BILANCIO SOCIALE 116 VERBALE ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVAZIONE DEL BILANCIO ZANZAR SISTEM SPA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE 116 VERBALE ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVAZIONE DEL BILANCIO ZANZAR SISTEM SPA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO"

Transcript

1 ANNUAL REPORT 2013

2

3 14 CORPORATE GOVERNANCE 43 BILANCIO D'ESERCIZIO 13 lettera DEL PRESIDENTE 21 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 70 BILANCIO SOCIALE 112 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO 115 OPINIONI SOCIETÀ DI REVISIONE AL BILANCIO ANNO VERBALE ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVAZIONE DEL BILANCIO SPA

4 Il nuovo sito di Taranto insiste su una superficie complessiva di circa mq , di cui circa coperti 4

5 Organi sociali e management CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Angelo L Angellotti Presidente Andrea Miccio Consigliere Nicola Lippolis Consigliere DIRETTORE GENERALE Angelo L Angellotti COLLEGIO SINDACALE Nicola Fortunato Presidente Vincenzo Lenti Sindaco Effettivo Stefano Amato Sindaco Effettivo Serena Maria Ancona Sindaco Supplente Ciro Fornaro Sindaco Supplente SOCIETÀ DI REVISIONE Deloitte & Touche SpA RESP. CONTROLLO DI GESTIONE E FISCO Nicola Lippolis RESP. AMMINISTRAZIONE Maria Concetta Cardillo RESP. PERSONALE Efisio Marras RESP. EDP Cosimo Stallo RESP. R&S Giovanni Bruno RESP. QUALITÀ Claudio Caprino

6 SPA NASCE CON L OBIETTIVO DI PRODURRE SISTEMI DI ZANZARIERE IN LINEA CON LA PIÙ AVANZATA TECNOLOGIA DEL SETTORE 6

7 MISSION Zanzar Sistem Spa nasce con l obiettivo di produrre sistemi di zanzariere in linea con la più avanzata tecnologia del settore. Grazie ad un esperienza ultraventennale, caratterizzata dalla costante ricerca di soluzioni innovative, l azienda ha acquisito un ruolo di leader nel mercato dei sistemi per zanzariere con l obiettivo costante di realizzare il massimo livello di soddisfazione della propria clientela sia diretta che finale. Il ruolo di leader di mercato ha permesso alla Zanzar Sistem di ampliare la propria mission affiancando al core business dei sistemi per zanzariere le attività di polo logistico per le materie prime necessarie alla clientela diretta, di produzione di macchinari per la realizzazione di zanzariere, di produzione di tende da interno nonché di un sistema innovativo di tapparelle, il tutto in una prospettiva di diversificazione dell attività. L obiettivo della creazione di valore per i propri azionisti è perseguito dall azienda in un ottica di massimo rispetto dell etica degli affari e di massima attenzione al proprio ruolo sociale, volto a realizzare, congiuntamente alla crescita professionale dei propri dipendenti e collaboratori, uno sviluppo economico sostenibile del territorio in cui opera. 7

8 LA SPA È LA SOCIETÀ PIÙ IMPORTANTE DEL GRUPPO IN & OUT 8

9 STORIA Zanzar Sistem Spa ritrova le sue origini nella ditta individuale del sig. Angelo L Angellotti, che iniziò l attività di produzione di sistemi per zanzariere nel Grazie alle sue intuizioni imprenditoriali tale attività è diventata per il sig. L Angellotti, a partire dal 1991, unico interesse imprenditoriale. Successivamente la ditta individuale ha ceduto l attività alla Zanzar Sistem Srl che nel 2005 si è trasformata in Zanzar Sistem SpA. Ad oggi l azienda, che può contare su due stabilimenti, uno sito a Grottaglie e l altro a Taranto, risulta tra le maggiori aziende del proprio segmento di mercato e punto di riferimento per tutti gli operatori del settore per serietà, innovazione, efficienza e soddisfazione del cliente. I mercati di sbocco sono sia nazionali che internazionali. La Zanzar Sistem è la società più importante del gruppo In & Out in cui sono presenti altre società controllate che svolgono la propria attività nel settore dei sistemi per zanzariere e che sono coordinate, nell attività produttiva e commerciale, da Zanzar Sistem. Alla fine dell esercizio 2013 conta personale dipendente per 101 unità lavorative. 9

10 C.so Europa z.i Grottaglie (TA) Cap. Soc i.v. - P. IVA Presidente del CdA: Angelo L ANGELLOTTI FATTURATO: UTILE NETTO: 756 TOTALE ATTIVO: valori espressi in /mgl 10,5 % INVITALIA SHAREHOLDERS 89,5 % IN & OUT PRODUZIONE ZANZARIERE PRODUZIONE DI TENDE TECNICHE DA INTERNO PRODUZIONE DI MACCHINE E ATTREZZATURE PRODUZIONE DI ACCESSORI OUTDOOR PRODUZIONE DI TAPPARELLE 10

11 IN & OUT Holding dati 2012 RICAVI FINANZIARI: 998 UTILE NETTO: 731 TOTALE ATTIVO: via Montemesola-Grottaglie TARANTO - Cap. Soc i.v. - P. IVA AQUATTRO S.R.L. PRODUZIONE DI ZANZARIERE QUADRA S.R.L. SOCIETÀ IMMOBILIARE Reg. Pieve 59A/59B VillaFranca D Asti (AT) Cap. Soc i.v. P. IVA % IN & OUT Via Volterra, 1 z.i Faggiano (TA) Cap. Soc i.v. P.IVA % IN & OUT FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO 168 (6) LINEA UNO S.R.L. PRODUZIONE DI ZANZARIERE Via Arnoldo Mondadori sn Poggio Rusco (MN) Cap. Soc i.v. P. IVA % IN & OUT AMB ZANZARIERE SRL PRODUZIONE DI ZANZARIERE E PERSIANE Loc. Pioppelle via G. Verga, Borgo Virgilio (MN) Cap. Soc ,15 i.v. P.IVA % IN & OUT FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO (91) MODULA S.R.L. PRODUZIONE COMPLEMENTI PER ARREDO IN ALLUMINIO Via Volterra, 1 z.i Faggiano (TA) Cap. Soc i.v. P.IVA % IN & OUT SCREEN TECH LTD DISTRIBUZIONE ACCESSORI MERCATO GRECO 87, Sp DAVARI Koupi Koropi P.O Athens Greece Cap. Soc i.v. 48 % IN & OUT P.IVA FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO PENTATRADE S.R.L. IMPORT EXPORT MATERIE PRIME E PRODOTTI FINITI Via Mediterraneo snc Grottaglie (TA) Cap. Soc i.v. P. IVA % IN & OUT STAMPAGGI INDUSTRIALI SRL PRODUZIONE DI STAMPIE PRODOTTI STAMPATI Via dell industria, Osimo Scalo (AN) Cap. Soc i.v. P. IVA % IN & OUT FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO Non sono state considerate due società che sono in fase di liquidazione: L.T.S.in liquidazione Srl sita in Cerro Maggiore (MI) di cui In & Out Srl (già Penta Group Srl) detiene il 33% MKB-ZANZAR GMBH Germania di cui In & Out Srl (già Penta Group Srl) detiene il 52%. ZANZAR IBERIA LTD PRODUZIONE DI SISTEMI PER ZANZARIERE DISTRIBUZIONE DI MATERIE PRIME PER LA PRODUZIONE DI SISTEMI Pol. Ind. Fuente del Jarro Calle Ciudad de Ferrol Paterna Valencia - ES - CIF B % IN & OUT FATTURATO UTILE NETTO TOTALE ATTIVO valori espressi in /mgl 297 (127) 391

12

13 LETTERA DEL PRESIDENTE Signori Azionisti, il bilancio dell esercizio 2013 presenta un risultato ampiamente positivo, nonostante le difficoltà attraversate oramai da un lustro dall economia europea e specialmente da quella italiana. Il valore della produzione è leggermente diminuito ( euro) a seguito del calo dei volumi delle vendite, ma l azienda è stata in grado di ottimizzare i relativi costi totali di produzione ottenendo un risparmio di circa euro In questi ultimi anni non è stato facile tenere la nave in rotta nel mare agitato delle turbolenze che sono state prima finanziarie e successivamente dell economia reale, con tutti i problemi di natura socio-politica che hanno colpito in particolar modo l Italia. Eppure in questo scenario economico poco rassicurante Zanzar Sistem ha continuato nella sua mission imprenditoriale senza mai scoraggiarsi e portando a termine investimenti importanti di natura patrimoniale nuovo stabilimento e continuando a credere nel futuro non tralasciando mai le attività legate alla ricerca e allo sviluppo sia dei prodotti che dei processi produttivi. Mai avremmo creduto di poter, seppur di poco, aumentare i volumi delle vendite in Italia, cosa che invece si è realizzata soprattutto grazie alla tenacia della rete vendita. Il calo delle vendite è dunque da attribuire esclusivamente alle commesse ricevute dall estero, un dato che non sorprende più di tanto poiché il mercato estero di Zanzar Sistem è costituito prevalentemente dagli stati europei che sono, nella maggior parte di loro, quelli che nell economia mondiale, devono ancora invertire la tendenza recessiva. In considerazione del delicato momento storico legato alla contrazione di disponibilità finanziarie erogate dagli istituti di credito, siamo stati molto attenti nella gestione delle esposizioni dei clienti e nell assegnazioni degli affidamenti. Si è preferito spesso non vendere piuttosto che rischiare di non incassare. Grazie anche all ausilio della copertura assicurativa dei crediti commerciali, si può asserire che le posizioni incagliate nei confronti dei clienti sono quelle di vecchia data, mentre quelle sorte nel 2013 sono residuali. Tra le positività dell anno 2013 è sicuramente da sottolineare il completamento degli investimenti previsti presso il nuovo stabilimento di Taranto, contrattualizzati con Invitalia, che andranno a regime nel 2014 portando un enorme beneficio in termini di ottimizzazione logistica/produttiva. Lo stabilimento di Taranto, con un area complessiva di circa mq e circa mq coperti, è uno dei più importanti stabilimenti europei atti alla produzione di sistemi per zanzariere. Per far fronte ai sopracitati investimenti, sul finire dell anno, l azienda ha dovuto far maggior ricorso al sistema creditizio; seppur evidenziando una situazione finanziaria generale in equilibrio, nel bilancio che viene sottoposto, si evince come sia aumentata l esposizione verso le banche a breve termine. Di contro c è da sottolineare che, alla data di redazione del presente documento, Invitalia deve ancora erogare le provvidenze finanziarie del III e IV SAL per un totale di circa euro quale contributo a fondo perduto ed euro come finanziamento agevolato. Il Margine Operativo Lordo ammonta ad /mgl rappresentando il 13,60% del totale dei ricavi. E stata ulteriormente ottimizzata la gestione delle giacenze di magazzino, aumentandone la rotazione e riuscendo, dunque, a liberare liquidità per un equilibrio finanziario ottimale. Il bilancio 2013 si chiude dunque con un utile netto di , dopo aver stanziato imposte pari ad e ammortamenti pari ad

14 CORPORATE GOVERNANCE

15 DIREZIONE E COORDINAMENTO Zanzar Sistem SpA è soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte della holding In & Out Srl (già Penta Group Srl), sita in Taranto Cod. Fiscale Alla data di chiusura dell esercizio 2013, In & Out Srl (già Penta Group Srl) svolge attività di direzione e coordinamento anche su altre imprese e specificatamente su: LINEA UNO SRL AQUATTRO SRL PENTA TRADE SRL STAMPAGGI INDUSTRIALI SRL ZANZAR IBERIA SA. Tutte le sopra citate società, insieme alla Zanzar Sistem, concentrano il proprio operato nel mercato dei sistemi per zanzariere. Essendo la società più performante per volumi di vendite, la Zanzar Sistem dà indicazioni al gruppo sugli indirizzi strategici generali ed economico finanziari, nonché sull approvvigionamento dei fattori produttivi. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE Secondo quanto previsto dall art.45 dello statuto sociale, il Consiglio di Amministrazione è formato da tre membri ed è stato nominato con l assemblea degli azionisti del 06 maggio Il sig. ANGELO L ANGELLOTTI è il Presidente del Consiglio di Amministrazione nonché amministratore delegato. Il dr. NICOLA LIPPOLIS ha deleghe per rilasciare quietanze. POTERI L organo Amministrativo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della società, con facoltà di compiere tutti gli atti ritenuti opportuni per il raggiungimento dell oggetto sociale, esclusi soltanto quelli tassativamente riservati per legge alla assemblea. E in facoltà del Consiglio di Amministrazione di delegare, anche parzialmente, le proprie attribuzioni ad un Comitato Esecutivo o ad uno o più amministratori delegati, fissandone i relativi compiti e attribuzioni. POTERI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E AMMINISTRATORE DELEGATO La rappresentanza della società di fronte ai terzi ed in giudizio, con facoltà di agire in qualsiasi sede e grado di giurisdizione, anche sovrannazionale o internazionale, e pure per giudizi di revocazione, di cassazione, di nominare all uopo di avvocati e procuratori alle liti, spetta al Presidente del Consiglio di Amministrazione. Come Amministratore Delegato, il Presidente, ha tutti i poteri di ordinaria amministrazione, eccettuati quelli espressamente riservati al Consiglio di Amministrazione. Al Presidente spetta altresì la facoltà di nominare procuratori speciali nei limiti dei poteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione. SCADENZA Il mandato del Consiglio di Amministrazione avrà termine alla data dell Assemblea convocata per l approvazione 15

16 del bilancio COLLEGIO SINDACALE Come previsto dall art.54 dello statuto sociale, il Collegio Sindacale è formato da tre sindaci effettivi e due supplenti. L Assemblea dei soci in data 06 maggio 2011 ha provveduto alla nomina di tre sindaci effettivi e due supplenti per gli esercizi 2011, 2012, Tutte e cinque i sindaci designati sono validi ed esperti professionisti iscritti presso il registro dei revisori contabili. Zanzar Sistem riconosce la rilevanza legale e professionale del ruolo del Collegio Sindacale, nonché la necessità del rispetto delle cause di ineleggibilità e di decadenza dettate dalla Legge. Si richiede ai componenti insediati elevati requisiti morali, professionali e personali oltre che indipendenza, operatività e autorevolezza nello svolgimento dei compiti ad essi assegnati dalla Legge. CONTROLLO CONTABILE Come previsto dall art.56 dello statuto sociale, in data 06 maggio 2011, l Assemblea dei Soci ha affidato il controllo contabile per gli esercizi 2011, 2012, 2013 a primaria Società di revisione iscritta nel Registro istituito presso il Ministero dell Economia e delle Finanze: Deloitte & Touche SpA. Zanzar Sistem ritiene molto importante l attività di revisione e controllo contabile e la società di revisione preposta ha un ruolo di garante della rappresentazione veritiera e corretta della situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società. Il lavoro svolto deve garantire competenza, professionalità, organizzazione ed indipendenza. SCHEMA ORGANIZZATIVO La società si è dotata di un sistema organizzativo per aree funzionali a capo di ognuna delle quali vi è un preposto che ne garantisce l operatività ed il controllo. Di seguito si espone l organigramma con le funzioni di primo livello. C.D.A Presidente ANGELO L ANGELLOTTI Acquisti R&S Qualità - Ambiente Pianificazione Cont. FIscalità Societaria E.D.P. - Privacy AMMINISTRAZIONE Produzione Personale SALVATORE ZINGAROPOLI GIOVANNI BRUNO CLAUDIO CAPRINO NICOLA LIPPOLIS COSIMO STALLO MARIA C. CARDILLO COSIMO DRAGONE EFISIO MARRAS La Zanzar Sistem si è dotata di una ripartizione per Area Strategica di Affari (ASA). Ogni ASA individua una fattispecie particolare di business: ZANZAR SERVICE produzione e vendita di zanzariere ZANZAR INDOOR produzione e vendita di tende da interno ZANZAR COMPONENTS vendita di materie prime ZANZAR TECNIKA produzione e vendita di macchinari e attrezzature ZANZAR OUTDOOR produzione e vendita di tapparelle 16

17 IL MODELLO ORGANIZZATIVO Il Modello Organizzativo è lo strumento previsto dal D.Lgs. 231/01 necessario ad evidenziare e mappare i rischi legali cui è esposta l azienda nello svolgere le proprie attività e definisce le soluzioni organizzative atte a minimizzare tali rischi. Il modello è stato adottato dal 2007 ed è soggetto ad aggiornamenti ogniqualvolta lo richiedano necessità di carattere organizzativo o normativo. L attuale Organo di Vigilanza si è insediato su nomina del CDA in data 10/12/

18 CODICE ETICO Il Codice Etico, che è una parte fondamentale del Modello Organizzativo, rappresenta i valori comportamentali della Zanzar Sistem nei confronti dei propri stakeholder (dipendenti, fornitori, clienti, collaboratori, partner) con l intento di instaurare con ognuno di essi dei rapporti basati sulla fiducia. 18

19 Azione secondo principi di libertà, dignità della persona umana e rispetto delle diversità e ripudio ogni tipologia di discriminazione. Le risorse umane costituiscono un fattore di fondamentale importanza per lo sviluppo aziendale. Tutte le azioni e le operazioni compiute ed i comportamenti tenuti da ciascuno dei Destinatari nello svolgimento della funzione o dell incarico sono ispirati alla legittimità e alla correttezza. Tutela dell Ambiente, sicurezza e salute E possibile scaricare questo documento direttamente dal sito web nella sezione company 19

20 MAGAZZINO ROBOTIZZATO Moderno impianto di magazzino robotizzato dalla capacità di stoccaggio pari a 2100 tonnellate di alluminio. Il flusso di movimentazione dei materiali si attiva in modo armonico e coordinato tramite un adeguato software gestionale con un vantaggio immediato nei tempi di lavorazione.

21 RELAZIONE SULLA GESTIONE DEGLI AMMINISTRATORI IL MERCATO Approvvigionamenti: Alluminio: il prezzo della principale materia prima del ciclo produttivo, nel corso del 2013, ha avuto quotazioni decrescenti per tutto il corso del periodo, toccando il minimo alla fine dell anno dove si registra una diminuzione di circa il 19% rispetto all inizio del L alluminio è quotato presso LME di Londra in dollari statunitensi e le quotazioni nell area Euro sono influenzate anche dall andamento del cambio della moneta unica nei confronti della moneta americana. Il cambio della valuta europea non ha avuto grossi scostamenti nel corso del 2013 attestandosi intorno a 1,35 dollari per un euro, eccezion fatta per il periodo estivo, quando la divisa statunitense si è apprezzata sensibilmente. La quotazione dell ultimo giorno del 2013 rispetto al primo registra un cambio maggiormente favorevole per l Euro di circa il 4%. Nei primi tre mesi del 2014 le quotazioni sono rimaste sui livelli di fine anno

22 Prezzo /Ton Cambio /$ 1,4 1,35 1,3 1,25 1,2 1,15 1,1 Reti: l approvvigionamento delle reti necessarie per la realizzazione delle diverse tipologie di zanzariere avviene sia sui mercati esteri che su quelli italiani. Una delle reti maggiormente utilizzate nel processo produttivo è acquistata in yen e questo ha comportato una diminuzione dei prezzi di acquisto dovuti al rafforzamento dell Euro nei confronti della divisa nipponica. Difatti, nel corso del 2012, gli acquisti in questa valuta hanno avuto un cambio medio di 101,65 yen per un euro, contro un cambio medio del 2013 di 125,87 yen per un euro. Da parte dei fornitori non si sono registrati aumenti dei listini per tale tipologia di materiale. 22

23 VENDITE Accessori e altri materiali: : l approvvigionamento di questi materiali avviene principalmente sul mercato italiano, mentre sono acquistati all estero i componenti per una serie particolare di zanzariere plissettate. I prezzi di acquisto applicati dai fornitori relativi al mercato italiano sono rimasti costanti rispetto all anno precedente Con vendite per quasi /mgl la Zanzar Sistem si colloca tra i maggiori produttori italiani di sistemi per zanzariere. L anno 2013 registra una diminuzione del fatturato di circa /mgl 871 con un -4,72% rispetto all anno precedente. Le vendite del core business dei sistemi per zanzariere sono state principalmente realizzate in due macrosettori: - Prodotti finiti / Semilavorati; - Materie Prime; Il macrosettore dei Prodotti Finiti/Semilavorati rappresenta circa il 52% del fatturato aziendale con un volume di vendite di circa /mgl Tra le linee di produzione le migliori performance sono da attribuire alla linea delle zanzariere plissettate che rappresentano circa il 45% del totale dei prodotti finiti venduti. Le materie prime registrano un sensibile incremento delle vendite di circa /mgl segnando circa +19% rispetto all anno precedente. Comprese tra gli altri ricavi delle vendite si trovano le vendite generate dall ASA denominata Zanzar Tecnika relativamente ai macchinari realizzati dalla Zanzar Sistem per i partner commerciali (oltre /mgl 500). Come prodotto finito vanno menzionate anche le vendite dell ASA Zanzar Indoor che produce tende tecniche da interno con vendite che si attestano a circa /mgl 318 e le vendite dell ASA Zanzar Outdoor che produce tapparelle con vendite di circa /mgl 158. Il mercato nazionale è il mercato principale. Nel corso del 2013, tale settore, che aveva accusato maggiormente il calo delle vendite dell esercizio precedente, ha registrato un incremento di circa /mgl 268 (+2,27%). Il mercato estero, che si concretizza quasi per la totalità nell area Euro, ha accusato invece una flessione delle vendite di circa /mgl (-16,13%). 23

24 RIPARTIZIONE VENDITE 2013 ITALIA 68,45 % ESTERO 31,55 % RIPARTIZIONE FATTURATO ESTERO 2013 GRAN BRETAGNA 0,92% UNGHERIA 0,95% OLANDA 2,21% PORTOGALLO 0,88% CROAZIA 0,81% ALTRI 1,10% SVIZZERA 3,07% AUSTRIA 4,16% GERMANIA 30,35% SPAGNA 6,69% FRANCIA 7,38% REP. CECA 19,97% GRECIA 21,49% 24

25 RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI Il bilancio al 31 dicembre 2013 chiude con un utile netto di dopo aver effettuato ammortamenti per e dopo aver stimato imposte di competenza dell esercizio (IRES e IRAP) per Tale risultato si determina per effetto dalle seguenti macrocomponenti: 1. Minore incidenza dei costi di acquisto delle materie prime; 2. Maggiore incidenza relativa dei costi per i servizi; 3. Incremento dell incidenza del costo del lavoro; 4. Costanza dell incidenza degli ammortamenti e svalutazioni; 5. Costanza dell incidenza degli oneri finanziari. Volendo scendere più nei dettagli, rispetto alla macro analisi appena conclusa, si espone di seguito un conto economico, opportunamente elaborato, che consente di interpretare meglio il risultato della gestione. IL CONTO ECONOMICO GESTIONALE in unità di Variazioni val. var. % Ricavi delle vendite ( ) (4,72)% Altri ricavi ,24% TOTALE RICAVI % % ( ) (3,65)% Costo delle materie prime e merci ( ) (54,6)% ( ) (56,1)% (6,19)% Costi per servizi ( ) (11,1)% ( ) (11,3)% (5,66)% VALORE AGGIUNTO ,3% ,6% ,43% Costi per godimento beni di terzi (81.551) (0,4)% ( ) (0,7)% (36,57)% Oneri diversi di gestione ( ) (1,1)% ( ) (1,0)% (3.518) 1,78% Costi per il personale ( ) (19,2)% ( ) (17,2)% ( ) 7,47% MARGINE OPERATIVO LORDO ,6% ,7% ( ) (4,35)% Ammortamenti e svalutazioni ( ) 13,6% ( ) (6,1)% (3,16)% UTILE OPERATIVO NETTO ,4% ,5% (76.683) (5,32)% Oneri (Proventi) Fin.ri netti ( ) (0,9)% ( ) (0,8)% (22.060) 14,82% UTILE PRIMA DELLA COMP. STRAORDINARIA ,5% ,8% (98.743) (7,63)% Oneri (Proventi) str.ri netti (1.741) 0,0% ,5% (88.352) (102,01)% UTILE PRIMA DELLE TASSE ,5% ,2% ( ) (13,55)% Imposte e tasse dell esercizio ( ) (2,4)% ( ) (2,5)% (10,28)% UTILE-PERDITA DELL ESERCIZIO ,1% ,7% ( ) (15,34)% 25

26 DALL ANALISI DI TALE DOCUMENTO EMERGE QUANTO SEGUE: 1. Il totale dei ricavi registra un decremento, attestandosi a circa -4,72% rispetto all anno precedente; 2. Rispetto al 2012, l incidenza % sulle vendite del costo delle materie prime e delle merci risulta in sensibile diminuzione, con una variazione relativa di circa -1,50%. Questo dato deriva da una contrazione dei prezzi di acquisto sia dell alluminio che delle merci importate dal Giappone. In quest ultimo caso il vantaggio è conseguente all apprezzamento dell Euro sulla moneta nipponica. 3. Rispetto alle vendite il costo del lavoro risulta in aumento sia in valore assoluto che in termini relativi rispetto alle vendite passando dal 17,20% del 2012 al 19,20% del L aumento deriva dalla modifica del CCNL applicato alla forza lavoro che ne ha incrementato il costo; sono inoltre state inserite nuove figure professionali con RAL significative. 4. Gli ammortamenti in valore assoluto e in termini relativi sono in linea con quelli dell esercizio precedente; 5. Sono stati prudenzialmente accantonati a fondo svalutazione crediti commerciali /mgl 69 riguardanti crediti in sofferenza di cui si dubita circa il recupero. Si ritiene che i fondi stanziati siano congrui per coprire eventuali perdite che dovessero nel frattempo emergere; 6. L incidenza degli oneri finanziari è costante rispetto al 2012 seppur a fine anno risulta in crescita a causa del completamento degli investimenti immobiliari. E sensibilmente diminuita l esposizione debitoria media annua nei confronti del sistema creditizio, anche in virtù di una migliore gestione del capitale circolante. I tassi variabili legati all andamento dell Euribor hanno beneficiato di una riduzione dello stesso nel corso del 2013; 7. Il margine operativo lordo, ampiamente positivo, in valore assoluto risulta in leggera diminuzione rispetto al 2012 ma, la sua incidenza, rapportata alle vendite rimane costante (13,60%); 8. Le imposte dell esercizio incidono sul risultato ante imposte del 36,65% rispetto al 35,23% dell anno precedente. 26

27 LA STRUTTURA PATRIMONIALE E FINANZIARIA in unità di Al 31 dicembre 2013 il patrimonio netto della Società, comprensivo del risultato economico dell esercizio, ammonta ad La struttura patrimoniale della Società alla medesima data evidenzia le consistenze riportate nel prospetto che segue: CAPITALE CIRCOLANTE NETTO Variazioni crediti commerciali altri crediti rimanenze fornitori altri debiti ratei e risconti netto ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) TOTALE C. C. NETTO % % ( ) CAPITALE FISSO immobilizzazioni tfr (45.038) (44.429) TOTALE C. F. NETTO % % TOTALE CAPITALE INVESTITO % % Finanziato da: disponibilità liquide debiti finanziari a breve (9.226) (5.474) DEBITI FINANZIARI A BREVE NETTI % % debiti finanziari a m. l % % ( ) TOTALE DEBITI FINANZIARI % % patrimonio netto utile dell esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO % % TOTALE FONTI % % Dal prospetto si evince che: il capitale investito netto è in sensibile incremento. In particolare sono aumentati gli investimenti fissi a seguito del completamento dell opificio di Taranto. Il Capitale Circolante invece è in decremento influenzato alla diminuzione delle rimanenze e dall aumento dei debiti vs fornitori; l indebitamento finanziario è aumentato, con un incremento di /mgl 1.013, passando dal 44% delle fonti nel 2012 al 46% nel In particolare sono aumentati i debiti finanziari a breve termine per /mgl 1.640, mentre sono diminuiti i debiti finanziari a m/l termine per /mgl 627; i mezzi propri rappresentano il 54% del totale delle fonti. 27

28 INDICI FINANZIARI, ECONOMICI E PATRIMONIALI Equilibrio Patrimoniale Capitale Proprio / Capitale Investito Fisso 88,14% 103,82% (Capitale Proprio + Capitale terzi m/l) / Capitale Investito Fisso 116,07% 146,95% Rigidità impieghi (Capitale Investito Fisso / Capitale Investito) 0,62 0,54 Grado Capitalizzazione (Capitale Proprio / Capitale Terzi) 119,58% 126,12% Equilibrio Economico ROI (Margine Operativo Netto / Capitale Investito) 7,79% 9,16% ROI Rettificato (Margine Operativo Lordo / Capitale Investito) 14,27% 16,60% ROE (Utile netto / Capitale Proprio) 7,92% 10,16% ROD (oneri finanziari passivi / Capitale di terzi medio annuo) 2,75% 3,69% ROS (Margine Operativo / Ricavi delle vendite) 7,77% 7,82% Equilibrio Finanziario Coeff. di Indebitamento (Capitale di terzi / Capitale Proprio) 0,84 0,79 Tournover (Fatturato / Capitale Investito) 1,00 1,17 Trend di sviluppo Var. Fatturato (4,72%) (17,88%) Var. Capitale Fisso - Var. Fatturato 32,64% 18,43% Var. (Capitale di terzi - Capitale Proprio) 5,47% (38,05%) Var. (ROI Rettificato - ROD) (10,75%) (11,19%) l Economic Value Added, (EVA): è un metodo che confronta il ritorno del capitale investito in azienda con il costo dei fattori che lo hanno generato. Permette di comprendere se il management riesca a produrre profitti superiori al rendimento che il capitale investito in azienda produrrebbe se fosse investito in attività rischiose. La sua determinazione è: EVA=NOPAT - (WACC*C) Dove: NOPAT = Net Operatime Profit After operative Taxes, (Utile operativo netto dopo le imposte operative); WACC= Weighted Average Cost of Capital, (costo medio ponderato del capitale); C=Net Invested Capital, (Capitale investito netto); EVA (considerando un costo medio del capitale del 5%) EQUILIBRIO PATRIMONIALE: Gli indici di equilibrio patrimoniale mostrano dati significativamente positivi. In particolare il capitale investito fisso risulta coperto circa l 88% dai mezzi propri e per il 116% dai mezzi propri sommati con i debiti a medio lungo. Il rapporto tra capitale proprio e capitale di terzi è di 1,20 manifestando una certa indipendenza della società dai terzi finanziatori. EQUILIBRIO ECONOMICO: Gli indici di redditività mostrano un azienda in salute con buone performance economiche, anche se leggermente in flessione rispetto all esercizio precedente. Il ROD resta abbondantemente sotto il ROI, segno che il ricorso anche a finanziamenti di terzi è una scelta corretta. Il ROS è ampiamente positivo e mostra una redditività delle vendite in grado di coprire i costi operativi e i costi non operativi. EQUILIBRIO FINANZIARIO: Il coefficiente di indebitamento mostra un indice in leggero incremento. Tale risultato è la naturale conseguenza del completamento degli investimenti immobiliari del nuovo sito di Taranto. 28

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND fondo pensione aperto (già DB OMNIFUND fondo pensione aperto ) è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di DB Vita

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI 2015 (VS PRIMI NOVE MESI 2014)*: RICAVI NETTI: 334,8

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Annual Report 2014. ZanzarSistem

Annual Report 2014. ZanzarSistem Annual Report 2014 ZanzarSistem anno 2014 Annual Report 2014 ZanzarSistem Indice company report Lettera del presidente...11 Corporate Governance...13 Relazione sulla gestione degli amministratori... 18

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori.

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. GIULIANO SOLDI

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE VIALE VIRGILIO 31-74121 - TARANTO (TA) Codice fiscale: 02775310739 Capitale sociale sottoscritto Euro 100.000 parte versata Euro 100.000 Registro Imprese n 02775310739

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 15 maggio 2012 - Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

valutazione delle aziende; EVA.

valutazione delle aziende; EVA. Oggi parliamo di: valutazione delle aziende; calcolo del capitale economico; EVA. Quando è necessario stimare il valore di un azienda? GARANZIE SOCIETARIE STRATEGIE DI SVILUPPO VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): RICAVI NETTI:

Dettagli