UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 26 febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 26 febbraio 2015"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 26 febbraio 2015

2 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 26 febbraio 2015 Prime Pagine 26/02/2015 Prima Pagina Il Sole 24 Ore 1 Enti locali 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 2 Renzi ha promesso a Merkel il Jobs act prima dell' avvio del quantitative /02/2015 Italia Oggi Pagina 2 MARINO LONGONI Sulla voluntary pesa ancora l' incognita del penale 4 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 31 DA BRUXELLES SIMONA D' ALESSIO Un piano dei notai d' Europa 5 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 32 Isole minori esenti 6 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 33 ROBERTO ROSATI In Dogana ogni partita ha la propria sanzione 7 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 34 voluntary disclosure, le risposte degli esperti 9 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 36 VALERIO STROPPA Irap, un contenzioso infinito 11 26/02/2015 Italia Oggi Pagina 38 MATTEO BARBERO Spese elettorali divise per tre 12 Il Resto del Carlino Ravenna 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 14 I nuovi' direttori delle Ausl 13 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 «Lascia staremia figlia»e finisce a botte 14 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 LUIGI SCARDOVI Trovate scarpe rubate in centro 15 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 Pirati informatici ripuliscono conto correntee utilizzano i soldi per /02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 STASERA CONFERENZA DI FILIPPI SUL PASSATOR CORTESE' 17 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 Omaggio a Davide Visani a 20 anni dalla morte 18 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 Festa molesta, quattro muratori alla sbarra 19 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 30 MONTANARI LORENZA «Posso entrare col cane oppure no?» 20 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 30 MONTANARI LORENZA «Furti, il ministero dell'interno deve risarcire i danni» 22 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 30 MONTANARI LORENZA «Troppi rifiuti abbandonati all'isola ecologica di via Falcone» 23 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 30 MONTANARI LORENZA Raccolti 2mila euro per il Sacrario dei Caduti 24 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 34 Mostra di pitturaalla Cuciarita 25 26/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 35 È nòstar tèatar' alza il siparioa Lugo torna la /02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 35 Tempo di Barry Lindon' ad Alfonsine 27 Corriere di Romagna Ravenna 26/02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 11 La Polizia ritrova le scarpe rubate in centro 28 26/02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 11 Le vuotano il conto per scommettere on line 29 26/02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 11 Licenziamenti, cassa integrazione, sfratti, madri sole La gente in fila /02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 20 Sulla via del dialogo, a marzo un incontro anche tutti gli imam del /02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 27 ALFONSINE 33 26/02/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 27 LUGO 34 La Voce di Romagna Ravenna 26/02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 ANDREA COLOMBARI "Non è totalmente cieca: rinunci 35

3 26/02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 GIOVANI LIONS 37 26/02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 La città ricorda l' onorevole Davide Visani 38 26/02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 Lugo Cercavano droga e hanno trovato scarpe rubate. Denunciato un /02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 L'avventura di una vacanza premio sul palco del Teatro Goldoni 40 26/02/2015 La Voce di Romagna Pagina 35 Bagnacavallo Rubavano soldi per scommettere 41

4 Il Sole 24 Ore Prima Pagina 1

5 Pagina 2 Italia Oggi Enti locali Il punto. Renzi ha promesso a Merkel il Jobs act prima dell' avvio del quantitative easing EDOARDO NARDUZZI Il populismo neowelfarista di Alexis Tsipras è durato lo spazio di un fine settimana. Giusto il tempo di capire che, senza possibilità di accesso ai mercati finanziari, chi vive a deficit sulle generazioni future può facilmente promettere in campagna elettorale diritti non coperti da cash flow, ma non avere, poi, le giuste argomentazioni per convincere i tedeschi a pagarli. Le politiche welfariste tradizionali, quelle del Novecento, sono state archiviate, anche se la stragrande maggioranza della sinistra europea fatica a capirlo, dall' emersione di tre macro cambiamenti: la germanizzazione dell' Eurozona; la globalizzazione della finanza che non considera più a rischio zero i titoli emessi dagli stati o dagli enti pubblici; la deflazione totale imposta dall' innovazione tecnologica a tutti i fattori produttivi che si traduce nella necessità di migliorare costantemente la produttività sistemica. A differenza della maggioranza dei leader sinistrati europei il premier italiano, Matteo Renzi, ha ben chiaro lo scenario in cui deve navigare e tira dritto per la sua strada facendo le uniche politiche che in un mondo globalizzato la sinistra può fare: riformare la spesa pubblica e rendere efficienti i mercati, incluso quello del lavoro. Certo, ha dovuto varare il Jobs act cassando gli orpelli novecenteschi che il parlamento voleva imporgli, perché aveva promesso alla Merkel e a Draghi di farlo prima dell' inizio del quantitative easing della Bce. Ma anche senza il pressing di Berlino Renzi avrebbe riformato il mercato del lavoro. La visione renziana di un welfare da ventunesimo secolo inevitabilmente è destinata a propagarsi a livello di governi locali. E qualche spiraglio di luce si vede già. La regione Lazio, la cui sanità è da sempre in disavanzo e ha accumulato il più importante debito territoriale del Bel Paese, si è decisa a cambiare passo. Ha nominato subcommissario alla sanità Giovanni Bissoni, per 15 anni assessore alla sanità in Emilia Romagna, una regione da sempre in equilibrio, archiviando il periodo dell' ex comunista Alessio D' Amato, da tempo a processo per truffa ai danni della stessa regione, che nonostante un vitalizio di 5 mila euro al mese è stato anche beneficiato di un contratto dirigenziale di 150 mila euro annui. Così è troppo facile fare i postcomunisti. Ora Bissoni, che di buona sanità se ne intende, deve chiudere il doppio gap del Lazio: quello della produttività delle strutture, troppo più bassa di quella media emiliana o lombarda, e quello del deficit Continua > 2

6 Pagina 2 < Segue Italia Oggi Enti locali annuo ancora troppo vicino al miliardo. Renzi ha «affamato» le regioni tagliando l' Irap, un taglio che per il Lazio significa circa 800 milioni in meno. Ma solo affamando la bestia puoi ottenere una spending review vera della spesa corrente. Questo, ora, lo ha capito anche Tsipras. Riproduzione riservata. 3

7 Pagina 2 Italia Oggi Enti locali L' analisi. Sulla voluntary pesa ancora l' incognita del penale La voluntary disclosure è un fiume in piena. Gli studi professionali più strutturati, un quindicina in tutta Italia, sono sommersi dalle richieste dei potenziali clienti e stanno selezionando nuovi collaboratori per cercare di far fronte a tutte le richieste. Alcune attività vengono gestite in outsourcing. Sono gli intermediari finanziari a fare da volano girando i clienti che si dimostrano interessati a sfruttare le potenzialità della voluntary. I clienti nella maggior parte dei casi sembrano rendersi conto dei rischi che si corrono rifiutando anche questa ultima possibilità di far emergere i capitali illegittimamente detenuti all' estero. Ma se la macchina degli studi professionali sta già girando a pieno regime, quella politico amministrativa è ancora inceppata. Manca, infatti, la circolare dell' Agenzia delle entrate che dovrebbe chiarire molti punti delicati della disciplina. Probabile che alle Entrate stiano aspettando la conversione in legge del decreto «milleproroghe», che contiene una piccola modifica in materia di raddoppio dei termini. Ma non c' è dubbio che la questione dirimente siano gli effetti penali della voluntary. I clienti che in questi giorni stanno affollando gli studi dei professionisti chiedono certezze. La scelta di aderire o meno alla voluntary dipende essenzialmente dal costo della regolarizzazione. Ma forse ancora di più è legata alle garanzie che l' ordinamento è in grado di offrire in materia penale. Oggi questa certezza ancora non c' è. La norma in grado di fare da discrimine tra la scelta di aderire o meno è contenuta in un decreto legislativo sulla semplificazione fiscale uscito due mesi fa e poi colpito dal sospetto che una norma contenuta nello stesso testo, quella che evita rischi penali per violazioni inferiori al 3% del fatturato, possa essere favorevole a Berlusconi. Senza questa norma la voluntary rischia di trasformarsi in molti casi in un' autodenuncia penale. Evidente che senza una simile garanzia le situazioni più delicate resteranno sommerse. Con danni notevoli anche per l' erario. Sarebbe ora che anche palazzo Chigi si dia una mossa. Riproduzione riservata. MARINO LONGONI 4

8 Pagina 31 Italia Oggi Enti locali agenda Un piano dei notai d' Europa Notai in prima linea per «sciogliere i nodi» dei cittadini europei che si spostano all' interno dell' Ue: le successioni (uniformando le norme, considerando che il regolamento europeo 650 del 4 luglio 2012 entrerà in vigore in Italia il 17 agosto 2015), le transazioni immobiliari (creando un «database» informativo), nonché la concessione del credito per l' acquisto di beni, tramite consulenza alle nazioni per il recepimento delle direttiva in materia (2014/17/Ue). È su queste basi che i professionisti lanciano un piano, l' Agenda 2020 del Consiglio dei notai d' Europa, illustrato ieri a Bruxelles con l' obiettivo di vincolare i esponenti della categoria a sostenere l' economia nel Vecchio continente e a stimolare la competitività imprenditoriale; impegno necessario, nella consapevolezza che vi siano 8 milioni di persone non residenti nel paese d' origine, e che ogni anno nell' Eurozona si aprono 450 mila successioni del valore di oltre 123 miliardi. Nel contempo si dovranno ridurre i rischi legati alla criminalità internazionale (essendo i notai principali attori nella lotta al riciclaggio col numero più alto di segnalazioni di operazioni sospette), così come si punta a favorire lo scambio fra membri della categoria mediante l' uso della piattaforma Eufides; altri punti dell' Agenda sono stimolare l' impiego dell' atto autentico (che, come da direttiva 2011/83/Ce, assicura la certezza del diritto, prevenendo le controversie ed evitando il sovraccarico dei tribunali) e affiancare la pubblica amministrazione con procedure telematiche in grado di semplificare passaggi come nel caso del pagamento online delle imposte e della registrazione digitale dei dati nei registri (creazione di società, iscrizioni di ipoteche ecc.). Inevitabili, infine, i commenti sul disegno di legge sulla concorrenza, varato dal governo venerdì: conversando con ItaliaOggi Domenico Cambareri, consigliere nazionale del Notariato, parla di «decine di migliaia di professionisti attaccati a favore del mondo industriale» criticando il «travaso di competenze». Riproduzione riservata. DA BRUXELLES SIMONA D' ALESSIO 5

9 Pagina 32 Italia Oggi Enti locali imu agricola. Isole minori esenti Esenti dal pagamento dell' Imu 2014 i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, ubicati nei comuni delle isole minori. E' una delle novità contenute nel decreto legge 4/2015 sull' Imu agricola, che hanno avuto ieri il via libera dal senato che ha proseguito i lavori fino alla tarda serata per dare l' ok a tutto il provvedimento. Tra le altre modifiche apportate nel corso dei lavori in commissione (si veda ItaliaOggi di ieri) va ricordata la possibilità di ottenere un rimborso (o a procedere alla compensazione) per coloro che hanno effettuato versamenti dell' imposta successivamente considerati non dovuti ai sensi del decreto, che, ricordiamo, aggancia le esenzioni Imu alla classificazione Istat dei comuni montani. Disco verde anche alla non applicazione di sanzioni e interessi qualora il pagamento dell' Imu 2014 sia fatto entro il 31 marzo. 6

10 Pagina 33 Italia Oggi Enti locali Nota dell' Agenzia sulla revisione su iniziativa di parte. In Dogana ogni partita ha la propria sanzione Se un' unica dichiarazione doganale contiene più partite di merci, le sanzioni per eventuali difformità sono applicabili in relazione a ciascuna partita (c.d. «singolo») e non alla dichiarazione nel suo complesso. Di conseguenza, non possono essere compensate le irregolarità a sfavore dell' erario con quelle a sfavore dell' operatore, per cui le sanzioni potranno scattare anche nel caso in cui dalla dichiarazione complessivamente considerata non emerga un' evasione d' imposta. Le sanzioni non sono comunque applicabili nel caso in cui la revisione dell' accertamento doganale sia richiesta dallo stesso operatore. È quanto chiarisce l' Agenzia delle dogane e dei monopoli nella nota prot. n del 9 febbraio 2015, corretta dalla successiva nota prot. n del 23 febbraio 2015 riguardo agli effetti della revisione su iniziativa di parte. La questione, sollevata da alcune strutture regionali, riguardava la corretta applicazione dell' art. 303 del dpr n. 43/73, in particolare se nel caso di dichiarazioni contenenti più «singoli», le sanzioni previste dalla norma debbano riferirsi a ciascuna dichiarazione, complessivamente considerata, oppure a ciascun «singolo». L' Agenzia ricorda che spetta all' operatore scegliere, secondo insindacabili criteri di convenienza economica, se redigere una dichiarazione doganale per ciascuna partita di merce, oppure un' unica dichiarazione per più partite, omogenee o eterogenee. In caso di difformità, secondo la nota, ciascun «singolo» deve essere considerato e sanzionato in modo autonomo, giacché diversamente si darebbe luogo ad un' indebita differenziazione fra operazioni analoghe, a seconda che l' operatore abbia scelto di formulare un' unica dichiarazione oppure più dichiarazioni. Peraltro, l' art. 198 del regolamento Cee n. 2454/93 stabilisce che le indicazioni relative a ciascun articolo contenuto nella dichiarazione doganale si considerano una dichiarazione separata. Le sanzioni dovranno quindi essere applicate in relazione a ciascun singolo, fatto salvo il principio del cumulo giuridico ex art. 12, dlgs n. 472/1997. L' Agenzia ricorda infine che, ai sensi dell' art. 20, comma 4, della legge n. 449/1997, se la revisione dell' accertamento avviene su richiesta dell' operatore, le sanzioni non sono applicabili, e se la richiesta è presentata entro 90 giorni non sono dovuti neppure gli interessi. Riproduzione riservata. ROBERTO ROSATI Continua > 7

11 Pagina 33 < Segue Italia Oggi Enti locali 8

12 Pagina 34 Italia Oggi Enti locali voluntary disclosure, le risposte degli esperti Gli investimenti all' estero Sono un imprenditore, ho fatto diversi investimenti all' estero (anche in paesi a fiscalità privilegiata). Dal momento che ho intenzione di aderire alla voluntary disclosure, ma non conosco bene l' ambito oggettivo della procedura, è possibile conoscere nel dettaglio cosa è possibile regolarizzare? M.M. Risponde Stefano Loconte La procedura di collaborazione volontaria deve riguardare tutti gli investimenti e le attività (finanziarie e patrimoniali) che sono stati costituiti o detenuti all' estero In violazione delle norme sul monitoraggio fiscale. Per quanto riguarda le attività estere, a titolo esemplificativo, possono essere regolarizzati: i conti correnti e depositi esteri; le partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti non residenti; le obbligazioni estere e i titoli similari; i titoli non rappresentativi di merce e certificati di massa emessi da non residenti; le valute estere da depositi e conti correnti; i titoli pubblici italiani emessi all' estero; i contratti di natura finanziaria stipulati con controparti non residenti; le polizze di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione; i contratti derivati e altri rapporti finanziari conclusi al di fuori del territorio dello Stato; i metalli preziosi allo stato grezzo o monetato detenuti all' estero; gli atti di disposizione patrimoniale a favore di trust, fondazioni o organizzazioni similari; le forme di previdenza gestite da soggetti esteri; gli altri strumenti finanziari anche di natura non partecipative; i beni immobili; i beni mobili registrati (ad esempio: le barche le auto); le opere d' arte ed i gioielli; gli oggetti di antiquariato; gli altri beni patrimoniali. La legge n. 186 del 2014 specifica inoltre che ai fini della voluntary disclosure devono essere indicati anche i maggiori imponibili non necessariamente collegati con le attività estere. È possibile, quindi, regolarizzare le violazioni che hanno riguardato le imposte sui redditi (e relative addizionali), le imposte sostitutive delle imposte sui redditi, l' Irap, l' Iva, nonché le violazioni relative alla dichiarazione dei sostituti d' imposta. Peraltro, con riferimento al calcolo delle imposte dovute sui maggiori imponibili, la legge ricomprende altresì i contributi previdenziali che potranno essere regolarizzati con l' adesione alla procedura. I soggetti collegati Cosa si intende precisamente per soggetti collegati? Dove andranno indicati? A.S. Risponde Stefano Loconte Nella sezione 1 del «Quadro VD» del Modello contenente la «Richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria», pubblicato il 30 gennaio scorso sul sito dell' Agenzia delle entrate, è prevista, da parte del contribuente che intende regolarizzare le proprie Continua > 9

13 Pagina 34 < Segue Italia Oggi Enti locali violazioni nazionali e/o internazionali, l' indicazione del codice fiscale dei soggetti che presentano un collegamento con l' attività (colonna 1) o gli importi (colonna 2), in relazione ai quali ci si intende avvalere della procedura di collaborazione volontaria (ad esempio, i cointestatari di conti correnti, di immobili, di partecipazioni detenute anche indirettamente in veicoli societari esteri ovvero enti esteri quali i trust e/o le fondazioni). Peraltro, la stessa Agenzia delle entrate, nella circolare 6/E del 19 febbraio 2015, contenente chiarimenti interpretativi anche in materia di voluntary disclosure, ha confermato che i soggetti collegati possono identificarsi in tutti quei soggetti che hanno, ai fini della normativa sul monitoraggio fiscale, una «posizione rilevante», in relazione alle attività finanziarie o patrimoniali estere oggetto di emersione, ovvero che, pur non presentando collegamenti con le attività estere, presentano collegamenti col richiedente in relazione ai redditi che formano oggetto di emersione. In relazione alla seconda parte del quesito, va precisato che le Istruzioni alla compilazione del modello di cui al Provvedimento n /2015, hanno altresì specificato che il contribuente, oltre a indicare i nominativi dei soggetti collegati nell' istanza di accesso alla procedura, dovrà fornire informazioni più dettagliate nella relazione tecnica di accompagnamento. Si ricorda che quest' ultima andrà trasmessa, unitamente a tutta la documentazione di supporto, mediante posta elettronica certificata, entro 30 giorni dalla trasmissione della richiesta di accesso alla procedura di voluntary disclosure. L' immobile donato Ho donato a mia figlia nel gennaio 2013 un immobile in Svizzera mai dichiarato e mai messo a reddito. Vogliamo entrambi regolarizzarlo, ma chi paga? F.V. Risponde Stefano Loconte L' immobile detenuto in Svizzera non dichiarato e mai messo a reddito, se acquistato in epoca non più accertabile dall' Agenzia delle entrate, potrà essere regolarizzato mediante il pagamento delle sole sanzioni previste per la mancata compilazione del quadro RW. A tal proposito il padre dovrà regolarizzare i periodi di imposta in cui era beneficiario effettivo dell' immobile, mentre la figlia dovrà regolarizzare la propria posizione relativamente al solo periodo di imposta Si ricorda che, per effetto della firma dell' accordo Italia Svizzera, i periodi accertabili (per il quadro RW) sono quelli che vanno dal 2009 al 2013, mentre nel caso ci fossero anche redditi non dichiarati (e fosse stata presentata la dichiarazione in Italia) bisognerebbe, altresì, regolarizzare la propria posizione relativa alle imposte non versate per i periodi Si precisa infine che mediante la procedura di disclosure non sarà possibile sanare eventuali irregolarità relative alle imposte di donazione e successione e, con specifico riferimento all' immobile, anche all' Ivie. Per tali imposte potranno essere impiegati gli ordinari istituti deflativi del contenzioso come ad esempio l' istituto del ravvedimento operoso. 10

14 Pagina 36 Italia Oggi Enti locali Il rinvio verte sull' assoggettabilità del lavoro autonomo svolto in forma societaria. Irap, un contenzioso infinito Il prelievo sui professionisti torna alle sezioni unite. L' Irap dei professionisti torna alle sezioni unite della Cassazione. Stavolta al vaglio dei giudici di legittimità finisce l' assoggettabilità all' imposta dell' attività di lavoro autonomo svolta in forma societaria (e in particolare di società semplice). La decisione è arrivata ieri con l' ordinanza interlocutoria n. 3870/15 della sesta sezione civile, presieduta da Mario Cicala e con relatore Giuseppe Caracciolo. Il caso vedeva coinvolti due amministratori condominiali. I quali, pur esercitando la propria attività in società, ritenevano di non possedere l' autonoma organizzazione (presupposto fondamentale dell' Irap). A seguito del rifiuto al rimborso da parte delle Entrate, si era instaurato il contenzioso. L' Agenzia, però, riteneva che a norma dell' articolo 2 del dlgs n. 446/1997 le società sono sempre soggette a Irap, a prescindere dal requisito dell' autonomia organizzativa. Inoltre, nei due anni considerati la società aveva sostenuto costi significativi (pari al 34% e al 44% dei ricavi), oltre a possedere un immobile in locazione. Secondo la suprema corte, i precedenti giurisprudenziali contrastanti non consentono di definire la controversia. Da un lato, infatti, c' è l' obbligo di indagare l' autonoma organizzazione, sancito anche dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 156/2001. Dall' altro lato, la legge istitutiva dell' Irap prevede una corrispondenza biunivoca tra la forma societaria e la sottoposizione a Irap. Circostanze che hanno dato luogo a verdetti non omogenei che hanno assoggettato (Cass. n /2013) o non assoggettato (Cass. n /2013) le società professionali o gli studi associati all' Irap. VALERIO STROPPA 11

15 Pagina 38 Italia Oggi Enti locali Spese elettorali divise per tre Le spese per le consultazioni elettorali di primavera verranno ripartite fra stato, regioni e comuni. Le modalità operative per le rendicontazioni ed i rimborsi sono state definite dal ministero dell' interno con le circolari della Direzione centrale per la finanza locale nn. 5 e 6 del 2015, diffuse ieri. La regola generale è che le spese di organizzazione e di attuazione delle elezioni dei consigli regionali, comunali e circoscrizionali sono a carico delle amministrazioni interessate (art. 17, comma 2, della legge 136/1976). Quindi, dove si voterà solo per le regionali, tutte le spese saranno a carico delle regioni. In tali casi, i comuni dovranno trasmettere il rendiconto alla rispettiva amministrazione regionale entro il termine perentorio di tre mesi dalla data della consultazione. Dove, invece, le elezioni regionali saranno abbinate a quelle comunali, le spese saranno ripartite in parti uguali tra gli enti interessati. In tali casi, i rendiconti dovranno essere corredati da un prospetto riepilogativo con l' indicazione della spesa a carico di ciascuna amministrazione e trasmessi, a cura dei comuni, al prefetto del capoluogo di regione, per l' apposizione del necessario visto di esecutività. Inoltre, in presenza di detti abbinamenti, per le sole elezioni comunali continua a sussistere l' intervento statale per le spese di cui all' art. 17, comma 3 della legge 136, fra cui, in particolare, quelle per le cartoline avviso da inviare agli elettori residenti all' estero. Queste ultime, ricorda il Viminale, devono essere spedite, da parte dei comuni, per posta prioritaria sia per i paesi oltremare che per quelli europei. La relativa spesa sarà anticipata dai comuni e rimborsata dalle regioni e dallo stato per la quota parte a ciascuno spettante. Ai fini del rimborso statale, i comuni dovranno inviare alle prefetture il rendiconto limitatamente alla sola quota parte dell' erario, attestando, contestualmente, di aver provveduto ad imputare il rimanente 50% alla regione. Gli stessi dovranno, altresì, indicare il numero complessivo degli elettori residenti all' estero e il numero delle cartoline avviso spedite. Riproduzione riservata. MATTEO BARBERO 12

16 Pagina 14 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) I nuovi' direttori delle Ausl Il Resto del Carlino Ravenna La giunta regionale ha designato i nuovi' (!? ) direttori generali delle aziende Usl, di quelle ospedaliere e universitarie del territorio emiliano romagnolo. Rispetto a queste nomine, come afferma un passo dell' Antico Testamento, «niente di nuovo sotto il sole». Si tratta, infatti, del solito giro di valzer e di semplici spostamenti di persone già appartenenti a un puzzle da tempo conosciuto. Nessun rinnovamento di metodo che conferma il consueto manuale Cencelli e si limita a muoversi nel medesimo solco della precedente presidenza Errani. Giudicheremo i fatti concreti e l' impegno con cui si risolveranno annosi problemi che partono dalle lunghe liste d' attesa per le viste e le prestazioni diagnostico strumentali, al miglioramento dell' efficienza delle strutture sanitarie, alla valorizzazione del personale medico e di quello impegnato in corsia, sino ad arrivare all' uso più oculato delle risorse. Il completamento del progetto riguardante le case della salute sul territorio finalizzato ad evitare un utilizzo improprio degli ospedali, e la valorizzazione e l' efficientamento dei nostri tre nosocomi Ravenna, Faenza e Lugo saranno obiettivi sui quali continueremo ad insistere. Gianfranco Spadoni Consigliere provinciale Udc I nuovi' direttori generali sono, in effetti, vecchie conoscenze. Tra questi anche Marcello Tonini, che sarà direttore dell' Ausl Romagna dopo aver guidato l' azienda sanitaria di Rimini e l' Irst di Meldola. Il Risiko' dei nomi interessa a pochi, l' importante è che l' azienda sanitaria mantenga le promesse: più efficienza, migliore organizzazione dei servizi tra ospedali e medicina sul territorio (le Case della salute che stanno faticosamente iniziando a diffondersi) e, in prospettiva, una quasi autosufficienza della Romagna anche sulle prestazioni di terzo livello, ovvero quelle ultra specialistiche e ad alta tecnologia. Quanto di tutto questo resterà sulla carta? 13

17 Pagina 29 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Il Resto del Carlino Ravenna FUSIGNANO IL PROCESSO. «Lascia staremia figlia»e finisce a botte LA LITE era nata perché un padre accusava un connazionale di molestare sua figlia. Il parapiglia scoppiò la sera del 3 settembre 2011 a Fusignano in via Piancastelli, fuori da un bar. E a chiamare i carabinieri fu l' allora sindaco Mirco Bagnari. Volarono botte, fra tre cittadini del Marocco. Per ragioni, diciamo così, di cuore. Un 57enne imputava a un connazionale 37enne, peraltro ammogliato, di avere infastidito troppo sua figlia con telefonate, sms e pedinamenti sul luogo di lavoro. Ma quello partito ieri mattina in Tribunale, davanti al giudice Andrea Galanti, non è un processo per stalking. L' imputato difeso dall' avvocato Nicola Casadio è il marocchino più giovane, chiamato a rispondere di lesioni nei confronti del 57enne. Secondo gli accertamenti dei carabinieri le cose andarono così. Il padre della ragazza chiese un faccia a faccia col connazionale che la importunava, invitandolo a seguirlo. Ma quest' ultimo, quella sera, era in compagnia della moglie. Così, appena svoltato l' angolo, il 37enne avrebbe colpito il 57enne al volto, il quale era supportato dal figlio che intervenne in soccorso del papà e ne nacque una violenta zuffa. La versione dell' imputato è diversa. E cioè che padre e figlio lo avevano aggredito senza un apparente motivo lui mentre si trovava seduto ad un tavolo nello stand della festa padronale di Fusignano e che il 57enne, al contrario, avrebbe tentato di colpirlo con una testata. Nella baruffa anche la moglie del 37enne, che peraltro era in gravidanza, sarebbe stata colpita. I carabinieri trovarono comunque tutti i contendenti con i segni della colluttazione. Al processo si cercherà di capire chi racconta il vero. l. p. 14

18 Pagina 29 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Il Resto del Carlino Ravenna POLIZIA INATTESA SCOPERTA NELLA CASA DI UN 21ENNE Trovate scarpe rubate in centro Dagli armadi sono sbucate' numerose paia di calzature nuove NON ERANO sicuramente le scarpe rubate recentemente in negozi del centro l' oggetto della loro ricerca, ma l' averne rinvenuto numerose paia nell' abitazione di un giovane marocchino ha tuttavia contribuito a far luce su due colpi' messi a segno giorni fa ai danni di altrettanti negozi di calzature situati nella zona del centro storico di Lugo. L' inatteso ritrovamento è stato effettuato nella mattinata di ieri dagli agenti della Polizia di Stato nella casa di un 21enne (A.K. le sue iniziali) originario del Marocco e domiciliato in città. IN REALTÀ i poliziotti erano alla ricerca di tutt' altro, visto che c' era il sospetto che all' interno dell' abitazione del giovane immigrato potesse essere nascosta della droga. Così ieri mattina, durante una perquisizione domiciliare, gli agenti hanno trovato nascoste, all' interno di diversi armadi, numerose paia di scarpe nuove. Calzature delle quali il 21enne non è riuscito a fornire alcuna valida spiegazione circa la loro provenienza, racchiudendosi in un ostinato mutismo. A QUEL punto è stato inevitabile collegare quelle scarpe, nuove e di provenienza sconisciuta, ai diversi furti messi a segno nel giro di pochi giorni nel centro di Lugo e in particolare di due esercizi commerciali di calzature. In un caso ad essere preso di mira era stato il negozio di calzature situato nella Galleria del Corso, che si affaccia su via Matteotti, dove i soliti ignoti' entrarono in azione intorno alle 22, impossessandosi di una considerevole quantità di scarpe, alcune delle quali spaiate. Alcuni giorni dopo i ladri fecero invece visita, infrangendo una vetrata, al negozio di calzature Asia' situato in via Risorgimento, sempre a poca distanza dalla piazza. Entrambi i colpi furono regolarmente denunciati ai carabinieri. TORNANDO all' episodio di ieri mattina, gli agenti di Polizia hanno indagato a piede libero il 21enne marocchino per ricettazione, mentre tutte le scarpe rinvenute negli armadi dell' abitazione del giovane sono state restituite ai legittimi proprietari. Luigi Scardovi. LUIGI SCARDOVI 15

19 Pagina 29 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Il Resto del Carlino Ravenna Pirati informatici ripuliscono conto correntee utilizzano i soldi per scommettere on line ERANO riusciti a carpire i codici alterando poi i sistemi informatici del conto corrente di un cittadino residente nel bagnacavallese sottraendogli circa 4mila euro. Somma che era poi stata ripartita (ed in seguito utilizzata per effettuare delle puntate') in una decina di quote, poi dirottate su conti di credito a loro in uso di una nota società di scommesse (Snai) e destinati a giochi e scommesse on line. A scoprire la frode sono stati i carabinieri della stazione di Bagnacavallo al termine di un' articolata attività di indagine protrattasi alcune settimane. A finire nei guai sono state dieci persone di età compresa tra i 19 e i 60 anni, due dei quali residenti a Roma, uno in Toscana e i restanti sette in Campania. Come hanno precisato gli inquirenti, si tratta di abituali frequentatori di punti ove si effettuano scommesse on line, ed in particolare personaggi già noti alla medesima società in questione. I dieci indagati dovranno rispondere in concorso per il reato di frode informatica. Oltre ad una pena detentiva fino a tre anni, rischiano una salatissima pena pecuniaria che varia da 100mila fino addirittura a 2milioni di euro (art. 640, comma ter del codice penale). lu.sca. 16

20 Pagina 29 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Il Resto del Carlino Ravenna [BLU]LUGO. STASERA CONFERENZA DI FILIPPI SUL PASSATOR CORTESE' Nella sala del Circolo Sei di Lugo se', in via Sentiero 2 a San Lorenzo di Lugo, questa sera alle 21, è in programma una conferenza del giornalista Daniele Filippi su Il mito del Passator Cortese, tra leggenda e realtà'. A introdurre la serata sarà lo scrittore e storico Gian Ruggero Manzoni. 17

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate DISPONIBILI ONLINE IL MODELLO DEFINITIVO PER LA RICHIESTA DI ACCESSO ALLA PROCEDURA DI COLLABORAZIONE VOLONTARIA, LE ISTRUZIONI

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda.

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. Prot. n. 7441/1.5.2 Circolare n. 4 bis/el A lista d inoltro Udine, 6 marzo 2013 TRASMESSA VIA MAIL e VIA PEC oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. In vista delle elezioni

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

***** Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata (decreto legislativo primo esame)

***** Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata (decreto legislativo primo esame) Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi venerdì 20 giugno alle ore 10.45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Segretario il ministro per le Riforme costituzionali

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di ricezione telefonare allo 0461/805605. INFORMATIVA N. 193 BIS Trento, 07.08.

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di ricezione telefonare allo 0461/805605. INFORMATIVA N. 193 BIS Trento, 07.08. Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA FISCALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di ricezione telefonare allo 0461/805605 INFORMATIVA N. 193 BIS Trento, 07.08.2008 SPAZIO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

I CONSIGLI ANTITRUFFA

I CONSIGLI ANTITRUFFA Città di Polizia di Stato Cologno Monzese Questura di Milano I CONSIGLI ANTITRUFFA a tutela dei nostri ANZIANI Presentazione Cologno Monzese ha da sempre a cuore e ben presenti le esigenze della Terza

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Ministero dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Roma, 29 ottobre 2015 Gent. mo Presidente, in riferimento al Suo invito per la giornata odierna di inaugurazione della Vostra nuova sede di

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI DATI IVA (Art. 8-bis del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322)

COMUNICAZIONE DEI DATI IVA (Art. 8-bis del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322) COMUNICAZIONE DEI DATI IVA (Art. 8-bis del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322) Circolare n. 1/2003 Documento n. 4 del 19 febbraio 2003 Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85236387 (fax 06/85236384) - c.f.:80459660587

Dettagli

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro 21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro L Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 2/E del 21 febbraio 2014 che fornisce le istruzioni e

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale.

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. Difensore: nato a il e residente in,, codice fiscale. Controparti:

Dettagli

La via italiana all emersione dei capitali

La via italiana all emersione dei capitali La via italiana all emersione dei capitali Marco Causi La Commissione finanze di Montecitorio ha approvato il testo di una legge che introduce una procedura per regolarizzare i capitali nascosti detenuti

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Studio n. 250-2015/T Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 23 ottobre 2015 Approvato dal CNN nella seduta del 18-19 novembre 2015 ***

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Agosto Settembre 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra di Ferragosto A partire dal 17 settembre 2011 sono entrate in vigore le novità introdotte dal

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

SIMONE BOTTERO. Istruzione

SIMONE BOTTERO. Istruzione SIMONE BOTTERO Istruzione Abilitazioni e qualifiche professionali TITOLO DI DOTTORE COMMERCIALISTA E REVISORE LEGALE DEI CONTI conseguito in data 24/09/2004 presso l UNIVERSITA degli Studi dell Insubria

Dettagli

L evasione fiscale in Italia

L evasione fiscale in Italia L evasione fiscale in Italia Aggiornamento: febbraio 2016 1 Programma dell incontro Il sistema fiscale in Italia Il fenomeno dell evasione fiscale Gli effetti dell evasione nella società Come l contrasta

Dettagli

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri Documento n. 13 La tassazione degli immobili esteri Febbraio 2013 LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI SOMMARIO: 1. Presupposto impositivo. 2. Soggetti passivi. 3. Base

Dettagli

SOGGETTIVITA PASSIVA IRAP: IL PROFESSIONISTA E LA SOCIETA DI SERVIZI a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino

SOGGETTIVITA PASSIVA IRAP: IL PROFESSIONISTA E LA SOCIETA DI SERVIZI a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino SOGGETTIVITA PASSIVA IRAP: IL PROFESSIONISTA E LA SOCIETA DI SERVIZI a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Premessa L avvicinarsi del termine di presentazione della dichiarazione dei redditi

Dettagli

Forum sugli Enti non profit: le novità 2015 e le risposte degli esperti

Forum sugli Enti non profit: le novità 2015 e le risposte degli esperti Forum sugli Enti non profit: le novità 2015 e le risposte degli esperti Enti non profit: novità tributarie imposte dirette ed indirette Gianni Massimo Zito Dottore commercialista Componente Commissione

Dettagli

(16/12/2011) RISPARMIATORE SCUDATO, MEZZO AVVISATO. TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE ORA GLI SCUDATI VOGLIONO SAPERE. Di Roberta Rossi e Salvatore Gaziano

(16/12/2011) RISPARMIATORE SCUDATO, MEZZO AVVISATO. TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE ORA GLI SCUDATI VOGLIONO SAPERE. Di Roberta Rossi e Salvatore Gaziano RISPARMIATORE SCUDATO, MEZZO AVVISATO. TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE ORA GLI SCUDATI VOGLIONO SAPERE. (16/12/2011) Di Roberta Rossi e Salvatore Gaziano Chi aderendo allo scudo fiscale pensava di aver chiuso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO 1 La stampa internazionale e i media hanno dato, negli scorsi mesi, un grande eco alla decisione della Corte di

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano.

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano. FORMAZIONE PERMANENTE PER AVVOCATI - 2014 Le successioni internazionali alla luce del nuovo regolamento (UE) n. 650/2012 I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI Prot. N. 10290/2011 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DEI POSTI AUTO COLLOCATI AL PRIMO LIVELLO ( COPERTO) DEL NUOVO PARCHEGGIO MODULARE DI VIA VERDI- LOCALITA GATTEO MARE - PROCEDURA APERTA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015

Roma, 14 aprile 2015 CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 14 aprile 2015 OGGETTO: Chiarimenti in materia di imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi degli articoli 15 e 15-bis del decreto

Dettagli

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro.

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro. Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di marzo 2012. Cordialmente. Lo Studio ADEMPIMENTI MESE DI MARZO 2012 Giovedì 1 marzo DOCUMENTI FISCALI Archiviazione informatica - Termine di

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O Alla cortese attenzione dei Sigg. Clienti: CIRCOLARE DICEMBRE 2008 ULTIME NOVITÀ FISCALI Accertamento ad una società basato sui c/c dei soci Sentenza Corte Cassazione 14.11.2008, n. 27186 Dichiarazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Febbraio 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI L Agenzia delle Entrate pesa la sostenibilità delle liti tributarie L Agenzia delle Entrate ha impartito agli uffici

Dettagli

Novità da PostFinance

Novità da PostFinance 1 Marzo 2011 Novità da PostFinance La rivista per i nostri clienti privati Pianificare la pensione: come e quando 2 3 Più tempo con la gestione dei pagamenti online 4 5 Negoziare direttamente titoli in

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 3 AGOSTO 2015 IN BREVE

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 3 AGOSTO 2015 IN BREVE STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 3 AGOSTO 2015 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Voluntary Disclosure in scadenza al 30 settembre: chiesta

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979 Codice

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 21 maggio 2015 Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi

Dettagli

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n.

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n. Volontariato Città di Treviglio Onlus Solidarietà e Sicurezza Tieni la borsetta verso il muro Per non essere soli chiama il n. 800.995988 con la collaborazione di: UNIONE BERGAMASCA CONSUMATORI Via T.

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Protti & Valcamonici Commercialisti Associati

Protti & Valcamonici Commercialisti Associati Ai Signori clienti Loro sedi Circolare di studio n. 5/2011 del 16 novembre 2011 Oggetto: Decreto sviluppo (D.L. 70/2011), manovra estiva (D.L. 68/2011) e manovra estiva bis (D.L. 138/2011) Sommario (evidenziati

Dettagli

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) linee guida PREMESSA L'art. 13 del D.L. 6.12.2011, n. 201, convertito, nella Legge 22.12.2011, n. 214 (Cd. Decreto salva Italia), così come, da ultimo, modificato dal

Dettagli