13 Congresso. Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale. Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "13 Congresso. Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale. Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database"

Transcript

1 13 Congresso della Società Italiana di Psicopatologia Psichiatria 2009: Clinica, Ricerca e Impegno Sociale Roma, febbraio 2009 ABSTRACT BOOK sotto gli auspici della Fondazione Paolo Pancheri a cura di Roberto Brugnoli, Adalgisa Palma Volume 15 marzo 2009 Numero S1 Segreteria Scientifica Via Tacito 90, Roma Tel Fax Società Italiana di Psicopatologia Consiglio Direttivo Presidente: Mario Maj Vice Presidente: Filippo Bogetto Segretario: Alfredo Carlo Altamura Tesoriere: Gian Franco Placidi Consiglieri Eugenio Aguglia Amato Amati Massimo Biondi Massimo Casacchia Paolo Castrogiovanni Carlo Maggini Giovanni Muscettola Alessandro Rossi Alberto Siracusano Consiglieri Onorari Giovanni Battista Cassano Luigi Ravizza Organo Ufficiale della Società Italiana di Psicopatologia Official Journal of the Italian Society of Psychopathology Fondatori: Giovanni B. Cassano, Paolo Pancheri Editor-in-chief: Alessandro Rossi Citato in EMBASE Excerpta Medica Database SCOPUS Elsevier Database Pacini Editore Medicina

2

3 Sessioni Plenarie

4

5 Sessioni Plenarie Martedì 10 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo Sessione inaugurale Moderatore M. Maj (Napoli) The identity of a psychiatrist N. Sartorius OMS, Ginevra A profession is defined by the problems that it has to solve, by the methods that it uses to solve such problems and by the training that those who will apply the methods to solve problems must have successfully completed. In the instance of psychiatry, the problems are psychiatric disorders; the methods are various forms of treatment (unequivocally shown to be suitable to reduce the problems) and the postgraduate training in psychiatry (in addition to training in general medicine) is the training that psychiatrists must have successfully completed. Currently, in most parts of the world, this definition of psychiatry is being applied loosely. Psychiatrists are often asked or volunteer to resolve problems that are not due to mental disorders and to deal with matters for which they had no training for example the development of mental health programmes. They show insufficient rigour in the selection of methods of treatment of mental disorders and often apply methods of unproven effectiveness and uncertain safety. Their training varies from country to country and from one psychiatric school to another. Yet, the tasks of psychiatrists could be defined very well: the presentation will include a list of these with reference to tasks in more and less developed country situations. Tasks such as the development of comprehensive mental health programmes, the wide scale prevention of mental disorders, the promotion of the value of mental health and the resolution of social problems that people with mental disorders often have are of vast importance and should therefore be given to experts who had been appropriately trained to deal with them. Psychiatrists can usefully collaborate with such experts and should accept to do so: they should however be aware of the limitations that their training imposed on them and the need to remain anchored in their discipline. If they do not act in this way and accept to deal with tasks such as those listed above it is likely that these will not be tackled in the best possible way and that psychiatry as a discipline will at seen as inefficient or even harmful. Mercoledì 11 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La clinica dei disturbi mentali: alcune aree in rapido sviluppo Moderatore M. Maj (Napoli) New directions in the diagnosis and classification of personality disorder T.A. Widiger Department of Psychology, University of Kentucky A considerable body of research has now documented that personality disorders are not well diagnosed using a categorical model of classification. Limitations of the categorical approach include the absence of a meaningful or consistent boundary with normal personality functioning, the heterogeneity in traits of persons sharing the same diagnoses, the excessive diagnostic co-occurrence, the inadequate coverage, and the lack of a strong scientific foundation. The predominant dimensional model of general personality structure is the five-factor model (FFM), and research has now documented well that the personality disorders of the World Health Organization and the American Psychiatric Association can be understood as maladaptive variants of the domains and facets of the FFM. The current paper provides a proposed four-step procedure for the diagnosis of personality disorder from the perspective of the FFM. Discussed more specifically are issues concerning the integration of a psychiatric nomenclature with general personality structure, the identification of problems in living associated with maladaptive personality traits, the setting of a diagnostic threshold, prototypal matching, feasibility, and clinical utility (including treatment guidelines). Giorn Ital Psicopat 2009;15(Suppl 1):3-8

6 Sessioni Plenarie Diagnosis of mental, behavioral and developmental disorders in children and adolescents J.F. Leckman Director of Research Neison Harris, Professor of Child Psychiatry and Pediatrics Child Study Center, Yale University School of Medicine The extant major psychiatric classifications DSM-IV and ICD-10 are largely atheoretical and descriptive. While this achieves good reliability, the validity of a medical diagnosis is greatly enhanced is by an understanding of etiology. Revisions of DSM-IV are well underway. Despite rapid advances in genomics, neuroimaging, the developmental neurosciences, and informatics, we remain largely ignorant of the causal pathways leads to pediatric onset mental disorders. Indeed, with the exception of a few developmental disorders, such as Rett s syndrome and Fragile X syndrome, it appears that the majority of these disorders are complex in character with a multiplicity of genes and environmental factors playing a causal role. Recent scientific discoveries have also shed light on the importance of early parental care and its enduring effects on gene expression through epigenetic mechanisms. Other advances in genetics and neuroimaging have reinforced the view that the onset of symptoms may not indicate the true beginning of the illness and that symptoms may appear long after the causal processes leading to mental illness are well underway. Although science is advancing, more data are needed before a major restructuring of DSM-V will be justified. Consequently, DSM-V will likely be a refinement of DSM-IV without radical changes. While no final decisions have been made, there will likely be a concerted effort to make DSM-V more dimensional and developmental in character through the use of an over arching meta-structure and a greater use of dimensional specificers and scales. Areas of active debate within the Childhood Disorders Workgroup include how best to refine the criteria for pediatric bipolar disorder; how best to identify chronically irritable and disruptive children without episodes of mania; how to include adolescents with non-suicidal self-injury; the criteria for attention deficit hyperactivity disorder (ADHD) in adults; and the interface of ADHD with autism spectrum disorders and intellectual disabilities. Novità e prospettive nella diagnosi e classificazione dei disturbi dell umore G.B. Cassano Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie, Università di Pisa Il numero di categorie dei disturbi dell umore e di specificatori è aumentato nelle successive edizioni del DSM. Poiché gran parte delle categorie riflettono combinazioni diverse di gravità e cronicità, è stato recentemente suggerito di adottare nel DSM-V un modello più parsimonioso dei disturbi dell umore basato sulla classificazione dei disturbi rispetto a due dimensioni: gravità e cronicità (Klein DN, 2008). Tuttavia, questo modello non rende conto dell eterogeneità della psicopatologia dei disturbi dell umore né del fatto che la diagnosi di alcuni disturbi richiede una valutazione longitudinale. Si propone pertanto un approccio dimensionale alla psicopatologia dei disturbi dell umore bottom-up, basato sulla rilevazione di un ampio numero di manifestazioni di spettro nel corso della vita. Rianalizzando il database del Progetto Spettro, che contiene ampie casistiche di pazienti con disturbo bipolare e unipolare a cui è stato somministrato il questionario di spettro dell umore (MOODS-SR), sono state derivate con l analisi fattoriale 6 dimensioni depressive e 5 dimensioni maniacali. Le dimensioni dello spettro dell umore sono state utilizzate come ausilio per una migliore classificazione diagnostica dei disturbi dell umore, come predittori, moderatori e mediatori degli esiti del trattamento della depressione unipolare in un trial clinico condotto a Pisa e Pittbsurgh, come potenziali descrittori di endofenotipi. L approccio dimensionale alla psicopatologia, che ha forti sostenitori all interno della Task Force del DSM-V, sembra offrire una maggiore flessibilità di utilizzo rispetto alla pletora di categorie descritte nel DSM-IV. Le prospettive (a breve termine) comprendono l uso delle dimensioni di spettro dell umore per definire sottogruppi omogenei di pazienti che richiedono l adozione di strategie terapeutiche diverse, in un ottica di ottimizzazione delle risorse sanitarie.

7 Sessioni Plenarie Giovedì 12 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La ricerca biologica sui disturbi mentali: novità di interesse per il clinico Moderatore A.C. Altamura (Milano) Gene-environment interactions and the pathophysiology of major depression P.L. Delgado University of Texas Health Science Center at San Antonio, San Antonio, Texas Major depressive disorder (MDD) is a genetically complex syndrome resulting from the interaction between numerous genetic and environmental factors. Research on the causal pathways for MDD suggests that MDD is highly heterogeneous and multiple causal pathways are likely to exist. The overly-broad definition of MDD may account for the failure to discover its biochemical basis and has led investigators to study narrower phenotypes or endophenotypes. In contrast, antidepressants appear to work through a relatively small number of neurochemical mechanisms. Research suggests that increasing norepinephrine (NE) and/or serotonin (5-HT) in brain is a necessary pharmacological effect for current antidepressants. Genetic differences in these systems may contribute significantly to differences between people in adverse effects and efficacy, however, the genetic factors that cause MDD may differ from those that affect antidepressant effects. This presentation will review the neurochemical and mechanisms underlying MDD, summarizing recent genetic findings, and examining the relationship between the biology of MDD and the mechanism of antidepressant drug action. Utilità del brain imaging nello studio del neurosviluppo e dei suoi disturbi C. Frith The Wellcome Trust Centre for Neuroimaging at UCL & The Center of Functionally Integrative Neuroscience, University of Aarhus Structural and functional brain imaging provide an exciting new window on human development and its disorders. However, the interpretation of such studies raises many problems, since it is necessary to distinguish between effects due to maturation, learning, compensation and strategy. I shall illustrate these problems with three different example. First, I shall consider the case of Tourettes syndrome. Here, there is evidence that the structural differences found in the frontal cortex of such cases do not reflect the underlying pathology, but rather changes resulting from the development of strategies for the top-down control of tics. Second, I shall consider the significance of the abnormally small increases in activity in left inferior temporal cortex during word reading in cases of developmental dyslexia. This does not seem to reflect reading strategy since, in the normal case, greater reading difficulty is associated with greater activity in this region. Finally, to consider the issues of maturation and strategy, I will present recent studies of brain development during adolescence. During the transition from adolescence to adulthood there is a reduction in the increase in activity elicited in medial prefrontal cortex by mentalising tasks. As yet, however, we do not know to what extent this change is simply the consequence of the structural changes that are still occurring in this brain region at this time and to what extent the change reflects the acquisition of new cognitive strategies. Deficit cognitivi nei disturbi mentali: rapporti con le altre dimensioni psicopatologiche e il funzionamento sociale S. Galderisi Dipartimento di Psichiatria, Università di Napoli - SUN Nei pazienti affetti da disturbo di panico (DP) la difficoltà di identificare, esprimere e modulare l esperienza emozionale potrebbe essere alla base della persistente vulnerabilità agli attacchi di panico. Una serie di studi ha documentato, in questi pazienti, una scadente elaborazione degli stimoli a contenuto emozionale, la tendenza a interpretare come minacciosi gli stimoli ambigui, la tendenza a elaborare preoccupazioni somatiche nelle situazioni stressanti e la difficoltà a stabilire relazioni tra gli attacchi di panico ed eventuali stimoli emozionali scatenanti. Tali caratteristiche potrebbero essere sottese da una disfunzione dei circuiti fronto-temporo-limbici. Tale ipotesi è stata verificata dal nostro gruppo in alcuni studi finalizzati a dimostrare che i pazienti con DP, rispetto ai controlli sani, presentano una maggiore prevalenza di alessitimia, una maggiore difficoltà di elaborazione degli stimoli a contenuto emozionale e una prestazione più scadente ai test neuropsicologici che valutano l attività dei circuiti fronto-temporo-limbici. L alessitimia, le abilità cognitive generali, l attenzione

8 Sessioni Plenarie selettiva e sostenuta, la memoria di lavoro, la memoria secondaria, l apprendimento incidentale, la suscettibilità all interferenza di stimoli cognitivi ed emozionali e l abilità di riconoscere le espressioni facciali, è stata valutata in 28 pazienti affetti da DP, che non assumevano farmaci psicotropi da almeno 4 settimane, e in 32 controlli sani. L alessitimia è risultata più frequente nei pazienti rispetto ai controlli. Le abilità cognitive verbali e la capacità di inibire l interferenza da parte di parole panico-correlate e di stimoli non verbali è risultata compromessa nei pazienti rispetto ai controlli. L apprendimento incidentale spaziale è invece risultato migliore nei pazienti rispetto ai controlli. L ansia, i sintomi dell attacco di panico e le abilità cognitive verbali hanno mostrato correlazioni significative con l alessitimia. I nostri risultati confermano l ipotesi di una disfunzione dei circuiti fronto-temporo-limbici (in particolare a carico delle aree orbitofrontali e del giro del cingolo) nei pazienti affetti da disturbo di panico. Venerdì 13 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo Le psicoterapie: presente e futuro della ricerca e della prassi Moderatore F. Bogetto (Torino) The present and future of psychodynamic psychotherapies: finding a secure theoretical and evidential base J. Holmes Leeds Institute of Health Science, Faculty of Medicine and Health, University of Leeds I shall start by briefly reviewing the current evidence for the strengths and weaknesses of the case for the effectiveness of psychodynamic therapy (PDT) in treating a range of psychiatric disorders, including Depression and Personality Disorders. I then address the theorypractice gap in PDT: we know that PDT is effective but what are its active ingredients and how, if at all to they relate to the voluminous edifice of psychodynamic theory? Drawing on contemporary research in developmental psychopathology I suggest that attachment theory helps inform how PDT works in all three components of effective psychotherapy: the therapeutic relationship, meaning-making, and change promotion. I will emphasize particularly the recently developed concept of mentalisation. This overarching skill, applicable not just to PDT and transmitted from therapist to patient refers to the capacity to think about thinking, or to see oneself from the outside and others from the inside. I shall suggest that establishing the preconditions for mentalising, mentalising itself, and mentalising in the presence of the therapeutic relationship, comprise the unique contribution of PDT the psychotherapeutic spectrum. Recent developments in interpersonal psychotherapy J.C. Markowitz Cornell University Medical College and New York Hospital Interpersonal Psychotherapy (IPT), developed in the 1970 s by the late Gerald L. Klerman, Myrna M. Weissman, and colleagues, is one of the best empirically tested time-limited psychotherapies. Its testing in a series of randomized controlled trials has led to its inclusion in treatment guidelines. It has become an established primary treatment for major depressive disorder, bulimia, and an adjunctive treatment for bipolar disorder. This presentation will discuss the recent evolution of IPT. Some issues I will discuss concern the development and dissemination of empirically based psychotherapies generally. Topics include: 1. Ongoing research testing for different disorders. IPT has shown promise in treating mood, eating, and anxiety disorders. It has had negative findings in studies of substance abuse and chronic depression. Where is IPT heading and where is it likely to be successful? When is it preferable to other empirically validated treatments? 2. Adaptations of IPT to different formats include group, conjoint (couples), and telephone versions. IPT has been adapted for use by non-mental health professionals (Interpersonal Counseling). IPT has been shortened to as few as eight sessions and expanded to multi-year maintenance format. It has been altered in small and in major ways: for example, for different disorders, cultures, and as part of the hybrid Interpersonal Social Rhythms Therapy (IPSRT).

9 Sessioni Plenarie.. To what degree can a therapy be adapted and still be considered the same therapy: i.e., when does IPT become not-ipt? Process research. Most IPT research has assessed outcome. Which are IPT s active ingredients and which are inert? Dissemination. Compared to cognitive behavior therapy, IPT has spread slowly. Italy is a place where therapists are learning IPT. An International Society of Interpersonal Psychotherapy (ISIPT) now exists that holds regular scientific meetings. What standards should exist for IPT a) as a research therapy and b) as a clinical skill? Novità e prospettive delle psicoterapie cognitivocomportamentali G.A. Fava Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna Recentemente la ricerca sulle psicoterapie cognitivocomportamentali ha registrato importanti sviluppi che hanno prodotto sia innovazioni tecniche che aspetti applicativi. Dal punto di vista tecnico sono stati proposti nuovi approcci come la Mindfulness Based Cognitive Therapy e la Well-BeingTherapy con lo scopo primario di aumentare il livello di remissione dei disturbi affettivi. Dal punto di vista applicativo un numero crescente di studi controllati suggerisce l utilità delle psicoterapie cognitivo comportamentali in ambiti diversi da quelli tradizionali, come nella schizofrenia, nella somatizzazione e nei disturbi alimentari e del sonno. Il modello sequenziale (farmacoterapia seguita da psicoterapia indirizzata alla sintomatologia residua e alla promozione del benessere psicologico) ha portato a sostanziali benefici rispetto alla percentuale di ricadute nella depressione. Sempre più emerge il concetto che la psicoterapia cognitivo-comportamentale è una forma di auto-terapia guidata, che può assumere forme molto diverse. Ciò che veramente la caratterizza è l importanza di quello che un paziente fa tra una seduta e l altra (homework), più che quello che avviene nella seduta. Come tutte le terapie ha delle controindicazioni e può risultare efficace in non più di 2/3 dei pazienti. Esiste quindi la necessità di disporre di trattamenti psicoterapici e farmacologici alternativi. Studi di follow-up su pazienti depressi od ansiosi indicano come i benefici tendano a persistere nel tempo. Sabato 14 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo La psichiatria di comunità: evidenze, esperienze e prospettive Moderatore M. Casacchia (L Aquila) Work, empowerment and recovery for people with severe mental illness: what is realistic? R. Warner Director, Colorado Recovery, Boulder, Colorado; University of Colorado, Denver, Colorado Work empowers people with serious mental illness by reinforcing their social roles and sense of belonging. In so doing, it helps them recover from illness. This presentation will offer evidence for these claims. An analysis of outcome research conducted in the developed world points to substantial recovery rates from schizophrenia throughout the entire twentieth century. Long-term studies confirm that outcome is better still in the developing world. A recently developed vocational rehabilitation model, supported employment, has proven effective in the US and Europe in returning a large proportion of people with serious mental illness to competitive work. Threaded through this research is evidence that working is related to social inclusion, empowerment and recovery and that disincentives to employment in modern economic disability support systems are a serious impediment to recovery. How should we open up the avenues to recovery and push aside the obstacles? I servizi di salute mentale di comunità. Strategie organizzative, formazione, ricerca e pratica. Una sfida sostenibile M. Tansella Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica e WHO Collaborating Centre for Research and Training in Mental Health and Service Evaluation, Università di Verona Con lo spostamento del fulcro dell assistenza psichiatrica dall ospedale al territorio si è reso necessario un adeguamento delle strategie organizzative dei servizi di salute mentale. Tali strategie, necessariamente più com-

10 Sessioni Plenarie plesse di quelle che hanno regolato in passato il funzionamento dell ospedale psichiatrico, devono basarsi su di un set di direttive generali, che sono state raggruppate in tre categorie: i principi etici, le evidenze scientifiche e le esperienze. Il modello che, alla luce delle ricerche più convincenti, si è dimostrato più adatto a rispondere ai bisogni dei pazienti, è un modello di stepped care bilanciato, con componenti territoriali e ospedaliere (localizzate in ospedale generale) integrate. Per sviluppare, implementare e valutare un modello di questo tipo sono richieste competenze, risorse adeguate, abilità, conoscenze ed esperienze tecnico-scientifiche aggiornate. Poiché queste strategie organizzative complesse richiedono anche continui aggiustamenti ed una manutenzione degli assetti organizzativi basata sui risultati ottenuti nel contesto in cui si opera e sull esito delle cure e dei trattamenti, coloro che hanno la responsabilità di proporle e metterle in atto devono avere anche familiarità con le tecniche di valutazione degli interventi e dei servizi di salute mentale e con l interpretazione critica dei dati della letteratura. Se le strategie organizzative costituiscono la cornice di riferimento dell attività assistenziale e clinica, la cui importanza oggi non può più essere ignorata, le tecniche terapeutiche, gli strumenti e gli interventi utilizzati, che rappresentano il contenuto della psichiatria di comunità, continuano ad avere un ruolo decisivo. Anche la scelta di questi ultimi, nel singolo caso, deve essere guidata da principi etici, da evidenze scientifiche e dall esperienza clinica. La psichiatria di comunità moderna è chiamata quindi a confrontarsi con bisogni assistenziali, scelte terapeutiche ed esigenze di valutazione simili a quelli e che devono fronteggiare altre discipline mediche. Questo confronto non può prescindere, nell Università e nei luoghi in cui le risorse sono adeguate, da una forte integrazione tra attività assistenziali e di cura, formazione e ricerca. Si tratta di un impegno difficile oltre che complesso, ma la sfida è sostenibile. La relazione sarà illustrata da dati e da esempi tratti dalle ricerche e dalle esperienze condotte negli ultimi trent anni dalla Clinica Psichiatrica e dal Servizio Psichiatrico Territoriale dell Università di Verona. Lo psichiatra nella comunità tra evidenze, esperienze e responsabilità L. Ferrannini Dipartimento Salute Mentale, ASL 3 Genovese Il dibattito sviluppatosi in questo ultimo decennio nel nostro campo, ha evidenziato con forza la necessità di riscoprire il senso della psichiatria, in un momento di particolare contraddizione delle pratiche, ma anche dell immagine sociale della disciplina e dei professionisti. Possiamo infatti dire che la psichiatria, le sue istituzioni e le sue prassi, sono sempre prodotti della cultura, e soprattutto dell etica, del tempo in cui si definiscono e si manifestano; ma che il compito della psichiatria è anche quello di consentire la esistenza (ed il diritto) della diversità e della differenza, di interrogarsi sulle domande e sui problemi emergenti, ricercando traiettorie d incontro e di relazione che possono dare senso ai percorsi di cura, ma anche alle storie di sofferenza di persone e gruppi. Date queste premesse, cercheremo di delineare schematicamente alcune aree, a nostro parere problematiche, in cui si declina questo ineludibile ed interminabile lavoro di mediazione e di sintesi.

11 SIMPOSI SPECIALI

12

13 Simposi Speciali Mercoledì 11 Febbraio 2009 ore Sala Michelangelo SS1. Soggettività e cognizione sociale in psicopatologia Coordinatore M. Casacchia Two kinds of subjectivity J. Strauss Department of Psychiatry, Yale University School of Medicine, New Haven, USA There are two kinds of subjectivity in Psychiatry. Both are basic to the field, both pose major problems for us. The first subjectivity is that of the field of psychiatry itself. Our discipline has a history of changes in defining what methods, information, and ways of thinking are acceptable. These changing ideas, our own subjectivity, are basic to our training, our research and our practice which are structured to fit our beliefs of how we should think and what data we should notice. These beliefs have varied wildly over the years and are different in different cultures and in various schools of thought. The second subjectivity is that of the people suffering from psychiatric problems. Because of our own subjectivity, there is a wide variation in which aspects of their subjectivity we notice. The subjectivity to which we attend may be what we call symptoms, like hearing voices or feeling persecuted or depressed. Or we may focus on more complex feelings such as those of patients relations with other people, their feelings about themselves or their personal history. But even more subtle subjective phenomena may be crucial such as those that cannot be readily communicated or grasped by methods using traditional approaches to eliciting and considering patients experience. In this presentation, using examples from encounters outside of traditional psychiatric settings, such as experiences of home visits, research interviews, and collaborating with a woman who works as a clown on a geriatric ward in Paris, I will focus on how the subjectivity of the professional as it determines the structure of his or her work interacts with the various subjectivities of the patient. These encounters suggest how we may get beyond the narrow limits of understanding human processes that we often impose on ourselves and how we can increase greatly our understanding of patients subjectivity. La cognizione sociale all esordio della psicosi M. Casacchia Dipartimento di Scienze della Salute, Università dell Aquila La cognizione sociale è un fenomeno complesso che coinvolge numerose capacità distinte tra loro (teoria della mente, capacità empatiche, comprensione delle intenzioni, giudizio estetico) (Montag, 2006). Studi recenti hanno messo in evidenza in maniera univoca che il deficit di cognizione sociale è presente nella schizofrenia indipendentemente dalla gravità sintomatologica e dal numero di anni di malattia. Ancora pochi e poco esaustivi sono i dati di letteratura relativi ai deficit di cognizione sociale presenti al primo episodio (Bertrand, 2007) e focalizzati esclusivamente su un singolo aspetto cioè sulla Teoria della Mente, ovvero la capacità di leggere gli stati mentali altrui. In realtà la letteratura ha recentemente posto l attenzione anche su altre capacità alla base della cognizione sociale, quali comprensione delle intenzioni e capacità empatiche, inclusa la capacità di provare emozioni davanti ad immagini artistiche. Alla luce di tali premesse il presente studio si è proposto di analizzare le diverse componenti della cognizione sociale in soggetti al primo episodio di disturbo psicotico. Ha partecipato allo studio una popolazione di 30 soggetti al primo episodio di un disturbo psicotico ed un gruppo di 30 soggetti affetti da un disturbo di personalità (DSM-IV-R, APA, 2000). Al momento della valutazione i soggetti erano tutti utenti del servizio Smile della Clinica Psichiatrica dell Università dell Aquila, servizio indirizzato al rilevamento precoce dei disturbi psichici nei giovani. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad una valutazione clinica, neuropsicologica standard e ad una valutazione della cognizione sociale mediante compiti di falsa credenza (TOM); un compito di priming affettivo (empatia); compiti di orientamento dell attenzione guidati da indizi sociali; direzione dello sguardo (comprensione delle intenzioni) ed un compito di giudizio su stimoli artistici (statue in cui erano state modificate le proporzioni dei soggetti raffigurati). I soggetti sono stati tutti inoltre sottoposti ad una valutazione clinica e neuropsicologica standard. I punteggi dei due gruppi sono stati confrontati con quelli di una popolazione di soggetti sani di pari età e scolarità. I risultati hanno evidenziato deficit nel riconoscimento e condivisione delle emozioni e nella comprensione della falsa credenza nei soggetti al primo episodio di un disturbo psicotico, mentre non si sono evidenziati deficit nei soggetti con disturbo di personalità, che non differivano dai controlli sani. Inoltre quando i soggetti con il disturbo psicotico dovevano esprimere un giudizio di piacevolezza nei confronti di stimoli artistici non mostravano differenze nella risposta a stimoli piacevoli vs. non piacevoli, al contrario dei soggetti con disturbo Giorn Ital Psicopat 2009;15(Suppl 1):

Il delirium: problematiche extraospedaliere

Il delirium: problematiche extraospedaliere Roma, 19 marzo 2015 Il delirium: problematiche extraospedaliere Marco Trabucchi Università di Roma Tor Vergata Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Associazione Italiana Psicogeriatria 1 Intensive Care

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia)

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia) La vita in gioco ed il gioco della vita (comportamenti ti estremi dell adolescente e psicopatologia) p M. Vaggi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genovese

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri La cura oltre il paziente : corsi per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri Chi è il caregiver? Un inchiesta tra i familiari Il caregiver E una donna nel 70% dei casi E un figlia/o nel 47% E il coniuge

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Prof.ssa Armida Mucci Dipartimento di Salute Mentale e Fisica e Medicina Preventiva Università di Napoli SUN Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST - PARTUM

LA DEPRESSIONE POST - PARTUM LA DEPRESSIONE POST - PARTUM SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 2010-2013 REGGIO EMILIA 22 MARZO 2013 Il pediatra è un osservatore privilegiato della mamma e del suo bambino:

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

ROMA, 12-13 MARZO 2016

ROMA, 12-13 MARZO 2016 Associazione di Psicologia Cognitiva Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA S.R.L. ASSOCIAZIONE DI PSICOLOGIA COGNITIVA Direttore delle scuole : Prof. Francesco Mancini

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa

Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa Teresa Di Fiandra Ministero della Salute Roma, 18 Aprile 2015 Le strategie internazionali World Health Organization WHO AIMS a tool for gathering

Dettagli

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE AMIETIP- FIRENZE, 1 DICEMBRE 2011 L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE ACCADEMIA MEDICA INFERMIERISTICA DI EMERGENZA E TERAPIA INTENSIVA

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

La formulazione del caso clinico. GARN - Bologna 7 Maggio 2016

La formulazione del caso clinico. GARN - Bologna 7 Maggio 2016 La formulazione del caso clinico 1 R O M A N A S C H U M A N N E L A B O R A Z I O N E D E L G R U P P O N E T W O R K E R / M E B O Z Z A D E L L A C A R T E L L A C L I N I C A S I S D C A FORMULAZIONE

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

L ASSOCIAZIONE. Forma i terapisti alle metodologie cognitivo-comportamentali.

L ASSOCIAZIONE. Forma i terapisti alle metodologie cognitivo-comportamentali. L ASSOCIAZIONE Si prende cura dei bambini autistici dai 2 ai 14 anni, mediante percorsi cognitivocomportamentali, personalizzati e intensivi per migliorare la qualità della loro vita subito e per il futuro.

Dettagli

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO raffaella ada colombo Mese delle dipendenze Locarno- Lugano 20-27.11.2014 UTAH ADDICTION CENTER UNIVERSITY OF UTAH Barbara Sullivan Vie cerebrali

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra?

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra? Strumenti per la sorveglianza e la presa in carico dei soggetti autistici: il ruolo dei pediatri 27 29 novembre 2013 Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

La riabilitazione del paziente anziano depresso

La riabilitazione del paziente anziano depresso 20 Gennaio 2012 Le malattie tipiche della terza e quarta età La riabilitazione del paziente anziano depresso Sara Morghen Outline Introduzione La depressione nel paziente ospedalizzato La depressione in

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011 I dis turbi dello s pettro a utis tic o C rem o na, 12 m a g g io 2011 Diagnosi Disturbo del comportamento sociale sguardo, attenzione condivisa, reciprocità Disturbo della comunicazione e del linguaggio

Dettagli

Dr Sylvia Rigardetto CURRICULUM VITAE. Personal information: Birth place and date: Turin, 8 May 1980 Email: sylvia.rigardetto@gmail.

Dr Sylvia Rigardetto CURRICULUM VITAE. Personal information: Birth place and date: Turin, 8 May 1980 Email: sylvia.rigardetto@gmail. Dr Sylvia Rigardetto CURRICULUM VITAE Personal information: Birth place and date: Turin, 8 May 1980 Email: sylvia.rigardetto@gmail.com Education and training: - High School: Liceo Classico Massimo D Azeglio,

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

H4101D026 - PSICHIATRIA E PSICOLOGIA CLINICA

H4101D026 - PSICHIATRIA E PSICOLOGIA CLINICA Testi del Syllabus Resp. Did. CLERICI MASSIMO Anno offerta: 2015/2016 Insegnamento: H4101D026 - PSICHIATRIA E PSICOLOGIA CLINICA Corso di studio: H4101D - MEDICINA E CHIRURGIA Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

01 safety leader. FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety

01 safety leader. FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety 01 safety leader FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety ( Progettualità e concretezza, passione e impegno ( La Fondazione LHS nasce con lo scopo di produrre conoscenza e proporre strumenti di intervento

Dettagli

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 Quali bisogni in cure palliative pediatriche Individuarli per orientare la risposta assistenziale Dorella Scarponi, Ivanna Gasparini Domain

Dettagli

Agli albori della salute: prevenzione e cura della depressione post-natale Riva del Garda, 31 Gennaio 2009. Andrea Gaddini

Agli albori della salute: prevenzione e cura della depressione post-natale Riva del Garda, 31 Gennaio 2009. Andrea Gaddini Elaborazione e sviluppo di iniziative preventive di riconosciuta efficacia per individuare e ridurre il rischio di suicidio, di tentato suicidio e di depressione post partum Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION CUSLS BL1 ~ PROVIDER CANINE ULTRASOUND LIFE SUPPORT 'USCMC LEVEL 1 CERTIFICATION SKILL SET ENTRY COURSE FOR USLS BL1-P [ULTRASOUND LIFE SUPPORT - BASIC LEVEL 1 - PROVIDER] ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

Dettagli

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme INFORMAZIONI PERSONALI Nome Corace Eleonora Data di nascita 15/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigene Medico Specialista in Psichiatria AZIENDA SANITARIA

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO Luigi Saccà, Università Federico II Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 thestudylacksadequatecontrol ClinicalTrial.gov A service ofthe U.S. NIH CHARACTERISTICS

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE. Antonio Lora

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE. Antonio Lora LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE Antonio Lora Il ruolo della continuità terapeutica in salute mentale Un esempio concreto: la continuità nei disturbi mentali gravi in Lombardia La continuità

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP.

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP. La Cochrane Library è il principale prodotto della Cochrane Collaboration. Si tratta di un Database che raccoglie tutte le revisioni sitematiche (RS) prodotte dalla Cochrane Collaboration ed i protocolli

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi

DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione. Dott.ssa Francesca Benassi DGS, Autismo e Agnosia Verbale Uditiva: CAA per favorire lo sviluppo cognitivo e la Comunicazione Dott.ssa Francesca Benassi Le abilità linguistiche nell autismo sono molto compromesse. Circa il 50% dei

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli