ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI"

Transcript

1 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI Scuola secondaria di 1 grado Istituto Tecnico Economico Piazza Simoncini Magione (PG) C.F tel fax e mail: PEC : Piazza Simoncini n.1 Magione (PG) Scuola secondaria I grado: Sede Tel Fax Scuola secondaria di II grado ITE Tel Sito web : PEC : 1

2 INDICE POF: definizione.pag. 3 Magione e il suo territorio pag. 3 I bisogni dei ragazzi nel territorio.pag. 4 Storia della scuola: Scuola secondaria di 1 grado pag. 5 Istituto Tecnico Economico pag. 6 Organigramma della scuola.. pag. 7 Scuola Secondaria di 1 grado Obiettivi formativi e specifici di apprendimento.pag. 8 Modelli organizzativi...pag 12 Organizzazione oraria..pag 13 La Valutazione.pag 14 Coordinatori e segretari dei consigli di classe.pag. 17 Rappresentanti genitori e alunni.pag. 17 Istituto Tecnico Economico Premessa..pag.19 Organizzazione oraria...pag.19 Caratteri innovativi dell ITE di Magione.pag.22 Competenze chiave..pag.22 Risultati di apprendimento... pag.23 La valutazione..pag.25 Coordinatori e segretari dei consigli di classe. pag.29 Rappresentanti genitori e alunni. pag.30 Incarichi d Istituto.pag.31 Dati numerici.pag.33 Attività progettuale della scuola...pag.34 2

3 POF PIANO Progetto, mappa che comunica in modo leggibile l offerta formativa OFFERTA Servizio che la scuola si impegna a realizzare FORMATIVA Finalità educative e formative E il documento che presenta l insieme delle attività della scuola che contribuiscono a promuovere lo sviluppo della persona umana, valorizzando le identità e le radici culturali di ogni alunno. Magione e il suo territorio Con una superficie di 129 km quadrati sui quali risiedono circa abitanti, due terzi dei quali fanno capo a 14 frazioni, Magione è uno dei pochi comuni dell Umbria che registra un apprezzabile crescita demografica, effetto rilevante di recenti immigrazioni dal sud e da paesi stranieri. Il territorio di Magione, lungo l asse viario che collega Perugia al Trasimeno, rappresenta uno trai più importante poli commerciali dell Umbria e con le sue grandi superfici di vendita, ha sostituito in molti casi le preesistenti attività produttive, soprattutto quelle di media dimensione. Contemporaneamente e nella stessa area, sono nate decine di piccole aziende. Nonostante queste radicali riconversioni economiche dell ultimo decennio, Magione si caratterizza a tutt oggi per un forte pendolarismo verso Perugia e il suo hinterland, per lavoro, studio e svago. In questo contesto l Istituto Omnicomprensivo Mazzini rappresenta, quindi, una delle agenzie formative più importanti, in grado di proporre attività e momenti di aggregazione di rilevante valore culturale ed educativo. 3

4 I bisogni dei ragazzi nel loro territorio Problemi Livelli di istruzione medio-bassi Condizionamenti da parte di modelli alternativi a quelli familiari Problematiche all' interno della famiglia Manifestazioni di disagi sociali Bisogni La formazione del cittadino attivo e responsabile La capacità di interpretare la realtà, cogliendone i valori positivi. La prevenzione del disagio L'inserimento dei giovani nelle opportunità lavorative offerte dal territorio (imprese a vocazione commerciale, turistica ed agricola) Risorse L Amministrazione Comunale Un associazionismo attivo ed impegnato che collabora con Caritas, Misericordia, Centro Anziani, Pro-Loco, Avis ed Admo La Comunità Montana Il Museo della Pesca L Oasi la Valle di S.Savino La Biblioteca Comunale e l Archivio storico La Compagnia teatrale magionese Le Bande musicali di Agello e Magione L Azienda Sanitaria Locale Teatro comunale Mengoni e Cinema Gherlinda Aziende private 4

5 Storia dell Istituto Omnicomprensivo Mazzini Il I settembre 2009 viene inaugurato l Istituto Omnicomprensivo G.Mazzini risultato dell accorpamento della scuola media e dell ITE La scuola media: ieri e oggi Così come si apprende dai diari del professor Publio Trento Bartoccioni, sindaco di Magione dal 1946 e nei primi anni 50, la scuola media a Magione e ad Agello fu istituita il 1 Ottobre Il sindaco a lungo sollecitò il Ministero della Pubblica Istruzione per la sua istituzione. Egli ne è stato insegnante di lettere durante la presidenza del prof. Cesare Poletti. Le aule erano ospitate presso i locali della odierna Società di Mutuo Soccorso in p.zza Matteotti; più tardi la scuola fu trasferita presso il cosiddetto "Ospedaletto", ora centro di recupero e di riabilitazione per le persone non autosufficienti. Nell'anno scolastico 1971/1972 venne inaugurata la nuova sede della scuola media in via della Ripa, attuale scuola dell'infanzia e primaria. La scuola media di Agello visse indipendentemente dalla scuola di Magione, fino all'istituzione della scuola media dell'obbligo nel I locali erano stati preparati nella ex-casa del Fascio, sorta sulla precedente Società di Mutuo Soccorso. L edificio è stato ristrutturato completamente nel corso dell anno scolastico 1998/99. Il 10 Ottobre 2001 venne inaugurata la nuova sede della scuola costruita nell'area dell'ex-cementificio (in zona Stazione), progettata dall'architetto Giuliano Carrozza secondo i canoni dell'archeologia industriale. Il nuovo edificio dispone di dodici aule ordinarie, otto aule speciali riservate all educazione linguistica, artistica, scientifico-tecnologica, informatica e multimediale; due biblioteche, un settore (quattro aule) attrezzato per l insegnamento dei seguenti strumenti musicali: chitarra, violino, pianoforte, clarinetto. Le attività sportive si svolgono in palestra, nell ampio spazio all aperto circostante la scuola e al Palazzetto dello Sport ove, gli alunni possono recarsi a piedi. Un confortevole locale è adibito a mensa ed è riservato a tutti gli alunni che debbano svolgere attività pomeridiane. Nel piano degli uffici si apre l aula magna, in cui è possibile riunirsi in assemblea. Dal dicembre 2009, in seguito al terremoto, gli alunni di Agello frequentano presso la struttura centrale di Magione. La scuola G. Mazzini si caratterizza, fin dall'anno scolastico 1989/90, per la presenza del corso ad indirizzo musicale che prevede lo studio di uno strumento (clarinetto, pianoforte, violino, chitarra), materia curricolare a tutti gli effetti, scelta al momento dell'iscrizione alla classe prima per essere portata avanti nell'arco del triennio e impartita da docenti di ruolo. L'insegnamento dello strumento musicale costituisce una interessante integrazione all'educazione musicale oltre che un arricchimento culturale. 5

6 L Istituto tecnico economico: ieri e oggi La città di Magione ha una lunga tradizione di scuole superiori ad indirizzo commerciale-turistico. In epoca recente, e cioè da 24 anni, infatti, ospita il nostro attuale Istituto Tecnico Economico (ITE), prima della Riforma Gelmini denominato Istituto Tecnico Commerciale (ITC). La scuola superiore di Magione nacque nel 1988 come sede distaccata dell ITC Capitini di Perugia, e dal settembre 1990 all agosto 2009 fu assegnata invece alla presidenza dell ITC Rosselli di Castiglione del Lago. Tuttavia la vocazione economico-turistica della città parte da molto lontano: va menzionato infatti a tal proposito l antico triennio dell Istituto Professionale per il Commercio e Turismo, soppresso nel 1996, vecchia sede distaccata dell IPC Pascal di Perugia, un tempo collocata presso l Ospedaletto di Magione. L ITC magionese nacque per iniziativa della provincia di Perugia, che lo istituì ristrutturando ed adattando la sede degli uffici delle ex-cementerie di Magione alla fine degli anni Ottanta, per venire incontro alla forte domanda di scolarizzazione tecnico commerciale dei ragazzi dei comuni del Trasimeno, in particolar modo Magione, Passignano, Tuoro, Corciano, Panicale, fino a Perugia. Va ricordato che la scuola superiore di Magione ha sempre avuto una forte attitudine all innovazione, precorrendo spesso i tempi: nel 1990, infatti, tra i primi in Italia, in via sperimentale l ITC di Magione optò per la sperimentazione IGEA (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale), che rivoluzionava la didattica tradizionale, anticipando di vent anni la Riforma Gelmini, e introducendo l informatica e l uso del computer in tutte le discipline; le due lingue straniere dal primo al quinto anno; il diritto, l economia politica e l economia aziendale fin dal biennio; il tutto con ben sei anni di anticipo rispetto all entrata in vigore della stessa sperimentazione in ordinamento in tutto il territorio nazionale (1996). Inoltre l ITE di Magione ha conosciuto, in tutti i suoi 24 anni di storia, un crescente afflusso studentesco che ha portato le originarie due classi del 1988, con una trentina di studenti, alle attuali sette classi con oltre 100 alunni, con un incremento del 350% degli utenti, nonché di tutto il personale della scuola docente, amministrativo, tecnico e ausiliario. Nel tempo si è mantenuto stabile il corso IGEA, che però successivamente, in base alla nuova normativa sul riordino degli istituti tecnici (D.P.R. n. 88 del 15 marzo 2010), si è trasformato in indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing. Ad esso, poi, dall anno scolastico , è stato affiancato il nuovo indirizzo Turismo. Un importante incremento dell offerta formativa nel comprensorio del Trasimeno, in controtendenza rispetto alla fase particolarmente critica che sta attraversando la scuola italiana, dovuta al calo demografico e a provvedimenti di razionalizzazione che, a partire dal 1992, hanno portato in tutto il territorio nazionale alla chiusura, alla riduzione o al ridimensionamento di molti istituti superiori. Nel tempo sono aumentate e si sono diversificate le attività progettuali, le iniziative didattiche, i laboratori, potenziati a livello soprattutto informatico, linguistico e scientifico, in risposta alle esigenze dell utenza stessa e al cambiamento delle prospettive formative della società attuale. 6

7 Organigramma Istituto Omnicomprensivo G.Mazzini Anno scolastico Dirigente Scolastico Consiglio Istituto Commissario straordinario Vicario Direttore di sede ITE Collegio docenti Consigli di classe D.S.G.A Sicurezza R.S.U Comitato di valutazione Segreteria amministrativa R.S.P.P. Organo di garanzia Funzioni strumentali Supporto informatico ai docenti Orientamento continuità Segreteria didattica Tecnico Collaboratori scolastici R.L.S. S.P.P. Sede S.S.1 BES- Bisogni Educativi Speciali Sede I.T.E. Aggiornamento Gruppi di lavoro P.O.F. G.L.I.-Gruppo lavoro inclusione Educazione alla salute Italiano L2 per stranieri Continuità 7

8 Scuola secondaria di primo grado Obiettivi Formativi e di Apprendimento Sulla base delle finalità generali che la scuola media persegue, dei bisogni fondamentali espressi dal contesto e dagli alunni, vengono di seguito indicati gli obiettivi formativi (Saper essere, sapere e saper fare) e gli obiettivi specifici di apprendimento, in base ai quali vengono effettuate le verifiche periodiche e finali sul rendimento scolastico: Saper Essere Tenere in ordine la propria persona Cura di sè Curare l igiene personale Assumere stili di vita sani Valutare realisticamente sé e il proprio lavoro Riconoscere i propri punti di forza e di debolezza Coscienza di sè Dimostrare sicurezza e fiducia nelle proprie possibilità Operare scelte consapevoli Senso di responsabilità Assumere impegni Mantenere gli impegni assunti Gestire le emozioni Controllare il comportamento nelle Autocontrollo varie situazioni Valutare le conseguenze del proprio operato Conoscere e comprendere i vari aspetti della realtà: le attività tecniche utili al miglioramento della vita, i rapporti tra le vicende storiche ed economiche, le istituzioni sociali e politiche nazionali e internazionali. Relazionalità Assumere atteggiamenti di tolleranza, di accettazione delle diversità, di solidarietà, di rispetto delle persone e dell ambiente. Confrontare le proprie idee con quelle degli altri. Lavorare insieme agli altri in un rapporto di reciproco rispetto, instaurando rapporti efficaci tra mondo della scuola, del lavoro e del territorio. Collaborazione Contribuire al lavoro comune ri-spettando tempi e modi Aiutare i compagni in difficoltà Avanzare proposte costruttive 8

9 Sapere e Saper fare Comprensione dei messaggi Cogliere il significato dei messaggi verbali parlati e scritti Cogliere il significato dei messaggi non verbali Organizzazione delle informazioni e dei concetti Produzione Impostare e risolvere problemi Organizzare le informazioni: prendere appunti, ricostruire sequenze, individuare concetti chiave, schematizzare, rielaborare, interpretare, riassumere, relazionare. Comunicare utilizzando in modo corretto le forme parlate e scritte in lingua italiana e in lingua straniera, linguaggi musicali, giuridici, figurativi, numeri, tecnologici e informatici. Metodo di studio Seguire le indicazioni di lavoro Applicarsi per un tempo adeguato Predisporre gli strumenti e i materiali necessari Utilizzarli in modo logico, appropriato Eseguire il lavoro da soli Essere puntuali Avere cura dei propri lavori 9

10 Obiettivi specifici di apprendimento Al termine primo ciclo di istruzione Lingua italiana: Comprendere testi di uso quotidiano, letterali o non (espositivi, narrativi, descrittivi) Riorganizzare le informazioni in appunti, schemi, tabelle, testi di sintesi vari Produrre oralmente con chiarezza e correttezza formale, attenendosi al tema e alla situazione comunicativa Produrre testi scritti a seconda degli scopi e dei destinatari, rispettandone i parametri e i registri linguistici Rielaborare personalmente contenuti, temi e messaggi Riconoscere ed utilizza le strutture morfosintattiche della lingua anche negli aspetti storicoevolutivi Storia e geografia Saper orientarsi nello spazio e nel tempo, operando confronti tra realtà geografiche e storiche diverse, per comprendere da un lato le caratteristiche specifiche della civiltà europea, e dall altro le somiglianze e le differenze tra la nostra e le altre civiltà del mondo Lingua straniera Comprendere il significato globale di messaggi orali e scritti su argomenti noti, e individua, in modo analitico le informazioni contenute in essi Interagire in situazioni comunicative orali, formali e informali, attenendosi al tema, ai tempi e alle modalità richieste dalla situazione Produrre testi scritti a seconda degli scopi e dei destinatari, corretti dal punto di vista ortografico e strutturale Matematica Conoscere e applica algoritmi, formule e procedure in situazioni strutturate. Scegliere strategie opportune per risolvere situazioni problematiche, leggendo e utilizzando anche forme simboliche Concettualizzare e valuta strategie per affrontare problemi via via più complessi e in contesti vari Scienze Osservare, analizzare situazioni e coglierne gli elementi essenziali, anche con l uso di strumenti. Mettere in relazione fenomeni, cogliendone cause ed effetti, analogie e differenze, formulando regole generali. Descrivere e rappresentare fenomeni, utilizzando linguaggi diversi: simboli, tabelle, grafici, semplici simulazioni. Sviluppare atteggiamenti di riflessione e di interesse per le problematiche scientifiche. Tecnologia Riconoscere semplici sistemi tecnici, individuandone il tipo di funzione e descrivendone le caratteristiche Analizzare e rappresentare processi, ricorrendo a vari strumenti(grafici, tabelle, mappe..formule, regole..) 10

11 Comprendere e predisporre processi e procedure per ideare, progettare e realizzare oggetti fisici, grafici o virtuali Mettere in relazione la tecnologia con i contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla Usare strumenti informatici per risolvere problemi attraverso documentazioni, grafici e tabelle. Riprodurre ed utilizzare immagini, scrivere ed archiviare dati, selezionare siti internet ed usare in modo mirato motori di ricerca Musica Possedere le elementari tecniche esecutive di strumenti Eseguire brani corali ad una o più voci Improvvisare sequenze ritmiche melodiche Riconoscere e analizzare caratteristiche e forme di opere musicali di vario genere, stile e tradizione. Arte e immagine Saper creare immagini grafico-pittoriche utilizzando, in modo personale ed adeguato, differenti tecniche Saper distinguere gli elementi fondamentali dei vari periodi storico-artistico-culturali Motoria Conoscere il proprio corpo e il suo funzionamento Padroneggiare le conoscenze e le abilità che consentono, mediante l esercizio fisico, il gioco organizzato e la pratica sportiva, un equilibrato sviluppo della persona, sia in ambito sportivo, sia in esperienze di vita quotidiana Valutare criticamente le esperienze motorie e sportive vissute utilizzando le competenze acquisite per svolgere funzioni di giuria e di arbitraggio. Attraverso la pratica sportiva imparare a relazionarsi con gli altri e mettere in atto comportamenti operativi e organizzativi all interno del gruppo nel rispetto delle regole stabilite 11

12 Modelli organizzativi Tempo normale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Tempo normale a indirizzo musicale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Un rientro per lo studio di uno strumento Tempo Prolungato Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Due rientri pomeridiani per l approfondimento della lingua italiana e delle materie scientifiche Tempo prolungato a indirizzo musicale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Due rientri pomeridiani per l approfondimento della lingua italiana e delle materie scientifiche Un rientro per lo studio di uno strumento 12

13 Organizzazione oraria L'attività didattica curricolare, 30 ore, si svolge in sei giorni settimanali dal lunedì al sabato. Scansione oraria per il tempo normale Prima ora Seconda ora Ricreazione Terza ora Quarta ora Quinta ora Scansione oraria per il tempo prolungato Prima ora Seconda ora Ricreazione Terza ora Quarta ora Quinta ora Mensa Sesta ora Settima ora Tutti i giorni, tranne il mercoledì e il sabato, viene fornito agli alunni che si trattengono a scuola per le attività pomeridiane il servizio mensa. Le lezioni di strumento si svolgono nel pomeriggio. Orario settimanale discipline Discipline Prime classi Seconde classi Terze classi T.N T.P T.N T.P T.N T.P Italiano Storia - Geografia Matematica-Scienze Inglese Francese Tecnologia Informatica Arte e immagine Musica Scienze motorie Approfondimento Religione Mensa Totale

14 La Valutazione La valutazione (preventiva, formativa, orientativa e sommativa) nel processo di insegnamentoapprendimento rappresenta l accertamento relativamente all efficacia dei processi educativi e formativi così come programmati in termini di obiettivi dal Collegio dei Docenti, dal Consiglio di classe e dai singoli docenti. La valutazione è quindi indispensabile al docente per verificare in itinere la rispondenza tra obiettivi e risultati ottenuti e, ove necessario, per apportare i dovuti adeguamenti all azione didattica così come previsto dal contratto formativo. Nei confronti dello studente ha invece le seguenti funzioni: Preventiva: all inizio dell anno scolastico, offre allo studente la descrizione esatta delle sue capacità e la conoscenza del suo operato; offre al docente le conoscenze necessarie sul piano cognitivo e affettivo-motivazionale per l organizzazione del proprio piano didattico, delle necessarie iniziative di recupero, dei prerequisiti e degli aspetti comportamentali dell allievo. Formativa: durante l anno scolastico, nel corso di un segmento educativo, informa lo studente relativamente al livello raggiunto all interno del processo formativo, consentendogli di capire cosa deve fare individualmente e che cosa deve chiedere agli insegnanti ed alla scuola; permette al docente di progettare i necessari aggiustamenti del processo di apprendimento in atto, quali le pause didattiche disciplinari, i recuperi singoli e/o di gruppo. Orientativa: consente allo studente di comprendere quali siano i punti di forza e di debolezza nel proprio processo formativo. Sommativa: durante l anno scolastico, alla fine di uno o più segmenti educativi, dà indicazioni allo studente sul livello di conoscenze e competenze raggiunte. Valutazione alunni stranieri Un discorso a parte merita la valutazione degli alunni stranieri che, sempre più numerosi, sono presenti nella scuola italiana. La nostra scuola ospita attualmente 55 alunni provenienti da diversi paesi anche extraeuropei e per essi, già a partire dal 2001, sono stati attuati progetti di integrazione e di insegnamento dell italiano L2. La valutazione dei ragazzi stranieri non ha evidentemente una funzione soltanto certificativa, ma soprattutto formativa. La normativa in merito (CM. 24-1/3/2006) rafforza la responsabilità delle scuole e dei docenti, affermando che: Il collegio dei docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri, il necessario adattamento dei programmi di insegnamento; e gli interventi individualizzati per facilitare l apprendimento della lingua italiana. In questo quadro, pertanto la valutazione dovrà tener conto delle competenze raggiunte in base al livello di scolarizzazione, alle conoscenze pregresse e al contesto socio-culturale di appartenenza nel paese di origine nonché le differenze tra la lingua madre e l italiano. La valutazione si avvale dei seguenti interventi: Valutazione diagnostica ( test di ingresso, continuità con la scuola elementare) formativa e finale Attuazione di iniziative capaci di fornire agli alunni gli strumenti necessari per operare in modo responsabile le scelte successive al conseguimento del diploma di scuola media ( test di approfondimento della conoscenza di sé, test attitudinali, coordinamento con le scuole superiori) Progettazione di itinerari specifici e attività di recupero Prove di verifica mirate a misurare il grado di acquisizione delle competenze stabilite nei piani di lavoro Prove di esame (classi terze) 14

15 prende in considerazione i seguenti elementi: situazione di partenza progressi nella maturazione complessiva livello di approfondimento delle competenze continuità ed intensità dell impegno e della partecipazione curriculum scolastico e prove d esame per l esame di licenza avviene: inizio anno scolastico, in itinere, certificata attraverso la compilazione di un pagellino quadrimestrale al termine del quadrimestre con la consegna della scheda di valutazione al termine dell anno scolastico. prevede la non ammissione alla classe successiva per: frequenza inferiore ai ¾ del monte orario voto di comportamento insufficiente rendimento insufficiente anche in una sola disciplina (con voto di consiglio) TABELLA PARAMETRI VALUTATIVI/ VALUTAZIONE IN DECIMI VOTO GIUDIZIO SINTETICO GIUDIZIO ANALITICO DIECI NOVE OTTO SETTE SEI Rendimento ottimo: pieno raggiungimento degli obiettivi Rendimento distinto: raggiungimento degli obiettivi Rendimento buono: raggiungimento degli obiettivi Rendimento sufficiente: raggiungimento degli obiettivi minimi L alunno dimostra padronanza dei contenuti e dei concetti e capacità di applicare efficacemente le conoscenze acquisite. E in grado di fare approfondimenti, riflessioni e considerazioni personali, evidenziando capacità critiche e creative. L alunno dimostra di possedere conoscenze approfondite; procede con autonomia e sicurezza applicativa. Si esprime con chiarezza argomentativa, correttezza formale ed espressiva. L alunno dimostra discreta sicurezza nelle conoscenze e nelle applicazioni, pur commettendo qualche errore non determinante. Possiede competenze ed abilità non ancora stabilmente consolidate. Si esprime in modo corretto e lineare. L alunno dimostra di aver acquisito gli elementi minimi in termini di conoscenze, competenze e abilità. Mostra di saperli applicare anche se con errori non pregiudizievoli sia di contenuto che di forma. CINQUE Rendimento insufficiente: raggiungimento parziale degli obiettivi QUATTRO Rendimento gravemente insufficiente: mancato raggiungimento degli obiettivi L alunno dimostra l acquisizione parziale degli strumenti minimi indispensabili con limitate capacità di applicazione. La comunicazione è in genere incerta. Le acquisizioni dell alunno appaiono frammentarie con conseguenti difficoltà nella organizzazione logica dei contenuti. Necessita di essere guidato nei procedimenti applicativi e nella comunicazione. TRE Rendimento nullo. Il carattere frammentario delle poche acquisizioni, i numerosi errori nell applicazione mostrano l inconsistenza della preparazione sia a livello di contenuti sia di competenze e abilità. 15

16 La legge 169/2008 e successivo regolamento attuativo, prevede che dall anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria: la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite, nonché la valutazione dell esame finale del ciclo, siano effettuate mediante l attribuzione di voti numerici espressi in decimi sono ammessi alla classe successiva gli studenti che hanno ottenuto, con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe, un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline Sono ammessi all esame di Stato a conclusione del ciclo gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI VOTO DIECI NOVE OTTO SETTE SEI CINQUE Lo studente dimostra: un comportamento partecipe e costruttivo all interno della classe, non limitato ad una sola correttezza formale un comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell istituto consapevolezza del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell impegno un comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell istituto consapevolezza del proprio dovere e continuità nell impegno un comportamento generalmente rispettoso delle regole dell istituto e per lo più corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti o con le altre figure operanti nella scuola una incerta consapevolezza del proprio dovere. un comportamento vivace e poco controllato, a volte non corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola incostanza nell impegno e poca consapevolezza del proprio dovere un comportamento poco rispettoso nei confronti delle regole dell istituto, dei compagni, degli insegnanti e delle altre figure che operano nella scuola. Tali comportamenti sono stati annotati sul registro e riferiti ai genitori ed al consiglio di classe inadeguatezza nello svolgere il proprio dovere e mancanza di impegno Comportamenti di particolare gravità che abbiano condotto all irrogazione di sanzioni disciplinari con l allontanamento temporaneo per periodi superiori a quindici giorni. Successivamente alla irrogazione delle sanzioni non vengono notati apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento. La legge 169/2008, prevede che dall anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria di primo grado: la votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all esame conclusivo del ciclo. 16

17 Coordinatori e segretari dei consigli di classe CLASSE COORDINATORE SEGRETARIO 1A TAMBURI ANNA RITA TRIBBIOLI SILVIA 1B CENCIONI CLAUDIA BROCCOLETTI MASSIMO 1C CARDINALI GIOVANNELLA RANOCCHIA ALESSANDRA 1D PIETROPAOLI ELISA ARCELLI MARILENA 1E MIGLIARINI FRANCESCA CARLIZZI M. GABRIELLA 1F GAMBACORTA DANIELE NICOLI CLAUDIO 2A CIPOLLA M. EUGENIA (Suppl.te ROSSI LORETTA MANCINELLI SILVANA 2B CARLETTI M. TERESA DI GENOVA ORNELLA 2C LETIZIA ANTONINO INGEGNI GABRIELLA 2D DI TULLO ANTONELLA DEGLI ESPOSTI MICHELA 2E DEGLI ESPOSTI MICHELA CURTI GIAN LUCA 3A LANFALONI PAOLA BETTONA M.BEATRICE 3B PICCHIARELLI ANTONELLA DENTINI PATRIZIA 3C PAGANO ANNA MARIA MANCINELLI GIOVANNA 3D BENEDUCE LORENA BIGANTI ROSSELLA 3E PINNA CECILIA MAGLIARINI FRANCESCA 3F GAMBACORTA DANIELE MENCARELLI DANIELA Rappresentanti genitori e alunni CLASSE Rappresentanti genitori Rappresentanti alunni 1A MINELLI CINZIA PETRONI ELISABETTA CASTELLANI RITA BELFICO CHIARA 1B DIOTALLEVI CARLA MARANO MARIAROSARIA GIOMMETTI CRISTIANA TESTINI GIANLUCA DIONISI LUDOVICA 1C PICCIAFUOCO MARCO CEPPITELLI ENRICO MUSANGO EBELLE RICCARDO 1D SCORPIONI ELEONORA PANCIAROLA FABIO MAESTRINI SANDRA CALONI CRISTINA PANCIAROLA GIORGIA 1E BIANCHI MARTINA PANICO FRANCESCA GJEZI ALBANA TRIBBIOLI SIMONA SECCA CATERINA 1F CARLANI GIORGIO RUBBIONI SIMONA MAGRINI OTTAVIO SURIANI STEFANO SURIANI MATTIA 2A PERUGINI CARLA DOGANA NOELA LUCERTINI GIUSEPPINO RUSSO GENNARO RUSSO GIAN MARCO 2B BATTAGLINI LUIGI VECCHINI LORENZO 17

18 2C 2D 2E 3A 3B 3C 3D 3E 3F CESARINI LUCA CARLANI MERI CHIODINI M.LUCIA MATTIELLO MARCO CIMINATI PATRIZIA BORIO GIOVANNI MORETTI ELENA BICCINI BARBARA FERRERO GIOVANNA MESSINI GIANLUCA DE MARZO DEBORA BARBIERI CLAUDIO GRAZIESCHI IANITO MELINELLI MONIA POMPIERI SIMONA MATTIOLI SABRINA GENITLE ELIANA PARRETTA PAOLA TREQUATTRINI NADIA CURRENTI LORELLA DE STEFANIS EMANUELA SEDINI AGNESE BUONFANTE RAFFAELE CORDOVA GUZMAN GENNY POGGIONI CRISTINA SURIANI VITTORIO RUBECA MONICA VESTRELLA PATRIZIA BIANCHI RENATA FELICIOTTI ROBERTA VINCENTI ANTONIO SPORTOLARI ALESSANDRA ORECCHINI ROBERTO AVITABILE M. ROSARIA POCHINI FRANCESCO CAPACCETTI MICHELE GARGAGLI LORENZO TAVOLETTA GIADA RIGANELLI ANDREA TENERINI FRANCESCO TICCHIONI RICCARDO BERIOLI NICOLA DI NARDO GIACOMO VINCENTI BEATRICE CAPACCETTI FEDERICO 18

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico AREA DI ISTRUZIONE GENERALE RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 2 GRADO TECNICA E PROFESSIONALE Paolo Sarpi Scuola ESABAC Sede legale: via Brigata Osoppo -33078 San Vito al Tagliamento (PN) tel. 0434/80496 tel.0434/80372 fax 0434/833346

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Modugno - Via P. Annibale M. di Francia, Grumo - Via Roma, L ISTITUTO ECONOMICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò CAPITOLO 2 L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Indirizzo: Relazioni Internazionali Indirizzo:

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 3 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: REALIZZAZIONE DI UNA PROTESI PARZIALE MOILE IN RESINA CON GANCI A FILO, REALIZZAZIONE DI UN ELEMENTO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

REGOLAMENTO CORSO SERALE

REGOLAMENTO CORSO SERALE Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Tecnico Economico Libero de Libero Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi Informativi

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico In Primo 33 ore alla settimana Orario dalle 8:00 alle ore 13:30 Dal Secondo al Quinto 32 ore alla settimana Orario : Lunedì

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi Claudia de Medici Bolzano Il 14 dicembre 2010 con delibera della Giunta Provinciale l Istituto De Medici è diventato

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli