Università degli Studi di PALERMO. LM-63 - Scienze delle pubbliche amministrazioni. inglese.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di PALERMO. LM-63 - Scienze delle pubbliche amministrazioni. inglese. http://portale.unipa.it/facolta/scienzepolitiche"

Transcript

1 Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Università degli Studi di PALERMO Sviluppo sostenibile delle organizzazioni pubbliche e private (IdSua: ) LM-63 - Scienze delle pubbliche amministrazioni Managing Sustainable Development in Public and Private Organisations inglese Tasse Modalità di svolgimento Pdf inserito: visualizza convenzionale Referenti e Strutture Presidente (o Referente o Coordinatore) del CdS Organo Collegiale di gestione del corso di studio Struttura didattica di riferimento BELLAVISTA Alessandro Consiglio di corso di studio interclasse L16 e LM63 Studi Europei e dell'integrazione Internazionale. Diritti, Economia, Management, Storia, Lingue e Culture (D.E.M.S.) Docenti di Riferimento N. COGNOME NOME SETTORE QUALIFICA PESO TIPO SSD 1. BIANCHI Carmine SECS-P/07 PO 1 Caratterizzante 2. BIVONA Enzo SECS-P/07 RU 1 Caratterizzante 3. GROSSLER ANDREAS (Radboud University Nijmegen (School of Management)) IUS/09 PA 1 Caratterizzante 4. VAN DEEMEN AD (Radboud University Nijmegen (School of Management)) SPS/04 PA 1 Caratterizzante 5. DAVIDSEN PAAL INGEBRIGT (Universitetet Bergen) SECS-S/05 PO 1 Caratterizzante

2 6. MOXNES ERLING (Universitetet Bergen) MAT/09 PO 1 Caratterizzante 7. VENNIX JAC (Radboud University Nijmegen (School of Management)) SPS/01 PO 1 Affine Rappresentanti Studenti Gruppo di gestione AQ Tutor NICOLOSI Massimiliano Alessandro Bellavista Carmine Bianchi Luca Fiorito Enzo Bivona Massimiliano Nicolosi Riccardo Tantillo Federico COSENZ Enzo BIVONA Carmine BIANCHI Il Corso di Studio in breve Il CdS è diretto a rispondere a specifiche esigenze delle Aziende Pubbliche e Private, che consistono principalmente nel bisogno di supportare il coordinamento tra i diversi attori del settore nella progettazione delle politiche, nell'implementazione delle strategie e nel governo della performance aziendale. Padroneggiare il governo della performance e la progettazione strategico delle aziende pubbliche e private, e declinarli nel più ampio sistema istituzionale, competitivo e giuridico sono competenze fondamentali di un profilo professionale idoneo a contribuire ad un cambiamento nell'approccio culturale. Gli sbocchi occupazionali riguardano la figura del manager/dirigente/consulente che intenda intraprendere una carriera internazionale in ambiti riguardanti il governo della performance aziendale sia nel settore pubblico sia in quello privato. Link inserito:

3 QUADRO A1 Consultazione con le organizzazioni rappresentative - a livello nazionale e internazionale - della produzione di beni e servizi, delle professioni Per il presente corso, sono stati effettuati diversi incontri di consultazione delle parti sociali durante il corso dell'intero AA 2013/2014, ai quali sono intervenuti: il Comune di Palermo, Confindustria Palermo, l'ente Autonomo Teatro Massimo di Palermo, le aziende di pubblici servizi AMAT e AMAP di Palermo. In generale gli interlocutori hanno apprezzato l'impostazione multidisciplinare della proposta formativa e giudicato positivamente la flessibilità della formazione offerta dalla facoltà che forma laureati con la capacità di specializzarsi anche in ambito lavorativo. Nell'ambito degli incontri si è molto insistito sull'importanza dei tirocini, sia curriculari che formativi, e sulla necessità di creare legami stabili fra l'università 8o il Dipartimento, o la Scuola) con il mondo sociale e produttivo in modo da consentire continui feedback sull'attualità dell'offerta formativa. A tal fine è stata siglata una specifica convenzione tra il DEMS (Dipartimento di afferenza dei docenti promotori del corso) e il Comune di Palermo per lo svolgimento di progetti relativi al ciclo della performance (d.lgs 150/2009) e altri progetti finalizzati allo svolgimento di progetti sul campo da parte degli studenti. Le consultazioni sono state effettuate dalla commissione di gestione AQ nel corso dell'anno accademico 2013/2014 con cadenza bimestrale. Dopo l'individuazione del target di riferimento, la conseguente consultazione è stata strutturata in due fasi: - fase 1: somministrazione di un questionario in formato elettronico sulle aspettative rispetto al corso, con ampio spazio per i suggerimenti e le richieste di competenze specifiche. - Fase 2: organizzazione di uno o più focus group con le parti interessate, finalizzati ad una migliore definizione delle competenze richieste dal mercato del lavoro, nel rispetto delle specifiche professionali previste dell'ordine. La documentazione della consultazione potrà consistere in una relazione sintetica sugli incontri con le parti interessate ed i relativi esiti. QUADRO A2.a Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati DIRIGENTE/FUNZIONARIO ALL'INTERNO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE funzione in un contesto di lavoro: Governo dei processi di sviluppo aziendale e della performance delle organizzazioni pubbliche. Progettazione e implementazione di sistemi di performance management nella pubblica amministrazione. Supporto ai processi decisionali e al disegno delle politiche pubbliche. competenze associate alla funzione: Svolge funzioni di elevata responsabilità nell'ambito dei sistemi di programmazione e controllo, in particolare: - supporta il soggetto politico sia nella formulazione di piani strategici che nella valutazione dell'efficacia dell'azione intrapresa; - supporta il dialogo e i processi di comunicazione e apprendimento tra politici e managers, nonchè la comunicazione e lo sviluppo di politiche che riguardino le aree-sistema, cioè quelle che accolgono diverse istituzioni, pubbliche e private; - progetta, gestisce e dirige programmi di miglioramento dei processi amministrativi, al fine di accrescere l'efficienza e l'efficacia delle diverse unità operative. Principali sbocchi occupazionali: - Uffici centrali e periferici dell'amministrazione dello stato; - Amministrazioni di Enti Locali e Regionali (staff del Presidente/Sindaco, Assessorati, City Manager); - società di consulenza ed enti diversamente preposti allo sviluppo di politiche di sviluppo di aree sistema di ambito regionale o interregionale.

4 sbocchi professionali: Organizzazioni pubbliche nazionali, europee e internazionali, enti, amministrazioni, istituzioni pubbliche (amministrazioni locali, Ministeri, Assessorati). Il laureato magistrale inoltre ha accesso a corsi di master di secondo livello, corsi di specializzazione e dottorato di ricerca a livello nazionale e internazionale. MANAGER DI IMPRESA PRIVATA funzione in un contesto di lavoro: Governo dei processi di sviluppo aziendale, di risanamento e della performance delle imprese private. Progettazione e implementazione di sistemi di performance management nelle aziende operanti nel settore privato. Supporto ai processi decisionali e al disegno di strategie basate sul binomio sostenibilità-competitività. competenze associate alla funzione: Svolge funzioni di elevata responsabilità nell'ambito di aziende caratterizzate da elevata complessità, in particolare: - supporta il top management nella formulazione, valutazione e attuazione delle strategie aziendali; - supporta i processi di analisi e diagnosi strategica; - supporta la realizzazione di business plan a sostegno dei processi di start-up, di governo dello sviluppo sostenibile e di risanamento aziendale; - progetta e supporta la concreta applicazione dei sistemi di programmazione e controllo di gestione in un'ottica di apprendimento strategico; Principali sbocchi occupazionali: - imprese private. sbocchi professionali: Imprese nazionali e multinazionali, piccole e medie imprese, start-up e imprese di più grandi dimensione. Il laureato ha accesso inoltre a corsi di master di secondo livello, corsi di specializzazione e dottorato di ricerca a livello nazionale e internazionale. CONSULENTE DI DIREZIONE AZIENDALE funzione in un contesto di lavoro: Consulenza nei processi di sviluppo aziendale e della performance delle organizzazioni pubbliche e private. Consulenza alla progettazione e implementazione di sistemi di performance management nella pubblica amministrazione e nel settore privato. Supporto ai processi decisionali e al disegno delle politiche pubbliche e delle strategie competitive per le imprese. competenze associate alla funzione: Svolge funzioni di consulente e libero professionista nell'ambito della direzione aziendale e del governo dello sviluppo sostenibile dei sistemi aziendali, in particolare: - progetta, gestisce e dirige programmi di innovazione in grado di migliorare i sistemi di programmazione e controllo di gestione di organizzazioni pubbliche e private; - progetta le politiche di formazione e aggiornamento del capitale umano; - progetta e gestisce indagini intra- e inter-organizzative. Principali sbocchi occupazionali: - imprese pubbliche e private e organizzazioni - studi di consulenza alle imprese. sbocchi professionali: Studi di consulenza aziendale e di direzione aziendale; Società di consulenza nazionale e multinazionale; Liberi professionisti, esperti in programmazione e controllo di gestione. QUADRO A2.b Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT) Specialisti della gestione nella Pubblica Amministrazione - ( ) Specialisti del controllo nella Pubblica Amministrazione - ( ) Specialisti in pubblica sicurezza - ( ) Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private - ( ) Specialisti dei sistemi economici - ( )

5 6. Specialisti dell'economia aziendale - ( ) QUADRO A3 Requisiti di ammissione Students who want to enroll in the European Master of Science in System Dynamics, should meet the following requirements: - students should hold a BSc. degree in social sciences, management sciences, natural sciences or engineering sciences - exclusively students with average grades between A and B are accepted - Proof of proficiency in English. - The language requirements for admission to the programme are: TOEFL > 575 (paper-based), > 233 (computer-based), IELTS > 6,5 or previous degree in English (copy of degree required). If the student's first language is English, he/she will not be required to provide an English language test score. The student is considered to be a native speaker of English if he/she is from Australia, Canada, Ireland, New Zealand, Singapore, UK, USA or South Africa, and if English was the language in which the student gain his/her qualifications Gli studenti che desiderano iscriversi al corso devono possedere I seguenti requisiti: - laurea (scienze sociali, scienze economico-aziendali, scienze naturali, ingegneria; - solo gli studenti con una elevata media dei voti delle materie sostenute (A, B) saranno accettati; - comprovata conoscenza della lingua inglese. Gli studenti devono inoltre dimostrare una elevata conoscenza della lingua inglese, attraverso i seguenti criteri: TOEFL > 575 (paper-based), > 233 (computer-based), IELTS > 6,5 o precedenti lauree conseguite in lingua inglese (è richiesta la copia del certificate di laurea). Se la prima lingua dello studente è l'inglese, a lui/lei non sarà richiesto di fornire attestazioni a conferma della padronanza della lingua inglese. Lo studente è considerato madre-lingua inglese se cittadino: australiano, canadese, irlandese, neozelandese, di Singapore, inglese, Americano, sudafricano, e se l'inglese è stata la lingua in cui ha conseguito i suoi titoli. Link inserito: Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: requisiti QUADRO A4.a Obiettivi formativi specifici del Corso La laurea magistrale internazionale in "Sviluppo Sostenibile delle Organizzazioni Pubbliche e Private" è tenuta in lingua inglese e mira a fornire una formazione fondata su una solida preparazione metodologica, sia di tipo qualitativo sia di tipo quantitativo, e sull'acquisizione di competenze specialistiche nel campo della Scienza dell'amministrazione delle organizzazioni pubbliche e private, della Scienza della Sostenibilità e della Metodologia multidisciplinare della System Dynamics a supporto dell'analisi e modellizzazione di politiche di sviluppo sostenibile. La formazione acquisita tramite questo corso di laurea consente allo studente di poter accedere ad opportunità di lavoro sia nel settore pubblico che privato. Infatti, se da un lato, la continua ricerca e introduzione di politiche innovative che consentano di migliorare l'efficacia e l'efficienza della pubblica amministrazione, e di favorirne l'adeguamento alle nuove opportunità offerte dall'informatica, richiede professionalità che siano in grado di comprendere la complessità che caratterizza la singola organizzazione, individuare gli attori chiave del sistema analizzato, i processi decisionali e di governo ai diversi livelli organizzativi, esplicitare le relazioni causali tra le principali variabili del fenomeno investigato, e supportare i processi di apprendimento strategico dei decisori nella comprensione dei possibili futuri alternativi, alla luce dei modelli di dinamica dei sistemi realizzati.

6 D'altro lato, le mutevoli trasformazioni del settore privato e la sostenibilità dello sviluppo delle singole organizzazioni non possono essere comprese adeguatamente senza un'attenta analisi non soltanto del contesto specifico in cui le imprese operano, ma anche del più ampio sistema socio-economico, oggetto sempre più spesso di politiche di interesse pubblico (con riferimento, ad esempio, ad obiettivi sociali, di tutela ambientale, etc.) che finiscono per avere dei riflessi fortemente condizionanti della "vita" e delle strategie future delle aziende. Da ciò ne deriva, che sia il settore pubblico che quello pubblico richiedono in misura crescente nuove politiche alternative di sviluppo sostenibile, e di nuovi profili professionali che siano in grado di individuare tali politiche sulla base delle specificità delle singole organizzazioni. Il corso di studio propone un percorso formativo che in primo luogo, rispetto alla classe delle Scienze delle pubbliche amministrazioni, approfondisce gli aspetti metodologici. Ciò, al fine di consentire ai laureati di meglio comprendere i processi decisionali e di governo ai diversi livelli delle organizzazioni pubbliche e private, e di elaborare modelli dinamici di simulazione a supporto dei processi di programmazione delle politiche di sviluppo. In quest'ottica va inteso l'inserimento degli insegnamenti qualificanti nell'ambito dell'economia applicata, della Scienza Politica e della Psicologia del lavoro e degli Studi organizzativi. In secondo luogo, le attività formative caratterizzanti mirano a fornire competenze avanzate nell'ambito del Scienza dell'amministrazione, della Teoria del Group Model Building e dell'analisi e valutazione della sostenibilità delle politiche di sviluppo al fine di favorire nei laureati capacità di analisi di specifici contesti socio-economici, politico-istituzionali, di decifrare la natura delle relazioni di cooperazione e conflitto intra e inter-organizzative, di valutare e quantificare l'efficacia, l'efficienza e, più in generale, la performance delle organizzazioni, di svolgere analisi costi/benefici, di elaborare programmi volti a valutare la "customer satisfaction", di pianificare e gestire le relazioni inter-aziendali o inter-istituzionali. Gli obiettivi formativi del corso sono conseguiti anche attraverso un'ampia scelta di attività affini e integrative nei settori giuridico, economico, politico e sociale. L'inserimento di tali settori tra le attività formative affini e integrative - oltre che tra le attività caratterizzanti - dipende dal fatto che poiché le discipline giuridiche, sociologiche, politologiche ed economiche coprono una vasta gamma di sotto-aree disciplinari, possono essere declinate in modo diverso a seconda che siano intese a fornire le conoscenze caratterizzanti del corso o a sviluppare approfondimenti di specifiche tematiche che integrino tali conoscenze. L'inserimento di tali settori disciplinari ha inoltre la funzione di consentire un più alto grado di riconoscibilità del percorso formativo svolto degli studenti in mobilità presso gli altri Atenei in convenzione. Le competenze di merito e di metodo acquisite durante il corso pongono il laureato in grado di svolgere anche attività di libera professione come consulente esperto nella programmazione delle strategie e politiche di sviluppo delle organizzazioni pubbliche e private oppure di inserirsi come manager nelle imprese private, nelle amministrazioni e nelle organizzazioni pubbliche, a livello locale, nazionale e sovranazionale. Così come stabilito nella convezione di istituzione del corso 30/01/2009 e successivamente modificate nel corso del 2012, il corso di laurea caratterizzato da una mobilità degli studenti, all'interno del network delle Università di Bergen, Nijmegen, Lisbona e Palermo. Il corso di laurea prevede che lo studente debba seguire un intero semestre presso ciascuna delle università che contribuiscono ad attivare il presente corso di laurea, secondo lo schema di seguito riportato: Primo anno - primo semestre Presso l'università di Bergen, gli studenti seguiranno dei corsi orientati all'acquisizione delle conoscenze e competenze per realizzare dei modelli di dinamica dei sistemi applicati al governo dello sviluppo; Primo anno - Secondo semestre Gli studenti hanno possibilità di poter scegliere tra: - l'università di Palermo, presso la quale gli studenti seguiranno dei corsi finalizzati allo sviluppo di modelli di dinamica dei sistemi a supporto dei processi di programmazione e controllo per il governo sostenibile dei sistemi aziendali (imprese e pubbliche amministrazioni); e - l'università di Lisbona, presso la quale gli studenti avranno la possibilità di acquisire le conoscenze e competenze relative alle principali metodologie applicate in ambito di sostenibilità dei sistemi ambientali;

7 Secondo anno - Primo semestre Presso l'università di Nijmegen, gli studenti avranno l'opportunità di comprendere i metodi da adottare per lo sviluppo dei modelli di dinamica dei sistemi con il coinvolgimento degli attori-chiave, attraverso l'approccio del cosiddetto group model building. Secondo anno - Secondo semestre Dopo avere svolto l'attività didattica presso gli Atenei sopra menzionati, il secondo semestre del secondo anno sarà interamente dedicato allo svolgimento di un progetto di ricerca da realizzare con un'organizzazione pubblica o privata. Il corso di laurea in oggetto consentirà agli studenti di ottenere un titolo di studio congiunto (joint degree) rilasciato dall'università di Palermo e dall'università di Bergen. Invece, a causa delle limitazioni presenti nella normativa olandese e portoghese, le Università di Nijmegen e Lisbona provvederanno a rilasciare un cosiddetto Diploma Supplement. Tale diploma certifica che il corso di laurea è stato conseguito con successo presso tali Università e riporta la votazione finale. QUADRO A4.b Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione Capacita di applicare conoscenza e comprensione Giuridico-amministrativa Conoscenza e comprensione Students will learn the fundamental knowledge of law regulating public administrations and the main problems of bureaucratic bodies. Such knowledge has got a theory and practical dimension. They are indispensable for those wishing to pursue a career in a government department or public body of a global economy. Students learn to provide advice to public and private entities for economic, political, international cooperation, or otherwise, to operate in the globalized legal space. The courses will also take students through the central issues of regulation and discuss these from a multidisciplinary perspective. Furthermore, students will learn the impact of antitrust law and competition law on new member states, like Cyprus, Romania, Bulgaria. Gli studenti impareranno i fondamenti delle leggi che regolano le amministrazioni pubbliche e come affrontare le principali criticità collegate all'amministrazione burocratica degli enti pubblici. Tali insegnamenti sono ritenuti indispensabili per una carriera presso dipartimenti governativi e altri enti pubblici nell'ambito di un'economia gobalizzata. Gli studenti impareranno come svolgere servizi di consulenza alle aziende pubbliche e private al fine di migliorare la cooperazione internazionale, politica ed economica in contesti internazionali. Inoltre, gli studenti apprenderanno l'impatto delle regolamentazioni antitrust e concorrenziali sui nuovi paesi UE, come Cipro, Romania e Bulgaria. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Students engage in real life case-study that will be conducted in particular with respect to the global administrative law. They will cover: Global Standards, Global Administrative Law Principles, The Global Enforcement of Decisions, Judicial Globalization, Conflicting Jurisdictions, Global Dimensions of Democracy, Europe in the Global Space. Furthermore, regulation is a key concern of governments, industries, consumers, citizens and NGOs alike. Understanding complexity of regulation in regulatory multi levels contexts (regional law, national law, European law as well as ASEAN, OHADA or MERCOSUR law, WTO constrains, lex mercatoria, etc.), disengaging and systemizing pluralities and conflicting interests among different subjects in a pretty often regulatory overlapped contexts, does represents an indefeasible expertise either in a public management perspective or in a private one. Students will also apply their knowledge in (1) understanding EU competition law and its implementation at national level; (2) establishing an environment to foster the development of networks between people coming from the target States; (3) enhancing debates on current problems faced by national judges in the implementation of EU competition law, and on future directions of legal cooperation between different national systems.

8 Gli studenti saranno coinvolti nello svolgimento di casi di studio nell'ambito della regolamentazione amministrativa. I temi principali riguardano: gli standard globali, i principi di diritto amministrativo, la giurisdizione dei conflitti e delle dispute globali, le dimensioni della democrazia e il ruolo dell'europa in un contesto internazionale. La regolamentazione amministrativa è infatti un concetto chiave per governi, industrie, consumatori, cittadini e NGO. La comprensione della sua complessità in un contesto multidimensionale (leggi regionali e nazionali, leggi Europee, leggi ASEAN, OHADA o MERCOSUR, vncoli WTO, lex mercatoria, etc.) rappresenta una competenza di rilievo sia nel settore pubblico sia in quello privato. Gli studenti applicheranno le conoscenza acquisite nella (1) comprensione delle leggi sulla concorrenza EU e la loro adozione in ambito nazionale; (2) nell'istituzione di un sistema volto a sviluppare network con i soggetti provenienti dai paesi coinvolti; (3) consolidare il dibattito sugli attuali problemi affrontati dai giudici nazionali nell'implementazione delle leggi sulla concorrenza europee e sulla cooperazione internazionale.

9 Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: Visualizza Insegnamenti Chiudi Insegnamenti FUNDAMENTALS OF DYNAMIC SOCIAL SYSTEM url SYSTEM DYNAMICS MODELLING PROCESS url MODEL-BASED ANALYSIS AND POLICY DESIGN url DYNAMIC PERFORMANCE MANAGEMENT IN THE PUBLIC SECTOR url PLANNING AND CONTROL SYSTEMS url SYSTEM DYNAMICS FOR BUSINESS STRATEGY url GROUP MODEL BUILDING I url ALTRE ATTIVITA' FORMATIVE url RESEARCH METHODOLOGY url STRATEGIC DECISION-MAKING url PROVA FINALE url COMPUTER SIMULATION MODELS AND ORGANIZATIONAL DECISION-MAKING url GROUP MODEL BUILDING II url Economica ed economico-aziendale Conoscenza e comprensione Students gain knowledge about the fundamentals of designing P&C systems to support the steering and management processes of different organizations operating in the public management context, as well as the private one (with a particular focus on small medium enterprises). They gain a systemic and design-oriented view of P&C. Students specifically learn about the factors of complexity particularly influencing and characterizing the planning, policy design and management in both public and private sectors. They will also know how to apply the fundamentals of P&C design to private and public sector organizations, in order to support their governance and management processes. They also learn to analyze and diagnose organizations solvency and liquidity, and to draw up plans that reflect the dynamics of the public and private sectors. Students learn to analyze problems at different consequential levels, i.e. departmental, political, interdepartmental, cross-institutional. The need to link the political and managerial level, planning and control, design and implementation, policy formulation and evaluation is emphasized. The benefits of joined-up government are explored, and linked with the need to frame the value chain leading to deliver products to citizens, through the fulfillment of processes and activities. Improving service quality and operational efficiency are analyzed as primary outcomes of more learning-oriented P&C systems, according to a New Public Management perspective in the public domain. Students also learn how to adapt the System Dynamics method as an approach to foster a learning-oriented view of Planning and Control in both private and public sectors. They learn how to relate system dynamics models coherently and consistently to other Planning and Control models to better support key-actors learning and decision making in and across various public and private domains. The courses also deliver an introduction to theories of organizations and strategic interaction that rely on economic thinking. Students will familiarize with these theoretical approaches, to guide them to the research frontier in selected topics, and to let them explore open and interesting research questions, both theoretical and empirical, on their own. We will study relationships within firms (authority, incentives, delegation), between firms (formal and informal contracting, vertical and horizontal integration, strategic alliances, firm networks and groups), and beyond firms (organizations and institutions, economic governance). We will review the main economic theories that explain the existence, scale, and scope of firms (transaction costs economics, property rights theory, agency theory, and adaption theory) and study the impact of an organizations form (for-profit, nonprofit, public or cooperative) on its decisions. Furthermore, students will learn knowledge of the main theories on the role of the state and their positive and normative claims. The course offers to students to possibility to gain a wide understanding of how states work and their effects on the functioning of the economy. Il corso si propone di formare esperti in governo dello sviluppo aziendale, con particolare riferimento alla realtà della piccola-media impresa e dell'azienda pubblica. Un esperto in governo dello sviluppo aziendale è in grado di programmare i processi di risanamento e di crescita alla luce di un'analisi e diagnosi strategica che deriva da una visione sistemica delle variabili rilevanti. Ciò è possibile, attraverso una selettiva individuazione:

10 delle risorse-chiave per lo sviluppo aziendale (capacità produttiva, conoscenza, immagine, liquidità, patrimonio, servizio al cliente, etc.); delle relazioni causali, anche di tipo non lineare, sottostanti ai processi di accumulazione e degrado delle risorse-chiave; dei ritardi temporali intercorrenti tra cause ed effetti; delle leve direzionali sulle quali agire per attivare i processi di risanamento e di crescita desiderati; dei fattori che influenzano la performance aziendale (monetaria e non); delle variabili interne ed esterne che influenzano i fenomeni da gestire. Questa prospettiva consentirà agli studenti di acquisire le conoscenze e capacità necessarie per potere realizzare - insieme ai principali decisori - modelli di simulazione basati sulla system dynamics, a supporto dei processi di apprendimento nel governo dello sviluppo aziendale. Lo studente sarà, inoltre, in grado di raccordare i modelli di system dynamics con i modelli contabili, che costituiscono

11 l'ossatura fondamentale del sistema di controllo di gestione e di pianificazione strategica nell'ambito di ambienti interattivi di apprendimento a supporto della redazione del business plan in un'ottica dinamica. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Students will engage in real life case-study analyses that will be conducted, in which they will apply their knowledge and understanding acquired from the field of P&C, facilitated through the use of system dynamics mapping. These applications will extend into the courses: Dynamic Performance Management in the Public Sector and System Dynamics for Business Strategy. Particularly, students develop System Dynamics models and Interactive learning Environments (ILEs) to facilitate effective planning, control, policy design, strategy development, and implementation in various public and private (with a particular focus on small medium enterprises) contexts. Students will also analyze how to assess and manage sustainable development. Students will demonstrate their ability to transfer their skills across management disciplines and public sectors and will learn to approach a problem from a multi-sector and a multi-disciplinary perspective. Students will engage in both theoretical and applied learning related to economics of the state and organization. In particular, they will apply economics theories and will be required to develop simple econometric analysis to test hypotheses about the functioning of the state and, in general, of institutions. Students will also be required to demonstrate their communicative abilities, both in writing and in presenting their ideas. Gli studenti saranno coinvolti nello sviluppo di casi di studio basati sulla realizzazione di sistemi di programmazione e controllo attraverso l'utilizzo della metodologia system dynamics. Queste applicazioni saranno alla base delle due principali tematiche denominate: Dynamic Performance Management in the Public Sector and System Dynamics for Business Strategy. In particolare, gli studenti svilupperanno modelli di simulazione volti a facilitare la pianificazione e il controllo in chiave strategica sia nelle organizzazioni del settore pubblico sia di quello privato (con particolare riferimento alle PMI). Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: Visualizza Insegnamenti Chiudi Insegnamenti FUNDAMENTALS OF DYNAMIC SOCIAL SYSTEM url SYSTEM DYNAMICS MODELLING PROCESS url MODEL-BASED ANALYSIS AND POLICY DESIGN url DYNAMIC PERFORMANCE MANAGEMENT IN THE PUBLIC SECTOR url PLANNING AND CONTROL SYSTEMS url SYSTEM DYNAMICS FOR BUSINESS STRATEGY url GROUP MODEL BUILDING I url ALTRE ATTIVITA' FORMATIVE url RESEARCH METHODOLOGY url STRATEGIC DECISION-MAKING url PROVA FINALE url COMPUTER SIMULATION MODELS AND ORGANIZATIONAL DECISION-MAKING url GROUP MODEL BUILDING II url Politologica Conoscenza e comprensione Students will be expected to develop an interdisciplinary perspective on policy analysis; one that can combine concepts and methodologies derived from the main disciplines composing the social sciences: politics, sociology and economics. They will be required to develop the analytical skills needed to arrive at a full understanding of the problems public intervention is supposed to solve, as well as those affecting the political process itself, and think policy making and implementation as self-reflexive activities. Students will also learn to analyze the role, internal dynamics, decision-making processes and outputs of the main institutions of the international political system in several fields. They learn to analyze processes of institutional innovation, institutional design and institutional adaptation at the international level. They also learn to analyze the cycle of a global public policy in different areas (peace operations, organized crime, health, environment, democracy, disasters, etc.). They learn to assess the interactions between the national, regional and international levels and the consequences that contemporary international

12 institutions and global public policies have at the national level. Students will be able to explain different theories and models of strategic decision-making and game theory. On this concern, students will learn the fundamentals of qualitative Group Model Building, i.e. a method embedded in and compared to other approaches to problem solving and strategic decision-making. They know scripts for Group Model Building sessions that represent components of successful applications of the method. The role of models in policy processes and the concepts of organisational interventions with system dynamics will be also discussed. Gli studenti saranno tenuti a sviluppare una prospettiva interdisciplinare sull'analisi delle politiche; tale da unire i concetti e le metodologie derivate dalle principali discipline che compongono le scienze sociali: politica, sociologia ed economia. Essi saranno tenuti a sviluppare le capacità analitiche necessarie per giungere a una piena comprensione dei problemi legati all' intervento pubblico, così come quelli che riguardano il processo politico in sé, legati alla definizione e all'attuazione della politica come attività di auto- riflessiva. Gli studenti potranno anche imparare ad analizzare il ruolo, le dinamiche interne, i processi delle principali istituzioni del sistema politico internazionale in vari settori decisionali. Essi imparano ad analizzare i processi di innovazione istituzionale, disegno istituzionale e adeguamento istituzionale a livello internazionale. Impareranno anche ad analizzare il ciclo di una politica pubblica globale in diversi settori (operazioni di pace, la criminalità organizzata, la salute, l'ambiente, la democrazia, disastri ambientali, ecc.) Impareranno a valutare le interazioni tra i livelli nazionale, regionale e internazionale e le conseguenze che le istituzioni internazionalie le politiche pubbliche globali hanno a livello nazionale. Gli studenti saranno in grado di spiegare differenti teorie e modelli di processo decisionale strategico e teoria dei giochi. Su

13 questo punto, gli studenti impareranno i fondamenti del Group Model Building, cioè un metodo integrato rispetto ad altri approcci al problem solving e decision- making strategico. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Students will be encouraged to employ hypothetical and real life case-studies and develop their learning abilities by blending virtual simulations and specific empirical enquiries in distinct policy areas. In this regard, they will be asked to familiarizes themselves with a number of recent techniques developed to consult, involve and motivate the social and institutional actors whose compliance is sought by policy makers: focus groups, deliberative survey, citizens juries, peer-review. Students apply also their knowledge of international processes to elaborate both policy papers and original researches. They understand processes of globalization, Europeanization, interdependence and socialization, and their incidence on national legislative production, on national policies, on imposition of standards, on acquisition of values and norms, on habits of cooperation, on policy communities and their working methods. Students will be able to transfer the knowledge and understanding they have acquired in this course to other fields of the social sciences. In addition, paradigmatic research designs are understood. Students will be also able to conduct qualitative Group Model Building sessions themselves. In addition, they will have used different supplementary tools, like interviews, brainstorming, etc. In general, students become enabled to design an effective organizational intervention based on the system dynamics methodology. Gli studenti saranno incoraggiati a svolgere casi di studio ipotetici e reali e a sviluppare le proprie capacità di apprendimento miscelando simulazioni virtuali e specifiche indagini empiriche in settori distinti. A questo proposito, essi saranno invitati a familiarizzare con una serie di recenti tecniche sviluppate per consultare, coinvolgere e motivare gli attori sociali e istituzionali: focus group, sondaggi deliberativi, giurie di cittadini, peer review. Gli studenti applicheranno anche la loro conoscenza dei processi internazionali per elaborare documenti politici e ricerche originali. Diverranno esperti di processi di globalizzazione, europeizzazione, dell'interdipendenza e della socializzazione, e applicheranno le competenze acquisite sulla produzione legislativa nazionale, sulle politiche nazionali, su imposizione di norme, sull'acquisizione di valori e norme, sulle abitudini di cooperazione, sulle comunità politiche e dei loro metodi di lavoro. Gli studenti saranno in grado di trasferire la conoscenza e la comprensione acquisite in questo corso ad altri campi delle scienze sociali. Gli studenti saranno inoltre in grado di condurre sessioni di Group Model Building. Essi utilizzano diversi strumenti supplementari, come interviste, brainstorming, ecc. In generale, gli studenti saranno in grado di progettare un intervento organizzativo efficace basato sulla metodologia System Dynamics. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: Visualizza Insegnamenti Chiudi Insegnamenti FUNDAMENTALS OF DYNAMIC SOCIAL SYSTEM url SYSTEM DYNAMICS MODELLING PROCESS url MODEL-BASED ANALYSIS AND POLICY DESIGN url DYNAMIC PERFORMANCE MANAGEMENT IN THE PUBLIC SECTOR url PLANNING AND CONTROL SYSTEMS url SYSTEM DYNAMICS FOR BUSINESS STRATEGY url GROUP MODEL BUILDING I url ALTRE ATTIVITA' FORMATIVE url RESEARCH METHODOLOGY url STRATEGIC DECISION-MAKING url PROVA FINALE url COMPUTER SIMULATION MODELS AND ORGANIZATIONAL DECISION-MAKING url GROUP MODEL BUILDING II url Matematico-statistico-quantitativa Conoscenza e comprensione Students develop proficiency in the application of theories, methods, techniques, and computer-based tools to deal with complex dynamic problems. They develop an intuitive understanding of the behavior arising from the underlying structure of feedback loops, stocks and flows, delays and nonlinearities which shape the system under investigation. In their learning process, students represent the cause-and-effect structure of the system, they derive the dynamics of the

14 system by simulation, and they develop skills in designing effective policies in accordance with the structure-behavior relationships investigated. The understanding of the behavior of the system over time is achieved by computer-based tools for modeling, simulation and analysis. Particularly, students gain knowledge about the System Dynamics method (PHAPI: Problem, Hypothesis, Analysis, Policy, Implementation) and its relation to standard science, operations research and management. They also get to know the four basic building blocks of all dynamics systems (a stock with in- and out-flows, local feedback from stock to own flows, nonlinearities, and major loops with delays) and the use of causal loop diagrams, stock and flow diagrams, table functions, and equations to represent building blocks. And they obtain knowledge about different ways to analyze and understand development over time (graphical integration, phase diagrams, simulation) as well as about misperceptions and simplified heuristics that people posses and use to manage complex dynamic systems. Gli studenti svilupperanno competenze nella applicazione di teorie, metodi, tecniche e strumenti informatici per affrontare i problemi dinamici complessi. Essi svilupperanno una comprensione intuitiva del comportamento derivante dalla struttura sottostante ai circuiti di feedback, stock e flussi, ritardi temporali e non-linearità che caratterizzano il sistema in esame. Nel loro processo di apprendimento, gli studenti costruiscono la struttura di causa ed effetto del sistema, derivano la dinamica del sistema mediante simulazione, e sviluppano abilità nella progettazione di politiche efficaci secondo le relazioni struttura -comportamento. La comprensione del comportamento del sistema nel tempo si ottiene con strumenti informatici per la modellazione, simulazione e analisi. In particolare, gli studenti acquisiscono la conoscenza della metodologia System Dynamics (P'HAPI : problema, ipotesi, analisi, politica, implementazione). Gli studenti acquisiscono conoscenze sui diversi modi per analizzare e comprendere lo sviluppo nel tempo (integrazione grafica, diagrammi di fase, di simulazione ), così come sulle percezioni semplificate che le persone possiedono e utilizzano per gestire i sistemi dinamici complessi. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Students receive training into the practice of the system dynamics modeling, from problem formulation to policy design, within a variety of disciplines and across disciplines. Examples from practical situations are used in every lecture with a particular emphasis on public management topics. Students have also to hand in a number of assignments during the courses. All assignments must have an acceptable quality for the students to sit for the final exam. Students try out their intuitive knowledge and acquired knowledge in computer based simulations. Students will perform applications of System Dynamics with a particular focus on showing that one basic model can be used to understand many important social challenges, the most familiar situation serving as an analogy for the less transparent problems. Students will also apply their knowledge in a series of comprehensive case studies that will be presented in class. Students are challenged to investigate the turbulent dynamics arising from an underlying, non-linear structure by way of computer based modelling and simulation. To this end, students are trained to distil the essence of their insights and present it in the form of compact causal loop diagrams. Gli studenti ricevono una formazione nella pratica della System Dynamics, dalla formulazione del problema alla definizione di strategie, all'interno di una varietà di discipline. Esempi di situazioni pratiche sono utilizzate in ogni lezione con un accento particolare su temi di gestione pubblica e privata. Gli studenti hanno anche da sviluppare una serie di compiti ed esercizi durante i corsi. Tutti gli esercizi devono avere una qualità accettabile per consentire agli studenti di sostenere l'esame finale. Gli studenti potranno eseguire le applicazioni di System Dynamics per dimostrare che un modello base può essere utilizzato per comprendere molte importanti sfide sociali, o una situazione più familiare. Gli studenti applicano anche le loro conoscenze in una serie di casi studio che saranno presentati in classe. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: Visualizza Insegnamenti Chiudi Insegnamenti FUNDAMENTALS OF DYNAMIC SOCIAL SYSTEM url SYSTEM DYNAMICS MODELLING PROCESS url MODEL-BASED ANALYSIS AND POLICY DESIGN url DYNAMIC PERFORMANCE MANAGEMENT IN THE PUBLIC SECTOR url PLANNING AND CONTROL SYSTEMS url SYSTEM DYNAMICS FOR BUSINESS STRATEGY url GROUP MODEL BUILDING I url ALTRE ATTIVITA' FORMATIVE url RESEARCH METHODOLOGY url

15 STRATEGIC DECISION-MAKING url PROVA FINALE url COMPUTER SIMULATION MODELS AND ORGANIZATIONAL DECISION-MAKING url GROUP MODEL BUILDING II url QUADRO A4.c Autonomia di giudizio Abilità comunicative Capacità di apprendimento Il laureato magistrale - è in grado di mettere a punto originali proposte innovative di sviluppo sostenibile dei sistemi aziendali, di miglioramento dei processi amministrativi e non, sulla base di un'analisi che tenga in considerazione anche contesti differenti, valutandone le implicazioni di diverso ordine (economico, etico, sociale, ambientale) per il sistema investigato; Autonomia di giudizio - possiede elevate competenze di metodo per lo sviluppo di indicatori di efficienza, di efficacia e di economicità, attraverso cui orientare e attuare processi di valutazione delle organizzazioni e delle amministrazioni, in particolare mediante programmi volti a rilevare la "customer satisfaction". L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni, lezioni di tipo seminariale, preparazione di elaborati anche complessi soprattutto nell'ambito delle organizzative e dei processi decisionali, in cui viene data rilevanza alla capacità di analisi critica e di problem solving dello studente, oltre che in occasione dell'attività di stage e tirocinio e della preparazione della prova finale. La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione degli insegnamenti del piano di studio individuale dello studente, la valutazione dalla capacità di interpretare e rielaborare dati empirici, descrivere e analizzare case-studies, partecipare attivamente alle lezioni, la valutazione del grado di autonomia dello studente nello sviluppare i temi di approfondimento assegnati sia nell'ambito delle singole attività formative, sia nel corso della preparazione della prova finale. Il laureato magistrale - possiede elevate competenze relazionali che gli permettono di padroneggiare argomentazioni a differente livello di complessità, in modo da adeguare stili comunicativi e contenuti della comunicazione ai diversi tipi di interlocutori e/o di uditorio; Abilità comunicative - possiede competenze per progettare e implementare iniziative di comunicazione pubblica, mirate in considerazione dei destinatari, dei mezzi utilizzati e dei temi implicati; - possiede una conoscenza avanzata della lingua inglese. Le abilità comunicative orali e scritte sono sviluppate in occasione di attività formative ed esercitazioni che prevedono lo studio di caso e/o la preparazione di relazioni e documenti scritti, l'esposizione orale e la discussione in classe degli stessi. L'acquisizione delle abilità comunicative sopraelencate è prevista inoltre tramite la redazione della prova finale e la discussione della medesima, in occasione dello svolgimento del tirocinio-stage e della relazione conclusiva.

16 Il laureato magistrale - sviluppa elevate capacità di approfondimento analitico e teorico in un percorso di studi interdisciplinare. Tale formazione lo rende aperto ad acquisire strumenti analitici e di metodo da una pluralità di campi del sapere, assicurando non solo l'aggiornamento ma anche l'originalità di approccio alle soluzioni dei problemi; Capacità di apprendimento - è in grado di individuare in modo autonomo gli strumenti e le fonti per approfondire, ampliare e aggiornare costantemente le proprie competenze su tematiche generali e specifiche. La conoscenza avanzata della lingua inglese gli permette pieno accesso ai contributi più avanzati della letteratura scientifica internazionale. Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, con riguardo in particolare allo studio individuale previsto, alla preparazione di progetti individuali e di gruppo, all'attività svolta per la preparazione della prova finale. La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, richiedendo la presentazione di dati reperiti autonomamente, l'elaborazione di approfondimenti individuali su temi assegnati in aula, mediante l'attività di tutorato nello svolgimento di progetti e mediante la valutazione della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale. QUADRO A5 Prova finale La prova finale è costituita dalla discussione di un progetto di ricerca, accurato e originale, concordato con un docente del corso su proposta dello studente. Come stabilito dall'ordinamento didattico del Corso richiamato nell'accordo sottoscritto dai Rettori delle 4 Università, e finanziato nell'ambito dei Master of Science ERASMUS MUNDUS dall'a.a. 2010/2011 per un periodo di 5 anni (ed estendibile ulteriormente per un ulteriore triennio), alla prova finale è attribuito un numero di ventinove crediti. La decisione di attribuire alla prova finale un tale numero cospicuo di crediti deriva dalla volontà delle Università proponenti il Corso di consentire allo studente di dedicare un intero semestre allo sviluppo efficace del progetto di ricerca, in modo da poter applicare le conoscenze maturate durante il percorso formativo, ricevere un valido supporto in modo continuativo dal docente relatore/tutor della tesi, e svolgere un periodo di stage adeguato in Enti, pubblici e privanti, con i quali sono stati sottoscritti degli appositi accordi. Tale cospicuo lasso di tempo è legato, inoltre, alla tipologia del lavoro da svolgere, il quale consiste, non soltanto nell'analisi delle letteratura rilevante e nella individuazione delle ipotesi di ricerca, ma anche nella costruzione di un modello di System Dynamics a supporto del governo dello sviluppo di un'organizzazione pubblica o privata con la quale lo studente dovrà interagire per l'acquisizione delle informazioni e dei dati necessari, al fine di testare le ipotesi di ricerca. Infine, la possibilità di uniformare il numero di crediti dedicati alla tesi con le Università del network e con ulteriori partner di prestigiose Università Asiatiche consentirà di poter presentare delle ulteriori proposte di finanziamento nell'ambito del nuovo framework ERASMUS MUNDUS o di programmi di finanziamento similari. Il regolamento della prova finale non è stato ancora emanato dal CDS ed è in fase di definizione. Pertanto si allega la delibera del S.A. del 6/11/12 Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: Regolamento prova finale

17

18 QUADRO B1.a Descrizione del percorso di formazione Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: Descrizione percorso interateneo QUADRO B1.b Descrizione dei metodi di accertamento Le conoscenze e competenze acquisite verranno verificate attraverso prove scritte, esami orali e prove pratiche (ad esempio, progetti sul campo). A seconda della tipologia di insegnamento, sarà privilegiata una o più di tali metodologie di accertamento delle competenze acquisite. Potranno essere svolte anche delle verifiche in itinere. La valutazione viene espressa in trentesimi, con eventuale lode. Per le discipline che si svolgono presso le Università estere (ad esempio, Università di Nijmegen, di Bergen) la valutazione consiste in un giudizio espresso secondo i criteri di valutazione europei. In tal senso, i giudizi possono variare tra i seguenti parametri: A,B,C,D,E. Tali giudizi potranno successivamente essere convertiti secondo il criterio italiano (trentesimi, più eventuale lode). Si rimanda alle schede di trasparenza dei singoli insegnamenti per prendere visione delle specificità relative ai metodi di accertamento e ai modi in cui viene accertata l'effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento da parte dello studente. Ogni "scheda insegnamento", in collegamento informatico al Quadro A4-b, indica, oltre al programma dellinsegnamento, anche il modo cui viene accertata leffettiva acquisizione dei risultati di apprendimento da parte dello studente. Link inserito: QUADRO B2.a Calendario del Corso di Studio e orario delle attività formative QUADRO B2.b Calendario degli esami di profitto QUADRO B2.c Calendario sessioni della Prova finale

19 QUADRO B3 Docenti titolari di insegnamento Sono garantiti i collegamenti informatici alle pagine del portale di ateneo dedicate a queste informazioni. N. Settori Anno di corso Insegnamento Cognome Nome Ruolo Crediti Ore Docente di riferimento per corso 1. SECS-P/07 Anno di corso 1 DYNAMIC PERFORMANCE MANAGEMENT IN THE PUBLIC SECTOR link COSENZ FEDERICO CV RU SECS-S/05 Anno di corso 1 FUNDAMENTALS OF DYNAMIC SOCIAL SYSTEM link DAVIDSEN PAL INGEBRIGT MAT/09 Anno di corso 1 MODEL-BASED ANALYSIS AND POLICY DESIGN link MOXNES ERLING SECS-P/07 Anno di corso 1 PLANNING AND CONTROL SYSTEMS link BIANCHI CARMINE CV PO SECS-P/07 Anno di corso 1 SYSTEM DYNAMICS FOR BUSINESS STRATEGY link BIVONA ENZO CV RU IUS/02 Anno di corso 1 SYSTEM DYNAMICS MODELLING PROCESS link WHEAT DAVID Anno di corso 2 ALTRE ATTIVITA' FORMATIVE link IUS/09,50525^SPS/04,20993^SPS/01 Anno di corso 2 COMPUTER SIMULATION MODELS AND ORGANIZATIONAL DECISION-MAKING link GROSSLER ANDREAS 6 42 Anno

20 9. SPS/01 di corso 2 GROUP MODEL BUILDING I link VENNIX JAC SPS/01 Anno di corso 2 GROUP MODEL BUILDING II link ROUWETTE ETIENNE ANTONIO JOSEPH ALFONSO IUS/09 Anno di corso 2 RESEARCH METHODOLOGY link BLEIJENBERGH INGE SPS/04 Anno di corso 2 STRATEGIC DECISION-MAKING link VAN DEEMEN AD 6 42 QUADRO B4 Aule Link inserito: Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: Aule QUADRO B4 Laboratori e Aule Informatiche Link inserito: Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: Aula informatica QUADRO B4 Sale Studio Link inserito: Pdf inserito: visualizza Descrizione Pdf: Aula studio QUADRO B4 Biblioteche

L offerta form ativa dell U niversità degli Studi di Palerm o A.A. 2013/2014. G uida della F acoltà di Scienze P olitiche Corsi di L aurea m agistrale

L offerta form ativa dell U niversità degli Studi di Palerm o A.A. 2013/2014. G uida della F acoltà di Scienze P olitiche Corsi di L aurea m agistrale L offerta form ativa dell U niversità degli Studi di Palerm o A.A. 2013/2014 G uida della F acoltà di Scienze P olitiche Corsi di L aurea m agistrale Centro O rientam ento e Tutorato V iale delle Scienze

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E MANAGEMENT (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN DIREZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (71/S Classe delle lauree specialistiche in scienze delle pubbliche amministrazioni) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16

Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16 Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16 Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Prof. Roberto Di Pietra ROBERTO DI PIETRA MAY, 2015 1 Roberto Di Pietra Informazioni generali

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: Titolo rilasciato: Curricula attivi: Durata del corso di studi: Crediti richiesti per l'accesso: 180 Cfu da acquisire totali: 120 Annualità attivate: 1 Modalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

ECONOMIA E FINANZA (MEF) ECONOMIA E FINANZA (MEF) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Finanza si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di natura specialistica

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze dell economia (LM-56), Sede didattica del Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Dipartimento Economia e Impresa

Dipartimento Economia e Impresa Dipartimento Economia e Impresa 1 Dipartimento Economia e Impresa Il Dipartimento Economia e Impresa dell Università di Catania articola la propria offerta formativa in corsi di laurea, corsi di laurea

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: L-16

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1. È istituito presso l Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Testi del Syllabus Docente AZZALI STEFANO Matricola: 004466 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, Mercati e Sviluppo (L33) a.a. 2015/16

Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, Mercati e Sviluppo (L33) a.a. 2015/16 Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, Mercati e Sviluppo (L33) a.a. 2015/1 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea in Economia, Mercati e Sviluppo intende fornire una formazione finalizzata

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, mercati e sviluppo (L33) a.a. 2014/15

Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, mercati e sviluppo (L33) a.a. 2014/15 Regolamento didattico Corso di Laurea in Economia, mercati e sviluppo (L33) a.a. 2014/15 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea in Economia, Mercati e Sviluppo intende fornire una formazione finalizzata

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GOVERNO E CONTROLLO AZIENDALE (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea

Dettagli

Master Double Degree in. Economia e Politiche Internazionali. Master 2008-2009

Master Double Degree in. Economia e Politiche Internazionali. Master 2008-2009 Master Double Degree in Economia e Politiche Internazionali Master 2008-2009 PERCHÉ SCEGLIERE UN MASTER I Master universitari rappresentano una concreta opportunità formativa per i giovani laureati che

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Gli studenti che si iscrivono al I anno nell anno accademico 2003/2004 possono scegliere tra: ECONOMIA AZIENDALE - EA ECONOMIA

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione )

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l Anno Accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di: Economia della qualità e marketing agroalimentare Course title: Economics of Quality and Marketing in the AgroFood

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di Torino il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA magistrale in Internazionalizzazione delle Relazioni Commerciali LM-52

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA magistrale in Internazionalizzazione delle Relazioni Commerciali LM-52 REGLAMENT DIDATTIC CRS di LAUREA magistrale in Internazionalizzazione delle Relazioni Commerciali LM-52 CRTE 20152016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI GENERALI 1.1

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

Sociologia e politiche sociali

Sociologia e politiche sociali LM-87 - Servizio sociale e politiche sociali Sociologia e politiche sociali corso assegnato all'utente: montanari Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Corso di laurea in Economia e commercio - A.A. 2015/16 Docente Cognome e nome D ALAURO GIOVANNI e-mail: dalauro@economia.unige.it Anno di corso:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/13

CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/13 CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/1 PREMESSA I processi di globalizzazione nelle società e nei mercati aprono

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT, FINANZA E INTERNATIONAL BUSINESS Classe di appartenenza: LM 77 Scienze economico-aziendali Nome inglese del

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management

Dipartimento di Economia e Management Dipartimento di Economia e Management Corsi di laurea magistrale 1) Consulenza aziendale e libera professione 2) Management in italiano (curriculum in Finanza; Marketing; Produzione e logistica) in inglese

Dettagli