Amore e sentimenti online e offline

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Amore e sentimenti online e offline"

Transcript

1 Amore e sentimenti online e offline L'affettività degli adolescenti ai tempi di Facebook Prof. Marco Nicolussi Psicologo Psicoterapeuta Docente a contratto Università di Padova Dott.ssa Tiziana De Ruggieri Psicologa Psicoterapeuta Cultore della materia Università di Padova 26 marzo 2015

2 Qual è l'esperienza emo1va e affe4va nella comunicazione che gli adolescen1 vivono nell era dei social network?

3 Quali sono i fa?ori di cambiamento (ogge%vo e sogge%vo) che investono la loro vita e che gli adolescen1 vivono, contemporaneamente, qui e altrove, costruendo e costruendosi nuove e diverse iden1tà in internet?

4 Il Social Network per i giovani (ma non solo) è lo strumento che più di altri s1mola interessi e desideri di comunicazione, dove l inves1mento emo1vo e affe4vo è par1colamente coinvolgente (e stravolgente)

5 Le modalità comunica1ve, emo1ve e affe4ve degli adolescen1 nel web sociale riguardano la percezione di uno stato di connessione permanente,

6 ridefinendo (e talora stravolgendo) la dis1nzione tra il sé e gli altri, modificando la propria posizione nella comunicazione, che può diventare sopra?u?o, se non solo, digitale e configurando in questo modo nuove forme e vissu1 di affe4vità.

7 La comunicazione tradizionale si è spostata massivamente online, e a?ualmente è molto più facile trovare qualcuno (giovane ma non solo.) collegato in internet piu?osto che a leggere una rivista..

8 Per lo sviluppo e il mantenimento delle relazioni sociali il passaggio dall'interazione de visu ai social network è avvenuto molto velocemente, portando a ridurre dras1camente l uso degli anelli intermedi di questa catena, come il telefono, l , gli sms, ma anche le chat e i blog

9 I social network sono diventa1 una specie di grandi contenitori dove: - posso scrivere come mi sento, cosa faccio, dove vado, chi incontro, dove sono; - posso sen1re i miei amici in tempo reale, singolarmente o colle4vamente; - posso usarli come pia?aforma per pubblicare i miei lavori, per farmi promozione; -...ma posso anche usarli per controllare i profili delle persone che mi interessano.

10 I Social network, e Facebook in primis, negli anni hanno modificato l u1lizzo di alcuni servizi che la pia?aforma offre, come la possibilità di taggare e citare, la ges1one degli even1 e le sponsorizzazioni organiche e a pagamento

11 La velocità, l economicità, l interconnessione, le visualizzazioni e il numero di persone raggiunte con il messaggio pubblicitario sono diventate davvero considerevoli.

12 La potenza, e il potere, di internet e dei social network nel veicolare (ma anche influenzare) le informazioni e le comunicazioni diventa sempre più incisiva nel vissuto e nell'immaginario colle4vo.

13 E, se ques1 canali vengono sempre più u1lizza1 in ambito pubblicitario, diventa facile capire come un adolescente, alla ricerca dell'"acce;azione sociale, lo u1lizzi anche per la costruzione della propria iden<tà, sia personale che sociale.

14 Il termine amico, invece che conta?o, 1pico dei social network, è infa4 volutamente u1lizzato per ricreare nel virtuale uno spazio confortevole "friendly" (e, paradossalmente, privato).

15 Il bisogno di acce;azione sociale sui social network consiste nell o?enere feedback posi1vi dai propri amici, e viene incrementato dai I like o?enu1 e dai trend posi1vi del proprio status, fino a influenzare pesantemente l autos<ma della persona

16 Nei Social network il modo in cui gli altri ci percepiscono dipende: - dalle informazioni che le persona me?ono a disposizione; - dalle informazioni generate dal so[ware; - dalle informazioni fornite dai nostri amici su di noi.

17 Tra le conseguenze che si possono avere nell abuso dei social network nelle relazioni interpersonali, ci1amo: - il controllo, - l amplificazione/accelerazione delle proprie emozioni.

18 Controllo Sia che si tra4 di una relazione desiderate, in i1nere, neonata o di una stabile, l u1lizzo dei Social può anche declinarsi, pericolosamente, a scopo inves<ga<vo

19 Può diventare un altro strumento (insieme al cellulare e alla posta ele?ronica) per indagare, anche in maniera ossessiva, sospe4, magari infonda1. E può anche portare all aumento o alla diminuzione dell autos1ma dell adolescente

20 Amplificazione/accelerazione delle proprie emozioni I social portano ad accelerare i tempi di sviluppo e di manifestazione di emozioni e di affe4, con modalità che non rispecchiano la realtà delle relazioni, che è fa?a di tempi diversi, di avvicinamen1 e allontanamento, di 1midezza e insicurezza

21 E più facile affidare ad un post il proprio stato d animo, le proprie sensazioni, le proprie dichiarazioni d amore, che dirlo dire?amente de visu. E, di fa?o, sui social vanno ad amplificare il significato dell evento (con i diversi I like, i commen1, le condivisioni, ecc.)

22 I social network possono porre anche fine a relazioni che, forse, non sarebbero finite se non fosse stata divulgata, accelerandone dunque i tempi.

23 I social network hanno modificato, radicalmente, le modalità comunica1ve e di relazione tra le persone. Tu?avia non bisogna cadere nell errore di colpevolizzare lo strumento.

24 Se vengono usa1 strategicamente (p.e. come mezzo e non come fine) i social network possono anche rafforzare posi<vamente le relazioni online e offline.

25 E diventare, se adeguatamente ges11, uno strumento per agevolare la conoscenza e la comunicazione, ovvero uno strumento an< <midezza

26 Con l avvento dei computer, di internet e dei social network, le persone, e i giovani sopra?u?o, sono senz altro so?opos1 a un numero maggiore di s1moli, ma questo non significa che non siano potenzialmente controllabili e ges1bili.

27 Per far questo vi è la necessità di individuare alcune regole. Poche regole ma chiare e, sopra?u?o, individuate, valutate e condivise prima dai genitori (e dagli insegnan1)

28 Per approfondire Laila Groppi, 2012, Le relazioni affe4ve 2.0: Social Network trappola o libertà?. Proge?o Giovani Padova. Immagine iniziale e di sfondo di Pawel Kuczynski

29 Tu?e le cose che si giudicano un tempo furono nuove. Tacito

30 E esperienza quo1diana che i ragazzi abbiano l'abitudine di usare costantemente il telefono, in concomitanza all'uso dei social network, dei giochi al computer ascoltando musica fino a tarda no?e. Anche il risveglio quo1diano è scandito da segnali acus1ci o allarmi dei propri disposi1vi, e spesso la prima tra le azioni quo1diane è quella di ricollegarsi in internet e in chat.

31 Il diluvio di s1molazioni digitali combinate con un uso costante di disposi1vi informa1ci condiziona mol1 aspe4 della nostra giornata e di quella dei nostri figli. La concentrazione viene deviata dai compi1 d ogni giorno, dalle relazioni con gli altri che ci circondano, con inevitabili ricadute sull umore proprio e altrui.

32 L adolescenza (1) Fisiologicamente e sessualmente rappresenta il passaggio dall età infan1le all età adulta. Psicologicamente, socialmente e relazionalmente è un periodo di importan1 trasformazioni e ada?amen1 tra il contesto esterno e il proprio mondo interno.

33 L adolescenza (2) I ragazzi si trovano ad affrontare delle sfide evolu1ve, dando un significato alle esperienze vissute che perme?erà di: o Ricercare una diversa immagine di sé e un autonomia affe4va; o Iden1ficarsi con il gruppo dei pari (immagine di sé) ; o Sfidare le regole e ribellarsi all autorità; o Esplorare nuove esperienze; o Me?ere alla prova le proprie capacità di autocontrollo e di indipendenza.

34 Ricerca di iden<tà e autonomia affemva (1) Il processo di presa di distanza dal nucleo genitoriale è inevitabile per la costruzione di una nuova immagine di adulto ma non è scevro di sofferenze. L allontanamento dalle figure genitoriali avviene fa1cosamente, con contraddizioni ed ambivalenze.

35 Ricerca di iden<tà e autonomia affemva (2) Contraddizioni e ambivalenze che generano un confli?o al quale l adolescente può rispondere con a?eggiamen1 e azioni che sono ancora poco stru?urate o immature anche a causa di una scarsa percezione delle possibili conseguenze su di sé e gli altri.

36 Il percorso dell adolescenza non è iden1co nel tempo e nello spazio in quanto stre?amente connesso alla cultura di riferimento (Koops, 1996). L adolescenza non è quindi solo una fase di sviluppo cara?erizzata da tappe universali, ma è determinata anche dai contes1 sociali e culturali di riferimento.

37 Iden<ficazione con il gruppo La ricerca di un immagine di sé s1mola l adolescente a confrontarsi, proie?arsi verso i coetanei, che diventano riferimento e esempio, Ma che possono anche essere fonte di frustrazioni e sofferenza, di rifiuto.

38 Il gruppo Il gruppo svolge la funzione di supporto.. alla crescita e all'espansione dei propri confini psicofisici; al riconoscersi e differenziarsi guardandosi a?raverso gli occhi degli altri, allo sperimentare la propria affe4vita /sessualita (innamoramen1).

39 La ricerca delle risposte alle proprie domande e dei bisogni di confronto, ricorrendo al web, rischia di allontanare l adolescente dai rappor1 umani dire4 e concre1. La chat diventa il luogo dove poter a?uare questo sfogo di aggressività di cui l'adolescente ha necessità vitale.

40 Spesso, nel rapporto fra le generazione dei genitori- figli, da parte dei genitori manca la preoccupazione di comprendere le modalità comunica1ve dei giovani; da questa presunta incomunicabilità nasce spesso il distacco fra genitori e figli, gli ul1mi lascia1 liberi dai primi di fare ciò che credono, in quanto considera1 comunica1vamente alieni

41 Internet e i social network Cosa sono?

42 Internet Internet: nuova forma di comunicazione che si afferma negli anni novanta. Rappresenta un collegamento che conne?e, ado?ando uno specifico linguaggio, a?raverso una qualsiasi rete, tu4 i disposi1vi ele?ronici del mondo collega1 e collegabili (mini, personal, palmari, smartphone, etc.). Offre contenu1 mul1mediali a scopo ludico (YOU TUBE, YOU STREAM, etc. ), servizi di lavoro e di studio (WIKIPEDIA, Websites, etc. ) e servizi di comunicazione integrata (SKYPE, VOIP, INSTANT MESSAGING, etc.).

43 Social Networks (1) Aggregatori virtuali di uten1 che vogliono cercare/ mantenere conta4 tramite la condivisione di no1zie, foto video ed even1.

44 Social Networks (2) Facebook. Nasce nel 2003, ad opera dello studente Mark Zuckerberg, come sito dove caricare tu?e le foto degli studen1 del college. Chi vi accedeva poteva votare la preferita tra due foto che il sistema selezionava casualmente. In seguito Facebook viene riproge?ato. Nel 2014 sono sta1 s1ma1 all incirca uten1. Quasi un utente su qua?ro ogni giorno accede al suo profilo almeno cinque volte.

45 Social Networks (3) Twi;er. Pensato inizialmente come sistema per pubblicare su Internet messaggi audio e video a?raverso lo smartphone, Twi?er diventa fonte privilegiata per cercare no1zie in tempo reale. Anche il mondo della poli1ca e delle is1tuzioni ha iniziato a farne uso a scopo comunica1vo e di propaganda ele?orale.

46 Social Networks (4) Ask. Ideata in Le?onia nel 2010, è una pia?aforma che perme?e di interagire, ponendo domande e formulando risposte in forma anonima sul profilo degli altri membri. Nelle «condizioni di u1lizzo», si stabilisce che gli uten1 debbano avere almeno 13 anni. Nel 2013 ha più di sessanta milioni di uten1 registra1, di cui 13,2 milioni che lo frequentano quo1dianamente. I paesi con più uten1 registra1 sul sito sono: Italia, Brasile, Sta1 Uni1 e Turchia.

47 Social Networks (5) WhatsApp. Applicazione basata sulla messaggis1ca istantanea tramite smartphone. Consente di inviare immagini, video, file audio e condividere la propria posizione geografica. WhatsApp richiede ai propri uten1 l accesso all'intera rubrica di conta4 e ai da1 personali in modo da poter conne?ere fra loro i conta4 facen1 uso dell'applicazione. Instagram. Pia?aforma centrata sulla funzionalità fotografica. Nel 2012 Instagram raggiunge i 100 milioni di uten1 registra1 dimostrando così di essere cresciuta superando Facebook e Twi?er

48 Possibili vantaggi Accedere in prima persona a svariate fon1 e informazioni Superare la 1midezza Rimanere in conta?o con gli altri Condividere esperienze, pensieri, emozioni Facilità di comunicare senza limi1 di tempo e spazio Rimandare un immagine di sé (che possiamo controllare) Ricevere s1moli mul1sensioriali

49 Dipendenza da Internet Un uso mal ada4vo di Internet conduce a disagio che può avere le seguen1 cara?eris1che: Tolleranza, ovvero la necessità di prolungare il periodo di tempo trascorso in Internet per poter raggiungere la medesima sensazione di appagamento. As<nenza, la sperimentazione di disagi psico- fisici in seguito alla sospensione della navigazione in rete: ansia, agitazione, pensieri fissi rela1vi ai contenu1 della rete, disturbi del sonno, depressione, a?acchi di panico, paura (ad esempio di non avere più informazioni o collegamen1 e di stare o rimanere da soli), insicurezza, susce4bilità, etc.

50 Tipi di dipendenza da Internet (1) Dipendenza da gioco al computer o in rete: proprio dei sogge4 in cui vi è la tendenza al coinvolgimento eccessivo in giochi virtuali distaccandosi dalla realtà. Nel primo caso si tra?a di giochi che non prevedono l'interazione di più giocatori e non sono gioca1 in rete. Mentre nel secondo caso rientrano gli individui che vanno alla ricerca di giochi online, (gioco d azzardo, casinò online, aste, shopping, scommesse etc.).

51 Tipi di dipendenza da Internet (2) Dipendenza dalle relazioni virtuali: vi è un eccessivo coinvolgimento con relazioni amicali o sen1mentali nate in rete, finendo per preferire progressivamente le relazioni virtuali a quelle reali, rischiando di isolarsi e alienarsi all interno della rete.

52 Tipi di dipendenza da Internet (3) Dipendenza da sovraccarico cogni<vo: riguarda le persone che sono alla con1nua ricerca di informazioni tramite web. Dipendenza da sesso virtuale: i sogge4 che rientrano in questa so?oclasse visitano spesso si1 porno, chat ero1che e instaurano e intra?engono relazioni amorose virtuali.

53 Ripercussioni nega<ve (1) Ambito sociale e familiare: assorbimento nella realtà virtuale a discapito degli affe4 familiari. Si verificano un graduale isolamento, distorsione dei rappor1 affe4vi e sociali, disgregazione dal gruppo familiare ed amicale.

54 Ripercussioni nega<ve (2) Ambito lavora<vo e scolas<co: le eccessive ore di navigazione riducono il fabbisogno di sonno con eviden1 effe4 nega1vi su vigilanza, a?enzione e capacità di concentrarsi. Ciò ricade sul rendimento scolas1co e professionale, con una maggiore affa1cabilità, deconcentrazione, difficoltà nella memoria, fino ai ritardi o assenze da scuola o dal lavoro.

55 Ripercussioni nega<ve (3) Ambito della salute: possono verificarsi mal di schiena, mal di testa, affa1camento degli occhi, disturbi del sonno, emicrania, stress oculare, ipersudorazione, tachicardia, tensioni, crampi e/o dolori muscolari (a causa delle numerose ore passate davan1 al computer), forte stanchezza. Ambito economico: scommesse online, casinò virtuali, partecipazione ad aste, shopping online possono comportare gravi ripercussioni economiche.

56 Comunicazione reale e virtuale (1) Dai da1 raccol1 da una ricerca del 2010, condo?a su un campione di studen1 delle scuole superiori della provincia di Bergamo emerge un profilo di studen1 più "tecnologizza1" rispe?o a quelli offer1 da altre indagini svolte su tu?o il territorio nazionale.

57 Comunicazione reale e virtuale (2) Facebook rappresenta una delle pia?aforme più u1lizzate in rete per conne?ersi e comunicare con gli altri. Il 52% degli intervista1 ha dichiarato di usarlo più volte la se4mana o ogni giorno (uten1 frequen1); il 14% lo usa di tanto in tanto (uten1 intermi?en1); il 34% dichiara di non usarlo. Si registra una ne?a differenza fra i generi, le ragazze rappresentano il 57% degli uten1 frequen1, a fronte di un più rido?o 47% per i maschi, più numerosi come uten1 intermi?en1.

58 Comunicazione reale e virtuale (3) Il 79% degli uten1 frequen1 ha dichiarato di usare come nome utente in Facebook il proprio vero nome, il 15% un nickname ispirato al proprio nome e soltanto il 6% un nickname di fantasia. Al contrario, solo il 53% degli uten1 intermi?en1 di Internet entra in Facebook con il proprio nome, me?endo in evidenza il problema legato al riconoscimento dell iden1tà sul web.

59 Comunicazione reale e virtuale (4) Circa il 25% dei ragazzi afferma di parlare in chat o in Facebook di argomen1 non affronta1 nella vita di tu4 i giorni. Il 47% degli uten1 frequen1 e il 39% degli uten1 intermi?en1 asseriscono di essersi incontra1 almeno una volta con persone conosciute online.

60 Comunicazione reale e virtuale (5) Un terzo del campione ha affermato di aver inviato fotografie a persone conosciute in chat. Il 58% di coloro che inviano foto è cos1tuito da maschi e il 42% da femmine; il 21% di quan1 hanno inviato fotografie ha affermato che i propri genitori non sono a conoscenza delle loro a4vità in rete, il 32% che si interessano raramente, il 34% qualche volta, l'11% spesso e il 2% sempre.

61 Comunicazione reale e virtuale (6) Anche durante svolgimento dei compi1 a casa, i ragazzi intervista1 hanno dichiarato di usare Wikipedia per le ricerche e di controllare Facebook o Twi?er, interagendo tramite messaggeria istantanea per chiedere o dare spiegazioni ai compagni di studio.

62 Ma perché il web a;rae così tanto? In internet si può: vivere maggiormente la propria affe4vità: maggiore confidenza, minore 1midezza e inibizioni s1molate da maggior senso di libertà manifestare la propria curiosità: bisogno di esplorare e raccogliere informazioni; sperimentare e me?ere in discussione valori e ruoli sociali: ci si può esprimere maggiormente, da protagonis1, soddisfacendo il proprio bisogno di apparire, mostrarsi, avere una platea che ci ascolta.

63 Internet e sviluppo neurobiologico (1) Gli a?eggiamen1 di uso ed abuso lega1 alla navigazione nel web sono collega1 ad alcuni meccanismi psicologici e neurologici di piacere, soddisfazione, affe4vità ed autos1ma. Tali meccanismi si basano su un sistema di rilascio celebrale di sostanze psico- a4van1 e la formazione di schemi mentali ricompensatori che portano al riu1lizzo con1nuo e sempre maggiore.

64 Internet e sviluppo neurobiologico (2) Un uso non adeguato di Internet cos1tuisce un rischio per la salute mentale dell individuo. L abuso e la dipendenza da internet vanno a minare il corre?o funzionamento e il benessere della persona.

65 Internet e sviluppo neurobiologico (3) In una ricerca del 2011 si è indagata la relazione tra dipendenza da Internet e funzioni neuropsicologiche in un gruppo di adolescen1, somministrando una ba?eria di test per valutare le funzioni cogni1ve ad un gruppo di adolescen1 con dipendenza da internet e un gruppo di controllo. Nella prova di comprensione il gruppo con dipendenza da Internet ha o?enuto punteggi significa1vamente più bassi rispe?o all altro gruppo.

66 Internet e sviluppo neurobiologico (4) Potrebbe esistere una relazione tra la dipendenza da Internet e una rido?a intelligenza sociale, in quanto il test di comprensione rifle?erebbe la capacità di applicare alla vita quo1diana giudizi morali ed e1ci.

67 Internet e sviluppo neurobiologico (5) Il processo di maturazione delle cellule nervose del lobo prefrontale, che è coinvolto nelle funzioni esecu1ve (a?enzione, memoria, pianificazione, integrazione visuo- spaziale), avviene fino alla prima età adulta.

68 Internet e sviluppo neurobiologico (6) L instaurarsi precoce della dipendenza da Internet e una lunga durata della stessa sarebbero associate a prestazioni più basse anche nelle prove di a?enzione. Pertanto, non si può escludere che la dipendenza da Internet influenzi nega1vamente il funzionamento cogni1vo degli adolescen1, il cui sviluppo cerebrale è ancora in corso.

69 Per approfondire h?p://www.irre.toscana.it/disagio/laboratori/4_mancaniello.doc h?p://www.cpsico.com/ dipendenza_da_social_network_dipendenza_da_facebook_amicodipende nza.htm h?p://www.disturbipsichici.info/mio%20sito/internetaddic1on.html h?ps://psychoceci.wordpress.com/2010/06/15/gli- aspe4- psicologici- di- facebook- dalle- opprtunita- al- rischio- di- dipendenza/ h?p://www.cris1napuglia.it/blog/30- dipendenza_dai_social_network.htm h?p://psicologiweb.com/ar1colo/adolescen1- e- facebook h?p://www.marcolazzari.it/marco- lazzari- uso- di- strumen1- di- comunicazione- telema1ca- fra- gli- adolescen1- facebook- msn- scambio- di- fotografie- it Immagine di Pawel Kuczynski

70 Cosa possono fare i genitori (1) Il confronto con i ragazzi può essere costru4vo, in quanto s1mola il dialogo tra genitore e figlio e promuove una forma di conoscenza reciproca, adeguandosi alle trasformazioni cui la società va incontro. Gli adolescen1 di oggi sembrano aver bisogno non tanto di informazioni, quanto piu?osto di confronto aperto per rielaborare le informazioni apprese, per riuscire a capire, oltre che semplicemente sapere.

71 Cosa possono fare i genitori? (2) Garan1re una supervisione sulla fruizione di Internet a?raverso: un ambiente controllato e sicuro, tempi prestabili1 e regola1 sulla base della quo1dianità (per evitare che si inneschi il circolo vizioso che la dipendenza da internet può generare)

72 Cosa possono fare i genitori? (3) Fungere da modello posi1vo nell uso di internet e social network, in modo da sperimentare un alterna1va posi1va all uso degli stessi.

73 Cosa possono fare i genitori? (4) Concedersi uno spazio personale e come coppia genitoriale per affrontare i temi che i figli ci portano e che me?ono in discussione il nostro sistema di valori, ma anche le nostre paure e le nostre problema1che. Non chiudersi al dialogo su ques1oni ineren1 al mondo del web presentate dall adolescente, ma cercare di discuterne insieme tramite un ascolto a4vo di quelle che possono essere le emozioni e i pensieri dei ragazzi.

74 Cosa possono fare i genitori? (5) Affrontare insieme le ques1oni problema1che legate alla affidabilità e credibilità delle informazioni che circolano nel Web e delle persone che si incontrano nei luoghi virtuali. Spesso i ragazzi non hanno le capacità per giudicare la fondatezza delle informazioni.

75 Cosa possono fare i genitori? (6) Incen1vare l adolescente a impegnarsi in a4vità che possano fornire delle soluzioni alterna1ve alle sensazioni di noia e solitudine (a4vità spor1ve o hobbies di vario genere).

76 Cosa possono fare i genitori? (7) Affrontare le ques1oni legate alla sessualità, alla fisiologia del corpo e ai suoi mutamen1. È importante che ques1 argomen1 non vengano omessi da parte dei genitori, data la scarsa conoscenza dei giovani su alcuni aspe4 della maturazione psicofisica.

77 Cosa possono fare i genitori? (8) Cercare una collaborazione con la scuola, la comunità, l a4vità spor1va al fine di favorire una coordinazione nell impegno educa1vo che incen1vi il benessere globale dell adolescente. Rivolgersi a professionis1 specializza1 nei temi dell età evolu1va e della genitorialità per un confronto efficace che possa portarci a vedere le cose da un altro punto di vista

78 Grazie per l a?enzione

Temiamo le novità? Times of London (1816)

Temiamo le novità? Times of London (1816) Temiamo le novità? Un indecente danza di origine straniera chiamata valzer è stata introdo4a [ ] alla Corte d Inghilterra lo scorso venerdì [ ]. E più che sufficiente ge4are un occhio sull intreccio volu4uoso

Dettagli

Anno scolaseco 2015 2016. COMMISSIONE SALUTE Coordinatore MARIA CASORATI

Anno scolaseco 2015 2016. COMMISSIONE SALUTE Coordinatore MARIA CASORATI COMMISSIONE SALUTE Coordinatore MARIA CASORATI Anno scolaseco 2015 2016 Maria Grazia Alemanno, Gabriella Amoroso, Luca Ballerini, Lore5a Fabiani, Vera Incisa, Chiara Silvestris EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Web monitoring e digital PR

Web monitoring e digital PR Web monitoring e digital PR Roma, 18 se+embre 2013 Le fron3ere quo3diane della comunicazione on line VI Release INDICE Introduzione: I merca? sono conversazioni L ahvità di ascolto: web reputa?on e digital

Dettagli

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Genitori e figli al tempo di Internet Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Di cosa parleremo stasera? I nativi digitali I bambini da 6 a 10 anni 38% usano smartphone o tablet 1 su 3 li usa

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Analisi Influenzatori Online State of The Net 2012. 21 Giugno 2012

Analisi Influenzatori Online State of The Net 2012. 21 Giugno 2012 Analisi Influenzatori Online State of The Net 2012 21 Giugno 2012 Gli influenzatori Si parla ormai molto di influenzatori sulla rete e sui social network Si tra3a dei potenziali veri interlocutori per

Dettagli

FeelFine Incentive & Events

FeelFine Incentive & Events FeelFine Incentive & Events CONCEPT Feelfine: Essere soddisfa0, star bene! Chi non vuole stare bene? La soddisfazione si sa, passa a9raverso il proprio lavoro, a9raverso i rappor: con i colleghi, la famiglia

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO Indagine sull'uso di Internet e dei Social Network tra i ragazzi di scuole secondarie di primo grado di Modena Modena, 21 Ottobre 2011 CONTESTO

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia

CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia Milano Via Zure6, 1 tel 02 67077383 mail:capsmilano@hotmail.com web: hhp://www.capsmilano.it Do#. Andrea Veronesi Do#.ssa Maria Grazia Niche5

Dettagli

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Le nuove sfide dell educazione Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Vivere le emozioni difficili La sofferenza nell età evolutiva Educare bambini e adolescenti al dolore emotivo

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione

Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione Infermieri che n@vigano verso il futuro Stato dell arte, a,ualità, scenari futuri della professione 31 maggio, 1 e 2 giugno 2014 Villasimius Infermieri, Social network ed e9ca della comunicazione Rita

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 KIDS & CO Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali

Dettagli

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale?

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? I Social media sono solo una moda Anni per raggiungere 50 milioni di utenti 38 anni 13 anni 3 anni o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? Le reti sociali Una delle ultime possibilità

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità

INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità Cosimo Marco Scarcelli Riccione 5 Giugno 2014 Seminario formativo W L AMORE! INTRODUZIONE Internet parte importante della vita quotidiana

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

DIPENDENZA DA INTERNET

DIPENDENZA DA INTERNET Ciclo di incontri Dipendenze...conoscerle per evitarle Venerdì 04 aprile 2014 DIPENDENZA DA INTERNET Gianluca Mantoani DIPENDENZE DA INTERNET l Negli anni '90 i primi studi l Termine coniato da Ivan Goldberg

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario Marco Lazzari Università degli studi di Bergamo Facoltà di Scienze della formazione Questionario limiti:

Dettagli

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi Il mondo dei NATIVI_DIGITALI in un universo digitale Dipendenza Dipendenza patologica

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Guida per le organizzazioni no profit La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri

Dettagli

IL CELLULARE E GLI AMICI

IL CELLULARE E GLI AMICI OSSERVATORIO MOBILE I EDIZIONE IL CELLULARE E GLI AMICI MILAN0, 25 NOVEMBRE 2009 NOVEMBRE 2009 METODOLOGIA E PERIODO DI RILEVAZIONE Tecnica di rilevazione: auto-compilazione di un questionario strutturato

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng s Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng Brand Reputation La reputazione di un marchio passa oggi anche a

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola. Da MatchPoint a La Buona Scuola

Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola. Da MatchPoint a La Buona Scuola Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola Da MatchPoint a La Buona Scuola premessa Social media: tecnologie online che le persone u7lizzano per interagire e condividere contenu7 Potenzialmente

Dettagli

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Cosa ci dice l esperienza l dei gruppi a.m.a e dei gruppi a.m.a di uditori di voci Alessandra SANTONI DSM - AO Sacco - Milano Nascita del Gruppo INCONTROVOCI

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Internet sicuro per i tuoi figli

Internet sicuro per i tuoi figli Internet sicuro per i tuoi figli I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi. Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti. Insieme sono una potenza che supera l'immaginazione.

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo

DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo Psicologia dello Sviluppo Corso aggiun+vo per le a0vità forma+ve per gli alunni in situazione di handicap nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria. A.A. 2013/2014 DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

REPORT DEI QUESTIONARI

REPORT DEI QUESTIONARI IN-FORM-AZIONE Mostra interattiva organizzata dall AO San Gerardo di Monza - Dipartimento di Salute Mentale 20-24 febbraio 2006 Liceo Casiraghi Parco Nord Cinisello B. REPORT DEI QUESTIONARI Durante lo

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino Cod. doc.: RT-03 Rev: 0.1 Data: 05.05.14 Relazione Finale Report_006_12_F_3 Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino CLIENTE: Comune di Solesino COMMESSA:

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA!

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! FABRIZIO FANTONI psicologo psicoterapeuta LICEO CASIRAGHI - 8 NOVEMBRE 2014 MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! Le invarianti Gli adolescenti hanno sempre gli stessi compiti di sviluppo: pensare un

Dettagli

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da una psicologa e da una web content editor laureata in psicologia. Mentre la prima ha proseguito lavorando in campo clinico, specializzandosi in psicodiagnostica,

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE dott. Michele Borghetto Psicologo e psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano (TV) Quali possono essere gli

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

A;raverso l offerta di i;nerari culturali si intende creare una rete in grado di s=molare logiche a.ve di ci=adinanza e di empowerment.

A;raverso l offerta di i;nerari culturali si intende creare una rete in grado di s=molare logiche a.ve di ci=adinanza e di empowerment. Baby&TheCity è rivolto a neo-mamme con bimbi piccoli; ha l obie.vo di prevenire possibili situazioni di disagio grazie alla valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale e ambientale urbano. A;raverso

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni

Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali clienti 2 L indagine Doxa Teens 2008 1.400 interviste a ragazzi 14-18 anni rappresentative di un universo

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli

Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta

Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta Approccio Definizione Approccio ( approcher) A-o di avvicinarsi Tenta4vo

Dettagli