AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING"

Transcript

1 Piano Offerta Formativa SETTORE ECONOMICO Francesco Crispi Palermo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING Anno Scolastico 2014/15

2 Il Piano dell Offerta Formativa del settore economico F. Crispi Indice generale Premessa Aree d intervento del POF L OFFERTA FORMATIVA: - L indirizzo dell Istituto - Il PECUP - Orario delle lezioni Patto educativo di Corresponsabilità (solo per l ITC F. Crispi) Il contesto socio ambientale ed economico L organizzazione didattica: - 1) i dipartimenti - 2) consigli di classe - 3) le funzioni strumentali all offerta formativa La valutazione degli studenti Tipologia di verifiche Modalità di espressione del voto in sede di valutazione intermedia Attribuzione del voto di condotta Scrutini finali Attribuzione del credito scolastico e formativo Rinvio della formulazione del giudizio finale L ampliamento dell Offerta Formativa Piano integrato 2014/2015 Progetti finanziati dal Consiglio d'istituto

3 A) Progetti relativi ai Dipartimenti B ) P.O.R. P.O.N. C) Corsi IDEI Formazione e aggiornamento dei docenti Criteri per l autovalutazione d Istituto (solo per l ITC F. Crispi) Piano di attività per l integrazione degli studenti diversamente abili Dati

4 PREMESSA Il Collegio dei docenti intende con il presente Piano dell Offerta Formativa, definire le LINEE GENERALI GUIDA del percorso formativo che interessa le studentesse e gli studenti frequentanti l Istituto e gli aspetti organizzativi ad esso collegati, tenendo conto delle risorse disponibili e delle proposte dei diversi Organi collegiali, ad alcuni dei quali partecipano anche rappresentanti dei genitori. Tali linee generali guida sono a carattere pluriennale pur se sottoposte a revisione, ove muti lo scenario complessivo di riferimento. Ad inizio di ogni anno scolastico, formalmente, se ne fa richiamo al momento dell approvazione del Piano INTEGRATO annuale delle attività, Piano che per sua natura intrinseca ha carattere periodico. Secondo i dettami dell Autonomia, si intende attuare una progettazione educativa fondata sui bisogni formativi dell utenza e sulle finalità condivise con la comunità scolastica e col territorio a cui il POF viene proposto come documento di lavoro, nella consapevolezza della possibilità di essere modificato e della sua flessibilità in vista di un vero successo formativo di ogni studente. E possibile consultare la redazione del POF anche sul sito del Nostro Istituto AREE D INTERVENTO DEL POF Il Piano dell'offerta Formativa (POF), definisce le strategie adottate dall Istituto per migliorare la qualità dei propri processi formativi, nonché le linee di intervento mirate a ridefinire/riqualificare le diverse professionalità degli operatori. Il POF è articolato in tre aree: quella formativa prevede - il perseguimento di linee di azione tese a consolidare i diritti e i doveri di cittadinanza attraverso lo sviluppo del senso di appartenenza e di solidarietà, nell'ambito della comunità scolastica; - la diversificazione delle proposte formative in modo da rispondere alle esigenze culturali e sociali proprie di ciascuno studente allo scopo di orientarlo a costruire il proprio progetto di vita; - il potenziamento ed il coinvolgimento attivo degli studenti, ponendo attenzione alle componenti della formazione fondate sul sapere, sul saper fare e sul saper essere; - la promozione di attività didattico-formative in forma integrata con altre agenzie formative e con il territorio; - la valorizzazione del metodo scientifico e del sapere tecnologico, che abituano al rigore, all onestà intellettuale, alla libertà di pensiero, valori fondamentali per la costruzione di una società aperta e democratica; - lo sviluppo del pensiero critico, delle competenze per imparare ad imparare e delle metodologie dell apprendimento attivo, aperto al rapporto con il mondo del lavoro; - lo sviluppo di attitudini all autoapprendimento, al lavoro di gruppo e alla formazione continua. quella didattica prevede di: - accentuare il ruolo delle scelte didattiche consapevoli come momento chiave del processo di insegnamento/apprendimento; - sviluppare la dimensione metacognitiva dell'insegnamento in relazione ai bisogni individuali dell'apprendimento; - servirsi oltre che di metodi induttivi e di metodologie partecipative, di una intensa e diffusa didattica di laboratorio, estesa anche alle discipline dell area di istruzione generale con l utilizzo, in particolare, delle tecnologie dell informazione e della comunicazione, di

5 ttività progettuali e di alternanza scuola-lavoro per sviluppare il rapporto col territorio e le sue risorse. quella dell'organizzazione dell'ambiente formativo prevede di : - attivare il coordinamento dell'azione formativa con famiglie, servizi socio-sanitari ed altre agenzie territoriali; - potenziare servizi di consulenza, tutorato e orientamento per gli studenti, in particolare per quelli nella fascia dell'obbligo scolastico; - attivare o consolidare servizi di sostegno all'attività docente; - potenziare l'assunzione di responsabilità collegiale nel coordinamento didattico e nella gestione complessiva del POF; - creare condizioni favorevoli alle relazioni fra operatori e studenti e, rispettivamente, tra i membri di ciascuna categoria. Il Piano garantisce l unità culturale e formativa del progetto educativo dell istituto, con l'obiettivo di: - realizzare ed evidenziare l identità educativa e formativa dell Istituto - descrivere l offerta formativa e le relative strategie in relazione a bisogni, domande e obiettivi di formazione - garantire organicità e continuità all opera educativa e didattica nel passaggio da un ordine all altro (scuola media-biennio, biennio-triennio, triennio-formazione post-secondaria, mondo del lavoro, università). L OFFERTA FORMATIVA SETTORE ECONOMICO La formazione di cittadini attivi e responsabili nell ambito tecnico e scientifico richiede, anzitutto, una riflessione sul significato umano e sociale della scienza e della tecnica. L obiettivo primario dell istruzione tecnica consiste dunque nell educazione alla responsabilità nell uso delle scoperte scientifiche e della tecnologia, che fornisca la consapevolezza della necessità di uno sviluppo equilibrato e sostenibile, tale da garantire i beni comuni e porsi a vantaggio di tutti gli abitanti di un pianeta sempre più interdipendente. L Istruzione tecnica ha perciò l obiettivo di far acquisire la padronanza di competenze scientifiche e tecnologiche che consentano al diplomato tecnico di interpretare, partecipare, gestire e coordinare processi produttivi caratterizzati da innovazioni continue, anche in una prospettiva di sviluppo. Sul piano delle competenze si persegue il possesso di capacità comunicative e linguistiche insieme a quello delle competenze relative all autonomia nel lavoro, alla capacità di risolvere problemi, alle capacità di ideazione e di creatività. L INDIRIZZO DELL ISTITUTO Amministrazione, finanza e marketing comprende tre articolazioni: 1) Amministrazione, finanza e marketing 2) Sistemi informativi aziendali 3) Relazioni internazionali e Marketing Il profilo del Diplomato dell Istruzione tecnica è connotato da conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita e di lavoro e da abilità cognitive idonee per risolvere problemi e per muoversi, in autonomia e con modalità di lavoro in team, in ambiti caratterizzati da innovazioni continue.

6 Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. Nell articolazione Relazioni Internazionali e Marketing, lo studio di tre lingue straniere e percorsi didattici finalizzati al Marketing daranno allo studente la possibilità di conoscere il mercato del lavoro e sviluppare competenze linguistiche necessarie per l inserimento nel mondo del lavoro. il percorso di studi si articola in: primo biennio, secondo biennio e quinto anno che costituiscono un unico percorso formativo, le materie di studio si dividono in due gruppi: attività ed insegnamenti generali e attività ed insegnamenti di indirizzo che si articolano secondo la tabella oraria riportata avanti: PRIMO BIENNIO Si tratta di un insegnamento che introduce lo studente ai processi produttivi, ai contesti organizzativi aziendali e alle figure professionali di riferimento e costituisce un ponte tra il primo e il secondo biennio, sostenendo l orientamento alla scelta dell indirizzo di studi e garantendo una continuità nello sviluppo delle competenze ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe I Classe II Lingua e letteratura italiana 4 4 Storia 2 2 Lingua inglese 3 3 Matematica 4 4 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2 Diritto-Economia 2 2 Religione cattolica o attività alternative 1 1 Scienze motorie e sportive 2 2 Totale ore settimanali 20 20

7 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe I Classe II Scienze integrate (Fisica) 2 - Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Seconda lingua comunitaria* 3 3 Economia Aziendale 2 2 ore settimanali Totale ore settimanali * a scelta tra le lingue francese e spagnolo SECONDO BIENNIO Nel secondo biennio gli aspetti scientifici, economico-giuridici, tecnologici e tecnici sviluppati dalle discipline d indirizzo assumono le connotazioni specifiche relative al settore di riferimento in una dimensione politecnica. Le discipline promuovono l acquisizione progressiva delle abilità e competenze professionali. L attenzione ai modelli e ai linguaggi specifici, il ricorso al laboratorio come spazio elettivo per condurre esperienze di individuazione e risoluzione di problemi, contribuiscono a far cogliere la concreta interdipendenza tra scienza e tecniche operative in un quadro unitario della conoscenza. L attività del secondo biennio si concentra quindi sullo sviluppo delle conoscenze e delle abilità che costituiscono il cuore della professionalità, per giungere a una loro acquisizione significativa, stabile e fruibile nell affrontare situazioni e problemi, sia disciplinari, sia più direttamente connessi con l ambito e professionale. Alla fine del primo biennio gli studenti hanno la possibilità di scegliere tra tre articolazioni: 1) AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali

8 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia politica ore settimanali Totale ore settimanali ) Sistemi Informativi Aziendali - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia politica ( Scienza delle Finanze) ore settimanali Totale ore settimanali ) Relazioni internazionali e Marketing - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali

9 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Seconda lingua comunitaria Terza lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Tecnica Commerciale 2 2 Relazioni internazionali ore settimanali Totale ore settimanali Attribuzione della Seconda Lingua L Istituto assicura, compatibilmente con le risorse di Organico Docenti assegnate all Istituto dal MIUR, la continuazione dello studio della II Lingua comunitaria studiata nella Scuola Media, lingue per le quali si sono sostenuti gli Esami di Licenza Media. Lo studente richiederà la seconda lingua fra le seguenti, qui di seguito indicate in ordine alfabetico: Francese, Inglese, Spagnolo, tedesco. La formazione delle classi sarà assicurata secondo l O.M. e/o la circolare MIUR sull Organico vigente. PECUP Certificazione delle competenze Al termine del biennio potrà essere rilasciata allo studente un attestazione delle competenze raggiunte secondo il seguente Profilo delle competenze. Alla fine del percorso biennale egli saprà: - padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi necessari alla comunicazione verbale in vari contesti - leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo - produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi - utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario - utilizzare la lingua inglese e un altra lingua europea comunitaria per i principali scopi comunicativi ed operativi - produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi in lingua inglese e in un altra lingua europea comunitaria - comprendere il cambiamento e le diversità dei tempi storici - collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona della collettività e dell ambiente

10 - utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche sotto forma grafica - confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni - individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi - analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico - riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio - osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità - analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall esperienza - essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applica - comprendere il cambiamento e le diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali - utilizzare e produrre testi multimediali Orario delle lezioni L orario delle lezioni viene proposto ogni anno dal Collegio dei Docenti, e deliberato dal Consiglio d Istituto (Organo collegiale in cui sono presenti le rappresentanze dei Genitori, Studenti, Docenti, Personale).l attività didattica è, ogni giorno, divisa in due tranche distinte tra le quali si colloca una breve pausa (15 ) di interruzione dell attività didattica e del servizio. Nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e venerdì si svolgeranno sei ore di lezioni; mercoledì cinque ore di lezione e sabato tre ore di lezione, per un totale di 32 ore come previsto dalla Riforma Gelmini. 1ª ora ª ora ª ora pausa ª ora ª ora ª ora

11 Il PATTO EDUCATIVO di CORRESPONSABILITA' (solo ITC F. Crispi) per l a.s precisa i DIRITTI, I DOVERI e I COMPITI di: INSEGNANTI, GENITORI. STUDENTI, Nella consapevolezza della crisi di valori vissuta da tutta l attuale società e in particolare dalle giovani generazioni, la comunità educante dell ISS DAMIANI ALMEYDA F. CRISPI ritiene necessario attivare un percorso di crescita del senso di responsabilità degli studenti nei confronti dell ambiente-scuola (cose e persone). Tale crescita, momento indispensabile della costruzione di una cittadinanza attiva e partecipata che è obiettivo finale di tutta l attività didattico-educativa, non può prescindere da una stretta collaborazione scuola-famiglia. Per tali ragioni invitiamo le famiglie dei nostri studenti a un impegno comune di condivisione dei nuclei fondamentali dell azione educativa sulla base di una chiara definizione dei diritti e dei doveri reciproci che intercorrono tra l istituzione scolastica, gli studenti e le famiglie Considerando che il processo formativo dello studente va inteso come elaborazione attiva e personale del sapere, il Nostro Istituto si impegna a: 1. garantire a tutti gli studenti il diritto allo studio e al successo scolastico; 2. garantire l acquisizione e/o potenziamento delle competenze di base e dei contenuti disciplinari; 3. promuovere una comunicazione basata sul dialogo e sulla fiducia; 4. offrire figure autorevoli di riferimento; 5. favorire percorsi individualizzati di insegnamento; 6. garantire l inserimento e il percorso formativo degli studenti in handicap; 7. favorire il coinvolgimento e la collaborazione dei Docenti e dei Genitori per condividere gli obiettivi educativi; 8. organizzare attività integrative di supporto all attività didattica in modo da costruire competenze operative mirate all inserimento nel mondo del lavoro o alla prosecuzione degli studi universitari; 9. offrire un ambiente il più possibile sereno e sicuro; 10. garantire il supporto psico-pedagogico, in stretta collaborazione con le strutture sanitarie locali, mettendo a disposizione di tutte le componenti scolastiche che ne ravvisino la necessità le prestazioni di figure professionali qualificate a prevenire e curare tutte le manifestazioni del disagio giovanile (abbandono scolastico, bullismo, vandalismo ) che si esprime nel rifiuto di ogni sistema di regole. Gli studenti si impegnano a: rispettare il Regolamento d Istituto; ispirare il proprio comportamento (atti e parole) al pieno e totale rispetto dell altro, persona o cosa (patrimonio e struttura, scolastica o personale) evitare totalmente comportamenti violenti o tali che mettano in pericolo l incolumità altrui, o ledano la dignità e il rispetto della persona, o gesti vandalici che rechino danno al patrimonio scolastico; usare le strutture della scuola PATRIMONIO di TUTTI, quali: sedie, tavoli, computer, muri, finestre, wc, aiuole, ecc.. con la stessa cura e diligenza da riconoscere alla cose proprie, consapevoli che l istituto rifiuta la mafia e la mafiosità che invece con la violenza vuole che: tutto ciò che è di tutti è di nessuno, e quindi del mafioso assolvere il proprio dovere e difendere i propri diritti in modo consapevole e nel pieno

12 rispetto degli altri. ascoltare e rispettare le idee altrui, saperle discutere civilmente evitando di assumere atteggiamenti di chiusura e di immotivata opposizione; presentarsi in orario alle lezioni, forniti di tutto l occorrente; rispettare tempi e consegne; A loro volta i Genitori condividendo gli obiettivi e le priorità dell azione educativa si impegnano a: prendere consapevolezza della propria responsabilità nei casi in cui i propri figli si rendano responsabili di danni a persone o a cose e del valore educativo del momento risarcitorio dei danni arrecati alla scuola (infatti nel caso di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno art 4c5 DPR235/07) preoccuparsi della frequenza, informando la scuola di eventuali problemi o difficoltà che possono incidere sulla partecipazione dello studente alle attività scolastiche; partecipare in modo attivo e propositivo alla vita della scuola esprimendo pareri e proposte; condividere con i propri figli tutto ciò che è vissuto a scuola, collaborando in modo costruttivo nelle attività prendere visione di avvisi e valutazioni; accertarsi dell esecuzione dei compiti a casa; accertarsi che sia portato a scuola quanto e quando richiesto e che tutto sia conservato in buono stato. PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE: AVVISI E RECLAMI In caso di parziale totale inosservanza di diritti-doveri previsti o implicati nel presente PATTO si attua la procedura di composizione obbligatoria; essa comprende: a) segnalazione di inadempienza tramite "avviso", se prodotta dalla scuola, o "reclamo" se prodotta dallo studente o dal genitore/affidatario, indirizzata al D.S. ; tanto gli avvisi che i reclami possono essere prodotti in forma orale o scritta; b) accertamento; una volta prodotto l'avviso o il reclamo, ove la fattispecie segnalata non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato a esperire ogni necessario accertamento o verifica circa le circostanze segnalate; c) ripristino; sulla base degli accertamenti di cui alla precedente lettera b) il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato a intraprendere ogni opportuna iniziativa volta a eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze; d) informazione; il ricevente è obbligato ad informare l'emittente tanto sugli esiti degli accertamenti, quanto sulle eventuali misure di ripristino adottate IL CONTESTO SOCIO AMBIENTALE ED ECONOMICO Una pur sommaria analisi del contesto in cui si opera, rileva che l'istituto insiste su un territorio tradizionalmente caratterizzato da una modesta frequenza dell attività produttiva ed imprenditoriale. L ambiente socio-culturale è poco omogeneo e coeso. Appare forte la delega di fatto alla scuola, da parte delle famiglie, relativamente all'educazione e formazione dei giovani, è crescente il diffondersi dell'utilitarismo consumistico ed è preoccupante la tendenza a trascurare i valori della solidarietà e della collaborazione. Si ritiene la scuola incapace di attrezzare i giovani ad inserirsi proficuamente nel mondo del lavoro e si rileva come la scarsità di riferimenti certi e

13 autorevoli influenzi fortemente il modo di essere e di pensare dei giovani, concorrendo così a produrre un aumento dei casi di dispersione e di disadattamento scolastico. Questa analisi ci conduce ad ipotizzare un piano programmatico di riposizionamento dell Istituto nel territorio, che possa cogliere in maniera concreta le esigenze della realtà attraverso un'osservazione accurata e continua delle dinamiche sociali, economiche e familiari, attraverso interventi didattico - educativi, progetti, iniziative ed attività formative varie che possano assecondare tale intenzione. Riteniamo quindi che, pur mettendo a frutto e valorizzando il patrimonio di esperienze pregresse, sia il caso di preparare un sistema di offerta formativa globale che affronti problematiche essenziali e sia in grado di misurare realmente i risultati degli interventi attivati. Obiettivi prioritari e problematiche emergenti L'analisi del contesto socio-ambientale e dei bisogni formativi dell utenza, ha portato all'individuazione di alcuni obiettivi prioritari, che costituiscono punto di riferimento essenziale nella programmazione delle attività didattico educativa: Lotta al disagio e alla dispersione E necessario affrontare il disagio attraverso: la creazione delle condizioni perché l'esperienza scolastica rappresenti un contesto positivo non solo per la dimensione cognitiva ma anche per quella affettivo relazionale la realizzazione di iniziative aggiuntive che propongano un offerta formativa complessiva, volta alla persona nella sua interezza. Si intende affrontare il problema della dispersione con proposte orientative, non intese come mera informazione finalizzata ad operare scelte alternative, ma nel senso più ampio di costruzione di conoscenze e di competenze che mettano in grado ogni individuo di agire consapevolmente, di compiere scelte scolastiche e/o professionali in cui sia possibile vedere potenziate e apprezzate le proprie capacità personali. Sono predisposti interventi finalizzati alla prevenzione del disagio scolastico, alla promozione del successo formativo, alla promozione della salute intesa come benessere psico-fisico e socio-relazionale globale. Sono predisposti di concerto con il relativo servizio dell ASL. Questi interventi sono graduati e suddivisi per fasce di età ed hanno luogo, prevalentemente, in orario curriculare, con il supporto del Centro di Informazione e Consulenza (CIC). L'Istituto fa parte della rete R.E.P. (di cui è capofila l'istituto 'DE AMICIS') insieme con altre istituzioni scolastiche di ogni grado,l Assesorato alla P.I., i Servizi sociali del Comune di Palermo, l ASP 6 e l Osservatorio 12, per la realizzazione di progetti comuni di attività antidispersione e di formazione e informazione dei docenti Orientamento per l inserimento nel lavoro e per l accesso all Università o all Istruzione Tecnica Superiore (I.T.S.) I risultati di apprendimento relativi al Profilo educativo dell'istruzione tecnica comprendono, una molteplicità di competenze personali e professionali che permettono al diplomato di operare scelte consapevoli per l inserimento nel mondo del lavoro e per l accesso all Università o all Istruzione Tecnica Superiore (I.T.S.). L' esigenza di orientare gli studenti che desiderano proseguire la propria formazione o insersi nel mondo del lavoro è perseguita in modo efficace assicurando il raccordo con le Università, realizzando appositi percorsi di orientamento e di autovalutazione delle competenze, costruendo un proficuo rapporto con il mondo del lavoro.

14 Il rapporto con il mondo del lavoro, è realizzato attraverso interventi educativi orientati a promuovere il collegamento col territorio e con le realtà lavorative presenti in esso. Le azioni che l Istituto prospetta riguardano : indagine sugli sbocchi per gli studenti diplomati negli anni precedenti; attività riguardanti il rapporto tra formazione, lavoro e società; corsi del Piano Operativo Nazionale (PON ) aperti al Territorio collegamento con altre istituzioni scolastiche, Università e Enti di formazione. Il progetto globale di orientamento prevede: Collaborazione con la Scuola Media (Progetti di Continuità e Laboratori pomeridiani di orientamento, corsi del Piano Operativo Regionale (POR ); orientamento in entrata (accoglienza classi Prime, test di ingresso, azioni di recupero e sostegno, laboratori metacognitivi); tutoraggio, approfondimento, rimotivazione, ri-orientamento); Simulazione di situazioni per affrontare consapevolmente momenti concreti della vita reale quali: stendere un curricolo, affrontare un colloquio di lavoro; orientamento in uscita (informazioni sugli sbocchi futuri, incontri con esperti del mondo del lavoro e dell Università, visite guidate ai comparti produttivi del territorio, esperienze di stage); orientamento post-diploma e corsi PON e POR per i neo diplomati L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA L anno scolastico, come deliberato dal Collegio dei Docenti, è diviso in due quadrimestri. Delle valutazioni degli scrutini sarà data comunicazione alle famiglie durante i ricevimenti genitori 1) I DIPARTIMENTI Il Collegio si articola in Dipartimenti per aree disciplinari I Dipartimenti procedono ad elaborare la programmazione didattica per le singole discipline secondo le LINEE GUIDA per l'istruzione tecnica individuando i risultati di apprendimento da perseguire declinati in termini di conoscenze, competenze e abilità, nonché le modalità e le tipologie di verifica e i criteri di valutazione. DIPARTIMENTI Dipartimento N. 1 (AREA LINGUISTICA-STORICA- LETTERARIA) Dipartimento N. 2 (AREA SCIENTIFICA E DELL EDUCAZIONE CORPOREA) Dipartimento N. 3(AREA PROFESSISONALE) Dipartimento N. 4 (AREA UMANISTICA, SCIENTIFICA, TECNICA, PSICOMOTORIA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIVIDUALIZZATA PER STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI ). Composizione: Italiano, Storia, Lingua e Letteratura Italiana, Lingue Straniere, Insegnamento Religione Cattolica (I.R.C.), Progettualità per studenti che non optino I.R.C. Composizione: Matematica, Scienze integrate, Geografia Generale ed Economica, Educazione fisica e sportiva. Composizione:Economia aziendale, diritto ed Economia politica. Informatica Composizione: Insegnamento di sostegno

15 Funzioni e compiti dei Dipartimenti I Dipartimenti svolgono i seguenti compiti: Coordinare e garantire l omogeneità della programmazione disciplinare all inizio dell anno scolastico; Definire gli obiettivi disciplinari e trasversali della programmazione modulare; Individuare e definire i moduli didattici; Monitorare, in itinere, l effettivo svolgimento della programmazione disciplinare, suggerire ed elaborare le modifiche e gli aggiustamenti che dovessero rendersi necessari, anche nell ambito di un autonomo sistema di autoanalisi ed autovalutazione della qualità del Servizio scolastico; Proporre azioni e programmi di sostegno e recupero disciplinare; Progettare le prove strutturate e le prove di simulazione degli Esami di Stato; Proporre, in una visione unitaria e coerente con il POF, progetti relativi alle discipline e le attività riguardanti l' ampliamento e il miglioramento dell' offerta formativa. Ogni Area dipartimentale discute e formalizza, in apposite schede, le scelte progettuali da compiere in rapporto ai bisogni formativi della scuola e dà mandato ai docenti Coordinatori di Dipartimento per la relazione al Collegio dei Docenti. I Progetti e le Attività approvati dal Collegio dei Docenti, vengono, quindi, discussi all interno dei Consigli di classe e recepiti in sede di programmazione didattico educativa. Fornire spunti importanti e/o proporre nuove soluzioni ai problemi della scuola per l'elaborazione del P.O.F. Avanzare proposte alle Funzioni Strumentali, designate dal Collegio dei Docenti, in merito alle necessità formative e di aggiornamento emergenti. Favorire la comunicazione interna e la massima circolazione delle informazioni. Proporre l'adozione di nuovi libri di testo e di materiali didattici; promuovono la raccolta e la diffusione di materiale scientifico e didattico inerente la Disciplina. Istituire raccordi con gli altri Dipartimenti (incontri interdipartimentali). All'interno di ogni Dipartimento vengono designati due docenti con funzioni di Coordinamento, individuati dai Docenti del Dipartimento I compiti dei Coordinatori di Dipartimento Coordinare i lavori del Dipartimento, presiedere e convocare le riunioni ( concordando con il Capo d'istituto), proporre l ordine del giorno, sollecitare il dibattito dei Docenti; Indirizzare i Docenti verso gli orientamenti metodologici della scuola; Concorrere, con il Docente Verbalizzante, alla stesura dei verbali delle sedute; Raccogliere le programmazioni modulari, le griglie e le analisi disciplinari del Dipartimento; Essere il referente nei confronti del Collegio dei Docenti, del Consiglio d Istituto, del Dirigente Scolastico e di Agenzie esterne; Gestire i rapporti con i referenti dei progetti Per l anno scolastico 2014/2015 sono stati designati i seguenti Coordinatori di Dipartimento: Dipartimento n. 1 Dipartimento n. 2 Dipartimento n. 3 Dipartimento n. 4 Proff.sse Daniela Puccio e Maria Grazia Cipolla Prof.sse Laura Polizzotto e Donatella Capotummino Prof. Giacomo Simonetta Prof. Ssa Debora Santoro

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE PER GEOMETRI E PROGRAMMATORI MICHELE AMARI 00043 CIAMPINO (Roma) Via Romana, 11 13 Tel. 7960023 Fax 7961653 Distretto Scolastico n 40 Codice Fiscale 80203970589 Programmazione

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Il progetto di riordino dell istruzione tecnica intende rilanciare a pieno titolo gli Istituti Tecnici quale migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 5^ SEZ. A Indirizzo IGEA Coordinatore Prof.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI. Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI. Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico Regolamento generale per i Dipartimenti disciplinari e del Comitato Tecnico

Dettagli

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti

Dettagli

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE Premessa Il CORSO SERALE del Liceo Artistico statale di Verona Nani Boccioni, che prende avvio nell a.s. 2014/15, intende rispondere ai bisogni di un utenza particolare,

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio.

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio. Codice Ministeriale TEIS00700T Codice Fiscale 80003970672 E-Mail: teis00700t@istruzione.it Sede centrale: Istituto Tecnico per Geometri C. Forti Via Cona, 180/182 64100 TERAMO Tel.Pres. 0861/248261 Centr.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone annualmente (O.M. 92/07 art.

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 3 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: REALIZZAZIONE DI UNA PROTESI PARZIALE MOILE IN RESINA CON GANCI A FILO, REALIZZAZIONE DI UN ELEMENTO

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Titolo Alternanza Scuola&Lavoro

Titolo Alternanza Scuola&Lavoro Anno scolastico 0 0 PROgettoFormativo n Offerta formativa integrata Titolo Alternanza Scuola&Lavoro Referenti del progetto Benati Anna, Ballabeni Silvia Obiettivi. Sviluppare la cultura del lavoro ed acquisire

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli