CAAF CGIL IL FISCO DALLA TUA PARTE! SERVIZI FISCALI COMPETENTI A TARIFFE CONVENIENTI. Guida ai servizi fiscali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAAF CGIL IL FISCO DALLA TUA PARTE! SERVIZI FISCALI COMPETENTI A TARIFFE CONVENIENTI. Guida ai servizi fiscali"

Transcript

1 CAAF CGIL IL FISCO DALLA TUA PARTE! SERVIZI FISCALI COMPETENTI A TARIFFE CONVENIENTI Guida ai servizi fiscali Edizione: febbraio 2015

2 Il nostro servizio successioni è ECONOMICO Le nostre tariffe sono tra le più basse del mercato e se si è iscritti alla CGIL sono ancora più vantaggiose. COMODO Perché i CAAF CGIL hanno una diffusione capillare su tutto il territorio regionale. DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE COMPETENTE Perché pensiamo a tutto noi mettendovi a disposizione personale costantemente aggiornato. PROFESSIONALE Da anni il CAAF CGIL è leader nel settore delle successioni. non è necessario un notaio per la pratica di successione

3 Indice 5 COSE DA SAPERE SUL NUOVO 730 pag. 4 MODELLO 730/2015 pag. 5 DETRAZIONI CASA pag. 10 RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO pag. 11 IUC: LA COMPONENTE IMU 2015 pag. 12 CEDOLARE SECCA pag. 13 ICRIC/ICLAV ACC AS/PS pag. 14 LA NUOVA ISEE pag. 15 BONUS GAS/ENERGIA pag. 19 DETRAZIONI PER FAMILIARI A CARICO pag. 20 SERVIZIO SUCCESSIONI pag. 21 COLF E BADANTI pag. 22 MODELLO RED/INPS pag. 24 MODELLO UNICO pag. 25 SCADENZE FISCALI pag. 26 SEDI pag. 28

4 NUOVO COSE DA SAPERE IL 730 NON ARRIVERÀ A CASA ma sarà reperibile solo nel sito dell'agenzia dell'entrate per i soli possessori del codice PIN individuale. PER CHI SARÀ DISPONIBILE non lo sapremo fino al 15 Aprile (in teoria circa 20 milioni di persone), data in cui si potrà accedere al sito dell'agenzia delle Entrate e capire l'esatta platea dei contribuenti interessati. TEMPO FINO AL 7 LUGLIO per compilare il modello 730, mentre fino allo scorso anno la data ultima era il 31 maggio. I conguagli in busta paga o nel rateo della pensione rimangono invariati nei mesi di luglio/agosto. IL CAAF CGIL TI SOSTITUIRÀ in tutto e per tutto nei rapporti con l'agenzia delle Entrate. Una novità del 2015 grazie alla quale potrai dormire sonni tranquilli. MANCHERANNO MOLTI DATI nel tuo 730 precompilato (spese mediche, istruzione, detrazioni per ristrutturazioni...). Si stima, infatti, che il 90% degli utenti dovrà mettere mano al modello. La soluzione? Rivolgersi al Caaf Cgil. 4

5 approfondimento 730 È il modello più utilizzato da dipendenti e pensionati per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Il 730 è preferibile rispetto al modello UNICO perché è facilmente compilabile e non si devono calcolare le imposte, permette ai coniugi di presentare la dichiarazione congiunta con il vantaggio di compensare i debiti dell uno con i crediti dell altro. Il conguaglio è immediato! Il rimborso dei crediti o il pagamento delle imposte viene effettuato direttamente dal sostituto di imposta: nella retribuzione di luglio per i lavoratori, nel rateo di pensione di agosto o settembre per i pensionati. È conveniente presentarlo anche per chiedere il rimborso delle maggiori imposte (versate autonomamente o trattenute), per ottenere deduzioni e detrazioni sulle spese sostenute (farmaci, assicurazioni, spese di ristrutturazione ) o per ottenere le detrazioni per familiari a carico non riconosciute dal datore di lavoro/ente pensionistico. POSSONO/DEVONO PRESENTARLO: lavoratori a tempo indeterminato/determinato, con contratto CO.CO.CO./ PRO, pensionati, titolari di indennità di mobilità/cassa integrazione, sacerdoti, titolari di cariche pubbliche elettive (parlamentari, consiglieri regionali...), soggetti impegnati in lavori socialmente utili, i tutori che presentano la dichiarazione per conto delle persone incapaci o i genitori per conto dei minori. Deve essere presentato a partire dal mese di aprile e fino al 07/07/2015. Entro ottobre 2015 può essere presentato il 730 integrativo per vantare nuovi oneri, in tutti i casi in cui l integrazione comporti un maggior credito o un minor debito. 5

6 DOCUMENTI NECESSARI DATI PERSONALI Documento d identità valido. Tessera sanitaria del dichiarante, del coniuge e dei familiari a carico. Dichiarazione dei redditi - Mod. 730 o Unico dell anno precedente. Tessera CGIL 2015 per beneficiare delle tariffe agevolate. Dati completi del sostituto d imposta attuale. Se nel 2015 è diverso dal 2014: denominazione, codice fiscale, indirizzo, telefono, fax, . TERRENI E FABBRICATI Tutti gli atti relativi a fabbricati o terreni acquistati/venduti/donati/ereditati nel Terreni area edificabile: valore dell area fabbricabile al 01/01/2015 da richiedere al Comune (utile per il calcolo dell IMU). Immobili affittati (proprietario): importo dell affitto e contratto di affitto registrato. Se opzione cedolare secca: raccomandata all inquilino, acconti versati, F23 o F24 ELIDE annualità successive proroghe/rinnovi, mod. SIRIA, mod. 69 RLI. Immobili affittati (inquilino): contratto d affitto con estremi registrazione. REDDITI 2014 Modello CU 2015 redditi 2014 riferito a: pensione, lavoro dipendente, cassa integrazione, disoccupazione, mobilità, malattia, infortuni, maternità, co.co. pro., ecc. Modello CU 2015 redditi 2014 riferito a redditi di lavoro autonomo o commerciale occasionale. Assegno di mantenimento dell ex-coniuge. Altri redditi: pensioni estere, diritti d autore, certificazione relativa agli utili e ai redditi di capitale, associazione in partecipazione, borse di studio, compensi per cariche e funzioni pubbliche. CUD di lavoro dipendente 2013 per verifica requisito reddituale per imposta sostitutiva del 10% su incrementi di produttività. 6 approfondimento 730

7 SPESE 2014 DETRAIBILI DALL IRPEF Spese mediche: ricevute fiscali, fatture, ticket, prescrizioni mediche, scontrini farmacia, marcature CE per dispositivi medici. Spese per l integrazione e l autosufficienza di portatori di handicap: fatture, ricevute fiscali e certificazione medica attestante l handicap. Assicurazione vita, infortuni, invalidità e non autosufficienza: contratto e quietanze di pagamento. Istruzione: pagamenti per corsi di scuola secondaria, universitaria, di specializzazione universitari. Funebri: fatture delle spese sostenute per il decesso dei familiari indicati nell art. 433 del codice civile e di affidati e affiliati. Addetti all assistenza personale: documentazione spese sostenute e certificato medico che attesti la non autosufficienza. La detrazione spetta anche per i familiari non a carico. Attività sportive per ragazzi di età compresa tra i 5 e 18 anni: fattura o ricevuta di pagamento. Intermediazione immobiliare per l acquisto dell immobile da adibire ad abitazione principale: fattura o ricevuta fiscale. Canoni di locazione sostenuti da studenti universitari fuori sede: copia del contratto di locazione registrato intestato allo studente e ricevute di pagamento dei canoni di locazione. Asilo nido: ricevute di pagamento. Spese veterinarie: fatture, ricevute, scontrini farmacia. Erogazioni liberali a favore di Onlus, ONG e altro: ricevuta del pagamento (bancomat, carta di credito, estratto conto del gestore, bollettino postale, assegni). MUTUI Mutuo per l acquisto dell abitazione principale: contratto acquisto, contratto mutuo, quietanza pagamento interessi passivi, oneri accessori (costi di intermediazione, fattura notaio, atto mutuo e acquisto, ecc.). Mutuo per la costruzione/ristrutturazione dell abitazione principale: contratto mutuo, quietanza pagamenti interessi passivi, fatture e ricevute fiscali delle spese di costruzione/ristrutturazione, abilitazioni amministrative necessarie, oneri accessori (costi di intermediazione, fattura notaio, atto mutuo e acquisto, ecc.). Altri mutui per l acquisto di altri immobili (solo fino al 1992) o per interventi di ristrutturazione: contratto acquisto, contratto di mutuo, quietanza pagamenti interessi passivi, fatture e ricevute fiscali delle spese sostenute per la ristrutturazione. 7

8 DETRAZIONI CANONI DI LOCAZIONE Copia del contratto di affitto registrato. Inquilini titolari di contratto a canone convenzionale in alloggi adibiti ad abitazione principale: copia del contratto di affitto registrato in base all art. 2 comma 3 e art. 5 comma 2 della Legge 431/98. Inquilini di alloggi sociali adibiti ad abitazione principale: protocollo di assegnazione dell immobile. Copia della registrazione del rinnovo per i contratti scaduti. SPESE 2014 DEDUCIBILI DALL IRPEF Assegno periodico corrisposto all ex coniuge: sentenza di separazione o divorzio, copia dei bonifici o ricevute rilasciate dalla persona che ha ricevuto la somma, codice fiscale del percettore dell assegno. Contributi previdenziali Erogazioni liberali: ricevuta del pagamento (bancomat, carta di credito con estratto del gestore, bollettino postale, assegni) oppure ricevuta rilasciata dalle Ong/Onlus che attesti tale modalità di pagamento. Spese mediche e di assistenza per i portatori di handicap: fatture, ricevute fiscali e certificazione medica attestante l handicap. Pagamenti a consorzi di bonifica: ricevute di pagamento. Adozione di minori stranieri: certificazione dell ente che cura la procedure di adozione. Versamenti per forme pensionistiche complementari o individuali: contratto e quietanze di pagamento. ATTENZIONE A partire dal 2015 non sono più deducibili dall IRPEF i versamenti relativi al SSN di autoveicoli e motoveicoli. RISTRUTTURAZIONI IMMOBILI 8 Per la detrazione delle spese sostenute per il recupero del patrimonio edilizio: ricevuta postale della raccomandata trasmessa al Centro Operativo di Pescara di inizio lavoro (per interventi prima del 14/05/2011), fatture, bonifici bancari o postali, dichiarazione del contribuente attestante l importo delle spese di ristrutturazione sostenute da ciascuno dei contitolari, copia della concessione, autorizzazione o comunicazione di inizio lavori se prevista dalla legislazione vigente, per le spese su interventi condominiali dichiarazione dell Amministratore condominiale che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti dalla legge e con indicazione della somma di cui il contribuente può tenere conto ai fini della detrazione.

9 ACQUISTO O COSTRUZIONE DI ABITAZIONI DATE IN LOCAZIONE (NOVITÀ) Spese sostenute, fino ad un massimo di euro da ripartire in 8 quote annuali, per l acquisto o la costruzione di immobili abitativi da destinare entro sei mesi dall acquisto o dal termine dei lavori di costruzione, alla locazione per una durata complessiva non inferiore a otto anni: atto acquisto, mutuo, contratto di locazione, ricevute e quietanze di pagamento. RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Su immobili di proprietà: fatture o ricevute fiscali delle spese sostenute per gli interventi, copia del bonifico bancario o postale, asseverazione del tecnico abilitato o certificazione energetica. Ricevuta di trasmissione all Enea, eventuale scheda allegato E/F. Dal 2015, nel caso in cui i lavori di riqualificazione proseguano nell anno successivo, non è più necessario inviare apposita comunicazione all Agenzia delle Entrate. Su immobili condominiali (parti comuni): oltre alla documentazione per immobili di proprietà, copia delibera assembleare e della tabella millesimale della ripartizione delle spese. ALTRI DOCUMENTI Attestazioni di versamento di acconti d imposta IRPEF, cedolare secca e addizionale regionale e comunale relativi all anno d imposta 2014, modelli F24 a zero con i quali sono stati compensati crediti derivanti dall ultima dichiarazione. Documentazione relativa alle rendite catastali (terreni - fabbricati), coloro che hanno ricevuto, sempre nel 2014, in eredità immobili (terreni, fabbricati) o altro devono portare la denuncia di successione o visura catastale aggiornata. Comunicazione dell azienda relativa al mancato conguaglio del 730: crediti non rimborsati o debiti non trattenuti. Copia richiesta annullamento o riduzione degli acconti 2014 inviata al datore di lavoro o all ente pensionistico. Copia dell Agenzia delle Entrate attestante importi a credito riconosciuti. 9

10 approfondimento CASA ATTENZIONE Dal 2014 i locatori hanno l obbligo di ricevere i pagamenti dei canoni di locazione (abitazioni) solo tramite assegni, bonifici, pagamenti con carte di credito, vaglia postali. CON LA COMPILAZIONE DEL 730 gli inquilini possono ottenere numerose agevolazioni; come si ricava dalla tabella, una parte delle spese sostenute per l affitto dell abitazione principale può essere facilmente recuperata. Contribuenti Interessati Tutti Tutti gli inquilini con contratto a canone concordato Detrazione Spettante 300 fino ad un reddito complessivo di , se il reddito complessivo è compreso tra ,71 e , ,80 fino ad un reddito complessivo di ,71 247,90 se il reddito complessivo è compreso tra ,71 e ,41. Inquilini di "alloggi sociali" adibiti ad abitazione principale NOVITÀ Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza nel comune di lavoro o limitrofo Giovani di età compresa fra 20 e 30 anni Studenti universitari 991,60 fino ad un reddito complessivo di ,71 495,80 se il reddito complessivo è compreso tra ,71 e ,41. La detrazione spetta solo per i primi 3 anni. 991,60 fino ad un reddito complessivo di ,71 La detrazione spetta solo per i primi 3 anni e l'abitazione deve essere diversa da quella dei genitori. Il 19% dei canoni pagati fino ad una detrazione massima di 500, fino ad un reddito complessivo di , se il reddito complessivo è compreso tra ,71 e ,41 Anche chi compra può ottenere consistenti agevolazioni: Acquisto prima casa tramite intermediari Puoi detrarre il 19%su una spesa massima di se ti sei servito di un agenzia immobiliare. 10 Mutui per acquistare, costruire o ristrutturare la prima casa Sugli interessi passivi pagati puoi detrarre il 19% (fino a un massimo di sull acquisto e fino a sulla costruzione o ristrutturazione).

11 acquisto arredi - risparmio energetico RISTRUTTURAZIONI É prorogata fino al 31 dicembre 2015 la detrazione, rateizzata in 10 anni, per il recupero del patrimonio edilizio con limite di spesa di euro per unità immobiliare: 50% per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre % per le spese sostenute dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2015 Nuova detrazione per le spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2015 per interventi antisismici su costruzioni ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità: 65% per le spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre % per le spese sostenute dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2015 acquisto arredi Per le ristrutturazioni iniziate dal 26 giugno 2012 e fino al 31 dicembre 2015 che beneficiano della detrazione del 50% è prevista un ulteriore detrazione del 50%, rateizzata in 10 anni, per: acquisto di mobili: esempio letti, armadi, divani, tavoli, etc... acquisto di grandi elettrodomestici di classe energetica A+ (classe A per i forni): ad esempio frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavastoviglie, etc... (no televisori) ATTENZIONE Il limite massimo di spesa è di euro. risparmio energetico agevolazioni per ristrutturazioni É prorogata fino al 31 dicembre 2015 la detrazione per tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici: aumento della detrazione dal 55% al 65% per le spese sostenute a partire dal 6 giugno 2013 fino al 31 dicembre % per le spese sostenute nel 2015 Proroga fino al 30 giugno 2016 per gli interventi riguardanti parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari del condominio: aumento della detrazione dal 55% al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 30 giugno % per le spese sostenute dal 1 luglio 2015 al 30 giugno

12 tari/tasi approfondimento iuc/imu Confermate anche per il 2015 le aliquote dell imposta una e trina denominata IUC. Cambiano però le regole per determinare l esenzione dei terreni agricoli. La IUC è composta da: TARI: tassa sul servizio di raccolta/smaltimento dei rifiuti urbani, dovuta da chi possiede o detiene a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, adibiti a qualunque uso e suscettibili di produrre rifiuti urbani; TASI: tassa sui servizi comunali indivisibili (illuminazione, strade ecc.), dovuta da coloro che possiedono o detengono a qualsiasi titolo fabbricati, aree scoperte o edificabili a qualsiasi uso destinati; IMU: imposta dovuta dai possessori di fabbricati, aree edificabili, terreni agricoli. IMU 2015 Non è dovuta l imposta sulle abitazioni principali e relative pertinenze, fatta eccezione per le abitazioni di categoria A/1-A/8-A/9 e pertinenze che continuano ad essere soggette ad IMU. I Comuni potranno deliberare l equiparazione all abitazione principale, per una sola unità immobiliare, nei seguenti casi: unità abitative non locate possedute da: anziani o disabili ricoverati in modo permanente in case di riposo o di cura, cittadini italiani residenti all estero (a condizione che l abitazione non sia locata) unità abitative concesse in comodato d uso gratuito a parenti in linea retta di 1 grado ivi residenti ATTENZIONE AREE MONTANE Sono cambiati i criteri di esenzione per i terreni montani: chiedi informazioni presso le nostre sedi. LE SCADENZE IMU e TASI: 1a rata entro il 16 giugno, 2a rata entro il 16 dicembre a cura del contribuente. TARI: almeno due rate a scadenza semestrale i cui termini sono stabiliti da ciascun Comune. 12

13 approfondimento CEDOLARE SECCA È un regime di tassazione alternativo a quello ordinario che prevede l applicazione di un imposta sostitutiva sul reddito derivante dai fabbricati ad uso abitativo e relative pertinenze concessi in locazione. Dall anno d imposta 2014 la cedolare secca prevede l applicazione di due aliquote sul canone lordo stabilito dalle parti: 21% in caso di contratti a canone libero (4+4) 10% in caso di contratti a canone concordato (3+2) relativi ad abitazioni site in comuni ad alta densità abitativa Tale imposta sostituisce l Irpef, le addizionali regionale e comunale, l imposta di registro e di bollo che sono invece dovute in caso di opzione per la tassazione ordinaria. La scelta deve essere effettuata in sede di stipula, rinnovo o proroga del contratto, avendo preventivamente comunicato all inquilino (specificandolo nel contratto stesso o tramite raccomandata) l opzione e la conseguente rinuncia agli aumenti del canone a qualsiasi titolo, compreso l adeguamento Istat. In caso di più proprietari dello stesso immobile, ciascuno di essi potrà liberamente scegliere a quale regime di tassazione aderire, sulla base della propria convenienza. Allo scadere dell annualità contrattuale è sempre possibile revocare la scelta e ritornare al regime ordinario, applicando nuovamente gli aumenti previsti dal contratto. NON È FACILE valutare quale regime di tassazione sia più conveniente, per questo è preferibile chiedere una consulenza specifica per salvaguardare i propri interessi. 13

14 approfondimento ICRIC/ICLAV ACC AS/PS Chi è titolare di una delle prestazioni assistenziali sotto indicate è tenuto a presentare all INPS una dichiarazione annuale di responsabilità al fine di verificare la sussistenza dei requisiti e per garantire il pagamento della prestazione spettante. Prestazione assistenziale Cosa dichiarare Modello INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO (invalidi civili) Eventuale stato di ricovero in una struttura pubblica con retta a carico della struttura stessa ICRIC INDENNITÀ DI FREQUENZA (minori invalidi civili) Eventuali periodi di ricovero in strutture, i dati relativi alla frequenza scolastica, centri di formazione o ambulatoriali ICRIC ASSEGNO INVALIDI CIVILI PARZIALI ASSEGNO SOCIALE PENSIONE SOCIALE La sussistenza di attività lavorativa e l importo degli eventuali compensi percepiti La dimora in Italia o all estero, per i titolari di assegno sociale anche l eventuale stato di ricovero in una struttura pubblica con retta a carico della struttura stessa ICLAV ACC AS/PS Il CAAF garantisce al cittadino il servizio gratuito di compilazione della pratica, provvedendo ad inoltrarla all ente entro le scadenze. 14 ATTENZIONE: L INPS non invierà la richiesta ai soggetti interessati. Noi possiamo comunque elaborare la tua pratica. Rivolgiti alle nostre sedi!

15 ISEE approfondimento PER CHI INTENDE CHIEDERE UNA PRESTAZIONE SOCIALE AGEVOLATA O LA TARIFFA RIDOTTA DI UN SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITÀ! L ISEE è l Indicatore della Situazione Economica Equivalente che permette l accesso a prestazioni sociali agevolate o a tariffe ridotte per i servizi di pubblica utilità, attraverso la valutazione delle effettive condizioni economiche del richiedente e del suo nucleo familiare. la DSU MINI Modello base, utilizzabile per la maggioranza delle prestazioni sociali agevolate. DSU MINI: QUALI DOCUMENTI PORTARE Fotocopia documento di riconoscimento in corso di validità (intestatario della DSU). Codice fiscale o tessera sanitaria di ciascun componente il nucleo familiare. Dati anagrafici dei componenti il nucleo familiare (componenti Stato di Famiglia, coniugecon diversa residenza, anche se residenti all estero-iscritti AIRE, figli maggiorenni fiscalmente a loro carico ma non residenti con i genitori, che non siano coniugati e/o senza figli). Contratto di locazione relativo all abitazione principale da cui si rilevino gli estremi di registrazione, importo del canone di locazione versato comprensivo degli adeguamenti Istat; protocollo di assegnazione ATC/ IACP e relativo canone. Dati relativi ad autoveicoli e motoveicoli di cilindrata di 500cc e superiori posseduti (carta di circolazione da cui rilevare targa e intestatari), altri beni durevoli (es. navi e imbarcazioni da diporto: estremi di registrazione presso il registro competente). Certificazione attestante lo stato di disabilità o non autosufficienza rilasciata dalla commissione o dall ente preposto (dati commissione/ente, numero/protocollo della documento, data di rilascio). REDDITI E PATRIMONI RIFERITI A CIASCUN COMPONENTE AL 31/12 DELL ANNO PRECEDENTE ALLA RICHIESTA - Dati catastali degli immobili (fabbricati e terreni), desumibili da visura catastale o da atti notarili, valore commerciale delle aree edificabili - Capitale residuo dei mutuo stipulato per acquisto o costruzione degli immobili 15

16 approfondimentoisee - Depositi e conti correnti bancari e postali (codice IBAN, libretti di risparmio, tutti gli estratti conto 2014 e valore giacenza media) - Titoli di Stato ed equiparati, obbligazioni (es.: CCT), certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi (Poste) ed assimilati (es.bot) - Azioni o quote d investimento collettivo di risparmio - Partecipazioni azionarie quotate e non in società italiane o estere - Masse patrimoniali (somme di denaro o beni non relativi all impresa affidati in gestione) - Assicurazioni sulla vita e di capitalizzazione, altri strumenti e rapporti finanziari - Valore del patrimonio netto per le imprese individuali in contabilità ordinaria - Valore delle rimanenze finali e costo dei beni ammortizzabili per le imprese individuali in contabilità semplificata REDDITI RIFERITI A CIASCUN COMPONENTE IL NUCLEO FAMILIARE PERCEPITI NEL SECONDO ANNO D IMPOSTA ANTECEDENTE LA RICHIESTA - Dati catastali degli immobili posseduti se soggetti ad IMU - Redditi assoggettati ad imposta sostitutiva da CUD - Previdenza complementare erogata sotto forma di rendita, da CUD - Certificazione dei redditi di lavoro autonomo, con o senza partita IVA, provvigioni e redditi diversi da attività di vendita a domicilio (porta a porta) - Redditi esenti da imposta, esclusi i trattamenti erogati dall INPS (es. borse di studio, quota esente compensi attività sportive dilettantistiche, etc ) - Proventi agrari da Dichiarazione IRAP - Redditi da lavoro prodotti e tassati solo all estero e redditi fondiari all estero soggetti a IVIE - Trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari esenti da imposta e non erogati dall INPS - Sentenza di separazione legale dei coniugi e documentazione relativa agli assegni percepiti Per il mantenimento dei figli ed a quelli effettivamente corrisposti per coniuge e figli IN CASO DI ESONERO DAL PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI nel secondo anno d imposta antecedente la richiesta: visure catastali degli immobili posseduti e CUD o altra certificazione attestante i redditi percepiti relativi al secondo anno d imposta antecedente la richiesta. 16

17 ISEE IN SITUAZIONI SPECIFICHE Oltre a fornire i dati previsti per la compilazione della DSU mini occorre presentare documentazione aggiuntiva, differenziata a seconda della prestazione richiesta. PRESENZA DI DISABILI E/O NON AUTOSUFFICIENTI NEL NUCLEO SE VENGONO RICHIESTE PRESTAZIONI SOCIO SANITARIE - Certificazione attestante lo stato di disabilità o non autosufficienza rilasciata dalla commissione o dall ente preposto (dati commissione/ente, numero/protocollo della documento, data di rilascio) - Spese sostenute nell anno precedente per assistenza personale disabili e non autosufficienti (escluse le spese per le badanti regolarizzate direttamente dal richiedente la prestazione) PRESTAZIONI SOCIO SANITARE RESIDENZIALI A CICLO CONTINUATIVO (CASA DI RIPOSO) PER ANZIANI E DISABILI - Certificazione attestante lo stato di disabilità o non autosufficienza rilasciata dalla commissione o dall ente preposto (dati commissione/ente, numero/protocollo della documento, data di rilascio) - Documenti attestanti i versamenti effettuati nell anno precedente per l ospitalità alberghiera in istituti socio- assistenziali residenziali - Atti notarili per le donazioni di beni immobili in favore del coniuge, dei figli o di altri familiari negli ultimi 3 anni IN PRESENZA DI FIGLI ESTERNI AL NUCLEO DEL BENEFICIARIO RICOVERATO - Dati anagrafici, eventuale protocollo ISEE già presentata dagli stessi. In assenza di ISEE già presentata i figli devono fornire i documenti di cui all elenco DSU MINI personali ed i soli dati anagrafici dei componenti il proprio nucleo familiare. PRESENZA DI GENITORI NON CONIUGATI E NON CONVIVENTI PRESTAZIONI AGEVOLATE PER FIGLI MINORI (ES. RETTA ASILO NIDO) Dati anagrafici, eventuale protocollo ISEE già presentata. In assenza di ISEE già presentata il genitore non convivente con il minore per il quale si richiedono le prestazioni, dovrà fornire i documenti di cui all elenco DSU MINI personali ed i soli dati anagrafici dei componenti il proprio nucleo familiare 17

18 PRESTAZIONI PER IL DIRITTO allo studio UNIVERSITARIO Dati anagrafici, eventuale protocollo ISEE già presentata. In assenza di ISEE già presentata il genitore non convivente con lo studente per il quale si richiedono le prestazioni, dovrà fornire i documenti di cui all elenco DSU MINI personali ed i soli dati anagrafici dei componenti il proprio nucleo familiare N.B. Nel caso in cui entrambi i genitori non convivano con lo studente e quest ultimo non possa essere considerato indipendente occorrerà ricondurro al nucleo familiare d origine (v. elenco documenti dsu mini) ISEE CORRENTE In presenza di significative riduzioni reddituali conseguenti a variazioni dell attività lavorativa (riduzione orario, cassa integrazione, mobilità, licenziamento, chiusura attività) di uno o più componenti il nucleo. Lavoratori dipendenti a tempo indeterminato - verifica sospensione, riduzione o cessazione dell attività lavorativa (bastano le ultime 2 buste paga) - Protocollo DSU precedentemente presentata Lavoratori dipendenti a tempo determinato: - certificazione attestante l attività lavorativa per almeno 120 gg nei dodici mesi precedenti la conclusione dell ultimo rapporto di lavoro - certificazione attestante i redditi percepiti negli ultimi 12 mesi - Protocollo DSU precedentemente presentata Lavoratori autonomi: - documentazione attestante la chiusura della partita IVA - verifica attività lavorativa per almeno 12 mesi - certificazione attestante i redditi percepiti negli ultimi 12 mesi - Protocollo DSU precedentemente presentata 18

19 approfondimento GAS/energia Il BONUS GAS consiste in una riduzione sulle bollette per il consumo di gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o GPL) con contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale. Il BONUS ENERGIA consiste in una riduzione sulle bollette dell energia elettrica riservata alle famiglie a basso reddito e numerose, a coloro che per gravi condizioni di salute utilizzano apparecchiature elettromedicali. DOCUMENTI NECESSARI ISEE in corso di validità Copia documento di riconoscimento Certificato attestante l agevolazione in vigore e la scadenza del rinnovo Fattura o contratto del fornitore energia da cui sia rilevabile il codice POD riferito all abitazione principale Fattura o contratto del fornitore di gas naturale per uso domestico (NO gas in bombola o gpl) relativo alla casa di abitazione, da cui sia rilevabile il codice PDR per le forniture individuali Documento attestante il codice PDR relativo alla fornitura di gas naturale per uso domestico per le forniture centralizzate Nome, cognome, codice fiscale o denominazione/partita IVA riferiti all intestatario del contratto di fornitura dell impianto condominiale centralizzato Eventuale atto di delega per la presentazione della domanda o per incassare il bonifico domiciliato da parte di un soggetto delegato Dati anagrafici, codice fiscale e relativo documento di riconoscimento del soggetto delegato a presentare la domanda o ad incassare il bonifico domiciliato Comunicazione di ammissione al beneficio inviata da SGATE in caso di difformità categoria d uso (gas). Iscrizione al PESSE o certificazione ASL in caso di utilizzo di apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

20 detrazioni per familiari a carico Sono considerati fiscalmente a carico se il loro reddito complessivo annuo non supera 2.840,51: il coniuge se non legalmente ed effettivamente separato i figli, naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati (anche se non conviventi) gli altri familiari, a condizione che convivano con chi ne sostiene il carico o ricevano da quest ultimo un assegno alimentare non risultante da un provvedimento dell Autorità giudiziaria (art. 433 C.C.): coniuge legalmente ed effettivamente separato discendenti dei figli genitori e ascendenti prossimi, anche naturali, genitori adottivi generi e nuore, suocero e suocera fratelli e sorelle, anche unilaterali FIGLI A CARICO DI Genitori coniugati non fiscalmente a carico Genitori coniugati di cui uno fiscalmente a carico dell altro Genitori separati o divorziati in caso di un solo genitore affidatario Genitori separati o divorziati in caso di affido congiunto Genitori non coniugati DETRAZIONE DI LEGGE SPETTANTE AI GENITORI 50% 100% al genitore con reddito 100% al genitore affidatario 50% DETRAZIONE SPETTANTE IN PRESENZA DI ACCORDO 100% al genitore con reddito più elevato Non è previsto diverso accordo 100% al genitore con reddito più elevato se il genitore affidatario non può usufruire della detrazione (salvo diverso accordo, il genitore NON affidatario deve versare all altro genitore l intero importo della detrazione) genitori separati o divorziati in caso di affido congiunto 100% al genitore con reddito più elevato se il genitore affidatario non può usufruire della detrazione (salvo diverso accordo il genitore NON affidatario deve versare all altro genitore il 50%) Nessun atto di affidamento: si applica quanto previsto per i genitori coniugati Atto di affidamento: si applica quanto previsto per i genitori separati 20 Se le detrazioni sono state attribuite in misura errata dal datore di lavoro/ente pensionistico oppure se il contribuente non le ha richieste, la correzione o la fruizione può avvenire attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi.

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente D.P.C.M. 5 Dicembre 2013 n. 159 G.U n. 19 del 24 Gennaio 2014 LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI I QUESITI SONO STATI RACCOLTI DALLA CONSULTA

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014 calcolo reddito e nuove soglie e franchigia prima casa, figli e disabili, da quando e quali redditi sono inclusi, come e dove

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

DSU ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE. Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013)

DSU ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE. Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013) DSU Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE PARTE 1 INTRODUZIONE... 2 1. Cos è e a cosa serve la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU)... 2 2. La DSU modulare

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli