IL PROJECT MANAGEMENT TRA BUROCRAZIA E FLESSIBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROJECT MANAGEMENT TRA BUROCRAZIA E FLESSIBILITÀ"

Transcript

1 IL PROJECT MANAGEMENT TRA BUROCRAZIA E FLESSIBILITÀ Paolo Canonico, Ernesto De Nito, Gianluigi Mangia Premesse e obiettivo La grande diffusione del project management, in maniera più pronunciata in alcuni settori (Ekstedt et alii, 1999) è sicuramente uno dei fattori che serve a spiegare il forte interesse scientifico che si è consolidato sull argomento (Whittington et alii, 1999). Alcuni studi internazionali hanno messo in chiaro come da un inappropriata applicazione del project management derivino effetti molto negativi sulla performance aziendale. A titolo di esempio lo Standish Group CHAOS Report 2003 riporta il dato interessante che negli USA (solo per applicazioni IT) sono realizzati circa progetti con una spesa complessiva di 250 MLD di dollari. Circa il 31.1% di tali progetti viene cancellato, il 52.7% dei progetti costerà alla fine il 189% del costo inizialmente previsto in budget, nell 82% dei casi non si è in grado di rispettare le scadenza. In termini finanziari la perdita secca può essere stimata in circa 55 MLD di dollari ogni anno. Per quanto riguarda gli orientamenti teorici che si ritrovano in letteratura nell ambito del filone mainstream è possibile fare riferimento a due orientamenti distinti. Il primo, che può essere considerato di taglio più istituzionale, interpreta i progetti come semplici strumenti di intervento manageriale, e quindi l idea stessa di project management (PM) può essere ricondotta ad un set di modelli e di tecniche per la pianificazione e il controllo di sistemi di attività complessi (Archibald, 2003). Il secondo macro-filone presenta il PM come un vero e proprio archetipo organizzativo, piuttosto che come un set di applicazioni operative. Il PM viene interpretato come un modo dinamico per concepire le organizzazioni, in grado di adattarsi e cambiare rapidamente in ragione delle caratteristiche dei progetti (Andersen e Jessen, 2003). In questo modo si cambia il punto di vista rispetto alla concezione classica, che privilegia il ruolo del progetto come modalità di produzione dell output desiderato. Il progetto, infatti, non viene definito più come uno strumento, una modalità di coordinamento, ma come un esigenza di costruzione di nuovi meccanismi organizzativi che siano conformi alle caratteristiche uniche di ciascun obiettivo complesso da raggiungere. Lo studio del 1

2 project management sta attraversando, dunque, una fase di profondo cambiamento in cui la varietà culturale e l esigenza di fare innovazione richiedono una maggiore focalizzazione non tanto sui temi hard della progettazione quanto su quelli soft del coordinamento. Nell ambito dei critical management studies invece, un gruppo di studiosi, ma anche di manager, sta portando avanti alcune idee che è possibile far rientrare in un approccio alternativo a quello del mainstream. Un manifesto di questo gruppo di autori può essere rappresentato dal testo di Damian Hodgson e Svetlana Cicmil Making Project Critical (2006). Tale sforzo nasce dalla volontà di rispondere alla crisi del PM, e di cercare di identificare i motivi che portano spesso al fallimento della sua applicazione. Le idee di fondo sono quelle di considerare alcune variabili (potere, emozioni, insicurezza, ineguaglianza) e caratteristiche del PM che erano state trascurate in una logica precedente. La vitalità del dibattito contemporaneo rappresenta un segnale evidente dell attualità del tema e del fatto che all interno delle organizzazioni si continua a ragionare in termini di progetto. Uno dei temi principali è legato al ruolo del progetto all interno della singola organizzazione, e agli effetti che il ricorso ai progetti produce sulla natura delle relazioni tra gli individui e sulle modalità di lavoro dei partecipanti. In coerenza con questa ultima riflessione, obiettivo del paper è quello di studiare come cambia il livello di burocrazia nell'organizzazione del lavoro di un gruppo di progetto. L'analisi, in particolare, viene svolta all'interno del settore dei servizi pubblici, che presentano numerosi requisiti tipici delle strutture burocratiche (elevato numero dei livelli gerarchici, specializzazione funzionale, sistemi di regole, impersonalità dell organizzazione ). In questo settore infatti negli ultimi anni molte aziende hanno realizzato ambiziosi programmi di cambiamento basati sulla logica del progetto (Ashrillant et al., 2004; Ramponi, 2007; Corsalini et al., 2004), finalizzati alla responsabilizzazione in base al raggiungimento di risultati di gestione, alla realizzazione di programmi di investimento, e allo snellimento dei flussi operativi. Framework teorico Il tema del project management è stato spesso associato o a contesti caratterizzati da finalità di risoluzione di problemi complessi in settori tradizionali (ad esempio ingegneristico, aeronautico), oppure, in tempi più recenti, ad organizzazioni che fanno parte di contesti innovativi, rispetto ai quali l'utilizzo del progetto si lega ad esigenze di flessibilità e dinamicità del settore (ad esempio ICT, servizi alle imprese). In maniera più specifica rispetto a questo ultimo punto, l utilizzo del progetto è visto come uno strumento di coordinamento temporaneo, dal momento che la durata dei gruppi di lavoro è direttamente collegata al ciclo di vita dei progetti ed al raggiungimento degli 2

3 obiettivi. Come sostiene Lindkvist (2006): Firms investing in project related dynamic capabilities, typically do so in order to become more flexible, adaptable and market oriented. Una crescente attenzione viene, quindi, dedicata al concetto di temporary organization 1. Le temporary organization possono essere considerate forme organizzative che hanno una durata predefinita nel tempo (Lindkvist, 2006). L utilizzo del progetto è visto come uno strumento di coordinamento temporaneo, dal momento che la durata dei gruppi di lavoro è direttamente collegata al ciclo di vita dei progetti ed al raggiungimento degli obiettivi. Da questo punto di vista, il progetto può sostituire le regole tradizionali con il dialogo ed il confronto, facendo in modo che le responsabilità siano assegnate sulla base non della gerarchia, ma delle competenze dei membri. Per questo motivo, il progetto può essere visto come meccanismo che migliora il livello di flessibilità all interno di strutture essenzialmente burocratiche (Gann e Salter 2000). In questo senso, l idea di base è che l organizzazione basata sul progetto diventi un correttivo utile alla frammentazione ed alla dispersione delle linee funzionali. Il progetto diventa quindi una possibile via di comunicazione tra le linee funzionali. Questa concezione del progetto è più legata ad una impostazione teorica di mainstream; si deve però sottolineare come alcuni autori propongano un approccio più critico e sostengano che la realizzazione del progetto stesso rappresenti uno strumento di burocrazia, perché nella sua applicazione richiede l utilizzo di norme e regole stringenti (Cammack 2000, Hodgson 2004). Il progetto ha infatti bisogno di definire tempi, costi ed obiettivi ed in funzione di questi tre fattori si avvale di logiche e tecniche che hanno come finalità la pianificazione ed il controllo di tutte le attività del progetto stesso (Hodgson, 2004). Inserendosi in questo dibattito interno alla letteratura di PM tra una logica mainstream ed una critical, questo lavoro si pone come obiettivo quello di analizzare il concetto di burocrazia all'interno di gruppi di progetti. In questo lavoro si adotta una concezione del progetto che soddisfa i requisiti che la letteratura tradizionalmente attribuisce ai progetti. In tal senso, si fa riferimento a progetti a) i cui gruppi di realizzazione comprendono membri che provengono da unità funzionali diverse, b) nei quali gli obiettivi sono predefiniti, c) le scelte sulle modalità di raggiungimento dei risultati sono lasciate ai membri del project team. Come già detto, oggetto dello studio sono organizzazioni che appartengono al settore dei servizi pubblici in Italia, area di studio rispetto alla quale è necessario un forte approfondimento in letteratura. 1 Si pensi al sub-theme 14 di EGOS2008, Temporary and Project-Based Organizing, 3

4 Esistono, infatti, moltissimi riferimenti alle project organization, alla possibilità che il progetto sia uno strumento per garantire maggiore flessibilità in strutture burocratiche e funzionali. Sono presenti anche degli esempi più rari di come il pm possa rappresentare uno strumento che aumenta la burocrazia (Swan e Robertson, 1998) ma non ci sono molti casi di studio nell ambito del settore pubblico (se non nell ambito di esempi del New Public Management Crawford e al., 2003). I motivi sono da ritrovarsi sicuramente in una generale scarsa attenzione a queste organizzazioni e ad una non diffusa applicazione dello strumento progetto in organizzazioni di questo tipo. E evidente, però, che proprio in queste strutture tradizionalmente burocratiche sarebbe opportuno verificare la possibilità del progetto per aumentarne la flessibilità e la dinamicità. L espressione public utilities (anche nella versione italiana servizi di pubblica utilità ) è ormai di uso comune e diffuso. È però difficile, e può apparire persino paradossale, ritrovare in letteratura una definizione condivisa del concetto di servizi di pubblica utilità; allo stesso tempo, è difficile individuare sulla base di una nozione comune le caratteristiche di base che qualificano un settore come servizio pubblico. Un possibile elemento di confusione è rappresentato dal fatto che spesso quando si parla di imprese di servizi pubblici si tende a richiamare nel discorso il tema di beni pubblici. In realtà, sembra più corretto spiegare il termine di pubblico che si accosta all idea di servizio richiamando il fatto che nelle società industrialmente sviluppate tali servizi sono stati tipicamente appannaggio degli enti locali o del governo centrale. Tali imprese sono caratterizzate tipicamente da logiche di funzionamento e da principi di organizzazione che richiamano direttamente modelli organizzativi di tipo burocratico e meccanico (Viney et al., 2004; International Labour Organization, 2001, 2003; Gruber, 1987; Rockman, 2000; Bordogna, 2003). Rispetto alle finalità del paper, lo sforzo di raccolta dati è stato diretto a capire come le logiche interne di funzionamento dei progetti e dei gruppi di progetto abbiano modificato: - il sistema di regole presenti; - le relazioni gerarchiche tra i partecipanti; - i meccanismi di coordinamento all interno del gruppo (relazioni formali, autorità, adattamento reciproco); - la divisione del lavoro (attribuzione delle responsabilità e ripartizione dei compiti); - l organizzazione del lavoro in senso stretto (tempi e modi). 4

5 Metodologia e risultati attesi La ricerca è stata sviluppata attraverso la realizzazione di un singolo caso di studio. Tale approccio di ricerca è stato definito da Eisenhardt (1989) come una soluzione che si concentra sulle dinamiche presenti all interno di situazioni organizzative definite. Ragionando anche sui contributi di Glaser and Strauss (1967) e di Yin (1984), Eisenhardt costruisce un framework utile per ricavare e legittimare considerazioni teoriche partendo dal materiale ricavato dall analisi di un caso studio. In maniera conforme a quanto indicato e teorizzato da Eisenhardt, nella ricerca si sono utilizzati dati provenienti da diversi canali informativi paralleli: archivi interni alle imprese, interviste destrutturate e griglie di rilevazione. La combinazione dei dati che hanno natura e provenienza diversa (Yin 1981 and 1984) può essere particolarmente utile dal momento che può consentire ai ricercatori di mettere in evidenza relazioni tra variabili che altrimenti non verrebbero evidenziate e sostenere in maniera più credibile e fondata alcune conclusioni che già emergono. Sono stati inoltre analizzati e studiati i documenti interni (procedure, ordini di servizio, comunicazioni scritte, ordini del giorno, verbali) sviluppati durante le diverse fasi di realizzazione del progetto. Al termine del lavoro di ricerca, si ritiene presumibile poter alcuni spunti di riflessione sul significato del gruppo di progetto come possibile opportunità per intervenire sul livello di burocrazia presente. Il rischio, infatti, è che, quando si arriva però all analisi dei cambiamenti che si manifestano effettivamente nella burocrazia del lavoro il cambiamento si esprima più in termini di nuove modalità, di nuove regole piuttosto che in termini di un innovazione dei principi e delle logiche di fondo delle strutture burocratiche. References Adinolfi, P. (2011). The Italian Electronic Public Administration Market Place: Small Firm Partecipation and Satisfaction, in A.A.V.V., Information Technology and Innovation Trends in Organizations, Berlin: Springer Andersen E., Jessen S.A., (2003), Project Maturity in Organizations, International Journal of Project Management, 21, pp Antonelli G., Consiglio S. (2012) I caratteri del gruppo di potenziali imprenditori per la costituzione di un impresa innovativa, in Izzo F. (2012) a cura di, Reti per l Innovazione, McGraw-Hill Companies, Milano Archibald R. (2003), Managing High-Technology Programs and Projects, John Wiley and Sons 5

6 Ashrillant B., Meadows M., Dyson R.G. (2004), Exploring Decision Support and Strategic Project Management in the Oil and Gas Sector, European Management Journal; Feb2004, Vol. 22 Issue 1, p63 Berni A. (2009), Logica burocratica e logica professionale nei call center, in Willmott H., Knights D., Mercurio R. e Mangia G. (a cura di), Comportamento Organizzativo. Organizzazione aziendale e Management, ISEDI, Torino. Paragrafo 9.6.1, pp ISBN: Berni A. Pezzillo Iacono M. and Martinez M. (2012), Organizational Change and Dynamics of Control: An Analysis of Italian Call Center Workplace", Vol. 11(4), Chinese Business Review, ISSN Bordogna L. (2003), The Reform of Public Sector Employment Relations in Industrialized Democracies, in J. Brock e D. Lipsky, Urbana Champaign, IL: Irra, pp Campos E., Lateef S. (2006), Improving Public Sector Governance: The Grand Challenge?, World Bank publications, Washington DC. Corsalini E., Gumirato G., Lega F. (2004), Scoperchiare il vaso di Pandora: proposte per la riorganizzazione delle funzioni amministrative, in L'aziendalizzazione della sanità in Italia (a cura di E.Anessi Pessina ed E.Cantù), EGEA. Crawford e al., 2003, Managing soft change projects in the public sector, International Journal of Project Management, 21, pp de Vita, P., Mercurio, R., Testa, F. (a cura di), (2007). Organizzazione Aziendale: assetto e meccanismi di relazione, Torino, Giappichelli. Eisenhardt K.M. (1989), Building Theories from Case Study Research, Academy of Management Review, 14 (4), Ekstedt E., Lundin R.A., Soderholm A., Wirdenius H., (1999), Neo-Industrial Organising: Renewal by Action and Knowledge Formation in a Project-Intensive Economy, Routledge, London. Franco M., Di Virgilio F., Di Pietro L.,(2010) A Conceptual Representation of Consumer s Group Knowledge and the Possible Role of New Technologies, in JDCTA International Journal of Digital Content Technology and its Applications, Volume 4, Number 7, October 2010, vol4.issue7.2. Gann, DM., Salter A.J. (2000), Innovation in Project-Based, Service-enhanced Firms: The Construction of Complex Products and Systems, Research Policy, Vol. 29, Nos. 7-8, August 2000, pp Glaser B. Strauss A. (1967), The Discovery of Grounded Theory: Strategies of Qualitative Research, Wiedensfeld and Nicholson, London. 6

7 Gruber J.E. (1987), Controlling Bureaucracies, California: University of California Press. Hodgson D., Cicmil S., (eds.) (2006), Making Projects Critical, Palgrave MacMillan, Basingstoke, UK. International Labour Organization (2001), L'impact de la décentralisation et de la privatisation sur les services municipaux, Rapport soumis aux fins de discussion à la Réunion paritaire sur l'impact de la décentralisation et de la privatisation sur les services municipaux, Geneva. International Labour Organization (2003), Challenges and Opportunities Facing Public Utilities, Report for discussion at the Tripartite Meeting on Challenges and Opportunities Facing Public Utilities, Geneva. Ramponi M. (2007), Project Management e Pubblica Amministrazione: verso nuovi rapporti, Segretari Enti Locali News, Maggio. Martinez M., De Marco M., (2005) I criteri di scelta delle metodologie di IS Development: un contributo dalle teorie di progettazione organizzativa, Sinergie; ISSN ; CUEIM. Consorzio universitario economia industriale e manageriale; Vol. 19, Martinez M (2007), I livelli dell'attore organizzativo: azienda, in Mercurio R, Testa F. De Vita P., Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, ISBN: , Giappichelli, Torino, pag. in 113 pag. fin 160 Martinez M (2007), I livelli dell'attore organizzativo: network, in Mercurio R, Testa F. De Vita P., Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, ISBN: , Giappichelli, Torino, Martinez M (2011). ICT, productivity and organizational complementarity. In: CECILIA ROSSIGNOLI, ANDREA CARUGATI. Emerging Themes in Information Systems and Organization Studies. p , BERLINO:Springer Verlag, ISBN: Mercurio R. ; Adinolfi P. (2005). La clinical governance possibile soluzione ai fabbisogni d'integrazione nelle aziende sanitarie in Mecosan, n.53, pp.85-98, ISSN: Mercurio R., Canonico P., Mangia G., De Nito E., Esposito V. (2009). Interpreting projects - bureaucratical mechanisms or level for change?. ORGANIZACJA I ZARZADZANIE (ISSN: ) pp.5-17 Vol.N 3 (7). Mercurio R., Mangia G. (2009), L'approccio teorico dei critical management studies, in H. Willmott, D. Knights, R. Mercurio e G. Mangia, Comportamento Organizzativo, Isedi, Torino, ISBN/ISSN: Mercurio R., Martinez M. (2009) Modelli di governance e processi di cambiamento nelle public utilities, FrancoAngeli, ISBN

8 Mercurio R., Martinez M., Moschera L. (2000), Le imprese di trasporto ferroviario in Europa: pressioni istituzionali e nuove forme organizzative, in Maggi B. (a cura di ), Le sfide organizzative di fine secolo ed inizio secolo. Tra postfordismo e regolazione. Etas, Milano. Mercurio M. Martinez M., (2005), Scelte manageriali e teorie organizzative: la progettazione organizzativa negli studi di organizzazione aziendale, in Atti del Convegno AIDEA La riconfigurazione dei processi decisionali nel quadro evolutivo della competizione,catania, 7-8 Ottobre, 2004, Giappichelli, Torino Moschera, L., (1999), Un modello per l analisi delle relazioni tra information technology e organizzazione, Seges, Arti Grafiche La Regione, Campobasso Moschera L., Consiglio S., Berni A., Cicellin M. (2011) Logiche istituzionali e allomorfismo in un campo organizzativo: le Agenzie per il Lavoro in Italia, Studi Organizzativi, n. 2/2011, ISSN Moschera, L., (2007), Forme organizzative e contributi teorici, in de Vita P., Mercurio R., Testa F., (a cura di), Organizzazione aziendale: assetto e meccanismi di relazione, G. Giappichelli Editore, Torino Garzella, S., Mancini, D., Moschera, L., (2009) organizzative, S, Giappichelli, Torino Sistemi di controllo interno e soluzioni Moschera, L., (2000), L efficacia organizzativa, capitolo 8, in Mercurio R. e Testa F., Organizzazione. Assetto e relazioni nel sistema di business, Giappichelli, Torino. Pezzillo Iacono M., Esposito V., Mercurio R. (2012), Controllo manageriale e regolazione dell identità organizzativa: la prospettiva dei Critical Management Studies, Management Control, Vol. 4 n.1, Roberson M. Swann J. (1998), Modes of Organizing in an Expert Consultancy: A Case Study of Knowledge, Power and Egos, Organization, 5 (4); Rockman B.A. (2000), Theory and Inference in the Study of Bureaucracy: Micro and Neoistitutionalist Foundations of Choice, Journal of Public Administration Research and Theory, 1:3-27. Standish Group (2003), Chaos Report, paper on line at Viney HP., Ghobadian A., Mourouti O. (2004), Determinants of strategy in a regulated public utility environment, British Academy of Management Annual Conference, St. Andrews University, Scotland. 8

9 Whittington R., Pettigrew A., Peck S., Fenton E., Conyon M., (1999), Change and Complementarities in the New Competitive Landscape: A European Panel Study, , Organization Science, 10, (5), pp Yin R. (1981), The Case Study Crisis: Some Answers, Administrative Science Quarterly, 26, Yin R. (1984), Case study research, Sage, Beverly Hills, CA. 9

IL PROJECT MANAGEMENT NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: LEVA PER IL CAMBIAMENTO O MECCANISMO BUROCRATICO DI CONTROLLO?

IL PROJECT MANAGEMENT NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: LEVA PER IL CAMBIAMENTO O MECCANISMO BUROCRATICO DI CONTROLLO? IL PROJECT MANAGEMENT NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: LEVA PER IL CAMBIAMENTO O MECCANISMO BUROCRATICO DI CONTROLLO? Paolo Canonico, Ernesto De Nito, Gianluigi Mangia, Vincenza Esposito Premessa e obiettivi

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

TECNOLOGIA E PERSONE: UN ANALISI DEI CALL CENTER

TECNOLOGIA E PERSONE: UN ANALISI DEI CALL CENTER TECNOLOGIA E PERSONE: UN ANALISI DEI CALL CENTER Alessia Berni ABSTRACT Il call center rappresenta la forma di organizzazione del lavoro in cui, per antonomasia, l integrazione tra le tecnologie informatiche

Dettagli

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 -

Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Ranking list dell area Management e Strategia - Proposta per il 28 Giugno 2007 - Il presente rapporto costituisce una sintesi dei lavori svolti nell ambito di due aree all interno del gruppo di studio

Dettagli

Ernesto De Nito. Curriculum vitae et studiorum

Ernesto De Nito. Curriculum vitae et studiorum Ernesto De Nito Curriculum vitae et studiorum curriculum vitæ DATI ANAGRAFICI Nome e cognome: Ernesto De Nito Luogo e data di nascita: Napoli 13 luglio 1974 Residenza: Via Cappella Vecchia n 11-80121 Napoli

Dettagli

GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET

GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET GLI EFFETTI ORGANIZZATIVI DI INTRANET Paolo Canonico, Ernesto De Nito, Gianluigi Mangia Abstract La pervasiva diffusione del web quale ambiente unificante dei sistemi informativi ha favorito, negli ultimi

Dettagli

ANDREA GARLATTI. Corso intensivo di sviluppo abilità didattiche, seguito preso la SDA Bocconi, nel 1989

ANDREA GARLATTI. Corso intensivo di sviluppo abilità didattiche, seguito preso la SDA Bocconi, nel 1989 Nato a Spilimbergo (PN) il 27 aprile 1965 Studi formali ANDREA GARLATTI Laurea in Economia aziendale, conseguita con punti 110/110 e lode presso l Università Bocconi nell anno accademico 1987/88 Dottorato

Dettagli

CV Francesca Lecci (Aggiornato a Giugno 2013)

CV Francesca Lecci (Aggiornato a Giugno 2013) CV Francesca Lecci (Aggiornato a Giugno 2013) DATI ANAGRAFICI Nome e Cognome Data e luogo di nascita Residenza Nazionalità Madre lingua Altre lingue conosciute CURRICULUM STUDI Laurea Doctoral Degree Master

Dettagli

CURRENT POSITION Assistant Professor at the School of Economics, University of Insubria (Varese).

CURRENT POSITION Assistant Professor at the School of Economics, University of Insubria (Varese). CURRICULUM VITAE CURRENT POSITION Assistant Professor at the School of Economics, University of Insubria (Varese). QUALIFICATIONS AND AWARDS Graduation in Economics at the University of Pavia (1995/1996).

Dettagli

Curriculum Vitae del prof. Michele Antonio REA

Curriculum Vitae del prof. Michele Antonio REA Curriculum Vitae del prof. Michele Antonio REA 1 SCHEDA PERSONALE Nome e cognome: Michele Antonio REA Luogo e data di nascita: Bonefro (CB), 12 aprile 1965 Attuale posizione universitaria: Afferenza: Recapiti

Dettagli

IL CAPITALE UMANO E LA PROGRAMMAZIONE ARTISTICA NELLE FONDAZIONI LIRICO- SINFONICHE ITALIANE.

IL CAPITALE UMANO E LA PROGRAMMAZIONE ARTISTICA NELLE FONDAZIONI LIRICO- SINFONICHE ITALIANE. IL CAPITALE UMANO E LA PROGRAMMAZIONE ARTISTICA NELLE FONDAZIONI LIRICO- SINFONICHE ITALIANE. Maria Laura Toraldo 1. Introduzione Cesit Centro Studi sistemi di trasporto collettivo Carlo Mario Guerci Il

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L/18 Insegnamento di Economia e Gestione delle Imprese SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese Michelle Bonera :: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese industriali presso l Università Commerciale Luigi Bocconi

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO. Responsabile del corso e del coordinamento operativo:

INTRODUZIONE AL CORSO. Responsabile del corso e del coordinamento operativo: Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE AL CORSO Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Struttura di coordinamento 2 Responsabile

Dettagli

APPLYING THE IMPACT ANALYSIS TO THE EVALUATION OF PRIMARY HEALTH CARE DECENTRALISATION: EXPERIENCES AND PERCEPTIONS ON THE QUALITY OF CARE.

APPLYING THE IMPACT ANALYSIS TO THE EVALUATION OF PRIMARY HEALTH CARE DECENTRALISATION: EXPERIENCES AND PERCEPTIONS ON THE QUALITY OF CARE. APPLYING THE IMPACT ANALYSIS TO THE EVALUATION OF PRIMARY HEALTH CARE DECENTRALISATION: EXPERIENCES AND PERCEPTIONS ON THE QUALITY OF CARE. Maria Laura Toraldo Introduction The Italian Healthcare public

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, INDUSTRIAL NETWORKS E DINAMICHE EVOLUTIVE DEI PROCESSI DI ACQUISTO

ORGANIZZAZIONE, INDUSTRIAL NETWORKS E DINAMICHE EVOLUTIVE DEI PROCESSI DI ACQUISTO ORGANIZZAZIONE, INDUSTRIAL NETWORKS E DINAMICHE EVOLUTIVE DEI PROCESSI DI ACQUISTO Paolo Canonico, Mariavittoria Cicellin 1. Introduzione La tradizione di ricerca sugli industrial network nasce a partire

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome: MAZZU SEBASTIANO E-mail: s.mazzu@unict.it Nazionalità: ITALIANA Data e luogo di nascita: 27/11/1967 - BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A.

FACOLTA DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICHE Classe LM-56 Insegnamento di Marketing SSD SECS-P/08 9 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Mario Risso E-mail: mario.risso@unicusano.it

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

Curriculum vitae sintetico Prof. Fabio Donato

Curriculum vitae sintetico Prof. Fabio Donato Curriculum vitae sintetico Prof. Fabio Donato Ordinario di Economia Aziendale Dipartimento di Economia e Management Università di Ferrara Percorso Universitario Dal 1 Novembre 2012, Vice Direttore del

Dettagli

scenario, trend, opportunità

scenario, trend, opportunità Cloud Computing nelle Imprese Italiane scenario, trend, opportunità Alfredo Gatti Managing Partner MODELLI EMERGENTI di SVILUPPO ed IMPLEMENTAZIONE Unione Parmense degli Industriali Pal. Soragna Parma

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Lorenzo Bovo Senior Solution Consultant HP Technology Consulting lorenzo.bovo@hp.com Udine, 23 Novembre 2009 2009 Hewlett-Packard Development

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FEDERICA CECCOTTI federica.ceccotti@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA - Ricercatore di Economia e gestione delle imprese (SECS-P/08). - Professore

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIEDALE E MANAGEMENT (Classe L/18)

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIEDALE E MANAGEMENT (Classe L/18) FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIEDALE E MANAGEMENT (Classe L/18) Insegnamento di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE SSD SECS P10 6 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Marco Valeri E-mail:

Dettagli

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE S A B R I N A L E O POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE Novembre 2013 (21-22 novembre) Sapienza Università di Roma. Partecipazione Corso di Formazione Come presentare una proposta di successo

Dettagli

Ricercatrice a tempo determinato presso Management, Università degli Studi di Torino.

Ricercatrice a tempo determinato presso Management, Università degli Studi di Torino. C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E O INFORMAZIONI Nome TRUANT ELISA Indirizzo CORSO UNIONE SOVIETICA 218BIS TORINO ITALIA Telefono 011/6706139 Fax 011/6706012 E-mail elisa.truant@unito.it Nazionalità

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia. http://www.sinedi.com ARTICOLO 24 GIUGNO 2008 ADHOCRAZIA LE ORIGINI DEL NEOLOGISMO Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

La scelta della forma di impiego tra esigenze di flessibilità e bisogno di stabilità. Il comparto delle Agenzie per il Lavoro in Italia

La scelta della forma di impiego tra esigenze di flessibilità e bisogno di stabilità. Il comparto delle Agenzie per il Lavoro in Italia La scelta della forma di impiego tra esigenze di flessibilità e bisogno di stabilità. Il comparto delle Agenzie per il Lavoro in Italia Alessia Berni Università di Napoli Parthenope Mariavittoria Cicellin

Dettagli

Approccio metodologico adottato per il Journal Rating AIDEA 2015

Approccio metodologico adottato per il Journal Rating AIDEA 2015 Journal Rating AIDEA 2015 in collaborazione con le società scientifiche dell'area economico-aziendale (ADEIMF, AISME, ASSIOA, SIDREA, SIM, SIMA, SISR) Bozza 10 novembre 2015 Approccio metodologico adottato

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

14/02/2008 Dottore di ricerca in Dottrine economico-aziendali e governo dell impresa XX ciclo, Università degli studi di Napoli Parthenope

14/02/2008 Dottore di ricerca in Dottrine economico-aziendali e governo dell impresa XX ciclo, Università degli studi di Napoli Parthenope C U R R I C U L U M V I T A E R A F F A E L E F I O R E N T I N O RICERCATORE IN ECONOMIA AZIENDALE PROFESSORE AGGREGATO DI STRATEGIA E POLITICA AZIENDALE FACOLTÀ DI ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI

Dettagli

Giugno 2000 Ph.D in Economia Aziendale e Management dell Università Bocconi

Giugno 2000 Ph.D in Economia Aziendale e Management dell Università Bocconi CV di FEDERICO LEGA RECAPITO Luogo: Dipartimento di analisi istituzionale e management pubblico, Università L. Bocconi. Indirizzo: Ufficio n. 11, viale Roentgen 1, 20136 Milano. Telefono: 02.5836.2580-3478785444

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono D AMICO, Augusto 30, via Ghibellina, 98122, Messina, Italia 090.676-7105 (università) Fax E-mail damicoa@unime.it

Dettagli

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae Elvira Anna Graziano Curriculum Vitae DATI ANAGRAFICI Cognome e Nome Elvira Anna Graziano Data di nascita 06/02/1984 Luogo di nascita Cariati (CS) Residenza Via Beata Teodora, 14 87067 Rossano (CS) Domicilio

Dettagli

CURRICULUM VITAE STEFANO GARZELLA. Settore Scientifico Disciplinare dal 01/04/2001 SECS- P/07 - ECONOMIA AZIENDALE

CURRICULUM VITAE STEFANO GARZELLA. Settore Scientifico Disciplinare dal 01/04/2001 SECS- P/07 - ECONOMIA AZIENDALE CURRICULUM VITAE STEFANO GARZELLA Settore Concorsuale dal 31/10/2011 13/B1 - ECONOMIA AZIENDALE Settore Scientifico Disciplinare dal 01/04/2001 SECS- P/07 - ECONOMIA AZIENDALE Qualifica Professore Ordinario

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica Paolo Perlasca Dipartimento di Informatica, Indirizzo: via Comelico 39/41, 20135 Milano Telefono: 02-503-16322 Email: paolo.perlasca@unimi.it Paolo Perlasca è ricercatore universitario confermato presso

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills Echi dal PMI Global Congress Europe 2004 Area of focus SWT Software and Technical Skills Maria Antonietta Cervini Senior Clinical Planner Nerviano Medical Science Nerviano (Milano) Italy 21 May 2004 1

Dettagli

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE di Michele Colucci Sommario: Introduzione. - 1. La definizione comunitaria della RSI. - 2. La Dimensione interna della RSI. - 2.1. Gestione delle

Dettagli

HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR. I Servizi per la Sanità

HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR. I Servizi per la Sanità HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR I Servizi per la Sanità Advisory 2 I Servizi per la Sanità I Servizi per la Sanità 3 L esperienza che crea valore Per creare valore nel mondo della Sanità servono degli specialisti.

Dettagli

Curriculum attività scientifica e didattica MARIO PEZZILLO IACONO

Curriculum attività scientifica e didattica MARIO PEZZILLO IACONO Curriculum attività scientifica e didattica MARIO PEZZILLO IACONO Posizione Accademica Professore Associato di Organizzazione Aziendale (s.s.d. SECS-P/10) presso il Dipartimento di Economia della Seconda

Dettagli

Viale Muratori, 235 41124 Modena, Italia +39 340 8129980 paolo.ditoma@unimore.it. Data di nascita 23/06/1967 Nazionalità Italiana

Viale Muratori, 235 41124 Modena, Italia +39 340 8129980 paolo.ditoma@unimore.it. Data di nascita 23/06/1967 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Di Toma [ Viale Muratori, 235 41124 Modena, Italia +39 340 8129980 paolo.ditoma@unimore.it Data di nascita 23/06/1967 Nazionalità Italiana POSIZIONE ATTUALE Professore Associato

Dettagli

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY 2 MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY Oggi il mondo del business è in rapida evoluzione. Le decisioni devono essere prese sempre più velocemente e sotto pressione.

Dettagli

PROFILO DI GRUPPO 2015

PROFILO DI GRUPPO 2015 PROFILO DI GRUPPO 2015 IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. 8% del mercato italiano circa 7.400 DIPENDENTI oltre 1.000 large accounts su tutti i mercati System Integration & Application Maintenance

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52)

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52) FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52) Insegnamento di GESTIONE DELLA CONOSCENZA PER L IMPRESA SSD SECS P10 6 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof.

Dettagli

Formazione, attività scientifica e/o professionale

Formazione, attività scientifica e/o professionale CHRISTIAN FAVINO Foggia, 12 settembre 1975 christian.favino@unifg.it Formazione, attività scientifica e/o professionale Titoli accademici e altri titoli Ricercatore confermato in Economia Aziendale presso

Dettagli

CURRICULUM VITAE di GRANATA GIUSEPPE

CURRICULUM VITAE di GRANATA GIUSEPPE CURRICULUM VITAE di GRANATA GIUSEPPE Professore a contratto di Marketing Relazionale a.a. 2015-16 Dipartimento Lettere e Filosofia Uniclam TITOLI: - Dottore di ricerca in Economia indirizzo Direziona aziendale

Dettagli

Le competenze digitali

Le competenze digitali Le competenze digitali Alessandro D Atri Roma, 14 Luglio 2008 1 Indice Le competenze digitali Competenze ICT dei business manager Il concetto di competenza Un modello per le competenze ICT Impatto delle

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE I. Obiettivi del corso FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO dott. Cristiano Ghiringhelli e dott. Adriano Solidoro Anno Accademico 2009-2010 Il corso si pone l obiettivo

Dettagli

CURRICULUM VITAE Matteo Rossi October 2011

CURRICULUM VITAE Matteo Rossi October 2011 CURRICULUM VITAE Matteo Rossi October 2011 Contacts details Dipartimento di Sistemi Economici Giuridici e Sociali Univeristy of Sannio Via delle Puglie, 82 82100 Benevento (BN) Phone: +39.0824.305780 Mobile

Dettagli

Il Cloud e la Trasformazione delle Imprese

Il Cloud e la Trasformazione delle Imprese Il Cloud e la Trasformazione delle Imprese Roberto Masiero Managing Director - The Innovation Group Cloud Computing Summit 2014 Milano, 16 Marzo 2014 Agenda 2014: «L Anno del Sorpasso»: Nuove Tecnologie

Dettagli

CV Fabio Michele Amatucci (Update May, 31, 2007)

CV Fabio Michele Amatucci (Update May, 31, 2007) CV Fabio Michele Amatucci (Update May, 31, 2007) PERSONAL INFORMATION Name, Surname Fabio Michele Amatucci Date and Place of Birth Acqui Terme (AL) il 21 giugno 1968 Address Nationality Italian Mother

Dettagli

CURRICULUM VITAE MARCO CIOPPI DICHIARAZIONE SOSTITUITIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 45)

CURRICULUM VITAE MARCO CIOPPI DICHIARAZIONE SOSTITUITIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 45) CURRICULUM VITAE MARCO CIOPPI DICHIARAZIONE SOSTITUITIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 45) Marco Cioppi Via Donatori del Sangue, 42 61049 Urbania (PU) Cell. 0338/2972714 e-mail:

Dettagli

ELISA ARRIGO RESEARCH INTERESTS PRESENT POSITION ACADEMIC RECORD

ELISA ARRIGO RESEARCH INTERESTS PRESENT POSITION ACADEMIC RECORD ELISA ARRIGO Assistant Professor of Management Department of Economics, Management and Statistics (DEMS) University of Milano-Bicocca Piazza dell Ateneo Nuovo 1 Milano Italy Room U7 3010N Tel. 0039 02/64483212

Dettagli

PROF. MARCO GALVAGNO PUBBLICAZIONI

PROF. MARCO GALVAGNO PUBBLICAZIONI PROF. MARCO GALVAGNO PUBBLICAZIONI 2015 - Galvagno Marco e Giaccone C. Sonia, Second-hand shopping. Analisi delle motivazioni d acquisto e implicazioni per la distribuzione, in Mercati & Competitività,

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

Il management tra ricerca, insegnamento e impresa

Il management tra ricerca, insegnamento e impresa Il management tra ricerca, insegnamento e impresa GAETANO M. GOLINELLI * Abstract Prendendo a riferimento le riflessioni condotte in precedenti lavori da studiosi e manager d'impresa, il paper discute

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

Breve Curriculum Vitae Andrea Lionzo

Breve Curriculum Vitae Andrea Lionzo Breve Curriculum Vitae Andrea Lionzo NOTE BIOGRAFICHE Nato a Vicenza il 13.09.1969. POSIZIONE ACCADEMICA Professore Associato Confermato di Economia Aziendale presso l Università degli Studi di Verona.

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Il ruolo e le attività di un moderno PMO

Il ruolo e le attività di un moderno PMO Il ruolo e le attività di un moderno PMO Tiziano Villa, PMP dicembre 2002 Il ruolo e le aree di attività di un moderno PMO a cura di Tiziano Villa, PMP dicembre 2002 the Project Management Lab 2002. Materiale

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School SAP of Bozza of Management per la discussione

Dettagli

Making People & Organization grow

Making People & Organization grow [...] desire to become more and more what one is, to become everything that one is capable of becoming [...]. Making People & Organization grow Promuovere la crescita delle Organizzazioni e lo sviluppo

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

CURRICULUM VITAE. INFORMAZIONI PERSONALI Nome

CURRICULUM VITAE. INFORMAZIONI PERSONALI Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome Raffaella Cognome CASSANO Dati di nascita Monza (Mi), Italia 22 Luglio 1977 Stato civile Coniugata, 2 figli (6 e 3 anni) INFORMAZIONI DI CONTATTO Dipartimento di Economia e

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT

Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT Tesi di Dottorato di Ricerca in Marketing e Comunicazione (IX Ciclo) A.A. 2012/2013 ABSTRACT Employer branding e talento come leve di innovazione e differenziazione competitiva Le organizzazioni si trovano

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di ALESSANDRA GHI. alessandra.ghi@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di ALESSANDRA GHI. alessandra.ghi@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA di ALESSANDRA GHI alessandra.ghi@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA - Assegnista di ricerca - - presso il Dipartimento di Management Sapienza Università

Dettagli

DISPOSIZIONE GENERALE N. 479

DISPOSIZIONE GENERALE N. 479 DISPOSIZIONE GENERALE N. 479 In data 13 aprile 2011 il Consiglio di Amministrazione ha nominato nella carica di Presidente Esecutivo il dott. Franco Bernabè. Il Consiglio di Amministrazione ha attribuito

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Curriculum Vitae di Pavione Enrica

Curriculum Vitae di Pavione Enrica Curriculum Vitae di Pavione Enrica INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Pavione Enrica Data di nascita (22/11/1971) Qualifica Ricercatore confermato Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

Dettagli

Curriculum vitae di ELINA DE SIMONE

Curriculum vitae di ELINA DE SIMONE Curriculum vitae di ELINA DE SIMONE Contatti: Dipartimento di Studi Aziendali ed Economici, Università degli Studi di Napoli Parthenope, Via Generale Parisi, 13, 80132, Napoli POSIZIONE ATTUALE Università

Dettagli

Economia. Management. Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA

Economia. Management. Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA Economia Management Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA ECONOMIA CORSI DI LAUREA Economia Management Amministrazione, controllo e finanza aziendale CORSI DI LAUREA MAGISTRALE Economia

Dettagli

T_cesit. n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities. sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli

T_cesit. n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities. sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli ISSN 2039-2303 T_cesit n 5 2013 Il Ruolo della Mobilità per la Progettazione delle Smart Cities sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli Centrostudi suisistemi ditrasporto CarloMarioGuerci

Dettagli

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO, FASCIA DEGLI ORDINARI, PER IL SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS P08 FACOLTA DI ECONOMIA INDETTA

Dettagli

T_cesit. n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo nelle aziende di Trasporto Pubblico Locale

T_cesit. n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo nelle aziende di Trasporto Pubblico Locale ISSN 2039-2303 T_cesit n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli Centrostudi suisistemi ditrasporto CarloMarioGuerci

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Controllo di Gestione e Misurazione delle Performance: l integrazione delle competenze, la valorizzazione delle differenze e la tecnologia

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

1. La Disoccupazione in un Processo di Sviluppo Economico. Alcuni aspetti dell esperienza

1. La Disoccupazione in un Processo di Sviluppo Economico. Alcuni aspetti dell esperienza LISTA DELLE PUBBLICAZIONI LIBRI 1. La Disoccupazione in un Processo di Sviluppo Economico. Alcuni aspetti dell esperienza Italiana 1951-1968, Giuffrè, Milano, 1971. 2. Occupazione, Accumulazione e Distribuzione

Dettagli