PIATTAFORMA CONTRATTUALE CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIATTAFORMA CONTRATTUALE CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2013/14"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore Statale Carlo Gemmellaro C.so Indipendenza, CATANIA - Tel Fax C.F Cod. Mecc. CTIS certificata: web:www.iis-gemmellaro.gov.it Indirizzi nuovo ordinamento: Tecnico Economico.Amministrazione, finanza e marketing Turismo Tecnico Tecnologico: Informatica e Telecomunicazioni Indirizzi vecchio ordinamento: Istituto Tecnico Commerciale: IGEA -Istituto Tecnico per il Turismo: ITER Istituto Tecnico Industriale: Informatica Industriale PIATTAFORMA CONTRATTUALE CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2013/14 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CARLO GEMMELLARO CATANIA Catania, 8 gennaio 2014 Prot. 0064/A26-c Il Dirigente scolastico Dott. Pasquale Levi

2 SOMMARIO PREMESSA... 1 Composizione del personale... 3 Capo I - Relazioni sindacali a livello d Istituto... 4 Art. 1. Convocazioni e programmazione incontri... 4 Art. 2. Bacheca sindacale... 4 Art. 3. Attività sindacali... 5 Art. 4. Agibilità sindacale... 5 Art. 5. Trasparenza amministrativa... 5 Art. 6. Patrocinio e diritto di accesso agli atti delle OO.SS Art. 7. Assemblee sindacali... 5 Art. 8. Contingenti minimi ATA in caso di sciopero o assemblea... 6 Art. 9. Adattamenti del servizio dei docenti in caso di sciopero o assemblee... 7 Art. 10. Conciliazione... 7 Art. 11. Procedure di raffreddamento, conciliazione,interpretazione autentica... 7 Art. 12. Termine di pagamento dei compensi oggetto di contrattazione... 7 Art. 13. Durata del contratto e campo di applicazione... 7 Capo II- Accordi in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro... 9 Art. 14. Organizzazione... 9 Capo III Fondo per il Miglioramento dell Offerta Formativa (MOF) Art. 15. Criteri generali di accesso al fondo del Miglioramento dell Offerta Formativa (MOF) 10 Art. 16. Calcolo delle risorse disponibili lordo Stato Art. 17. Criteri generali per la ripartizione del FIS Art. 18. Criteri generali per la ripartizione del FIS per i docenti Art. 19. Ripartizione del FIS per i docenti Art. 20. Criteri generali per la ripartizione del FIS del personale ATA Capo VI Funzioni strumentali, incarichi prima e seconda posizione economica incarichi specifici (art. 47), incarichi DSGAcorsi di recupero post scrutinio finale, Centro sportivo scolastico, ore eccedenti sostituzione docenti Art. 21. Funzioni strumentali al piano dell offerta formativa Art. 22. Attribuzione compiti prima posizione economica Art. 23. Incarichi specifici personale ATA (ex art. 47 CCNL ) Art. 24. Incarichi al DSGA (ex art. 89 CCNL ) Art. 25. Criteri per la fruizione dell aggiornamento Art. 26. Corsi di recupero post scrutinio finale Art. 27. Centro sportivo scolastico Organizzazione attività personale docente Criteri di assegnazione del personale docente ai diversi plessi, classi e sezioni e attribuzione degli ambiti disciplinari Orario di lavoro Orario delle riunioni Attività con le famiglie Casi particolari di utilizzazione Vigilanza alunni Sostituzione dei docenti assenti Sostituzione dei docenti assenti: norme comuni Ore eccedenti sostituzione docenti Assegnazione ore residue in organico Organizzazione del personale A.T.A Organizzazione del lavoro... 23

3

4 PREMESSA VISTO l art. 25-bis del Decreto Lgs.vo 3 febbraio 1993, n 29, come integrato dal Decreto Lgs.vo 6 marzo 1998, n 59; VISTO il Decreto Lgs.vo 16 Aprile 1994, n 297; VISTO l art. 21 della Legge 15 marzo 1997, n 59; VISTO il DPR 18 giugno 1998, n 233; VISTO il DPR 8 marzo 1999, n 275; VISTO il D.I. n 44/2001; VISTO il DA Regione Siciliana n. 895/2001 VISTO il D.Lgs 165/01; VISTO l art. 6 del CCNL del Comparto Scuola che fissa le materie oggetto della contrattazione integrativa a livello d istituzione scolastica; VISTO il D. Lgs. 150/09; VISTO il POF a.s. 2013/14, delibera n. 10 del 2/9/2013 del Collegio docenti; VISTA la delibera n. 2 del 2/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina dei coordinatori di classe; VISTA la delibera n.3 del 2/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina dei direttori di laboratorio; VISTA le delibere n.4 del 2/9/2012 del Collegio docenti relativa alla nomina del coordinatore GLHI e dei referenti per l educazione alla salute. L educazione all ambiente, i rapporti con gli EE.LL; VISTA la delibera n.5 del 2/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina del coordinatore educazione stradale e pari opportunità e altri ; VISTA la delibera n.6 del 2/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina del coordinatore CSS; VISTA la delibera n.11 del 2/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina del comitato di valutazione; VISTA la delibera n.12 del 2/9/2013 del Consiglio di Istituto relativa alla nomina della commissione elettorale di Istituto; VISTA la delibera n.22 del 9/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina delle funzioni strumentali; VISTA la delibera n.23 del 9/9/2013 del Collegio docenti relativa alla nomina delle Commissioni; VISTA la delibera n.25 del 26/11/2013 del Collegio docenti relativa alle attività di recupero post scrutinio intermedio; VISTI i verbali dei Dipartimento del 9/9/2013 relativi alla designazione dei coordinatori di dipartimento; VISTA la delibera n. 16 del 5/10/2013 del Consiglio di Istituto relativa all approvazione del POF a.s. 2013/14 per la parte economica; VISTO il Piano annuale delle attività SGA protocollo 5979/A47 del 10/9/2013; VISTE le nomine del Dirigente scolastico relative ai collaboratori del Dirigente scolastico prot. 6063/C1 e 6064/C1 del 12/9/2013; VISTI i verbali dei Consigli di classe del 23,26,27 e 30 settembre 2013 relativi alla nomina dei segretari verbalizzanti; VISTE le nomine del Dirigente scolastico relative ai vari incarichi organizzativi del 30/10/2013 e 27/11/2013; VISTA l intesa del 26 novembre 2014 tra il MIUR e le OO.SS relativa ai valori unitari ed i criteri utili per la ripartizione dei fondi alle Istituzioni scolastiche ed in particolar e per le attività complementari di educazione fisica per il MOF a.s. 2013/14; VISTA la nota MIUR Direzione generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione Uff. V prot. AOODGSC del 3/12/2014 relativa alla attività di avviamento alla pratica sportiva e giochi sportivi studenteschi a.s. 2013/14; VISTA la nota MIUR (Direzione generale politiche finanziarie e per il bilancio) prot. AOODGPFB del 3/12/2013) riguardante le assegnazioni per il periodo settembre dicembre 2013 per il MOF per l a.s. 2013/14. VISTA la nota MIUR (Direzione generale politiche finanziarie e per il bilancio) prot. AOODGPFB del 11/12/2013) riguardante le assegnazioni per il periodo gennaio agosto 2014 per il MOF per l a.s. 2013/14. 1

5 L anno 2014, il giorno GG del mese di MM, presso l Istituto Istruzione Superiore Carlo Gemmellaro di Catania viene concordata la presente ipotesi di Contratto Integrativo di Istituto che regolamenta le relazioni sindacali d Istituto per l anno scolastico 2013/2014. Alla presente ipotesi di Contratto Integrativo di Istituto sono allegati: 1. la comunicazione circa l organizzazione del lavoro del personale docente ed ATA disposta dal Dirigente scolastico 2. il verbale dell esame congiunto delle problematiche organizzative. Le relazioni sindacali sono improntate al preciso rispetto dei diversi ruoli e responsabilità del Dirigente Scolastico e della RSU, e perseguono l obiettivo di incrementare la qualità del servizio scolastico, sostenendo i processi innovatori in atto anche mediante la valorizzazione delle professionalità coinvolte, contemperando l interesse dei dipendenti al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale con l esigenza di incrementare l efficacia e l efficienza dei servizi prestati alla collettività. La correttezza e la trasparenza dei comportamenti sono condizione essenziali per il buon esito delle relazioni sindacali, costituendo quindi impegno reciproco delle parti contraenti. La regolamentazione delle relazioni sindacali d Istituto viene effettuata ai sensi dell art. 6 del CCNL 2006/2009, tenendo conto delle norme imperative disposte dalla legge 150/09 che escludono le materie di cui ai commi h), i) ed m) del predetto art.6. Ai sensi dell art. 54, d.lgs. 150/09 che modifica il comma 1 dell art. 40 del d.lgs. 165/01, la contrattazione collettiva nazionale è deputata alla sola disciplina dei diritti e degli obblighi direttamente pertinenti al rapporto di lavoro, nonché alla definizione delle materie afferenti alle relazioni sindacali. Essa, altresì, individua le materie e detta i limiti entro cui può svolgersi la contrattazione integrativa, ne definisce i diversi livelli territoriali e indica i termini delle sessioni negoziali. Le materie di contrattazione integrativa sono elencate nel contratto nazionale, con l esclusione di tutto ciò che concerne le determinazioni della micro organizzazione degli uffici e le misure inerenti la gestione dei rapporti di lavoro, che sono assunte in via esclusiva dal Dirigente scolastico (in particolare le misure riguardanti la gestione delle risorse umane, la direzione e l organizzazione del lavoro nell ambito degli uffici), con il solo obbligo di informazione ai sindacati ove prevista dal contratto nazionale, ex art. 34, d.lgs. 150/09, che modifica l art. 5, d.lgs. 165/01. Nell a.s. 2013/14, è stato introdotto il sistema dell esame congiunto. L esame congiunto è un istituto di relazioni sindacali, diverso dalla contrattazione integrativa, che si effettua sulle materie inerenti le misure organizzative riguardanti il rapporto di lavoro, ai sensi dell art.2, comma 17, del Decreto Legge n.95/2012, convertito nella legge n.135/2012, con la sola esclusione delle materie indicate dall art.5, comma 2, del D.L.vo n.165/2001, vale a dire l organizzazione e la disciplina degli uffici. Pertanto, l esame congiunto dovrà riguardare tutte le determinazioni adottate dal dirigente scolastico in materia di organizzazione del lavoro, in particolare quelle materie inerenti la gestione del rapporto di lavoro contenute nelle lettere h), i) ed m) dell art.6 del CCNL vigente, in precedenza riservate alla contrattazione integrativa. L esame congiunto si conclude con un verbale in cui si registrano le posizioni delle parti. Le parti, esaminate le proposte del Dirigente scolastico, non ritengono/ ritengono (si allega il relativo verbale) necessario procedere all esame congiunto. 2

6 Composizione del personale L Istituto di Istruzione Superiore Statale Carlo Gemmellaro di Catania, in seguito indicato come Istituto, ha attive 3 sezioni associate nella sede unica: Istituto Tecnico per il Turismo (solo quinto anno VO): ITER Tecnico Economico: Turismo Istituto Tecnico Commerciale (solo quinto anno VO): IGEA Tecnico Economico: Amministrazione, finanza e marketing Turismo Istituto Tecnico Industriale (solo quinto anno VO): Informatica Industriale Tecnico Tecnologico: Informatica (Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni) Il corpo docente dell Istituto è formato, con i supplenti temporanei al 8/1/2014, da 103 docenti, così suddivisi: 72 docenti a tempo indeterminato in organico di diritto 11 docenti a tempo indeterminato gestiti da altro Istituto 7 docenti a tempo indeterminato in organico di fatto 4 docenti di religione a tempo indeterminato 6 docenti a tempo determinato al termine delle attività didattiche, di cui 2 in sostituzione di titolari in assegnazione provvisoria interprovinciale 8 docenti di sostegno a tempo indeterminato 3 docenti di sostegno a tempo determinato PERSONALE NON DOCENTE (ATA) Il personale ATA è così costituito: D.S.G.A. Assistenti amministrativi Assistenti tecnici Posti accantonati ass.tec. n.1 organico di diritto n.7 organico di diritto n.2 organico di diritto n.1 18 ore assistente tecnico organico di fatto 18 ore a ITP utilizzato L. 104/92 ruolo ITP Collaboratori scolastici n.9 organico di diritto Posti accantonati coll.scol. n. 3 organico di diritto servizi pulizie esternalizzati 3

7 Capo I - Relazioni sindacali a livello d Istituto Art. 1. Convocazioni e programmazione incontri Tra il Dirigente Scolastico e la RSU viene concordato il seguente calendario di massima per le materie di cui in premessa: a) nel periodo 1-30 Settembre: - modalità e criteri di applicazione delle relazioni sindacali; - adeguamento degli organici del personale; - assegnazione dei docenti alle classi e alle attività; - organizzazione del lavoro del personale ATA; - elenco delle proposte di incarico docenti/ata; - criteri per la fruizione dei permessi sull aggiornamento; - sicurezza nei luoghi di lavoro. b) nel periodo 1 Ottobre 31 Ottobre: - piano delle attività aggiuntive e delle attività / funzioni retribuite con il Fondo d Istituto; - utilizzo delle risorse finanziarie e del personale per progetti, convenzioni ed accordi; - utilizzazione dei servizi sociali; c) nel mese di Gennaio: - verifica dell organizzazione del lavoro del personale ATA. d) nel mese di Marzo: - determinazione organici di diritto e formazione classi. Gli incontri sono convocati dal Dirigente Scolastico, di propria iniziativa o su richiesta della RSU, almeno 3 (tre) giorni prima delle riunioni. Il Dirigente Scolastico fornisce la relativa documentazione almeno 48 ore prima dell incontro. Agli incontri di informazione o di trattativa possono partecipare su richiesta delle parti consulenti senza diritto di intervento. Al termine degli incontri si verbalizzeranno le singole posizioni, su apposito registro, sottoscritto dalle parti. Degli accordi raggiunti, sarà data informazione a tutto il personale attraverso affissione agli Albi di Istituto e della RSU o in apposita assemblea sindacali proposte dalla stessa. Art. 2. Bacheca sindacale Il Dirigente Scolastico assicura la predisposizione di una bacheca riservata all esposizione di materiale sindacale, in collocazione idonea e concordata con la RSU e precisamente all ingresso della sede centrale. In analoga posizione è viene istituita la bacheca RSU La RSU ha diritto di affiggere, nelle suddette bacheche materiale di interesse sindacale e del lavoro, in conformità alla legge sulla stampa e sotto la propria responsabilità e senza preventiva autorizzazione del Dirigente scolastico. Stampati e documenti da esporre nella bacheca possono essere inviati anche direttamente dalle OO. SS. Provinciali, Regionali e/o nazionali. Il Dirigente Scolastico assicura la tempestiva trasmissione alla RSU del materiale a loro indirizzato ed inviato per posta, per fax o per . 4

8 Art. 3. Attività sindacali Alla RSU spettano permessi retribuiti per un monte ore annuale per anno scolastico pari a 25 minuti e 30 secondi per dipendente in servizio a tempo indeterminato, compreso il personale utilizzato ed in assegnazione provvisoria con esclusione dei supplenti annuali (art.8 CCNQ 1998) e degli insegnanti di religione. Il Dirigente scolastico comunica alla RSU il monte ore spettante: Personale in servizio in servizio a tempo indeterminato compresi utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie: docenti 88 e ATA 19per un totale di 107 unità; Totale permessi RSU: 45 ore e 28 minuti. La RSU decide come utilizzare i permessi per le attività che intende svolgere durante l anno e ne fruirà secondo la vigente normativa. È opportuno che la comunicazione pervenga al Dirigente in tempo utile per facilitare la predisposizione delle sostituzioni o degli adattamenti di orario, al fine di limitare il più possibile disagi agli studenti ed alle famiglie. Art. 4. Agibilità sindacale Alle RSU è consentito l uso gratuito del telefono, del fax, del ciclostile e della fotocopiatrice, nonché l uso del computer con eventuale accesso a posta elettronica e reti telematiche e di tutti gli strumenti ed attrezzature presenti nella scuola. L accesso non può interferire con la normale attività amministrativa. Alla RSU viene assegnato un locale idoneo per riunioni ed incontri, nonché l utilizzo di un armadio per la raccolta del materiale sindacale. Art. 5. Trasparenza amministrativa Il prospetto dei progetti e delle attività retribuite con il fondo del Miglioramento dell Offerta Formativa (MOF), contenente anche i nominativi del personale in essi utilizzato, è fornito alla RSU che potrà utilizzarlo sotto la propria responsabilità. Art. 6. Patrocinio e diritto di accesso agli atti delle OO.SS. Per motivi di carattere sindacale ai rappresentanti delle OO.SS. è consentito di comunicare con il personale durante l orario di servizio, senza arrecare pregiudizio alla normale attività scolastica. Le OO.SS. hanno diritto di acquisire, all interno della scuola, gli atti e gli elementi di conoscenza per la loro attività anche in relazione alla tutela dell igiene, della sicurezza e alla medicina preventiva, come previsto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i.. Il rilascio di copia degli atti avviene senza oneri e nei tempi previsti dalla normativa vigente in materia. Art. 7. Assemblee sindacali La dichiarazione individuale e preventiva di partecipazione alle assemblee sindacali, espressa in forma scritta dal personale che intende parteciparvi durante il proprio orario di servizio, fa fede ai fini del computo del monte ore annuo individuale ed è irrevocabile. I partecipanti alle assemblee non sono tenuti ad apporre firme di presenza, né ad assolvere altri ulteriori adempimenti. Le assemblee sindacali sono convocate: 5

9 - singolarmente o congiuntamente da una o più Segreterie Provinciali e/o Regionali, ai sensi dell art. 1, comma 5, del CCNQ del sulle prerogative sindacali; - dalla RSU nel suo complesso e non dai singoli componenti, con le modalità dell art. 8, comma 1 dell accordo quadro sulle elezioni delle RSU del 7/8/1998; - dalla RSU congiuntamente con una o più organizzazioni sindacali rappresentative del comparto ai sensi dell art. 1, comma 5, del CCNQ del 9/8/2000 sulle prerogative sindacali. La richiesta d indizione dell assemblea va inoltrata al Dirigente Scolastico con almeno sei giorni di anticipo e deve specificare l ordine del giorno, la data, l ora di inizio e di fine, e, se tenuta in Istituto, l eventuale presenza di persone esterne all Istituto. L adesione all assemblea va espressa almeno tre giorni prima della sua effettuazione, in modo da poter avvisare le autorità comunali e le famiglie degli alunni, in caso di variazioni all orario delle lezioni. Art. 8. Contingenti minimi ATA in caso di sciopero o assemblea Quando siano convocate assemblee sindacali che prevedono la partecipazione del personale ATA, il Dirigente Scolastico e la RSU, per l individuazione del contingente minimo di lavoratori necessario per assicurare i servizi essenziali alle attività indifferibili coincidenti con l assemblea, verificano prioritariamente per le vie brevi la disponibilità dei singoli, stabiliscono i nominativi di quanti sono tenuti ad assicurare i servizi essenziali relativi alla attività indispensabili ed indifferibili coincidenti con l assemblea stabiliti in 1 (uno) assistente amministrativo per quanto riguarda la segreteria e di 3 (tre) collaboratori scolastici di cui uno al centralino. Al fine di assicurare le prestazioni indispensabili in caso di sciopero o assemblea, sono individuati i seguenti contingenti necessari ad assicurare le prestazioni indicate nell art. 1 del CCNI 1999: - per garantire la vigilanza in Istituto e il disbrigo delle pratiche urgenti qualora non siano previsti scrutini, esami o pagamento degli stipendi, in 1 (uno) assistente amministrativo per quanto riguarda la segreteria e di 3 (tre) collaboratori scolastici di cui uno al centralino. - per garantire l effettuazione degli scrutini e delle valutazioni finali: 2 (due) assistenti amministrativi e 2 (due) collaboratori scolastici; - per garantire lo svolgimento degli esami preliminari, idoneità, integrativi e di Stato, 1 (uno) assistente amministrativo e 1 (uno) collaboratore scolastico per ciascuna delle tre sezioni associate; - per il pagamento degli stipendi al personale con contratto a tempo determinato nel caso previsto dal CCNI 1999: il D.S.G.A., 1 (uno) Assistenti Amministrativi, 1 (uno) Collaboratore Scolastico; Nella scelta del predetto personale indispensabile ad assicurare i servizi minimi, in caso di sciopero, negli edifici in cui si prevede che si svolgeranno attività didattiche, il Dirigente Scolastico indicherà in primo luogo i lavoratori che abbiano espresso il loro consenso (da acquisire comunque in forma scritta) e successivamente, se necessario, effettuerà un sorteggio tra tutti i lavoratori in servizio nell Istituto, escludendo dal medesimo coloro che fossero già stati obbligati al servizio in occasioni precedenti. 6

10 Il Dirigente scolastico comunica al personale interessato ed espone all Albo di Istituto l ordine di servizio del DSGA con i nominativi del personale indispensabile ad assicurare i servizi minimi. Art. 9. Adattamenti del servizio dei docenti in caso di sciopero o assemblee Il Dirigente Scolastico, relativamente ai docenti, non utilizzerà quelli in giorno libero. Qualora si prevede una diffusa partecipazione allo sciopero o all assemblea sindacale, il Dirigente scolastico, al fine di evitare rischi che pregiudicano la salute e l incolumità degli alunni, procederà alla sospensione delle attività didattiche per tutte o parte delle classi. Per garantire la sicurezza dei minori durante lo sciopero del personale docente, i docenti in servizio dovranno garantire innanzitutto la sorveglianza dei minori presenti in Istituto e, in secondo luogo, se la situazione lo permette, garantire il corretto svolgimento delle lezioni. Il Dirigente scolastico, in occasione soprattutto di scioperi che interessano solo la prima ora, al fine di assicurare il servizio educativo e didattico e la vigilanza degli alunni nel maggior numero di sezioni e classi, può disporre adattamenti all orario delle lezioni; in tal caso, i docenti non scioperanti sono tenuti a prendere servizio fin dall inizio delle lezioni e per un monte ore complessivo pari al numero di ore servizio previste per quel giorno. Art. 10. Conciliazione In caso di controversia su una delle materie di cui all art. 6 del CCNL , ciascuno dei soggetti sindacali intervenuto in sede di esame, può richiedere la procedura di conciliazione prevista dall art. 135 del CCNL Art. 11. Procedure di raffreddamento, conciliazione,interpretazione autentica In caso di controversia sull interpretazione e/o sull applicazione del presente contratto integrativo, le parti s incontrano entro cinque giorni dalla richiesta presso la sede centrale della scuola. La richiesta deve essere formulata in forma scritta e deve contenere una sintetica descrizione dei fatti. Le parti non intraprendono iniziative unilaterali per trenta giorni dalla formale trasmissione della richiesta scritta d incontro. Art. 12. Termine di pagamento dei compensi oggetto di contrattazione I compensi per i docenti ed il personale ATA saranno erogati a partire dal 20 luglio 2014 ed entro il 31 agosto 2014 previa presentazione di una sintetica relazione sul lavoro svolto redatta dai docenti e, per il personale ATA, dal DSGA. I compensi per le prestazioni effettuate nel mese di luglio ed agosto saranno corrisposti entro il mese di settembre Art. 13. Durata del contratto e campo di applicazione Gli effetti decorrono dal 1 settembre 2013, fermo restando che quanto stabilito nel presente contratto s intenderà tacitamente abrogato da eventuali successivi atti normativi e/o contrattuali nazionali gerarchicamente superiori, qualora incompatibili. 7

11 Il presente contratto conserva validità fino alla sottoscrizione di un successivo accordo integrativo in materia. Resta comunque salva, la possibilità di modifiche e/o integrazioni a seguito di innovazioni legislative e/o contrattuali. La presente ipotesi di Contratto integrativo di Istituto viene predisposto sulla base ed entro i limiti previsti dalla normativa vigente e, in particolar modo, secondo quanto stabilito dal CCNL Scuola e dal DLgs. 150/09, salvo modifiche ed integrazioni. Entro cinque giorni dalla sua sottoscrizione, il Dirigente Scolastico provvede all affissione di copia integrale della ipotesi di Contratto integrativo di Istituto nella bacheca della RSU, dell Istituto e nel sito WEB di Istituto. L ipotesi di Contratto integrativo di Istituto deve essere certificata dal Collegio dei Revisori dei Conti, a cui compete il controllo sulla compatibilità dei costi secondo i principi di cui all art. 48 del D.Lgs. 165/2001. A tale fine, la presente ipotesi di Contratto integrativo di Istituto (corredata dall apposita relazione illustrativa tecnico finanziaria redatta dal DSGA) è inviata entro 5 giorni dal Dirigente scolastico al Collegio dei Revisori, per il controllo. Trascorsi 30 giorni senza rilievi viene definitivamente stipulato il Contratto integrativo di Istituto che produce i conseguenti effetti. Eventuali rilievi sono tempestivamente portati a conoscenza della RSU e delle rappresentanze sul territorio delle organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL, ai fini della riapertura della contrattazione. Il Dirigente scolastico provvederà, entro cinque giorni dalla stipula del Contratto integrativo di Istituto a inviarne copia all ARAN e al CNEL, allegando la sua relazione illustrativa della Contrattazione Integrativa di Istituto e la relazione illustrativa tecnico finanziaria redatta dal DSGA. Al fine di evitare i disagi causati dal persistente ritardo nelle assegnazioni del MOF in relazione all effettivo svolgimento delle attività, in vigenza del presente contratto integrativo di Istituto nell a.s. 2013/14 il Dirigente scolastico potrà assegnare formalmente gli incarichi al personale prevedendo un compenso pari a quello concordato con il presente contratto integrativo sotto condizione, espressamente sottoscritta dal personale, che il compenso potrà essere adeguato a quanto previsto nel successivo contratto di Istituto per l a.s. 2014/15, fatta salva la volontà di recesso da parte dell incaricato. 8

12 Art. 14. Capo II- Accordi in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro Organizzazione 1. La R.S.U., attraverso il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), di norma eletto all interno della stessa R.S.U., esercita le funzioni di controllo del rispetto delle norme previste dal DLgs 81/08 - TU sulla sicurezza - e successive integrazioni e/o modifiche; 2. Il personale ATA e i docenti dovranno assumere, ove richiesto, l incarico di RSPP e ASPP, salvo gravi motivi documentati, e seguire i corsi di formazione obbligatori; 3. Il personale ATA e i docenti dovranno assumere ove richiesto l incarico di addetto alle emergenze (antincendio e primo soccorso) e seguire i corsi di formazione obbligatori; 4. Per il personale ATA tali corsi sono effettivo servizio e pertanto, se svolti fuori dell orario di lavoro, anche in via telematica, daranno luogo a riposo compensativo preferibilmente durante i periodi di sospensione delle attività didattiche. Il servizio di prevenzione e protezione è così articolato, come personale interno: n.1 RSPP n.2 ASPP n.7 Addetti alle emergenze (antincendio e primo soccorso) Inoltre, in base al DVR 2014 s i provvederà alla nomina del medico competente del lavoro. Il fondo di 2.425,10 sarà prioritariamente utilizzato pe remunerare il RSPP e gli ASPP per la funzione di tutor dei corsi multimediali online di formazione e aggiornamento obbligatori per legge rivolti al personale dell Istituto ed agli alunni. Sono previsti sette addetti alle emergenze, sia per l antincendio che per il primo soccorso con prevalenza ATA per garantire la copertura del servizio: 2 docenti, 7 ATA di cui 4 assistenti amministrativi e 3 collaboratori scolastici. 9

13 Capo III Fondo per il Miglioramento dell Offerta Formativa (MOF) Art. 15. Criteri generali di accesso al fondo del Miglioramento dell Offerta Formativa (MOF) 1. il fondo MOF dell istituzione scolastica è salario accessorio per il personale 2. in quanto salario accessorio, tutto il personale può usufruirne, nei modi e criteri concordati a livello d Istituto; 3. a livello d Istituto vengono stabilite le percentuali per suddividere la somma del MOF; 4. ogni tipologia di personale ha diritto ad usufruire di tutta la percentuale della somma del MOF stabilita; 5. il MOF serve per retribuire determinate attività concordate a livello d Istituto; 6. per il personale ATA determinate attività concordate a livello d Istituto vengono retribuite con il MOF oppure danno diritto a recuperi orari; 7. la retribuzione con il MOF è prioritaria rispetto ai recuperi orari per il personale ATA. La partecipazione alle attività finanziate dal MOF sono regolate dai seguenti criteri di massima: 1. dichiarazione di disponibilità 2. congruenza del curriculum 3. posizione in graduatoria di Istituto 4. rotazione per un equo accesso anche su base pluriennale Art. 16. Calcolo delle risorse disponibili lordo Stato I parametri utilizzati per il personale dell Istituto sono i seguenti: I parametri utilizzati per il calcolo sono: punti di erogazione:3 quota complessità: 1 (Istituto istruzione superiore) classi in organico di diritto: 40 docenti in organico di diritto: 72 docenti di sostegno valutati in organico diritto 3 organico diritto ATA: 22 (1 DSGA, 7 assistenti amministrativi (AA), 2 assistenti tecnici (AT), 1 AT accantonato, 9 collaboratori scolastici (CS), 3 collaboratori scolastici accantonati per servizi di pulizie esternalizzati) La seguente tabella riporta le economie del MOF ed il MOF assegnato per l a.s. 2013/14 (importi in euro al lordo dipendente): Economie a.s. precedenti Assegnato a.s. 2013/14 MOF contrattabile a.s. 2013/14 Centro Sportivo Scolastico CSS 268, , ,77 Ore eccedenti docenti OE , , ,76 Fondo dell Istituzione Scolastica FIS , , ,93 Incarichi Specifici ATA IS 738, , ,96 Funzioni strumentali FS 61, , ,83 10

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico.

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico. Oggetto: contrattazione integrativa a livello di Istituzione Scolastica per la determinazione dei criteri riguardanti l assegnazione del personale docente e ATA ai plessi: a.s. 2011/2012. Istituzione Scolastica:

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 A seguito del parere favorevole espresso dal Comitato di Settore

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE DELLA REGIONE SICILIANA E DEGLI ENTI DI CUI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

SEDE PROVINCIALE DI FOGGIA. Gilda degli Insegnanti. Guida pratica per le RSU Gilda-Unams

SEDE PROVINCIALE DI FOGGIA. Gilda degli Insegnanti. Guida pratica per le RSU Gilda-Unams SEDE PROVINCIALE DI FOGGIA Gilda degli Insegnanti Guida pratica per le RSU Gilda-Unams Guida pratica per le RSU Gilda-Unams A cura di Gina Spadaccino Indice Introduzione pag. 1 I diritti delle RSU pag.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Sintesi della normativa per la presentazione delle domande di mobilità volontaria e d ufficio del personale della scuola

Sintesi della normativa per la presentazione delle domande di mobilità volontaria e d ufficio del personale della scuola MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Sintesi della normativa per la presentazione delle domande di mobilità volontaria e d ufficio del personale della scuola Versione.pdf:

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

TRA. la delegazione di parte pubblica costituita con D.M. n. 24 del 10 marzo 2010.

TRA. la delegazione di parte pubblica costituita con D.M. n. 24 del 10 marzo 2010. Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per l a.s. 2014/2015, sottoscritto nell anno 2014 il giorno 26 del mese di febbraio, in Roma,

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

OrizzonteScuola.it 1

OrizzonteScuola.it 1 1 2014 Orizzonte Scuola S.R.L. Via J. A. Spataro 17/A 97100 Ragusa (Rg) - Sicily E-mail: redazione@orizzontescuola.it http://orizzontescuola.it 2 INDICE LE SUPPLENZE DI COMPETENZA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli