Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata"

Transcript

1 PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO SEPSI SEVERA E SHOCK SETTICO (Dillinger R.P. et Al. - Surviving Sepsis Campaign: International Guidelines for management of severe sepsis and septic shok: 2008 Intensive Care Medicine 2008) CRITERI DI ACCESSO Tutti i pazienti con sospetta od accertata diagnosi di sepsi severa o shock settico. DEFINIZIONI Infezione Un processo patologico causato dall invasione di fluidi corporei, tessuti o cavità dell organismo, normalmente sterili, da parte di microorganismi (virus, batteri, funghi) patogeni o potenzialmente patogeni. Sepsi Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a manifestazioni infiammatorie sistemiche (1991) e/o a segni di sepsi (2201). Sepsi Severa Sepsi complicata da disfunzione d organo sepsi correlata o da ipotensione o da ipoperfusione tissutale. (La soglia di questa disfunzione varia da uno studio all altro). Sepsi complicata da ipotensione sepsi correlata refrattaria all adeguato riempimento volemico e/o da ipoperfusione tissutale. Shock settico Ipotensione sepsi correlata - PA sistolica < 90 mmhg. - PAM < 60 mmhg. - Riduzione PAS > 40 mmhg rispetto ai valori basali o < di 2 DS al di sotto dei valori normali per l età in assenza di altre cause di ipotensione. Ipoperfusione tissutale sepsi correlata - Shock settico - Lattati > 4 mml./l. - Oliguria (output urinario < 0,5 ml./kg./h.)

2 Il concetto di S.I.R.S. è stato introdotto dall ACCP/SCCM nella Consensus Conference del Una più recente e condivisa revisione del concetto di sepsi (2001) ha mantenuto il concetto di S.I.R.S. ma ne ha esteso i criteri. Tale revisione enumera infatti una serie multipla di potenziali criteri per la diagnosi di sepsi. Sistemic Inflammatory Response Syndrome - S.I.R.S. Due o più delle seguenti: - Temp. Corp. > 38 C o < 36 C - F.C. > 90 bpm. - Iperventilazione (FR > 20) o Alcalosi Respiratoria (PaCO2 < 32 mmhg.). - WBC > o < Neutrofili Immaturi > 10%. Bone R. American College of Chest Physicians/Society of Critical Care Medicine Consensus Conference: definitions for sepsis and organ failure and guidelines for the use of innovative therapies in sepsis. - Crit Care Med. 1992;20: ACCP/SCCM Consensus Conference on Sepsis and Organ Failure (1991) - Chest : Revisione dei Criteri Diagnostici di Sepsi Diagnosi di Infezione, documentata o sospetta, e alcuni dei seguenti: Segni e Sintomi Generali Segni Generali di Infiammazione - Febbre (T centrale > 38,3 C). - Ipotermia (T centrale < 36 C). - Tachicardia (FC > 90 bpm o > di 2SD al di sopra del normale valore per età) - Tachipnea / Alcalosi respiratoria. - Stato Mentale Alterato. - Edema o Bilancio idrico positivo (> 20 ml.kg. nelle 24 h.) - Iperglicemia (> 120 mg.dl. in assenza di diabete. - Leucocitosi (WBC > mmc.). - Leucopenia (WBC < mmc.). - Conta WBC normale con forme immature > 10%. - Plasma C-reactive Protein > 2SD sopra il range di normalità. - Plasma Procalcitonina > 2SD sopra il range di normalità Alterazioni emodinamiche Segni di disfunzione d organo - Ipotensione arteriosa (SBP < 90 mmhg. o MAP < 70 mmhg. o - Ipossiemia arteriosa (P/F < 300) (ALI/ARDS).

3 riduzione della SBP > 40 mmhg. negli adulti o < 2SD al di sotto dei normali valori per età). - C.I. > 3.5 L.min. - Elevata SvO2 (SvO2 > 70%)*. - Riduzione delle resistenze vascolari Sistemiche. - Alterazione della perfusione cutanea. - Riduzione dell output urinario. - Inesplicabile lattacidemia e/o aumento del deficit di basi. *Nel bambino una SvO2 > 70% (v.n %) ed un CI > L.min.m2., sono normali. Pertanto nessuno di questi valori deve essere utilizzato per la diagnosi di sepsi nel neonato o nel bambino. - Inesplicata alterata funzione renale o Acuta oliguria (< 0,5 ml.kg.h.). o Aumento Cretininemia > 0,5 mg.dl. - Anormalità della coagulazione o INR > 1,5 o PTT > 60 sec. - Trombocitopenia (PLTS < mmc.) / CID. - Inesplicata alterazione dei tests di funzionalità epatica (bilirubinemia > 4 mg.dl.) - Alterata motilità gastrointestinale con intolleranza all introito alimentare (Ileo paralitico ed assenza dei rumori intestinali). Variabili di perfusione tissutale Iperlattacidemia (> 4 mmol.l.) Ridotto riempimento capillare o marezzatura della cute. Levy MM, Fink MP, Marshall JC, et Al SCCM/ESICM/ACCP/ATS/SIS: International Sepsis Definitions Conference. Intensive Care Med. (2003) 29: G.R.A.D.E. System (Grade f Recommendation, Assessment, Development and Evaluation) Determinazione della qualità dell evidenza Qualità dell evidenza A = Alta B = Moderata C = Bassa D = Molto bassa Metodologia di Studio A = RCT di alta qualità B = RCT meno accurati o Studi osservazionali di grado molto elevato. C = Studi osservazionali ben condotti.

4 D = Serie di casi o opinioni di esperti. Fattori che possono aumentare la forza dell evidenza 1. Grande magnitudine dell effetto (Evidenza diretta, Rischio Relativo > 2 senza fattori confondenti plausibili). 2. Magnitudine molto elevata dell effetto (Rischio Relativo > 5 senza minacce di validità). 3. Gradiente Dose Risposta. Fattori che possono ridurre la forza dell evidenza 1. Scarsa qualità nella pianificazione ed implementazione dei RCTs disponibili che suggeriscono una elevata possibilità di bias. 2. Risultati inconsistenti (inclusi i problemi derivanti dall analisi dei sottogruppi). 3. Evidenza indiretta (Studi che differiscono per popolazione, tipo e modalità d intervento, gruppi di controllo, outcomes e confronti). 4. Imprecisione dei risultati. 5. Alta probabilità di bias.

5 G.R.A.D.E. System (Grade of Recommendation, Assessment, Development and Evaluation) Fattori che determinano la forza della raccomandazione 1. Forte 2. Debole Fattori presi in considerazione Processo raccomandato Qualità dell evidenza. Importanza relativa degli outcomes. Rischi di base degli outcomes. Magnitudine del Rischio relativo, inclusi i benefici, i danni ed il peso. Magnitudine Assoluta dell effetto. Precisione della stima degli effetti. Costi. Minore è la qualità dell evidenza, minore è la probabilità di una forte raccomandazione. Se i valori o le preferenze degli outcomes variano grandemente, una forte raccomandazione diventa meno probabile. Maggiore il rischio, maggiore la magnitudine dei benefici. Maggiore la riduzione del Rischio Relativo, maggiore la forza della raccomandazione; maggiore l aumento del Rischio Relativo di danno, minore la forza della raccomandazione. Maggiore il rischio assoluto di beneficio o di danno, maggiore o minore, rispettivamente, è la probabilità di una forte raccomandazione. Maggiore la precisione, maggiore la possibilità di una forte raccomandazione. Più è alto il costo del trattamento, meno facile una forte raccomandazione.

6 PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO Trattamento iniziale Entro la 1 ora dalla diagnosi Entro le prime 6 ore dalla diagnosi 1. Prelevi colturali appropriati. 2. Terapia antibiotica empirica a largo spettro. 1. EGDT (Early Gold Directed Therapy) 2. Indagini strumentali e diagnosi rapida della sede sorgente d infezione. 3. Trattamento e controllo tempestivi della sorgente infettiva. Stabilire un accesso vascolare ed iniziare una terapia infusionale aggressiva è la prima priorità del trattamento di tutti i pazienti con sepsi severa e shock settico. Tuttavia, in presenza di sepsi severa o shock settico ogni ora di ritardo nella somministrazione di un antibiotico efficace è associato ad un misurabile incremento della mortalità dei pazienti. (Kumar A. et Al Duration of hypotension prior to initiation of effective antimiocorobyal therapy is the critical determinant of survival in human septic shock Crit. Care Med. 34: ). Trattamenti aggiuntivi 1. Corticosteroidi 2. Recombinant Human Activated Protein (rhapc) 3. Prodotti ematici sostitutivi. Trattamenti di supporto 1. Ventilazione meccanica in caso di ALI/ARDS sepsi correlata. 2. Sedazione, analgesia e bloccanti neuromuscolari nel pz. settico. 3. Controllo della glicemia. 4. Terapia renale sostitutiva. 5. Terapia con bicarbonato 6. Profilassi della Trombosi Venosa Profonda e dell Embolia Polmonare. 7. Profilassi dell ulcera da stress. 8. Decontaminazione selettiva del tratto gastrointestinale. Considerazioni sulla limitazione delle misure di supporto nel paziente settico.

7 TRATTAMENTO INIZIALE Entro la 1a ora Prelievi Colturali Appropriati Raccomandazioni Prelevare campioni colturali appropriati prima della somministrazione di qualsiasi antibiotico, senza ritardare la terapia antibiotica. Colture appropriate, ottenute prima della terapia antibiotica, sono essenziali: per confermare l infezione per identificare il microorganismo responsabile ed il suo specifico antibiogramma. per permettere la de escalation dell antibiotico terapia. La somministrazione della prima dose di antibiotico può provocare, subito dopo poche ore, una rapida sterilizzazione dei campioni ematici. Per ottimizzare l identificazione del germe in causa si raccomandano: Almeno 2 o più campioni di almeno 10 ml. di sangue, di cui almeno 1 percutaneo ed 1 da ogni lume di ogni catetere vascolare posizionato da oltre 48 h. Prelievi per esami colturali, preferibilmente quantitativi, da ogni altra sede appropriata: Urine. Liquor. Ferite. Secrezioni tracheo bronchiali. Ogni altra sede accessibile di sospetta sorgente infettiva. 1C (I campioni devono essere trasportati immediatamente al laboratorio di microbiologia o, se ciò non è possibile, conservati in ghiaccio o in frigorifero)

8 Terapia Antibiotica Raccomandazioni La terapia antibiotica ev deve essere iniziata il più precocemente possibile, entro la prima ora dalla diagnosi di shock settico (1B) e di sepsi severa (1D) (I prelievi colturali appropriati dovrebbero essere eseguiti prima dell inizio della terapia antibiotica, ma ciò non dovrebbe ritardare la pronta somministrazione dell antibiotico terapia) 1B (shock settico) 1D (sepsi severa) 1D La terapia antibiotica iniziale empirica dovrebbe includere la scelta di uno o più farmaci: di dimostrata attività contro il presunto microorganismo (batterio o fungo) responsabile dell infezione. In grado di penetrare in adeguata concentrazione all interno del presunto sito d infezione. Deve tenere conto: Storia del paziente, allergie o tossicità da farmaci, malattie concomitanti e stato immunitario. Patterns di suscettibilità dei patogeni comunitari, delle strutture socio-sanitarie ed ospedaliere. Possibile colonizzazione (e non infezione) nei pazienti con malattie croniche inveterate. Deve essere di spettro abbastanza ampio da coprire tutti i potenziali patogeni, compresi MRSA (se la loro prevalenza è significativa) e le specie di Candida prevalenti (spt. nei pazienti a rischio di candidemia). 1B Il regime antibiotico empirico a largo spettro, deve essere rivalutato giornalmente allo scopo di ottimizzare l attività, prevenire lo sviluppo di resistenze, ridurre la tossicità ed i costi del trattamento. La terapia antibiotica empirica a largo spettro deve essere mantenuta, a pieno dosaggio, fino a quando non si dispone dell isolamento del microorganismo e del suo relativo antibiogramma. Solo in questo momento è possibile avviare una de-escalation allo scopo di ridurre l incidenza di superinfezioni (VRE, Clostridium difficilis, Candida species). 1C Il dosaggio di ogni singolo antibiotico non è sempre di facile determinazione, tenendo conto che il paziente settico ha spesso: Un alterata funzione epatica e renale.

9 Un abnorme Volume di Distribuzione. La monitorizzazione della [C] plasmatica dei singoli farmaci e la consulenza infettivologica possono essere molto utili in ICU. La normale durata del trattamento antibiotico è di circa 7 10 giorni; terapie più prolungate sono necessarie in caso di. Scarsa risposta clinica. Presenza di foci infettivi non aggredibili. Pazienti immunodepressi o neutropenici. 1D Se si riconosce che la causa della sindrome è di origine non infettiva, la terapia antibiotica deve essere interrotta prontamente per minimizzare il rischio di infezione da parte di germi resistenti. di reazioni avverse da farmaci. In caso di sepsi severa e shock settico, le emocolture risultano negative nel 50% circa dei casi, ma molti di questi casi sono probabilmente veri casi di sepsi, causati da batteri o funghi sfuggiti all indagine emocolturale. Pertanto la decisione di proseguire, restringere o interrompere la terapia antibiotica deve essere presa sulla base di un accurato giudizio e su precise informazioni cliniche. Suggerimenti 1D Si suggerisce una Terapia antibiotica empirica a largo spettro combinata, nei pazienti con sepsi severa e shock settico : con sospetta od accertata infezione da Pseudomonas (2D) con neutropenia (2D) 2D Quando usata empiricamente la terapia antibiotica combinata non dovrebbe essere somministrata per più di 3 5 giorni. La de-escalation e la più appropriata monoterapia dovrebbero essere intraprese non appena è noto l antibiogramma. Anche se non esistono studi o metanalisi che abbiano dimostrato in modo convincente che la terapia combinata produca un esito clinico superiore sui singoli patogeni in un particolare gruppo di pazienti, la terapia combinata ha dimostrato, in alcuni modelli sperimentali in vitro, un effetto sinergico contro particolari patogeni, ma questa sinergia è di difficile definizione e previsione in vivo. 2D Nei pazienti neutropenici e/o con sospetta od accertata infezione da Pseudomonas, la terapia combinata potrebbe essere biologicamente plausibile e clinicamente utile, anche se non vi è alcuna dimostrazione

10 evidente di un miglioramento dell outcome del paziente Nei casi di sospetta od accertata infezione da Pseudmonas, l antibioticoterapia combinata potrebbe aumentare la probabilità che almeno un farmaco sia effettivamente attivo contro quel determinato ceppo e che possa, quindi, incidere positivamente sull esito del paziente. TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore EGDT (Early Gold - Directed Therapy) (River s Protocol) Raccomandazioni Il protocollo di River deve essere iniziato non appena viene riconosciuto lo stato di ipoperfusione (ipotensione persistente dopo fluid challenge iniziale o iperlattacidemia > 4 mmol.l.) senza ritardi dovuti ad es. al trasferimento del paziente in ICU. Durante le prime 6 ore, l iniziale trattamento dell ipoperfusione sepsi correlata dovrebbe includere tutti gli obiettivi elencati di seguito, come parte di un unico protocollo di trattamento: CVP 8 12 mmhg. (12 15 mmhg. in MV). MAP > 65 mmhg. Output urinario > 65 mmhg. ScvO2 > 70% o SvO2 > 65%. 1C Lo studio di River (RDT single center study) ha dimostrato un miglioramento del tasso di mortalità a 28 giorni nei pazienti con shock settico sottoposti a trattamento rianimatorio aggressivo che hanno raggiunto tutti gli obiettivi sopra-elencati nelle prime 6 ore dall ingresso nel DE. (River E. et. Al. Early Goal Directed Therapy in the treatment of severe sepsis and septic shock N. Eng. J. Med. 345: ). Molti lavori più recenti supportano la validità del protocollo EGDT di River. CVP target di mmhg. nei pazienti: Ventilati Meccanicamente. Con conosciuta e preesistente riduzione della compliance e/o disfunzione diastolica ventricolare.

11 Con Ipertensione Polmonare significativa. Con aumento della P. addominale. Nonostante le importanti limitazioni sull utilizzo della CVP o di ogni altra pressione di riempimento (PCWP) come surrogato per la guida del riempimento volemico, la misurazione della CVP è ancora, attualmente, la misura più facile da ottenere per guidare la terapia infusionale. Tuttavia potrebbe essere più vantaggioso guidare la terapia infusionale su valori target di flusso o forse su indici volumetrici ed anche sui cambiamenti del microcircolo. La tecnologia esistente permette la misurazione di tali parametri al letto del paziente, ma deve diventare più accessibile e soprattutto la loro utilità deve essere ancora validata. Vi è un generale consenso nel considerare equivalenti le misurazioni intermittenti o continue della ScvO2 e della SvO2: entrambe sono considerate accettabili. Inoltre, sebbene la lattacidemia non sia un parametro preciso come misura dello stato metabolico tissutale, elevati livelli di lattato (> a 4 mmol.l.) nella sepsi, supportano un trattamento rianimatorio aggressivo. Suggerimenti Se durante le prime 6 ore di rianimazione, in caso di sepsi severa o shock settico, i target ScvO2 > 70% e/o SvO2 > 65% non vengono raggiunti, nonostante la terapia infusionale aggressiva con raggiungimento della CVP (e della MAP) target, il protocollo di River prevede: Trasfusione di EC fino ad ottenere un valore di Hct > 30% e/o Somministrazione di dobutamina (max 20 mcg.kg.min.). Sulla base della valutazione clinica al letto del paziente ed alle personali preferenze, una volta raggiunt la CVP e la MAP target con adeguata terapia infusiva, il clinico può decidere o la trasfusione di EC oppure l infusione di dobutamina per aumentare la DO2 ed elevare la ScvO2 o la SvO2 ai valori target. Il lavoro di River non permette di valutare il contributo relativo delle due componenti (aumento del contenuto o della gittata cardiaca) sul miglioramento della sopravvivenza. 2C

12 TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Diagnosi e Controllo della sorgente infettiva. Raccomandazioni La diagnosi della specifica sede anatomica del processo infettivo è indispensabile per il controllo tempestivo dell infezione; ad es., fascite necrotizzante, peritonite diffusa, colangite, infarto intestinale, ecc.. devono essere diagnosticate od escluse il più rapidamente possibile, entro le prime 6 ore dalla diagnosi di sepsi severa e shock settico. 1D La diagnostica per immagini deve essere avviata prontamente allo scopo di confermare la sorgente potenziale di infezione. Alcuni pazienti, anche nelle strutture sanitarie più organizzate e dirette da personale esperto, possono essere così instabili da impedire l esecuzione di alcune procedure invasive o il trasporto al di fuori dell ICU. In questi casi è d obbligo la valutazione del rapporto rischio beneficio e l indagine ecografica al letto del paziente può essere di grande utilità. Campioni colturali devono essere prelevati da ogni sede infettiva identificata ed accessibile. 1C E fortemente raccomandato che tutti i pazienti che si presentano con sepsi severa e shock settico siano valutati per la presenza di un focus infettivo suscettibile di trattamento specifico: ad es. Drenaggio chirurgico di un ascesso addominale, di un empiema toracico, di un artrite settica. Revisione ed asportazione chirurgica di un tessuto necrotico infetto (pielonefrite, colangite, pancreatite necrotica con sovra infezione, mediastinite, infarto intestinale,...) Rimozione di qualsiasi device potenzialmente infetto (catetere vascolare infetto, catetere vescicale, infezione di dispositivo intrauterino infetto, ). Controllo definitivo di qualsiasi sorgente di possibile contaminazione microbiologica (resezione intestinale in caso di diverticolite, colecistectomia in caso di colecistite gangrenosa, amputazione in caso miosite necrotizzante da Clostridium, ). Se l intervento chirurgico definitivo non è possibile o controindicato, il 1C 1D

13 controllo della sorgente infettiva richiede almeno l applicazione di misure meno invasive, come ad es. il drenaggio percutaneo di un ascesso o il drenaggio endoscopico dell albero biliare,.. Se si sospetta l infezione di un device intravascolare, esso deve essere prontamente rimosso dopo aver stabilito un altro nuvo accesso. 1C Suggerimenti In caso di pancreatite, con sovra infezione di tessuto peripancreatico necrotico, il controllo chirurgico definitivo deve essere ritardato fino alla completa demarcazione tra tessuti sani e tessuti necrotici. 2B Un RCT di confronto tra trattamento chirurgico precoce e ritardato in caso di pancreatite necrotizzante, ha dimostrato un outcome migliore nel gruppo trattato tardivamente. Tuttavia, esiste un ampio margine d incertezza su quanto l intervento chirurgico debba essere ritardato in questi casi e, soprattutto, se i risultati di questo studio possano essere applicati anche ai casi di sovrainfezione dei tessuti peripancreatici necrotici. La scelta del metodo ottimale di controllo della sorgente d infezione nei pazienti affetti da sepsi severa o shock settico, deve ponderare molto attentamente il rapporto rischio beneficio legato allo specifico intervento, così come i rischi del trasferimento del paziente in sala operatoria. L intervento chirurgico può causare ulteriori complicazioni come sanguinamento, fistole, o lesioni d organo accidentali. L intervento chirurgico va preso in considerazione quando interventi meno invasivi sono inadeguati, o quando persiste un incertezza diagnostica nonostante le valutazioni radiologiche. Ogni situazione clinica richiede che vengano prese in considerazione: Le scelte disponibili. Le preferenze del paziente. Il parere degli esperti.

14 TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Fluidoterapia Raccomandazioni La terapia infusionale aggressiva può essere eseguita sia con colloidi naturali o artificiali o con cristalloidi. Non vi è alcuna evidenza che supporta la maggiore efficacia di un tipo rispetto all altro: cristalloidi e colloidi devono essere considerati equivalenti. Lo studio SAFE indica che la somministrazione di albumina è egualmente sicura ed efficace della somministrazione di cristalloidi. Si è riscontrata solo una insignificante riduzione del tasso di mortalità con l uso di colloidi all analisi di un sottogruppo di pazienti settici (p 0,09). Precedenti meta-analisi di piccoli studi di pazienti in ICU non hanno dimostrato differenze tra colloidi e cristalloidi. Anche se la somministrazione di hydroxyethyl starch porebbe aumentare il rischio di ARF nei pazienti con sepsi, dati contrastanti precludono raccomandazioni definitive. Poiché il volume di distribuzione è molto più grande per i cristalloidi che per i colloidi, la rianimazione con cristalloidi richiede una maggior quantità di liquidi per ottenere gli stessi end-points emodinamici, ma con il risultato di un maggior edema interstiziale. Inoltre, i cristalloidi sono meno costosi. 1B Anche se la fluidoterapia iniziale ha come obiettivo il raggiungimento di una CVP di almeno 8 mmhg. (12 mmhg. nei pazienti ventilati meccanicamente), è spesso richiesta un ulteriore fluidoterapia. 1C La fluidoterapia iniziale deve essere eseguita con la tecnica del fluid challenge mentre la fluidoterapia di base deve essere continuata per mantenere il miglioramento emodinamico (PA, FC, diuresi). La tecnica del fluid challenge deve essere distinta dalla semplice infusione continua di lquidi; si tratta di una tecnica nella quale una grande quantità di liquidi viene somministrata in un limitato periodo di tempo, con attento monitoraggio per valutare la risposta del paziente ed evitare lo sviluppo di edema polmonare. 1C 1D

15 La tecnica fluid challenge nei pazienti con sospetta ipovolemia deve essere iniziata con almeno 1000 ml. di cristalloidi o ml. di colloidi in circa 30 min. Una velocità d infusione maggiore può essere necessaria nei pazienti con ipoperfusione tissutale sepsi correlata. La velocità d infusione deve essere sostanzialmente ridotta quando le pressioni di riempimento (CVP e/o PCWP) aumentano senza un contemporaneo miglioramento emodinamico. 1D Nei pazienti con sepsi severa e shock settico, il grado di deficit del volume intravascolare è molto variabile, imprevedibile e difficilmente misurabile. La venodilatazione e la permeabilità capillare fanno si che la maggior parte dei pazienti richiedano una fluidoterapia aggressiva continua per almeno le prime 24 ore di trattamento. Durante questo periodo l input è tipicamente maggiore dell output, ed il bilancio input/output non è di nessuna utilità per giudicare la necessità della fluido rianimazione. TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Vasopressori Raccomandazioni La Pressione Arteriosa Media deve essere mantenuta > a 65 mmhg. La somministrazione di vasopressori è richiesta come misura di sostegno vitale per mantenere la pressione di perfusione nei casi di ipotensione grave e minacciosa per la vita, anche quando l ipovolemia non è stata ancora corretta. Al di sotto di certi valori di PAM l autoregolazione, in alcuni distretti vascolari, viene perduta e la perfusione diviene linearmente proporzionale ai valori di pressione. Pertanto alcuni pazienti possono richiedere una terapia con vasopressori per ottenere una minima pressione di perfusione per mantenere un adeguato flusso tissutale. La somministrazione di NA guidata all ottenimento di una PAM di almeno 65 mmhg. ha dimostrato di preservare la perfusione tissutale. In aggiunta, per stabilire la MAP target è necessario prendere in considerazione l eventuale presenza di comorbidità pre-esistenti. Ad es. una MAP di 65 mmhg. potrebbe essere troppo bassa in un 1C

16 paziente con una storia di ipertensione severa incontrollata, mentre una MAP inferiore potrebbe essere adeguata in un giovane normotensivo. E importante correlare la MAP target con altri end-points supplementari che valutano la perfusione globale e regionale, come la [C] sierica del lattato e la diuresi. La fluido-rianimazione è un aspetto fondamentale del management emodinamico dei pazienti con shock settico e dovrebbe idealmente essere ottenuta prima dell uso di vasopressori ed inotropi, ma l uso precoce di vasopressori come misura d emergenza nei pazienti con shock settico severo è frequentemente necessario. Quando ciò capita, un grande sforzo deve essere diretto verso un rapido svezzamento dai vasopressori mantenendo il supporto fluido terapico. La NA e la DOPA rappresentano i vasopressori di prima scelta per correggere l ipotensione in caso di shock settico (da somministratre attraverso un Catetere Venoso Centrale non appena disponibile). La DOPA aumenta la MAP e la gittata cardiaca, principalmente attraverso un aumento dello stroke volume e della frequenza cardiaca. La NA aumenta la MAP attraverso i suoi effetti vasocostrittivi, con piccoli cambiamenti della frequenza cardiaca e minore incremento dello stroke volume rispetto alla DOPA. La NA è più potente della DOPA e può essere più efficace nel trattamento dell ipotensione in caso di shock settico. La DOPA può essere particolarmente utile nei pazienti con compromissione della funzione sistolica ventricolare ma causa maggiore tachicardia e può essere maggiormente aritmogena. Inoltre la DOPA influenza anche la risposta endocrina dell asse ipotalamo ipofisario e possiede effetti immunosoppressivi. 1C Non esiste una principale evidenza di alta qualità, tale da raccomandare una catecolamina rispetto ad un altra. Esiste molta letteratura contrastante sugli effetti della scelta di vasopressori o vasopressori inotropi nel trattamento dello shock settico. Studi umani ed animali suggeriscono alcuni vantaggi della NA e della DOPA sull adrenalina (per la potenziale tachicardia e per gli effetti svantaggiosi sulla circolazione splancnica e per l iperlattacidemia) e sulla fenilefrina (diminuzione dello stoke volume). Non esiste del resto nessuna evidenza che l uso dell adrenalina risulti in un outcome peggiore, e dovrebbe essere la prima scelta in alternativa alla NA e alla DOPA. La fenilefrina è l agente adrenergico che produce minori effetti tachicardizzanti, ma come agente vasopressore puro potrebbe determinare una diminuzione dello stroke volume. Basse dosi di DOPA non devono essere usate per la protezione renale. 1A

17 Un ampio RCT e diverse meta analisi che hanno confrontato basse dosi di DOPA con placebo non hanno dimostrato alcuna differenza, né degli outcomes primari (picco serico di creatinina, necessità di terapia renale sostitutiva, diuresi, tempo di recupero della funzionalità renale), né degli outcomes secondari (sopravvivenza, dimissione dalla T.I. od ospedaliera, durata della permanenza in ICU o della degenza ospedaliera, e dell incidenza di aritmie). Pertanto, i dati disponibili non supportano la somministrazione di basse dosi di DOPA allo scopo di mantenere la funzione renale. Tutti i pazienti che richiedono l impiego di vasopressori dovrebbero essere monitorizzati con una linea arteriosa non appena possibile e se le risorse disponibili lo permettono. Negli stati di shock la misurazione non invasiva della PA è comunemente inaccurata; l uso di una cannula arteriosa consente una più appropriata e riproducibile misurazione della PA. Permette inoltre una misurazione in continuo della PA, così che le decisioni terapeutiche possono essere basate sul valore immediato e riproducibile di PA. 1D Suggerimenti Epinefrina, fenilefrina e vasopressina non dovrebbero essere somministrate come farmaci di prima scelta nel trattamento dello shock settico. La vasopressina (0,03 U./min.) può essere successivamente aggiunta alla NA, prevedendo comunque un effetto equivalente alla NA da sola. In caso di shock settico, sono stati riportati livelli sierici di vasopressina più bassi di quanto previsto per uno stato di shock. Alcuni studi mostrano che le [C] di vasopressina risultano elevate nelle fasi precoci dello shock settico, ma persistendo lo stato di shock, le [C] di vasopressina, nella maggioranza dei pazienti, tra le 24 e 48 ore, diminuiscono fino al range di normalità. Ciò è stato definito deficienza relativa di vasopressina : infatti, in presenza di ipotensione ci aspetteremmo elevati valori di vasopressina. Ma il significato di tale deficienza relativa è sconosciuto. 2C Basse dosi di vasopressina possono essere efficaci nell aumentare la PA nei pazienti con ipotensione refrattaria agli altri vasopressori, e possono avere altri benefici effetti fisiologici. La terlipressina ha effetti simili alla vasopressina ma possiede una lunga durata d azione. Il recente studio VASST, randomizzato - controllato, non ha dimostrato

18 alcuna differenza di outcome nel confronto tra i gruppi trattati con sola NA e quelli che ricevevano NA e Vasopressina. Un analisi a priori di un ben definito sottogruppo ha mostrato che la sopravvivenza dei pazienti che, al momento della randomizzazione, ricevevano una dose di NA < di 15 mcg. min. era migliore con la vasopressina. Tuttavia bisogna sottolineare che il razionale pre trial di questo studio era volto ad esplorare i potenziali benefici nei pazienti che richiedevano dosi di NA > a 15 mcg.min. Elevate dosi di vasopressina sono state associate ad ischemia cardiaca, digitale e splancnica; esse dovrebbero essere riservate a quelle situazioni nelle quali gli altri vasopressori hanno fallito. L adrenalina è l agente alternativo di prima scelta nei casi di shock settico scarsamente responsivo alla NA e alla DOPA. 2B TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Inotropi Raccomandazioni L infusione di dobutamina deve essere presa in considerazione in presenza di disfunzione miocardica come suggerito dalle elevate pressioni di riempimento associate ad una bassa gittata cardiaca. La dobutamina è l inotropo di prima scelta per i pazienti con misurata o sospetta bassa gittata cardiaca in presenza di pressioni di riempimento ventricolare adeguate (o di valutazione clinica di adeguato riempimento volemico) e di adeguata MAP. I pazienti settici che rimangono ipotesi dopo adeguata rianimazione volemica possono avere una gittata cardiaca ridotta, normale o elevata. Il trattamento con una combinazione di inotropi e vasopressori come NA e DOPA è raccomandato se la gittatta cardiaca non è misurata. Quando è possibile tale misurazione, in aggiunta a quella della PA, un vasopressore come la NA può essere separatamente per raggiungere specifici target di MAP e di gittata cardiaca. 1C La strategia di aumentare l indice cardiaco a valori predeterminati sopranormali non è raccomandabile. 1B

19 Due ampi prospettici clinical trials che includevano pazienti critici ricoverati in ICU con sepsi severa, hanno fallito nel dimostrare benefici dall incremento della DO2 verso valori sopranormali con l uso di dobutamina. Questi studi non avevano come target specifico i pazienti affetti da sepsi severa e nemmeno le prime 6 ore di rianimazione; le prime 6 ore di rianimazione dell ipoperfusione sepsi correlata necessitano di un trattamento separato da quello degli ultimi stadi della sepsi severa. TRATTAMENTO AGGIUNTIVO Corticosteroidi Raccomandazioni Dosi di corticosteroidi comparabili con dosi di idrocortisone > di 300 mg.die, non devono essere usate in caso di sepsi severa o shock settico allo scopo di trattare lo shock settico. Due RCT e diverse meta analisi concludono che per la terapia della sepsi severa e dello shock settico, alte dosi di corticosteroidi risulatano inefficaci o addirittura dannose. Alte dosi di corticosteroidi possono essere impiegate solo in presenza di patologie mediche che lo richiedano. 1A I corticosteroidi non dovrebbero essere somministrati nel trattamento della sepsi in assenza di shock. Non vi sono tuttavia controindicazioni a proseguire una terapia corticosteroidea in corso o all utilizzo di dose stress di steroidi nei pazienti con insufficienza corticosurrenale. Non esistono studi specificamente mirati ai pazienti con sepsi severa in assenza di shock che offrano supporto all uso di dose stress di steroidi in questa popolazione di pazienti. Gli steroidi possono essere indicati in presenza di una storia di terapia steroidea in corso nel periodo precedente la sepsi o di documentata disfunzione surrenalica. Un recente studio preliminare sull utilizzo di dose stress di steroidi in pazienti affetti da polmonite comunitaria fornisce risultati incoraggianti ma necessita di ulteriore conferma. 1D

20 Suggerimenti La somministrazione ev di idrocortisone deve essere presa in considerazione solo negli adulti affetti da shock settico che rimangono ipotensivi o poco responsivi alla fluido rianimazione e alla terapia con vasopressori. I corticosteroidi non devono essere utilizzati nei pazienti con shock settico responsivi alla fluidoterapia e ai vasopressori. Lo studio di Annane, uno studio francese RCT multicentrico, condotto su pazienti con shock settico non responsivo alla fluido rianimazione e alla terapia con vasopressori, ha dimostrato un significativo miglioramento dello stato di shock ed una riduzione del tasso di mortalità nei pazienti con Insufficienza Surrenalica Relativa (definita come aumento della cortisolemia < a 9 mcg./100 ml. dopo test di stimolazione con ACTH). Anche due più piccoli RCTs addizionali hanno dimostrato effetti significativi sulla reversibilità dello shock con la terapia steroidea. Tuttavia un recente ed ampio studio multicentrico europeo (CORTICUS) non ha dimostrato alcun beneficio in termini di mortalità della terapia steroidea in caso di shock settico. Ha però dimostrato una più rapida risoluzione dello shock settico nei pazienti che hanno ricevuto steroidi. Inoltre, l uso del test di stimolazione con ACTH (responders e nonresponders) non ha dimostrato la capacità di identificare i pazienti con la più rapida risposta dello stato di shock. 2C Esiste un importante differenza tra lo studio francese di Annane ed il CORTICUS: lo studio di Annane ha reclutato soltanto i pazienti con shock settico con ipotensione non responsiva alla terapia con vasopressori, mentre il CORTICUS include pazienti con shock settico, senza riguardo della risposta alla terapia con vasopressori. Anche se i corticosteroidi appaiono promuovere una rapida risposta in alcuni pazienti con shock settico, la mancanza di un chiaro miglioramento della mortalità, insieme ad un aumentato rischio di infezione e di miopatia, ha temperato l entusiasmo per la grande diffusione del loro uso. Pertanto, c è stato un grande accordo sull abbassamento del grado di raccomandazione sull uso dei corticosteroidi rispetto alle linee guida precedenti. Il test di stimolazione con ACTH non è più utilizzato per identificare il sottogruppo di adulti con shock settico che dovrebbero ricevere corticosteroidi. Lo studio di Annane suggerisce che coloro che non rispondono al test di stimolazione con ACTH (aumento del cortisolo < 9 mcg.dl min. dopo test di stimolazione con ACTH) erano più soggetti al 2B

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA SURVIVING SEPSIS PER IL TRATTAMENTO DELLA SEPSI GRAVE E DELLO SHOCK SETTICO

LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA SURVIVING SEPSIS PER IL TRATTAMENTO DELLA SEPSI GRAVE E DELLO SHOCK SETTICO SURVIVING SEPSIS CAMPAIGN Sponsor del Progetto: ESICM (European Society of Intensive Care Medicine), SCCM (Society of Critical Care Medicine), ACCP (American College of Chest Physicians), ATS (American

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute Sepsis Bundles: i pacchetti della salute A.N. Cracchiolo, D.M. Palma Anestesia e Rianimazione Polivalente II G. Trombino Azienda Ospedaliera Nazionale di Rilievo ad Alta Specializzazione AORNAS Ospedale

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio.

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. 0 SIMPSI MERIDINALE AARI -EMAC ANESTESIA RIANIMAZINE TERAPIA DEL DLRE Crotone, 4-5-6 ottobre 01 Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. Giuseppe Natalini

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 Monitoraggio della pressione in arteria polmonare Determinazioni della gittata cardiaca Monitoraggio della saturazione

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

haemodynamic monitoring

haemodynamic monitoring haemodynamic monitoring Mostcare Up è l unico monitor in grado di seguire in tempo reale, di battito in battito, ogni minima variazione emodinamica del paziente. L algoritmo brevettato basato sul metodo

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA SHOCK ANAFILATTICO P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA Lo shock anafilattico costituisce la più grave espressione clinica di una reazione anafilattica-anafilattoide ed è caratterizzato essenzialmente

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Marta Lazzeri Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda DEFINIZIONE PROCEDURA ATTUATA ALLO SCOPO DI RIMUOVERE SECREZIONI

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito Congresso Nazionale Interdisciplinare Buona pratica clinica e ricerca scientifica nell urgenza-emergenza emergenza Innovazione tecnologica nell ambito della medicina d emergenza-urgenza Workshop: Le alterazioni

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

LISTA DI DISTRIBUZIONE

LISTA DI DISTRIBUZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE Descrizione Direttore Sanitario Aziendale Direttore Sanitario di Presidio Ospedaliero (D.S.P.O.) Direttore Staff Direzione Sanitaria Dirigente delle Professioni Sanitarie Area Infermieristica

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Prof. Sergio Bernardini Volume = 90-150 ml Produzione/die = 500 ml

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 17/12/2014

Dettagli

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

Enterocolite Necrotizzante

Enterocolite Necrotizzante Giuseppe Stranieri Enterocolite Necrotizzante Patologia acquisita che interessa specialmente il neonato prematuro o il neonato patologico, caratterizzata da una necrosi della mucosa o anche degli strati

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò)

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò) HOME SWEET HOME ( di Daniele Calò) 3 PERCHE LA CASA? Le modificazioni demografiche ed economiche degli ultimi decenni insieme alla disponibilità di tecnologie facilmente trasportabili, hanno favorito

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE COMPARSA 40/50 a.rapp.2/1 Femmine Maschi CALCOLOSI BILIARE(35/65%) / ERCP/ INTERVENTI / TRAUMI ALCOLISMO CRONICO(30%)

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo.

Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Morte encefalica e mantenimento del Donor: l importanza del fattore tempo. Sara Tomasini, Maria Concetta Lanza, Matteo Vincenzi, Massimo Neri, Marco Zanello* U.O.C. Anestesia e Rianimazione, IRCCS delle

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO Accuratezza degli studi Miettinen, nel 1985, afferma che : la accuratezza di uno studio epidemiologico consiste nel grado di - assenza di errori

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Strumentario chirurgico: problema o opportunità?

Strumentario chirurgico: problema o opportunità? Nona giornata di formazione in Ticino 16 ottobre 2012 Sono andati su marte, e noi? Strumentario chirurgico: problema o opportunità? Servizio di noleggio in outsurcing dello strumentario chirurgico sterile

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli