REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER S DEGREE IN EUROPEAN AND INTERNATIONAL STUDIES LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI E INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER S DEGREE IN EUROPEAN AND INTERNATIONAL STUDIES LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI E INTERNAZIONALI"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER S DEGREE IN EUROPEAN AND INTERNATIONAL STUDIES LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI E INTERNAZIONALI

2 INDICE Titolo I - Istituzione ed attivazione...3 Art. 1 Informazioni generali...3 Art. 2 - Commissione didattica paritetica...3 Titolo II - Obiettivi formativi e risultati attesi...3 Art. 3 - Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali...3 Titolo III Conoscenze verificate all accesso e numero di iscritti...6 Art. 4 - Programmazione locale degli accessi...6 Art. 5 - Conoscenze richieste per l accesso e modalità di verifica della preparazione iniziale...6 Art. 6 Trasferimenti in ingresso e numerosità studenti iscritti...7 Titolo IV - Organizzazione didattica e svolgimento del percorso formativo...8 Art. 7 Svolgimento attività formative e delle forme di verifica...8 Art. 8 Iscrizioni agli anni di corso...10 Art. 9 Piani di studio...10 Art. 10 Obblighi di frequenza e tutorato...11 Art. 11 Conseguimento del titolo...10 Art. 12 Valutazione attività didattica...11 Titolo V Norme finali e transitorie...11 Art. 13 Modifiche, entrata in vigore e validità del regolamento...11 Pagina 2 di 14

3 Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 Informazioni generali 1. Il Master s Degree in European and International Studies Laurea appartiene alla Classe LM-52 Relazioni Internazionali di cui al DM 21 luglio La struttura didattica responsabile è la Scuola di Studi Internazionali, struttura interfacoltà alla quale concorrono le Facoltà di Economia, Giurisprudenza, Lettere e Filosofia e Sociologia. 3. L attività didattica si svolge presso la Scuola di Studi Internazionali dell Università degli studi di Trento. L indirizzo internet del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali è il seguente: 4. Il presente regolamento didattico viene redatto in conformità all ordinamento dell anno Il presente regolamento didattico si applica agli studenti iscritti a partire dall anno accademico 2011/ Il Presidente del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali è il docente eletto dal Consiglio di Corso di Laurea come responsabile del Corso. L organo cui è attribuita la responsabilità di predisporre: l ordinamento, il regolamento, il manifesto degli studi e di decidere sulle carriere degli studenti è la Giunta del Consiglio del Corso di Laurea, organo ristretto rappresentativo del Consiglio di Corso di Laurea, formato dal Presidente del Consiglio del Corso di Laurea e da un rappresentante indicato da ciascuna Facoltà costituente la Scuola. 7. Le attività di ricerca a supporto delle attività formative sono elencate sul sito della Scuola di Studi Internazionali all indirizzo internet 8. Il Corso è attivato dall anno accademico 2004/2005 mediante inserimento nella banca dati dell Offerta Formativa. Art. 2 - Commissione didattica paritetica 1. Commissione didattica paritetica o analoga struttura di rappresentanza studentesca. La Giunta del Consiglio di Corso di Laurea provvede alla valutazione e al monitoraggio del carico di lavoro richiesto agli studenti, al fine di garantire la corrispondenza tra i CFU attribuiti alle diverse attività formative ed il carico di lavoro effettivo. Titolo II - Obiettivi formativi e risultati attesi Art. 3 - Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali 1. Obiettivi formativi specifici del corso Il Master s Degree in European and International Studies Laurea si propone di formare figure professionali in grado di operare in contesti internazionali e di facilitare la comprensione, l interpretazione e la gestione delle trasformazioni economiche, giuridiche, politiche e sociali del mondo contemporaneo. Obiettivo del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali è la formazione di figure professionali in grado di svolgere attività di analisi e di ricerca economica, giuridica, politico-sociale di natura istituzionale e comparata, che sappiano dialogare con esperti di molteplici discipline in un contesto caratterizzato da processi di integrazione regionale e da problemi legati alla sicurezza internazionale, alla povertà, allo sviluppo economico, alla democratizzazione e alla tutela e alla promozione dei diritti umani. A tal fine viene incoraggiato un apprendimento sistematico e criticamente consapevole con un approccio di tipo interdisciplinare. Una particolare attenzione è rivolta all apprendimento dei metodi d analisi Pagina 3 di 14

4 quantitativa e qualitativa e delle dinamiche economiche e demografiche, dell interazione tra individui e collettività, nell ambito delle istituzioni e dei sistemi di governance europei e internazionali. L'attivazione di specifici corsi in ambito linguistico favorisce lo sviluppo di capacità di comunicazione di tale analisi a interlocutori specialisti. Gli studenti sono indirizzati a svolgere tirocini e stages formativi presso imprese nazionali e multinazionali, enti e amministrazioni pubbliche nazionali o internazionali, nonché presso le istituzioni dell'unione Europea. Gli insegnamenti del corso di laurea magistrale sono impartiti in lingua inglese; alcuni insegnamenti tuttavia potrebbero eccezionalmente essere impartiti in altre lingue dell'unione Europea. Durante il corso di studi saranno inoltre offerti corsi di lingua italiana per consentire a tutti gli studenti di acquisirne una conoscenza adeguata. In particolare, i corsi offerti si concentreranno sulle tematiche proprie degli studi europei e dell'integrazione regionale, sulle organizzazioni economiche internazionali, sullo sviluppo economico e sugli studi internazionali, in particolar modo riguardo gli aspetti delle relazioni diplomatiche, della sicurezza internazionale e della trasformazione del sistema internazionale. I vari corsi mirano a offrire conoscenze istituzionali e storiche e il metodo d'analisi necessario per la comprensione degli aspetti principali delle tematiche da essi affrontate. 2. Risultati di apprendimento attesi I laureati del corso di laurea magistrale, in funzione delle diverse tematiche oggetto del percorso di studio, dovranno consolidare la formazione di base ed arrivare a padroneggiare conoscenze di livello avanzato di tipo giuridico, economico, politologico, sociologico e storico. Essi dovranno essere consapevoli dei principali problemi metodologici che gli studiosi di relazioni internazionali devono affrontare e quindi apprendere le strategie e gli strumenti migliori per rispondere a diverse domande di ricerca sul campo. I laureati dovranno disporre delle conoscenze per affrontare e interpretare le problematiche relative alla dimensione internazionale dei fenomeni dell'integrazione regionale e internazionale. In particolare dovranno comprendere il funzionamento delle istituzioni europee e l interazione di queste con gli Stati membri, le dinamiche politiche e sociali all interno dell Unione Europea, nonché il ruolo, il funzionamento economico e il fondamento giuridico del mercato unico e della politica monetaria comune. I laureati dovranno disporre delle conoscenze per comprendere le problematiche relative alla sicurezza internazionale e allo sviluppo economico. Dovranno conoscere l evoluzione e lo stato attuale del dibattito relativo alle determinanti della crescita e dello sviluppo e comprendere le cause fondamentali (di natura economica, storica, politica, sociale e giuridica) che hanno rallentato lo sviluppo economico dei paesi e che hanno reso complesso l affrancamento dalla povertà umana ed economica in molti paesi ed aree. I laureati dovranno comprendere la struttura e le modalità operative delle maggiori istituzioni internazionali e di altre organizzazioni, governative e non, che si sono attivate per la promozione dello sviluppo economico e la lotta alla povertà. I laureati dovranno comprendere l evoluzione e lo stato attuale del dibattito relativo alla tutela dei diritti fondamentali, tanto nell ambito comunitario quanto internazionale. Dovranno conoscere la struttura e le modalità operative delle istituzioni internazionali e sopranazionali che sono impegnate nella definizione, nella promozione e nella difesa dei diritti dell uomo. I laureati dovranno saper valutare in modo critico le conseguenze sociali, economiche e politiche delle norme e delle politiche nazionali e internazionali, comprendendo le forze propulsive e gli elementi che ostacolano la tutela e la promozione di tali diritti. Gli studenti dovranno acquisire abilità linguistiche e comunicative che permettano loro di comprendere testi, dibattiti, rapporti e studi avanzati e di trasmettere le loro conoscenze, i risultati delle ricerche e le considerazioni critiche ad un pubblico di specialisti e non. A questo fine, inoltre, essi dovranno acquisire anche le abilità informatiche necessarie alla raccolta, alla elaborazione e alla diffusione di dati, informazioni e fonti. Essi, attraverso il dibattito in classe, la partecipazione a seminari con docenti esterni e la presentazione di propri lavori nell ambito delle attività didattiche, dovranno anche apprendere abilità relazionali utili a inserirsi con facilità in ambienti internazionali competitivi e dinamici. Pagina 4 di 14

5 Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso attività didattiche d aula che prevedono, oltre alle lezioni frontali, dei momenti di confronto e di dibattito su casi tratti dalla realtà e su rapporti elaborati dalle istituzioni internazionali. L attività di insegnamento delle lingue straniere viene rafforzata dalla predisposizione di un laboratorio linguistico orientato all insegnamento dei lessici disciplinari e delle terminologie in uso presso le istituzioni internazionali. I risultati dell apprendimento saranno verificati tramite prove d esame, relazioni individuali e lavori di gruppo. Gli studenti devono dimostrare di essere capaci di applicare le loro conoscenze manifestando così un approccio professionale al loro lavoro e una metodologia corretta per la comprensione e la soluzione dei problemi tipici delle relazioni internazionali. Essi devono essere in grado di raccogliere e interpretare i dati di tipo giuridico, economico, sociale, politico e storico nel campo degli studi internazionali, dimostrando al contempo di discernere le fonti disponibili, valutandone l autorevolezza e l attendibilità. Gli studenti dovranno anche essere in grado di collocare un avvenimento nel suo contesto storico, comprendere le ragioni e le motivazioni degli attori coinvolti nei processi decisionali a livello internazionale e interpretare fatti e avvenimenti oggetto del loro campo di studio, avvalendosi dei dati disponibili e delle conoscenze acquisite nel campo dell economia, della scienza politica, della sociologia e del diritto. I laureati del corso di laurea magistrale devono riuscire a elaborare e sostenere argomentazioni originali nell analisi delle sfide derivanti dai processi di globalizzazione e internazionalizzazione, dall integrazione regionale e dalle esigenze poste a tutela dei diritti fondamentali e alla loro promozione. Essi devono saper utilizzare le competenze interdisciplinari necessarie per l'ideazione, la redazione, l'attuazione e il monitoraggio di programmi di cooperazione internazionale per la tutela dei diritti umani, di sostegno allo sviluppo economico e di rafforzamento dei processi di democratizzazione. I laureati del corso di laurea magistrale acquisiranno la capacità di comprendere in modo autonomo la complessità dei processi di integrazione regionale e internazionale dello sviluppo e di valutarne criticamente le implicazioni. E obiettivo della laurea magistrale, inoltre, lo sviluppo della capacità degli studenti di selezionare, utilizzare e interpretare fonti di tipo diverso, al fine di offrire una lettura critica e originale di fenomeni di natura complessa. Gli obiettivi formativi verranno perseguiti attraverso una didattica finalizzata a rafforzare lo spirito critico degli studenti nell analisi dei fenomeni nelle relazioni internazionali. I laureati del corso di laurea magistrale acquisiranno le competenze necessarie per utilizzare fluentemente, oltre alla lingua inglese, in forma scritta e orale, la lingua italiana e un'altra lingua straniera, al fine di poter comunicare con efficacia le conoscenze acquisite e i risultati dell'analisi empirica. A tale riguardo, verrà rivolta una particolare attenzione all'utilizzo del lessico disciplinare appropriato. Verrà inoltre sviluppata la capacità di presentare e argomentare di fronte a interlocutori specialisti e non specialisti le proprie posizioni e i risultati delle ricerche compiute. Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso esercitazioni in forma scritta e orale, lavori di gruppo, relazioni scritte individuali e nell'ambito di seminari volti tanto all'apprendimento delle tecniche di presentazione dei risultati quanto a una verifica dell'acquisizione delle stesse. I laureati del corso di laurea magistrale acquisiranno gli strumenti per organizzare e sviluppare la propria carriera lavorativa in ambito internazionale. Gli studi intrapresi nel corso della laurea magistrale favoriranno la capacità di sviluppare ulteriori interessi di ricerca da perseguire negli eventuali successivi livelli di formazione avanzata. La capacità di apprendimento si otterrà anche attraverso l insegnamento di una metodologia che consenta agli studenti di proseguire gli studi in maniera autonoma. Infine, la capacità di apprendimento verrà verificata attraverso prove intermedie e la prova di esame finale. 3. Sbocchi occupazionali e professionali I laureati in European and International Studies - Studi europei e internazionali potranno: Pagina 5 di 14

6 - operare in qualità di funzionari di istituzioni e organizzazioni, anche non governative, europee e internazionali; - operare nel settore privato in imprese e organizzazioni attive in ambito internazionale, in particolare inserendosi in contesti operativi connessi con le agenzie di consulenza e di progettazione che si occupano di integrazione regionale e di problemi di sviluppo economico; - prepararsi, con una base di conoscenze solide, agli esami di accesso alla carriera diplomatica; - operare in qualità di esperti di problemi di democratizzazione, sviluppo economico e garanzia dei diritti umani in organizzazioni internazionali, governative e non-governative; - prepararsi per l'accesso a programmi di dottorato di ricerca nel campo degli studi europei e internazionali. Il Corso prepara alle professioni di: Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze economiche, politiche, sociali e statistiche Specialisti dei sistemi economici Redattori di testi tecnici Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell antichità, filologico-letterarie, storiche, filosofiche, pedagogiche, psicologiche e giuridiche Esperti legali in enti pubblici Specialisti dell economia aziendale Specialisti in scienza politica. Titolo III Conoscenze verificate all accesso e numero di iscritti Art. 4 - Programmazione locale degli accessi 1. Il Master s Degree in European and International Studies Laurea è ad accesso programmato. Il numero massimo di studenti che possono essere ammessi per ciascun anno accademico viene indicato nel bando di selezione che viene pubblicato nel mese di gennaio di ciascun anno all indirizzo internet Art. 5 - Conoscenze richieste per l accesso e modalità di verifica della preparazione iniziale 1. Conoscenze richieste per l accesso. Gli studenti interessati all iscrizione al Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali devono presentare l application online, osservando modalità, termini e condizioni previste per ciascun anno accademico dal bando di selezione. L accesso al Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali è subordinato, anche nel caso in cui lo studente chieda il trasferimento da altro Corso di Laurea Magistrale, al possesso, previa verifica, dei seguenti requisiti curricolari: - essere in possesso di laurea di primo livello (di almeno 180 crediti), conseguita in Università italiane o titolo conseguito all estero e riconosciuto idoneo ; - avere una buona padronanza della lingua inglese (livello B2); - avere la conoscenza di base di una seconda lingua straniera tra quelle impartite dall Ateneo. - avere una preparazione personale ed esperienze formative e professionali adeguate alla natura interdisciplinare della laurea. 2. Modalità di verifica della preparazione iniziale. Pagina 6 di 14

7 Il livello minimo di conoscenze di preparazione specifica comprende di norma l equivalente di almeno 60 CFU relativi a insegnamenti appartenenti ad almeno due dei seguenti raggruppamenti disciplinari che includono in particolare i settori scientifico-disciplinari di seguito elencati: - raggruppamento storico e filosofico: L-OR/10, M-FIL/02, M-FIL/03, M-FIL/06, M-STO/02, MSTO/03, M-STO/04, SECS-P/12, SPS/02, SPS/03, SPS/05, SPS/06, SPS/13, SPS/14; - raggruppamento economico: M-GGR/02, SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/03, SECS-P/04, SECS-P/05, SECS- P/06, SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-S/01, SECS-S/03, SECS-S/04, SECSS/05; - raggruppamento giuridico: IUS/01, IUS/02, IUS/03, IUS/04, IUS/05, IUS/06, IUS/07, IUS/08, IUS/09, IUS/10, IUS/11, IUS/12, IUS/13, IUS/14, IUS/15, IUS/16, IUS/17, IUS/18, IUS/19, IUS/20, IUS/21; - raggruppamento politologico: SPS/01, SPS/04; - raggruppamento sociologico: M-DEA/01, M-PED/01, M-PSI/05, SPS/07, SPS/08, SPS/09, SPS/10, SPS/11, SPS/12; - raggruppamento linguistico: L-LIN/04, L-LIN/07, L-LIN/09, L-LIN/12, L-LIN/14, L-LIN/21, L-OR/12, L-OR/21, L- OR/22. Il possesso di tali requisiti è accertato mediante la verifica del curriculum e una valutazione, secondo le modalità e le procedure indicate nel bando di ammissione, sull'adeguatezza della preparazione del candidato. Questa verifica si svolgerà sulla base di criteri (quali, ad esempio, la valutazione dei titoli, del curriculum, delle motivazioni, del livello di conoscenza linguistica) che verranno determinati nello specifico da una apposita Commissione di valutazione nominata annualmente dal Direttore della Scuola di Studi Internazionali. Art. 6 Trasferimenti in ingresso e numerosità studenti iscritti 1. Trasferimenti da altri CdS, altri Ordinamenti, altri Atenei. a. Sono ammessi trasferimenti da altri Corsi di Laurea Specialistica o Magistrale al Master s Degree in European and International Studies Laurea, previo superamento della selezione. b. Il riconoscimento dei CFU conseguiti nell ambito di un Master o di un Corso di Laurea Specialistica o Magistrale relativi a esami affini ai corsi del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali potrà essere effettuato dalla Giunta del Consiglio del Corso di Laurea previa verifica della compatibilità dei programmi dei corsi svolti con quelli del Master s Degree in European and International Studies Laurea, a seguito della valutazione del curriculum formativo del candidato da parte del responsabile del Corso di Laurea o di un suo delegato. Il riconoscimento è soggetto ad approvazione della struttura didattica che potrà inoltre valutare la non obsolescenza dei contenuti formativi. I crediti riconosciuti sono attribuiti tenendo conto della compatibilità con i settori scientifico-disciplinari previsti dal Master s Degree in European and International Studies Laurea e del contributo delle attività al raggiungimento degli obiettivi formativi del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali. La struttura didattica responsabile può riconoscere, entro il limite massimo di 12 crediti, competenze e abilità professionali certificate, tenendo conto che, ai sensi dell art. 4 comma 3 del D.M. 16 marzo 2007 le attività già riconosciute ai fini dell attribuzione di crediti formativi universitari nell ambito di Corsi di Laurea non possono essere nuovamente riconosciute come crediti formativi nell ambito del Corso di Laurea Magistrale. Pagina 7 di 14

8 c. Le votazioni degli esami verranno attribuite alle attività formative riconosciute. Se i CFU di cui lo studente chiede il riconoscimento sono stati conseguiti presso un ateneo straniero, le votazioni verranno attribuite con l ausilio delle tabelle di conversione utilizzate nell ambito dei programmi di mobilità internazionale. 2. Utenza sostenibile. a. Il numero atteso di immatricolati per ogni anno accademico, sulla base del quale è stata programmata l attività didattica del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali è indicato nel bando annuale. Titolo IV - Organizzazione didattica e svolgimento del percorso formativo Art. 7 Svolgimento attività formative e delle forme di verifica 1. Svolgimento della attività formative e modalità di verifica/esami. a. Il calendario delle attività formative è strutturato in due semestri. b. Il numero complessivo di attività formative per il conseguimento del titolo è pari a 12. L impegno richiesto allo studente per ogni attività formativa è misurato in crediti formativi (CFU). Un CFU corrisponde a circa 25 ore di impegno complessivo per lo studente, comprese quelle dedicate allo studio individuale. Per le attività che consistono in corsi di insegnamento, ogni credito comporta almeno 6 ore di didattica frontale, eccetto che per la Lingua Inglese, per la quale sono necessarie almeno 8 ore di didattica frontale. Il lavoro formativo svolto dallo studente consiste nelle ore di lezione, di esercitazioni, di laboratori, di seminari o di altro genere, cui vanno aggiunte le ore di studio personale o comunque di impegno individuale non formalizzato. c. Sono previste due tipi di attività formative: gli insegnamenti (attribuiti a specifici settori scientifico-disciplinari) e altre attività formative (laboratori linguistici, tesi, tirocini e progetti individuali). Gli insegnamenti del Master s Degree in European and International Studies Laurea saranno impartiti in lingua inglese; alcuni insegnamenti tuttavia potrebbero eccezionalmente essere impartiti in altre lingue dell'unione Europea. d. Al termine di ciascuna attività formativa o di una sua parte, lo studente è tenuto a una verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi previsti. Nel caso degli insegnamenti la verifica è svolta sotto forma di esame, consistente in prove scritte, orali o elaborati progettuali. Per le altre attività formative la verifica è effettuata mediante specifiche prove di valutazione. e. Il voto degli esami è espresso in trentesimi con l'eventuale segno distintivo della lode.. Per le prove di valutazione si utilizzano le formule: "approvato e non approvato. Il calendario delle prove di esame prevede due tipi di prove: - esami di fine corso, integrati eventualmente da una o più prove intermedie tenute durante il periodo delle lezioni; - esami di recupero, collocati in periodi diversi rispetto a quelli delle lezioni; tali prove possono essere sostenute dagli studenti che non avessero sostenuto o superato la prova di fine corso. Gli insegnamenti del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali prevedono una sessione di esami di fine corso, relativamente ai corsi svolti nel rispettivo semestre e una sessione di recupero, che si svolgerà nel mese di settembre. Per essere ammesso a sostenere gli esami lo studente deve essersi preventivamente iscritto all appello, utilizzando le procedure online e deve essere in regola con l iscrizione. Pagina 8 di 14

9 f. Il tirocinio formativo può essere svolto presso imprese nazionali e multinazionali, enti ed amministrazioni pubbliche governative e non governative, nazionali o internazionali, nonché presso uffici dell Unione Europea. Esso può essere sostituito da soggiorni di studio presso università italiane ed europee, anche nel quadro di accordi internazionali, purché tali soggiorni siano finalizzati, almeno in parte, alla realizzazione di un progetto di tesi. Il tirocinio formativo è volto ad acquisire, oltre alla padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo. E svolto con la supervisione di un docente che funge anche da tutor del tirocinio e/o da relatore di tesi. La Giunta del Consiglio del Corso di Laurea può attribuire fino a 1 punto tesi alle attività di tirocinio svolte al secondo anno, previa verifica dell attinenza dell attività svolta rispetto al percorso formativo del Master s Degree in European and International Studies Laurea. Per il conseguimento del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali si richiede la capacità di utilizzare, oltre all inglese e all italiano, un ulteriore lingua tra quelle previste nell ordinamento e impartite dall ateneo, anche in riferimento ai lessici disciplinari. Durante il corso di studi saranno inoltre offerti corsi di lingua italiana per permettere a tutti gli studenti di acquisirne una conoscenza adeguata necessaria per conseguire la laurea. La verifica dell acquisizione delle abilità linguistiche è coordinata dal docente responsabile delle lingue della Scuola di Studi Internazionali ed è verificata con il supporto del Centro Interfacoltà per l Apprendimento delle Lingue. g. Il Direttore della Scuola di Studi Internazionali nomina annualmente per ciascun esame o verifica di profitto una commissione formata da docenti ed altri esperti dell ambito disciplinare dell attività formativa. Presidente della commissione è il docente titolare dell attività formativa che ne garantisce il corretto svolgimento. Come previsto dall art. 20, c. 5 del Regolamento Didattico d Ateneo il docente titolare dell attività formativa è responsabile della procedura di valutazione, salvo impedimento o motivi di organizzazione didattica. Può essere coadiuvato dagli altri membri della commissione. Alla formazione del giudizio partecipano tutti coloro che hanno contribuito alle diverse fasi della valutazione. Se la procedura di valutazione non riguarda prove scritte o altri elaborati, il docente responsabile è coadiuvato nella valutazione da almeno un altra persona che partecipa alla verbalizzazione. h. Il Manifesto degli Studi viene pubblicato nel mese di giugno di ciascun anno sul portale del Corso di Studio all indirizzo Il Manifesto degli Studi riporta l elenco delle attività formative attivate in ciascun anno accademico e le informazioni sull organizzazione della didattica (codice e denominazione attività, anno di corso, ore e numero CFU, Settore Scientifico-Disciplinare, tipologia attività formativa, docente, semestre di svolgimento, ecc.). La Guida contenente i syllabus delle attività formative attivate per ciascun anno accademico viene pubblicata prima dell inizio dell attività didattica all indirizzo: Ulteriori informazioni sono reperibili sul portale del Corso di studio. Art. 8 Iscrizioni agli anni di corso a. I candidati ammessi al Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali si iscrivono al primo anno entro il termine indicato nel bando annuale e rinnovano l iscrizione al secondo anno entro il termine previsto per le iscrizioni nell anno accademico successivo. Gli studenti che non conseguano il titolo entro la sessione di laurea del mese di marzo dell anno successivo a quello del rinnovo dell iscrizione al secondo anno, dovranno rinnovare l iscrizione come studenti fuori corso. Come Pagina 9 di 14

10 previsto dal Regolamento Didattico d Ateneo (art. 22, c. 2), non è consentita l iscrizione contemporanea a più di un programma formativo. Nei casi in cui non sia possibile attivare le consuete procedure di trasferimento fra corsi di studio, lo studente può chiedere per uno o più anni accademici la sospensione temporanea della carriera relativa a un corso di studio, per iscriversi e frequentare un altro corso di studio dell Ateneo o di altra Università, anche estera. b. Salvo deroghe autorizzate dal responsabile del Corso di Laurea, gli studenti possono sostenere solo gli esami dei corsi relativi all anno a cui sono iscritti o al precedente. Art. 9 Piani di studio a. Le attività didattiche del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali sono svolte nel corso del biennio secondo quanto riportato nel Manifesto annuale degli Studi. Il Piano di studio comprende le attività formative obbligatorie del primo anno e quelle obbligatorie, a scelta vincolata e a scelta libera del primo e del secondo anno. Il Piano di Studio deve essere compilato online entro il 30 novembre di ogni anno. b. l CFU a libera scelta devono risultare coerenti con il progetto formativo. Tali CFU possono essere scelti fra i corsi opzionali. In tal caso al secondo anno lo studente dovrà scegliere un corso opzionale diverso da quelli sostenuti come esami a libera scelta. Se lo studente intende inserire nel piano di studio un corso offerto da altra Facoltà dell Università di Trento, oppure un corso offerto presso Università partner nell ambito di accordi nazionali e internazionali/llp-erasmus o di altro tipo, deve chiedere l'approvazione da parte della Giunta del Consiglio del Corso di Laurea, presentando presso la Segreteria del Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali il modulo del Piano di studio cartaceo. In tal caso il modulo potrà essere presentato anche oltre il termine previsto per la compilazione dei Piani di Studio online. Art. 10 Obblighi di frequenza e tutorato 1. Obblighi di frequenza. a. La struttura didattica può stabilire annualmente i corsi per i quali è obbligatoria la frequenza. b. Eventuali obblighi di frequenza verranno resi noti tramite pubblicazione sul sito della Scuola di Studi Internazionali all inizio del primo semestre didattico di ciascun anno accademico. 2. Tutorato. a. La struttura didattica nomina il docente responsabile del tutorato e dell orientamento. Il manifesto degli studi riporta annualmente il nominativo del docente responsabile b. L attività di tutorato e orientamento è coordinata dalla Segreteria del Master s Degree in European and International Studies Laurea. Un tutor assiste gli studenti e svolge attività di orientamento al fine di una scelta consapevole del percorso formativo di ciascuno studente, anche in vista dei futuri sbocchi professionali. Art. 11 Conseguimento del titolo 1. Prova finale e conseguimento del titolo. a. Per il conseguimento del titolo lo studente deve aver acquisito i 120 crediti richiesti dal presente Regolamento. La prova finale (24 CFU) consiste nella discussione pubblica di un elaborato scritto, di norma in lingua inglese, predisposto dal candidato con la supervisione di un docente, relatore di tesi. Pagina 10 di 14

11 b. L elaborato può affrontare temi di natura teorica e pratica e deve dimostrare la capacità del candidato di trattare un argomento rilevante per il percorso di studi scelto, con autonomia e concretezza. c. La prova finale è valutata da una Commissione di Laurea Magistrale, composta da cinque membri. d. La valutazione finale tiene conto, oltre che della qualità dell elaborato, dell intero curriculum del laureando. Le modalità di attribuzione del voto finale sono riportare sul regolamento di laurea. Art. 12 Valutazione attività didattica 1. Valutazione dell attività didattica. La soddisfazione degli studenti per i diversi aspetti della didattica viene rilevata tramite la somministrazione per ciascun insegnamento attivato ogni anno accademico dei questionari per la rilevazione della qualità della didattica. Titolo V Norme finali e transitorie Art. 13 Modifiche, entrata in vigore e validità del regolamento 1. Modifiche al presente regolamento. Il presente Regolamento potrà essere modificato nel caso in cui si rendano necessarie modifiche alla struttura del percorso formativo come risulta definito nell allegato 1 parte I e II. 2. Entrata in vigore e validità. Il presente Regolamento sil applica agli studenti iscritti al Master s Degree in European and International Studies Laurea a partire dall anno accademico 2011/12 e rimane valido almeno per gli anni accademici 2011/12 e 2012/13 o comunque sino all emanazione di un successivo Regolamento. Pagina 11 di 14

12 Allegato 1 parte I - Attività formative previste dal percorso Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali: attività formative previste dal percorso formativo per le coorti di studenti iscritti a partire dall a.a. 2011/12 e successivi Denominazione dell insegnamento Contemporary History Principles of International Economics Elements of International and European Union Law Techniques and Methods in Social Sciences European and International Politics English Language Language Laboratory Political Philosophy Law (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in IUS/13) Economics (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in SECS- P/02) Political Science (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in SPS/O4) Obiettivi formativi Il corso avrà ad oggetto la storia internazionale del XX secolo. Nella prima parte verterà sui cambiamenti economici, sociali e istituzionali nel periodo fra le due guerre mondiali ( ). Nella seconda parte studierà le caratteristiche del sistema internazionale durante la guerra fredda. In entrambe le parti del corso verranno sottolineati gli elementi strutturali di lungo periodo che costituiscono i presupposti delle relazioni internazionali ai giorni nostri. Il corso intende introdurre gli studenti alle nozioni fondamentali della teoria economica per un economia aperta. Gli studenti dovranno comprendere gli aspetti fondamentali del funzionamento dei mercati, dei conti economici nazionali e la relazione tra bilancia dei pagamenti, tassi di cambio e competitività. Inoltre, essi dovranno acquisire alcune nozioni fondamentali del commercio internazionale, quali i vantaggi comparati, gli effetti ridistribuivi del commercio e delle politiche protezioniste. Gli studenti dovranno comprendere gli aspetti fondamentali della crescita economica, della convergenza internazionale del reddito e delle politiche di stabilizzazione del ciclo e dovranno imparare a utilizzare strumenti base di analisi grafica e statistica. Il corso mira a fornire le nozioni fondamentali di diritto internazionale e dell'unione europea. Lo studio verterà sul sistema giuridico internazionale, con particolare attenzione alla personalità internazionale, il sistema delle fonti, la relazione con i diritti nazionali, il sistema di risoluzione delle controversie, la responsabilità internazionale. L'analisi riguarderà inoltre il quadro istituzionale dell'ue, il sistema delle fonti, il processo normativo, il sistema giurisdizionale e una sintesi delle principali politiche. Il corso di propone di introdurre gli studenti alle principali metodologie e tecniche della ricerca empirica utilizzati nelle scienze sociali. Verranno affrontati temi come la distinzione tra ricerca qualitativa e quantitativa e le relative tecniche di indagine. Verranno inoltre spiegate alcune basilari misure statistiche e verrà data una introduzione ai principali programmi informatici usati nella ricerca empirica quantitativa. Il corso tratterà i temi della politica comparata, della politica europea e della politica internazionale, mostrando come si siano modificate nel corso degli ultimi vent anni le condizioni strutturali che avevano giustificato lo sviluppo della Politica Comparata e delle Relazioni Internazionali come settori distinti della Scienza politica. Lo studente deve raggiungere il livello C1 (Advanced) nelle quattro macro-abilità: comprensione orale e scritta, lingua scritta e orale. Deve sviluppare l autonomia nell apprendimento della lingua e il livello di Linguistic awareness, al fine di sfruttare al meglio tutti i contatti con la lingua inglese, attivi e passivi, di inglese generale o linguaggi specifici. Deve inoltre sviluppare le sue abilità, sia nell inglese accademico che nell inglese utilizzato nel mondo di lavoro. In tal modo saprà interagire pienamente in lingua inglese in un contesto professionale internazionale e avrà acquisito le capacità linguistiche necessarie per seguire un dottorato in lingua inglese. Lo studente approfondirà la conoscenza di una seconda lingua fino al raggiungimento del livello B2, con particolare attenzione ai lessici disciplinari negli studi internazionali. Obiettivo del corso è affrontare i grandi temi della politica internazionale (pace e guerra, cosmopolitismo e interesse nazionale, ruolo delle istituzioni internazionali, cooperazione e giustizia distributiva) attraverso l analisi di alcuni testi classici della teoria politica internazionale e la loro contestualizzazione storica. L'obiettivo del corso è sviluppare una conoscenza critica di alcune problematiche particolarmente rilevanti del diritto internazionale ed europeo. Dette questioni verranno affrontate, in particolare, seguendo un approccio normativo e giurisprudenziale. Il corso si propone di analizzare questioni di politica economica in un contesto di economia aperta. I vari argomenti saranno introdotti ed illustrati analiticamente con richiami ai casi (europei e internazionali) che appariranno di volta in volta rilevanti ed attuali alla luce delle vicende dell'economia internazionale e del processo di integrazione economica europea. Diversi corsi del settore disciplinare SPS/04 offriranno una serie di approfondimenti delle tematiche affrontate nel primo anno, come il ruolo delle istituzioni europee e internazionali nella governance globale, le politiche pubbliche comunitarie e internazionali, le teorie dell integrazione europea e delle relazioni internazionali. Pagina 12 di 14

13 ATTIVITA FORMATIVE A LIBERA SCELTA DA PARTE DELLO STUDENTE Per il conseguimento del titolo è inoltre necessario superare esami per un totale di 18 crediti senza vincoli di settore disciplinare scelti tra gli insegnamenti che compariranno annualmente sul manifesto degli studi o tra quelli comunque attivati dall Ateneo. L insegnamento a scelta libera deve risultare coerente con il progetto formativo complessivo dello studente. A tal fine il manifesto annuale degli studi indica le possibilità di scelta che si considerano automaticamente approvate; nel caso in cui lo studente intenda scegliere un attività formativa diversa, sarà necessaria l approvazione da parte della struttura didattica responsabile. PROVA FINALE Per il conseguimento del titolo lo studente deve aver acquisito i 120 crediti richiesti dal presente Regolamento. La prova finale (24 CFU) consiste nella discussione pubblica di un elaborato scritto, di norma in lingua inglese, predisposto dal candidato con la supervisione di un docente, relatore di tesi. L elaborato può affrontare temi di natura teorica e pratica e deve dimostrare la capacità del candidato di trattare un argomento rilevante per il percorso di studi scelto, con autonomia e concretezza. La prova finale è valutata da una Commissione di Laurea Magistrale, composta da cinque membri. La valutazione finale tiene conto, oltre che della qualità dell elaborato, dell intero curriculum del laureando. Le modalità di attribuzione del voto finale sono riportare sul regolamento di laurea. Pagina 13 di 14

14 Allegato 1 parte II - Attività formative previste dal percorso Master s Degree in European and International Studies Laurea Magistrale in Studi europei e internazionali: attività formative previste dal percorso formativo per le coorti di studenti iscritti a partire dall a.a. 2011/12 e successivi Denominazione dell insegnamento Ore riservate all attività didattica assistita (lezione, laboratorio,..) CFU SSD Contemporary History 48 8 M-STO/04 Principles of International Economics Elements of International and European Union Law Techniques and Methods in Social Sciences European and International Politics Tipo attività formativa affine integrativa Propedeu ticità Anno di corso nessuna 1 Ore riservate Allo studio personale 152 Lingua Inglese 48 8 SECS-P/02 caratterizzante nessuna Inglese 48 8 IUS/13 caratterizzante nessuna Inglese 36 6 SPS/07 caratterizzante nessuna Inglese 48 8 SPS/04 caratterizzante nessuna Inglese English Language L-LIN/12 caratterizzante nessuna 1 Language Laboratory Corsi CIAL 6 / Ulteriori conoscenza linguistiche 120 nessuna 1 NNNN Political Philosophy 36 6 SPS/01 caratterizzante nessuna 2 Law (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in IUS/13) Economics (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in SECS-P/02) Political Science (un insegnamento da 6 CFU fra quelli attivati in SPS/O4) 36 6 IUS/ SECS-P/02 affine integrativa affine integrativa Inglese Tedesca o Francese o Spagnola Inglese nessuna Inglese nessuna Inglese 36 6 SPS/04 caratterizzante nessuna Inglese ATTIVITA FORMATIVE A LIBERA SCELTA DA PARTE DELLO STUDENTE Per il conseguimento del titolo è inoltre necessario superare esami per un totale di 18 crediti senza vincoli di settore disciplinare scelti tra gli insegnamenti che compariranno annualmente sul manifesto degli studi o tra quelli comunque attivati dall Ateneo. L insegnamento a scelta libera deve risultare coerente con il progetto formativo complessivo dello studente. A tal fine il manifesto annuale degli studi indica le possibilità di scelta che si considerano automaticamente approvate; nel caso in cui lo studente intenda scegliere un attività formativa diversa, sarà necessaria l approvazione da parte della struttura didattica responsabile. PROVA FINALE Per il conseguimento del titolo lo studente deve aver acquisito i 120 crediti richiesti dal presente Regolamento. La prova finale (24 CFU) consiste nella discussione pubblica di un elaborato scritto, di norma in lingua inglese, predisposto dal candidato con la supervisione di un docente, relatore di tesi. L elaborato può affrontare temi di natura teorica e pratica e deve dimostrare la capacità del candidato di trattare un argomento rilevante per il percorso di studi scelto, con autonomia e concretezza. La prova finale è valutata da una Commissione di Laurea Magistrale, composta da cinque membri. La valutazione finale tiene conto, oltre che della qualità dell elaborato, dell intero curriculum del laureando. Le modalità di attribuzione del voto finale sono riportare sul regolamento di laurea. Pagina 14 di 14

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/13

CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/13 CORSO DI STUDIO MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CLASSE LM 81 A.A. 2012/1 PREMESSA I processi di globalizzazione nelle società e nei mercati aprono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52)

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52) Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 L52) Sede didattica Classe delle lauree Durata sito web Dipartimento di riferimento Coordinatore: Genova Relazioni internazionali

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE 66 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE (Classe LM-78 - ex D.M. 270/04) Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-78 Scienze filosofiche I laureati nei corsi

Dettagli

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66

Libero con valutazione dei requisiti di accesso B66 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: Titolo rilasciato: Curricula attivi: Durata del corso di studi: Crediti richiesti per l'accesso: 180 Cfu da acquisire totali: 120 Annualità attivate: 1 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/14 LAUREA IN SCIENZE POLITICHE (SPO) - Classe L-36

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/14 LAUREA IN SCIENZE POLITICHE (SPO) - Classe L-36 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/14 LAUREA IN SCIENZE POLITICHE (SPO) - Classe L-36 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: L-36 SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE LM-52)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE LM-52) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE LM-52) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Degree Certificate in International

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273 Facoltà di Sociologia 273 274 Università degli Studi di Napoli Federico II CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN 10.1 Ordinamento Didattico e Articolazione del corso di laurea Il Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA. Premessa REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Premessa Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea magistrale in Comunicazione

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali)

Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali) Facoltà: Giurisprudenza Corso di Laurea in: Scienze Politiche Classe: L 36 (Classe delle lauree in Scienze Politiche e delle relazioni internazionali) Sede segreteria del corso: Palazzo Ducale, P.zza Cavour,

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Diplomazia e Cooperazione Internazionale

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Diplomazia e Cooperazione Internazionale Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Diplomazia e Cooperazione Internazionale Capo I ATTIVITA DIDATTICA Titolo I Ordinamento didattico Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Il Corso

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Sociologia e politiche sociali

Sociologia e politiche sociali LM-87 - Servizio sociale e politiche sociali Sociologia e politiche sociali corso assegnato all'utente: montanari Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno

Dettagli

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

ECONOMIA E FINANZA (MEF) ECONOMIA E FINANZA (MEF) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Finanza si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di natura specialistica

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze Umanistiche - Facoltà di Giurisprudenza Laurea Magistrale interfacoltà in Diritti dell uomo ed Etica della cooperazione internazionale Classe di appartenenza:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN. Comunicazione pubblica, digitale e d impresa Public, Digital and business communication UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Comunicazione pubblica, digitale e Public, Digital and business communication CLASSE LM-59 DELLE LAUREE MAGISTRALI Anno accademico

Dettagli

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN GEOGRAFIA E PROCESSI TERRITORIALI CLASSE LM- 80 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche 1.2 Classe

Dettagli

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo Allegato 19) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO 13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE CLASSE DI LAUREA L-20 A.A. 2008-2009 Art. 1 Generalità del Corso di laurea in Scienze della

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E POLITICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza Titolo 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI DIRITTO, ECONOMIA E CULTURE - DiDEC Corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale Classe LM-3 Lingue Moderne per la Comunicazione e

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione D. R. 87 2 Maggio 200 Classe delle lauree n. 1 TITOLO I STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO DI LAUREA Art. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È istituito

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA CORSO DI LAUREA IN PROGETTAZIONE E MANAGEMENT DEI SISTEMI TURISTICI E CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Il Corso di Laurea Magistrale Relazioni Internazionali (classe LM-52 delle )

Dettagli

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA, D IMPRESA E PUBBLICITÀ LM 59 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Communication sciences CLASSE DI LAUREA L-20 ai sensi del D.M. n.270/2004 Anno accademico

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: L-16

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE. Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE. Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche 7. LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche PROFILO Obiettivi formativi Il laureati nei corsi di laurea specialistica della classe devono acquisire:

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento disciplina, nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Classe di Laurea L-20. (Course in Science of Communications)

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Classe di Laurea L-20. (Course in Science of Communications) 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe di Laurea L-20 (Course in Science of Communications) Sommario I - Parte generale Art.1 - Premessa e ambito di competenza...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO Emanato con Decreto Rettorale n. 81, prot. n. 4493/A3 del 9 giugno 2006 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E COMUNICAZIONE PER IL TERRITORIO, L IMPRESA E IL TURISMO Art. 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Economia Aziendale (Adeguamento di corso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE - SEDE DI ROVIGO (CLASSE L-19 D.M. 270/2004) TRIENNIO 2014-2017

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE - SEDE DI ROVIGO (CLASSE L-19 D.M. 270/2004) TRIENNIO 2014-2017 1 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE SEDE DI ROVIGO (CLASSE L19 D.M. 70/004) TRIENNIO 014017 DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO Il corso di studio, per gli studenti che si immatricolano

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE DELLA LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI PER L INNOVAZIONE E LE ORGANIZZAZIONI (LUSPIO) ROMA

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1 1 ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology Art. 1 È istituito il corso di laurea magistrale in Musicologia appartenente alla classe delle lauree magistrali in Musicologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Communication sciences CLASSE DI LAUREA L-20 ai sensi del D.M. n.270/2004 Anno accademico

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14

Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14 Scuola di Economia e Management L-37 SVILUPPO ECONOMICO, COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SOCIO-SANITARIA E GESTIONE DEI CONFLITTI REGOLAMENTO 2013-14 Articolo 1 Denominazione del corso di studio e classe di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1 SEZIONE TERZA FACOLTÀ DI ECONOMIA ART. 1 Alla Facoltà di Economia afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso di laurea specialistica in Economia b) corso di laurea specialistica in

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-2009

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-2009 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN Scienze politiche, sociali ed internazionali (classe 15) REGOLAMENTO 2008-200 (studenti immatricolati nell a. a. 2008/0) Obiettivi formativi qualificanti Il laureato in Scienze

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Communication sciences

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE. Communication sciences UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERDIPARTIMENTALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Communication sciences CLASSE DI LAUREA L-20 Ai sensi del D.M. n.270/2004

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Il Corso di Laurea Magistrale Relazioni Internazionali (classe LM-52 delle )

Dettagli

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 Corso di Laurea in VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO-CULTURALI Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in

Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in SCIENZE TURISTICHE Classe di laurea n.39 - Scienze del Turismo Manifesto degli studi A.A. 2007-2008 Ordinamento didattico OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli