PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT"

Transcript

1 PRINCIPALI MODELLI DI KNOWLEDGE DEVELOPMENT CORSO DI GESTIONE DELLA CONOSCENZA Prof. Alberto Felice De Toni 11 giugno Knowledge Management 1

2 Framework modelli LEGENDA: * * * * * MODELLI ** * * * ** ** ** * ** ** * = Articolo ** = Libro A = Market to Book Value B = Q di Tobin Zack, 1999 Hansen e altri, 1999 Choi e Lee, 2003 Armbrecht e al, 2001 Holsapple e Joshi, 2002 Stankostky e al, 2005 Lee e yang, 2000 Stewart, 1997 A Stewart, 1997 B Sveiby, 1997 Lev, 2001 Edvinsson, 1998 Tiwana, 1999 Dalkir, 2005 KS CONTEXT CONTENT PROCESS KM MAIN VARIABLES KNOWLEDGE CYCLE IMPLEMENTATION STEPS MONETARY KE HOLISTIC NON MONETARY ATOMISTIC Knowledge Management: principali modelli di riferimento 2 2

3 Autore di riferimento: Amrit Tiwana Amrit Tiwana è Associate Professor of Logistics Operations and Management Information Systems alla Iowa State University. Ha conferito il titolo di Ph.D. in Business Administration al Robinson College of Business dell Università di Georgia State focalizzando la sua ricerca sulla knowledge integration e l information systems management. Prima di approdare alla Iowa State University, ha insegnato alla Goizueta Business School e Information Systems al Robinson College of Business at Georgia State University. È membro della Academy of Management, della Association for Information Systems, e della Academy of Computing Machinery. Knowledge Management: principali modelli di riferimento 3 3

4 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 4 4

5 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 5 5

6 1. Analizzare l infrastruttura esistente 1. Comprendere se esiste un modello deliberato di KM o se esiste solo in forma latente ed eventualmente capire su quali tecnologie si basa. 2. Comprendere il ruolo delle reti (intranet e extranet) presenti all interno dell organizzazione, e definire come queste potrebbero supportare il KM. 3. Analizzare, valorizzare e rendere scalabili data mining, data warehousing, e business intelligence che potrebbero essere già in uso all interno dell organizzazione. 4. Comprendere le scelte alla base dei server aziendali e le logiche di condivisione dei dischi di sistema. 5. Comprendere le limitazioni dei tool esistenti e identificare quali potrebbero essere i gap nell infrastruttura. 6. Pensare a come integrare le reti e le tecnologie individuate nel nuovo modello di KM. 7. Creare degli step concreti per valorizzare e rendere scalabile l infrastruttura esistente. Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 6 In the first step you analyze your existing infrastructure, then you identify concrete steps that you can take to leverage and build your knowledge management system upon. In this first step, you gain an understanding of various components that constitute the knowledge management strategy and technology framework. By analyzing and accounting for what is already in place in your company, you can identify critical gaps in the existing infrastructure. Consequently, you will be able to build upon what already exists. The key lies in accurately identifying and fixing what will work as a part of the knowledge management system and what will not. There is no silver bullet for knowledge management: Anything making that claim is fraught with immense risk. Instead of telling you what components to build upon, I will guide you through the process of making those decisions specifically in the context of your company. Although leveraging existing infrastructure is the logically, scientifically, rationally, theoretically, commonsensically, and financially right approach, it also stands a better chance of generating stronger management support for your knowledge management project because of the perception that you are not completely abandoning the "old" existing investments. Flexibility and scalability: A well-designed knowledge management system is not written in stone. It has and needs room to grow and change with the business that it supports. Such flexibility in design will ensure future leverageablity. The user is king: In concert with significant changes in both applications and technology architecture is greater awareness of user-defined requirements within this environment. A key success factor in a knowledge management system is the ability of end users to define and control interaction with numerous sources of information, and decide how information is classified, organized, and prioritized to suit perceived business needs and strategy. Ease of use: A knowledge management system has to be easy to use. Leveraging our knowledge of "good" Web design can partially ensure that. The role model is the telephone. Really. 6

7 Componenti dell infrastruttura Enterprize KM Network Knowledge Flow Web sites, pointers Databases Messaging File systems Legacy systems Workflow Collaborative tools Discussions Information Mapping Information Sources Reposity Distributed search Models Distributed retrieval Distribution Channels Multimedia content Enterprise data Versioning controls Metadata Bulletin boards Informal conversation PM Tolls Check in/out Operational data External network Transaction reports Intelligent Agent and Network Mining Push agents Pull agents Data aqnd text mining Web farming technologies Information indexing and classification Information clustering and lumping Information And Knowledge Exchange Viewing tools Collaborative annotation Context addition Messaging integration Legacy integration Threading Platform Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 7 To understand how these components interrelate, it is essential to understand their key functions. The primary set of functions (and cross-category secondary functions) of these meta components are as follows: 1. Knowledge flow: These components facilitate knowledge flow within the knowledge management system. 2. Information mapping: These link and map the flow of information that might later be converted to knowledge across the enterprise. 3. Information sources: Data sources feed raw data and information into the knowledge management system. 4. Information and knowledge exchange: Tools and nontechnological facilitators that enable exchange of information across tacit (such as people) and explicit (such as databases, transaction processing repositories, and data warehouses) sources, help create and share context (the process itself is called contextualization), and facilitate sensemaking 5. Intelligent agent and network mining: Knowledge mining, linking, retrieval, and intelligence tools facilitate finding knowledge using intelligent agents and pattern mining tools. 7

8 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 8 8

9 2. Allineare il KM e la BS 1. Eseguire una knowledge-based SWOT analysis e creare mappe della conoscenza per la propria organizzazione, i principali competitors e l intero settore 2. Analizzare i knowledge gap e identificare come il KM può colmare questi gap 3. Eseguire un analisi costi-benefici per capire le priorità con cui colmare i gap 4. Scegliere tra un approccio di personalizzazione e di codificazione 5. Determinare le domande diagnostiche a cui dovrà rispondere il sistema di KM 6. Tradurre i link tra il KM e la BS in caratteristiche progettuali del KM system 7. Creare iniziative per vendere più facilmente il sistema all interno 8. Validare i link tra KM e BS e utilizzarli per guidare il resto del processo di progettazione Zack Hansen Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 9 In the second step you analyze knowledge gaps by creating knowledge maps for your company. You further use these knowledge maps to create a high-level strategic link between business strategy and knowledge management. You then use this link develop both the knowledge management strategy and system in a manner that aligns them with business performance and objectives. Knowledge drives strategy, and strategy drives knowledge management. Without a clearly articulated link between knowledge management and business strategy, even the world's best knowledge management system will deliver zilch. Business strategy is usually at a high level, and, dare I say, with lofty goals. Developing systems is always at a low level: Specifications and features are needed, not abstractions, visions, or business ideas. Raise knowledge management system design to the level of business strategy and pull strategy down to the level of systems design. When such alignment between your knowledge management and business strategy is clearly established from the outset, you can be sure that your knowledge management system is moving in a direction that holds promise for long-lasting competitive advantage and that it will actually benefit both your company's employees and its bottom line. 9

10 2. Legami tra KS, KM, BS e ambiente Ambiente Opportunità tecnologiche Minacce competitive Controllo Impatta Barriere di espressione Contesto strategico Prodotti/servizi Mercati Clienti Allocazione risorse Impatta Barriere di espressione Impatta Guida Influenza Permette Barriere relative alle specifiche KS Ruolo dell IT Innovazione Vantaggio competitivo Mappe della conoscenza Barriere relative alle specifiche Permette Allinea Barriere implementative Barriere implementative Tecnologie di KM Investimenti infrastrutturali Scelte strategiche sull IT Ricchezza collaborativa Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 10 The figure illustrates the linkages between a company's strategic context, knowledge management strategy, and knowledge management technology. The competitive environment a combination of technical opportunities, competitive threats, and regulatory controls impacts both your company's strategic context (and in turn its products, services, markets, customers, and allocation of resources) and its knowledge management strategy. KM technology (which includes the knowledge management system) enables the realization of your company's chosen knowledge strategy. KM strategy in turn aligns KM technology design. It's your company's business strategy that drives its knowledge management strategy, and not the other way around. Similarly, KM technology choices enable its strategic context and are in turn influenced by it. Strategic context has an expression barrier surrounding it. Your company breaches the barrier by articulating its business strategy, based on its vision and translated into actionable targets and goals. Knowledge strategy has a specification barrier: the need to specify critical knowledge that supports and refines your company's business strategy. I would recommend using Michael Zack's knowledge mapping scheme to overcome the specification barrier that shields KM strategy. Knowledge management technology, itself, has an implementation barrier surrounding it. This barrier is primarily related to technology choice and design and is rarely a hardy deterrent because it can often be copied easily by your competitors. 10

11 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 11 11

12 3. Progettare l infrastruttura per il KM 1. Capire i vari componenti della infostructure 2. Identificare le fonti di conoscenza interne e esterne da integrare 3. Scegliere i componenti IT per trovare, creare, assemblare e applicare la conoscenza 4. Identificare gli elementi del livello dell interfaccia: client, server, gateways e piattaforma 5. Identificare e comprendere i componenti del livello collaborative intelligence: data warehouses, algoritmi genetici, reti neurali, sistemi ad esperti e decision support system (basati su casi o su regole) 6. Equilibrare costi e benefici per ogni componente IT individuato 7. Equilibrare meccanismi push e pull per la fornitura di conoscenza 8. Identificare il giusto mix di componenti per la ricerca, l indicizzazione e il retrieval 9. Cerare etichette e atrributi della conoscenza: dominio, forma, tipo, prodotto/servizio, tempo e locazione 10.Eseguire un controllo retroattivo sul modello SECI di Nonaka per validare le proprie scelte Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 12 As the third step toward deploying knowledge management, you must select the infrastructural components that constitute the knowledge management system architecture. Knowledge management systems use a seven-layer architecture, and the technology required to build each layer is readily available. Integrating these components to create the knowledge management system model requires thinking in terms of an infostructure rather than an infrastructure. You must also create profiling mechanisms for push- and pull-based knowledge delivery while balancing cost versus value-added for each additional enabling component. You do this after considering the ways in which work is done in your own company. The choice of these components will vary according to the different corporate cultures and work norms that exist in different companies. 12

13 3. Controllo retroattivo Knowledge Management: principali modelli di riferimento 13 Now that you have a grasp on the technology and human components needed to implement a knowledge management strategy in your company, let's see how they all fit into Nonaka's SECI model. The interaction of knowledge at enterprisewide (company) levels is indicated by C; at group or task team level, by G; and at individual level, by I. The corresponding technology enablers are exemplified in each quadrant. Knowledge management is done according to the SECI model through a cycle of socialization, externalization, combination, and internalization of knowledge. The figure illustrates also how each of these phases is supported by technology that we discussed in this chapter. Note that some of the components overlap across phases of knowledge creation. This implies that the benefits of one technology element is manifested in multiple knowledge creation phases. 13

14 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 14 14

15 4. Knowledge audit Definire gli obiettivi della Knowledge Audit Identificare restrizioni finanziarie o di altro genere Determinare lo Stato ideale Assegnare valori alti desiderabili Selezionare il metodo per l Audit Specificare i dettagli dell Audit Il metodo selezionato deve rendere conto di almeno tre tipologie critiche di intangible asset: Know-how dei dipendenti Reputazione (fedeltà al marchio ) Cultura organizzativa Eseguire l Audit Documentare i Knowledge Asset Knowledge Assets Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 15 A knowledge management project must begin with what your company already knows. In the fourth step, you audit and analyze knowledge, but first you must understand why a knowledge audit is needed. Then you assemble an audit team representing various organizational units. This team performs a preliminary assessment of knowledge assets within your company to identify those that are both critical and the weakest. 15

16 4. Dall audit ai knowledge spot Codified knowledge that we have as a % of the total knowledge explicated by our key competitors Low High Strategic position A Externally assailable Internally safe High Competitive Advantage Strategic position C No competitive advantage No Competitive Advantage Strategic position B Externally safe Internally assailable High Competitive Advantage Strategic position D Temporary competitive advantage Low Competitive Advantage Low High Tacit knowledge content as a % of the total knowledge that we have Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 16 Once you map each knowledge element or asset on the framework described in Figure you can tell whether it is a strength or weakness. The shaded areas indicate a high competitive advantage: areas where your knowledge is already well managed but can possibly be improved. Strategic position A indicates that your company is internally safe but externally vulnerable on this front. The level of explicated knowledge is high, and tacit content is low. Your competitors do not have much more knowledge than you have available and ready to apply. This is perhaps the bestcase scenario for knowledge management. Very few companies actually fall in this quadrant. We researched several companies that have had a fair degree of success in their knowledge management efforts, and our initial findings indicate that companies that are actually pursuing knowledge management effectively, fall in Quadrant A. However, in that quadrant your company is externally vulnerable because almost all the knowledge you have is well explicated and codified. If your competitors manage to obtain any portion of this readily applicable and explicitly codified knowledge, they could use it to their advantage and against you in their own business. In such a case, your focus should be more on security measures rather than on knowledge management. Position B indicates that your company has managed to explicate some portion of its knowledge; however, this is a relatively small percentage of what your competitors have managed to explicate. In this position, tacit content of knowledge in your company is rather high. This is an excellent scenario for an efficacious knowledge management initiative using a well-funded knowledge management system. Technology can be a major, if not the only, savior for your firm's competitive advantage. Even though your company might be externally safe, a key employee leaving your company and joining a competitor might reverse the entire balance. Strategic position C is a fundamentally weak position, where your company has no strategic advantage whatsoever. Probably a lot more issues besides knowledge management need to be addressed. Strategic position D regards companies which are presently successful but need to manage knowledge in such a manner that their temporary advantage is converted into a longer-term, sustainable competitive advantage. These companies have much to gain from an investment in knowledge management systems, technology, and infrastructure. Such companies include consulting companies, where the founders of the firm have a bulk of the firm's total knowledge. In such cases, the tacit portion of knowledge is very high in relation to the portion that has been formalized, captured, and explicated (or externalized). 16

17 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 17 17

18 5. KM team 1. Identificare gli stakeholders chiave: IT, management e end users 2. Gestire le loro aspettative 3. Identificare le fonti di esperienza 4. Identificare i punti critici di fallimento in termini di bisogni non soddisfatti, controllo, utilizzo da parte del management e utilizzo da parte degli utenti 5. Equilibrare la costituzione del KM team dal punto di vista organizzativo, strategico e tecnologico 6. Equilibrare l esperienza tecnica e manageriale all interno del team 7. Risolvere i problemi legati al dimensionamento del team Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 18 In the fifth step on the KM road map, you design the knowledge management team that will design, build, implement, and deploy your company's knowledge management system. To design an effective knowledge management team, you must identify key stakeholders both within and outside your company and identify sources of expertise that are needed to successfully design, build, and deploy the system while balancing the technical and managerial requirements. We examine the issues of correctly sizing the knowledge management team, managing diverse and often divergent stakeholder expectations, and applying techniques for both identifying and avoiding critical failure points in such teams. 18

19 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 19 19

20 6. KMS blueprint 1. Customizzare l architettura del KMS per la propria organizzazione 2. Selezionare i componenti richiesti per creare un KMS: repositories, mining tools, opzioni di interfaccia, elementi integrativi, cultura 3. Progettare il sistema per alti livelli di interoperabilità con gli altri investimenti IT in modo da ottimizzare le performance e la scalabilità 4. Eseguire una gestione del KMS che segua il ciclo di vita della conoscenza 5. Garantire e rendere visibili i benefici del KMS 6. Compiere la scelta build or buy comprendendo i trade off che ne conseguono Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 20 The knowledge management team identified in step 5 builds upon a knowledge management system blueprint that provides a plan for building and incrementally improving a knowledge management system. As you work toward designing a knowledge management architecture, you must understand its seven layers specifically in the context of your company and determine how each of these can be optimized for performance and scalability as well as high levels of interoperability. This step integrates work from all preceding steps so that it culminates in a strategically oriented knowledge management system design. 20

21 6. Analisi dei componenti IT da modificare Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 21 The figure shows the generic system architecture. The knowledge management system deployment initiative assumes that you already have a corporate network in place. The knowledge management applications will go one layer above this existing architecture. The shaded components in Figure indicate the components of the system architecture that must be modified to build a knowledge management system. The middleware architecture is modified to incorporate applications that otherwise might not talk to each other, into a tightly integrated system. The repository architecture includes all existing databases. 21

22 6. Build or Buy? Opzione Costo Qualità Tempo di sviluppo Flessibilità Customizzabilità Note Sviluppo in casa custom (utilizzando membri dei sistemi informativi e end users per i test) Alto Dipende Alto Alta Alta La qualità dipende dall esperienza disponibile Sviluppo in casa custom con il supporto di consulenti Alto Dipende, ma meglio di sopra Medio Alta Alta Dipende dalle abilità dei consulenti. Rischio che sviluppino sistemi simili a competirors Soluzione custom sviluppata da una società di consulenza Medio Media Basso Media Media I competitors potrebbero avere la stessa soluzione Sviluppo da parte degli stessi end users Di solito basso Di solito bassa Dipende Alta Alta Non consigliato Sistemi standard acquistati all esterno Basso Alta Zero Bassa Bassa L unico tempo per lo sviluppo è il tempo per l installazione Soluzioni customizzate off the shelf Medio Alta Basso Mediobassa Media Dovrebbe essere nel primo set di scelte Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 22 22

23 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 23 23

24 7. Sviluppare il KMS Definire i dettagli per ognuno dei sette livelli architetturali del KMS: Interface layer Browser Access & authentication layer Authentication, recognition, security, firewall, tunneling Collaborative intelligence and filtering layer Intelligent agent tools, content personalization, search, indexing, metatagging Application layer Skills directories, yellow pages, collaborative work tools, video conferences, electronic forums, DSS tools Transport layer Web and TCP/IP deployment, streaming audio, VPN Middleware and Legacy integration layer Wrapper tools Repositories Legacy, datawherehouses, databases Piattaforma indipendente o accesso unico con gli altri sistemi informativi? Progettazione dettagliata della pagina di apertura Audio e video da inserire Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 24 The combination of technologies upon which a knowledge management system rests is tricky to define. The focus of technology should primarily be on enhancing two broad areas: Storage and retrieval Communications Technology for managing information has often taken a limited view of regarding only explicable, captured information as information that needs to go into an information system; there have only been a few, moderately successful attempts to take information technology further than that. While technologies that we will examine in the next section are limited to some extent by this constricted view of what comprises information, they capture and distribute structured knowledge and enhance the broad area of storage and retrieval. Communications is another domain where IT provides incalculable opportunity in terms of mobilizing tacit knowledge. 24

25 KM Toolkit: The 10 step KM Roadmap 1 2 Analizzare l infrastrutture esistente Allineare il KM e la BS Fase 1: valutazione dell infrastruttura Progettare l infrastruttura per il KM Fare un audit dei knowledge asset e dei sistemi Progettare un team per il KM Creare un programma per il KM Sviluppare il sistema per il KM Prototipazione e avvio Gestire il cambiamento, la cultura e i sistemi premianti Valutare le performance, misurare il ROI e rifinire il KMS Fase 2: analisi, progettazione e sviluppo del KM System Fase 3: avvio Fase 4: valutazione Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 25 25

26 8. Prototipazione e avvio 1. Comprendere il bisogno di sviluppare un KMS pilota, selezionando delle aree rappresentative per il progetto 2. Identificare i punti critici nel progetto pilota 3. Comprendere il ciclo di vita del KMS e le sue implicazioni 4. Utilizzare un approccio RDI (Result Driven Incremental) per avviare il sistema, effettuando correzioni in base ai risultati cumulativi 5. Identificare le trappole del sistema in base ai risultati dell approccio RDI 6. Decidere se e quando utilizzare prototipi Fonte: Tiwana, 1999 Knowledge Management: principali modelli di riferimento 26 A large-scale project such as a typical knowledge management system must take into account the actual needs of its users. Although a cross-functional KM team can help uncover many of these needs, a pilot deployment is the ultimate reality check. In the eighth step on the knowledge management road map, you must decide how you can select KM releases with the highest payoffs first. Well-executed deployment will ensure that the knowledge management system is well received by the users for whom it is built. The incremental approach to systems development and deployment assumes that functions required of a system, such as a knowledge management system, cannot be known completely in the initial stages. This approach suggests that developers implement a part of the system and increment it rapidly, as new requirements surface. This way, the entire system can be implemented in increments, and changes can be made along the way. 26

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

software & consulting

software & consulting software & consulting Chi siamo Nimius è un azienda con una forte specializzazione nella comunicazione on-line che opera nel settore dell IT e che intende porsi, mediante la propria offerta di servizi

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Unbounce Optimization

Unbounce Optimization Unbounce Optimization Alberto Mucignat Milano, 01 dicembre 2015 Doralab - Experience Design Company User Intelligence User Experience Design Business value 2 3 Full stack UX design Architettura dell informazione

Dettagli

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Sede AICA Liguria Competenze Professionali per l Innovazione Digitale Le competenze per la SOA-Service Oriented Architecture I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Roberto Ferreri

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS KM KM 22

Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS KM KM 22 Dall apprendimento alla gestione della conoscenza: dall e-learning al WBKMS Società dell informazione L informazione è il fatto/dato L informazione è il fatto/dato Società della conoscenza La Conoscenza

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky:

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky: Focusky Focusky è l innovativo e professionale software progettato per creare resentazioni interattive ad alto impatto visivo e ricco di effetti speciali (zoom, transizioni, flash, ecc..). A differenza

Dettagli

Il ruolo e le competenze dell IT Architect

Il ruolo e le competenze dell IT Architect Workshop sulle competenze ed il lavoro degli IT Systems Architect L impatto del Cloud Computing e di altre Tecnologie emergenti sul ruolo dell IT Systems Architect Milano, 9 novembre ore 18.00 Palazzo

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009

Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009 Rapporto sui risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2009 User satisfaction survey Technology Innovation 2009 summary of results Rapporto sui risultati del

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati.

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. Progetto Michelangelo Click4Care - ThinkHealth System Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. 1 Storia Pfizer ha sviluppato negli ultimi anni know-how nel

Dettagli

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica,

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, ABSTRACT In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, si sule indicare una complessa gamma di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria Most of the time, quali sono scambi di assicurazione sanitaria is definitely instructions concerning how to upload it. quali sono scambi di assicurazione sanitaria

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com COMPANY PROFILE tecnomulipast.com PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI DAL 1999 Design and manufacture of industrial systems since 1999 Keep the faith on progress that is always right even

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Andare SOA Fra imperativo e realtà. Egidio Astesiano DISI Università di Genova

Andare SOA Fra imperativo e realtà. Egidio Astesiano DISI Università di Genova Andare SOA Fra imperativo e realtà Egidio Astesiano DISI Università di Genova L Imperativo SOA e l impresa secondo Gartner 2004 Mostra AICA per fili e per segni Andrea di Maio - Vicepresident,Gartner Europe

Dettagli

C o n o s c e n z a c a p a c i t A c o m p e t e n z a

C o n o s c e n z a c a p a c i t A c o m p e t e n z a Business map In pochi anni 3D Med instaura importanti collaborazioni con società e centri di ricerca famosi in tutto il mondo riuscendo ad integrare ed ottimizzare processi di produzione all avanguardia

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org Debtags Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini (enrico@debian.org) 1/14 Fondazioni teoretiche Classificazione a Faccette (sfaccettature) Scoperte del cognitivismo (capacità

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Laboratorio di Informatica Applicata

Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Laboratorio di Informatica Applicata Università Ca Foscari di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione alla Business Intelligence Marco Salvato Marzo 2003 Relatore Marco Salvato Senior manager

Dettagli

How to use the WPA2 encrypted connection

How to use the WPA2 encrypted connection How to use the WPA2 encrypted connection At every Alohawifi hotspot you can use the WPA2 Enterprise encrypted connection (the highest security standard for wireless networks nowadays available) simply

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A1_1 V2.2 Ingegneria del Software Il contesto industriale del software Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa

Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa RELATORI IL CANDIDATO Prof.

Dettagli

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti #social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti innovation design training new business strategy be a jedi disclaimer 2 il presente documento è stato

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

La selezione delle risorse umane in azienda Il ruolo strategico del selezionatore l employer branding i social network. A cura di PAOLA FERRETTI

La selezione delle risorse umane in azienda Il ruolo strategico del selezionatore l employer branding i social network. A cura di PAOLA FERRETTI La selezione delle risorse umane in azienda Il ruolo strategico del selezionatore l employer branding i social network A cura di PAOLA FERRETTI Selezione È il processo di valutazione che porta ad identificare

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

Sistemi di Monitoraggio della qualità e SLA

Sistemi di Monitoraggio della qualità e SLA Sistemi di Monitoraggio della qualità e SLA Power Quality Project Giovanni Lanza OSS Europe Business Development Manager Agilent Technologies Cosma Damiano De Angelis Direttore Tecnico Harpa Italia Agilent

Dettagli

Agili, snelli e scattanti!

Agili, snelli e scattanti! Agili, snelli e scattanti! Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche 4 Giugno 2013 Emiliano Soldi PMP, PMI-ACP, CSM Agile Practice Leader & Coach http://www.emilianosoldipmp.info @EmilianoSoldi Agile

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA Un TEAM di specialisti in progettazione europea assiste le imprese per attivare gli strumenti

Dettagli

S M A R T B U S I N E S S V I S I O N S

S M A R T B U S I N E S S V I S I O N S S M A T B U S I N E S S V I S I O N S BENVENUTI IN UNA NUOVA DIMENSIONE DELL INFO MATION TECHNOLOGY, DELLA CONSULENZA AZIENDALE E DELLA BUSINESS INTELLIGENCE WELCOME TO A NEW WOLD OF INFOMATION TECHNOLOGY,

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction

Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction Allestimenti Fiere Exhibition Stand Design & Construction Way Out srl è un impresa d immagine e comunicazione a servizio completo dedicata alle piccole e medie industrie. Dal 1985 presenti sul mercato

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response Compatibile con diversi Canali di Comunicazione Call Center / Interactive Voice Response ATM PLUS + Certificato digitale Dispositivi Portatili Mutua Autenticazione per E-mail/documenti 46 ,classico richiamo

Dettagli

11. Misura e Management della Qualità

11. Misura e Management della Qualità 11. Misura e Management della Qualità LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella Punti di discussione Definizione

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Seeking brain. find Italy

Seeking brain. find Italy Seeking brain find Italy braininitaly Our challenge - la nostra sfida To promote the Italian circle of international production chains, while enhancing aspects of creativity, identity, and even cultural

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server SAP PLM - DMS SAP Document Management System integrazione con Content Server Apex assists companies increase business value by leveraging existing investments in SAP solutions SAP DMS Agenda Overview soluzione

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Maria-Cristina Pasqualetti - Deloitte Salvatore De Masi Deloitte Andrea Magnaguagno - IBM Scenario La

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

Cloud Computing e la Sicurezza?

Cloud Computing e la Sicurezza? Cloud Computing e la Sicurezza? Virtualizzazione e Sicurezza ICT Diego Feruglio Direzione Tecnica Area Ricerca Applicata 1 Cloud Computing e la sicurezza? Definizione e tassonomia 2 Il Cloud Computing

Dettagli