LISTA DI DISTRIBUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTA DI DISTRIBUZIONE"

Transcript

1

2 LISTA DI DISTRIBUZIONE Descrizione Direttore Sanitario Aziendale Direttore Sanitario di Presidio Ospedaliero (D.S.P.O.) Direttore Staff Direzione Sanitaria Dirigente delle Professioni Sanitarie Area Infermieristica Dirigente delle Professioni Sanitarie Area Ostetrica Dirigente della Professioni Area della Riabilitazione Dirigente U.O. Professionale Tecnici di Radiologia Dirigente U.O. Professionale Tecnici di Laboratorio Responsabile U.F. Gestione del Rischio Direttori Aree Funzionali del Presidio Ospedaliero P.O. Infermieristiche del Presidio Ospedaliero Direttori UU.OO. del Presidio Ospedaliero Direttore Dipartimento Emergenza Urgenza Responsabile U.F. 118 Direttore Emergenza Accettazione Responsabili Sezioni del Presidio Ospedaliero Coordinatori Infermieristici UU.OO. e Sezioni del Presidio Ospedaliero Team multidisciplinare del PDTA U.O. Sistema Qualità e Relazioni Esterne L originale del presente documento è depositato presso U.F. Ricerca Clinica e Innovazione Il presente documento è diffuso a tutti su intranet (link: PDTA) e attraverso il programma White Paper visibile attraverso Intranet aziendale Gruppo di lavoro: Bettocchi Daniela Anestesia e Rianimazione (Referente Medico) Bettazzi Beatrice Anestesia e Rianimazione (Referente Infermieristico) Aquilini Donatella (Malattie Infettive) Degli Innocenti Roberto (Sezione Microbiologia U.O. Analisi Chimico Cliniche) Giaconi Gianfranco (Chirurgia Generale) Lai Franco (Emergenza ed Accettazione) Pizza Bartolomeo (U.O. Radiologia) Forte Giovanna (Week Surgery) Gori Stefano (DEU) Danesi Paolo (Dialisi Nefrologia) Luciani Daniela (Malattie Infettive) Colella M.Rosaria (Oncologia) Crispino Francesca (Medicina 1 ). Generalità 2/17

3 L osservazione delle raccomandazioni si configura come indicazione e non è necessariamente obbligatoria in quanto le stesse non rappresentano le uniche opzioni disponibili. I redattori del presente documento riconoscono l importanza del giudizio del singolo professionista nell inquadramento e trattamento (clinico/assistenziale) di ciascuna situazione specifica in relazione anche alle necessità individuali dei pazienti e delle nuove acquisizioni culturali. Il presente documento verrà revisionato ogni volta che intervengano sostanziali modifiche organizzative o eventuali variazioni nella normativa cogente o di altri documenti ufficiali presi a riferimento e comunque entro 3 anni dalla data di applicazione. Generalità 3/17

4 SOMMARIO 1. Generalità Riferimenti Definizioni / Abbreviazioni Premessa Percorso Assistenziale Il diagramma di flusso del percorso Gestione precoce del paziente con sepsi grave e shock settico in ogni Setting Identificazione del paziente con sepsi grave shock settico Management primario: fasi A+B+C Management primario : fasi A+B+C Registrazioni e Allegati...17 Generalità 4/17

5 1. GENERALITÀ Proposito-Obiettivo Generale-Obiettivi Specifici- Indicatori -Campo di applicazione- Applicazione Proposito Obiettivo Generale Obiettivi Specifici Indicatore di processo Campo di applicazione Applicazione Il presente documento ha lo scopo di tracciare il PDTA uno strumento di riferimento, articolato in un percorso integrato, condiviso e contestualizzato, anche ai fini della qualità e della sicurezza per la presa in carico clinicoassistenziale del paziente adulto; in esso si riportano gli aspetti organizzativi e gestionali, nonché gli elementi di riferimento sotto forma di protocolli, linee guida e buone pratiche cliniche. Particolarità In particolare il presente documento ha la funzione di sensibilizzare l' importanza della tempestività dell' intervento degli operatori. Offrire un percorso integrato di qualità e di sicurezza per la presa in carico assistenziale di una determinata tipologia di pazienti, in coerenza con le linee guida basate su prove di efficacia disponibili. Migliorare i tempi di attesa dell appropriato iter diagnostico-terapeutico, fissando degli standard aziendali nel rispetto delle linee Guida Internazionali. Ottimizzare e monitorare i livelli di qualità delle cure prestate, attraverso l identificazione di indicatori di processo e di esito e la messa a punto di un sistema di raccolta e analisi dei dati. N. di pazienti con Sepsi Grave e/o Shock Settico entrati nel PDTA/N. di pazienti con Sepsi Grave e/o Shock Settico - DRG Shock Settico. Il presente documento rappresenta un percorso assistenziale da applicare ai soggetti con segni e sintomi di infezione, con sepsi grave e/o shock settico, che accedono in questo Presidio Ospedaliero, e indirizzato a tutte le professioni coinvolte nella diagnosi, trattamento e assistenza, in ogni specifico setting. Tale percorso dà l'avvio ad una serie di azioni e procedure a carico del personale medico ed infermieristico che operi nel setting di partenza costituendo al momento il Team sepsi funzionale al caso, che conduca alla attivazione rapida di una consulenza multi-specialistica. Il team sepsi provvede alla gestione del paziente con sepsi e all'eventuale trasferimento in ambiente intensivo,qualora indicato. STRUMENTI DI VALUTAZIONE - Sistema di monitoraggio sul livello di applicazione/applicabilità del PDTA nei vari setting nel periodo di riferimento. - Incontri (briefing periodici, audit, mortality e morbidity, etc) tra i referenti del PDTA ed il rispettivo gruppo professionale per l esame dei risultati e delle criticità emerse. I referenti del PDTA effettueranno periodicamente la revisione del presente documento alla luce dei risultati e di eventuali nuovi bisogni. Generalità 5/17

6 2. RIFERIMENTI DGRT 10/R 22/03/2012 Modifiche al decreto del Presidente della Giunta regionale 24 dicembre 2010, n. 61/R (Regolamento di attuazione della legge regionale 5 agosto 2009, n. 51) in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie. Riferimenti intranet Gestione del Rischio Clinico. Protocollo Assistenziale Inserimento e gestione del Catetere Venoso Centrale codice aziendale: 01337PTC01. Protocollo Assistenziale Gestione infermieristica dei Cateteri Venosi Centrali negli adulti codice aziendale: 01150PTC09. Protocollo Assistenziale Prelievo di emocoltura da CVC e da vena periferica codice aziendale 01106PTC04. Procedura Specifica Gestione chemioprofilassi dell infezione meningococcica nel personale sanitario ospedaliero codice aziendale 01150PRS10. Riferimenti bibliografici: 1. Levy MM et al.: 2001 SCCM/ESICM/ACCP/ATA/SIS international Sepsis Definition Conference,CCM 2003;31: a.Dellinger RP et Al. - Crit Care Med 2004; 32: Dellinger RP. Crit Care Med 2003;31: Sackett DL. Chest 1989;95:2S-4S 4. Sprung CL, Bernard GR, Dellinger RP. - Intensive Care Medicine 2001; 27(Suppl):S1-S2 5. Rivers E, et al. N Engl J Med 2001;345: LeDoux D, et al. Crit Care Med 2000;28: Choi PTL. Crit Care Med 1999;27: Cook D. Ann Intern Med 2001;135: Schierhout G. BMJ 1998;316: N Engl J Med 2004;350: Bellomo R, et al. Lancet 2000;36: Yu M, et al. Crit Care Med 1993;21: Am J Respir Crit Care Med 2004;170: Hayes MA, et al. N Engl.J Med 1994;330: Gattinoni L, et al. N Engl.J Med 1995;333: Hebert PC, et al. N Engl J Med 1999; 340: Warren BL. JAMA 2001;286: Cooper, et al. Ann Intern Med 1990; 112: Mathieu, et al. CCM 1991; 19: Annane D, et al. Lancet 2005; 365: Dellinger RP Levy MM et Al : Surviving Sepsis Campaign : international guidelines for management of severe sepsis and septic shock: a. DellingerRP, Levy MM et Al.: Surviing Sepsis Campaign:international Guidelines for management of severe sepsis and septic shock: C2008. Crit Care Med. Jan 2008;36(1): Riferimenti 6/17

7 27. Crit Care Med. Nov 2004;32(11 Suppl):S Lancet Infect Dis. Mar 2008;8(3): Infect Dis Clin North Am. Sep 2009;23(3): Crit Care Med. Feb 2013;41(2): Diagnosi Infermieristiche. Applicazione alla pratica clinica. Lynda Juall Carpenito-Moyet. Casa Editrice Ambrosiana Principi fondamentali dell assistenza infermieristica. R.F. Craven e C.J. Hirnle, Casa Editrice Ambrosiana, Classificazione NIC degli interventi infermieristici, di J. McCloskey Dochterman e G. Bulechek, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, Classificazione NOC dei risultati infermieristici, di Moorhead S., Johnson M., Meridean M., Casa Editrice Ambrosiana, Milano, DEFINIZIONI / ABBREVIAZIONI Nel 1992, la American College of Chest Physicians and Society of Critical Care Medicine Consensus Conference ha definito la sepsi come la presenza,anche solo presunta, di una infezione accompagnata dall'evidenza di una risposta infiammatoria sistemica dell'ospite alla infezione deleteria. Essa può condurre alla sepsi grave e allo shock settico. Si deve sottolineare che le attuali definizioni di sepsi, sepsi grave e shock settico sono QUADRI CLINICI FONDAMENTALI semplici e immodificati nella letteratura degli ultimi dieci anni. La stratificazione dei pazienti per quadri clinici permette di riconoscere la gravità della patologia in atto e quindi la probabilità di sopravvivenza per ciascun stadio, inoltre permette di selezionare le terapie più indicate per ciascun quadro clinico. Le attuali definizioni però non permettono una previsione e stadiazione precisa della risposta dell'ospite all'infezione. INFEZIONE Processo patologico legato ad una risposta infiammatoria causata dall'invasione di microorganismi patogeni di tessuti o di fluidi o di cavità corporee dell'ospite normalmente sterili. SEPSI I criteri diagnostici per Sepsi sono la presenza di 2 o più segni e sintomi di infiammazione (SIRS) associati ad un focolaio di infezione documentato o presunto. Definizioni / Abbreviazioni 7/17

8 Variabili generali Temperatura >38 C o < 36 C Frequenza Cardiaca > 90/min Frequenza Respiratoria > 20 atti/minuto o PaCO2 < 32 mmhg Alterazione dello stato mentale Edema significativo o bilancio idrico positivo > 20 ml/kg 24 ore. Iperglicemia glucosio plasmatico > 140 mg/dl in assenza di diabete Variabili Infiammatorie Leucociti > /mmc o < 4000/mmc o > 10% di forme immature Proteina C plasmatica due volte il valore normale Procalcitonina plasmatica due volte il valore normale Variabili emodinamiche Ipotensione arteriosa PAS < 90 mmhg MAP < 70 mmhg o decremento > 40 mmhg o inferiore di due volte il valore normale Variabili di disfunzione d'organo Variabili di perfusione tissutale Ipossiemia (PaO2/ FiO2 < 300) Diuresi oraria < 0,5 ml Kg/h per più di 2 ore Creatinina plasmatica > 2 mg/dl Anomalie emocoagulative (INR > 1,5 o aptt > 60 secondi) Piastrinopenia PLT < microlitri Ileo (assenza di peristalsi) Iperbilirubinemia (bilirubina < 2 mg / dl) Iperlattacidemia (>1 mmol/l - 9 mg/ dl) Diminuito refill capillare SEPSI GRAVE definita come la presenza di sepsi associata a una o più disfunzione di organo sepsi-correlata. SHOCK SETTICO Sepsi grave complicata da ipoperfusione tissutale e ipotensione (PAS < 90 mmhg o PAM < 60 mmhg) refrattaria al carico di liquidi e che richiede l'impiego di amine vasoattive. E' importante comunque sottolineare che molti segni clinici della risposta infiammatoria sistemica e quindi la definizione di sepsi si potrebbero applicare ad una varietà di insulti clinici gravi e aspecifici es. sindromi benigne o infezioni in via di risoluzione, oppure a condizioni non infezione-correlate.(es. traumi, interventi chirurgici, infarto miocardico, pancreatite acuta, neoplasie). T.I : terapia intensiva struttura organizzativa all interno dell Anestesia e Rianimazione. CVC = Catetere Venoso Centrale. Definizioni / Abbreviazioni 8/17

9 4. PREMESSA La sepsi rappresenta una delle cause più frequenti di ricovero in terapia intensiva e di morte tra la popolazione adulta nei paesi occidentali. In Italia, i dati provenienti dal Progetto Margherita del Gruppo di Valutazione degli Interventi in Terapia Intensiva (GIVITI), indicano che l'incidenza di sepsi grave e shock settico nelle Terapie Intensive italiane è rispettivamente del 2,8% e del 6% con una mortalità intraospedaliera del 60% dei pazienti in shock settico. Pertanto una sempre maggiore attenzione è stata posta sul management acuto della sepsi grave e dello shock settico, condizioni che rappresentano l'end-stage del deterioramento sistemico di infezioni gravi. Similmente a quanto osservato in altre patologie (politrauma, infarto miocardico, ictus cerebrale) la velocità e l'appropriatezza delle terapie messe in atto nelle ore iniziali dopo la diagnosi, influenza in modo determinante l'outcome. Trials clinici hanno infatti identificato nuovi approcci metodologici che, quando applicati prontamente, sembrano ridurre la mortalità e molti degli interventi proposti si riferiscono a terapie che vanno oltre agli antibiotici, dirette alla rianimazione emodinamica o indirizzate agli effetti avversi della cascata infiammatoria. In pratica molte organizzazioni professionali di malattie infettive hanno pubblicato linee guida che si concentrano sul trattamento antibiotico di condizioni cliniche come le polmoniti, le infezioni del tratto urinario e le infezioni della cute e tessuti molli, ma non hanno pubblicato linee guida che si indirizzassero primariamente verso la sepsi grave e lo shock settico, condizioni queste che, nonostante il notevole sviluppo della ricerca e della tecnologia rappresentano tuttora una delle principali cause di morte nei reparti di terapia intensiva. Le maggiori Società scientifiche internazionali di cure intensive (International Sepsis Forum, European Society of Intensive Care Medicine, Society of Critical Care Medicine) nel 2002 a Barcellona hanno dato il via ad un progetto internazionale denominato Surviving Sepsis Campaign (SSC) con l'obiettivo di ridurre la mortalità dei pazienti con sepsi del 25% in cinque anni. Dopo la pubblicazione delle linee guida basate sull'evidenza nel 2004 (aggiornate nell'anno 2008 e 2012), la SSC è così entrata nella terza fase che prevede la implementazione delle linee guida nelle diversa realtà locali. Questo rappresenta il riferimento essenziale e costituisce il nostro punto di partenza così come la conoscenza della situazione attuale nella nostra realtà ospedaliera. Nell'anno 2011 infatti l'analisi dei dati definitivi pubblicati dal GIVITI relativi all anno 2010 e riferiti al nostro centro di rianimazione ha rilevato il seguente quadro vedi tabella sotto. GIVITI Totali Pazienti infetti alla ammissione in Terapia Intensiva anno ,3 % Totale Ammessi Gravità dell'infezione alla ammissione Infezione con o senza SIRS 49 47,6 % Sepsi grave 39 37,9 % Shock Settico 15 14,6 % Mortalità 29 28,2 % Premessa 9/17

10 5. PERCORSO ASSISTENZIALE CHI TRATTARE Criteri d ingresso: entrano nel presente PDTA i pazienti che presentano una INFEZIONE certa sospetta + 2 o più segni di SIRS o che mostrino segni di SEPSI GRAVE o SHOCK SETTICO. Criteri di esclusione: criteri di inappropriatezza di ricovero in Terapia Intensiva quali quelli indicati nelle Linee Guida Internazionali. CHI TRATTA La cura effettiva dei pazienti con sepsi grave richiede l' intervento di molte figure professionali. Il percorso può iniziare in DEA o in qualsiasi reparto presso il Presidio Ospedaliero dove Medici e Infermieri identificano i pazienti appropriati e ne valutano la gravità (Team Medico + NURSE). Trovandosi ad es. il paziente con segni di sospetta sepsi già in regime di ricovero in vario setting (medicina generale, chirurgia generale o specialistica) l identificazione dello stato settico e l'iniziale trattamento spetterà alle equipe Mediche ed infermieristiche pertinenti. In qualsivoglia setting comunque il Medico rappresenta un link fondamentale con la Terapia Intensiva, si farà obbligo di allertare per tempo il medico rianimatore e presterà la propria collaborazione nella gestione del caso. Una volta che il paziente viene trasferito in T.I. è il medico coordinatore o il medico di guardia della terapia intensiva, coadiuvato dal personale infermieristico, che gestiscono integralmente il paziente (vedi diagramma di flusso). L infermiere esegue: 1. l enunciazione delle diagnosi infermieristiche e l attuazione del piano assistenziale (Allegato 1 Piano assistenziale infermieristico) 2. il monitoraggio dei segni e dei sintomi di complicanze potenziali (problemi collaborativi) correlate al quadro clinico, alla terapia e agli accertamenti diagnostici 3. la valutazione dei risultati attesi 4. la compilazione della cartella infermieristica fin dalla presa in carico consentirà di individuare precocemente eventuali elementi che caratterizzano una dimissione difficile. 5. la compilazione della scheda di continuità assistenziale PDTA cod. az MOD02 che segue il paziente sia in caso di ospedalizzazione che in caso di dimissione con necessità di continuità assistenziale. Percorso Assistenziale 10/17

11 6. IL DIAGRAMMA DI FLUSSO DEL PERCORSO Diagramma Generale del PDTA Team MEDICO DEA + NURSE Team MEDICO SETTING + NURSE - DATI ANAGRAFICI -ANAMNESI ACCURATA -PARAMETRI VITALI -PARAMETRI CLINICI IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE MANAGEMENT PRIMARIO STABILIZZAZIONE ALLERTAMENTO RIANIMATORE RICERCA SORGENTE INFEZIONE RICOVERO IN TERAPIA INTENSIVA Il diagramma di flusso del percorso 11/17

12 7. GESTIONE PRECOCE DEL PAZIENTE CON SEPSI GRAVE E SHOCK SETTICO IN OGNI SETTING ALLERTA RIANIMATORE 1. OSSIGENAZIONE se SpO2 < 90 mmhg PaO2 < 60 mmhg Ventimask FiO % Intubazione OT 2. VOLEMIA se PAM < 90 mmhg diuresi < 0,5 ml/kg/h Bolo cristalloidi 500 ml in 30 da ripetere fino a PAM >70mmHg o PVC >=8 3. METABOLISMO EGA venosa da CVC Se SvO2 < 70 % Infondere EC fino a Htc> 30% EMOCOLTURE 2 set da vena periferica e da CVC (se in situ da > 48 ore) Altri prelievi colturali in base alla clinica rachicentesi urinocoltura coprocoltura escreato o tracheoaspirato liquido pleurico/peritoneale DIAGNOSTICA per IMMAGINI:TC IDENTIFICAZIONE del PZ con SEPSI GRAVE - SHOCK SETTICO MANAGEMENT PRIMARIO Fasi A+B+C FASE A RIANIMAZIONE da completare in 6 ore! OBIETTIVI -Pressione venosa centrale PVC 8-12 mmhg -Pressione arteriosa media PAM >65 mmhg -Diuresi >0,5 ml /Kg/h -Sat. venosa centrale SvO2 > 70% FASE B DIAGNOSI SEPSI SEPSI GRAVE SHOCK SETTICO INFEZIONE certa o sospetta SIRS Almeno 2: Temperatura > 38 C o < 36 C Frequenza cardiaca > 90 btm Frequenza respir.> 20 atti min. Globuli bianchi > o < 4000 DISFUNZIONE D ORGANO Almeno 1: SNC: sopore, agitazione RESP: PaO2 < 60 mmhg PaO2/FiO2 < 250 mmhg CIRCOL.: PAM< 70 mmhg COAG.: Plt < RENE: diuresi < 0,5 ml/kg/h Creat. > 50% basale FEGATO: bilirubina > 2,0 mg/dl METAB.: lattacidemia > 18 mg/dl IPOTENSIONE PAM < 70 mmhg: -non responsiva al riempimento volemico (30 ml/ kg fino a PVC = 8 mmhg) -PA mantenuta con amine (es. dopamina 5 mcg Kg min o noradrenalina) SCELTA dell ANTIBIOTICO TIPO e DOSE in base al /alle: - patogeno sospetto - sito di infezione - patologie concomitanti FASE C TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA Entro 1 ora Gestione precoce del paziente con sepsi grave e shock settico in ogni Setting 12/17

13 7.1. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE CON SEPSI GRAVE SHOCK SETTICO Team MEDICO DEA + NURSE, Team MEDICO UNITA OPERATIVA + NURSE: Identificazione del paziente certamente infetto o sospetto ed inizio del monitoraggio: 1. monitoraggio ossigenazione 2. monitoraggio pressione 3. monitoraggio perfusione. 4. Rapida allerta del Rianimatore ed inizio della fase A MANAGEMENT PRIMARIO: FASI A+B+C Team MEDICO DEA + NURSE, Team MEDICO UNITA OPERATIVA + NURSE Una volta identificato un paziente devono essere messe in atto le seguenti azioni nel più breve tempo possibile: 1) reperimento di accessi venosi adeguati: due vene periferiche (ago-cannula non < 16G) o vena centrale (vedi riferimenti). 2) prelievi microbiologici come segue: 2 set di emocoltura (uno ogni 30 minuti) da vena periferica e /o centrale (se cvc presente da > 48 ore) per germi aerobi, anaerobi e miceti. urine, secrezioni bronchiali,altri liquidi biologici sospetti (es. ferite,drenaggi,ecc..) di liquor in caso di sospetta meningite. 3) Invio del materiale colturale prelevato come sopra al Laboratorio Analisi Settore Urgenze aperto H24. 4) Avvio di una rapida rianimazione iniziale possibilmente entro 6 ore dalla comparsa dei sintomi applicando le seguenti manovre: ossigenoterapia e/ o intubazione precoce (PaO2/FiO2) e monitoraggio EGA fluidoterapia aggressiva con cristalloidi e colloidi (30 ml /Kg) monitoraggio diuresi (0,5 ml / Kg / ora) monitoraggio pressione arteriosa media e uso di amina vasoattiva se MAP <= 65 mm Hg 5) Inizio antibiotico terapia empirica entro 1 ora o comunque il prima possibile dalla diagnosi clinica. Il medico nella scelta della terapia antibiotica empirica deve considerare: il setting comunitario o correlato ai luoghi di cura la sede presunta di partenza della sepsi gli eventuali ricoveri recenti gli eventuali precedenti isolamenti di germi e il loro pattern di resistenza le eventuali terapie antibiotiche precedenti e/o in corso le eventuali malattie di base associate. In assenza di ulteriori considerazioni la terapia empirica deve prevedere antibiotici attivi contro batteri Gram positivi e negativi (Vancomicina e Meropenem o Piperacillina + Tazobactam). Il precoce allertamento e il conseguente intervento del medico rianimatore non può che avere effetti positivi nel partecipare alla stabilizzazione del paziente e nella condivisione delle successive scelte operative, ovvero la FASE B e C che riguardano la esecuzione delle metodiche diagnostiche e l'eventuale misura chirurgica se ritenuta necessaria, oppure il tempestivo ricovero in terapia intensiva per un monitoraggio avanzato delle funzioni vitali. Gestione precoce del paziente con sepsi grave e shock settico in ogni Setting 13/17

14 8. MANAGEMENT PRIMARIO : FASI A+B+C FASE A da completare in 6 ore! RAPIDA RIANIMAZIONE INIZIALE O2TERAPIA IOT GOAL PaO2/FiO2>=300 Monitor Diuresi GOAL 0,5 ml/kg-1/h CHALLENGE di FLUIDI (30 ML/KG) Cristalloidi e colloidi GOAL CVP 8-12 mmhg MAP Monitoraggio GOAL >=65 MAP< = 65 mm Hg TITOLARE VASOPRESSORE DOPAMINA NORADRENALINA MAP > =65 mm Hg ScvO2 Htc Fase A. Rianimazione iniziale Questo protocollo deve essere iniziato appena siano identificati segni di ipoperfusione poiché le misure finalizzate a migliorare la perfusione tissutale e d organo sono più efficaci quando applicate precocemente ; pertanto non deve essere ritardato in attesa di una ammissione in TI. Durante le prime 6 ore i goals da raggiungere dalla rianimazione iniziale devono includere tutti i punti seguenti : a) CVP 8-12 mmhg b) MAP > 65 mhg c) Diuresi > 0,5 ml/kg/h d) Saturazione vena cava superiore ScvO2 70% e) Normalizzazione Lattati serici. Management primario : fasi A+B+C 14/17

15 FASE B Diagnosi Sepsi sospetta Posizionare Catetere venoso centrale o 2 accessi venosi periferici (non <16G-14G) Il materiale va rapidamente portato in Laboratorio Urgenze h 24. Antibioticoterapia Empirica Entro 1 ora : Vancomicina + Meropenem o Piperacilina -Tazobactam Prelevare: 1) Emocoltura per germi aerobi e anaerobi (2 set, uno ogni 30 min.) da vena periferica e/o da vena centrale (se cvc in situ da + di 48 ore) 2) urine 3) secrezioni bronchiali 4) altri liquidi biologici sospetti (liquor, pleurico, peritoneale, da ferite..) 5) di liquor in caso di sospetta meningite Fase B Identificazione precoce e programma di miglioramento performance È documentato che la precoce identificazione della sepsi e la rapida implementazione della Terapia migliora l'outcome e diminuisce la mortalità. Nella fase III della Survivig Sepsis Campaign è stato implementato un core di raccomandazioni cioè uno screening di segni della sepsi denominato bundle applicabile nei vari ambienti ospedalieri e sviluppato per monitorare i pazienti, il cui ritardato riconoscimento si viene ad identificare come il maggior ostacolo all'inizio del trattamento. Al contrario l applicazione delle Sepsis Bundles condurrebbe ad un miglioramento della qualità nella cura della sepsi e potrebbe pertanto essere usata come base di un programma di miglioramento della performance. BUNDLE da completare entro 3 ORE 1) misura livello lattati 2) ottieni emocolture prima di somministrare antibiotici 3) somministra antibiotici a largo spettro 4) somministra 30 ml/kg di cristalloidi per trattare l'ipotensione o lattati > 4mmol/L. BUNDLE da completare entro 6 ORE 1) aggiungi vasopressore se l'ipotensione non risponde al carico volemico e mantieni la MAP > 65 mmg 2) nella ipotensione persistente nonostante fluidoterapia (shock settico) o con lattati > 4 mmol /L misura la PVC (target > 8mmHg) e la Saturazione centrale di ossigeno ScvO2 (target > 70%) 3) rimisura i lattati ematici. Management primario : fasi A+B+C 15/17

16 FASE C terapia antibiotica empirica Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Intraospedaliera RICERCA SORGENTE DI INFEZIONE TAC TORACE, ADDOME o altra sede con M.d.C. Misura di controllo: drenaggio toilette open RICOVERO in UTI C Diagnosi Si raccomanda di ottenere le adeguate colture prima di iniziare la terapia antibiotica prelevando i campioni biologici nelle sedi e nelle modalità indicate dalla flow-charts e se ciò non causa un ritardo nella somministrazione della antibioticoterapia. Questo è essenziale nel confermare l'infezione ed il patogeno responsabile oltre a permettere una De-escalation della terapia dopo aver ricevuto il profilo di suscettibilità del germe. Il potenziale ruolo dei biomarkers per la diagnosi di infezione rimane incerto. La utilità dei livelli della procalcitonina o di altri markers (Proteina C reattiva) non sembra al momento oggetto di raccomandazione sicura, mentre in un prossimo futuro metodi non colturali ma biomolecolari es. PCR potranno essere di utilità nell'identificazione dell'agente patogeno. La procalcitonina è utile nel monitoraggio delle forme a partenza polmonare. In questa ultima edizione inoltre viene suggerito l'uso del 1,3 beta glucano, mannano e anticorpo antimannano nella diagnosi differenziale della infezione con la candidiasi invasiva. Infine gli studi di imaging devono essere prontamente effettuati allo scopo di confermare la diagnosi anatomica di infezione e poter procedere alla toilette chirurgica o "Source Control" entro le 12 ore possibile e nella modalità più fisiologica possibile (es. drenaggio percutaneo anzichè chirurgico). Infine il ricovero in Terapia Intensiva quale ultimo step del percorso, dove il proseguimento della rianimazione continuerà ad essere titolato su noti e indiscussi end point clinici: pressione arteriosa, frequenza cardiaca, diuresi oraria, perfusione cutanea, stato mentale e indici di perfusione tissutale quali concentrazione ematica di lattati e saturazione venosa mista di O2, ma ad essi si affiancheranno Monitoraggi più avanzati: emodinamico mediante cateterismo destro o con metodica incruenta, e arterioso sistemico cruento per permettere la titolazione step by step delle amine vasoattive e respiratorio in caso di ventilazione artificiale, o applicazione di tecniche speciali di dialisi per la sepsi. Management primario : fasi A+B+C 16/17

17 9. REGISTRAZIONI E ALLEGATI Allegato 1 Piano Assistenziale Scheda di continuità assistenziale PDTA cod. az MOD02 Registrazioni e Allegati 17/17

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute

Sepsis Bundles: i pacchetti della salute Sepsis Bundles: i pacchetti della salute A.N. Cracchiolo, D.M. Palma Anestesia e Rianimazione Polivalente II G. Trombino Azienda Ospedaliera Nazionale di Rilievo ad Alta Specializzazione AORNAS Ospedale

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento terapeutico del Donatore di organi e tessuti.

Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento terapeutico del Donatore di organi e tessuti. Dott. Nicola Torina, Coordinatore Infermieristico UTIR (Unità di Terapia Intensiva di Rianimazione) Ospedale Buccheri La Ferla F.B.F. Palermo Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Pediatric Alarm Intercettamento precoce del peggioramento clinico C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Centro di Riferimento SIMEUP Torino, Ospedale Infantile Regina Margherita REGIONE PIEMONTE

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron

CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron CLINICAL PATHWAYS di Alessandra Zampieron Con l introduzione della riforma sanitaria le aziende devono prevedere un sistema in grado di mantenere la qualità dell assistenza, migliorando i livelli di efficienza

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 17/12/2014

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico.

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. Vito Ferro Infermiere Strumentista Blocco Operatorio Ch.Gen. E Ch.Ped. A.O.P.C. Catanzaro Premessa La SIC definisce il Trauma una Malattia

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012)

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) Pagine 10 Bracciale Luigi Corea Gerardo B. A. Passafaro Salvatore Valeri Patrizio Camicioli Ivo Russo Ornella D Elia Gianluca

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico

Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze della Salute Sezione di Anestesiologia, Terapia Intensiva e Terapia del Dolore Utilizzo delle membrane ad alto Cut -off nel paziente settico Gianluca

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA SURVIVING SEPSIS PER IL TRATTAMENTO DELLA SEPSI GRAVE E DELLO SHOCK SETTICO

LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA SURVIVING SEPSIS PER IL TRATTAMENTO DELLA SEPSI GRAVE E DELLO SHOCK SETTICO SURVIVING SEPSIS CAMPAIGN Sponsor del Progetto: ESICM (European Society of Intensive Care Medicine), SCCM (Society of Critical Care Medicine), ACCP (American College of Chest Physicians), ATS (American

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA

PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA INTRODUZIONE La metodologia adottata nel dell Università di, ha come orientamento pedagogico l apprendimento per problemi, basato sull

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata

Risposta infiammatoria sistemica all infezione (S.I.R.S. Sistemic. Inflammatory Response Syndrome): infezione associata a. Ipotensione sepsi correlata PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO SEPSI SEVERA E SHOCK SETTICO (Dillinger R.P. et Al. - Surviving Sepsis Campaign: International Guidelines for management of severe sepsis and septic shok: 2008 Intensive Care

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

Dirigente - U.O. di Anestesia e Rianimazione

Dirigente - U.O. di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lattante Caterina Data di nascita 06/04/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente medico I livello AZIENDA OSPEDALIERA 'S. MARIA'

Dettagli

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari

Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Sicurezza in sala operatoria: scheda perioperatoria Aou di Sassari Data Revisione Redazione Autorizzazione e Approvazione Aprile 2010 Aprile 2014 Dott.ssa Antonella Virdis CPSI Antonella Sassu Dott Giovanni

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 Allegato n. 1 alla deliberazione n..del. Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 20024 - Garbagnate Milanese - Viale Forlanini, 121 Tel.02.994.301 Cod. Fisc. e Part. IVA 12314450151 posta elettronica

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO LA GESTIONE DEL PAZIENTE EMATOLOGICO CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Responsabile Scientifico/Culturale Prof.

PROGETTO FORMATIVO LA GESTIONE DEL PAZIENTE EMATOLOGICO CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Responsabile Scientifico/Culturale Prof. PROGETTO FORMATIVO LA GESTIONE DEL PAZIENTE EMATOLOGICO CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Responsabile Scientifico/Culturale Prof. Sergio Amadori Professioni cui il progetto è rivolto Infermieri e medici

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio.

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. 0 SIMPSI MERIDINALE AARI -EMAC ANESTESIA RIANIMAZINE TERAPIA DEL DLRE Crotone, 4-5-6 ottobre 01 Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. Giuseppe Natalini

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

Preparazione del paziente in sala

Preparazione del paziente in sala 6. Th Turin Cardiovascular Nursing Convention Sostituzione della valvola aortica per via transapicale (TA TAVI) TransApical Transcatheter Aortic Valve Implantation Preparazione del paziente in sala Bonetti

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò)

HOME SWEET HOME. ( di Daniele Calò) HOME SWEET HOME ( di Daniele Calò) 3 PERCHE LA CASA? Le modificazioni demografiche ed economiche degli ultimi decenni insieme alla disponibilità di tecnologie facilmente trasportabili, hanno favorito

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Trento, febbraio 2014 Paola Dallapé Direzione medica Ospedale di Trento Fonti bibliografiche consultate CDC. Guidelines

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI ASL N. 1 DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SPECIALISTICHE NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI INTEGRATE DI TERZO LIVELLO A

Dettagli

PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA

PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA CENTRO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA Centro di Simulazione Avanzata La formazione professionale e l aggiornamento in chirurgia e area critica, con lo scopo di

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Rita Viaro INFORMAZIONI PERSONALI Stato civile: Nubile Nazionalità: Italiana Data di nascita: 16 Aprile 1979 Luogo di nascita: Ferrara Residenza : Via Bardocchia, 20 Quartesana

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA

SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA HEART TEAM GLI INFERMIERI DOVREBBERO FAR PARTE DELL HEART TEAM? HEART TEAM Secondo le nuove linee guida europee la condizione indispensabile

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Il presente Percorso Assistenziale è stato realizzato da:

Il presente Percorso Assistenziale è stato realizzato da: Il presente Percorso Assistenziale è stato realizzato da: Ottanelli Rita (Pneumologia) Referente Medico Teresa Marchione (DEA) Referente Medico Pedrini Carla (Pneumologia) Referente Infermieristico Bianchini

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO 1 Premessa Le malattie epatiche sono patologie cronico-degenerative che comprendono malattie diverse

Dettagli

Doris Tina UOSD Endocrinologia ASL - Teramo. Il Gozzo Nodulare: Assistenza Infermieristica

Doris Tina UOSD Endocrinologia ASL - Teramo. Il Gozzo Nodulare: Assistenza Infermieristica Doris Tina UOSD Endocrinologia ASL - Teramo Il Gozzo Nodulare: Assistenza Infermieristica 1. Considerare la persona che affronta la malattia 2. Percorso Diagnostico e Terapeutico 3. Individuare le criticità

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

Trasfusion Related Acute Lung Injury (TRALI) Dott. Marco Rojatti

Trasfusion Related Acute Lung Injury (TRALI) Dott. Marco Rojatti Trasfusion Related Acute Lung Injury (TRALI) Dott. Marco Rojatti Clinica di Anestesia e Rianimazione AOU Udine Direttore Prof. Giorgio Della Rocca Caso clinico - Anamnesi M. E. 53aa, maschio Cirrosi tossico

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 IL RUOLO DELL INFERMIERE CASE MANAGER IN DIVERSI SETTING MONICA

Dettagli

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Sigla: 515014 Tipo esame: scritto Valutazione esame: voto

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

L ultrasonografia: un opportunità nell assistenza infermieristica. Panero Noemi Infermiera Pediatrica

L ultrasonografia: un opportunità nell assistenza infermieristica. Panero Noemi Infermiera Pediatrica L ultrasonografia: un opportunità nell assistenza infermieristica Panero Noemi Infermiera Pediatrica Utilizzo degli ultrasuoni in ambito clinico-assistenziale Approccio rapido e non invasivo al paziente

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

60 Crediti ECM 31 crediti FAD cartacea 29 crediti corso RES

60 Crediti ECM 31 crediti FAD cartacea 29 crediti corso RES CCrISP Assistenza al malato chirurgico critico (Cod. Agenas 119-86752) 1 3 dicembre 2014 Gli eventi si terranno presso: TREAT s.r.l. Corso Moncalieri 219 10133 Torino (TO) Il corso, della durata di due

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome INFORMAZIONI PERSONALI Nome sambuco monica Data di nascita 14/01/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico OSPEDALE DI CIRCOLO E FONDAZIONE MACCHI

Dettagli