AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING"

Transcript

1 Piano Offerta Formativa SETTORE ECONOMICO Francesco Crispi Palermo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI RELAZIONI INTERNAZIONALI E MARKETING Anno Scolastico 2014/15

2 Il Piano dell Offerta Formativa del settore economico F. Crispi Indice generale Premessa Aree d intervento del POF L OFFERTA FORMATIVA: - L indirizzo dell Istituto - Il PECUP - Orario delle lezioni Patto educativo di Corresponsabilità (solo per l ITC F. Crispi) Il contesto socio ambientale ed economico L organizzazione didattica: - 1) i dipartimenti - 2) consigli di classe - 3) le funzioni strumentali all offerta formativa La valutazione degli studenti Tipologia di verifiche Modalità di espressione del voto in sede di valutazione intermedia Attribuzione del voto di condotta Scrutini finali Attribuzione del credito scolastico e formativo Rinvio della formulazione del giudizio finale L ampliamento dell Offerta Formativa Piano integrato 2014/2015 Progetti finanziati dal Consiglio d'istituto

3 A) Progetti relativi ai Dipartimenti B ) P.O.R. P.O.N. C) Corsi IDEI Formazione e aggiornamento dei docenti Criteri per l autovalutazione d Istituto (solo per l ITC F. Crispi) Piano di attività per l integrazione degli studenti diversamente abili Dati

4 PREMESSA Il Collegio dei docenti intende con il presente Piano dell Offerta Formativa, definire le LINEE GENERALI GUIDA del percorso formativo che interessa le studentesse e gli studenti frequentanti l Istituto e gli aspetti organizzativi ad esso collegati, tenendo conto delle risorse disponibili e delle proposte dei diversi Organi collegiali, ad alcuni dei quali partecipano anche rappresentanti dei genitori. Tali linee generali guida sono a carattere pluriennale pur se sottoposte a revisione, ove muti lo scenario complessivo di riferimento. Ad inizio di ogni anno scolastico, formalmente, se ne fa richiamo al momento dell approvazione del Piano INTEGRATO annuale delle attività, Piano che per sua natura intrinseca ha carattere periodico. Secondo i dettami dell Autonomia, si intende attuare una progettazione educativa fondata sui bisogni formativi dell utenza e sulle finalità condivise con la comunità scolastica e col territorio a cui il POF viene proposto come documento di lavoro, nella consapevolezza della possibilità di essere modificato e della sua flessibilità in vista di un vero successo formativo di ogni studente. E possibile consultare la redazione del POF anche sul sito del Nostro Istituto AREE D INTERVENTO DEL POF Il Piano dell'offerta Formativa (POF), definisce le strategie adottate dall Istituto per migliorare la qualità dei propri processi formativi, nonché le linee di intervento mirate a ridefinire/riqualificare le diverse professionalità degli operatori. Il POF è articolato in tre aree: quella formativa prevede - il perseguimento di linee di azione tese a consolidare i diritti e i doveri di cittadinanza attraverso lo sviluppo del senso di appartenenza e di solidarietà, nell'ambito della comunità scolastica; - la diversificazione delle proposte formative in modo da rispondere alle esigenze culturali e sociali proprie di ciascuno studente allo scopo di orientarlo a costruire il proprio progetto di vita; - il potenziamento ed il coinvolgimento attivo degli studenti, ponendo attenzione alle componenti della formazione fondate sul sapere, sul saper fare e sul saper essere; - la promozione di attività didattico-formative in forma integrata con altre agenzie formative e con il territorio; - la valorizzazione del metodo scientifico e del sapere tecnologico, che abituano al rigore, all onestà intellettuale, alla libertà di pensiero, valori fondamentali per la costruzione di una società aperta e democratica; - lo sviluppo del pensiero critico, delle competenze per imparare ad imparare e delle metodologie dell apprendimento attivo, aperto al rapporto con il mondo del lavoro; - lo sviluppo di attitudini all autoapprendimento, al lavoro di gruppo e alla formazione continua. quella didattica prevede di: - accentuare il ruolo delle scelte didattiche consapevoli come momento chiave del processo di insegnamento/apprendimento; - sviluppare la dimensione metacognitiva dell'insegnamento in relazione ai bisogni individuali dell'apprendimento; - servirsi oltre che di metodi induttivi e di metodologie partecipative, di una intensa e diffusa didattica di laboratorio, estesa anche alle discipline dell area di istruzione generale con l utilizzo, in particolare, delle tecnologie dell informazione e della comunicazione, di

5 ttività progettuali e di alternanza scuola-lavoro per sviluppare il rapporto col territorio e le sue risorse. quella dell'organizzazione dell'ambiente formativo prevede di : - attivare il coordinamento dell'azione formativa con famiglie, servizi socio-sanitari ed altre agenzie territoriali; - potenziare servizi di consulenza, tutorato e orientamento per gli studenti, in particolare per quelli nella fascia dell'obbligo scolastico; - attivare o consolidare servizi di sostegno all'attività docente; - potenziare l'assunzione di responsabilità collegiale nel coordinamento didattico e nella gestione complessiva del POF; - creare condizioni favorevoli alle relazioni fra operatori e studenti e, rispettivamente, tra i membri di ciascuna categoria. Il Piano garantisce l unità culturale e formativa del progetto educativo dell istituto, con l'obiettivo di: - realizzare ed evidenziare l identità educativa e formativa dell Istituto - descrivere l offerta formativa e le relative strategie in relazione a bisogni, domande e obiettivi di formazione - garantire organicità e continuità all opera educativa e didattica nel passaggio da un ordine all altro (scuola media-biennio, biennio-triennio, triennio-formazione post-secondaria, mondo del lavoro, università). L OFFERTA FORMATIVA SETTORE ECONOMICO La formazione di cittadini attivi e responsabili nell ambito tecnico e scientifico richiede, anzitutto, una riflessione sul significato umano e sociale della scienza e della tecnica. L obiettivo primario dell istruzione tecnica consiste dunque nell educazione alla responsabilità nell uso delle scoperte scientifiche e della tecnologia, che fornisca la consapevolezza della necessità di uno sviluppo equilibrato e sostenibile, tale da garantire i beni comuni e porsi a vantaggio di tutti gli abitanti di un pianeta sempre più interdipendente. L Istruzione tecnica ha perciò l obiettivo di far acquisire la padronanza di competenze scientifiche e tecnologiche che consentano al diplomato tecnico di interpretare, partecipare, gestire e coordinare processi produttivi caratterizzati da innovazioni continue, anche in una prospettiva di sviluppo. Sul piano delle competenze si persegue il possesso di capacità comunicative e linguistiche insieme a quello delle competenze relative all autonomia nel lavoro, alla capacità di risolvere problemi, alle capacità di ideazione e di creatività. L INDIRIZZO DELL ISTITUTO Amministrazione, finanza e marketing comprende tre articolazioni: 1) Amministrazione, finanza e marketing 2) Sistemi informativi aziendali 3) Relazioni internazionali e Marketing Il profilo del Diplomato dell Istruzione tecnica è connotato da conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita e di lavoro e da abilità cognitive idonee per risolvere problemi e per muoversi, in autonomia e con modalità di lavoro in team, in ambiti caratterizzati da innovazioni continue.

6 Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. Nell articolazione Relazioni Internazionali e Marketing, lo studio di tre lingue straniere e percorsi didattici finalizzati al Marketing daranno allo studente la possibilità di conoscere il mercato del lavoro e sviluppare competenze linguistiche necessarie per l inserimento nel mondo del lavoro. il percorso di studi si articola in: primo biennio, secondo biennio e quinto anno che costituiscono un unico percorso formativo, le materie di studio si dividono in due gruppi: attività ed insegnamenti generali e attività ed insegnamenti di indirizzo che si articolano secondo la tabella oraria riportata avanti: PRIMO BIENNIO Si tratta di un insegnamento che introduce lo studente ai processi produttivi, ai contesti organizzativi aziendali e alle figure professionali di riferimento e costituisce un ponte tra il primo e il secondo biennio, sostenendo l orientamento alla scelta dell indirizzo di studi e garantendo una continuità nello sviluppo delle competenze ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe I Classe II Lingua e letteratura italiana 4 4 Storia 2 2 Lingua inglese 3 3 Matematica 4 4 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2 Diritto-Economia 2 2 Religione cattolica o attività alternative 1 1 Scienze motorie e sportive 2 2 Totale ore settimanali 20 20

7 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe I Classe II Scienze integrate (Fisica) 2 - Scienze integrate (Chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Seconda lingua comunitaria* 3 3 Economia Aziendale 2 2 ore settimanali Totale ore settimanali * a scelta tra le lingue francese e spagnolo SECONDO BIENNIO Nel secondo biennio gli aspetti scientifici, economico-giuridici, tecnologici e tecnici sviluppati dalle discipline d indirizzo assumono le connotazioni specifiche relative al settore di riferimento in una dimensione politecnica. Le discipline promuovono l acquisizione progressiva delle abilità e competenze professionali. L attenzione ai modelli e ai linguaggi specifici, il ricorso al laboratorio come spazio elettivo per condurre esperienze di individuazione e risoluzione di problemi, contribuiscono a far cogliere la concreta interdipendenza tra scienza e tecniche operative in un quadro unitario della conoscenza. L attività del secondo biennio si concentra quindi sullo sviluppo delle conoscenze e delle abilità che costituiscono il cuore della professionalità, per giungere a una loro acquisizione significativa, stabile e fruibile nell affrontare situazioni e problemi, sia disciplinari, sia più direttamente connessi con l ambito e professionale. Alla fine del primo biennio gli studenti hanno la possibilità di scegliere tra tre articolazioni: 1) AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali

8 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia politica ore settimanali Totale ore settimanali ) Sistemi Informativi Aziendali - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia politica ( Scienza delle Finanze) ore settimanali Totale ore settimanali ) Relazioni internazionali e Marketing - ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI Materie Classe III Classe IV Classe V Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Religione cattolica o attività alternative Scienze motorie e sportive ore settimanali

9 ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI Materie Classe III Classe IV Classe V Seconda lingua comunitaria Terza lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Tecnica Commerciale 2 2 Relazioni internazionali ore settimanali Totale ore settimanali Attribuzione della Seconda Lingua L Istituto assicura, compatibilmente con le risorse di Organico Docenti assegnate all Istituto dal MIUR, la continuazione dello studio della II Lingua comunitaria studiata nella Scuola Media, lingue per le quali si sono sostenuti gli Esami di Licenza Media. Lo studente richiederà la seconda lingua fra le seguenti, qui di seguito indicate in ordine alfabetico: Francese, Inglese, Spagnolo, tedesco. La formazione delle classi sarà assicurata secondo l O.M. e/o la circolare MIUR sull Organico vigente. PECUP Certificazione delle competenze Al termine del biennio potrà essere rilasciata allo studente un attestazione delle competenze raggiunte secondo il seguente Profilo delle competenze. Alla fine del percorso biennale egli saprà: - padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi necessari alla comunicazione verbale in vari contesti - leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo - produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi - utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario - utilizzare la lingua inglese e un altra lingua europea comunitaria per i principali scopi comunicativi ed operativi - produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi in lingua inglese e in un altra lingua europea comunitaria - comprendere il cambiamento e le diversità dei tempi storici - collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona della collettività e dell ambiente

10 - utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche sotto forma grafica - confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni - individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi - analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico - riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio - osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità - analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall esperienza - essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applica - comprendere il cambiamento e le diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali - utilizzare e produrre testi multimediali Orario delle lezioni L orario delle lezioni viene proposto ogni anno dal Collegio dei Docenti, e deliberato dal Consiglio d Istituto (Organo collegiale in cui sono presenti le rappresentanze dei Genitori, Studenti, Docenti, Personale).l attività didattica è, ogni giorno, divisa in due tranche distinte tra le quali si colloca una breve pausa (15 ) di interruzione dell attività didattica e del servizio. Nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e venerdì si svolgeranno sei ore di lezioni; mercoledì cinque ore di lezione e sabato tre ore di lezione, per un totale di 32 ore come previsto dalla Riforma Gelmini. 1ª ora ª ora ª ora pausa ª ora ª ora ª ora

11 Il PATTO EDUCATIVO di CORRESPONSABILITA' (solo ITC F. Crispi) per l a.s precisa i DIRITTI, I DOVERI e I COMPITI di: INSEGNANTI, GENITORI. STUDENTI, Nella consapevolezza della crisi di valori vissuta da tutta l attuale società e in particolare dalle giovani generazioni, la comunità educante dell ISS DAMIANI ALMEYDA F. CRISPI ritiene necessario attivare un percorso di crescita del senso di responsabilità degli studenti nei confronti dell ambiente-scuola (cose e persone). Tale crescita, momento indispensabile della costruzione di una cittadinanza attiva e partecipata che è obiettivo finale di tutta l attività didattico-educativa, non può prescindere da una stretta collaborazione scuola-famiglia. Per tali ragioni invitiamo le famiglie dei nostri studenti a un impegno comune di condivisione dei nuclei fondamentali dell azione educativa sulla base di una chiara definizione dei diritti e dei doveri reciproci che intercorrono tra l istituzione scolastica, gli studenti e le famiglie Considerando che il processo formativo dello studente va inteso come elaborazione attiva e personale del sapere, il Nostro Istituto si impegna a: 1. garantire a tutti gli studenti il diritto allo studio e al successo scolastico; 2. garantire l acquisizione e/o potenziamento delle competenze di base e dei contenuti disciplinari; 3. promuovere una comunicazione basata sul dialogo e sulla fiducia; 4. offrire figure autorevoli di riferimento; 5. favorire percorsi individualizzati di insegnamento; 6. garantire l inserimento e il percorso formativo degli studenti in handicap; 7. favorire il coinvolgimento e la collaborazione dei Docenti e dei Genitori per condividere gli obiettivi educativi; 8. organizzare attività integrative di supporto all attività didattica in modo da costruire competenze operative mirate all inserimento nel mondo del lavoro o alla prosecuzione degli studi universitari; 9. offrire un ambiente il più possibile sereno e sicuro; 10. garantire il supporto psico-pedagogico, in stretta collaborazione con le strutture sanitarie locali, mettendo a disposizione di tutte le componenti scolastiche che ne ravvisino la necessità le prestazioni di figure professionali qualificate a prevenire e curare tutte le manifestazioni del disagio giovanile (abbandono scolastico, bullismo, vandalismo ) che si esprime nel rifiuto di ogni sistema di regole. Gli studenti si impegnano a: rispettare il Regolamento d Istituto; ispirare il proprio comportamento (atti e parole) al pieno e totale rispetto dell altro, persona o cosa (patrimonio e struttura, scolastica o personale) evitare totalmente comportamenti violenti o tali che mettano in pericolo l incolumità altrui, o ledano la dignità e il rispetto della persona, o gesti vandalici che rechino danno al patrimonio scolastico; usare le strutture della scuola PATRIMONIO di TUTTI, quali: sedie, tavoli, computer, muri, finestre, wc, aiuole, ecc.. con la stessa cura e diligenza da riconoscere alla cose proprie, consapevoli che l istituto rifiuta la mafia e la mafiosità che invece con la violenza vuole che: tutto ciò che è di tutti è di nessuno, e quindi del mafioso assolvere il proprio dovere e difendere i propri diritti in modo consapevole e nel pieno

12 rispetto degli altri. ascoltare e rispettare le idee altrui, saperle discutere civilmente evitando di assumere atteggiamenti di chiusura e di immotivata opposizione; presentarsi in orario alle lezioni, forniti di tutto l occorrente; rispettare tempi e consegne; A loro volta i Genitori condividendo gli obiettivi e le priorità dell azione educativa si impegnano a: prendere consapevolezza della propria responsabilità nei casi in cui i propri figli si rendano responsabili di danni a persone o a cose e del valore educativo del momento risarcitorio dei danni arrecati alla scuola (infatti nel caso di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno art 4c5 DPR235/07) preoccuparsi della frequenza, informando la scuola di eventuali problemi o difficoltà che possono incidere sulla partecipazione dello studente alle attività scolastiche; partecipare in modo attivo e propositivo alla vita della scuola esprimendo pareri e proposte; condividere con i propri figli tutto ciò che è vissuto a scuola, collaborando in modo costruttivo nelle attività prendere visione di avvisi e valutazioni; accertarsi dell esecuzione dei compiti a casa; accertarsi che sia portato a scuola quanto e quando richiesto e che tutto sia conservato in buono stato. PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE: AVVISI E RECLAMI In caso di parziale totale inosservanza di diritti-doveri previsti o implicati nel presente PATTO si attua la procedura di composizione obbligatoria; essa comprende: a) segnalazione di inadempienza tramite "avviso", se prodotta dalla scuola, o "reclamo" se prodotta dallo studente o dal genitore/affidatario, indirizzata al D.S. ; tanto gli avvisi che i reclami possono essere prodotti in forma orale o scritta; b) accertamento; una volta prodotto l'avviso o il reclamo, ove la fattispecie segnalata non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato a esperire ogni necessario accertamento o verifica circa le circostanze segnalate; c) ripristino; sulla base degli accertamenti di cui alla precedente lettera b) il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato a intraprendere ogni opportuna iniziativa volta a eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze; d) informazione; il ricevente è obbligato ad informare l'emittente tanto sugli esiti degli accertamenti, quanto sulle eventuali misure di ripristino adottate IL CONTESTO SOCIO AMBIENTALE ED ECONOMICO Una pur sommaria analisi del contesto in cui si opera, rileva che l'istituto insiste su un territorio tradizionalmente caratterizzato da una modesta frequenza dell attività produttiva ed imprenditoriale. L ambiente socio-culturale è poco omogeneo e coeso. Appare forte la delega di fatto alla scuola, da parte delle famiglie, relativamente all'educazione e formazione dei giovani, è crescente il diffondersi dell'utilitarismo consumistico ed è preoccupante la tendenza a trascurare i valori della solidarietà e della collaborazione. Si ritiene la scuola incapace di attrezzare i giovani ad inserirsi proficuamente nel mondo del lavoro e si rileva come la scarsità di riferimenti certi e

13 autorevoli influenzi fortemente il modo di essere e di pensare dei giovani, concorrendo così a produrre un aumento dei casi di dispersione e di disadattamento scolastico. Questa analisi ci conduce ad ipotizzare un piano programmatico di riposizionamento dell Istituto nel territorio, che possa cogliere in maniera concreta le esigenze della realtà attraverso un'osservazione accurata e continua delle dinamiche sociali, economiche e familiari, attraverso interventi didattico - educativi, progetti, iniziative ed attività formative varie che possano assecondare tale intenzione. Riteniamo quindi che, pur mettendo a frutto e valorizzando il patrimonio di esperienze pregresse, sia il caso di preparare un sistema di offerta formativa globale che affronti problematiche essenziali e sia in grado di misurare realmente i risultati degli interventi attivati. Obiettivi prioritari e problematiche emergenti L'analisi del contesto socio-ambientale e dei bisogni formativi dell utenza, ha portato all'individuazione di alcuni obiettivi prioritari, che costituiscono punto di riferimento essenziale nella programmazione delle attività didattico educativa: Lotta al disagio e alla dispersione E necessario affrontare il disagio attraverso: la creazione delle condizioni perché l'esperienza scolastica rappresenti un contesto positivo non solo per la dimensione cognitiva ma anche per quella affettivo relazionale la realizzazione di iniziative aggiuntive che propongano un offerta formativa complessiva, volta alla persona nella sua interezza. Si intende affrontare il problema della dispersione con proposte orientative, non intese come mera informazione finalizzata ad operare scelte alternative, ma nel senso più ampio di costruzione di conoscenze e di competenze che mettano in grado ogni individuo di agire consapevolmente, di compiere scelte scolastiche e/o professionali in cui sia possibile vedere potenziate e apprezzate le proprie capacità personali. Sono predisposti interventi finalizzati alla prevenzione del disagio scolastico, alla promozione del successo formativo, alla promozione della salute intesa come benessere psico-fisico e socio-relazionale globale. Sono predisposti di concerto con il relativo servizio dell ASL. Questi interventi sono graduati e suddivisi per fasce di età ed hanno luogo, prevalentemente, in orario curriculare, con il supporto del Centro di Informazione e Consulenza (CIC). L'Istituto fa parte della rete R.E.P. (di cui è capofila l'istituto 'DE AMICIS') insieme con altre istituzioni scolastiche di ogni grado,l Assesorato alla P.I., i Servizi sociali del Comune di Palermo, l ASP 6 e l Osservatorio 12, per la realizzazione di progetti comuni di attività antidispersione e di formazione e informazione dei docenti Orientamento per l inserimento nel lavoro e per l accesso all Università o all Istruzione Tecnica Superiore (I.T.S.) I risultati di apprendimento relativi al Profilo educativo dell'istruzione tecnica comprendono, una molteplicità di competenze personali e professionali che permettono al diplomato di operare scelte consapevoli per l inserimento nel mondo del lavoro e per l accesso all Università o all Istruzione Tecnica Superiore (I.T.S.). L' esigenza di orientare gli studenti che desiderano proseguire la propria formazione o insersi nel mondo del lavoro è perseguita in modo efficace assicurando il raccordo con le Università, realizzando appositi percorsi di orientamento e di autovalutazione delle competenze, costruendo un proficuo rapporto con il mondo del lavoro.

14 Il rapporto con il mondo del lavoro, è realizzato attraverso interventi educativi orientati a promuovere il collegamento col territorio e con le realtà lavorative presenti in esso. Le azioni che l Istituto prospetta riguardano : indagine sugli sbocchi per gli studenti diplomati negli anni precedenti; attività riguardanti il rapporto tra formazione, lavoro e società; corsi del Piano Operativo Nazionale (PON ) aperti al Territorio collegamento con altre istituzioni scolastiche, Università e Enti di formazione. Il progetto globale di orientamento prevede: Collaborazione con la Scuola Media (Progetti di Continuità e Laboratori pomeridiani di orientamento, corsi del Piano Operativo Regionale (POR ); orientamento in entrata (accoglienza classi Prime, test di ingresso, azioni di recupero e sostegno, laboratori metacognitivi); tutoraggio, approfondimento, rimotivazione, ri-orientamento); Simulazione di situazioni per affrontare consapevolmente momenti concreti della vita reale quali: stendere un curricolo, affrontare un colloquio di lavoro; orientamento in uscita (informazioni sugli sbocchi futuri, incontri con esperti del mondo del lavoro e dell Università, visite guidate ai comparti produttivi del territorio, esperienze di stage); orientamento post-diploma e corsi PON e POR per i neo diplomati L ORGANIZZAZIONE DIDATTICA L anno scolastico, come deliberato dal Collegio dei Docenti, è diviso in due quadrimestri. Delle valutazioni degli scrutini sarà data comunicazione alle famiglie durante i ricevimenti genitori 1) I DIPARTIMENTI Il Collegio si articola in Dipartimenti per aree disciplinari I Dipartimenti procedono ad elaborare la programmazione didattica per le singole discipline secondo le LINEE GUIDA per l'istruzione tecnica individuando i risultati di apprendimento da perseguire declinati in termini di conoscenze, competenze e abilità, nonché le modalità e le tipologie di verifica e i criteri di valutazione. DIPARTIMENTI Dipartimento N. 1 (AREA LINGUISTICA-STORICA- LETTERARIA) Dipartimento N. 2 (AREA SCIENTIFICA E DELL EDUCAZIONE CORPOREA) Dipartimento N. 3(AREA PROFESSISONALE) Dipartimento N. 4 (AREA UMANISTICA, SCIENTIFICA, TECNICA, PSICOMOTORIA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIVIDUALIZZATA PER STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI ). Composizione: Italiano, Storia, Lingua e Letteratura Italiana, Lingue Straniere, Insegnamento Religione Cattolica (I.R.C.), Progettualità per studenti che non optino I.R.C. Composizione: Matematica, Scienze integrate, Geografia Generale ed Economica, Educazione fisica e sportiva. Composizione:Economia aziendale, diritto ed Economia politica. Informatica Composizione: Insegnamento di sostegno

15 Funzioni e compiti dei Dipartimenti I Dipartimenti svolgono i seguenti compiti: Coordinare e garantire l omogeneità della programmazione disciplinare all inizio dell anno scolastico; Definire gli obiettivi disciplinari e trasversali della programmazione modulare; Individuare e definire i moduli didattici; Monitorare, in itinere, l effettivo svolgimento della programmazione disciplinare, suggerire ed elaborare le modifiche e gli aggiustamenti che dovessero rendersi necessari, anche nell ambito di un autonomo sistema di autoanalisi ed autovalutazione della qualità del Servizio scolastico; Proporre azioni e programmi di sostegno e recupero disciplinare; Progettare le prove strutturate e le prove di simulazione degli Esami di Stato; Proporre, in una visione unitaria e coerente con il POF, progetti relativi alle discipline e le attività riguardanti l' ampliamento e il miglioramento dell' offerta formativa. Ogni Area dipartimentale discute e formalizza, in apposite schede, le scelte progettuali da compiere in rapporto ai bisogni formativi della scuola e dà mandato ai docenti Coordinatori di Dipartimento per la relazione al Collegio dei Docenti. I Progetti e le Attività approvati dal Collegio dei Docenti, vengono, quindi, discussi all interno dei Consigli di classe e recepiti in sede di programmazione didattico educativa. Fornire spunti importanti e/o proporre nuove soluzioni ai problemi della scuola per l'elaborazione del P.O.F. Avanzare proposte alle Funzioni Strumentali, designate dal Collegio dei Docenti, in merito alle necessità formative e di aggiornamento emergenti. Favorire la comunicazione interna e la massima circolazione delle informazioni. Proporre l'adozione di nuovi libri di testo e di materiali didattici; promuovono la raccolta e la diffusione di materiale scientifico e didattico inerente la Disciplina. Istituire raccordi con gli altri Dipartimenti (incontri interdipartimentali). All'interno di ogni Dipartimento vengono designati due docenti con funzioni di Coordinamento, individuati dai Docenti del Dipartimento I compiti dei Coordinatori di Dipartimento Coordinare i lavori del Dipartimento, presiedere e convocare le riunioni ( concordando con il Capo d'istituto), proporre l ordine del giorno, sollecitare il dibattito dei Docenti; Indirizzare i Docenti verso gli orientamenti metodologici della scuola; Concorrere, con il Docente Verbalizzante, alla stesura dei verbali delle sedute; Raccogliere le programmazioni modulari, le griglie e le analisi disciplinari del Dipartimento; Essere il referente nei confronti del Collegio dei Docenti, del Consiglio d Istituto, del Dirigente Scolastico e di Agenzie esterne; Gestire i rapporti con i referenti dei progetti Per l anno scolastico 2014/2015 sono stati designati i seguenti Coordinatori di Dipartimento: Dipartimento n. 1 Dipartimento n. 2 Dipartimento n. 3 Dipartimento n. 4 Proff.sse Daniela Puccio e Maria Grazia Cipolla Prof.sse Laura Polizzotto e Donatella Capotummino Prof. Giacomo Simonetta Prof. Ssa Debora Santoro

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli