Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE "ANTONIO MARIA JACI" MESSINA Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2014/2015 INDIRIZZI: Amministrazione, Finanza e Marketing Sistemi Informativi Aziendali, RIM Turismo Corso Serale per adulti EX SIRIO 1

2 INDICE Presentazione del Dirigente Scolastico Pag Premessa Pag Dove siamo e chi siamo Pag Breve nota storica dell Istituto Pag Principi e scopi della comunità scolastica Pag Dematerializzazione e registro elettronico Pag Finalità educative e didattiche Pag Profili professionali e indirizzi di studio Pag Profilo educativo, culturale e professionale (PECUP) Pag Organizzazione dell Offerta ormativa Pag Struttura e servizi Pag Progetti curriculari ed extracurriculari Pag Progetti FESR Pag Presidi Pag Accordi di rete Pag Arricchimento della formazione culturale attraverso attività integrative extracurriculari Pag Progetti POF Pag Piano delle attività formative Pag Visite guidate e viaggi d istruzione Pag Metodologia Pag La valutazione Pag Programmazioni per assi culturali Pag Modello organizzativo Pag Organigramma Pag Area competenze delle funzioni strumentali Pag Figure sensibili Pag Pubblicazioni annuali Pag Autovalutazioni POF Pag Coordinatori e segretari dei Consigli di Classe Pag Allegati Pag. 62 2

3 L Istituto Tecnico Economico Statale A. M. Jaci, unico plesso, è ubicato nel centro della città, in via CESARE BATTISTI nr. 88, telefono / (centralino), fax , sito web: - Il POF dell I.T.E.S. "A. M. Jaci" di Messina, anno scolastico 2014/2015, è stato aggiornato dal Collegio dei Docenti con delibera n. 30 dell 04/11/2014 e adottato dal Consiglio d Istituto con delibera n. 07/40 del 05/11/

4 Presentazione L I.T.E.S. "A. M. Jaci" sin dalla sua istituzione, con Decreto del 30 ottobre 1862 n. 940, è stato il centro di riferimento per l istruzione tecnica nella provincia di Messina. Molti professionisti che operano attualmente nel territorio messinese, si sono formati presso codesto Istituto acquisendo competenze e abilità rispondenti alle richieste di una società sempre più esigente e globalizzata. Attento alle esigenze del territorio in cui opera, l Istituto ha sempre garantito un offerta formativa che tenesse conto delle esperienze degli anni precedenti, delle richieste dei discenti e dalle continue sollecitazioni di una società sempre in evoluzione. Il POF 2014/2015, si uniforma alle nuove realtà affinché lo stesso si presenti come fulcro d innovazione e sperimentazione. Una Scuola ove si consegue un titolo di studio atto ad acquisire le competenze di base per: svolgere qualsiasi attività; continuare gli studi universitari; acquisire un valido percorso formativo di settore, spendibile nel mondo del lavoro e delle professioni. Cardine essenziale di ogni azione educativa e didattica è lo studente, la cui priorità è la propria crescita globale, istruttiva e umana che, ovviamente, si salda al suo incondizionato benessere e al raggiungimento del successo scolastico-formativo. La validità dell azione educativa che, da anni è consolidata dall intero Collegio Docenti, pone una specifica attenzione sul rendimento scolastico degli alunni, dal recupero al potenziamento; dall inclusione nel gruppo classe degli allievi BES alla valorizzazione delle eccellenze. Pertanto, si è creato un ambiente lavorativo in cui l equilibrio e la stabilità di chi vi opera sono fondati sulla centralità del singolo, sui rapporti personali e interpersonali, sulla partecipazione attiva e responsabile, nella soppressione delle incomprensioni sociali e culturali; ma più di tutto, sul riconoscimento della diversità come punti di forza e abilità per organizzare dei percorsi formativi la cui finalità è il rispetto della persona e delle regole, a prescindere se originate da norme o consuetudini. Inoltre, una sfida ricorrente per una comunità educante responsabile e determinata, attenta ai processi di apprendimento/insegnamento, centrata sui bisogni degli studenti, nel rispetto delle regole alle quali ognuno darà il proprio apporto con diligenza e laboriosità. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Rosario Abbate 4

5 1 - PREMESSA Il POF è il documento che illustra le scelte educative, didattiche e organizzative da adottare. Esso rappresenta l identità della scuola, i riferimenti culturali e professionali ai quali essa si ispira, i percorsi formativi comuni che verranno attuati, le sue scelte didattiche, le modalità di utilizzazione delle risorse disponibili, i criteri per l autovalutazione. In particolare, l offerta formativa deve essere coerente con gli obiettivi generali e specifici determinati a livello nazionale, per i diversi tipi di scuola e, nello stesso tempo, soddisfare le richieste che provengono dal territorio. E UN DOCUMENTO FLESSIBILE E MODIFICABILE ILLUSTRA L OFFERTA DELLA SCUOLA E IN VIGORE DAL 1997 POF INDICA LA QUALITA E LA VALUTAZIONE 5

6 2. UBICAZIONE. L ITES A. M. JACI SI TROVA QUI Via Cesare Battisti, 88 - MESSINA ITES JACI COME RAGGIUNGERLO L Istituto è al centro della città, nei pressi di Piazza Duomo, Municipio di Messina, accanto l Università degli Studi di Messina (Dipartimento di Giurisprudenza e di Economia), e, non lontano, dalla Stazione Centrale FF.SS. Stazione Autolinee Urbane ed Extra-urbane. DALLA CITTÀ Tram (fermata Via Vittorio Emanuele Cortina del porto); Pullman (Fermate: Via Tommaso Cannizzaro; Via Garibaldi; Via Cesare Battisti, 88); DA FUORI CITTA Pullman extra urbani (Fermate: Corso Cavour - Via Cesare Battisti, 88) Stazione Centrale FF.SS. 6

7 3. - BREVE NOTA STORICA DELL ISTITUTO L Istituto Tecnico A. M. Jaci è sorto nel 1862 ed è uno dei tredici Istituti Tecnici fondati dopo l Unità d Italia. In un primo momento, venne denominato <Regio Istituto Tecnico Professionale e Industriale con scuola nautica e di costruzioni navali aggregata> dando, così, i natali al Nautico ed al Geometra. Tale denominazione fu sostituita qualche anno dopo e nel 1873 assunse quella definitiva: Istituto Tecnico Nautico, che manterrà fino al 1917, anno in cui dal Tecnico si staccò il Nautico, che divenne autonomo. Sin dall inizio, l Istituto comprendeva tre sezioni tra le quali la Sezione Commercio e Ragioneria. Nel 1883, l Istituto fu intitolato ad Antonio Maria Jaci ( ), matematico e astronomo messinese, ha avuto tra i suoi studenti prestigiosi nomi che ne adornano l ideale medagliere degli Ingegni che in essa hanno acquisito l humus intellettivo della loro formazione didattica: Salvatore Quasimodo (scrittore-poeta), Antonio Giuffrè (famoso editore), Salvatore Pugliatti (giurista), Giorgio La Pira (Politico), Luigi Rizzo (Ammiraglio), Giuseppe Seguenza (naturalista di fama europea) e Antonio Fulci (giurista illustre). Nel 1908, l Istituto venne distrutto dal terremoto, ma continuò la sua attività in una struttura precaria ubicata sul Viale San Martino. Nel 1911 iniziarono i lavori per la costruzione dell attuale edificio su progetto dell ingegnere Rosario Cutrufelli, ex allievo-jacino nonché deputato al Parlamento, e l Istituto venne inaugurato nel Il Nautico nel 1933 si distaccò e l Istituto prese la denominazione di Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri. La scuola subì gravi danni a seguito dei bombardamenti e l Istituto ricominciò le sue attività scolastiche nel

8 Nel 1959 venne separata la parte della sezione Geometri da quella Commerciale e rimase solo Istituto Tecnico Statale Commerciale Antonio Maria Jaci. Nell anno scolastico 1968/69, si istituì il corso serale, mentre nell anno scolastico 1977/78 si avviò il Filarmonico Jaci per avvicinare gli studenti alla musica ed attività culturali in generale. Nel 1980, fu costituito il gruppo teatro Messina formato da studenti, ex-studenti e docenti. In quegli anni si creò il giornalino d istituto chiamato Diversi a Diversi che prese spunto da una tipica operazione di contabilità presente in passato. Nel 1992/93, si fondò l Associazione Amici dello Jaci, dove ad oggi, si ritrovano i vecchi Jacini (studenti e docenti) dell Istituto. Nel 1996/97, una nuova riforma scolastica introdusse accanto al corso Amministrativo anche la sperimentazione Igea che negli anni lo ha soppiantato. Nel 2002, si istituì il corso Turistico (Progetto ITER) e con la Riforma Gelmini (DPR n. 88/2010), dall anno scolastico 2010/2011, l Istituto Tecnico Commerciale è stato riorganizzato in Istituto Tecnico Economico suddividendo il corso di studi in due bienni e il quinto anno. L Istituto offre dalla classe prima due possibilità di percorso di studi del Settore Economico: uno di Amministrazione, finanza e marketing, l altro Turismo. Mentre l indirizzo Turismo non prevede più alcuna articolazione, quello di Amministrazione, Finanza e Marketing prevede al triennio (due anni + uno) tre articolazioni: - A.F.M. - Amministrazione, finanza e marketing : persegue lo sviluppo di competenze acquisite orientativamente già al biennio relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con le specificità relative alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione, pianificazione, controllo, finanza, commerciale, sistema informativo, gestioni speciali). - Sistemi informativi aziendali : L articolazione consente di sviluppare competenze relative alla gestione del sistema informativo aziendale, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e della sicurezza informatica; - Relazioni Internazionali per il Marketing : il corso si caratterizza per il riferimento sia all'ambito della comunicazione aziendale con l'utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geopolitiche e vari contesti lavorativi. Inoltre, per gli studenti lavoratori è presente un corso serale AFM (ex Sperimentazione Sirio). AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING TURISMO 8

9 4. - PRINCIPI E SCOPI DELLA COMUNITÀ SCOLASTICA L ITES A. M. JACI favorisce e promuove la formazione della persona, assicura il diritto allo studio fondato sui principi della Costituzione della Repubblica. L indirizzo culturale dell Istituto è orientato a realizzare una scuola democratica, dinamica, aperta al rinnovamento didattico-metodologico e ad iniziative di sperimentazione che tengano conto delle esigenze degli studenti. Il diritto all apprendimento è garantito a ciascun studente anche attraverso percorsi individualizzati tesi a promuovere il successo formativo. Sin dall inizio del curriculum lo studente è inserito in un percorso di orientamento per consolidare attitudini, sicurezze personali e senso di responsabilità. Il tutto nel pieno rispetto della libertà di insegnamento, nell ambito della legislazione vigente, includendo anche i contributi creativi e responsabilmente espressi dalle sue componenti: studenti, genitori, personale ATA e docenti. Sono considerati, altresì, assolutamente incompatibili atti di intimidazione della libera e democratica espressione o partecipazione delle varie componenti alla vita della scuola, manifestazioni di intolleranza, qualsiasi forma di violenza e discriminazione. Il Piano dell Offerta Formativa dell I.T.E.S A. M. Jaci di Messina si propone di formare persone in grado di inserirsi e di interagire in qualsiasi contesto socio-culturale ed economico, di adeguarsi alla realtà e alla mobilità del mercato del lavoro. L obiettivo è quello di indirizzare i giovani verso una visione più ampia che oltrepassi i confini della fornazione per proiettarsi verso le più grandi comunità internazionali. Gli studenti, quindi, hanno diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata, attenta ai bisogni formativi, che rispetti e valorizzi, anche attraverso attività di orientamento, l identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. L acquisizione di conoscenze, abilità e competenze chiave (capacità di imparare ad imparare, di saper essere, ecc..), rappresentano per i discenti: - un aiuto a scoprire la propria identità maturando una graduale capacità di autonomia e responsabilità; - un supporto alla scoperta dei valori umani ed etici della vita, acquisendo un metodo di lavoro, sviluppando in loro l impegno per la formazione permanente e il senso critico; - un opportunità per ampliare le relazioni interpersonali attraverso l amicizia tra loro e il dialogo con gli educatori; anche gli scambi culturali nell ambito europeo favoriscono l apertura al sociale e l identità europea; - uno strumento per saper gestire l orientamento universitario e professionale, acquisendo anche certificazioni linguistiche ed informatiche che possano favorire l occupazione; - una sensibilizzazione all ambiente al fine di riscoprire lo stesso, sotto il profilo storico-culturale, con comportamenti mirati alla tutela e al rispetto; - un orientamento verso una pacifica convivenza, al rispetto delle altre religioni, culture, etnie, alla legalità e alla diversità; 9

10 - una qualificazione della professionalità mediante Alternanza Scuola Lavoro (stage/tirocinio formativo presso imprese di vario settore), stage linguistico in Inghilterra, Francia, Spagna e Germania, - una simulazione della professione fornendo supporto come guida turistica al turismo del territorio come quello crocieristico ed in attività di rappresentanza presso Agenzie di viaggio e/o in occasione di eventi (Lions, Rotary etc.); 5. DEMATERIALIZZAZIONE E REGISTRO ELETTRONICO Negli ultimi anni, sono state emanate diverse disposizioni ministeriali che, sostanzialmente, limitano l uso della documentazione cartacea nella Pubblica Amministrazione. Con il Decreto Legge n. 95/2012 contenente Disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica, convertito nella legge n. 135/2012, viene dato un ulteriore impulso a questo processo di dematerializzazione che, in particolare, nel settore della scuola riguarda: le iscrizioni da effettuare con modalità on-line; la pagella in formato elettronico, che ha la medesima validità legale del documento cartaceo ed è resa disponibile alle famiglie nell area riservata del sito web o altra modalità digitale; i registri della classe e del professore on line; l invio delle comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico. E in utilizzo, nell Istituto, il registro elettronico basato sui più innovativi sistemi di integrazione diretta con il sistema informativo della scuola, attraverso il quale i docenti inseriscono i dati relativi al giornale di classe e alla valutazione sistematica della propria disciplina. Inoltre, sarà fornita ai genitori una password per accedere al software Argo ScuolaNext per controllare le assenza, i ritardi ed i voti giornalieri conseguiti nelle varie discipline. E in fase di attivazione il servizio di comunicazione con le famiglie tramite SMS. 10

11 6. FINALITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE Il Collegio Docenti ha progettato il Piano dell Offera Formativa, valida per tutti gli indirizzi, secondo le linee di seguito indicate: Sviluppo della personalità degli alunni attraverso l acquisizione della consapevolezza di sé, dello specifico ruolo nell ambiente sociale e del senso di responsabilità; Formazione di una cultura personale, della capacità di comprensione, critica e di autovalutazione; Capacità di orientarsi negli studi universitari e professionali; Conoscenza e rispetto del Regolamento d Istituto; Favorire le attività che ampliano l offerta formativa. Alla luce delle finalità educative e didattiche, individuate dal Collegio dei docenti e delle indicazioni fornite dai Dipartimenti disciplinari, i Consigli di Classe hanno elaborato i seguenti obiettivi trasversali che interessano il lavoro didattico in tutte le discipline, esplicati in capacità relazionali, competenze e abilità. OBIETTIVI TRASVERSALI Scoprire le proprie risorse e acquisire il senso del percorso educativo e didattico presentato dai docenti nei documenti di programmazione di classe e di disciplina; Saper rispettare i tempi degli altri, gestendo i propri interventi nel contesto del gruppo con spirito propositivo; Saper lavorare individualmente e in collaborazione con i compagni; Saper rispettare il materiale comune, l arredo e l ambiente scolastico in generale; Orientarsi all acquisizione di una coscienza ecologica; Saper comprendere e accettare le diverse culture e sapersi rapportare con esse in un dialogo costruttivo; Educare alla Cittadinanza, alla Cultura Costituzionale ed alla Pace, alla cura della cosa pubblica ed al rispetto della diversità; Promuovere la continuità formativa in entrata, in itinere e in uscita progettando percorsi organici di modo che gli allievi possano conseguire capacità di scelte consapevoli; Innalzare il livello di apprendimento.; Favorire l acquisizione di un metodo di studio; Sviluppare le abilità espressive e logico-deduttive. Competenze Saper individuare il superfluo e il necessario all interno di ogni contesto; Sapersi applicare allo studio in modo produttivo acquisendo e affinando le capacità di analisi e di sintesi; Saper rielaborare personalmente i contenuti appresi, sottoponendoli al vaglio di un esame critico; Saper attuare collegamenti multi e interdisciplinari. 11

12 OBIETTIVI SPECIFICI Per gli obiettivi specifici si rimanda ai singoli indirizzi. 7. PROFILI PROFESSIONALI E INDIRIZZI DI STUDIO Il profilo culturale e risultati di apprendimento dei percorsi del settore economico Si caratterizza per la cultura tecnico-economica riferita ad ampie aree: l economia, l amministrazione delle imprese, la finanza, il marketing, l economia sociale e il turismo. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, conoscono le tematiche relative ai macro - fenomeni economicoaziendali, nazionali ed internazionali, alla normativa civilistica e fiscale, ai sistemi aziendali, anche con riferimento alla previsione, organizzazione, conduzione e controllo della gestione, agli strumenti di marketing, ai prodotti/servizi turistici. L Istituto offre un corso diurno ed uno serale per studenti lavoratori; frequentato in totale da n. 858 alunni ( n. 121 corso serale e n. 737 corso diurno); operano n. 89 docenti e n. 38 tra amministrativi, tecnici ed ausiliari (ATA). La direzione dell Istituto, è affidata al Dirigente Scolastico ROSARIO ABBATE, coadiuvato da uno staff formato da: un Vicario, dal II Collaboratore e dalle Funzioni Strumentali. Il corso diurno comprende: l'indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing composto da: n. 3 prime classi, n. 4 seconde, n. 3 terze, n. 4 quarte, n. 3 quinte e l'indirizzo Turismo composto da: n. 4 prime classi, n. 5 seconde, n. 4 terze, n. 4 quarte e n. 4 quinte. Gli istituti tecnici prevedono un percorso di cinque anni, al termine del quale gli studenti, ammessi all Esame di Stato, conseguono il diploma di istruzione tecnica, utile ai fini degli studi universitari per qualsiasi corso di laurea e/o all inserimento nel mondo del lavoro. Il nuovo regolamento, ai sensi del DPR n.88/2010, dispone che gli istituti tecnici sono riorganizzati e potenziati a partire dalle classi prime funzionanti nell'anno scolastico in riferimento al profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione dei percorsi del secondo ciclo di istruzione e formazione. Nell ambito dell Offerta Formativa, l I.T.E.S. Jaci, per meglio venire incontro alle esigenze del territorio, da anni garantisce un corso serale completo per lavoratori (ex sperimentazione SIRIO), ad indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing con un monte orario di 23 ore settimanali le classi del nuovo ordinamento, e 26 ore settimanali per la classe quinta del vecchio ordinamento, articolato in cinque giorni dal lunedì al venerdì. La sperimentazione EX-SIRIO prevede l applicazione della didattica breve cioè l acquisizione degli elementi basilari delle varie discipline ed anche la possibilità di recupero anni, al fine di alleggerire il corso di studi. I percorsi didattici seguono una metodologia che si concilia con le esigenze tipiche della categoria degli studenti lavoratori e che, nel contempo, riesca a valorizzare le esperienze maturate nella vita e nell'ambiente lavorativo. 12

13 Il corso serale comprende una sezione completa: le prime quattro classi fanno riferimento al nuovo ordinamento Amministrazione, Finanza e Marketing, la quinta classe segue il vecchio indirizzo IGEA (Progetto Sirio). Nelle classi del corso diurno è previsto un piano di studi di 32 ore settimanali articolato in: Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi Informativi Aziendali e Turismo. Al termine del primo biennio comune per l indirizzo AFM, lo studente può optare per: Amministrazione Finanza e Marketing, Servizi Informativi Aziendali, Relazioni Internazionali per Marketing. L indirizzo Turismo non prevede nessuna articolazione, però, lo studente al termine del primo biennio potrebbe optare, ugualmente, per l articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing. In sintesi, qui di seguito, i nostri INDIRIZZI DI STUDIO: 13

14 QUADRO ORARIO Amministrazione, Finanza e Marketing DISCIPLINE PRIMO BIENNIO COMUNE SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO Religione Italiano Storia I Lingua Straniera II Lingua Straniera Matematica Scienze integr. Fisica 2 = = = = Scienze integr. Chimica = 2 = = = Scienze Terra e Biologia 2 2 = = = Diritto ed Economia 2 2 = = = Diritto = = Economia Politica = = Economia Aziendale Geografia 3 3 = = = Informatica = Scienze Motorie TOTALE ORE

15 QUADRO ORARIO Amm.ne, Finanza e Marketing/Sistemi Informativi Aziendali DISCIPLINE PRIMO BIENNIO COMUNE SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO Religione Italiano Storia I Lingua Straniera II Lingua Straniera = = Matematica Scienze integr. Fisica 2 = = = = Scienze integr. Chimica = 2 = = = Scienze Terra e Biologia 2 2 = = = Diritto ed Economia 2 2 = = = Diritto = = Economia Politica = = Economia Aziendale Geografia 3 3 = = = Informatica Scienze Motorie TOTALE ORE La Scuola ha aderito, in data 17/05/2013, al Progetto E.U.C.I.P. previsto dal MIUR il 18/aprile/2013 riversato agli Istituti Tecnici Economici ad indirizzi SIA (Sistemi Informativi Aziendali). Tale progetto gode dell appoggio di Confindustria Digitale in quanto garantisce ai giovani competenze digitali certificate utili per il mondo del lavoro. Per poter attivare il progetto l Ente AICA fornisce: - libro (per ciascun studente e insegnante); - ambiente e-learning con accesso riservato e creazione di un aula-classe; - Skills card per sostenere gli esami Eucip Core. Il Progetto E.U.C.I.P. (European Certification of Informatics Professionals) è un programma europeo di certificazione delle competenze informatiche, progettato per valorizzare e potenziare le abilità dei professionisti dell'informatica. 15

16 E rivolto esclusivamente agli specialisti e professionisti ICT ed è articolato in una struttura a due livelli e da un percorso collaterale, ma indipendente: EUCIP Core Level (Livello Base) - primo livello EUCIP Elective Level (Livello Elettivo) - secondo livello EUCIP Specialist Level (IT Administrator) - percorso collaterale QUADRO ORARIO Ammistrazione, Finanza e Marketing/Relazioni Internazionali per il Marketing DISCIPLINE PRIMO BIENNIO COMUNE SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO Religione Italiano Storia I Lingua Straniera II Lingua Straniera III Lingua Straniera = = Matematica Scienze integr. Fisica 2 = = = = Scienze integr. Chimica = 2 = = = Scienze Terra e Biologia 2 2 = = = Diritto ed Economia 2 2 = = = Diritto = = Relazioni Internazionali = = Economia Aziendale 2 2 = = = Ec. Aziendale- Geopolitica = = Tecn. delle comunicazioni = = 2 2 = Geografia 3 3 = = = Informatica 2 2 = = = Scienze Motorie TOTALE ORE

17 QUADRO ORARIO TURISMO DISCIPLINE PRIMO BIENNIO COMUNE SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO Religione Italiano Storia I Lingua Straniera II Lingua Straniera III Lingua Straniera = = Matematica Scienze integr. Fisica 2 = = = = Scienze integr. Chimica = 2 = = = Scienze Terra e Biologia 2 2 = = = Diritto ed Economia 2 2 = = = Diritto e Legislaz. turistica = = Economia Aziendale 2 2 = = = Disc. Turist. Aziendali = = Geografia 3 3 = = = Geografia Turistica = = Arte e Territorio = = Informatica 2 2 = = = Scienze Motorie TOTALE ORE I Lingua straniera: Inglese (quinquennale) II e III Lingua straniera (a scelta): Francese - Spagnolo Tedesco, Cinese. 17

18 CORSO SERALE EX SPERIMENTAZIONE SIRIO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGETTO PER FAVORIRE IL RIENTRO IN ETÀ ADULTA NEL SISTEMA FORMATIVO. DISCIPLINE Religione o Materie Alternative PRIMO BIENNIO COMUNE - AFM SECONDO BIENNIO - AFM QUINTO ANNO IGEA (Nuovo Ordinamento) (Nuovo Ordinamento) (Vecchio Ordinamento) Italiano Storia I Lingua Straniera Geografia 2 2 = = = II Lingua Straniera = Matematica Scienze Integrate 3 = = = = Scienze Integrate (Fisica/Chimica) 2 2 = = = Diritto ed Economia = Economia Politica = = Economia Aziendale Informatica = TOTALE ORE

19 8. IL PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE L identità degli istituti tecnici è connotata da una solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea. I percorsi degli istituti tecnici si articolano in un area di istruzione generale comune e in aree di indirizzo. L area di istruzione generale ha l obiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso il rafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali che caratterizzano l obbligo di istruzione: asse dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale. Le aree di indirizzo hanno l obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestire autonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilità per la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti. I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, di accedere all università, al sistema dell istruzione e formazione tecnica superiore, nonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l accesso agli albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia. Il Diplomato in Amministrazione, Finanza E Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: - rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; - redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; - gestire adempimenti di natura fiscale; - collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; - svolgere attività di marketing; - collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; - utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing; - impegnarsi nell imprenditoria. 19

20 Il percorso di Amministrazione, Finanza e Marketing si caratterizza per il riferimento sia nell ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di due lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici, sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Dopo il diploma lo studente può: Inserirsi nel mondo del lavoro con estrema facilità presso aziende private, studi commerciali, studi di consulenza del lavoro, agenzie di assicurazioni, società finanziarie, banche, studi legali. Partecipare a concorsi indetti da enti pubblici o lavorare nei diversi settori del terziario. Proseguire con gli studi universitari: il diploma dà accesso a tutte le Università, in particolare Ingegneria gestionale e quelle ad indirizzo economico giuridico. Il Diplomato in Relazioni internazionali per il marketing abbina alla preparazione generale le competenze relative ai fenomeni economici, giuridici e al funzionamento delle aziende. Specifici di questa articolazione sono la conoscenza di tre lingue comunitarie e lo studio delle relazioni internazionali e delle tecnologie della comunicazione. Il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici, sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geopolitiche e vari contesti lavorativi. Dopo il diploma lo studente può: Inserirsi nel mondo del lavoro nel settore commerciale, industriale, del turismo oppure presso camere di commercio, enti fieristici, case editrici, agenzie pubblicitarie. Proseguire con gli studi universitari: il diploma dà accesso ad ogni tipo di Università. In particolare Lingue, Economia e Commercio, Mediazione culturale, Scienze della Comunicazione. Il Diplomato in Sistemi Informativi Aziendali sviluppa competenze economiche-aziendali e giuridiche relative al diritto civile e fiscale. Si caratterizza per l acquisizione di specifiche competenze informatiche: il diplomato è in grado di creare procedure tese al miglioramento del sistema informativo aziendale, di adeguare con la programmazione pacchetti software alle specifiche esigenze delle imprese e di operare nell ambito della sicurezza informatica. Dopo il diploma lo studente può: Inserirsi nel mondo del lavoro presso aziende private (settore amministrativo), centri elaborazione dati, studi commerciali, agenzie di assicurazioni, società finanziarie, banche, studi legali, aziende di produzione software; partecipare a concorsi indetti da enti pubblici. Proseguire gli studi universitari: il diploma dà accesso a ogni tipo di Università, in particolare Economia e Commercio, Informatica, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Ingegneria gestionale o Informatica. Il Diplomato in Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico ed ambientale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e 20

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli