Spagna: una legge da migliorare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spagna: una legge da migliorare"

Transcript

1 Spagna: una legge da migliorare Con l entrata in vigore del nuovo Gaming act (legge 13/2011), che definisce il quadro normativo delle attività di gioco nelle sue diverse forme, per garantire la tutela dell ordine pubblico, la lotta contro le frodi e tutelare i diritti dei partecipanti ai giochi, la spagna si è posta all avanguardia nella disciplina del gioco telematico in tutti i suoi aspetti. L iter parlamentare della nuova legge è stato abbastanza rapido, tenendo conto che la prima bozza del testo era stata approvata in febbraio. successivamente, ha subito numerosi cambiamenti, per gli emendamenti proposti dai vari gruppi politici e, nella fase finale, dal senato, che hanno contribuito a disegnare un quadro normativo più chiaro e competitivo. inoltre, la legge 13/11 è mirata a creare un ambiente di gioco online ben definito, in cui sia gli utenti che gli operatori hanno precisi diritti e obblighi da rispettare. va sottolineato a tal proposito che tutti gli operatori stranieri di betting online che hanno recentemente invaso la spagna si erano garantiti l immunità grazie al fatto di risiedere fuori dai confini iberici. e il discorso vale, a maggior ragione, per i casinò offshore. n. 16 del 25 febbraio, era necessario un intervento di modifica che tenesse conto dell avvento dei servizi di gioco interattivo via internet, che hanno cambiato radicalmente la concezione tradizionale del gioco. Per molti anni, in effetti, il regime giuridico del settore ha subito pochi cambiamenti. tuttavia, recentemente, a causa della comparsa delle scommesse e del gioco via internet, la dottrina della Corte di Giustizia dell Unione europea ha sottolineato la necessità di un offerta di gioco dimensionata. Parallelamente a questo processo di cambiamento, sono apparsi sul mercato del gioco nuovi attori, per i quali la legislazione vigente non fornisce una risposta adeguata. e la mancanza di strumenti legislativi adeguati a rispondere ai quesiti posti dalla nuova situazione di mercato, ha generato nel settore il bisogno di nuovi supporti normativi, atti per l appunto a garantire certezza giuridica sia agli operatori che agli utenti, senza dimenticare focus La legge 13/2011 introduce disposizioni più precise per controllare il mercato e tutelare i giocatori ma sembra favorire i giochi statali Lae e Once e limitare l online, sostenendo gli operatori stranieri Le tabelle inserite nel servizio sono state cortesemente fornite dall Associazione COFAR che si ringrazia per la collaborazione. A cura di Marco Cerigioni secondo quanto affermato dalla Camera in una propria nota stampa, poiché la legalizzazione del gioco d azzardo è avvenuta nel 1977, col regio decreto legge rivista italiana dell automatico settembre

2 focus Spagna: una legge da migliorare l essenziale tutela dei minori e delle persone che hanno volontariamente richiesto di essere esclusi dal gaming, nonché la tutela dell ordine pubblico e la prevenzione dei fenomeni del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. determinante, per abbreviare la tempistica dell emanazione del Gaming act, l accordo raggiunto dai tre principali partiti politici PSOE, PP e CiU, anche se in effetti, da parte del PP, c è qualche remora, legata soprattutto alla fretta con cui si è arrivati al traguardo, che lascerebbe spazio a qualche cono d ombra. il membro del PSOE Gloria Rivero ha affermato che la legge sul gioco andrà a colmare l attuale vuoto normativo, in quanto non vi è alcuna norma che regola il gioco online in spagna; inoltre servirà a dare un impulso positivo al settore e a fornire agli utenti una offerta più attraente e sicura di divertimento. il deputato del PP Antonio Gallego, ha invece posto l accento sul fatto che non ha senso che i bookmakers online possano operare in spagna senza pagare le tasse, grazie al fatto che non c era alcuna legge che disciplinasse la loro attività. il governo ha aggiunto Gallego con tono polemico ha accelerato l adozione della legge per limitare l elevatissimo deficit pubblico della spagna, introducendo nuove tasse e privatizzando il 30% delle lotterie di stato. ma a mio avviso si illude di poter vendere le galline dalle uova d oro. il PP dedicherà particolare attenzione alle norme di attuazione di questa legge, perché ritiene che alcune questioni come il ritorno alle scommesse sportive non siano state adeguatamente affrontate. soddisfatto, al contrario, il deputato ciu al congresso, Josep Sánchez Llibre: Questa legge darà dei vantaggi soprattutto alle comunità autonome, perché gran parte delle nuove imposte stabilite andrà a loro. Tassazione comparativa SPAGNA FRANCIA ITALIA S/ DROP S/ WIN S/ DROP S/ DROP S/ WIN Scommesse Sportive Parimutuel 22,0% 8,5% 4,5% Scommesse Sportive non Parimutuel 25,0% 8,5% 4,5% Scommesse Ippiche Parimutuel 15,0% 15,5% 20,0% Scommesse Ippiche non Parimutuel 25,0% 15,5% 4,5% Altre Scommesse Parimutuel 15,0% N/A 20,0% Altre Scommesse non Parimutuel 25,0% N/A 20,0% Raffles 20,0% N/A 38,0% Concorsi 20,0% N/A 20,0% Altri giochi (Roulette, blackjack ) 25,0% N/A 20,0% Combinazioni casuali 10,0% N/A 33,8% Poker 25,0% 2,0% 3,0% + 0,1% del drop! 84 rivista italiana dell automatico settembre 2011

3 Radiografia della nuova legge spagnola come è noto, le 17 comunità autonome spagnole hanno sempre avuto ampia libertà nel disciplinare le attività di gioco nel proprio territorio. la nuova legge, quindi, ha lo scopo di armonizzare le norme inerenti il gioco online, la cui attività naturalmente va oltre i confini di ciascuna regione. ciò non toglie, però, che ogni autonomia manterrà un forte potere decisionale sulla regolamentazione e il controllo nel proprio territorio. la legge 13/11 include tutte le forme di gioco che si svolgono attraverso strumenti elettronici: internet, televisione, telefoni cellulari e qualsiasi altro sistema di comunicazione interattiva. inoltre, disciplina la distribuzione delle lotterie gestite dai monopolisti Once e Lae. altri aspetti toccati dalla legge sono la pubblicità, la promozione e la sponsorizzazione concernenti attività di gambling (lotterie, scommesse, concorsi, giochi occasionali e transnazionali, inclusi quelli organizzati fuori dalla spagna ma riferiti al mercato spagnolo); in particolare è stata proibita qualsiasi forma di supporto ad operatori che non siano in possesso di regolare licenza. le inserzioni pubblicitarie e le sponsorizzazioni svolte dai media in questo campo saranno soggette ad ulteriori autorizzazioni, che saranno disciplinate da un regolamento d attuazione. Poiché la legge prescrive che tutte le forme di gioco da essa non menzionate sono illegali, le scommesse live e il bingo dovrebbero essere considerati come tali, in linea di principio. ma questo ovviamente si scontra con una realtà consolidata, per la quale in molte regioni questi prodotti sono legali, sia pur nel loro ristretto ambito. uno degli aspetti fondamentali della legge 13/11 è che i monopolisti delle lotterie, Once e Lae entrambi di proprietà statale non saranno soggetti al regime fiscale e alle condizioni amministrative cui devono sottostare gli operatori privati nuovi entranti. in pratica, ed è forse superfluo sottolinearlo once e lae godono di una posizione assolutamente privilegiata, tanto che il Garante della concorrenza ha manifestato preoccupazioni circa il fatto che una situazione del genere possa scontrarsi con il diritto comunitario, considerato l impatto che ciò avrà sul piano della concorrenza. Perciò, l autorità si è raccomandata che queste particolari disposizioni vengano riviste, anche perché a breve il 30% del capitale della lae finirà nelle mani dei privati. Segmenti dell'industria del gioco Incassi 2010 (win, milioni di euro) Regolato ONLINE LAE ONCE CASINOS BINGOS SALONES HOSTELERIA rivista italiana dell automatico settembre

4 focus Spagna: una legge da migliorare Diritti dei partecipanti al gioco Ottenere informazioni chiare e veritiere circa le regole del gioco al quale desiderano partecipare. Riscuotere i premi ottenuti nel tempo e nella forma stabiliti in conformità alla normativa specifica di ogni gioco. Possibilità dell operatore di avanzare alla commissione nazionale del Gioco i reclami contro le decisioni che ledano i suoi interessi. Giocare liberamente, senza coercizioni o minacce provenienti da altri giocatori o di qualsiasi altra persona terza. Conoscere in qualsiasi momento l importo giocato o scommesso, così come, in caso si disponga di un conto di utilizzo aperto presso l operatore di gioco, a conoscerne il saldo. A identificarsi in modo sicuro mediante il documento nazionale di identità, passaporto o documento equivalente o mediante un sistema di firma elettronica riconosciuta, così come alla protezione dei suoi dati personali, secondo quanto previsto dalla legge organica15/1999, del 13 dicembre, sulla Protezione dei dati Personali e successive modificazioni. Conoscere l identità dell operatore di gioco, soprattutto nel caso di giochi telematici, così come a conoscere, nel caso di reclami o possibili infrazioni, l identità del personale che interagisce con i partecipanti. ricevere informazioni sul Gioco Responsabile. Chi non può partecipare al gioco Minori di età o dichiarati incapaci legalmente o da una sentenza giuridica, in accordo con quanto stabilito dalla normativa civile. le persone che abbiamo chiesto volontariamente che venga loro vietato il gioco o coloro ai quali sia stato vietato da una sentenza definitiva. Gli azionisti, proprietari, partecipati o titolari dell operatore di gioco, il personale di direzione e gli impiegati direttamente coinvolti nello sviluppo dei giochi, così come coniugi o persone conviventi, ascendenti e discendenti di primo grado, riguardo ai giochi da essi gestiti, indipendentemente dal fatto che la partecipazione sia diretta o indiretta, attraverso terze persone fisiche o giuridiche. Sportivi, allenatori o altri partecipanti diretti nel caso di attività sportiva su cui sia prevista la scommessa. I funzionari degli enti sportivi partecipanti o organizzatori di eventi o attività sportive su cui si realizza la scommessa. Giudici o arbitri che esercitino le loro funzioni negli eventi sportivi oggetto di scommessa il Presidente, i consiglieri e i direttori della Commissione Nazionale del Gioco, così come co- I punti chiave della nuova legge sebbene non sia dedicata esclusivamente 1. all online, questa legge passa soprattutto per essere quella che giunge finalmente a disciplinare lo svolgimento del gioco telematico in spagna. chiunque voglia operare nel regno, comprese le aziende straniere, dovrà dotarsi di apposita licenza. Gli operatori telematici avranno l obbligo di utilizzare siti registrati.es, così da rafforzare la sorveglianza e il controllo da parte delle autorità spagnole. oltre alla comisión nacional del Juego, preposta alla supervisione degli operatori e delle 2. licenze, è istituito il consejo de Políticas del Juego, che si occuperà non solo dell online, ma anche dei casinò, dei bingo e degli apparecchi da gioco: si tratta di un organo collegiale che assicura la partecipazione delle comunità autonome nelle attività di regolamentazione. Gioco responsabile agli operatori viene 3. chiesto di sviluppare misure per minimizzare gli effetti nocivi del gioco d azzardo online, assistere le fasce di popolazione a rischio, evitare che vi abbiano accesso i minori, promuovere atteggiamenti di gioco moderato, non compulsivo e responsabile; la legge non ha relazione con le lotterie di 4. stato, né coi i giochi della once. Perciò, tutte le entrate da essi derivanti sono di pertinenza dello stato, il quale li utilizza in buona parte per il sostegno delle attività di assistenza rivolte ai disabili. tra le novità, l introduzione del regime che consente alle squadre di calcio di portare sul rivista italiana dell automatico settembre 2011

5 niugi o persone conviventi, ascendenti e discendenti di primo grado, e a tutto il personale della commissione nazionale del Gioco che abbiano funzioni di ispezione e controllo. Licenze a tutti gli operatori che forniscono servizi sul territorio spagnolo sarà richiesto di ottenere la relativa concessione o autorizzazione, concessa dalla Comisión Nacional del Juego (CNJ). sono stati introdotti due tipi di licenze, generale e singola, a cui si affiancano i permessi per attività occasionali. tali licenze non sono trasferibili e sono subordinate al pagamento delle tasse amministrative. Licenze generali le licenze generali sono un prerequisito per entrare sul mercato e sono necessarie per gestire scommesse, lotterie, concorsi e altri giochi. tali licenze sono valide per 10 anni e rinnovabili per ulteriori 10 anni, attraverso un procedimento amministrativo che sarà a disposizione solo ogni 18 mesi. le procedure saranno soggette alle specifiche approvate dal ministero del tesoro e dell economia, sulla base dei seguenti criteri: l esperienza degli operatori, la loro solvibilità economica, il possesso di un adeguato capitale sociale. insieme alla domanda di iscrizione, il richiedente deve allegare un piano operativo che tenga conto dei principi del Gioco Responsabile, della formazione dei dipendenti, dei canali di distribuzione adottati, del design del gioco, ecc. il numero delle licenze da rilasciare è inizialmente illimitato. Però la cnj ha il potere di limitare la concessione della licenza generale ad alcuni tipi di gioco, per motivi di interesse pubblico, di tutela, protezione dell infanzia e prevenzione della dipendenza dal gioco; in tal caso la licenza non sarà automaticamente rinnovabile. Gli operatori autorizzati dovranno operare esclusivamente attraverso siti.es e indirizzare a questi siti tutte le connessioni effettuate dalla spagna o utilizzando accounts spagnoli. altro aspetto importante è che solo le società di diritto spagnolo, nella forma di sociedad anónima possono essere qualificate come operatori di gioco. le imprese appartenenti ad altri Paesi ue devono avere una rappresentanza permanente in spagna. le maglie i marchi di operatori di sports betting, che entrerà in vigore il 1 gennaio in effetti, diversi club spagnoli già da tempo usufruiscono di tali sponsorizzazioni, ma questa prassi è stata messa in discussione da codere, che ha presentato ricorso in tribunale per contestare la sponsorizzazione del real madrid da parte della Bwin, in quanto ai vecchi operatori di gioco non era consentito fare alcun investimento in tal senso. una percentuale della raccolta ottenuta dai 6. bookmaker ippici e sportivi sarà destinata al finanziamento dello sport. Per quanto riguarda le imposte, si conferma 7. che il ricavato andrà per intero alle comunità autonome, ad eccezione di quanto deriva dalle lotterie, che andrà allo stato. non ci sono altre specifiche, tranne quella che gli operatori devono essere in regola con i propri obblighi fiscali per poter ottenere la licenza. su questo aspetto è sorta la polemica da parte degli operatori di gioco tradizionale, perché avevano chiesto che quelli dell online pagassero le tasse anche per gli anni in cui avevano operato ai margini della legge. tuttavia, ciò non sarebbe stato possibile in base all articolo 10.2 della legge Generale tributaria (ley 58/2003), per la quale le norme tributarie non possono avere effetto retroattivo. c è tempo fino al 1 gennaio 2012 per modificare la propria posizione in base ai nuo- 8. vi termini di legge, comprese le attività promozionali e pubblicitarie. la legge però non prevede sanzioni per i mezzi di comunicazione che pubblicizzino scommesse illegali (questo era uno dei punti che avevano sollevato più ire, visto che alcuni mezzi di comunicazione avevano addirittura detto che avrebbero licenziato del personale per far fronte alle sanzioni). rivista italiana dell automatico settembre

6 focus Spagna: una legge da migliorare inoltre, sono previsti controlli sulla solvibilità degli operatori, che vieta la concessione di licenze o autorizzazioni a coloro che non abbiano atteso a taluni obblighi fiscali e non forniscano adeguate garanzie sul piano della sicurezza sociale. Licenze singole sono necessarie per ogni tipo di gioco che si intende offrire ed hanno una durata da 1 a 5 anni. il ritiro di una licenza generale comporta anche quello di ogni licenza singola ad essa collegata. ad uno specifico regolamento d attuazione sarà demandato il compito di stabilire la procedura attraverso la quale la cnj può accettare la documentazione già presentata da operatori ue ai rispettivi Paesi al fine di ottenere analoghe licenze. Permessi Possono inoltre essere concessi dei permessi per attività occasionali. Omologazione delle apparecchiature le apparecchiature elettroniche devono essere approvate dalla CNJ. la legge non obbliga gli operatori ad avere i server in spagna, ma richiede solo la presenza di una gambling central unit (game server) che possa essere controllata dalla Spagna. eventualmente la Gambling commission può richiedere che una seconda unità (ad es. una copia del server di gioco) sia collocata in spagna, sempre ai fini della verifica e del controllo. va osservato però che tale misura può dar luogo ad una permanenza stabile dell operatore in terra spagnola e quindi all applicazione del relativo regime fiscale, anche se la struttura principale e il personale sono tutti al di fuori della spagna. Regime fiscale mentre in precedenza tutte le forme di gambling online erano tassate in ragione del 5% del turnover, ora è stata introdotta, in molti casi, la tassa sugli incassi netti, che varia in base alla tipologia di prodotto, come di seguito riportato: scommesse sportive parimutuel (totalizzatore) : 22% delle entrate lorde (turnover). scommesse sportive quota fissa: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). scommesse sportive incrociate: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). scommesse ippiche parimutuel : 15% delle entrate lorde (turnover). scommesse ippiche quota fissa: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). altre scommesse pari-mutuel : 15% delle entrate lorde (turnover). altre scommesse quota fissa: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). altre scommesse incrociate: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). riffe: 20% delle entrate lorde (turnover). Quelle di dichiarata utilità pubblica o benefica pagheranno il 7% della stessa base imponibile. concorsi: 20% delle entrate lorde (turnover). altri giochi: 25% delle entrate nette (turnover meno premi). Giochi aleatori con finalità pubblicitarie e promozionali: 10% dell imponibile. Le regioni autonome possono elevare del 20% massimo la tassa I cambiamenti subiti dalla bozza della legge prima dell approvazione come abbiamo detto all inizio, tanto alla camera quanto al senato la bozza della legge 13/11 ha subito numerosi cambiamenti, in senso migliorativo, che di seguito si riassumono: il cambio da un procedimento di gara ad una procedura amministrativa per l assegnazione delle licenze generali, che ha praticamente reso illimitato il numero dei potenziali operatori; la richiesta di operare solo con siti.es ; l inclusione dei giochi del poker e della roulette tra quelli previsti dalla legge; l introduzione di un periodo di transizione ai contratti di pubblicità e di sponsorizzazione in essere; assegnazione ai club di calcio di parte dei proventi di tassazione; sospensione del regime sanzionatorio fino al rilascio della prima licenza o entro il 1 gennaio 2012; il condizionamento dell assegnazione delle licenze generali al rispetto degli obblighi fiscali; la definizione dei responsabili in solido per il pagamento delle tasse. 88 rivista italiana dell automatico settembre 2011

7 CANALE OFFLINE Evoluzione Unità P Casinó % sobre año ,4% 2,4% 2,4% 2,4% Sale Bingo % sobre año ,4% -5,6% -11,8% -21,2% AWP Horeca % sobre año ,8% -3,9% -7,0% -11,6% Sale Giochi % del ,8% 12,5% 6,9% 1,5% sulle attività svolte dagli operatori con residenza fiscale nel loro territorio. Questo aumento sarà applicato esclusivamente sulla quantità di denaro scommessa da coloro che risiedono nella regione corrispondente. le attività soggette ad una tassa sul gioco d azzardo sono esenti Iva. tale esenzione però non estende ai servizi di gestione e alle altre operazioni accessorie non soggette ad imposta sul gioco d azzardo, con l eccezione dei servizi di gestione per il bingo a terra. un ulteriore tassa amministrativa, pari all 1% del fatturato dell operatore, è stata istituita per il finanziamento della cnj, con pagamento su base annua. Tasse amministrative sono sottoposti a tassazione: a) il rilascio di certificati di immatricolazione (20 euro); b) il rilascio di valutazioni di conformità di sistemi di gioco ( euro); c) l iscrizione nel registro Generale delle licenze di Gioco (2.500 euro); d) la richiesta di licenze e autorizzazioni (per ogni licenza e per ogni autorizzazione 100 euro); e) le attività di ispezione e verifica tecnica che vengano stabilite, a carattere obbligatorio (5.000 euro); f) le azioni normative adottate dalla cnj su attività di gioco sviluppata da operatori abilitati e soggette alla supervisione di questo ente, destinate a coprire i costi della citata commissione. 1 per mille delle entrate lorde dell attività. È opportuno sottolineare che saranno responsabili in solido per il pagamento degli obblighi fiscali: chi offre, con qualsiasi mezzo, giochi d azzardo, per i consumatori con residenza fiscale in spagna; chi trae profitto dalle attività di gioco, a prescindere dal territorio da cui i servizi vengono resi fornire servizi di gioco d azzardo e dal fatto che siano in possesso o meno di autorizzazione; i fornitori di servizi di connettività (isp e isss) le cui infrastrutture si presume ragionevolmente che siano in uso o dedicate appositamente alle attività di gioco d azzardo regolamentato dalla legge, o a disposizione di operatori non autorizzati. a tale scopo la cnj istituisce un registro pubblico online per permettere a chiunque di verificare se un certo operatore sia in possesso della licenza generale. Autorità preposte le tre principali autorità di regolamentazione dell industria di gioco sono il Ministero dell Economia e del Tesoro, che si occupa, tra l altro, di emanare le regole di ciascun gioco, seguendo i criteri stabiliti dal consiglio per il controllo la Comisión Nacional del Juego (CNJ), che gestisce l assegnazione delle licenze, regola il corretto funzionamento del mercato, risolve le controversie tra operatori e garantisce la tutela degli interessi generali; il Consejo de Políticas del Juego (CPJ) che è sostanzialmente un forum che indirizza e coordina le azioni intraprese a livello regionale e nazionale. la CNJ ha altresì il compito di sanzionare gli operatori che commettano eventuali violazioni. Per esempio, la fornitura del servizio senza licenza può essere oggetto di una sanzione che va da 1 m a 50 ; può inoltre disporre la revoca della licenza o la sospensione per un periodo massimo di quattro anni, così come la chiusura della piattaforma per la fornitura dei servizi. alla cnj erano stati assegnati ulteriori poteri nelle bozze di legge precedenti, ma il suo ruolo è stato poi circoscritto per consentire la partecipazione delle regioni autonome attraverso il CPJ. Transizione la legge stabilisce la validità dei contratti di sponsorizzazione e di pubblicità nel settore sportivo stipulati prima del 1 gennaio 2011, fino al rilascio della prima licenza o al massimo sino al 1 gennaio 2012; tale termine ultimo è fissato anche per la sospensione del regime sanzionatorio applicato agli operatori attualmente in attività. i suoi poteri saranno esercitati dalla direzione Generale del Gambling istituita presso il ministero dell economia. rivista italiana dell automatico settembre

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO Avv. Claudia Petracca Milano, 7 maggio 2013 CONTESTO DELLA PROPOSTA La proposta di IV Dir. nasce con l obiettivo di: -RAFFORZARE il mercato interno mediante

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

MALUQUER ADVOCATS. Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ

MALUQUER ADVOCATS. Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ MALUQUER ADVOCATS 02/2015 Le ETVE, ovvero le Holdings in Spagna Curiosità e FAQ La ETVE è una forma societaria speciale? Quali sono i principali benefici fiscali concessi ad una ETVE? Quali sono i requisiti

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1%

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1% STORIA%E%ATTUALITÀ%DEL%GIOCO%A%DISTANZA%ITALIANO% Abstract( La presente scheda fornisce una sintesi della storia del gioco a distanza con vincita in denaro in Italia,interminidinormativaedidimensionietrenddelmercato.

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5262 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELFINO, NARO Istituzione della Lega ippica italiana e disposizioni per la promozione del

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia SEPA Single Euro Payments Area FAQ SEPA Banca d Italia Che cosa è la SEPA? SEPA è l acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un area nella quale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008 RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 marzo 2008 OGGETTO Istanza di interpello Articolo 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212. Servizi relativi ad attività di scommesse resi

Dettagli

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 Parte I Disposizioni Generali Art. 1 Per l attuazione dell Accordo

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1 11.1.3.2 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

Condizioni generali di partecipazione al programma fedeltà PREMIUM CLUB

Condizioni generali di partecipazione al programma fedeltà PREMIUM CLUB Condizioni generali di partecipazione al programma fedeltà PREMIUM CLUB 1. ASPETTI GENERALI Il programma denominato "Programma Fedeltà Premium Club" è una iniziativa promozionale valida sull'intero territorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO. Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF

CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO. Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF OGGETTO: Legge 27 dicembre 2006, n. 296. Art. 1,

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE STUDIO ASSOCIATO G.S.& L. esperti d azienda

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE STUDIO ASSOCIATO G.S.& L. esperti d azienda CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE STUDIO ASSOCIATO G.S.& L. esperti d azienda Con il presente contratto la ditta Studio Associato G.S.& L. con sede in Ferrara via Modena 167, P.I. 01603440387 da una

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI. Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza

AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI. Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI Prot. 2006/12769/Giochi/UD Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza IL DIRETTORE CENTRALE Visto l

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO Dichiarazione di tutti i Soci del COCIR COCIR si dedica al progresso della scienza medica e al miglioramento della cura dei

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI BENI E DIRITTI POSSEDUTI ALL ESTERO PER L ANNO FISCALE 2015 (MODELLO 720) 1 febbraio 2016 -

DICHIARAZIONE DEI BENI E DIRITTI POSSEDUTI ALL ESTERO PER L ANNO FISCALE 2015 (MODELLO 720) 1 febbraio 2016 - DICHIARAZIONE DEI BENI E DIRITTI POSSEDUTI ALL ESTERO PER L ANNO FISCALE 2015 (MODELLO 720) 1 febbraio 2016 - DICHIARAZIONE DEI BENI E DIRITTI POSSEDUTI ALL ESTERO PER L ANNO FISCALE (MODELLO 720) Dal

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Nuova disciplina in materia di case da gioco. Riapertura di una casa da gioco nel comune di Taormina

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Nuova disciplina in materia di case da gioco. Riapertura di una casa da gioco nel comune di Taormina Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1346 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRIGUGLIO Nuova disciplina in materia di case da gioco. Riapertura di una casa da gioco nel

Dettagli

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249; Visto il decreto-legge 23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 marzo 2001, n. 66; Visto il decreto-legge

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

935.470 I. DISPOSIZIONI GENERALI. Oggetto e scopo

935.470 I. DISPOSIZIONI GENERALI. Oggetto e scopo 935.470 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l'autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della Confederazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap.

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap. struttura bancaria consiste della Reserve Bank - Banca di Vanuatu, un grande numero di banche commerciali internazionali ben noti, commerciante e le banche di proprietà statale Development Bank (Divelopment

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 AAMS Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO 3 LA REALTÀ VIRTUALE 4 IL QUADRO NORMATIVO 5 IL PANORAMA INTERNAZIONALE 7 LE AZIONI DI AAMS 11 RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1151 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE Illiceità dell installazione e dell utilizzo dei sistemi di gioco

Dettagli

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Il caso Dano: il quadro giuridico (I) Assistenza sociale: bisogno come criterio essenziale di applicazione e per l erogazione delle relative prestazioni non

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI CAMPI DA CALCIO (CIG. 5088440984) Il Comune di Tarzo, in esecuzione della delibera consiliare n.11

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BENTIVOGLIO E GO INTERNET S.P.A. PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT Premessa Il Comune di BENTIVOGLIO, al fine di consentire

Dettagli

Nomenclatore unico delle definizioni

Nomenclatore unico delle definizioni PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO DEI GIOCHI PUBBLICI DI CUI ALL ARTICOLO 1-BIS, DEL DECRETO LEGGE 25 SETTEMBRE 2008, N. 149 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279 Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Prot. n. (SPS/05/3013) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA Natura giuridica e attivita dell Ufficio di Rappresentanza L ufficio di rappresentanza (Representative Office, RO) e la forma piu semplice di presenza in Cina per le imprese

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema

tra: titolare della concessione per n con sede in via n Partita IVA/Codice Fiscale rappresentata dal signor di seguito denominata Titolare di Sistema La società Contratto per l affidamento dell attività di commercializzazione ai sensi del decreto del direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in data 21 marzo 2006 tra: titolare

Dettagli

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario...

1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2. 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2. 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2. 2.1 Erario... 1 DEFINIZIONI ECONOMICHE... 2 1.1 Turnover / Raccolta Lorda... 2 1.2 Restituzione per vincite (Payout)... 2 1.3 Prelievo / Raccolta netta... 2 2 RIPARTIZIONE TRA I DIVERSI SOGGETTI DEL PRELIEVO / RACCOLTA

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2009/ 47010 /giochi/sco Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 88 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773

Dettagli