COLLEGIO DOCENTI VERBALE N 1, A. S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGIO DOCENTI VERBALE N 1, A. S. 2014-2015"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Q. CATAUDELLA Viale dei Fiori n Scicli (RG) - C.F COD. MIN. RGIS00800B Liceo Scientifico e Liceo Classico RGPS0080T - Istituto Tecnico Economico RGTD0080N Istituto Tecnico Agrario RGTA00807 Istituto Professionale di Stato per l Agricoltura RGRH0080G Tel. 0932/ Fax 0932/ Pec: - Sito web: COLLEGIO DOCENTI VERBALE N, A. S Il giorno 0 settembre dell anno 204, nell auditorium dell I.I.S. Q. Cataudella, sede centrale di Viale dei Fiori 3, alle ore 09:30, su convocazione del Dirigente Scolastico, si riunisce il Collegio docenti per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:. Approvazione del verbale della seduta precedente. 2. Calendario esami di idoneità/integrativi. 3. Proposte per la formazione delle classi. 4. Proposte per l assegnazione dei docenti alle classi. 5. Scelta scansione valutativa anno scolastico (trimestre, quadrimestre, valutazioni intermedie). 6. Proposte per la formulazione dell orario delle lezioni e adattamento calendario scolastico a.s. 204/5 (art. 28 CCNL 2006/2009). 7. Ammissione alunni frequentanti per la terza volta la stessa classe. 8. Attività alternative per gli alunni che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica. 9. Norme transitorie insegnamento CLIL per l a.s Costituzione dei dipartimenti disciplinari.. Articolazione del Collegio in Commissioni di lavoro. 2. Designazione dei docenti componenti delle Commissioni di lavoro. 3. Designazione dei docenti dell Ufficio Tecnico. 4. Istituzione del Centro Sportivo Scolastico. 5. Procedure per la nomina dei docenti con Funzione Strumentali (art. 33, CCNL 2006/2009). 6. Individuazione dei docenti componenti dell Organo di Garanzia degli alunni. 7. Individuazione dei docenti componenti del Circolo di qualità. 8. Elezione dei docenti componenti del Comitato di valutazione dei docenti. 9. Piano annuale delle attività, e attività di programmazione (c. 4 art. 28, CCNL 2006/2009). Sono presenti i proff.: Adamo, Alfano M., Alfieri A,Alfieri.B., Alfieri L., Amato, Aparo, Arrabito C., Arrabito G., Arrabito L., Asta, Barbaro, Barone G., Barresi, Battaglia Giorgio, Battaglia Giovanni, Caccamo, Cannella, Cannizzaro, Canzonieri, Carbone, Carrnemolla, Carrabba, Caruso V., Caschetto, Cataudella, Cavarra, Celestre, Ciacera, Cilia, Colombo A., Corallo, Corrado, Cottone, D Ignoti, Di Cara, Di Giorgio, Di Marco, Di Martino A., Di Pietro, Fede, Ferma, Ferro Antonio, Garaffa, Gazzè, Giacchino Giglio, Giudice, Grillo, La Terra, Libassi, Lombardo, Manenti A., Manenti C., Mauceri, Mauro, Messina Gaetana, Messina Giorgio, Miccichè, Miceli, Militello G., Minauda, Modica, Morello, Napoli, Nardi, Occhipinti, Padua, Paolino, Piccione, Pitrolo E., Pitrolo G., Portelli, Ragusa A., Ragusa S., Randazzo, Re, Russo M. R, Savarino L., Sbezzi, Sciorini, Scribano, Sessa, Spanò, Sparacino A, Tidona, Trimarchi, Trovato L.,Trovato S., Tumino, Veca, Ventura E.. Risultano assenti giustificati i professori:albanese, Burgaretta, Conti, Donzella, Ficili, Gallaro, Guerrieri. Presiede la seduta il Dirigente Scolastico, Prof. Vincenzo Giannone; verbalizza la Prof.ssa Concetta Padua. Constatata la validità della seduta, il Dirigente Scolastico la dichiara aperta. Il Dirigente Scolastico saluta tutti i docenti e da il benvenuto a quelli che entrano a far parte del Collegio per la prima volta. Informa il Collegio che per il corrente anno scolastico saranno collaboratori del Dirigente i

2 prof. Barone e Padua e come fiduciari e\o sostituti delle varie sedi i proff.: Carnemolla, Paolino, Arrabito G, Ferro, Messina, Cannizzaro.. Il Dirigente Scolastico ringrazia la Prof.ssa Occhipinti, la quale ha ritenuto, per motivi personali, di dover rinunciare per il corrente anno scolastico all incarico di sostituta presso il plesso Istituto tecnico economico. Si procede alla trattazione del primo punto all o.d.g.: ) Approvazione verbale seduta precedente Il Dirigente Scolastico ricorda che verbale della seduta precedente, il n 9 della seduta del Collegio del 4 Giugno 204, è stato pubblicato all albo pretorio on line nei termini previsti dalla normativa vigente. -, approva il verbale n 9 della seduta del Collegio del 4 Giugno 204. Si procede alla trattazione del secondo punto all o.d.g.: 2) Calendario esami di idoneità/integrativi Il Dirigente Scolastico fa presente che lo stesso ha pubblicato il calendario degli esami di idoneità e integrativi sulla base delle delibere del Collegio docenti n. 47 dell /02/203 e n. 72 del 4/06/204. Il Dirigente Scolastico comunica altresì che ha ritirato la propria istanza il candidato Gambuzza Pietro, che aveva richiesto idoneità alla classe quarta I.T.A., e che hanno presentato istanza i seguenti altri candidati: Candidato/a Classe richiesta Titolo posseduto Esami integrativi Esami idoneità Classe Commissione LaTerra Monica 4^ 3^ Liceo ^, 2^, 3^ ^ TB Turismo linguistico Turismo Colombo Angelo 2^ ITA ^ ITIS ^ ITA ^ A ITA DELIBERA N che, sulla base della documentazione in possesso dell Istituto, gli altri candidati che hanno presentato istanza, devono sostenere esami integrativi e/o di idoneità come da tabella seguente. Candidato/a Classe richiesta Titolo posseduto Esami integrativi Esami idoneità Classe Commissione LaTerra Monica 4^ 3^ Liceo ^, 2^, 3^ ^ TB Turismo linguistico Turismo Colombo Angelo 2^ ITA ^ ITIS ^ ITA ^ A ITA Gli esami integrativi e di idoneità si svolgeranno, per tutti i candidati, dal 02 all 08 settembre 204. Si procede alla trattazione del terzo punto all o.d.g.: 3) Proposte per la formazioni delle classi Il Dirigente scolastico invita il Collegio a deliberare circa i criteri per la formazione delle classi da proporre al Consiglio d Istituto. Illustra, quindi, la sua proposta che è uguale a quella varata nel corso dell anno scolastico precedente. - Esaminata la sua proposta; DELIBERA N 2 Di proporre i seguenti criteri per la formazione delle classi nell a.s. 204/205: scelta dell indirizzo all atto dell iscrizione; 2

3 necessità di costituire gruppi omogenei tra loro, tenendo conto dei giudizi finali di licenza media e dei dati forniti dai docenti delle classi terze, con un equa ripartizione del numero dei maschi e delle femmine (ove possibile); assegnazione dei ripetenti nella sezione di appartenenza nell anno precedente, salvo esplicita richiesta contraria, o di esigenze nella formazione equilibrata delle classi; richiesta di iscrizioni in sezioni già frequentati dai fratelli; richiesta di essere assegnati alla stessa classe, da parte di più studenti, purché non si pregiudichi la costituzione di classi omogenee; residenza degli alunni; scuole di provenienza; equa ripartizione di alunni portatori di handicap; inserimento proficuo di studenti stranieri. Si procede alla trattazione del quarto punto all o.d.g.: 4) Proposte per l assegnazione dei docenti alle classi. Il Dirigente Scolastico dice che è sua competenza assegnare i docenti alle sezioni e alle classi, a maggior ragione oggi, visti i vincoli normativi vigenti. Il Dirigente nell assolvere a tale compito deve tenere conto delle proposte del Collegio dei docenti e dei criteri definiti dal Consiglio d istituto. L assegnazione dei docenti alle sezioni e alle classi, effettuata dal Dirigente Scolastico, è finalizzata alla piena realizzazione delle attività previste dal Piano dell offerta formativa e ispirata alla piena valorizzazione delle risorse e delle competenze professionali dei docenti. Il Dirigente illustra, poi, la sua proposta di criteri per l assegnazione dei docenti alle classi. Il Dirigente invita i docenti che esercitano la libera professione a presentare al più presto richiesta scritta di autorizzazione e, se possibile, il piano degli impegni previsti. Per quanto riguarda le assenze dei docenti, le richieste devono essere presentate con un congruo anticipo. In ogni caso, la comunicazione per un assenza non prevista deve essere tassativamente fatta, prima dell inizio delle lezioni. Il Dirigente ricorda che le comunicazioni tra presidenza e docenti avvengono anche attraverso le circolari; invita quindi i docenti a prendere visione di tali comunicazioni e firmare per presa visione. - Esaminata la sua proposta; DELIBERA N 3 Di proporre i seguenti criteri per l assegnazione dei docenti alle classi nell a.s. 204/205: continuità didattica, salvo casi particolari e motivati che impediscano l applicazione di tale principio, e nel rispetto di obblighi della normativa vigente che impone in alcuni casi la rideterminazione oraria delle cattedre; anzianità di servizio; competenze specifiche maturate nel percorso di formazione e nelle esperienze di lavoro precedenti; assegnazione, compatibilmente con esigenze di natura organizzativo-didattica, a classi diverse dei docenti legati ad uno o più alunni da vincoli di stretta parentela. Si procede alla trattazione del quinto punto all o.d.g.: 5) Scelta scansione valutativa anno scolastico (trimestre,quadrimestre,valutazioni intermedie). Il Dirigente scolastico ritiene che il quadrimestre sia la scansione valutativa dell anno scolastico la più adeguata al ritmo di apprendimento degli studenti ed al lavoro più proficuo per i docenti in quanto più efficace in fase di programmazione e valutazione. 3

4 DELIBERA N 4 Di approvare: la divisione dell anno scolastico in quadrimestri; valutazione intermedia non formale, in ogni quadrimestre, affidata ai ; comunicazione della valutazione intermedia ai genitori negli appositi colloqui; attivazione di corsi di recupero nel secondo quadrimestre compatibilmente con le risorse messe a disposizione dell istituzione scolastica dall amministrazione competente. Si procede alla trattazione del sesto punto all o.d.g.: 6) Proposte per la formulazione dell orario delle lezioni e adattamento calendario scolastico a.s (art.28 CCNL 2006/2009). Il Dirigente Scolastico ricorda che il giorno libero non è né un privilegio né un diritto. Infatti il comma 3 dell art.3 del Decreto legislativo 297/94 afferma che l orario settimanale d insegnamento di ciascun docente deve essere distribuito in non meno di cinque giorni la settimana. Fatta tale premessa, il Dirigente illustra la sua proposta circa i criteri per la formulazione dell orario delle lezioni e della scansione delle ore. - Esaminata la sua proposta; DELIBERA N 5 L approvazione dei seguenti criteri per la formulazione dell orario delle lezioni nell a.s. 204/205: o Equa distribuzione delle materie sull intera settimana; o Effettuazione delle prove scritte, pratiche e grafiche in tempi sufficienti; o Equa distribuzione del carico giornaliero di impegni agli allievi, attraverso una distribuzione armonica ed organica delle discipline; o Alternanza nell ambito delle stessa materia di ore iniziali e finali della giornata scolastica; o Massimo utilizzo dei laboratori e della palestra; o Possibilità di realizzazione dei progetti deliberati; o Utilizzazione dei docenti tenuti al completamento orario secondo il POF e le attività deliberate dal Collegio dei docenti; o Considerazione per particolari esigenze didattiche espresse dai docenti. La scansione delle ore per tutte le sedi dell istituito sarà la seguente: I) ; II) ; III) ; Ricreazione:.0-.20; IV) ; V) ; VI) Si procede alla trattazione del settimo punto all o.d.g.: 7) Ammissione alunni frequentanti per la terza volta la stessa classe Il Dirigente Scolastico elenca gli alunni ammissibili alla frequenza per la terza volta la stessa classe: Indirizzo Liceo Scientifico: Miceli Damiano, classe quarta; Indirizzo I.P.S.A.: Girelli Giovanni, classe quarta; Indirizzo I.T.E. Marketing: Trovato Davide, classe prima, Ricotti Alessandro, classe terza, Trovato Franco, classe terza; Indirizzo I.T.E. Turismo: Carbone Marta, classe prima; Indirizzo I.T.A.: Hagi Hamed, classe prima; Santagati Alessandro, classe quinta, alunno diversamente abile in situazione di gravità ai sensi dell art. 3 comma 3 della Legge 04/92. Gli alunni dell indirizzo I.T.E. Turismo, Levante Dylan, della classe TA, e Giansiracusa Yeny Constanza, della classe TB entrambi già frequentanti per la seconda volta la stessa classe nell a.s e sospesi nello scrutinio del II quadrimestre non si sono presentati per sostenere le verifiche di recupero. L alunno Santagati Alessandro, della classe quinta dell indirizzo Istituto tecnico agrario, alunno diversamente abile, frequentante nell a.s per la seconda volta la stessa classe, non si è presentato per la seconda volta a sostenere gli Esami di Stato. Il Dirigente illustra la relazione finale del Consiglio della classe quinta A nell a.s , dalla quale emerge il raggiungimento degli obiettivi previsti dal P.E.I. differenziato dell alunno e la nota del Dirigente dell Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia prot. n del 9//202 che, tra altre considerazioni e riferimenti normativi, così detta: <<E opportuno che in 4

5 presenza di un P.E.I. differenziato per studenti disabili in situazione di gravità ai sensi del art.3 comma 3 della Legge 04/92, la ripetenza non ha alcuna valenza pedagogica in quanto il percorso formativo istruzionale dello studente è personalizzato e la valutazione si realizza in riferimento ai contenuti e agli obiettivi definiti all interno del P.E.I. stesso che, come è noto, modula gli interventi educativo-didattici sulla base delle reali competenze e capacità dello studente disabile. Pertanto, conformemente a quanto previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 266 del 200, si ribadisce alle SS. LL. che lunghe e inopportune permanenze all interno del sistema scolastico rischiano di compromettere la realizzazione del Progetto di vita e della più ampia integrazione socio-lavorativa della persona disabile>>. - Sentite le motivazioni dei docenti dei vari consigli di classe; - Viste, per la richiesta dell alunno Santagati Alessandro, la relazione finale del Consiglio della classe quinta A nell a.s e la nota del Dirigente dell Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia prot. n del 9//202; DELIBERA N 6. L ammissione alla frequenza per la terza volta della stessa classe dei seguenti alunni: Indirizzo Liceo Scientifico: Miceli Damiano, classe quarta; Indirizzo I.P.S.A.: Girelli Giovanni, classe quarta; Indirizzo I.T.E. Marketing: Trovato Davide, classe prima, Trovato Franco, classe terza; Indirizzo I.T.A.: Hagi Hamed, classe prima. 2. La non ammissione alla frequenza per la terza volta della stessa classe dei seguenti alunni: Indirizzo I.T.E. Turismo, Levante Dylan, classe prima, e Giansiracusa Yeny Constanza, classe prima entrambi già frequentanti per la seconda volta la stessa classe nell a.s e sospesi nello scrutinio del II quadrimestre che non si sono presentati per sostenere le verifiche di recupero; Carbone Marta, classe prima; Ricotti Alessandro, classe terza; Indirizzo Istituto tecnico agrario: alunno Santagati Alessandro, della classe quinta, alunno diversamente abile, in quanto dalla relazione finale del Consiglio della classe quinta A nell a.s emerge il raggiungimento degli obiettivi previsti dal P.E.I. differenziato dell alunno e, così come ribadito dalla nota del Dirigente dell Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia prot. n del 9//202, in presenza di un P.E.I. differenziato per studenti disabili in situazione di gravità ai sensi dell art. 3 comma 3 della Legge 04/92, la ripetenza non ha alcuna valenza pedagogica in quanto il percorso formativo istruzionale dello studente è personalizzato e la valutazione si realizza in riferimento ai contenuti e agli obiettivi definiti all interno del P.E.I. stesso che, come è noto, modula gli interventi educativodidattici sulla base delle reali competenze e capacità dello studente disabile. Pertanto, un ulteriore permanenza all interno del sistema scolastico rischia di comprometterne la realizzazione del Progetto di vita e della più ampia integrazione socio-lavorativa. Si procede alla trattazione dell ottavo punto all o.d.g.: 8) Attività alternative per gli alunni che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica. Il Dirigente Scolastico riferisce che dagli uffici di Segreteria è stato comunicato che gli alunni che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica hanno optato per le scelte C e D previste dalla normativa vigente. -, DELIBERA N 7 di proporre lo studio individuale (opzione C) da effettuarsi nei locali disponibili (biblioteca, sala informatica) e quant altro previsto dalla normativa vigente e realizzabile nelle condizioni date (opzione D). In particolare nelle sezioni Liceo Scientifico e Liceo classico e IPSA gli alunni che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica svolgeranno lo studio individuale nella sala informatica, nelle altre sezioni avranno a disposizione la biblioteca. Si procede alla trattazione del nono punto all o.d.g.: 5

6 9) Norme transitorie insegnamento CLIL per l a.s Il Dirigente Scolastico illustra i contenuti della Nota del MIUR D.G. Ordinamenti e Autonomia Scolastica n del 25 luglio 204 avente ad oggetto Avvio in ordinamento dell insegnamento di discipline non linguistiche (DNL) in lingua straniera secondo la metodologia CLIL nel terzo, quarto, quinto anno dei Licei Linguistici e nel quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici Norme transitorie a.s. 204/205. Obiettivo verso cui tendere è quello di insegnare con modalità CLIL orientativamente il 50% del monte ore della DNL veicolata in lingua straniera. Nei casi di totale assenza di docenti DNL in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche all interno dell organico dell Istituzione scolastica Nei casi di totale assenza di docenti di DNL in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche all'interno dell'organico dell'istituzione scolastica, si raccomanda lo sviluppo di progetti interdisciplinari in lingua straniera nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa, che si avvalgano di strategie di collaborazione e cooperazione all'interno del Consiglio di classe, organizzati con la sinergia tra docenti di disciplina non linguistica, il docente di lingua straniera e, ove presenti, il conversatore di lingua straniera e eventuali assistenti linguistici. A livello ordinamentale, per il docente di lingua straniera e, ove presente, il conversatore di lingua straniera, non è previsto un diretto coinvolgimento attraverso forme di compresenza o codocenza, anche se è auspicabile una interazione al livello progettuale. Resta inteso che gli aspetti formali correlati alla valutazione rimangono di competenza del docente di disciplina non linguistica. In generale l'accertamento del profitto nelle discipline non linguistiche veicolate in lingua straniera dovrà, in sede di esame di Stato, mettere gli studenti in condizione di valorizzare il lavoro svolto durante l'anno scolastico. Tuttavia, qualora la DNL veicolata in lingua straniera costituisca materia oggetto di seconda prova scritta, stante il carattere nazionale di tale prova, essa non potrà essere svolta in lingua straniera. Invece, la DNL veicolata in lingua straniera costituirà oggetto d'esame nella terza prova scritta e nella prova orale come di seguito precisato: TERZA PROVA SCRITTA: La scelta della tipologia e dei contenuti da parte della Commissione terrà conto della modalità con le quali l'insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera tramite metodologia CLIL è stato attivato, secondo le risultanze del documento del Consiglio di classe di cui all'articolo 5, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 998 n PROVA ORALE: Per la disciplina non linguistica, il cui insegnamento sia stato effettuato con la metodologia CLIL, il colloquio potrà accertare anche in lingua straniera le competenze disciplinari acquisite, qualora il relativo docente venga a far parte della Commissione di esame in qualità di membro interno. Il Dirigente Scolastico ricorda altresì che il Collegio dei Docenti con delibera n. 44 del /02/204, ha individuato di individuare l'insegnamento in lingua inglese (CLIL) delle seguenti discipline non linguistiche e di indirizzo nelle classi quinte: Indirizzo Liceo Scientifico: Storia. Indirizzo Liceo Classico: Storia. Indirizzo Istituto Tecnico Economico, indirizzo amministrazione, finanza e marketing: Storia. Indirizzo Istituto Tecnico Economico, indirizzo turismo: Geografia. Indirizzo I.P.S.A.: Agronomia ed ecosistemi Indirizzo Istituto Tecnico Agrario, sede di Scicli: Matematica. Interviene la prof.ssa Libassi la quale, criticando la scelta di imporre l insegnamento in CLIL di una disciplina, sottolinea le modalità dell'accertamento del profitto nelle discipline non linguistiche veicolate in lingua straniera in sede di esame di Stato. Intervengo i proff. Occhipinti e Pitrolo i quali ritengono che forme modulari, programmazioni pluriennali, laboratori, momenti intensivi, organizzazioni flessibili sono elementi che possono orientare le scelte didattiche per favorire un utile approccio didattico agli insegnamenti in modalità CLIL. - Sentiti gli interventi dei docenti Libassi, Pitrolo e Occhipinti; -, DELIBERA N 8 che i Dipartimenti sono chiamati a individuare modalità operative e contenuti da sviluppare con la metodologia CUL, soprattutto nella fase di definizione dei nuclei disciplinari da veicolare in lingua straniera e relative modalità di realizzazione. I Consigli di Classe sono chiamati a lavorare in sinergia e nell' ottica del confronto e del supporto reciproco, in tutte le fasi di progettazione ed implementazione dell'insegnamento della DNL in lingua straniera. Il docente di lingua straniera e, ove presente, il conversatore di lingua 6

7 straniera, rivestono un ruolo fondamentale all'interno del Consiglio di Classe, soprattutto per le sinergie che potrebbero essere create con il docente DNL,. Essi potranno infatti fornire preziosi ed imprescindibili strumenti per l'analisi del profilo della classe in relazione alle competenze linguistico-comunicative e per una progettazione condivisa e pienamente rispondente ai bisogni formativi degli studenti, oltre a suggerire tecniche e modalità di insegnamento CLIL. Si procede alla trattazione del decimo punto all o.d.g.: 0) Costituzione dei Dipartimenti disciplinari Il Dirigente Scolastico ritenendo che con il presente punto all o.d.g. si avvia l attività di progettazione da parte del Collegio per l a.s. 204/205, procede alla lettura al Collegio della seguente Direttiva: << Direttiva del Dirigente Scolastico al Collegio dei docenti riguardo il Piano annuale delle attività didattiche Il Dirigente Scolastico Visto l art., del Decreto legislativo 6 marzo 998 n. 59 con il quale al comma 2 si affidano al dirigente scolastico compiti di gestione unitaria dell unità scolastica, conferendo al medesimo autonomi poteri di direzione, di coordinamento, di gestione e di valorizzazione delle risorse umane, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali; Visto il D.P.R. 275/999 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell art. 2 della legge 5 marzo 997, n. 59 ; Viste le competenze del Collegio dei docenti contenuto all art. 7 del T.U. n. 297/94; Esaminato il vigente Piano dell offerta formativa della scuola e le legittime aspettative create in merito alle famiglie in fase di iscrizione; Vista la Carta dei Servizi dell Istituto riguardo le attività educative e didattiche; Considerate le effettive disponibilità finanziarie sancite dal programma finanziario; Considerata l importanza che il Piano delle attività didattiche, non sia solamente la sommatoria delle proposte elaborate da singoli docenti o consigli di classe, ma risponda ad un disegno unitario, emana il seguente atto di indirizzo rivolto al Collegio dei docenti e riguardante il Piano Annuale delle Attività Didattiche dell Istituto che implementa nella fase attuativa le scelte generali effettuate dal Piano dell offerta formativa e la valutazione della loro efficacia formativa e didattica. Premesso che le competenze del collegio dei docenti, risultanti da una combinata lettura dell'art. 7 del T.U. 297/'74, di successivi provvedimenti normativi e delle disposizioni del CCNL si riferiscono a: - l'elaborazione del Piano dell'offerta formativa (art. 3 del D.P.R , n. 275); - l'adeguamento dei programmi d'insegnamento alle particolari esigenze del territorio e del coordinamento disciplinare (art. 7 comma 2 lett. a) T.U.); - l'adozione delle iniziative per il sostegno di alunni handicappati e di figli di lavoratori stranieri(art. 7 comma 2 lett. m e n T.U.); - lo studio delle soluzioni dei casi di scarso profitto o di irregolare comportamento degli alunni, su iniziativa dei docenti della rispettiva classe e sentiti, eventualmente, gli esperti (art. 7 comma 2 lett. o T.U.); - l'identificazione e attribuzione di funzioni strumentali al P.O.F. (art. 28 del CCNL e art. 37 del CCNI ), con la definizione dei criteri d'accesso, della durata, delle competenze richieste, dei parametri e delle cadenze temporali per la valutazione dei risultati attesi; - la delibera, nel quadro delle compatibilità con il P.O.F. e delle disponibilità finanziarie, sulle attività aggiuntive di insegnamento e sulle attività funzionali all'insegnamento; questa direttiva ha lo scopo di orientare all interno di un quadro generale e di sistema l attività decisionale del collegio dei docenti in ordine ai contenuti tecnici di sua competenza affinché: - quanto la scuola propone agli studenti sia coerente con il contesto sociale in cui essa opera; - siano individuati gli aspetti irrinunciabili del servizio formativo e siano esplicitati i relativi standard di processo; 7

8 - scelte curricolari, attività di recupero/sostegno e progetti di ampliamento dell offerta formativa siano coerenti tra loro e con le finalità e gli obiettivi enunciati dal POF così da assicurare unitarietà all offerta formativa e rafforzare la congruenza e l efficacia dell azione complessiva; - vengano stabiliti tempi e strumenti per favorire la ricerca e sperimentazione di innovazioni didattiche; - sia superata una visione individualistica dell insegnamento e favorite cooperazione, sinergia, trasparenza e rendicontabilità; - siano previste forme di documentazione, pubblicizzazione e valorizzazione delle buone pratiche messe in atto da singoli o gruppi di docenti e dei prodotti/risultati degli studenti. Nell esercizio delle sue potestà decisionali il collegio è invitato a tener conto del fatto che - l azione collettiva dei consigli di classe e dei dipartimenti disciplinari deve assicurare e verificare gli standard formativi e le prestazioni essenziali stabilite per tutti gli studenti, - vanno attentamente valutati i bisogni espressi da famiglie e studenti e la loro evoluzione, in particolare riguardo alle iniziative di recupero, sostegno e orientamento scolastico e professionale così come trasformati dal Consiglio d Istituto in indicazioni orientative per il collegio dei docenti; - i singoli insegnanti devono operare in una logica di continuità verticale nel passaggio da un anno di corso all altro e orizzontale all interno del team docente; - le attività aggiuntive di approfondimento, in orario curricolare ed extra curricolare, vanno programmate e tenute in adeguata considerazione: o la valenza formativa rispetto agli obiettivi prioritari stabiliti dal POF; o la compatibilità con le risorse a disposizione della scuola; o l opportunità di collocare tali attività preferibilmente all interno dell orario obbligatorio per ridurre i rientri pomeridiani a favore dello studio individuale; o le effettive richieste dell utenza così come emergono dalle analisi condotte a fine dello scorso anno scolastico sul grado di soddisfazione espresso e sulle osservazioni/ proposte/reclami riferite con relazione della funzione strumentale incaricata; - vanno definiti tempi, incarichi e strumenti per presidiare in questo anno scolastico la realizzazione, il monitoraggio e la valutazione dei risultati delle specifiche attività. Pertanto il collegio dei docenti è chiamato a deliberare il Piano d azione per l anno scolastico con riferimento specifico a:. realizzazione del piano dell offerta formativa riguardo a: - attività curricolari, - attività di arricchimento e personalizzazione dell offerta formativa, - iniziative culturali aperte/in collaborazione con il territorio, - interventi e servizi per gli studenti; 2. modalità di verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi di tipo disciplinare individuati come essenziali per ciascun anno di corso tenendo in adeguata considerazione - per gli alunni, l importanza, accanto e in funzione degli apprendimenti, di motivazione, partecipazione e disciplina, - per le famiglie, la centralità del loro coinvolgimento e partecipazione al progetto educativo in qualità di partner e portatori di specifici interessi, - per gli aspetti economici, l eventuale necessità di rinnovo/completamento delle risorse didattiche e conseguente pianificazione della spesa compatibilmente con le risorse esistenti. Il Collegio deve anche stabilire: - criteri di attribuzione, numero e destinatari delle funzioni strumentali e di coordinamento didattico, di ricerca e sperimentazione per la realizzazione e gestione del piano dell offerta formativa, nonché per la progettazione e produzione di materiali, previa verifica della esaustività/fattibilità dei compiti assegnati ad ognuna delle figure individuate nello scorso anno scolastico; - il piano di formazione e di aggiornamento dei docenti volto a arricchirne le competenze professionali e sostenere i processi di innovazione; - il piano delle attività collegiali e funzionali all insegnamento necessarie all espletamento delle attribuzioni istituzionali e al coordinamento dell attività didattica, di verifica e di valutazione. 8

9 Il Collegio docenti è invitato ad una attenta analisi delle problematiche e della casistica connessa all argomento oggetto della presente direttiva, in modo da assumere deliberazioni che favoriscano la correttezza, l efficacia, l efficienza, l imparzialità e trasparenza richiesta alle pubbliche amministrazioni, ma di particolare rilevanza quando, come in questo caso, gli atti amministrativi sono collocati all interno del rapporto educativo tra docenti e giovani discenti che deve essere in ogni caso la linea guida dell operato di una scuola. Il Collegio docenti sarà chiamato ad assumere le deliberazioni di sua competenza nelle sedute del 0 e 26 settembre 204>>. Il Dirigente Scolastico quindi formula una proposta di costituzione di Dipartimenti che tiene conto dell esperienza e dei risultati degli anni scolastici precedenti nonché degli obiettivi che si intende raggiungere a partire dall a.s. 204/205. DELIBERA N 9 Il Collegio dei docenti approva all unanimità la costituzione dei seguenti dipartimenti disciplinari nell a.s. 204/205: Indirizzo Liceo Scientifico e Liceo Classico Dipartimenti Dipartimento lingue e cultura classica e moderna per Liceo Italiano, Latino, Greco, Storia antica, Geografia, Disegno e Storia dell arte, Inglese Dipartimento storico filosofico Storia e Filosofia, Religione, Scienze motorie e sportive Dipartimento scientifico Matematica, Fisica, Scienze naturali (biologia, chimica, scienze della terra) Docenti coordinatori Pitrolo Giuseppe Piccione Salvatrice Ragusa Adelina Indirizzo Istituto tecnico economico Dipartimenti Dipartimento linguistico letterario Italiano, Storia, Arte e territorio, Religione, Scienze motorie e sportive Dipartimento lingue straniere Inglese, Francese, Spagnolo Dipartimento giuridico - economico Economia aziendale, Discipline turistiche e aziendali, Diritto ed Economia, Diritto e legislazione turistica, Geografia, Geografia del turismo Dipartimento scientifico Matematica, Informatica, Scienze integrate (scienze della terra, biologia, fisica) Docenti coordinatori Nardi Maria Tidona Silvia Barbaro Maria Battaglia Giovanni Indirizzo Istituto tecnico agrario Dipartimenti Dipartimento umanistico Italiano, Storia, Inglese, Religione, Scienze motorie e sportive Dipartimento matematico - tecnologico Matematica, Fisica, Tecnologie informatiche, Complementi di matematica, Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafiche, Genio rurale, Costruzioni Dipartimento scientifico Scienze, Chimica, Scienze e tecnologie applicate, Trasformazione dei prodotti, Economia estimo marketing e legislazione, Biologia e biotecnologie agrarie, Produzioni vegetali, Produzioni animali, Vivaismo Docenti coordinatori Sessa Giuseppe Veca Carmelo Arrabito Giuseppe 9

10 Indirizzo Istituto professionale di Stato per l agricoltura Dipartimenti Dipartimento umanistico Italiano, Storia, Inglese, Diritto, Religione, Scienze motorie e sportive Dipartimento logico - matematico Matematica, Fisica, Tecnologie dell informazione e della comunicazione Dipartimento tecnico - economico Agronomia territoriale, Biologia, Chimica, Ecologia e Pedologia, Economia agraria, Tecniche di allevamento vegetale e animale, Laboratori tecnologici, Trasformazione dei prodotti Docenti coordinatori Gazzè Claudio Battaglia Giorgio Corallo Concetta Insegnanti di sostegno Dipartimento per il sostegno Docente coordinatore Scribano Salvatore Si procede alla trattazione dell undicesimo punto all o.d.g.: ) Articolazione del Collegio in Commissioni di lavoro. Il Dirigente Scolastico formula una proposta di Commissioni di lavoro che tiene conto dell esperienza e dei risultati degli anni scolastici precedenti nonché degli obiettivi che si intende raggiungere a partire dall a.s. 204/205. DELIBERA N 0 L approvazione dell articolazione del Collegio nelle seguenti commissioni di lavoro nell a.s. 204/205: POF/Riforma/Invalsi Registro on line Elettorale Si procede alla trattazione del dodicesimo punto all o.d.g.: 2) Designazione dei docenti componenti delle Commissioni di lavoro. Il Dirigente Scolastico invita i docenti a dare la propria disponibilità a far parte delle Commissioni di lavoro - Viste le disponibilità emerse; DELIBERA N di designare come componenti delle Commissioni di lavoro, nell a.s. 204/205, i seguenti docenti: POF/Riforma/Invalsi: Carnemolla, Barone Gaetano, Occhipinti C., Micciché, Nardi, Veca, Battaglia Giorgio, Portelli Franco.. Registro on line: Colombo, Ferro, Ventura E., Messina. Elettorale: Manenti A., Giacchino, Spanò, Aparo, Veca. Si procede alla trattazione del tredicesimo punto all o.d.g.: 3) Istituzione del Centro Sportivo Scolastico Relativamente il presente punto, il Dirigente Scolastico ribadisce che per l organizzazione di attività sportive in seno alle istituzioni scolastiche e per lo svolgimento delle suddette attività è necessaria, come in ogni anno

11 scolastico, l istituzione del Centro Sportivo Studentesco. Il Dirigente propone che esso sia formato da due docenti di educazione fisica, di cui uno con la funzione di Coordinatore (indicati dal Collegio dei docenti), un rappresentante dei genitori e due rappresentanti degli alunni (indicati dal Consiglio d Istituto). DELIBERA N 2 l istituzione del Centro Sportivo Scolastico composto da due docenti di educazione fisica, di cui uno con la funzione di Coordinatore (indicati dal Collegio dei docenti), un rappresentante dei genitori e due rappresentanti degli alunni (indicati dal Consiglio d Istituto), e indica come docenti il prof. Carbone Vincenzo, con funzione anche di Coordinatore, e il prof. Cottone Fabio. Si procede alla trattazione del quattordicesimo punto all o.d.g.: 4) Designazione dei docenti dell Ufficio Tecnico. Il Dirigente Scolastico ricorda che l Ufficio Tecnico collabora in particolare con il Dirigente scolastico, il Direttore s.g.a., i Responsabili dei Dipartimenti disciplinari e tutti i docenti, per: - individuare le necessità riferite a manutenzioni, sostituzioni o nuovi acquisto di attrezzature e sussidi didattici; - fornire ai Responsabili dei Dipartimenti e a tutti i docenti, informazioni riguardanti le novità scientifiche e tecnologiche, nonché nuovi prodotti, rilevanti per gli indirizzi dell Istituto; - formulare piani e proposte per il miglioramento di tali dotazioni e delle reti e impianti dei laboratori didattici; - raccogliere e comparare proposte, preventivi e offerte per la fornitura di nuove attrezzature o di servizi di assistenza e manutenzione specialistica, svolgendo apposite istruttorie per gli atti di competenza del Dirigente scolastico e del Direttore s.g.a.; - effettuare il collaudo delle attrezzature acquistate o sottoposte a interventi manutentivi; - collaborare con il Responsabile per la sicurezza e curare il rispetto delle norme di sicurezza nell uso di impianti e attrezzature. - Visto il DPR 5/3/200 art. 4, comma 3, del regolamento di riordino degli istituti tecnologici che prevede che il settore tecnologico degli istituti tecnici sia dotato di un Ufficio tecnico; - Visto il successivo art. 8 comma 4 del regolamento che stabilisce che i posti relativi all Ufficio tecnico di cui all articolo 4, comma 3, sono coperti prioritariamente con personale titolare nell istituzione scolastica e, in mancanza, con personale appartenente a classe di concorso in esubero con modalità da definire in sede di contrattazione collettiva nazionale integrativa sulla mobilità e sulle utilizzazioni; - Vista la delibera del Collegio dei docenti n. 30 del 2/09/202 avente ad oggetto Designazione dei docenti dell Ufficio tecnico ; - Vista la delibera del Consiglio d istituto n. 23 del 3/09/202 avente ad oggetto Costituzione ufficio tecnico ; - Vista la delibera del Collegio dei docenti n. 0 del 02/09/203 avente ad oggetto Designazione dei docenti dell Ufficio tecnico ; - Vista la delibera del Consiglio d istituto n. 45 dell 0/09/203 avente ad oggetto Costituzione ufficio tecnico ; DELIBERA N 3 Di designare i seguenti docenti componenti dell ufficio tecnico: Proff. Ventura Ezio, Colombo Angelo, Ferro Antonio. Viene designato direttore dell ufficio tecnico il prof. Colombo Angelo. Si procede alla trattazione del quindicesimo punto all o.d.g.: 5) Procedure per la nomina dei docenti con la Funzione Strumentale (art. 33 CCNL 2006/2009).

12 Il Dirigente Scolastico fa presente che il Collegio deve individuare, tenuto conto delle risorse finanziarie all uopo destinate dal MIUR, le aree e le procedure che permettano la definizione delle Funzioni Strumentali al POF; aggiunge che la complessità e l importanza dei compiti attribuiti impongono uno stretto raccordo dei docenti responsabili delle funzioni strumentali con il Dirigente scolastico e tra di loro, nonché la disponibilità a rapportarsi con esperti esterni e con operatori di altre scuole e a frequentare specifiche iniziative di formazione - Dopo articolata discussione; DELIBERA N 4 Di istituire le seguenti aree delle Funzioni Strumentali al POF per l a.s. 204/205: Aree Area : Gestione del POF: aggiornamento del POF; coordinamento della progettazione curricolare di dipartimento, per materia e per docente; coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF; coordinamento simulazioni 3^ prova esami di Stato; coordinamento predisposizione documento del 5 maggio; coordinamento prove INVALSI. Area 2: Sostegno al lavoro dei docenti: sostegno ai docenti per l utilizzo delle nuove tecnologie; gestione informatica degli scrutini; supporto all uso e alla manutenzione dei laboratori e dei materiali per le nuove tecnologie; gestione del settore ECDL; cura e aggiornamento del sito web. Area 3: Interventi e servizi per gli studenti: coordinamento e gestione dell orientamento in entrata e in uscita; coordinamento e gestione delle attività di continuità con la scuola media; controllo della dispersione scolastica e dell obbligo scolastico; cura dello Star bene a scuola (educazione alla salute, educazione ambientale ed educazione stradale); lotta al bullismo. Area 3: Interventi e servizi per gli studenti: coordinamento delle attività per la sicurezza in collaborazione con il R.S.P.P.; iniziative per la formazione degli alunni e del personale sul tema della sicurezza; predisposizione e aggiornamento della documentazione e dei registri sulla sicurezza. Area 3: Interventi e servizi per gli studenti: coordinamento e organizzazione delle attività relative alle visite guidate ed ai viaggi di istruzione. Per lo svolgimento delle predette attività sarà corrisposto un compenso annuo lordo a carico del Fondo dell Istituzione Scolastica nella misura dell assegnazione risorse da parte del Miur per l a.s. 204/205, così come ripartito in sede di contrattazione integrativa d Istituto. Criteri per l attribuzione dell incarico:. incarichi ricoperti e relativi risultati; 2. esperienze e progetti realizzati (anche di innovazione didattica); 3. titoli e competenze coerenti con l incarico da attribuire (costituisce elemento fondamentale nella individuazione delle competenze partecipazione a specifici corsi di formazione); 4. progetto che si intende svolgere durante l anno scolastico; 5. dichiarata disponibilità a frequentare specifiche iniziative di formazione. I docenti interessati all assegnazione dell incarico potranno presentare la domanda entro il 23/09/204, allegando alla stessa il curriculum (incarichi ricoperti e relativi risultati, esperienze e progetti realizzati, titoli e competenze coerenti con l incarico da attribuire, partecipazione a specifici corsi di formazione) e il progetto (inteso come attività che s intende svolgere nel corso dell anno scolastico). Si procede alla trattazione del sedicesimo punto all o.d.g.: 6) Individuazione dei docenti componenti dell Organo di Garanzia degli alunni. Su proposta del Dirigente Scolastico;, DELIBERA N 5

13 di designare come componenti dell Organo di Garanzia degli alunni i docenti: Modica, Di Martino A, Caruso V. Si procede alla trattazione del diciassettesimo punto all o.d.g.: 7) Individuazione dei docenti componenti del Circolo di qualità. Su proposta del Dirigente Scolastico; DELIBERA N 6 Il Collegio all unanimità delibera di designare come componenti del Circolo di qualità i docenti: Occhipinti C., Micciché, Carnemolla. Si procede alla trattazione del diciottesimo punto all o.d.g.: 8) Elezione dei docenti componenti del Comitato di valutazione dei docenti. Su proposta del Dirigente Scolastico, DELIBERA N 7 Il Collegio, sentita la disponibilità dei docenti, accertato che nessun componente del Collegio è contrario alla procedura, delibera all unanimità di scegliere i docenti Padua, Pitrolo, Nardi, Messina come componenti del Comitato di valutazione dei docenti e i proff. Donzella e Arrabito Giuseppe come supplenti. Si procede alla trattazione del diciannovesimo punto all o.d.g.: 9) Piano annuale delle attività e attività di programmazione (art.28, c.4, CCNL 2006/2009) Il Dirigente Scolastico illustra la proposta di Piano annuale delle attività e programmazione funzionale. DELIBERA N 8 L approvazione del seguente piano annuale delle attività e attività di programmazione per l a.s. 204/205 (art.28, c.4, CCNL 2006/2009): PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA - Anno scolastico 204/205 MESE DATA e ORARIO ATTIVITA 0 Collegio dei docenti 9,30, ,30-2,30 Dipartimenti disciplinari Liceo e ITE Riunioni per materia Liceo e ITE Settembre 08,30-2,30 Dipartimenti disciplinari ITA e IPSA Riunioni per materia ITA e IPSA 25 6,00 8,00 Collegio dei docenti 3 5,00 20,5 ITA A, 2A, 3A, 4A, 5A, B, 5B ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A

14 Ottobre Novembre Dicembre Gennaio 5,00 8,00 Liceo classico IVA, IVB, VA, IIIA 4 IPSA A, 2A, 3A, 4A, 5A 5,00 8,00 ITE B, 2B, 4B, 5B Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5A ,00 20,5 5,00 8, ,00 8, ,00-9, ,00-9, ,00-9, ,00-9, ,00-9, ,00-8, ,00 20, ,30 8,00 8,00 20, ,30 7,00 7,00 9, ,30 7,00 7,00 9,30 ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C ITA A, 2A, 3A, 4A, 5A, B, 5B ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A Liceo classico IVA, IVB, VA, IIIA IPSA A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE B, 2B, 4B, 5B Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C Dipartimenti disciplinari Liceo e ITE Riunioni per materia Liceo e ITE Dipartimenti disciplinari ITA e IPSA Riunioni per materia ITA e IPSA Biennio Liceo scientifico e classico - Biennio ITE Triennio Liceo scientifico e classico - Triennio ITE Tutte le classi IPSA Tutte le classi ITA Collegio dei docenti Consigli classi V^ Designazione dei commissari interni per gli Esami di Stato Liceo scientifico 5A, 5B, 5C Liceo classico IIIA - ITE 5A,5B,5TA,5TB - ITA SCICLI 5A,5B IPSA 5A Scrutini I Quadrimestre ITA A, 2A, 3A, 4A, 5A, B, 5B Liceo classico IVA, IVB, VA, IIIA Scrutini I Quadrimestre IPSA A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A Scrutini I Quadrimestre Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A

15 Febbraio 05 4,30 7,00 7,00 9, ,30 7,00 7,00 9, ,30 7, ,00 7,00 0 6,00-9,00 6,00-9,00 2 6,00 7,00 3 7,00-9,00 Marzo Aprile 4 7,00-9,00 0 5,00 7,5 09 5,00 20,5 5,00 8,00 0 5,00 8, ,00 8, ,00 20,5 5,00 8,00 2 5,00 8,00 22 Scrutini I Quadrimestre Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B ITE B, 2B, 4B, 5B Scrutini I Quadrimestre Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA Scrutini I Quadrimestre ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB Collegio dei docenti Dipartimenti disciplinari Liceo e ITE Riunioni per materia Liceo e ITE Dipartimenti disciplinari ITA e IPSA Riunioni per materia ITA e IPSA Biennio Liceo scientifico e classico - Biennio ITE Triennio Liceo scientifico e classico - Triennio ITE Tutte le classi IPSA Tutte le classi ITA ITA VITTORIA C, A, 2A, 3A, 4A, Liceo classico IVA, IIA, IIIA ITA A, 2A, 3A, 4A, 5A, B, 5B ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A Liceo classico IVA, IVB, VA, IIIA IPSA A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE B, 2B, 4B, 5B Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C Riunioni per materia Adozione libri di testo ITA A, 2A, 3A, 4A, 5A, B, 5B ITE A, 2A, 3A, 4A, 5A Liceo classico IVA, IVB, VA, IIIA IPSA A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE B, 2B, 4B, 5B Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5A ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA

16 Maggio Giugno Agosto Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B 23 ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C 27 7,00-9, ,00-9, ,00-9,00 6,00-9,00 2 6,00-9,00 3 5,00 20,30 4 6,00 8, ,30 9, ,30 2, ,30 9, ,30 6,30 6,30 20, ,30 6,30 6,30 2, ,30 9,30 0 4,30 9,30 Biennio Liceo scientifico e classico - Biennio ITE Triennio Liceo scientifico e classico - Triennio ITE Tutte le classi IPSA Tutte le classi ITA Dipartimenti disciplinari Liceo e ITE Riunioni per materia Liceo e ITE Dipartimenti disciplinari ITA e IPSA Riunioni per materia ITA e IPSA Consigli classi V^ Approvazione Documento per gli Esami di Stato Liceo scientifico 5A, 5B, 5C Liceo classico IIIA - ITE 5A,5B,5TA,5TB - ITA SCICLI 5A,5B IPSA 5A Collegio dei docenti - Scrutini II Quadrimestre IPSA A, 2A, 3A, 4 A, 5A - Scrutini II Quadrimestre ITA A, B, 2A, 3A, 4A, 5A, 5B - Scrutini II Quadrimestre ITE A, 2A, 3A, 4 A, 5A - Scrutini II Quadrimestre Liceo classico IVA, IVB ITE B, 2B, 4B, 5B - Scrutini II Quadrimestre Liceo classico VA, IIIA ITE TA, 2TA, 3TA, 4TA, 5TA - Scrutini II Quadrimestre ITE TB, 2TB, 3TB, 4TB, 5TB - Scrutini II Quadrimestre Liceo scientifico A, 2A, 3A, 4A, 5 - Scrutini II Quadrimestre 4,30 9,30 Liceo scientifico B, 2B, 3B, 4B, 5B 2 - Scrutini II Quadrimestre 4,30 9,30 Liceo scientifico C, 2C, 3C, 4C, 5C 3,30 3,00 Collegio dei docenti 25 Verifiche alunni con sospensione del giudizio 8,30 3,30 25 Verifiche alunni con sospensione del giudizio 8,30 3,30 26 Verifiche alunni con sospensione del giudizio 8,30 3,30 27 Verifiche alunni con sospensione del giudizio

17 8,30 3, ,30 3, ,00 20,00 3 8,00 20,00 Verifiche alunni con sospensione del giudizio Integrazione scrutini finali Integrazione scrutini finali La durata dei consigli di classe ordinari è di 45 cadauno. La durata dei consigli di classe per la designazione dei commissari interni agli Esami di Stato, per gli scrutini del primo quadrimestre, per la riunione preliminare e per l approvazione del Documento del 5 maggio, per l integrazione degli scrutini finali è di 30 cadauno. La durata dei consigli di classe per gli scrutini del secondo quadrimestre è di 60 cadauno. Esaurita la discussione dei punti all ordine del giorno, la seduta viene sciolta alle ore :5 IL SEGRETARIO VERBALIZZANTE (Prof.ssa Concetta Padua) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Vincenzo Giannone)

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e p.c. al Gabinetto del Ministro SEDE OGGETTO: Dotazioni organiche del personale

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli