Workflow Composer. Riferimento script. Ottobre 2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workflow Composer. Riferimento script. www.lexmark.com. Ottobre 2003"

Transcript

1 Workflow Composer Riferimento script Per visualizzare o scaricare altre pubblicazioni Lexmark Document Solutions, fare clic qui. Ottobre 2003

2 Edizione: ottobre 2003 Le informazioni incluse nel seguente paragrafo non si applicano ai Paesi in cui tali disposizioni non risultino conformi alle leggi locali: LEXMARK INTERNATIONAL, INC. FORNISCE LA PRESENTE PUBBLICAZIONE "COSÌ COM'È" SENZA GARANZIA DI ALCUN GENERE, ESPLICITA O IMPLICITA, INCLUSE, SENZA LIMITAZIONI, LE GARANZIE IMPLICITE RELATIVE ALLA COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO. In alcuni Paesi non è consentita la rinuncia di responsabilità esplicita o implicita in determinate transazioni. In tali paesi, pertanto, la presente dichiarazione potrebbe non essere valida. La presente pubblicazione può contenere inesattezze di carattere tecnico o errori tipografici. Le modifiche alle informazioni ivi riportate vengono eseguite periodicamente e aggiornate nelle edizioni successive. I miglioramenti o le modifiche al prodotto o ai programmi descritti potranno essere eseguiti in qualsiasi momento. Eventuali commenti su questa pubblicazione possono essere inviati a Lexmark International, Inc., Department F95/032-2, 740 West New Circle Road, Lexington, Kentucky 40550, U.S.A. Gli utenti del Regno Unito e della Repubblica d'irlanda possono inviare i loro commenti a Lexmark International Ltd., Marketing and Services Department, Westhorpe House, Westhorpe, Marlow Bucks SL7 3RQ. Lexmark può utilizzare o distribuire le informazioni fornite in qualsiasi modo ritenga opportuno senza alcun obbligo nei confronti dell'utente. È possibile acquistare ulteriori copie di pubblicazioni relative a questo prodotto chiamando il numero negli Stati Uniti. Nel Regno Unito e nella Repubblica d'irlanda, chiamare il numero +44 (0) Negli altri Paesi, rivolgersi al proprio rivenditore. I riferimenti a prodotti, programmi o servizi contenuti in questa pubblicazione non implicano che il produttore intenda renderli disponibili in tutti i Paesi in cui opera. Qualsiasi riferimento a un prodotto, programma o servizio non è inteso a dichiarare o sottintendere che sia possibile utilizzare soltanto quel prodotto, programma o servizio. È possibile utilizzare qualsiasi prodotto, programma o servizio equivalente che non violi i diritti di proprietà intellettuale. La valutazione e la verifica del funzionamento insieme ad altri prodotti, programmi o servizi, tranne quelli espressamente progettati dal produttore, sono di responsabilità dell'utente. ImageQuick, Optra, Lexmark e Lexmark con il simbolo del diamante sono marchi commerciali di Lexmark International, Inc., registrati negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. PostScript è un marchio registrato di Adobe Systems Incorporated. Gli altri marchi commerciali appartengono ai rispettivi proprietari. Copyright 2003 Lexmark International, Inc. Tutti i diritti riservati. DIRITTI DEL GOVERNO DEGLI STATI UNITI Questo software e l'eventuale documentazione correlata, forniti nel rispetto del presente contratto, sono software e documentazione di tipo commerciale sviluppati esclusivamente con fondi privati.

3 Sommario Capitolo 1: Introduzione... 1 Compatibilità... 2 Novità nella versione Capitolo 2: Concetti fondamentali... 3 Oggetti... 3 Dichiarazione delle variabili... 4 Controllo del flusso... 4 If/Then/Else... 4 Switch/Case... 5 Istruzioni ripetitive... 6 Loop... 6 Repeat... 7 Operatori... 9 Matematici... 9 Confronto Booleani Altre funzioni Abbreviazione di un oggetto utilizzando "with" Debug di uno script Commenti concatenati e righe di codice in uno script Interruzione di uno script durante il runtime Capitolo 3: Oggetti tipo di dati Booleano Operatori Documento Metodi Operatori Numero intero Metodi Operatori iii

4 Numero reale Metodi Operatori Stringa Metodi Operatori Mappa Metodi Capitolo 4: Oggetti helper Matrice valore booleano Metodi Dataset Metodi Matrice numeri interi Metodi Opzioni di stampa Metodi Opzioni Matrice numeri reali Metodi Matrice stringhe Metodi Textfile Metodi Capitolo 5: Oggetti sistema Originale Usertime Conferma Esempio di sostituzione Locale Capitolo 6: BarcodeRead (codici a barre: lettura) BarcodeWrite (codici a barre: scrittura) ConvertImageFormat (immagini: modifica del formato) ConvertToDocument (immagini: conversione in formato PostScript o PDF).. 82 Sommario iv

5 DatabaseNotes (groupware: archiviazione) Azioni Domino.Doc DominoDocCheckIn (EDMS: archiviazione) DominoDocRetrieve (EDMS: recupero) Connessione a Domino.Doc Esplorazione di una libreria Domino.Doc Exchange ( ) Notes ( ) SMTP ( ) Indirizzi Destinatari e mittenti Autenticazione FaxByPrinter (fax) FTPget (FTP: recupero) FTPput (FTP: trasferimento) Azioni GroupWise GWMail ( ) GWDiscuss ( ) GWCheckIn (groupware: archiviazione) ImageCombine (immagini: combinazione nei documenti) ImageCrop (immagini: ritaglio) ImageInvert (immagini: inversione) ImageMerge (immagini: sovrapposizione) ImageRotate (immagini: rotazione) ImageSeparate (immagini: separazione nei documenti) ImageText (immagini: sovrapposizione di testo) ImageToHTML (immagini: conversione in formato HTML) Tipi di testo ImageToPDF (immagini: conversione in formato PDF [ricercabile]) Tipi di testo ImageToRTF (immagini: conversione in formato RTF) Tipi di testo ImageToText (immagini: conversione in testo) Tipi di testo LaunchExe (avvio di un altro programma) Controllo dei valori di ritorno MergeForm (moduli: unione nei PDF) Sommario v

6 Azioni ODBC Introduzione ODBCWrite (database ODBC: scrittura) ODBCRead (database ODBC: lettura) PrintByDriver (stampa) PrintForm (stampa) Tipo di stampante Uso di una coda di stampa Windows PrintJob (stampa) Conferma di stampa PrintURL (stampa) SaveToFile (salvataggio su file) SharePoint SharePointWrite (EDMS: archiviazione) SharePointRead (EDMS: recupero) Capitolo 7: Prompt Prompt di tipo selezione Prompt messaggio Prompt numero Prompt di tipo opzioni (più selezioni) Prompt di tipo opzioni (selezione singola) Prompt password Prompt di testo Appendice A: Riferimento ODBC Requisiti software e installazione Supporto dei documenti del database Inserimento di valori nelle colonne che contengono le date Appendice B: Riferimento codice a barre Codabar Codice 2 di Codice 3 di Codice Codice EAN Sommario vi

7 EAN ITF Patch PDF UCC UPC-A UPC-E Appendice C: Riferimento metadati Opzioni di scansione Opzioni di copia Opzioni fax Opzioni /ftp Accesso ai dati di sostituzione in uno script Sommario vii

8 1 Introduzione Questo manuale fornisce un riferimento tecnico per LDDScript 3.2, il linguaggio script per il set di prodotti Document Solutions di Lexmark. Il Riferimento script è organizzato nel modo seguente: Capitolo 2, "Concetti fondamentali": rapida panoramica sui costrutti di base di LDDScript. Capitolo 3, "Oggetti tipo di dati": informazioni sui tipi di dati supportati. Capitolo 4, "Oggetti helper": informazioni sugli oggetti utilizzati per eseguire operazioni comuni. Capitolo 5, "Oggetti sistema": informazioni sugli oggetti che forniscono i dati con un processo inviato e restituiscono commenti all'utente. Capitolo 6, "": informazioni sugli oggetti che eseguono l'elaborazione effettiva di documenti da indirizzare, memorizzare in un database, stampare e così via. Capitolo 7, "Prompt": informazioni sulla sintassi e sugli oggetti per richiedere dati agli utenti. Appendice A, "Riferimento ODBC": informazioni sulla creazione di interfacce con i database dall'interno di uno script. Appendice B, "Riferimento codici a barre": informazioni sui codici a barre supportati da LDDScript. Appendice C, "Riferimento metadati": informazioni sulle proprietà Metadata restituite quando uno script ha la priorità sul normale funzionamento di copia/fax/ di una stampante MFP. Introduzione 1

9 Compatibilità LDDScript 3.2 continua a utilizzare la stessa sintassi e gli stessi costrutti introdotti con Lexmark Document Distributor 2.0. Il set di prodotti che utilizzano il linguaggio script include: Lexmark Document Distributor Lexmark Document Producer Lexmark Document Portal Il linguaggio script può essere applicato a tutti i prodotti e consente di automatizzare il flusso di lavoro, produrre moduli basati su server e stampare moduli vuoti o precompilati. I prodotti possono essere utilizzati in modo indipendente o essere integrati, per offrire una soluzione completa per la gestione dei documenti. È necessario convertire o riscrivere gli script creati per LDD 2.x per consentirne il funzionamento in LDD 3.x. Per utilizzare gli script scritti con Workflow Composer 3.1 in LDD 3.2 non è richiesta alcuna modifica; l'unica eccezione è rappresentata dagli script che utilizzano l'azione ImageDeskew, eliminata da LDD 3.2. Novità nella versione 3.2 Di seguito sono indicate le modifiche apportate nella versione 3.2: La pagina di conferma è stata potenziata in modo da contenere le miniature di tutte le pagine sottoposte a scansione; inoltre, è possibile includere nella pagina di conferma le domande e le risposte inserite dall'utente di una stampante MFP. La funzione di sovrascrittura dell'azione della pagina di conferma predefinita è stata eliminata: in questo modo, è possibile inviare la pagina di conferma per , salvarla su un file e così via. L'autenticazione è stata aggiunta all'azione SMTP. L'azione ImageDeskew è stata eliminata. Le prestazioni dell'azione MergeForm sono state notevolmente migliorate. Il supporto della coda di stampa Windows è stato aggiunto all'azione PrintForm. Introduzione 2

10 2 Concetti fondamentali Oggetti Gli oggetti costituiscono l'elemento di base utilizzato per la generazione del codice in LDDScript. Gli oggetti contengono proprietà e metodi. Le proprietà sono oggetti tipo di dati di base, quali stringhe o numeri interi, e possono essere impostate su diversi valori che influiscono sul funzionamento dell'oggetto. Un metodo è una funzione chiamata per eseguire operazioni sui dati. È possibile inoltrare parametri a un metodo che, a sua volta, può restituire un valore. I parametri e i valori di ritorno sono oggetti helper o tipo di dati. Per accedere alle proprietà e ai metodi di un oggetto viene utilizzata la notazione con il punto. Per impostare il valore di una proprietà: ObjectName.propertyName = valore Per chiamare un metodo: ObjectName.MethodName() ObjectName.MethodName(param1, param2) returnvalue = ObjectName.MethodName(param1) LDDScript supporta cinque tipi di oggetti: Tipo di dati: la maggior parte degli oggetti di base; tutte le proprietà e la maggior parte delle variabili sono di questo tipo. Helper: offre un modo semplice per eseguire alcune operazioni comuni. Sistema: non elabora documenti; utilizzato per raccogliere gli input e fornire commenti agli utenti. Azione: elabora documenti; esegue operazioni come l'archiviazione, il routing, la distribuzione e così via. I capitoli successivi di questo manuale contengono informazioni di riferimento per ciascun tipo di oggetto. Concetti fondamentali 3

11 Dichiarazione delle variabili Prima di poter utilizzare una variabile, è necessario dichiararla. Le variabili non possono essere dichiarate all'interno di un blocco "with" o di qualsiasi blocco logico come if/then o loop. Per dichiarare una variabile, specificare il nome e il tipo di oggetto corrispondente. Ad esempio: string text int num Durante l'attribuzione del nome alle variabili, è necessario rispettare alcune regole. Il nome deve essere composto da lettere, numeri e caratteri di sottolineatura. Il primo carattere del nome deve essere una lettera. I nomi devono essere univoci all'interno dello script e non supportano la distinzione tra maiuscole e minuscole; di conseguenza, "Nome", "NOME" e "nome" saranno tutti considerati come il nome della stessa variabile. Non è possibile utilizzare parole riservate (parole che hanno un significato speciale nel compilatore dello script). Controllo del flusso Per controllare l'esecuzione delle istruzioni dello script, è necessario utilizzare alcuni tipi di logica di controllo del flusso. Le istruzioni dello script possono essere eseguite in tre modi: sequenziale, selettivo o ripetitivo. Se non viene utilizzato alcun tipo di logica di controllo di flusso, le istruzioni verranno eseguite nell'ordine in cui si trovano nello script. Per l'esecuzione selettiva di determinate istruzioni dello script, è possibile utilizzare le condizioni if/then/else o switch/case. Per l'esecuzione ripetitiva delle istruzioni dello script, è possibile utilizzare le istruzioni loop e repeat. If/Then/Else Il tipo più comune di controllo di flusso è quello che consente di eseguire un'istruzione al verificarsi di una determinata condizione. In Document Server, questa capacità è implementata con il costrutto if/then/else. Il formato di base è il seguente: if (bool expression) then statement1 statementn endif Le istruzioni da statement1 a statementn vengono eseguite solo se l'espressione booleana in parentesi è TRUE. A volte è necessario valutare una serie di istruzioni, se una condizione è TRUE e un'altra è FALSE. In questo caso, è possibile utilizzare il costrutto else. Concetti fondamentali 4

12 if (bool expression) then statementa statementc else statementx statementz endif Le istruzioni da statementa a statementc vengono eseguite se l'espressione booleana tra le parentesi è TRUE; in caso contrario, verranno utilizzate le istruzioni da statementx a statementz. Switch/Case A volte, le condizioni da verificare potrebbero essere più di una. In questo caso, è possibile utilizzare numerose istruzioni If/Then. L'istruzione Switch/Case fornisce un modo più semplice per effettuare confronti multipli: Switch intero Switch stringa switch (intvar) switch (stringvar) case intval1 case "stringval1" statementa statementa statementb statementb case intval2 case "stringval2" statementc statementc statementd statementd default default statemente statemente statementf statementf endswitch endswitch Con l'istruzione Switch/Case è possibile utilizzare valori stringa o numero intero. In base al valore della variabile, verrà eseguito il blocco case corrispondente al valore specificato. Ogni blocco case può contenere più istruzioni ma ne viene eseguito solo uno. Se il valore della variabile switch non corrisponde a nessun case, verrà eseguito il blocco predefinito. Il blocco predefinito non è obbligatorio. Tuttavia, se utilizzato, deve essere l'ultimo nella sequenza. Esempio di Switch Le stampanti MFP (Multifunction Printers) consentono di utilizzare gli account dei processi. Quando questa funzione è attivata, gli utenti devono immettere il numero di account prima di accedere a un profilo. In questo esempio, gli utenti immettono il numero di un reparto per utilizzare i profili. Questo script di esempio utilizza un'istruzione Switch/Case per verificare il numero del reparto. string CustomSubject // Utilizzare il numero di account come un numero intero int DeptNumber = original.useracct.asint() switch (DeptNumber) case 35 CustomSubject = "Documento dal reparto Risorse umane" case 41 CustomSubject = "Documento dal reparto Affari legali" Concetti fondamentali 5

13 case 15 CustomSubject = "Documento dal reparto Spedizioni" predefinita CustomSubject = "Documento dall'azienda" endswitch with endwith Istruzioni ripetitive Ciascuna istruzione in uno script viene ripetuta solo una volta. Le istruzioni loop e repeat consentono di eseguire più volte lo stesso blocco di istruzioni. Loop Se si desidera ripetere una serie di istruzioni un determinato numero di volte, utilizzare l'istruzione loop. Sintassi: loop (intcounter from istart to ifinish) statement1 statementn endloop dove: intcounter indica una variabile numero intero già dichiarata istart è un valore numero intero da assegnare a intcounter all'inizio dell'iterazione ifinish indica il valore massimo di un numero intero per intcounter Se si utilizza una variabile numero intero come contatore, l'iterazione viene ripetuta per il numero di volte specificato in istart/ifinish. Il numero di istruzioni che è possibile inserire nel blocco loop è illimitato. Il blocco loop termina con l'istruzione endloop. L'iterazione inizia con la variabile contatore a cui viene assegnato il valore indicato da istart. Ad ogni esecuzione dell'iterazione, il valore del contatore viene incrementato di 1. L'iterazione continua fino a quando il contatore non supera il valore di ifinish. In tal modo, un'iterazione da 1 a 10 viene ripetuta fino a quando il contatore non raggiunge il valore di 11. Il valore di istart deve essere inferiore a quello di ifinish. È necessario dichiarare la variabile numero intero utilizzata per il contatore prima di poterla utilizzare nell'istruzione loop. Concetti fondamentali 6

14 Esempio: Inviare tramite il documento originariamente sottoposto a scansione a dieci rappresentanti del servizio clienti. In questo script, le proprietà SMTP comuni vengono specificate all'interno dell'istruzione Loop prima di inviare il documento tramite . string Add int LoopCount // Impostare le proprietà comuni delle . with SMTP.Subject="Reclami dei questo reclamo".attachments=original.document.characterset=ldd_smtpcharset_us endwith loop (LoopCount from 1 to 10) SMTP.To="CustRep" + LoopCount.AsString() + SMTP.Go() endloop Repeat L'istruzione repeat consente di eseguire un blocco di istruzioni in modo ripetitivo fino al verificarsi di un'espressione. repeat until (bool expression) statement1 statementn endrepeat L'istruzione repeat esegue il blocco di istruzioni fino a quando l'espressione booleana è TRUE. Il numero di istruzioni che è possibile inserire nel blocco loop è illimitato. L'istruzione endrepeat termina il blocco loop. Se il valore iniziale dell'espressione booleana è true, il loop non viene eseguito. Esempio Questo script utilizza il riconoscimento ottico dei caratteri per controllare i documenti sottoposti a scansione dagli utenti per ricercare documenti riservati. Se il documento è riservato, non viene inviato tramite . L'immagine sottoposta a scansione viene salvata in un file e viene inviato un avviso all'utente che ha eseguito la scansione del documento. with ImageToText.input=original.document.TextType=LDD_TEXTTYPE_NORMAL.Language=LDD_LANG_ENGLISH.AllPages=TRUE.Go() endwith textfile tf string OneLine, Submitter // Aprire i risultati dell'azione OCR Concetti fondamentali 7

15 tf.open(imagetotext.output) bool bconfdoc = FALSE int icount, iend icount =1 iend = tf.getnumberlines() Submitter = original.username+ // Ricercare in ogni riga il termine Riservato repeat (until (bconfdoc OR (icount>=iend))) OneLine = tf.readline() if (OneLine.Contains("Riservato")) then bconfdoc = TRUE endif icount.add(1) endrepeat // Se si tratta di un documento Riservato, salvarlo e inviare un avviso if (bconfdoc) then with SaveToFile.input=original.document.Path="c:\ebc.txt".AppendTimestamp=TRUE.Overwrite=FALSE.Go() endwith with SMTP.Server="server.posta.com".To= non valida rifiutata".message="impossibile inviare per un documento riservato".characterset=ldd_smtpcharset_us.go() endwith else with sottoposto a scansione".message="ecco il documento richiesto".characterset=ldd_smtpcharset_us.attachments=original.document.go() endwith endif Concetti fondamentali 8

16 Operatori Matematici Questi operatori sono utilizzati per impostare o modificare il valore di una variabile o di una proprietà. Operatore Simbolo Descrizione Addizione + Per oggetti numero intero e reale, aggiunge i numeri su entrambi i lati del segno "+" e restituisce il nuovo valore. Per oggetti stringa, l'effetto è simile a quello del metodo di concatenazione. Aggiunge la stringa a destra della stringa presente a sinistra e restituisce la nuova stringa. Per gli oggetti documento, aggiunge il documento a destra del documento presente a sinistra e restituisce il nuovo documento. In tutti i casi, le variabili su entrambi i lati restano invariate. Sottrazione - Per oggetti numero intero e reale, sottrae il numero a destra dal numero a sinistra e restituisce il nuovo valore. Le variabili su entrambi i lati restano invariate. Non è valido per altri tipi di oggetti. Moltiplicazione * Per oggetti numero intero e reale, moltiplica i numeri presenti su entrambi i lati del segno " * " e restituisce il nuovo valore. Le variabili su entrambi i lati restano invariate. Non è valido per altri tipi di oggetti. Divisione / Per oggetti numero intero e reale, divide il numero a sinistra per il numero a destra e restituisce il nuovo valore. Le variabili su entrambi i lati restano invariate. Non è valido per altri tipi di oggetti. Modulo % Per oggetti numero intero, divide il numero a sinistra per il numero a destra e restituisce il resto. Le variabili su entrambi i lati restano invariate. Non è valido per altri tipi di oggetti. Ad esempio, 5/2 restituisce 1 poiché 5 diviso 2 è uguale a 2 con resto di 1. Concetti fondamentali 9

17 Confronto Questi operatori vengono utilizzati per confrontare i valori di variabili o di proprietà dello stesso tipo. Il risultato del confronto è rappresentato da un valore booleano (TRUE o FALSE). È possibile utilizzare uno qualsiasi dei simboli elencati per un operatore. Operatore Simboli Descrizione Minore di <, LT Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra è minore rispetto al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra precede, in ordine alfabetico, il valore a destra (con distinzione tra maiuscole e minuscole). In caso contrario, restituisce FALSE. Maggiore di >, GT Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra è maggiore rispetto al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra segue, in ordine alfabetico, il valore a destra (con distinzione tra maiuscole e minuscole). In caso contrario, restituisce FALSE. Minore o uguale a <=, LE Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra è minore o uguale al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra precede o corrisponde, in ordine alfabetico, al valore a destra (con distinzione tra maiuscole e minuscole). In caso contrario, restituisce FALSE. Maggiore o uguale a >=, GE Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra è maggiore o uguale al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra segue o corrisponde, in ordine alfabetico, al valore a destra (con distinzione tra maiuscole e minuscole). In caso contrario, restituisce FALSE. Uguale a ==, EQ (doppio segno di uguale) Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra è uguale al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra è identico (con distinzione tra maiuscole e minuscole) al valore a destra. In caso contrario, restituisce FALSE. Diverso da!=, <>, NE Per numeri interi e reali, restituisce TRUE se il valore a sinistra non è uguale al valore a destra. Per le stringhe, restituisce TRUE se il valore a sinistra non è esattamente identico (con distinzione tra maiuscole e minuscole) al valore a destra. In caso contrario, restituisce FALSE. Concetti fondamentali 10

18 Booleani Questi operatori sono utilizzati per creare espressioni booleane complesse. Ciascun valore ai due lati dell'operatore deve essere un valore booleano. Il risultato dell'operatore booleano è rappresentato da un valore booleano (TRUE o FALSE). È possibile utilizzare uno qualsiasi dei simboli elencati per un operatore. Operatore Simboli Descrizione E &, &&, AND Utilizza due valori booleani con una relazione di AND per ottenere il risultato booleano finale. Oppure,, OR Utilizza due valori booleani con una relazione di OR per ottenere il risultato booleano finale. Non!, NOT Utilizza il valore booleano NOT per ottenere il risultato booleano finale. La seguente tabella illustra i risultati dei metodi AND e OR utilizzando: bool1 AND bool2 bool1 OR bool2 bool 1 bool2 AND OR FALSE FALSE FALSE FALSE FALSE TRUE FALSE TRUE TRUE FALSE FALSE TRUE TRUE TRUE TRUE TRUE La seguente tabella illustra i risultati dei metodi NOT utilizzando: NOT bool1 bool 1 TRUE FALSE NOT FALSE TRUE Concetti fondamentali 11

19 Altre funzioni Abbreviazione di un oggetto utilizzando "with" Se in una sezione di codice lo stesso oggetto deve essere ripetuto più volte, potrebbe essere poco pratico doverne immettere continuamente il nome. Per evitare questa operazione ripetitiva, è possibile utilizzare l'istruzione with. Il formato generale è il seguente: with nomeoggetto.property = valore.property = valore.method() endwith Dopo aver dichiarato il nome dell'oggetto da utilizzare nell'istruzione with sarà possibile fare riferimento a qualsiasi proprietà o metodo dell'oggetto utilizzando il "punto" seguito dal nome della proprietà o del metodo. Si tratta del metodo più comunemente utilizzato con gli oggetti azione. Debug di uno script Durante l'esecuzione di uno script, gli oggetti azione possono scrivere nel registro messaggi di errore e avvisi. È inoltre possibile scrivere nel registro messaggi personalizzati che facilitano le operazioni di debug dello script. Si supponga, ad esempio, di voler conoscere il valore di una variabile o il valore di ritorno di un metodo. Per scrivere un messaggio nel registro, utilizzare l'istruzione "debug". debug (msg) msg può essere una variabile stringa, una stringa tra virgolette o un'espressione numerica. Di seguito sono riportati alcuni esempi. int index= 3 string ErrorMsg = "Stampa non riuscita" debug (index) debug (ErrorMsg) debug ("Processo ricevuto da" + original.username) Ciascuna di queste istruzioni scrive un messaggio nel registro del server. Concetti fondamentali 12

20 Commenti concatenati e righe di codice in uno script Per concatenare i commenti in uno script, è necessario utilizzare due barre ("//") se le righe vanno a capo. Ad esempio: //Questo script invia una scansione originale via fax a un database fornito dall'utente, se il database //non è supportato dal software... Per concatenare le righe di codice, è necessario utilizzare il carattere di sottolineatura ("_"). Ad esempio: str ="mario Rossi" doc ocr with SMTP.Server=local. server.To= .From= .Subject="Documento acquisito".message="è stato allegato il documento acquisito nel formato"_ "specificato.".characterset=ldd_smtpcharset_us.attachments=ocr.go() endwith Interruzione di uno script durante il runtime Se durante l'esecuzione dello script viene riscontrata una condizione di errore, può essere utile interromperne l'elaborazione. Per interrompere l'elaborazione dello script, utilizzare la funzione exit. void exit(string msg) La funzione exit arresta l'elaborazione dello script. Questa funzione consente di inoltrare una stringa che viene visualizzata nel registro del server e nella finestra di dialogo/pagina di conferma. Concetti fondamentali 13

21 3 Oggetti tipo di dati Tutti i dati utilizzati da Workflow Composer possono essere raggruppati in sei diversi tipi: Booleano Documento Numero intero Mappa Numero reale Stringa Ogni proprietà oggetto è costituita da uno degli Oggetti tipo di dati. Inoltre, la maggior parte delle variabili è costituita da uno di questi tipi. Di seguito viene fornita la descrizione di ciascun oggetto. Oggetti tipo di dati 14

22 Booleano L'oggetto booleano è utilizzato per valori che possono essere true o false. Gli unici valori validi per questa variabile sono le parole riservate TRUE e FALSE. L'oggetto non ha proprietà. Sono supportati i seguenti operatori: Operatori Simbolo Descrizione ==, EQ Uguale a <> Diverso da &, AND E, OR Oppure!, NOT Non = Assegnazione Oggetti tipo di dati 15

23 Documento L'oggetto documento è utilizzato per contenere raccolte di immagini, testo e altri file formattati. Non è necessario che tutti i file presenti in un oggetto documento siano dello stesso tipo. Una proprietà o una variabile è di questo tipo se dichiarata come doc. L'oggetto documento non ha proprietà. Metodi Sintassi bool AddDocument(doc doc1) bool AddFile(string path [, string type]) void AddTempFile(string ext) void Clear() Descrizione Aggiunge un documento esistente alla fine del documento. doc1 documento da aggiungere. Un valore booleano che indica se l'operazione è stata completata correttamente. Aggiunge un file esistente alla fine del documento. Questo metodo dà esito negativo se il file non esiste o non può essere letto. path percorso completo del file da aggiungere sul server. type se non specificato, il tipo di file verrà impostato con l'estensione del file da aggiungere, altrimenti verrà utilizzato il valore fornito. Un valore booleano che indica se l'operazione è stata completata correttamente. Aggiunge al documento un file temporaneo. Il file verrà eliminato al termine dello script. ext l'estensione file da specificare per il file temporaneo. Rimuove tutti i file dal documento. Oggetti tipo di dati 16

Workflow Composer. Riferimento script. Marzo 2003. www.lexmark.com

Workflow Composer. Riferimento script. Marzo 2003. www.lexmark.com Workflow Composer Riferimento script Marzo 2003 www.lexmark.com Edizione: marzo 2003 Le informazioni incluse nel seguente paragrafo non si applicano a tutti i Paesi in cui tali disposizioni non risultino

Dettagli

Document Distributor. Esempi di script. www.lexmark.com. Ottobre 2004

Document Distributor. Esempi di script. www.lexmark.com. Ottobre 2004 Document Distributor Esempi di script Per visualizzare o scaricare questa o altre pubblicazioni Lexmark Document Solutions, fare clic qui. Ottobre 2004 www.lexmark.com Edizione: ottobre 2004 Le informazioni

Dettagli

Document Distributor. Esempi di script. Marzo 2003. www.lexmark.com

Document Distributor. Esempi di script. Marzo 2003. www.lexmark.com Document Distributor Esempi di script Marzo 2003 www.lexmark.com Edizione: marzo 2003 Le informazioni incluse nel seguente paragrafo non si applicano a tutti i Paesi in cui tali disposizioni non risultino

Dettagli

Guida all'impostazione dei messaggi di avviso e delle destinazioni di scansione per le stampanti X500 Series

Guida all'impostazione dei messaggi di avviso e delle destinazioni di scansione per le stampanti X500 Series Guida all'impostazione dei messaggi di avviso e delle destinazioni di scansione per le stampanti X500 Series www.lexmark.com Luglio 2007 Lexmark, Lexmark con il simbolo del diamante sono marchi di Lexmark

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

DISPENSE (minime) DI EXCEL

DISPENSE (minime) DI EXCEL DISPENSE (minime) DI EXCEL 1 Operatori di calcolo delle formule Gli operatori specificano il tipo di calcolo che si desidera eseguire sugli elementi di una formula. Sono disponibili quattro diversi tipi

Dettagli

AccuRead OCR. Guida dell'amministratore

AccuRead OCR. Guida dell'amministratore AccuRead OCR Guida dell'amministratore Aprile 2015 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica...3 Applicazioni supportate...3 Formati e lingue supportate...4 Prestazioni dell'ocr...4 Documenti di esempio...6

Dettagli

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2003-2004 Visual Basic for Application in Access 2000 Alessandro Lubisco Indice Definizioni...5 Istruzione...5 Variabile...5 Espressione...5 Espressione numerica...5

Dettagli

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore Processi di stampa in attesa protetti Guida per l'amministratore Settembre 2013 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica...3 Configurazione processi di stampa in attesa protetti...4 Configurazione

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente Numero riferimento: 20120101 Edizione: marzo 2012 2 Avvisi legali Copyright 2012 Hewlett-Packard Development Company,

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Introduzione al QMF per Windows

Introduzione al QMF per Windows Query Management Facility Introduzione al QMF per Windows Versione 7 SC13-2907-00 Query Management Facility Introduzione al QMF per Windows Versione 7 SC13-2907-00 Nota Prima di utilizzare questo prodotto

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Uso di trigger di script in FileMaker Pro

Uso di trigger di script in FileMaker Pro Uso di trigger di script in FileMaker Pro Sommario Info su questo bollettino tecnico... 4 Che cos'è un trigger di script?... 4 Quali trigger di script sono supportati da FileMaker Pro?... 5 Panoramica

Dettagli

Opzioni MFP X4500, 5500, X7500

Opzioni MFP X4500, 5500, X7500 Opzioni MFP X4500, 5500, X7500 Guida per l'utente Ottobre 2002 www.lexmark.com Edizione: ottobre 2002 Il presente paragrafo non è valido nei Paesi in cui le disposizioni qui riportate non sono ammissibili

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni L informatica si occupa di rappresentare ed elaborare informazioni diverse: numeri caratteri audio immagini video I caratteri: ASCII

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione al VBScript

Corso basi di dati Introduzione al VBScript Corso basi di dati Introduzione al VBScript Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre IL VBScript In Microsoft Visual Basic Scripting Edition, il linguaggio di programmazione

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

P700 Series Photo Jetprinter

P700 Series Photo Jetprinter P700 Series Photo Jetprinter Guida per stampa fotografica Marzo 2003 www.lexmark.com Edizione: Marzo 2003 Le informazioni incluse nel seguente paragrafo non si applicano a tutti quei paesi in cui tali

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Prima edizione (Ottobre 2004) Copyright

Dettagli

Miniguida di. One Touch 4.0 con funzioni OCR OmniPage

Miniguida di. One Touch 4.0 con funzioni OCR OmniPage Miniguida di One Touch 4.0 con funzioni OCR OmniPage Il software One Touch 4.0 in dotazione con lo scanner Xerox comprende nuove funzioni OCR (Optical Character Recognition) OmniPage. Questa miniguida

Dettagli

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Rilevazione e analisi Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech,

Dettagli

F O G L I O E L E T T R O N I C O

F O G L I O E L E T T R O N I C O Università degli Studi di Foggia Facoltà di Economia Corso di ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE Classe XVII a.a. 2003/2004 Prof. Crescenzio Gallo F O G L I O E

Dettagli

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it Home -> Manuali & Tutorials -> Guida PHP PHP e MySQL E' possibile realizzare delle applicazioni in php appoggiandosi ad un database, quale ad esempio MySQL. Con le novità introdotte ai tempi di MySQL 4.1

Dettagli

Microsoft Excel è un programma che permette di lavorare con i fogli di calcolo, chiamati anche fogli elettronici.

Microsoft Excel è un programma che permette di lavorare con i fogli di calcolo, chiamati anche fogli elettronici. Indice generale Introduzione...1 Celle...3 Aggiungere componenti non presenti...7 Protezione...8 Stampa...9 Formule...10 Riferimenti...11 I nomi...11 Funzioni...13 DataBase...16 Grafici...19 PIVOT...20

Dettagli

Guida vocale. Guida dell'amministratore

Guida vocale. Guida dell'amministratore Guida vocale Guida dell'amministratore Giugno 2015 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica... 3 Applicazioni, funzioni e modelli della stampante supportati...3 Configurazione della Guida vocale...

Dettagli

Indice PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1

Indice PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1 office sommario 4-04-2007 15:09 Pagina V Indice Introduzione XXVII PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1 Capitolo 1 Un primo sguardo 3 1.1 Un interfaccia tutta nuova 3 La barra multifunzione

Dettagli

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi L Assembler 80x86 Concetti Generali M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni Operatori Modi di Indirizzamento Istruzioni Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2011 Silvana Lombardi Piero Del Gamba Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: Microsoft Word XP/2007 Silvana Lombardi Piero Del

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED GUIDA ALL UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL 2000 GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED ALL UTILIZZO DEL FOGLIO ELETTRONICO MICROSOFT EXCEL 2000 A CURA DI FABIO SOLARINO dott. Fabio Solarino -- Servizio web della

Dettagli

Sommario. Prefazione... 15. Parte 1 - Introduzione

Sommario. Prefazione... 15. Parte 1 - Introduzione Sommario Prefazione... 15 Parte 1 - Introduzione 1.1 L interfaccia utente e le operazioni più comuni... 19 La scheda File...24 Ridurre la barra multifunzione...29 Personalizzare la barra multifunzione...29

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

FORMULE: Operatori matematici

FORMULE: Operatori matematici Formule e funzioni FORMULE Le formule sono necessarie per eseguire calcoli utilizzando i valori presenti nelle celle di un foglio di lavoro. Una formula inizia col segno uguale (=). La formula deve essere

Dettagli

FAXBOX. Manuale utente

FAXBOX. Manuale utente FAXBOX Manuale utente Client di posta elettronica Outlook Version 3.5.2 Sommario INFORMAZIONI SULLA DOCUMENTAZIONE...4 INFORMAZIONI SPECIFICHE DELLA PROPRIA AZIENDA...5 DAL CLIENT DI POSTA ELETTRONICA...6

Dettagli

PaperPort 12 comprende molte nuove e utili funzioni che consentono di gestire i documenti.

PaperPort 12 comprende molte nuove e utili funzioni che consentono di gestire i documenti. Benvenuti! Nuance PaperPort è un pacchetto software desktop per la gestione di documenti che consente di acquisire, organizzare, accedere, condividere e gestire i documenti cartacei e digitali sul personal

Dettagli

Word 2007. Word 2007. Panoramica. Pagine 2 e 3. Pagina 4. Pagina 5 Pagina 6 B C

Word 2007. Word 2007. Panoramica. Pagine 2 e 3. Pagina 4. Pagina 5 Pagina 6 B C Your Quick Reference Expert Panoramica B C Riferimento rapido D Gruppi delle schede della barra multifunzione e barra di formattazione rapida Scheda Home Scheda Inserisci Scheda Layout di pagina Scheda

Dettagli

a cura di Ing. Alejandro Diaz CORSO D INFORMATICA BASE

a cura di Ing. Alejandro Diaz CORSO D INFORMATICA BASE a cura di Ing. Alejandro Diaz CORSO D INFORMATICA BASE GLI ACCESSORI DI WINDOWS LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre

Dettagli

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore ALBO PRETORIO E STORICO ATTI - DOCUMENTI ONLINE Linee Guida Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore Aggiornato al 31/08/2011 versione 3.0 1 di 63 Insiel S.p.A. ALBO

Dettagli

Test Excel conoscenze di Base

Test Excel conoscenze di Base Test Excel conoscenze di Base 1)Che tipo di barra ha un foglio di calcolo, che un elaboratore testi non ha? a. La barra dei menu b. La barra della formula c. La barra del titolo d. La barra della formattazione

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte I)

Corso di Visual Basic (Parte I) Corso di Visual Basic (Parte I) Come muovere i primi passi con Microsoft Visual Basic, lo strumento da molti considerato ideale per la realizzazione di applicazioni di piccola e media entità in ambiente

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

GestPay Specifiche tecniche

GestPay Specifiche tecniche GestPay Specifiche tecniche Progetto: GestPay Pagina 1 di 35 Sommario Informazioni documento...3 Informazioni versione...4 1 Introduzione...5 2 Architettura del sistema...6 3 Descrizione fasi del processo...8

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderanno le strutture di controllo, verrà introdotto

Dettagli

Flusso di lavoro nel Software Capture Pro: Indicizzazione OCR e separazione dei documenti per codice patch

Flusso di lavoro nel Software Capture Pro: Indicizzazione OCR e separazione dei documenti per codice patch La procedura qui riportata per iscritto corrisponde alla dimostrazione Indicizzazione OCR e separazione dei del programma didattico del Software Capture Pro. Le varie fasi della procedura sono elencate

Dettagli

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- Nella cartella SIMATIC, a cui si accede dal menù di AVVIO, è contenuta la cartella STEP 7- Micro/Win32.Questa contiene a sua volta l icona

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante)

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) Access - Lezione 02 Basi di dati Parte seconda (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) 1.0 Operazioni di base 1.1 Impostare e pianificare un

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica 1 S O M M A R I O CORSO DI POSTA ELETTRONICA...1 SOMMARIO...2 1 COS È L E-MAIL...3 2 I CLIENT DI POSTA...4 3 OUTLOOK EXPRESS...5

Dettagli

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1 1 Il software Document Distributor comprende i pacchetti server e client. Il pacchetto server deve essere installato su sistemi operativi Windows NT, Windows 2000 o Windows XP. Il pacchetto client può

Dettagli

Posta Elettronica PERSOCIV. WEBMAIL - manuale utente -

Posta Elettronica PERSOCIV. WEBMAIL - manuale utente - Posta Elettronica PERSOCIV WEBMAIL - manuale utente - versione 1.1 25 Novembre 2008 Pagina 1 di 30 Elenco delle Modifiche: Num. Data Pag. Contenuto 1 07/11/2008 4 Aggiornamento della premessa. 2 07/11/2008

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Note: Before using this information and the product it supports, read the general information under Note legali a pag. 7. Le schermate

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2010 Piero Del Gamba Silvana Lombardi Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: OpenOffice.org Writer 3.2 Piero Del Gamba Silvana

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

bla bla Documenti Manuale utente

bla bla Documenti Manuale utente bla bla Documenti Manuale utente Documenti Documenti: Manuale utente Data di pubblicazione mercoledì, 25. febbraio 2015 Version 7.6.2 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Modulo AM3 Elaborazione Testi

Modulo AM3 Elaborazione Testi Edizione 2010 Silvana Lombardi Piero Del Gamba Modulo AM3 Elaborazione Testi Guida introduttiva Syllabus 2.0 Livello Avanzato Software di Riferimento: Microsoft Word XP/2007 Silvana Lombardi Piero Del

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Istruzioni operative

Istruzioni operative Manuale d'uso dello strumento di compilazione Bilanci con foglio di calcolo Istruzioni operative Manuale d uso - versione 4 - febbraio 2014 pag. 1 di 25 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Redazione del

Dettagli

createsession existssession alivesession deletesession deleteallsession getcredit getcreditsubaccount addtransactionsubaccount addsubaccount

createsession existssession alivesession deletesession deleteallsession getcredit getcreditsubaccount addtransactionsubaccount addsubaccount PROTOCOLLO DI INVIO SOAP SOAP è un protocollo per lo scambio di messaggi basato su protocollo HTTP e scambio dei dati in XML, quindi disponibile per qualsiasi piattaforma/linguaggio di programmazione,

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. DYMO LABEL V.8 http://it.yourpdfguides.com/dref/2816922

Il tuo manuale d'uso. DYMO LABEL V.8 http://it.yourpdfguides.com/dref/2816922 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di DYMO LABEL V.8. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso DYMO LABEL

Dettagli

Istruzioni per l uso Versione 3.2

Istruzioni per l uso Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Istruzioni per l uso Versione 3.2 giugno 2015 Indice Indice... 2 Utilizzo del sistema di elaborazione a distanza

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Prima lezione di Access 2000

Prima lezione di Access 2000 Corso di Access Lezione 1 Lezione 2 Lezione 3 Lezione 4 Lezione 5 Lezione 6 Lezione 7 Lezione 8 Lezione 9 Lezione 10 Lezione 11 Prima lezione di Access 2000 Creare una Tabella La tabella è l'elemento principale

Dettagli

Manuale di MICROSOFT EXCEL 2003 corso avanzato

Manuale di MICROSOFT EXCEL 2003 corso avanzato Manuale di MICROSOFT EXCEL 2003 corso avanzato www.alessandrobonini.it licenza creative commons Sommario Introduzione... 4 Note dell autore... 4 Etichette e Nomi nelle formule... 5 Etichette... 5 Nomi...

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Manuale client

Manuale prodotto GFI. Manuale client Manuale prodotto GFI Manuale client Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che

Dettagli

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto...

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto... Guida al prodotto Microsoft Access 2010 Access 2010: panoramica... 1 Access 2010: panoramica generale... 2 Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto.... 2 Compilare i

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1. a cura del Neapolis Hacklab

HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1. a cura del Neapolis Hacklab Programmazione in Python Lezione 1 HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1 a cura del Neapolis Hacklab Perchè un corso di Python? Uno dei modi per contribuire alla diffusione del software

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Microsoft Excel Nozioni di base

Microsoft Excel Nozioni di base Sistemi di elaborazione delle informazioni Microsoft Excel Nozioni di base Luca Bortolussi SOMMARIO Introduzione Interfaccia Excel Celle Immissioni dati Formattazione Gestione fogli di lavoro Formattazione

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Stampa di dati variabili (VDP)

Stampa di dati variabili (VDP) 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 9 giugno 2014 Indice 3 Indice

Dettagli

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata)

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Come già specificato, il software è stato realizzato per la gestione di account PEC (Posta Elettronica Certificata), ma consente di configurare anche

Dettagli

Organizzazione dei tasti

Organizzazione dei tasti Utilizzare la tastiera La tastiera è lo strumento principale per l'immissione di informazioni nel computer, che si tratti di scrivere una lettera o di calcolare dati numerici. Non tutti sanno però che

Dettagli