ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE"

Transcript

1 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE Sede Via Berto Barbarani, Garda tel fax Sede aggregata Via C.A.Dalla Chiesa, Bussolengo tel. - fax 045/ Sommario IL NOSTRO ISTITUTO... 3 GLI OBIETTIVI FORMATIVI E PROFESSIONALI... 7 LE CONDIZIONI PER IL SUCCESSO FORMATIVO: STRATEGIE... 8 LO SVILUPPO E LE MODALITÀ DELL AZIONE DIDATTICA: METODOLOGIA... 8 INTERVENTI IN SITUAZIONI DI CRITICITÀ DI ALCUNE AREE: ALUNNI STRANIERI, DISABILITÀ, DSA... 9 ALUNNI STRANIERI: UN PONTE PER L INTEGRAZIONE E L AUTONOMIA... 9 DISABILITÀ DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE IL SOSTEGNO ED IL RECUPERO IL RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIA STRUTTURE E ORGANIZZAZIONI LA DIRIGENZA E LE COLLABORAZIONI PERSONALE AMMINISTRATIVO INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA IN AMBITO SCOLASTICO I PROGETTI DELL' ISTITUTO "MARIE CURIE" PROGETTI DI FORMAZIONE DELLA PERSONA Anno scolastico 2012/ BENESSERE SEDE DI GARDA PROGETTO ACCOGLIENZA SEDE DI BUSSOLENGO UN PONTE PER L'INTEGRAZIONE EDUCAZIONE ALLA SALUTE SPORTELLO CIC GARDA EDUCAZIONE ALLA SALUTE SPORTELLO CIC - BUSSOLENGO GIARDINI ROMANTICI TRA BALDO E GARDA PROGETTO SOLIDARIETÀ E MONDIALITÀ PROGETTO MUSICA NEL SANGUE SCHOOL CONTEST "DIPINGIAMO LA SCUOLA ATTIVITA SPORTIVA E CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO GARDA - BUSSOLENGO PROGETTI PROFESSIONALIZZANTI E DI RACCORDO CON L'UNIVERSITA' Anno scolastico 2013/

2 ISTITUTO PROFESSIONALE LICEO SCIENTIFICO (N.O.) LICEO SCIENTIFICO CON OPZIONE DELLE SCIENZE APPLICATE LICEO LINGUISTICO LA VALUTAZIONE ISTITUTO TECNICO PROGETTO PROGETTO ACCOGLIENZA SEDE DI BUSSOLENGO CERTIFICAZIONE LINGUA TEDESCA B1-B CERTIFICAZIONE LINGUA INGLESE B1-B PRATICHE DI AGENZIA-VIAGGI E BIGLIETTERIA AEREA... 96

3 IL NOSTRO ISTITUTO L Istituto di Istruzione Superiore di Garda - Bussolengo offre i seguenti corsi di studio: Garda LICEO Liceo scientifico (nuovo ordinamento) Liceo scientifico con opzione delle scienze applicate (nuovo ordinamento) Liceo linguistico (nuovo ordinamento) PROFESSIONALE Settore Servizi: indirizzo Commerciale Settore Servizi: indirizzo Socio-Sanitario. Bussolengo TECNICO Corso Relazioni Internazionali per il Marketing (nuovo ordinamento) Corso per il Turismo (nuovo ordinamento) Tale diversificazione di indirizzi nasce da una scelta di politica scolastica decisa dagli amministratori ormai cinque anni fa ed è stata ispirata dalla volontà di riunire in un unico Istituto, sotto un unica dirigenza, le scuole superiori presenti nel territorio del comprensorio del Baldo - Garda. Tre sedi distaccate di grandi istituti, di scuole con una trentennale storia di buon funzionamento che ora, distaccate dalle vecchie sedi centrali, sono state aggregate e sono diventate un unico Istituto Superiore con una sede principale, a Garda, ed una distaccata a Bussolengo: sono il nuovo, grande Istituto Superiore di Garda/Bussolengo che, dal 28 gennaio 2010, si chiama Istituto Marie Curie. L Istituto Superiore Marie Curie è deputato a formare le professioni alte ed intermedie che andranno ad operare soprattutto nel contesto geografico dell area Baldo - Garda, area da cui provengono la maggior parte dei propri studenti e nella quale opereranno, una volta concluso il corso di studi liceale, tecnico e professionale e l eventuale percorso universitario. La scelta del nome è stata un passaggio difficile e meditato, perché darsi un nome significa anche

4 scegliere una propria identità: decidere, a maggioranza, di darsi un nome femminile, il nome della prima donna premio Nobel della storia, una donna divenuta famosa con il nome del marito, una donna che ha scelto di non brevettare le proprie scoperte, ma di donarle all umanità, che ha pagato con la vita il suo impegno nella ricerca e nell applicazione delle sue scoperte, significa che l Istituto Marie Curie si è anche dato l obiettivo di sviluppare nei propri allievi quell amore per la scienza e per l umanità che sono state le caratteristiche fondamentali della vita e delle scelte di Marie Curie. La nostra attenzione all umanità significa che la scuola si impegnerà non solo nel promuovere le caratteristiche personali dei propri allievi, ma che cercherà di allargare il proprio impegno nel territorio dando agli studenti l opportunità di maturare la consapevolezza delle caratteristiche, delle risorse e delle opportunità dell ambiente in cui vivono, affinché le sappiano utilizzare e valorizzare nel momento in cui si inseriranno nel territorio come cittadini formati e responsabili. Ed il territorio da cui provengono e nel quale sono destinati ad inserirsi con il loro lavoro è zona ad indiscussa vocazione turistica, zona in cui, per poter lavorare proficuamente, risulta necessario essere formati con un particolare spirito di apertura, di accoglienza, di confronto sia verso coloro che vi risiedono, sia verso quelli che il territorio vengono a viverlo quali turisti od operatori commerciali. In realtà, le scuole che sono entrate a far parte di questo Istituto, questa attenzione alla formazione aperta al confronto con il mondo del turismo e, di conseguenza, centrata in particolare sulla formazione linguistica l hanno maturata da molto tempo e proprio all interno dei loro curricula: entrambi gli indirizzi dell'istituto professionale di Garda si caratterizzano per una costante attenzione all'esperienza linguistica la quale, con l'attuazione della riforma dei cicli, ha goduto di grande attenzione da parte del legislatore. Gli alunni delle classi terminali seguono, inoltre, progetti di Alternanza Scuola Lavoro per facilitarli ed orientarli meglio a comprendere l attività professionale applicata all ambito specifico; Presso la sede di Garda sono attivi i seguenti indirizzi Liceo scientifico di ordinamento, Liceo scientifico con opzione scienze applicate che si caratterizzano per attività strettamente connesse ai propri curricula, svolte in collaborazione con altri licei e con l università di Verona e di Padova, Liceo Linguistico che si caratterizza per una attenta attività di approfondimento linguistico che prevede soggiorni studio all estero, che coinvolgono tutti gli studenti dell Istituto, apertura agli scambi con scuole europee e corsi di preparazione al conseguimento di certificazioni linguistiche (Cambridge, Goethe, Cervantes). Presso la sede del liceo di Garda è attivo un centro di certificazione linguistica Cambridge. Di fatto, dunque, è stato attraverso l apertura formativa ai progetti di formazione linguistica, agli scambi culturali con scuole europee che le scuole di questo Istituto hanno declinato le loro proposte didattiche alle specifiche esigenze formative del territorio, raggiungendo un livello

5 interessante di adeguatezza e di capacità di soddisfare la domanda formativa dell utenza che esprime la necessità formativa del territorio. Nell approvare il Piano dell Offerta Formativa di questo anno abbiamo tutti presente che questo orientamento deve essere e sarà il tratto distintivo, anche per gli anni a venire, di tutti coloro che pensano, operano ed attuano sia l organizzazione che la realizzazione delle attività formativa del nostro Istituto nelle scuole che lo compongono. L'ORIENTAMENTO IN ENTRATA ED IN USCITA ORIENTAMENTO IN ENTRATA Prof. Peressutti Pierluigi Prof. Bottaro Giuliano Attività informative nelle scuole secondarie di primo grado (in orario scolastico o pomeridiano-serale) e/o accoglienza di questi nelle nostre sedi. Partecipazione al Salone dell orientamento a Verona. Giornate di scuola aperta. Lezioni simulate. Disponibilità a colloqui personali per chiarimenti. Campus estivo di conoscenza delle materie fondamentali per gli indirizzi di Garda (rivolto agli alunni del secondo anno delle scuole secondarie di primo grado). ORIENTAMENTO IN USCITA Prof.ssa Facchini Marta Orientare significa porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e di progredire per l adeguamento dei suoi studi e della professione alle mutevoli esigenze della vita, con il duplice scopo di contribuire al progresso della società e di raggiungere il pieno sviluppo della sua persona (UNESCU 1970) Per dare massima concretizzazione a questo importante compito della scuola secondaria di secondo grado, già da vari anni sia nell ind. Professionale che nel Liceo si propone agli alunni che frequentano il quarto e il quinto anno di studi una serie di iniziative che possano aiutare a prendere consapevolezza delle proprie attitudini e capacità, informarsi sulle concrete possibilità offerte dal mondo del lavoro e sui percorsi formativi da seguire (universitari e non) per raggiungere il proprio obiettivo. Le attività proposte sono organizzate in collaborazione con Università e scuole (pubbliche e private) delle città più vicine, associazioni di categoria, centri di formazione professionale, professionisti dei diversi settori ed ex allievi. Si avrà cura di reperire, selezionare e informare gli studenti su bandi di concorso e borse di studio nazionali ed esteri di cui la scuola viene a conoscenza e di divulgare materiale informativo pervenuto dalle varie università sulle opportunità post-diploma attraverso diffusione di depilant ed altri materiali. Si segnala in modo particolare la collaborazione con Cim e Form (ente di formazione di Confindustria-Verona), con gli esperti della Cooperativa Il Ponte e l intervento del Cosp ( Comitato provinciale per l orientamento scolastico e professionale) attraverso il progetto Itinera, la partecipazione volontaria e individuale ai Master e l ingresso in classe di Testimoni d Impresa. Per quanto concerne i master, le classi quarte e quinte dei due indirizzi avranno la possibilità di

6 frequentare al pomeriggio, a incontri della durata di 15 ore distribuite su 5 pomeriggi della durata di 3 ore ciascuno. Le tematiche sono; Banca e finanza Scienza e salute Information technology Agroalimentare Turismo Lavoro e azienda Logistica e trasporti Arte e design Costruzioni Forze armate, ordine pubblico e protezione civile Educazione e formazione Vendite e marketing Arti e mestieri Comunicazione e giornalismo Moda Impresa sociale Energie Rinnovabili Carriere internazionali Volontariato Green Energy Wellness e benessere Internazionalizzazione Start up Professione ingegnere

7 Per quanto riguarda la formazione specifica in aula si propone Per le classi V del Liceo: La stesura del curriculum vitae La scelta universitaria e la preparazione ai test di ingresso alle università ad accesso programmato Per le classi IV del professionale Comunicazione e ascolto in ambito professionale Valori motivazionali e strategie nello studio e nel lavoro Per le classi V del Professionale Quale università? Preparazione ai test di ingresso alle università ad accesso programmato Preparazione alla prova orale dell Esame di Stato GLI OBIETTIVI FORMATIVI E PROFESSIONALI Il progetto di Istituto intende promuovere: una solida preparazione culturale, intesa sia come competenza specifica sulle materie di studio, sia come capacità di collegare in un quadro organico i singoli elementi appresi e di utilizzarli come risorsa personale; un adeguata preparazione per gli studi universitari o per percorsi formativi professionali; un atteggiamento di flessibilità intellettuale, che permetta di rispondere attivamente alle esigenze di una società in evoluzione, e in particolare a quelle del mondo del lavoro e della ricerca scientifica; lo sviluppo dell autonomia della persona, in rapporto con se stessa e con gli altri; la formazione di un cittadino consapevole e responsabile delle proprie scelte. In rapporto a tali obiettivi la scuola cura in particolare: 1. le attività di orientamento in entrata e in uscita; 2. la piena realizzazione dell obbligo scolastico e formativo; 3. gli interventi mirati che consentano ad ogni studente di sviluppare pienamente le proprie risorse.

8 LE CONDIZIONI PER IL SUCCESSO FORMATIVO: STRATEGIE La finalità del raggiungimento del successo formativo per le studentesse e gli studenti che frequentano l Istituto è affidata alle seguenti fasi: individuazione delle attitudini e dei livelli cognitivi di partenza; orientamento e motivazione mirati a favorire la realizzazione delle potenzialità; acquisizione di un metodo idoneo, volto alla maturazione di: cultura generale (intesa come acquisizioni e disponibilità alle conoscenze); formazione (intesa nei termini, ormai necessari, di trasversalità delle conoscenze e competenze e di flessibilità e capacità di adattamento al nuovo). Particolare valenza assume il conseguimento del successo formativo nella frazione di curricolo in cui i giovani assolvono l obbligo scolastico. In considerazione di ciò, la scuola affronterà le situazioni particolari di difficoltà e di adattamento, eventualmente riscontrate nelle prime classi, al fine di riorientare gli alunni. LO SVILUPPO E LE MODALITÀ DELL AZIONE DIDATTICA: METODOLOGIA IL METODO DI INSEGNAMENTO Ciascun docente, nell ambito delle peculiarità del proprio insegnamento, mette in atto strategie che variano dalla lezione frontale, alla lezione dialogata, al cooperative-learning ed altre al fine di adeguarsi ai diversi stili di apprendimento ed al diverso modo di costruire e strutturare la conoscenza degli alunni. L attività didattica può svolgersi, pertanto, oltre che con il tradizionale metodo della lezione dalla cattedra, con lavori di gruppo, con schede o esercizi individuali seguiti da discussione, con lettura critica del manuale in classe seguita da spiegazione e commento, con ricerche guidate, con conferenze ed interventi di esperti esterni alla scuola, con visite guidate, con simulazioni e/o drammatizzazioni, con attività di recupero in orario curricolare ed extracurricolare, con l ausilio di sussidi audiovisivi, con esperimenti di laboratorio, etc. Gli adattamenti dell insegnamento alle situazioni ambientali specifiche del territorio sono rimessi alla programmazione annuale che viene predisposta dai competenti Organi Collegiali. Nei dipartimenti disciplinari si è proceduto alla revisione della programmazione disciplinare del biennio al fine di armonizzare i programmi alle richieste della Riforma dei cicli, con particolare riguardo alla Didattica per competenze. L armonizzazione dell insegnamento, ai fini del raccordo interdisciplinare e del coordinamento dei modi e dei tempi delle valutazioni formative e sommative, è importante per la funzionalità didattica e per la stessa razionalità del servizio-scuola: essa viene rimessa alla competenza dei singoli Consigli di classe e non deve essere sottovalutata. I docenti, sin dall inizio dell anno scolastico, prendono nota dei sussidi didattici in dotazione alla scuola, in modo che laboratori, videocassette, volumi della biblioteca, riviste e giornali, e strumenti vari (lavagne luminose, videoregistratori, etc.) possano essere adeguatamente utilizzati.

9 Tutte le aule dell Istituto sono dotate di LIM. Ai Consigli di classe è demandato il compito di programmare un equilibrata distribuzione dei carichi di lavoro degli studenti durante il corso dell anno, anche con riferimento ai tempi delle verifiche sommative. Per questo è stato affisso in ogni classe un planning per la programmazione delle verifiche. LE VERIFICHE Le modalità di verifica dell apprendimento sono molteplici: dal controllo dei compiti eseguiti a casa, alla correzione individuale o collettiva dei compiti e alle interrogazioni orali, dalla somministrazione di questionari ad altre prove oggettive, dalle elaborazioni scritte (analisi testuale, composizione, sintesi, relazione, risoluzione di problemi, esercizi etc.) alla produzione orale, etc. Il numero dei compiti scritti e delle verifiche orali nei due periodi in cui è diviso l anno scolastico deve essere tale da accertare la consistenza e la continuità dell apprendimento, da permettere di colmare lacune e da consentire una sicura valutazione globale. Le prove orali e scritte devono corrispondere agli obiettivi didattici dichiarati e ai contenuti dell apprendimento, nonché allo svolgimento reale dell insegnamento. Il numero delle verifiche viene stabilito dai dipartimenti disciplinari, composti dai docenti delle singole discipline. I compiti corretti devono essere mostrati dai docenti agli alunni entro un tempo ragionevolmente breve. Le verifiche orali potranno essere integrate e/o sostituite dalla somministrazione di prove strutturate e/o esercitazioni scritte. Tale modalità di verifica risulta particolarmente importante per le discipline considerate orali, per le quali è comunque prevista dall ordinamento la terza prova scritta dell Esame di Stato. INTERVENTI IN SITUAZIONI DI CRITICITÀ DI ALCUNE AREE: ALUNNI STRANIERI, DISABILITÀ, DSA ALUNNI STRANIERI, DISABILITÀ, DSA ALUNNI STRANIERI: UN PONTE PER L INTEGRAZIONE E L AUTONOMIA INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L 2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE La nascita di questo intervento è il risultato di una riflessione e di un confronto tra diversi ordini di scuola sui progetti che si attuano per favorire l accoglienza e l inserimento degli alunni stranieri nell ambito scolastico e sociale. Si è sentita l esigenza di promuovere la costruzione di uno spazio extrascolastico all interno del quale la competenza e la professionalità delle diverse istituzioni scolastiche presenti sul territorio, concorreranno alla promozione di un corretto alfabeto linguistico, che accompagnerà gli alunni di recente immigrazione verso un nuovo percorso di apprendimento. L intervento è destinato ad alunni/e con nulla o scarsa competenza nella Lingua italiana, arrivati da poco in Italia, segnalati dai diversi Consigli di classe. Obiettivi principali sono l acquisizione e/o il

10 rafforzamento dell italiano per permettere agli alunni di seguire in modo autonomo l attività didattica e l ampliamento lessicale. Dall anno scolastico 2008/2009 l Istituto, vista la presenza sempre più numerosa nelle classi di alunni stranieri, è entrato a far parte della Rete di Tante Tinte dell U.S.P. di Verona, che si occupa dell integrazione culturale e linguistica degli alunni stranieri presenti nella provincia. Il nostro Istituto, attraverso il progetto Un ponte per l integrazione relativo al programma nazionale Scuole Aperte, nell ambito L 2, avviato nell a.sc. 2008/2009, ha stipulato una convenzione di collaborazione con l Istituto Comprensivo di Garda e il C.T.P. (Centro Territoriale Permanente) di Malcesine, volta alla progettazione e attuazione delle attività proposte con la messa a disposizione della struttura e con la partecipazione al finanziamento. Agli alunni sarà richiesta la frequenza su base volontaria per le ore stabilite, in orario extracurriculare, durante tutto l arco dell anno scolastico. La docenza è affidata a insegnanti di Lingua Italiana, con il supporto di testi e materiale didattico. DISABILITÀ Il nostro Istituto, come la maggior parte degli istituti professionali, è frequentato da un utenza molto eterogenea, all interno della quale esiste una fascia debole e, di conseguenza, a rischio molto consistente. Diventa così assai difficile prevedere per questi allievi un successo scolastico con un percorso formativo regolare e proficuo senza prima essersi interrogati sulle effettive opportunità e possibilità educative offerte loro da questo Istituto. Solo una scuola che riesca a stabilire relazioni, a trasmettere il senso di appartenenza, ad educare con autorevolezza ma anche con affettività, può aiutare questi studenti a crescere e a diminuire il disagio. Sono pertanto necessari momenti di dialogo e collaborazione con le famiglie, incontri con specialisti del settore ASL e con le figure educative che hanno seguito in passato lo studente, Consigli di Classe efficaci e solidali che riescano a progettare e a mettere in atto interventi comuni, anche individualizzati. Serviranno quindi attività di aggregazione, che favoriscano la comunicazione all interno dei gruppi classe e che, creando un clima favorevole, facilitino una maggiore socializzazione. Rientrano in queste attività le visite didattiche, le attività sportive, le assemblee e tutto ciò che può rendere la scuola un luogo di sana socializzazione, in cui il rapporto docenti discenti, scevro da problemi di valutazione e giudizio, possa diventare meno formale, con una ricaduta positiva anche sulle attività didattiche tradizionali. Fanno parte del nostro Istituto ragazzi e ragazze con abilità diverse ed altri che, pur non essendo certificati, evidenziano una situazione di disagio. Il processo d integrazione scolastica di questi alunni ci impegna ad assicurare loro il diritto all apprendimento ed una crescita umana intellettivaculturale attraverso tutte le azioni, i percorsi, le modalità possibili. Questo Istituto si pone come obiettivi il miglioramento delle conoscenze e delle abilità di base degli studenti in difficoltà, il miglioramento dell autonomia personale e l incremento dell autostima mediante l attuazione di strategie adeguate, nel rispetto della persona e dei suoi tempi di apprendimento. Attraverso percorsi idonei ed individualizzati che pongono al centro l alunno e il suo progetto di vita, si mira alla realizzazione della propria identità e maturazione personale. L atto educativo, infatti, si esercita come aiuto allo sviluppo contribuendo in modo sensibile alla formazione dell individuo. In base a ciò il Consiglio di Classe dovrà valutare, dopo un attenta osservazione ed analisi delle potenzialità/difficoltà, il percorso scolastico più idoneo all alunno tra:

11 1. Una programmazione globalmente riconducibile agli obiettivi minimi previsti dai programmi ministeriali (art. 15 comma 3 dell O.M. n. 90 del 21/05/2001). In questa forma è possibile prevedere un programma minimo con la ricerca dei contenuti essenziali delle discipline e un programma equipollente con la riduzione parziale e/o la sostituzione dei contenuti ricercando la medesima valenza formativa (art. 318 del D.L.vo 297/1994). Questa modalità permette che vengano predisposte verifiche in corso d anno e in sede di esame con prove equipollenti che attestino il livello di preparazione culturale e professionale idonea al rilascio del diploma di qualifica o della maturità. Tali prove possono consistere in: prove con ausilio di apparecchiature informatiche, modalità diverse prese in esame dal Consiglio di Classe, tempi più lunghi nelle prove scritte ecc ) 2. Una programmazione differenziata in vista di obiettivi non riconducibili ai programmi ministeriali, ossia un piano di lavoro personalizzato per l alunno stabilito da ogni docente del Consiglio di Classe per ogni singola materia. La valutazione sarà relativa al P.E.I. (Piano Educativo Individualizzato) e i voti avranno valore legale solo ai fini della prosecuzione degli studi. Tale percorso permette di svolgere prove differenziate omogenee al percorso svolto finalizzate al conseguimento di un attestato delle competenze acquisite utilizzate come credito formativo per la frequenza di corsi professionali (art. 312 e seguenti del D.L.vo 297/74 ). La famiglia in questo caso dovrà dare il suo assenso tramite la compilazione di un apposito modulo. Le attività progettuali messe in atto sono: orientamento in entrata e in uscita pre-accoglienza; CdC straordinari dove avere una prima opportunità di conoscenza tra docenti e genitori attività di recupero in itinere con l insegnante di sostegno (in classe); help (attività individualizzate, al di fuori del gruppo classe, in preparazione a momenti importanti come verifiche scritte ed orali); recupero delle insufficienze; conseguimento del diploma di qualifica nell arco del quinquennio; progetti del CTI (Centro Territoriale per l Integrazione); progetto per l inserimento lavorativo al termine del corso di studi in collaborazione con il SIL/SIT (Servizio Inserimento Lavorativo/Servizio Inserimento Territoriale) operanti nei Distretti del territorio. Le risorse umane che collaborano all interno dell istituto per progettare adeguati percorsi formativi sono: Il Consiglio di Classe L insegnante di sostegno La Dirigenza I collaboratori scolastici ed amministrativi Gli specialisti ed operatori ASL (assistenti alla persona) Il CTI (Centro Territoriale per l Integrazione) presente sul territorio Le aziende e i servizi educativi territoriali (stage, visite guidate, ecc).

12 Le procedure negli interventi didattici per il recupero di informazioni e conoscenza degli alunni in difficoltà sono: collegamenti organici con le scuole di provenienza per gli alunni in ingresso conoscenza delle famiglie e della realtà territoriale di provenienza collegamenti con operatori e servizi presenti nel territorio che circonda l alunno lettura della documentazione individuazione e analisi dei bisogni progettazione dell intervento controllo del processo formativo attraverso l osservazione di base, momenti di dialogo, verifiche in itinere. L azione educativa nel percorso scolastico è: educazione come aiuto allo sviluppo di una propria identità attenzione ai processi educativi individuali (cambiamenti, maturazione, regressione, ecc.) attenzione alle patologie formative attivazione di opportunità e momenti significativi per l alunno (momenti di aggregazione, di dialogo costruttivo, ecc.) ricorso a procedure didattiche individualizzate (PEI o Programmazione ministeriale secondo obiettivi minimi) verifica in itinere. Gli strumenti utilizzati nella scelta del percorso scolastico più idoneo per l alunno disabile sull analisi delle sue reali capacità e cammino professionale sono: osservazione diretta capacità comunicativa e relazionale somministrazione dei test di ingresso per le classi prime analisi delle capacità individuate dalle conoscenze del percorso scolastico passato analisi della situazione attuale e delle potenzialità individuate informazioni dei membri del Consiglio di Classe DF (Diagnosi Funzionale redatta dagli esperti ASL) e PEI (Programmazione Educativa Individualizzata redatta dagli esperti ASL in collaborazione con la famiglia, l insegnante di sostegno e il Consiglio di Classe). DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Particolare attenzione è rivolta nel nostro Istituto alle problematiche relative ai Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA dislessia, disgrafia e disortografia, discalculia, disturbi misti), sia per ciò che riguarda la segnalazione alle famiglie di potenziali situazioni problematiche da approfondire con gli specialisti, sia per quanto riguarda il supporto didattico e la personalizzazione dell apprendimento di studenti con diagnosi di DSA, secondo la legge n. 170 dell 8/10/2010 e le Linee Guida per il Diritto allo Studio degli Alunni e degli Studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento allegate al DM 12/7/2011.

13 Un docente esperto, con funzione di Referente d Istituto per i DSA, nominato dal Collegio dei Docenti, su proposta della Dirigente, collabora da quest anno scolastico con il Collegio, i Consigli di Classe e la Dirigenza, in compiti di informazione e coordinamento tra scuola e famiglie, al fine di favorire un pieno sviluppo delle potenzialità e il successo scolastico, con opportuni interventi didattici personalizzati. Procedure negli interventi di segnalazione: ogni docente pone attenzione ai segnali di rischio e mette in atto strategie di recupero per risolvere il problema riscontrato; il docente segnala al Consiglio di Classe e alla dirigente la persistenza delle difficoltà nonostante gli interventi di recupero posti in essere; la dirigente trasmette alla famiglia apposita comunicazione invitando la famiglia a valutare la situazione con degli esperti; nel caso di accertato disturbo di apprendimento, la dirigente riceve la diagnosi consegnata dalla famiglia, la acquisisce al protocollo e la condivide con il gruppo docente che procederà adottando misure adeguate. Procedure negli interventi di supporto didattico e personalizzazione dell apprendimento: convocazione in settembre dei Consigli di quelle classi nelle quali vi sono alunni con certificazione diagnostica, in cui la Dirigente e/o il referente d Istituto per i DSA, illustra la normativa vigente e le misure da concordare e adottare all interno dei consigli di classe. condivisione della diagnosi con tutti i docenti componenti il Consiglio e proposta di elaborazione iniziale del PDP (Piano Didattico Personalizzato) con individuazione delle strategie educativo-didattiche necessarie periodo di osservazione dello studente in classe da parte di ogni docente perfezionamento del PDP con definizione delle strategie educativo-didattiche compensative e/o dispensative, modalità di verifica e valutazione adeguate e coerenti condivisione del PDP con le famiglie ed eventuali specialisti che seguono lo studente monitoraggio costante e aggiustamento del PDP se necessario; incontri periodici con le famiglie Funzioni del Referente d Istituto per i DSA individuate dalle Linee Guida : fornisce informazioni circa le disposizioni normative vigenti; fornisce indicazioni di base su strumenti compensativi e misure dispensative al fine di realizzare un intervento didattico il più possibile adeguato e personalizzato; collabora, ove richiesto, alla elaborazione di strategie volte al superamento dei problemi nella classe con alunni con DSA; offre supporto ai colleghi riguardo a specifici materiali didattici e di valutazione; cura la dotazione bibliografica e di sussidi all interno dell Istituto;

14 diffonde e pubblicizza le iniziative di formazione specifica o di aggiornamento; fornisce informazioni riguardo alle Associazioni/Enti/Istituzioni/Università di riferimento per le tematiche in oggetto; fornisce informazioni riguardo a siti o piattaforme on line per la condivisione di buone pratiche in tema di DSA; funge da mediatore tra colleghi, famiglie, studenti (se maggiorenni), operatori dei servizi sanitari, EE.LL. ed agenzie formative accreditate nel territorio; informa eventuali supplenti in servizio nelle classi con alunni con DSA. informa eventuali supplenti in servizio nelle classi con alunni con DSA. LA VALUTAZIONE CRITERI GENERALI I criteri di valutazione, le griglie tassonomiche e la modalità di applicazione di entrambi sono stabiliti per ciascuna materia in sede di dipartimento nelle riunioni effettuate ad inizio d anno scolastico. Le modalità di valutazione sono il frutto dell insieme di considerazioni assunte dalle differenti scuole e sono riferite a: standard d obbligo determinati in funzione del valore legale del titolo di studio, livelli medi raggiunti dalle classi, punti di partenza e di arrivo dell iter formativo dell allievo (soprattutto nei casi di difficoltà di apprendimento). La valutazione degli apprendimenti viene effettuata in base alle griglie di valutazione elaborate dai dipartimenti. A partire dall anno scolastico 2012/2013, in relazione alla circolare CM n. 89 Prot. MIURAOODGOS/6751 del 18 ottobre 2012, viene modificata la procedura di valutazione intermedia per tutte le classi ad eclusione delle quinte di tutti gli ordini di studio. Tale procedura prevede la possibilità di attribuire un voto unico anche nella valutazione intermedia, come nello scrutinio finale.

15 Vengono considerati, oltre alla conoscenza dei contenuti disciplinari e alle competenze e capacità specifiche, anche: qualità della partecipazione al lavoro didattico, proprietà e precisione espositiva, autonomia nello studio, creatività nell approfondimento e nell elaborazione, impiego regolare ed efficace del tempo-studio, progressivo miglioramento dell apprendimento, rispetto delle regole di funzionamento dell Istituto. VOTO DI CONDOTTA Tali criteri generali ispirano anche la seguente griglia di valutazione del voto di condotta che è stata approvata nel Collegio dei Docenti del 22 maggio Va tenuto presente che il voto di condotta concorre alla determinazione della media dei voti ai fini dell attribuzione del credito scolastico. Chiave di lettura ed applicazione della griglia Il voto viene assegnato considerando tutti i descrittori della fascia corrispondente; in presenza anche di un solo descrittore della fascia relativa ad un voto inferiore, il Consiglio di Classe può decidere di attribuire la valutazione più bassa purché sia presente almeno un voto indicato nella relativa fascia. Esempio: per assegnare il 10 in condotta l alunno deve rispondere a tutti i descrittori indicati nella fascia del 10. Se l alunno ha anche un solo descrittore della fascia del VOTO 7 il Consiglio non assegnerà il 10, ma decide se assegnare 9 o 8 e può assegnare anche 7 qualora ritenga il descrittore di grande importanza nella proposta di valutazione dello studente. Verrà compilata, da parte del Coordinatore di classe, una scheda per ciascun allievo con l apposizione di una croce sui descrittori che ritiene appropriati per l attribuzione della condotta. Il coordinatore, nella settimane di giugno, sottoporrà le sue proposte alla consultazione dei colleghi: ciascun collega potrà, se ne ravvisa il caso, esprimere le sue osservazione in calce alla tabella. FREQUENZA E PUNTUALITA PARTECIPAZIONE ALLE LEZIONI ED ALLA VITA SCOLASTICA RISPETTO DELLE REGOLE E DELLE NORME COMPORTAMENTALI ATTEGGIAMENTI VERSO I DOCENTI ED I COMPAGNI RAPPORTO CON GLI IMPEGNI SCOLASTICI 10 Frequenza assidua e puntualità costante, sia alle lezioni che alle attività integrative 9 Frequenza assidua e puntualità costante Partecipazione costruttiva ed attiva all attività didattica ed agli interventi educativi Attenzione continua ed interesse costante Pieno rispetto e collaborazione Pieno rispetto e atteggiamento civico positivo Ruolo propositivo nel gruppo classe e positivo verso i compagni Ruolo positivo verso i compagni Puntualità e responsabilità nell espletamento delle consegne scolastiche Puntualità e responsabilità nell espletamento delle consegne scolastiche 8 Frequenza costante, ma con saltuari ritardi Attenzione ed interesse abbastanza costanti Puntualità e responsabilità nel rispetto delle regole di convivenza Equilibrio nei rapporti interpersonali Adempimento, in qualche caso, non puntuale degli impegni scolastici 7 Frequenza costante, ma con assenze e saltuari ritardi Partecipazione attenta, ma interesse selettivo Atteggiamento non sempre corretto durante le lezioni; disturbo all attività scolastica Rapporti interpersonali sostanzialmente corretti Discreta puntualità negli impegni scolastici per le materie di interesse, scarsa per le materie non interessanti 6 Frequenza saltuaria Numerosi ritardi Assenze ingiustificate Scarsa attenzione e interesse assente per alcune proposte educative Frequente disturbo all attività didattica Ruolo non costruttivo all interno della classe; rapporti interpersonali non corretti Svolgimento degli impegni scolastici non sempre puntuale

16 5 Scarsa frequenza e assenze strategiche. Mancata partecipazione al dialogo educativo in tutto il periodo dell anno scolastico D.M.16/01/09 Mancata considerazione della proposta educativa offerta e conseguente totale disinteresse per la scuola Grave e frequente disturbo all attività della classe, rilevato sul registro di classe; atteggiamento irresponsabile durante le attività didattiche svolte al di fuori dell istituto Ruolo negativo all interno della classe; atteggiamenti di non riconoscimento del valore delle proposte educative; comportamento lesivo della dignità dei compagni e del personale della scuola Totale mancanza di impegno scolastico e conseguente mancato impegno nel recupero del comportamento scolastico. Mancata maturazione e crescita civile e culturale Le scelte didattiche relative ad obiettivi, contenuti e parametri di valutazione vengono esplicitate agli studenti ed ai genitori nelle opportune sedi di incontro collegiale ed individuale (Consigli di Classe, udienze etc.), in modo da favorire un clima di consapevolezza e di corresponsabilizzazione. VALUTAZIONE DI FINE ANNO SCOLASTICO La misurazione degli esiti verrà effettuata in conformità ai criteri coerenti con la programmazione d Istituto, considerato che tutte le materie concorrono alla formazione culturale dello studente. È valutato per ogni studente il risultato finale mediante comparazione tra gli esiti conseguiti nell anno scolastico e l accertamento dei livelli di partenza, prendendo in considerazione anche gli esiti degli interventi di recupero, quando essi siano stati assegnati, e tenendo presente che l insufficienza in una o più discipline va in ogni modo valutata alla luce dell inserimento dello studente nella classe successiva. Per ogni alunno, in sede di scrutinio finale, si potranno avere quattro tipologie di situazioni: l alunno/a verrà ammesso/a a frequentare la classe successiva in presenza di valutazioni tutte positive; l alunno/a verrà dichiarato non ammesso/a alla classe successiva quando le insufficienze riportate siano rappresentative di lacune di preparazione la cui gravità, a giudizio del Consiglio di classe, sia tale da non rendere ipotizzabile alcun recupero né autonomo né assistito, e, quindi, da non consentire la proficua frequenza della classe successiva. verrà sospeso il giudizio con l attribuzione di corso di recupero ove si supponga che l allievo/a abbia necessità di opportuni interventi didattici integrativi; verrà sospeso il giudizio con l indicazione di studio autonomo, anche in presenza di corsi di recupero estivi attivati, qualora l allievo/a abbia dimostrato la capacità di organizzare il proprio impegno in maniera autonoma, ma non abbia ancora raggiunto un sufficiente livello di preparazione; Per quanto riguarda la sospensione del giudizio si fa riferimento alla seguente normativa: Nello scrutinio finale il consiglio di classe sospende il giudizio degli alunni che non hanno conseguito la sufficienza in una o più discipline, senza riportare immediatamente un giudizio di non promozione. A conclusione dello scrutinio, l esito relativo a tutte le discipline è comunicato alle famiglie. A conclusione degli interventi didattici programmati per il recupero delle carenze rilevate, il consiglio di classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, previo accertamento del recupero delle carenze formative da effettuarsi entro la fine del medesimo anno scolastico e comunque non oltre la data di inizio delle lezioni dell anno scolastico successivo, procede alla verifica dei risultati conseguiti dall alunno e alla formulazione del giudizio finale Premesso ciò, considerato che le tre scuole che compongono l Istituto hanno nel loro curricolo un numero differente di materie per corso e che le discipline hanno spessore differente, si è ritenuto

17 opportuno definire anche i criteri relativi al numero di materie per cui è possibile attribuire la sospensione o decidere per la non ammissione alla classe successiva. Tali criteri sono esplicitati nelle parti che riguardano le singole scuole. CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Alla fine del primo biennio viene compilato, a cura del Consiglio di classe, un certificato che riporta le competenze di base acquisite dallo studente nell assolvimento dell obbligo di istruzione. ( decreto 22 Agosto 2007 n. 139). IL CREDITO SCOLASTICO Il regolamento dell esame di Stato prevede che agli studenti del triennio, in sede di scrutinio finale, sia assegnato il CREDITO SCOLASTICO che si esprime con un punteggio che concorrerà alla formazione del voto finale d esame. La tabella di applicazione del credito scolastico è stata stabilita con D.M. 42 del 22 maggio Credito scolastico per le classi terze, quarte e quinte Viene attribuito in sede di scrutinio finale dal Consiglio di classe e costituisce il punteggio da aggiungere ai voti delle prove d esame di stato ed ha il significato di rendere l esame un passaggio il cui risultato viene definito già dalla modalità con cui lo studente si è impegnato negli ultimi tre anni di corso. Il credito scolastico comprende eventuali CREDITI FORMATIVI che, a norma della Legge istitutiva del nuovo esame di stato (L. 425/97, art. 15 comma 4), del Regolamento attuativo (D.P.R. 323 /98, art. 12) e dei DD.MM. n 38/99 e n 49/2000, per essere valutati come tali devono rispondere a precisi requisiti che si possono in sintesi configurare come esperienze esterne alla scuola, qualificate e coerenti con il corso di studi. La valutazione dei crediti formativi spetta ai singoli Consigli di classe che tuttavia, per garantire omogeneità di giudizio, prendono in considerazione le attività di seguito riportate. ATTIVITÀ CULTURALI, ARTISTICHE : corsi completi di lingua italiana o straniera presso scuole italiane o estere iscrizione e frequenza a corsi di musica o canto presso il Conservatorio o Scuole di musica istituzionalmente riconosciute. iscrizione e frequenza a corsi di educazione artistica presso le Accademie. iscrizione e frequenza a corsi di danza presso scuole qualificate. partecipazione a conferenze e incontri culturali che richiedano una frequenza continuativa e che siano organizzati da enti riconosciuti ( Rete dei licei, Progetto Lauree scientifiche). partecipazione al progetto Tandem. conseguimento certificazione ECDL (Patente Europea del Computer). ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROFESSIONALE: stages / AS-L (Alternanza Scuola-Lavoro) progetto Itinera

18 ATTIVITÀ INERENTI AL VOLONTARIATO, ALLA COOPERAZIONE, ALLA SOLIDARIETÀ E ALLA TUTELA DELL'AMBIENTE: attività rivolte alla collaborazione, alla solidarietà, al volontariato, all assistenza, alla tutela ambientale, archeologica ed artistica presso associazioni riconosciute che prevedono un impegno effettivo e svolto in modo continuativo (pertanto non è sufficiente la semplice iscrizione ad un ente o ad un associazione). ATTIVITÀ SPORTIVE: attività agonistica che prevede un impegno continuativo nell ambito di enti di promozione sportiva riconosciuti (CONI, CSI, UISP). Va precisato che (D.M. n 49/2000, art. 1 comma 2) la partecipazione ad iniziative complementari ed integrative non dà luogo all acquisizione di crediti formativi, ma rientra tra le esperienze acquisite all interno della scuola di appartenenza, che concorrono alla definizione del credito scolastico È doveroso infine sottolineare che alla determinazione del credito scolastico concorrono oltre ai già citati crediti formativi ed alle iniziative complementari e integrative organizzate nella scuola, anche la frequenza scolastica, l interesse, l impegno e la partecipazione al dialogo educativo. IL SOSTEGNO ED IL RECUPERO Le attività finalizzate al recupero delle carenze formative nella preparazione degli studenti sono quelle garantite dal Piano Attività di Recupero e Sostegno (PARS) previsto per l anno scolastico 2013/2014 e approvato dal Collegio Docenti, compatibilmente con le norme ministeriali vigenti (O.M. 80/2008 e C.M. 92/2007). Il Piano delle Attività per il Recupero ed il Sostegno individua tutte le modalità che le scuole dell Istituto mettono in atto per garantire il successo formativo a tutti gli allievi, nel rispetto delle diverse necessità di ciascuno e delle pari opportunità di offerta formativa. Le modalità sono le seguenti: SPORTELLO HELP: è un servizio didattico di recupero prestato in orario extrascolastico da insegnanti delle diverse discipline a tutti gli studenti che desiderano non solo recuperare lacune ma anche approfondire argomenti di particolare interesse. Il servizio viene svolto secondo un orario settimanale prestabilito ed è rivolto a tutti gli studenti, non solo a quelli delle classi degli insegnanti che hanno dato la propria disponibilità. CORSI DI RECUPERO: attività che si svolge nel periodo estivo (giugno luglio) per gli alunni con sospensione del giudizio. STUDIO ASSISTITO: è un servizio didattico prestato in orario scolastico dai docenti delle diverse discipline e rivolto a tutti gli studenti che necessitano di un percorso di recupero affiancato dal docente della disciplina che presenta la situazione di insufficienza. Il docente seguirà lo studente con colloqui in cui darà le dovute informazioni sugli argomenti e i contenuti essenziali, fissando i tempi per lo studio, trascorsi i quali lo studente sarà sottoposto a verifica. STUDIO INDIVIDUALE: viene assegnato soprattutto nei casi in cui si ritiene che l allievo possa provvedere autonomamente al recupero della materia. L alunno dovrà colmare le lacune con un ripasso approfondito del programma svolto.

19 PARS ottobre - dicembre 2013: Avvio in ottobre di corsi di sostegno pomeridiani per allievi che hanno manifestato un livello insufficiente nelle prove iniziali. Avvio, da ottobre 2013 sino al termine dell anno scolastico, di sportelli help in base alla richiesta degli allievi, in orario pomeridiano. Attivazione di interventi di sostegno in itinere fin dal primo periodo dell anno scolastico attraverso la riproposizione di esercizi e momenti di spiegazione. Realizzazione di colloqui motivazionali con gli alunni che manifestano segni di disimpegno. Chiamata a colloquio con i coordinatori di classe dei genitori di quegli alunni che non appaiono sufficientemente impegnati. A gennaio 2014 in sede di scrutinio, oltre all attribuzione dei voti, si provvederà alla definizione delle modalità di recupero previste per ciascun allievo e se ne darà comunicazione alle famiglie. PARS gennaio - febbraio 2014 Saranno attivate azioni di sostegno individuali e di gruppo per gli alunni che nella valutazione intermedia hanno evidenziato insufficienze. Al termine di questo periodo gli insegnanti valuteranno i risultati conseguiti entro il 10 Aprile Ad Aprile 2014 i consigli di classe provvederanno alla valutazione intermedia che permetterà di: 1. individuare casi di particolare rischio scolastico; 2. avvisare di tale situazione le famiglie dell allievo/a; 3. programmare nuove iniziative di sostegno e recupero. PARS aprile 2014 Eventuale continuazione dell attività di sportello HELP A giugno 2014 in sede di scrutinio si procede alla valutazione finale di ciascun allievo. PARS giugno - luglio 2014 In caso di sospensione del giudizio di ammissione alla classe successiva si prevedono corsi di recupero nel periodo dell ultima quindicina di giugno e della prima quindicina di luglio per le materie a più alta incidenza di sospensione del giudizio. La scelta di questo periodo per la somministrazione di corsi di recupero permetterà alle famiglie di intervenire anche con iniziative proprie per sostenere gli allievi nello studio durante l estate. IL RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIA Si riporta il Regolamento d Istituto con il conseguente Patto di Corresponsabilità. NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Decreto Commissario ad acta Signora Consolini del 3 novembre 2008 Pubblicato sul sito della scuola in data 10/11/2008

20 Integrato con delibera del Consiglio d Istituto n. 2 del 28/05/2009 Dall anno scolastico è attivo il registro elettronico che consente alle famiglie di controllare in tempo reale la situazione delle presenze e dei ritardi dei propri figli. INGRESSI 1. Gli alunni devono entrare a scuola al suono della prima campana (7.45 per Garda e 8.15 per Bussolengo) per essere in classe al suono della seconda 7.50 Liceo Garda 7.50 Professionale Garda 8.20 Tecnico Bussolengo 1. Il ritardo dovuto a disservizio dei mezzi di trasporto deve essere immediatamente comunicato alla presidenza e il giorno successivo giustificato dal genitore. 2. Il ritardo dovuto ad altre cause deve essere giustificato dai genitori e presentato in presidenza. 3. Il ritardo che supera i 10 minuti comporta l entrata nell ora successiva. 4. Non sono ammessi, se non in casi eccezionali, ritardi oltre la seconda ora. 5. I ritardi per visite mediche dovranno essere documentati dalla dichiarazione del medico. USCITE 1. Le uscite in anticipo sono consentite non prima dell inizio della penultima ora e solo se autorizzate dai genitori (per i minori) e sono concesse presentando richiesta all inizio delle lezioni in presidenza. 2. La richiesta deve essere presentata all entrata a scuola; ogni 5 ritardi la giustificazione deve essere convalidata anche telefonicamente. 3. La presidenza si riserva di comunicare alle famiglie i casi di ripetute e frequenti assenze anche degli alunni maggiorenni che possono giustificarsi autonomamente. 4. Non è consentita l uscita dalle aule durante le ore di lezione se non in casi di assoluta necessità (le uscite durante l ora vanno trascritte sul registro di classe). ASSENZE 1. La gestione e la giustificazione delle assenze sarà attuata per mezzo del libretto personale provvisto di codice a barre. 2. Le assenze di un massimo di cinque giorni devono essere giustificate dal docente della prima ora; i tagliandi del libretto personale e i nominativi degli assenti della mattinata verranno recapitati in segreteria dagli operatori scolastici. 3. Per assenze superiori ai cinque giorni, occorrerà presentare certificato medico e giustificare in presidenza. 4. Per assenze superiori ai quattro giorni preventivamente concordate con i docenti della classe non è necessaria la certificazione medica. 5. Ogni cinque assenze la giustificazione deve essere fatta anche telefonicamente.

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli