UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia di Comunità Tesi di Laurea Magistrale I SENZA FISSA DIMORA: UNO STUDIO SU UN PROGETTO DI REINSERIMENTO SOCIALE HOMELESS: A STUDY ON A SOCIAL REINSERTION PLAN Relatore Prof. Santinello Massimo Laureando: Sommi Lorenzo Matricola: Anno Accademico 2012/2013

2

3 INDICE Abstract... pag3 Introduzione... pag5 PARTE PRIMA I SENZA FISSA DIMORA: ANALISI DEL FENOMENO E POSSIBILITA D INTERVENTO Capitolo 1: I SENZA FISSA DIMORA: UN FENOMENO IN CAMBIAMENTO... pag9 1.1 In cerca di una definizione... pag Il senza fissa dimora... pag Una tassonomia possibile?... pag Sulla strada... pag Problematiche psicologiche correlate... pag Rischi fisici e sanitari... pag Possibili cause del fenomeno... pag Teorie psicologiche... pag Una prospettiva storica... pag Il pathways model... pag Povertà assoluta e povertà relativa... pag In conclusione: cause o fattori di rischio?... pag 28 Capitolo 2: STUDI E INTERVENTI SUI SENZA FISSA DIMORA... pag Una ricerca difficoltosa... pag Interventi e modelli d intervento... pag Difficoltà comuni... pag Conclusioni... pag 52 1

4 PARTE SECONDA LA RONDA DELLA CARITA E IL PROGETTO UNO A UNO Capitolo 3 VERONA E LA RONDA DELLA CARITA... pag La situazione delle persone sfd a Verona... pag La Ronda della Carità... pag Il progetto Talenti... pag Il Progetto Uno a uno... pag Il contatto... pag il volontario di riferimento... pag Il programma... pag L appartamento... pag 64 Capitolo 4 IL PROGETTO UNO A UNO: ANALISI QUALITATIVA DI INTERVISTE A VOLONTARI E UTENTI... pag Introduzione al lavoro... pag ObiettivI... pag Perché l intervista?... pag La costruzione dell intervista... pag La conduzione del lavoro... pag Il lavoro coi volontari... pag Discussione generale... pag Il lavoro con gli utenti... pag Discussione generale... pag Considerazioni conclusive... pag Le interviste a confronto... pag Prospettive e limiti... pag 97 Appendice... pag 99 Riferimenti bibliografici... pag 111 2

5 ABSTRACT Il presente lavoro vuole effettuare un indagine su il Progetto Uno a uno, un progetto di reinserimento sociale per persone senza fissa dimora messo a punto dall associazione Ronda della carità della città di Verona. L obiettivo dell indagine è di verificare se, e con quali modalità, si ripresentino le questioni più frequenti individuate nella letteratura scientifica sull argomento. 3

6 4

7 INTRODUZIONE Lo scopo principale del presente elaborato è compiere un indagine sul Progetto Uno a Uno messo a punto dall associazione veronese Ronda della Carità Amici di Bernardo osservando come si presentino le questioni più salienti individuate in letteratura. Il progetto consiste in un percorso di reinserimento sociale rivolto a persone senza fissa dimora. Nel percorso, a ognuno degli assistiti è affiancato un volontario di riferimento che lo accompagni nel compimento di un programma che prevede il superamento della condizione di difficoltà iniziale, l inserimento in un attività lavorativa e la sistemazione in appartamenti. Per svolgere questo lavoro, è stata effettuata una serie d interviste ai volontari coinvolti nel Progetto, basandosi su un accurata analisi bibliografica che ha permesso di individuare le tematiche più importanti sulle quali costruire le domande da porre agli intervistati. L analisi qualitativa svolta sulle interviste, ha permesso inoltre di mettere a fuoco eventuali problematiche o punti di forza sottostanti allo svolgimento del percorso, di individuare possibilità future, di fare il punto della situazione su alcuni casi passati o attuali, approfondendo le dinamiche del rapporto che s instaura tra il volontario e l assistito ma anche dei volontari tra loro, sul luogo di lavoro e con le famiglie. L elaborato si suddivide in due parti. La prima, composta da due capitoli, effettua un analisi bibliografica del fenomeno dei senza fissa dimora partendo da una rassegna delle principali definizioni date alle persone senza fissa dimora, analizzando inoltre l evoluzione del fenomeno dalla fine dell 800 a oggi nelle realtà statunitensi ed europee. Si procede poi con un analisi della condizione della persona senza fissa dimora con i rischi psicologici e fisici dovuti alla sua condizione e un analisi delle varie teorie (non solo psicologiche ma anche sociologiche) che hanno cercato di individuare le cause del fenomeno. Nel secondo capitolo, saranno invece discusse alcune tipologie d intervento riscontrate in letteratura con eventuali difficoltà e punti di forza incontrati. La seconda parte riguarda invece la realtà veronese e il Progetto Uno a Uno. Dopo un capitolo introduttivo, in cui verranno riportati alcuni dati demografici sulla situazione dei senza fissa dimora nel veronese, si passerà alla presentazione del lavoro svolto dalla Ronda della Carità nei suoi diversi progetti. Nell ultimo capitolo verrà presentata l analisi delle interviste, rapportando i risultati alla letteratura e traendone conclusioni e prospettive future. 5

8 6

9 PARTE PRIMA: I SENZA FISSA DIMORA: ANALISI DEL FENOMENO E POSSIBILITA D INTERVENTO 7

10 8

11 CAPITOLO 1 I SENZA FISSA DIMORA: UN FENOMENO IN CAMBIAMENTO 1.1 IN CERCA DI UNA DEFINIZIONE Le persone che si ritrovano per strada, prive di un tetto e di mezzi di sussistenza, costrette a ricorrere all elemosina vengono di volta in volta denominate in modi diversi. Clochard", Barbone, Senza tetto, Homeless tutte parole utilizzate per identificare la figura del vagabondo ramingo. In realtà i termini sono meno interscambiabili di quello che sembra. Usando queste parole a sproposito, non c è solo il problema di inquadrare ogni individuo in un ottica ben definita. Si rischia anche di attribuire caratteristiche non proprie di quella specifica condizione facendo riferimento a contesti culturali ed epocali molto diversi. Prendiamo in esame per esempio la figura del cosiddetto hobo. Il termine è tra i più ambigui. L etimologia della parola non è chiara (il saluto ho-boy oppure la parola heo-boy, bracciante secondo DePastino). Si può configurare una persona effettivamente senza fissa dimora ma il termine è caratterizzato da un sottotesto culturale molto consistente che ne ha fatto gradualmente il vessillo di un vero e proprio movimento. Gli hobo rappresentano una realtà statunitense. Erano vagabondi che si muovevano spesso in solitario e girovagavano per gli States spostandosi con la ferrovia, ovviamente non pagando il biglietto ma facendo l impossibile per non essere scoperti dai sorveglianti. In genere non lavoravano o comunque le loro occupazioni consistevano in lavoretti occasionali. Tentativi di mantenere un lavoro stabile in genere si rivelavano fallimentari. Gli hobo erano soprattutto orfani o disoccupati, improntati ad uno stile di vita avventuroso e ribelle. Diverse sono le cause che possono aver contribuito allo sviluppo del fenomeno hobo. Secondo Snow& Anderson (1993) e Rauty (1997), il fenomeno ha le sue origini nel periodo immediatamente seguente alla Guerra di Secessione ( ). Dopo il conflitto, la disoccupazione e la povertà raggiungono livelli elevatissimi in tutto il paese, incrementati anche dall ondata di immigrazione che investì gli Stati Uniti in quegli anni. Lo sviluppo dell industria e del settore ferroviario permisero poi lo sviluppo di nuovi posti di lavoro rivolti però a lavoratori itineranti. La figura dell hobo si sviluppa quindi in questo contesto: quello di una rete ferroviaria sempre più fervida con possibilità di trasporti a basso costo e di una grande richiesta di forza lavoro migrante. Non si deve trascurare, in questo periodo la presenza di vagabondi per scelta, figure che sceglievano volontariamente la vita in strada per semplici motivi di ribellione o disagio soggettivo. Possiamo citare a questo proposito lo scrittore Jack London che gettò le basi per una vera e propria 9

12 controcultura costruita attorno alla figura dell hobo che, grazie alle interpretazioni successive diventerà sempre più mitica e romantica. Verso la metà degli anni 20, l economia statunitense aveva reso possibile la creazione di posti di lavoro sempre più stabili favorendo la permanenza della manodopera nelle zone di occupazione. A questo fenomeno si aggiunse la riduzione delle reti ferroviarie rimpiazzate dalle automobili. L hobo ormai era sulla via di sparizione. Il crollo economico del 29 rimescolò le carte in tavola provocando una nuova ondata di povertà e disoccupazione. Le persone finite sulla strada ormai non erano più ribelli o artisti ma sempre di più gente rovinata e caduta in disgrazia per la crisi, una tipologia molto più simile al fenomeno odierno. Scomparvero di conseguenza i mainstem (quartieri dove gli hobo potevano alloggiare) lasciando spazio alle skidrow, edifici che offrivano stanze in modo completamente dipendente dalla carità. Intorno agli anni 50, l hobo riesplode con una connotazione epistemologica tutta sua grazie all esaltazione di quello stile di vita attuata dagli intellettuali della Beat Generation, (tra i suoi esponenti, Jack Kerouac ne fu uno dei maggiori sostenitori). Questo stile di vita diventa ora più consapevole, molto idealista e improntato all avventura, ma non può più in nessun caso connotare persone comunemente definibili senza tetto o senza fissa dimora. Interessante notare come il fenomeno si sia evoluto oggi. Cianfanelli (2001) in un articolo pubblicato sul Corriere della sera, menziona la figura del wannabeehobo, il vagabondo per scelta occasionale e periodica e la Convention nazionale degli hobo tenutasi a Britt in Iowa nel 2001 con tanto di programma spedito per fax che comprende, fra le altre attrazioni, una cerimonia di incoronazione del re e della regina dei barboni, un museo dei barboni viaggiante, una Messa con accompagnamento musicale di polka, una corsa podistica con premi (una saponetta, un barattolo di pomodori e tre giornate di lavoro pagate). Il termine, mantiene quindi una valenza ambigua. Alcuni vi vedono in maniera positiva uno stile di vita ribelle e romantico, altri più banalmente solo dei perdigiorno. E opportuno tener ben presente questa realtà, specie quando si vogliono individuare possibili cause dei fenomeni del vagabondaggio. Termine più comunemente usati e con connotazioni meno ambigue sono invece clochard e barbone. Qui non ci sono dubbi sulle origini etimologiche né tanto mento sulla valenza della definizione. Negativa in ogni caso. Il termine clochard indica una persona che vive per strada, povera e senza lavoro priva di mezzi di sussistenza. L etimologia del termine, da clocher zoppicare sembra rimandare a qualcuno che azzoppato, in qualche modo menomato si trascina, zoppica, arranca, da "a cloche-pied, en avançantsur un pied et en gardant l'autrelevé" (Encarta/art 70 codice penale Fr).Ci si rende conto come l etimologia della parola, etichetti la persona come in qualche modo inferiore o difettosa (la 10

13 connotazione è molto fisica) rispetto al resto degli esseri umani.non molto diversa la situazione se si prende in esame il termine barbone. Da un punto di vista etimologico, la parola richiama l aggettivo birbone dando una visione di qualcuno di pigro o truffaldino. Il termine fa però anche riferimento ad una barba molto lunga, generalmente riconosciuta come segno di trascuratezza o ancor più marcatamente di sporcizia e mancanza d igiene con tutte le caratteristiche logicamente derivanti come cattivo odore, malattie, aspetto sgradevole etc.arriviamo ora a termini più attuali come senza tetto e senza fissa dimora. Sempre più facilmente utilizzati come sinonimi, le due espressioni fanno invece riferimento a situazioni ben diverse. Con la prima, s intende la situazione di una persona senza una casa nel senso puramente materiale del termine (Badaracco, 2007, Lavanco e Santinello, 2009). Si può qui riferirsi ad una situazione occasionale che può essere diretta conseguenza di un emergenza (come ad esempio le persone rimaste senza casa al seguito del sisma in Abruzzo nel 2009 o dell alluvione in Liguria nel 2011). Molto più ampia la definizione sottostante al termine senza fissa dimora. Non si è, in questo caso semplicemente privi di un tetto, ma privi di tutto quello che si potrebbe comunemente avere sotto un tetto (Badaracco, 2007) cioè tutte quelle relazioni formali e informali, affettive e non, quell ambiente di vita necessario allo sviluppo della propria identità in senso sia personale che sociale(badaracco, 2007, Lavanco e Santinello, 2009).Analizziamo tre definizioni di questo termine.la prima risale al 1993 al rapporto Feantsa (Tosi e Ranci) sulla povertà in Italia. E una definizione già piuttosto complessa in quanto suddivide le persone senza fissa dimora in tre categorie: - le persone prive di qualsiasi sistemazione (no accomodation); - quelle che alloggiano in sistemazioni provvisorie nel settore pubblico o del volontariato (temporaryaccomodation); - coloro che si trovano in sistemazioni abitative marginali fortemente standardizzate (marginalaccomodation). Più esaustiva è la definizione fornita dal Department of Housing and Urban Development (HUD) il quale per arrivarci individua quattro categorie di persone in difficoltà: 1) litterally homeless:persone che non hanno una residenza regolare e adeguata o, nel caso abbiano una residenza notturna: - pernottano in strutture pubbliche o private che offrono sistemazioni temporanee - vivono in strutture temporanee pubbliche o private in attesa di venir poi trasferiti in rifugi o comunità più istituzionali - vivono in strutture predisposte a offrire una sistemazione regolare. 2) Rischio imminente di Homelessness: individui o intere famiglie che stanno per perdere la casa senza avere risorse per ottenerne una nell immediato 11

14 3) Homeless sotto altri statuti federali: giovani sotto i 25 anni o famiglie con bambini e giovani che non rientrano nelle definizioni precedenti ma si trovano in periodi di scadenza d affitto, minaccia di sfratto, disoccupazione o periodi instabilità 4) In fuga da violenze domestiche: persone che subiscono violenze tra le mura domestiche e si ritrovano senza posti dove poter andare nel tentativo di fuggire dalla famiglia. La HUD in questo modo ha dato una vera e propria definizione del senza fissa dimora soltanto nel primo punto della classificazione mentre va invece ad evidenziarne il rischio potenziale nelle altre categorie, puntando l indice, soprattutto negli ultimi due punti, su alcune possibili cause del fenomeno (questione che riprenderemo successivamente). La classificazione più interessante è quella messa a punto da Chamberlain e MacKenzie nel 92, la quale suddivide in tre livelli la mancanza di un abitazione: 1) mancanza primaria: relativa alle persone che vivono in strada dormendo nelle stazioni, sulle panchine 2) mancanza secondaria: persone che si spostano da un alloggio improvvisato ad un altro. Pensiamo alle persone che si spostano continuamente tra dormitori pubblici e abitazioni con altre famiglie in modo occasionale 3) mancanza terziaria: persone che vivono presso familiari o conoscenti a medio o a lungo termine. Trovare una definizione esaustiva del fenomeno diventa difficile, ognuna delle definizioni sembra aggiungere o togliere qualche cosa rispetto alle altre. Inoltre, inquadrare la questione in una definizione unica, comporta il rischio di trascurare elementi che potrebbero essere in alcuni casi molto importanti. La FIOPSD (Federazione Italiana Organismi per le Persone senza Dimora) riesce a fornire una descrizione del fenomeno molto più ampia e generica, vedendo nel senza fissa dimora un soggetto in stato di povertà materiale e immateriale, portatore di un disagio complesso, dinamico e multiforme (Lavanco e Santinello, 2009). In questo modo, s inquadra il fenomeno sia nell ambito delle problematiche inerenti più strettamente all individuo, sia quelle che invece rimandano a situazioni sociali più ampie salvaguardando possibilità eziologiche più variegate. Nel corso del presente lavoro, verranno utilizzate soprattutto i termini senza fissa dimora e homeless facendo riferimento a queste ultima definizione in particolare nello studio finale. 1.2IL SENZA FISSA DIMORA 12

15 Non è facile individuare regole o leggi generali alle quali ricondurre la situazione delle persone senza fissa dimora. Come verrà approfondito nel paragrafo dedicato alle cause del fenomeno, tante e tali sono le sfaccettature di queste figure, che ogni affermazione va ponderata in base al caso trattato. Secondo la FIO.psdla condizione della personasenza fissa dimora può essere riassunta nei seguenti punti: 1. è una condizione acuta di sofferenza 2. riguarda soggetti che provengono, in modo trasversale, da ogni livello della nostra stratificazione sociale 3. si rappresenta sotto la forma di una radicale rottura rispetto all'appartenenza territoriale e alle reti sociali 4. si presenta come un disagio complesso, che aggrega una molteplicità di fattori problematici, non in rapporto di causalità tra loro 5. è tale che, se lasciata progredire nel tempo, subisce un evoluzione a carattere degenerativo 6. è tale che, agli occhi di chi si propone di portare un aiuto, il senza dimora si manifesta come una persona incapace da sola di emanciparsi in una condizione di maggior benessere, anche se messa in contatto con valide opportunità 7. nelle forme più acute compromette, per stadi progressivi, la capacità della persona di soddisfare livelli sempre più profondi nella scala dei bisogni: la condizione di sofferenza estrema può condurre alla morte. Il senza dimora potrebbe rappresentare in una metafora il sottobosco umido e oscuro di una foresta. La società visibile con le sue regole, la gente integrata e il suo sistema economico è la foresta mentre i senza fissa dimora si collocano nell umidità e nell oscurità del sottobosco confinati nella marginalità sociale (Marchesini, 1999) Una tassonomia possibile? Osservando la vita in strada, diventa inevitabile cercare di operare una distinzione e magari anche una classificazione tra le tipologie di persone con le quali si viene in contatto. L operazione è molto difficoltosa, troppo soggettiva e frequentemente trova resistenza nelle stesse persone senza fissa dimora che collaborando ad attività di ricerca apposite, non si riconoscono nelle tipologie di persone che sono state individuate. Generalmente si ritiene opportuno considerare la popolazione dei senza fissa dimora come non omogenea, troppo variegata al suo interno. Ribadiamo inoltre che la ricerca sui senza fissa dimora 13

16 viene in genere svolta su piccole realtà. Il campione è sempre molto localizzato. Di conseguenza le conclusioni che se ne traggono vanno rapportare al contesto di provenienza. Barnao (2004) in seguito ad una rigorosa ricerca, azzarda però una serie di categorie riscontrate tra le persone della popolazione dei senza fissa dimora a Trento. L autore è riuscito a individuare sette possibili tipologie di senza fissa dimora nella realtà trentina. E interessante notare come queste suddivisioni rispecchino in realtà al loro interno, alcuni fattori di rischio o alcune conseguenze della condizione della persona. Le tipologie individuate da Barnao per i senza fissa dimora a Trento sono quindi: -Tossicodipendenti: in genere italiani tra i 25 e i 40 anni. Possono anche essere organizzati in piccoli gruppi. La vita in strada, sommata alla condizione di tossicodipendenza, può portarli a vivere di elemosine, piccoli furti o prostituzione. Si muovono in zone strategiche dove riuscire a procurarsi facilmente denaro, oppure della roba o dove si possa trovare posto per la notte. -Spacciatori: nella realtà trentina vengono individuati soprattutto giovani magrebini tra i 20 e 24 anni, in genere arrivati in strada con l intenzione di spacciare per sopravvivere. Vi sono anche spacciatori che ricorrono a questo espediente dopo un tentativo di integrazione sociale e lavorativa andato male (in questo caso sono di età adulta) e infine italiani, a loro volta tossicodipendenti, che spacciano per procurarsi la roba. Un importante differenza tra spacciatori italiani e magrebini è che i secondi in genere non sono anche tossicodipendenti (alcuni fanno uso di eroina inalata per via nasale ma questa modalità non viene da loro percepita come tossicodipendenza associata invece con il bucarsi ). Per queste persone, i rifugi migliori per passare la notte sono gli edifici abbandonati in quanto meno esposti a potenziali controlli da parte delle forze dell ordine rispetto alle tradizionali panchine o alle comuni zone di città. Ma è anche una questione di sicurezza molto più personale. La categoria dello spacciatore è a forte rischio di aggressione da parte di tossicodipendenti, magari in crisi di astinenza in cerca disperata della roba e uno spacciatore senza fissa dimora si ritrova quindi particolarmente a rischio. -Alcolisti:il gruppo degli italiani sembra più numeroso di quello degli stranieri. Parlando della loro situazione, sembrano non voler esprimere un qualche collegamento tra la condizione della mancanza di un tetto e le problematiche legate all alcol. 14

17 - Barboni : con questo termine, non molto appropriato come abbiamo detto nel primo paragrafo, s intendono quei senza fissa dimora la cui condizione è ormai cronicizzata, che vivono per strada da lunghissimo tempo. In genere italiani che provengono da vissuti di fallimenti personali su diversi fronti o presentano forme di disagio molto gravi associate alla malattia mentale o a qualche dipendenza. Possono vivere in solitario, in piccoli gruppi o in coppie. Non manca nemmeno qui il confronto tra italiani e stranieri. Sembra infatti che questi ultimi, presentino delle difficoltà molto più marcate a livello relazionale. -Senza fissa dimora occasionali: in questa categoria si trovano persone temporaneamente costrette alla vita in strada. Le cause sono molteplici: si passa da uno sfratto improvviso che poi si risolve con la scoperta di un alloggio presso conoscenti o strutture ad una fuga da casa per violenze o litigi (è il caso di molti adolescenti) o la fuga da una comunità. Un interessante gruppo è quello dei lavoratori stagionali immigrati che si vedono a volte costretti a passare dei periodi per strada. Possono rientrare in questa categoria anche italiani, di solito provenienti dal Sud. Barnao riporta in questa descrizione anche il caso di alcuni malati psichici che cercano continuamente qualcuno con cui parlare e si mettono a girovagare per le strade anche nelle ore notturne imbattendosi così in persone senza fissa dimora vere e proprie e finendo col passare saltuariamente delle notti per strada con loro semplicemente per avere compagnia. -Vagabondi: ricompare qui la figura del vagabondo per scelta. Si tratta, in questo caso di persone fisicamente e mentalmente sane che si muovono girando il mondo per pura passione di farlo, in genere in compagnia di un cane oppure anche da sole. Spesso si ritrovano a conoscere persone che nella condizione di senza tetto presentano problematiche estreme ma la cosa non influisce sullo stile di vita che hanno indeciso di intraprendere, vissuto in modo romantico e spensierato. -Punkabbestia: sai fa riferimento con questo termine a quei gruppi di giovani che vivono girando per le città coi loro cani. La loro è una controcultura di protesta che trae origine dalla cultura punk degli anni 70. Si muovono sempre in gruppi più o meno organizzati al loro interno. E opportuno fare un discorso a parte per gli immigrati stranieri. Abbiamo visto come possano rientrare più o meno in tutte le tipologie sopra elencate. Possiamo infatti suddividere la condizione del senza fissa dimora in tre categorie (Barnao, 2004): immigrati regolari, immigrati irregolari e richiedenti asilo politico. 15

18 1) Immigrati regolari: si tratta di persone che sono in regola con le autorità, hanno permesso di soggiorno e spesso anche un lavoro. Si ritrovano in questa condizione dopo tentativi di integrazione falliti o difficoltà personali. Per quelli di loro che lavorano, diventa sempre più difficile conciliare le difficoltà della vita in strada con un attività lavorativa stabile. 2) Immigrati irregolari: parliamo di persone prive del permesso di soggiorno per le quali la vita in strada rappresenta l unica scappatoia contro il ritorno nel paese d origine. Spesso in questa condizione, vanno a ritrovarsi molti immigrati regolari che, finiti per strada, non hanno più soldi nemmeno per rinnovare il permesso. 3) Immigrati richiedenti asilo politico: sembra assurdo trovare traccia in letteratura di persone che arrivano in Italia cercando asilo politico e si ritrovano nella condizione di senza fissa dimora. Sono perseguitati politicamente nel paese d origine e purtroppo diventa impossibile poter auspicare a una casa per loro che preluda ad un inserimento lavorativo e sociale in generale a causa di difficoltà normative e burocratiche. A questa classificazione, è doveroso aggiungere altre tipologie ricavate dalla letteratura internazionale. Si è deciso di citarne altre quattro: -Veterani dell esercito: negli Stati Uniti, si riscontra che circa un settimo della popolazione homeless sia formata da veterani dell esercito il cui 20% si stima avere circa 50 anni. Questa fetta di popolazione homeless presenta alti indici di disordini psichiatrici, abuso di alcol e droghe. (Schinka, Schinka, Casey, Kasprow, Bossarte, 2012) -Adolescenti: della presenza degli adolescenti tra la popolazione senza fissa dimora si parlerà nei paragrafi successivi. Qui è opportuno aggiungere che oltre alle problematiche relative a maltrattamenti familiari che verranno citate successivamente, gli adolescenti senza fissa dimora possono essere anche minori stranieri non accompagnati magari non in regola. E auspicabile che questi ragazzi siano subito individuati e tolti dalla strada, in genere vengono accolti nelle comunità apposite. -Homeless family: compaiono nella popolazione senza fissa dimora anche interi nuclei familiari (Arrigo, 1998) finiti per strada per motivi diversi. Ma la famiglia homeless più tipica è generalmente quella composta da una madre single con uno o più bambini (Bassuk, 1990, Shinn, Knickman e Weitzman, 1991). Le ragioni che possono condurre una madre a questa condizione sono anche in questo caso diverse e complesse. Il fenomeno può essere attribuito alla mancanza di 16

19 reti sociali e all esposizione a violenze domestiche (Clinton-Sherrod, Toro, McCaskill, BeShears, Cohen, Boyd, 2007). -Street family: questa è una tipologia di famiglia senza fissa dimora particolare. Giovani homeless in genere, a causa della mancanza di connessione con la società, tendono ad aggregarsi con altri coetanei o giovani adulti nella loro condizione costituendo dei nuclei familiari che potremmo definire alternativi (Unger, 1998) fondamentali nel condurre poi le giovani reclute all uso di sostanze, spaccio o a comportamenti sessuali a rischio (Solorio e all. 2008). Al di là di queste osservazioni, le statistiche permettono comunque di fornire quello che è comunque il quadro più diffuso della persona senza fissa dimora. Secondo i dati forniti dalla Caritas Italiana e dalla Fondazione Zancan nel 2000, l homeless tipo è generalmente un maschio (80%), di età media sotto i 40 anni, circa il 70 % ha meno di 48 anni, è single (78%), in misura minore coniugato o convivente (21%), non ha completato la scuola dell obbligo (40%), ha un diploma di scuola media inferiore (34%), di scuola media superiore (18%) e compare una percentuale di laureati (4%). I dati trovano conferma nella letteratura internazionale. Dunne, Duggan e O Mahony riportano in uno studio condotto a Cork City, la figura di homeless prevalentemente maschio (89%), disoccupato (96%), single (98%) e di età inferiore ai 65 anni (94%) Sulla strada La vita in strada comporta uno stravolgimento totale delle regole cui siamo abituati nella vita quotidiana pur ricreandone i meccanismi e rispecchiandone per certi versi le caratteristiche. In strada le persone vengono spesso a contatto con altri nella loro stessa situazione. Capita che a volte rimangano tra di loro indipendenti. Ognuno individua una propria zona in cui accamparsi per la notte o dove procurarsi sostentamenti, magari tramite elemosina e in genere, alcuni riescono anche a preservare lo spazio scelto, da altri colleghi. Può anche capitare che si costituiscano piccoli gruppi di senza dimora con una loro struttura interna. Come riporta Barnao (2004), queste persone si aggregano secondo una stratificazione interna dandosi delle regole e formando un gruppo che può ingrandirsi, perdere dei componenti o sciogliersi. Ogni gruppo può individuare delle zone da far proprie per rifugio notturno o elemosine diurne. Compare ovviamente in questi aggregati, la figura di un leader di colui che promuove il consolidamento del gruppo, e ne crea i presupposti per la sopravvivenza" (Barnao, 2004). La figura del leader diventa una figura chiave nella creazione e nel consolidamento delle così dette norme di gruppo. Possono verificarsi tra i gruppi presenti in strada 17

20 anche curiosi episodi di socialità. Da una serie di interviste condotte tra i senza tetto di Trento, Barnao riferisce un interessante episodio con protagonista una coppia convivente appena sfrattati dall appartamento e costretta alla vita in strada. Al loro arrivo nella piazza dove si trovavano gli altri senza fissa dimora, si presentarono con borse piene di cibo e bevande che offrirono ai loro compagni di sventura come una sorta di debutto in società. Si può andare anche molto oltre. Secondo Pizzorno (2001), in situazioni di deficit di socialità come può essere la vita in strada, spesso si verifica la nascita di iniziative volte a ricostruire in una qualche forma il capitale sociale in modo da poter perseguire dei fini ben precisi per la soddisfazione dei bisogni primari. Riprendendo Barnao, si può affermare che i gruppi di strada costituiscano una forma vera e propria di capitale sociale. Sono tre le condizioni che secondo diversi autori (Coleman, 1990, Portes e Sensebrenner 1993, Bagnasco 2001) contribuiscono alla creazione del capitale sociale vale a dire la stabilità, la chiusura e l ideologia. Stabilità nel senso che nella strada, il gruppo diventa un riferimento in qualche modo fisso coi suoi luoghi, i suoi componenti. Chiusura perché il gruppo si può chiudere ad elementi esterni, non solo alle persone che passano loro davanti ogni giorno, ma anche altri senza tetto che per motivi diversi possono esserne esclusi. Ideologia perché come abbiamo detto prima, il gruppo va a costituire delle norme proprie. La creazione delle regole è lo step immediatamente precedente a quella che si può definire la formazione di una cultura o meglio controcultura del gruppo formata da un insieme di valori derivanti dalla vita in strada (Barnao, 2004). Si può ricordare a questo proposito il fenomeno degli hobo dove la forte cultura interna prevedeva anche la creazione di soprannomi o di nominativi di riconoscimento tra i compagni. Già London infatti, riportava diversi soprannomi (come Rover Jack o Sailor Jack) e segnalava che tra di loro gli hobo non disdegnavano di chiamarsi col nominativo bo (1907). Non sempre queste persone possono rimanere a lungo negli stessi luoghi. Vari motivi, a volte l intervento delle forze dell ordine,a volte una disputa con gruppi rivali, le costringono a cambiare i luoghi prescelti. I luoghi che spesso si ritrovano ad occupare per la notte, possono essere angoli di vicoli, edifici abbandonati, istituti,stazioni oppure sotto i ponti. Sono gli abitanti per eccellenza di tanti non-luoghi (Auge, 1993) dove diventa difficile conservare la propria integrità di persona. Eppure non è raro vedere alcuni di loro conservare oggetti che portano sempre con sé, ricordi di momenti particolari della loro vita, non necessariamente precedente all esperienza in strada. Questi oggetti (ninnoli o fotografie) possono essere importantissimi segnali di una personalità ancora resistente. A prescindere dalle motivazioni che hanno portato la persona alla vita su strada, non dimentichiamo che la sopravvivenza per i senza fissa dimora richiede grandi capacità di adattamento e di inventiva capacità che potrebbero andare a costituire un buon punto di partenza per il recupero. Frankl (1946) 18

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013

raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013 raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013 AGENDA Metodologia della raccolta dati attori e volontari coinvolti Il censimento: numero localizzazione spaziale I questionari: primi

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Università degli Studi di Milano Bicocca Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Bologna Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Quinta rilevazione Questionario e istruzioni per

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Servizio di riferimento Drop House, Centro Diurno a facile soglia di accesso per donne italiane e straniere anche con figli minori situato

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA Assistenza sanitaria alle persone senza dimora

VERSIONE PROVVISORIA Assistenza sanitaria alle persone senza dimora VERSIONE PROVVISORIA Assistenza sanitaria alle persone senza dimora Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati

raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati Michela Braga (Università Bocconi e frdb) Roma, 23 Giugno 2014 AGENDA Metodologia della raccolta dati attori e volontari

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo

Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo Introduzione Uno dei problemi clinici

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

Interventi a favore dei Minori

Interventi a favore dei Minori Interventi a favore dei Minori L ambito degli interventi a favore dei minori risulta strategico nel processo di ridefinizione del sistema di welfare locale. Il panorama dei servizi per minori che si offre

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Albino Caldato Mira 16 maggio 2012 Servizio Educazione e Promozione della Salute GIOVANI: DI CHI STIAMO PARLANDO? PRE-ADOLESCENZA (11-14

Dettagli

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 LA RICERCA È la prima indagine finalizzata alla raccolta di esperienze e percezioni sul rapporto complesso fra società, lavoro e malattia mentale, condotta in provincia

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti Dal 1/1/2013 al 31/12/2013 139 Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta Presenza media giornaliera 28 detenuti 10,56% 6,34% 5,63% 9,16% 11,27% 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE ANNO 2008-2010 CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI

Dettagli

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza Appunti della lezione dell 8 marzo 2010 Cap 1 adolescenza e compiti di sviluppo 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza L adolescenza è caratterizzata dal superamento

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale

Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale Indagine sulle disuguaglianze di salute della popolazione ad alta marginalità sociale Firenze, 22 Maggio 2014 Fabrizio Mariani Presidente C.N.C.A. Toscana I presupposti della ricerca: - Servizi di bassa

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

CITTA SENZA DIMORA INDAGINE SULLE STRADE DELL ESCLUSIONE 2011

CITTA SENZA DIMORA INDAGINE SULLE STRADE DELL ESCLUSIONE 2011 CITTA SENZA DIMORA INDAGINE SULLE STRADE DELL ESCLUSIONE 2011 Città senza dimoraè un indagine sulle condizioni socio-sanitarie delle persone senza dimora nelle città di Roma e Firenze realizzato da Medici

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE SEMINARIO FORMATIVO LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE dedicato al personale del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre componenti del Sistema Nazionale Linee

Dettagli

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO Dott.ssa Simona Codazzi Psicologa Esperta in Psicologia Giuridica Padova, 4 dicembre 2012 Mobbing e risarcimento Chiunque

Dettagli

LA RICERCA NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELLE PERSONE SENZA DIMORA IN ITALIA

LA RICERCA NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELLE PERSONE SENZA DIMORA IN ITALIA LA RICERCA NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELLE PERSONE SENZA DIMORA IN ITALIA LA RICERCA NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELLE PERSONE SENZA DIMORA IN ITALIA LA RICERCA NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELLE PERSONE

Dettagli

raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati

raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati raccontami2014 1 indagine point in time dei senza fissa dimora a Roma Primi risultati Roma, 23 Giugno 2014 AGENDA Metodologia della raccolta dati attori e volontari coinvolti Il censimento: numero localizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.SSA COVIZZI RITA MORENA MMG DR.SSA DI PIETRO MARGHERITA MMG Medolla

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria

PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI. DOS SANTOS Janaildes Maria PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI DOS SANTOS Janaildes Maria Secondo voi quali sono gli elementi chiave per la produzione dei conflitti nei rapporti sociali? PRODUZIONE E GESTIONE DI CONFLITTI Ascoltiamo

Dettagli

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE ANGOSCIA E FRAGILITA Sala Madrid - 29 Novembre 2013 Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 Evelina Bianchi Vicenza Abbiamo una ipotesi utile a

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

LAURA CORRADI. Donne e malattie a trasmissione sessuale

LAURA CORRADI. Donne e malattie a trasmissione sessuale LAURA CORRADI PARTE II - CAPITOLO 11 SESSO A RISCHIO: LA PREVENZIONE DELL AIDS 195 Donne e malattie a trasmissione sessuale Da quando la sifilide - il male dei cento occhi - fece la sua comparsa in Europa

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa La violenza assistita: il minore come spettatore Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa Violenza sui minori Trascuratezza Maltrattamenti fisici Abusi sessuali Maltrattamenti psicologici Violenza domestica

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA Gay Help Line Estratto del rapporto del servizio Dal 18 Marzo 2006 al 30 settembre 2007 Roma, 8 Novembre 2007 1/10 Gay Help Line : Principali Caratteristiche del

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni Sondrio, 28 Ottobre 2013 Programma del corso 1 Incontro I disturbi esternalizzanti: ADHD (Disturbo da deficit di attenzione

Dettagli