MANUALE EUROPEAN NGOS , E PLATFORM AGAINST TRAFFICKING ENPATES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE EUROPEAN NGOS , E PLATFORM AGAINST TRAFFICKING ENPATES"

Transcript

1

2

3 MANUALE EUROPEAN NGOS PLATFORM AGAINST TRAFFICKING RAFFICKING,, EXPLOITATION E AND SLAVERY ENPATES, E

4 La presente pubblicazione è stata realizzata nell ambito del progetto ENPATES - European NGOs Platform against Trafficking, Exploitation and Slavery (cod. HOME/2009/ISEC/AG/032), finanziato dalla Commissione europea (DG Affari Interni) attraverso il Programma Prevenzione e lotta contro la criminalità. Essa riflette solo le opinioni degli autori e delle autrici e la Commissione europea non può essere ritenuta responsabile di alcun uso che possa essere fatto delle informazioni contenute nella pubblicazione. Partner del progetto: Associazione On the Road (Italia, lead partner), ALC (Francia), ACCEM (Spagna), ADPARE (Romania), Anti-Slavery International (Gran Bretagna), KOK (Germania), Lefoe (Austria), Pag-Asa (Belgio), La Strada International (Paesi Bassi). ONG ed ente locale che hanno partecipato ad alcune attività progettuali: Vatra (Albania), Hope and Help (Armenia), AYAFE (Azerbaigian), Gender Perspectives/La Strada Belarus (Bielorussia), New Road BiH (Bosnia-Erzegovina), Animus Association/La Strada Bulgaria (Bulgaria), KISA (Cipro), La Strada Czech Republic (Repubblica Ceca), Pro-Vest (Danimarca), Living for Tomorrow (Estonia), Prostitute Counselling Centre (Finlandia), Comitè contre l'esclavage Moderne (Francia), People's Harmonious Development Society (Georgia), Mitternachtsmission Heilbronn (Germania), KOOFRA (Germania), KEPAD Human Rights Defence Centre (Grecia), Cooperativa Oasi 2 (Italia), Consorzio NOVA (Italia), Comune di Venezia (Italia), Resource Center for Women "Marta Brivibas (Lettonia), Missing Persons Families Support Centre (Lituania), Foundation Maison de La Porte Ouverte (Lussemburgo), Open Gate - La Strada (Macedonia), The People for Change Foundation (Malta), La Strada Moldova (Moldova), CoMensha/La Strada Netherlands (Paesi Bassi), Nadheim (Norvegia), La Strada Poland (Polonia), APF (Portogallo), ASTRA (Serbia), Human Rights League (Slovacchia), Foundation Safer Sweden (Svezia), FIZ (Svizzera), HRDF - Human Resource Development Foundation (Turchia). Non tutte le parti tradotte di questa pubblicazione sono state formalmente editate. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, copiata o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni, o qualsiasi altra forma di archiviazione, senza il permesso dei proprietari del copyright. Associazione On the Road Via delle Lancette A Martinsicuro (Teramo) - Italia Stampa: Litografica COM Capodarco di Fermo (Fermo) - Italia

5 INDICE Introduzione p. 5 Il progetto ENPATES 7 Capitolo 1. Raccomandazioni per le politiche contro la tratta: come svilupparle e come sostenerle, Klara Skrivankova Cos è l advocacy e come promuovere il cambiamento Strumenti e assistenza per il monitoraggio e la valutazione da parte delle ONG Strumenti di valutazione Monitoraggio a livello nazionale 15 Monitoraggio di misure anti-tratta ad opera di coalizioni di ONG 15 Gruppi di lavoro e organismi multi-agenzia nazionali Monitoraggio a livello internazionale 16 Consiglio d Europa 17 Meccanismi delle Nazioni Unite sui diritti umani 18 Monitoraggio degli standard internazionali sul lavoro Impegno con l Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) 20 I meccanismi di controllo dei trattati 21 Rapporto sulla tratta di persone del Dipartimento di Stato americano 23 Unione europea Come formulare raccomandazioni 24 Capitolo 2. Analisi di pratiche anti-tratta rilevanti Introduzione Categoria A - Pratiche di prevenzione, formazione e ricerca, di Patrick Hauvuy Categoria B - Pratiche di identificazione, prima assistenza e protezione, di Fabio Sorgoni Categoria C - Pratiche di assistenza e di inclusione socio-lavorativa a lungo termine nei Paesi di origine/destinazione/terzi, di Alexandra Mitroi Categoria D - Altre tipologie di pratiche, di Maria Teresa de Gasperis 41 Capitolo 3. Cooperazione transnazionale tra ONG anti-tratta I principali strumenti di promozione della cooperazione transnazionale, di Alexandra Mitroi Analisi di dodici studi di caso sulle procedure di cooperazione transnazionale tra ONG anti-tratta, di Micaela Maria Schincaglia 51 Allegati 61 Carta dei principi, degli obiettivi, e delle attività della Piattaforma ENPATES 63 Final conference statement: Key lessons & recommendations 66 Pratiche anti-tratta rilevanti 68 Practice 1. Outreach work, NGO New road (Bosnia and Herzegovina) 68 Practice 2. Dispositif Ac.Sé, Association ALC (France) 69 Practice 3. Programme of Cooperation in the Black Sea Region in the Area of Migration between Countries of Origin, Transit and Destination, People s Harmonious Development Society (Georgia) 70 Practice 4. Programme of Cooperation in the Black Sea Region in the Area of Migration between Countries of Origin, Transit and Destination (2), People s Harmonious Development Society (Georgia) 72

6 Practice 5. Sadaursa sad tsaikvan/quo Vadis?/Where do you go?, People s Harmonious Development Society (Georgia) 74 Practice 6. Crisis Intervention Unit, Municipality of Venice (Italy) 75 Practice 7. Outreach work against labour exploitation, Comunità Oasi 2 San Francesco (Italy) 77 Practice 8. Trafficking Prevention for Vulnerable Youth and Women in Kosovo, Centre to Protect Victims and Prevent Trafficking in Human Beings - PVPT (Kosovo) 78 Practice 9. Rehabilitation and reintegration of victims and potential victims of trafficking, Centre to Protect Victims and Prevent Trafficking in Human Beings - PVPT (Kosovo) 79 Practice 10. Girl and Boy Power in Lithuania, Centre for Missing Persons Families Support Centre (Lithuania) 81 Practice 11. Ambulant assistance, Femmes en Détresse a.s.b.l. (Luxembourg) 82 Practice 12. Integrative assistance programme for the social inclusion of victims of trafficking promoting cooperation with NGOs in the destination countries for an efficient case referral, Adpare (Romania) 83 Practice 13. ASTRA Day Centre, ASTRA Anti Trafficking Action (Serbia) 86 Practice 14. Coordination between the Office of the Public Prosecutor for Foreign Affairs and some NGOs in representation of the Spanish Network against Trafficking in Persons, Red Española contra la Trata de Personas RECTP (Spain) 88 Practice 15. Coordination with the Regional Police ( Mossos d Esquadra ) of the Autonomous Community of Cataluña, Sicar cat (Spain) 89 Practice 16. Red Española contra la Trata de Personas (Spanish Network against Trafficking in Persons) RECTP (Spain) 90 Practice 17. Victim Assistance Programme Istanbul Shelter, Human Resource Development Foundation - HRDF (Turkey) 91 Practice 18. Indoor outreach unit (Unità mobile indoor), Associazione On the Road (Italy) 92 Practice 19. Counselling, including care and psychosocial support working with carers with the same native language (cultural mediators), KOOFRA e.v., Coordination Centre against Trafficking in Women (Germany) 94 Practice 20. We are stronger together, NAHTAZ - Network against Human Trafficking in Azerbaijan (Azerbaijan) 95 Studi di caso 96 Case Study 1. Adpare (Romania) 96 Case Study 2. ALC (France) 98 Case Study 3. ALC (2) (France) 99 Case Study 4. Astra (Serbia) 100 Case Study 5. Centre for Missing Persons Families Support Centre (Lithuania) 101 Case Study 6. Centre for Missing Persons Families Support Centre (2) (Lithuania) 102 Case Study 7. Centre to Protect Victims and Prevent Trafficking in Human Beings (Kosovo) 103 Case Study 8. Femmes en Détresse a.s.b.l. (Luxembourg) 104 Case Study 9. Human Resource Development Foundation - HRDF (Turkey) 105 Case Study 10. KOOFRA (Germany) 106 Case Study 11.Mitternachtsmission Heilbronn (Germany) 107 Case Study 12. People s Harmonious Development Society (Georgia) 109

7 INTRODUZIONE Negli ultimi venti anni, le ONG che operano nel settore anti-tratta hanno sviluppato programmi, pratiche, metodologie e strumenti di rilievo per promuovere i diritti delle persone trafficate, fornire loro un ampia serie di servizi, sensibilizzare e formare soggetti a vario titolo impegnati a prevenire e contrastare la tratta o ad erogare misure di assistenza. Tuttavia, in troppi casi, gli sforzi delle ONG sono ancora notevolmente frammentati e non coordinati a causa della mancanza di analisi comuni, programmazioni congiunte e posizioni condivise di fronte alle istituzioni nazionali ed europee. Inoltre, si registra uno scarso coordinamento operativo tra ONG e tra queste e altri enti sia nei casi di tratta interna che transnazionale quale conseguenza dell assenza di un sistema strutturato di condivisione di informazioni e di procedure di collaborazione. Nel 2009, per colmare le lacune summenzionate, l Associazione On the Road (Italia), La Strada International, Anti-Slavery International (Regno Unito), ALC (Francia), ACCEM (Spagna), ADPARE (Romania), LEFOE (Austria), KOK (Germania) e PAG-ASA (Belgio) hanno presentato il progetto ENPATES - European NGOs Platform against Trafficking, Exploitation and Slavery (Piattaforma delle ONG europee contro la tratta, lo sfruttamento e la schiavitù) nell ambito del Programma Prevenzione e la lotta contro la criminalità finanziato dalla Commissione europea Direzione Generale Affari Interni. Attuato fra il luglio 2010 e il novembre 2012, ENPATES si è posto come obiettivo la costituzione di una piattaforma pan-europea, stabile e flessibile per permettere alle ONG di sviluppare un quadro comune di analisi e di intervento al fine di orientare le politiche, le strategie e la programmazione anti-tratta. Il progetto ha coinvolto gradualmente ONG anti-tratta di Paesi membri dell Unione europea, di Paesi candidati e di altri paesi europei. Allo stato attuale, hanno ufficialmente aderito alla Piattaforma ENPATES 26 organizzazioni in rappresentanza di 25 Paesi diversi. La partecipazione di un numero significativo di ONG rappresenta certamente un grande risultato che ha contribuito al raggiungimento dei seguenti risultati: facilitazione di contatti e scambi fra ONG europee su questioni pratiche riguardanti interventi anti-tratta, attraverso l organizzazione di due riunioni consultive tenutesi a Roma (5-6 aprile 2011, novembre 2012); identificazione e analisi dei bisogni delle ONG; raccolta e analisi di dati, informazioni e conoscenze sulle varie forme di tratta, le politiche e le pratiche (vedere e formulazione di linee guida per la realizzazione di attività di advocacy e di cooperazione transnazionale da parte di ONG anti-tratta. In questa pubblicazione sono raccolti alcuni dei prodotti più significativi del progetto ENPATES. Nel Capitolo 1 sono presentate una serie di raccomandazioni per l implementazione di misure di advocacy e lobbying per promuovere politiche di protezione dei diritti delle persone trafficate in ogni fase della loro identificazione, presa in carico e assistenza. Il Capitolo 2 presenta l analisi di venti pratiche anti-tratta rilevanti implementate da ONG europee in materia di prevenzione, formazione e ricerca; identificazione, prima assistenza e protezione di vittime di tratta; assistenza a lungo termine e inclusione sociale di persone trafficate nei Paesi di origine, di destinazione e nei Paesi terzi. Il Capitolo 3 illustra brevemente i principali strumenti di cooperazione transfrontaliera previsti dalla normativa europea e da quella internazionale. Analizza inoltre dodici studi di caso riguardanti la cooperazione transnazionale fra ONG di Paesi di origine e di Paesi di destinazione principalmente per il ritorno assistito di vittime di tratta. Le pratiche e i casi selezionati rappresentano le principali tipologie di attività realizzate dalle ONG antitratta in Europa. Essi sono significativi per le metodologie innovative impiegate e per i risultati raggiunti. Si tratta di strumenti utili per accrescere le conoscenze e lo scambio di competenze fra ONG e altri attori a vario titolo impegnati nel settore anti-tratta, in modo da migliorare le loro capacità di implementare strategie e pratiche efficaci per la protezione e l assistenza di donne, uomini e minori vittime di tratta e sfruttati nei Paesi di origine, di transito e di destinazione. Le descrizioni complete delle pratiche e degli studi di caso (in inglese), analizzati rispettivamente nel Capitolo 2 e nel Capitolo 3, sono incluse negli Allegati, insieme alla Carta dei principi, degli obiettivi, e delle attività, della partecipazione, della struttura e del funzionamento della Piattaforma ENPATES. Tra 5

8 gli Allegati è inoltre compreso il Final conference statement: Key lessons & recommendations, elaborato dai partner della Piattaforma ENPATES in occasione della Conferenza finale del progetto. Infine, i partner di ENPATES desiderano ringraziare sentitamente tutte le ONG e gli attori anti-tratta che hanno attivamente partecipato alla realizzazione delle attività progettuali, condividendo l obiettivo di migliorare le proprie competenze per cooperare a livello nazionale e transnazionale per prevenire e lottare contro la tratta di esseri umani e, soprattutto, per assistere le persone trafficate in ogni fase della loro identificazione, presa in carico e inclusione socio-lavorativa nei Paesi di origine, di destinazione o di reinsediamento. Lo scambio e la collaborazione continua fra chi opera nel settore anti-tratta contribuiscono in maniera significativa allo sviluppo di strategie e politiche fondate su obiettivi, approcci e attività comuni. In particolare, il dialogo costante e la contaminazione continua di pratiche fra ONG sono fondamentali per orientare e rafforzare congiuntamente le politiche, le strategie e gli interventi per contrastare la tratta di esseri umani e per proteggere i diritti delle persone trafficate e sostenere il loro processo di empowerment. 6

9 IL PROGETTO ENPATES Il contesto Il progetto ENPATES European NGO Platform against Trafficking, Exploitation and Slavery (Piattaforma di ONG europee contro la tratta, lo sfruttamento e la schiavitù) è stato finanziato nel quadro del Programma sulla prevenzione e la lotta contro la criminalità (2009) della Direzione Generale Affari Interni della Commissione europea e coordinato dall Associazione On the Road (Italia), in collaborazione con La Strada International (Paesi Bassi), Anti-Slavery International (Regno Unito), ALC (Francia), ACCEM (Spagna), ADPARE (Romania), LEFOE (Austria), KOK (Germania) e PAG-ASA (Belgio). Queste ONG hanno maturato una lunga esperienza nella lotta e la prevenzione della tratta di esseri umani e, soprattutto, nel supporto e nella tutela dei diritti delle vittime a livello locale, nazionale e transnazionale. ENPATES rappresenta il risultato del loro impegno sul campo e della continua collaborazione che, nel corso del tempo, le ha portate a scambiarsi informazioni, conoscenze, competenze, allo scopo di migliorare gli interventi contro la tratta e rispondere meglio alle esigenze delle vittime assistite all interno e al di là dei confini nazionali. Il progetto è iniziato nel luglio 2010 e si è concluso nel novembre Obiettivi del progetto L obiettivo principale del progetto ENPATES era quello di stabilire una piattaforma pan-europea, stabile e flessibile, di ONG anti-tratta perché potessero sviluppare una strategia di coordinamento efficace per la promozione e la tutela dei diritti umani delle persone vittime di tratta. Per raggiungere questo obiettivo, i partner di ENPATES hanno definito i seguenti obiettivi specifici: - Sviluppare un sistema condiviso per l analisi degli interventi, allo scopo di orientare le politiche, le strategie e le attività messe in atto contro la tratta di esseri umani; - Collegare e diffondere le analisi, le conoscenze e le informazioni sulla tratta, lo sfruttamento e la schiavitù in Europa (fenomeni, politiche, pratiche); - Stabilire un sistema per lo scambio di buone pratiche e per favorire la cooperazione operativa fra ONG e fra ONG e altri enti anti-tratta nel campo della prevenzione, dell assistenza e della presa in carico di persone trafficate; - Contribuire alla promozione di politiche anti-tratta coerenti ed efficaci a livello nazionale ed europeo fondate su di un approccio incentrato sulla tutela dei diritti umani, l uguaglianza di genere, rispettoso delle caratteristiche individuali delle persone assistite (età, nazionalità, bisogni specifici) in una prospettiva multi-agenzia, olistica e integrata. Attività e risultati del progetto Il progetto ENPATES ha realizzato un ampia serie di attività raggruppate in Working Packages (WP pacchetti di lavoro): WP 1 - Gestione e coordinamento Il partner capofila era responsabile della gestione del progetto, compresa l amministrazione e la contabilità,il continuo confronto fra partner rispetto alle attività di progetto, i risultati e i tempi di realizzazione, l organizzazione e il coordinamento dei sei Steering Committee Meetings (Incontri del gruppo direttivo del progetto). Il coordinamento del progetto è stato realizzato anche attraverso frequenti consultazione a distanza, mediante l utilizzo di telefono, , Skype. In questa WP era compresa anche la valutazione ex-ante, in itinere ed ex-post del progetto WP2 - Analisi dei bisogni e costruzione della piattaforma di ONG I partner di ENPATES hanno realizzato una valutazione dei bisogni delle ONG europee anti-tratta, identificando una o più ONG in ogni paese dell Unione europea e alcuni paesi extra UE, inviando loro un questionario e analizzando i risultati ottenuti. L obiettivo era di identificare gli obiettivi e le attività dalla piattaforma a partire dal feedback ottenuto dalle ONG contattate. La prima riunione consultiva delle ONG anti-tratta ha avuto luogo il 5 e 6 aprile 2011 a Roma, in cui 40 ONG di Paesi 7

10 membri dell Unione europea e di alcuni paesi extra UE hanno partecipato a sei gruppi di lavoro e due sessioni plenarie, contribuendo alla definizione dei contenuti delle attività del Progetto/Piattaforma ENPATES. In occasione della riunione consultiva delle ONG, il Partenariato ha presentato la bozza di Dichiarazione di ENPATES, che è poi diventata la Carta della Piattaforma ENPATES. Le ONG hanno espresso l interesse nei confronti della Piattaforma non soltanto attraverso la loro attiva partecipazione, ma anche fornendo indicazioni preziose per lo sviluppo dei principi guida, della struttura e delle attività della Piattaforma. WP3 Mappatura delle risorse e delle informazioni (fenomeni, politiche, pratiche) Lo scopo di questa WP era di definire i criteri per la raccolta delle informazioni relative a fenomeno, politiche e pratiche. I criteri individuati sono poi serviti per portare avanti le attività del WP4. WP4 Raccolta e pubblicazione delle informazioni (sistema di aggiornamento costante sul fenomeno, le politiche, le pratiche) Lo scopo era di raccogliere e condividere le conoscenze disponibili sulla tratta di esseri umani e sulle misure anti-tratta allo scopo di stabilire un centro risorse online sui fenomeni, le politiche e le pratiche relativi alla tratta. Il centro risorse è stato concepito come strumento di condivisione delle conoscenze. Attualmente, il centro risorse online (www.enpates.org) contiene informazioni rilevanti di livello nazionale e transnazionale per quanto concerne: - Fenomeno: pubblicazioni e rapporti sulle cause principali, i processi, le forme che assume la tratta e i settori di sfruttamento delle persone trafficate e i gruppi a rischio di reclutamento e sfruttamento; - Politiche anti-tratta tratta e relativa attuazione in diversi Paesi; - Pratiche anti-tratta tratta: o Analisi di 35 manuali e pubblicazioni sulle pratiche anti-tratta scaricabile dal sito internet; o Una pubblicazione contenente 20 pratiche rilevanti e 12 casi di studio raccolti grazie alla collaborazione dei membri della Piattaforma di ONG di ENPATES. Il sito internet contiene anche un elenco (Directory) delle ONG e organizzazioni europee anti-tratta suddivise per paese. WP 5 - Produzione di strumenti e raccomandazioni (politiche, informazioni e cooperazione) Il partenariato ENPATES ha sviluppato strumenti e raccomandazioni per migliorare le capacità delle ONG nel fornire supporto alle persone vittime di tratta, aumentare la collaborazione fra diversi Paesi nella gestione dei casi di tratta e sviluppare attività di advocacy a livello nazionale e transnazionale. I risultati di questo WP sono contenuti in questo volume (Manuale ENPATES) e sono: una guida di advocacy/raccomandazioni per le politiche, la raccolta e l analisi di 20 pratiche anti-tratta rilevanti e di 12 studi di caso raccolti nei WP 3/4, analisi sulla cooperazione transnazionale tra ONG. WP 6 - Diffusione, advocacy e sviluppo della Piattaforma Le attività di questo WP comprendevano: lancio del social network NING e del sito distribuzione dei risultati del progetto, vale a dire il manuale di ENPATES in cinque lingue (inglese, italiano, tedesco, spagnolo, francese), disponibile sia stampato che online, la Conferenza transnazionale finale (Roma, 14 novembre 2012), a cui hanno partecipato 30 ONG di 28 Paesi diversi. Per aumentare l accesso e la partecipazione delle ONG dei Paesi membri e non membri dell Unione europea alla Piattaforma e garantire la sua sostenibilità post-progetto, i partner di ENPATES hanno organizzato la seconda riunione delle ONG e prima Assemblea delle ONG di ENPATES (Roma, 13 novembre 2012). Esperti e partecipanti hanno affrontato questioni e sfide fondamentali riguardanti il lavoro delle ONG contro la tratta. In occasione della riunione è stata presentata, discussa e approvata una Strategia per il futuro di ENPATES. La Piattaforma ENPATES Il risultato principale del progetto è la creazione della Piattaforma ENPATES, che intende assicurare l attuazione delle norme e delle raccomandazioni contenute nei relativi strumenti internazionali ed europei che sono in linea con l approccio incentrato sui diritti umani. Infatti, i partner della Piattaforma ENPATES si sono impegnati a garantire i seguenti principi fondamentali: - Diritti delle persone vittime di tratta e sfruttate al centro di interventi anti-tratta; - Indipendenza delle ONG e rafforzamento del loro ruolo di osservatori; - Trasparenza e responsabilità delle ONG partecipanti; - Rispetto e apertura verso i partner di ENPATES e gli altri stakeholders. 8

11 Gli obiettivi specifici della Piattaforma ENPATES sono: Migliorare le conoscenze e l analisi a livello europeo sulle politiche, le pratiche e gli studi contro la tratta; Creare un sistema stabile per lo scambio di buone pratiche e la cooperazione operativa fra ONG anti-tratta e altri protagonisti rispetto alla prevenzione, l assistenza e la presa in carico delle persone vittime di tratta; Promuovere legislazioni, politiche, programmi e servizi anti-tratta coerenti ed efficaci, a livello nazionale ed europeo, che sappiano rispettare, proteggere, adempiere e promuovere tutti i diritti civili, culturali, economici, politici e sociali delle persone incondizionatamente ed in qualunque momento del processo di identificazione, presa in carico e assistenza. Tutte le persone vittime della tratta presunte e identificate devono essere trattate in maniera uguale senza discriminazioni di sesso, razza, colore della pelle, lingua, religione, opinioni politiche o altre, origine nazionale o sociale, appartenenza a minoranza nazionale, proprietà, nascita o altra condizione 1. Inoltre, le politiche e i servizi si devono basare su un ampia prospettiva multi agenzia, olistica e integrata. Utilizzare la Piattaforma come strumento di lobbying e advocacy a livello internazionale e nazionale; Dare voce anche alle piccole ONG e a tutti i Paesi rappresentati; Portare i problemi locali ad un livello internazionale/globale. Alla fine del progetto, la Piattaforma ENPATES comprendeva 26 membri di 25 Paesi: 15 Paesi membri dell Unione europea: Italia, Francia, Romania, Portogallo, Spagna, Irlanda, Estonia, Lettonia, Lituania, Grecia, Svezia, Danimarca, Lussemburgo, Finlandia, Germania 5 Paesi Candidati dell Unione europea: Serbia, Turchia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo 5 Paesi non membri dell Unione europea: Georgia, Azerbaigian, Armenia, Svizzera, Norvegia. 1 Consiglio d Europa, Convenzione sull Azione contro la Tratta di Esseri Umani, CETS N. 197, Art. 3. 9

12

13 CAPITOLO 1 RACCOMANDAZIONI PER LE POLITICHE CONTRO LA TRATTA: COME SVILUPPARLE E COME SOSTENERLE Klara Krivankova, Anti-Slavery International (Regno Unito) L obiettivo del presente capitolo è di offrire una guida e dei consigli per ottenere dei cambiamenti nelle politiche di contrasto alla tratta degli esseri umani. Inizia con alcuni suggerimenti sulle strategie e sulle tecniche di advocacy che possono essere utili quando si vogliono indurre cambiamenti nei contesti nazionali o internazionali. Il capitolo fornisce inoltre alcuni chiarimenti sui meccanismi internazionali e regionali con cui le ONG possono interagire e che possono aiutarci ad ottenere dei miglioramenti. La tipologia di cambiamento che desideriamo può variare: può essere una modifica legislativa, un tentativo di migliorare processi tramite i quali le persone vittime di tratta vengono inviate ai servizi per ricevere assistenza o un cambiamento nel modo in cui i progressi e gli obblighi degli Stati e delle organizzazioni della società civile sono monitorati. Mentre diversi Paesi in Europa possono avere esigenze diverse in termini di cambiamento, i processi per raggiungere tali cambiamenti e gli strumenti per attuarli sono in generale trasferibili e possono essere adattati al particolare contesto nazionale o alle circostanze. Essenzialmente, coloro che identificano la necessità di un cambiamento (un problema) devono convincere di tale necessità coloro che sono nella posizione di fare in modo che quel cambiamento avvenga (responsabili delle politiche) e spingerli ad avviare il processo di cambiamento. Advocacy è il termine utilizzato per descrivere il processo che porta ad ottenere un cambiamento e il presente capitolo offre alle ONG una mini-guida in materia di advocacy. Tuttavia, prima che un qualunque processo di tutela dei diritti possa essere avviato, devono essere disponibili conoscenze e competenze sufficienti, basate su dati oggettivi, sul problema che deve essere affrontato. La raccolta di informazioni e la documentazione sono spesso realizzate proficuamente attraverso un monitoraggio a livello internazionale e realizzando resoconti paralleli o shadow report. In tal modo, i dati possono essere utilizzati per portare avanti un attività di advocacy sia a livello nazionale che internazionale, per fare pressione su un Paese tramite meccanismi internazionali quali le Nazioni Unite. Il testo seguente è strutturato in tre parti. La prima parte offre alcune indicazioni e suggerimenti pratici su come sviluppare una strategia efficace di advocacy e come perorare un cambiamento. Nella seconda parte sono elencati diversi strumenti di valutazione e monitoraggio paralleli o shadow monitoring. Questa parte fornisce anche indicazioni su come utilizzare alcuni dei meccanismi internazionali per esercitare pressione volta a garantire i cambiamenti. Infine, l ultima parte offre alcuni consigli pratici su come formulare raccomandazioni e organizzare riunioni informative. 1.1 Cos è l advocacy e come promuovere il cambiamento 2 L advocacy è rappresentata da qualunque attività che una persona o un organizzazione intraprende per influenzare le politiche. Nel ciclo di vita di un organizzazione non governativa, gran parte delle attività è incentrata sul lavoro di advocacy spesso senza che l organizzazione si renda realmente conto che è ciò di cui si occupa. La nozione di advocacy è spesso utilizzata in modo intercambiabile con quella di lobbying. Tuttavia, l attività di lobbying riguarda una serie di azioni diverse, più specifiche. Con tale termine, infatti, ci si riferisce alle attività con cui si chiede ai decisori politici di assumere posizioni specifiche su determinate legislazioni o su altre decisioni. 2 Il presente capitolo si basa sulle seguenti fonti: M. Kaye, K. Willingham, Advocacy Training, Anti-Slavery International, London; The Policy Project, Networking for Policy Change. An Advocacy Training Manual, USAID, Washington, 1999; Non Profit Action, 11

14 Allora, cosa facciamo quando ci occupiamo di advocacy o di tutela dei diritti? Noi: - Perseguiamo un risultato desiderato. - Promuoviamo una soluzione per un problema. - Costruiamo la volontà politica di agire. - Cerchiamo di influenzare una persona o un gruppo di persone per cambiare qualcosa. L advocacy, che sia rivolta ad un singolo decisore o ad un pubblico generale, deve passare di solito attraverso diverse fasi prima di poter ottenere un risultato pratico. Le varie fasi di advocacy comprendono: - Il miglioramento della sensibilizzazione/delle conoscenze sul problema (per questo dobbiamo disporre di una base di conoscenze/dati per dimostrare il problema in maniera autorevole); - Fare in modo che le informazioni siano accettate come vere (anche in questo caso è fondamentale che la documentazione sul problema vada oltre la semplice aneddotica); - L individuazione e la proposta di soluzioni al problema (un cambiamento); - Ottenere i cambiamenti desiderati nelle politiche o nei comportamenti; - Garantire l attuazione di politiche o di cambiamenti di comportamenti. Queste fasi sono applicabili sia per interventi riguardanti una questione specifica o per campagne limitate nel tempo sia per un lavoro continuo inerente ad una serie di problematiche (ad esempio il monitoraggio continuo del rispetto dei trattati sui diritti umani da parte degli Stati). Ogni intervento di advocacy richiede una programmazione approfondita che prenda in considerazione una serie di questioni interne ed esterne e la mappatura degli stakeholders per individuare i potenziali alleati che potrebbero fornire assistenza nel raggiungimento del cambiamento che si intende raggiungere. La programmazione delle attività di advocacy prevede: - Identificare il problema e le soluzioni chiave (tentare di scomporre il problema in elementi di base e individuare le soluzioni che siano realistiche e veicolabili ad un pubblico non specializzato); - Fare in modo di avere una base stabile (considerare le proprie risorse, i dati, la reputazione, la comunicazione interna, ecc.); - Analizzare l ambiente politico (chi detiene il potere, qual è il suo atteggiamento, le limitazioni sulla capacità di attuare i cambiamenti sulle politiche/prassi); considerare anche se sono prossime eventuali elezioni (nazionali/locali); - Stabilire i propri obiettivi renderli SMART (Specific - specifici; Measurable - misurabili; Achievable - realizzabili; Realistic - realistici; Timebound con una precisa scadenza); - Sviluppare una strategia di advocacy per raggiungere tali obiettivi; - Attuare la programmazione definita e mantenere le dinamiche di processo (monitorare, valutare e apportare le necessarie modifiche nel periodo di implementazione progettuale). L obiettivo dell attività di advocacy che si tenta di attuare determinerà la strategia da adottare per il raggiungimento di tale obiettivo. In alcuni casi, una singola attività potrebbe essere sufficiente per raggiungere ciò che si persegue. In altre situazioni, sarà necessario combinare diversi metodi per raggiungere il risultato desiderato. In generale, la vostra strategia dovrà utilizzare uno degli elementi seguenti o una loro combinazione: Campagne di base Questa strategia prevede di solito interventi formativi, pubblicazioni, campagne di sensibilizzazione e di mobilitazione dell opinione pubblica. Avere un messaggio chiaro e qualcosa che le persone possono fare (ad esempio inviare lettere, petizioni, cartoline, raccolte di fondi, visitare siti internet, informare altri) per aiutarvi ad avanzare nella vostra causa. Se si riesce a coinvolgere l opinione pubblica, ciò dimostra che le cittadine e i cittadini ordinari, che poi son quelli che votano, si interessano al problema. A sua volta, ciò attirerà l interesse dei politici sulla questione. Costruzione della coalizione È raro che riusciamo ad ottenere un cambiamento da soli. Operare con altre organizzazioni e singoli e coinvolgerli nella vostra campagna può rafforzare l intero processo. Creare collegamenti con organizzazioni simili e con alleati non tradizionali (ad esempio sindacati o forze di polizia). Cercare, 12

15 inoltre, il supporto di singoli e gruppi influenti (ad esempio giornalisti, sportivi o musicisti famosi, leader all interno di comunità sociali o religiose) che possono avere un migliore accesso a coloro che si trovano in una posizione di potere. Queste attività sono preziose, perché vi consentono di: raggiungere un pubblico più vasto e mobilitare diversi gruppi di sostenitori; specializzarsi e condividere i compiti fra i vari gruppi; migliorare l efficacia dei propri interventi; condividere i costi. Influenzare i decisori I vostri gruppi target da influenzare comprendono ministri, impiegati pubblici, consulenti e funzionari locali e politici di altri partiti, con la possibilità di includere anche i funzionari che si occupano di redigere linee guida o interpretare norme (magistrati, funzionari addetti alle questioni relative all immigrazione, agenti delle forze dell ordine, assistenti sociali, ecc.). Prima di tentare di influenzare queste persone, è importante fare una mappatura dei gruppi target che con più probabilità potranno essere dalla vostra parte e concentrarsi su quelli più realistici. Lavoro con i media I media possono essere i vostri migliori alleati, ma possono anche influenzare la vostra campagna negativamente. Dovete sempre ricordare che i vostri avversari possono servirsi dei media nello stesso modo in cui lo fate voi. Inoltre, potrebbe non essere sempre utile coinvolgere i media nella vostra campagna. Lavorare con i media significa ottenere una copertura televisiva, radiofonica, sui giornali, le riviste, in internet, ecc. Si può lavorare con i media in maniera propositiva (ad esempio fornire loro storie e indicazioni) e/o reattiva (reagire a ciò che viene presentato nei media, ad esempio scrivere una lettera al direttore). Come si rafforzano gli strumenti di tutela dei diritti a vicenda? Lo schema seguente aiuta a comprendere come i vari strumenti di advocacy si rafforzano e si completano a vicenda: Un altro modo per capire ciò che facciamo quando sosteniamo la nostra causa è di elencare tutte le fasi nel processo di advocacy. Ogni elemento del processo deve essere progettato con attenzione e, in generale, non ne deve essere trascurato nessuno. Certamente, in alcuni casi, potrebbe non essere necessario operare in partenariato, ma come regola generale, il processo dovrebbe essere seguito meticolosamente per raggiungere i migliori risultati. Processo di advocacy: 1. Definire la questione ( interesse ) 2. Stabilire gli obiettivi (compresi i risultati misurabili nel breve periodo) 3. Identificare il pubblico target ( soggetti ) 4. Costruire il supporto ( partner ) 5. Sviluppare il messaggio (chi state tentando di raggiungere? Cosa volete ottenere?) 6. Selezionare gli strumenti che supportano il vostro interesse ( strumenti ) 7. Raccogliere fondi 8. Sviluppare il piano attuativo (attività e compiti, responsabili, tempistica, risorse). 13

16 1.2 Strumenti e assistenza per il monitoraggio e la valutazione da parte delle ONG L obiettivo di questa parte del capitolo è di fornirvi assistenza nello sviluppo e nel miglioramento dei vostri processi di monitoraggio e nella raccolta dei dati oggettivi. Prima di tutto vi offriremo diversi strumenti che potrebbero essere utilizzati per valutare gli interventi degli Stati e per evidenziare il loro rispetto degli obblighi internazionali. Poi, vi presenteremo alcuni dei meccanismi che potrebbero essere utilizzati per presentare resoconti paralleli (shadow report) o per presentare le vostre preoccupazioni e dichiarazioni Strumenti di valutazione Per valutare le conseguenze sui diritti umani delle politiche contro la tratta nel vostro Paese, possono essere utilizzati molti strumenti internazionali. The RighT Guide (2010: Aim for human rights, Marjan Wijers, Lin Chew) La RighT Guide rappresenta uno strumento utile per assistervi nel processo di valutazione, tramite l utilizzo dei principali strumenti a sostegno dei diritti umani. È stata sviluppata esclusivamente per essere utilizzata dalle ONG, comprese le piccole organizzazioni di base e locali. Lo strumento è stato testato da ONG in diversi Paesi del mondo. La guida è disponibile on-line in inglese e francese 3. Sono stati sviluppati alcuni strumenti per gli Stati, in modo da fornire loro assistenza nell autovalutazione dei rispettivi risultati. Questi strumenti possono essere utilizzati o facilmente adattati in modo che possano essere utilizzati anche dalle ONG. Uno di questi strumenti è il seguente: Measuring Responses to Trafficking in Human Beings in the European Union: an Assessment Manual 4 [Misurazione delle risposte alla tratta di esseri umani nell Unione europea: un manuale di valutazione] (2007: Commissione europea, Mike Dottridge). Il manuale contiene una serie di domande che consentono agli Stati membri di valutare se stanno attuando misure contro la tratta e un totale di 55 indicatori con cui gli Stati membri possono misurare i propri progressi. Il manuale si compone di quattro parti: la Parte I è incentrata su sei principi guida, che rappresentano pietre miliari fondamentali se si vuole garantire il successo dei vari interventi necessari nella lotta alla tratta. Le tre parti successive si concentrano sulle strategie di prevenzione (Parte II), di protezione e assistenza (Parte III) e di applicazione delle normative (Parte IV). Il manuale può essere scaricato online 5. E-notes. Report on the implementation of anti-trafficking policies and interventions in the 27 EU Member States from a human rights perspective (2008 and 2009) (2010: E-notes project) (E-notes. Relazione sull attuazione di politiche e interventi contro la tratta nei 27 Stati Membri dell UE da un punto di vista dei diritti umani (2008 e 2009) Riconoscendo il ruolo cruciale svolti dal monitoraggio e dalla valutazione dei sistemi anti-tratta esistenti in ciascun Stato membro dell Unione europea per garantire la piena tutela dei diritti delle persone trafficate, l Associazione On the Road (Italia), ACCEM (Spagna), ALC (Francia) e La Strada International (Paesi Bassi) hanno gettato le basi per la definizione di una metodologia condivisa e comparabile affinché le ONG possano monitorare e redigere delle relazioni sull efficienza e sull efficacia delle normative e gli interventi anti-tratta realizzati quotidianamente dai governi, dalle ONG e da altri attori del settore. Attraverso il progetto E-notes ( European NGOs Observatory on Trafficking, Exploitation and Slavery Osservatorio delle ONG europee sulla tratta, lo sfruttamento e la schiavitù) cofinanziato dal Programma di Prevenzione e di Lotta alla Criminalità della Commissione europea (DG Affari Interni), nel febbraio 2011, i partner, con il supporto di ricercatori e ONG nei 27 Stati Membri, hanno presentato il primo report di valutazione delle politiche e delle pratiche anti-tratta implementate 3 <www.humanrightsimpact.org/fileadmin/hria_resources/trafficking_-_right_guide/the_right_guide_eng.pdf>. <www.humanrightsimpact.org/fileadmin/hria_resources/trafficking_-_right_guide/the_right_guide_french.pdf>. 4 Realizzato in base alle raccomandazioni del Gruppo di Esperti sulla Tratta degli Esseri Umani dell Unione europea, come specificato nel loro Rapporto: European Commission, Report of the Experts Group on Trafficking in Human Beings, Brussels, 2004, in <http://ec.europa.eu/antitrafficking/entity.action;jsessionid=2lkcnz8tq1dkvfj59szk2724ptqxvqqygqgrtynnjg1ptsp6svjl! ?id=37a79d51 -e a-b869-6e1c941f5231>. 5 <http://ec.europa.eu/antitrafficking/download.action;jsessionid=xjc4tl3vv5pxy122rlc2fhs6wsdnljk2gpnkzzdd2hfcgc3hlbpg! ?nodeid=d c8cc-4f a1d4177&fileName=Indicators+on+trafficking+in+EU+2007_en.pdf&fileType=pdf>. 14

17 nell Unione europea. Il report E-notes (redatto da Mike Dottridge) evidenzia che i Governi dell Unione europea hanno interpretazioni diverse delle azioni che dovrebbero essere prioritarie per contrastare la tratta e tutelare le persone che ne sono state vittime e indica che la protezione fornita a molte persone trafficate è inadeguata. Esistono differenze sostanziali fra Stati membri dell Unione europea su aspetti fondamentali delle politiche e delle pratiche anti-tratta, ad esempio, sulle legislazioni nazionali antitratta e le definizioni di tratta, l esistenza di organismi di coordinamento e il processo di identificazione delle persone trafficate. Diverse norme delle legislazioni internazionali e nazionali volte a tutelare i diritti delle persone trafficate esistono ancora solo su carta nella maggior parte degli Stati membri. Infine, il report contiene raccomandazioni sia per i governi che per l Unione europea. Contiene inoltre una sintesi dei principali risultati in tutte le lingue nazionali dell Unione europea. Il report, compreso lo strumento utilizzato per il monitoraggio, può essere scaricato online 6. Recommended Principles and Guidelines on Human Rights and Human Trafficking (2002: UN Office of the High Commissioner on Human Rights) (Linee guida dell Ufficio ONU dell Alto Commissariato sui Diritti Umani) A parte gli strumenti volti a valutare le risposte anti-tratta, è anche utile conoscere il quadro che può servire come riferimento per la valutazione. Per determinare in che modo l approccio ai diritti umani è applicato alla lotta contro la tratta, le linee guida prodotte dall Ufficio ONU dell Alto Commissariato sui Diritti umani offrono una base solida. Le linee guida sono un documento quadro che mira a sviluppare risposte basate sui diritti umani in ogni fase del processo anti-tratta. Le linee guida sono state sviluppate nel 2002 e, nel 2010, sono state ulteriormente elaborate in un commentario che definisce nel dettaglio come l applicazione di ognuna delle linee guida può essere attuata (e quindi anche valutata) sul campo. Il testo delle linee guida in inglese, francese e spagnolo e il testo del commentario sono disponibili online Monitoraggio a livello nazionale La conformità del monitoraggio agli obblighi e la valutazione dell attuazione delle politiche anti-tratta, insieme alla valutazione dell impatto sui diritti umani, rappresentano alcune delle competenze delle organizzazioni della società civile coinvolte nel lavoro contro la tratta. La dimostrazione dei risultati sull efficacia delle politiche è cruciale quando vogliamo ottenere dei cambiamenti. La principale attività di molte organizzazioni anti-tratta è fornire assistenza diretta alle vittime, mentre hanno risorse limitate per impegnarsi nel dibattito sulle politiche. Tuttavia, è importante che la loro esperienza e le voci di coloro che assistono vengano prese in considerazione. Di seguito sono forniti alcuni esempi e indicazioni su come le ONG possono impegnarsi a livello nazionale per assicurare cambiamenti positivi per coloro con cui lavorano. Monitoraggio di misure anti-tratta ad opera di coalizioni di ONG Talvolta, è il lavoro di coalizione lo strumento più adeguato per migliorare la capacità delle organizzazioni più piccole e di base di impegnarsi a livello strategico e delle politiche. A tal proposito, un esempio positivo è il Gruppo di Monitoraggio contro la Tratta (Anti-Trafficking Monitoring Group). Fondato nel 2009 in Gran Bretagna, il gruppo comprende nove ONG che operano congiuntamente per monitorare l attuazione della Convenzione del Consiglio d Europa sull azione contro la tratta di esseri umani. Il gruppo ha ideato una propria metodologia di monitoraggio parallelo, combinando diverse tecniche, quali l analisi della letteratura esistente, colloqui, quesiti iniziali da porre al governo da parte del Parlamento e l utilizzo delle normative sulla libertà di informazione per accedere alle informazioni sulla tratta tramite il governo. Una copia della prima relazione del gruppo pubblicata nel 2010, compresa la descrizione dei metodi utilizzati è disponibile al seguente indirizzo: <www.antislavery.org/includes/documents/cm_docs/2010/f/full_report.pdf>. 6 <www.e-notes-observatory.org/wp-content/uploads/e-notes-report_adobe-61.pdf>. 7 <www.ohchr.org/documents/publications/traffickingen.pdf>. <www.ohchr.org/documents/publications/traffickingfr.pdf>. <www.ohchr.org/documents/publications/traffickingsp.pdf>. <www.ohchr.org/documents/publications/commentary_human_trafficking_en.pdf>. 15

18 Gruppi di lavoro e organismi multi-agenzia nazionali Il contesto in ogni Paese è diverso. Di conseguenza, è importante realizzare una mappatura degli stakeholders prima di decidere sulla maniera più produttiva di promuovere un cambiamento. Più sopra è stato riportato un esempio di monitoraggio guidato da una ONG. Un altra possibilità è quella di entrare a far parte di un gruppo di lavoro o di una task-force nazionale. In molti Paesi, il lavoro anti-tratta è guidato da una politica specifica (di solito formulata in un piano d azione). Parte del processo attuativo di tale politica è un organismo di coordinamento o un meccanismo che spesso include un raggruppamento di vari stakeholders. È un segnale di buona pratica se le organizzazioni della società civile sono rappresentate in questo organismo. Un esempio di tale organismo è rappresentato dalla Task Force on Combating Human Trafficking (TFHT) che opera in Austria dal 2004 con a capo il Ministero Federale degli Affari Internazionali ed Europei avente il mandato di coordinare le misure contro la tratta intraprese dall Austria. La task force organizza riunioni periodiche e, preseduta dal Ministero, si compone dei rappresentanti di tutti i ministeri competenti, delle province federali e delle organizzazioni non governative. Un altro esempio di organismo di coordinamento nazionale, in cui le organizzazioni della società civile sono invitate a partecipare, può essere trovato in Romania. Nel 2003, tramite delibera del Governo 8, è stato istituito il Gruppo di Lavoro Interministeriale (Inter-Ministerial Working Group - IWG). L IWG è composto da quattro rappresentanti del Ministero degli Interni; componenti di altri Ministeri, compresi Giustizia; Lavoro, Affari Sociali e Famiglia; Affari Esteri; Istruzione, Ricerca e Politiche Giovanili; Sanità; Pubblica Amministrazione; Cultura; Autorità Nazionale per la Tutela e l Adozione dei Minori. Altre autorità e istituzioni possono essere rappresentate. Anche le ONG partecipano all IWG, ad esempio ADPARE. L IWG si riunisce trimestralmente o più spesso, se necessario. Riunioni simili sono, inoltre, organizzate regolarmente a livello regionale, con il centro regionale ANTIP, gli enti locali e altri attori locali nella rispettiva regione. Oltre a questi organismi di coordinamento, in molti paesi esistono, a livello nazionale, altri responsabili del monitoraggio degli enti che si occupano di diritti umani, che realizzano indagini indipendenti o ricevono reclami circa le mancate attuazioni e i casi di abuso procedurale da parte dei dipartimenti governativi. Tali organismi adottano forme diverse, come quelle di ombudsperson o di commissione nazionale per i diritti umani. Ad esempio, la Commissione per l uguaglianza e i diritti umani della Gran Bretagna ha concluso recentemente un indagine sulla tratta in Scozia e ha pubblicato le proprie conclusioni in una relazione presentata al Parlamento Monitoraggio a livello internazionale La presentazione di rapporti ombra ad organismi di monitoraggio internazionali è utile a rafforzare le attività nazionali di advocacy e di lobbying nel tentativo di influenzare i cambiamenti nelle politiche. Esistono diverse possibilità che le ONG in Europa possono utilizzare per fare pressione sui propri governi nazionali per introdurre i cambiamenti auspicati. Di seguito discuteremo brevemente alcune di queste possibilità. Si noti che le possibilità indicate non rappresentano un elenco esaustivo e che potreste individuare altri canali più efficaci per il vostro particolare contesto nazionale. Per impegnarsi con alcuni di questi organismi o in certi processi di monitoraggio, le ONG devono essere registrate presso tali organismi o devono essere riconosciute formalmente. Ad esempio, per far parte del cd. processo delle Nazioni Unite (ad esempio per intervenire al Consiglio per i Diritti Umani o per partecipare e organizzare degli eventi in occasione delle Conferenze delle Parti), le ONG devono aver ottenuto uno status consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale dell ONU (ECOSOC). Ad oggi, circa ONG di tutto il mondo godono di questo status. Le informazioni su come richiederlo sono disponibili su: <http://csonet.org/index.php?menu=30>. Per partecipare a conferenze e riunioni convocate dalle Nazioni Unite, le ONG possono non dover avere lo status ECOSOC, ma devono essere registrate per l accreditamento in anticipo. 8 Delibera n. 299/

19 Consiglio d Europa Il Consiglio d Europa, con sede a Strasburgo (Francia), copre praticamente l intero continente europeo, con i suoi 47 Stati membri. Fondato il 5 maggio 1949 da 10 Paesi, il Consiglio d Europa ha l obiettivo di sviluppare in Europa principi comuni e democratici in base alla Convenzione Europea sui Diritti Umani e ad altri testi di riferimento sulla tutela degli individui. 10 Il Consiglio d Europa è anche la sede della Convenzione sull azione contro la tratta di esseri umani (2005), l unico trattato internazionale che ha inserito le misure contro la tratta nel quadro dei diritti umani. Un aspetto importante è che la Convenzione fornisce un meccanismo di monitoraggio indipendente in grado di controllare l attuazione degli obblighi contenuti nella Convenzione da parte degli Stati. Il meccanismo di monitoraggio è posto in essere da un gruppo di esperti che formano un organismo chiamato GRETA. Le procedure di monitoraggio attualmente in atto comprendono un questionario inviato agli Stati e una visita nel Paese. Le ONG rappresentano una parte vitale del processo di monitoraggio. Procedure di valutazione: o Questionario GRETA ha preparato un questionario per il primo turno di valutazione (che è iniziato nel 2010) che deve essere compilato dagli Stati. Il questionario è incentrato sugli articoli della Convenzione che forniscono una visione d insieme della sua implementazione. 11 Gli Stati hanno una data di scadenza entro la quale inviare il questionario compilato a GRETA. Sono obbligati a rispondere a tutte le domande nel questionario e a fornire eventuali dati a supporto o documentazione. GRETA, inoltre, accetta ed è molto interessata a ricevere segnalazioni o indicazioni da parte della società civile, congiuntamente o separatamente dai dati inviati dal governo. Le informazioni devono essere credibili e verificabili. Si può o rispondere a tutti o ad alcuni dei quesiti del questionario, in base alle proprie competenze. Si può anche decidere di presentare un rapporto ombra (shadow report) da soli o insieme ad altre organizzazioni anti-tratta. Le informazioni devono essere presentate in inglese o in francese, le due lingue ufficiali del Consiglio d Europa, poiché non ci sono le risorse necessarie per la traduzione dei documenti forniti in altre lingue. La soluzione più utile, considerando le risorse e la capacità limitate di GRETA, è di presentare un unica relazione in rappresentanza di un gruppo di ONG invece che diverse relazioni separate. o Visite nei Paesi Oltre a ricevere il questionario ed eventuali altri documenti sui Paesi firmatari, gli esperti di GRETA visitano tutti i Paesi presi in esame. Durante la visita, gli esperti tentano di verificare le informazioni che hanno ricevuto e di esaminare e valutare l attuazione pratica delle misure attivate. Durante le visite, gli esperti di GRETA incontrano rappresentanti della società civile, comprese le ONG ed altre organizzazioni impegnate nel settore anti-tratta. GRETA può anche decidere di organizzare audizioni con vari soggetti che operano nel campo della prevenzione della tratta, dell assistenza e della protezione delle persone trafficate e con coloro impegnati a portare davanti alla giustizia i responsabili delle violazioni dei diritti umani delle vittime di tratta. Cosa possono fare le ONG? Contattare il proprio governo e chiedere di essere consultati circa le misure attivate o previste in vista dell attuazione delle Convenzione e della propria relazione a GRETA; Presentare informazioni direttamente a GRETA attraverso una relazione distinta da quella elaborata dal governo, che risponde ad alcuni o a tutti i quesiti del questionario: Tutte le informazioni e i documenti della società civile devono essere inviati a GRETA possibilmente prima della data stabilita per il turno di monitoraggio. Devono essere inviati in inglese o in francese al Segretario Esecutivo di GRETA. I contatti e altre informazioni sono disponibili su: <www.coe.int/t/dghl/monitoring/trafficking/default_en.asp>. Organizzare una tavola rotonda o una piattaforma per la società civile quando GRETA organizza una visita nel proprio Paese. Il prodotto finale del monitoraggio è una relazione di valutazione per ciascun Paese visitato. La bozza della relazione è condivisa con il governo del Paese per dare la possibilità di fornire eventuali commenti. Una volta che il Paese ha commentato la bozza, GRETA prepara la propria relazione 10 accesso a settembre Il questionario è disponibile in inglese al seguente indirizzo: <www.coe.int/t/dghl/monitoring/trafficking/default_en.asp>. 17

20 finale e le conclusioni che vengono comunicate sia al Paese in questione che al Comitato delle Parti (che rappresenta il secondo pilastro del processo di monitoraggio). La relazione finale con i commenti del Paese viene quindi resa pubblica e, questo punto, non può più essere modificata. Per maggiori informazioni circa il processo di presentazione dei rapporti ombra, per visualizzare le relazioni relative ai Paesi sottoposti a valutazione e per dettagli sul processo di monitoraggio, si consulti: <www.coe.int/t/dghl/monitoring/trafficking/docs/monitoring/greta_en.asp#topofpage>. Meccanismi delle Nazioni Unite sui diritti umani I due principali organismi ONU che si occupano di tratta sono l Ufficio dell Alto Commissariato per i Diritti umani (UNOHCHR) e l Ufficio per il Controllo della Droga e la Prevenzione del Crimine (UNODC). Per valutare l impatto della tratta sui diritti umani, possono essere utilizzati i vari meccanismi ONU sui diritti umani. Il Consiglio sui Diritti Umani (Human Rights Council) è composto da 47 membri eletti che rappresentano cinque diversi gruppi regionali. Si riunisce tre volte l anno: a marzo, a giugno e a settembre. Il Consiglio ha due meccanismi in particolare che possono essere utilizzati per svolgere attività di advocacy contro la tratta: a) Procedure speciali delle Nazioni Unite b) Revisione Periodica Universale (Universal Periodic Review - UPR) Procedure speciali delle Nazioni Unite Le Procedure speciali" sono meccanismi stabiliti dal Consiglio sui Diritti Umani per occuparsi di situazioni nazionali specifiche o di alcune tematiche. Nel 2011, si contavano 8 mandati nazionali e 33 mandati tematici. I titolari dei mandati sono i Relatori Speciali (Special Rapporteurs), gli Esperti Indipendenti, i Rappresentanti Speciali del Segretario Generale o i componenti di Gruppi di lavoro. Il mandato consente alle Procedure speciali di esaminare, monitorare, fornire pareri e relazionare pubblicamente sui maggiori temi e fenomeni riguardanti i diritti umani nel mondo (mandati tematici) o sulla situazione dei diritti umani in Paesi specifici (mandati geografici), indipendentemente dalla ratifica di una data convenzione. Possono, inoltre, sollevare questioni urgenti rispetto a casi o tendenze particolari. I titolari dei mandati intervengono a titolo personale, in quanto non fanno parte del personale ONU e non sono retribuiti dall ONU. Il personale dell OHCHR fornisce supporto limitato ai titolari dei mandati. I titolari dei mandati tematici rilevanti per il lavoro anti-tratta sono: il Relatore Speciale sulle Forme Contemporanee di Schiavitù (Special Rapporteurs on Contemporary Forms of Slavery); il Relatore Speciale sulla vendita di minori, la prostituzione minorile e la pedopornografia (Special Rapporteur on the sale of children, child prostitution and child pornography); il Relatore Speciale sui diritti umani dei migranti (Special Rapporteur on the human rights of migrants); e il Relatore Speciale sulla tratta di esseri umani, in particolare di donne e minori (Special Rapporteur on trafficking in persons, especially women and children ).12 Cosa possono fare i Relatori Speciali? o Visite nei Paesi Generalmente, i Relatori speciali visitano 2-3 Paesi all anno, talvolta con altri titolari di mandati. Possono condurre una visita soltanto se invitati formalmente direttamente o su richiesta da un Paese (dal governo). Durante la visita, i Relatori Speciali incontrano una serie di persone e organizzazioni (ad esempio, funzionari pubblici, ONG, Organizzazioni intergovernative, il corpo diplomatico, accademici, leader religiosi, leader tradizionali, testimoni, vittime o familiari di vittime). Le ONG possono contribuire alle visite in molti modi. Possono fornire informazioni di contesto prima della visita e mettere in evidenza eventuali problematiche (comprese quelle controverse), suggerire luoghi da visitare e persone e organizzazioni da incontrare. Su mandato, possono intervenire anche durante la stesura della relazione e fornire indicazioni sulle raccomandazioni. A livello nazionale, la relazione può essere utilizzata per presentare delle richieste al Governo e fare attività di lobbying per l attuazione delle raccomandazioni. In base al budget disponibile, i Relatori Speciali talvolta organizzano eventi, quali seminari e tavole 12 Dettagli sui rispettivi Relatori nazionali sono disponibili al seguente indirizzo: <www.ohchr.org/en/hrbodies/sp/pages/themes.aspx>. 18

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG

Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG Gruppo di contatto della società civile Questa pubblicazione fa parte di un progetto finanziato con il sostegno della Charles Stewart MOTT Foundation

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore 1 Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore European Association for Quality Assurance in Higher Education La stampa della presente Guida è

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Quando può cominciare?

Quando può cominciare? Quando può cominciare? L Europa sociale Guida pratica alle assunzioni in Europa Commissione europea Quando può cominciare? Guida pratica alle assunzioni in Europa Commissione europea Direzione generale

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom

per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom Guida pratica rivolta alle ONG per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom Con il sostegno finanziario del Programma Diritti Fondamentali e Cittadinanza dell Unione Europea Numero

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli