IL VOLTO CHE CAMBIA. Gestione del paziente. (quando i Quaderni sono stati programmati) S. Nava P. Navalesi M. Neri P. Paggiaro R. Pistelli A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VOLTO CHE CAMBIA. Gestione del paziente. (quando i Quaderni sono stati programmati) S. Nava P. Navalesi M. Neri P. Paggiaro R. Pistelli A."

Transcript

1 BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA IL VOLTO DELLABPCO CHE CAMBIA AUTORI Gestione del paziente N. Ambrosino Come si valutano gli effetti del trattamento della BPCO R. Antonelli-Incalzi Gestione della BPCO V. Bellia Aspetti educazionali del trattamento della BPCO G. Bettoncelli Management clinico della BPCO M. Carone Ruolo del medico di medicina generale nella gestione R. Del Negro della BPCO A. Gerace BPCO: cosa è successo di nuovo dal giugno 2000 S.E. Giustini (quando i Quaderni sono stati programmati) S. Nava P. Navalesi M. Neri P. Paggiaro R. Pistelli A. Potena 6 C. Rampulla F. Rengo A. Rossi C. GIUNTINI L.M. FABBRI V. GRASSI C. Tantucci

2 L opera I Quaderni della BPCO - Il volto della BPCO che cambia è un iniziativa per la Medicina Respiratoria Edizione riservata Boehringer Ingelheim Fuori commercio - Omaggio ai Signori Medici 2003 UTET S.p.A. Scienze Mediche Sede Legale: C.so Raffaello 28, Torino Sede Operativa: V.le Tunisia 37, Milano I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (microfilm e copie fotostatiche compresi), sono riservati per tutti i paesi. L Editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre una porzione non superiore a un decimo del presente volume e fino a un massimo di settantacinque pagine. Le richieste di riproduzione vanno inoltrate all Associazione Italiana per i diritti di Riproduzione delle Opere dell ingegno (AIDRO), via delle Erbe, Milano Tel. e Fax 02/ Le illustrazioni in copertina sono tratte dal volume di Eric N. C. Milne e Massimo Pistolesi: Reading the Chest Radiograph, Mosby,1993 Redazione: Rosy Bajetti Progetto grafico: Benedetta Bini Impaginazione: Fotocompos S.r.l. - Gussago (BS) Fotocomposizione: Fotocompos S.r.l. - Gussago (BS) Stampa: Grafiche Mazzucchelli - Settimo Milanese (MI) Finito di stampare nel mese di luglio 2003

3 I QUADERNI DELLA BPCO PRESENTAZIONE Razionale di un Progetto L a BPCO (Morris, 1965) ha da poco superato la maggiore età: entrando nella fase della maturità come si conviene a un adulto cambia volto. Il che significa l acquisizione di un più definito assetto sul piano fisiopatologico e clinico-terapeutico e di una più precisa presa di coscienza dei problemi da affrontare. Al di là delle suggestioni che evocano e delle informazioni che veicolano, i nomi restano nomi ed è bene non scambiarli subito per fatti. In realtà, da che lo si è introdotto e lo si usa, questo acronimo è sembrato fatto apposta per semplificare e per favorire la pigrizia intellettuale più che per stimolare l approfondimento. Onde la qualificazione di termine ombrello (utile a sottendere realtà cliniche diverse) e di rifugio clinico (buono per tutte le stagioni). Ma, per fortuna, non per tutti e per sempre è stato così. La svolta è iniziata a metà anni 90 con il concorso di una serie di informazioni che in quegli anni si sono rese disponibili: la pubblicazione (e la relativa diffusione) a opera delle due maggiori Società di Medicina Respiratoria (USA- ATS, Europa-ERS) di Linee Guida per la BPCO. Si è trattato di un evento importante: di chiarezza (sulle conoscenze esistenti) e di stimolo (per ulteriori ricerche); la politica sanitaria basata sull evidenza di questa sindrome clinica multiforme e complessa ha valutato il peso (in termini di morbosità e mortalità) anche prospettico: ed è stato così stimato che entro il 2020 la BPCO rappresenterà (a livello mondiale) la 5 a più importante condizione sanitaria (nel 1990 era la 12 a ) a gravare sulla società; nello stesso periodo il Lung Health Study (studio a lungo termine promosso dal NHLBI) documentava che l unico intervento capace di modificare la storia naturale della malattia era costituito dalla cessazione dell abitudine al fumo. Ma altri eventi hanno contribuito a creare valide premesse per un rinnovato interesse nei confronti della BPCO: la crescente attenzione per l Aging Lung e per la Medicina respiratoria in età geriatrica (valgano per tutti i risultati del SARA salute respiratoria nel paziente anziano, studio multicentrico condotto a livello nazionale) determinata dal fatto che la patologia respiratoria cronica diventa sintomatica prevalentemente in questa fascia di età; il progressivo ingresso della biologia in clinica che ha incominciato a interessare anche la BPCO e che, auspicabilmente, finirà col chiarire come nasce la malattia; il crescente interesse a motivo della loro rilevanza clinica nei confronti: delle riacutizzazioni della malattia; dello stato nutrizionale del paziente (nella BPCO grasso è bello ) fattore di rischio parzialmente controllabile; delle prove da sforzo cardio-respiratorio ( quando osservi un paziente è meglio se lo guardi quando sale le scale ); della costante attenzione, infine, per la valutazione della qualità della vita in corso di patologia cronica anche in rapporto ai diversi interventi (farmacologici e non). III

4 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 Questi elementi non disgiunti da un motivato interesse dell industria nella ricerca di farmaci a potenzialità preventiva e sintomatico-curativa hanno accelerato la svolta nel senso presumibilmente più produttivo: modificando l atteggiamento (il modo di porsi) nei confronti della malattia, che da nichilista-minimalista, sfuggenterinunciatario è diventato attento e attivo. Ne sono testimonianza: l incalzante susseguirsi (su riviste internazionali di Medicina Respiratoria e di Medicina Interna) di Editoriali, Relazioni di Simposi, Consensus Conferences ecc.; il Progetto GOLD (Global iniziative for chronic Obstructive Lung Disease) promosso congiuntamente dal WHO e dal NHLBI per approntare linee guida per la definizione, epidemiologia, storia naturale, fattori di rischio, istopatologia, diagnosi e trattamento della BPCO. Di questi aspetti, molti sono ancora quelli in cerca di un efficace soluzione: la necessità (oggi resa possibile) di un adeguato inquadramento nosografico del paziente BPCO, ossia delle diverse forme cliniche che compongono la sindrome (per la quale comincia a essere giustificato l uso del plurale: le BPCO); l urgenza di un efficace sistema di stadiazione in grado di caratterizzare l eterogenea popolazione dei pazienti BPCO per studi clinico-epidemiologici e di valutare la gravità della malattia e la risposta alla terapia; la soluzione del paradosso clinico-terapeutico (esempio unico in medicina) per il quale la BPCO viene definita come condizione caratterizzata da un basso valore di FEV 1 che poco si modifica a seguito della somministrazione di broncodilatatori per poi utilizzare le variazioni di FEV 1 quale indice per valutare l effetto della terapia. La soluzione del paradosso comporta necessariamente l individuazione di nuovi metodi di valutazione della risposta ai trattamenti. Il che significa, in prima istanza, la riacquisizione dell antica familiarità con i volumi e le capacità polmonari in attesa di un (per il momento ipotetico) FEV 1 allargato (che incorpori altre misure utili a valutare l efficacia terapeutica). I problemi restano molti, ma adeguati appaiono finalmente gli strumenti per affrontarli. Del cambiamento di volto questa iniziativa vuole essere testimonianza e a esso fornire qualche contributo. Carlo Giuntini Ordinario di Medicina Respiratoria, Università degli Studi di Pisa Dipartimento Cardio-Toracico, U.O. di Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Ospedale di Cisanello - Pisa Leonardo M. Fabbri Dipartimento di Scienze Mediche Oncologiche e Radiologiche, Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Modena Vittorio Grassi Ordinario di Medicina Interna, Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche 1 a Medicina Spedali Civili - Brescia IV

5 I QUADERNI DELLA BPCO PIANO DELL OPERA 1. I NTRODUZIONE ALLA BPCO BIOLOGIA DELLA BPCO Nel primo Quaderno vengono descritte le modificazioni strutturali che sono alla base delle diverse forme cliniche della BPCO (bronchite cronica ed enfisema, cioè BPCO in senso stretto, cui si fa specifico riferimento nei Quaderni, e asma bronchiale), le definizioni che di queste si danno, i rapporti che tra esse intercorrono. Della sindrome clinica vengono definite la prevalenza, i fattori di rischio acquisiti, la predisposizione genetica e l eziopatogenesi. 2. FISIOLOGIA CLINICA Nel secondo Quaderno vengono descritti i rapporti tra alterazioni strutturali e funzionali con particolare riguardo ai fenomeni della broncostruzione, della limitazione del flusso respiratorio, della broncodilatazione e dell iperinflazione. Si esaminano, inoltre, il comportamento del circolo polmonare e il rapporto che per l apparato respiratorio esiste tra centro e periferia (controllo della ventilazione, genesi della dispnea). 3. DIAGNOSI Il terzo Quaderno è dedicato all approccio diagnostico alle BPCO partendo dall analisi dei dati anamnestico-clinici e integrandoli con quelli strumentali. Si ripercorrono così le varie fasi del ragionamento diagnostico quantitativo, nella misura in cui è applicabile a queste condizioni morbose, nell intento di giungere a un inquadramento nosografico del paziente con BPCO e a una stadiazione della malattia. 4. IL PAZIENTE E LA SUA MALATTIA Il quarto Quaderno è dedicato alla prevenzione e alla storia naturale della BPCO, nonché alle interazioni di quest ultima con l invecchiamento dell apparato respiratorio del paziente, con la qualità della vita, con la comorbilità e con lo stato nutrizionale. 5. TRATTAMENTO Nel quinto Quaderno si prendono in esame gli aspetti terapeutici (farmacologici e non) e riabilitativi che possono influenzare, o meno, la progressione delle BPCO. 6. GESTIONE DEL PAZIENTE Il sesto e ultimo Quaderno è dedicato alla definizione degli aspetti gestionali (ivi compresa la valutazione della risposta ai trattamenti) posti da condizioni morbose difficili da diagnosticare, poco sensibili ai trattamenti, spesso progressive e prevalenti nell anziano dove sono frequente causa di morte. V

6

7 I QUADERNI DELLA BPCO PREFAZIONE La rilevanza clinica del sesto (e ultimo) Quaderno di questa collana è indicata dal titolo (Gestione del paziente con BPCO) e dai Capitoli in cui si sostanzia. Assolutamente cruciale è il primo (Come si valutano gli effetti del trattamento della BPCO: farmacologico e non farmacologico) perché illustra il come e il perché e getta luce in un ambito che troppo a lungo è rimasto grigio, privo di criteri di valutazione (o quanto meno con criteri vaghi e parziali). Si fa dunque chiarezza sulla Valutazione clinico-funzionale (sintomi e prove funzionali) affidato a Pierluigi Paggiaro e Claudio Tantucci, sulla Ventilazione meccanica non invasiva (Andrea Rossi, Stefano Nave e Lorenzo Appendini), sull Ossigenoterapia e ventilazione a lungo termine e riabilitazione (Nicolino Ambrosino, Paolo Navalesi, Pamela Frigerio e Stefano Nava), sugli effetti del Trattamento chirurgico (Claudio Tantucci), per concludere, opportunamente, con l Impatto del trattamento sullo stato di salute (qualità di vita) (Raffaelle Antonelli-Incalzi e Mauro Carone). I quesiti sono molti, ma molte anche le risposte fornite. Il secondo Capitolo tratta della Gestione della BPCO con Programmi di screening (come si ricerca la malattia, i risultati dei programmi di diagnosi precoce), svolto da Riccardo Pistelli, Carlo Giuntini e Sandra Sammarro, delle Raccomandazioni GOLD (Leonardo M. Fabbri e Micaela Romagnoli), che si spera facciano lievitare, a livello internazionale, l interesse per la BPCO, e, di vitale interesse nei nostri giorni, i rapporti costo/beneficio ( BPCO: impatto socio-economico e percorsi gestionali evedence-based ) affidato all esperienza di Roberto Dal Negro e Ciro Rampulla. In una Sanità che cambia, in una Sanità che deve ripensare se stessa, gli Aspetti educazionali del trattamento della BPCO rivestono un valore emergente. Li svolge, con la consueta competenza, Margherita Neri. La BPCO nel contesto delle discipline affini è l argomento del quarto Capitolo: come è vista e come è valutata. In casa propria intanto ( La BPCO nel contesto della pneumologia : Alfredo Potena) e nell ambito, importante, della medicina interna (in La BPCO in medicina interna Vittorio Grassi, Stefania Cossi e Roberto Zulli si pongono alcune domande e forniscono alcune risposte) e in quello, cruciale, della geriatria ( La BPCO nel contesto della geriatria : Vincenzo Bellia, Franco Rengo e Salvatore Battaglia). Lungo questo percorso non poteva mancare, perché è a tutti gli effetti determinante, il punto di vista del medico di medicina generale. Ruolo del medico di medicina generale nella gestione della BPCO è il titolo del quinto Capitolo affidato a tre esperti del settore, di tre diverse aree geografiche del nostro Paese (Germano Bettoncelli Nord; Saffi-Ettore Giustini Centro; Antonio Gerace Sud). Il loro contributo arricchisce questo Quaderno. Si conclude con uno sguardo alla BPCO oltre il 2000 (anno in cui questa collana, con meticolosa cura, è stata programmata) con BPCO: cosa è successo di nuovo dal giugno 2000 (quando i quaderni sono stati programmati). Opportunamente si dedica attenzione al progetto GOLD e, in questo ambito, con rigore, alla definizione di limitazione al flusso nelle vie aeree e ai rapporti tra questa e i sintomi della BPCO. È l ultimo numero. Un po di nostalgia la lascia. Perché questa avventura culturale disegnare il volto della BPCO che cambia è stata concepita e condotta con un alto grado di affettività. La chiudiamo, ora, con la serena consapevolezza di aver prodotto un opera intellettualmente onesta. Dobbiamo molto a molti: a tutti coloro che ci hanno dato il loro tempo e il loro sapere; allo staff UTET che con pazienza, competenza e premura ci ha tenuto per mano; a chi Boehringer Ingelheim ci ha consentito di realizzare quest opera. È stata una bella avventura Carlo Giuntini Leonardo M. Fabbri Vittorio Grassi VII

8 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 Autori Nicolino Ambrosino UO Pneumologia, Dipartimento Cardio-Toracico, Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, Pisa Raffaele Antonelli-Incalzi Università Cattolica del Sacro Cuore, Istituto di Medicina Interna e Geriatria, Roma Vincenzo Bellia Cattedra di Malattie Apparato Respiratorio, Università degli Studi di Palermo, Palermo Germano Bettoncelli Medico di Medicina Generale, SIMG, Ospitaletto, Brescia Mauro Carone Fondazione Salvatore Maugeri, Divisione di Pneumologia, IRCCS Istituto Scientifico di Veruno, Veruno (NO) Roberto Dal Negro UOC Pneumologia, ASL 22 Regione Veneto, Ospedale Orlandi, Bussolengo (VR) Antonio Gerace Medico di Medicina Generale, Presidente Regionale SIMG, Calabria Saffi-Ettore Giustini Medico di Medicina Generale, SIMG Responsabile nazionale Area Farmaco Stefano Nava Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Pavia, Dipartimento di Pneumologia Riabilitativa e Terapia Intensiva Respiratoria Paolo Navalesi Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Pavia, Dipartimento di Pneumologia Riabilitativa e Terapia Intensiva Respiratoria Margherita Neri Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Tradate (VA), UO Pneumologia Pierluigi Paggiaro Dipartimento Cardio Toracico, Sezione Pneumologia, e Fisiopatologia Respiratoria, Università di Pisa, Pisa Riccardo Pistelli Università Cattolica del Sacro Cuore, Istituto di Medicina Interna e Geriatria, Servizio di Fisiopatologia Respiratoria, Complesso Integrato Columbus, Roma Alfredo Potena UO Fisiopatologia Respiratoria, Azienda Ospedaliera Universitaria Arcispedale S. Anna, Ferrara Ciro Rampulla Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS, Pavia, Dipartimento di Pneumologia Riabilitativa e Terapia Intensiva Respiratoria Franco Rengo Cattedra di Gerontologia e Geriatria, Università Federico II, Napoli Andrea Rossi UO Pneumologia, Ospedali Riuniti, Bergamo Claudio Tantucci Cattedra di Malattie Apparato Respiratorio, Università degli Studi di Brescia, 1 a Medicina Spedali Civili, Brescia Collaboratori Lorenzo Appendini UO Pneumologia, Ospedali Riuniti, Bergamo Salvatore Battaglia Cattedra di Malattie Apparato Respiratorio, Istituto di Medicina Generale e Pneumologia, Università degli Studi di Palermo, Palermo Stefania Cossi 1 a Medicina, Geriatria, Spedali Civili, Università degli Studi di Brescia, Brescia, OP Richiedei, Gussago Pamela Frigerio Dipartimento di Emergenza, Azienda Ospedaliera Riguarda Ca Granda, Milano Micaela Romagnoli Dipartimento Misto di Specialità Mediche e Chirurgiche, Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Modena Sandra Sammarro Università Cattolica del Sacro Cuore, Istituto di Medicina Interna e Geriatria, Servizio di Fisiopatologia Respiratoria, Complesso Integrato Columbus, Roma Roberto Zulli Università degli Studi di Brescia, 1 a Medicina Spedali Civili, Brescia VIII

9 I QUADERNI DELLA BPCO Sommario Gestione del paziente 1.COME SI VALUTANO GLI EFFETTI DEL TRATTAMENTO DELLA BPCO 3 TRATTAMENTO FARMACOLOGICO 3 VALUTAZIONE CLINICO/FUNZIONALE 3 Pierluigi Paggiaro, Claudio Tantucci Introduzione 3 Obiettivi della terapia 3 Valutazione clinica 4 Valutazione funzionale 7 Tolleranza allo sforzo 8 Bibliografia 11 TRATTAMENTO NON FARMACOLOGICO 13 VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA 13 Andrea Rossi, Stefano Nava, Lorenzo Appendini Introduzione 13 NPPV e insufficienza respiratoria ipercapnica 14 NPPV e svezzamento 17 Problemi pratici 17 Effetti collaterali 19 Conclusioni 20 Bibliografia 20 OSSIGENOTERAPIA E VENTILAZIONE A LUNGO TERMINE, RIABILITAZIONE 23 Nicolino Ambrosino, Paolo Navalesi, Pamela Frigerio, Stefano Nava Obiettivi e razionale delle forme di trattamento non farmacologico della BPCO 23 Valutazione dell outcome 24 Impairment 24 IX

10 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 Disability 24 Handicap 27 Allenamento all esercizio 27 Effetti dell allenamento all esercizio fisico sull impairment 27 Effetti dell allenamento all esercizio fisico sulla disability 27 Effetti dell allenamento all esercizio fisico sull handicap 27 Effetti dell allenamento all esercizio fisico sulle misure di outcome complementari 28 Ossigenoterapia a lungo termine 28 Effetti dell OLT sull impairment 28 Effetti dell OLT sulla disability 28 Effetti dell OLT sull handicap 28 Effetti dell OLT su misure di outcome complementari 28 Ventilazione non invasiva a lungo termine 29 Effetti della VNI sull impairment 29 Effetti della VNI sulla disability 29 Effetti della VNI sull handicap 30 Effetti della VNI su misure di outcome complementari 30 Bibliografia 30 TRATTAMENTO CHIRURGICO 34 Claudio Tantucci Introduzione 34 Fisiopatologia 34 Selezione dei pazienti 34 Studi randomizzati 35 Studi non randomizzati 35 Criteri di valutazione longitudinale 35 Conclusioni 35 Bibliografia 36 IMPATTO DEL TRATTAMENTO SULLO STATO DI SALUTE (QUALITÀ DI VITA) 37 TRATTAMENTO FARMACOLOGICO E STATO DI SALUTE 37 Raffaele Antonelli-Incalzi Anticolinergici 37 β2-agonisti 38 β2-agonisti più anticolinergici o teofillina 38 Steroidi inalatori 38 Teofillina 38 TRATTAMENTO NON FARMACOLOGICO E STATO DI SALUTE 39 Mauro Carone Ossigenoterapia a lungo termine (LTOT) 39 Ventilazione non invasiva a lungo termine (NIPPV) 39 Programmi di riabilitazione 40 Programmi educazionali 41 X

11 I QUADERNI DELLA BPCO Conclusioni 41 Bibliografia 43 2.GESTIONE DELLA BPCO 47 PROGRAMMI DI SCREENING 47 Riccardo Pistelli, Carlo Giuntini, Sandra Sammarro Introduzione 47 Metodologia di screening e di case-finding 47 Le nostre conoscenze sulla BPCO e la ricerca attiva dei casi 49 La ricerca attiva della BPCO 50 Conclusioni 51 Bibliografia 51 RACCOMANDAZIONI GOLD 52 Leonardo M. Fabbri, Micaela Romagnoli Introduzione 52 Identificazione dei soggetti a rischio 52 Quali sono i fattori di rischio 52 Soggetti a rischio: fumatori con o senza sintomi di bronchite cronica 52 Stadio 0 delle linee guida GOLD: controversie 53 Educazione 53 Cos è la BPCO 53 Riduzione dei fattori di rischio: programmi educazionali per la dissuasione dall abitudine tabagica 53 Ruolo del paziente e degli operatori sanitari nella gestione della BPCO 54 Prevenzione nei confronti del fumo 54 Ruolo degli operatori sanitari nei programmi antifumo 55 Diagnosi di BPCO 55 Monitoraggio della progressione della malattia e sviluppo di complicanze 56 Gestione delle riacutizzazioni di BPCO 57 Prevenzione delle riacutizzazioni 57 Diagnosi di riacutizzazione e valutazione di gravità 58 Gestione domiciliare od ospedaliera delle riacutizzazioni 58 Indicazioni al trattamento ospedaliero delle riacutizzazioni 58 Bibliografia 59 BPCO: IMPATTO SOCIO-ECONOMICO E PERCORSI GESTIONALI EVIDENCE-BASED 61 Roberto Dal Negro, Ciro Rampulla Introduzione 61 Prevenzione 62 Riduzione dei costi ospedalieri 63 Diagnosi precoce di BPCO 63 Ottimizzazione della terapia 64 Organizzazione sanitaria 65 XI

12 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 Prevenzione e trattamento della disabilità 68 Conclusioni 69 Bibliografia 70 3.ASPETTI EDUCAZIONALI DEL TRATTAMENTO DELLA BPCO 75 Margherita Neri Introduzione 75 Educazione dei pazienti 75 La corretta assunzione della terapia inalatoria 76 Ossigenoterapia a lungo termine 77 Educazione e BPCO in ventiloterapia domiciliare 78 Abolizione del fumo 78 Aspetti nutrizionali 80 Bibliografia 80 4.MANAGEMENT CLINICO DELLA BPCO 83 LA BPCO NEL CONTESTO DELLA PNEUMOLOGIA 83 Alfredo Potena Diagnosi e monitoraggio ambulatoriale della malattia 84 Ricovero ospedaliero 85 Riabilitazione 87 Ossigenoterapia 87 Disturbi del sonno e altri disturbi sistemici 87 Conclusioni 88 Bibliografia 88 LA BPCO IN MEDICINA INTERNA 91 Vittorio Grassi, Stefania Cossi, Roberto Zulli Qual è il percorso della BPCO in ospedale? 91 Fino a che punto la BPCO è una malattia internistica e quando invece diventa una malattia specialistica? 94 Qual è il ruolo della medicina interna nell eterogeneo mondo della BPCO? 95 Conclusioni 95 Bibliografia 96 LA BPCO NEL CONTESTO DELLA GERIATRIA 96 Vincenzo Bellia, Franco Rengo, Salvatore Battaglia Introduzione 96 Gestione del paziente con BPCO in età geriatrica 96 Cura continuativa dell anziano con BPCO 98 Bibliografia 99 XII

13 I QUADERNI DELLA BPCO 5.RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA GESTIONE DELLA BPCO 101 INTRODUZIONE 101 Germano Bettoncelli Bibliografia 101 L APPROCCIO DIAGNOSTICO 102 Antonio Gerace Bibliografia 106 IL DISEASE MANAGEMENT DELLA BPCO 106 Saffi-Ettore Giustini La gestione integrata 107 Integrazione delle diverse strutture e dei diversi servizi 107 Condivisione delle informazioni tra i vari attori 107 Benefici clinici e organizzativi di un percorso assistenziale diagnostico e terapeutico 108 Ruolo del MMG 108 Strumenti di gestione 109 Indicazioni per il consulto dello specialista 110 Follow-up 111 Bibliografia 111 ILPAZIENTE CON BPCO RIACUTIZZATA 111 Germano Bettoncelli La diagnosi di riacutizzazione 112 L inquadramento di gravità del paziente 112 Le indagini diagnostiche praticabili 113 La gestione della terapia a domicilio 114 Il paziente ospedalizzato: criteri di stabilizzazione clinica e di dimissione 115 Organizzazione dell assistenza domiciliare 115 Bibliografia BPCO: COSA È SUCCESSO DI NUOVO DAL GIUGNO 2000 (QUANDO I QUADERNI SONO STATI PROGRAMMATI) 117 Carlo Giuntini, Leonardo M. Fabbri,Vittorio Grassi Definizione di limitazione di flusso espiratorio 117 Limitazione di flusso espiratorio e sintomi respiratori 118 Conclusioni 120 Bibliografia 120 XIII

14

15 Gestione del paziente

16

17 I QUADERNI DELLA BPCO 1. Come si valutano gli effetti del trattamento della BPCO TRATTAMENTO FARMACOLOGICO Valutazione clinico/funzionale Pierluigi Paggiaro, Claudio Tantucci INTRODUZIONE Dopo aver inizialmente impostato la terapia farmacologica, in base alla presenza e alla gravità dei sintomi respiratori, alla frequenza anamnestica delle riacutizzazioni, all entità della riduzione del flusso aereo 1, alla risposta sia in flusso sia in volume ai broncodilatatori,misurata acutamente e,quando ritenuto utile, anche dopo un breve periodo di trattamento con steroidi, è indispensabile conoscerne e giudicarne gli effetti nel tempo. A questo scopo, accanto all insostituibile valutazione clinica (rilevazione anamnestica dell andamento dei sintomi, riquantificazione degli stessi, esame obiettivo, controllo delle modalità di assunzione dei farmaci nei dosaggi prescritti e dell aderenza alla terapia ecc.) è possibile e auspicabile anche una valutazione obiettiva della funzione respiratoria e della tolleranza allo sforzo. Non esiste una prassi codificata circa la cadenza dei controlli clinici e funzionali nei pazienti con BPCO in assenza di riacutizzazioni, tuttavia sulla scorta dell esperienza accumulata e delle conoscenze derivanti dagli studi longitudinali sul declino della funzione respiratoria 2 è possibile suggerire uno schema di monitoraggio che tiene conto della gravità dell ostruzione al flusso aereo (tabella 1.1) 3. È necessario ricordare, tuttavia, che al momento attuale le BPCO devono essere considerate malattie ad andamento progressivo e che, pertanto, tendono a peggiorare con il tempo anche in presenza del migliore trattamento disponibile. Obiettivi della terapia Tabella 1.1 Possibile schema di monitoraggio clinico-funzionale dei pazienti con BPCO in fase stabile (modificata da 3 ) Gravità di ostruzione al flusso VEMS > 70% del predetto VEMS < 70% e > 50% del predetto VEMS < 50% del predetto Visita specialistica Ogni 12 mesi Ogni 6 mesi Ogni 3 mesi Ogni 12 mesi Ogni 6 mesi Ogni 3 mesi EGA Ogni 24 mesi Ogni 12 mesi Ogni 3 mesi La BPCO è una malattia cronica progressiva e invalidante. Se l obiettivo di modificare la storia na- Spirometria Ergometria Ogni 3-4 anni Ogni 2 anni 3

18 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 turale della malattia e la progressiva riduzione della funzione respiratoria nel tempo sembra attualmente possibile solo con la cessazione precoce dell abitudine al fumo, ciò non vuol dire che il trattamento farmacologico sia inefficace. Esso, infatti, è capace di migliorare i sintomi e ridurre le limitazioni funzionali connesse alla malattia (come, per esempio, la tolleranza allo sforzo), migliorare la qualità della vita, ridurre il numero e la gravità delle riacutizzazioni e rallentare lo sviluppo delle complicazioni della malattia 1. La sola riduzione delle riacutizzazioni può essere responsabile di una riduzione della mortalità 4. Quindi, un atteggiamento rinunciatario nel trattamento della BPCO non è giustificato e ogni paziente dovrebbe essere attentamente valutato per ottenere il massimo miglioramento possibile nelle condizioni cliniche e funzionali connesse alla sua malattia. Per altro verso, anche un eccesso di trattamento non è giustificato, in quanto non sarebbe capace di modificare l evoluzione della malattia. Gli obiettivi che devono essere perseguiti dal trattamento farmacologico e devono quindi essere attentamente ricercati e valutati nei controlli periodici sono riportati nella tabella 1.2. La maggior parte di questi obiettivi è raggiungibile con un adeguata scelta del trattamento farmacologico e non farmacologico e con l educazione del paziente. Gli ultimi due obiettivi sono, al momento, difficilmente ottenibili con la terapia farmacologica, ma sia la cessazione del fumo sia l ossigenoterapia domiciliare a lungo termine hanno mostrato la capacità di influire positivamente su questi aspetti della malattia. Molti di questi parametri sono valutabili con un attenta indagine anamnestica, alla portata quindi anche del medico di medicina generale, altri richiedono l utilizzo di test strumentali, a cui occorre comunque ricorrere, data anche la scarsa relazione esistente tra sintomi e alterazioni della funzione respiratoria o parametri che esprimono la tolleranza allo sforzo. Tabella 1.2 Obiettivi del trattamento (modificata da 1 ) Migliorare i sintomi, in particolare la dispnea Migliorare la tolleranza allo sforzo Migliorare lo stato di salute Prevenire le riacutizzazioni e le ospedalizzazioni Ridurre il ricorso alle strutture sanitarie Rallentare il declino progressivo della funzione respiratoria Prevenire le complicanze (insufficienza respiratoria, cuore polmonare) Valutazione clinica I sintomi respiratori (la tosse, l espettorazione, la dispnea da sforzo, il respiro sibilante) possono migliorare con il trattamento farmacologico, sia con l uso dei broncodilatatori 5-8 sia, meno frequentemente, con l uso dei corticosteroidi inalatori 9,10 o con la terapia di combinazione 11,12.L entità dell effetto dipende dalle caratteristiche della malattia (in particolare dall entità della componente di reversibiltà dell ostruzione bronchiale di base) e dalla gravità della malattia, anche se solo pochi studi sono stati fatti in tal senso. La tosse e l espettorazione risentono favorevolmente della cessazione del fumo e, meno frequentemente, sono riportati come migliorati dopo trattamento farmacologico. A oggi non esistono metodi standardizzati per la valutazione di questi sintomi.valutazioni semiquantitative per i singoli sintomi sono state applicate in alcuni studi multicentrici 6,11,12, mentre altri autori hanno proposto una scala di punteggio globale dei principali sintomi (tra cui anche tosse ed espettorazione) che sembra essere sensibile al miglioramento apportato dalla terapia farmacologica 13. La dispnea è il sintomo principale della BPCO e rappresenta quindi un obiettivo importante del trattamento farmacologico. La valutazione della dispnea è resa difficile dall eterogeneità dei meccanismi che la determinano in ciascun soggetto (alterazioni della meccanica respiratoria, trofismo dei muscoli scheletrici, stato psicologico del paziente, comorbilità cardiovascolare ecc.) e dalla diversa modalità di espressione dei pazienti 14.I metodi più semplici per la valutazione della dispnea sono il ricorso alla classificazione MRC (Medical Research Council) della dispnea 15 e la scala BDI/TDI (Baseline and Transition Dyspnea Indexes) 16. La prima si basa sulla distinzione in cinque gradi di attività fisica di intensità decrescente che causano dispnea. Questa classificazione è molto utile per la distinzione della gravità della dispnea tra soggetti, è parzialmente correlata con l entità della compromissione funzionale respiratoria, ma è poco sensibile alle variazioni apportate dalla terapia farmacologica 5,10. La scala BDI/TDI proposta da Mahler si compone di una valutazione iniziale della gravità della dispnea, distinta in diverse componenti e personalizzata per ogni individuo (baseline dyspnea index, BDI), e in una valutazione delle variazioni che si realizzano in un periodo più o meno lungo di follow-up (tran- 4

19 1. COME SI VALUTANO GLI EFFETTI DEL TRATTAMENTO DELLA BPCO 1,6 1,4 1,2 1,0 *** *** *** *** *** Figura 1.1 Valore medio del punteggio TDI (transitional dyspnea index) nel corso del periodo di trattamento con placebo (rombi, N = 325) e con tiotropio (triangoli, N = 507), dopo aggiustamento per il valore BDI (baseline dyspnea index), per il diverso centro e per il trattamento 8. Punteggio TDI 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 0,2 0, Giorni sitional dyspnea index,tdi). Questa scala è stata utilizzata in vari studi multicentrici per valutare l efficacia della terapia farmacologica nella BPCO, mostrando risultati positivi, in particolare per alcuni broncodilatatori 8 (figura 1.1). Comunque la scala di Mahler, che è stata tradotta in varie lingue tra cui l italiano, è di difficile comprensione per il paziente e di non facile somministrazione. La sua correlazione con il VEMS (volume espiratorio massimo nel primo secondo) e altri parametri funzionali respiratori (come per esempio la massima pressione inspiratoria, indice indiretto della forza dei muscoli respiratori) è modesta. Presenta tuttavia una discreta ripetibilità intrasoggetto ed è sensibile all andamento progressivo della malattia negli anni 17. Un altro modo per quantizzare la dispnea è quello di far ricorso alla scala di Borg prima e dopo un test da sforzo (sia la prova da sforzo cardiorespiratorio o più semplicemente il test dei 6 minuti o altri test analoghi).tale parte verrà trattata in seguito. Negli ultimi anni sono stati sviluppati e applicati alla gestione della BPCO vari questionari di valutazione della qualità della vita. Tali questionari indagano con appropriate domande l importanza dei sintomi della malattia, la loro influenza sulle attività della vita quotidiana, le limitazioni apportate dalla malattia e l impatto psicologico prodotto 18. Si distinguono in questionari generici di malattia (il Sickness Impact Profile, SIP, o il questionario SF-36) e specifici per le malattie respiratorie croniche; tra questi ultimi, i più conosciuti e applicati sono il Chronic Respiratory Questionnaire (CRQ) e il St. George s Respiratory Questionnaire (SGRQ). Quest ultimo questionario, autosomministrato dal paziente, si compone di tre sezioni che indagano i sintomi respiratori, le attività della vita quotidiana e l impatto della malattia sul paziente 19. Il questionario è stato tradotto e validato in varie lingue, tra cui l italiano. Dal questionario sono ricavabili un punteggio specifico per le varie sezioni e un punteggio globale che permette di quantizzare la risposta al questionario. È stata anche valutata quale potrebbe essere la variazione minima clinicamente significativa, che per il SGRQ è stata valutata attorno a 4 punti 20.Vari studi hanno dimostrato che tali questionari di qualità della vita sono sensibili agli effetti positivi del trattamento farmacologico 6,8,11,12,21,22 (figura 1.2), anche se sono stati maggiormente utilizzati per la valutazione dell efficacia della riabilitazione respiratoria 23,dove hanno mostrato una maggiore sensibilità, forse in relazione alla maggiore complessità e complementarietà dell intervento terapeutico riabilitativo rispetto a quello puramente farmacologico. I questionari sulla qualità della vita sono comunque fortemente influenzati da fattori psicosociali difficilmente controllabili e, pertanto, presentano una correlazione scarsa o talora assente con altri indicatori clinici o funzionali della BPCO. Sono di non facile somministrazione e interpretazione e si prestano più a valutazioni di gruppi di pazienti che di un singolo soggetto. Nella pratica clinica è comunque importante sottolineare che, in maniera più o meno standardizza- 5

20 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 6 p = 0,0007 p = 0,01 0 p = 0,4 Punteggio SGRQ Soglia di variazione clinicamente significativa 10 Placebo Salmeterol 50 µg Salmeterol 100 µg Figura 1.2 Variazioni nel punteggio totale del SGRQ nelle 16 settimane di trattamento con placebo, salmeterolo 50 µg 2 volte al giorno e salmeterolo 100 µg 2 volte al giorno. Una riduzione nel punteggio indica un miglioramento nella qualità della vita 21. ta, è necessario che la raccolta dei sintomi sia considerata un elemento importante per la valutazione dell efficacia del trattamento farmacologico. Ciò vale particolarmente per il medico di medicina generale, anche se l interpretazione del significato dei sintomi respiratori dipende dalla conoscenza dei risultati delle indagini strumentali.alcuni autori hanno suggerito una specie di check-list di informazioni importanti da richiedere attentamente al paziente con BPCO per capire se il trattamento farmacologico è stato efficace 24 (tabella 1.3). Un altro indice clinico che è stato frequentemente utilizzato per la valutazione dell efficacia della terapia è stato il consumo del farmaco d emergenza, in particolare del β 2 -agonista a rapida azione utilizzabile al bisogno per il miglioramento della dispnea.tale indice è stato mutuato per la BPCO dalle informazioni ricavate dagli studi sull asma, dove si è dimostrato effettivamente una buona spia del controllo della malattia. Ciò, tuttavia, non è vero per la BPCO, almeno per quei soggetti che non hanno un importante componente di variabilità e di reversibilità dell ostruzione bronchiale. Infatti, il paziente con BPCO non reversibile ha dispnea fondamentalmente in relazione all attività fisica, che il paziente può quindi volontariamente limitare, limitando conseguentemente l uso del farmaco. Comunque alcuni studi hanno dimostrato anche per questo indice un miglioramento con l instaurarsi di un trattamento regolare 5,8,11. La valutazione clinica deve inoltre comprendere informazioni relative al numero e alla gravità delle riacutizzazioni di BPCO che si sono realizzate nel periodo di trattamento farmacologico,nonché informazioni dettagliate sull entità di ricorso alle risorse sanitarie (visite mediche, ricoveri ospedalieri ecc.). Una riduzione della gravità e della frequenza delle Tabella 1.3 Proposta di uno schema di raccolta anamnestica relativa alle variazioni apportate dal trattamento alla sintomatologia del paziente (modificata da 24 ) Domanda iniziale La cura è stata efficace? Ulteriori domande Rispetto a prima: ha osservato qualche miglioramento di un certo rilievo nelle sue attività quotidiane? oppure: è ora capace di effettuare una maggiore attività fisica, come camminare, o sociale, come uscire con amici c è un qualche miglioramento nella mancanza di respiro durante le attività quotidiane? c è un qualche miglioramento nella tosse? c è un qualche miglioramento nel catarro? c è un qualche miglioramento nell uso del suo farmaco d emergenza? le sembra di dormire meglio? ha notato qualche altro miglioramento? 6

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821.Linee Guida della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ed Ossigenoterapia Scopo del Lavoro La broncopneumopatia

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 -

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli