ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI"

Transcript

1 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MAZZINI Scuola secondaria di 1 grado Istituto Tecnico Economico Piazza Simoncini Magione (PG) C.F tel fax e mail: PEC : Piazza Simoncini n.1 Magione (PG) Scuola secondaria I grado: Sede Tel Fax Scuola secondaria di II grado ITE Tel Sito web : PEC : 1

2 INDICE POF: definizione.pag. 3 Magione e il suo territorio pag. 3 I bisogni dei ragazzi nel territorio.pag. 4 Storia della scuola: Scuola secondaria di 1 grado pag. 5 Istituto Tecnico Economico pag. 6 Organigramma della scuola.. pag. 7 Scuola Secondaria di 1 grado Obiettivi formativi e specifici di apprendimento.pag. 8 Modelli organizzativi...pag 12 Organizzazione oraria..pag 13 La Valutazione.pag 14 Coordinatori e segretari dei consigli di classe.pag. 17 Rappresentanti genitori e alunni.pag. 17 Istituto Tecnico Economico Premessa..pag.19 Organizzazione oraria...pag.19 Caratteri innovativi dell ITE di Magione.pag.22 Competenze chiave..pag.22 Risultati di apprendimento... pag.23 La valutazione..pag.25 Coordinatori e segretari dei consigli di classe. pag.29 Rappresentanti genitori e alunni. pag.30 Incarichi d Istituto.pag.31 Dati numerici.pag.33 Attività progettuale della scuola...pag.34 2

3 POF PIANO Progetto, mappa che comunica in modo leggibile l offerta formativa OFFERTA Servizio che la scuola si impegna a realizzare FORMATIVA Finalità educative e formative E il documento che presenta l insieme delle attività della scuola che contribuiscono a promuovere lo sviluppo della persona umana, valorizzando le identità e le radici culturali di ogni alunno. Magione e il suo territorio Con una superficie di 129 km quadrati sui quali risiedono circa abitanti, due terzi dei quali fanno capo a 14 frazioni, Magione è uno dei pochi comuni dell Umbria che registra un apprezzabile crescita demografica, effetto rilevante di recenti immigrazioni dal sud e da paesi stranieri. Il territorio di Magione, lungo l asse viario che collega Perugia al Trasimeno, rappresenta uno trai più importante poli commerciali dell Umbria e con le sue grandi superfici di vendita, ha sostituito in molti casi le preesistenti attività produttive, soprattutto quelle di media dimensione. Contemporaneamente e nella stessa area, sono nate decine di piccole aziende. Nonostante queste radicali riconversioni economiche dell ultimo decennio, Magione si caratterizza a tutt oggi per un forte pendolarismo verso Perugia e il suo hinterland, per lavoro, studio e svago. In questo contesto l Istituto Omnicomprensivo Mazzini rappresenta, quindi, una delle agenzie formative più importanti, in grado di proporre attività e momenti di aggregazione di rilevante valore culturale ed educativo. 3

4 I bisogni dei ragazzi nel loro territorio Problemi Livelli di istruzione medio-bassi Condizionamenti da parte di modelli alternativi a quelli familiari Problematiche all' interno della famiglia Manifestazioni di disagi sociali Bisogni La formazione del cittadino attivo e responsabile La capacità di interpretare la realtà, cogliendone i valori positivi. La prevenzione del disagio L'inserimento dei giovani nelle opportunità lavorative offerte dal territorio (imprese a vocazione commerciale, turistica ed agricola) Risorse L Amministrazione Comunale Un associazionismo attivo ed impegnato che collabora con Caritas, Misericordia, Centro Anziani, Pro-Loco, Avis ed Admo La Comunità Montana Il Museo della Pesca L Oasi la Valle di S.Savino La Biblioteca Comunale e l Archivio storico La Compagnia teatrale magionese Le Bande musicali di Agello e Magione L Azienda Sanitaria Locale Teatro comunale Mengoni e Cinema Gherlinda Aziende private 4

5 Storia dell Istituto Omnicomprensivo Mazzini Il I settembre 2009 viene inaugurato l Istituto Omnicomprensivo G.Mazzini risultato dell accorpamento della scuola media e dell ITE La scuola media: ieri e oggi Così come si apprende dai diari del professor Publio Trento Bartoccioni, sindaco di Magione dal 1946 e nei primi anni 50, la scuola media a Magione e ad Agello fu istituita il 1 Ottobre Il sindaco a lungo sollecitò il Ministero della Pubblica Istruzione per la sua istituzione. Egli ne è stato insegnante di lettere durante la presidenza del prof. Cesare Poletti. Le aule erano ospitate presso i locali della odierna Società di Mutuo Soccorso in p.zza Matteotti; più tardi la scuola fu trasferita presso il cosiddetto "Ospedaletto", ora centro di recupero e di riabilitazione per le persone non autosufficienti. Nell'anno scolastico 1971/1972 venne inaugurata la nuova sede della scuola media in via della Ripa, attuale scuola dell'infanzia e primaria. La scuola media di Agello visse indipendentemente dalla scuola di Magione, fino all'istituzione della scuola media dell'obbligo nel I locali erano stati preparati nella ex-casa del Fascio, sorta sulla precedente Società di Mutuo Soccorso. L edificio è stato ristrutturato completamente nel corso dell anno scolastico 1998/99. Il 10 Ottobre 2001 venne inaugurata la nuova sede della scuola costruita nell'area dell'ex-cementificio (in zona Stazione), progettata dall'architetto Giuliano Carrozza secondo i canoni dell'archeologia industriale. Il nuovo edificio dispone di dodici aule ordinarie, otto aule speciali riservate all educazione linguistica, artistica, scientifico-tecnologica, informatica e multimediale; due biblioteche, un settore (quattro aule) attrezzato per l insegnamento dei seguenti strumenti musicali: chitarra, violino, pianoforte, clarinetto. Le attività sportive si svolgono in palestra, nell ampio spazio all aperto circostante la scuola e al Palazzetto dello Sport ove, gli alunni possono recarsi a piedi. Un confortevole locale è adibito a mensa ed è riservato a tutti gli alunni che debbano svolgere attività pomeridiane. Nel piano degli uffici si apre l aula magna, in cui è possibile riunirsi in assemblea. Dal dicembre 2009, in seguito al terremoto, gli alunni di Agello frequentano presso la struttura centrale di Magione. La scuola G. Mazzini si caratterizza, fin dall'anno scolastico 1989/90, per la presenza del corso ad indirizzo musicale che prevede lo studio di uno strumento (clarinetto, pianoforte, violino, chitarra), materia curricolare a tutti gli effetti, scelta al momento dell'iscrizione alla classe prima per essere portata avanti nell'arco del triennio e impartita da docenti di ruolo. L'insegnamento dello strumento musicale costituisce una interessante integrazione all'educazione musicale oltre che un arricchimento culturale. 5

6 L Istituto tecnico economico: ieri e oggi La città di Magione ha una lunga tradizione di scuole superiori ad indirizzo commerciale-turistico. In epoca recente, e cioè da 24 anni, infatti, ospita il nostro attuale Istituto Tecnico Economico (ITE), prima della Riforma Gelmini denominato Istituto Tecnico Commerciale (ITC). La scuola superiore di Magione nacque nel 1988 come sede distaccata dell ITC Capitini di Perugia, e dal settembre 1990 all agosto 2009 fu assegnata invece alla presidenza dell ITC Rosselli di Castiglione del Lago. Tuttavia la vocazione economico-turistica della città parte da molto lontano: va menzionato infatti a tal proposito l antico triennio dell Istituto Professionale per il Commercio e Turismo, soppresso nel 1996, vecchia sede distaccata dell IPC Pascal di Perugia, un tempo collocata presso l Ospedaletto di Magione. L ITC magionese nacque per iniziativa della provincia di Perugia, che lo istituì ristrutturando ed adattando la sede degli uffici delle ex-cementerie di Magione alla fine degli anni Ottanta, per venire incontro alla forte domanda di scolarizzazione tecnico commerciale dei ragazzi dei comuni del Trasimeno, in particolar modo Magione, Passignano, Tuoro, Corciano, Panicale, fino a Perugia. Va ricordato che la scuola superiore di Magione ha sempre avuto una forte attitudine all innovazione, precorrendo spesso i tempi: nel 1990, infatti, tra i primi in Italia, in via sperimentale l ITC di Magione optò per la sperimentazione IGEA (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale), che rivoluzionava la didattica tradizionale, anticipando di vent anni la Riforma Gelmini, e introducendo l informatica e l uso del computer in tutte le discipline; le due lingue straniere dal primo al quinto anno; il diritto, l economia politica e l economia aziendale fin dal biennio; il tutto con ben sei anni di anticipo rispetto all entrata in vigore della stessa sperimentazione in ordinamento in tutto il territorio nazionale (1996). Inoltre l ITE di Magione ha conosciuto, in tutti i suoi 24 anni di storia, un crescente afflusso studentesco che ha portato le originarie due classi del 1988, con una trentina di studenti, alle attuali sette classi con oltre 100 alunni, con un incremento del 350% degli utenti, nonché di tutto il personale della scuola docente, amministrativo, tecnico e ausiliario. Nel tempo si è mantenuto stabile il corso IGEA, che però successivamente, in base alla nuova normativa sul riordino degli istituti tecnici (D.P.R. n. 88 del 15 marzo 2010), si è trasformato in indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing. Ad esso, poi, dall anno scolastico , è stato affiancato il nuovo indirizzo Turismo. Un importante incremento dell offerta formativa nel comprensorio del Trasimeno, in controtendenza rispetto alla fase particolarmente critica che sta attraversando la scuola italiana, dovuta al calo demografico e a provvedimenti di razionalizzazione che, a partire dal 1992, hanno portato in tutto il territorio nazionale alla chiusura, alla riduzione o al ridimensionamento di molti istituti superiori. Nel tempo sono aumentate e si sono diversificate le attività progettuali, le iniziative didattiche, i laboratori, potenziati a livello soprattutto informatico, linguistico e scientifico, in risposta alle esigenze dell utenza stessa e al cambiamento delle prospettive formative della società attuale. 6

7 Organigramma Istituto Omnicomprensivo G.Mazzini Anno scolastico Dirigente Scolastico Consiglio Istituto Commissario straordinario Vicario Direttore di sede ITE Collegio docenti Consigli di classe D.S.G.A Sicurezza R.S.U Comitato di valutazione Segreteria amministrativa R.S.P.P. Organo di garanzia Funzioni strumentali Supporto informatico ai docenti Orientamento continuità Segreteria didattica Tecnico Collaboratori scolastici R.L.S. S.P.P. Sede S.S.1 BES- Bisogni Educativi Speciali Sede I.T.E. Aggiornamento Gruppi di lavoro P.O.F. G.L.I.-Gruppo lavoro inclusione Educazione alla salute Italiano L2 per stranieri Continuità 7

8 Scuola secondaria di primo grado Obiettivi Formativi e di Apprendimento Sulla base delle finalità generali che la scuola media persegue, dei bisogni fondamentali espressi dal contesto e dagli alunni, vengono di seguito indicati gli obiettivi formativi (Saper essere, sapere e saper fare) e gli obiettivi specifici di apprendimento, in base ai quali vengono effettuate le verifiche periodiche e finali sul rendimento scolastico: Saper Essere Tenere in ordine la propria persona Cura di sè Curare l igiene personale Assumere stili di vita sani Valutare realisticamente sé e il proprio lavoro Riconoscere i propri punti di forza e di debolezza Coscienza di sè Dimostrare sicurezza e fiducia nelle proprie possibilità Operare scelte consapevoli Senso di responsabilità Assumere impegni Mantenere gli impegni assunti Gestire le emozioni Controllare il comportamento nelle Autocontrollo varie situazioni Valutare le conseguenze del proprio operato Conoscere e comprendere i vari aspetti della realtà: le attività tecniche utili al miglioramento della vita, i rapporti tra le vicende storiche ed economiche, le istituzioni sociali e politiche nazionali e internazionali. Relazionalità Assumere atteggiamenti di tolleranza, di accettazione delle diversità, di solidarietà, di rispetto delle persone e dell ambiente. Confrontare le proprie idee con quelle degli altri. Lavorare insieme agli altri in un rapporto di reciproco rispetto, instaurando rapporti efficaci tra mondo della scuola, del lavoro e del territorio. Collaborazione Contribuire al lavoro comune ri-spettando tempi e modi Aiutare i compagni in difficoltà Avanzare proposte costruttive 8

9 Sapere e Saper fare Comprensione dei messaggi Cogliere il significato dei messaggi verbali parlati e scritti Cogliere il significato dei messaggi non verbali Organizzazione delle informazioni e dei concetti Produzione Impostare e risolvere problemi Organizzare le informazioni: prendere appunti, ricostruire sequenze, individuare concetti chiave, schematizzare, rielaborare, interpretare, riassumere, relazionare. Comunicare utilizzando in modo corretto le forme parlate e scritte in lingua italiana e in lingua straniera, linguaggi musicali, giuridici, figurativi, numeri, tecnologici e informatici. Metodo di studio Seguire le indicazioni di lavoro Applicarsi per un tempo adeguato Predisporre gli strumenti e i materiali necessari Utilizzarli in modo logico, appropriato Eseguire il lavoro da soli Essere puntuali Avere cura dei propri lavori 9

10 Obiettivi specifici di apprendimento Al termine primo ciclo di istruzione Lingua italiana: Comprendere testi di uso quotidiano, letterali o non (espositivi, narrativi, descrittivi) Riorganizzare le informazioni in appunti, schemi, tabelle, testi di sintesi vari Produrre oralmente con chiarezza e correttezza formale, attenendosi al tema e alla situazione comunicativa Produrre testi scritti a seconda degli scopi e dei destinatari, rispettandone i parametri e i registri linguistici Rielaborare personalmente contenuti, temi e messaggi Riconoscere ed utilizza le strutture morfosintattiche della lingua anche negli aspetti storicoevolutivi Storia e geografia Saper orientarsi nello spazio e nel tempo, operando confronti tra realtà geografiche e storiche diverse, per comprendere da un lato le caratteristiche specifiche della civiltà europea, e dall altro le somiglianze e le differenze tra la nostra e le altre civiltà del mondo Lingua straniera Comprendere il significato globale di messaggi orali e scritti su argomenti noti, e individua, in modo analitico le informazioni contenute in essi Interagire in situazioni comunicative orali, formali e informali, attenendosi al tema, ai tempi e alle modalità richieste dalla situazione Produrre testi scritti a seconda degli scopi e dei destinatari, corretti dal punto di vista ortografico e strutturale Matematica Conoscere e applica algoritmi, formule e procedure in situazioni strutturate. Scegliere strategie opportune per risolvere situazioni problematiche, leggendo e utilizzando anche forme simboliche Concettualizzare e valuta strategie per affrontare problemi via via più complessi e in contesti vari Scienze Osservare, analizzare situazioni e coglierne gli elementi essenziali, anche con l uso di strumenti. Mettere in relazione fenomeni, cogliendone cause ed effetti, analogie e differenze, formulando regole generali. Descrivere e rappresentare fenomeni, utilizzando linguaggi diversi: simboli, tabelle, grafici, semplici simulazioni. Sviluppare atteggiamenti di riflessione e di interesse per le problematiche scientifiche. Tecnologia Riconoscere semplici sistemi tecnici, individuandone il tipo di funzione e descrivendone le caratteristiche Analizzare e rappresentare processi, ricorrendo a vari strumenti(grafici, tabelle, mappe..formule, regole..) 10

11 Comprendere e predisporre processi e procedure per ideare, progettare e realizzare oggetti fisici, grafici o virtuali Mettere in relazione la tecnologia con i contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla Usare strumenti informatici per risolvere problemi attraverso documentazioni, grafici e tabelle. Riprodurre ed utilizzare immagini, scrivere ed archiviare dati, selezionare siti internet ed usare in modo mirato motori di ricerca Musica Possedere le elementari tecniche esecutive di strumenti Eseguire brani corali ad una o più voci Improvvisare sequenze ritmiche melodiche Riconoscere e analizzare caratteristiche e forme di opere musicali di vario genere, stile e tradizione. Arte e immagine Saper creare immagini grafico-pittoriche utilizzando, in modo personale ed adeguato, differenti tecniche Saper distinguere gli elementi fondamentali dei vari periodi storico-artistico-culturali Motoria Conoscere il proprio corpo e il suo funzionamento Padroneggiare le conoscenze e le abilità che consentono, mediante l esercizio fisico, il gioco organizzato e la pratica sportiva, un equilibrato sviluppo della persona, sia in ambito sportivo, sia in esperienze di vita quotidiana Valutare criticamente le esperienze motorie e sportive vissute utilizzando le competenze acquisite per svolgere funzioni di giuria e di arbitraggio. Attraverso la pratica sportiva imparare a relazionarsi con gli altri e mettere in atto comportamenti operativi e organizzativi all interno del gruppo nel rispetto delle regole stabilite 11

12 Modelli organizzativi Tempo normale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Tempo normale a indirizzo musicale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Un rientro per lo studio di uno strumento Tempo Prolungato Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Due rientri pomeridiani per l approfondimento della lingua italiana e delle materie scientifiche Tempo prolungato a indirizzo musicale Attività curriculari 30 ore settimanali dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 13,30 Due rientri pomeridiani per l approfondimento della lingua italiana e delle materie scientifiche Un rientro per lo studio di uno strumento 12

13 Organizzazione oraria L'attività didattica curricolare, 30 ore, si svolge in sei giorni settimanali dal lunedì al sabato. Scansione oraria per il tempo normale Prima ora Seconda ora Ricreazione Terza ora Quarta ora Quinta ora Scansione oraria per il tempo prolungato Prima ora Seconda ora Ricreazione Terza ora Quarta ora Quinta ora Mensa Sesta ora Settima ora Tutti i giorni, tranne il mercoledì e il sabato, viene fornito agli alunni che si trattengono a scuola per le attività pomeridiane il servizio mensa. Le lezioni di strumento si svolgono nel pomeriggio. Orario settimanale discipline Discipline Prime classi Seconde classi Terze classi T.N T.P T.N T.P T.N T.P Italiano Storia - Geografia Matematica-Scienze Inglese Francese Tecnologia Informatica Arte e immagine Musica Scienze motorie Approfondimento Religione Mensa Totale

14 La Valutazione La valutazione (preventiva, formativa, orientativa e sommativa) nel processo di insegnamentoapprendimento rappresenta l accertamento relativamente all efficacia dei processi educativi e formativi così come programmati in termini di obiettivi dal Collegio dei Docenti, dal Consiglio di classe e dai singoli docenti. La valutazione è quindi indispensabile al docente per verificare in itinere la rispondenza tra obiettivi e risultati ottenuti e, ove necessario, per apportare i dovuti adeguamenti all azione didattica così come previsto dal contratto formativo. Nei confronti dello studente ha invece le seguenti funzioni: Preventiva: all inizio dell anno scolastico, offre allo studente la descrizione esatta delle sue capacità e la conoscenza del suo operato; offre al docente le conoscenze necessarie sul piano cognitivo e affettivo-motivazionale per l organizzazione del proprio piano didattico, delle necessarie iniziative di recupero, dei prerequisiti e degli aspetti comportamentali dell allievo. Formativa: durante l anno scolastico, nel corso di un segmento educativo, informa lo studente relativamente al livello raggiunto all interno del processo formativo, consentendogli di capire cosa deve fare individualmente e che cosa deve chiedere agli insegnanti ed alla scuola; permette al docente di progettare i necessari aggiustamenti del processo di apprendimento in atto, quali le pause didattiche disciplinari, i recuperi singoli e/o di gruppo. Orientativa: consente allo studente di comprendere quali siano i punti di forza e di debolezza nel proprio processo formativo. Sommativa: durante l anno scolastico, alla fine di uno o più segmenti educativi, dà indicazioni allo studente sul livello di conoscenze e competenze raggiunte. Valutazione alunni stranieri Un discorso a parte merita la valutazione degli alunni stranieri che, sempre più numerosi, sono presenti nella scuola italiana. La nostra scuola ospita attualmente 55 alunni provenienti da diversi paesi anche extraeuropei e per essi, già a partire dal 2001, sono stati attuati progetti di integrazione e di insegnamento dell italiano L2. La valutazione dei ragazzi stranieri non ha evidentemente una funzione soltanto certificativa, ma soprattutto formativa. La normativa in merito (CM. 24-1/3/2006) rafforza la responsabilità delle scuole e dei docenti, affermando che: Il collegio dei docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri, il necessario adattamento dei programmi di insegnamento; e gli interventi individualizzati per facilitare l apprendimento della lingua italiana. In questo quadro, pertanto la valutazione dovrà tener conto delle competenze raggiunte in base al livello di scolarizzazione, alle conoscenze pregresse e al contesto socio-culturale di appartenenza nel paese di origine nonché le differenze tra la lingua madre e l italiano. La valutazione si avvale dei seguenti interventi: Valutazione diagnostica ( test di ingresso, continuità con la scuola elementare) formativa e finale Attuazione di iniziative capaci di fornire agli alunni gli strumenti necessari per operare in modo responsabile le scelte successive al conseguimento del diploma di scuola media ( test di approfondimento della conoscenza di sé, test attitudinali, coordinamento con le scuole superiori) Progettazione di itinerari specifici e attività di recupero Prove di verifica mirate a misurare il grado di acquisizione delle competenze stabilite nei piani di lavoro Prove di esame (classi terze) 14

15 prende in considerazione i seguenti elementi: situazione di partenza progressi nella maturazione complessiva livello di approfondimento delle competenze continuità ed intensità dell impegno e della partecipazione curriculum scolastico e prove d esame per l esame di licenza avviene: inizio anno scolastico, in itinere, certificata attraverso la compilazione di un pagellino quadrimestrale al termine del quadrimestre con la consegna della scheda di valutazione al termine dell anno scolastico. prevede la non ammissione alla classe successiva per: frequenza inferiore ai ¾ del monte orario voto di comportamento insufficiente rendimento insufficiente anche in una sola disciplina (con voto di consiglio) TABELLA PARAMETRI VALUTATIVI/ VALUTAZIONE IN DECIMI VOTO GIUDIZIO SINTETICO GIUDIZIO ANALITICO DIECI NOVE OTTO SETTE SEI Rendimento ottimo: pieno raggiungimento degli obiettivi Rendimento distinto: raggiungimento degli obiettivi Rendimento buono: raggiungimento degli obiettivi Rendimento sufficiente: raggiungimento degli obiettivi minimi L alunno dimostra padronanza dei contenuti e dei concetti e capacità di applicare efficacemente le conoscenze acquisite. E in grado di fare approfondimenti, riflessioni e considerazioni personali, evidenziando capacità critiche e creative. L alunno dimostra di possedere conoscenze approfondite; procede con autonomia e sicurezza applicativa. Si esprime con chiarezza argomentativa, correttezza formale ed espressiva. L alunno dimostra discreta sicurezza nelle conoscenze e nelle applicazioni, pur commettendo qualche errore non determinante. Possiede competenze ed abilità non ancora stabilmente consolidate. Si esprime in modo corretto e lineare. L alunno dimostra di aver acquisito gli elementi minimi in termini di conoscenze, competenze e abilità. Mostra di saperli applicare anche se con errori non pregiudizievoli sia di contenuto che di forma. CINQUE Rendimento insufficiente: raggiungimento parziale degli obiettivi QUATTRO Rendimento gravemente insufficiente: mancato raggiungimento degli obiettivi L alunno dimostra l acquisizione parziale degli strumenti minimi indispensabili con limitate capacità di applicazione. La comunicazione è in genere incerta. Le acquisizioni dell alunno appaiono frammentarie con conseguenti difficoltà nella organizzazione logica dei contenuti. Necessita di essere guidato nei procedimenti applicativi e nella comunicazione. TRE Rendimento nullo. Il carattere frammentario delle poche acquisizioni, i numerosi errori nell applicazione mostrano l inconsistenza della preparazione sia a livello di contenuti sia di competenze e abilità. 15

16 La legge 169/2008 e successivo regolamento attuativo, prevede che dall anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria: la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite, nonché la valutazione dell esame finale del ciclo, siano effettuate mediante l attribuzione di voti numerici espressi in decimi sono ammessi alla classe successiva gli studenti che hanno ottenuto, con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe, un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline Sono ammessi all esame di Stato a conclusione del ciclo gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI VOTO DIECI NOVE OTTO SETTE SEI CINQUE Lo studente dimostra: un comportamento partecipe e costruttivo all interno della classe, non limitato ad una sola correttezza formale un comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell istituto consapevolezza del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell impegno un comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell istituto consapevolezza del proprio dovere e continuità nell impegno un comportamento generalmente rispettoso delle regole dell istituto e per lo più corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti o con le altre figure operanti nella scuola una incerta consapevolezza del proprio dovere. un comportamento vivace e poco controllato, a volte non corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola incostanza nell impegno e poca consapevolezza del proprio dovere un comportamento poco rispettoso nei confronti delle regole dell istituto, dei compagni, degli insegnanti e delle altre figure che operano nella scuola. Tali comportamenti sono stati annotati sul registro e riferiti ai genitori ed al consiglio di classe inadeguatezza nello svolgere il proprio dovere e mancanza di impegno Comportamenti di particolare gravità che abbiano condotto all irrogazione di sanzioni disciplinari con l allontanamento temporaneo per periodi superiori a quindici giorni. Successivamente alla irrogazione delle sanzioni non vengono notati apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento. La legge 169/2008, prevede che dall anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria di primo grado: la votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all esame conclusivo del ciclo. 16

17 Coordinatori e segretari dei consigli di classe CLASSE COORDINATORE SEGRETARIO 1A TAMBURI ANNA RITA TRIBBIOLI SILVIA 1B CENCIONI CLAUDIA BROCCOLETTI MASSIMO 1C CARDINALI GIOVANNELLA RANOCCHIA ALESSANDRA 1D PIETROPAOLI ELISA ARCELLI MARILENA 1E MIGLIARINI FRANCESCA CARLIZZI M. GABRIELLA 1F GAMBACORTA DANIELE NICOLI CLAUDIO 2A CIPOLLA M. EUGENIA (Suppl.te ROSSI LORETTA MANCINELLI SILVANA 2B CARLETTI M. TERESA DI GENOVA ORNELLA 2C LETIZIA ANTONINO INGEGNI GABRIELLA 2D DI TULLO ANTONELLA DEGLI ESPOSTI MICHELA 2E DEGLI ESPOSTI MICHELA CURTI GIAN LUCA 3A LANFALONI PAOLA BETTONA M.BEATRICE 3B PICCHIARELLI ANTONELLA DENTINI PATRIZIA 3C PAGANO ANNA MARIA MANCINELLI GIOVANNA 3D BENEDUCE LORENA BIGANTI ROSSELLA 3E PINNA CECILIA MAGLIARINI FRANCESCA 3F GAMBACORTA DANIELE MENCARELLI DANIELA Rappresentanti genitori e alunni CLASSE Rappresentanti genitori Rappresentanti alunni 1A MINELLI CINZIA PETRONI ELISABETTA CASTELLANI RITA BELFICO CHIARA 1B DIOTALLEVI CARLA MARANO MARIAROSARIA GIOMMETTI CRISTIANA TESTINI GIANLUCA DIONISI LUDOVICA 1C PICCIAFUOCO MARCO CEPPITELLI ENRICO MUSANGO EBELLE RICCARDO 1D SCORPIONI ELEONORA PANCIAROLA FABIO MAESTRINI SANDRA CALONI CRISTINA PANCIAROLA GIORGIA 1E BIANCHI MARTINA PANICO FRANCESCA GJEZI ALBANA TRIBBIOLI SIMONA SECCA CATERINA 1F CARLANI GIORGIO RUBBIONI SIMONA MAGRINI OTTAVIO SURIANI STEFANO SURIANI MATTIA 2A PERUGINI CARLA DOGANA NOELA LUCERTINI GIUSEPPINO RUSSO GENNARO RUSSO GIAN MARCO 2B BATTAGLINI LUIGI VECCHINI LORENZO 17

18 2C 2D 2E 3A 3B 3C 3D 3E 3F CESARINI LUCA CARLANI MERI CHIODINI M.LUCIA MATTIELLO MARCO CIMINATI PATRIZIA BORIO GIOVANNI MORETTI ELENA BICCINI BARBARA FERRERO GIOVANNA MESSINI GIANLUCA DE MARZO DEBORA BARBIERI CLAUDIO GRAZIESCHI IANITO MELINELLI MONIA POMPIERI SIMONA MATTIOLI SABRINA GENITLE ELIANA PARRETTA PAOLA TREQUATTRINI NADIA CURRENTI LORELLA DE STEFANIS EMANUELA SEDINI AGNESE BUONFANTE RAFFAELE CORDOVA GUZMAN GENNY POGGIONI CRISTINA SURIANI VITTORIO RUBECA MONICA VESTRELLA PATRIZIA BIANCHI RENATA FELICIOTTI ROBERTA VINCENTI ANTONIO SPORTOLARI ALESSANDRA ORECCHINI ROBERTO AVITABILE M. ROSARIA POCHINI FRANCESCO CAPACCETTI MICHELE GARGAGLI LORENZO TAVOLETTA GIADA RIGANELLI ANDREA TENERINI FRANCESCO TICCHIONI RICCARDO BERIOLI NICOLA DI NARDO GIACOMO VINCENTI BEATRICE CAPACCETTI FEDERICO 18

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli