Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 UNIVERSIT ç A DEGLI STUDI DI MODENA Facoltça di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Supporto alla gestione di dati distribuiti in applicazioni di workæow mediante tecnologia DDBMS: progetto e realizzazione Relatore: Tesi di Laurea di: Chiar.mo Prof. Sonia Bergamaschi Nicola Fiorenzi Correlatore: Dott. Ing. Maurizio Vincini Anno Accademico

2

3 Parole chiave: Workæow Database distribuiti Replica di dati Dynamic Ownership Distributed Database Management System commerciale

4

5 Ai miei genitori

6 RINGRAZIAMENTI A conclusione di questo lavoro desidero ringraziare le persone che, direttamente o indirettamente, lo hanno reso possibile. Prima di tutto vorrei ringraziare la Professoressa Sonia Bergamaschi per l'aiuto fornito nella realizzazione della presente tesi. Un ringraziamento particolare va inoltre all'ing. Maurizio Vincini per la preziosa collaborazione e la costante disponibilitça. Un grazie, inæne, va anche alla Dott.ssa Alessandra Garuti per l'introduzione al Visual C++ e al signor Livio Laurora per la disponibilitça e l'aiuto nella conægurazione delle postazioni di SQL Server. Vorrei poi spendere qualche parola di ringraziamento per le persone che mi hanno accompagnato in questo lungo viaggio che mi ha portato alla laurea. Prima di tutto, ringrazio la mia famiglia per avermi sempre sostenuto in questi anni e avermi permesso di portare a termine gli studi nel migliore dei modi. Ringrazio poi i compagni dell'equipaggio per esserci sempre stati, ogni volta che c'era da fare pausa, uscire a cena, fare baracca. In particolare, grazie al capitano T. J. Kirk Antonio Antani; al sottouæciale Pippo Sulu, con cui ho avuto un imponente rapporto epistolare èelettronicoè; al dottor Carullo Max McCoy Bavaglino; alla nemica Jessy Chessy Klingon; a Katia Ura; a Massi Cerbiattone-Sorriso-Tintinnante, il piçu bell'uomo che l'ingegneria ricordi e nostro maestro di vita; a Scotty Devil "Toxic" Denis; al M.I.B Tiziano; al mitico help on line S.H.L e ai "DOH" che mi hanno aiutato ad andare avanti nei momenti diæcili. Un grosso grazie all'intero uæcio dottorandi per la simpatia e l'ospitalitça; ad Alberta, compagna di tesi, mouse contro mouse, per quasi sei mesi; a Sparc20 che ha sempre funzionato egregiamente. Ringrazio inoltre, la Scossa Shock Band per le serate di musica ed il Leader per avermi riportato a suonare il R&R; la squadra di volley per le partite e le serate in amicizia al Goblin. Ringrazio inæne Fra per essermi stata accanto, sempre e comunque, in tutti questi anni. Se qualcuno manca, çe solo perchçe non ho memoria suæciente per ricordare tutti.

7 Indice Introduzione 1 1 Introduzione al Workæow Che cos'çe il workæow? La promessa del workæow Chi utilizza il workæow e perchçe L'evoluzione del Workæow Concetti chiave Logica di processo Risorse umane per i task Risorse informative peri task Process management Come funziona il workæow Architettura dei prodotti Modello di implementazione dei prodotti di workæow Modelli di workæow Limiti dei prodotti attuali Limiti del modello di workæow basato sui task Limiti dei ruoli Limiti nella gestione dei processi Limiti nella gestione dei dati La decisione sul workæow Per cosa çe indicato il workæow? Selezione dei prodotti Alcune parole sull'implementazione Gli standard La Coalition Standard alternativi Previsioni sul mercato L'oæerta Gli standard

8 ii INDICE La domanda I prezzi Lo scenario Modellazione di processi di workæow Introduzione L'approccio della Coalition Activity Net Osservazioni La ricerca Lo schema di workæow Osservazioni Il mercato IBM Flowmark ATI ActionWorkæow Conclusioni I dati I ruoli Trattamento dei dati in processi di workæow distribuiti Il modello DOM Esempio Il modello Cenni sull'implementazione del modello Evoluzione del modello Modiæche iniziali Confronto con i sistemi di workæow DOM vs workæow Osservazioni e commenti I sistemi utilizzati Action Workæow System Il Process Builder Componenti Funzionali La Call Tracking Application Osservazioni e commenti Microsoft SQL Server Il sistema di replica di SQL Server L'ambiente software di implementazione

9 INDICE iii 5 Progetto di un supporto alla gestione di dati distribuiti per applicazioni di workæow Motivazioni Workæow distribuito Modello di workæow ActionWorkæow: da client-server a virtualmente distribuito Data-æow distribuito Architettura del sistema Fase di conægurazione Fase di esecuzione Setup del sistema Implementazione del sistema Il DOM Builder La prima versione Le modiæche apportate al DOM Builder Il sistema distribuito Distribuzione di ActionWorkæow System Sviluppi futuri Conclusioni 156 A Glossario dei termini del workæow 159 B Concetti base dei DDBMS 179 B.1 Introduzione ai sistemi distribuiti B.2 Sistemi di gestione di basi di dati distribuite B.3 Livelli di trasparenza nei DDBMS B.4 Architettura dei DDBMS B.4.1 User processor B.4.2 Data processor B.5 Frammentazione e replica dei dati B.5.1 Tipi di partizione B.5.2 Grado di frammentazione B.5.3 Alternative di allocazione B.5.4 Replica dei dati B.6 Sicurezza dei dati B.7 Esecuzione delle query B.8 Gestione delle transazioni distribuite B.8.1 Transaction manager

10 iv INDICE B.9 Controllo della concorrenza distribuita B.10 Reliability C Esempi di script 209 C.1 Stored procedure mynewdev C.2 Script di modæca delle tabelle di aws C.2.1 Generazione delle chiavi primarie C.2.2 Generazione delle tabelle di awsdup C.2.3 Esempi di trigger Bibliograæa 222

11 Elenco delle ægure 1.1 Il workæow raæorza la logica dei processi e trasporta le risorse per i task La tipica struttura di un task di workæow Persone, task e ruoli La struttura di un generico prodotto di Workæow Diagramma stati-transizioni per l'istanza di un processo Il Modello di riferimento del Workæow: componenti e interfacce Spesa mondiale èmilioni di $è in prodotti e servizi di workæow Spesa mondiale èmilioni di $è in prodotti di workæow per area geograæca Un semplice Activity Net di esempio OR-Split e OR-Join AND-Split e AND-Join Iteration Il simbolo graæco per il task di workæow I simboli graæci usati nella rappresentazione del workæow Supertask e multitask Un semplice processo di esempio Il modello di una conversazione La conversazione oworkæow loop in ActionWorkæow Il æusso della pratica di esempio Rete a stella Il mapping sito-ruolo Il nuovo diagramma stati-transizioni della pratica Schema E-R della pratica Un DST di esempio L'AN corrispondente al DST di esempio La conversazione o workæow loop in ActionWorkæow I componenti funzionali di ActionWorkæow

12 vi ELENCO DELLE FIGURE 4.3 La "mappa" della Call Tracking Application I componenti del sistema di replica di SQL Server Partizione verticale Partizione orizzontale Partizione mista Tipologia central publisher Tipologia Publishing Subscriber Tipologia central subscriber Tipologia PublisherèSubcriber Tipologia multiple publisher of one table Esempio di sistema misto: distribuito e clientèserver Implementazione del two-phase commit protocol nel MS-DTC Recovery nel MS-DTC Il workæow della pratica di esempio Il workæow con i ruoli della pratica di esempio Il diagramma stati-transizioni della pratica Architettura del sistema Il workæow della pratica di esempio secondo ActionWorkæow Funzionamento del C.A.S.E Replica unidirezionale di aws Replica bidirezionale di aws Il funzionamento dei trigger per la replica di aws A.1 I termini del workæow e le loro relazioni A.2 Dalla deænizione di processo alle worklist A.3 Rapresentazione graæca di un processo A.4 Rapresentazione graæca dell'and-split e dell'and-join A.5 Rapresentazione graæca dell'or-split e dell'or-join A.6 Rappresentazione graæca di un ciclo A.7 Gli stati possibili dell'istanza di un processo A.8 Gli stati possibili dell'istanza di una attivitça B.1 Database centralizzato B.2 Distributed Database System B.3 Livelli di trasparenza B.4 Architettura ANSIèSPARC B.5 DDBS reference B.6 Componenti di un DDBMS B.7 Schema di esecuzione di una query su DDBS B.8 Schema del distributed execution monitor

13 ELENCO DELLE FIGURE vii B.9 Funzionamento del two-phase commit protocol

14 viii ELENCO DELLE FIGURE

15 Introduzione Un'azienda che voglia aærontare competitivamente il mercato, non puço ignorare le spinte propulsive delle nuove tecnologie, soprattutto quelle dell'informatica. Questa, infatti, propone soluzioni nuove avecchi problemi, aumentando le capacitça competitive delle aziende e rimodellandole nella struttura. E ç diæcile dire dove æniscano i bisogni reali e inizino invece quelli ættizi creati dal mercato, certo çe che le aziende si devono confrontare criticamente con un mondo che evolve sempre piçu verso soluzioni che tentano di sfruttare la tecnologia informatica in ogni settore. L'informatica çe entrata e penetrerça con sempre piçu forza in azienda, non solo nell'area della produzione, dove giça da tempo lavorano macchinari guidati da computer, ma un po' in tutti i settori. In ambito gestionale, ad oggi, l'informatica çe spesso ridotta ai sistemi di videoscrittura, ai fogli di calcolo, ai database per gestire archivi di vario tipo. Manca quindi, rispetto alla funzione di produzione, un'automazione spinta dei processi gestionali, che faciliti il lavoro di gruppo, sfruttando al meglio le potenzialitça dicomputer, di reti locali sempre piçu economiche, ottimizzando procedure e risparmiando lavoro, tempo, carta. Le piçu recenti proposte in questo campo vengono dal settore dei sistemi di workæow, che si presentano come un'ottima opportunitça per un salto di qualitça nella gestione dei processi aziendali. In ambito aziendale sono molte le attivitça che richiedono, per essere portate a termine, il succedersi di piçu passi e il coinvolgimento di piçu attori con compiti speciæci: idealmente un processo aziendale dovrebbe æuire dall'inizio alla æne, nel minor tempo possibile, col minimo sforzo, passando da un agente al successivo æno al completamento. I sistemi di workæow propongono l'automazione dei æussi di lavoro implicati da questi processi, sfruttando i supporti informatici. Ivantaggi che un sistema di workæow puço portare sono principalmente tre: æ aumento dell'eæcienza, che porta a minori costi o ad una piçu alta capacitça di carico di lavoro;

16 2 Introduzione æ aumento del controllo, risultante dalla standardizzazione delle procedure; æ aumento della capacitça di gestione dei processi: i problemi di performance vengono evidenziati meglio e compresi, e c'çe in generale una riorganizzazione dei processi stessi. La promessa del workæow, quindi, çe di far risparmiare alle aziende lavoro, carta, ridurre i tempi morti nell'esecuzione dei processi e migliorare la qualitça dei processi stessi attraverso la standardizzazione delle procedure èmolto importante in aziende che vogliono avviarsi alla certiæcazione dei propri processiè. D'altra parte, perço, i sistemi reali non mantengono appieno ciço che promettono, soprattutto a causa della relativa novitça di questo settore, ancora troppo "giovane" e privo di standard æssati ed accettati. I prodotti commerciali presentano difetti in vari ambiti, ma le carenze piçu importanti riguardano la gestione dei dati e il supporto per ambienti distribuiti. In particolare, nella gran parte dei sistemi di workæow, non çe chiara la distinzione fra dati di controllo del æusso e dati dell'applicazione implementata, non si lascia il giusto spazio alla deænizione di dati dell'applicazione, mancano adeguati supporti di modellazione dei æussi di dati e di gestione degli stessi. Inoltre, a parte rare eccezioni, i prodotti di workæow sono basati sul paradigma clientserver e non oærono quindi le funzionalitça, oggi cosç richieste, di gestione di processi distribuiti. Quest'ultima mancanza çe grave e limitante per questo tipo di sistemi, soprattutto in una realtça dinamica come quella odierna, in cui sempre piçu le aziende tendono a decentralizzare determinate funzioni e a favorire l'elaborazione locale dei dati. Si distinguono in questo ambito i sistemi di gestione di basi di dati distribuite èddbmsè, che tramite la replica dei dati riescono a fornire il supporto informativo necessario ad aziende che sono divise in dipartimenti ubicati in luoghi diversi. Da queste osservazioni trae spunto il presente lavoro di tesi, che si ripropone di integrare le carenze dei sistemi di workæow tradizionali utilizzando una tecnologia giça aæermata qual'çe quella dei DDBMS. Si propone infatti il progetto e la realizzazione di un sistema di workæow che supporti l'elaborazione distribuita e sia adatto ad applicazioni data-intensive, in cui cioçe sono i dati utilizzati ad essere il cuore del processo aziendale. Il progetto e la realizzazione del sistema sono basati su due sistemi commerciali, uno di workæow e un DDBMS, per dare maggiore concretezza all'intero lavoro. La proposta, che si inserisce in un ampio ælone di ricerca, pone quindi particolare attenzione al trattamento dei dati in applicazioni di workæow distribuito, utilizzando un modello di replica, chiamato Dynamic Ownership, sviluppato all'universitça di Modena e presentato in un precedente lavoro di tesi. Questo

17 Introduzione 3 modello, infatti, presenta caratteristiche che lo avvicinano al workæow, di cui aæronta proprio l'aspetto relativo ai dati e al loro æusso. Il contenuto della tesi si articola nel modo seguente. Il primo capitolo çe dedicato ad una panoramica sul mondo del workæow: in esso si forniscono i concetti chiave dell'approccio, si descrivono architetture e funzionalitça dei sistemi attuali, si evidenziano i limiti degli stessi, si oære qualche notizia sul mercato e sulla sua possibile evoluzione. Il secondo capitolo si propone di aærontare il problema della modellazione dei processi di workæow, facendo un'analisi comparativa fra diversi approcci ad essa ègli standard, la ricerca, il mercatoè. Il terzo capitolo presenta il modello Dynamic Ownership, descrivendo le caratteristiche salienti, proponendo alcune modiæche evolutive e mettendolo a confronto con i sistemi di workæow. Nel quarto capitolo si oære una breve descrizione dei sistemi utilizzati nella tesi èactionworkæow della Action Technology Inc. e Microsoft SQL Serverè, cui si farça riferimento nel seguito del lavoro. Nel quinto capitolo si presenta il progetto del supporto alla gestione di dati distribuiti per applicazioni di workæow, la cui implementazione çe invece descritta nel sesto capitolo.

18 4 Introduzione

19 Capitolo 1 Introduzione al Workæow Il Workæow Management consiste nell'automazione di procedure o æussi di lavoro in cui vengono condivisi fra piçu partecipanti, in accordo a regole ben deænite, documenti, compiti da svolgere ètask è, informazioni. I prodotti di workæow, come altre tecnologie software, si sono evoluti da diverse origini: da sistemi di gestione di immagini o di documenti, da DBMS relazionali o ad oggetti, da sistemi di posta elettronica. Le aziende che hanno lanciato i primi prodotti di workæow, hanno ideato e proposto una terminologia e delle interfacce ad hoc, spesso svolgendo un lavoro di adattamento dei loro prodotti di tipo gestionale preesistenti. Il nuovo mercato che çe nato èe che çe in continua e rapida evoluzioneè, ha proposto una notevole varietça di prodotti di workæow, tanto che çe nata presto la necessitça diavere una base comune a cui fare riferimento sia per i produttori di software, sia per i possibili utenti. Il tentativo piçu importante di colmare questo vuoto çe cominciato nel 1993 con la nascita della Workæow Management Coalition èwf MCè, ma sono in corso anche altri tentativi di standardizzazione da parte di gruppi di aziende diverse. In questo capitolo tenteremo di entrare nel mondo del workæow per spiegare che cosa çe, come çe fatto, come funziona, quali limiti ha e in che modo si sta sviluppando il suo mercato. Le informazioni e le notizie raccolte fanno in gran parte riferimento a ë16ë e a ë7ë. 1.1 Che cos'çe il workæow? In ambito aziendale sono molte le attivitça che richiedono, per essere portate a termine, il succedersi di piçu passi e il coinvolgimento di piçu attori con compiti speciæci. Idealmente un processo aziendale dovrebbe æuire èto æow è, dall'inizio alla æne, nel minor tempo possibile, col minimo sforzo, passando da un agente al successivo æno al completamento. Per rendere possibile

20 6 Introduzione al Workæow Logica di processo Task Task Task Task Task Risorse informative Dati Documenti Applicazioni Risorse umane Figura 1.1: Il workæow raæorza la logica dei processi e trasporta le risorse per i task questo æusso çe necessario identiæcare le attivitça èo task è, che compongono il processo aziendale, assegnarle ai corretti esecutori, e ricostruire poi il processo stesso come æusso di lavoro coordinato. Collegando quest'idea con le tecnologie informatiche sono nati i sistemi di gestione di workæow èwfmsè, i quali forniscono un supporto software per automatizzare, ove possibile, le procedure e i processi aziendali opportunamente "rivisitati" mediante quello che çe noto come Business Process Reengineering, èbprè La promessa del workæow Il workæow promette di fornire una soluzione all'annoso problema della gestione e del supporto all'esecuzione dei processi aziendali. Le aziende sono motivate dalla prospettiva di risparmiare: lavoro, carta, ridurre i tempi morti nell'esecuzione dei processi e migliorare la qualitça dei processi stessi attraverso la standardizzazione delle procedure. Il workæow puço aiutare le aziende in un'esecuzione piçu eæciente e consistente dei processi. La novitça della proposta sta nel modo in cui le tecnologie informatiche vengono sfruttate per supportare il lavoro strutturato. Ciço che il workæow oære çe un nuovo paradigma per la divisione del lavoro fra persone e computer. Un sistema di workæow, come mostra la Fig. 1.1: æ documenta e raæorza la logica che governa le transizioni fra i vari task all'interno di un processo; æ raccoglie e mette insieme le risorse umane e informative necessarie a portare a termine ciascun task.

21 Chi utilizza il workæow e perchçe 7 I sistemi di workæow forniscono una base di controllo dei processi che permette l'unione "just-in-time" fra i task da eseguire e le persone disponibili a fare il lavoro; forniscono inoltre supporto alla progettazione èmodellazioneè e all'esecuzione dei processi. Il semplice controllo dei processi non çe perço suæciente: costringere i lavoratori a seguire il processo sbagliato va a danno della produttivitça, piuttosto che incrementarla. Le funzionalitça di controllo sui processi oæerte dai prodotti di workæow dovrebbero essere idealmente bilanciate da piçu ampie capacitça di gestione dei processi stessi. Un elemento essenziale del "process management" çe l'abilitça di rimodellare i processi, sia per sfruttare al meglio le risorse disponibili, sia per rispondere adeguatamenteanuovi bisogni. Molti, anche se non tutti, i prodotti di workæow, oærono supporto diretto per questo importante aspetto Chi utilizza il workæow e perchçe I sistemi di workæow vengono utilizzati da molte orgnizzazioni diverse e in diversi modi. Per esempio: æ le compagnie di assicurazione utilizzano il workæow per velocizzare la gestione dei reclami mantenendone perço il controllo; æ alcuni dipartimenti governativi inglesi utilizzano il workæow per aumentare l'eæcienza nel prendere le decisioni riguardo i pagamenti di indennitça della previdenza sociale; æ organizzazioni di tutti i tipi stanno utilizzando il workæow per aumentare l'eæcacia delle loro operazioni di servizio clienti e per la gestione degli ordini; æ il workæow viene utilizzato per supportare procedure amministrative standard, come il reporting sul personale o la gestione dei reclami sulle spese; æ processi molto complessi, come i progetti di sviluppo di prodotti software imponenti, sono ad oggi supportati da sistemi di workæow. La maggior parte delle organizzazioni sono motivate da tre fattori: æ aumento dell'eæcienza, che porta a minori costi o ad una piçu alta capacitça di carico di lavoro; æ aumento del controllo, risultante dalla standardizzazione delle procedure;

22 8 Introduzione al Workæow æ aumento della capacitça di gestione dei processi: i problemi di performance vengono evidenziati meglio e compresi, e c'çe in generale una riorganizzazione dei processi stessi. La domanda per prodotti di workæow negli ultimi anni sta letteralmente esplodendo. Tuttavia il workæow non çe necessariamente la giusta soluzione per tutti i tipi di processi e gli stessi prodotti diæeriscono molto fra loro per funzionalitça, condividendo invece parecchi limiti L'evoluzione del Workæow. Sono molti i prodotti che negli anni hanno supportato funzioni ora proprie dei sistemi di workæow, ma solo oggi si riconosce l'importanza di questo mercato di IT èinformation Technologyè, nell'evoluzione del workæow come tecnologia a se stante. Vediamo alcune delle aree interessate da prodotti di questo tipo. æ Image Processing. Il workæow çe stato associato molto strettamente ai sistemi di Image Processing, e d'altra parte, molti di essi possono fornire funzioni tipiche dei prodotti di workæow. Molti processi aziendali coinvolgono documenti su supporto cartaceo che devono essere digitalizzati ètramite l'uso di uno scanner, ad esempioè, per poter essere utilizzati dai computer. Una volta resi disponibili in forma elettronica ècome immaginiè, questi vengono spesso passati fra piçu partecipanti e possono interagire con altre applicazioni di IT, creando cosç una prima forma di workæow. æ Document Management. La tecnologia di Document Management çe incentrata sulla gestione del ciclo di vita dei documenti elettronici. Sempre piçu, oggigiorno, ciço signiæca poter oærire funzionalitça di gestione di archivi di documenti distribuiti fra vari siti su cui çe dislocata un'impresa. Si crea cosç una risorsa condivisa con tutta una serie di utilities per l'invio di documenti, per l'accesso ad essi in lettura o modiæca a seconda dei ruoli occupati dagli utenti all'interno dell'organizzazione. Se poi il documento entra a far parte di un processo aziendale che richiede l'accesso ad esso da parte di diversi utenti che intraprendono diverse attivitça in accordo a particolari regole procedurali, si puço a ra gione parlare di una forma di workæow document-oriented. æ Electronic Mail & Directories. I programmi di posta elettronica rappresentano un sistema potente di distribuzione di informazioni fra individui diversi all'interno di un'organizzazione o fra organizzazioni

23 L'evoluzione del Workæow. 9 diverse. L'uso del meccanismo dei direttori, inoltre, fornisce la possibilitça di identiæcare gli individui all'interno di un dominio di posta elettronica e di registrare per ognuno di essi attributi come il ruolo organizzativo o altri legati a particolari processi aziendali. I sistemi di posta elettronica si sono cosç evoluti verso funzionalitça tipiche dei sistemi di workæow, grazie all'aggiunta di meccanismi di routing per deænire una sequenza di destinatari per particolari tipi di oggetti di posta elettronica in risposta a determinate procedure aziendali. æ Groupware Applications. L'industria di sistemi "groupware" ha introdotto una vasta gamma di applicazioni software per supportare e migliorare le interazioni fra gruppi di individui. Inizialmente queste applicazioni non prevedevano una formalizzazione dei processi, requisito che çe perço divenuto sempre piçu importante con l'evoluzione e l'ampliamento degli scopi di questi sistemi. Il workæow puço essere una risposta a questo tipo di bisogni. æ Transaction-based Applications. Per molti anni determinate procedure aziendali èle transazioniè, sono state sviluppate sfruttando le funzionalitça oæerte dai TP monitors o dai DBMS. Sempre piçu queste applicazioni sono divenute distribuite, per rispondere alle nuove necessitça che il mercato imponeva alle imprese. Tipicamente, perço, queste applicazioni pur fornendo importanti caratteristiche di robustezza e supporto per transazoni atomiche, non hanno una netta separazione fra la logica della procedura aziendale e l'invocazione di diverse applicazioni che possono essere necessarie per svolgere appieno le attivitça costituenti il processo. Questa considerazione sta portando verso lo sviluppo di sistemi di workæow che da una parte sfruttano consolidate applicazioni transaction-based per determinate parti del processo aziendale, mentre dall'altra possono invocare diverse applicazioni di IT ègestione documenti, e cosç viaè, per altre necessitça del processo. æ Project Support Software. Il software per gestire lo sviluppo di complesse applicazioni di IT, ha spesso fornito funzionalitça tipiche del workæow all'interno dell'ambiente del progetto. Prova neçe la capacitça di trasferire speciæci compiti dello sviluppo fra i progettisti e con essi le informazioni per supportarli. In alcuni casi questo tipo di software çe stato generalizzato oærendo funzionalitça diworkæow piçu evolute e tali da permettere la gestione di progetti piçu ampi e complessi e da oærire una visione piçu generale del processo aziendale.

24 10 Introduzione al Workæow æ BPR and Structured System Design Tool. Questo tipo di applicazioni comprende tutti quei prodotti software di supporto alle attivitça di analisi, modellazione e rideænizione èper questo si parla di Re-Engineeringè, dei processi aziendali e alla valutazione dell'impatto sull'azienda di tali cambiamenti. Ciço signiæca analisi della struttura dei processi e dei æussi di informazioni necessari a supportarli, nonchçe dei ruoli organizzativi che prendono parte ai processi stessi. Una naturale estensione di questi prodotti çe il fornire la funzionalitça di implementazione del processo aziendale con tutto il supporto IT per controllare i æussi di attivitça e dati all'interno dello stesso. Il mercato di prodotti legati al workæow çe, come abbiamo visto, ampio e animato da spinte provenienti da diverse aree di interesse, con una vasta gamma di software dedicato alle singole aree. Per ottenere tutte le funzionalitça richieste da un sistema di workæow, quindi, çe necessario che diversi prodotti software di aziende diverse possano cooperare fra loro in un'implementazione il piçu possibile rispondente alle singole esigenze degli utenti. Questa possibilitça cosç ampia di scelta, perciço, si scontra con la necessitça di garantire la compatibilitça fra prodotti diversi, ed aumenta il bisogno di standard che regolino questo mondo cosç variegato. 1.2 Concetti chiave I sistemi di workæow sono basati su quattro concetti chiave: æ logica di processo; æ risorse umane per i task; æ risorse informative per i task; æ gestione dei processi Logica di processo La logica di processo deænisce le regole che un processo aziendale deve seguire. Per esempio: æ la logica di un processo d'ordine puço implicare che non vengano eæettuati controlli sulle credenziali di clienti di vecchia data che facciano piccoli ordini, ma che per nuovi clienti e grossi ordini sia attivata una procedura complessa che coinvolge anche agenti esterni;

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database relazionali: tabelle, campi, record; indici di taballa Chiavi primarie ed esterne Relazioni tra tabelle: definizione

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base ARCHIVI CLASSICI Concetti di base Per svolgere una qualsiasi attività gestionale, amministrativa, o statistica è necessario utilizzare grandi quantità di dati e scegliere per essi una opportuna organizzazione,

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

INTERFACCIA UTENTE----------------------------------------------------------------------------------------------------

INTERFACCIA UTENTE---------------------------------------------------------------------------------------------------- IL FILE SYSTEM PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 FILE SYSTEM ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 1.1. CARATTERISTICHE E STORIA

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Sviluppata da: Lo Russo - Porcelli Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL.

Sviluppata da: Lo Russo - Porcelli Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL. Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL. 2ELHWWLYL GD UDJJLXQJHUH SHU JOL VWXGHQWL alla fine dell esercitazione gli studenti dovranno essere in grado di: 1. utilizzare

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di dati 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Introduzione ai sistemi di basi

Dettagli

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali

Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework è la base di tutte le applicazioni della famiglia Infinity Project

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Tech-Clarity Insight: Consolidamento delle soluzioni CAD. Vantaggi di una strategia CAD unificata

Tech-Clarity Insight: Consolidamento delle soluzioni CAD. Vantaggi di una strategia CAD unificata Tech-Clarity Insight: Consolidamento delle soluzioni CAD Vantaggi di una strategia CAD unificata Tech-Clarity, Inc. 2010 Sommario Sommario... 2 Panoramica... 3 Costi generali IT ridotti... 3 Riutilizzo...

Dettagli

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica Performance measurement system per la gestione di eventi industriali complessi Candidato: Adriano Moretti

Dettagli

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) Sviluppo Applicazione di BI/DWH con tecnologia

Dettagli

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativi/Contabile Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari Data Warehouse: una sola lingua Iolanda Salinari 2 Il Glossario: uno strumento prezioso Uno dei fattori critici per la realizzazione del data warehouse è costituito dalle difficoltà che si incontrano per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics Panoramica Di fronte alla proliferazione dei dati, le operazioni di backup e archiviazione stanno diventando sempre più complesse. In questa situazione, per migliorare la produttività è opportuno attenersi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Sistemi Operativi: avvio

Sistemi Operativi: avvio Sistemi Operativi: avvio All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario tra l hardware del sistema e uno

Dettagli

Sistemi centralizzati e distribuiti

Sistemi centralizzati e distribuiti Sistemi centralizzati e distribuiti In relazione al luogo dove è posta fisicamente la base di dati I sistemi informativi, sulla base del luogo dove il DB è realmente dislocato, si possono suddividere in:

Dettagli

Object-Relational Mapping

Object-Relational Mapping Object-Relational Mapping Versione Preliminare Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Scarica la versione di prova gratuita di Datapolis Workbox dal sito www.datapolis.com/it-it/workbox

Scarica la versione di prova gratuita di Datapolis Workbox dal sito www.datapolis.com/it-it/workbox Datapolis Workbox 2010 per Microsoft Sharepoint Datapolis Workbox è uno strumento grafico user-friendly per modellare e gestire i processi gestionali, il flusso di informazioni e di documenti nell'ambiente

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Un approccio per sviluppare applicazioni di E Democracy basato su ruoli per

Dettagli

documenta PLM certificato da Autodesk

documenta PLM certificato da Autodesk documenta PLM documenta PLM certificato da Autodesk Implementare un progetto PLM significa spesso riorganizzare e razionalizzare molti dei processi aziendali legati alla progettazione e produzione. In

Dettagli

Università MAGNA GRÆCIA di Catanzaro

Università MAGNA GRÆCIA di Catanzaro Università MAGNA GRÆCIA di Catanzaro Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia a.a.2004-2005 Corso di Informatica (I anno) Finalità del corso Il corso si propone formare gli studenti ad un utilizzo consapevole

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS 1 Tecnologia delle BD: perché studiarla? File e indici I DBMS offrono i loro servizi in modo "trasparente": per questo abbiamo potuto finora ignorare molti aspetti realizzativi abbiamo considerato il DBMS

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza alla guida attraverso Google Maps

Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza alla guida attraverso Google Maps UNIVERSITA' DEL SALENTO FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 42 Sommario 1 Generalità

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Videosorveglianza IP Tutto in un'unica soluzione Bosch Video Management System (VMS) consente di gestire video, audio e dati IP e digitali,

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 Fumarola Roberta, Galeano Antonio Andrea Linguaggio di modellazione Insieme di simboli e regole atto a descrivere la struttura e le funzionalità di un Database prima

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8 E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries Quick-EDD/ DR-DRm ETL 1/8 Sommario ETL... 3 I processi ETL (Extraction, Transformation and Loading - estrazione, trasformazione e caricamento)... 3 Cos è l

Dettagli

Appunti lezione Database del 07/10/2015

Appunti lezione Database del 07/10/2015 Appunti lezione Database del 07/10/2015 Nelle lezioni precedenti si è visto come qualunque applicazione informativa è almeno formata da tre livelli o layers che ogni progettista conosce e sa gestire: Livello

Dettagli

Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum

Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum NOTA: per una rappresentazione grafica del curriculum in base al ruolo professionale, visitare la pagina: http://www.ptc.com/services/edserv/learning/paths/ptc/pdm_90.htm

Dettagli

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico Strumenti Processo parte VII Leggere Cap. 9 Ghezzi et al. Strumenti software che assistono gli ingegneri del software in tutte le fasi del progetto; in particolare progettazione codifica test Evoluzione

Dettagli

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server 11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server In questa lezione focalizzeremo la nostra attenzione sui Database distribuiti (DDB), i sistemi per la gestione di Database Distribuiti (DDBMS),

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

CastFlow Automation System Versione 1.15

CastFlow Automation System Versione 1.15 CastFlow Automation System Versione 1.15 Cos'è e cosa fa E' un sistema di programmazione: permette a chiunque di automatizzare le operazioni amministrative di una azienda che normalmente richiederebbero

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli