DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto d Istruzione Superiore Roncalli Via Senese, Poggibonsi (Si) Tel Fax C.F pec: Codice Univoco Ufficio: UFUBVV RONCALLI Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing Sistemi Informativi Aziendali Costruzioni Ambiente Territorio Turismo Formazione Professionale SARROCCHI Meccanica, Meccatronica ed Energia Elettronica e Elettrotecnica Liceo delle Scienze Applicate DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ai sensi dell'art.5 Legge n /12/1997) CLASSE QUINTA SEZ. A CORSO C.A.T. ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL COORDINATORE DI CLASSE Prof.Vincenzo Cantara

2 Griglia 1: Variazioni nel Consiglio di classe DISCIPLINE CURRICOLO 1 ANNI CLASSI 3 CORSO 2 III IV V RELIGIONE 3-5 ITALIANO 3-5 STORIA 3-5 LINGUA INGLESE 3-5 MATEMATICA 3-5 COMPLEMENTI DI 3-4 MATEMATICA PROGETT. COSTR. IMPIANTI 3-5 GEOPED. EC. ESTIMO 3-5 GEST. CANTIERE-SICUR. 3-5 * TOPOGRAFIA 3-5 LABORATORI 3-5 SCIENZE MOTORIE E SPORT Elencare tutte le discipline previste nel corso di studi nel triennio/biennio post-qualifica. 2. Indicare gli anni di corso nei quali è inserita la disciplina; ad esempio 3-5 (se dal terzo all ultimo anno), 3 (se solo terzo anno), ecc. 3. In corrispondenza di ogni disciplina segnare con asterisco (*) l anno in cui vi è stato un cambiamento di docente rispetto all anno precedente come previsto dalla normale rotazione/assegnazione delle cattedre; segnare con un pallino ( ) l anno in cui vi è stato un imprevisto cambiamento di docente rispetto all anno precedente e/o quando il docente che si è fatto carico della valutazione finale è stato diverso dal docente che ha avviato l anno scolastico. Griglia 2: Flussi degli studenti della classe CLASSE ISCRITTI STESSA CLASSE ISCRITTI DA ALTRA CLASSE PROMOSSI A GIUGNO PROMOSSI a SETTEMBRE (con sospensione del giudizio) RESPINTI TERZA QUARTA QUINTA TOTALE STUDENTI REGOLARI (che hanno frequentato lo stesso corso, senza ripetenze o spostamenti, dalla terza alla quinta classe): 13 NOTA (eventuali abbinamenti tra studenti provenienti da classi diverse per la costituzione di indirizzi di studio particolari all avvio delle classi terze o quarte):

3 Griglia 3: Valutazione Il consiglio di Classe delibera di seguire la seguente gamma di voti disponibili: 1-2 L alunno non si rende disponibile per le verifiche 3 Totale non conoscenza degli argomenti trattati 4 Gravi e diffuse lacune relative ai contenuti cardine della disciplina 5 Conoscenza frammentaria degli argomenti 6 Conoscenza e comprensione generale sugli aspetti più importanti degli argomenti trattati 7 Conoscenza e comprensione degli argomenti trattati con modeste capacità di rielaborazione 8 Discreta conoscenza degli argomenti e rielaborazione con soddisfacente linguaggio tecnico 9 Padronanza della materia con ottime capacità di rielaborazione, analisi e sintesi 10 Totale padronanza della materia e continuità nell impegno del lavoro scolastico

4 SPECIFICITA' DEL CORSO Il corso Costruzioni, Ambiente e Territorio si sviluppa in un quinquennio, suddiviso in un primo biennio e in un triennio, a sua volta costituito da un biennio e un monoennio. Secondo le indicazioni ministeriali inerenti il riordino della scuola secondaria superiore, afferisce al settore tecnologico e sotituisce il vecchio corso di studi per il conseguimento del diploma di geometra.

5 ESITO EDUCATIVO (profilo professionale) A conclusione del percorso quinquennale il Diplomato è in grado di: - Selezionare i materiali da costruzione in rapporto al loro impiego e alle modalità di lavorazione. - Rilevare il territorio, le aree libere e i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti. - Applicare le metodologie della progettazione, valutazione e realizzazione di costruzioni e manufatti di modeste entità, in zone non sismiche, intervenendo anche nelle problematiche connesse al risparmio energetico nell edilizia. - Utilizzare gli strumenti idonei per la restituzione grafica di progetti e di rilievi. - Tutelare, salvaguardare e valorizzare le risorse del territorio e dell'ambiente. - Compiere operazioni di estimo in ambito privato e pubblico, limitatamente all edilizia e al territorio. - Gestire la manutenzione ordinaria e l esercizio di organismi edilizi. - Organizzare e condurre i cantieri mobili, nel rispetto delle normative sulla sicurezza. CARATTERI DELL'ISTITUTO CONNESSI CON LA TIPOLOGIA DEL CORSO E DELL'UTENZA (analisi del territorio e dell'utenza) L'I.I.S. "Roncalli" di Poggibonsi costituisce il polo tecnico della Val d Elsa. Raccoglie, infatti, studenti residenti nei comuni dell'alta Val d Elsa e in comuni limitrofi della provincia di Siena e di Firenze. Poggibonsi ha conosciuto un considerevole progresso economico a partire dal secondo dopoguerra, grazie a uno sviluppo dell'industria in vari settori produttivi. Questo ha favorito un intenso esodo dalle campagne verso la città, con conseguente inurbamento e incremento dell'industria edilizia, sia civile - per la costruzione di alloggi - che industriale (costruzione di capannoni e infrastrutture). Negli ultimi anni, la crisi economica non ha risparmiato il tessuto economico e sociale del territorio, con gravi conseguenze anche e soprattutto nel settore edilizio. Forse, per tale motivo, si è assistito a una diminuzione degli iscritti a questa tipologia di corso che, nel frattempo, ha cambiato denominazione e piano di studi, aderendo alle linee innovatrici contenute nell'ultima riforma della scuola superiore.

6 STORIA DEL TRIENNIO DELLA CLASSE (Dati statistici) CLASSE ISCRITTI ALLA STESSA CLASSE ISCRITTI DA ALTRA CLASSE PROMOSSI a Giugno PROMOSSI a Settembre (con sospensione del giudizio) RESPINTI TERZA QUARTA QUINTA Totale studenti regolari (Hanno frequentato lo stesso corso senza ripetenze, spostamenti, dalla terza alla quinta classe): 13 Nota (eventuali abbinamenti tra studenti provenienti da classi diverse per ) (spazio per eventuali note descrittive e/o esplicative) Due alunni - Okpokpo e Kwiatkowski - si sono inseriti in terza, come ripetenti. Alla fine del terzo anno, inoltre, l'alunna Vitolo si è trasferita in altra scuola.

7 CONTINUITA' DIDATTICA NEL TRIENNIO CORPO DOCENTE (Dati statistici) DISCIPLINE ANNO SCOLASTICO CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE QUINTA Religione 2012/13; 13/14; 14/15 Italiano e Storia 2012/13; 13/14; 14/15 Lingua Inglese 2012/13; 13/14; 14/15 Matematica e 2012/13; 13/14; 14/15 Complementi Prog. Costr. Imp. 2012/13; 13/14; 14/15 Geoped. Ec. Estimo 2012/13; 13/14; 14/15 Gest. Cantieri Sicur /14; 14/15 Topografia 2012/13; 13/14; 14/15 Laboratori Scienze motorie sport 2012/13; 13/14; 14/15 (spazio per eventuali note descrittive e/o esplicative) La materia "Gestione Cantieri e Sicurezza", nella classe terza è stata insegnata dalla prof.ssa Rosa Lautieri; il prof. Orazio Diana ha avuto la continuità a partire dalla classe quarta. Durante il triennio si sono, inoltre, avvicendati diversi Insegnanti Tecnico Pratici.

8 SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELL'ANNO SCOLASTICO IN CORSO All'inizio dell'anno scolastico, la classe presentava, tranne in alcuni casi, una preparazione modesta. Il livello generale si assestava ai limiti della sufficienza, mentre l'interesse e l'impegno apparivano non completamente adeguati. OBIETTIVI GENERALI (EDUCATIVI E FORMATIVI) Obiettivi Programmati Ottenuti< 60% Ottenuti a > 60% Comprendere gli aspetti fondanti di ogni disciplina Saper analizzare in maniera critica Saper esporre, verbalmente, per iscritto o a livello grafico le conoscenze Saper valutare le proprie capacità e potenzialità Saper sintetizzare e collegare le varie conoscenze acquisite

9 CAPACITA' TRASVERSALI (RELAZIONALI, COMPORTAMENTALI E COGNITIVE) Capacità Programmate Ottenute< 60% Ottenute a > 60% Comunicare in maniera efficace Riconoscere e valutare situazioni diverse in vari contesti Evidenziare le proprie motivazioni Identificare e consultare fonti informative CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA' Nell'ambito disciplinare ALLEGATO A

10 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il metodo di lavoro condiviso dai docenti del Consiglio di Classe è stato il seguente: rapportarsi al livello di conoscenze di base e di sviluppo psichico e cognitivo degli studenti, al livello medio della classe, inteso come livello delle conoscenze e delle competenze mediamente raggiunto dagli allievi; essere coerenti nello sviluppo della programmazione in classe con le finalità e gli obiettivi generali del POF e con quelli specifici disciplinari; condividere e perseguire gli obiettivi prefissati nei Consigli di classe e nelle riunioni per materie; potenziare il processo formativo degli studenti, cercando di garantire il raggiungimento degli obiettivi minimi prefissati; coinvolgere nel percorso formativo tutti i soggetti della classe, promuovendo la cultura della collaborazione e della condivisione; aggiornare costantemente le proprie conoscenze e tecniche di insegnamento e confrontarsi con lo sviluppo dei processi di insegnamento/apprendimento.

11 METODI DI INSEGNAMENTO (sintesi) I metodi di insegnamento adottati dai singoli docenti non possono prescindere dalle peculiarità individuali in termini di stile di presentazione, caratteristiche delle discipline insegnate, formazione personale e capacità relazionali e comunicative acquisite o innate. Tuttavia, tutti i docenti concordano nell'adottare un metodo di insegnamento che prenda in considerazione i livelli di partenza di ogni alunno e le sue reali capacità e potenzialità. Si è cercato così di adattare i contenuti al grado di comprensione della classe, monitorando continuamente il livello di acquisizione dei concetti trasmessi e operando i necessari aggiustamenti in itinere.

12 VERIFICA E VALUTAZIONE DELL'AZIONE DIDATTICA (definizione caratteristiche, modello prescelto) Il modello prescelto dal Consiglio di Classe ha posto l'accento sull'importanza di stimolare gli studenti alla curiosità, all interesse e alla partecipazione attiva. Si è ritenuto fondamentale lo sviluppo dell autostima e della motivazione, attraverso un attenta azione di orientamento, con lo scopo di fare emergere le potenzialità e le risorse personali di ogni studente. Si è cercato di mantenere flessibilità e gradualità: - nella programmazione, in base alla situazione della classe, alle potenzialità degli studenti, all andamento delle attività nel corso dell anno scolastico; - nella predisposizione di azioni di recupero, nonché di approfondimento e potenziamento, in riferimento alle conoscenze, competenze e abilità dei singoli studenti.

13 VERIFICA E VALUTAZIONE DELL'APPRENDIMENTO (sintesi) La verifica e la valutazione degli apprendimenti, effettuata secondo verifiche coerenti con gli obiettivi di apprendimento previsti nel POF e ridefiniti nelle riunioni disciplinari, si è articolata, nel corso degli anni, secondo le seguenti fasi: 1. diagnostica o iniziale, tesa ad analizzare e descrivere il processo di apprendimento, per la successiva impostazione di opportune strategie didattiche; 2. formativa o intermedia, tesa a individuare potenzialità e carenze, finalizzata all autovalutazione e al miglioramento dell azione didattica; 3. sommativa o finale, tesa a definire i livelli di abilità e competenze nella valutazione periodica e finale. Nella valutazione sono stati considerati: esiti delle prove di verifica (due prove scritte e due orali nel trimestre, tre scritte e almeno due orali nel pentamestre), esiti di iniziative di recupero osservazioni sistematiche sul processo di apprendimento livelli di conoscenze, abilità, autonomia nelle prestazioni livello di partenza confronto tra risultati previsti e raggiunti uso degli strumenti impegno personale, partecipazione, metodo di lavoro evoluzione del processo di apprendimento STRUMENTI PER LA VERIFICA FORMATIVA (controllo in itinere dei processo di apprendimento) - Prove scritte: strutturate e semistrutturate (vero/falso, completamento, scelta multipla ), questionari a risposta aperta, relazioni, temi/componimenti, sintesi, soluzioni di problemi, esercizi di vario tipo - Prove orali: colloqui, interrogazioni, interventi, discussioni su argomenti di studio, esposizione di attività svolte, test, prove scritte valide per l orale - Prove pratiche: attività di laboratorio; test motori TIPOLOGIA VERIFICHE FORMATIVE Interrogazioni orali Colloqui e discussioni in gruppo Questionari e prove scritte strutturate e semistrutturate Test e prove scritte validi per l'orale Relazioni Prove pratiche

14 STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMATIVA (controllo del profitto, scolastico ai fini della valutazione) Gli strumenti utilizzati per la verifica sommativa sono gli stessi usati per la verifica formativa, ma con un taglio diverso, rivolto prevalentemente alla valutazione di "blocchi tematici" di più ampie dimensioni, comprendenti argomenti relativi a unità didattiche e/o moduli. I giudizi sono stati comunicati alle famiglie, sia verbalmente che tramite registro elettronico.

15 FATTORI CHE CONCORRONO ALLA VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE (con riferimento alla situazione personale, alla classe, a un criterio assoluto) Sarà fatta distinzione tra misurazione del profitto SI NO e valutazione globale Se "Si", la valutazione globale terrà in considerazione Il metodo di studio La partecipazione all'attività didattica L impegno Il progresso Le conoscenze acquisite Le abilità raggiunte Altro

16 NOTA Nel presente anno scolastico a partire dal mese di marzo 2015 sono state esperite, in vista delle innovazioni introdotte dalla riforma, le seguenti prove come da previsione di legge: - Prova di Italiano (06/05/2015); - Prova di Progettazione Costruzione Impianti (11/05/2015); - Prova multidisciplinare (PRIMA SIMULAZIONE: Inglese, Scienze Motorie, Estimo, Gestione e sicurezza nei cantieri edili: 30/03/2015; SECONDA SIMULAZIONE: Inglese, Scienze Motorie, Estimo, Gestione e sicurezza nei cantieri edili: 04/05/2015). sono state elaborate ed adottate le allegate griglia di valutazione. Si è previsto di notificare agli studenti la decisione e si è provveduto alla diffusione delle stesse. CRITERI DI ASSEGNAZIONE PER IL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO Per quanto concerne l assegnazione del credito scolastico e del credito formativo, si fa riferimento a quanto stabilito nelle delibere collegiali.

17 EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO Espresse in termini di partecipazione, impegno e metodo di studio CATEGORIE ANNO SCOLASTICO COSTANTE CRESCENTE DECRESCENTE ALTALENANTE Partecipazione Impegno Metodo di studio ATTIVITA' INTEGRATIVE Per quanto riguarda le uscite didattiche e i viaggi e gite di istruzione si segnala quanto segue: - durante il terzo anno di studio: attività di rilievo di un immobile rurale a Colle di Val d'elsa - durante il quarto anno di studio: SAIE (Bologna); GeoTec (Monteriggioni); M.I.V. (Poggibonsi); Abergele Progetto TCE (Galles); Magione (Poggibonsi); - durante il quinto anno di studio: Fortezza del Cassero, Basilica di San Lucchese (Poggibonsi); ITS di Colle di Val d'elsa; Valencia (Spagna); EPO Milano 2015; Cinema Garibaldi (Poggibonsi): visione del film "Il giovane favoloso". Per l'adesione a progetti specifici, si segnala quanto segue: - nel terzo anno: "Stereotipi di genere...che genere di stereotipi"; "Adottiamo un monumento". - nel quarto anno: "Progetto Martina" (educazione alla salute); "Progetto e-learning"; stage formativi estivi; "Progetto TCE" (stage di 15 giorni presso la scuola gallese durante il mese di marzo relativamente alle discipline tecniche e di indirizzo); seminario organizzato dal Collegio dei Geometri sul tema della sicurezza nei cantieri. - nel quinto anno: corso di fotografia e partecipazione al concorso "My dream school". LIVELLO MEDIO DI PRESTAZIONE RAGGIUNTO NELLA CLASSE Il livello medio di prestazione della classe, seppure ancora in alcuni casi modesto, risulta comunque un po migliorato rispetto ai livelli di partenza.

18 COLLEGIALITA' Nel corso dell'anno scolastico gli insegnanti si sono regolarmente incontrati per elaborare un'omogenea strategia educativa, nonché per poter rilevare tempestivamente eventuali scostamenti dagli standard previsti e, dopo analisi delle ragioni degli stessi, adottare le strategie più opportune per la loro eliminazione. Allegati: -griglia di valutazione data 11 maggio 2015 Il Coordinatore (prof. Vincenzo Cantara) Il Dirigente Scolastico (prof.ssa Giovanna Ciarrocchi)

19 Allegato 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO CRITERI DI VALUTAZIONE 1 a PROVA - TEMA TRADIZIONALE Per ogni indicatore la valutazione sufficiente è rappresentata dal punteggio 2 INDICATORI SUB-INDICATORI PUNTI Correttezza linguistica Pertinenza Informazione Coerenza logica e argomentativa Capacità di rielaborazione personale Buona correttezza, lessico ricco e articolato 3 Correttezza lessico adeguato 2,5 Errori sporadici, lessico limitato 2 Errori diffusi e non gravi 1,5 Gravi errori morfosintattici 1 Traccia trattata in modo esauriente 3 Traccia trattata in modo completo 2,5 Traccia trattata nelle linee generali 2 Traccia trattata parzialmente 1,5 Del tutto fuori tema 1 Correttezza ed esaustività 3 Correttezza e sufficiente completezza 2,5 Correttezza e parziale completezza 2 Scarsa correttezza e parziale completezza 1,5 Scorrettezza e incompletezza 1 Articolazione ricca ed organica 3 Articolazione adeguata 2,5 Articolazione semplice 2 Approssimazione 1,5 Contraddittorietà e frammentarietà 1 Rielaborazione personale critica e creativa 3 Rielaborazione con qualche considerazione personale 2,5 Rielaborazione senza apporti personali 2 Ripetizione di quanto studiato 1,5 Nessuna rielaborazione personale 1 VOTO PUNTEGGIO CANDIDATO

20 CRITERI DI VALUTAZIONE 1 a PROVA - ANALISI DEL TESTO Per ogni indicatore la valutazione sufficiente è rappresentata dal punteggio 2 INDICATORI SUB-INDICATORI PUNTI Comprensione del testo Analisi formale del testo Articolazione, coesione e coerenza Capacità di approfondimento. Originalità nelle opinioni Correttezza e proprietà di linguaggio. Efficacia espositiva Esauriente, approfondita 3 Completa 2,5 Elementare, schematica 2 Frammentaria e incompleta 1,5 Del tutto errata 1 Approfondita e puntuale 3 Appropriata 2,5 Essenziale 2 Approssimativa 1,5 Del tutto inadeguata 1 Organica e ricca 3 Coerente e discretamente articolata 2,5 Semplice e lineare 2 Slegata e poco coerente 1,5 Priva di qualsiasi coerenza 1 Organica, ricca ed originale 3 Adeguata e con qualche spunto personale 2,5 Essenziale, non originale 2 Limitata a pochi elementi 1,5 Del tutto assente 1 Articolato, ricco e fluido 3 Corretto, appropriato 2,5 Corretto ma elementare 2 Poco appropriato, con improprietà 1,5 Del tutto scorretto, con sconnessioni gravi 1 VOTO PUNTEGGIO CANDIDATO

21 CRITERI DI VALUTAZIONE 1 a PROVA - SAGGIO BREVE / ARTICOLO DI GIORNALE Per ogni indicatore la valutazione sufficiente è rappresentata dal punteggio 2 PUNTEGGIO INDICATORI SUB-INDICATORI PUNTI CANDIDATO

22 Correttezza linguistica Rispetto dei vincoli comunicativi. Utilizzo della documentazione Capacità di argomentazione Strutturazione delle informazioni e del discorso Rielaborazione personale critica dei dati Buona correttezza, lessico ricco e articolato 3 Correttezza lessico adeguato 2,5 Errori sporadici, lessico elementare 2 Errori diffusi, imprecisioni lessicali 1,5 Gravi errori morfosintattici 1 Completo, ampio e articolato 3 Esauriente e pressoché completo 2,5 Corretto e sostanzialmente adeguato 2 Scarso e parzialmente incompleto 1,5 Molto scarso e incompleto 1 Ricca, organica e approfondita 3 Abbastanza articolata 2,5 Semplice, schematica e lineare 2 Approssimativa e superficiale 1,5 Frammentaria e/o contraddittoria 1 Organica e coerente 3 Sufficientemente coerente 2,5 Schematica ma accettabile 2 Qualche incongruenza, limitata 1,5 Disordinata, incoerente, incompleta 1 Rielaborazione ricca, creativa, originale 3 Rielaborazione con qualche spunto personale 2,5 Rielaborazione limitata, schematica 2 Rielaborazione solo superficiale 1,5 Nessuna rielaborazione critica personale 1 VOTO

23 PARTE SECONDA PARTE PRIMA Esame di Stato 2015 classe 5A CAT GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA CANDIDATO: Classe PARAMETRI E INDICATORI Abilità graficoprogettuali Impostazione metodologica progettuale Completezza Relazione descrittiva PARAMETRI E INDICATORI Quesito 1 Quesito 1 CRITERI DI VALUTAZIONE 2 a PROVA LIVELLI MISURAZIONE DI PRESTAZIONE VALUTAZIONE Rivela padronanza della simbologia grafica che usa in modo dettagliato, approfondito e pertinente: - diversificazione del segno; - impostazione del foglio; - quotature; - uso della simbologia. Dimostra comprensione del testo ed una valida risoluzione funzionale in merito alle scelte progettuali: - distribuzione interna; - eventuali collegamenti verticali; - rispetto normativa vigente; - scelte strutturali. Rispetto delle Richieste: svolge ogni elaborato richiesto (Planimetria Generale, Piante, Prospetti, Sezioni) in maniera completa, con una articolazione ordinata dei contenuti. - chiarezza espositiva; - distanze/indici urbanistici; - motivazioni scelte progettuali. LIVELLI DI PRESTAZIONE Conoscenza degli argomenti richiesti e padronanza del linguaggio tecnico Conoscenza degli argomenti richiesti e padronanza del linguaggio tecnico Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Scarso Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Scarso Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Ottimo Sufficiente Scarso PUNTI PUNTEGGIO CANDIDATO 3 2,5 2 1,5 1 0, ,5 2,5 2 1,5 1 0,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 1 0,5 0 Punteggio PARTE PRIMA./11 MISURAZIONE VALUTAZIONE Ottimo Sufficiente Insufficiente Scarso Ottimo Sufficiente Insufficiente Scarso PUNTI PUNTEGGIO CANDIDATO 2 1,5 1 0,5 2 1,5 1 0,5 Punteggio PARTE SECONDA./4 Punteggio./15 ECCELLENTE OTTIMO BUONO DISCRETO SUFFICIENTE MEDIOCRE CORRISPONDENZA GIUDIZIO-VOTO 2 a PROVA Elaborato completo sia nell impostazione metodologica-progettuale sia nella grafica. 15 Elaborato completo sia nell impostazione metodologica-progettuale sia nella grafica con alcune inesattezze formali. 14 Elaborato formalmente corretto. 13 Elaborato formalmente corretto con piccole inesattezze. 12 Elaborato formalmente corretto nel complesso con alcune inesattezze. 11 Elaborato formalmente corretto nel complesso con carenze non particolarmente significative. 10 Elaborato formalmente corretto nel complesso con carenze non particolarmente significative e un uso non appropriato della simbologia grafica 9 Elaborato con diffuse inesattezze non gravi e un uso non appropriato della simbologia grafica 8 Elaborato con diffuse inesattezze non gravi e/o incompletezza del materiale prodotto. 7 INSUFFICIENTE Elaborato con diffuse inesattezze e/o incompletezza del materiale prodotto. 6-5 GRAVEM. INSUFF. Elaborato con gravi e diffuse inesattezze e/o incompletezza del materiale prodotto. 4-3 SCARSO Elaborato non svolto o appena accennato 2-0

24 PARTE SECONDA PARTE PRIMA Esame di Stato 2015 classe 5A CAT GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA CANDIDATO: Classe PARAMETRI E INDICATORI Abilità graficoprogettuali Impostazione metodologica progettuale Completezza Relazione descrittiva PARAMETRI E INDICATORI Quesito 1 Quesito 1 CRITERI DI VALUTAZIONE 2 a PROVA LIVELLI MISURAZIONE DI PRESTAZIONE VALUTAZIONE Rivela padronanza della simbologia grafica che usa in modo dettagliato, approfondito e pertinente: - diversificazione del segno; - impostazione del foglio; - quotature; - uso della simbologia. Dimostra comprensione del testo ed una valida risoluzione funzionale in merito alle scelte progettuali: - distribuzione interna; - eventuali collegamenti verticali; - rispetto normativa vigente; - scelte strutturali. Rispetto delle Richieste: svolge ogni elaborato richiesto (Planimetria Generale, Piante, Prospetti, Sezioni) in maniera completa, con una articolazione ordinata dei contenuti. - chiarezza espositiva; - distanze/indici urbanistici; - motivazioni scelte progettuali. LIVELLI DI PRESTAZIONE Conoscenza degli argomenti richiesti e padronanza del linguaggio tecnico Conoscenza degli argomenti richiesti e padronanza del linguaggio tecnico Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Scarso Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Scarso Eccellente/Ottimo Buono/Discreto Sufficiente Mediocre Insufficiente Gravem. Insuff. Ottimo Sufficiente Scarso PUNTI PUNTEGGIO CANDIDATO 3 2,5 2 1,5 1 0, ,5 2,5 2 1,5 1 0,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 1 0,5 0 Punteggio PARTE PRIMA./11 MISURAZIONE VALUTAZIONE Ottimo Sufficiente Insufficiente Scarso Ottimo Sufficiente Insufficiente Scarso PUNTI PUNTEGGIO CANDIDATO 2 1,5 1 0,5 2 1,5 1 0,5 Punteggio PARTE SECONDA./4 Punteggio./15 ECCELLENTE OTTIMO BUONO DISCRETO SUFFICIENTE MEDIOCRE CORRISPONDENZA GIUDIZIO-VOTO 2 a PROVA Elaborato completo sia nell impostazione metodologica-progettuale sia nella grafica. 15 Elaborato completo sia nell impostazione metodologica-progettuale sia nella grafica con alcune inesattezze formali. 14 Elaborato formalmente corretto. 13 Elaborato formalmente corretto con piccole inesattezze. 12 Elaborato formalmente corretto nel complesso con alcune inesattezze. 11 Elaborato formalmente corretto nel complesso con carenze non particolarmente significative. 10 Elaborato formalmente corretto nel complesso con carenze non particolarmente significative e un uso non appropriato della simbologia grafica 9 Elaborato con diffuse inesattezze non gravi e un uso non appropriato della simbologia grafica 8 Elaborato con diffuse inesattezze non gravi e/o incompletezza del materiale prodotto. 7 INSUFFICIENTE Elaborato con diffuse inesattezze e/o incompletezza del materiale prodotto. 6-5 GRAVEM. INSUFF. Elaborato con gravi e diffuse inesattezze e/o incompletezza del materiale prodotto. 4-3 SCARSO Elaborato non svolto o appena accennato 2-0

25

26 Ministero dell'istruzione dell"[lniversità e de]la Ricerca '"1':;";,ffi ffi ;:"',J:H,.Tîff,:ffiff;'" ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ESEMPIO PROVA II candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE In una vasta area pianeggiante si desidera rcalizzare un'opera edilizia con la finalità di creare un luogo di aggregazione per gli abitanti in cui la vita culturale e sociale si possano organicamente integrare. Partendo da questa considerazione, il candidato proponga una idea-progetto che orienti le scelte di utilizzazione del lotto verso lavalorwzazione delle relazioni sociali e la qualità della vita ed in questo contesto sviluppi uno dei seguenti temi:. Ingressolatriolinformazioni e servizi igienici per il pubblico. locale/i per Direzione/Segreteria con servizi igienici per il personale. Sala TV. Spazio a disposizione per giochi sedentari. Spazio polifunzionale di incontro per attività varie. Sala lettura. Barlcaffetteria con possibilità di estensione all'aperto nelle stagioni opportune. Nello spazio aperto dovranno collocarsi almeno 2 campi da bocce (18x4). Ingresso latrio e servizi igienici per il pubblico. Zonaamministrazione con servizi igienici per il personale. Sala lettura con scaffali a giorno:. Sala audiovisivi ' Salariunioni/conferenze. Piccola caffetteria con affaccio esterno. All'esterno si dovrà prevedere uno spazio progettato per spettacoli all'aperto. I candidato fissi a suo giudizio il contesto ambientale, l'estensione del lotto (con relativa conformazione, orientamento ed eventuale dislivello), l'indice di fabbricabilità fondiaria ed ogni altro dato da lui ritenuto neeessario oppure utile per la rcdazione del progetto (tipo di struttura, tipo di copertura etc). Si richiede al candidato di illustrare la propria soluzione progettuale con piante, almeno un prospetto ed una sezione significativa ricorrendo alle scale di rappresentazione che riterrà più opportune. Gli

27 elaborati dovranno comunque essere tali da consentire di leggere con chiarezza impianto distributivo e schema strutturale. SECONDA PARTE Il candidato dovrà sviluppare almeno due dei seguenti quesiti: l) Ipotizzando di costruire l'opera progettata attraverso l'esecuzione di un appalto, il candidato predisponga il documento con il quale si quantificano i materiali dautilizzare per la sua realizzazione. 2) Il candidato forniscaindicazioni sulle scelte strutturaliadottate con annotazioni anche schematiche sulle procedure di calcoloper il dimensionamento/verifica un elemento strutturale presente nella ideaprogetto. 3) Il candidato delinei l'epoca e lo stile architettonico dell'opera indicata schematicamente in figura, indicandone gli elementi principali e la corrispondenza sulla figura stessa. 4) Il candidato definisca i principali parametri urbanistici applicati alla progettazione. Durata massima della prova ore 8,00. L'elaborato scritto-grafico pofia essere redatto a mano libera, con I'ausilio di righe e squadre, oppure con I'ausilio del CAD (o programmi di grafica computerizzata equivalenti), ma comunque eseguito in scala. E consentito I'uso del manuale del geometra, di manuali tecnici e di calcolatrice non programmabile.

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli