CONSERVARE E RIORDINARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSERVARE E RIORDINARE"

Transcript

1 Gestione dell Archivio Storico Parrocchiale: CONSERVARE E RIORDINARE Corso per Archivisti Parrocchiali 14 Maggio 2010

2 L attenzione della Diocesi di Bergamo agli Archivi parrocchiali Nasce da lontano 1564 I Sinodo vescovo F. Cornaro, cap. 26 De libris per parochos tenendis (contraenti matrimonio, battesimi, inconfessi) L ultimo intervento è il Censimento promosso nel 1997 Quadro descrittivo completo e organico dei 426 archivi territoriali (delle 389 parrocchie esistenti + 64 parrocchie accorpate nel 1986)

3 RIFLETTIAMO SUI RISULTATI OTTENUTI 1. Cospicua consistenza e ricchezza degli archivi: - 39 archivi conservano i libri canonici (battesimi, matrimoni, morti) anteriori alla fine del concilio di Trento che ne dispone l introduzione nel I più antichi si trovano ad Albano S. Alessandro (1518), Carenno (1525), Nasolino (1534), Rosciano (1538), Osio sopra (1539), Gandino (1541). Si ha l impressione che nelle parrocchie bergamasche il fenomeno sia stato particolarmente diffuso tant è che entro la fine del 500, altre 82 parrocchie ne risultano provviste.

4 - Numerosissime le parrocchie dotate di chronicon, la cui compilazione di norma risale al XIX secolo, anche se non mancano cronache risalenti al XV secolo in cinque località (Alzano maggiore, Novazza, Somendenna, Trescore, Gandino). In altre 11 parrocchie si trovano cronache risalenti al XVI secolo, in 17 al XVII e infine 13 al XVIII secolo. - Interessante la fitta documentazione di confraternite e associazioni laicali (in numero di 150 circa) dalle più antiche (come i disciplini con documenti dal 1343 a Gandino, dal 1531 a Clusone e dal 1639 a Cividate al Piano) alle moderne Azione Cattolica, UNITALSI, passando attraverso le congregazione del S.S. Sacramento, del Santo Rosario ecc.

5 - Una segnalazione a parte meritano le scuole della Dottrina Cristiana, documentate in almeno 199 parrocchie, con carte datate dal XVII secolo in trenta casi (le più antiche a Paladina, Nembro e Treviolo dal 1609). - Significativa è apparsa la presenza di carte antecedenti all anno dell acquisita autonomia parrocchiale. Si tratta sia di documenti stralciati dall archivio della parrocchia da cui è avvenuto il distacco, sia prodotti dalla comunità esistente da tempo (in qualche caso da secoli) attorno quella chiesa. Così a Cicola (Carobbio degli Angeli) parrocchiale dal 1956, troviamo carteggio dal 1909.

6 2. Lacune di materiale perso (per furto incendio, calamità, trascuratezza) -scambi di materiale archivistico tra parrocchie affidate allo stesso parroco -si è rilevata l urgente necessità di restauro soprattutto del materiale su pergamena o antichi registri del

7 3. Un buon numero di archivi è corredato almeno di un qualche strumento di consistenza (inventari, elenchi, indici) - Hanno dei buoni inventari: in diocesi: Albino, Calolzio in città: Sant Andrea, Santa Grata inter vites, Sant Alessandro della Croce (unità 3000 ca. dal sec. XIV-XX)

8 4. Criteri di ordinamento diversi. Mancanza di un titolario comune: -Alcuni fanno riferimento alle norme dei sinodi di mons. Bernareggi 1939/1952 o di mons. Marelli Altri al titolario di mons. Pesenti Altri hanno ordinato con criteri arbitrari e personali

9 SI PUO AGGIUNGERE CHE Guida sostanzialmente e diffusamente monocratica dell istituzione parrocchiale (Badini) ha portato l archivio a diventare simile all archivio personale. Generalizzato atteggiamento di non curanza verso mondo amministrativogiuridico della parrocchia ha portato ha non avere la percezione culturale degli archivi.

10 Il post-concilio Vaticano II, cambiando i recinti del sacro e delle funzioni stesse della parrocchia, ha portato a una crisi archivistica nel clero. la capillarità, frammentarietà e decentramento di responsabilità connaturati alla parrocchia, si riflettono nella fatica di garantire un uniformità della gestione adeguata degli archivi.

11 In una realtà così variegata e in continua evoluzione, occuparsi di gestione dell archivio parrocchiale non è semplice!

12 mi limiterò quindi a suggerire alcune linee guida in merito ad alcuni grandi temi: la classificazione la selezione il riordino la conservazione la consultazione

13 L ARCHIVIO E UNO PER TUTTI E TUTTI PER UNO La tradizione Archivistica Italiana si fonda su una concezione unitaria del bene Archivio (con valore amministrativo e del valore culturale ) Questo coinvolge in quasi egual misura, una responsabilità dell amministrazione Statale-Archivistica (Sovaintendenza) e del Soggetto Produttore (Parrocchia).

14 L archivio è un complesso unitario anche se per convenzione viene suddiviso in 3 fasi di vita: Archivio CORRENTE /archivio in formazione Archivio di DEPOSITO/ dalla cessazione della pratica fino al quarantennio Archivio STORICO / dopo 40 anni la documentazione diventa storica (ante 1970)

15 COME AFFRONTARE Circolari, avvisi, preventivi, richieste di atti di copia, inviti, lettere, convocazioni, verbali, controversie che arrivano sul tavolo dell ufficio parrocchiale in grandi quantità? L accumularsi della corrispondenza e delle altre carte, se non governato a tempo debito, se non gestito con criteri opportuni, può dare adito a numerosi inconvenienti.

16 Ritrovarle con troppa fatica

17 Serve fare in modo che l Archivio corrente si mantenga ordinato e che si incrementi possibilmente in modo ragionevole e logicamente strutturato Attraverso l adozione di un registro di PROTOCOLLO in cui la documentazione debba poter ricevere una sua CLASSIFICAZIONE in relazione a un preciso titolario. L attribuzione di ciascun documento in arrivo o in partenza dall ufficio parrocchiale ad una determinata categoria o classe del TITOLARIO guiderà la collocazione della carta o della pratica entro l apposito fascicolo o entro il contenitore dell archivio

18 per le parrocchie che hanno adottato il titolario Pesenti: dovranno aggiornarlo introducendo delle classi che rispettino le nuove funzioni che la parrocchia ha assunto in questi ultimi anni. Nel caso in cui l ordinamento dell archivio storico, applicato in anni o secoli precedenti (magari utilizzando criteri cronologici, alfabetici, per materia): si preferirà adottare per la documentazione corrente un nuovo titolario che tenga conto delle attuali funzioni della parrocchia (andando così a creare una recente sezione d archivio che non avrà soluzioni di continuità con la precedente, se non per le serie storiche.

19 SELEZIONE La realtà odierna evidenzia che la produzione documentale in questi ultimi decenni si è fatta dovunque massiccia e invasiva L esperienza, in linea in questo caso con la teoria archivistica, ci insegna che non abbiamo la possibilità di conservare tutto e per sempre. I costi di tenuta diventerebbero considerevoli e la gestione stessa dell archivio risulterebbe, a lungo andare, impraticabile.

20 SELEZIONE Non si possono offrire metodi di selezione comuni: ognuno attribuisce alla propria documentazione un valore intrinseco, legato ai propri obiettivi e finalità. Si devono individuare i documenti fondamentali per l ente, ritenuti idonei alla futura consultazione interna, a tutelarne la memoria e, perciò, ad essere tramandati ai posteri

21 SELEZIONE Se consideriamo l archivio parrocchiale quale bene culturale, quale fonte di studi storici, la selezione dei documenti che saremo in grado di mettere in atto costituirà un elemento qualificante delle fonti per la storiografia Se consideriamo l archivio nella sua valenza giuridica l intervento di selezione dovrà ovviamente mirare alla conservazione di quella documentazione in grado di testimoniare le situazioni giuridiche e amministrative rilevanti, che si conta siano state a loro tempo non solo classificate ma pure protocollate.

22 SELEZIONE Valida per documenti non precedenti al 1970 Richiede grande responsabilità per evitare danni alla storia, all ente e ai privati È uno dei momenti più delicati, ma indispensabili, perché da questa ne deriva lo SCARTO

23 SCARTO un compromesso fra la necessità teorica e l'impossibilità pratica della conservazione integrale dei documenti d'archivio Elio Lodolini un paradosso della conservazione Isabella Zanni Rosiello una vera necessità Antonio Romiti la selezione come elemento qualificante Paola Carucci In generale per l archivistica italiana lo scarto sembra essere un male necessario

24 SCARTO Data l importanza di tale operazione è raccomandato operare sempre di concerto con l Archivio Storico Diocesano Valutazione deve essere compiuta da una commissione, in genere composta da almeno 3 persone (parroco, archivista parrocchiale e archivista diocesano) che valuteranno l effettive esigenze di scarto. Questa commissione opererà con le debite autorizzazioni (ordinario diocesano e Sovrintendenza) e compilerà, prima della distruzione del materiale, un breve regesto della documentazione scartata, in modo da conservarne memoria almeno sommaria.

25 DA TENERE Secondo la normativa vigente (CJC e Istruzione in materia amministrativa della CEI del 1/09/2005 sulla gestione dei beni temporali della chiesa) E necessario conservare nell archivio parrocchiale corrente tutti i documenti civili e fiscali per il tempo previsto dall istituto della prescrizione: 10 anni per i casi soggetti al termine di prescrizione ordinaria e per le scrittura contabili concernenti attività commerciali e relativi documenti (art. 2220, cod. civ.); 5 anni per le dichiarazioni fiscali, i canoni di locazione, i canoni per utenze; 3 anni per gli onorari dei professionisti; 1 anno per i premi assicurativi

26 DA TENERE Libri parrocchiali la cui tenuta è obbligatoria (o fortemente raccomandata) e per i quali in un certo senso la conservazione è da considerarsi illimitata sono: il registro delle SS. Messe (can ); il registro dei legati (ca e delibera CEI, n 6); l inventario dei beni mobili, immobili, delle cose preziose e dei beni culturali (can ,3) i libri delle entrate e delle uscite (can ,7 ); i registri dell amministrazione dei beni (delibera CEI, n 6);

27 DA TENERE il libro dei catecumeni; il libro dei battezzati; il registro delle cresime (delibera CEI, n 6) il libro dei matrimoni; il libro dei defunti; i registri dello status animarum; il registro delle prime comunioni; il libro della cronaca parrocchiale;

28 DA TENERE Da considerarsi rilevanti o cosiddetti vitali in caso di conservazione sono: gli atti costitutivi generali (erezione, modifica, soppressione, riconoscimento civile, iscrizione al libro delle persone giuridiche), statuti, regolamenti; gli atti di visita pastorale e vicariale; i registri di protocollo; le nomine del parroco, del viceparroco; le delibere del consiglio affari economici e pastorale; e in generale gli atti giudiziari (verbali, processi, pignoramenti), gli atti notarili e tutti gli atti legislativi in senso lato.

29 DA ELIMINARE Carte inutili, superflue, farraginose e pleonastiche possono essere per esempio considerate: copie di originali (fotocopie, copie dattiloscritte in cartacarbone, esemplari mutili di copia a stampa); contenitori (raccoglitori, buste, faldoni) che non hanno nessuna scritta; documenti non archivistici (videocassette, fotografie, oggettistica devozionalistica) che non ha nessun legame con la documentazione dell archivio.

30 SCARTO La distruzione non autorizzata dei documenti dell archivio è punita con l arresto da sei mesi a un anno e con l ammenda da euro 775,00 ad euro ,50 e che anche la cancellazione di documenti elettronici è considerata una forma di scarto. (art. 169, c. 1 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004 )

31 DOCUMENTARE SELEZIONARE CONSERVARE sono quindi tre momenti distinti e indipendenti di un processo archivistico che genera seleziona e salvaguarda l attività interna ed esterna di un istituzione

32 In Archivio storico La corretta conservazione comporta una serie di attività: - lo studio dell ente - l organizzazione sistematica del suo archivio - la compilazione degli strumenti per eseguire ricerche.

33 ORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE L ordinamento e l inventariazione di un fondo costituiscono gli aspetti più qualificanti e più specifici del lavoro dell archivista. Rispondono a finalità distinte che confluiscono però nel raggiungimento di un unico obiettivo, rappresentato dalla corretta conservazione della fonte destinata all uso pubblico.

34 RIORDINO L archivista, chiamato a riordinare l archivio, con il metodo STORICO, cioè volto a ricostruire e se possibile ripristinare l ordine originario secondo cui l ente che aveva prodotto quei documenti aveva provveduto a classificarli e ad articolarli in serie.

35 RIORDINO è il modo perfetto anzi l unico per riordinare l archivio ai nostri giorni consente di inquadrare il documento nel contesto in cui si è formato rendendo possibile la comprensione dei rinvii interni da documento ad altro documento dello stesso archivio E il metodo più difficile poiché richiede una grande preparazione da parte dell archivista

36 L ARCHIVIO E UN MONUMENTO

37 METODO DA SEGUIRE 1. Studiare la storia della parrocchia, della sua organizzazione interna, delle sue competenze tenendo conto delle variazioni e delle evoluzioni subite nel tempo. Serve quindi andare in biblioteca per cercare tutta la bibliografia esistente sull istituzione dell archivio che ci è stato dato da ordinare. Anche qualora non fosse mai stato scritto nulla su questa, esisterà comunque una bibliografia di riferimento che la contestualizza. (Ved. bibliografia su parrocchie di V. Marchetti)

38 RIORDINO 2. E necessario prendere contatto de visu con l intera massa documentaria da riordinare valutazione quantitativa e qualitativa (dimensioni e caratteristiche) dei pezzi conservati al fine di ipotizzare tempi e costi del lavoro di riordino. valutare lo stato di ordinamento dell archivio per capire se esiste un apparente o un effettivo disordine del materiale attraverso la ricerca del titolario originale, lo studio delle segnature e di ricognizione di inventari e repertori precedenti

39 RIORDINO 3. Studio e redazione di un titolario di massima fatto con le annotazioni ricavate dai documenti (dislocazione, formato, legatura, tipologia) e dalle informazioni acquistite dalla precedente ricerca bibliografica. A questo scopo risultano utili la lettura dei libri di memorie e delle visite pastorali conservate nell archivio stesso, poiché sono indicatori di cosa è avvenuto all istituzione nel corso del tempo. Le voci del titolario saranno quindi organizzate secondo i fatti che sono cronologicamente più anteriori (esempio l erezione canonica della parrochia).

40 RIORDINO 4. Raccogliere i documenti separando possibilmente i registri e i fascicoli legati da pergamene e carte sciolte, dando ad ognuno di essi una numerazione progressiva e provvisoria preferibilmente adottando dei fogli di carta da inserire piuttosto che scriverla sopra; e redigere una scheda descrittiva di ogni pezzo archivistico.

41 RIORDINO In detta scheda i dati che andranno indicati sono: numero progressivo del documento (che diventa la numerazione provvisoria della scheda): data del documento e luogo di sua produzione; tipologia del pezzo archivistico (vol. cartac. o membr. / busta / filza / scatola); le dimensioni (base per altezza in cm); l eventuale segnatura archivistica presente sul documento; la presenza di titoli sul piatto, sul dorso, sul foglio di guardia; un breve regesto del contenuto; eventuali annotazioni come la presenza di miniature, la mancanza di fascicoli, la presenza di fogli mutili o bianchi e lo stato di conservazione.

42 1 Titolo di costa Es. Scheda descrizione Reg. Battesimo-S. Michele al Pozzo Bianco Atti di nascita 1568 Pozzo Bianco Cond./mat. scrit. Formato Numero cc. Contenuto Osservazioni Stato di conservazione Reg. cart., legatura in cartone, di fattura posteriore alla stesura cm. 16x19 45 Elenco nomi dei Battezzati presso la Chiesa di S. Michele al Pozzo Bianco (da c. 2v a c. 22r, da c. 36v a c. 39v, e da c. 45v a c. 46r) negli anni , ed elenco dei matrimoni celebrati presso la stessa parrocchia negli anni ; (da c. 28r a c. 33r, da c. 40r a c. 45r, e c. 46v). Da c. 17v a c. 22r i battesimi sono depennati, probabilmente perché ripresi nel registro successivo per gli anni compresi tra il Stato di conservazione Mediocre per danni provocati dall umidità. Il registro presenta inoltre in più punti sottolineature in penna rossa, sicuramente recenti

43 RIORDINO 5. Fusione delle schede: accorpo le schede prodotte simili per materia, mettendo insieme le schede che saranno coerenti lato sensu attribuendogli un titolo che rappresenterà la serie o la sottoserie di cui la struttura dell archivio si compone. [Non confondere serie diverse; estrazione atti incongrui; creare appendice]

44 RIORDINO 6. Costituzione delle serie: metto in ordine i titoli secondo l evoluzione storica dell ente (per primo per esempio metterò la materia che storicamente ha fatto nascere l istituzione) e al suo interno metterò le schede organizzate in ordine cronologico.

45 RIORDINO 7. Attribuzione di una numerazione definitiva alle schede e ai pezzi e ricollocazione dei pezzi in altro ambiente. [Numerazione consecutiva e non per serie; è più chiara, sicura, conveniente]

46 RIORDINO 8. Foliazione definitiva dei pezzi con completamento della scheda relativa. [Numerazione camicie; in caso di errate legature; in caso di fortografie, sigilli, disegni; biglietti da visita]

47 RIORDINO Per evitare il passaggio di acidità da una carta all altra bisogna conservare quelle deteriorate in contenitori appositi di carta barriera, es. ritagli di giornale Devono essere tolte le graffette metalliche, e gli spilli o altre spillature metalliche.

48 RIORDINO 9. Segnatura definitiva dei pezzi da apporre con etichetta su ciascuna unità archivistica. [sul dorso, piatto o foglio di guardia; mai usare colle viniliche o nastro adesivo].

49 STRUMENTI DI RICERCA Tali mezzi di corredo si dividono in due categorie: quelli approntati in fase di redazione dei documenti (registri di protocollo, rubriche, schedari, indici) quelli compilati dagli archivisti (guide, inventari, regesti, repertori, elenchi di consistenza).

50 INVENTARIO E lo strumento più completo (da invenio>trovare) consiste nell elenco descrittivo dei pezzi di un archivio, uno dopo l altro, nell ordine e nello stato in cui si trovano fa conoscere la consistenza dell archivio, lo rispecchia fedelmente, rende possibili i controlli e i trapassi da una sezione ad un altra

51 INVENTARIO Le qualità che dovrebbe avere un inventario moderno sono: 1) Una buona introduzione storica: con la storia dell istituzione con una precisa bibliografia di riferimento e con la storia dell archivio (con cenni su quando è nato, riferimento a eventuali smembramenti, esistenza di inventari, danni o sequestri, presenza di lacune)

52 INVENTARIO 2) Una parte descrittiva di ciascuna unità del fondo: vanno messi in evidenza serie, numero progressivo d ordine che indica l unità archivistica, la data (estremi cronologici), il titolo del pezzo nella descrizione del contenuto una forma oggettiva (prima si dice la natura dell atto e poi chi è coinvolto) nomi di luoghi e persona traslitterati in italiano, uso di non troppe abbreviature. bisogna mantenere un livello linguistico di descrizione chiaro, tecnico ed appropriato

53 FONDO III SERIE 1 Note -Le c. 17r, da 22v a 27v, 32r, da 33v a 34v, 44r sono bianche. -Da c. 2v a c. 22r sono registrati battesimi, ripresi da c. 36v a 39v e da 45v a 46 r. -Da c. 28r a c. 33r sono registrati matrimoni, ripresi da c. 40r a 45r e a 46v. -La c. 38v è bianca con apposto il motto mors mea vita tua -Da c. 17v a 22r i battesimi sono contrassegnati da una linea obliqua, probabilmente perché ripresi nel libro successivo (n.2), che li riprende dal 1579 al 1583 (da c. 2r a 5v) -Le carte sono in molti punti segnate da sottolineature in penna rossa, sicuramente recenti. Registri di Battesimo 1- Atti di nascita Pozzo Bianco (etichetta sul dorso del volume; in realtà vi sono registrati anche matrimoni) Ms. cartaceo, 160x190 mm, cc. n 45, rilegatura in cartone (di datazione posteriore), le pagine presentano evidenti tracce di umidità. Incipit: Jesus Maria al nome d.la san.ma Trinità Estremi cronologici Battezzati: Matrimoni: e Battezzati:

54 INVENTARIO 3) Una sezione relativa agli indici di nomi, luoghi, enti e possibilmente un indice cronologico dei pezzi; 4) Una bibliografia generale il più completa possibile, da cui si esclude la bibliografia relativa ad alcuni pezzi che va menzionata nella nota della scheda riferita al pezzo.

55 CONSERVAZIONE Attenzione dedicata alla buona conservazione degli archivi: Già in alcune civiltà mesopotamiche del Vicino Oriente, si parla di cesti, giare (es. Uruk) Poi di luoghi preposti alla conservazione a Roma (tabularium), nel Medioevo (monasteri e in casse chiuse a chiave)

56 CONSERVAZIONE I fattori di degradazione dei fondi documentari: fattori intrinseci: dovuti alla natura, alla qualità del materiale e al processo adoperato per la produzione (carta acida, pergamena sottile); fattori estrinseci, attribuibili alla responsabilità di chi produce e conserva i documenti: umidità, luce, temperatura, inquinamento atmosferico e degli ambienti, reazioni acide dovute agli inchiostri adoperati, i microrganismi (batteri, funghi, muffe), insetti (tarli, termiti) e roditori, eventi catastrofici naturali (fuoco, terremoti, alluvioni).

57 Fori e gallerie provocati da tarli CONSERVAZIONE

58 CONSERVAZIONE carta prodotta con gli stracci (di lino e di cotone) diffusa sino al Settecento ha mostrato una condizione di durata soddisfacente: si calcola, in condizioni ottimali, che possa durata circa duemila anni; quella prodotta con pasta di cellulosa (legno, paglia, fibre varie più collanti e coloranti) pare si aggiri intorno ai 200/300 anni. la carta chimica (quella usualmente utilizzata negli uffici) ha una durata di circa 50 anni.

59 CONSERVAZIONE audiovisivi La conservazione degli Audiovisivi ha una sua problematica specifica legata alla sua realizzazione su nastri magnetizzati e su pellicole chimicamente trattate. Essi richiedono ambienti con temperatura non superiore ai 15 C e umidità non superiore al 50%, conservati lontani da fonti di luce (che ne alterano i colori), dalla polvere e dal contatto con sostanze chimiche e sorgenti magnetiche che potrebbero far perdere del tutto le registrazioni. Si consigliano contenitori di metallo

60 CONSERVAZIONE documenti elettronici Non esiste nessuna garanzia di durata nel tempo dei documenti elettronici. Tuttora l unica soluzione elaborata è il travaso dei dati su strumenti tecnologicamente più avanzati. Si ritiene che un cd e un dvd possano durare da 20 a 100 anni a seconda dei materiali usati. (es. Nasa)

61 CONSERVAZIONE Serve risolvere alcuni problemi di ordine pratico, perché PREVENIRE è MEGLIO CHE CURARE

62 CONSERVAZIONE La PREVENZIONE è quel complesso di azioni dirette a rallentare gli effetti della degradazione causata dal tempo e dall uso sulle componenti materiali dei beni culturali (C. Federici) Controllo dei parametri ambientali Studio e scelta degli arredi più adatti Condizionamento in contenitori idonei Spolveratura dei locali e dei materiali

63 CONSERVAZIONE Le indicazioni che seguono sono linee guida a cui ispirarsi come prospettiva ideale. Solitamente infatti gli archivi parrocchiali sono conservati insieme agli archivi correnti presso le rispettive segreterie parrocchiali.

64 CONSERVAZIONE I locali devono risultare sufficienti e situati in una posizione tale da offrire luce e aria. E del tutto sconsigliato adibire ad archivio solai e sotterranei e in genere locali poco areati e non illuminati adeguatamente. Se possibile si consigliano finestre lunghe e larghe, facili da aprirsi e chiudersi, che consentano il sufficiente ricambio d aria senza procurare correnti.

65 CONSERVAZIONE E preferibile un ambiente con pavimento di marmo e non in mattoni, maiolica o cotto, che favoriscono la polvere; le pareti saranno tinteggiate con vernice antipolvere.

66 CONSERVAZIONE L illuminazione diretta sia tale che impedisca la caduta dei raggi solari sui posti dove è conservato o consultato il materiale documentario, altrimenti, nel tempo si provocano danni irreparabili. L illuminazione artificiale sia assicurato da un impianto a norma, diffusa, forte e regolare. Si preferiscono lampade a fluorescenza (neon) a quelle a incandescenza (che producono calore).

67 CONSERVAZIONE Va pure previsto un armadio di sicurezza chiuso ed ignifugo, destinato esclusivamente al materiale documentario di particolare pregio (vedi schema tipo Regolamento CEI art. 29).

68 CONSERVAZIONE La luce procura alla carta: ossidazione, indebolimento delle fibre di cellulosa, ingiallimento, macchie, inscurimento.

69 CONSERVAZIONE Tanto gli armadi che gli scaffali possono essere ancorati a parete, oppure collocati nel vano centrale della sala prestando attenzione però a renderli stabili: posizionati di dorso in fila doppia. In ogni caso la posizione dei ripiani non superi i 220 cm di altezza, in modo che per prelevare il materiale non si renda necessario l uso di scale. Là dove gli ambienti lo consentono si sta diffondendo l uso degli armadi compact.

70 CONSERVAZIONE La temperatura ideale va tra un minimo di 19 e un massimo di 24 e conseguentemente l umidità deve essere garantita tra i 50 e il 60% (monitoraggio costante con termoigrometro).

71 Valori consigliati per i manufatti archivistici e librari (art. 150, comma 6 D. Lgs 11/1998) Carta, manoscritti 19/24C UR 50/60% disegni, stampe Cuoio, pergamena 19/24C UR 50/60% Registrazioni magnetiche 10/21C UR 40/60% Film -5/+15C UR 30/50% Fotografie, materiale plastico 2/ 20C UR 20/30% vetro

72 CONSERVAZIONE Collocazione La posizionatura dei documenti negli armadi metallici si effettua in relazione a diversi fattori come la natura del documento, la frequenza del suo impiego, il numero delle pratiche da archiviare. In generale il materiale sugli scaffali va collocato dall alto verso il basso e da sinistra verso destra, ricominciando dall alto per ogni colonna.

73 CONSERVAZIONE Collocazione

74 CONSERVAZIONE Collocazione La posizione orizzontale, cioè quella in cui i documenti e le cartelle sono appoggiati, in piano, sulla loro superficie maggiore, è consigliabile per le pergamene e per carte di dimensioni particolarmente rilevanti (editti, mappe geografiche, catastali, disegni, stampe, progetti architettonici, manifesti) Questa disposizione presenta però notevoli inconvenienti di natura meccanica nella ricerca della posizione e non è elastico negli incrementi.

75 CONSERVAZIONE Collocazione

76 CONSERVAZIONE Collocazione Quella verticale è retta sulla superficie dello spessore, come per il libri in una biblioteca. Di solito necessita di una busta o di una cartella rigida, possibilmente chiuso su tutti i lati, di cartone non acido (ph7) e con tre lacci di chiusura.

77 CONSERVAZIONE Collocazione Quella sospesa viene adottata soprattutto nei classificatori degli archivi correnti, perché favorisce l elasticità di consultazione e favorisce l aggiornamento delle pratiche.

78 CONSERVAZIONE Contenitori Per cartelle, buste il mercato è in continuo aggiornamento, sia per tipi che per misure. La scelta si compia secondo le effettive necessità dell archivio e coniugando per quanto possibile qualità ed economicità. Da evitare sono le buste e i contenitori di plastica perché impediscono al supporto documentario (pergamena, carta, fotografia) una sufficiente respirazione e creano facili condense umide che nel tempo danneggiano il documento.

79 CONSERVAZIONE Pulizia Serve pulizia periodica dei locali e delle scaffalature (lavaggio con soluzioni idroalcoliche). Si evita il rischio di infestazioni e insorgere di muffe. E auspicata una corretta e periodica spolveratura dei pezzi con panni antistatici, o pennello morbido. per asportare meccanicamente lo strato di polvere adesa elettrostaticamente

80 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Archivio di Stato dell Aquila

81 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Il danno prodotto dall acqua è la minaccia più comune per la documentazione cartacea. È quindi utile avere alcune informazioni e istruzioni operative in caso di allagamenti, incendi, violenti temporali o terremoti. Le misure di salvataggio e recupero del materiale avvengono in maniera decisiva entro le prime 48 ore dell emergenza.

82 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Indicazioni generali sulla tutela e suggerimenti per ripristinate il materiale e riportarlo in condizioni di stabilità sono le seguenti: 1. Rivolgersi all Archivio Storico Diocesano, che è in contatto con Sovrintendenza e con aziende specializzate nel restauro e in servizi per trattamenti di deumidificazione, disinfestazione, disinfezione e depolveratura;

83 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 2. concentrare i primi interventi di protezione e salvataggio su serie di archivio che contengono informazioni essenziali o più rappresentativi per l istituzione (inventari, back up di database, materiali considerati preziosi);

84 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 3. posizionare il materiale in una zona fresca, con basso tasso di umidità e in cui l aria circoli liberamente; 4. disponete i fogli all aria su una superficie orizzontale (se possibile su rastrelliere di plastica o su reti a prova di ruggine), dividendoli uno per uno o in piccole cataste che non superino i 6 mm di spessore. Interfoliate con carta assorbente da sostituire quando diventa umida;

85 CONSERVAZIONE in caso di emergenza 5. non dispiegate o separate i fogli bagnati; 6. se le unità da asciugare sono troppo numerose: interfoliate per gruppi di fogli o simili con carta oleata; disponete il materiale in posizione verticale dentro a contenitori rigidi in modo che non si afflosci; riempite i contenitori solo al 90%; congelate [il congelamento fissa le condizioni di un documento per mesi, arresta la crescita delle muffe, lo scolorimento degli inchiostri, il trasferimento del colore e il rigonfiamento. L ideale sarebbe utilizzare un congelatore industriale, ma anche uno per uso domestico può andar bene].

86 CONSERVAZIONE in caso di emergenza Nel caso di volumi se sono parzialmente bagnati o umidi, teneteli in piedi aperti ad angolo retto e lasciate che si asciughino all aria. Se sono molto bagnati disponeteli orizzontalmente su una superficie pulita, interfoliate meno del 20% del libro con materiale assorbente e sostituitelo quando diventa umido. Se i volumi sono troppo numerosi per asciugarli nell arco di 48 ore, avvolgeteli in carta oleata, disponeteli con il dorso in basso in contenitori resistenti e congelateli.

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia Brescia 15-22 ottobre 2011 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia: premessa I metodi di immagazzinamento, di condizionamento e di movimentazione, influiscono sulla durata del materiale

Dettagli

Cosa evitare e come conservare

Cosa evitare e come conservare Cosa evitare e come conservare Cecilia Prosperi La conservazione del patrimonio culturale è assicurata da una coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna. Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI

REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna. Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI ART. 1 L archivio ecclesiastico è la raccolta ordinata e

Dettagli

e-mergency. Corso on line ai piani di emergenza per biblioteche ed archivi.

e-mergency. Corso on line ai piani di emergenza per biblioteche ed archivi. e-mergency. Corso on line ai piani di emergenza per biblioteche ed archivi. a cura di Dott.ssa Maria Barbara Bertini Dott.ssa Simona Budassi LEZIONE 1 PREMESSE PERCHE I PIANI DI EMERGENZA? Il patrimonio

Dettagli

incisione rupestre a Massello (Torino)

incisione rupestre a Massello (Torino) Maria Barbara Bertini * PREVENIRE è meglio che CURARE ovvero giocare d anticipo invece di gridare: al lupo al lupo * Direttore dell Archivio di Stato di Milano realizzazione slides a cura di Mariagrazia

Dettagli

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Le disposizioni di seguito riportate per la gestione degli archivi dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano, sono state elaborate in

Dettagli

Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione

Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione Acquisire un archivio e altre curiosità sulla sua conservazione e catalogazione Presentazione correlata al laboratorio Fare filosofia negli archivi: i Fondi Antonio Banfi e Guido Davide Neri laura.frigerio@unimi.it

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO COMUNALE DI DEPOSITO Approvato con la Deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del 3/02/2012 Page 1 SOMMARIO CAPO I - SCOPI E ARTICOLAZIONE

Dettagli

e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi.

e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi. Dottorato di ricerca in e-learning Università G.d Annunzio Chieti Università Telematica Leonardo da Vinci UNIDAV e-mergency. Virtual learning per la formazione ai piani di emergenza per biblioteche e archivi.

Dettagli

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE 1. Composizione del piano Il Piano di Conservazione, oltre che dai seguenti articoli, è composto dal Piano di continuità operativa e disaster recovery e dal Titolario

Dettagli

Walter Capezzali Fonti di documentazione, istituti, metodi e strumenti di ricerca IL RECUPERO DELL INFORMAZIONE ARCHIVISTICA

Walter Capezzali Fonti di documentazione, istituti, metodi e strumenti di ricerca IL RECUPERO DELL INFORMAZIONE ARCHIVISTICA Walter Capezzali Fonti di documentazione, istituti, metodi e strumenti di ricerca IL RECUPERO DELL INFORMAZIONE 3 ARCHIVISTICA DEFINIZIONI E AMBITI GENERALI DEFINIZIONE DELLE MATERIE E DEGLI AMBITI ARCHIVISTICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO D ARCHIVIO E DI ACCESSO ALLA CONSULTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO D ARCHIVIO E DI ACCESSO ALLA CONSULTAZIONE COMUNE DI FIORENZUOLA D ARDA PROVINCIA DI PIACENZA Settore Segreteria e Affari Generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO D ARCHIVIO E DI ACCESSO ALLA CONSULTAZIONE Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Documenti speciali: fondi fotografici

Documenti speciali: fondi fotografici Documenti speciali: fondi fotografici GLI ARCHIVI FOTOGRAFICI In Italia, l interesse verso la fotografia intesa come bene culturale, è molto recente. Infatti, solo nel 1999, con la redazione del Testo

Dettagli

LA CONSERVAZIONE PREVENTIVA E I PIANI DI EMERGENZA PER LE BIBLIOTECHE E GLI ARCHIVI Paola Palermo, Università degli Studi di Bergamo, 10 marzo 2014 Accesso (fruizione) Conservazione della memoria (indiretta

Dettagli

Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line

Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line Sulla descrizione e rappresentazione degli archivi storici: dall inventario alle basi dati on line Ingrid Germani Corso di formazione per l apprendimento e l utilizzo della piattaforma IBC-xDams Bologna,

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione degli utenti.

Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione degli utenti. Regolamento Regolamento della sala di studio e della sala mediateca Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione

Dettagli

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri

Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Musseeo Storri icco NORME PER L ACCESSO ALLA SALA CONSULTAZIONE PRESSO IL MUSEO STORICO DELL ARMA DEI CARABINIERI MODALITÀ DI ACCESSO 1. Il Museo Storico dell

Dettagli

14 Marzo 2013 Milano, Palazzo ex Stelline, Sala Bramante

14 Marzo 2013 Milano, Palazzo ex Stelline, Sala Bramante La collaborazione fra Istituzione e azienda privata quando le necessità incontrano le soluzioni, condividendo il comune obiettivo di salvaguardia del patrimonio Bresciani srl Milano Relatore: Vittorio

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO LABORATORIO DI CONSERVAZIONE PREVENTIVA RELAZIONE TECNICA Su richiesta

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 17 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 2 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico uniformata locale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI L AQUILA

ARCIDIOCESI DI L AQUILA ARCIDIOCESI DI L AQUILA Istituto Superiore di Scienze Religiose Fides et Ratio Biblioteca Cardinal Carlo Confalonieri REGOLAMENTO TITOLO I NATURA, FINALITÀ E TIPOLOGIA ART. 1 1. La biblioteca ecclesiastica

Dettagli

V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ONORIO

V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ONORIO ARCIDIOCE DI GAETA V I S I T A P A S T O R A L E dell Arcivescovo FABIO BERNARDO D ORIO 2014-2015 PARROCCHIA DI ESEGUITA IL PARROCO 1 INDICE DEL QUESTIONARIO DATI ANAGRAFICI DELLA PARROCCHIA... 3 STATO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI MADIGNANO (APPROVATO CON DELIBERA N. 73 DEL 24/6/88 E MODIFICATO CON LE DELIBERE N. 45 E N. 4 DEL 30/10/95 E DEL 2/2/96) Premessa La promozione della cultura e

Dettagli

MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA

MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA Fatta eccezione per talune anomale tipologie di francobolli realizzati su supporti metallici e su tessuti, il francobollo è per eccellenza di

Dettagli

Gestione e conservazione preventiva

Gestione e conservazione preventiva Gestione e conservazione preventiva Perchè 100 passi? Abbiamo selezionato e segnalato 100 azioni che tutti coloro che in biblioteca hanno a che fare con i libri dovrebbero mettere in pratica. Lo scopo

Dettagli

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE 1 COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C.N.51 DEL 18.04.2009 PUBBLICATA ALL ALBO PRETORIO DAL 13/05/2009

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della Biblioteca Provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale n. 9 del 17/09/2003 1 TITOLO I FINALITA E FUNZIONI Art. 1 Finalita 1. La Provincia di Roma, ai

Dettagli

ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI

ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI COMUNI DI VERDERIO INFERIORE E VERDERIO SUPERIORE PROVINCIA DI LECCO ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEI DOCUMENTI PRESSO LA BIBLIOTECA INTERCOMUNALE (Approvato

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE approvato con Deliberazione C. C. n 56 del 29-10-2013 Articolo 1. Impianto del Regolamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DIOCESI DI SAN MINIATO CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO ORARIO DI APERTURA La Biblioteca del Seminario Vescovile di San Miniato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione ALLEGATO " B" ALLA DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la conservazione

Dettagli

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO Il presente Statuto è stato promulgato dal Vescovo e Ordinario diocesano, con Decreto del 3/05/2012, protocollo

Dettagli

Schema-tipo di regolamento delle biblioteche ecclesiastiche

Schema-tipo di regolamento delle biblioteche ecclesiastiche Schema-tipo di regolamento delle biblioteche ecclesiastiche Con l Accordo di modificazione del Concordato lateranense, firmato il 18 febbraio 1984, la Santa Sede e la Repubblica italiana si sono impegnate

Dettagli

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO INDICE Capo I Principi generali Art. 1 Oggetto della disciplina Art. 2 Finalità del servizio Art. 3 Attribuzioni del servizio Art. 4 Articolazione

Dettagli

Sergio Chierici L Archivio storico del Comune di Ortonovo (La Spezia): software di catalogazione e web-cd di consultazione.

Sergio Chierici L Archivio storico del Comune di Ortonovo (La Spezia): software di catalogazione e web-cd di consultazione. Sergio Chierici L Archivio storico del Comune di Ortonovo (La Spezia): software di catalogazione e web-cd di consultazione. Il Comune di Ortonovo possiede un interessante Archivio Storico, contenente filze,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Comune di Castenaso Servizi Culturali Archivio storico REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE (Approvato con delibera consiliare n. 4 del 30 gennaio 2008) Archivio storico Casa Bondi Via XXI ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO ART. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Schilpario è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

Relazione sull attività di censimento e riordino dell Emeroteca, dell Archivio cartaceo

Relazione sull attività di censimento e riordino dell Emeroteca, dell Archivio cartaceo Relazione sull attività di censimento e riordino dell Emeroteca, dell Archivio cartaceo e degli Archivi digitali de Il Manifesto cooperativa editrice in l.c.a. L'attività svolta è consistita in: 1. censimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI OFFIDA TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 E istituita in Offida, nell ambito del Centro Culturale Permanente, una Biblioteca pubblica comunale, che riconosce

Dettagli

Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO. Visita della Biblioteca

Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO. Visita della Biblioteca Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO La Biblioteca S. Marco presso l Ospedale S.S. Giovanni e Paolo di Venezia è una biblioteca medico-scientifica aperta al pubblico.

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI

DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI 1. AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti disposizioni si applicano alla consultazione e riproduzione

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Documento n. 8 - Allegato al manuale di gestione PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre che dai seguenti articoli

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO

COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO COMUNE DI CASTELLO CABIAGLIO (PROVINCIA DI VARESE) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASTELLO CABIAGLIO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 31/03/2015 Art. 1 Compiti e servizi

Dettagli

QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE

QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE A proposito della gestione contabile-amministrativa delle biblioteche pubbliche occorre distinguere tra quelle statali

Dettagli

RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. LE FASI DEL RESTAURO

RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. LE FASI DEL RESTAURO RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. Il documento descrive il lavoro di restauro che è stato fatto su un volume del 1700 con coperta in pergamena. Presenta un attacco

Dettagli

BIBLIOTECA DIOCESANA DI TRICARICO

BIBLIOTECA DIOCESANA DI TRICARICO BIBLIOTECA DIOCESANA DI TRICARICO REGOLAMENTO NATURA, FINALITÀ E TIPOLOGIA Art. 1 La Biblioteca diocesana di Tricarico racchiude manoscritti, stampati o elaborati con altro mezzo finalizzato alla trasmissione

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO ULSS Allegato alla deliberazione del Direttore Generale n. 636 del 14.12.2010 Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.L.vo 22 gennaio 2004 n. 42 e dl DPR 28

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Allegato alla Delibera di Consiglio n. 35 del 25.11.09 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO Ai sensi del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REAZIONE ALLE EMERGENZE NEGLI ARCHIVI: ALLAGAMENTI E ALLUVIONI

LINEE GUIDA PER LA REAZIONE ALLE EMERGENZE NEGLI ARCHIVI: ALLAGAMENTI E ALLUVIONI LINEE GUIDA PER LA REAZIONE ALLE EMERGENZE NEGLI ARCHIVI: ALLAGAMENTI E ALLUVIONI (sintesi, a cura della Soprintendenza Archivistica per il piemonte e la Valle d Aosta, del testo delle LINEE GUIDA PER

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI piazza I Maggio, 26-33100 Udine - Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale: 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 15.09.1995 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 10.09.1999 Art. 1 - Compiti

Dettagli

Sezione Piemonte e Valle d Aosta Documento per la valutazione di lavori archivistici

Sezione Piemonte e Valle d Aosta Documento per la valutazione di lavori archivistici Sezione Piemonte e Valle d Aosta Documento per la valutazione di lavori archivistici Versione 1.01 14 febbraio 2012 Sommario Premessa Valutazione dei lavori archivistici Progetto e preventivo Intervento

Dettagli

Città di Desio ARCHIVIO STORICO-FOTOGRAFICO COMUNALE

Città di Desio ARCHIVIO STORICO-FOTOGRAFICO COMUNALE Città di Desio ARCHIVIO STORICO-FOTOGRAFICO COMUNALE APERTURA Lunedì e giovedì pomeriggio dalle 15,00 alle 18,00. L archivio è chiuso nel mese di agosto e durante le vacanze natalizie e pasquali FOTOCOPIE

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Allegato n. 6 PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre che dai seguenti articoli è composto anche dal quadro di classificazione (Titolario), dal massimario

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI ART. 1 Le Biblioteche del SBCS garantiscono a tutti il diritto di accesso alla cultura e all informazione

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 Allegato 8 al Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi della Provincia di Pavia 1. Composizione

Dettagli

Allegato n. 19 Linee guida per la gestione degli archivi analogici

Allegato n. 19 Linee guida per la gestione degli archivi analogici Allegato n. 19 Linee guida per la gestione degli archivi analogici Edizione 01/2014 - Rev. 1. Introduzione L archivio è l insieme della documentazione prodotta, ricevuta o comunque acquisita dall Ateneo,

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 18 Piano di conservazione Conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE n. 34 REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Allegato B alla deliberazione del Consiglio Comunale nr 33 del 6 maggio 2002. 1. GENERALITA' Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

L Archivio provinciale di Bolzano. Materiali per preparare una visita guidata

L Archivio provinciale di Bolzano. Materiali per preparare una visita guidata Materiali per preparare una visita guidata Che cos è un archivio? L archivio è il complesso delle scritture, per cui mezzo si è esplicata l attività pratica di in istituto o di una persona, reciprocamente

Dettagli

C A T A L O G O C O N S E R V A Z I O N E

C A T A L O G O C O N S E R V A Z I O N E C A T A L O G O C O N S E R V A Z I O N E T a b u l a R a s a s c a r l. v i a M o n t e l l o 1 7 / 2. 4 0 1 3 1 B o l o g n a. C e l l 3 2 8 9 5 3 4 6 4 6. i n f o @ t a b u l a w e b. c o m. w w w.

Dettagli

Regolamento per la gestione, tenuta e tutela dei documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena

Regolamento per la gestione, tenuta e tutela dei documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena Pag. 1 Prot. 10/2016 Rep. D. I.02 documenti amministrativi del Collegio IPASVI di Siena Adottato dal Consiglio Direttivo con Delibera n. 10 del 26/01/2016 Pag. 2 Sommario CAPO I - AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1 Principi fondamentali Articolo 1 Generalità L Amministrazione comunale di Albinea

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale R. Remondi di Fiesse è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità

Dettagli

Indicatori di occorrenza Indica la presenza facoltativa (0-1) dell'elemento

Indicatori di occorrenza Indica la presenza facoltativa (0-1) dell'elemento Nelle righe che seguono si cercherà di dar conto delle scelte operate nella definizione del modello attraverso una descrizione puntuale delle unità informative (elementi della DTD) in cui è stata segmentata

Dettagli

Regolamento dell Archivio Storico. Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE. Art. 1 Istituzione

Regolamento dell Archivio Storico. Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE. Art. 1 Istituzione Regolamento dell Archivio Storico Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE Art. 1 Istituzione In qualità di comodataria a seguito della convenzione stipulata nel 2010 con UniCredit S.p.A. e dei contratti di comodato

Dettagli

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione è l insieme di regole necessarie per la gestione ed il corretto funzionamento del sistema di protocollo, dei procedimenti amministrativi informatici e del sistema

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archivistici, librari e Archivio provinciale Seminario informativo sulla tenuta degli archivi cartacei e digitali e sugli adempimenti

Dettagli

Allegato 10 ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE DEGLI ARCHIVI FASCICOLI

Allegato 10 ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE DEGLI ARCHIVI FASCICOLI Allegato 10 ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE DEGLI ARCHIVI FASCICOLI L archivio si articola secondo quanto dettagliato alla sez. 3 del Manuale degli Archivi. Il Fascicolo, che è di norma l unità fondamentale

Dettagli

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1.

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1. La biblioteca comunale di Pofi è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità. Essa aderisce, in qualità di biblioteca associata,

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari

Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari Piacenza, 30 gennaio 2009 Prevenire per conservare Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari Laboratorio di Biologia -Istituto Centrale per il restauro e la conservazione

Dettagli

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica

3. Funzione di prevenzione della sovraccarica Italiano 57 INDICE 1. Funzioni...59 2. Prima dell uso...59 3. Funzione di prevenzione della sovraccarica...59 4. Regolazione dell ora...60 5. Durata della ricarica...61 6. Note sul maneggio degli orologi

Dettagli

Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto

Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto Aggiornato a Giugno 2007 Direzione Affari Generali - P.O. Protocollo Informatico,

Dettagli

Deltos di Simonetta Rosatelli. Atelier Restauro Carta

Deltos di Simonetta Rosatelli. Atelier Restauro Carta Deltos di Simonetta Rosatelli Atelier Restauro Carta Il laboratorio Il tavolo luminoso Le presse a colpo La cassettiera contenenti le carte giapponesi Il tagliacartoni a cesoia Vasche per il lavaggio Rastrelliere

Dettagli

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI.

PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI FLUSSI DOCUMENTALI. Comune di Lavagna Provincia di Genova Unità Autonoma Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizi Demografici PROGETTO DI RIORDINO DELL ARCHIVIO CORRENTE E DI MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE INFORMATICA DEI

Dettagli

L archivio di ARPA Lombardia: il passato ed il presente.

L archivio di ARPA Lombardia: il passato ed il presente. L archivio di ARPA Lombardia: il passato ed il presente. Sommario L eredità di ARPA Lombardia...1 Nuova sistemazione del materiale...8 Contenuto dell archivio...11 Aggiornamento dell archivio....13 L eredità

Dettagli

BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO

BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO 1. La Biblioteca della Provincia dei Frati Minori Cappuccini, con sede in Firenze, Via Cappuccini 1, con annessi

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI ARCHIVI E DELLE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE E SCARTO DEI DOCUMENTI

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI ARCHIVI E DELLE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE E SCARTO DEI DOCUMENTI REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI ARCHIVI E DELLE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE E SCARTO DEI DOCUMENTI Articolo 1 Oggetto e campo di applicazione Il presente Regolamento istituisce

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE. Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Sezione Affari generali e documentali Ripartizione Sistema documentale e procedurale SISTEMA INFORMATIVO DOCUMENTALE DI ATENEO SID 2 MANUALE TEORICO PRATICO PER LA GESTIONE

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Arcidiocesi di Crotone Santa - Severina

Arcidiocesi di Crotone Santa - Severina Arcidiocesi di Crotone Santa - Severina Rendiconto amministrativo parrocchiale al 31 dicembre La parrocchia, come ogni persona giuridica pubblica soggetta al Vescovo diocesano, è tenuta a presentare ogni

Dettagli

GABINETTO SCIENTIFICO LETTERARIO G.P. VIEUSSEUX. Regolamento per il prestito temporaneo di opere e documenti di archivio

GABINETTO SCIENTIFICO LETTERARIO G.P. VIEUSSEUX. Regolamento per il prestito temporaneo di opere e documenti di archivio All. B GABINETTO SCIENTIFICO LETTERARIO G.P. VIEUSSEUX Regolamento per il prestito temporaneo di opere e documenti di archivio Normativa di riferimento: Dlgs. 42/2004, Codice dei beni culturali e del paesaggio

Dettagli

V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI

V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI DIOCESI DI SAN MINIATO V I S I T A P A S T O R A L E del Vescovo FAUSTO TARDELLI 2007 Per la verifica amministrativa PARROCCHIA DI UNITA PASTORALMENTE CON VICARIATO ESEGUITA IL PARROCO 1 INDICE DEL QUESTIONARIO

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei documenti nell amministrazione cantonale

Regolamento sulla gestione dei documenti nell amministrazione cantonale 2.5.1.1.6 Regolamento sulla gestione dei documenti nell amministrazione cantonale (del 5 settembre 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamate la legge concernente le competenze

Dettagli

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA - CITTÀ DELLA PIEVE OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA! VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO MONS. GUALTIERO BASSETTI 2013-2017 FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA-CITTÀ

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO ARCHIVIO STORICO COMUNALE - Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE

FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE FONDAZIONE MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE BIBLIOTECA ARCHIVIO PINA E ALDO RAVELLI DI MILANO FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE INVENTARIO DEGLI ATTI D ARCHIVIO 956 99 2 FONDO COOPERATIVA LA SORGENTE Soggetto conservatore:

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 3 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico fondo uniformata locale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO STAZIONE ZOOLOGICA ANTON DOHRN DI NAPOLI (Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione N. 9 del 10/06/2011) Indice TITOLO I: PRINCIPI GENERALI...3 Capo I OGGETTO

Dettagli