Sistema di monitoraggio e trasferimento dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema di monitoraggio e trasferimento dati"

Transcript

1 Sistema di monitoraggio e trasferimento dati 1. Finalità e caratteristiche del sistema di monitoraggio Nella fase di attuazione del POR, il sistema di sorveglianza e monitoraggio svolge una funzione determinante. Esso coinvolge aspetti diversi che nel loro insieme organico costituiscono il sistema stesso e che in sintesi possono essere così descritti: - il responsabile di misura, nel mentre ne cura il procedimento, vigila sulla raccolta dei dati e delle informazioni rilevati con l'attività di monitoraggio a livello di unità elementare del programma, partendo dai dati raccolti a livello di progetto; - il responsabile di asse o dirige nte di settore svolge un coordinamento a tale livello e quindi una sorveglianza a livello intermedio di programma; - il dirigente del settore "Programmazione, Sviluppo Economico e Politiche UE", nell'ambito del Dipartimento "Bilancio e Finanze, Politiche Comunitarie e Sviluppo economico", svolge un coordinamento ed una sorveglianza globale su tutto il POR, con il supporto tecnico del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici (NVVIP) della Regione, nonché della Struttura Operativa di Gestione (SOG); - il dirigente del settore Informatico, Informativo e Statistico garantisce la funzionalità e l implementazione del supporto informatico nella logica di realizzazione della Rete intranet ; - il Comitato di sorveglianza, espressione del partenariato di gestione, formalizza poi il sistema di sorveglianza del programma, assumendo le decisioni conseguenti, formulando gli indirizzi e gli orientamenti della fase attuativa del programma. L oggetto delle attività di monitoraggio riguarda in particolare la rilevazione, il trattamento e la restituzione periodica di informazioni dettagliate inerenti ai seguenti aspetti: - stato di attuazione finanziaria del programma (monitoraggio finanziario); - livello di realizzazione fisica degli interventi programmati (monitoraggio fisico); - efficienza delle procedure di attuazione del programma (monitoraggio procedurale); - previsioni di spesa; - certificazioni di spesa. L Autorità di gestione del POR indirizza e coordina a livello metodologico, in stretto raccordo con l IGRUE e con il Nucleo di Valutazione e Verifica degli investimenti pubblici della Regione, l'impostazione e l implementazione del sistema monitoraggio, assicurando che sia improntata a modelli e procedure omogenee secondo quanto stabilito al riguardo dal QCS. Eliminato: settore Eliminato: in via di completamento 1.1 Raccolta e flussi di dati I dati vengono raccolti a livello di progetto ed aggregati per misura sotto la responsabilità del responsabile di misura designato dal Dirigente del competente Dipartimento, con la costituzione di adeguate strutture tecniche interne. La raccolta dei dati viene effettuata nel rispetto delle disposizioni dei Regolamenti specifici di ciascun Fondo Strutturale e secondo le disposizioni impartite dal Dipartimento Bilancio, Finanze, Politiche Comunitarie e Sviluppo Economico. Il sistema di captazione dei dati reso disponibile via Web direttamente ai beneficiari finali consente di rilevare la spesa effettivamente sostenuta, nel rispetto delle definizioni di cui all art. 30 del Regolamento (CE) n. 1260/ Monitoraggio finanziario I dati finanziari vengono rilevati a livello di progetto e successivamente aggregati a livello di azione, misura ed asse. I dati si riferiscono alla spesa effettivamente sostenuta dai beneficiari finali, nel rispetto delle definizioni di cui all art. 30 del Regolamento (CE) n. 1260/1999. I dati vengono confrontati, a livello di misura, asse prioritario e programma POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 1

2 operativo, al piano finanziario vigente per il POR e relativo complemento di programmazione. Il sistema si basa sui dati desumibili dalla contabilità finanziaria e consente di controllare lo stato degli stanziamenti, degli impegni e dei pagamenti per programma, settore, misura, azione e progetto. Questo tipo di monitoraggio viene alimentato: - dalla registrazione automatica dei movimenti contabili effettuati nella contabilità finanziaria regionale; - dalla registrazione automatica degli impegni di spesa sui capitoli interessati alla misura in modo da rendere efficace il controllo delle quote di ripartizione dell impegno stesso tra le fonti di finanziamento interessate; - dai dati finanziari provenienti dai soggetti attuatori dei progetti; - dalla storicizzazione dei dati di rendiconto finanziario al fine di conoscere la evoluzione della spesa nel tempo. Il sistema di monitoraggio si interfaccia con i database esistenti, alimentati da altri sottosistemi applicativi del Sistema Informativo Regionale ed in particolare: - bilancio corrente. Dal bilancio si acquisiscono i dati dei pagamenti effettuati sui capitoli oggetto del monitoraggio. I dati relativi saranno storicizzati trimestralmente, in fase di rendicontazione, in un apposito archivio. Questo viene previsto al fine di velocizzare la ricerca del dato storico riepilogativo e per avere il dato sulla evoluzione della spesa negli anni. La ricerca dei dati sarà effettuata per riepilogo sul capitolo o capitoli selezionati tramite gli opportuni raggruppamenti richiesti dal tipo di ricerca selezionata (fonte finanziamento, programma, asse, sottoasse ecc.). - beneficiari. I beneficiari verranno interrogati per avere il dettaglio dei soggetti beneficiari della spesa. I beneficiari potenziali individuati dalle delibere di impegno saranno conosciuti attraverso le informazioni contenute sui progetti collegati agli impegni. In quest ultimo caso l accesso per il dettaglio beneficiari potrà avvenire o per progetto oppure per delibera come indicato al punto successivo. Se in fase di emissione del mandato il beneficiario non è presente in contabilità finanziaria il sistema provvederà all automatico inserimento. - delibere e decreti. Sulla base dell Atto che ripartisce i fondi per progetto vengono immessi gli impegni in contabilità finanziaria. Gli impegni immessi sono complessivi e possono riguardare più progetti nell ambito dello stesso capitolo. Ogni progetto è collegato con l archivio degli Atti al fine di facilitare l individuazione progetto/impegno. - bilancio storico. Le interrogazioni tengono conto dei dati del bilancio storicizzati. A tal fine esiste una interfaccia software modulare per garantire le interrogazioni. - archivio degli perenti. Le interrogazioni seguono la storia degli impegni tengono conto delle perenzioni amministrative nonché delle reiscrizioni al momento in cui vengono reclamati dai creditori. Eliminato: desunti Eliminato: d Eliminato: a Eliminato: <#>dal collegamento dei movimenti contabili ai progetti; <#>dal collegamento dei movimenti contabili alle misure/sottomisure/azioni; Eliminato: con Eliminato: con i Eliminato: Il monitoraggio finanziario fornisce i dati, desunti dalla contabilità finanziaria e dalla base dati di collegamento, per la rendicontazione e per la storicizzazione, al fine di conoscerne la evoluzione nel tempo. 1.3 Monitoraggio fisico I dati fisici vengono rilevati a livello di progetto e, ove possibile, aggregati sulla base della griglia di indicatori comuni così come definiti dall Autorità di gestione del QCS. Il monitoraggio viene effettuato sugli indicatori di realizzazione e, quando possibile e significativo, di risultato e di impatto indicati nel POR nel relativo complemento di programmazione. In linea generale gli indicatori di risultato e di impatto sono stimati in sede di valutazione sulla base dei dati di monitoraggio resi disponibili a livello di progetto e di misura. Il monitoraggio fisico ha lo scopo di fornire lo stato di attuazione e l impatto economico del progetto e/o della misura. A tal fine si individuano a priori per ogni Azione/Misura uno o più indicatori fisici con la indicazione delle modalità di rilevazione (a livello di misura e/o di progetto). Ogni indicatore fisico è basato su una unità di misura e la rilevazione dovrà essere fatta con riferimento ad un periodo di tempo codificato che sarà utilizzato anche per la storicizzazione dei rendiconti. L utilizzo dei periodi codificati consentirà di conoscere lo stato di attuazione e l impatto economico delle misure e dei progetti e la loro evoluzione nel tempo. Per ogni progetto si dovrà registrare, nell ambito dei ogni periodo, quale è il valore assoluto, espresso nell unità di misura degli indicatori associati, dell impatto economico e della realizzazione. Questo fornisce uno strumento per confrontare i risultati nel tempo rispetto alle previsioni. Gli indicatori di realizzazione e, quando possibile e significativo, di risultato e di impatto sono quelli indicati nei programmi operativi e nei complementi di programmazione, tuttavia strutturalmente l applicazione informatica e le banche dati su cui poggia non pongono alcuna limitazione sulla tipologia ed i valori degli indicatori. 1.4 Monitoraggio procedurale POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 2

3 Il monitoraggio procedurale viene attivato per tutti i programmi operativi definendo schede di rilevazione per tipologie di opere e modelli di aggregazione dei dati a livello di misura. Il monitoraggio procedurale è attivato a livello di misura (procedure di attuazione e gestione della misura) fino alla fase di individuazione dei progetti. I dati procedurali vengono successivamente rilevati a livello di progetto scegliendo una soglia dimensionale di significatività dei progetti (variabile per settore e territorio) e definendo il percorso procedurale da monitorare. Il processo si basa su un iter associato ad ogni Azione/Misura e per ogni iter su una check-list di azioni. Tra le azioni può esistere un rapporto di propedeuticità che condiziona l azione successiva al completamento della precedente. Obiettivo finale è quello di condizionare ogni evento in contabilità finanziaria (impegni, pagamenti) e /o di altro tipo al completamento del passo di un iter, quando questo condizionamento viene espressamente richiesto in fase di definizione dell iter. Oltre ad eventi con effetti sul bilancio regionale è possibile definirne altri con il compito di aggiornare alcune informazioni del progetto (per esempio lo stato dello progettazione). Infine, la definizione degli eventi è stata progettata in modo che in futuro possano esserne definiti altri dinamicamente associando al nuovo evento una applicazione, che verrà pertanto attivata quando si dovrà completare una fase dell iter. La definizione dell iter procedurale e dei passi dello stesso avviene in maniera completamente dinamica non essendo possibile predefinirli per ogni tipologia di progetto. Ad ogni passo dell iter è possibile collegare una check-list di documenti per facilitare le verifiche al responsabile di misura. 1.5 Periodicità, codifica e trasferimento elettronico dei dati I dati finanziari vengono aggiornati e diffusi con cadenza bimestrale (al 28 Febbraio, 30 Aprile, 30 Giugno, 31 Agosto, 31 Ottobre e 31 Dicembre di ogni anno). I dati procedurali con cadenza semestrale (30 giugno e 31 dicembre). I dati fisici vengono aggiornati e diffusi con cadenza annuale (31 dicembre di ogni anno). I dati vengono rilevati al livello di progetto (massimo livello di disaggregazione). I livelli successivi di aggregazione sono: misura, asse prioritario, programma operativo. Ogni progetto e ogni misura vengono poi associati a un codice di categoria di intervento indicato dalla Commissione europea, come riportato in allegato C del QCS. I dati di monitoraggio finanziario del POR, disaggregati per asse prioritario e misura, distinti per anno, vengono trasmessi a cura dell Autorità di gestione del POR all Autorità di Gestione del QCS e da quest ultimo alla Commissione europea Direzione Generale della Politica Regionale - su supporto informatico con cadenza trimestrale. Le modalità di trasmissione sono decise in accordo tra la Commissione europea e l Autorità di gestione del QCS. I dati di monitoraggio fisico e procedurale sono inseriti nelle relazioni annuali del POR, predisposte dal Dipartimento Bilancio, Finanze, Politiche Comunitarie e Sviluppo Economico. Un aggregazione dei dati a livello di POR sarà fornita ad ogni riunione del Comitato di Sorveglianza del POR stesso. Eliminato: trimest rale Eliminato: 31 Eliminato: marzo, 30 giugno, 30 settembre Eliminato: dicembre 1.6 Validazione e controllo qualità Le procedure di raccolta, aggregazione e trasmissione dei dati fanno oggetto di un azione di validazione e di controllo qualità, a cura del Nucleo Tecnico di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Sezione di verifica, al fine di verificarne la coerenza, la sicurezza e l affidabilità mediante controlli casuali su campioni significativi di informazioni. Una specifica procedura permette l individuazione tempestiva dei punti di crisi. 1.7 Accesso all informazione I dati di monitoraggio, a livello di asse prioritario, del POR sono disponibili all interno della pagina web del Comitato di Sorveglianza del POR. Il Comitato di Sorveglianza del POR stabilisce contenuti e modalità di altre forme di divulgazione dei dati di monitoraggio. 1.8 Caratteristiche tecnologiche dell applicazione informatica POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 3

4 A livello metodologico, il sistema ha anche capitalizzato sulle indicazioni emerse dal sistema di elaborazione studiato dall IGRUE, affinché fosse garantita un impostazione improntata a modelli e procedure omogenee relativi all'attività di monitoraggio dei programmi del QCS (tabelle, indicatori sintetici, analisi comparative, elaborazioni) efficaci e coerenti rispetto agli obiettivi di alimentazione del sistema di valutazione dei programmi e di rappresentazione delle informazioni necessarie per l'attività di sorveglianza del programma. La struttura relazionale delle banche dati su cui poggia il sistema informatico a supporto permette che i dati stessi siano confrontabili, a livello di misura, asse prioritario e programma operativo, al piano finanziario vigente per ciascun programma operativo e complemento di programmazione, in ragione del livello di molecolarizzazione al quale vengono acquisiti. Relativamente al processo di gestione del POR, quindi limitatamente alle Unità Organizzative coinvolte ed agli obiettivi del P rogramma, il sistema di monitoraggio, co sì come già predispo sto, costituisce un vero e proprio sistema di co ntrollo di gestione poiché in grado su tale processo di rilevare tutti i parametri occorrenti a valutare l efficacia, l efficienza ed il risultato dell azione amministrativa. Il workflow management system, insito nell applicazione informatica, costituisce un attrattore, nell accezione della teoria dei sistemi complessi, verso un esecuzione ordinata e temporalmente coordinata dei processi attuativi, di verifica e di controllo. Un insieme di soluzioni informatiche, tra esse integrate, tanto di tipo applicativo e quanto di tipo prettamente tecnologico, concorrono a gestire i flussi informativi di accompagnamento dei processi attuativi. L impianto tecnologico è di tipo network centric e prevede una Banca Dati Progetti residente sul complesso centrale d elabo razio ne regio nale co n funzio ni di accesso disponibili attraverso la intranet regionale. Di ciascun progetto, attraverso l interrelazione di tabelle multidimensionali, vengono censiti non solo i dati ma anche il management system, cioè il profilo di progetto che descrive, attraverso uno scadenziario di eventi, le attività previste per ogni fase attuativa significativa per ciascun progetto. I profili di progetto sono costruiti, utilizzando dei frameworks standardizzati per tipologia d intervento, così come indicati nel Complemento di Programmazione, la cui registrazione nel sistema è compito dell Autorità di Gestione. Nella banca dati sono registrabili tutti i progetti che possono concorrere al raggiungimento degli obiettivi previsti per ciascuna misura, per cui costituiscono condizione ottimale di funzionamento del sistema: - gli apporti delle diverse Amministrazioni Pubbliche coinvolte nel processo attuativo; - le connessioni con altri sistemi informativi in grado di fornire un quadro il più possibile completo del contesto entro il quale si realizzano gli interventi; - la utilizzazione a fini amministrativi e di contabilità pubblica di incroci con altre banche dati, oltre quelle già in possesso della regione. La Banca Dati Progetti, che detiene la molecolarizzazione dell informazione riferita all intera gestione del POR, è alimentata dalle seguenti componenti applicative: - Modulo di Gestione progetti e workflow management system, utilizzato dai centri di responsabilità per azione, consente inserire e classificare i progetti nella Banca dati Progetti secondo le codifiche adottate al livello di azione; consente inoltre di verificare la checklist dei passi procedurali amministrativi al verificarsi degli eventi e/o della presenza di dati riferiti al singolo progetto, seguendo lo schema collegato al progetto nella banca dati, avviando o inibendo automaticamente, quando del caso, le applicazioni del Modulo Avanzamento; - Modulo di Avanzamento dei soggetti attuatori, consente di registrare le informazioni di avanzamento progettuale (quantità riferite agli indicatori fisici di risultato, importi ed informazioni documentali riferite ad impegni e/o pagamenti, eventi ed attività previste dall iter progettuale), verificandone on-line i contenuti per mezzo di opportune funzioni che accedono direttamente alla Banca Dati Progetti; tale modulo consente, in ragione dello stato d avanzamento del progetto certificato dal centro di responsabilità competente, di inoltrare in modo automatico al Sistema della Contabilità Finanziaria Regionale la richiesta di registrazione del movimento corrispondente (pagamento o impegno di spesa); - Modulo di Monitoraggio e Rendicontazione, utilizzato dalle unità di certificazione e di coordinamento, consente di aggregare i dati di progetto ai vari livelli previsti, misura, asse, programma e contabilmente per capitolo, beneficiario ecc., a monitorare il critical path di ciascun progetto, ma anche a convalidare il feedback proveniente dagli attuatori attraverso il Modulo di Rendicontazione. Eliminato: prototipo Eliminato: e rilasciato nello scorso mese di luglio Eliminato: decentrate presso Eliminato: i singoli Centri di Responsabilità a cui carico sono i procedimenti attuativi o di controllo. Una replica della stessa Banca Dati è resa disponibile via Internet ai soggetti attuatori affinché possano, in modo guidato e con le opportune verifiche di congruenza, rilevare le fasi d avanzamento progettuale, ciascuno esclusivamente avendo accesso ai progetti di propria competenza Eliminato: misura Eliminato: Contabile Eliminato: Rendicontazione Eliminato: agli Eliminato: alla Regione Eliminato: web based, Eliminato: inviare Eliminato: schede predefinite Eliminato: Modulo Contabile, utilizzato dai centri di responsabilità per misura, consente, POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 4

5 2. Processo di monitoraggio Il processo di monitoraggio su un progetto inizia con il censimento dello stesso nella banca dati al momento in cui viene avanzata la domanda di finanziamento e lo stesso è eleggibile alla selezione. Ciò consente di disporre di un informazione completa su un potenziale portafoglio progetti. A seguito del procedimento di selezione, la cui gestione non prevede allo stato interazione alcuna con l applicazione informatica, i progetti ammessi a finanziamento verranno collegati all Azione specifica della Misura opportuna. Tale funzione viene espletata on line a cura del Responsabile di Misura competente per ciascun progetto. Sebbene l applicazione consenta di assegnare biunivocamente al progetto uno specifico profilo descrittivo : - dei passi procedurali di attuazione; - degli indicatori di avanzamento fisico e di risultato; - dei dati inerenti ai pagamenti effettuati a fronte della realizzazione. Si ritiene opportuno, al fine di ridurre la complessità del sistema, di utilizzare un profilo standard che descriva tutte le tipologie di progetto per ciascuna Azione di ogni Misura. Ciò anche al fine di disporre di un sistema omogeneo di parametri utilizzabili per rilevare lo stato d avanzamento della Misura nel suo insieme. Il profilo di progetto è costituito da: - passi procedurali, ciascuno correlato agli elementi identificativi dell atto della fase procedimentale; - eventi correlati al raggiungimento di specifici obiettivi intermedi del processo realizzativo ovvero al determinarsi di condizioni di contesto che possono costituire vincoli o inibitori alla realizzazione. La selezione degli indicatori di avanzamento fisico e di risultato applicabili al progetto è compresa nell insieme degli eventi, do vendosi considerare un evento la coppia ordinata <momento di rilevazione del dato, valore dell indicatore>. I passi procedurali e gli eventi correlati al raggiungimento di specifici obiettivi intermedi sono precodificati e tra essi correlati nella sequenza di propedeuticità richiesta dalla specifica tipologia di Azione. Tra i passi procedurali sono sempre compresi, salvo che per i progetti non direttamente gestiti dalla Regione a complemento di una Misura, quelli di abilitazione di risorse, impegno o pagamento, mediante registrazione dei correlati movimenti contabili. Il sistema di monitoraggio, di conseguenza, alimenta automaticamente e per via elettronica, su input del Responsabile di Misura, l assunzione dell impegno contabile della spesa o l ordinazione del relativo pagamento (mandato elettronico) da parte della Ragioneria Generale. Il processo finanziario della spesa è gestito, non discrezionalmente dal Responsabile di Misura, ma attraverso un meccanismo di triggrering che si attiva al momento in cui sono presenti nel sistema tutte le informazioni correlate ai passi procedurali propedeutici ed in particolare quelle relative al raggiungimento delle soglie di realizzazione e di pagamento previste a priori dal profilo del progetto. Tali informazioni vengono fornite al sistema a cura del Responsabile di Misura, anche attraverso il consolidamento dei dati d avanzamento progettuale inviati, di norma per via telematica, dal soggetto attuatore. Il sistema inibisce il bypass di un passo procedurale in presenza di propedeuticità non assolte, tanto a livello di Responsabile di Misura che a livello di rilevazione dello stato di attuazione da parte del soggetto attuatore. Sul piano della gestione contabile il sistema è stato reso efficace per correlare ogni Misura all unità elementare del Bilancio (capitolo). La segmentazione percentuale delle quote di contributo alla Misura, a seconda della fonte di finanziamento, è pregestito tabellarmente a livello di Misura, consentendo di produrre una rendicontazione per fonte di finanziamento sul singolo impegno di spesa. I profili di progetto sono preventivamente inseriti nel sistema a cura del Settore Programmazione, Sviluppo Economico e Politiche UE, sulla base delle risultanze del complemento di Programmazione, avendo cura di garantire la base di indicatori omogenei fornita a livello nazionale e comunitario, eventualmente implementata da ulteriori indicatori a valenza regionale. Il reporting delle informazioni contabili aggregate per Azione, Misura, Settore, Asse e Programma è garantito dalla molecolarizzazione dell informazione a livello di singolo progetto e dalla struttura relazionale delle banche dati. Dal momento che il sistema di monitoraggio è integrato con il sistema contabile e di bilancio della Regione, da esso automaticamente provengono tutti i dati necessari a formulare le domande da parte dell Autorità di Pagamento per il trasferimento dei fondi alla Regione dalla Comunità Europea e dallo Stato. Ovviamente il sistema di reporting è in grado di monitorare i flussi di entrata e di uscita, dando evidenza dell eventuale squilibrio tra spese sostenute e trasferimenti ottenuti. POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 5 Eliminato: ovvero i progetti ritenuti complementari per il raggiungimento degli obiettivi del Programma, sebbene non finanziati dallo stesso,

6 L accesso alle funzioni di reporting on-line è garantito per le informazioni relative a tutti i progetti ed a tutto il Programma al Settore Programmazione, Sviluppo Economico e Politiche UE ed al Servizio Statistico della Regione. Ciascun responsabile di misura disporrà dell accesso alle funzioni di reporting on-line per le informazioni relative ai progetti afferenti alla Misura di propria competenza. Le funzioni di reporting on line sui dati contabili e di bilancio, nel loro complesso, è già attualmente garantito a tutte le Unità Organizzative regionali. I moduli applicativi inerenti alle funzioni sin qui descritte sono tutti residenti sul sistema di elaborazione regionale e sono accessibili via internet browser, previa procedura di autenticazione dell utente. Il soggetto attuatore dovrà disporre di una stazione di lavoro al più basso livello possibile di prerequisiti tecnologici, cioè di un thin client dotato di un internet browser standard. 3. Fasi di completamento del sistema Nelle more che possa essere implementato un vero e proprio sistema RDBMS (replica tra basi di dati diverse), utilizzando la RUPA, tra la banca dati relazionale del MIP e le Banca Dati regionale del Monitoraggio, lo scambio dei dati avverrà con la periodicità occorrente attraverso FTP (file transfer program), utilizzando i tracciati records ed i protocolli definiti dall IGRUE ed uniformandoli in prima istanza a quelli già definiti per la procedura in fase di rilascio da parte del Ministero del Tesoro, del Bilancio e della P.E.. Si è già provveduto a realizzare o completare i cablaggi dei siti dei Dipartimenti cui fanno capo i Responsabili di Misura. E inoltre ultimata la connessione su rete di tipo intranet dei suddetti siti con i nodi applicativi o ve risiedono le banche dati e le applicazioni del sistema di monitoraggio e del sistema contabile-finanziario. Per le strutture afferenti ai Responsabili di Misura è previsto un piano di addestramento ed hands on specifico per la fruizione dell applicazione. Sono state svolte numerose sessioni di formazione specifiche e, anche in considerazione dell elevato tourn-over nella posizione, si prevede di attivarne delle ulteriori in futuro, anche in considerazione delle nuove implementazioni del sistema di monitoraggio che comportano, necessariamente, un passaggio di trasferimento di conoscenze in aula. L impianto dei reports statistici è curato direttamente dal Servizio Statistico della Regione che effettua le verifiche funzionali, insieme al Servizio Informatico, sull intero complesso procedurale. 4. Evoluzione del sistema di monitoraggio. La struttura del sistema descritto non è esaustiva delle problematiche inerenti il monitoraggio e di conseguenza andranno sviluppate ulteriori funzioni contemporaneamente all attuazione del POR. In particolare si rilevano le seguenti criticità, alle quali si ritiene di porre rimedio con un apposito piano d implementazione. - Il processo informativo/informatico non prevede per ora l accompagnamento dell intero processo di gestione progettuale conseguente al feed back prodotto dalla reportistica: in buona sostanza non sono disponibili sistemi di modeling e di forecasting, alimentati dalle informazioni acquisite, quali strumenti funzionali ad eventuali, ma molto probabili, momenti di rimodulazione del programma; - Per la gestione dell interazione tra il contesto (potenziali beneficiari) ed il processo attuativo del programma sarebbe necessario realizzare un sistema di comparazione tra fabbisogni insoddisfatti, opportunità presenti nel Programma e carenze della programmazione attraverso un vero e proprio sistema di Customer Relationship Management, in grado di fornire tempestivamente tutte le informazioni per massimizzare l utilizzo delle risorse disponibili. Il solo sito web e le forme di pubblicità previsti non sono esaustivi per questo tipo di problematica. - Il reporting sui Progetti Integrati è attualmente disponibile come insieme dei reports dei singoli progetti compresi in ciascun Progetto Integrato stesso, ma non sono contemplati elementi di verifica sull integrazione degli apporti che ciascuna componente progettuale produce sugli obiettivi complessivi. Le suddette componenti e soprattutto le prime due, la prima a valle e la seconda a monte del sistema così come attualmente realizzato, completerebbero effettivamente un efficace ed esaustivo processo di monitoraggio complessivo dell impatto del Programma. POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 6 Eliminato: mainframe Eliminato: del centro di calcolo Eliminato: ma Eliminato: I moduli applicativi inerenti alla r ilevazione degli stati d avanzamento progettuale da parte dei soggetti attuatori risiedono invece su un server NT collegato al dominio della Regione ed operano su una banca dati che verrà periodicamente replicata su di un repository intermedio residente sul mainframe dal quale, previa procedura di convalida effettuata on line a cura del Responsabile di Misura transiterà alla Banca Dati Progetti. Nell ipotesi in cui il Responsabile di Misur a non convalidi i dati provenienti dal soggetto attuatore, al successivo collegamento, lo stesso soggetto avrà notifica della ricusazione dei dati trasmessi. Ogni soggetto attuatore potrà collegarsi all applicazione di rilevazione dello stato d avanzamento tramite rete Internet, utilizzando un qualsiasi provider ovvero uno dei pop di accesso della Intranet regionale, allo stato così come rinveniente dal Piano Telematico Calabria. Eliminato: Nella malaugurata ipotesi che neanche tale apparecchiatura fosse disponibile o che fosse temporaneamente indisponibile, l immissione dello stato d avanzamento avverrebbe a cura del Responsabile di Misura sulla base di una modulistica cartacea (scheda di monitoraggio), utilizzando le stesse funzioni abilitate per il soggetto attuatore. Eliminato: Il Modulo di Rendicontazione dagli attuatori alla R egione consente di inviare schede predefinite, basate sul profilo di progetto e verificate on line per coerenza con i dati già acquisiti nella Banca Dati Progetti, di rilevare gli stati di avanzamento progettuale in... [1] Eliminato: in fase di Eliminato: zione Eliminato: Il Modulo di Rendicontazione dagli attuatori alla Regione, contrariamente agli altri moduli già pienamente... [2] Eliminato: Eliminato:, Eliminato: in un ambiente di prova già allo scopo predisposto, a partire dal 15 gennaio Tendenzialmente sarà schedulato... [3] Eliminato: sta già effettuando Eliminato: a fase Eliminato: tiva

7 POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 7

8 POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 8

9 Passo Unità Organizzativa Azione supportata dal Sistema Informazioni prodotte per il Responsabile Informatico monitoraggio Collega : - la Misura al capitolo di Bilancio; 1 Dipartimento bilancio - la Misura alle Fonti di Finanziamento con la relativa ripartizione percentuale per Azione; Riporta per ogni misura/azione il profilo tipo di progetto identificando Settore 2 gli eventi obbligatori dell iter di Programmazione attuazione con gli indicatori previsti dal CdP Processo di selezione del progetto - attualmente non supportato da funzioni informatiche - Censisce nella banca Dati il progetto ammesso a finanziamenteo utilizzando il 3 Responsabile di Misura - profilo tipo collegato alla - Costo del progetto Misura/Azione - Suddivisione del Registra i valori previsti per gli finanziamento per fonti indicatori di risultato in relazione alle fasi in cui si suddivide il - Risultati fisici previsti processo attuativo - Aggiunge al profilo gli eventi specifici previsti per il progetto Valida la richiesta elettronica per l assunzione dell impegno di spesa 4 Responsabile di Misura necessario a finanziare il progetto da parte della Ragioneria Generale Valida la richiesta elettronica per l emissione, da parte della Ragioneria Generale, del mandato di pagamento a 5 Responsabile di Misura favore del soggetto attuatore se previsto dallo stato d avanzamento del 6 Ragioneria Generale progetto. Registra il movimento contabile a fronte del modulo elettronico di richiesta o ricusa la richiesta con le opportune motivazioni di leggittimità contabile. - Impegno a fronte progetto (estremi ed importo) - Pagame nto a fro nte progetto (estremi ed importo) Note POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 9

10 Passo Unità Organizzativa Azione supportata dal Sistema Informazioni prodotte per il Responsabile Informatico monitoraggio Si collega ad uno specifico sito via Internet e registra on line lo stato d avanzamento del progetto. - Il sistema propone gli eventi il cui accadimento è previsto per la specifica fase di progetto in base al profilo, garantendo il rispetto della reciproca propedeuticità. 7 Soggetto attuatore - Il sistema propone l attribuzione dei valori rilevati agli indicatori di risultato collegati agli eventi accaduti. - Il sistema propone l attribuzione dei valori previsti agli indicatori di risultato collegati agli eventi non ancora accaduti. - Verifica on line la certificazione - Esecuzione dei passi inviata dal soggetto attuatore. Se procedurali previsti per accetta la certificazione, consolida l attuazione i dati come risultato di progetto - Valore degli indicatori nella Banca Dati Progetti. fisici di risulati nel 8 Responsabile di Misura - Il sistema, se in base al profilo di periodo progetto sono state raggiunte le - Pagamenti effettuati dal soglie di risultato per procedere ad soggetto attuatore un pagamento, propone automaticamente il modulo elettronico per la richiesta di pagamento alla Ragioneria Generale. I passi da 4 ad 8 riciclano sino alla conclusione pel processo attuativo del progetto Estrae dalla Banca Dati Progetti le - Aggregazione per misura, informazioni occorrenti a creare i azione, asse., fonte di files di report da inviare al Ministero 9 Dipartimento Bilancio finanziamento e fondo di del Tesoro, Bilancio e Programmazione tutte le informazioni Economica, secondi il tracciato rilevate. concordato con l IGRUE Note Eliminato: In assenza di tale collegamento riempie un scheda di rilevazione che è la replica delle videate della applicazione informatica. Eliminato: o immette egli stesso tale certificazione su base scheda cartacea e può ricusarla. POR Calabria Complemento di Programmazione - Allegato 5 Pagina 10

11 Pagina 6: [1] Eliminato Regione Calabria 02/11/ Il Modulo di Rendicontazione dagli attuatori alla Regione consente di inviare schede predefinite, basate sul profilo di progetto e verificate on line per coerenza con i dati già acquisiti nella Banca Dati Progetti, di rilevare gli stati di avanzamento progettuale in termini di quantità riferite agli indicatori fisici di risultato,di importi dei pagamenti effettuati e di estremi d identificazione dei documenti riferiti agli atti amministrativi propedeutici nonché della spunta della lista degli eventi il cui accadimento sia previsto o prevedibile in base al profilo di progetto. Qualora l evento non sia stato considerato come prevedibile nel profilo di progetto, il soggetto attuatore avrà facoltà di arricchire lo stesso profilo, esclusivamente per il progetto di competenza, con il nuovo evento classificandolo come vincolo o inibitore al processo realizzativo. Sarà successivamente cura del Responsabile di Misura, all atto della convalida dei dati trasmessi, legare logicamente la nuova tipologia d evento con le opportune relazioni propedeuticità agli altri passi del processo attuativo già censiti nel profilo di progetto. Pagina 6: [2] Eliminato Regione Calabria 02/11/ Il Modulo di Rendicontazione dagli attuatori alla Regione, contrariamente agli altri moduli già pienamente operativi, sarà completamente disponibile entro il 31 marzo Pagina 6: [3] Eliminato Regione Calabria 02/11/ in un ambiente di prova già allo scopo predisposto, a partire dal 15 gennaio Tendenzialmente sarà schedulato un workshop di tre giorni per ciascun Dipartimento al quale parteciperanno le unità impiegate nei Centri di responsabilità per misura afferenti lo specifico Dipartimento. Un workshop separato è previsto per le unità impiegate presso il Settore Programmazione, Sviluppo Economico e Politiche UE.

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ

SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ SISTEMA DI INFORMAZIONE SUL CONSOLIDAMENTO DEGLI OBIETTIVI DELLA PREMIALITÀ PAR.6.6.1 QCS 2000/06 TAVOLA DI MONITORAGGIO AMMINISTRAZIONI CENTRALI Legenda a fondo pagina PON TRASPORTI -Ministero delle Infrastrutture

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

GESTIONE AMMINISTRATIVA, FINANZIARIA E CONTROLLI. GAM Opera IFPL GUIDA OPERATIVA. SIRe SISTEMA INFORMATIVO DELLA REGIONE PIEMONTE.

GESTIONE AMMINISTRATIVA, FINANZIARIA E CONTROLLI. GAM Opera IFPL GUIDA OPERATIVA. SIRe SISTEMA INFORMATIVO DELLA REGIONE PIEMONTE. Pag. 1 di 19 SIRe SISTEMA INFORMATIVO DELLA REGIONE PIEMONTE GESTIONE AMMINISTRATIVA, FINANZIARIA E per le Amministrazioni Responsabili Pag. 2 di 19 Indice 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 Inquadramento... 4 1.2

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli Sostegno metodologico alle valutazioni di convenienza economico-finanziaria della spesa infrastrutturale delle Amministrazioni Centrali: avvio dell iniziativa Roma 29 ottobre 2013 Collocazione istituzionale

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Protocollo d intesa tra la Direzione Segreteria dell Assemblea regionale e la

Protocollo d intesa tra la Direzione Segreteria dell Assemblea regionale e la Protocollo d intesa tra la Direzione Segreteria dell Assemblea regionale e la Direzione Affari istituzionali e processo di delega della Giunta regionale Flusso integrato dei testi degli atti normativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

UNIONE BASSA REGGIANA. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016

UNIONE BASSA REGGIANA. Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 Allegato 2 DGU 5/2014 UNIONE BASSA REGGIANA (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1. PREMESSA In data 20.4.2013, è entrato in vigore il D.lgs. 14.3.2013

Dettagli

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l.

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l. Open System s.r.l. P.IVA: 00905040895 C.C.I.A.A.: SR-7255 Sede Legale: 96016 Lentini Via Licata, 16 Sede Operativa: 96013 Carlentini Via Duca degli Abruzzi,51 Tel. 095-7846252 Fax. 095-7846521 e-mail:

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE,

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VENTOTENE PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 26.04.2013 1 CAPO I Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

Regione Piemonte Portale Rilevazioni Crediti EELL Manuale Utente

Regione Piemonte Portale Rilevazioni Crediti EELL Manuale Utente Pag. 1 di 15 VERS V01 REDAZIONE VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA A. Marchisio C. Pernumian 29/12/2014 M. Molino 27/02/2015 M. Molino

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I

R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE Allegato alla delibera del Consiglio Comunale n. 05 del 08 gennaio 2013 IL VICE SEGRETARIO COMUNALE R E G O L A M E N T O C O M U N A L E S U I C O N T R O L L I

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme

DOCUMENTO TECNICO. 1) Ripartizione delle somme DOCUMENTO TECNICO Programmazione delle risorse finanziarie per gli anni 2014-2016 stanziate sul bilancio regionale - cap. E31900, cap. E32510 e cap. E32501, destinate alla Raccolta Differenziata. Le risorse

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici

Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici Release 5.20 Manuale Operativo BONIFICI Emissione, Conferma e Stampa dei Bonifici La gestione dei bonifici consente di automatizzare le operazioni relative al pagamento del fornitore tramite bonifico bancario,

Dettagli

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 MODIFICA REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ESERCIZIO DEL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETA IN HOUSE PROVIDING. Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 Sommario Sommario... 2 Art. 1 - Istituzione del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Approvato con Delibera di G.P. n. 141775/456 del 06/12/2013

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO MANUALE DELLE PROCEDURE DELL AUTORITA DI CERTIFICAZIONE Agosto 2009 1 INDICE 1. PREMESSA...4

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA L Autorità Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

ATOMS Versione 1.0. Pag. 1 di 18

ATOMS Versione 1.0. Pag. 1 di 18 Accounting Transfer Order Management System Manualle utente Pag. 1 di 18 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 MENÙ DI AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 3 MENÙ PRINCIPALE... 5 4 FUNZIONI PREVISTE... 6 4.1 Gestione gerarchia

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli