Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata"

Transcript

1 PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO SEPSI SEVERA E SHOCK SETTICO (Dillinger R.P. et Al. - Surviving Sepsis Campaign: International Guidelines for management of severe sepsis and septic shok: 2008 Intensive Care Medicine 2008) CRITERI DI ACCESSO Tutti i pazienti con sospetta od accertata diagnosi di sepsi severa o shock settico. DEFINIZIONI Infezione Un processo patologico causato dall invasione di fluidi corporei, tessuti o cavità dell organismo, normalmente sterili, da parte di microorganismi (virus, batteri, funghi) patogeni o potenzialmente patogeni. Sepsi Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a manifestazioni infiammatorie sistemiche (1991) e/o a segni di sepsi (2201). Sepsi Severa Sepsi complicata da disfunzione d organo sepsi correlata o da ipotensione o da ipoperfusione tissutale. (La soglia di questa disfunzione varia da uno studio all altro). Sepsi complicata da ipotensione sepsi correlata refrattaria all adeguato riempimento volemico e/o da ipoperfusione tissutale. Shock settico Ipotensione sepsi correlata - PA sistolica < 90 mmhg. - PAM < 60 mmhg. - Riduzione PAS > 40 mmhg rispetto ai valori basali o < di 2 DS al di sotto dei valori normali per l età in assenza di altre cause di ipotensione. Ipoperfusione tissutale sepsi correlata - Shock settico - Lattati > 4 mml./l. - Oliguria (output urinario < 0,5 ml./kg./h.)

2 Il concetto di S.I.R.S. è stato introdotto dall ACCP/SCCM nella Consensus Conference del Una più recente e condivisa revisione del concetto di sepsi (2001) ha mantenuto il concetto di S.I.R.S. ma ne ha esteso i criteri. Tale revisione enumera infatti una serie multipla di potenziali criteri per la diagnosi di sepsi. Sistemic Inflammatory Response Syndrome - S.I.R.S. Due o più delle seguenti: - Temp. Corp. > 38 C o < 36 C - F.C. > 90 bpm. - Iperventilazione (FR > 20) o Alcalosi Respiratoria (PaCO2 < 32 mmhg.). - WBC > o < Neutrofili Immaturi > 10%. Bone R. American College of Chest Physicians/Society of Critical Care Medicine Consensus Conference: definitions for sepsis and organ failure and guidelines for the use of innovative therapies in sepsis. - Crit Care Med. 1992;20: ACCP/SCCM Consensus Conference on Sepsis and Organ Failure (1991) - Chest : Revisione dei Criteri Diagnostici di Sepsi Diagnosi di Infezione, documentata o sospetta, e alcuni dei seguenti: Segni e Sintomi Generali Segni Generali di Infiammazione - Febbre (T centrale > 38,3 C). - Ipotermia (T centrale < 36 C). - Tachicardia (FC > 90 bpm o > di 2SD al di sopra del normale valore per età) - Tachipnea / Alcalosi respiratoria. - Stato Mentale Alterato. - Edema o Bilancio idrico positivo (> 20 ml.kg. nelle 24 h.) - Iperglicemia (> 120 mg.dl. in assenza di diabete. - Leucocitosi (WBC > mmc.). - Leucopenia (WBC < mmc.). - Conta WBC normale con forme immature > 10%. - Plasma C-reactive Protein > 2SD sopra il range di normalità. - Plasma Procalcitonina > 2SD sopra il range di normalità Alterazioni emodinamiche Segni di disfunzione d organo - Ipotensione arteriosa (SBP < 90 mmhg. o MAP < 70 mmhg. o - Ipossiemia arteriosa (P/F < 300) (ALI/ARDS).

3 riduzione della SBP > 40 mmhg. negli adulti o < 2SD al di sotto dei normali valori per età). - C.I. > 3.5 L.min. - Elevata SvO2 (SvO2 > 70%)*. - Riduzione delle resistenze vascolari Sistemiche. - Alterazione della perfusione cutanea. - Riduzione dell output urinario. - Inesplicabile lattacidemia e/o aumento del deficit di basi. *Nel bambino una SvO2 > 70% (v.n %) ed un CI > L.min.m2., sono normali. Pertanto nessuno di questi valori deve essere utilizzato per la diagnosi di sepsi nel neonato o nel bambino. - Inesplicata alterata funzione renale o Acuta oliguria (< 0,5 ml.kg.h.). o Aumento Cretininemia > 0,5 mg.dl. - Anormalità della coagulazione o INR > 1,5 o PTT > 60 sec. - Trombocitopenia (PLTS < mmc.) / CID. - Inesplicata alterazione dei tests di funzionalità epatica (bilirubinemia > 4 mg.dl.) - Alterata motilità gastrointestinale con intolleranza all introito alimentare (Ileo paralitico ed assenza dei rumori intestinali). Variabili di perfusione tissutale Iperlattacidemia (> 4 mmol.l.) Ridotto riempimento capillare o marezzatura della cute. Levy MM, Fink MP, Marshall JC, et Al SCCM/ESICM/ACCP/ATS/SIS: International Sepsis Definitions Conference. Intensive Care Med. (2003) 29: G.R.A.D.E. System (Grade f Recommendation, Assessment, Development and Evaluation) Determinazione della qualità dell evidenza Qualità dell evidenza A = Alta B = Moderata C = Bassa D = Molto bassa Metodologia di Studio A = RCT di alta qualità B = RCT meno accurati o Studi osservazionali di grado molto elevato. C = Studi osservazionali ben condotti.

4 D = Serie di casi o opinioni di esperti. Fattori che possono aumentare la forza dell evidenza 1. Grande magnitudine dell effetto (Evidenza diretta, Rischio Relativo > 2 senza fattori confondenti plausibili). 2. Magnitudine molto elevata dell effetto (Rischio Relativo > 5 senza minacce di validità). 3. Gradiente Dose Risposta. Fattori che possono ridurre la forza dell evidenza 1. Scarsa qualità nella pianificazione ed implementazione dei RCTs disponibili che suggeriscono una elevata possibilità di bias. 2. Risultati inconsistenti (inclusi i problemi derivanti dall analisi dei sottogruppi). 3. Evidenza indiretta (Studi che differiscono per popolazione, tipo e modalità d intervento, gruppi di controllo, outcomes e confronti). 4. Imprecisione dei risultati. 5. Alta probabilità di bias.

5 G.R.A.D.E. System (Grade of Recommendation, Assessment, Development and Evaluation) Fattori che determinano la forza della raccomandazione 1. Forte 2. Debole Fattori presi in considerazione Processo raccomandato Qualità dell evidenza. Importanza relativa degli outcomes. Rischi di base degli outcomes. Magnitudine del Rischio relativo, inclusi i benefici, i danni ed il peso. Magnitudine Assoluta dell effetto. Precisione della stima degli effetti. Costi. Minore è la qualità dell evidenza, minore è la probabilità di una forte raccomandazione. Se i valori o le preferenze degli outcomes variano grandemente, una forte raccomandazione diventa meno probabile. Maggiore il rischio, maggiore la magnitudine dei benefici. Maggiore la riduzione del Rischio Relativo, maggiore la forza della raccomandazione; maggiore l aumento del Rischio Relativo di danno, minore la forza della raccomandazione. Maggiore il rischio assoluto di beneficio o di danno, maggiore o minore, rispettivamente, è la probabilità di una forte raccomandazione. Maggiore la precisione, maggiore la possibilità di una forte raccomandazione. Più è alto il costo del trattamento, meno facile una forte raccomandazione.

6 PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO Trattamento iniziale Entro la 1 ora dalla diagnosi Entro le prime 6 ore dalla diagnosi 1. Prelevi colturali appropriati. 2. Terapia antibiotica empirica a largo spettro. 1. EGDT (Early Gold Directed Therapy) 2. Indagini strumentali e diagnosi rapida della sede sorgente d infezione. 3. Trattamento e controllo tempestivi della sorgente infettiva. Stabilire un accesso vascolare ed iniziare una terapia infusionale aggressiva è la prima priorità del trattamento di tutti i pazienti con sepsi severa e shock settico. Tuttavia, in presenza di sepsi severa o shock settico ogni ora di ritardo nella somministrazione di un antibiotico efficace è associato ad un misurabile incremento della mortalità dei pazienti. (Kumar A. et Al Duration of hypotension prior to initiation of effective antimiocorobyal therapy is the critical determinant of survival in human septic shock Crit. Care Med. 34: ). Trattamenti aggiuntivi 1. Corticosteroidi 2. Recombinant Human Activated Protein (rhapc) 3. Prodotti ematici sostitutivi. Trattamenti di supporto 1. Ventilazione meccanica in caso di ALI/ARDS sepsi correlata. 2. Sedazione, analgesia e bloccanti neuromuscolari nel pz. settico. 3. Controllo della glicemia. 4. Terapia renale sostitutiva. 5. Terapia con bicarbonato 6. Profilassi della Trombosi Venosa Profonda e dell Embolia Polmonare. 7. Profilassi dell ulcera da stress. 8. Decontaminazione selettiva del tratto gastrointestinale. Considerazioni sulla limitazione delle misure di supporto nel paziente settico.

7 TRATTAMENTO INIZIALE Entro la 1a ora Prelievi Colturali Appropriati Raccomandazioni Prelevare campioni colturali appropriati prima della somministrazione di qualsiasi antibiotico, senza ritardare la terapia antibiotica. Colture appropriate, ottenute prima della terapia antibiotica, sono essenziali: per confermare l infezione per identificare il microorganismo responsabile ed il suo specifico antibiogramma. per permettere la de escalation dell antibiotico terapia. La somministrazione della prima dose di antibiotico può provocare, subito dopo poche ore, una rapida sterilizzazione dei campioni ematici. Per ottimizzare l identificazione del germe in causa si raccomandano: Almeno 2 o più campioni di almeno 10 ml. di sangue, di cui almeno 1 percutaneo ed 1 da ogni lume di ogni catetere vascolare posizionato da oltre 48 h. Prelievi per esami colturali, preferibilmente quantitativi, da ogni altra sede appropriata: Urine. Liquor. Ferite. Secrezioni tracheo bronchiali. Ogni altra sede accessibile di sospetta sorgente infettiva. 1C (I campioni devono essere trasportati immediatamente al laboratorio di microbiologia o, se ciò non è possibile, conservati in ghiaccio o in frigorifero)

8 Terapia Antibiotica Raccomandazioni La terapia antibiotica ev deve essere iniziata il più precocemente possibile, entro la prima ora dalla diagnosi di shock settico (1B) e di sepsi severa (1D) (I prelievi colturali appropriati dovrebbero essere eseguiti prima dell inizio della terapia antibiotica, ma ciò non dovrebbe ritardare la pronta somministrazione dell antibiotico terapia) 1B (shock settico) 1D (sepsi severa) 1D La terapia antibiotica iniziale empirica dovrebbe includere la scelta di uno o più farmaci: di dimostrata attività contro il presunto microorganismo (batterio o fungo) responsabile dell infezione. In grado di penetrare in adeguata concentrazione all interno del presunto sito d infezione. Deve tenere conto: Storia del paziente, allergie o tossicità da farmaci, malattie concomitanti e stato immunitario. Patterns di suscettibilità dei patogeni comunitari, delle strutture socio-sanitarie ed ospedaliere. Possibile colonizzazione (e non infezione) nei pazienti con malattie croniche inveterate. Deve essere di spettro abbastanza ampio da coprire tutti i potenziali patogeni, compresi MRSA (se la loro prevalenza è significativa) e le specie di Candida prevalenti (spt. nei pazienti a rischio di candidemia). 1B Il regime antibiotico empirico a largo spettro, deve essere rivalutato giornalmente allo scopo di ottimizzare l attività, prevenire lo sviluppo di resistenze, ridurre la tossicità ed i costi del trattamento. La terapia antibiotica empirica a largo spettro deve essere mantenuta, a pieno dosaggio, fino a quando non si dispone dell isolamento del microorganismo e del suo relativo antibiogramma. Solo in questo momento è possibile avviare una de-escalation allo scopo di ridurre l incidenza di superinfezioni (VRE, Clostridium difficilis, Candida species). 1C Il dosaggio di ogni singolo antibiotico non è sempre di facile determinazione, tenendo conto che il paziente settico ha spesso: Un alterata funzione epatica e renale.

9 Un abnorme Volume di Distribuzione. La monitorizzazione della [C] plasmatica dei singoli farmaci e la consulenza infettivologica possono essere molto utili in ICU. La normale durata del trattamento antibiotico è di circa 7 10 giorni; terapie più prolungate sono necessarie in caso di. Scarsa risposta clinica. Presenza di foci infettivi non aggredibili. Pazienti immunodepressi o neutropenici. 1D Se si riconosce che la causa della sindrome è di origine non infettiva, la terapia antibiotica deve essere interrotta prontamente per minimizzare il rischio di infezione da parte di germi resistenti. di reazioni avverse da farmaci. In caso di sepsi severa e shock settico, le emocolture risultano negative nel 50% circa dei casi, ma molti di questi casi sono probabilmente veri casi di sepsi, causati da batteri o funghi sfuggiti all indagine emocolturale. Pertanto la decisione di proseguire, restringere o interrompere la terapia antibiotica deve essere presa sulla base di un accurato giudizio e su precise informazioni cliniche. Suggerimenti 1D Si suggerisce una Terapia antibiotica empirica a largo spettro combinata, nei pazienti con sepsi severa e shock settico : con sospetta od accertata infezione da Pseudomonas (2D) con neutropenia (2D) 2D Quando usata empiricamente la terapia antibiotica combinata non dovrebbe essere somministrata per più di 3 5 giorni. La de-escalation e la più appropriata monoterapia dovrebbero essere intraprese non appena è noto l antibiogramma. Anche se non esistono studi o metanalisi che abbiano dimostrato in modo convincente che la terapia combinata produca un esito clinico superiore sui singoli patogeni in un particolare gruppo di pazienti, la terapia combinata ha dimostrato, in alcuni modelli sperimentali in vitro, un effetto sinergico contro particolari patogeni, ma questa sinergia è di difficile definizione e previsione in vivo. 2D Nei pazienti neutropenici e/o con sospetta od accertata infezione da Pseudomonas, la terapia combinata potrebbe essere biologicamente plausibile e clinicamente utile, anche se non vi è alcuna dimostrazione

10 evidente di un miglioramento dell outcome del paziente Nei casi di sospetta od accertata infezione da Pseudmonas, l antibioticoterapia combinata potrebbe aumentare la probabilità che almeno un farmaco sia effettivamente attivo contro quel determinato ceppo e che possa, quindi, incidere positivamente sull esito del paziente. TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore EGDT (Early Gold - Directed Therapy) (River s Protocol) Raccomandazioni Il protocollo di River deve essere iniziato non appena viene riconosciuto lo stato di ipoperfusione (ipotensione persistente dopo fluid challenge iniziale o iperlattacidemia > 4 mmol.l.) senza ritardi dovuti ad es. al trasferimento del paziente in ICU. Durante le prime 6 ore, l iniziale trattamento dell ipoperfusione sepsi correlata dovrebbe includere tutti gli obiettivi elencati di seguito, come parte di un unico protocollo di trattamento: CVP 8 12 mmhg. (12 15 mmhg. in MV). MAP > 65 mmhg. Output urinario > 65 mmhg. ScvO2 > 70% o SvO2 > 65%. 1C Lo studio di River (RDT single center study) ha dimostrato un miglioramento del tasso di mortalità a 28 giorni nei pazienti con shock settico sottoposti a trattamento rianimatorio aggressivo che hanno raggiunto tutti gli obiettivi sopra-elencati nelle prime 6 ore dall ingresso nel DE. (River E. et. Al. Early Goal Directed Therapy in the treatment of severe sepsis and septic shock N. Eng. J. Med. 345: ). Molti lavori più recenti supportano la validità del protocollo EGDT di River. CVP target di mmhg. nei pazienti: Ventilati Meccanicamente. Con conosciuta e preesistente riduzione della compliance e/o disfunzione diastolica ventricolare.

11 Con Ipertensione Polmonare significativa. Con aumento della P. addominale. Nonostante le importanti limitazioni sull utilizzo della CVP o di ogni altra pressione di riempimento (PCWP) come surrogato per la guida del riempimento volemico, la misurazione della CVP è ancora, attualmente, la misura più facile da ottenere per guidare la terapia infusionale. Tuttavia potrebbe essere più vantaggioso guidare la terapia infusionale su valori target di flusso o forse su indici volumetrici ed anche sui cambiamenti del microcircolo. La tecnologia esistente permette la misurazione di tali parametri al letto del paziente, ma deve diventare più accessibile e soprattutto la loro utilità deve essere ancora validata. Vi è un generale consenso nel considerare equivalenti le misurazioni intermittenti o continue della ScvO2 e della SvO2: entrambe sono considerate accettabili. Inoltre, sebbene la lattacidemia non sia un parametro preciso come misura dello stato metabolico tissutale, elevati livelli di lattato (> a 4 mmol.l.) nella sepsi, supportano un trattamento rianimatorio aggressivo. Suggerimenti Se durante le prime 6 ore di rianimazione, in caso di sepsi severa o shock settico, i target ScvO2 > 70% e/o SvO2 > 65% non vengono raggiunti, nonostante la terapia infusionale aggressiva con raggiungimento della CVP (e della MAP) target, il protocollo di River prevede: Trasfusione di EC fino ad ottenere un valore di Hct > 30% e/o Somministrazione di dobutamina (max 20 mcg.kg.min.). Sulla base della valutazione clinica al letto del paziente ed alle personali preferenze, una volta raggiunt la CVP e la MAP target con adeguata terapia infusiva, il clinico può decidere o la trasfusione di EC oppure l infusione di dobutamina per aumentare la DO2 ed elevare la ScvO2 o la SvO2 ai valori target. Il lavoro di River non permette di valutare il contributo relativo delle due componenti (aumento del contenuto o della gittata cardiaca) sul miglioramento della sopravvivenza. 2C

12 TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Diagnosi e Controllo della sorgente infettiva. Raccomandazioni La diagnosi della specifica sede anatomica del processo infettivo è indispensabile per il controllo tempestivo dell infezione; ad es., fascite necrotizzante, peritonite diffusa, colangite, infarto intestinale, ecc.. devono essere diagnosticate od escluse il più rapidamente possibile, entro le prime 6 ore dalla diagnosi di sepsi severa e shock settico. 1D La diagnostica per immagini deve essere avviata prontamente allo scopo di confermare la sorgente potenziale di infezione. Alcuni pazienti, anche nelle strutture sanitarie più organizzate e dirette da personale esperto, possono essere così instabili da impedire l esecuzione di alcune procedure invasive o il trasporto al di fuori dell ICU. In questi casi è d obbligo la valutazione del rapporto rischio beneficio e l indagine ecografica al letto del paziente può essere di grande utilità. Campioni colturali devono essere prelevati da ogni sede infettiva identificata ed accessibile. 1C E fortemente raccomandato che tutti i pazienti che si presentano con sepsi severa e shock settico siano valutati per la presenza di un focus infettivo suscettibile di trattamento specifico: ad es. Drenaggio chirurgico di un ascesso addominale, di un empiema toracico, di un artrite settica. Revisione ed asportazione chirurgica di un tessuto necrotico infetto (pielonefrite, colangite, pancreatite necrotica con sovra infezione, mediastinite, infarto intestinale,...) Rimozione di qualsiasi device potenzialmente infetto (catetere vascolare infetto, catetere vescicale, infezione di dispositivo intrauterino infetto, ). Controllo definitivo di qualsiasi sorgente di possibile contaminazione microbiologica (resezione intestinale in caso di diverticolite, colecistectomia in caso di colecistite gangrenosa, amputazione in caso miosite necrotizzante da Clostridium, ). Se l intervento chirurgico definitivo non è possibile o controindicato, il 1C 1D

13 controllo della sorgente infettiva richiede almeno l applicazione di misure meno invasive, come ad es. il drenaggio percutaneo di un ascesso o il drenaggio endoscopico dell albero biliare,.. Se si sospetta l infezione di un device intravascolare, esso deve essere prontamente rimosso dopo aver stabilito un altro nuvo accesso. 1C Suggerimenti In caso di pancreatite, con sovra infezione di tessuto peripancreatico necrotico, il controllo chirurgico definitivo deve essere ritardato fino alla completa demarcazione tra tessuti sani e tessuti necrotici. 2B Un RCT di confronto tra trattamento chirurgico precoce e ritardato in caso di pancreatite necrotizzante, ha dimostrato un outcome migliore nel gruppo trattato tardivamente. Tuttavia, esiste un ampio margine d incertezza su quanto l intervento chirurgico debba essere ritardato in questi casi e, soprattutto, se i risultati di questo studio possano essere applicati anche ai casi di sovrainfezione dei tessuti peripancreatici necrotici. La scelta del metodo ottimale di controllo della sorgente d infezione nei pazienti affetti da sepsi severa o shock settico, deve ponderare molto attentamente il rapporto rischio beneficio legato allo specifico intervento, così come i rischi del trasferimento del paziente in sala operatoria. L intervento chirurgico può causare ulteriori complicazioni come sanguinamento, fistole, o lesioni d organo accidentali. L intervento chirurgico va preso in considerazione quando interventi meno invasivi sono inadeguati, o quando persiste un incertezza diagnostica nonostante le valutazioni radiologiche. Ogni situazione clinica richiede che vengano prese in considerazione: Le scelte disponibili. Le preferenze del paziente. Il parere degli esperti.

14 TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Fluidoterapia Raccomandazioni La terapia infusionale aggressiva può essere eseguita sia con colloidi naturali o artificiali o con cristalloidi. Non vi è alcuna evidenza che supporta la maggiore efficacia di un tipo rispetto all altro: cristalloidi e colloidi devono essere considerati equivalenti. Lo studio SAFE indica che la somministrazione di albumina è egualmente sicura ed efficace della somministrazione di cristalloidi. Si è riscontrata solo una insignificante riduzione del tasso di mortalità con l uso di colloidi all analisi di un sottogruppo di pazienti settici (p 0,09). Precedenti meta-analisi di piccoli studi di pazienti in ICU non hanno dimostrato differenze tra colloidi e cristalloidi. Anche se la somministrazione di hydroxyethyl starch porebbe aumentare il rischio di ARF nei pazienti con sepsi, dati contrastanti precludono raccomandazioni definitive. Poiché il volume di distribuzione è molto più grande per i cristalloidi che per i colloidi, la rianimazione con cristalloidi richiede una maggior quantità di liquidi per ottenere gli stessi end-points emodinamici, ma con il risultato di un maggior edema interstiziale. Inoltre, i cristalloidi sono meno costosi. 1B Anche se la fluidoterapia iniziale ha come obiettivo il raggiungimento di una CVP di almeno 8 mmhg. (12 mmhg. nei pazienti ventilati meccanicamente), è spesso richiesta un ulteriore fluidoterapia. 1C La fluidoterapia iniziale deve essere eseguita con la tecnica del fluid challenge mentre la fluidoterapia di base deve essere continuata per mantenere il miglioramento emodinamico (PA, FC, diuresi). La tecnica del fluid challenge deve essere distinta dalla semplice infusione continua di lquidi; si tratta di una tecnica nella quale una grande quantità di liquidi viene somministrata in un limitato periodo di tempo, con attento monitoraggio per valutare la risposta del paziente ed evitare lo sviluppo di edema polmonare. 1C 1D

15 La tecnica fluid challenge nei pazienti con sospetta ipovolemia deve essere iniziata con almeno 1000 ml. di cristalloidi o ml. di colloidi in circa 30 min. Una velocità d infusione maggiore può essere necessaria nei pazienti con ipoperfusione tissutale sepsi correlata. La velocità d infusione deve essere sostanzialmente ridotta quando le pressioni di riempimento (CVP e/o PCWP) aumentano senza un contemporaneo miglioramento emodinamico. 1D Nei pazienti con sepsi severa e shock settico, il grado di deficit del volume intravascolare è molto variabile, imprevedibile e difficilmente misurabile. La venodilatazione e la permeabilità capillare fanno si che la maggior parte dei pazienti richiedano una fluidoterapia aggressiva continua per almeno le prime 24 ore di trattamento. Durante questo periodo l input è tipicamente maggiore dell output, ed il bilancio input/output non è di nessuna utilità per giudicare la necessità della fluido rianimazione. TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Vasopressori Raccomandazioni La Pressione Arteriosa Media deve essere mantenuta > a 65 mmhg. La somministrazione di vasopressori è richiesta come misura di sostegno vitale per mantenere la pressione di perfusione nei casi di ipotensione grave e minacciosa per la vita, anche quando l ipovolemia non è stata ancora corretta. Al di sotto di certi valori di PAM l autoregolazione, in alcuni distretti vascolari, viene perduta e la perfusione diviene linearmente proporzionale ai valori di pressione. Pertanto alcuni pazienti possono richiedere una terapia con vasopressori per ottenere una minima pressione di perfusione per mantenere un adeguato flusso tissutale. La somministrazione di NA guidata all ottenimento di una PAM di almeno 65 mmhg. ha dimostrato di preservare la perfusione tissutale. In aggiunta, per stabilire la MAP target è necessario prendere in considerazione l eventuale presenza di comorbidità pre-esistenti. Ad es. una MAP di 65 mmhg. potrebbe essere troppo bassa in un 1C

16 paziente con una storia di ipertensione severa incontrollata, mentre una MAP inferiore potrebbe essere adeguata in un giovane normotensivo. E importante correlare la MAP target con altri end-points supplementari che valutano la perfusione globale e regionale, come la [C] sierica del lattato e la diuresi. La fluido-rianimazione è un aspetto fondamentale del management emodinamico dei pazienti con shock settico e dovrebbe idealmente essere ottenuta prima dell uso di vasopressori ed inotropi, ma l uso precoce di vasopressori come misura d emergenza nei pazienti con shock settico severo è frequentemente necessario. Quando ciò capita, un grande sforzo deve essere diretto verso un rapido svezzamento dai vasopressori mantenendo il supporto fluido terapico. La NA e la DOPA rappresentano i vasopressori di prima scelta per correggere l ipotensione in caso di shock settico (da somministratre attraverso un Catetere Venoso Centrale non appena disponibile). La DOPA aumenta la MAP e la gittata cardiaca, principalmente attraverso un aumento dello stroke volume e della frequenza cardiaca. La NA aumenta la MAP attraverso i suoi effetti vasocostrittivi, con piccoli cambiamenti della frequenza cardiaca e minore incremento dello stroke volume rispetto alla DOPA. La NA è più potente della DOPA e può essere più efficace nel trattamento dell ipotensione in caso di shock settico. La DOPA può essere particolarmente utile nei pazienti con compromissione della funzione sistolica ventricolare ma causa maggiore tachicardia e può essere maggiormente aritmogena. Inoltre la DOPA influenza anche la risposta endocrina dell asse ipotalamo ipofisario e possiede effetti immunosoppressivi. 1C Non esiste una principale evidenza di alta qualità, tale da raccomandare una catecolamina rispetto ad un altra. Esiste molta letteratura contrastante sugli effetti della scelta di vasopressori o vasopressori inotropi nel trattamento dello shock settico. Studi umani ed animali suggeriscono alcuni vantaggi della NA e della DOPA sull adrenalina (per la potenziale tachicardia e per gli effetti svantaggiosi sulla circolazione splancnica e per l iperlattacidemia) e sulla fenilefrina (diminuzione dello stoke volume). Non esiste del resto nessuna evidenza che l uso dell adrenalina risulti in un outcome peggiore, e dovrebbe essere la prima scelta in alternativa alla NA e alla DOPA. La fenilefrina è l agente adrenergico che produce minori effetti tachicardizzanti, ma come agente vasopressore puro potrebbe determinare una diminuzione dello stroke volume. Basse dosi di DOPA non devono essere usate per la protezione renale. 1A

17 Un ampio RCT e diverse meta analisi che hanno confrontato basse dosi di DOPA con placebo non hanno dimostrato alcuna differenza, né degli outcomes primari (picco serico di creatinina, necessità di terapia renale sostitutiva, diuresi, tempo di recupero della funzionalità renale), né degli outcomes secondari (sopravvivenza, dimissione dalla T.I. od ospedaliera, durata della permanenza in ICU o della degenza ospedaliera, e dell incidenza di aritmie). Pertanto, i dati disponibili non supportano la somministrazione di basse dosi di DOPA allo scopo di mantenere la funzione renale. Tutti i pazienti che richiedono l impiego di vasopressori dovrebbero essere monitorizzati con una linea arteriosa non appena possibile e se le risorse disponibili lo permettono. Negli stati di shock la misurazione non invasiva della PA è comunemente inaccurata; l uso di una cannula arteriosa consente una più appropriata e riproducibile misurazione della PA. Permette inoltre una misurazione in continuo della PA, così che le decisioni terapeutiche possono essere basate sul valore immediato e riproducibile di PA. 1D Suggerimenti Epinefrina, fenilefrina e vasopressina non dovrebbero essere somministrate come farmaci di prima scelta nel trattamento dello shock settico. La vasopressina (0,03 U./min.) può essere successivamente aggiunta alla NA, prevedendo comunque un effetto equivalente alla NA da sola. In caso di shock settico, sono stati riportati livelli sierici di vasopressina più bassi di quanto previsto per uno stato di shock. Alcuni studi mostrano che le [C] di vasopressina risultano elevate nelle fasi precoci dello shock settico, ma persistendo lo stato di shock, le [C] di vasopressina, nella maggioranza dei pazienti, tra le 24 e 48 ore, diminuiscono fino al range di normalità. Ciò è stato definito deficienza relativa di vasopressina : infatti, in presenza di ipotensione ci aspetteremmo elevati valori di vasopressina. Ma il significato di tale deficienza relativa è sconosciuto. 2C Basse dosi di vasopressina possono essere efficaci nell aumentare la PA nei pazienti con ipotensione refrattaria agli altri vasopressori, e possono avere altri benefici effetti fisiologici. La terlipressina ha effetti simili alla vasopressina ma possiede una lunga durata d azione. Il recente studio VASST, randomizzato - controllato, non ha dimostrato

18 alcuna differenza di outcome nel confronto tra i gruppi trattati con sola NA e quelli che ricevevano NA e Vasopressina. Un analisi a priori di un ben definito sottogruppo ha mostrato che la sopravvivenza dei pazienti che, al momento della randomizzazione, ricevevano una dose di NA < di 15 mcg. min. era migliore con la vasopressina. Tuttavia bisogna sottolineare che il razionale pre trial di questo studio era volto ad esplorare i potenziali benefici nei pazienti che richiedevano dosi di NA > a 15 mcg.min. Elevate dosi di vasopressina sono state associate ad ischemia cardiaca, digitale e splancnica; esse dovrebbero essere riservate a quelle situazioni nelle quali gli altri vasopressori hanno fallito. L adrenalina è l agente alternativo di prima scelta nei casi di shock settico scarsamente responsivo alla NA e alla DOPA. 2B TRATTAMENTO INIZIALE Entro le prime 6 ore Inotropi Raccomandazioni L infusione di dobutamina deve essere presa in considerazione in presenza di disfunzione miocardica come suggerito dalle elevate pressioni di riempimento associate ad una bassa gittata cardiaca. La dobutamina è l inotropo di prima scelta per i pazienti con misurata o sospetta bassa gittata cardiaca in presenza di pressioni di riempimento ventricolare adeguate (o di valutazione clinica di adeguato riempimento volemico) e di adeguata MAP. I pazienti settici che rimangono ipotesi dopo adeguata rianimazione volemica possono avere una gittata cardiaca ridotta, normale o elevata. Il trattamento con una combinazione di inotropi e vasopressori come NA e DOPA è raccomandato se la gittatta cardiaca non è misurata. Quando è possibile tale misurazione, in aggiunta a quella della PA, un vasopressore come la NA può essere separatamente per raggiungere specifici target di MAP e di gittata cardiaca. 1C La strategia di aumentare l indice cardiaco a valori predeterminati sopranormali non è raccomandabile. 1B

19 Due ampi prospettici clinical trials che includevano pazienti critici ricoverati in ICU con sepsi severa, hanno fallito nel dimostrare benefici dall incremento della DO2 verso valori sopranormali con l uso di dobutamina. Questi studi non avevano come target specifico i pazienti affetti da sepsi severa e nemmeno le prime 6 ore di rianimazione; le prime 6 ore di rianimazione dell ipoperfusione sepsi correlata necessitano di un trattamento separato da quello degli ultimi stadi della sepsi severa. TRATTAMENTO AGGIUNTIVO Corticosteroidi Raccomandazioni Dosi di corticosteroidi comparabili con dosi di idrocortisone > di 300 mg.die, non devono essere usate in caso di sepsi severa o shock settico allo scopo di trattare lo shock settico. Due RCT e diverse meta analisi concludono che per la terapia della sepsi severa e dello shock settico, alte dosi di corticosteroidi risulatano inefficaci o addirittura dannose. Alte dosi di corticosteroidi possono essere impiegate solo in presenza di patologie mediche che lo richiedano. 1A I corticosteroidi non dovrebbero essere somministrati nel trattamento della sepsi in assenza di shock. Non vi sono tuttavia controindicazioni a proseguire una terapia corticosteroidea in corso o all utilizzo di dose stress di steroidi nei pazienti con insufficienza corticosurrenale. Non esistono studi specificamente mirati ai pazienti con sepsi severa in assenza di shock che offrano supporto all uso di dose stress di steroidi in questa popolazione di pazienti. Gli steroidi possono essere indicati in presenza di una storia di terapia steroidea in corso nel periodo precedente la sepsi o di documentata disfunzione surrenalica. Un recente studio preliminare sull utilizzo di dose stress di steroidi in pazienti affetti da polmonite comunitaria fornisce risultati incoraggianti ma necessita di ulteriore conferma. 1D

20 Suggerimenti La somministrazione ev di idrocortisone deve essere presa in considerazione solo negli adulti affetti da shock settico che rimangono ipotensivi o poco responsivi alla fluido rianimazione e alla terapia con vasopressori. I corticosteroidi non devono essere utilizzati nei pazienti con shock settico responsivi alla fluidoterapia e ai vasopressori. Lo studio di Annane, uno studio francese RCT multicentrico, condotto su pazienti con shock settico non responsivo alla fluido rianimazione e alla terapia con vasopressori, ha dimostrato un significativo miglioramento dello stato di shock ed una riduzione del tasso di mortalità nei pazienti con Insufficienza Surrenalica Relativa (definita come aumento della cortisolemia < a 9 mcg./100 ml. dopo test di stimolazione con ACTH). Anche due più piccoli RCTs addizionali hanno dimostrato effetti significativi sulla reversibilità dello shock con la terapia steroidea. Tuttavia un recente ed ampio studio multicentrico europeo (CORTICUS) non ha dimostrato alcun beneficio in termini di mortalità della terapia steroidea in caso di shock settico. Ha però dimostrato una più rapida risoluzione dello shock settico nei pazienti che hanno ricevuto steroidi. Inoltre, l uso del test di stimolazione con ACTH (responders e nonresponders) non ha dimostrato la capacità di identificare i pazienti con la più rapida risposta dello stato di shock. 2C Esiste un importante differenza tra lo studio francese di Annane ed il CORTICUS: lo studio di Annane ha reclutato soltanto i pazienti con shock settico con ipotensione non responsiva alla terapia con vasopressori, mentre il CORTICUS include pazienti con shock settico, senza riguardo della risposta alla terapia con vasopressori. Anche se i corticosteroidi appaiono promuovere una rapida risposta in alcuni pazienti con shock settico, la mancanza di un chiaro miglioramento della mortalità, insieme ad un aumentato rischio di infezione e di miopatia, ha temperato l entusiasmo per la grande diffusione del loro uso. Pertanto, c è stato un grande accordo sull abbassamento del grado di raccomandazione sull uso dei corticosteroidi rispetto alle linee guida precedenti. Il test di stimolazione con ACTH non è più utilizzato per identificare il sottogruppo di adulti con shock settico che dovrebbero ricevere corticosteroidi. Lo studio di Annane suggerisce che coloro che non rispondono al test di stimolazione con ACTH (aumento del cortisolo < 9 mcg.dl min. dopo test di stimolazione con ACTH) erano più soggetti al 2B

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli