DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Guida al DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 1

2 A cura di: Tiziana Sagretti, Cinzia Magrini, Cristiano Armellini Le informazioni contenute nella presente guida sono riportate nel sito del Dipartimento di Economia e Diritto (http://economiaediritto.unimc.it) e dell Università, che si consiglia di consultare anche per ulteriori notizie concernenti l offerta formativa. 2

3 1 INDICE Sommario 1 INDICE BREVE PRESENTAZIONE Normativa relativa ai Dipartimenti (dallo Statuto dell Università di Macerata) Seminari organizzati dal Dipartimento di Economia e Diritto (da luglio 2013 a luglio 2014) Domande di iscrizione Test di ingresso al corso di laurea triennale di Economia Modalità di immatricolazione ai corsi di laurea in Economia Corsi per studenti lavoratori e fuori corso Divisione logistica del Dipartimento di Economia e Diritto Certificazione di qualità Calendario didattico A.A GLI ORGANI E LE STRUTTURE Organizzazione del Dipartimento di Economia e Diritto Composizione Consiglio di Dipartimento Commissione paritetica docenti-studenti Commissione carriere studenti e stage Il Consiglio Unificato dei Corsi di Studio (CUCS) Delegati del Direttore del Dipartimento Il Tutorato La biblioteche I laboratori strumentali I laboratori di ricerca Elenco dei docenti afferenti al Dipartimento di Economia e Diritto I CORSI DI LAUREA OFFERTI DAL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO

4 4.1 L ordinamento La Didattica I corsi di laurea Obiettivi formativi: sviluppare le competenze necessarie per comprendere: a. il funzionamento del sistema finanziario e dei mercati mobiliari; b. le tecniche di gestione degli investimenti finanziari; c. la gestione e il controllo degli intermediari Obiettivi formativi: I corsi di laurea magistrali CORSO DI LAUREA MAGISTRALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE CURRICULUM GESTIONALE Stage per studenti e neolaureati Programmi Socrates/Erasmus Percorsi formativi per promotori finanziari e ragionieri commercialisti La tesi di laurea PROGRAMMI DEI CORSI Testi consigliati DOCENTI E CORSI CONTATTI DOCENTI (telefono, ) I CORSI POST-LAUREAM

5 2 BREVE PRESENTAZIONE Con l entrata in vigore della legge Gelmini (L. 240/2010) tutte le università italiane hanno dovuto adeguarsi ad una nuova organizzazione che ha comportato un accorpamento di diverse strutture (ex. Istituti, Dipartimenti, Facoltà e relative Presidenze) in un unica nuova organizzazione Dipartimentale che è articolata in tre macro aree: Didattica e segreteria studenti, Amministrativa e finanziaria, Ricerca scientifica ed internazionalizzazione. La Facoltà di Economia ed il Dipartimento di Istituzioni economiche e finanziarie sono conferite nel nuovo Dipartimento di Economia e Diritto ed è stato eletto, quale Direttore, il professor Giulio Salerno. Ringrazio dice il professor Salerno i colleghi del nuovo Dipartimento di Economia e diritto per la fiducia che hanno dimostrato, affidandomi, con piena coesione di intenti, l incarico di direttore. Con il concorso fattivo dei colleghi, credo che si potrà operare nel bene comune del Dipartimento e dell intero Ateneo, tenuto conto delle dimostrate capacità nel predisporre un offerta didattica di elevata qualità e una forte presenza nella ricerca scientifica. Si tratta, tuttavia, di una sfida difficile, in quanto occorrerà confrontarci con le gravi difficoltà che, sia in sede locale che a livello nazionale, tutto noi stiamo affrontando. Ma la nostra forza risiede proprio nella possibilità di far convergere fruttuosamente l apporto di differenziate competenze disciplinari, che toccano l economia, la finanza, le scienze aziendali, matematiche, statistiche e sociali, così come la sfera del diritto. Soprattutto, occorrerà trovare percorsi di approfondimento trasversali, che possano contribuire a definire in concreto l identità del Dipartimento e ad assicurarne idonea visibilità all interno e all esterno dell Università di Macerata, in modo da porsi realmente e utilmente a servizio degli studenti, dello loro famiglie e, più in generale, di tutto il nostro territorio. Il Dipartimento di Economia e Diritto (DED) è luogo d'incontro scientifico di studiosi appartenenti ai settori economico-politici, economico-aziendali, giuridici e matematico-statistici. Il suo ambito di interesse privilegiato, il legame teorico e applicato fra le problematiche economiche e le questioni giuridiche, è arricchito dagli specifici indirizzi di ricerca seguiti dai suoi componenti. Il Dipartimento si adopera affinché l'autonomia dei singoli studiosi arricchisca l'interazione scientifica all'interno dell'ateneo, il dialogo con i soggetti privati e pubblici operanti sul territorio, il legame fra l'attività di ricerca e la didattica, specie quella dei corsi più avanzati. Un particolare impegno è rivolto ai rapporti di collaborazione interuniversitaria, a livello sia nazionale che internazionale. Il costituendo Dipartimento Economia e Diritto ha intenzione di realizzare programmi di ricerca tesi ad integrare le aree disciplinari sopra indicate, in modo da rapportarsi ai diversi settori d indagine con un ampia offerta di competenze specialistiche, inquadrate in una visione di insieme. Il Dipartimento Economia e Diritto promuove altresì l attività di ricerca tesa a favorire lo sviluppo scientifico nei diversi ambiti disciplinari e ne cura l'integrazione, asse portante della ricerca sia teorica che applicata. La nostra mission -Scienza, come promozione dello studio e della ricerca scientifica, attraverso la massima cura dei percorsi di studio, al fine di garantire qualità ed eccellenza accademica ed il contatto osmotico con il mondo scientifico. -Etica, come crescita culturale degli studenti nel rispetto di valori universali, nella massima apertura alle diversità culturali, nel rispetto delle differenze, allo scopo di formare cittadini partecipi e consapevoli. -Società, come formazione, mediante il reclutamento di personale docente altamente qualificato, di professionisti in grado di inserirsi proficuamente nel mondo del lavoro e di rispondere alle esigenze di sviluppo sociale in ambito nazionale e internazionale. Nel ruolo sociale che il DIpartimento svolge, si attuano quei processi di mutua aggregazione tra corpo docente, studenti, personale tecnico amministrativo, cittadinanza, istituzioni ed operatori economici, che si concretizza nell offerta, nell organizzazione e nel coordinamento di iniziative culturali, scientifiche e sociali, sia nazionali che internazionali, che sempre più spesso vedono la fusione dei ruoli ed una compartecipazione espressa tra pari. La nostra vision Portare tutti i nostri studenti a maturare le competenze economiche e manageriali necessarie per trovare il lavoro a cui aspirano appena dopo la laurea. 5

6 Il Dipartimento di Economia e Diritto dell Università di Macerata quindi offre programmi didattici e percorsi di ricerca coerenti con le richieste formative provenienti dalle imprese e dalle pubbliche istituzioni. Per assicurare la necessaria interdisciplinarietà dell'offerta formativa nel Dipartimento di Economia e Diritto sono compresenti le seguenti aree scientifico-disciplinari: l area economica l area aziendale l area giuridica l area matematico-statistica In particolare, i corsi realizzati dal Dipartimento di Economia e Diritto sono rivolti a promuovere: lo studio e la ricerca scientifica, attraverso la particolare cura dei percorsi formativi, l'attenzione per la qualità e l'eccellenza accademica, e lo stretto rapporto con il mondo scientifico la crescita culturale degli studenti nel rispetto dei valori fondamentali della convivenza, l'apertura alle diversità culturali e la formazione di cittadini partecipi e consapevoli il reclutamento di personale docente altamente qualificato il proficuo inserimento degli studenti nel mondo del lavoro in ambito nazionale e internazionale 2.1 Normativa relativa ai Dipartimenti (dallo Statuto dell Università di Macerata) TITOLO III STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE CAPO I DIPARTIMENTI ART. 25 DIPARTIMENTI 1. I dipartimenti costituiscono la struttura fondamentale in cui si articola l Ateneo per svolgere i propri compiti nell ambito della ricerca scientifica e della didattica. I dipartimenti, sulla base della programmazione adottata, sono responsabili dei risultati conseguiti secondo principi di efficacia, efficienza, trasparenza e buon andamento. 2. In coerenza con il principio di semplificazione, i dipartimenti non hanno strutture sovraordinate, comunque definite. 3. I dipartimenti sono dotati di autonomia regolamentare, amministrativa e gestionale nell ambito delle risorse assegnate dall Amministrazione o acquisite da terzi, secondo quanto previsto dal regolamento per l amministrazione, la finanza e la contabilità. 4. I dipartimenti sono caratterizzati da un ambito di discipline omogenee, definito in riferimento a linee di ricerca, coerenti per finalità o metodo, e di offerta formativa, anche di carattere multidisciplinare. Ai dipartimenti competono funzioni relative: a) allo svolgimento e al coordinamento delle attività di ricerca nell ambito dei settori scientifico-disciplinari che vi sono rappresentati; b) alla promozione, razionalizzazione e coordinamento delle attività didattiche di una o più classi di corsi di studio, anche in collaborazione con altri dipartimenti; c) all organizzazione e gestione, anche in collaborazione con altri dipartimenti: dei corsi di dottorato di ricerca; dei corsi di formazione, perfezionamento, aggiornamento, educazione continua e ricorrente; dei master di primo e secondo livello; dei corsi di specializzazione; di attività d insegnamento e formazione a distanza. 5. In particolare i dipartimenti perseguono: a) la promozione e lo sviluppo dei processi di internazionalizzazione della ricerca, attraverso la creazione di reti e forme di mobilità; b) il riconoscimento del merito e della qualità mediante forme di valutazione e incentivazione; c) la collaborazione con soggetti esterni all Ateneo, finalizzata all innovazione culturale, scientifica e tecnologica, con attenzione anche allo sviluppo sociale ed economico del territorio; d) il trasferimento dei risultati della ricerca, delle conoscenze e delle informazioni al mondo del lavoro, della produzione e dei servizi; 6

7 e) il sostegno allo sviluppo di autonome iniziative imprenditoriali da parte di studenti, giovani laureati, ricercatori in formazione. 6. Per lo svolgimento dei propri compiti, i dipartimenti dispongono di un apposita dotazione finanziaria, stabilita annualmente nell ambito della programmazione economica e finanziaria dell Ateneo. I dipartimenti possono inoltre avvalersi di altre risorse, reperite attraverso contratti o convenzioni per attività di ricerca e consulenza, secondo quanto previsto dal regolamento per l amministrazione, la finanza e la contabilità. ART. 26 COSTITUZIONE DEI DIPARTIMENTI 1. La richiesta di costituzione di un dipartimento è formulata sulla base di un organico progetto scientifico e didattico, sottoscritto da almeno trentacinque professori e ricercatori. Il progetto indica, in particolare: a) gli ambiti disciplinari di prevalente interesse; b) i corsi di studio; c) le risorse necessarie; d) i dipartimenti da cui provengono i proponenti; e) i dipartimenti eventualmente assorbiti o disattivati; f) la dotazione organica del personale tecnico-amministrativo. 2. L afferenza a un dipartimento è libera. Di regola il docente mantiene la propria afferenza alla struttura per almeno un triennio. Successivamente, richieste di diversa afferenza sono approvate dagli organi competenti secondo le procedure stabilite nel regolamento di organizzazione. 3. Il Senato accademico propone al Consiglio di amministrazione la disattivazione di un dipartimento qualora il numero dei docenti afferenti scenda al di sotto del limite definito dallo Statuto e non venga ricostituito entro la fine dell anno accademico successivo. In tal caso il Consiglio di amministrazione provvede a disciplinare la fase transitoria. ART. 27 ORGANI DEL DIPARTIMENTO Sono organi del dipartimento il Direttore, il Consiglio, la Commissione paritetica docenti studenti e il Consiglio di direzione, ove previsto dal regolamento della struttura. ART. 28 DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO 1. Il Direttore rappresenta il dipartimento. Convoca e presiede il Consiglio di dipartimento, predispone i relativi ordini del giorno, cura l esecuzione delle deliberazioni, garantisce il buon andamento della struttura e si adopera per il raggiungimento degli obiettivi programmati. Esercita tutte le altre funzioni che gli sono attribuite dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti. 2. Il Direttore del dipartimento è eletto dal Consiglio, secondo modalità previste dal regolamento di organizzazione, tra i professori di ruolo di prima fascia a tempo pieno afferenti al dipartimento stesso, ovvero, nei limiti stabiliti dalla legge, tra i professori di ruolo di seconda fascia a tempo pieno afferenti al dipartimento, ed è nominato con decreto del Rettore. Dura in carica tre anni e non può essere rieletto consecutivamente più di una volta. 3. Il Direttore può designare un Vicedirettore, col compito di coadiuvarlo e sostituirlo in caso di assenza o impedimento. Può, altresì, delegare proprie funzioni su specifiche materie ad altri professori e ricercatori. 4. La carica di Direttore di dipartimento è incompatibile con ogni altra carica accademica, ad eccezione di quella di componente del Senato accademico. ART. 29 CONSIGLIO DEL DIPARTIMENTO 1. Il Consiglio del dipartimento è composto: a) dal Direttore; 7

8 b) dal Vicedirettore, ove designato; c) dai professori e dai ricercatori; d) dai ricercatori a tempo determinato; e) da una rappresentanza degli studenti iscritti, in ragione di cinque rappresentanti nei dipartimenti con meno di duemila iscritti ai corsi di studio di loro gestione; di sette, quando questi siano compresi tra duemila e cinquemila; di nove negli altri casi; f) da una rappresentanza del personale tecnico-amministrativo assegnato al dipartimento, in ragione di uno ogni cinque, eletta per la durata di tre anni accademici; g) da una rappresentanza dei dottorandi di ricerca che partecipano ai corsi di dottorato coordinati dai docenti afferenti al dipartimento e dei titolari di contratti di ricerca di durata almeno annuale, che prestano la loro attività presso il dipartimento, eletta congiuntamente per ciascun anno accademico dagli stessi, in ragione di un rappresentante ogni cinque, fino a un massimo di tre. 2. Alle riunioni del Consiglio partecipa il responsabile amministrativo del dipartimento, con funzioni di segretario verbalizzante. 3. Le modalità di elezione delle rappresentanze sono determinate dal regolamento di organizzazione di Ateneo. ART. 30 COMPETENZE DEL CONSIGLIO 1. Sono di competenza del Consiglio del dipartimento, in coerenza con gli obiettivi e le strategie dell Ateneo: a) la promozione e lo sviluppo, anche d intesa con altri dipartimenti, di progetti di ricerca e attività formative comuni; b) la proposta di istituzione, attivazione e disattivazione dei corsi di studio; c) la programmazione, il coordinamento, l organizzazione, la promozione e la verifica delle attività didattiche, formative e culturali, nel rispetto della libertà di cui all articolo 1 del presente Statuto; d) l adozione dei regolamenti dei corsi di studio attivati; e) il coordinamento dell impegno didattico e dei compiti organizzativi e di servizio agli studenti; f) la determinazione dei crediti relativi a ciascun insegnamento; g) la proposta di programmazione annuale e pluriennale relativa alla ricerca e alla didattica, in coerenza con la programmazione di Ateneo e quella ministeriale; h) la programmazione del budget economico e la relativa rendicontazione; i) la proposta di attivazione della procedura di reclutamento dei professori di ruolo e dei ricercatori a tempo determinato; l) la proposta di chiamata dei professori di ruolo e dei ricercatori a tempo determinato; m) la concessione del nulla osta a professori e ricercatori per lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca presso altre sedi e l autorizzazione a usufruire del congedo per motivi di studio; n) la proposta di conferimento di laurea honoris causa; o) ogni altra attribuzione conferitagli dall ordinamento universitario, dallo Statuto e dai regolamenti dell Ateneo. 2. Il Consiglio approva, su proposta del Direttore, la relazione annuale sulle attività di formazione e di ricerca, tenendo conto degli obiettivi prefissati e degli indicatori di autovalutazione definiti dall Ateneo e dagli organismi esterni preposti alla valutazione. ART. 31 COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI 1. Il dipartimento istituisce una Commissione paritetica docenti-studenti, competente a svolgere il monitoraggio dell offerta formativa e della qualità della didattica, nonché delle attività di servizio agli studenti da parte dei professori e dei ricercatori; a individuare indicatori per la valutazione dei risultati conseguiti; a formulare pareri sull attivazione, la modifica e la soppressione di corsi di studio. 2. La Commissione è composta dai rappresentanti degli studenti nel Consiglio del dipartimento e da un uguale numero di docenti, designati dal Consiglio stesso. 8

9 ART. 32 CONSIGLIO DI DIREZIONE 1. Il regolamento del dipartimento può prevedere un Consiglio di direzione, che dura in carica tre anni. 2. Il Consiglio di direzione svolge funzioni istruttorie e preparatorie sui punti all ordine del giorno delle sedute del Consiglio di dipartimento e coopera con il Direttore all esecuzione delle delibere adottate. 3. Sono componenti del Consiglio il Direttore, che lo presiede, il Vicedirettore, ove designato, i responsabili delle sezioni e i presidenti dei consigli dei corsi di studio gestiti dal dipartimento. ART. 33 ARTICOLAZIONE INTERNA DEL DIPARTIMENTO 1. In ragione di specifiche esigenze di carattere scientifico, i dipartimenti, nell esercizio della propria autonomia regolamentare, possono articolarsi in sezioni, secondo principi di adeguata dimensione ed efficacia, in conformità alle disposizioni del regolamento di organizzazione. Le sezioni non possono essere composte da meno di dodici docenti; eventuali deroghe possono essere autorizzate dal Senato accademico sulla base di comprovate esigenze scientifiche e organizzative rappresentate dal dipartimento. 2. A ciascun dipartimento, secondo quanto previsto dal regolamento di organizzazione, è associata una struttura amministrativa che ne supporta la gestione e le attività. 3. A ciascun dipartimento, secondo quanto previsto dal regolamento di organizzazione, sono assegnate una o più strutture bibliotecarie. Le strutture bibliotecarie possono essere organizzate anche in forma interdipartimentale. 4. Ciascun dipartimento dispone di spazi adeguati. ART. 34 DIPARTIMENTI E SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI 1. Ciascun settore scientifico-disciplinare è di regola attribuito a un solo dipartimento. Uno stesso settore può essere presente in più dipartimenti sulla base di un organico progetto scientifico e didattico. 2. Per i settori scientifico-disciplinari non presenti nell atto costitutivo del dipartimento, ai fini della proposta di chiamata di professori e ricercatori è richiesta la preventiva comunicazione a tutti i docenti dell Ateneo afferenti al medesimo settore. ART. 35 RICERCA INTERDIPARTIMENTALE 1. I dipartimenti possono costituire centri interdipartimentali per lo svolgimento di attività di ricerca di rilevante impegno scientifico e finanziario, sulla base di progetti di durata pluriennale. 2. I centri interdipartimentali sono costituiti, su proposta dei dipartimenti interessati, con deliberazione del Consiglio di amministrazione, previo parere del Senato accademico. La struttura organizzativa e le relative norme di funzionamento sono stabilite dal regolamento di organizzazione di Ateneo. ART. 36 DIPARTIMENTI E CLASSI DEI CORSI DI STUDIO 1. Ogni dipartimento deve gestire almeno un corso di studio. 2. Le classi dei corsi di studio sono composte dai professori di ruolo e dai ricercatori, anche a tempo determinato, che vi sono incardinati secondo le modalità stabilite nel regolamento di organizzazione, cui spetta definire anche le modalità di trasferimento tra classi. 3. L attività didattica è svolta dai docenti prioritariamente all interno del corso di studio nel quale sono incardinati. Nel caso di afferenza ad altro dipartimento, il docente è tenuto a svolgervi l eventuale impegno didattico residuo. 4. Ciascun corso di studio è retto da un Consiglio costituito dai docenti incardinati nella classe ad esso relativa e che vi prestano attività di docenza. Al Consiglio partecipano, alle condizioni stabilite dal regolamento didattico d Ateneo, i titolari di supplenze e affidamenti e una rappresentanza degli studenti, eletta secondo le modalità indicate dal regolamento di organizzazione. Il Consiglio dei corsi di studio è presieduto da un docente di ruolo, eletto tra i professori incardinati. 9

10 5. I corsi di studio aventi percorsi formativi tra loro interrelati possono essere retti da un Consiglio unico, secondo quanto stabilito dal regolamento didattico di Ateneo. 6. I consigli dei corsi di studio hanno il compito primario di programmare, organizzare e gestire le attività didattiche. In particolare approvano i piani di studio, formano le commissioni per la verifica del profitto degli studenti nonché per le prove finali per il conseguimento dei titoli rilasciati dall Ateneo. Essi inoltre formulano proposte per la copertura degli insegnamenti vacanti e per l'espletamento delle altre attività didattiche. I consigli svolgono le proprie funzioni sulla base del regolamento approvato dal dipartimento al cui interno sono attivati i relativi corsi di studio. Ai consigli spetta ogni altra attribuzione ad essi demandata dalla legge, dal presente Statuto e dai regolamenti dell Ateneo. 7. I consigli dei corsi di studio formulano al Consiglio di dipartimento proposte in ordine ai piani pluriennali di sviluppo dell'ateneo e con riguardo alle richieste di personale docente. ART. 37 ISTITUZIONE, ATTIVAZIONE, MODIFICAZIONE E DISATTIVAZIONE DEI CORSI DI STUDIO 1. La proposta di istituzione di un nuovo corso di studio è formulata, nel rispetto della programmazione finanziaria annuale e triennale e degli indirizzi strategici di Ateneo, da uno o più dipartimenti, considerate le esigenze culturali e formative, le prospettive occupazionali, le competenze e le risorse disponibili o acquisibili. 2. L istituzione, attivazione, modificazione e disattivazione di un corso di studio sono deliberate dal Consiglio di amministrazione, previo parere favorevole del Senato accademico, a maggioranza assoluta dei suoi componenti, sulla base di una relazione tecnica del Nucleo di valutazione. 3. L attivazione e la disattivazione di un corso di studio devono essere comunicate al Ministero; nel caso di disattivazione, l Ateneo assicura comunque agli studenti già iscritti la possibilità di concludere gli studi conseguendo il relativo titolo o di optare per l iscrizione ad altri corsi di studio attivati. 4. Ogni variazione delle strutture didattiche costituisce modifica del regolamento didattico di Ateneo. ART. 38 DIDATTICA INTERDIPARTIMENTALE 1. Salvo diverso accordo tra i dipartimenti interessati, le classi dei corsi di studio gestite in collaborazione tra più dipartimenti sono collocate nell ambito del dipartimento al quale afferisce il numero maggiore di docenti del corso. 2. La gestione dei corsi interdipartimentali è disciplinata dal regolamento didattico di Ateneo, secondo principi di rappresentanza ed equa compartecipazione finanziaria. 2.2 Seminari organizzati dal Dipartimento di Economia e Diritto (da luglio 2013 a luglio 2014) Nel periodo settembre 2013 a luglio 2014 sono stati organizzati dal Dipartimento di Economia e Diritto i seguenti seminari 17 luglio 2013, SEMINARIO. L innovazione e lo sviluppo in Italia nella relazione annuale. Incontro annuale con la Banca d Italia. DOTT. LUIGI CANNARI (Capo del servizio Statistiche economiche e finanziarie dell Area Ricerca Economica della BANCA D ITALIA),PROF. PAOLO RAMAZZOTTI (UNIVERSITÀ DI MACERATA), PROF. MAURIZIO SCIUTO (DIRETTORE LABORATORIO VICARELLI), PROF. GIULIO M. SALERNO (DIRETTORE DIP.TO ECONOMIA E DIRITTO) 25 settembre 2013, SEMINARIO. Revisiting ranking, rules and applications. Prof. MARCEL AUSLOOS (University of Liege, Belgium), Prof.ssa CRISTIANA MAMMAMA (Università degli Studi di Macerata), Prof. ROY CERQUETI (Università degli Studi di Macerata) 10

11 18 ottobre 2013, SEMINARIO. Le obbligazioni strutturate. Profili di rischio e metodologie di pricing FRANCESCA PAMPURINI (UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 18 ottobre 2013, SEMINARIO. Future e opzioni nella gestione del portafoglio. LUCA FABBRI (ANALISTA FINANZIARIO LIVING FINANCE), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 30 ottobre 2013, SEMINARIO. Introduzione ai servizi bibliotecari e alla ricerca bibliografica 08 novembre 2013, SEMINARIO. Il mercato del risparmio gestito. JASMINE MENCHETTI (AZIMUT CONSULENZA SIM), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 11 novembre 2013, SEMINARIO. Le operazioni di cartolarizzazione. SIMONE SOLDINI (BANCA MARCHE), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 13 novembre 2013, SEMINARIO. Accedere al credito oggi. ROBERTO MERCANTE (BANCA UNICREDIT), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 15 novembre 2013, SEMINARIO. Una nuova figura nella previdenza complementare: il pension planner ANDREA MILESIO (AZIMUT CONSULENZA SIM), NICOLETTA MARINELLI (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 20 novembre 2013, SEMINARIO. Shock economici e meccanismo di formazione delle aspettative. Dott. MAURIZIO BOVI (Dirigente di Ricerca Area Economica ISTAT), ROY CERQUETI (Università degli Studi di Macerata) 20 novembre 2013, INCONTRO: Noi giovani imprenditori incontriamo gli studenti. Giulio SALERNO (Università di Macerata - Direttore del Dipartimento di Economia e Diritto),Alessandro GUZZINI (Presidente Gruppo Giovani Imprenditori Confindustria Macerata FINLABO SIM Spa - Recanati), Luca PETTERUTI (Presidente Gruppo Regionale Giovani ANCE Marche, Delegato Scuola G.G.I. Confindustria Macerata), Gabriele MICOZZI (Docente di Comunicazione e Marketing ed esperto di Orientamento) 26 novembre 2013, SEMINARIO. La relazione cuore della transazione: da legno e metallo a fuoco e connessioni. Il caso EKO. Dott. GIOVANNI MATARAZZO (Comunicattion & Media Manager Eko Music Grup S.p.A. Elettronica Montarbo S.r.L.apo), Prof.ssa Elena CEDROLA (Università degli Studi di Macerata) 04 dicembre 2013, INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE. I numeri giusti per essere competitivi 06 dicembre 2013, Lezione conclusiva del corso A. Fo. Prof Antonella Paolini, Università degli Studi di Macerata. Giorgio Piergiacomi, presidente dell A.Fo.Prof., Andrea Fradeani, Università degli Studi di Macerata 12 dicembre 2013, Bilanci di Marca. Premio per i migliori bilanci delle Marche 13 dicembre 2013, SEMINARIO. PROFESSIONE PROMOTORE FINANZIARIO. V CAREER DAY CON ANASF. GIULIANA RAPETTA (COORDINATRICE REGIONALE ANASF MARCHE), GIAN FRANCO GIANNINI GUAZZUGLI (VICEPRESIDENTE VICARIO ANASF), ALESSANDRO G. GRASSO (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA) 27 gennaio 2014, INCONTRO. Corso di preparazione alle professioni di dottore commercialista ed esperto contabile. Prof.ssa Antonella Paolini (Università degli Studi di Macerata). Dott. Giorgio Piergiacomi (Prsidente A.FO.PROF.), Prof. Andrea Fradeani (Università degli Studi di Macerata) 27 gennaio 2014, SEMINARIO. Il Futuro del Bilancio d'esercizio: fra nuova direttiva comunitaria e riforma tributaria. Prof. Flavio Dezzani (Università degli Studi di Torino), Prof. Giuseppe Ripa (Università degli Studi di Macerata), Prof.ssa Antonella Paolini (Università degli Studi di Macerata) Dott. Giorgio Piergiacomi (presidente A.FO.PROF.) 5 febbraio 2014, SEMINARIO. THE DAY AFTER LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULLA LEGGE ELETTORALE. GIOVANNI DI COSIMO, GIULIO SALERNO BENEDETTA BARBISAN, LUIGI COZZOLINO, SARA GIUSTOZZI, BARBARA MALAISI, ANGELA COSSIRI, RAFFAELLA NIRO 11

12 13 marzo 2014, SEMINARIO. La conoscibilità della legge tra scrittura e divulgazione. Giulio M. SALERNO (Università degli Studi di Macerata), Paola MARSOCCI (Università La Sapienza di Roma), Mario ESPOSITO (Università del Salento), Barbara MALAISI (Università degli Studi di Macerata) 13 marzo 2014, SEMINARIO. PUBLIC SPEAKING. Elena CEDROLA (Università degli Studi di Macerata), Giacomo GISTRI (Università degli Studi di Macerata), Alberto SCARABELLI (consulente) 19 marzo 2014, SEMINARIO. Rapporto sullo stato della legislazione e sull'attività istituzionale della Regione Marche 20 marzo 2014, CONVEGNO. Digitalizzazione e dematerializzazione nelle imprese. GIULIO SALERNO - Università di Macerata, FABRIZIO LUPONE - DocPaperless Founder, BENEDETTO SANTACROCE - Università telematica Niccolò Cusano di Roma, PAOLA GIORGI - Assessore alle politiche comunitarie, Regione Marche, ANDREA FRADEANI - Università di Macerata, STEFANO PIGLIAPOCO - Università di Macerata, MARIA PIA GIOVANNINI - Agenzia per l Italia Digitale, MARCO CONTE - Presidente di XBRL Italia e Vice Segretario Generale di Unioncamere, ROBERTO BELLINI - Direttore generale di Assosoftware, GIOVANNI STAIANO - Responsabile Ufficio affari legali dell Associazione Bancaria Italiana, CLAUDIO BODINI - Già consigliare delegato alle Tecnologie informatiche e innovazione studi del CNDCEC, AGOSTINO BAIOCCO Consiglio direttivo di Confindustria Giovani di Macerata e Managing Partner di Marcap s.r.l. 2 aprile 2014, INCONTRO. Orientagiovani: il viaggio verso il futuro. Giulio SALERNO (Università di Macerata - Direttore del Dipartimento di Economia e Diritto), Luca PETTERUTI (Presidente Gruppo Regionale Giovani ANCE MarcheDelegato Scuola G.G.I. Confindustria Macerata), Simona RESCHINI (Vice Presidente Gruppo Giovani Imprenditori Confindustria Macerata ), Gabriele MICOZZI (Docente di Comunicazione e Marketing ed esperto di Orientamento) 7 aprile 1014, Il processo di costruzione e analisi del bilancio consolidato in INDESIT. Francesca Bartolacci (Università degli Studi di Macerata), Damiano CAFIERO (Consolidated financial Statments supervisor INDESIT COMPANY) 15 aprile 2014, SEMINARIO. Eccellere per vivere la crescita e non la crisi. Il caso Loccioni - Federico NICCOLINI (Università degli Studi di Macerata), Renzo LIBENZI (general manager - Gruppo Loccioni) 15 aprile 2014, SEMINARIO. Le problematiche di costruzione del bilancio consolidato in Fintel Energia Group. - Francesca BARTOLACCI (Università degli Studi di Macerata), Vincenzo CICCONE (Direzione finanza e controllo Fintel Energia Group) 24 aprile 2014, SEMINARIO. L informazione di mercato immobiliare in Italia. Massimo BIASIN (Università degli studi di Macerata), Gianni GUERRIERI (Direttore centrale osservatorio mercato immobiliare e servizi estimativi - Agenzia delle Entrate) 07 maggio SEMINARIO. I fondi immobiliari italiani. Operatività e criticità gestionali. Massimo BIASIN (Università degli studi di Macerata), Alberto BOLLEA (amministratore delegato ACCADEMIA SGR) 13 maggio 2014, SEMINARIO. Europa: dalla pacificazione alla ricostruzione. Raffaella COPPIER (Università degli Studi di Macerata), Gustavo PIGA (Università degli studi di ROMA TOR VERGATA) 15 maggio 2014, SEMINARIO. Le due facce della Luna. Riformismo o Liberalismo come scelte concrete. G. Maria SALERNO (Università di Macerata), Mauro Marconi (Università di Macerata), Stefano PERRI (Università di Macerata), Diego PIACENTINO (Università di Macerata), Giuseppe RIPA (Università di Macerata), Giuseppe VITALETTI (Università La Tuscia, Viterbo) 29 maggio 2014 Workshop. Ricerca, Pubblicazioni e referee. Francesco ORILIA e Francesca SPIGARELLI, Benedetta UBERTAZZI, internazionale", Luca DE BENEDICTIS 12

13 25 giugno 2014 Incontro annuale con la Banca d Italia. Nuove Sfide per la politica monetaria unica. Prof. Maurizio SCIUTO (Università di Macerata), Dott. Stefano SIVIERO (Banca d'italia - Servizio Congiuntura e Politica Monetaria), "la relazione annuale della Banca d'italia", Dott. Giacinto MICUCCI (Banca d'italia - Sede di Ancona), "l' Economia delle Marche", Prof. Michele BAGELLA (Università degli Studi di Roma - Tor Vergata), "Analisi e riflessioni" 2.3 Domande di iscrizione Le domande d immatricolazione al primo anno di tutti i Corsi di studio vanno presentate dal 4 Agosto al 30 ottobre Dopo tale termine, e comunque entro il 31 gennaio 2015, è previsto il pagamento di una tassa di mora, commisurata all entità del ritardo. Per avviare la procedura di immatricolazione o pre-iscrizione, limitatamente ai Corsi ad accesso libero, è attivato un apposito servizio on line, che consente di compilare la relativa domanda entrando nell apposita pagina web disponibile sul sito dell Ateneo (www.unimc.it - Servizi agli studenti - Segreteria studenti on line).per completare e rendere effettiva l immatricolazione è comunque necessaria la consegna agli sportelli delle Segreterie Studenti (Via Don Minzoni Macerata) o la spedizione per raccomandata, entro i termini previsti, di: - domanda, completa di firma autografa, contenente i dati anagrafici dello studente e l autocertificazione del titolo di studio di scuola secondaria superiore o, in caso di preiscrizione ad un corso di laurea specialistica/magistrale, del curriculum di studi compiuto; - copia di un documento di riconoscimento in corso di validità; - due fotografie formato tessera, di cui una applicata su apposito modulo; -copia della ricevuta del versamento della prima rata delle tasse, comprensiva della tassa regionale per il diritto allo studio e del bollo virtuale Per l iscrizione ad anni successivi al primo è sufficiente che lo studente effettui il pagamento della prima rata delle tasse entro i termini sopra riportati. La scadenza della seconda rata è fissata al 30 aprile Test di ingresso al corso di laurea triennale di Economia Il test è obbligatorio per tutti gli immatricolati triennali al Dipartimento di Economia e Diritto tranne per coloro che hanno diritto ad una abbreviazione di carriera (promotori finanziari, ragionieri commercialisti, ecc). Il risultato del test non è vincolante ai fini dell'immatricolazione. Il test serve a verificare la preparazione iniziale dello studente al fine di colmare eventuali lacune tramite specifici corsi di recupero. La prima data utile per il test di ingresso al Dipartimento di Economia e Diritto è fissata per il 10 settembre 2014 ore 11:00, la seconda per il 27 novembre alle ore 14:30. La convocazione degli studenti per il riconoscimento e l'ingresso in aula avverrà a partire dalle ore 09:00. Ci saranno comunque altre date disponibili (febbraio 2015) che verranno tempestivamente comunicate nel sito internet del Dipartimento La prova consiste nel rispondere a dei quesiti, suddivisi nelle aree seguenti: Logica, Comprensione verbale, Matematica. Per partecipare al test è necessario presentarsi con un documento di riconoscimento (patente o carta di identità) e versare la relativa quota di partecipazione (euro 20,00). Coloro che hanno un voto di maturità inferiore a 70/100 (o equivalente in 42/60) dovranno sostenere nello stesso giorno del test un colloquio orale. Il test è organizzato con il consorzio CISIA (http://www.cisiaonline.it). Saranno comunque previste altre date per il test di ingresso. 13

14 2.5 Modalità di immatricolazione ai corsi di laurea in Economia L'immatricolazione on line (per le triennali e magistrali) è possibile dal 01 agosto 2014 e fino al 31 ottobre senza oneri aggiuntivi seguendo questa procedura: 1) registrazione dello studente all anagrafica studente (http://studenti.unimc.it) : verranno creati nome utente e password da usare al punto 2) 2) successiva iscrizione al sito (immatricolazione ai corsi ad accesso libero => Facoltà di Dipartimento di Economia => ) La procedura premette la pre-iscrizione che diventerà effettiva (cioè diventerà vera e propria immatricolazione) solo nel momento in cui lo studente presenterà la ricevuta del pagamento delle tasse alla segreteria studenti e il resto della documentazione stampabile on line. Per i dettagli relativi alle rate e alle modalità di pagamento è possibile entrare nell area riservata e cliccare alla voce pagamenti. Per maggiori informazioni è possibile consultare anche i siti (Area per la didattica, l orientamento e i serivzi agli studenti) Tasse e contributi Le modalità di pagamento delle tasse universitarie e i requisiti per ottenere riduzioni ed esoneri sono diffusamente riportate in appositi opuscoli disponibili presso la Segreteria Studenti o sul sito 2.6 Corsi per studenti lavoratori e fuori corso Corsi per studenti lavoratori e fuori corso Studente lavoratore è colui che dichiara sotto propria responsabilità: di essere dipendente di un impresa o della pubblica amministrazione con contratto a tempo indeterminato o a tempo determinato per almeno un anno; di svolgere attività di libera professione in quanto iscritto ad uno specifico albo professionale. È altresì studente lavoratore il titolare di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa o di collaborazione coordinata a progetto nei tempi di vigenza del rapporto contrattuale. Gli studenti lavoratori possono frequentare alcuni corsi ad hoc, che si svolgono nelle giornate del venerdì e del sabato, previa consegna all Ufficio Organizzazione dell apposito modulo di richiesta, disponibile sul sito e presso la Portineria del Dipartimento (Piazza Strambi, 1). I corsi per lavoratori sono aperti anche agli studenti fuori corso, ad eccezione del corso di Matematica generale. Nell a.a 2014/2015 sono attivati per gli studenti lavoratori e fuori corso i seguenti insegnamenti: ECONOMIA AZIENDALE (lavoratori) ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO (lavoratori) MATEMATICA FINANZIARIA (lavoratori) MATEMATICA GENERALE 1 (lavoratori) MATEMATICA GENERALE 2 (lavoratori) MICROECONOMIA mod. b (lavoratori) 14

15 2.7 Divisione logistica del Dipartimento di Economia e Diritto SEDE PIAZZA STRAMBI piano terra: - portineria - aula 02 - aula 03 - laboratorio linguistico - aula AL1 - aula AL2 - Ufficio Organizzazione del Dipartimento di Economia e Diritto (ex Facoltà di Economia) - aula di informatica (aula consultazione internet, 6 postazioni) primo piano: - aula Abside - aula A - aula C - sala lettura "A. Barnave" secondo piano: - Segreteria di Presidenza della ex Facoltà di Economia (ora segreteria di Dipartimento) - ufficio Organizzazione della ex Facoltà di Economia - aula D (sala lettura) - aula E - aula F Sede ex Dipartimento di istituzioni economiche e finanziarie - VIA CRESCIMBENI 20, MACERATA 2.8 Certificazione di qualità Segnalazioni e reclami I moduli (modulo proposte di miglioramento, modulo segnalazione disservizi) per proporre miglioramenti o segnalare eventuali disservizi possono essere scaricati, compilati e inviati all'indirizzo di posta elettronica: o via fax ( ) I moduli sono, inoltre, disponibili in forma cartacea presso l'ufficio Organizzazione del Dipartimento di Economia e Diritto (ex Facoltà di Economia) insieme ad un Suggestion Box dove sarà possibile recapitarli ai responsabili di Facoltà del sistema di gestione della qualità. 15

16 2.9 Calendario didattico A.A I SEMESTRE settembre 2014 settimane esami appello estivo a.a (merc. 03/09 CDD) settembre 2014 settimane esami appello estivo a.a sett ottobre settimana di lezioni BLU inizio lezioni per tutti gli anni di corso ottobre settimana di lezioni ROSSA (merc. 08/10 CDD) ottobre settimana di lezioni BLU ottobre settimana di lezioni ROSSA 27 ott - 1 novembre settimana di lezioni BLU novembre settimana di lezioni ROSSA (merc. 5/11 CDD mart. 21/10 e giov. 23/10 Lauree) novembre settimana di lezioni BLU novembre settimana di lezioni ROSSA novembre settimana di lezioni BLU dicembre settimana di lezioni ROSSA 9-13 dicembre settimana di recupero BLU (merc. 10/12 CDD) dicembre settimana di recupero ROSSA 22 dicembre gennaio 2015 pausa gennaio 2015 settimane esami appello 1 sem. a.a e invernale a.a (merc. 14/01 CDD) gennaio 2015 settimane esami appello 1 sem. a.a e invernale a.a febbraio 2015 settimane esami appello 1 sem. a.a14-15 e invernale a.a II SEMESTRE febbraio settimana di lezioni BLU inizio lezioni per tutti gli anni di corso (merc.18/02 CDD-mart.17/02 e giov 19 /02 lauree) febbraio settimana di lezioni ROSSA inizio lezioni per tutti gli anni di corso marzo settimana di lezioni BLU marzo settimana di lezione ROSSA (merc. 11/03 CDD) 16

17 16-21 marzo settimana di lezioni BLU marzo settimana di lezioni ROSSA 30 marzo-2 aprile /2 settimana di lezioni BLU (merc. 1/04 CDD mart. 31/03 e giov. 2/04 Lauree) aprile /2 settimana di lezioni BLU aprile settimana di lezioni ROSSA aprile settimana di lezioni BLU 27 apr 2 maggio settimana di lezioni ROSSA 04 9 maggio settimana di recupero BLU maggio settimana di recupero ROSSA (merc. 13/05 CDD) 18 maggio - 6 giugno 2015 settimane esami appello estivo a.a giugno 27 giugno 2015 settimane esami appello estivo a.a (merc. 10/06 CDD) 29 giugno 18 luglio 2015 settimane esami appello estivo a.a (merc. 15/07 CDD mart. 14/07 e giov. 16/07 Lauree) 20 luglio 31 aogsto pausa NOTE: Gli studenti del 1 anno possono sostenere negli appelli di gennaio e febbraio solo gli esami relativi agli insegnamenti del 1 semestre; mentre a partire da maggio possono sostenere gli esami relativi agli insegnamenti del 2 semestre. Per tutti gli altri studenti, vale la stessa regola se la frequenza dell'insegnamento è relativa al corrente a.a., mentre è possibile sostenere gli esami, relativi ad insegnamenti annuali o semestrali con frequenza acquisita precedentemente, in tutti gli appelli Il calendario didattico è disponibile sul sito del Dipartimento di Economia e Diritto : 17

18 3 GLI ORGANI E LE STRUTTURE 3.1 Organizzazione del Dipartimento di Economia e Diritto Direttore: Prof. Giulio Salerno DIRETTORE: Prof. Giulio M. Salerno RESPONSABILE AMMINISTRATIVO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO Ing. Marco Marziali 18

19 SEGRETERIA DI DIREZIONE Carlo Sampaoli Via Crescimbeni 20, Macerata Tel.: U.O. DIDATTICA E STUDENTI Responsabile: Tiziana Sagretti Piazza Strambi 1, Macerata Orario: lunedì - venerdì, ore Tel.: Fax: Ufficio Organizzazione Cinzia Magrini Tel Cristiano Armellini Tel Massimiliano Strada Tel Segreteria studenti Dott. Alberto Cicaré Via Don Minzoni 2, Macerata Sportello al pubblico: dal lunedì al venerdì, ore 9:30-12:00; giovedì, anche ore 14:30-16:00. Sabato chiuso. Servizio informazioni telefoniche ( ) Vicedomini Domenico U.O AMMINISTRATIVA E FINANZIARIA Responsabile: Sig. Lucio Pupilli Via Crescimbeni 20, Macerata Orario: lunedì, martedì, venerdì ore 08-17; mercoledì-giovedì Tel.:

20 Fax: Carlo Sampaoli Tel.: Servizio Informazione ed accoglienza Maurizio Seghetti Tel.: Fax: U.O. RICERCA E INTERNAZIONALIZZAZIONE Responsabile: Dott.ssa Silvana Tartufoli Via Crescimbeni 20, Macerata Orario: lunedì, martedì e giovedì 8-14, mercoledì e venerdì 8-17 Tel: Milena Gentili Tel BIBLIOTECA Palazzo Chiappini - Via Crescimbeni, Macerata PORTINERIE - Sede Piazza Strambi 1 Tel.: Sede via Crescimbeni 20 Tel:

DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO

DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Guida al DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 1 A cura di: Tiziana Sagretti, Cinzia Magrini, Cristiano Armellini, Massimiliano Strada Le informazioni

Dettagli

DIPARTIMENTO DI. Economia e Diritto

DIPARTIMENTO DI. Economia e Diritto E DIRITTO DIPARTIMENTO DI Economia e Diritto Economia e Diritto Il Dipartimento Economia e Diritto Il Dipartimento di Economia e Diritto dell Università di Macerata offre programmi didattici e percorsi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Presentazione offerta formativa

Presentazione offerta formativa Presentazione offerta formativa Dipartimento di Economia e Diritto Anno accademico 2014/2015 UNA SCELTA, MOLTE PROSPETTIVE. Economica Aziendale Giuridica Matematica Statistica L offerta formativa n. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE SCIENTIFICHE E DIDATTICHE (Emanato con D.R. n. 897 del 22.06.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 22.06.2012 e pubblicato nel

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche e budget per il finanziamento delle lauree internazionali a.a. 2014/2015 N. o.d.g.: 06.2 S.A. 25/02/2014 Verbale n. 2/2014 UOR: Area per la Didattica,

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it

UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it U N I S U UNIVERSITÀ TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE N I C C O L O C U S A N O S T A T U T O UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio Per la valorizzazione della responsabilità educativa e sociale, della capacità e del merito nell università e nella ricerca Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. 1. La missione

Dettagli

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Università degli Studi di Brescia Facoltà di Economia Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 -

Dettagli

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P Oggetto: Centro interdipartimentale di Studi e ricerche per l innovazione, la digitalizzazione, l internazionalizzazione e il management (CEIDIM) parere costituzione N. o.d.g.: 04.1 S.A. 25/02/2014 Verbale

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE NICCOLO CUSANO

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE NICCOLO CUSANO UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE NICCOLO CUSANO PROVVEDIMENTO N. 05 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE VISTO il decreto del Ministro dell istruzione dell Università e della ricerca

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE, MISSIONE, FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 -Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Psicologia (LM-51 Classe delle Lauree magistrali in Psicologia) Art. 1 Norme

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

Requisiti di ammissione Diploma di istruzione secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo.

Requisiti di ammissione Diploma di istruzione secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. Immatricolazioni Anno Accademico 2015-2016 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO: LM85 bis - SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Posti disponibili al I anno: 175 - contingente autorizzato a.a. 2015-2016

Dettagli

Ultima versione approvata nel C.d.D. del 3-2-2014

Ultima versione approvata nel C.d.D. del 3-2-2014 Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Scienze della Formazione Il presente Regolamento, nel rispetto dello Statuto e dei regolamenti di Ateneo, definisce l organizzazione interna del Dipartimento

Dettagli

Analisi statistica degli spostamenti delle lezioni

Analisi statistica degli spostamenti delle lezioni Analisi statistica degli spostamenti delle lezioni Sommario Analisi statistica degli spostamenti delle lezioni... Anno accademico 7-8... (ordinamento per attività didattica)... (ordinamento per docente)...

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Scienze della Formazione

Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Scienze della Formazione Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Scienze della Formazione Il presente Regolamento, nel rispetto dello Statuto e dei regolamenti di Ateneo, definisce l organizzazione interna del Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SCIENZE GIURIDICHE, POLITICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Art. 1 Definizione e attribuzioni Art. 2 Compiti della Scuola Art. 3 Organi della Scuola Art. 4 Compiti del Consiglio della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE Approvato con Decreto Ministeriale 15 aprile 2005 G.U. n. 106 del 09/05/2005

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTA SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - Visto lo Statuto dell Università degli studi di Macerata; - Visto l art. 6 del Regolamento didattico d Ateneo; - Visto l art.11, comma 2, della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) PARTE PRIMA NORME GENERALI ART. 1 -Definizioni ART. 2 - Autonomia didattica ART. 3 - Titoli di studio ART.

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE NATURA E FINALITÀ DELL ATENEO Come riportato dall art. 1 dello Statuto, l Università di Firenze è un istituzione pubblica, espressione della

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49)

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49) Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-4) Art. 1. Denominazione del Corso di studio 1. È istituito presso la Facoltà di Scienze politiche

Dettagli

Ingegneria Manifesto degli Studi*

Ingegneria Manifesto degli Studi* 14 15 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Ingegneria Manifesto degli Studi* Corsi di laurea triennale Nell a.a. 2014/15 sono attivi i seguenti corsi di laurea triennale ex D.M. 270/04: Corso di laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) immatricolati fino al 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: L-16

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

N. 2015/2016 07.3 S.A. 21/07/2015 7/2015 UOR:

N. 2015/2016 07.3 S.A. 21/07/2015 7/2015 UOR: Oggetto: Scuola di specializzazione per le Professioni legali a.a. 2015/2016 attivazione corso N. o.d.g.: 07.3 S.A. 21/07/2015 Verbale n. 7/2015 UOR: Area per la didattica, l orientamento e i servizi agli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Aziendale. Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale

Corso di Laurea in Economia Aziendale. Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI ECONOMIA SEDE DI TERNI MANIFESTO DEGLI STUDI Corso di Laurea in Economia Aziendale Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale ANNO ACCADEMICO

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (Emanato con D.R. prot. n. 15141 I/3 - rep. D.R. n. 714-2015 del 19.06.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento,

Dettagli

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi)

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi) REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA E IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA (emanato con decreto rettorale 21 giugno 2012 n. 349) INDICE TITOLO I - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

qualifica Cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P

qualifica Cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche e budget per il finanziamento delle lauree internazionali a.a. 2014/2015 N. o.d.g.: 06.3 C.d.A. 28.2.2014 Verbale n. 2/2014 UOR: Area per la didattica,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO Organizzazione del processo di assicurazione della qualità Le funzioni di progettazione, osservazione e controllo del processo di assicurazione della qualità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009 I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Anno Accademico 2008-2009 BANDO DEL MASTER DI II LIVELLO IN: PROTEZIONE CIVILE, EMERGENZE ED AIUTI UMANITARI Codice Corso di Studio: n 10687 1. Obiettivi formativi del

Dettagli

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI MASTER DI I E DI II LIVELLO, DI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI CORSI DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (Emanato con DR n. 401, Prot. n. 8186 del

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

Statuto dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Statuto dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Statuto dell Università degli Studi di Roma La Sapienza 1 TITOLO PRIMO. Principi generali Art. 1. Natura e finalità Art. 2. Principi organizzativi generali Art. 3. Pianificazione e valutazione delle attività

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO Organizzazione del processo di assicurazione della qualità Le funzioni di progettazione, osservazione e controllo del processo di assicurazione della qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MASTER DI II LIVELLO IN ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Facoltà di Giurisprudenza MASTER DI II LIVELLO IN ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Direttore Prof. VINCENZO CERULLI IRELLI Bando anno accademico 2007/2008 (Codice Corso di

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56)

L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56) L Ordine degli studi è aggiornato al 15 Luglio 2013 ORDINE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA, MANAGEMENT E FINANZA (LM-56) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 La presente pubblicazione ha carattere puramente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI ECONOMIA CENTRO DI RICERCA DE LA SAPIENZA IN STUDI EUROPEI ED INTERNAZIONALI EUROSAPIENZA IN COLLABORAZIONE CON EUROPEAN UNIVERSITY COLLEGE BRUSSELS (BELGIO) e con L INSTITUT UNIVERSITAIRE INTERNATIONAL

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001)

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) INDICE Art.1 Definizioni Art.2 Finalità TITOLO I Corsi di studio e strutture

Dettagli

Art. 1 Obiettivi formativi Art. 2 Sbocchi professionali

Art. 1 Obiettivi formativi Art. 2 Sbocchi professionali REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO VVAALLOORRI IIZZZZAAZZI IIOONNEE EE GGEESSTTI IIOONNEE DDEEI II BBEENNI II CCOONNFFI IISSCCAATTI AALLLLAA CCRRI IIMMI IINNAALLI IITTÀÀ

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia PARTE I TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Ambito di applicazione Il

Dettagli

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie

Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie Decreto Rettorale N.540 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI SOCIOLOGIA Bando di selezione per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO in Management Innovativo delle Organizzazioni

Dettagli

Scuola di Economia e Management. LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14

Scuola di Economia e Management. LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14 Scuola di Economia e Management LM-77 ACCOUNTING E LIBERA PROFESSIONE REGOLAMENTO a.a. 2013-14 Art.1 - Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN CULTURE D EUROPA. AMBIENTE, SPAZI, STORIE, ARTI, IDEE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN CULTURE D EUROPA. AMBIENTE, SPAZI, STORIE, ARTI, IDEE REGOLAMENTO INTERNO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN CULTURE D EUROPA. AMBIENTE, SPAZI, STORIE, ARTI, IDEE dopo l approvazione del Consiglio di Dipartimento del 25 settembre 2013 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. BANDO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 (Codice corso di studio: 13485) 1. Attivazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. BANDO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 (Codice corso di studio: 13485) 1. Attivazione DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE - FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA MASTER DI II LIVELLO IN DIRITTO DELL AMBIENTE DIRETTORE PROF. LUIGI CAPOGROSSI COLOGNESI BANDO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 (Codice corso di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio. REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001)

Università degli Studi del Sannio. REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001) Università degli Studi del Sannio REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001) Articolo 1 Definizione, finalità e compiti 1. L Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) (Emanato con D.R. n. 227 del 18.02.2013, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.02.2013 pubblicato nel B.U. n. 103) - In vigore

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 0484 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Art. 1 Finalità Ai sensi delle norme di legge e delle disposizioni ministeriali che regolano l'autonomia didattica, il presente regolamento disciplina l'articolazione

Dettagli

Regolamento della Scuola di Master e Formazione Permanente del Politecnico di Torino

Regolamento della Scuola di Master e Formazione Permanente del Politecnico di Torino Regolamento della Scuola di Master e Formazione Permanente del Politecnico di Torino Approvato dal Senato Accademico del 11 dicembre 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 388 del 13 dicembre2013 in vigore

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di Architettura e Progetto MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza,

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Risorse turistiche e beni culturali (Adeguamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DEFINIZIONI E FINALITA TITOLO I 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: ARTICOLO 1 DEFINIZIONI a) per Ministro, o Ministero, il Ministro o il Ministero competente

Dettagli

N. 2015/2016 07.2 S.A. 21/07/2015 7/2015 UOR:

N. 2015/2016 07.2 S.A. 21/07/2015 7/2015 UOR: Oggetto: Corsi di master, perfezionamento, aggiornamento, formazione permanente e continua a.a. 2015/2016 integrazione proposte di istituzione N. o.d.g.: 07.2 S.A. 21/07/2015 Verbale n. 7/2015 UOR: Area

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli