L ALCOL in Italia e nelle Regioni. Analisi e proposte per la prevenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ALCOL in Italia e nelle Regioni. Analisi e proposte per la prevenzione"

Transcript

1 L ALCOL in Italia e nelle Regioni. Analisi e proposte per la prevenzione Emanuele Scafato Direttore, WHO Collaborating Centre for Research & Health Promotion on Alcohol and Alcohol-Related Problems Direttore, Osservatorio Nazionale Alcol - CNESPS Direttore, Salute della Popolazione e suoi Determinanti Centro Natzonale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute- CNESPS ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Presidente SIA, Società Italiana Alcologia Vice Presidente EUFAS, European Federation Societies on Addiction Board Advisor, APN Alchol Policy Network Rappr.te Gov. CNAPA, Committe on National Alcohol Policies and Actions

2 Dal 1934, l ISS è l istituzione di ricerca più autorevole di Public Health in Italia Osservatorio Nazionale Alcol-ISS World Health Organization Collaborating Centre for RESEARCH and HEALTH PROMOTION on ALCOHOL and ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS

3 IL MODELLO DI CONSUMO IN ITALIA 50 45,0 46,6 47, ,3 37,7 40,7 39,7 40,7 40,2 40,0 40,0 38,9 38,8 42,7 35,6 40,8 40,1 41,4 40,9 42,2 40,0 38,8 38,3 39, ,5 17,1 16,5 19,4 19,8 20,5 16,3 14,9 14,7 14,6 13,8 12,5 10 Astemi Maschi Femmine di oltre 3 punti % nel triennio di oltre 6 punti % nel triennio Stabili nel triennio Stabili rispetto al 2011 Consumatori occasionali Consumatori giornalieri + 5 punti % rispetto al 2007 di oltre 2 punti nel biennio ,7 punti % rispetto al 2011 Stabili nel triennio ,7 punti % rispetto al 2007 linearmente nel periodo ,2 punti % rispetto al ,3 punti % rispetto al 2011

4 I LIVELLI DI RISCHIO DEL WHO Consumo rischioso di alcol* Per consumo rischioso alcol si intende un livello di consumo o una modalità del bere che possono determinare un rischio nel caso di persistenza di tali abitudini (Babor et al. 1994). L Organizzazione Mondiale della Sanita lo descrive il consumo a rischio un consumo giornaliero medio di oltre 20 g di alcol puro per le donne e di oltre 40 g per gli uomini (Rehm et al. 2004). Consumo dannoso o ad alto rischio Il consumo dannoso viene definito come una modalità di consumo alcolico che causa danno alla salute, a livello fisico (come la cirrosi epatica) o mentale (come la depressione da assunzione di alcol) (World Health Organization 1992). L Organizzazione Mondiale della Sanita ha adottato come definizione del consumo dannoso di alcol un assunzione media giornaliera di oltre 40 g di alcol per le donne e di oltre 60 g per gli uomini (Rehm et al. 2004). *L ONA-Alcol in collaborazione con l ISTAT ha dal 2003 utilizzato per l identificazione dei consumatori a rischio le indicazioni delle Linee Guida nazionali per una sana alimentazione INRAN, che recepivano a loro volta le indicazioni dell OMS; Tali raccomandazioni suggerivano come consumo a rischio: un consumo quotidiano superiore a 40 g di alcol contenuti in una qualsiasi bevanda alcolica (2-3 UA standard) per gli uomini, un consumo quotidiano superiore a 20 g (1-2 UA standard) per le donne, un consumo superiore ad 1 UA al giorno per gli anziani e i giovani 16-18enni, qualsiasi tipo di consumo per gli adolescenti al di sotto dei 16 anni, il consumo di grandi quantità di alcolinunarcoditempolimitato (binge drinking). In base alle nuove indicazioni sui Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia (LARN) l indicatore che da anni viene utilizzato per monitorare il consumo a rischio nella popolazione italiana verrà prossimamente modificato ed adattato alle nuove raccomandazioni e alle nuove norme legislative.

5 Unità Alcoliche equivalenti (contenenti 12 g di alcol ) Tra 16 e 0-18 anni & 65+ Donne Uomini 0 Unità 1 Unità 1 Unità 2 Unità sono inoltre considerati comportamenti a rischio il Binge drinking, cioè il consumo in un unica occasione di 6 o più UA il consumo di alcolici per le donne in gravidanza e in allattamento il consumo di qualsiasi bevanda alcolica per gli alcolisti in trattamento e gli ex alcolisti EMANUELE SCAFATO 25/10/2012 RESEARCH and HEALTH PROMOTI ON on ALCOHOL and ALCOHOL- RELATED HEALTH PROBLEMS

6 EC/WHO Low Risk Guidelines Survey 2012 Member States=23 MS Issued by Latest revision Men Day g Women Day g Men single occasion g Women single occasion g BG DE DHS EE NIH ES IE DoH IT NIFN MT sedqa NL NHC AT MoH PL PARPA PT NAP RO RFRD n/a SI FoM FI NAP SE NBoH UK CMO Health and Consumers

7 Standard Drinks October 2012 Definitions in grams pure alcohol Used in: brief advice/interventions public info campaigns on product labels Not used: BE, CY, LT Based on: EC/WHO questionnaire 2012 ICAP, PHEPA, Wikipedia Health and Consumers UA 8-10 g >10 CZ 16 g DK 12 g DE 10 g EE 10 g EL g ES 10 g FR 10 g IE 10 g IT 12 g LV 12 g LU 12,8 g MT 8-10 g HU 10 g NL 10 g AT 20 g PL 10 g PT g RO 13 g SI 10 g SK 10 g FI 12 g SE 12 g UK 8 g ( unit )

8 Definizioni adottate a livello SCIENTIFICO dalla RICERCA INTERNAZIONALE per la valutazione del RISCHIO del bere su base QUOTIDIANA E. SCAFATO, SIA 2013, ROMA

9 I CONSUMATORI GIORNALIERI «A RISCHIO» (%) ITALIA Consumatori a basso rischio: tra 2008 e 2011 nell ultimo anno per entrambe i sessi Consumatori a medio rischio uomini: tra 2007 e 2009 negli ultimi anni; donne: rispetto al 2007 stabili tra Consumatori a alto rischio: tra 2007 e 2012 solo tra gli uomini

10 Dei circa 7-8 milioni di consumatori a rischio di età superiore agli 11 anni identificati annualmente da ISTAT e ISS è possibile stimare in circa i consumatori dannosi di oltre 5 bicchieri di bevande alcoliche al giorno (1 bicchiere equivale in media a 12 grammi di alcol) e oltre le consumatrici giornaliere dannose di oltre tre bicchieri di bevande alcoliche ( se si considera il cut-off a 3 bicchieri pari a 36 grammi circa) E possibile stimare in almeno gli individui di età superiore a 11 anni che, in funzione dei danni registrabili clinicamente, si pongono in stretta contiguità con un profilo suggestivo di dipendenza da alcol in atto e comunque di verosimile pertinenza dei servizi di alcologia idonei a valutare l opportunità di inserimento in un percorso di verifica specialistica delle PPAC incidenti (Patologie e Problematiche Alcol Correlate note a livello internazionale come AUD, Alcohol Use Disorders) e di avvio in un possibile percorso terapeutico e riabilitazione. E, a tale riguardo, da ricordare che il DSM V assimila in termini diagnostici l uso dannoso di alcol e la dipendenza supportando nei fatti la valutazione posta in essere dal Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS di una più vasta platea da ricomprendere nelle attività dei servizi.

11 DSM 5 la raccomandazione di combinare i criteri di consumo dannoso e dipendenza E. SCAFATO, SIA 2013, ROMA

12 Le DEFINIZIONI e i LIMITI Substance Use Disorders Il dibattito nella Comunità Scientifica

13 Le DEFINIZIONI e i LIMITI Substance Use Disorders Heavy use over time : semplice, sottostima/disistima pari a quelle attuali, fortemente correlato al DSM-5, destigmatizzante

14 IMPLICAZIONI COLMARE IL GAP TRA ATTESI E OSSERVATI Nel 2012 le persone che si sono rivolte ai servizi di alcologia sono state ; Nel2012lepersone che avrebbero potuto rivolgersi per ricevere un assistenza e/o trattamento a causa dei danni causati da un consumo dannoso di alcol suggestivo per alcoldipendenza o comunque per arrestare la progressione del danno e prevenire le complicanze sono stati oltre Ogni anno una quota non inferiore a nuovi utenti incrementa costantemente il numero di alcoldipendenti che dai del 1996 ha visto più che triplicato a ( dal 1996) gli utenti con problemi legati all alcol che fa ricorso alle strutture del SSN che sono passate, nello stesso periodo, da 280 a 454 (+62 % circa). E da segnalare che nel corso degli ultimi anni il personale impiegato per servizio di alcologia ha seguito una dinamica più lenta rispetto all aumento considerevole degli utenti con conseguente aumentato numero di utenti per personale sanitario presente nei servizi stessi. Ogni unità di personale aveva nel 1996 in carico 10 alcoldipendenti, nel 2012 oltre 16. Solo il 30 % del personale attivo nei servizi risulta oggi esclusivamente dedicato alla cura e alla riabilitazione dell alcoldipendenza

15 CONSUMATORI DANNOSI E ALCOLDIPENDENZA DALL INTERCETTAZIONE L EMERSIONE DELL ICEBERG Uomini (35,6%) 83,3 83,3 90,7 Donne (12,5%) 12,4 4,3 4,3 12,4 6,3 3,0 basso rischio [M=1 3 UA; F=1 2 UA] medio rischio [M=4 5 UA; F=3] alto rischio [M: >5 UA; F:>3 UA] ALCOLDIPENDENTI IN CARICO AI SERVIZI Nuovi utenti Utenti già in carico Consumatori dannosi di alcol (ad alto rischio) Consumatori Dannosi (M= F= ) ALCOLDIPENDENTI

16 FORMAZIONE MEDICI DI MEDICINA GENERALE (IN RETE CON I SERVIZI)

17 FORMAZIONE MEDICI DI MEDICINA GENERALE (IN RETE CON I SERVIZI)

18

19

20 E. SCAFATO, ISS CNAPA 22/10/2013 Luxemburg

21 Emerging needs in ITALY: CONCLUSIONS o To ensure the formal integration of training on alcohology into university graduate and postgraduated courses, as provided by Law 125/2001 (so far not done) o To activate training courses at local level meeting the dynamic changes in demand, currently growing steadily, with respect to different priorities of the PHC o To ensure financial supports for the implementation of the training courses

22 La mortalità alcolcorrelata

23 ISS- Mortalità alcol-attribuibile per classi di età e sesso morti /anno (ITALIA 2010) ITALIA 15+ ITALIA 15+

24 ISS. Decessi alcol-attribuibili per cause di morte CANCRO e INCIDENTI principali cause di decesso ANNO 2010 Frazioni Decessi alcol attribuibili alcol attribuibili (%) a Maschi Femmine Maschi Femmine MALATTIE TOTALMENTE ALCOL ATTRIBUIBILI ,40 0,12 Neoplasie maligne ,38 0,51 Altre neoplasie ,13 0,04 Diabete mellito ,19 0,20 Condizioni neuropsichiatriche (Epilessia) ,05 0,03 Malattie del sistema circolatorio ,24 0,27 Malattie del sistema digestivo ,71 0,23 Malattie della pelle e del sottocutaneo 5 3 0,00 0,00 MALATTIE PARZIALMENTE ALCOL ATTRIBUIBILI ,32 0,88 Incidenti non intenzionali ,05 0,64 Incidenti intenzionali ,19 0,04 CADUTE, OMICIDI, SUICIDI E ALTRI INCIDENTI ,24 0,68 TOTALE DECESSI ALCOL ATTRIBUIBILI ,96 1,68 a la stima è stata effettuata rapportando i decessi alcol attribuibili al totale dei decessi nella popolazione I decessi per CANCRO causato da alcol (oltre 5000/anno) incidono per il 33 % sul totale del totale dei decessi alcolcorrelati; sommati ai decessi per incidenti attribuibili all alcol (oltre 5000) che incidono per il 30 % su tutti i decessi causati queste due cause di morte coprono oltre il 60 % della mortalità legata al consumo di alcol in Italia.

25 EPIC (2008). ITALY Decessi alcolattribuibili (M= F= 3.254)

26 ISS - Cause di morte (ITALIA 2010) decessi alcol-attribuibili NETTI MORTI NETTE ALCOL-CORRELATE Totali effetti benefici attribuibili all'alcol Totali effetti nocivi attribuibili all'alcol CADUTE, OMICIDI E SUICIDI E ALTRI INCIDENTI Incidenti intenzionali Incidenti non intenzionali MALATTIE PARZIALMENTE ALCOL-ATTRIBUIBILI Malattie della pelle e del sottocutaneo 3 5 Malattie dell'apparato digerente Malattie del sistema circolatorio Condizioni neuropsichiatrice Femmine Maschi Diabete mellito Tumori benigni Neoplasie maligne MALATTIE TOTALMENTE ALCOL-ATTRIBUIB ILI

27 ISS- MORTALITA ALCOL-ATTRIBUIBILE nelle REGIONI (2010) (TASSI STD *10.000) Valle d Aosta Nelle Regioni in cui la prevalenza di consumatori dannosi di alcol tra gli uomini è Basilicata Molise più elevata si rileva un tasso STD di mortalità Sicilia alcol-attribuibile più alto.

28 ISS - Mortalità (%) alcol-attribuibile nelle REGIONI (2010)

29 ISS- Caratterizzazione delle componenti della mortalità alcol-attribuibile, per classi di età e sesso. ITALIA (2010) La percentuale di decessi registrati nella classe di età attribuibili al consumo di alcol (M=15,07%; F=5,41%) è molto più alta rispetto a quella registrata nelle altre classi di età Causa principale: incidenti stradali Dopo l età adulta la percentuale dei decessi attribuibili al consumo di alcol aumenta nuovamente ed tra gli anziani per cause di morte parzialmente attribuibili. Cause principali: Neoplasie maligne Incidenti/ cadute I giovani, che muoiono a causa di incidenti alcolcorrelati, e gli ANZIANI, con una forte componente di mortalità per CANCRO e INCIDENTI sono TARGET VULNERABILI. Mortalità CRONICA e ACUTA sono da contrastare attraverso azioni evidentemente differenti non ESCLUSIVAMENTE d COMPETENZA SANITARIA

30 ISS- Caratterizzazione delle componenti della mortalità alcol-attribuibile, per classi di età e sesso. REGIONI (2010)

31 Malattie parzialmente alcol-attribuibili. FRAZIONI di mortalità (%) ATTRIBUIBILI all ALCOL CANCRO COME CAUSA PRINCIPALE In Italia, su tutti i decessi per CANCRO, il 20 % della categoria neoplasie maligne per i maschi e il 6 % per le donne è attribuibile all alcol; i conseguenti decessi per CANCRO causato da alcol (oltre 4000/anno) incidono per il 30 % sul totale del numero di decessi maschili alcolcorrelati ponendosi come prima causa di morte parzialmente attribuibile tra i maschi. Il 56 % delle cirrosi epatiche tra i maschi e il 24 % di quelle femminili è attribuibile all alcol.

32 Alcol e cancro: eccedenza delle quantità «moderate» Nel corso del 2011 lo studio Epic (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition study) ha pubblicato sul British Medical Journal la stima della proporzione di cancro attribuibile al consumo pregresso o presente di alcol in una coorte di uomini e donne, di età anni seguita dal 1992 in sette nazioni partecipanti tra cui l Italia. I dati si riferiscono agli anni (ultimo f.u.). Fig. 2. Epic study. Alcol e cancro. Frazioni (% ) di rischio alcol attribuibile per genere Il 32% dei cancri alcol correlati tra gli uomini e il 7% circa di quelli registrati tra le donne sono attribuibili a consumi eccedenti i 24 grammi di alcol al giorno per il sesso maschile e i 12 grammi al giorno per quello femminile, limiti questi ultimi coerenti con l eccedenza delle linee guida più recenti E. SCAFATO, CITTA DEL VATICANO, ROMA 2014

33 MANIFESTO AMPHORA 30 grammi di alcol al giorno, la media attuale del consumo tra i consumatori europei, è la soglia al di sopra della quale si verificano nuovi cancri ogni anno in Europa. Il % di tutti i decessi causati dall alcol nella classe di età 15-64, è rappresentato da decessi per CANCRO.

34 ALCOL e CANCRO Mortalità alcol-attribuibile E. SCAFATO, CITTA DEL VATICANO, ROMA 2014

35 MALATTIE parzialmente alcol-attribuibili. FRAZIONI di mortalità ATTRIBUIBILI all ALCOL La frazione alcolattribuibile dei decessi per incidenti stradali è del 37 % per i maschi e del 18 % per ledonne;1decesso su3 per i maschi e 1 su 5 per le donne potrebbe essere evitato NON ponendosi alla guida dopo aver bevuto. La netta prevalenza nel sesso maschile di un elevato numero di decessi per neoplasie maligne e incidenti sollecita l urgente necessità di attivare iniziative di sensibilizzazione di prevenzione oncologica mirata e di rafforzamento della sicurezza stradale.

36 ACTION PLAN COMUNITARIO SCOPING PAPER L impatto misurabile sui giovani, minori e adolescenti, ma anche sui giovani adulti non è un fenomeno isolato italiano ma un elemento comune a tutti gli Stati Membri della EU. Non a caso l identificazione di target specifici, di misure e di azioni è attualmente l oggetto di uno scoping paper da utilizzare per l adozione, verosimilmente nel semestre europeo di Presidenza o nel 2015, del prossimo ACTION PLAN Comunitario in via di definizione attraverso le indicazioni dei rappresentanti governativi nel CNAPA, Committee on Alcohol Policy and Action in sede di DG SANCO in Lussemburgo.

37 I COSTI DELLA PREVENZIONE IDENTIFICAZIONE & INTERVENTO BREVE L Osservatorio Nazionale Alcol ha svolto in Istituto Superiore di Sanità e sollecitato nel corso degli anni l attuazione di corsi IPIB di cui oggi più che mai è indispensabile garantire attuazione quali azioni centrali per il SSN. L evidenza scientifica prodotta sollecita come indispensabile e urgente in ITALIA l adozione programmata di prassi di IPIB che comportano un vantaggio tangibile e consistente rispetto allo status quo; identificazione precoce, intervento breve e l uso dell AUDIT C rappresentano gli strumenti e le pratiche da integrare nella pratica quotidiana nei contesti di medicina generale e di assistenza sanitaria primaria per i quali è da assicurare informazione e formazione specifica oggi reperibile in meno di un terzo dei MMG.

38 IDENTIFICAZIONE & INTERVENTO BREVE ITALIA L INCREMENTO DEI BENEFICI NETTI RISPETTO AL DO NOTHING Lo Scenario A (in rosso) ipotizza che lo screening sia effettuato alla prima registrazione di un nuovo paziente con un medico. Tale approccio dimostra di realizzare una distribuzione d intervento piuttosto uniforme sui 10 anni, con un picco dell 11% della popolazione screenato il primo anno. Alla fine del decimo anno si stima che il 63% della popolazione sia stato screenato. Il 37% non risulterà ancora sottoposta a screening. Secondo tale ipotizzata prassi, il 58% dei consumatori a rischio sarà adeguatamente identificato e sottoposto a intervento breve da parte del Medico di Medicina Generale (MMG). Lo scenario B (in celeste) ipotizza invece che lo screening sia stato effettuato dal MMG alla visita successiva di un suo paziente. Il programma dimostra di conseguire una copertura maggiore, con l 84% della popolazione screenata il primo anno; solo il 3% non risulta esaminata entro il decimo anno. Seguendo quest approccio preventivo, il 96% dei bevitori a rischio sarà correttamente identificato e riceve l intervento. Modelling e STIMA dei Costi netti cumulativi nei due programmi di screening REGISTRAZIONE VISITA SUCC. PAZIENTI SCREENATI entro il 10 ANNO 63 % 96 % COSTO (milioni ) RISPARMI SSN (milioni ) RIDUZ. RICOVERI RIDUZ. DECESSI Guadagno QUALY RICE ( /QALY)

39 INTEGRARE IPIB nel SSN AUDIT C, AUDIT e INTERVENTO BREVE L Osservatorio Nazionale Alcol ha svolto in Istituto Superiore di Sanità e sollecitato nel corso degli anni l attuazione di corsi IPIB di cui oggi più che mai è indispensabile garantire attuazione quali azioni centrali per il SSN. L evidenza scientifica prodotta sollecita come indispensabile e urgente in ITALIA l adozione programmata di prassi di IPIB che comportano un vantaggio tangibile e consistente rispetto allo status quo; identificazione precoce, intervento breve e l uso dell AUDIT C rappresentano gli strumenti e le pratiche da integrare nella pratica quotidiana nei contesti di medicina generale e di assistenza sanitaria primaria per i quali è da assicurare informazione e formazione specifica oggi reperibile in meno di un terzo dei MMG.

40 COSTI PREVENZIONE vs COSTI ALCOL MILIONI vs MILIARDI : INVESTIMENTI non PERDITE I costi sostenuti dalla PREVENZIONE valutati rispetto ai risparmi conseguiti per il SSN delineano un profilo di costo-efficacia di riguardo e oggettivamente ineludibili in termini di policy da perseguire. Tali considerazioni diventano ancora più rilevanti e sensibili se affrontate alla luce dell osservazione dei costi complessivi che l alcol causa in Italia, che si esprimono su una scala di miliardi di euro (1,3 % del PIL secondo le stime OMS) e non di milioni di euro come un investimento di integrazione di IPIB e di prevenzione comporterebbe.

41 L 1 % dei nuovi alcoldipendenti in carico ai servizi ha meno di 19 anni Il 14 % circa ha meno di 30 anni La spesa farmacologica per l alcoldipendneza è di 7,8 milioni di euro

42 ALCOLISTI (numerosità)

43 ISS - ALCOLDIPENDENTI (TASSI* ) Classi di età e proiezioni 300 TASSI SPECIFICI e TASSO STD UTENTI TOTALI IN CARICO AI SERVIZI * anni 1,6 2,6 2,6 3,3 3,7 3,7 3,6 5,0 5,7 7,3 7,7 7,5 6,9 6,3 4,8 6, anni 19,4 23,5 26,1 36,2 37,2 37,9 54,1 64,5 73,2 87,5 87,8 80,0 95,2 103,3 83,4 92, anni 55,2 63,0 66,2 83,4 88,8 88,8 119,4 130,0 137,1 144,8 155,9 145,7 165,5 164,5 150,2 168, anni 82,9 87,4 98,0 116,3 121,4 124,8 158,8 180,2 186,2 186,7 202,7 192,1 214,7 205,9 188,7 225, anni 77,8 76,1 91,2 113,1 117,4 112,8 146,6 167,9 162,3 161,4 180,4 170,2 191,9 187,5 169,3 210,0 >=60 anni 22,7 23,4 30,8 35,1 36,3 38,5 42,4 49,2 52,5 51,5 58,5 55,2 62,6 57,5 49,7 64,4 Tasso STD pop (2001) 42,3 45,1 51,8 63,4 66,2 66,8 85,5 97,1 100,8 104,1 113,1 106,3 120,4 118,0 105,1 125,1 R² = 0,900 R² = 0,896 R² = 0,920 R² = 0,911 R² = 0,902 R² = 0,871 R² = 0,69526

44 ISS - ALCOLDIPENDENTI (TASSI* ) Spesa farmaceutica e tassi ospedalizzazione Tasso(* ab.) ,1 85,5 167,9 165,5 97,1 100,8 159,0 104,1 154,9 113,1 147,0 106,3 137,0 129,1 120, ,0 105,1 125,1 113,3 R² = 0,69511 R² = 0, Spesa farmaceutica in Euro Spesa farmaceutica (convenzionata + non convenzionata) in Tasso(STD)* di utenti in carico ai servizi Tasso di ospedalizzazione* per diagnosi totalmente alcol attribuibili

45 SERVIZI per l ALCOLDIPENDENZA Considerazioni 1) Incremento Alcoldipendenti 2) Elevata quota di sommerso 3) Domanda/Offerta reale da rivalutare 4) Numero di strutture e distribuzione 5) Personale sanitario 6) Proporzione trattamento 7) Valutazione EFFICACIA del trattamento 8) Approcci di cura e impiego esclusivo di risorse 9) Rete 10)Management e coordinamento PROFILO di SOSTENIBILITA del SISTEMA

46 ALCOLDIPENDENZA Cap. 9 Alcol, interventi e trattamenti in Europa E. SCAFATO, SIA 2013, ROMA

47 IL 23 % degli ALCOLDIPENDENTI in ITALIA AVREBBERO ACCESSO AL TRATTAMENTO (STIMA 2008) Stima Oss. Naz. Alcol ISS. E. Scafato, APD 2013 Italy had the highest level of access with 1 in 4.2 (23.3%) people with alcohol dependence accessing treatment per year. E. SCAFATO, SIA 2013, ROMA

48 SERVIZI per l ALCOLDIPENDENZA INDAGINE SIA in progress

49 ALCOLDIPENDENZA e MORTALITA. Effetto dell ampliamento del numero di trattati Qualunque ampliamento nella copertura di una forma di trattamento degli alcoldipendenti garantirebbe una riduzione della mortalità. SE fosse esteso al 40 % si registrerebbe una riduzione della mortalità del 13 % negliuominiedel9%trale donne in un anno in Europa. E. SCAFATO, SIA 2013, ROMA

50 L alcol e un problema per il mondo Alcolismo sottovalutato Osservatorio Nazionale Alcol-ISS World Health Organization Collaborating Centre for RESEARCH and HEALTH PROMOTION on ALCOHOL and ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS

51 RETE, CASE MANAGEMENT E ADEGUAMENTO DEL SISTEMA DI ASSISTENZA E da colmare il divario esistente nell accesso e nel ricorso alle prestazioni destinate al recupero dell alcoldipendenza prevedendo l adeguamento dell offerta assistenziale e di trattamento attuali erogabili dai servizi di alcologia. Parallelamente è indispensabile la sollecitazione di iniziative e di programmi volti a identificare e attirare gli alcolisti non ancora intercettati da sistemi formalizzati e coordinati di identificazione del rischio alcolcorrelato nella popolazione. E, in tal senso, da privilegiare un coordinamento delle risorse disponibili sul territorio e la costituzione e attivazione di una rete atta a garantire la verifica dell esigenza di intervento per Patologie e Problematiche Alcol Correlate in atto e richiedenti trattamento di riabilitazione alcologia e, comunque, di arresto della progressione del danno e prevenzione delle complicanze.

52 ROAD MAP PER LA PREVENZIONE ALCOLCORRELATA Tracciare una road map appare logico, politicamente corretto e sostenibile. Misure ed interventi di base possono contribuire a contrastare l impatto alcolcorrelato Il primo è sicuramente quello connesso all adozione da condividere con le Regioni di un nuovo Piano Nazionale Alcol e Salute, scaduto da due anni e non ancora rinnovato come attività da ricomprendere nelle azioni finanziate del Piano Nazionale di Prevenzione. Un Piano Nazionale Alcol e Salute, finanziato nella sua attività attraverso qualunque forma contributiva cui sia possibile ricorrere a tutela della sicurezza e della salute, contribuirebbe ad attivare un volano virtuoso di azioni alle quali sarebbero chiamati a contribuire tanto la società civile, quanto il terzo settore, un esigenza indispensabile per riuscire a raggiungere obiettivi ambiziosi ma possibile come più volte richiamato negli orientamenti già espressi nel corso degli anni dalla Consulta Nazionale Alcol di cui è auspicabile la riattivazione a supporto della Legge 125/2001, caposaldo della prevenzione dell alcoldipendenza.

53 FAR EMERGERE GLI ALCOHOL USE DISORDERS E da colmare, alla luce dei dati, il divario esistente tra alcolisti attesi e alcolisti in carico ai servizi e da ampliare l identificazione del sommerso e l emersione degli Alcohol Use Disorders come categoria univoca di riferimento per il trattamento multidisciplinare delle PPAC rilevabili a carico di un elevata quota di persone di cui è nota ma non ancora intercettata dal SSN la necessità di accesso e di ricorso alle prestazioni destinate al recupero dell alcoldipendenza e, comunque, da seguire per consentire l arresto della progressione del danno e la prevenzione delle complicanze. E verosimile che da ciò possa porsi la necessità di adeguamento dell offerta assistenziale e di trattamento attualmente erogabili dai servizi di alcologia. Ciò sarà possibile solo a fronte di una forte attività di sensibilizzazione volta a rimuovere da un lato lo stigma sociale e sanitario e contemporaneamente ad attirare gli alcolisti non ancora intercettati da sistemi d identificazione del rischio alcolcorrelato nella popolazione che necessitano migliore formalizzazione d intervento e coordinamento che prevedano delle adeguate case management piuttosto che un disease management al fine di un allocazione congrua delle risorse.

54 FINANZIARE LA PREVENZIONE ALCOLCORRELATA Esiste un fondo nazionale per gli incidenti stradali il cui utilizzo potrebbe giovare nel contrasto all incidentalità alcolcorrelata. Esiste un piano pluriennale per la lotta alle dipendenze di cui è ipotizzabile uso di risorse finalizzato ad attività dcondivise i prevenzione specifiche sull alcol. Esiste un fondo nazionale fumo ma non quello sull alcol. Numerose risorse erano state già identificate e proposte negli anni scorsi dalla soppressa Consulta Nazionale Alcol con riferimento alle buone pratiche prodotte e condivise al livello europeo e puntualmente inserite nelle passate Relazioni al Parlamento che richiamavano azioni cui non è ancora stato dato corso. Si tratta di azioni che sono un investimento in salute e contribuiscono da volano per l abbattimento dei costi.

55 ABBATTERE I COSTI SANITARI INVESTENDO IN IPIB INTEGRARE L IPIB NEI CONTESTI DI PRIMARY HEALTH CARE E urgente integrare nella pratica quotidiana dei contesti di assistenza primaria attività routinarie di intercettazione precoce e di intervento breve (IPIB) da parte dei medici o del personale sanitario cui assicurare risorse per una formazione specifica su strumenti di semplice utilizzo come l AUDIT (Alcohol Use Disorders Identification Test). I costi sostenuti confrontati con i risparmi conseguiti per il SSN dimostrano un impatto oggettivamente ragguardevole, soprattutto se osservato alla luce dell analisi dei costi complessivi che l alcol causa in Italia echesi esprimono su una scala di miliardi di euro (1,3 % del PIL secondo le stime OMS) e non di milioni di euro come l investimento in prevenzione proposto comporterebbe.

56 ABBATTERE I COSTI NON SANITARI TRAMITE I BEST BUYS Sia l OMS ma anche importanti comitati tecnici ed economici, tra cui quello delle Nazioni Unite, hanno sottolineato ai Governi di tutto il mondo che il maggior ed immediato vantaggio nel contrasto al rischio alcolcorrelato nella popolazione è legato ai best buys, i migliori acquisti, rappresentati dall adeguamento della tassazione degli alcolici, e dalla riduzione della disponibilità sia fisica che economica, rendendo meno agevole la reperibilità ubiquitaria degli alcolici e la loro convenienza oggi resa emblematica dalla promozione, ad esempio, delle happy hours. Infine e non ultimo, tra i migliori acquisti rientra l adozione e applicazione di una stretta e rigorosa regolamentazione della pubblicità, del marketing e delle modalità di commercializzazione, in particolare quelle rivolte impropriamente ai minori, argomento su cui si era espressa molti anni fa anche la Consulta Nazionale Alcol, organismo prevista dalla Legge 125/2001. Costi legati alla violenza, alla criminalità, al traffico, all assenteismo in cui il settore di Salute Pubblica può ben poco.

57 INFORMARE, COMUNICARE, SENSIBILIZZARE

58

59 QUELLI CHE QUELLI L ALCOHOL CHE PREVENTION DAY OGNI Salute ANNO della FANNO Popolazione L ALCOHOL / Oss. Naz. Alcol Riccardo Scipione Nicola Parisi Nicola Parisi Lucilla DI PASQUALE Claudia GANDIN Lucia GALLUZZO Silvia GHIRINI Sonia MARTIRE Nicola PARISI Rosaria RUSSO Riccardo SCIPIONE GRAZIE!!!

60 QUELLI CHE CON NOI OGNI ANNO FANNO L ALCOHOL PREVENTION DAY GRAZIE!!! UFFICIO STAMPA ISS Mirella Taranto Gerolimina Ciancio Franca Romani Redazione di EPICENTRO Stefania Salmaso PierFrancesco Barbariol Margherita Martini Debora Serra Eva Benelli GRUPPO CONGIUNTO SIA-ISS URE e Attività Editoriali MINISTERO della SALUTE.

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

Rischio alcol: la necessità di colmare il gap di conoscenze e formazione medica per la diagnosi precoce e l intervento breve

Rischio alcol: la necessità di colmare il gap di conoscenze e formazione medica per la diagnosi precoce e l intervento breve ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinanti WORLD HEALTH ORGANIZATION Collaborating Centre for Health Promotion and Research on

Dettagli

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS, Istituto Superiore di Sanità, Centro OMS Ricerca Alcol

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS, Istituto Superiore di Sanità, Centro OMS Ricerca Alcol Consumi di alcol e impatto alcol correlato (Sintesi dell intervento di E. Scafato per la I a Conferenza Nazionale Alcol, Roma 20 e 21 ottobre 2008) E. Scafato. Consumi di alcol e impatto alcol correlato

Dettagli

Alcol Prevention Day

Alcol Prevention Day Roma 16 aprile 2016 Consumatori a rischio: i minori e i giovani Alcol Prevention Day Oltre otto milioni circa di persone esposte a un maggior rischio alcolcorrelato rappresentano una rilevante sfida in

Dettagli

Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita

Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita Gianni Testino Centro Alcologico Regionale Regione Liguria* UO Alcologia e Patologie Correlate, Dip. Medicina Generale Interna e Specialistica, IRCCS AOU San

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinanti

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinanti L ALCOL IN ITALIA E NELLE REGIONI: analisi e proposte per la prevenzione Emanuele Scafato, Direttore Osservatorio Nazionale Alcol (ONA)-CNESPS, ISS, Roma TENDENZE Il consumo di alcol rappresenta un importante

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia

Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia Tiziana Fanucchi Centro Alcologico Regionale Toscano Centro di Alcologia e Patologie Correlate Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi (Fi) RISCHIO

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

Workshop ALCOHOL PREVENTION DAY MESE DI PREVENZIONE ALCOLOGICA. 17 aprile 2008. Istituto Superiore di Sanità

Workshop ALCOHOL PREVENTION DAY MESE DI PREVENZIONE ALCOLOGICA. 17 aprile 2008. Istituto Superiore di Sanità Workshop ALCOHOL PREVENTION DAY MESE DI PREVENZIONE ALCOLOGICA 17 aprile 2008 Centro Collaboratore dell Organizzazione Mondiale della Sanità per la Promozione della Salute e la Ricerca sull Alcol e sulle

Dettagli

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI Venerdì 13 dicembre 2013 Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE Dr. Alfio De Sandre Direttore

Dettagli

Quinta sessione: Terminologia. Alcolismo Alcolizzato Alcoldipendenza Abuso Consumo Responsabile Consumo Sensibile Consumo Sociale Consumo Moderato

Quinta sessione: Terminologia. Alcolismo Alcolizzato Alcoldipendenza Abuso Consumo Responsabile Consumo Sensibile Consumo Sociale Consumo Moderato Quinta sessione: Terminologia Alcolismo Alcolizzato Alcoldipendenza Abuso Consumo Responsabile Consumo Sensibile Consumo Sociale Consumo Moderato 35 Progetto PHEPA Osservatorio Nazionale Alcol - World

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

PROGRAMMA CCM 2009 STRUTTURA GENERALE DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO

PROGRAMMA CCM 2009 STRUTTURA GENERALE DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO STRUTTURA GENERALE DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA CCM 2009 Progetto M.I.A. - PNAS - Monitoraggio dell impatto dell alcol sulla salute in Italia, in supporto alla implementazione delle attività

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE - UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI REALIZZATI

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

ALCOL: il consumo in Italia

ALCOL: il consumo in Italia ALCOL: il consumo in Italia 1 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo di Direzione: Ricercatrice: Riccardo C. Gatti Riccardo C. Gatti Corrado Celata Susanna Bonora Osservatorio Regionale per le Dipendenze

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA

Dettagli

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA WORLD HEALTH ORGANIZATION WHO Collaborating Centre for Research and Health Promotion on Alcohol and Alcohol Related Health Problems Centro Collaboratore OMS per la Ricerca

Dettagli

Aprile 2014, Mese della Prevenzione Alcologica: le iniziative dell ASL di Brescia

Aprile 2014, Mese della Prevenzione Alcologica: le iniziative dell ASL di Brescia DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA Alcool, Tabacco, Sostanze illegali Gioco d azzardo, Internet addiction Raimondo Pavarin Osservatorio Epidemiologico metropolitano

Dettagli

Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO. Dott.

Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO. Dott. Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO Dott.Guido Intaschi Psichiatra -dirigente medico Responsabile U.F.S. SERT Azienda

Dettagli

Alcol, lavoro e prevenzione Evidenze e scenari a livello nazionale, europeo e internazionale (Seconda parte)

Alcol, lavoro e prevenzione Evidenze e scenari a livello nazionale, europeo e internazionale (Seconda parte) Alcol, lavoro e prevenzione Evidenze e scenari a livello nazionale, europeo e internazionale (Seconda parte) Emanuele Scafato Istituto Superiore di Sanit Direttore Centro Coll. OMS per la ricerca e la

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

12/3. Epidemiologia e monitoraggio alcol-correlato in Italia. Rapporto 2012

12/3. Epidemiologia e monitoraggio alcol-correlato in Italia. Rapporto 2012 Istituto Superiore di Sanità Presidente: Enrico Garaci Viale Regina Elena, 299-00161 Roma Tel. +39-0649901 Fax +39-0649387118 a cura del Settore Attività Editoriali Epidemiologia e monitoraggio alcol-correlato

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

- RIASSUNTO DELLA TESI -

- RIASSUNTO DELLA TESI - PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI 2 Corso triennale di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2006-2009 - RIASSUNTO DELLA TESI - DOTT.SSA

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la

AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la AISF = Associazione Italiana Studio Fegato FISMAD = Federazione Italiana Società Malattie Apparato Digerente FIRE = Fondazione Italiana per la Ricerca Epatologica Le cause maggiori di malattia epatica

Dettagli

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013 Pianificazione nazionale delle strategie di prevenzione dell obesità Daniela Galeone Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012 Roma, 20 febbraio 2013 Malattie croniche : un allarme mondiale

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI ALCOLOGIA WWW.dfc.unifi.it/SIA

SOCIETA ITALIANA DI ALCOLOGIA WWW.dfc.unifi.it/SIA SOCIETA ITALIANA DI ALCOLOGIA WWW.dfc.unifi.it/SIA XIX Congresso Nazionale Società Italiana Alcologia Vibo Valentia, Calabria 10/12 Novembre 2005 (www.dfc.unifi.it/sia) I contenuti, i contributi scientifici

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

IV. POLITICHE DI PREVENZIONE DEL CONSUMO DANNOSO DI ALCOL 1

IV. POLITICHE DI PREVENZIONE DEL CONSUMO DANNOSO DI ALCOL 1 IV. POLITICHE DI PREVENZIONE DEL CONSUMO DANNOSO DI ALCOL 1 1. Le strategie internazionali 1.1. La strategia dell Organizzazione mondiale della sanità Il consumo dannoso di alcol (CDA) causa la rovina

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

Uso rischioso e dannoso di alcol in ITALIA Identificazione Precoce ed Intervento Breve (IPIB)

Uso rischioso e dannoso di alcol in ITALIA Identificazione Precoce ed Intervento Breve (IPIB) Uso rischioso e dannoso di alcol in ITALIA Identificazione Precoce ed Intervento Breve (IPIB) Osservatorio Nazionale Alcol -World Health Organization Collaborating Centre for RESEARCH and HEALTH PROMOTION

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Gianluigi Ferrante Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di

Dettagli

Alcol: i consumi a rischio e le tendenze del bere in Italia.

Alcol: i consumi a rischio e le tendenze del bere in Italia. Alcol: i consumi a rischio e le tendenze del bere in Italia. E. Scafato, S. Ghirini, L. Galluzzo, C. Gandin, S. Martire e R. Russo Centro Collaboratore WHO per la Ricerca e la Promozione della Salute su

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA - UFFICIO VII

Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA - UFFICIO VII Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA - UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI REALIZZATI AI SENSI DELLA LEGGE 30.3.2001 N. 125 LEGGE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA-UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

Età 18-34 35-49 50-69. Genere. uomini. donne. Istruzione. nessuna/ elementare media inferiore. media superiore. laurea. molte. qualche.

Età 18-34 35-49 50-69. Genere. uomini. donne. Istruzione. nessuna/ elementare media inferiore. media superiore. laurea. molte. qualche. La salute mentale La salute mentale è definita dall Organizzazione Mondiale della Sanità come uno stato di benessere per cui il singolo è consapevole delle proprie capacità, è in grado di affrontare le

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Un approccio economico alla prevenzione, l HIV. Davide Croce 10 dicembre 2012

Un approccio economico alla prevenzione, l HIV. Davide Croce 10 dicembre 2012 Un approccio economico alla prevenzione, l HIV Davide Croce 10 dicembre 2012 Agenda Sostenibilità del servizio sanitario; Costi della malattia da HIV; L impatto economico della prevenzione sul trattamento

Dettagli

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012 Sintesi Programma nazionale Alcol 2008 2012 Programma nazionale Alcol 2008 2012 Genesi e contenuto del PNA Nel 2005 il Consiglio federale ha incaricato l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di

Dettagli

"RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL"

RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL Palmanova 20 novembre 2013 "RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL" dott.ssa Cinzia Celebre A.S.S.1 Triestina D.d.D. S.C. D. Sostanze Legali ZORAN, IL MIO NIPOTE SCEMO CHI LASSA EL VIN FURLAN, XÈ PROPRIO UN FIOL

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2 PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 1) Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Il consumo di alcol in Provincia di Trento

Il consumo di alcol in Provincia di Trento Il consumo di alcol in Provincia di Trento I risultati del sistema monitoraggio PASSI 2011 Daniela Kaisermann Sistema PASSI del Trentino Dipartimento di Prevenzione Alcol e salute L alcol è associato a

Dettagli

DOSSIER ALCOL GUADAGNARE SALUTE

DOSSIER ALCOL GUADAGNARE SALUTE fumo alimentazione alcol attività fisica DOSSIER ALCOL GUADAGNARE SALUTE 1. Come definire e misurare il consumo di alcol?............................................... 2 i Misura del consumo di alcol

Dettagli

Direttiva 2008/96/EC: dall ideazione all adozione

Direttiva 2008/96/EC: dall ideazione all adozione WORKSHOP Direttiva 2008/96/CE Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali AIPCR - Roma, 9 luglio 2009 Direttiva 2008/96/EC: dall ideazione all adozione Ing. Sandro Francesconi L Unione Europea.L

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est. Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation

Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est. Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation 1 WS DEBATE Stimolare un dibattito politico sul tema delle donne e la scienza

Dettagli

La salute in Toscana Anno 2012

La salute in Toscana Anno 2012 La salute in Toscana Anno 2012 Elaborazioni a cura di: Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana aprile 2013 Demografia toscana in sintesi I residenti sono 3.667.780 Nel 2012

Dettagli

Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza

Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza Orientamenti regionali per i Medici Competenti in tema di prevenzione, diagnosi e cura dell alcol dipendenza Elementi ricorrenti negli indirizzi per la prevenzione delle problematiche legate a alcol e

Dettagli

Punto insieme Sanità. Tavolo Tecnico Depressione 20 Marzo 2014

Punto insieme Sanità. Tavolo Tecnico Depressione 20 Marzo 2014 Punto insieme Sanità Tavolo Tecnico Depressione 20 Marzo 2014 Background della depressione nel paziente anziano in Italia 2 Il contesto della Depressione Le patologie psichiatriche costituiscono un problema

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Produttività e salario: il circolo virtuoso

Produttività e salario: il circolo virtuoso Marcello Messori (Università di Roma Tor Vergata) Produttività e salario: il circolo virtuoso Confindustria Energia PRODUTTIVITA E NEGOZIAZIONE AL TEMPO DELLA CRISI Roma, 29 novembre 2011 Schema dell intervento

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE - UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI REALIZZATI

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati rappresentativi nei 2 Stati membri dell'unione europea Blocco comprensivo dei risultati per l'eu2 e per l'italia Struttura

Dettagli

L esperienza della Regione Toscana

L esperienza della Regione Toscana Alcol e giovani, famiglia e società. Le priorità della prevenzione integrata sanitaria e sociale tra cultura del trattamento e razionalizzazione dei servizi In collaborazione con: ISS (Istituto Superiore

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012

ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012 ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012 ! #! % & & & ( # ))!!!! )+,!!& ). /0 1 1 0 / 2 1 / )%. +3! & +3 4! +) & & ++ & & 5 & & +! &! + 6 & & + / 0 / 7 +( 8& 4 6!8&! & & +( # +( /.

Dettagli

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Lo studio Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a suola in Europa 2012 offre un quadro completo dei sistema di insegnamento delle

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA-UFFICIO VII RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI

Dettagli

Storia e realtà dell alcologia in Italia

Storia e realtà dell alcologia in Italia XXII Congresso Nazionale 150 anni d Unità d Italia storia e realtà del rapporto tra italiani e alcol Torino 9-11 Novembre 2011 Villa Gualino Storia e realtà dell alcologia in Italia Prof. Valentino Patussi

Dettagli

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia 1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia Coordinatori: R. Capocaccia (ISS Roma) M. Vercelli (IST Genova) E. Paci (Registro Tumori Toscano) P. Picci (IOR Bologna)

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Primo della Camera dei deputati L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Gli indicatori dell agenda digitale europea La posizione

Dettagli

Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte

Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte PRAT - Piano Regionale Anti-Tabacco Le politiche anti-fumo della Regione Piemonte Fabrizio Faggiano Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze - OED Piemonte Università del Piemonte Orientale Il tabagismo

Dettagli

La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo.

La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo. La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo. A cura di Emanuela Gasca emanuelagasca@libero.it 1. Pianificazione in

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

Che cos è l addiction?

Che cos è l addiction? Che cos è l addiction? C è un dibattito sul tema? Perchè è importante? Quali sono le diverse posizioni? Quali sono le implicazioni? Il mio punto di vista Ciò che noi pensiamo dell addiction è più importante

Dettagli