Fragilità e non Autosufficienza. Dott. Paolo Parente Università Cattolica del Sacro Cuore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fragilità e non Autosufficienza. Dott. Paolo Parente Università Cattolica del Sacro Cuore"

Transcript

1 CIVES CITTÀ VIVE, EQUE E SANE APRILE 2015 Fragilità e non Autosufficienza Dott. Paolo Parente Università Cattolica del Sacro Cuore

2 AGENDA Contesto di riferimento odierno La Primary Health Care Il Passo avanti Il Concetto di Fragilità La Non Autosufficienza Le nuove regole per il cambiamento

3 CIVES CITTÀ VIVE IVE, EQUE E SANE 23 APRILE 2015 CONTESTO DI RIFERIMENTO ODIERNO: L ITALIA,, LA SUA SALUTE E LA SUA SANITÀ

4 FRAMEWORK ITALIA

5 DEBITO PUBBLICO IN RAPPORTO AL PIL Fonte FMI, 2011

6 CRESCITA DEL PIL Fonte FMI, 2011

7 CORRUZIONE Fonte Transparency international, 2011

8 CRIMINALITA ORGANIZZATA

9 LIBERTÀ DI STAMPA Fonte Freedom House, 2012

10 ISTRUZIONE: GIOVANI CHE FREQUENTANO L UNIVERSITÀ Fonte OECD, 2011

11 DONNE: INDICE DI UGUAGLIANZA WEF Fonte OECD, 2011

12 DONNE: PERCENTUALE DI DONNE LAVORATRICI Fonte OECD, 2011

13 SCELTE POSSIBILI

14 CONTESTO DI RIFERIMENTO LIMITATEZZA RISORSE ECONOMICHE!

15 SPERANZA DI VITA ALLA NASCITA

16 Note di Demografia L invecchiamento della popolazione è il risultato dall interazione di diversi trend demografici che in ogni Paese si manifestano con ritmi e modalità differenti. La diminuzione della fecondità e l aumento dell aspettativa di vita risultano le cause principali della crescita della quota anziana di popolazione rispetto a quella giovane in molte aree del pianeta.

17 Note di Demografia Il fenomeno delle migrazioni internazionali sembra, inoltre, non riuscire a contrastare l andamento decrescente di fecondità e mortalità. Il declino della fecondità è considerato la causa principale dell invecchiamento della popolazione. Durante il secolo scorso, nei Paesi industrializzati, il numero medio di figli per donna (tasso di fecondità) è passato dal 2,8 del periodo a 1,5 nel periodo Tale valore è ben al di sotto del tasso di 2,1 necessario per garantire il ricambio generazionale.

18 Aspettativa di vita alla nascita in anni. Anni Fonte: Vaupel, 2002

19 Population ageing Old (65+) and very old (80+) population in OECD and EU-27 countries Fonte: OECD Demographic and Labor Force Database, 2008

20 Projections of disability trends among elderly Dynamic scenario Static scenario Denmark Italy Belgium Finland Netherlands United Kingdom Fonte: OECD Demographic and Labor Force Database, 2008

21

22 LA MODIFICA DEI PATTERN DI MALATTIA John DS et al., The Burden of Disease and the Changing Task of Medicine 2012 NEJM

23 10 leading causes of burden of disease, world, 2004 and 2030 (assuming 50% reduction impact of infectious diseases) World Health Organization. The global burden of disease: 2004 update. Geneva World Health Organization, 2008

24 Rapporto Osservasalute 2015 The Italian Paradox: pessimi stili di vita ma ancora buona la salute degli Italiani Presentato alla Stampa il 30 Marzo 2015 Policlinico A. Gemelli

25

26 Assorbimento Risorse* Ricoveri Ordinari - Classi di Età Popolazione Risorse Oltre 75 anni Da 66 anni a 75 anni 7% 10% 17% 24% Fino a 65 anni 46% 22% 83% 54% * Punti di DRG Fonte: Base Dati SDO nazionali anno 2002

27 MA LA SANITA HA UN COSTO: 27 LE PROSPETTIVE DI MEDIO-LUNGO PERIODO

28 Uso inappropriato di risorse finanziarie su un disavanzo del SSN di 32 MLD euro, circa 19 MLD (60%) si concentrano su 6 regioni DEFICIT SANITARIO Dei 19 MLD di disavanzo delle 6 Regioni, ben 17 MLD si concentravano Lazio Campania Sicilia CRISI INTERNAZIONALE 2011: in pareggio di bilancio solo : - 2 Mld (Spending Review) 2013: miliardi 2014: - 5 miliardi di euro Fonte: Ricciardi 2012

29 Evidenze e Scenario! Aumentano i fattori di rischio, diminuisce la risposta dei servizi pubblici e le Regioni risparmiano sulla prevenzione. In più la crisi erode rapidamente la rendita del nostro Paese sia in termini di salute dei cittadini, sia sul versante sanitario. La situazione si avvia alla insostenibilità, soprattutto nelle Regioni sottoposte a piano di rientro.

30 CIVES CITTÀ VIVE IVE, EQUE E SANE 23 APRILE 2015 LA PRIMARY HEALTH CARE

31 INDIVIDUO Riallocazione di risorse Non strutturato Anello debole del sistema! COMUNITA Prevenzione Public Health

32

33 t Da Alma-Ata (1978) ad Almaty (2008) Macro Micro

34 OSPEDALE CONTINUITA ASSISTENZIALE Paziente cronico Presa in carico Paziente sano o apparentemente sano INTEGRAZIONE SANITARIA E SOCIO- SANITARIA Paziente non autosufficiente e/o fragile Paziente non classificato DOMICILIO

35 Gli attori della PHC Servizio Sanitario Nazionale Regione MMG, MCA e PLS Terzo settore (Onlus, privato sociale) Privato for profit ASL DISTRETTO Servizi sociali

36 Lawrence P, Lorsch J. Differentiation and Integration in Complex Organizations. Administrative Science Quarterly. 1967; 12: 1-30.

37 CIVES CITTÀ VIVE IVE, EQUE E SANE 23 APRILE 2015 IL PASSO AVANTI: MEDICINA, SOCIETÀ E SCIENZE SOCIALI

38 Medicina, società e scienze sociali. Intrusioni e sinergie Modello bio-psico-sociale da parte di George L. Engel 1977 Data la difficile curabilità di molte malattie croniche, l adozione della prevenzione come approccio prioritario diventava una strada obbligata per molte specialità mediche Determinanti sociali di salute Povertà, vulnerabilità

39 Deteminanti sociali

40 VULNERABILITÀ Essere a rischio Resilienza: livello di disturbo che un sistema è un grado di assorbire senza cambiare la propria struttura e organizzazione

41 CAPITALE SOCIALE E VULNERABILITÀ Gruppi vulnerabili possono essere considerati: bambini a rischio, famiglie monogenitoriali, anziani e disabili, Migranti, persone stigmatizzate a vario titolo

42 Le fonti di vulnerabilità: Secondo Mechanic e Tanner, sono sostanzialmente due la povertà e l etnia Da considerare, naturalmente tutto ciò che definisce il SES (Socio-Economic Status), cioè il livello di istruzione, La posizione sociale, il reddito.

43 Accumulazione Tali variabili costituiscono l innesco di processi cumulativi che si sviluppano lungo l intero corso di vita. A partire (in genere) da queste fonti basilari, la traiettoria procede attraverso fasi di vita vulnerabili, vale a dire con maggiore esposizione a probabilità di eventi sfavorevoli.

44 Un esempio Nascere in una famiglia povera (l esempio è tratto da Mechanic e riguarda gli Usa) significa: avere maggiori probabilità di essere esposti a malattie infettive dell infanzia, avere uno sviluppo cognitivo problematico, avere una scolarità difficile, legarsi a gruppi dei pari con una forte propensione al consumo di droga, rapporti sessuali prematuri, fuoriuscita prematura dalla scuola, accesso ad impieghi mal pagati, maternità precoce, ecc. I luoghi in cui risiedono le persone vulnerabili sono caratterizzati da rumore, traffico, crimine, ecc. sono cioè a loro volta vulnerabili.

45 CIVES CITTÀ VIVE IVE, EQUE E SANE 23 APRILE 2015 LA FRAGILITA

46 BICCHIERI DI CRISTALLO E STRADE DI PASSI ovvero VULNERABILITA E FRAGILITA

47 FRAGILITA Il termine fragile o fragilità, in riferimento agli anziani è stato raramente usato in letteratura scientifica prima degli anni 80. A metà degli anni 70, negli USA, Monsignor Charles F. Fahey e il Federal Council of Aging (FCA) usarono per la prima volta la definizione vecchiaia fragile (frail elderly) per indicare un particolare segmento della popolazione anziana. Oggi quando parliamo di fragilità ci riferiamo ad una condizione che deriva dall interazione di componenti biologici, clinici, psicologici sociali ed ambientali che interagiscono nel corso della vita di una persona.

48 FRAGILITA Inizialmente considerata come un sinonimo della disabilità la maggior parte della comunità scientifica è ora concorde nel ritenere la fragilità una condizione distinta da quella di co-morbidità, o dall essere portatori di menomazioni, disabilità o handicap. Ciò tuttavia non implica che tali attributi siano irrilevanti per il significato attuale di fragilità. Le co-morbidità sono percepite come un importante fattore etiologico laddove le limitazioni funzionali sono le manifestazioni di una condizione.

49 FRAGILITA Sebbene la fragilità divenga più comune con l aumentare degli anni, essa è più strettamente correlata alla vulnerabilità fisica o mentale, piuttosto che all età cronologica. C è un consenso emergente sul fatto che chi versa in condizioni di fragilità ha più probabilità di essere esposto ad eventi avversi. (Hogan DB 2003)

50 FRAGILITA IN MEDICINA a) Fragilità come invecchiamento accelerato o avanzato. Questa accezione si basa sul declino della performance funzionale della persona che, nel caso dell anziano fragile. Essa consiste in una caduta di autonomia e nell entrata repentina in uno stato di disabilità precoce rispetto al normale trend dell invecchiamento

51 FRAGILITA IN MEDICINA b) fragilità come sindrome fisiologica dotata di percorsi specifici caratterizzata da una diminuzione di resistenza a fattori stressanti che scaturisce da un declino cumulativo della persona su sistemi multipli (bio- medici, psicologici, sociali) che la rende particolarmente vulnerabile ad eventi avversi; c) una sindrome complessa con un intreccio di determinanti bio-sociopsicologici lungo il corso di vita

52 Paziente Fragile Per soggetto fragile si intende colui che si trova in una condizione di rischio e di vulnerabilità, caratterizzata da un equilibrio instabile di fronte a eventi negativi. Fonte: Katz S et al. Studies of illness in the aged. The index of ADL: a standardized measure of biological and psychosocial function. JAMA Sep 21; 185: Fried LP et al. Frailty in older adults: evidence for a phenotype. J Gerontol A Biol Med Sci Mar; 56 (3): M146-M156.

53 CIVES CITTÀ VIVE IVE, EQUE E SANE 23 APRILE 2015 LA NON AUTOSUFFICIENZA

54 NON AUTOSUFFICIENZA Per quanto riguarda il concetto di non autosufficienza è traducibile in inglese con il termine disability, che è stato per la prima volta definito dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel Nel documento International Classification of Impairments, Disabilities, and Handicaps (ICIDH), disability è qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a menomazione) della capacità di compiere un attività nel modo o nell ampiezza considerati normali per un essere umano.

55 NON AUTOSUFFICIENZA Nel 2001, l Assemblea Mondiale per la Sanità con il testo International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF), ha rafforzato e ampliato tale definizione, facendo riferimento non soltanto più a termini quali malattia, menomazione e handicap, ma mettendo in risalto la salute dell individuo in termini positivi (funzionamento, salute). La disability diventa un termine ombrello riferito a limitazioni nello svolgere attività (compiti o azioni), o alla restrizione della partecipazione, cioè a coinvolgimento nelle situazioni di vita quotidiana, il tutto il rapporto a fattori contestuali (WHO, 1980, 2001).

56 IL CONCETTO DI NON AUTOSUFFICIENZA E relativo allo stato di salute e all età della persona Si esprime nell incapacità totale o parziale, transitoria o permanente, di compiere le normali azioni della vita quotidiana. E legato a fattori di natura economica e sociale (presenza o assenza di un reddito adeguato, un abitazione ed un ambiente di vita sicuri e accessibili, ad una rete sociale in grado di proteggere l individuo e di garantirne il migliore stato possibile di benessere psicofisico - Guzzanti E. et al, 2002). Al fine di attivare servizi di LTC è fondamentale valutare il bisogno specifico per quel paziente di assistenza a lungo termine attraverso una misura del grado di dipendenza che la persona ha nello svolgere sue attività quotidiane.

57 LA MISURA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA I tre approcci riconducibili alla misurazione del fenomeno della non autosufficienza: 1. La valutazione del deficit provocato dalla perdita di alcune funzionalità. Metodo oggettivo ma monodimensionale, non consente di valutare aspetti significativi come il contesto. 2. La valutazione delle attività che il soggetto non autosufficiente non è in grado di svolgere autonomamente. Metodo che potrebbe risentire di un eccessivo grado di arbitrarietà. 3. Quantificazione dell aiuto, misurato in termini di tempo, del quale il soggetto necessita in relazione alla sua condizione. Metodo che potrebbe risentire eccessivamente di fattori ambientali (Francesconi, 2008).

58 Paziente Non Autosufficiente Per non autosufficiente si intende un soggetto che ha difficoltà a svolgere una o più funzioni della vita quotidiana (ADL) autonomamente e che necessita di assistenza per lunghi periodi di tempo di tipo resi-denziale o domiciliare. Fonte: Katz S et al. Studies of illness in the aged. The index of ADL: a standardized measure of biological and psychosocial function. JAMA Sep 21; 185: Fried LP et al. Frailty in older adults: evidence for a phenotype. J Gerontol A Biol Med Sci Mar; 56 (3): M146-M156.

59 Proiezione demografica delle Regioni Italiane, in valori % di anziani non autosufficienti sul totale della popolazione Regione Piemonte 8,0 6,8 6,7 Valle d'aosta 10,4 9,9 9,2 Lombardia 11,6 9,6 9,6 Trentino Alto Adige 11,9 11,9 13,0 Veneto 11,7 10,5 11,0 Friuli Venezia Giulia 8,5 6,8 7,0 Liguria 3,7 2,6 3,9 Emilia Romagna 8,0 7,1 8,5 Toscana 7,4 5,9 6,8 Umbria 6,7 6,6 7,4 Marche 7,5 8,2 8,9 Lazio 10,3 9,3 9,5 Abruzzo 8,5 8,9 9,3 Molise 7,0 7,9 8,6 Campania 13,2 12,4 12,3 Puglia 12,5 10,8 10,2 Basilicata 7,3 8,6 9,5 Calabria 9,2 9,8 10,0 Sicilia 8,9 9,0 9,4 Sardegna 11,7 12,7 11,3 ITALIA 9,8 8,9 9,2 Fonte: Censis-ASSR, 2004

60 Dal contesto epidemiologico i nuovi bisogni di salute I cambiamenti nella struttura per età della popolazione affrontati nel dettaglio precedentemente, associati all invecchiamento della stessa, sono destinati ad avere un profondo e crescente impatto in vari settori economici, politici e sociali Tali problemi impattano sulla produttività e sulla crescita economica e in maniera ancora più evidente sul sistema di assistenza sociale - pensionistico in particolare e massimamente sul sistema socio-sanitario.

61 Dal contesto epidemiologico i nuovi bisogni di salute La domanda di prestazioni socio-sanitarie di lunga durata (Long Term Care, LTC) rappresenta un istanza di crescente importanza in società come le nostre Data la scomparsa della tradizionale famiglia allargata e i cambiamenti dei ruoli sociali, queste persone vivono sempre più spesso da sole e senza le possibilità di aiuto e sostegno derivanti della famiglia stessa.

62 Dal contesto epidemiologico i nuovi bisogni di salute Nonostante i trend sulla prevalenza della non autosufficienza non siano chiari ed uniformi in tutti i Paesi, i decisori politici e sanitari sono chiamati a non sottovalutare il fenomeno dell invecchiamento L organizzazione di sistemi di protezione sociale e sanitaria in modo da rispondere al meglio alle specifiche esigenze di una popolazione sempre più anziana diviene pertanto prioritaria

63 Dal contesto epidemiologico i nuovi bisogni di salute In particolare, i policymakers dovranno adeguatamente strutturare i servizi di LTC, integrando l offerta residenziale con quella domiciliare e bilanciando l assistenza formale con quella informale, in modo da garantire la qualità dei servizi e la sostenibilità economico/finanziaria nel medio - lungo periodo.

64 LE NUOVE REGOLE PER IL CAMBIAMENTO

65 NUOVE REGOLE PER IL CAMBIAMENTO

66

67 LA RETE: metafora e strumento i nodi le maglie il contesto

68 Integrazione/ Coordinamento: A fronte della complessità rappresentata nel sistema, caratterizzata da elevata interazione ed interdipendenza di molteplici elementi, un azione di ricomposizione per la tutela delle condizioni socio sanitarie della popolazione assistita, attraverso un utilizzo razionale delle risorse, deve essere prodotta all interno del sistema. Diviene fondamentale soddisfare il fabbisogno organizzativo di coordinamento/integrazione.

69 Integrazione/Coordinamento: integration or coordination is the process of achieving unity of effort among the various subsystems in the accomplishment of the organization's task. Lawrence e Lorsch, 1967 L integrazione intesa come : ricomposizione unitaria delle azioni di istituzioni, organizzazioni, singoli operatori e assistiti.

70 Meccanismi di Coordinamento: Supervisione diretta: un unico individuo controlla il lavoro degli altri; Standardizzazione dei processi di lavoro: programmazione analitica delle azioni individuali; Standardizzazione degli output: esplicitazione e comunicazione dei risultati da conseguire; Fonte: Mintzberg H., The structuring of organization, Prentice Hall, United States, 1979.

71 Meccanismi di Coordinamento: Standardizzazione delle professionalità: standardizzazione delle capacità e delle conoscenze dei lavoratori attraverso percorsi formativi, producendo autodeterminazione da parte dei soggetti stessi; Standardizzazione dei valori: supportare lo sviluppo di una cultura dell organizzazione attraverso occasioni di incontro per sottolineare valori e comportamenti comuni all interno dell organizzazione stessa; Adattamento reciproco: processo di comunicazione informale tra gli individui, che conducono in maniera indipendente le proprie attività. Fonte: Mintzberg H., The structuring of organization, Prentice Hall, United States, 1979.

72 L integrazione Leutz, 1999 Linkage Forma di collegamento che si realizza tra unità organizzative, o professionisti, esistenti, senza richiedere specifici assetti e relazioni con sistemi esterni. Coordination Richiede una struttura specifica per il coordinamento dell assistenza sanitaria con gli erogatori già esistenti. Questi infatti partecipano ad un sistema ombrello adattando le proprie attività e risorse su programmi condivisi Full integration prevede la creazione di nuovi programmi o unità in cui le risorse provenienti da sistemi diversi sono raggruppate tra di loro. - I livelli di integrazione sono sviluppati sulla base del bisogno + Integrazione a livello di policy, finanziario, organizzativo-gestionale, clinico

73 L integrazione D Amour 2005 L integrazione in modello di interpretazione sociologica prevede che la collaborazione multidisciplinare sia definita attraverso cinque concetti fondamentali: la condivisione, intesa come la messa in comune tra i diversi individui di responsabilità, di dati, di valori e di interventi; l intesa, in cui diversi soggetti costruiscono un rapporto autentico e costruttivo per perseguire insieme obiettivi comuni; il potere, definito come il rafforzamento simultaneo degli individui attraverso la relazione dei componenti di un team; l interdipendenza, ossia una forma di sinergia che porta all attuazione di azioni collettive; il processo, inteso come l insieme delle attività volte al raggiungimento delle finalità della collaborazione. Fonte: D Amour D, Ferrada-Videla M, L. San Martin Rodriguez, M.D. Beaulieu, The conceptual basis for interprofessional collaboration: Core concepts and theoretical frameworks, Journal of Interprofessional Care, (May 2005) Supplement 1:

74 Integrazione, presa in carico e L integrazione intesa come ricomposizione unitaria delle azioni di istituzioni, organizzazioni, singoli operatori e assistiti. si traduce principalmente nella: INTEGRAZIONE proposizione, attuazione e verifica del processo organizzativo di presa in carico istituzionale; realizzazione della continuità assistenziale per pazienti cronici e con bisogni assistenziali complessi.

75 Presa in carico Processo organizzativo teso a fornire una risposta adeguata ai bisogni socio-sanitari e socioassistenziali complessi di persone che necessitano di piani/progetti assistenziali unitari personalizzati per il trattamento della cronicità e della non autosufficienza.

76 Le 4 fasi del processo: Accesso First Contact; Valutazione Multidimensionale del bisogno e produzione di un Piano Assistenziale Individuale (PAI); Coordinamento attuativo tra erogatori e azione di case management; Monitoraggio e rivalutazione.

77 Il processo di presa in carico: Tale processo deve essere presidiato: A livello strategico (governance), in termini di pianificazione e programmazione; A livello tattico (management); A livello clinico (operativo).

78 Il processo di presa in carico: La presa in carico implica, inoltre, l unitarietà di azioni nei diversi livelli e tra i diversi livelli di intervento: Istituzionale; Gestionale; Professionale; I diversi livelli socio-ambientali.

79 Approcci volti alla tutela della salute per il Care delivery system (patients and different providers; continuity of care) Knowledge base (development of practice guidelines) DISEASE MANAGEMENT Paziente cronico MANAGED CARE Health system (organization of health care) Community resources and policy Self management support CHRONIC CARE MODEL cut costs while maintaining quality of care Fonte: Hunter DJ, Fairfiled G Education and debate. Managed care:diseases management BMJ 1997;315:50-53 Wagner EH, Chronic disease care BMJ 2004;328;

80 Paziente cronico Il paziente classificato con specifica malattia cronica Patologie croniche prevalenti in Italia secondo l ultima Relazione sullo Stato Sanitario del Paese pubblicata dal Ministero della Salute (dati riferiti al 2005) sono: scompenso cardiaco: circa di cittadini; diabete: prevalenza del 4,5%; asma: prevalenza del 3,5%; BPCO: 4,5%. Queste malattie croniche sono scarsamente accompagnate dalla promozione di politiche di trattamento e dalla parziale e non sistematica ed appropriata attuazione di interventi di prevenzione, diagnosi, terapia e riabilitazione presso le strutture ed i professionisti dell assistenza primaria, adeguatamente integrati con il livello specialistico.

81 Chronic Care Model Principi e metodologie integrate per l offerta istituzionale del percorso di trattamento di specifiche patologie croniche* Sviluppo delle policy e delle risorse comunitarie: contatto con il sociale ed il no profit al fine di attuare programmi di sostegno e self management Comunità Servizi Sanitari Organizzazione Organizzazione sanitaria: sistema di dell assistenza sanitaria trattamento integrato delle patologie croniche Supporto all autogestione: paziente diventa il vero protagonista dei processi assistenziali Supporto alle decisioni: adozione di linee-guida basate sull evidenza Sistemi informativi clinici: incremento dell utilizzo di sistemi computerizzati e favorendo la creazione di registri di patologia Disegno del sistema di offerta: rifocalizzazione delle modalità d intervento e di interazione interprofessionale degli operatori di assistenza in un team adeguatamente organizzato Pazienti attivamente informati Interazioni Produttive Practice team proattivamente preparati Outcome clinici e funzionali Fonte: Wagner E.H., 2004: Chronic disease care. British Medical Journal;328;

82 Prevalence of Dementia (%) Dementia total Alzheimer's disease Vascular dementia Age (years) Fonte: Ott A, Breteler MMB, van Harskamp F, Claus JJ, van der Cammen TJM, Grobee DE, Hofman A, Prevalence of Alzheimer s desease and vascular dementia: association with education. The Rotterdam study, BMJ, 1995; 310:970-3

83 Assistenza di lungo-termine Comprende forme di assistenza sanitaria, sociale, alla persona e servizi domestici ad esse associati, per un periodo di tempo esteso, senza data di termine predefinita, per le persone non autosufficienti. Tali modalità assistenziali devono essere fornite laddove l assistito pone il suo quotidiano domicilio. - Residenziale - Domiciliare decreto 17 dicembre 2008 "Istituzione della banca dati finalizzata alla rilevazione delle prestazioni residenziali e semiresidenziali. " decreto 17 dicembre 2008 "Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare"

84 Posti letto nelle strutture sociosanitarie per target di utenza prevalente al 31 dicembre 2009 (tassi per 100 mila abitanti) Disabili Anziani Totale Piemonte 76,6 796,4 873,0 Valle d'aosta 55,5 796,1 851,7 Lombardia 120,8 780,0 900,9 P.A. Bolzano 103,9 756,8 860,7 P.A. Trento 106,7 867,0 973,7 Veneto 91,4 768,9 860,3 Friuli V.G. 72,8 860,0 932,8 Liguria 146,4 736,4 882,8 Emilia Romagna 56,7 670,4 727,1 Toscana 51,9 439,0 490,9 Umbria 72,5 250,4 322,9 Marche 56,4 475,2 531,6 Lazio 62,6 241,0 303,6 Abruzzo 68,6 397,5 466,1 Molise 166,8 626,4 793,2 Campania 30,2 30,7 60,9 Puglia 30,4 181,4 211,8 Basilicata 129,6 141,6 271,2 Calabria 42,2 179,4 221,6 Sicilia 80,3 242,8 323,1 Sardegna 73,6 272,0 345,6 ITALIA 74,7 478,4 553,1 Fonte: Istat - "Indagine residenziali socio assistenziali e socio sanitarie" Anno 2011

85 Assistenza e Non Autosufficienza L assistenza fornita agli anziani non autosufficienti o anziani fragili può, essere di natura informale o formale. Assistenza Informale: l assistenza prestata da persone che già sono in contatto con gli anziani destinatari delle loro cure attraverso legami personali diretti, come i familiari, gli amici o i vicini di casa. Assistenza formale: se le cure sono fornite da un infermiere, medico o da un qualsiasi altro professionista,

86 Assistenza Informale La maggior parte degli anziani ricorre per la cura della propria persona e dell ambiente domestico in cui vive all assistenza informale fornita da parenti, amici, conoscenti e volontari L informal care come: l assistenza fornita da caregiver informali quali coniugi/partner, familiari, parenti, amici, vicini ed altri usualmente, ma non necessariamente, con una relazione sociale già esistente con le persone a cui forniscono assistenza. L assistenza informale è di solito fornita a casa ed è tipicamente gratuita.

87 Assistenza Informale L assistenza ad un anziano deve includere sia attività pratiche (fare la spesa, cucinare, etc) che sostegno psicologico. La compagnia è normalmente fornita da assistenti informali, mentre altre attività di sostegno possono essere erogate sia da membri della rete sociale che da assistenti formali.

88 Assistenza Informale Nell assistenza la primary network all interno del Welfare famigliare rappresenta il nucleo essenziale del sostegno disponibile per la gran parte degli anziani in Italia. Per gli anziani senza coniuge o senza figli la rete sociale (formata da amici, vicini e volontari) può avereun ruolo fondamentale Con la parrocchia San Filippo Neri è in corso un tentativo simile atrvaerso le UAOSS.

89 Assistenza Formale L assistenza a domicilio degli anziani non autosufficienti è oggi la modalità assistenziale privilegiata da tutti i governi sia per contrastare il rischio di istituzionalizzazione sia per garantire agli anziani una maggiore qualità della vita. I servizi domiciliari, inoltre, sono erogati con modalità differenti e da più soggetti all interno di ogni singolo paese.

90 Assistenza Domiciliare: modalità Assistenza domiciliare (a carattere sociale), che riguarda gli aiuti rivolti all anziano non autosufficiente nello svolgimento delle attività della vita quotidiana e che viene erogata dai Comuni. Prende il nome di: SAD in Italia, Home Help Services in Gran Bretagna, Aide à Domicile in Francia, Ayuda a domicilio in Spagna.

91 Assistenza Domiciliare: SAD Il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.), ha l obiettivo di aiutare la persona nel disbrigo delle attività quotidiane sollevando in parte la famiglia dal carico assistenziale (es. igiene degli ambienti, servizio di lavanderia, preparazione dei pasti, igiene della persona, disbrigo di commissioni, trasporto, ecc.) Può essere definito tutelare (igiene personale etc) o famigliare (disbrigo commissioni)

92 Assistenza Domiciliare: SAD Contrasta i rischi di istituzionalizzazione. Rivolto a tutti ma in larga prevalenza agli anziani. Il SAD eroga prestazioni di cura della persona e di aiuto domestico e a cui si possono aggiungere le seguenti prestazioni: Somministrazione dei pasti a domicilio; Servizio di lavanderia a domicilio; Disbrigo di commissioni e collegamento con altri servizi sociali.

93 Assistenza Formale Secondo l OECD con il termine di assistenza domiciliare, anche detta home care", si intendono servizi di assistenza a lungo termine che possono essere forniti ai pazienti a domicilio. L assistenza domiciliare è una semplice espressione che racchiude una grande varietà di servizi sanitari e sociali. Questi servizi sono forniti a casa per recuperare disabili, malati terminali o cronici che necessitano di trattamenti medici, infermieristici, sociali o terapeutici e/o di assistenza nelle attività essenziali della vita quotidiana.

94 QUALE E LA SITUAZIONE DELLE CURE DOMICILIARI OGGI IN ITALIA? Assistenza domiciliare prestazionale, infermieristica o riabilitativa Assistenza domiciliare programmata (ADP) Assistenza domiciliare nelle residenze (ADR), Assistenza domiciliare integrata (ADI)

95 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Può essere principalmente intesa in due modi 1. In senso lato come sinonimo di servizio di cure domiciliari modulato al suo interno su più livelli, differenziati per intensità assistenziale. In questo senso può comprendere: - assistenza infermieristica domiciliare; - assistenza domiciliare programmata (ADP) dei MMG; - assistenza domiciliare per particolari tipologie di utenza;

96 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) 2. Può essere inoltre considerato come componente specifica, caratterizzata dalla compresenza di prestazioni sociali e prestazioni sanitarie, del più ampio sistema dell assistenza domiciliare Una sommatoria di tutte le modalità di assistenza a domicilio.

97 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Consente: Presa in carico dell assistito da parte del SSN; Mantenimento del proprio ambiente di vita; Migliorare la qualità di vita del paziente; Umanizzazione del trattamento.

98 ADI: il quadro in Italia L ADI è la modalità di assistenza domiciliare più diffusa in Italia. ADI erogata direttamente dai distretti sanitari. Particolarità Lombardia: 21% assistiti ADI con voucher socio-sanitario. Quasi metà delle regioni ha classificato le varie prestazioni di ADI in due o tre livelli in base all intensità assistenziale. Il Gruppo più ampio delle regioni Italiane (E. Romagna, Piemonte, Sicilia, Toscana, Veneto) ha previsto tre livelli.

99 ADI: il quadro in Italia La maggioranza delle regioni ha previsto varie tipologie di ADI: specialistica (nutrizione artificiale domiciliare (15), cure palliative domiciliari (15), dialisi peritoneale domiciliare (11), riabilitazione domiciliare (4), ecc.

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Patient web empowerment: la web strategy delle Aziende Sanitarie italiane

Patient web empowerment: la web strategy delle Aziende Sanitarie italiane Patient web empowerment: la web strategy delle Aziende Sanitarie italiane Anna Prenestini (CERGAS Università Bocconi) Luca Buccoliero (CERMES Università Bocconi) Elena Bellio (CERMES Università Bocconi)

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR IL RUOLO DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERRITORIO Dr. Bruno Corda La specializzazione dei sistemi porta alla segmentazione cui segue necessariamente l esigenza di integrazione e coordinamento.

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Il welfare nel quadro demografico che cambia

Il welfare nel quadro demografico che cambia Il welfare nel quadro demografico che cambia Giorgia Battaglia Federico Spandonaro Università di Roma Tor Vergata G. Battaglia - F. Spandonaro (Roma 22.3.2012) 1 / 30 Invecchiamento 24,0 % Over 75 21,0

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO

PROPOSTA DI PROGETTO PROPOSTA DI PROGETTO IL NETWORK SANITARIO E SOCIO SANITARIO PER LE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA: SVILUPPO DI UN MODELO DI COLLABORAZIONE PERMANENTE TRA CENTRO DI DECADIMENTO COGNITIVO MEDICO DI MEDICINA

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Riforma ordinamento sanitario

Riforma ordinamento sanitario Riforma ordinamento sanitario L autonomia speciale è ancorata all accordo del 1946 Degasperi Gruber Lo statuto di autonomia del 1948 assegnava un ruolo preminente alla regione e prevedeva per la sanitàuna

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Il contributo dell azione e-welfare alle strategie della pianificazione

Il contributo dell azione e-welfare alle strategie della pianificazione Udine 11 dicembre 2004 A R S Agenzia Regionale della Sanità Regione Friuli Venezia Giulia Fondo Europeo Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e Finanze Regione Autonoma Friuli- Venezia Giulia Il contributo

Dettagli

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA Universita degli Studi del Molise Facolta di Scienze del Benessere XIV SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Campobasso, 22 marzo 2004 L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

Dettagli

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Ranieri Guerra Direttore Generale Prevenzione sanitaria Ministero della salute Piano demenze Piano prev. epatiti Piano vaccinazioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

I Distretti e le 4 s: Sud, Salute, Sostenibilità, e Sviluppo

I Distretti e le 4 s: Sud, Salute, Sostenibilità, e Sviluppo I Distretti e le 4 s: Sud, Salute, Sostenibilità, e Sviluppo Gestione della Fragilità e Sostenibilità: Assistenza Domiciliare di I, II e III Livello. Integrazione Socio-Sanitaria Presa in carico Dott.

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI Roma 15 ottobre 2014 Lorenzo Terranova INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI percorso per un tentativo di lettura quadro di riferimento temi il

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

La Rete Territoriale

La Rete Territoriale ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE La Rete Territoriale Giuseppe Sechi, DG Sanità Cagliari 11 Novembre 2015 La Dimensione

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna Istituto Petroniano Studi Sociali Emilia Romagna 1 Workshop NAZIONALE Venerdì 11 Ottobre 2013 CON NOI E DOPO DI NOI Assistenza e presa in carico delle persone in stato di minima responsività tra SUAP e

Dettagli

L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E IL PUNTO UNICO DI ACCESSO NELLA NUOVA LEGGE DI RIFORMA DEL SISTEMA SANITARIO PROVINCIALE LE PREMESSE

L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E IL PUNTO UNICO DI ACCESSO NELLA NUOVA LEGGE DI RIFORMA DEL SISTEMA SANITARIO PROVINCIALE LE PREMESSE L INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E IL PUNTO UNICO DI ACCESSO NELLA NUOVA LEGGE DI RIFORMA DEL SISTEMA SANITARIO PROVINCIALE LE PREMESSE Il processo di invecchiamento della popolazione sta assumendo dimensioni

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel L esperienza di ospedale virtuale per le dimissioni protette nel 4 Distretto della AUSL Roma A Antonio Calicchia

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 Maria Giuseppina La Falce Segreteria Conferenza Stato-Regioni Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 1. L'integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Scenari del Settore Sanitario

Scenari del Settore Sanitario Scenari del Settore Sanitario Francesco Longo Milano, giugno 2013 1 Agenda 1. Le risorse del SSN: bastano? 2. Trend finanziari di sistema 3. Razionalizzazione input o geografia dei servizi? 4. Innovazioni

Dettagli

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA MODELLI DI PRESA IN CARICO DELLA DIPENDENZA IN ITALIA E IN EUROPA: IL DOPPIO RUOLO DI SERVIZIO SOCIO-SANITARIO E DI MOTORE PER LO SVILUPPO ECONOMICO TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del progetto Ente proponente UNA RETE PER L ALZHEIMER (area disuguaglianze di salute ) Comune di

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli