CONSERVARE E RIORDINARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSERVARE E RIORDINARE"

Transcript

1 Gestione dell Archivio Storico Parrocchiale: CONSERVARE E RIORDINARE Corso per Archivisti Parrocchiali 14 Maggio 2010

2 L attenzione della Diocesi di Bergamo agli Archivi parrocchiali Nasce da lontano 1564 I Sinodo vescovo F. Cornaro, cap. 26 De libris per parochos tenendis (contraenti matrimonio, battesimi, inconfessi) L ultimo intervento è il Censimento promosso nel 1997 Quadro descrittivo completo e organico dei 426 archivi territoriali (delle 389 parrocchie esistenti + 64 parrocchie accorpate nel 1986)

3 RIFLETTIAMO SUI RISULTATI OTTENUTI 1. Cospicua consistenza e ricchezza degli archivi: - 39 archivi conservano i libri canonici (battesimi, matrimoni, morti) anteriori alla fine del concilio di Trento che ne dispone l introduzione nel I più antichi si trovano ad Albano S. Alessandro (1518), Carenno (1525), Nasolino (1534), Rosciano (1538), Osio sopra (1539), Gandino (1541). Si ha l impressione che nelle parrocchie bergamasche il fenomeno sia stato particolarmente diffuso tant è che entro la fine del 500, altre 82 parrocchie ne risultano provviste.

4 - Numerosissime le parrocchie dotate di chronicon, la cui compilazione di norma risale al XIX secolo, anche se non mancano cronache risalenti al XV secolo in cinque località (Alzano maggiore, Novazza, Somendenna, Trescore, Gandino). In altre 11 parrocchie si trovano cronache risalenti al XVI secolo, in 17 al XVII e infine 13 al XVIII secolo. - Interessante la fitta documentazione di confraternite e associazioni laicali (in numero di 150 circa) dalle più antiche (come i disciplini con documenti dal 1343 a Gandino, dal 1531 a Clusone e dal 1639 a Cividate al Piano) alle moderne Azione Cattolica, UNITALSI, passando attraverso le congregazione del S.S. Sacramento, del Santo Rosario ecc.

5 - Una segnalazione a parte meritano le scuole della Dottrina Cristiana, documentate in almeno 199 parrocchie, con carte datate dal XVII secolo in trenta casi (le più antiche a Paladina, Nembro e Treviolo dal 1609). - Significativa è apparsa la presenza di carte antecedenti all anno dell acquisita autonomia parrocchiale. Si tratta sia di documenti stralciati dall archivio della parrocchia da cui è avvenuto il distacco, sia prodotti dalla comunità esistente da tempo (in qualche caso da secoli) attorno quella chiesa. Così a Cicola (Carobbio degli Angeli) parrocchiale dal 1956, troviamo carteggio dal 1909.

6 2. Lacune di materiale perso (per furto incendio, calamità, trascuratezza) -scambi di materiale archivistico tra parrocchie affidate allo stesso parroco -si è rilevata l urgente necessità di restauro soprattutto del materiale su pergamena o antichi registri del

7 3. Un buon numero di archivi è corredato almeno di un qualche strumento di consistenza (inventari, elenchi, indici) - Hanno dei buoni inventari: in diocesi: Albino, Calolzio in città: Sant Andrea, Santa Grata inter vites, Sant Alessandro della Croce (unità 3000 ca. dal sec. XIV-XX)

8 4. Criteri di ordinamento diversi. Mancanza di un titolario comune: -Alcuni fanno riferimento alle norme dei sinodi di mons. Bernareggi 1939/1952 o di mons. Marelli Altri al titolario di mons. Pesenti Altri hanno ordinato con criteri arbitrari e personali

9 SI PUO AGGIUNGERE CHE Guida sostanzialmente e diffusamente monocratica dell istituzione parrocchiale (Badini) ha portato l archivio a diventare simile all archivio personale. Generalizzato atteggiamento di non curanza verso mondo amministrativogiuridico della parrocchia ha portato ha non avere la percezione culturale degli archivi.

10 Il post-concilio Vaticano II, cambiando i recinti del sacro e delle funzioni stesse della parrocchia, ha portato a una crisi archivistica nel clero. la capillarità, frammentarietà e decentramento di responsabilità connaturati alla parrocchia, si riflettono nella fatica di garantire un uniformità della gestione adeguata degli archivi.

11 In una realtà così variegata e in continua evoluzione, occuparsi di gestione dell archivio parrocchiale non è semplice!

12 mi limiterò quindi a suggerire alcune linee guida in merito ad alcuni grandi temi: la classificazione la selezione il riordino la conservazione la consultazione

13 L ARCHIVIO E UNO PER TUTTI E TUTTI PER UNO La tradizione Archivistica Italiana si fonda su una concezione unitaria del bene Archivio (con valore amministrativo e del valore culturale ) Questo coinvolge in quasi egual misura, una responsabilità dell amministrazione Statale-Archivistica (Sovaintendenza) e del Soggetto Produttore (Parrocchia).

14 L archivio è un complesso unitario anche se per convenzione viene suddiviso in 3 fasi di vita: Archivio CORRENTE /archivio in formazione Archivio di DEPOSITO/ dalla cessazione della pratica fino al quarantennio Archivio STORICO / dopo 40 anni la documentazione diventa storica (ante 1970)

15 COME AFFRONTARE Circolari, avvisi, preventivi, richieste di atti di copia, inviti, lettere, convocazioni, verbali, controversie che arrivano sul tavolo dell ufficio parrocchiale in grandi quantità? L accumularsi della corrispondenza e delle altre carte, se non governato a tempo debito, se non gestito con criteri opportuni, può dare adito a numerosi inconvenienti.

16 Ritrovarle con troppa fatica

17 Serve fare in modo che l Archivio corrente si mantenga ordinato e che si incrementi possibilmente in modo ragionevole e logicamente strutturato Attraverso l adozione di un registro di PROTOCOLLO in cui la documentazione debba poter ricevere una sua CLASSIFICAZIONE in relazione a un preciso titolario. L attribuzione di ciascun documento in arrivo o in partenza dall ufficio parrocchiale ad una determinata categoria o classe del TITOLARIO guiderà la collocazione della carta o della pratica entro l apposito fascicolo o entro il contenitore dell archivio

18 per le parrocchie che hanno adottato il titolario Pesenti: dovranno aggiornarlo introducendo delle classi che rispettino le nuove funzioni che la parrocchia ha assunto in questi ultimi anni. Nel caso in cui l ordinamento dell archivio storico, applicato in anni o secoli precedenti (magari utilizzando criteri cronologici, alfabetici, per materia): si preferirà adottare per la documentazione corrente un nuovo titolario che tenga conto delle attuali funzioni della parrocchia (andando così a creare una recente sezione d archivio che non avrà soluzioni di continuità con la precedente, se non per le serie storiche.

19 SELEZIONE La realtà odierna evidenzia che la produzione documentale in questi ultimi decenni si è fatta dovunque massiccia e invasiva L esperienza, in linea in questo caso con la teoria archivistica, ci insegna che non abbiamo la possibilità di conservare tutto e per sempre. I costi di tenuta diventerebbero considerevoli e la gestione stessa dell archivio risulterebbe, a lungo andare, impraticabile.

20 SELEZIONE Non si possono offrire metodi di selezione comuni: ognuno attribuisce alla propria documentazione un valore intrinseco, legato ai propri obiettivi e finalità. Si devono individuare i documenti fondamentali per l ente, ritenuti idonei alla futura consultazione interna, a tutelarne la memoria e, perciò, ad essere tramandati ai posteri

21 SELEZIONE Se consideriamo l archivio parrocchiale quale bene culturale, quale fonte di studi storici, la selezione dei documenti che saremo in grado di mettere in atto costituirà un elemento qualificante delle fonti per la storiografia Se consideriamo l archivio nella sua valenza giuridica l intervento di selezione dovrà ovviamente mirare alla conservazione di quella documentazione in grado di testimoniare le situazioni giuridiche e amministrative rilevanti, che si conta siano state a loro tempo non solo classificate ma pure protocollate.

22 SELEZIONE Valida per documenti non precedenti al 1970 Richiede grande responsabilità per evitare danni alla storia, all ente e ai privati È uno dei momenti più delicati, ma indispensabili, perché da questa ne deriva lo SCARTO

23 SCARTO un compromesso fra la necessità teorica e l'impossibilità pratica della conservazione integrale dei documenti d'archivio Elio Lodolini un paradosso della conservazione Isabella Zanni Rosiello una vera necessità Antonio Romiti la selezione come elemento qualificante Paola Carucci In generale per l archivistica italiana lo scarto sembra essere un male necessario

24 SCARTO Data l importanza di tale operazione è raccomandato operare sempre di concerto con l Archivio Storico Diocesano Valutazione deve essere compiuta da una commissione, in genere composta da almeno 3 persone (parroco, archivista parrocchiale e archivista diocesano) che valuteranno l effettive esigenze di scarto. Questa commissione opererà con le debite autorizzazioni (ordinario diocesano e Sovrintendenza) e compilerà, prima della distruzione del materiale, un breve regesto della documentazione scartata, in modo da conservarne memoria almeno sommaria.

25 DA TENERE Secondo la normativa vigente (CJC e Istruzione in materia amministrativa della CEI del 1/09/2005 sulla gestione dei beni temporali della chiesa) E necessario conservare nell archivio parrocchiale corrente tutti i documenti civili e fiscali per il tempo previsto dall istituto della prescrizione: 10 anni per i casi soggetti al termine di prescrizione ordinaria e per le scrittura contabili concernenti attività commerciali e relativi documenti (art. 2220, cod. civ.); 5 anni per le dichiarazioni fiscali, i canoni di locazione, i canoni per utenze; 3 anni per gli onorari dei professionisti; 1 anno per i premi assicurativi

26 DA TENERE Libri parrocchiali la cui tenuta è obbligatoria (o fortemente raccomandata) e per i quali in un certo senso la conservazione è da considerarsi illimitata sono: il registro delle SS. Messe (can ); il registro dei legati (ca e delibera CEI, n 6); l inventario dei beni mobili, immobili, delle cose preziose e dei beni culturali (can ,3) i libri delle entrate e delle uscite (can ,7 ); i registri dell amministrazione dei beni (delibera CEI, n 6);

27 DA TENERE il libro dei catecumeni; il libro dei battezzati; il registro delle cresime (delibera CEI, n 6) il libro dei matrimoni; il libro dei defunti; i registri dello status animarum; il registro delle prime comunioni; il libro della cronaca parrocchiale;

28 DA TENERE Da considerarsi rilevanti o cosiddetti vitali in caso di conservazione sono: gli atti costitutivi generali (erezione, modifica, soppressione, riconoscimento civile, iscrizione al libro delle persone giuridiche), statuti, regolamenti; gli atti di visita pastorale e vicariale; i registri di protocollo; le nomine del parroco, del viceparroco; le delibere del consiglio affari economici e pastorale; e in generale gli atti giudiziari (verbali, processi, pignoramenti), gli atti notarili e tutti gli atti legislativi in senso lato.

29 DA ELIMINARE Carte inutili, superflue, farraginose e pleonastiche possono essere per esempio considerate: copie di originali (fotocopie, copie dattiloscritte in cartacarbone, esemplari mutili di copia a stampa); contenitori (raccoglitori, buste, faldoni) che non hanno nessuna scritta; documenti non archivistici (videocassette, fotografie, oggettistica devozionalistica) che non ha nessun legame con la documentazione dell archivio.

30 SCARTO La distruzione non autorizzata dei documenti dell archivio è punita con l arresto da sei mesi a un anno e con l ammenda da euro 775,00 ad euro ,50 e che anche la cancellazione di documenti elettronici è considerata una forma di scarto. (art. 169, c. 1 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004 )

31 DOCUMENTARE SELEZIONARE CONSERVARE sono quindi tre momenti distinti e indipendenti di un processo archivistico che genera seleziona e salvaguarda l attività interna ed esterna di un istituzione

32 In Archivio storico La corretta conservazione comporta una serie di attività: - lo studio dell ente - l organizzazione sistematica del suo archivio - la compilazione degli strumenti per eseguire ricerche.

33 ORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE L ordinamento e l inventariazione di un fondo costituiscono gli aspetti più qualificanti e più specifici del lavoro dell archivista. Rispondono a finalità distinte che confluiscono però nel raggiungimento di un unico obiettivo, rappresentato dalla corretta conservazione della fonte destinata all uso pubblico.

34 RIORDINO L archivista, chiamato a riordinare l archivio, con il metodo STORICO, cioè volto a ricostruire e se possibile ripristinare l ordine originario secondo cui l ente che aveva prodotto quei documenti aveva provveduto a classificarli e ad articolarli in serie.

35 RIORDINO è il modo perfetto anzi l unico per riordinare l archivio ai nostri giorni consente di inquadrare il documento nel contesto in cui si è formato rendendo possibile la comprensione dei rinvii interni da documento ad altro documento dello stesso archivio E il metodo più difficile poiché richiede una grande preparazione da parte dell archivista

36 L ARCHIVIO E UN MONUMENTO

37 METODO DA SEGUIRE 1. Studiare la storia della parrocchia, della sua organizzazione interna, delle sue competenze tenendo conto delle variazioni e delle evoluzioni subite nel tempo. Serve quindi andare in biblioteca per cercare tutta la bibliografia esistente sull istituzione dell archivio che ci è stato dato da ordinare. Anche qualora non fosse mai stato scritto nulla su questa, esisterà comunque una bibliografia di riferimento che la contestualizza. (Ved. bibliografia su parrocchie di V. Marchetti)

38 RIORDINO 2. E necessario prendere contatto de visu con l intera massa documentaria da riordinare valutazione quantitativa e qualitativa (dimensioni e caratteristiche) dei pezzi conservati al fine di ipotizzare tempi e costi del lavoro di riordino. valutare lo stato di ordinamento dell archivio per capire se esiste un apparente o un effettivo disordine del materiale attraverso la ricerca del titolario originale, lo studio delle segnature e di ricognizione di inventari e repertori precedenti

39 RIORDINO 3. Studio e redazione di un titolario di massima fatto con le annotazioni ricavate dai documenti (dislocazione, formato, legatura, tipologia) e dalle informazioni acquistite dalla precedente ricerca bibliografica. A questo scopo risultano utili la lettura dei libri di memorie e delle visite pastorali conservate nell archivio stesso, poiché sono indicatori di cosa è avvenuto all istituzione nel corso del tempo. Le voci del titolario saranno quindi organizzate secondo i fatti che sono cronologicamente più anteriori (esempio l erezione canonica della parrochia).

40 RIORDINO 4. Raccogliere i documenti separando possibilmente i registri e i fascicoli legati da pergamene e carte sciolte, dando ad ognuno di essi una numerazione progressiva e provvisoria preferibilmente adottando dei fogli di carta da inserire piuttosto che scriverla sopra; e redigere una scheda descrittiva di ogni pezzo archivistico.

41 RIORDINO In detta scheda i dati che andranno indicati sono: numero progressivo del documento (che diventa la numerazione provvisoria della scheda): data del documento e luogo di sua produzione; tipologia del pezzo archivistico (vol. cartac. o membr. / busta / filza / scatola); le dimensioni (base per altezza in cm); l eventuale segnatura archivistica presente sul documento; la presenza di titoli sul piatto, sul dorso, sul foglio di guardia; un breve regesto del contenuto; eventuali annotazioni come la presenza di miniature, la mancanza di fascicoli, la presenza di fogli mutili o bianchi e lo stato di conservazione.

42 1 Titolo di costa Es. Scheda descrizione Reg. Battesimo-S. Michele al Pozzo Bianco Atti di nascita 1568 Pozzo Bianco Cond./mat. scrit. Formato Numero cc. Contenuto Osservazioni Stato di conservazione Reg. cart., legatura in cartone, di fattura posteriore alla stesura cm. 16x19 45 Elenco nomi dei Battezzati presso la Chiesa di S. Michele al Pozzo Bianco (da c. 2v a c. 22r, da c. 36v a c. 39v, e da c. 45v a c. 46r) negli anni , ed elenco dei matrimoni celebrati presso la stessa parrocchia negli anni ; (da c. 28r a c. 33r, da c. 40r a c. 45r, e c. 46v). Da c. 17v a c. 22r i battesimi sono depennati, probabilmente perché ripresi nel registro successivo per gli anni compresi tra il Stato di conservazione Mediocre per danni provocati dall umidità. Il registro presenta inoltre in più punti sottolineature in penna rossa, sicuramente recenti

43 RIORDINO 5. Fusione delle schede: accorpo le schede prodotte simili per materia, mettendo insieme le schede che saranno coerenti lato sensu attribuendogli un titolo che rappresenterà la serie o la sottoserie di cui la struttura dell archivio si compone. [Non confondere serie diverse; estrazione atti incongrui; creare appendice]

44 RIORDINO 6. Costituzione delle serie: metto in ordine i titoli secondo l evoluzione storica dell ente (per primo per esempio metterò la materia che storicamente ha fatto nascere l istituzione) e al suo interno metterò le schede organizzate in ordine cronologico.

45 RIORDINO 7. Attribuzione di una numerazione definitiva alle schede e ai pezzi e ricollocazione dei pezzi in altro ambiente. [Numerazione consecutiva e non per serie; è più chiara, sicura, conveniente]

46 RIORDINO 8. Foliazione definitiva dei pezzi con completamento della scheda relativa. [Numerazione camicie; in caso di errate legature; in caso di fortografie, sigilli, disegni; biglietti da visita]

47 RIORDINO Per evitare il passaggio di acidità da una carta all altra bisogna conservare quelle deteriorate in contenitori appositi di carta barriera, es. ritagli di giornale Devono essere tolte le graffette metalliche, e gli spilli o altre spillature metalliche.

48 RIORDINO 9. Segnatura definitiva dei pezzi da apporre con etichetta su ciascuna unità archivistica. [sul dorso, piatto o foglio di guardia; mai usare colle viniliche o nastro adesivo].

49 STRUMENTI DI RICERCA Tali mezzi di corredo si dividono in due categorie: quelli approntati in fase di redazione dei documenti (registri di protocollo, rubriche, schedari, indici) quelli compilati dagli archivisti (guide, inventari, regesti, repertori, elenchi di consistenza).

50 INVENTARIO E lo strumento più completo (da invenio>trovare) consiste nell elenco descrittivo dei pezzi di un archivio, uno dopo l altro, nell ordine e nello stato in cui si trovano fa conoscere la consistenza dell archivio, lo rispecchia fedelmente, rende possibili i controlli e i trapassi da una sezione ad un altra

51 INVENTARIO Le qualità che dovrebbe avere un inventario moderno sono: 1) Una buona introduzione storica: con la storia dell istituzione con una precisa bibliografia di riferimento e con la storia dell archivio (con cenni su quando è nato, riferimento a eventuali smembramenti, esistenza di inventari, danni o sequestri, presenza di lacune)

52 INVENTARIO 2) Una parte descrittiva di ciascuna unità del fondo: vanno messi in evidenza serie, numero progressivo d ordine che indica l unità archivistica, la data (estremi cronologici), il titolo del pezzo nella descrizione del contenuto una forma oggettiva (prima si dice la natura dell atto e poi chi è coinvolto) nomi di luoghi e persona traslitterati in italiano, uso di non troppe abbreviature. bisogna mantenere un livello linguistico di descrizione chiaro, tecnico ed appropriato

53 FONDO III SERIE 1 Note -Le c. 17r, da 22v a 27v, 32r, da 33v a 34v, 44r sono bianche. -Da c. 2v a c. 22r sono registrati battesimi, ripresi da c. 36v a 39v e da 45v a 46 r. -Da c. 28r a c. 33r sono registrati matrimoni, ripresi da c. 40r a 45r e a 46v. -La c. 38v è bianca con apposto il motto mors mea vita tua -Da c. 17v a 22r i battesimi sono contrassegnati da una linea obliqua, probabilmente perché ripresi nel libro successivo (n.2), che li riprende dal 1579 al 1583 (da c. 2r a 5v) -Le carte sono in molti punti segnate da sottolineature in penna rossa, sicuramente recenti. Registri di Battesimo 1- Atti di nascita Pozzo Bianco (etichetta sul dorso del volume; in realtà vi sono registrati anche matrimoni) Ms. cartaceo, 160x190 mm, cc. n 45, rilegatura in cartone (di datazione posteriore), le pagine presentano evidenti tracce di umidità. Incipit: Jesus Maria al nome d.la san.ma Trinità Estremi cronologici Battezzati: Matrimoni: e Battezzati:

54 INVENTARIO 3) Una sezione relativa agli indici di nomi, luoghi, enti e possibilmente un indice cronologico dei pezzi; 4) Una bibliografia generale il più completa possibile, da cui si esclude la bibliografia relativa ad alcuni pezzi che va menzionata nella nota della scheda riferita al pezzo.

55 CONSERVAZIONE Attenzione dedicata alla buona conservazione degli archivi: Già in alcune civiltà mesopotamiche del Vicino Oriente, si parla di cesti, giare (es. Uruk) Poi di luoghi preposti alla conservazione a Roma (tabularium), nel Medioevo (monasteri e in casse chiuse a chiave)

56 CONSERVAZIONE I fattori di degradazione dei fondi documentari: fattori intrinseci: dovuti alla natura, alla qualità del materiale e al processo adoperato per la produzione (carta acida, pergamena sottile); fattori estrinseci, attribuibili alla responsabilità di chi produce e conserva i documenti: umidità, luce, temperatura, inquinamento atmosferico e degli ambienti, reazioni acide dovute agli inchiostri adoperati, i microrganismi (batteri, funghi, muffe), insetti (tarli, termiti) e roditori, eventi catastrofici naturali (fuoco, terremoti, alluvioni).

57 Fori e gallerie provocati da tarli CONSERVAZIONE

58 CONSERVAZIONE carta prodotta con gli stracci (di lino e di cotone) diffusa sino al Settecento ha mostrato una condizione di durata soddisfacente: si calcola, in condizioni ottimali, che possa durata circa duemila anni; quella prodotta con pasta di cellulosa (legno, paglia, fibre varie più collanti e coloranti) pare si aggiri intorno ai 200/300 anni. la carta chimica (quella usualmente utilizzata negli uffici) ha una durata di circa 50 anni.

59 CONSERVAZIONE audiovisivi La conservazione degli Audiovisivi ha una sua problematica specifica legata alla sua realizzazione su nastri magnetizzati e su pellicole chimicamente trattate. Essi richiedono ambienti con temperatura non superiore ai 15 C e umidità non superiore al 50%, conservati lontani da fonti di luce (che ne alterano i colori), dalla polvere e dal contatto con sostanze chimiche e sorgenti magnetiche che potrebbero far perdere del tutto le registrazioni. Si consigliano contenitori di metallo

60 CONSERVAZIONE documenti elettronici Non esiste nessuna garanzia di durata nel tempo dei documenti elettronici. Tuttora l unica soluzione elaborata è il travaso dei dati su strumenti tecnologicamente più avanzati. Si ritiene che un cd e un dvd possano durare da 20 a 100 anni a seconda dei materiali usati. (es. Nasa)

61 CONSERVAZIONE Serve risolvere alcuni problemi di ordine pratico, perché PREVENIRE è MEGLIO CHE CURARE

62 CONSERVAZIONE La PREVENZIONE è quel complesso di azioni dirette a rallentare gli effetti della degradazione causata dal tempo e dall uso sulle componenti materiali dei beni culturali (C. Federici) Controllo dei parametri ambientali Studio e scelta degli arredi più adatti Condizionamento in contenitori idonei Spolveratura dei locali e dei materiali

63 CONSERVAZIONE Le indicazioni che seguono sono linee guida a cui ispirarsi come prospettiva ideale. Solitamente infatti gli archivi parrocchiali sono conservati insieme agli archivi correnti presso le rispettive segreterie parrocchiali.

64 CONSERVAZIONE I locali devono risultare sufficienti e situati in una posizione tale da offrire luce e aria. E del tutto sconsigliato adibire ad archivio solai e sotterranei e in genere locali poco areati e non illuminati adeguatamente. Se possibile si consigliano finestre lunghe e larghe, facili da aprirsi e chiudersi, che consentano il sufficiente ricambio d aria senza procurare correnti.

65 CONSERVAZIONE E preferibile un ambiente con pavimento di marmo e non in mattoni, maiolica o cotto, che favoriscono la polvere; le pareti saranno tinteggiate con vernice antipolvere.

66 CONSERVAZIONE L illuminazione diretta sia tale che impedisca la caduta dei raggi solari sui posti dove è conservato o consultato il materiale documentario, altrimenti, nel tempo si provocano danni irreparabili. L illuminazione artificiale sia assicurato da un impianto a norma, diffusa, forte e regolare. Si preferiscono lampade a fluorescenza (neon) a quelle a incandescenza (che producono calore).

67 CONSERVAZIONE Va pure previsto un armadio di sicurezza chiuso ed ignifugo, destinato esclusivamente al materiale documentario di particolare pregio (vedi schema tipo Regolamento CEI art. 29).

68 CONSERVAZIONE La luce procura alla carta: ossidazione, indebolimento delle fibre di cellulosa, ingiallimento, macchie, inscurimento.

69 CONSERVAZIONE Tanto gli armadi che gli scaffali possono essere ancorati a parete, oppure collocati nel vano centrale della sala prestando attenzione però a renderli stabili: posizionati di dorso in fila doppia. In ogni caso la posizione dei ripiani non superi i 220 cm di altezza, in modo che per prelevare il materiale non si renda necessario l uso di scale. Là dove gli ambienti lo consentono si sta diffondendo l uso degli armadi compact.

70 CONSERVAZIONE La temperatura ideale va tra un minimo di 19 e un massimo di 24 e conseguentemente l umidità deve essere garantita tra i 50 e il 60% (monitoraggio costante con termoigrometro).

71 Valori consigliati per i manufatti archivistici e librari (art. 150, comma 6 D. Lgs 11/1998) Carta, manoscritti 19/24C UR 50/60% disegni, stampe Cuoio, pergamena 19/24C UR 50/60% Registrazioni magnetiche 10/21C UR 40/60% Film -5/+15C UR 30/50% Fotografie, materiale plastico 2/ 20C UR 20/30% vetro

72 CONSERVAZIONE Collocazione La posizionatura dei documenti negli armadi metallici si effettua in relazione a diversi fattori come la natura del documento, la frequenza del suo impiego, il numero delle pratiche da archiviare. In generale il materiale sugli scaffali va collocato dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, ricominciando dall alto per ogni colonna.

73 CONSERVAZIONE Collocazione

74 CONSERVAZIONE Collocazione La posizione orizzontale, cioè quella in cui i documenti e le cartelle sono appoggiati, in piano, sulla loro superficie maggiore, è consigliabile per le pergamene e per carte di dimensioni particolarmente rilevanti (editti, mappe geografiche, catastali, disegni, stampe, progetti architettonici, manifesti) Questa disposizione presenta però notevoli inconvenienti di natura meccanica nella ricerca della posizione e non è elastico negli incrementi.

75 CONSERVAZIONE Collocazione

76 CONSERVAZIONE Collocazione Quella verticale è retta sulla superficie dello spessore, come per il libri in una biblioteca. Di solito necessita di una busta o di una cartella rigida, possibilmente chiuso su tutti i lati, di cartone non acido (ph7) e con tre lacci di chiusura.

77 CONSERVAZIONE Collocazione Quella sospesa viene adottata soprattutto nei classificatori degli archivi correnti, perché favorisce l elasticità di consultazione e favorisce l aggiornamento delle pratiche.

78 CONSERVAZIONE Contenitori Per cartelle, buste il mercato è in continuo aggiornamento, sia per tipi che per misure. La scelta si compia secondo le effettive necessità dell archivio e coniugando per quanto possibile qualità ed economicità. Da evitare sono le buste e i contenitori di plastica perché impediscono al supporto documentario (pergamena, carta, fotografia) una sufficiente respirazione e creano facili condense umide che nel tempo danneggiano il documento.

79 CONSERVAZIONE Pulizia Serve pulizia periodica dei locali e delle scaffalature (lavaggio con soluzioni idroalcoliche). Si evita il rischio di infestazioni e insorgere di muffe. E auspicata una corretta e periodica spolveratura dei pezzi con panni antistatici, o pennello morbido. per asportare meccanicamente lo strato di polvere adesa elettrostaticamente

80 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Archivio di Stato dell Aquila

81 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Il danno prodotto dall acqua è la minaccia più comune per la documentazione cartacea. È quindi utile avere alcune informazioni e istruzioni operative in caso di allagamenti, incendi, violenti temporali o terremoti. Le misure di salvataggio e recupero del materiale avvengono in maniera decisiva entro le prime 48 ore dell emergenza.

82 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Indicazioni generali sulla tutela e suggerimenti per ripristinate il materiale e riportarlo in condizioni di stabilità sono le seguenti: 1. Rivolgersi all Archivio Storico Diocesano, che è in contatto con Sovrintendenza e con aziende specializzate nel restauro e in servizi per trattamenti di deumidificazione, disinfestazione, disinfezione e depolveratura;

83 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 2. concentrare i primi interventi di protezione e salvataggio su serie di archivio che contengono informazioni essenziali o più rappresentativi per l istituzione (inventari, back up di database, materiali considerati preziosi);

84 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 3. posizionare il materiale in una zona fresca, con basso tasso di umidità e in cui l aria circoli liberamente; 4. disponete i fogli all aria su una superficie orizzontale (se possibile su rastrelliere di plastica o su reti a prova di ruggine), dividendoli uno per uno o in piccole cataste che non superino i 6 mm di spessore. Interfoliate con carta assorbente da sostituire quando diventa umida;

85 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 5. non dispiegate o separate i fogli bagnati; 6. se le unità da asciugare sono troppo numerose: interfoliate per gruppi di fogli o simili con carta oleata; disponete il materiale in posizione verticale dentro a contenitori rigidi in modo che non si afflosci; riempite i contenitori solo al 90%; congelate [il congelamento fissa le condizioni di un documento per mesi, arresta la crescita delle muffe, lo scolorimento degli inchiostri, il trasferimento del colore e il rigonfiamento. L ideale sarebbe utilizzare un congelatore industriale, ma anche uno per uso domestico può andar bene].

86 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Nel caso di volumi se sono parzialmente bagnati o umidi, teneteli in piedi aperti ad angolo retto e lasciate che si asciughino all aria. Se sono molto bagnati disponeteli orizzontalmente su una superficie pulita, interfoliate meno del 20% del libro con materiale assorbente e sostituitelo quando diventa umido. Se i volumi sono troppo numerosi per asciugarli nell arco di 48 ore, avvolgeteli in carta oleata, disponeteli con il dorso in basso in contenitori resistenti e congelateli.

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO O G G E T T O Legge provinciale 14 febbraio 1992, n.11.

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10 ALTARI E CAPPELLE Inventariazione realizzata da Marzia Comino e Giuliana di Brazzà nel 2005 per conto dell Archivio Storico Diocesano a cura dell Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura IL VALORE DELLA FIDUCIA Arte e Cultura Sede Centrale Cortesi s.r.l. Via Generale Reverberi 14/16 25050 Passirano (BS) Tel. +39.030.2584111 Fax +39.030.2584116 info@cortesi.net cortesi.srl@pec.it www.cortesi.net

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE

ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE Ministero per i Beni e le Attività Culturali SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL PIEMONTE E LA VALLE D AOSTA Torino ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE GUIDA PER GLI ARCHIVISTI

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La tutela dei dati personali nell ordinamento canonico: interessi istituzionali e diritti individuali a confronto.

La tutela dei dati personali nell ordinamento canonico: interessi istituzionali e diritti individuali a confronto. La tutela dei dati personali nell ordinamento canonico: interessi istituzionali e diritti individuali a confronto. Daniela Milani SOMMARIO: 1. Gli archivi ecclesiastici tra dimensione giuridica e finalità

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli