Esame di Stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di Stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO Settore ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Albert Einstein - Antonio Nebbia Via Abruzzo, s.n LORETO (AN) telefono: fax: internet: pec: Codice Istituto: ANIS00800X Codice Fiscale: 8000 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE Settore SERVIZI Certificazione di Qualità UNI EN ISO 900:008 Member of the Association of European Hotel and Tourism Schools SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI Esame di Stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5 Sezione Serale Anno Scolastico 0 / 05 Indirizzo Articolazione Istituto PROFESSIONALE - Settore SERVIZI Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ENOGASTRONOMIA Loreto, maggio 05 il Dirigente Scolastico Prof. Gabriele Torquati Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

2 Classe 5 Sezione Serale Anno Scolastico 0 / 05 Indirizzo Articolazione Istituto PROFESSIONALE - Settore SERVIZI Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ENOGASTRONOMIA DISCIPLINA DOCENTE Firma Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia, cittadinanza e costituzione Matematica Seconda lingua straniera Francese Scienza e cultura dell alimentazione Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva Laboratorio di servizi enogastronomici: settore cucina Laboratorio di servizi enogastronomici: settore sala e vendite Graciotti Riccardo Ciucciomei Simonetta Graciotti Riccardo Lillini Marco Tennina Rosalba Marchetti Elda Esposito Lucio Piaggesi Paolo Scarponi Iuri Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

3 SOMMARIO. Piano di studi. Profilo professionale. Metodologie Parte PRIMA PIANO DI STUDI PROFILO PROFESSIONALE METODOLOGIE Parte SECONDA PERCORSO FORMATIVO DELLA CLASSE. La classe (alunni - credito scolastico). Profilo della classe. Principali attività integrative. Diario delle simulazioni della terza prova Parte TERZA PERCORSI DIDATTICI DISCIPLINARI E PROGRAMMI SVOLTI Per ciascuna disciplina: RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Allegato 0 - PROGRAMMA SVOLTO Parte QUARTA CRITERI DI VALUTAZIONE Criterio di valutazione PRIMA PROVA Criterio di valutazione SECONDA PROVA Criterio di valutazione TERZA PROVA Criterio di valutazione COLLOQUIO Criteri di attribuzione dei CREDITI Parte QUINTA ALLEGATI Simulazioni della TERZA PROVA Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

4 Parte PRIMA PIANO DI STUDI PROFILO PROFESSIONALE METODOLOGIE Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

5 . PIANO DI STUDI Attività e insegnamenti comuni Attività e insegnamenti area di indirizzo Discipline anno anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia, cittadinanza e costituzione Matematica Scienze motorie e sportive - Religione cattolica o attività alt. - Seconda lingua straniera Francese / Spagnolo / Tedesco Scienza e cultura dell alimentazione Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva Laboratorio di servizi enogastronomici: settore cucina Laboratorio di servizi enogastronomici: settore sala e vendite Totale ore settimanali 5 6 BIENNIO + MONOENNIO anno Nel secondo biennio e nel monoennio finale le discipline dell area di indirizzo assumono connotazioni specifiche in una dimensione professionale, con l obiettivo di far raggiungere agli studenti una adeguata competenza professionale nello specifico settore. Articolazione ENOGASTRONOMIA Nell articolazione Enogastronomia il diplomato è in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; di operare nel sistema produttivo, per promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuare le nuove tendenze enogastronomiche. Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 5 / 75

6 . PROFILO PROFESSIONALE AREA DI ISTRUZIONE GENERALE RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE SERVIZI A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze: Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro. Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi anche ai fini dell apprendimento permanente. Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione. Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER). Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell espressività corporea e l importanza che riveste la pratica dell attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo. Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative. Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni. Utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare dati. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio. Utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi. Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, della tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento. Applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento. Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 6 / 75

7 Istituto PROFESSIONALE Settore SERVIZI Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell enogastronomia e dell ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi. E in grado di: utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l organizzazione della commercializzazione, dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalità; organizzare attività di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane; applicare le norme attinenti la conduzione dell esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro; utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all ottimizzazione della qualità del servizio; comunicare in almeno due lingue straniere; reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi; attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici; curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti. Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 7 / 75

8 . METODOLOGIE Metodologie didattiche prevalenti - Lezione frontale - Lezione interattiva - Problem solving - Gruppi di lavoro - Discussione - Attività di laboratorio - Ricerca mutimediale Tipologia verifiche scritte - Questionario - Prova semistrutturata - Prova strutturata - Problema - Saggio - Tema - Relazione Strumenti dell azione didattica - Libri di testo - Strumenti audiovisivi - Laboratorio multimediale - Dispense - Appunti, lucidi e schemi di riepilogo - Tavole sinottiche - Calcolatrici scientifiche - Software specifico, Internet - Codice Civile e Costituzione Italiana - Quotidiani e riviste Metodologie di recupero e sostegno - Recupero propedeutico d inizio anno - Recupero e sostegno in itinere Tipologia verifiche orali - Interrogazione lunga - Interrogazione breve - Relazione Attrezzature - Laboratori - Biblioteca - Palestra Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 8 / 75

9 Parte SECONDA PERCORSO FORMATIVO DELLA CLASSE Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 9 / 75

10 . LA CLASSE (Alunni Credito Scolastico) Alunni Credito Scolastico Cognome Nome anno anno ACQUAROLI ELEONORA 6 6 ARICO MATTEO BENFATTO LUCA 5 BERTI ELEONORA 7 5 BONABITACOLA ANTONIO CARMINE 5 6 BRESCIANI BARBARA BURINI FRANCESCO 6 8 GIOVAGNETTI SILVIA GIULIODORI MARIA CHIARA LA TORRE PASQUALE 5 5 MARTOLINI MASSIMILIANO MITILLO TANIA 5 7 MONTECCHIARI GABRIELLA 5 7 MORETTI MATTEO PERFETTI GIORDANO 5 6 PUSHKIN ALEXANDER 7 TESEI FABIO 5 8 VECCHI MARCELLO 5 9 VENTURA CORDONES ARNALDO EMILIO Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 0 / 75

11 . PROFILO DELLA CLASSE La classe V del corso serale è costituita da 9 alunni dell'indirizzo Servizi per l Enogastronomia e l ospitalità alberghiera - articolazione Enogastronomia. Dal punto di vista del comportamento, la classe, considerato l esiguo numero dei componenti e l età media, è risultata facilmente gestibile anche perché tutti i frequentanti si sono comportati in modo corretto e sono stati rispettosi delle regole. I diversi livelli di scolarizzazione e le notevoli differenze d età anagrafica in alcuni casi hanno contenuto la partecipazione al dialogo della classe e il confronto formativo; nei soggetti privi di credito scolastico si sono infatti registrati a volte atteggiamenti impacciati e intimiditi dalla presenza degli studenti più scolarizzati. La frequenza alle lezioni di alcuni allievi è risultata poco costante per ragioni spesso legate alla propria occupazione o a particolari situazioni personali. L applicazione allo studio è stata discontinua, a volte superficiale e selettiva in base alla rilevanza attribuita alle singole discipline. In special modo per le discipline in cui si richiede uno studio più sistematico, alcuni studenti mostrano difficoltà di espressione e di rielaborazione a livello personale; nelle discipline dell area umanistica rivelano non sempre organizzano il discorso in modo organico e coerente, con una forma chiara e senza errori ortografici. Nelle discipline d indirizzo gli alunni hanno mostrato il dovuto interesse riuscendo ad ottenere progressivi miglioramenti nel corso dell anno. La programmazione stabilita a inizio anno scolastico non è stata completata per tutte le discipline. Il profitto della classe risulta nel complesso discreto e gli obiettivi prefissati sono stati mediamente raggiunti in quasi tutte le discipline, come risulta dalle relazioni finali. Va precisato che l alunna Berti Eleonora ha sviluppato un programma differenziato relativo alla seconda lingua (Tedesco) ed è stata supportata in qualità di docente esterna al Consiglio di Classe dalla proff.ssa Agrippina Giuffrida. Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

12 . PRINCIPALI ATTIVITA INTEGRATIVE (progetti e attività extracurricolari, area di specializzazione, ecc.) Progetto / Attività Descrizione Materie coinvolte Visita di istruzione Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

13 . DIARIO DELLE SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITÀ Obiettivi Accertare il livello quantitativo delle conoscenze acquisite Verificare le capacità di utilizzare, articolare e collegare i contenuti appresi. Valutare le abilità espressive. Prima simulazione della TERZA PROVA Data Tipologia Tempo Materie MATEMATICA 6 marzo 05 Quesiti a risposta singola 80 min INGLESE DIRITTO E TEC. AMM.VE DELLA STR. RIC. LAB. SERV. ENOGASTR.-SETT. CUCINA Seconda simulazione della TERZA PROVA Data Tipologia Tempo Materie FRANCESE 6 aprile 05 Quesiti a risposta singola 80 min INGLESE DIRITTO E TEC. AMM.VE DELLA STR. RIC. STORIA E CITTADINANZA E COSTITUZIONE Terza simulazione della TERZA PROVA Data Tipologia Tempo Materie MATEMATICA 05 maggio 05 Quesiti a risposta singola 80 min INGLESE DIRITTO E TEC. AMM.VE DELLA STR. RIC. LAB. SERV. ENOGASTR.-SETT. CUCINA Osservazioni sulla tipologia Il Consiglio di classe ritiene, all unanimità, che la tipologia Quesiti a risposta singola, sia la più adeguata per la prova d esame perché consente di individuare, in modo più oggettivo, la preparazione globale dell alunno. Il minutaggio assegnato (80 min.) è sembrato il più idoneo per consentire l organizzazione della rielaborazione, tenuto conto dei tempi di risposta dei singoli soggetti. Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

14 Parte TERZA PERCORSI DIDATTICI DISCIPLINARI E PROGRAMMI SVOLTI Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

15 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Mod. rev.00 DOCENTE RICCARDO GRACIOTTI MATERIA DI INSEGNAMENTO ITALIANO CLASSE / SEZIONE 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 TESTO IN ADOZIONE DAL TESTO AL MONDO Dal secondo Ottocento all età contemporanea - Paravia ALTRI STRUMENTI Power point, cartine, video on line MONTE ORE ANNUO Teorico 99 Effettivo 9 PRINCIPALI OBIETTIVI DISCIPLINARI Corretto uso della lingua italiana (competenza linguistica); Competenza nell ambito della comunicazione interpersonale (competenza comunicativa); Capacità di espressione e di argomentazione, con proprie valutazioni personali in ordine a fatti e problemi (competenza critica); Consapevolezza delle caratteristiche di un testo (Competenza testuale); Capacità di apprendimento (competenza cognitiva). METODOLOGIA DIDATTICA Lezione frontale Discussione in classe Lezione con audiovisivi TIPOLOGIA DI VERIFICHE Orale (anche attraverso l esposizione dell UDA) Scritta (saggio breve, tema, relazione) LIVELLO DI INGRESSO GRADO DI CONSEGUIMENTO OBIETTIVI DA PARTE DEGLI ALUNNI INSUFF / MEDIOCRE 0 % PARZIALMENTE 5 % SUFF / DISCR 50 % MEDIAMENTE 0 % BUONO / OTTIMO 0 % PIENAMENTE 5 % Osservazioni La conformazione eterogenea della classe, formata da studenti con e senza credito scolastico, ha prodotto risultati disomogenei, che risultano nel complesso modesti negli studenti privi di credito e con maggiori difficoltà organizzative del metodo di studio, soddisfacenti in tutti gli altri casi. Va segnalato che alcuni studenti in possesso del diploma, avendone diritto,non hanno seguito le lezioni né si sono sottoposti alle valutazioni. Nello sviluppo del programma, stante anche la necessità di recuperare gli argomenti non sviluppati nel corso del IV anno, è stato giocoforza procedere per ampie sintesi di alcuni percorsi letterari e al contempo ridurre le analisi delle opere, al fine di assecondare i limitati tempi di studio a disposizione dei singoli studenti e contenere la massa di acquisizioni richieste. Nel complesso gli obiettivi minimi prefissati nel piano annuale sono stati raggiunti. In alcuni casi durante il percorso curricolare si sono svolti i recuperi in itinere. Rispetto alla produzione scritta la classe ha mostrato in generale una certa difficoltà nell adeguarsi ad alcune tipologie testuali previste dalla normativa vigente. Le cinque verifiche scritte affrontate durante l anno, a cui vanno aggiunte diverse esercitazioni senza voto, hanno privilegiato le tracce della tipologia B, sebbene non siano state trascurate anche le altre modalità. I risultati ottenuti sono complessivamente sufficienti, ma non mancano alunni carenti nella rielaborazione personale, nella gestione delle strutture morfo-sintattiche e nell uso di una corretta ortografia. La programmazione è stata interamente seguita, ma ha richiesto la trattazione per cenni di alcuni moduli. ALL. 0: PROGRAMMA SVOLTO Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 5 / 75

16 PROGRAMMA SVOLTO ALLEGATO 0 CLASSE / SEZ 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 DOCENTE RICCARDO GRACIOTTI MATERIA ITALIANO PROGRAMMA SVOLTO: MODULI Il Romanticismo in Italia Le correnti letterarie della fine del secolo XIX. Le esperienze della narrativa del primo Novecento europeo e in Italia. UNITA' DIDATTICHE Quadro generale sul Romanticismo in Europa e in Italia. G. Manzoni e i Promessi sposi. G. Leopardi: il pessimismo. Rappresentare il reale: il Positivismo e il Naturalismo. Il Verismo italiano: Giovanni Verga e I Malavoglia. I temi e la poetica del Decadentismo in Italia. Le figure di Gabriele d Annunzio e di Giovanni Pascoli: scelta di alcune poesie. Il romanzo in Europa nel Novecento. Il nuovo romanzo italiano di L. Pirandello e I. Svevo; temi e aspetti dello stile. Grado di approfondimento: completo cenni omesso Cenni Cenni Cenni Completo Completo Completo Completo Completo Completo Le esperienze della poesia nel primo e nel secondo Novecento italiano. Quadro delle tendenze letterarie del pieno Novecento. Le avanguardie del secolo. Il Futurismo italiano. L Ermetismo: Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale. Il nuovo realismo americano. Il romanzo in Europa e in Italia nel secondo dopoguerra. Cenni Completo Cenni Cenni Completo Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 6 / 75

17 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Mod. rev.00 DOCENTE SIMONETTA CIUCCIUMEI MATERIA DI INSEGNAMENTO LINGUA INGLESE CLASSE / SEZIONE 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 TESTO IN ADOZIONE ALTRI STRUMENTI ANNARITA DE CHIARA MARIA COSTANZA TORCHIA, ABOUT A CATERING, TRINITY WHITEBRIDGE R. ARAVANIS - G. VASSILAKIS, CODE BLUE B, STUDENT'S BOOK, MACMILLAN,00 FOTOCOPIE, RICERCHE IN INTERNET, SCHEMI ALLA LAVAGNA MONTE ORE ANNUO Teorico 99 Effettivo 7 PRINCIPALI OBIETTIVI DISCIPLINARI Incoraggiare la riflessione, lo studio personale, la comunicazione e l interazione tra gli studenti attraverso attività sia individuali che di gruppo, paragonando, condividendo idee e collaborando per raggiungere buoni risultati. Sviluppare la competenza comunicativa accrescendo l autostima e la consapevolezza relativamente a: sistema lingua come competenza grammaticale; sociolinguistica, come uso sociale della lingua; riconoscimento e produzione di diversi tipi di testi attraverso la comprensione e costruzione di un ampia varietà di testi orali e scritti (es. interviste, sondaggi, lettere, etc.); competenza strategica, come capacità di colmare il vuoto di conoscenza attraverso l inserimento di significati da un contesto e la ricerca di informazioni. Sviluppare il senso di responsabilità individuale attraverso l analisi di valori sociali e morali generali. METODOLOGIA DIDATTICA Metodo funzionale-comunicativo. Attività mirate al potenziamento delle quattro abilità (ascoltare, parlare, leggere, scrivere): lettura approfondita, analisi del testo, traduzioni, questionari, vero/falso, scelta multipla, esercizi di completamento, produzione guidata, auto-correzione, relazioni, lavori a coppia, lavori di gruppo, esercizi di ascolto. TIPOLOGIA DI VERIFICHE Prove di comprensione scritta e orale, esercizi di tipo strutturato, semi-strutturato, a risposta aperta e traduzioni. Osservazioni LIVELLO DI INGRESSO GRADO DI CONSEGUIMENTO OBIETTIVI DA PARTE DEGLI ALUNNI INSUFF / MEDIOCRE 7% PARZIALMENTE 0% SUFF / DISCR 8% MEDIAMENTE 50% BUONO / OTTIMO 5% PIENAMENTE 0% ALL. 0: PROGRAMMA SVOLTO Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 7 / 75

18 PROGRAMMA SVOLTO ALLEGATO 0 CLASSE / SEZ 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 DOCENTE SIMONETTA CIUCCIUMEI MATERIA LINGUA INGLESE PROGRAMMA SVOLTO: MODULI FOOD TODAY AN INTERNATIONAL JOURNEY UNITA' DIDATTICHE. Fast Food and fast Food restaurants. The Negative Aspects of fast Food. Slow Food. Nouvelle Cuisine 5. Fusion Food and Cuisine 6. Do You Live Organic? 7. GMOs. Indian cooking. How, When and What Indian People Eat. Typical Indian food (pag.8). Four Grains of the Same Pod 5. Spice up Your Health (pag.5) 6. India Restaurant: a Bite of India In Bologna 7. Chinese Cooking (pag.55-56) 8. Chinese Bakery Products 9. Japanese Cooking 0. Religion through Food : Islam. Religion through Food: Judaism and Hinduism Grado di approfondimento: completo cenni omesso FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA OMESSO FORMA COMPLETA OMESSO FORMA COMPLETA OMESSO FORMA COMPLETA OMESSO FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA DIETS. Test Your Health. Healthy Eating. The Food Pyramid. The Mediterranean Diet 5. The Macrobiotic Diet 6. Vegetarianism 7. Fad Slimmimg Diets 8. The Dukan Diet FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA OMESSO OMESSO FOOD SAFETY. HACCP. HACCP Preliminary Tasks and Principles. EHO. Bacteria (pag.67-68) 5. Food Contamination FORMA COMPLETA OMESSO OMESSO META CLASSE HA PREPARATO L ARGOMENTO E POI L HA RELAZIONATO ALL ALTRA META Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 8 / 75

19 6. Food Preservation (pag. 7-7) OMESSO FORMA COMPLETA WHAT S NEXT. The Covering Letter. The Structure of the Covering Letter. Europass: Your Entry to the World. Job Interview FORMA COMPLETA FORMA COMPLETA OMESSO FORMA COMPLETA Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 9 / 75

20 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Mod. rev.00 DOCENTE RICCARDO GRACIOTTI MATERIA DI INSEGNAMENTO STORIA CLASSE / SEZIONE 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 TESTO IN ADOZIONE ORIZZONTI DELL UOMO Il Novecento e il mondo attuale LOESCHER ALTRI STRUMENTI Power point, cartine, video on line, mappe concettuali MONTE ORE ANNUO Teorico Effettivo 0 PRINCIPALI OBIETTIVI DISCIPLINARI Organizzare efficacemente lo studio; Organizzare sequenze coerenti di conoscenze storiche; Organizzare concatenazioni; Utilizzare le categorie fondamentali del discorso storico: fonte, documento, tempo durata, spazio; individuare e riconoscere nel passato le radici storiche del presente. METODOLOGIA DIDATTICA Lezione frontale Discussione in classe Lezione con audiovisivi TIPOLOGIA DI VERIFICHE Orale Quesiti scritti a risposta multipla e a risposta aperta LIVELLO DI INGRESSO GRADO DI CONSEGUIMENTO OBIETTIVI DA PARTE DEGLI ALUNNI INSUFF / MEDIOCRE 0 % PARZIALMENTE 0 % SUFF / DISCR 50 % MEDIAMENTE 0 % BUONO / OTTIMO 0 % PIENAMENTE 0 % Osservazioni L esiguo numero di ore previsto per la materia ha limitato lo sviluppo del programma sia in ordine agli argomenti che agli approfondimenti. A ciò va aggiunto il bisogno di recuperare argomenti del programma del IV anno che non erano stati affrontati. Attraverso ampie sintesi dei quadri storici e la focalizzazione sui processi di causa-effetto è stato possibile delineare alcune principali tematiche storico-critiche, in particolare in relazione ai conflitti mondiali e all affermazione dei totalitarismi. Come per Italiano, gli studenti senza credito hanno mostrato alcune difficoltà organizzative del metodo di studio. I risultati conseguiti sono tuttavia complessivamente sufficienti. Nessuno studente si è cimentato nelle tracce di argomento storico nel corso delle prove scritte di Italiano. Quando necessario, è stato effettuato il recupero in itinere degli studenti con lacune. ALL. 0: PROGRAMMA SVOLTO Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 0 / 75

21 PROGRAMMA SVOLTO ALLEGATO 0 CLASSE / SEZ 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 DOCENTE RICCARDO GRACIOTTI MATERIA STORIA PROGRAMMA SVOLTO: MODULI L unità Italiana e l età giolittiana L imperialismo L Europa agli inizi del XX secolo e la I guerra mondiale I Totalitarismi e la II Guerra Mondiale. Il II dopoguerra Il processo di unificazione La destra storica La sinistra storica L età giolittiana UNITA' DIDATTICHE Gli stati europei alla fine dell Ottocento. La II rivoluzione industriale e i movimenti sociali del periodo. La situazione generale in Europa. Cause della I Guerra Mondiale. I paesi partecipanti. L avvento delle forme di governo totalitario nel I dopoguerra. Comunismo, fascismo, nazismo. Le cause della II Guerra Mondiale. Verso un nuovo ordine mondiale: la nascita dell Unione Europea; la fine del colonialismo; la Guerra fredda. Grado di approfondimento: completo cenni omesso Cenni Cenni Cenni Cenni Cenni Cenni Completo Completo Completo Completo Completo Completo Cenni Cenni Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

22 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Mod. rev.00 DOCENTE MARCO LILLINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE / SEZIONE 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 TESTO IN ADOZIONE Nuova Matematica a colori Edizione GIALLA Secondo biennio Volume 5 L. Sasso Petrini ALTRI STRUMENTI Dispensa dell insegnante, fotocopie MONTE ORE ANNUO Teorico 66 Effettivo 6 PRINCIPALI OBIETTIVI DISCIPLINARI Promuovere le facoltà sia intuitive che logiche Saper leggere e interpretare il grafico di una funzione analitica Sviluppare la capacità di astrazione per interpretare e risolvere i problemi Determinare l abitudine alla precisione del linguaggio e all esposizione logica e coerente METODOLOGIA DIDATTICA Lezione frontale dialogata Esercitazioni in aula TIPOLOGIA DI VERIFICHE Verifiche scritte: Test con risposte aperte e chiuse Problemi da svolgere Verifiche orali: Interrogazioni LIVELLO DI INGRESSO GRADO DI CONSEGUIMENTO OBIETTIVI DA PARTE DEGLI ALUNNI INSUFF / MEDIOCRE 58 % PARZIALMENTE 8 % SUFF / DISCR % MEDIAMENTE 6 % BUONO / OTTIMO 0 % PIENAMENTE 6 % Osservazioni Tengo a segnalare che il sottoscritto è entrato in servizio a novembre, a seguito del cambio docente. Per quanto riguarda la classe, presentava una situazione rispetto ai livelli di partenza estremamente eterogenea. E stato necessario approfondire il modulo di ripasso, che si è protratto per le ragioni precedenti fino a dicembre. Visto il monte ore esiguo la programmazione è stata quindi ridotta nelle sue ultime parti. E stato cioè omesso il calcolo integrale e ridotta la parte sulle derivate. Lo studio analitico si è concentrato sulle funzioni razionali frazionarie. ALL. 0: PROGRAMMA SVOLTO Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

23 PROGRAMMA SVOLTO ALLEGATO 0 CLASSE / SEZ 5 SERALE ANNO SCOLASTICO 0 / 05 DOCENTE MARCO LILLINI MATERIA MATEMATICA PROGRAMMA SVOLTO: riportare il riferimento alla programmazione modulare come da Mod.08 Piano di Lavoro del Docente presentato ad inizio a.s. e specificare quali moduli trattati in forma completa, quali trattati solo per cenni e quali omessi dalla trattazione. MODULI. RIPASSO. LE FUNZIONI. FUNZIONI CONTINUE. IL CALCOLO DIFFERENZIALE UNITA' DIDATTICHE.. I sistemi di equazioni di primo grado.. Le equazioni di secondo grado.. Le disequazioni di secondo grado.. Le disequazioni di grado superiore al secondo.5. Sistemi di disequazioni di primo grado.6. Sistemi di disequazioni di secondo grado.7. Intervalli, intorni e funzioni.. Definizione di funzione... Classificazione delle funzioni... Dominio. Codominio. Insieme immagine. Intersezione di una funzione con gli assi cartesiani. Segno della funzione: determinazione degli intervalli di positività e negatività. Monotonia della funzione: intervalli di crescenza e decrescenza... Limiti Il concetto di limite di una funzione. Il limite dal punto di vista intuitivo. Limite di una funzione e significato grafico. Forme indeterminate inf/inf e 0/0.. Asintoti Asintoti di una funzione. Definizione di asintoto verticale, orizzontale. Esempi per funzioni razionali fratte. Grafico probabile di una funzione razionale fratta... Continuità Definizione di continuità di una funzione. Significato grafico. Punti di discontinuità di prima seconda e terza specie... Introduzione al calcolo differenziale. Primi passi: il problema della tangente (il problema di Leibnitz); il problema della velocità istantanea (dal punto di vista fisico). La definizione di derivata. Proprietà di linearità della derivata. Significato geometrico della derivata prima... Calcolo delle derivate. Derivata delle funzioni polinomiali. Derivabilità implica continuità. Derivata delle funzioni elementari: la funzione costante, polinomiale, logaritmo, esponenziale. Operazioni con le derivate: derivata della somma, della differenza, del prodotto e del rapporto tra funzioni. Derivata della funzione composta. Equazione della retta tangente alla funzione in un punto... Massimi e minimi. Definizione di punto di massimo e di minimo di una funzione. Punti stazionari. Condizione necessaria per i punti stazionari. Punto di flesso a tangente orizzontale. Il criterio di monotonia della funzione. La derivata seconda. Significato geometrico. Concavità della funzione. Criterio di concavità della funzione. Punti di flesso a tangente obliqua. Punti di non derivabilità Grado di approfondimento: completo cenni omesso Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Completo Cenni Cenni 5. GLI INTEGRALI Omesso Classe 5 Serale Anno Scolastico 0 / 05 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE maggio 05 / 75

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli