Atti del Convegno Parte seconda. a cura di Anna Busa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti del Convegno Parte seconda. a cura di Anna Busa"

Transcript

1 Atti del Convegno Parte seconda a cura di Anna Busa

2 IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Atti del Convegno è distribuito sotto licenza Creative Commons 2.5 (Attribuzione Non Commerciale Non opere derivate 2.5 Italia) Una licenza di tipo copyleft per consentirne la libera diffusione Si riporta il testo in linguaggio accessibile, copia del testo integrale della licenza in: Per informazioni contattare: IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 2

3 IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Bologna 27 ottobre 2009 Atti del Convegno Parte seconda A cura di Anna Busa Divisione Beni Culturali Data Management Marzo IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 3

4 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 4

5 Sommario parte seconda I gruppi di lettura e la rete: relazioni controverse 6 La Biblioteca e i gruppi di lettura 9 COMECinema 11 Sebina OpenSearch Cinquecentine: edizioni del XVI secolo nelle biblioteche dell'emilia-romagna 23 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 5

6 I gruppi di lettura e la rete: relazioni controverse Luigi Gavazzi (curatore blog Gruppo/i di lettura ) L'esperienza del blog del gruppo di lettura 1 di Cologno Monzese e l'evoluzione verso un portale dei Gruppi di Lettura Io sono un lettore. Quindi, sono un intruso, per quanto interessato, in questo contesto di bibliotecari di professione. Per me, per i lettori, che un po' mi sento di rappresentare, la lettura non è una professione ma "solo" un piacere. Le mie sono quindi alcune osservazioni da interlocutore, privilegiato, ma esterno. In un doppio ruolo: Partecipante ai gruppi di lettura della Biblioteca di Cologno Monzese (quindi lettore che condivide le letture in incontri faccia a faccia con altri lettori) lettore che condivide le letture con altri lettori anche usando internet, soprattutto su: (ma anche altrove, se pure con modalità molto diverse e decisamente incostanti come Anobii, Twitter, Friendfeed, Delicious). Il duplice ruolo ci è sembrato rilevante perché uno degli aspetti implicati dall'adozione di SebinaYOU da parte del Sistema bibliotecario del Nord Est di Milano (con il progetto del Portale dei Gruppi di Lettura ) riguarda l'uso che della rete possono fare e fanno i gruppi di lettura; ma anche la possibilità che le pratiche tipiche della condivisione della lettura e del web sociale (web 2.0) confluiscano in un portale che favorisca l'interazione fra biblioteche e singoli lettori. In particolare, mi sembra importante sottolineare la natura della relazione fra questi due tipi di condivisione della lettura: condivisione dentro i gruppi di lettura (faccia a faccia) condivisione fra singoli lettori, lontani fisicamente, mediata dalla partecipazione sul web. Relazione che spesso viene data per scontata e evidente. Mentre è problematica, difficile e spesso assente. Esagerando un poco, per essere più chiari, direi che i lettori dei Gruppi di lettura usano poco, quasi per nulla, il Web per condividere l'esperienza di lettura: la loro è un'esperienza (quasi) completamente di relazione a voce, faccia a faccia. E i lettori che condividono le loro letture sul web tendono a farlo con modalità molto diverse da quelle tipiche dei gruppi di lettura. Anche i lettori che partecipano a gruppi di lettura faccia a faccia, quando stanno sul web interagiscono con altri lettori, con le modalità tipiche della rete, comprensibilmente, come se il web fosse un mondo diverso dall'altro. E in effetti sono due mondi quasi separati. Dunque, da una parte abbiamo gruppi di lettura composti da persone che si riuniscono, con una bella intensità di dibattito, ci mettono un grande impegno, partecipano con costanza e soprattutto con coinvolgimento emotivo; ci tengono molto a questi incontri: allo scambio di punti di vista sui libri letti, a come gli altri partecipanti ai gruppi considerano l'altrui metodo di lettura. Dall'altra, invece, i lettori che si affidano al web per condividere le letture sono incostanti, entrano ed escono con grande facilità da relazioni virtuali su siti, blog, forum. 1 Per una definizione dei concetti di "lettura condivisa" e di "gruppi di lettura" consiglio questo documento di Luca Ferrieri: - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 6

7 Ovviamente, la rete facilita l'estensione del numero dei partecipanti a questi luoghi di discussione a distanza: l'audience quindi è molto estesa, si allarga facilmente (spesso basta azzeccare il libro su cui centrare la discussione), ma il turn-over è continuo, i legami fra partecipanti sono deboli, il coinvolgimento emotivo è quasi sempre a bassa intensità. Audience Impegno, partecipazione legami, GRUPPI DI LETTURA Ristretta, difficile l'espansione Grande impegno, legami forti, partecipazione costante, continua, coinvolgimento emotivo LETTURA CONDIVISA SUL WEB Molto vasta, è abbastanza facile ampliarla Deboli, incostanti, turn-over, interazione "fredda" Attenzione Forte Debole, incostante Scritta, approfondita, stile Orale, digressiva, polifonica Comunicazione "recensione"; monologica, meditata Anche il modo di comunicare è differente: nel gruppo di lettura faccia a faccia, la comunicazione tipica è quella del parlato, con le reiterazioni, i salti in avanti, le digressioni, le interruzioni, i cambi di piano, le incoerenze, le riprese dello stesso argomento più e più volte. Il gruppo di lettura faccia a faccia produce dialoghi, polifonie, letture intrecciate, punti di vista che si contaminano facilmente. La condivisione della lettura in rete (un blog, un forum o ambienti ancora più 2.0 come Anobii) produce quasi sempre una serie di monologhi, anche quando sembrano dialoghi. La comunicazione usa il registri dello scritto, con le sue regole monologiche, una certa sistematicità, il taglio per approfondimento; spesso il taglio è quello della "recensione". Difficile generalizzare: però l'esperienza del nostro blog (http://gruppodilettura.wordpress.com/) con le risposte che danno i frequentatori a quesiti specifici (http://gruppodilettura.wordpress.com/2009/09/24/mi-serve-il-vostro-parere-sulla-letturacondivisa/), sottolineano come i lettori che preferiscono la condivisione della lettura su Internet lo facciano proprio: per la distanza emotiva ("difficoltà di storcere il naso davanti a scelte o giudizi non apprezzati") per la comunicazione più meditata, tipica della scrittura; per la possibilità di evitare il rischio del "circolo chiuso", con una partecipazione allargata e sempre rinnovata; e, ovviamente, per la maggiore comodità. Sull'altro fronte, chi partecipa al nostro gruppo di lettura a Cologno Monzese fatica ad apprezzare il senso di relazioni a distanza, senza coinvolgimento emotivo dell'interlocutore, tipiche del blog. Fatica anche a interessarsi al ragionare di persone che non conosce e soprattutto a mostrare qualcosa di intimo come il pensiero profondo sulle proprie letture a persone che non vede, che non frequenta. Insomma, il gruppo di lettura di Cologno quasi mai usa il blog per condividere la lettura: non ne ha bisogno! Pochi, pochissimi fra i lettori del blog partecipano o hanno partecipato al gruppo. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 7

8 A volte sul blog intervengono partecipanti ad altri gruppi di lettura, ma, significativamente, adottando le modalità di interazione proprie del blog. Il blog, che è online da sette anni, è dunque, a suo modo, un gruppo di lettura particolare, completamente diverso dal Gruppo vero e proprio degli incontri faccia a faccia. Nei soli primi 10 mesi del 2009 il blog ha prodotto 180 post e 2200 commenti ed è stato visitato 300mila volte. Detto questo, resta il fatto che il blog è in questi anni diventato anche un punto di riferimento di servizio per i gruppi di lettura italiani: ci arrivano richieste su come organizzare i gruppi di lettura pubblichiamo un elenco aggiornato dei gruppi di lettura italiani (http://gruppodilettura.wordpress.com/2006/11/28/lelenco-dei-gruppi-di-lettura-italiani/) Ecco, proprio i Servizi, possono diventare l'elemento su cui lavorare e i servizi per e attorno ai gruppi di lettura sono alla base dell'idea di fare un portale web dei gruppi di lettura. Insomma: da una parte è importante continuare a usare il web e le sue aree di discussione autonome, anche separate, senza pretendere di inscatolarle in uno spazio specifico e unico. E per le biblioteche, credo che questo sia - e in prospettiva lo diventerà sempre di più - un prezioso serbatoio di idee e un termometro del tipo di rapporto che i lettori hanno con la lettura, che aiuterà ad offrire servizi di promozione della lettura in modo sempre più preciso e adeguato. Dall'altra, il portale dei Gruppi di lettura come erogatore di servizi per la lettura condivisa: il contatto fra i gruppi, il prestito dei libri fra i gruppi, lo scambio di esperienze su come fare, un catalogo comune dei libri letti, arricchito da informazioni generate dagli utenti (tag creati dai lettori, sui libri di fiction, per esempio): senza pensare di includere nel portale le esperienze autonome che si producono sul Web, ma diventando riferimento per chi vuole lavorare a forme di lettura condivisa in gruppi che si incontrino fisicamente. In questo modo provando anche ad applicare alcune delle pratiche tipiche del web 2.0 per raccogliere i contributi dei lettori coinvolti nei gruppi. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 8

9 La Biblioteca e i gruppi di lettura Marilena Cortesini (Sistema Nord Est Milano Biblioteca di Cologno Monzese) Nuove forme di cooperazione, progettazione di nuovi servizi per i lettori e i lettori come risorsa La biblioteca luogo dei legami ( Michel.Melot, La saggezza del bibliotecario, S. Bonnard, 2005) è una definizione che mi ha molto colpito e che non riesco a dimenticare. In questo capitolo del suo libro, Melot parla della biblioteca come luogo, spazio architettonico raccontando di come e quanto questo edificio così speciale nel tempo parli di sé ai suoi lettori a quelli che richiama e a quelli che respinge. La biblioteca è anche (e forse soprattutto) quello che possiede (i libri e gli altri documenti) e le relazioni che è in grado di stabilire tra i libri e i lettori reali o possibili. Nella nostra esperienza di bibliotecari che si sono cimentati nella promozione e organizzazione dei Gruppi di Lettura possiamo dire che quello che succede nei gruppi è una rappresentazione perfetta del luogo dei legami. Il Gruppo di Lettura è un gruppo di persone che ama leggere, che vuole condividere con altri le proprie letture e che ha il piacere di conversare e comunicare pensieri, idee e suggestioni che nascono dalle letture e non disdegna gli aspetti conviviali dello stare insieme. Nei Gruppi di Lettura si esercita la pratica dell ascolto, del cambio di punto di vista, del mettersi nella pelle di un altro, dell accettazione di altre possibili letture oltre la propria. Si pratica la critica e si fa esercizio di umiltà dal momento che il gruppo di lettura è un circolo di pari in cui tutti, a dispetto dei titoli e dei background, hanno diritto di parola e di espressione, perché in primo luogo siamo tutti lettori e in quanto tali ci mettiamo in gioco. La biblioteca ospita, promuove, fornisce la materia prima ai Gruppi di Lttura, offre spazio e competenza a questa pratica di condivisione e i lettori costruiscono legami stretti fra i loro, fra loro e i libri, gli autori, le storie e rafforzano il loro legame con la biblioteca che alimenta e prolunga il loro piacere di ritrovarsi e parlarsi. E in questo contesto che si inserisce il progetto del portale Gruppi di Lettura che si è voluto come spazio come opportunità per ospitare anche in rete questo brulicare di esperienza e per sostenere e favorire con più ampio campo d azione lo scambio tra i gruppi e i singoli lettori. Le biblioteche hanno così l occasione di fornire e strutturare nuovi servizi in rete per questa tipologia di lettori. Gli esempi di possibilità che uno strumento come questo mette in campo sono molte e forse il più semplice e facile da immaginare è far circolare, fisicamente, i libri che alimentano l esperienza dei gruppi i lettura: il prestito a lotti. Mettiamo a disposizione testi che i Gruppi di Lettura hanno già letto, stanno per leggere o leggeranno. Altri Gruppi chiederanno in prestito il lotto di libri e lo restituiranno o lo faranno circolare fra altri gruppi di lettori che lo sceglieranno. Non è una novità, succede già in altri paesi, là dove i Gruppi di Lettura sono cresciuti in maniera esponenziale e hanno trovato appoggio, ospitalità e fomento nelle biblioteche. Obiettivo del portale è mette a disposizione dei lettori attraverso l esperienza, la mediazione e la competenza dei bibliotecari, la consultazione di numerose e ricche risorse informative che i servizi bibliotecari di reference hanno raccolto, ordinato e classificato. I lettori potranno così accedere ad un mondo di informazioni ricche e affidabili. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 9

10 Il portale consentirà un accesso amichevole, più immediato e intelligibile, alle informazioni bibliografiche controllate che sappiamo essere importantissime per chi legge e ama leggere. Il portale, in quanto luogo di scambio sarà, inoltre, di aiuto ai bibliotecari per rispondere alla domanda fatidica e paradossale: Vorrei un libro che parla di un certo argomento, ambientato in un certo periodo storico in una determinata area del mondo, scritto da una determinata tipologia di autore. Al di là del paradosso si tenga in considerazione questa possibilità perché cominciando a muoversi nel mondo del web 2.0 e stimolando e consolidando la collaborazione e la cooperazione tra il mondo dei lettori e quello dei bibliotecari si può costruire un thesauro/tesoro informativo che nel tempo si arricchisce e può permettere il miracolo della interconnessione dinamica tra il catalogo, i libri e i lettori in carne ed ossa. I bibliotecari sanno trattare in maniera professionale e competente i libri e sanno raccogliere, accumulare, ordinare, classificare, connettere e restituire informazioni strutturate e utili al mondo dei lettori che è poi il loro universo di riferimento. Un altro e non trascurabile ambito in cui il portale può giocare un ruolo importante è quello dei consigli di lettura. E proprio nei Gruppi di Lettura che il famoso passa parola è continuamente praticato. Non solo, quando un lettore sostiene o suggerisce un titolo lo motiva sempre, ne racconta i punti di contatto con le letture precedenti o contemporanee personali o collettive, a volte costruisce vere e proprie recensioni oppure le promuove attraverso il racconto della propria esperienza di lettura. E materiale prezioso che, una volta condiviso, strutturato e verificato fornisce ai bibliotecari e ai lettori, singoli o a gruppi, una banca dati utile per i consigli di lettura che attualmente è promossa e sostenuta da strumenti e siti che però alla fine hanno sempre uno scopo commerciale. La collaborazione con i lettori, e qui parliamo prevalentemente di lettori forti o comunque di lettori autentici, non può che produrre ottimi frutti: i consigli di lettura, in particolare, costituiscono un arricchimento importante per la soggettazione della narrativa, i pareri e i suggerimenti di lettori vivi. Siamo all inizio di questa nuova storia, teniamo conto del margine di rischio, ancora molto alto e siamo consapevoli di utilizzare uno strumento potente ma che probabilmente non da subito potrà consentire tutto quello che vorremmo e che in modo molto schematico abbiamo descritto. Crediamo però che molto si potrà ottenere da una catena virtuosa di collaborazione e cooperazione tra biblioteche e lettori che è poi la chiave di volta per stringere ancora di più un alleanza che è assolutamente naturale ed ineludibile. Il portale dei Gruppi di Lettura : un luogo di incontro pubblico dove possono stratificarsi e incrociarsi i punti di vista personali e le elaborazioni collettive dei lettori e dove lettori e letture sono gli attori principali e le biblioteche ancora una volta il contenitore/contenuto, ospite intelligente e discreto ma che sa far tesoro di ciò che il mondo dei lettori produce restituendolo con il sale della sua esperienza e competenza nel trattare la sostanza di cui è fatta la lettura: i libri quelli di carta e quelli elettronici, digitali, gli e-book su cui le biblioteche avrebbero molto da dire e molto da fare. Non può la biblioteca pubblica non essere là dove ci sono i lettori e cercare gli spazi o gli interstizi in cui alimentare, stimolare e soddisfare il desiderio e il piacere di leggere. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 10

11 COMECinema a cura della Redazione COME, Marco Turci (Mediateca del Centro Cinema San Biagio Cesena) E online il primo portale delle videoteche pubbliche dell Emilia- Romagna. L'utente finale è il destinatario del ridisegno di una vasta gamma di servizi sempre più personalizzati e partecipativi. Il portale si propone come veicolo della collaborazione tra istituti che si occupano di audiovisivi attraverso la realizzazione di servizi in cooperazione, la presentazione organizzata di iniziative culturali e di contenuti condivisi. La Redazione COME si configura quale comunità di pratiche, per un offerta sempre più ricca e condivisa di informazioni e aperture alla comunicazione in rete. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 11

12 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 12

13 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 13

14 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 14

15 Raccolta organizzata di risorse sul Cinema (realizzata con Sebina OpenSearch) - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 15

16 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 16

17 Esempio di vetrina - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 17

18 Esempio di ricerca nel catalogo Esempio di ricerca federata che avviene simultaneamente alla ricerca nel catalogo Geolocalizzazione delle biblioteche e della singola biblioteca - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 18

19 Ricerca su COMEcinema dal Blog della Biblioteca di Fiorenzuola: - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 19

20 COMEcinema come Google Gadget: - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 20

21 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 21

22 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 22

23 Sebina OpenSearch Cinquecentine: edizioni del XVI secolo nelle biblioteche dell'emilia-romagna a cura della Soprintendenza per i Beni Librari IBACN E' on-line, a disposizione di cittadini e studiosi, il catalogo collettivo regionale delle edizioni del XVI secolo italiane e straniere possedute dalle biblioteche dell'emilia-romagna, realizzato tramite una particolare configurazione di Sebina OpenSearch, mentre proseguono i lavori di recupero delle schede cartacee del Censimento regionale nel Polo CER, appositamente costituito in collegamento con il catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale, e negli altri Poli della regione. - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 23

24 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 24

25 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 25

26 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 26

27 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 27

28 - IV Incontro Nazionale delle Biblioteche Sebina Pagina 28

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli