. Consequently, you will be able to build upon what already exists. The key lies in accurately identifying and fixing what will work as a part of the knowledge management system and what will not. There is no silver bullet for knowledge management: Anything making that claim is fraught with immense risk. Instead of telling you what components to build upon, I will guide you through the process of making those decisions specifically in the context of your company. Although leveraging existing infrastructure is the logically, scientifically, rationally, theoretically, commonsensically, and financially right approach, it also stands a better chance of generating stronger management support for your knowledge management project because of the perception that you are not completely abandoning the "old" existing investments. Flexibility and scalability: A well-designed knowledge management system is not written in stone. It has and needs room to grow and change with the business that it supports. Such flexibility in design will ensure future leverageablity. The user is king: In concert with significant changes in both applications and technology architecture is greater awareness of user-defined requirements within this environment. A key success factor in a knowledge management system is the ability of end users to define and control interaction with numerous sources of information, and decide how information is classified, organized, and prioritized to suit perceived business needs and strategy. Ease of use: A knowledge management system has to be easy to use. Leveraging our knowledge of "good" Web design can partially ensure that. The role model is the telephone. Really. 6

7 Componenti dell infrastruttura Enterprize KM Network Knowledge Flow Web sites, pointers Databases Messaging File systems Legacy systems Workflow Collaborative tools Discussions Information Mapping Information Sources Reposity Distributed search Models Distributed retrieval Distribution Channels Multimedia content Enterprise data Versioning controls Metadata Bulletin boards Informal conversation PM Tolls Check in/out Operational data External network Transaction reports Intelligent Agent and Network Mining Push agents Pull agents Data aqnd text mining Web farming technologies Information indexing and classification Information clustering and lumping Information And Knowledge Exchange Viewing tools Collaborative annotation Context addition Messaging integration Legacy integration Threading Platform Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 7 To understand how these components interrelate, it is essential to understand their key functions. The primary set of functions (and cross-category secondary functions) of these meta components are as follows: 1. Knowledge flow: These components facilitate knowledge flow within the knowledge management system. 2. Information mapping: These link and map the flow of information that might later be converted to knowledge across the enterprise. 3. Information sources: Data sources feed raw data and information into the knowledge management system. 4. Information and knowledge exchange: Tools and nontechnological facilitators that enable exchange of information across tacit (such as people) and explicit (such as databases, transaction processing repositories, and data warehouses) sources, help create and share context (the process itself is called contextualization), and facilitate sensemaking 5. Intelligent agent and network mining: Knowledge mining, linking, retrieval, and intelligence tools facilitate finding knowledge using intelligent agents and pattern mining tools. 7

8 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 8 8

9 2. Allineare il KM e la BS 1. Eseguire una knowledge-based SWOT analysis e creare mappe della conoscenza per la propria organizzazione, i principali competitors e l intero settore 2. Analizzare i knowledge gap e identificare come il KM può colmare questi gap 3. Eseguire un analisi costi-benefici per capire le priorità con cui colmare i gap 4. Scegliere tra un approccio di personalizzazione e di codificazione 5. Determinare le domande diagnostiche a cui dovrà rispondere il sistema di KM 6. Tradurre i link tra il KM e la BS in caratteristiche progettuali del KM system 7. Creare iniziative per vendere più facilmente il sistema all interno 8. Validare i link tra KM e BS e utilizzarli per guidare il resto del processo di progettazione Zack Hansen Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 9 In the second step you analyze knowledge gaps by creating knowledge maps for your company. You further use these knowledge maps to create a high-level strategic link between business strategy and knowledge management. You then use this link develop both the knowledge management strategy and system in a manner that aligns them with business performance and objectives. Knowledge drives strategy, and strategy drives knowledge management. Without a clearly articulated link between knowledge management and business strategy, even the world's best knowledge management system will deliver zilch. Business strategy is usually at a high level, and, dare I say, with lofty goals. Developing systems is always at a low level: Specifications and features are needed, not abstractions, visions, or business ideas. Raise knowledge management system design to the level of business strategy and pull strategy down to the level of systems design. When such alignment between your knowledge management and business strategy is clearly established from the outset, you can be sure that your knowledge management system is moving in a direction that holds promise for long-lasting competitive advantage and that it will actually benefit both your company's employees and its bottom line. 9

10 2. Legami tra KS, KM, BS e ambiente Ambiente Opportunità tecnologiche Minacce competitive Controllo Impatta Barriere di espressione Contesto strategico Prodotti/servizi Mercati Clienti Allocazione risorse Impatta Barriere di espressione Impatta Guida Influenza Permette Barriere relative alle specifiche KS Ruolo dell IT Innovazione Vantaggio competitivo Mappe della conoscenza Barriere relative alle specifiche Permette Allinea Barriere implementative Barriere implementative Tecnologie di KM Investimenti infrastrutturali Scelte strategiche sull IT Ricchezza collaborativa Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 10 The figure illustrates the linkages between a company's strategic context, knowledge management strategy, and knowledge management technology. The competitive environment a combination of technical opportunities, competitive threats, and regulatory controls impacts both your company's strategic context (and in turn its products, services, markets, customers, and allocation of resources) and its knowledge management strategy. KM technology (which includes the knowledge management system) enables the realization of your company's chosen knowledge strategy. KM strategy in turn aligns KM technology design. It's your company's business strategy that drives its knowledge management strategy, and not the other way around. Similarly, KM technology choices enable its strategic context and are in turn influenced by it. Strategic context has an expression barrier surrounding it. Your company breaches the barrier by articulating its business strategy, based on its vision and translated into actionable targets and goals. Knowledge strategy has a specification barrier: the need to specify critical knowledge that supports and refines your company's business strategy. I would recommend using Michael Zack's knowledge mapping scheme to overcome the specification barrier that shields KM strategy. Knowledge management technology, itself, has an implementation barrier surrounding it. This barrier is primarily related to technology choice and design and is rarely a hardy deterrent because it can often be copied easily by your competitors. 10

11 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 11 11

12 3. Progettare l infrastruttura per il KM 1. Capire i vari componenti della infostructure 2. Identificare le fonti di conoscenza interne e esterne da integrare 3. Scegliere i componenti IT per trovare, creare, assemblare e applicare la conoscenza 4. Identificare gli elementi del livello dell interfaccia: client, server, gateways e piattaforma 5. Identificare e comprendere i componenti del livello collaborative intelligence: data warehouses, algoritmi genetici, reti neurali, sistemi ad esperti e decision support system (basati su casi o su regole) 6. Equilibrare costi e benefici per ogni componente IT individuato 7. Equilibrare meccanismi push e pull per la fornitura di conoscenza 8. Identificare il giusto mix di componenti per la ricerca, l indicizzazione e il retrieval 9. Cerare etichette e atrributi della conoscenza: dominio, forma, tipo, prodotto/servizio, tempo e locazione 10.Eseguire un controllo retroattivo sul modello SECI di Nonaka per validare le proprie scelte Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 12 As the third step toward deploying knowledge management, you must select the infrastructural components that constitute the knowledge management system architecture. Knowledge management systems use a seven-layer architecture, and the technology required to build each layer is readily available. Integrating these components to create the knowledge management system model requires thinking in terms of an infostructure rather than an infrastructure. You must also create profiling mechanisms for push- and pull-based knowledge delivery while balancing cost versus value-added for each additional enabling component. You do this after considering the ways in which work is done in your own company. The choice of these components will vary according to the different corporate cultures and work norms that exist in different companies. 12

13 3. Controllo retroattivo Knowledge Management: principali modelli di riferimento 13 Now that you have a grasp on the technology and human components needed to implement a knowledge management strategy in your company, let's see how they all fit into Nonaka's SECI model. The interaction of knowledge at enterprisewide (company) levels is indicated by C; at group or task team level, by G; and at individual level, by I. The corresponding technology enablers are exemplified in each quadrant. Knowledge management is done according to the SECI model through a cycle of socialization, externalization, combination, and internalization of knowledge. The figure illustrates also how each of these phases is supported by technology that we discussed in this chapter. Note that some of the components overlap across phases of knowledge creation. This implies that the benefits of one technology element is manifested in multiple knowledge creation phases. 13

14 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 14 14

15 4. Knowledge audit Definire gli obiettivi della Knowledge Audit Identificare restrizioni finanziarie o di altro genere Determinare lo Stato ideale Assegnare valori alti desiderabili Selezionare il metodo per l Audit Specificare i dettagli dell Audit Il metodo selezionato deve rendere conto di almeno tre tipologie critiche di intangible asset: Know-how dei dipendenti Reputazione (fedeltà al marchio ) Cultura organizzativa Eseguire l Audit Documentare i Knowledge Asset Knowledge Assets Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 15 A knowledge management project must begin with what your company already knows. In the fourth step, you audit and analyze knowledge, but first you must understand why a knowledge audit is needed. Then you assemble an audit team representing various organizational units. This team performs a preliminary assessment of knowledge assets within your company to identify those that are both critical and the weakest. 15

16 4. Dall audit ai knowledge spot Codified knowledge that we have as a % of the total knowledge explicated by our key competitors Low High Strategic position A Externally assailable Internally safe High Competitive Advantage Strategic position C No competitive advantage No Competitive Advantage Strategic position B Externally safe Internally assailable High Competitive Advantage Strategic position D Temporary competitive advantage Low Competitive Advantage Low High Tacit knowledge content as a % of the total knowledge that we have Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 16 Once you map each knowledge element or asset on the framework described in Figure you can tell whether it is a strength or weakness. The shaded areas indicate a high competitive advantage: areas where your knowledge is already well managed but can possibly be improved. Strategic position A indicates that your company is internally safe but externally vulnerable on this front. The level of explicated knowledge is high, and tacit content is low. Your competitors do not have much more knowledge than you have available and ready to apply. This is perhaps the bestcase scenario for knowledge management. Very few companies actually fall in this quadrant. We researched several companies that have had a fair degree of success in their knowledge management efforts, and our initial findings indicate that companies that are actually pursuing knowledge management effectively, fall in Quadrant A. However, in that quadrant your company is externally vulnerable because almost all the knowledge you have is well explicated and codified. If your competitors manage to obtain any portion of this readily applicable and explicitly codified knowledge, they could use it to their advantage and against you in their own business. In such a case, your focus should be more on security measures rather than on knowledge management. Position B indicates that your company has managed to explicate some portion of its knowledge; however, this is a relatively small percentage of what your competitors have managed to explicate. In this position, tacit content of knowledge in your company is rather high. This is an excellent scenario for an efficacious knowledge management initiative using a well-funded knowledge management system. Technology can be a major, if not the only, savior for your firm's competitive advantage. Even though your company might be externally safe, a key employee leaving your company and joining a competitor might reverse the entire balance. Strategic position C is a fundamentally weak position, where your company has no strategic advantage whatsoever. Probably a lot more issues besides knowledge management need to be addressed. Strategic position D regards companies which are presently successful but need to manage knowledge in such a manner that their temporary advantage is converted into a longer-term, sustainable competitive advantage. These companies have much to gain from an investment in knowledge management systems, technology, and infrastructure. Such companies include consulting companies, where the founders of the firm have a bulk of the firm's total knowledge. In such cases, the tacit portion of knowledge is very high in relation to the portion that has been formalized, captured, and explicated (or externalized). 16

17 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 17 17

18 5. KM team 1. Identificare gli stakeholders chiave: IT, management e end users 2. Gestire le loro aspettative 3. Identificare le fonti di esperienza 4. Identificare i punti critici di fallimento in termini di bisogni non soddisfatti, controllo, utilizzo da parte del management e utilizzo da parte degli utenti 5. Equilibrare la costituzione del KM team dal punto di vista organizzativo, strategico e tecnologico 6. Equilibrare l esperienza tecnica e manageriale all interno del team 7. Risolvere i problemi legati al dimensionamento del team Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 18 In the fifth step on the KM road map, you design the knowledge management team that will design, build, implement, and deploy your company's knowledge management system. To design an effective knowledge management team, you must identify key stakeholders both within and outside your company and identify sources of expertise that are needed to successfully design, build, and deploy the system while balancing the technical and managerial requirements. We examine the issues of correctly sizing the knowledge management team, managing diverse and often divergent stakeholder expectations, and applying techniques for both identifying and avoiding critical failure points in such teams. 18

19 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 19 19

20 6. KMS blueprint 1. Customizzare l architettura del KMS per la propria organizzazione 2. Selezionare i componenti richiesti per creare un KMS: repositories, mining tools, opzioni di interfaccia, elementi integrativi, cultura 3. Progettare il sistema per alti livelli di interoperabilità con gli altri investimenti IT in modo da ottimizzare le performance e la scalabilità 4. Eseguire una gestione del KMS che segua il ciclo di vita della conoscenza 5. Garantire e rendere visibili i benefici del KMS 6. Compiere la scelta build or buy comprendendo i trade off che ne conseguono Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 20 The knowledge management team identified in step 5 builds upon a knowledge management system blueprint that provides a plan for building and incrementally improving a knowledge management system. As you work toward designing a knowledge management architecture, you must understand its seven layers specifically in the context of your company and determine how each of these can be optimized for performance and scalability as well as high levels of interoperability. This step integrates work from all preceding steps so that it culminates in a strategically oriented knowledge management system design. 20

21 6. Analisi dei componenti IT da modificare Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 21 The figure shows the generic system architecture. The knowledge management system deployment initiative assumes that you already have a corporate network in place. The knowledge management applications will go one layer above this existing architecture. The shaded components in Figure indicate the components of the system architecture that must be modified to build a knowledge management system. The middleware architecture is modified to incorporate applications that otherwise might not talk to each other, into a tightly integrated system. The repository architecture includes all existing databases. 21

22 6. Build or Buy? Opzione Costo Qualità Tempo di sviluppo Flessibilità Customizzabilità Note Sviluppo in casa custom (utilizzando membri dei sistemi informativi e end users per i test) Alto Dipende Alto Alta Alta La qualità dipende dall esperienza disponibile Sviluppo in casa custom con il supporto di consulenti Alto Dipende, ma meglio di sopra Medio Alta Alta Dipende dalle abilità dei consulenti. Rischio che sviluppino sistemi simili a competirors Soluzione custom sviluppata da una società di consulenza Medio Media Basso Media Media I competitors potrebbero avere la stessa soluzione Sviluppo da parte degli stessi end users Di solito basso Di solito bassa Dipende Alta Alta Non consigliato Sistemi standard acquistati all esterno Basso Alta Zero Bassa Bassa L unico tempo per lo sviluppo è il tempo per l installazione Soluzioni customizzate off the shelf Medio Alta Basso Mediobassa Media Dovrebbe essere nel primo set di scelte Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 22 22

23 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 23 23

24 7. Sviluppare il KMS Definire i dettagli per ognuno dei sette livelli architetturali del KMS: Interface layer Browser Access & authentication layer Authentication, recognition, security, firewall, tunneling Collaborative intelligence and filtering layer Intelligent agent tools, content personalization, search, indexing, metatagging Application layer Skills directories, yellow pages, collaborative work tools, video conferences, electronic forums, DSS tools Transport layer Web and TCP/IP deployment, streaming audio, VPN Middleware and Legacy integration layer Wrapper tools Repositories Legacy, datawherehouses, databases Piattaforma indipendente o accesso unico con gli altri sistemi informativi? Progettazione dettagliata della pagina di apertura Audio e video da inserire Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 24 The combination of technologies upon which a knowledge management system rests is tricky to define. The focus of technology should primarily be on enhancing two broad areas: Storage and retrieval Communications Technology for managing information has often taken a limited view of regarding only explicable, captured information as information that needs to go into an information system; there have only been a few, moderately successful attempts to take information technology further than that. While technologies that we will examine in the next section are limited to some extent by this constricted view of what comprises information, they capture and distribute structured knowledge and enhance the broad area of storage and retrieval. Communications is another domain where IT provides incalculable opportunity in terms of mobilizing tacit knowledge. 24

25 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 25 25

26 8. Prototipazione e avvio 1. Comprendere il bisogno di sviluppare un KMS pilota, selezionando delle aree rappresentative per il progetto 2. Identificare i punti critici nel progetto pilota 3. Comprendere il ciclo di vita del KMS e le sue implicazioni 4. Utilizzare un approccio RDI (Result Driven Incremental) per avviare il sistema, effettuando correzioni in base ai risultati cumulativi 5. Identificare le trappole del sistema in base ai risultati dell approccio RDI 6. Decidere se e quando utilizzare prototipi Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 26 A large-scale project such as a typical knowledge management system must take into account the actual needs of its users. Although a cross-functional KM team can help uncover many of these needs, a pilot deployment is the ultimate reality check. In the eighth step on the knowledge management road map, you must decide how you can select KM releases with the highest payoffs first. Well-executed deployment will ensure that the knowledge management system is well received by the users for whom it is built. The incremental approach to systems development and deployment assumes that functions required of a system, such as a knowledge management system, cannot be known completely in the initial stages. This approach suggests that developers implement a part of the system and increment it rapidly, as new requirements surface. This way, the entire system can be implemented in increments, and changes can be made along the way. 26

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori Trasformare le persone da esecutori a deleg-abili rappresenta uno dei compiti più complessi per un responsabile aziendale, ma è anche un opportunità unica per valorizzare il patrimonio di competenze aziendali

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli