13 Congresso. Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale. Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "13 Congresso. Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale. Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database"

Transcript

1 13 Congresso della Società Italiana di Psicopatologia Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale Roma, febbraio 2009 ABSTRACT BOOK sotto gli auspici della Fondazione Paolo Pancheri a cura di Roberto Brugnoli, Adalgisa Palma Volume 15 marzo 2009 Numero S1 Segreteria Scientifica Via Tacito 90, Roma Tel Fax Società Italiana di Psicopatologia Consiglio Direttivo Presidente: Mario Maj Vice Presidente: Filippo Bogetto Segretario: Alfredo Carlo Altamura Tesoriere: Gian Franco Placidi Consiglieri Eugenio Aguglia Amato Amati Massimo Biondi Massimo Casacchia Paolo Castrogiovanni Carlo Maggini Giovanni Muscettola Alessandro Rossi Alberto Siracusano Consiglieri Onorari Giovanni Battista Cassano Luigi Ravizza Organo Ufficiale della Società Italiana di Psicopatologia Official Journal of the Italian Society of Psychopathology Fondatori: Giovanni B. Cassano, Paolo Pancheri Editor-in-chief: Alessandro Rossi Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database Pacini Editore Medicina

2

3 Sessioni Plenarie

4

5 Sessioni Plenarie Martedì 10 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo Sessione inaugurale Moderatore M. Maj (Napoli) The identity of a psychiatrist N. Sartorius OMS, Ginevra A profession is defined by the problems that it has to solve, by the methods that it uses to solve such problems and by the training that those who will apply the methods to solve problems must have successfully completed. In the instance of psychiatry, the problems are psychiatric disorders; the methods are various forms of treatment (unequivocally shown to be suitable to reduce the problems) and the postgraduate training in psychiatry (in addition to training in general medicine) is the training that psychiatrists must have successfully completed. Currently, in most parts of the world, this definition of psychiatry is being applied loosely. Psychiatrists are often asked or volunteer to resolve problems that are not due to mental disorders and to deal with matters for which they had no training for example the development of mental health programmes. They show insufficient rigour in the selection of methods of treatment of mental disorders and often apply methods of unproven effectiveness and uncertain safety. Their training varies from country to country and from one psychiatric school to another. Yet, the tasks of psychiatrists could be defined very well: the presentation will include a list of these with reference to tasks in more and less developed country situations. Tasks such as the development of comprehensive mental health programmes, the wide scale prevention of mental disorders, the promotion of the value of mental health and the resolution of social problems that people with mental disorders often have are of vast importance and should therefore be given to experts who had been appropriately trained to deal with them. Psychiatrists can usefully collaborate with such experts and should accept to do so: they should however be aware of the limitations that their training imposed on them and the need to remain anchored in their discipline. If they do not act in this way and accept to deal with tasks such as those listed above it is likely that these will not be tackled in the best possible way and that psychiatry as a discipline will at seen as inefficient or even harmful. Mercoledì 11 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La clinica dei disturbi mentali: alcune aree in rapido sviluppo Moderatore M. Maj (Napoli) New directions in the diagnosis and classification of personality disorder T.A. Widiger Department of Psychology, University of Kentucky A considerable body of research has now documented that personality disorders are not well diagnosed using a categorical model of classification. Limitations of the categorical approach include the absence of a meaningful or consistent boundary with normal personality functioning, the heterogeneity in traits of persons sharing the same diagnoses, the excessive diagnostic co-occurrence, the inadequate coverage, and the lack of a strong scientific foundation. The predominant dimensional model of general personality structure is the five-factor model (FFM), and research has now documented well that the personality disorders of the World Health Organization and the American Psychiatric Association can be understood as maladaptive variants of the domains and facets of the FFM. The current paper provides a proposed four-step procedure for the diagnosis of personality disorder from the perspective of the FFM. Discussed more specifically are issues concerning the integration of a psychiatric nomenclature with general personality structure, the identification of problems in living associated with maladaptive personality traits, the setting of a diagnostic threshold, prototypal matching, feasibility, and clinical utility (including treatment guidelines). Giorn Ital Psicopat 2009;15(Suppl 1):3-8

6 Sessioni Plenarie Diagnosis of mental, behavioral and developmental disorders in children and adolescents J.F. Leckman Director of Research Neison Harris, Professor of Child Psychiatry and Pediatrics Child Study Center, Yale University School of Medicine The extant major psychiatric classifications DSM-IV and ICD-10 are largely atheoretical and descriptive. While this achieves good reliability, the validity of a medical diagnosis is greatly enhanced is by an understanding of etiology. Revisions of DSM-IV are well underway. Despite rapid advances in genomics, neuroimaging, the developmental neurosciences, and informatics, we remain largely ignorant of the causal pathways leads to pediatric onset mental disorders. Indeed, with the exception of a few developmental disorders, such as Rett s syndrome and Fragile X syndrome, it appears that the majority of these disorders are complex in character with a multiplicity of genes and environmental factors playing a causal role. Recent scientific discoveries have also shed light on the importance of early parental care and its enduring effects on gene expression through epigenetic mechanisms. Other advances in genetics and neuroimaging have reinforced the view that the onset of symptoms may not indicate the true beginning of the illness and that symptoms may appear long after the causal processes leading to mental illness are well underway. Although science is advancing, more data are needed before a major restructuring of DSM-V will be justified. Consequently, DSM-V will likely be a refinement of DSM-IV without radical changes. While no final decisions have been made, there will likely be a concerted effort to make DSM-V more dimensional and developmental in character through the use of an over arching meta-structure and a greater use of dimensional specificers and scales. Areas of active debate within the Childhood Disorders Workgroup include how best to refine the criteria for pediatric bipolar disorder; how best to identify chronically irritable and disruptive children without episodes of mania; how to include adolescents with non-suicidal self-injury; the criteria for attention deficit hyperactivity disorder (ADHD) in adults; and the interface of ADHD with autism spectrum disorders and intellectual disabilities. Novità e prospettive nella diagnosi e classificazione dei disturbi dell umore G.B. Cassano Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Università di Pisa Il numero di categorie dei disturbi dell umore e di specificatori è aumentato nelle successive edizioni del DSM. Poiché gran parte delle categorie riflettono combinazioni diverse di gravità e cronicità, è stato recentemente suggerito di adottare nel DSM-V un modello più parsimonioso dei disturbi dell umore basato sulla classificazione dei disturbi rispetto a due dimensioni: gravità e cronicità (Klein DN, 2008). Tuttavia, questo modello non rende conto dell eterogeneità della psicopatologia dei disturbi dell umore né del fatto che la diagnosi di alcuni disturbi richiede una valutazione longitudinale. Si propone pertanto un approccio dimensionale alla psicopatologia dei disturbi dell umore bottom-up, basato sulla rilevazione di un ampio numero di manifestazioni di spettro nel corso della vita. Rianalizzando il database del Progetto Spettro, che contiene ampie casistiche di pazienti con disturbo bipolare e unipolare a cui è stato somministrato il questionario di spettro dell umore (MOODS-SR), sono state derivate con l analisi fattoriale 6 dimensioni depressive e 5 dimensioni maniacali. Le dimensioni dello spettro dell umore sono state utilizzate come ausilio per una migliore classificazione diagnostica dei disturbi dell umore, come predittori, moderatori e mediatori degli esiti del trattamento della depressione unipolare in un trial clinico condotto a Pisa e Pittbsurgh, come potenziali descrittori di endofenotipi. L approccio dimensionale alla psicopatologia, che ha forti sostenitori all interno della Task Force del DSM-V, sembra offrire una maggiore flessibilità di utilizzo rispetto alla pletora di categorie descritte nel DSM-IV. Le prospettive (a breve termine) comprendono l uso delle dimensioni di spettro dell umore per definire sottogruppi omogenei di pazienti che richiedono l adozione di strategie terapeutiche diverse, in un ottica di ottimizzazione delle risorse sanitarie.

7 Sessioni Plenarie Giovedì 12 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La ricerca biologica sui disturbi mentali: novità di interesse per il clinico Moderatore A.C. Altamura (Milano) Gene-environment interactions and the pathophysiology of major depression P.L. Delgado University of Texas Health Science Center at San Antonio, San Antonio, Texas Major depressive disorder (MDD) is a genetically complex syndrome resulting from the interaction between numerous genetic and environmental factors. Research on the causal pathways for MDD suggests that MDD is highly heterogeneous and multiple causal pathways are likely to exist. The overly-broad definition of MDD may account for the failure to discover its biochemical basis and has led investigators to study narrower phenotypes or endophenotypes. In contrast, antidepressants appear to work through a relatively small number of neurochemical mechanisms. Research suggests that increasing norepinephrine (NE) and/or serotonin (5-HT) in brain is a necessary pharmacological effect for current antidepressants. Genetic differences in these systems may contribute significantly to differences between people in adverse effects and efficacy, however, the genetic factors that cause MDD may differ from those that affect antidepressant effects. This presentation will review the neurochemical and mechanisms underlying MDD, summarizing recent genetic findings, and examining the relationship between the biology of MDD and the mechanism of antidepressant drug action. Utilità del brain imaging nello studio del neurosviluppo e dei suoi disturbi C. Frith The Wellcome Trust Centre for Neuroimaging at UCL & The Center of Functionally Integrative Neuroscience, University of Aarhus Structural and functional brain imaging provide an exciting new window on human development and its disorders. However, the interpretation of such studies raises many problems, since it is necessary to distinguish between effects due to maturation, learning, compensation and strategy. I shall illustrate these problems with three different example. First, I shall consider the case of Tourettes syndrome. Here, there is evidence that the structural differences found in the frontal cortex of such cases do not reflect the underlying pathology, but rather changes resulting from the development of strategies for the top-down control of tics. Second, I shall consider the significance of the abnormally small increases in activity in left inferior temporal cortex during word reading in cases of developmental dyslexia. This does not seem to reflect reading strategy since, in the normal case, greater reading difficulty is associated with greater activity in this region. Finally, to consider the issues of maturation and strategy, I will present recent studies of brain development during adolescence. During the transition from adolescence to adulthood there is a reduction in the increase in activity elicited in medial prefrontal cortex by mentalising tasks. As yet, however, we do not know to what extent this change is simply the consequence of the structural changes that are still occurring in this brain region at this time and to what extent the change reflects the acquisition of new cognitive strategies. Deficit cognitivi nei disturbi mentali: rapporti con le altre dimensioni psicopatologiche e il funzionamento sociale S. Galderisi Dipartimento di Psichiatria, Università di Napoli - SUN Nei pazienti affetti da disturbo di panico (DP) la difficoltà di identificare, esprimere e modulare l esperienza emozionale potrebbe essere alla base della persistente vulnerabilità agli attacchi di panico. Una serie di studi ha documentato, in questi pazienti, una scadente elaborazione degli stimoli a contenuto emozionale, la tendenza a interpretare come minacciosi gli stimoli ambigui, la tendenza a elaborare preoccupazioni somatiche nelle situazioni stressanti e la difficoltà a stabilire relazioni tra gli attacchi di panico ed eventuali stimoli emozionali scatenanti. Tali caratteristiche potrebbero essere sottese da una disfunzione dei circuiti fronto-temporo-limbici. Tale ipotesi è stata verificata dal nostro gruppo in alcuni studi finalizzati a dimostrare che i pazienti con DP, rispetto ai controlli sani, presentano una maggiore prevalenza di alessitimia, una maggiore difficoltà di elaborazione degli stimoli a contenuto emozionale e una prestazione più scadente ai test neuropsicologici che valutano l attività dei circuiti fronto-temporo-limbici. L alessitimia, le abilità cognitive generali, l attenzione

8 Sessioni Plenarie selettiva e sostenuta, la memoria di lavoro, la memoria secondaria, l apprendimento incidentale, la suscettibilità all interferenza di stimoli cognitivi ed emozionali e l abilità di riconoscere le espressioni facciali, è stata valutata in 28 pazienti affetti da DP, che non assumevano farmaci psicotropi da almeno 4 settimane, e in 32 controlli sani. L alessitimia è risultata più frequente nei pazienti rispetto ai controlli. Le abilità cognitive verbali e la capacità di inibire l interferenza da parte di parole panico-correlate e di stimoli non verbali è risultata compromessa nei pazienti rispetto ai controlli. L apprendimento incidentale spaziale è invece risultato migliore nei pazienti rispetto ai controlli. L ansia, i sintomi dell attacco di panico e le abilità cognitive verbali hanno mostrato correlazioni significative con l alessitimia. I nostri risultati confermano l ipotesi di una disfunzione dei circuiti fronto-temporo-limbici (in particolare a carico delle aree orbitofrontali e del giro del cingolo) nei pazienti affetti da disturbo di panico. Venerdì 13 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo Le psicoterapie: presente e futuro della ricerca e della prassi Moderatore F. Bogetto (Torino) The present and future of psychodynamic psychotherapies: finding a secure theoretical and evidential base J. Holmes Leeds Institute of Health Science, Faculty of Medicine and Health, University of Leeds I shall start by briefly reviewing the current evidence for the strengths and weaknesses of the case for the effectiveness of psychodynamic therapy (PDT) in treating a range of psychiatric disorders, including Depression and Personality Disorders. I then address the theorypractice gap in PDT: we know that PDT is effective but what are its active ingredients and how, if at all to they relate to the voluminous edifice of psychodynamic theory? Drawing on contemporary research in developmental psychopathology I suggest that attachment theory helps inform how PDT works in all three components of effective psychotherapy: the therapeutic relationship, meaning-making, and change promotion. I will emphasize particularly the recently developed concept of mentalisation. This overarching skill, applicable not just to PDT and transmitted from therapist to patient refers to the capacity to think about thinking, or to see oneself from the outside and others from the inside. I shall suggest that establishing the preconditions for mentalising, mentalising itself, and mentalising in the presence of the therapeutic relationship, comprise the unique contribution of PDT the psychotherapeutic spectrum. Recent developments in interpersonal psychotherapy J.C. Markowitz Cornell University Medical College and New York Hospital Interpersonal Psychotherapy (IPT), developed in the 1970 s by the late Gerald L. Klerman, Myrna M. Weissman, and colleagues, is one of the best empirically tested time-limited psychotherapies. Its testing in a series of randomized controlled trials has led to its inclusion in treatment guidelines. It has become an established primary treatment for major depressive disorder, bulimia, and an adjunctive treatment for bipolar disorder. This presentation will discuss the recent evolution of IPT. Some issues I will discuss concern the development and dissemination of empirically based psychotherapies generally. Topics include: 1. Ongoing research testing for different disorders. IPT has shown promise in treating mood, eating, and anxiety disorders. It has had negative findings in studies of substance abuse and chronic depression. Where is IPT heading and where is it likely to be successful? When is it preferable to other empirically validated treatments? 2. Adaptations of IPT to different formats include group, conjoint (couples), and telephone versions. IPT has been adapted for use by non-mental health professionals (Interpersonal Counseling). IPT has been shortened to as few as eight sessions and expanded to multi-year maintenance format. It has been altered in small and in major ways: for example, for different disorders, cultures, and as part of the hybrid Interpersonal Social Rhythms Therapy (IPSRT).

9 Sessioni Plenarie.. To what degree can a therapy be adapted and still be considered the same therapy: i.e., when does IPT become not-ipt? Process research. Most IPT research has assessed outcome. Which are IPT s active ingredients and which are inert? Dissemination. Compared to cognitive behavior therapy, IPT has spread slowly. Italy is a place where therapists are learning IPT. An International Society of Interpersonal Psychotherapy (ISIPT) now exists that holds regular scientific meetings. What standards should exist for IPT a) as a research therapy and b) as a clinical skill? Novità e prospettive delle psicoterapie cognitivocomportamentali G.A. Fava Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna Recentemente la ricerca sulle psicoterapie cognitivocomportamentali ha registrato importanti sviluppi che hanno prodotto sia innovazioni tecniche che aspetti applicativi. Dal punto di vista tecnico sono stati proposti nuovi approcci come la Mindfulness Based Cognitive Therapy e la Well-BeingTherapy con lo scopo primario di aumentare il livello di remissione dei disturbi affettivi. Dal punto di vista applicativo un numero crescente di studi controllati suggerisce l utilità delle psicoterapie cognitivo comportamentali in ambiti diversi da quelli tradizionali, come nella schizofrenia, nella somatizzazione e nei disturbi alimentari e del sonno. Il modello sequenziale (farmacoterapia seguita da psicoterapia indirizzata alla sintomatologia residua e alla promozione del benessere psicologico) ha portato a sostanziali benefici rispetto alla percentuale di ricadute nella depressione. Sempre più emerge il concetto che la psicoterapia cognitivo-comportamentale è una forma di auto-terapia guidata, che può assumere forme molto diverse. Ciò che veramente la caratterizza è l importanza di quello che un paziente fa tra una seduta e l altra (homework), più che quello che avviene nella seduta. Come tutte le terapie ha delle controindicazioni e può risultare efficace in non più di 2/3 dei pazienti. Esiste quindi la necessità di disporre di trattamenti psicoterapici e farmacologici alternativi. Studi di follow-up su pazienti depressi od ansiosi indicano come i benefici tendano a persistere nel tempo. Sabato 14 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La psichiatria di comunità: evidenze, esperienze e prospettive Moderatore M. Casacchia (L Aquila) Work, empowerment and recovery for people with severe mental illness: what is realistic? R. Warner Director, Colorado Recovery, Boulder, Colorado; University of Colorado, Denver, Colorado Work empowers people with serious mental illness by reinforcing their social roles and sense of belonging. In so doing, it helps them recover from illness. This presentation will offer evidence for these claims. An analysis of outcome research conducted in the developed world points to substantial recovery rates from schizophrenia throughout the entire twentieth century. Long-term studies confirm that outcome is better still in the developing world. A recently developed vocational rehabilitation model, supported employment, has proven effective in the US and Europe in returning a large proportion of people with serious mental illness to competitive work. Threaded through this research is evidence that working is related to social inclusion, empowerment and recovery and that disincentives to employment in modern economic disability support systems are a serious impediment to recovery. How should we open up the avenues to recovery and push aside the obstacles? I servizi di salute mentale di comunità. Strategie organizzative, formazione, ricerca e pratica. Una sfida sostenibile M. Tansella Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica e WHO Collaborating Centre for Research and Training in Mental Health and Service Evaluation, Università di Verona Con lo spostamento del fulcro dell assistenza psichiatrica dall ospedale al territorio si è reso necessario un adeguamento delle strategie organizzative dei servizi di salute mentale. Tali strategie, necessariamente più com-

10 Sessioni Plenarie plesse di quelle che hanno regolato in passato il funzionamento dell ospedale psichiatrico, devono basarsi su di un set di direttive generali, che sono state raggruppate in tre categorie: i principi etici, le evidenze scientifiche e le esperienze. Il modello che, alla luce delle ricerche più convincenti, si è dimostrato più adatto a rispondere ai bisogni dei pazienti, è un modello di stepped care bilanciato, con componenti territoriali e ospedaliere (localizzate in ospedale generale) integrate. Per sviluppare, implementare e valutare un modello di questo tipo sono richieste competenze, risorse adeguate, abilità, conoscenze ed esperienze tecnico-scientifiche aggiornate. Poiché queste strategie organizzative complesse richiedono anche continui aggiustamenti ed una manutenzione degli assetti organizzativi basata sui risultati ottenuti nel contesto in cui si opera e sull esito delle cure e dei trattamenti, coloro che hanno la responsabilità di proporle e metterle in atto devono avere anche familiarità con le tecniche di valutazione degli interventi e dei servizi di salute mentale e con l interpretazione critica dei dati della letteratura. Se le strategie organizzative costituiscono la cornice di riferimento dell attività assistenziale e clinica, la cui importanza oggi non può più essere ignorata, le tecniche terapeutiche, gli strumenti e gli interventi utilizzati, che rappresentano il contenuto della psichiatria di comunità, continuano ad avere un ruolo decisivo. Anche la scelta di questi ultimi, nel singolo caso, deve essere guidata da principi etici, da evidenze scientifiche e dall esperienza clinica. La psichiatria di comunità moderna è chiamata quindi a confrontarsi con bisogni assistenziali, scelte terapeutiche ed esigenze di valutazione simili a quelli e che devono fronteggiare altre discipline mediche. Questo confronto non può prescindere, nell Università e nei luoghi in cui le risorse sono adeguate, da una forte integrazione tra attività assistenziali e di cura, formazione e ricerca. Si tratta di un impegno difficile oltre che complesso, ma la sfida è sostenibile. La relazione sarà illustrata da dati e da esempi tratti dalle ricerche e dalle esperienze condotte negli ultimi trent anni dalla Clinica Psichiatrica e dal Servizio Psichiatrico Territoriale dell Università di Verona. Lo psichiatra nella comunità tra evidenze, esperienze e responsabilità L. Ferrannini Dipartimento Salute Mentale, ASL 3 Genovese Il dibattito sviluppatosi in questo ultimo decennio nel nostro campo, ha evidenziato con forza la necessità di riscoprire il senso della psichiatria, in un momento di particolare contraddizione delle pratiche, ma anche dell immagine sociale della disciplina e dei professionisti. Possiamo infatti dire che la psichiatria, le sue istituzioni e le sue prassi, sono sempre prodotti della cultura, e soprattutto dell etica, del tempo in cui si definiscono e si manifestano; ma che il compito della psichiatria è anche quello di consentire la esistenza (ed il diritto) della diversità e della differenza, di interrogarsi sulle domande e sui problemi emergenti, ricercando traiettorie d incontro e di relazione che possono dare senso ai percorsi di cura, ma anche alle storie di sofferenza di persone e gruppi. Date queste premesse, cercheremo di delineare schematicamente alcune aree, a nostro parere problematiche, in cui si declina questo ineludibile ed interminabile lavoro di mediazione e di sintesi.

11 SIMPOSI SPECIALI

12

13 Simposi Speciali Mercoledì 11 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo SS1. Soggettività e cognizione sociale in psicopatologia Coordinatore M. Casacchia Two kinds of subjectivity J. Strauss Department of Psychiatry, Yale University School of Medicine, New Haven, USA There are two kinds of subjectivity in Psychiatry. Both are basic to the field, both pose major problems for us. The first subjectivity is that of the field of psychiatry itself. Our discipline has a history of changes in defining what methods, information, and ways of thinking are acceptable. These changing ideas, our own subjectivity, are basic to our training, our research and our practice which are structured to fit our beliefs of how we should think and what data we should notice. These beliefs have varied wildly over the years and are different in different cultures and in various schools of thought. The second subjectivity is that of the people suffering from psychiatric problems. Because of our own subjectivity, there is a wide variation in which aspects of their subjectivity we notice. The subjectivity to which we attend may be what we call symptoms, like hearing voices or feeling persecuted or depressed. Or we may focus on more complex feelings such as those of patients relations with other people, their feelings about themselves or their personal history. But even more subtle subjective phenomena may be crucial such as those that cannot be readily communicated or grasped by methods using traditional approaches to eliciting and considering patients experience. In this presentation, using examples from encounters outside of traditional psychiatric settings, such as experiences of home visits, research interviews, and collaborating with a woman who works as a clown on a geriatric ward in Paris, I will focus on how the subjectivity of the professional as it determines the structure of his or her work interacts with the various subjectivities of the patient. These encounters suggest how we may get beyond the narrow limits of understanding human processes that we often impose on ourselves and how we can increase greatly our understanding of patients subjectivity. La cognizione sociale all esordio della psicosi M. Casacchia Dipartimento di Scienze della Salute, Università dell Aquila La cognizione sociale è un fenomeno complesso che coinvolge numerose capacità distinte tra loro (teoria della mente, capacità empatiche, comprensione delle intenzioni, giudizio estetico) (Montag, 2006). Studi recenti hanno messo in evidenza in maniera univoca che il deficit di cognizione sociale è presente nella schizofrenia indipendentemente dalla gravità sintomatologica e dal numero di anni di malattia. Ancora pochi e poco esaustivi sono i dati di letteratura relativi ai deficit di cognizione sociale presenti al primo episodio (Bertrand, 2007) e focalizzati esclusivamente su un singolo aspetto cioè sulla Teoria della Mente, ovvero la capacità di leggere gli stati mentali altrui. In realtà la letteratura ha recentemente posto l attenzione anche su altre capacità alla base della cognizione sociale, quali comprensione delle intenzioni e capacità empatiche, inclusa la capacità di provare emozioni davanti ad immagini artistiche. Alla luce di tali premesse il presente studio si è proposto di analizzare le diverse componenti della cognizione sociale in soggetti al primo episodio di disturbo psicotico. Ha partecipato allo studio una popolazione di 30 soggetti al primo episodio di un disturbo psicotico ed un gruppo di 30 soggetti affetti da un disturbo di personalità (DSM-IV-R, APA, 2000). Al momento della valutazione i soggetti erano tutti utenti del servizio Smile della Clinica Psichiatrica dell Università dell Aquila, servizio indirizzato al rilevamento precoce dei disturbi psichici nei giovani. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad una valutazione clinica, neuropsicologica standard e ad una valutazione della cognizione sociale mediante compiti di falsa credenza (TOM); un compito di priming affettivo (empatia); compiti di orientamento dell attenzione guidati da indizi sociali; direzione dello sguardo (comprensione delle intenzioni) ed un compito di giudizio su stimoli artistici (statue in cui erano state modificate le proporzioni dei soggetti raffigurati). I soggetti sono stati tutti inoltre sottoposti ad una valutazione clinica e neuropsicologica standard. I punteggi dei due gruppi sono stati confrontati con quelli di una popolazione di soggetti sani di pari età e scolarità. I risultati hanno evidenziato deficit nel riconoscimento e condivisione delle emozioni e nella comprensione della falsa credenza nei soggetti al primo episodio di un disturbo psicotico, mentre non si sono evidenziati deficit nei soggetti con disturbo di personalità, che non differivano dai controlli sani. Inoltre quando i soggetti con il disturbo psicotico dovevano esprimere un giudizio di piacevolezza nei confronti di stimoli artistici non mostravano differenze nella risposta a stimoli piacevoli vs. non piacevoli, al contrario dei soggetti con disturbo Giorn Ital Psicopat 2009;15(Suppl 1):

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Brixia International Conference

Brixia International Conference Brixia International Conference OPEN ISSUES IN THE CLINICAL AND THERAPEUTIC MANAGEMENT OF MAJOR PSYCHIATRIC DISORDERS Brescia, June 11 th -13 th, 2015 Siamo lieti di invitarvi al congresso annuale Brixia

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche I disturbi psichici del bambino e dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche Stefano Vicari Unità di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza, Dipartimento di Neuroscienze Breve

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Depressione post-partum

Depressione post-partum Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Policlinico Agostino Gemelli Servizio di Consultazione Psichiatrica Direttore: Prof. Pietro Bria Istituto di Psichiatria e Psicologia Clinica Direttore: Prof.

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli