Deliberazione di Giunta Comunale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione di Giunta Comunale"

Transcript

1 COMUNE DI CORMANO Provincia di Milano Delibera di Giunta Comunale Numero 117 Data 03/07/2013 Oggetto: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2012 Deliberazione di Giunta Comunale Originale L anno 2013, addì 3, del mese di Luglio, alle ore 16.00, presso il Municipio si è riunita la Giunta Comunale nelle persone dei sottoindicati Signori: CORNELLI Roberto Sindaco SI PAGLIA Diego Vice Sindaco SI CIONCI Massimo Assessore Anziano SI ANDREOTTI Alessio Assessore NO COCCA Tatiana Assessore SI VANGELISTA Fabrizio Assessore SI MARINI Alessandro Assessore SI Il Segretario D'Agostino Dott.ssa Sandra provvede alla redazione del presente verbale. Cornelli Roberto - Sindaco - assume la presidenza e, riconosciuta valida l adunanza, dichiara aperta la seduta per la trattazione degli oggetti all ordine del giorno.

2 G.C. n. 117 del 03/07/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2012 Relazione del Segretario-Direttore Generale La Relazione sulla Performance dell Amministrazione trova il suo fondamento legislativo nell articolo 10 comma 1 lettera b) del Decreto Legislativo 150/2009. Secondo quanto stabilito dalla normativa ( il citato D.Lvo 150/2009 ), il ciclo di gestione della performance si articola nelle seguenti fasi: 1. L Amministrazione stabilisce gli obiettivi che intende raggiungere, corredati da valori attesi di risultato e di indicatori idonei a rappresentare il grado di raggiungimento degli obiettivi; l insieme di questi obiettivi costituisce il Piano della Performance; 2. La struttura organizzativa si adopera per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti; 3. Viene valutato il grado di raggiungimento degli obiettivi, utilizzando gli indicatori a ciò predisposti, e viene valutata la performance organizzativa, analizzando le circostanze interne ed esterne che hanno prodotto tali risultati, in modo da individuare le criticità e le opportunità presentatesi. L Amministrazione, la struttura organizzativa ed il Nucleo di Valutazione Organismo Comunale di Valutazione sono chiamati a partecipare a questo processo ciascuno secondo le proprie competenze. 4. I risultati sopra descritti vengono relazionati nel presente documento, denominato per l appunto Relazione sulla Performance che, approvato dall Amministrazione, verrà divulgato tramite pubblicazione nel sito comunale. La presente Relazione sulla performance è il documento che completa il Ciclo della Performance, con riferimento all annualità 2012 e per la sua redazione si è tenuto conto della deliberazione della Giunta Comunale n 177 del 21/11/2012 ad oggetto :" Approvazione piano della Performance e Piano Esecutivo di Gestione per l'anno 2012 ", del Sistema di Misurazione e valutazione della performance organizzativa ed individuale così come risulta dal Contratto decentrato di lavoro sottoscritto in data nonchè della certificazione anno 2012 rilasciata dall Organismo Interno di Valutazione ai sensi dell art. 15 comma 4 del CCNL 1/4/1999. La relazione sulla Performance per l'anno allegato A, al fine di risultare trasparente e comprensibile, così come previsto dal decreto leg.vo 150/09, è così articolata: 1. PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE 2. SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI 2.1. Il contesto esterno di riferimento 2.2. L amministrazione 2.3. I risultati raggiunti 2.4. Le criticità 3. OBIETTIVI: RISULTATI RAGGIUNTI E SCOSTAMENTI 3.1. Albero della performance 3.2. Obiettivi strategici 4. RISORSE, EFFICIENZA ED ECONOMICITÀ 5. IL PROCESSO DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE

3 In sintesi, poichè si riporta tutta la descrizione dell'attività nell'allegato A, si può affermare che la struttura comunale ha lavorato e lavora per rendere: Cormano più vitale: è aumentata l offerta culturale, sportiva e per il tempo libero, le strade sono più vivibili per i pedoni, ci sono più luoghi per l aggregazione e per il tempo libero ed è stata costruita una piscina comunale; Cormano più sicura: più persone vivono i parchi, le strade e le piazze; le strade sono più sicure e si è ridotto il numero di incidenti stradali; Cormano più verde: sono aumentati i mq di parchi, le aiuole sono più fiorite, sono state valorizzate le aree agricole, ci sono più piste ciclabili, si sono recuperate alcune aree industriali dismesse senza toccare le aree verdi; Cormano più attenta alle fasce deboli: sono in atto progetti e interventi di contrasto al disagio e all emarginazione, iniziative di integrazione sociale e per l aggregazione degli anziani; Cormano a misura di bambino: sono state realizzate iniziative culturali, progetti educativi, azioni di sostegno alle scuole ed è stata realizzata - BI - La Fabbrica del Gioco e delle Arti- un nuovo Centro per l Infanzia. Il Piano delle Performance ha individuato gli obiettivi di mantenimento, gestionali e innovativi così definiti: : obiettivi diretti a garantire, assicurare, potenziare, incrementare, sviluppare, incentivare. AMBITO GESTIONALE/AMMINISTRATIVO: obiettivi riguardanti le attività proprie della struttura amministrativa e a supporto dei servizi rivolti ai cittadini INNOVATIVO: obiettivi che portano qualcosa di nuovo e quindi, per esempio, diretti a migliorare l efficienza ed efficacia dei servizi offerti o a monitorare il gradimento degli utenti o ad introdurre nuovi servizi e/o nuove attività. E importante sottolineare come tutta la struttura organizzativa sia stata coinvolta nel raggiungimento di obiettivi intersettoriali quali il rispetto del patto di stabilità, Città sostenibile delle bambine e dei bambini, progetto paper less e la relativa progressiva dematerializzazione dei procedimenti. Altri importanti obiettivi strategici sono stati individuati nel percorso partecipato del PGT, nella prosecuzione del contratto di quartiere Social City, nelle opere a verde del comparto 2cr8, nel supporto alle attività di BI La fabbrica del gioco e delle arti a Cormano e nella procedura per l alienazione degli appartamenti ERP di via Dall Occo. Risulta evidente, dalla sintesi delle schede, il considerevole lavoro svolto dall Amministrazione per raggiungere gli obiettivi. L'impegno lavorativo ha consentito il raggiungimento della maggior parte degli obiettivi prefissati; altri risultati attesi, invece, non si sono realizzati per criticità sia interne che esterne. E aumentata la richiesta di intervento e di sostegno da parte dei cittadini a causa della crescente crisi economica, ma la risposta ai bisogni si è dovuta scontrare con le sempre minori risorse economiche di cui dispongono i Comuni. I vincoli posti dalla legislazione nazionale hanno determinato e costretto fortemente le politiche amministrative, che hanno dovuto confrontarsi, non solo con le problematica della finanza locale,

4 ma anche con le modifiche tributarie e con una progressiva moltiplicazione di adempimenti e pubblicazioni richiesti dal legislatore ai fini della trasparenza. Dal punto di vista finanziario sono molti gli aspetti entrati in gioco, così differenti tra loro, e che hanno reso complessa la realizzazione degli obiettivi sia per la riduzione delle risorse spendibili sia per la riformulazione del patto di stabilità, con la necessità di preservare le condizioni di equilibrio finora presenti, malgrado il rivoluzionamento del sistema dei trasferimenti agli Enti locali, causa reale di difficoltà e crisi. In questa situazione di sofferenza generale, il percorso lavorativo degli uffici è stato quindi gravato da oneri ed ostacoli.. Ad esempio, il contratto di quartiere Social City ha subito dapprima un rallentamento dei lavori edili (da giugno a novembre) e successivamente la sospensione delle attività nel cantiere, a causa della richiesta di ammissione, poi concessa, dell Impresa costruttrice alla procedura di concordato preventivo. Simile problematica si è presentata anche per il comparto 2cr8, dove l azienda incaricata dei lavori non ha ultimato le opere nei termini previsti. In entrambi i casi, i lavoro degli Uffici è stato svolto nel migliore dei modi, ma gli obiettivi non sono stati raggiunti al per motivi finanziari, soprattutto dipendenti dalla situazione di crisi generale. Criticità questa che ha contribuito alla mancata alienazione dei 26 appartamenti di via Dall Occo, in quanto al bando per la loro vendita, per ben tre volte reiterato, nessun operatore ha presentato offerte. Altre problematiche sono emerse nella conduzione di BI - La fabbrica del Gioco e delle Arti -, sia legate alla scarsità di risorse per la gestione ordinaria, sia per la difficoltà di reperire finanziamenti esterni per la promozione e lo sviluppo. Le possibili fonti di finanziamento per la cultura e per l infanzia da parte di enti pubblici e privati, infatti, si sono sempre più ridotte mentre è aumentata progressivamente la competizione per aggiudicarsele. Sempre in merito a BI, un altra criticità è stata la mancanza di risposte al bando proposto per la gestione del bar-caffetteria. In data 28 giugno 2013 l'organismo Indipendente di Valutazione, ai sensi dell'art. 7 del decreto legislativo 150/2009, ha preso in esame la relazione finale sulla performance per l'anno 2012 e l'ha validata. Si sottopone, ora, alla Giunta Comunale la relazione per la presa d'atto e per la successiva pubblicazione sul sito web. IL SEGRETARIO DIRETTORE GENERALE Dott.ssa Sandra D Agostino

5 G.C. n. 117 del 03/07/2013 PROPONENTE: PROGETTI E COMUNICAZIONE APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2012 LA GIUNTA COMUNALE Vista la relazione del Segretario-Direttore Generale ; Richiamata la Deliberazione G.C. n. 177 del 21/11/2012 ad oggetto Approvazione Piano della performance e Piano Esecutivo di Gestione Anno 2012 ; Vista la relazione espressa dall'organismo Indipendente di Valutazione, ai sensi dell'art. 7 del decreto legislativo 150/2009, che ha preso in esame la relazione finale sulla performance per l'anno 2012 e l'ha validata; Considerato che, attraverso la gestione della performance, è stato misurato il grado di raggiungimento degli obiettivi, utilizzando gli indicatori a ciò predisposti ed è stata valutata la performance organizzativa, analizzando le circostanze interne ed esterne che hanno prodotto i risultati, in modo da individuare le criticità presentatesi; Visto il parere del Segretario Generale in ordine alla regolarità giuridico - amministrativa; Con voti unanimi favorevoli espressi nei modi di legge, DELIBERA 1. Di prendere atto della relazione redatta dal Segretario-Direttore Generale relativamente al Piano della Performance per l anno 2012, allegata al presente atto sotto la lettera A; 2. di disporre la pubblicazione della Relazione nel sito web del Comune, nella sezione Amministrazione Trasparente.

6 Allegato alla deliberazione n. 117 del 03/07/2013 PARERI SULLA DELIBERAZIONE PROPOSTA DAL PROGETTI E COMUNICAZIONE AD OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2012 In ordine alla regolarità tecnica (conformità a principi e leggi tecniche) e in ordine alla regolarità giuridico-amministrativa ex art. 49 del D.Lgs.vo n. 267 del 18 agosto 2000: Parere favorevole. 3/07/2013 IL SEGRETARIO DIRETTORE GENERALE Sandra Dott.ssa D Agostino

7 Originale Il Sindaco Cornelli Roberto Il Segretario Generale D'Agostino Dott.Ssa Sandra REFERTO DI PUBBLICAZIONE Certifico, su conforme dichiarazione del Messo Comunale, che copia della presente deliberazione è stata affissa all Albo Pretorio a far luogo dal 26/09/2013 per la prescritta pubblicazione di quindici giorni consecutivi (art. 124 comma 1 - del D.L.gs. n. 267 del 18 agosto 2000). Il Segretario Generale D'Agostino Dott.Ssa Sandra CERTIFICATO DI ESECUTIVITA Certifico che la suestesa deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile - art. 134, D.Lgs. 18 agosto 2000, n Il Segretario Generale D'Agostino Dott.Ssa Sandra

8 COMUNE DI CORMANO - RELAZIONE SULLA PERFORMANCE (Anno 2012) INDICE 1. PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE 2. SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI 2.1. Il contesto esterno di riferimento 2.2. L amministrazione 2.3. I risultati raggiunti 2.4. Le criticità 3. OBIETTIVI: RISULTATI RAGGIUNTI E SCOSTAMENTI 3.1. Albero della performance 3.2. Obiettivi strategici 4. RISORSE, EFFICIENZA ED ECONOMICITÀ 5. IL PROCESSO DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 1

9 1. PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale l Amministrazione illustra ai cittadini e a tutti gli altri stakeholders, interni ed esterni, i risultati ottenuti nel corso dell anno precedente, concludendo in tal modo il ciclo di gestione della performance, anche al fine di consentire alle amministrazioni pubbliche di organizzare il proprio lavoro in un ottica di miglioramento delle prestazione e dei servizi resi (articoli 4 e 10). La performance è il contributo (risultato e modalità di raggiungimento del risultato) che un soggetto (sistema, organizzazione, unità organizzativa, team, singolo individuo) apporta attraverso la propria azione al raggiungimento delle finalità e degli obiettivi ed, in ultima istanza, alla soddisfazione dei bisogni per i quali l organizzazione è stata costituita. La relazione contiene sia dati di riferimento del contesto in cui si è svolto il processo performativo, sia soprattutto lo stato finale di raggiungimento degli obiettivi che ne rappresentano il contenuto principale. 2. SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI 2.1. Il contesto esterno di riferimento Il territorio di Cormano per il suo posizionamento particolare, limitrofo alla periferia milanese e contiguo ad aree fortemente caratterizzate, diversificate ma al loro interno abbastanza omogenee sia da un punto di vista sociale che economico/lavorativo, è uno scenario di non facile ed immediata lettura, sia per le fenomenologie sociali, economiche e produttive in sviluppo sia per l analisi dei relativi bisogni. La collocazione geografica, la funzionalità di transito, la struttura urbanistica, il contesto sociale ed il tessuto economico differenziano Cormano da Milano ma non permettono la sua assimilazione a comprensori limitrofi invece sicuramente più omogenei sotto gli aspetti menzionati. Territorio Il Comune, che estende il suo territorio per una superficie di circa 5,5 KM quadrati, è situato al confine Nord di Milano, lungo il torrente Seveso, ed è compreso tra i territori di Novate, Bollate, Paderno Dugnano, Cusano Milanino e Bresso. La presenza di grandi infrastrutture viarie ha determinato la frammentazione del territorio comunale in porzioni urbane separate e quindi l identificazione di frazioni con identità specifiche: infatti il territorio è attraversato da tre arterie extraurbane di rilevanza nazionale e regionale, a carreggiate separate e prive di intersezioni a raso: - l autostrada A4; - la S.S. 35 Milano-Meda; - la S.P. 46 Rho Monza. oltre alla linea Milano-Asso delle Ferrovie Nord Cormano risulta suddiviso in 5 frazioni: Cormano Centro, Brusuglio, Fornasè, Molinazzo e Ospitaletto. Popolazione residente Dopo il boom insediativo degli anno '60, la popolazione residente nel corso dei decenni successivi ha seguito un trend in diminuzione. Il processo di erosione della popolazione residente si è arrestato in questi ultimi anni in quanto è stata ultimata, nell ultimo decennio, la costruzione di numerosi complessi residenziali, che ha contribuito anche ad incrementare il numero dei residenti: il parco alloggi di nuova costruzione è stato 2

10 equamente ripartito tra popolazione già esistente (50%) e popolazione immigrata (50%). In particolare, la popolazione risulta così suddivisa al 31/12/12: - abitanti M F ragazzi (età compresa tra 0 e 14 anni): giovani (età compresa tra 15 e 32 anni): anziani (da 65 anni in poi): distribuiti nelle 5 frazioni in cui è suddiviso il comune: i quartieri più popolosi risultano essere Cormano Centro, Brusuglio ed Ospitaletto Servizi educativi Nel Comune di Cormano sono attivi 3 asili nido pubblici, 6 scuole dell infanzia, 3 scuole primarie, 2 scuole secondarie di primo grado e un istituto professionale. La popolazione in età scolare frequentante le scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado, ammonta complessivamente alunni. Parchi e giardini Anche parchi e giardini attrezzati sono ben distribuiti sul territorio comunale. Parco Via Turati: mq Parco Villa Gioiosa: mq Parco Via Molinazzo: mq Parco Via L. Da Vinci: mq Parco Via Adda: mq Parco Via Kennedy: mq Parco Via Toce (area gioco cani) : mq 300 In via di completamento: Parco 2CR8 circa mq In corso di progettazione: Green Line (Fornasè) circa mq A livello sovracomunale, Cormano è interessato dal Parco Nord (Consorzio Parco Nord Milano), nella zona sud est del territorio comunale (quartiere Brusuglio). Su iniziativa dei comuni di Cormano e di Novate Milanese, la Provincia di Milano ha istituito tramite il Piano Territoriale di Coordinamento (PTCP) un parco locale di interesse sovra comunale (PLIS) sulle aree agricole comprese fra i due Comuni (Balossa). Domanda di mobilità Nel giorno feriale medio complessivamente a Cormano hanno luogo poco più di spostamenti. Di questi, il 15% sono spostamenti con origine e destinazione interne al comune di Cormano (6.740), il 35% sono spostamenti attratti (destinazione Cormano, origine esterna) il restante 50% è costituito dagli spostamenti generati (origine Cormano, destinazione esterna). La più elevata concentrazione degli spostamenti generati risulta coerente con le caratteristiche territoriali precedentemente descritte. Lo scambio con Milano rappresenta poco meno del 40% degli spostamenti giorno. Circa il 30% ha origine o destinazione nei comuni confinanti con una netta prevalenza del comune 3

11 di Paderno (10%). Il restante 30% rappresenta lo scambio con il resto della provincia e con le zone esterne. Per quanto riguarda la mobilità con origine e destinazione interna al comune i modi dolci (piedi e bici) assumono un ruolo preminente concentrando circa il 40% degli spostamenti. Resta comunque elevato l'utilizzo del mezzo privato mentre è quasi inutilizzato il mezzo pubblico, ciò anche in ragione delle limitate dimensioni del contesto territoriale. Viceversa, per quanto attiene alla mobilità di scambio (generati e attratti) i modi di trasporto privato (auto e motociclo) garantiscono la quasi totalità degli spostamenti (poco meno dell 80%) con una funzione residuale del trasporto pubblico locale. Trasporti (interni, da e per Cormano): Ferrovie NORD MILANO direttrice ferroviaria Milano-Asso ATM Autolinea 83 Milano / Niguarda-Bresso-Brusuglio ATM Autolinea 620 Milano Stazione Centrale -Senago ATM Metrotranvia Milano-Limbiate ATM Metrotranvia Milano-Desio ATM 705 Cormano - Milano Via Ippocrate ATM 708 Bresso-Sesto Rondò M1 ATM 729 Cormano-Cusano Milanino-Sesto FS M1 Attività economiche al 31/12/12 sul territorio sono operative ancora numerose realtà imprenditive, tra cui Negozi 165 Bar/ristoranti 50 Parrucchieri/estetisti 51 attività aperte nel (di cui 14 nuove ditte) 2.2. L amministrazione Struttura organizzativa e personale Si riporta qui di seguito l organigramma dell Ente ed una breve analisi dell organico, una sintesi riferita alla spesa per il personale ed una tabella con gli indici di assenza. 4

12 SINDACO Roberto Cornelli POLIZIA LOCALE Dott. Angelo Sallemi MESSI AREA VIGILANZA A.P. Peduto Giovanni COMMERCIO DIREZIONE GENERALE D.ssa Sandra D'Agostino UFFICIO STAMPA/COMUNICAZIONE-SEGRETERIA SINDACO PO Arcidiacono Annamaria PROGETTI E SOCIAL CITY PO Leone Antonio AFFARI GENERALI - ORGANI ISTITUZIONALI PO Colombo Simona DEMOGRAFICI STATISTICA PO Bellone Elena URP PROTOCOLLO PO Colombo Simona RISORSE UMANE SERVIZI INTERNI/FINANZE SERVIZI ALLA PERSONA GOVERNO DEL TERRITORIO D.ssa Mariapaola Zanzotto Dott. Roberto Rovati Arch. Sara Augusta Morlacchi 5

13 AREA SERVIZI INTERNI AREA FINANZIARIA AREA SOCIALE AREA CULTURALE AREA OO.PP AREA URBANISTICA SEGRETERIA E CONTRATTI PO Colombo Simona RAGIONERIA ECONOMATO INTERVENTI SOCIALI POLITICHE ABITATIVE PO Radaelli Nadia PUBBLICA ISTRUZIONE OPERE PUBBLICHE MANUTENZIONE PO Marchesi Alfreda URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA PO Ce Villa Marialuisa INFORMATICA PO Colombo Simona CONTROLLO DI GESTIONE SPORT-PACE E COOPERAZIONE -TEMPO LIBERO POLITICHE AMBIENTALI PO Marchesi Alfreda EDILIZIA PRODUTTIVA COMMERCIAL PO Cella Villa Marialuisa TRIBUTI E CATASTO PO Bellone Elena BIBLIOTECA dei Ragazzi BIBLIOTECA Adulti CULTURA PO Arcidiacono Annamaria 6

14 analisi del personale Personale a tempo indeterminato in servizio DESCRIZIONE 31/12/ /12/ /12/ /12/2012 Segretario - Direttore Generale Dirigenti Posizioni Organizzative Dipendenti ( escluso P.O.) Totale personale in servizio Dipendenti distinti per categoria giuridica DESCRIZIONE 31/12/ /12/ /12/ /12/2012 Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne A B B C D, D Totale personale di ruolo Età media del personale in servizio DESCRIZIONE 31/12/ /12/ /12/ /12/2012 Segretario - Direttore Generale Dirigenti Posizioni Organizzative Dipendenti ( escluso P.O.) Totale età media % donne in servizio DESCRIZIONE % Dirigenti donna su totale Dirigenti % P.O. donna su totale delle P.O % donne occupate sul totale del personale

15 indici di assenza ANNO 2012 GIORNI LAVORATIVI MALATTIA + FERIE + ALTRO % ASSENZA MALATTIA + ALTRO % ASSENZA GENNAIO ,00 20,41 370,00 11,74 FEBBRAIO ,00 15,85 370,00 11,82 MARZO ,00 12,79 318,00 9,66 APRILE ,00 16,68 212,00 7,57 MAGGIO ,00 12,19 276,00 8,54 GIUGNO ,00 14,80 192,00 6,22 LUGLIO ,00 28,19 165,00 5,11 AGOSTO ,00 55,66 153,00 4,76 SETTEMBRE ,00 13,68 128,00 4,35 OTTOBRE ,00 10,01 196,00 5,84 NOVEMBRE , ,75 DICEMBRE , ,36 TOTALE , ,09 GIORNI LAVORATIVI MALATTIA + FERIE + ALTRO % ASSENZA MALATTIA + ALTRO % ASSENZA ,00 26, ,00 8, ,00 46, ,00 19, ,00 44, ,00 21, ,00 38, ,00 15,09 TOTALE , ,08 8

16 Di seguito alcune tabelle che illustrano alcune strutture disponibili per la popolazione gestite direttamente o indirettamente dall Amministrazione Comunale, unitamente ad un elenco con le competenze di organismi gestionali che operano per il nostro territorio. STRUTTURE STRADE Statali Km 2 Vicinali Km 0,76 Provinciali Km 2,5 Autostrade Km 3 Comunali Km 21 TIPOLOGIA ESERCIZIO Anno 2011 Anno 2012 Asili nido n 3 Posti n Posti n Scuole materne n 2 Posti n Posti n Scuole elementari n 3 Posti n Posti n Scuole medie n 2 Posti n Posti n Strutture residenziali n 0 per anziani Posti n 0 Posti n 0 Farmacie Comunali n 1 n 1 Rete fognaria in Km. mista Esistenza depuratore SI SI Rete acquedotto in Km. 41,500 41,500 Aree verdi, parchi, giardini Hq. 25,03 Hq. 25,03 Punti luce illuminaz. pubblica Rete gas in Km. 51,084 51,084 Raccolta rifiuti in quintali: - civile racc. differenziata 55,27% 55,38% (Centro di raccolta recupero) SI SI Mezzi operativi (Telelaser- Radioricetrasmitt.,Videosorveglianza N 13 N 17 ) Veicoli N 18 N 17 Centro elaborazione dati n. 15 server n. 15 server Personal computer N 120 N 120 9

17 ORGANISMI GESTIONALI TIPOLOGIA ESERCIZIO Anno 2011 Anno 2012 ENTE CONSORZIO SISTEMA BIBLIOTECARIO NORD/OVEST CONSORZI n 4 n 4 AZIENDE n 2 n 2 SOCIETA' DI CAPITALI n 5 n 5 ALTRO n 4 n 4 CIMEP Consorzio Intercomunale Milanese per l Edilizia Popolare in liquidazione CONSORZIO PARCO NORD MILANO Ente di diritto pubblico CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO - VILLORESI AZIENDA SPECIALE FARMACIA MULTISERVIZI COMUNALE CONSORZIO TRASPORTI PUBBLICI S.P.A IN LIQUIDAZIONE CORE- CONSORZIO RECUPERI ENERGETICI S.P.A CAP HOLDING S.P.A.: I.A.NO.MI INFRASTRUTTURE ACQUE NORD MILANO ENERGIE LOCALI S.R.L. (IN LIQUIDAZIONE) AGENZIA FORMAZIONE ORIENTAMENTO LAVORO Scuola dell Infanzia ASILO CARCANO GRASSI, già Ente Morale ora Fondazione CENTRO STUDI P.I.M., associazione volontaria di Enti pubblici locali (A.T.O. Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Milano Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) della Balossa PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI Piano regolatore adottato no 10

18 Piano regolatore approvato sì Programma di fabbricazione no Piano edilizia economica e popolare sì Comunicazione ai cittadini L Ente ha iniziato da poco il percorso richiesto dal D.L. n. 33 del 14/3/13 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. E stata comunque garantita ai cittadini, tramite il sito comunale, buona parte delle informazioni indicate come caratterizzanti del buon livello di trasparenza, e in particolare quelle riferite agli uffici e ai loro titolari, ai servizi erogati ai cittadini e alle modalità di accesso agli stessi, ai dirigenti e alle posizioni organizzative e alle loro retribuzioni. L Amministrazione per raggiungere tutte le famiglie del territorio, dal 2004 ha pubblicato Cormano Partecipa, un notiziario che ha permesso di trasmettere al meglio ai cittadini comunicazioni e informazioni relative ai programmi e soprattutto agli obiettivi raggiunti. Inoltre l Ente ha ricevuto diversi riconoscimenti da parte della Provincia per le proprie iniziative di informazione e comunicazione (premi Comunicami ) ed ha elaborato e pubblicato diversi aggiornamenti del Bilancio Sociale. Anche i percorsi partecipativi hanno avuto spazio nelle strategie del Comune: incontri per il PGT, laboratori di quartiere per il Social City, le riunioni del CCRR, assemblee tematiche relative a problematiche sulla viabilità, iniziative quali Puliamo il mondo e Adotta un aiuola, 2.3. I risultati raggiunti L Amministrazione, nelle sue articolazioni decisionale ed operative ha lavorato e lavora per rendere: Cormano più vitale: è aumentata l offerta culturale, sportiva e per il tempo libero, le strade sono più vivibili per i pedoni, ci sono più luoghi per l aggregazione e per il tempo libero ed è stata costruita una piscina comunale. Cormano più sicura: più persone che vivono i parchi, le strade e le piazze; è stata consolidata una buona politica d integrazione e i servizi sociali funzionano; è aumentato il numero degli agenti di Polizia Locale; è stata costruita la Caserma dei Carabinieri; è stato istituito il turno serale della Polizia Locale; le strade sono più sicure e si è ridotto il numero di incidenti stradali. Cormano più verde: sono aumentati i mq di parchi, le aiuole sono più fiorite, sono state valorizzate le aree agricole, ci sono più piste ciclabili, si sono recuperate alcune aree industriali dismesse senza toccare le aree verdi. Cormano più attenta alle fasce deboli: sono in atto progetti e interventi di contrasto al disagio e all emarginazione, piano anticrisi, iniziative di integrazione sociale, nuove strutture per la salute e per l aggregazione degli anziani; 11

19 Cormano a misura di bambino: sono state realizzate iniziative culturali, progetti educativi, azioni di sostegno alle scuole e un nuovo Centro per l Infanzia. Il Piano delle Performance individua, con specifica valenza annuale, gli obiettivi di mantenimento, gestionali e innovativi dell Ente, in particolare così definiti: : comprende tutti quegli obiettivi che possono essere definiti come garantire, assicurare, potenziare, incrementare, sviluppare, incentivare. AMBITO GESTIONALE/AMMINISTRATIVO: obiettivi riguardanti le attività proprie della struttura amministrativa e a supporto dei servizi rivolti ai cittadini INNOVATIVO: rientrano obiettivi che portano qualcosa di nuovo e quindi, per esempio, diretti a migliorare l efficienza ed efficacia dei servizi offerti o a monitorare il gradimento degli utenti o ad introdurre nuovi servizi e/o nuove attività. E comunque necessario sottolineare come tutta la struttura organizzativa sia stata coinvolta nel raggiungimento di obiettivi intersettoriali quali il rispetto del patto di stabilità, Città sostenibile delle bambine e dei bambini, progetto paper less e la relativa progressiva dematerializzazione dei procedimenti. Altri importanti obiettivi strategici sono stati individuati nel percorso partecipato del PGT, nella prosecuzione del contratto di quartiere Social City, nelle opere a verde del comparto 2cr8, nel supporto alle attività di BI La fabbrica del gioco e delle arti a Cormano e nella procedura per l alienazione degli appartamenti ERP di via Dall Occo Le criticità Risulta evidente dalla sintesi delle schede il considerevole lavoro svolto dall Amministrazione per raggiungere gli obiettivi, notevole sia per la quantità importante del monte-ore dedicato, ma soprattutto per la qualità reale dell operatività. Lo sforzo ha portato a raggiungere pienamente la maggior parte degli obiettivi prefissati, mentre per altri ha evidenziato delle criticità sia interne che esterne, sia settoriali che di contesto generale, che ne hanno impedito l atteso completamento. E andata aumentando la richiesta di intervento e di sostegno che l Amministrazione comunale ha ricevuto da parte dei cittadini, con riflessi sempre più impegnativi per il bilancio comunale. Le continue modifiche normative che se da un lato introducono il federalismo fiscale e apparentemente attribuiscono piena autonomia agli enti locali, dall altro dispongono provvedimenti che ne sospendono e rinviano l applicazione, facendo sì che le risorse siano sempre più contenute e non crescano in modo proporzionale alle necessità. I vincoli posti dalla legislazione nazionale hanno determinato e costretto fortemente le politiche amministrative, che hanno dovuto confrontarsi, non solo con le problematica della finanza locale, ma anche con le modifiche tributarie e con una progressiva moltiplicazione di adempimenti e pubblicazioni richiesti dal legislatore ai fini della trasparenza. Dal punto di vista finanziario sono molti gli aspetti entrati in gioco, così differenti tra loro, e che hanno reso complessa la realizzazione degli obiettivi sia per la riduzione delle risorse spendibili sia per la riformulazione del patto di stabilità, con la necessità di preservare le 12

20 condizioni di equilibrio finora presenti, malgrado il rivoluzionamento del sistema dei trasferimenti agli Enti locali, causa reale di difficoltà e crisi. In questa situazione di sofferenza generale, il percorso lavorativo degli uffici è stato quindi gravato da oneri ed ostacoli che, a volte, hanno contribuito a determinare anche il mancato completamento degli obiettivi. Ad esempio, il contratto di quartiere Social City ha subito dapprima un rallentamento dei lavori edili (da giugno a novembre) e successivamente la sospensione delle attività nel cantiere, a causa della richiesta di ammissione, poi concessa, dell Impresa costruttrice alla procedura di concordato preventivo. Simile problematica si è presentata anche per il comparto 2cr8, dove l azienda incaricata dei lavori non ha ultimato le opere nei termini previsti. In entrambi i casi, i lavoro degli Uffici è stato svolto nel migliore dei modi, ma gli obiettivi non sono stati raggiunti al per motivi finanziari, soprattutto dipendenti dalla situazione di crisi generale. Criticità questa che ha contribuito alla mancata alienazione dei 26 appartamenti di via Dall Occo, in quanto al bando per la loro vendita, per ben tre volte reiterato, nessun operatore ha presentato offerte. Altre problematiche sono emerse nella conduzione di BI, sia legate alla scarsità di risorse per la gestione ordinaria, sia per la difficoltà di reperire finanziamenti esterni per la promozione e lo sviluppo. Le possibili fonti di finanziamento per la cultura e per l infanzia da parte di enti pubblici e privati, infatti, si sono sempre più ridotte mentre è aumentata progressivamente la competizione per aggiudicarsele. Sempre in merito a BI, un altra criticità è stata la mancanza di risposte al bando proposto per la gestione del barcaffetteria. 3. OBIETTIVI: RISULTATI RAGGIUNTI E SCOSTAMENTI 3.1. Albero della performance L albero della performance (rappresentato nel diagramma seguente) è una mappa logica che rappresenta i legami tra mandato istituzionale, missione, visione, aree e programmi strategici, obiettivi strategici e piani operativi di intervento. I programmi strategici costituiscono le prospettive in cui vengono scomposti e specificati il mandato istituzionale, la missione e la visione. L albero della performance fornisce una rappresentazione articolata, completa, sintetica e integrata della performance dell amministrazione. Ha una valenza di comunicazione esterna e una valenza tecnica di messa a sistema delle due principali dimensioni della performance (ente e unità organizzativa). 13

21 Documenti di programmazione BISOGNI DELLA COLLETTIVITA Statuto Comunale MISSION Programma di mandato del Sindaco LINEE PROGRAMMATICHE Relazione Previsionale e Programmatica Bilancio Pluriennale PROGRAMMI Piano della Performance OBIETTIVI PDO OBIETTIVI PDO OBIETTIVI PDO OBIETTIVI PDO OBIETTIVI PDO OBIETTIVI PDO Bilancio Annuale Piano Esecutivo di Gestione Piano Dettagliato Obiettivi

22 3.2. Obiettivi strategici Per definire operativamente gli obiettivi raggiunti, si riporta, in allegato, una scheda di sintesi delle azioni di performance con obiettivi strategici, funzioni, personale coinvolto, indicatori e percentuali di riuscita. 4. RISORSE, EFFICIENZA ED ECONOMICITÀ I prospetti successivi mostrano in sequenza il risultato di amministrazione complessivo, il risultato della sola gestione di competenza e, in un ottica che mira a misurare il grado di realizzazione dei programmi, la differenza tra le risorse destinate al finanziamento dei programmi e le risorse utilizzate per lo stesso scopo, oltre ad una comparazione con i risultati 2011

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale COMUNE DI CORMANO Provincia di Milano Delibera di Giunta Comunale Numero 137 Data 30/07/2014 Oggetto: Deliberazione di Giunta Comunale Originale L anno 2014, addì 30, del mese di Luglio, alle ore 16.30,

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE COMUNE DI LUISAGO (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 202 INDICE - Introduzione - Territorio - Popolazione - Strutture - Personale - Struttura: dati economico-patrimoniali organizzazione -

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 Oggetto: NOMINA CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. al CO.RE.CO.

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti COPIA ALBO COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti DELIBERAZIONE N 6 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : D.LGS. 14 MARZO 2013 - APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014 Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 OGGETTO : ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014 Il giorno 29/07/2014 alle ore 14:00 nella

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 112 DEL 21/10/2013 OGGETTO: ART. 14 LEGGE REGIONALE N. 54/84 RISERVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

COMUNE DI PIRAINO - Provincia di Messina - PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 212 Approvato con la deliberazione di Giunta Municipale n 275 del 27/11/212 OBIETTIVO STRATEGICO Obiettivo strategico DIRIGENTI E

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014

COD. PRATICA: 2014-001-595. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 961 DEL 28/07/2014 OGGETTO: Disposizioni regionali per la gestione degli impianti termici. Adozione. PRESENZE Marini Catiuscia Presidente

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO Numero 14 Data 28/01/2014 Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DI GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA

Dettagli

Comunità Montana di Scalve

Comunità Montana di Scalve Comunità Montana di Scalve VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA C O P I A DELIBERAZIONE NR. 54 Del 13-06-2011 Oggetto: AFFIDAMENTO A SOCIETA' TRADE LAB S.R.L. DI MILANO REDAZIONE STUDIO FATTIBILITA'

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 18 DEL 9.04.2015

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 18 DEL 9.04.2015 COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 18 DEL 9.04.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI STRAORDINARI FINALIZZATI ALLA CONFORMAZIONE ALLA NORMATIVA ANTINCENDIO IN CONSEGUENZA

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 21 DATA 18.2.2015 ***********************************************************************************************

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Comune di Novedrate Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROTOCOLLO D'INTESA PER IL COORDINAMENTO E LA GESTIONE DELLE POLITICHE E DELLE AZIONI PER L'EDUCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013)

COMUNE DI BERTINORO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' (D.LGS. 33/2013) 1 Disposizioni generali 1A Programma per la Trasparenza e l'integrità 1A.1 Programma per la Trasparenza e l'integrità Annuale Segretario Generale D.Lgs. 33/2013 - Art. 10, c. 8, lett. A 1A.2 Piano anticorruzione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO Reg. pubbl. N. ORIGINALE lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 1023 DEL 31-12-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Progetto Educazione Stradale: acquisto notebook completo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi Copia Reg. Gen. n. 479 del 11/11/2015 Reg. n.243 del 11/11/2015 COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO RISORSE

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 211 Seduta del 28/10/2013 All.12 OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

OBIETTIVI COSTITUENTI IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011

OBIETTIVI COSTITUENTI IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 APPROVAZIONE PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 (AI SENSI DEL D.LGS.VO N. 150/2009) Deliberazione n. 126 dell 01/08/2012 OBIETTIVI COSTITUENTI IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011 DESCRIZIONE OBIETTIVO RAGAZZI AL

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276

Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 ESTRATTO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI FOGLIZZO DETERMINAZIONE : UFFICIO RAGIONERIA REGISTRO GENERALE N. : 276 Responsabile del Servizio : DOTT.SSA CLELIA PAOLA VIGORITO N. 168 OGGETTO : AFFIDAMENTO

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 417 IN DATA 08/11/2010 PROTOCOLLO N 0052379 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 15/11/10 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Bilancio

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Santo Stefano Ticino Prov. di Milano G.C. Numero: 25 data: 22-03-2014 OGGETTO: PRESA D ATTO VERBALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 PROVVEDIMENTI Verbale di deliberazione della

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 13 Dicembre 2013 Verbale n. 43 COPIA OGGETTO: Progetto Vigilanza scolastica anno 2014. Approvazione progetto-

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 352 IN DATA 20/07/2009 PROTOCOLLO N 0034648 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 22/07/09 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: E.N.P.A.

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 6 del 26-01-2011 Oggetto: MANIFESTAZIONE "CARNEVALE IN PIAZZA 2011": DIRETTIVE AI CAPI SETTORE I, II, IV, V.

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE.

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. Comune di Sperone Provincia di Avellino TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 70 DEL 26.9.2013. ******************************************

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 294 OGGETTO: ADESIONE DEL COMUNE DI NOVARA AL BANDO FONDAZIONE CARIPLO ANNO 2013 PROMUOVERE GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011 COMUNE DI RIMINI - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE N. : 127 del 12/04/2011 Oggetto : APPROVAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE PER L'ANNO 2011 L anno duemilaundici,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 8.4.2015 ***********************************************************************************************

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2013 N. 135 del Registro Delibere OGGETTO: Procedura di mobilità all'interno del Comparto

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA)

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 DEL 21/07/2015 OGGETTO: SERVIZI SOCIALI - AGEVOLAZIONI TARIFFARIE ALLE UTENZE DEBOLI DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

Settore 3 Amministrativo e Servizi al Cittadino. U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE

Settore 3 Amministrativo e Servizi al Cittadino. U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE Settore Amministrativo e Servizi al Cittadino U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE segreteria approvazione o modifica statuto e regolamenti segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 14 Febbraio 2014 Verbale n. 10 OGGETTO: Approvazione Convenzione di tirocinio con l Istituto Superiore di

Dettagli

Comune di Marsicovetere

Comune di Marsicovetere Comune di Marsicovetere PROVINCIA DI POTENZA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 DEL 17/03/2015 OGGETTO:SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE. DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE E CONTRIBUZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 DEL 24/02/2015 OGGETTO: Concorso di Progettazione per la realizzazione

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli