Circolare N.86 del 8 Giugno Contributi volontari La prima scadenza è al 30 giugno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno"

Transcript

1 Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari La prima scadenza è al 30 giugno

2 Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che, il scadrà il termine per il versamento dei contributi volontari per l anno in corso e precisamente per quelli relativi al primo trimestre coinvolgente i mesi di gennaio-marzo (per il II trimestre ovvero aprile-giugno il termine è al ; per il III trimestre ovvero luglio-settembre il termine è al ; per il IV trimestre ovvero ottobre-dicembre il termine è al ). Ciò detto, informiamo, però che quest anno versare i contributi volontari sarà più oneroso, per effetto dell aumento dell 1,60% delle retribuzioni medie settimanali sulle quali vengono calcolati, così come comunicato dall Istat. 2

3 Cosa sono i versamenti volontari I versamenti volontari sono uno speciale tipo di contribuzione, sostitutiva di quella obbligatoria, che hanno lo scopo di consentire ai lavoratori, che hanno cessato o interrotto l attività lavorativa: di raggiungere il diritto alla prestazione pensionistica o di incrementare il numero dei contributi versati e l importo della futura pensione, se sono già stati perfezionati i requisiti contributivi richiesti. Perciò i soggetti interessati a versare i contributi volontari sono i soggetti che non hanno più un lavoro ovvero i disoccupati. Ciò detto, i versamenti volontari servono per coprire i periodi durante i quali il lavoratore: non svolge alcun tipo di attività lavorativa dipendente o autonoma (compresa quella parasubordinata); ha chiesto brevi periodi di aspettativa non retribuita per motivi familiari o di studio; ha stipulato un contratto part time (verticale, orizzontale o ciclico). Per i lavoratori part-time l'autorizzazione, con i requisiti ridotti, può essere concessa solo durante il rapporto di lavoro e non dopo la cessazione dello stesso. I contributi volontari sono utili per: 1) il perfezionamento del diritto; 2) per la determinazione della misura di tutte le pensioni dirette (vecchiaia, anzianità, assegno ordinario di invalidità e inabilità) e indirette (superstiti e reversibilità). L autorizzazione per i versamenti dei contributi volontari Per effettuare i versamenti volontari occorre ottenere l autorizzazione dall Inps, il cui rilascio è subordinato alla cessazione ovvero all interruzione del rapporto di lavoro che ha dato origine all obbligo assicurativo. Tuttavia vi sono delle eccezioni alla suesposta condizione atteso che l autorizzazione ai versamenti volontari, può essere concessa anche se il rapporto di lavoro (subordinato o autonomo) non è cessato nei seguenti casi: sospensione dal lavoro, anche per periodi di breve durata se tali periodi sono assimilabili alla interruzione o cessazione del lavoro ( aspettativa per motivi di famiglia, ecc ); sospensione o interruzione del rapporto di lavoro previsti da specifiche norme di legge o disposizioni contrattuali successivi al (congedi per formazione, congedi per gravi e documentati motivi familiari, aspettativa non retribuita per motivi privati o malattia, sciopero, interruzione del rapporto di lavoro con conservazione del posto per servizio militare, ecc.) in alternativa alla possibilità di riscatto; attività svolta con contratto di lavoro part-time, se effettuata a copertura od ad integrazione dei periodi di attività lavorativa svolta a orario ridotto; 3

4 integrazione dei versamenti per attività lavorativa svolta nel settore agricolo con iscrizione per meno di 270 giornate complessive di contribuzione effettiva e figurativa nel corso dell anno; i lavoratori iscritti alla gestione separata (i lavoratori subordinati, come co.co.co, i lavoratori a progetto). L autorizzazione concessa non decade mai e i versamenti volontari, anche se interrotti, possono essere ripresi in qualsiasi momento senza dover presentare una nuova domanda. L assicurato, già autorizzato alla prosecuzione volontaria, nel caso riprenda l attività lavorativa può richiedere, entro 180 giorni dalla data di cessazione di quest ultima, la rideterminazione del contributo in relazione alle retribuzioni o ai redditi percepiti a seguito della nuova attività. I contribuiti volontari, versati per se e per i familiari a carico, possono essere indicati tra gli oneri deducibili in sede di dichiarazione dei redditi (modello UNICO ovvero mod. 730) con riduzione del reddito complessivo sul quale viene determinata l imposta dovuta ai fini fiscali. Chi può essere autorizzato e le condizioni Possono essere autorizzati ovvero versare la volontaria: i lavoratori dipendenti e autonomi, purché non iscritti all Inps o ad altre forme di previdenza; i lavoratori parasubordinati, purché non iscritti alla gestione separata o ad altre forme di previdenza obbligatoria; i liberi professionisti, purché non iscritti all apposita Cassa di previdenza o ad altre forme di previdenza obbligatoria; i lavoratori dei fondi speciali di previdenza (telefonici, elettrici, personale di volo, ecc.) purché non iscritti ai rispettivi Fondi o ad altra forma di previdenza obbligatoria; i titolari di assegno ordinario di invalidità o di pensione indiretta (ai superstiti o reversibilità). Soggetti esclusi Non possono effettuare versamenti volontari i titolari di pensione diretta a carico dell Inps o di altre forme di previdenza obbligatorie (Stato, Cpdel, Inpdai) o delle Casse di previdenza dei liberi professionisti. 4

5 Le deroghe Possono continuare ad effettuare il versamento dei contributi volontari: i lavoratori e i pensionati iscritti a forme di previdenza diverse dall Inps autorizzati anteriormente al 1 luglio 1972; i coltivatori diretti, mezzadri e coloni autorizzati nell assicurazione generale obbligatoria con decorrenza anteriore al 19 febbraio 1983; gli artigiani e i commercianti autorizzati nell assicurazione generale obbligatoria con decorrenza anteriore al 1 marzo 1983; i liberi professionisti autorizzati nell assicurazione generale obbligatoria con decorrenza anteriore al 19 febbraio I requisiti assicurativi Per ottenere l autorizzazione alla prosecuzione volontaria, l assicurato deve poter far valere uno dei seguenti requisiti: almeno 5 anni di contributi (260 contributi settimanali ovvero 60 contributi mensili) indipendentemente dalla collocazione temporale dei contributi versati; almeno 3 anni di contribuzione nei cinque anni che precedono la data di presentazione della domanda. I requisiti richiesti per ottenere l autorizzazione alla prosecuzione volontaria, devono essere perfezionati con la contribuzione effettiva (obbligatoria, volontaria e da riscatto), escludendo la contribuzione figurativa a qualsiasi titolo accreditata. I requisiti assicurativi: domande presentate dal Per ottenere l'autorizzazione, relativamente alle domande presentate dal , devono essere accreditati, almeno 5 anni di contribuzione: per i lavoratori dipendenti e domestici 260 contributi settimanali; per i lavoratori autonomi 60 contributi mensili; per i lavoratori agricoli uomini 465 contributi giornalieri; per i lavoratori agricoli donne 310 contributi giornalieri, anche se non continuativi, in tutta la vita assicurativa; oppure in alternativa, almeno 3 anni di contribuzione nel quinquennio antecedente la data di presentazione della domanda: per i lavoratori dipendenti e domestici: 156 contributi settimanali; per i lavoratori autonomi: 36 contributi mensili; 5

6 per i lavoratori agricoli uomini: 279 contributi giornalieri; per i lavoratori agricoli donne: 186 contributi giornalieri; per i lavoratori occupati esclusivamente in lavorazioni che si compiono annualmente in determinati periodi di durata inferiore a 6 mesi: 65 contributi settimanali. I requisiti assicurativi: domande dal al L'autorizzazione può essere concessa, nel caso di domande presentate da al , se risultano accreditati almeno 3 anni di contribuzione nel quinquennio antecedente la data di presentazione della domanda. Ai fini del perfezionamento dei requisiti è possibile cumulare la contribuzione accreditata per periodi di attività lavorativa dipendente e autonoma. I lavoratori a tempo parziale e i lavoratori stagionali, possono ottenere l'autorizzazione con almeno 1 anno di contribuzione nel quinquennio antecedente la data di presentazione della domanda. Non è consentito il cumulo per i lavoratori part-time. La contribuzione Sono utili, per perfezionare i requisiti richiesti, i contributi accreditati per: lavoro dipendente, anche se non effettivamente versati ma dovuti nei limiti della prescrizione; lavoro autonomo (coltivatori diretti, mezzadri e coloni, artigiani e commercianti); riscatto; ricongiunzione; cassa integrazione guadagni straordinaria e per assistenza antitubercolare (contributi figurativi); contributi ad integrazione volontaria dei contributi obbligatori agricoli. Per i lavoratori iscritti a forme assicurative estere in Paesi convenzionati è consentita la totalizzazione dei periodi di lavoro svolti all'estero a condizione che risulti versato almeno 1 contributo in Italia. Il contributo versato in Italia non è necessario per SVEZIA E LIECHTEINSTEIN. 6

7 Periodi neutri I periodi neutri sono i periodi che non vengono considerati per la determinazione del quinquennio e consentono quindi di retrodatare, per uno stesso numero di settimane, la data di inizio del quinquennio stesso e precisamente: servizio militare; gravidanza e puerperio; malattia e infortunio, sia quelli accreditati nei limiti massimi previsti, sia i periodi non accreditabili perché eccedenti tali limiti; disoccupazione indennizzata; lavoro dipendente o autonomo prestato all estero in Paesi non convenzionati; godimento della pensione di invalidità sospesa per superamento dei limiti di reddito o revocata per cessazione del diritto. La domanda La domanda deve essere presentata, direttamente o tramite Ente di Patronato, all Inps, compilando l apposito modello 0.10/M/02 (per scaricare il modello cliccare qui) e allegando la documentazione richiesta. Alla domanda i lavoratori: dipendenti, con la mensilizzazione dei flussi retributivi (e_mens) non sono tenuti alla presentazione né del modello CUD né di alcun modello sostitutivo (mod. 01/M sost.); autonomi, possono presentare domanda di cancellazione degli elenchi di categoria; i collaboratori domestici, devono produrre le attestazioni degli ultimi versamenti effettuati dal datore di lavoro fino alla cessazione dell attività; i lavoratori parasubordinati con la mensilizzazione dei flussi retributivi (e_mens) vengono equiparati ai lavoratori dipendenti. Con la compilazione del modello, l assicurato può comunicare, in modo semplice, in quale delle gestioni assicurative in cui è stato iscritto intende effettuare la prosecuzione volontaria e può fornire tutte le informazioni necessarie per un tempestivo rilascio dell autorizzazione. Coloro che risiedono all estero in Paesi non convenzionati devono presentare la domanda alla sede Inps dove è stata versata l ultima contribuzione direttamente o tramite l autorità consolare. Coloro che risiedono all estero in Paesi convenzionati devono presentare la domanda all organismo assicuratore del Paese estero di residenza in modo che la domanda giunga alla sede Inps già corredata dal prospetto dei periodi assicurativi svolti all estero. La decorrenza 7

8 L autorizzazione decorre dal primo sabato successivo alla data di presentazione della domanda, per la generalità dei lavoratori. Per gli artigiani e i commercianti la decorrenza è stabilità dal primo giorno del mese di presentazione della domanda. L'autorizzazione può essere concessa con decorrenza compresa nel semestre antecedente la data di presentazione della domanda, a condizione che nel periodo non sia stata versata alcuna contribuzione. Se la domanda viene presentata prima della cessazione dell attività lavorativa dipendente o autonoma, la decorrenza è fissata dal primo giorno del sabato successivo ovvero del mese successivo alla cessazione del rapporto di lavoro subordinato o alla cancellazione dagli elenchi dei lavoratori autonomi. I termini di pagamento I contributi volontari devono essere versati entro il trimestre solare successivo a quello di riferimento. Le scadenze sono pertanto: per il I trimestre (gennaio-marzo); per il II trimestre (aprile-giugno); per il III trimestre (luglio-settembre); dell anno successivo per il IV semestre (ottobre-dicembre). Qualora il versamento: sia stato effettuato in ritardo, viene annullato e rimborsato oppure, su richiesta, attribuito al trimestre precedente il versamento; sia inferiore a quello dovuto, viene ridotto il numero delle settimane coperte da contributi; sia superiore a quello dovuto, l'eccedenza viene automaticamente rimborsata dall'inps all'interessato. L autorizzazione concessa, come sopra già esposto, non decade mai, pertanto, i versamenti volontari, anche se interrotti, possono essere ripresi in qualsiasi momento senza dover presentare una nuova domanda. I termini per i versamenti volontari sono perentori e il loro mancato rispetto determina: l annullamento dei contributi versati; il rimborso di quanto versato, senza alcuna maggiorazione per interessi legali. Peraltro, se il versamento viene eseguito: 8

9 in ritardo, l importo versato può essere imputato, su espressa richiesta dell assicurato, al trimestre precedente a quello in cui il versamento è stato effettuato; in misura inferiore all importo dovuto per coprire l intero trimestre, le settimane accreditate verranno ridotte proporzionalmente in relazione a quanto effettivamente versato; in misura superiore a quello dovuto, l'eccedenza verrà automaticamente rimborsata dall'inps all'assicurato. Il versamento dei contributi volontari può essere sospeso all'atto della presentazione della domanda di pensione, in attesa che la stessa venga definita dalla sede Inps. Se la domanda di pensione viene respinta, l'assicurato già in possesso di autorizzazione alla prosecuzione volontaria: sarà autorizzato, con apposito bollettino di c/c postale, a versare i contributi sospesi e per i quali risultano scaduti i normali termini di versamento solo per il periodo compreso tra la data di presentazione della domanda di pensione e il trimestre precedente la data del provvedimento di reiezione; potrà riprendere i versamenti alle normali scadenze per i periodi il cui termine non è scaduto alla data di ricezione del provvedimento di reiezione. Come si paga I contributi volontari si versano utilizzando gli appositi bollettini di conto corrente postale sui quali è già indicato l importo e che vengono inviati dall Inps: unitamente al provvedimento di accoglimento della domanda per versare glia arretrati; all inizio di ogni anno per effettuare i versamenti entro le scadenza previste. È consentito il pagamento anche in via telematica tramite il sito Le novità per il 2011 Come anticipato in premessa nel 2011 versare i contributi volontari sarà più oneroso, per effetto dell'aumento dell 1,6% delle retribuzioni medie settimanali sulle quali vengono calcolati. Le retribuzioni di riferimento, infatti, sono annualmente rivalutate sulla base della variazione degli indici dei prezzi al consumo, rilevati dall'istat. Più precisamente: per i lavoratori dipendenti autorizzati alla prosecuzione volontaria dopo il 12 luglio 1997, il contributo volontario è calcolato sulla retribuzione media imponibile dei 12 mesi precedenti la domanda. L'importo da pagare si ottiene applicando alla retribuzione settimanale le seguenti aliquote: 27,87% per i lavoratori autorizzati entro il ; 31,87% per gli autorizzati successivamente (dal in poi). Quest ultima quota è destinata a salire gradualmente sino a che raggiungerà l aliquota obbligatoria del 33%. 9

10 Sulla quota di retribuzione eccedente i ,00 euro, per il 2011, l'aliquota applicata è incrementata dell'l%. La retribuzione settimanale sulla quale è calcolato il versamento volontario non può essere inferiore al minimale previsto per la piena copertura contributiva (187,34 euro per il 2011). L'importo minimo del contributo volontario per una settimana risulta, pertanto, pari a: 52,21 euro per gli autorizzati entro il 31/12/1995 (ovvero euro annui); 59,70 euro per gli autorizzati dopo (ovvero 3.104,67 annui); per artigiani e commercianti i contributi volontari sono calcolati invece sulla base di 8 classi di contribuzione stabilite in base alla media dei redditi dichiarati negli ultimi tre anni. I contributi volontari sono incompatibili con la pensione diretta, l'indennità di disoccupazione e di mobilità e con qualsiasi attività lavorativa di tipo dipendente e autonomo (compresa l'iscrizione alla Gestione separata e alle Casse dei liberi professionisti). L importo dei contributi volontari degli artigiani e degli esercenti attività commerciali per il corrente anno dovrà essere calcolato con le seguenti aliquote: titolari di qualunque età e collaboratori di età superiore ai 21 anni esercenti attività di artigiano: 20,00 %; titolari di qualunque età e collaboratori di età superiore ai 21 anni esercenti attività di commerciante: 20,09 %; collaboratori di età non superiore ai 21 anni esercenti attività di artigiano: 17,00 %; collaboratori di età non superiore ai 21 anni esercenti attività di commerciante: 17,09%. Sulla base delle predette aliquote e dei valori reddituali aggiornati, sono state predisposte le tabelle di contribuzione che seguono, da applicare con effetto dal 1 gennaio Per gli artigiani si applica la contribuzione che segue: fino : la contribuzione mensile è pari a 242,53 o 206,15 qualora il collaboratore abbia meno di 21 anni; da a : la contribuzione mensile è pari a 282,12 o 239,80 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 361,25 o 307,06 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 440,38 o 374,33 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 519,52 o 441,59 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 598,65 o 508,85 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 677,78 o 576,12 qualora il 10

11 da : la contribuzione mensile è pari a 717,37 o 609,76 qualora il collaboratore abbia meno di 21 anni. Per i commercianti, invece, si applica la seguente contribuzione: fino : la contribuzione mensile è pari a 243,62 o 207,24 qualora il collaboratore abbia meno di 21 anni; da a : la contribuzione mensile è pari a 283,39 o 241,07 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 362,88 o 308,69 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 442,37 o 376,31 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 521,85 o 443,93 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 601,34 o 511,55 qualora il da a : la contribuzione mensile è pari a 680,83 o 579,17 qualora il da : la contribuzione mensile è pari a 720,59 o 612,99 qualora il collaboratore abbia meno di 21 anni; per la gestione separata l importo del contributo volontario dovuto alla Gestione Separata deve essere determinato in base alle disposizioni di cui all'art. 7 del D.Lgs. n. 184/1997, cioè applicando all'importo medio dei compensi percepiti nell'anno di contribuzione precedente alla data della domanda, l aliquota IVS di finanziamento della Gestione. Ai fini della determinazione del contributo volontario deve essere presa in considerazione esclusivamente l aliquota IVS vigente per i soggetti privi di tutela previdenziale (non assicurati e non titolari di pensione) pari, per l anno 2011 al 26,00%. Poiché il minimale per l accredito contributivo è fissato, per l anno in ,00, per il medesimo anno l importo minimo dovuto dai prosecutori volontari della gestione separata non potrà essere inferiore a 3.784,00, su base annua, e ad 315,33 su base mensile. Poiché la contribuzione obbligatoria viene accreditata su base mensile, anche il contributo volontario dovrà essere calcolato per mese e poi versato per trimestri solari, alle scadenze previste per la generalità dei soggetti autorizzati; per il lavoratori occasionali il sistema dei voucher, ossia l'assicurazione a favore di chi effettua prestazioni occasionali di tipo accessorio, prevede che la contribuzione relativa affluisca alla gestione separata oppure, nel caso di prestazioni rese nell'ambito dell'impresa familiare, al Fpld (Fondo pensioni lavoratori dipendenti). Sebbene la normativa di base dispone 11

12 che non possa essere ammessa contribuzione volontaria per contestuali periodi di previdenza obbligatoria, l'inps ha invece precisato che nel caso dei voucher non opera l'incompatibilità tra prosecuzione volontaria e contribuzione proveniente da lavoro occasionale accessorio, affluita alla gestione separata o al Fpld. 12

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea Contributi individuali Versamenti volontari Riscatti di laurea Dott. Elvira Filiaggi Direzione Centrale Sistemi Informativi e tecnologie Dirigente Area contributi individuali continuativi e lavoro domestico

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

I versamenti contributi volontari 2013

I versamenti contributi volontari 2013 CIRCOLARE A.F. N. 66 del 17 Aprile 2013 Ai gentili clienti Loro sedi I versamenti contributi volontari 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo effettuare alcune precisazioni circa l importo dei

Dettagli

Ufficio I Normativa e AA.GG. DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1997, N. 184. PROSECUZIONE VOLONTARIA AI FINI PENSIONISTICI

Ufficio I Normativa e AA.GG. DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1997, N. 184. PROSECUZIONE VOLONTARIA AI FINI PENSIONISTICI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Ufficio I Normativa e AA.GG. Roma li 10/4/1998 CIRCOLARE N. 23 OGGETTO: DECRETO

Dettagli

D.P.R. 31 dicembre 1971, n. 1432, pubblicato nella Gazz. Uff. 22 maggio 1972, n. 131.

D.P.R. 31 dicembre 1971, n. 1432, pubblicato nella Gazz. Uff. 22 maggio 1972, n. 131. D.P.R. 31 dicembre 1971, n. 1432, pubblicato nella Gazz. Uff. 22 maggio 1972, n. 131. Riordinamento della prosecuzione volontaria dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

I CONTRIBUTI DA RISCATTO

I CONTRIBUTI DA RISCATTO I CONTRIBUTI DA RISCATTO COSA SONO I contributi da riscatto coprono alcuni periodi, espressamente previsti dalla legge, per i quali esiste un "vuoto" assicurativo. Il lavoratore versando la somma dovuta

Dettagli

Periodico informativo n. 64/2014. Versamenti volontari. Gli importi 2014

Periodico informativo n. 64/2014. Versamenti volontari. Gli importi 2014 Periodico informativo n. 64/2014 Versamenti volontari. Gli importi 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, a decorrere da quest anno,

Dettagli

I CONTRIBUTI VOLONTARI

I CONTRIBUTI VOLONTARI PREVIDENZA I CONTRIBUTI VOLONTARI COME QUANDO PERCHÉ Su questo tema perplessità e dubbi sono numerosi e ricorrenti. Per questo motivo il nostro giornale ha ritenuto di dedicare alla prosecuzione volontaria

Dettagli

Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale L Inps, con circolare 17 aprile 2008, n. 50, dirama tutti i numeri concernenti i versamenti volontari

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 11/03/2015 Circolare n. 57 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 54 del 9 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2013 Circolare n. 56 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

4. Coefficienti di ripartizione dei contributi volontari nel FPLD

4. Coefficienti di ripartizione dei contributi volontari nel FPLD Versamenti volontari: gli importi del 2008 (Inps, Circolare 17.4..2008 n. 50) L'ISTAT ha comunicato che la variazione percentuale nell'indice dei prezzi al consumo, per le famiglie degli operai e degli

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009 Direzione centrale Entrate Roma, 25 Marzo 2009 Circolare n. 45 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Professional Solutions i

Professional Solutions i Professional Solutions SSTTUUDDIIO DDII CCONNSSUULLEENNZZAA DDEELL LLAAVVORRO Dootttt.. Rinnaal lddoo Pieettrroo Plaatttti i N. 5 News del 13 febbraio 2013 INDICE n. 5/2013 ----------------------------

Dettagli

VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem.

VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem. VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem.it/studiocassano Tutela previdenziale Contenuti I.N.P.S. E.N.AS.A.R.CO. Contenuti

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Fonte: Universinet.it

Fonte: Universinet.it L importo da pagare per il riscatto degli anni di laurea, è calcolato dall Inps sulla base della retribuzione media pensionabile riferita alla data della domanda di riscatto degli anni di laurea Fonte:

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 27 Gennaio 2005 Circolare n. 6 Allegati 5 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

I lavoratori autonomi in agricoltura

I lavoratori autonomi in agricoltura L I Premessa Chi sono Da alcuni anni è stata riconosciuta una più ampia tutela previdenziale a coloro che svolgono l attività autonoma in agricoltura. In questa guida sono contenute tutte le informazioni

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

GUIDE L estratto conto

GUIDE L estratto conto L E G U I D E Premessa Che cos'è un estratto conto? Quali informazioni utili contiene? Perché l'inps lo invia ai suoi assicurati? Cosa dovrà fare chi riceverà l'estratto conto a casa? Come comunicare con

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

LA VITA ASSICURATIVA DEL LAVORATORE: DALL ASSUNZIONE ALLA PENSIONE INPS

LA VITA ASSICURATIVA DEL LAVORATORE: DALL ASSUNZIONE ALLA PENSIONE INPS SOMMARIO La contribuzione per la pensione pag. 3 Versamenti volontari pag. 5 Pensione di vecchiaia - Gestione INPS pag. 6 Pensione di anzianità pag. 12 Cumulo pensione lavoro pag. 18 Assegno di invalidità

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Assegno ordinario di invalidità Art. 1 1. Si considera invalido, ai fini del conseguimento del diritto ad assegno nell'assicurazione

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi frammentati

Dettagli

Pag. 1 di 5 A CHI SPETTA PARTO GEMELLARE O PLURIGEMELLARE NON SPETTA PRESCRIZIONE. Titolo: Congedo Parentale Lavoratori dipendenti

Pag. 1 di 5 A CHI SPETTA PARTO GEMELLARE O PLURIGEMELLARE NON SPETTA PRESCRIZIONE. Titolo: Congedo Parentale Lavoratori dipendenti Titolo: L indennità per congedo parentale è subordinata alla vivenza del bambino e alla sussistenza di un rapporto di lavoro in atto all inizio e durante il periodo di astensione facoltativa. A CHI SPETTA

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

VADEMECUM SERVIZIO PUNTO PREVIDENZA

VADEMECUM SERVIZIO PUNTO PREVIDENZA Indice generale IL SISTEMA PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2012...2 I requisiti per la pensione di vecchiaia/anzianità nel sistema previgente...2 Le nuove regole...2 Età di pensionamento per vecchiaia...2 Incentivi...3

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 - rettificato - Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

INDICI 2013. 1 MASSIMALI CONTRIBUTIVI Art. 2 c. 18 Legge 8 agosto 1995 n. 335 2 ALIQUOTE PER IL CALCOLO DELL'ONERE DI RISCATTO AI SENSI DEL D.P.R.

INDICI 2013. 1 MASSIMALI CONTRIBUTIVI Art. 2 c. 18 Legge 8 agosto 1995 n. 335 2 ALIQUOTE PER IL CALCOLO DELL'ONERE DI RISCATTO AI SENSI DEL D.P.R. INDICI 2013 1 MASSIMALI CONTRIBUTIVI Art. 2 c. 18 Legge 8 agosto 1995 n. 335 2 ALIQUOTE PER IL CALCOLO DELL'ONERE DI RISCATTO AI SENSI DEL D.P.R. 29 dicembre 1973 n. 1092 3 INDICI ISTAT PER LA RIVALUTAZIONE

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Roma, 05/11/2010 Circolare n. 142 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Giugno

SCADENZE FISCALI di Giugno SCADENZE FISCALI di Giugno Martedì 16 Giugno IVA MENSILE Ultimo giorno utile per versare l eventuale imposta a debito relativa al mese di maggio (contribuenti mensili). Il codice tributo da utilizzare

Dettagli

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA A cura dello SPI CGIL di INDICE 1. CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 2. CONTRIBUZIONE 3. PEREQUAZIONE CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata

Dettagli

L estratto conto. La contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria, da riscatto e ricongiunzione. Giornata nazionale della Previdenza 2012 1

L estratto conto. La contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria, da riscatto e ricongiunzione. Giornata nazionale della Previdenza 2012 1 L estratto conto La contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria, da riscatto e ricongiunzione Giornata nazionale della Previdenza 2012 1 L estratto conto L estratto conto è lo strumento con cui

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi

Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi @bollettinoadapt, 11 maggio 2015 Indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi di Silvia Spattini Tag: #ammortizzatori #disoccupazione #DISCOLL #cococo #cocopro Con la circolare

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza Introduzione Da trent anni al servizio della società che lavora, l Enasco (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti) è l ente di

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 26/11/2012 Circolare n. 133 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 63 01.04.2014 Intermittenti: chiarimenti sui versamenti volontari Tempo fino al 20 settembre 2014 per le richieste di versamenti

Dettagli

I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI:

I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: Rassegna Previdenziale n. 1 - gennaio-aprile 2006 SOMMARIO I NUMERI DELLA PREVIDENZA NEL 2006 1. L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: Pag. III - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Informazioni Sommario

Informazioni Sommario Informazioni Sommario LA VECCHIAIA... 2 L'INVALIDITA'... 2 LA RENDITA Inail E LA REVERSIBILITA'... 3 L'ANZIANITA'... 3 IL PART TIME... 5 AZIENDA O Inps... 5 PENSIONE CONTRIBUTIVA... 5 LA VECCHIAIA Quando

Dettagli

LEGGE 2 agosto 1990, n. 233. Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015

LEGGE 2 agosto 1990, n. 233. Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015 LEGGE 2 agosto 1990, n. 233 Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE I periodi utili alla pensione sono quelli durante i quali sono stati versati i contributi obbligatori a cui si aggiungono altri tipi di contribuzione che possono essere

Dettagli

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria.

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria. ISTITUTO Roma, 17 maggio 2006 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Generale Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli