LIFE-Environment Programme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE-Environment Programme"

Transcript

1 LIFE-Environment Programme ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater ANNEX II SCIENTIFIC PUBLICATIONS JULY 2009

2 ESTRUS LIFE05 ENV/IT/ LIFE05 ENV/IT/ ESTRUS SCIENTIFIC PUBLICATIONS a. Gnecco I., Lanza L.G., and La Barbera P. (2008). Analisi delle prestazioni in campo di un sistema di trattamento delle acque meteoriche in caditoia. XXXI Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Perugia, 9-12 settembre (published on CD-rom); b. Berretta C., Gnecco I., Molini A., Palla A., Lanza L.G., and La Barbera P. (2008). On the efficiency of catch basin treatment devices for storm water runoff in harbor areas and production sites. 11 ICUD, 11th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, 31 August 5 September, (published on CD-rom); c. Berretta C., Molini A., Gnecco I., Lanza L.G. e P.La Barbera (2007). Sull efficienza dei sistemi distribuiti per il trattamento delle acque meteoriche in caditoia. Atti del II Convegno Nazionale Idraulica Urbana, Chia (CA), settembre, (published on CD-rom); d. Molini A., Berretta C., Cattaneo C., Furfaro M., Gnecco I., La Barbera P., Lanza L.G. and M. Rovatti (2007). A laboratory intercomparison of distributed storm water treatment devices. Proceedings of the 6 th International Conference on Sustainable techniques and strategies in urban water management, Lyon, France, Vol.2 pp ; e. Lanza, L.G. (2008). Gestione e controllo delle acque meteoriche in ambiente urbano. In: Lanza L.G. (a cura di) Acque di Prima Pioggia: Soluzioni Tecnologiche e Innovazione. CIPA Editore, Collana Ambiente, Volume 31 ISBN Milano, 2008.

3 31 Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Perugia, 9-12 settembre 2008 ANALISI DELLE PRESTAZIONI IN CAMPO DI UN SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE IN CADITOIA I. Gnecco 1, L.G. Lanza 1 & P. La Barbera 1 (1) Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e del Territorio, Università di Genova, Via Montallegro 1, Genova, Italia SOMMARIO Il progetto ESTRUS (Enhanced and Sustainable Treatment for Urban Stormwater), sviluppato nell ambito del programma comunitario LIFE-Ambiente, si propone di dimostrare le prestazioni di sistemi distribuiti posti a monte delle reti di drenaggio urbano per il trattamento in caditoia delle acque meteoriche di dilavamento. Nella memoria si riportano i risultati dell indagine condotta presso un piazzale adibito al transito di autobotti nel corso delle operazioni di carico all interno di un impianto di trasformazione/raffinazione di prodotti petroliferi. La campagna di monitoraggio si compone di due fasi successive in cui viene inizialmente monitorato il sistema di drenaggio privo di dispositivi di trattamento e successivamente lo stesso sistema viene monitorato a valle dei dispositivi di trattamento appositamente installati in caditoia. I risultati sperimentali evidenziano un significativo abbattimento degli idrocarburi totali, al contrario sembrano risultare di scarsa efficacia per quanto concerne la riduzione del carico dei solidi sospesi totali. 1 INTRODUZIONE Le soluzioni tradizionali per il trattamento delle acque meteoriche di dilavamento, di tipo concentrato e poste a valle delle reti di drenaggio urbano, risultano generalmente vantaggiose in tutti gli insediamenti di nuova progettazione e realizzazione: un corretto dimensionamento assicura infatti l efficienza nell abbattimento del carico inquinante e la costruzione di tali strutture è generalmente compresa nel computo dei costi generali dell intera opera. Interventi analoghi su sistemi di drenaggio esistenti di aree scoperte (piazzali) di siti produttivi o terminali portuali risultano spesso insostenibili dal punto di vista economico, se non addirittura impraticabili, sia per le notevoli dimensioni delle strutture richieste, sia per la necessaria interruzione dell operatività delle aree durante la fase di realizzazione. A tale situazione è imputabile un notevole ritardo nell installazione di sistemi per la gestione delle acque meteoriche di dilavamento con ovvie ripercussioni sulla qualità dei corpi idrici ricettori. Un alternativa ai sistemi tradizionali è fornita dai dispositivi di trattamento a carattere distribuito, situati a monte della rete di drenaggio, e generalmente costituiti da opportuno materiale filtrante disposto in una struttura adattabile alle dimensioni delle caditoie in cui vengono installati. L utilizzo di tali sistemi è ampiamente diffuso negli Stati Uniti, mentre ad oggi sono rare le applicazioni in Europa e scarsi in letteratura gli studi specifici sull efficienza di tali sistemi in applicazioni reali (Lau et al., 2001;

4 I. Gnecco,L.G. Lanza, P. La Barbera Morgan et al., 2005; Hipp et al., 2006). L Università di Genova è impegnata da Ottobre 2005 in un progetto dimostrativo denominato ESTRUS (Enhanced and Sustainable Treatment for Urban Stormwater), cofinanziato dalla Comunità Europea nell ambito del programma LIFE-Ambiente, di concerto con il Comune di Genova, la Provincia, l Autorità Portuale, SEPG S.p.A. (Servizi Ecologici Porto di Genova), Finporto S.p.A. e l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure (ARPAL). Il progetto ha la finalità di dimostrare l efficacia e la sostenibilità di soluzioni tecniche distribuite in caditoia per la depurazione delle acque meteoriche di dilavamento. La valutazione dell efficacia e della sostenibilità di tali sistemi è stata programmata sia attraverso indagini di laboratorio, volte a determinarne l efficienza in condizioni controllate, sia in condizioni di esercizio attraverso una campagna di monitoraggio condotta in quattro siti pilota situati in aree portuali e siti produttivi sul territorio della provincia di Genova. La presente memoria si propone di illustrare i primi risultati sperimentali ottenuti dalla campagna di monitoraggio condotta presso un impianto di trasformazione di prodotti petroliferi. 2 SITO SPERIMENTALE E CAMPAGNA DI MONITORAGGIO 2.1 Descrizione del sito sperimentale Il sito sperimentale si trova presso un impianto di raffinazione dei prodotti petroliferi, in provincia di Genova. L area oggetto di studio è un piazzale di transito/sosta delle autobotti dirette alla pensilina di carico dei prodotti petroliferi; la rete di drenaggio a servizio del piazzale è dotata di una vasca di prima pioggia dimensionata per raccogliere i primi 5 mm di pioggia efficace, e di un dispositivo di bypass che isola idraulicamente la vasca, ad avvenuto riempimento, inviando le successive acque di dilavamento direttamente allo scarico. La superficie monitorata, interamente asfaltata, ha un estensione di circa 1200 m 2. La stazione di monitoraggio è stata attrezzata con un pluviometro a vaschette basculanti per la misura della precipitazione, un sensore area-velocità, installato all interno della rete di drenaggio (D=300 mm) per la misura della portata e un autocampionatore per gli aspetti di qualità. La stazione di misura è controllata in remoto attraverso un software di gestione sviluppato all interno del progetto ESTRUS, che consente di acquisire in tempo reale i dati misurati nonché di variare le condizioni di attivazione del campionamento. 2.2 La campagna di monitoraggio Nel corso della campagna di monitoraggio vengono acquisite misure di precipitazione e portata con risoluzione del minuto ed il prelievo di campioni di acqua di dilavamento con frequenza di Le analisi di laboratorio vengono effettuate dal Dipartimento di Ingegneria Chimica e di Processo dell Università di Genova relativamente a ph, conducibilità, carbonio organico totale (TOC) e idrocarburi totali (relativi a catene lineari con un numero di atomi di carbonio superiore a 12) e dal laboratorio di ARPAL per quanto concerne solidi sospesi totali (SST) e metalli pesanti sia in forma disciolta che aggregati alla matrice dei SST, in particolare zinco, rame, piombo, mercurio, cadmio, cromo e nichel. Il programma di monitoraggio si sviluppa in due fasi successive: fase I e fase II. La

5 Analisi delle prestazioni in campo di un sistema di trattamento in caditoia prima fase ha come obiettivo la determinazione della qualità delle acque meteoriche dilavanti il piazzale prospiciente la zona di carico delle autobotti. La fase I ha avuto inizio nel ottobre 2006 e si è conclusa nel febbraio 2008, nel corso della quale sono stati complessivamente monitorati 16 eventi di precipitazione. La presenza di disfunzioni nel dispositivo di by-pass, ha tuttavia compromesso in alcuni casi il corretto deflusso della portata all interno della rete di drenaggio, le analisi sono pertanto state condotte relativamente a 11 eventi di precipitazione (di cui per 9 sono disponibili valori per tutti i parametri oggetto d indagine). La fase II prevede invece il monitoraggio delle acque meteoriche di dilavamento a seguito dell installazione dei sistemi di trattamento in caditoia. La scelta del dispositivo di trattamento in caditoia è stata effettuata sulla base di un indagine di laboratorio (Molini et al., 2007; Berretta et al., 2008) al fine di valutarne l efficienza idraulica in condizioni ideali (acqua pulita), nonché la capacità di rimozione degli oli da parte del mezzo filtrante. A seguito di tale analisi, è stato selezionato il dispositivo Ultra Urban Filter (Abtech Industries) costituito da una struttura rigida a pianta rettangolare collegata tramite cinghie ad un invito, la distanza tra la struttura e l invito favorisce il bypass delle acque in eccesso; il sistema è dotato di materiale filtrante polimerico, Smart Sponge, particolarmente indicato per la rimozione di oli/idrocarburi. La fase II ha avuto inizio nel marzo 2008 ed è tuttora in corso di svolgimento. 3 ANALISI DEI RISULTATI SPERIMENTALI Nelle seguenti tabelle sono riportati i valori della concentrazione media d evento (EMC) e i valori puntuali della concentrazione massima e minima a scala d evento relativamente a solidi sospesi totali, carbonio organico totale e idrocarburi, tali valori sono inoltre indicati a scala dell intera campagna di misura; in particolare le Tabelle 1 e 2 sono relative rispettivamente alla fase I e alla fase II della campagna di monitoraggio. SST TOC HC [mg/l] [mg/l] [mg/l] EMC C max C min EMC C max C min EMC C max C min 31/03/ /05/ /05/ /05/ /05/ /06/ /11/ /11/ /02/ Tutti gli eventi Dev. St Tabella 1. Valori della concentrazione media d evento (EMC), concentrazione massima e minima a scala d evento e per l intera campagna di misura relativi a SST, TOC e HC osservati presso il sito sperimentale prima dell installazione dei sistemi di trattamento in caditoia (Fase I).

6 I. Gnecco,L.G. Lanza, P. La Barbera Per quanto riguarda la caratterizzazione delle acque dilavanti il piazzale di transito per le operazioni di carico delle autobotti (fase I) i risultati evidenziano la presenza di un significativo carico inquinante per SST, TOC e HC. Facendo riferimento ai valori di concentrazione limite per gli scarichi in corpo idrico superficiale (Allegato 5, D.Lgs. 152/06) i valori della EMC per SST e HC superano tali standard (80 mg/l per i SST e 5 mg/l per HC) sia a scala dell intera campagna di misura, con valori medi pari rispettivamente pari a mg/l e 6.6 mg/l, sia a scala del singolo evento con valori di punta della concentrazione rispettivamente pari a 849 mg/l per i SST e 19.4 mg/l per gli HC. In particolare il carico dei solidi sospesi è imputabile principalmente a due tipologie di sorgenti: il traffico di mezzi pesanti in transito e i fenomeni di deposito atmosferico imputabili alle emissioni della raffineria. I valori di concentrazione degli idrocarburi sono imputabili alla specifica destinazione d uso dell area. Tenuto conto delle caratteristiche del carico inquinante osservato, si osservano valori di TOC superiori a quelli generalmente osservati nelle acque meteoriche di dilavamento (Gnecco et al., 2007) con valori di EMC variabili tra 9 e 295 mg/l. SST TOC HC [mg/l] [mg/l] [mg/l] EMC C max C min EMC C max C min EMC C max C min 09/04/ /04/ /04/ Tutti gli eventi Dev. St Tabella 2. Valori della concentrazione media d evento (EMC), concentrazione massima e minima a scala d evento e per l intera campagna di misura relativi a SST, TOC e HC osservati presso il sito sperimentale a seguito dell installazione dei sistemi di trattamento in caditoia (Fase II). La fase II della campagna di misura è tuttora in corso e ad oggi sono disponibili i risultati dei primi eventi monitorati. Nonostante tali risultati debbano ritenersi preliminari, è possibile mettere in evidenza gli effetti imputabili alla presenza dei sistemi filtranti in caditoia. In particolare, si osserva una significativa riduzione relativa alla concentrazione degli idrocarburi, con valori di EMC mediamente pari a 1.3 mg/l. Dai risultati emerge, di conseguenza, un rilevante abbattimento anche nel caso dei valori di concentrazione di TOC, il cui intervallo di variazione risulta compreso tra 2 e 54 mg/l, con valore medio della EMC pari a 20 mg/l, corrispondente a meno di 1/3 rispetto a quanto osservato nella fase I. Al contrario, i risultati evidenziano la persistenza di un significativo carico di solidi sospesi, che in questa prima parte della campagna risulta addirittura superiore a quanto osservato in precedenza, con un valore medio di EMC pari a 245 mg/l. Per analizzare il comportamento e pertanto l efficacia dei sistemi di trattamento in caditoia, viene illustrato il processo di dilavamento del carico inquinante, con particolare riferimento ai solidi sospesi e agli idrocarburi, per due eventi meteorici: il 1 giugno 2007 corrispondente alla fase I (Figura 1) e il 17 aprile 2008 corrispondente alla fase II (Figura 2). In Figura 1 si può notare che il pollutogramma dei solidi sospesi, caratterizzato da valori puntuali di concentrazione significativamente superiori ai limiti

7 Analisi delle prestazioni in campo di un sistema di trattamento in caditoia di emissione indicati dal D.Lgs 152/06 (riportato in figura) decresce nel corso del corrispondente idrogramma evidenziando pertanto l occorrenza del fenomeno del first flush. Gli idrocarburi non mostrano invece un particolare andamento nel corso del corrispondente idrogramma e i valori di concentrazione si mantengono generalmente superiori a 5 mg/l nel corso dell evento monitorato Q (l/s) i5' TSS C lim (152/06) Q i (mm/h) TSS [mg/l] t [hh.mm] Q (l/s) i 5' HC Cl im (152/06) Q 40 i (mm/h) 10 HC [mg/l] t [hh.mm] 0 Figura 1. Istogramma, idrogramma e pollutogramma dei solidi sospesi totali (grafico in alto) e degli idrocarburi totali (grafico in basso) relativi all evento di precipitazione del 1 giugno In ciascun grafico la linea tratteggiata indica il corrispondente valore limite di concentrazione per gli scarichi in corpo idrico superficiale (D.Lgs. 152/06).

8 I. Gnecco,L.G. Lanza, P. La Barbera Q (l/s) Q i 5' TSS Clim (152/06) i (mm/h) TSS [mg/l] t [hh.mm] Q (l/s) Q i 5' HC C lim (152/06) i (mm/h) HC [mg/l] t [hh.mm] 80 0 Figura 2. Istogramma, idrogramma e pollutogramma dei solidi sospesi totali (grafico in alto) e degli idrocarburi totali (grafico in basso) relativi all evento di precipitazione del 17 aprile In ciascun grafico la linea tratteggiata indica il corrispondente valore limite di concentrazione per gli scarichi in corpo idrico superficiale (D.Lgs. 152/06). In Figura 2, si evidenzia invece un dilavamento dei solidi sospesi che tende ad essere maggiormente in accordo con il corrispondente idrogramma, è interessante osservare che il picco di concentrazione dei solidi sospesi, pari a 288 mg/l corrisponda

9 Analisi delle prestazioni in campo di un sistema di trattamento in caditoia al picco dell idrogramma. Tale comportamento sembra indicare un fenomeno di trasporto del materiale solido accumulatosi nello strato superficiale del filtro dovuto all incremento di portata. Il fenomeno può inoltre essere stato incrementato dal deflusso di una parte dell acqua meteorica di dilavamento attraverso il dispositivo di by-pass. Sebbene l analisi di tale fenomeno necessiti di essere confermata da ulteriori risultati sperimentali, si può osservare che anche in corrispondenza del picco dell idrogramma relativo all evento dell 11 aprile 2008 è stata misurata una concentrazione di solidi sospesi pari a g/l. I risultati sembrano evidenziare una captazione solo temporanea del carico dei solidi sospesi che viene poi trasportato nel corso di eventi di precipitazione successivi, caratterizzati da intensità più elevate. Nel caso degli idrocarburi si osserva invece una riduzione del carico inquinante, più pronunciata nella parte iniziale del processo di dilavamento; l aumento delle concentrazioni di idrocarburi nella seconda parte dell idrogramma potrebbe essere imputabile ad una riduzione della capacità di adsorbimento da parte del mezzo filtrante. Per quanto concerne i metalli analizzati nella campagna di monitoraggio, le concentrazioni più rilevanti sono state misurate per zinco, rame e piombo, inquinanti tipicamente associati al traffico veicolare, come osservato nel corso di precedenti campagne (Gnecco et al., 2005; Gnecco et al., 2006). Nichel, cadmio e cromo sono stati misurati solamente in tracce. In Tabella 3 sono riportati a scala dell intera campagna i valori di concentrazione media d evento, concentrazione massima e minima di zinco, rame e piombo relativamente alle fasi I e II della campagna di misura; i valori sono riferiti sia alla concentrazione totale, sia alle singole frazioni disciolta e aggregata alla superficie dei solidi sospesi. Zn Cu Pb [µg/l] [µg/l] [µg/l] EMC C max C min EMC C max C min EMC C max C min Fase I Totale Disciolto Aggreg Fase II Totale Disciolto Aggreg Tabella 3. Confronto tra i valori della concentrazione media d evento (EMC), concentrazione massima e minima relativi a zinco, rame e piombo in termini di totali, frazione disciolta e frazione aggregata ai solidi sospesi, osservati nel corso della fase I (senza sistema filtrante in caditoia) della fase II (con sistema filtrante in caditoia) della campagna di monitoraggio. Dai dati osservati emerge che tutti i metalli presentano una frazione aggregata fortemente dominante in entrambe le fasi della campagna di misura. La scarsa efficienza dei dispositivi di trattamento in caditoia in termini di riduzione del carico dei solidi sospesi, trova conferma nei risultati relativi ai metalli pesanti: i valori di concentrazione della frazione aggregata di zinco, rame e piombo misurati nella due fasi della campagna di monitoraggio sono confrontabili. Relativamente alla frazione disciolta, si osserva una diminuzione soprattutto relativamente a zinco e rame, che nella prima fase della

10 I. Gnecco,L.G. Lanza, P. La Barbera campagna di misura presentavano valori di concentrazione della frazione acquosa più rilevanti rispetto al piombo, in accordo con quanto generalmente osservato nel processo di distribuzione dei metalli pesanti (Gnecco et al., 2008). 4 CONCLUSIONI L analisi sull efficienza dei sistemi di trattamento in caditoia ha evidenziato una significativa riduzione del carico di idrocarburi totali, confermando quanto osservato nel corso delle indagini di laboratorio secondo cui la capacità di rimozione degli oli relativa al mezzo filtrante polimerico è risultata superiore al 90%. Al contrario, i risultati della campagna di monitoraggio sembrano mostrare una scarsa riduzione della concentrazione dei solidi sospesi: i valori di concentrazione più significativi (anche dell ordine di 1 g/l) sono stati misurati in corrispondenza dei valori di picco dell idrogramma. Sebbene tali risultati debbano essere ritenuti preliminari in quanto la seconda fase della campagna di misura (con i filtri installati in caditoia) è tuttora in corso di svolgimento, la valutazione dell efficienza di tali dispositivi di trattamento in condizioni di esercizio sembra evidenziare alcune importanti criticità nell abbattimento del carico inquinante. Al fine di valutare le cause che determinano la scarsa efficienza riscontrata nel caso dei solidi sospesi (deflusso attraverso il dispositivo di by-pass, processo di filtrazione non efficace sulle particelle più fini, ecc.) sarà condotta una seconda sperimentazione di laboratorio con i dispositivi provenienti dai siti pilota, analizzando pertanto l effetto dovuto all intasamento del filtro. BIBLIOGRAFIA Berretta, C., Gnecco, I., Molini, A., Palla, A., Lanza, L.G. & La Barbera, P., On the efficiency of catch basins treatment devices for storm water runoff in harbour areas and production sites, 11 th International Conference on Urban Drainage, Edimburgh, Scotland, 2008 (accepted). Gnecco, I., Sansalone, J.J. & Lanza, L.G., Speciation of zinc and copper in stormwater pavement runoff from airside and landside aviation land uses, Water, Air & Soil Pollution, Gnecco, I., Lanza, L.G. & Sansalone, J.J., Transport of metals in storm water runoff. Proceedings of 32nd Congress of IHAR Harmonizing the Demands of Art and Nature in Hydraulics, Venice, Italy, 2007 (published on CD-rom). Gnecco, I., Berretta, C., Lanza, L.G. & La Barbera, P., Quality of stormwater runoff from paved surfaces of two production sites. Water Science & Technology, 2006, 54(6-7), Gnecco, I., Berretta, C., Lanza, L.G. & La Barbera, P., Storm water pollution in the urban environment of Genoa, Italy. Journal of Atmospheric Research, 2005, 77(1-4), Hipp, A., Ogunseitan, O., Lejano, R.& Smith, C.S., Optimization of stormwater filtration at the urban/watershed interface, Environmental Science & Technology, 2006, 40(15), Lau, S.L., Khan, E. & Stenstrom, M. K., Catch basin inserts to reduce pollution from stormwater, Water Science & Technology, 2001, 44 (7), Molini, A., Berretta C., Cattaneo, C., Furfaro, M., Gnecco I., La Barbera, P., Lanza L.G. & Rovatti, M., A laboratory intercomparison of distributed stormwater treatment devices, Proceedings of the 6th International Conference on Sustainable Techniques and Strategies in Urban Water Management, Novatech 2007, Lyon, France, 2007 Morgan, RA, Edwards, FG, Brye, KR & Burian SJ., An evaluation of the urban stormwater pollutant removal efficiency of catch basin inserts, Water Environment Research, 2005, Sept.- Oct.(5),

11 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment C. Berretta 2 *, I. Gnecco 1, A. Molini 1 3 4, A. Palla 1, L.G. Lanza 1 and P. La Barbera 1 1 DICAT, Dept. of Civil, Environmental and Architectural Engineering, University of Genoa, Via Montallegro 1, Genoa, Italy 2 Department of Environmental Engineering Science, University of Florida, 217 Black Hall Gainesville, Florida USA 3 Nicholas School of the Environment and Earth Sciences, Box Duke University Levine Science Research Center, Durham, NC Department of Civil and Environmental Engineering, Pratt School of Engineering, Duke University, Box Hudson Hall, Durham, NC *Corresponding author, to ABSTRACT The ESTRUS Project (Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Storm water) within the LIFE Environment Programme aims at demonstrating the suitability and costeffectiveness of catch basin treatment solutions for storm water runoff in harbor areas and production sites. In the present paper the results of the first phase of the project including the hydraulic performance tests of different inlet treatment devices and the preliminary results of the monitoring campaign for the field tests are presented. In order to evaluate the influence of the hydraulic behavior on the devices treatment efficiency, the experimental results are here interpreted through a simple pollution generation/wash-off model. The model has been applied to the IPLOM S.p.A. monitoring site for a long term simulation over a period of 18 years for two different treatment devices. Results are shown in terms of the treatment efficiency, total influent mass of suspended solids entering the catch basin filters and non treated mass due to hydraulic failure. KEYWORDS BMPs; Catch Basin Inserts; Hydraulic Performance Test; Treatment efficiency; Filter Media. INTRODUCTION In new settlements end-of-pipe solutions for storm water runoff treatment are cost effective and provide high efficiencies since the construction of large size structures for appropriate treatment is included in the overall construction costs and effort. In existing production sites and/or e.g. harbor infrastructures the costs and difficulties of traditional treatment solutions are often unsustainable, the installation of storm water treatment facilities being therefore postponed indefinitely with strong environmental consequences. Distributed inlet and catch basin filtration devices are proposed as an alternative to traditional systems but they are scarcely used in Europe and few data about their performances in the field are available in the literature (Lau et al., 2001, Morgan et al., 2005, Hipp et al., 2006). These devices consist of a filter media inserted in a rigid or flexible structure designed for installation directly into the inlets of the drainage network. ESTRUS (Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Storm water) is a three years demonstration project co-financed by the European Union within the LIFE Environment Programme, which aims at demonstrating the suitability and cost-effectiveness of catch basin treatment solutions for storm water runoff in harbor areas and production sites. Further to the Berretta et al. 1

12 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 University of Genova the project involves the local authorities (the Municipality, the Province Administration and the Regional Environmental Agency) in charge of authorizing storm water discharges and controlling the quality of receiving water bodies as well as the ultimate endusers (e.g. the Port Authority and service providing SMEs). In particular, the project aims at evaluating various distributed treatment systems in terms of their hydraulic performances, treatment efficiency and exhausted filter disposal procedure (with a possible energy recovery). This evaluation has been performed by laboratory tests carried out at the laboratories of DICAT (Dept. of Construction, Environmental and Architectural Engineering) and DICHEP (Dept. of Chemical and Process Engineering) of the University of Genoa (Molini et al., 2007). The most suitable treatment device was sought to be later installed in two production sites and two harbour infrastructures to undergo the field tests. This will allow to evaluate potential clogging phenomenon and thus the sustainability in terms of maintenance and costs. Two different typologies of monitoring campaign have been carried out depending on the dimension of the pilot sites. In the production sites a first phase of runoff quality characterization was performed before installing the treatment devices (timeshifted monitoring campaign). In the harbor sites, due to the significant extension of the catchment, a simultaneous monitoring of two homogeneous areas, one of which equipped with the treatment devices, have been started (time-concurrent monitoring campaign). In the present paper data collected at one of the production sites investigated in the ESTRUS project combined with the results of the hydraulic performance tests of the different filters are examined and utilized with the aim of preliminarily evaluating the treatment efficiency of the investigated catch basin systems. For this purpose a long term simulation over a period of 18 years have been performed using the SWMM model (Huber and Dickinson, 1992). METHODS Experimental site The site of interest is the IPLOM S.p.A. whose main activity is the handling and storage of oil products. It is located in the territory of the Province of Genoa, Italy. The monitored area is an asphalt surface in a good state with an extension of about 1200 m 2 located within the area employed for loading petrol products into the tank trucks. Storm water runoff of the monitored watershed is drained into a single catch basin and conveyed downstream through a circular pipe (D=300mm) which constitutes the initial branch of the storm water drainage system serving the whole apron. The gauge station is equipped with an automatic sampler (12 glass bottles with a capacity of 950 ml. each) coupled with level/velocity gauges for continuous flow measurements and a tipping bucket rain gauge (0.2 mm bucket capacity). The flow-meter and the intake suction line have been installed in the proximity of the terminal section of the pipe before discharging into the subsequently catch basin. The monitoring campaign started on October 2006, providing one-minute runoff flow rate data and discrete runoff samples collected at five minute frequency (depending on the sampling activation condition based on flow/rainfall real-time information). One minute rainfall records are also available. As for water chemistry characterization, laboratory tests of runoff samples were performed by the Department of Chemical and Process Engineering (University of Genoa) determining ph, electrical conductivity (EC), total organic carbon (TOC), and total hydrocarbons and by the Environmental Protection Agency of Liguria Region that examines total suspended solids (TSS) and heavy metals (copper, zinc, lead, mercury, cadmium and nickel) both as dissolved and particulate fractions. 2 On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment

13 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 Assessment of the efficiency of inlet treatment systems As previously mentioned, in the laboratory phase of the LIFE ESTRUS Project, three different types of catch basin inserts (from geotexile devices to metallic units) have been hydraulically tested with the goal of identifying their critical flow levels and quantifying the volumes of untreated storm water under different flow rates (Molini et al., 2007). The catch basin inserts investigated are the Catch-All HR I (Marathon Materials, Inc.), the Ultra- Drainguard (Ultratech International Inc.) and the Ultra Urban Filter (Abtech Industries). The hydraulic tests were performed at the DICAT Laboratory in clean water conditions in order to assess the hydraulic failures connected with the water conveyance scheme. Note that clogging issues are not here discussed, however such aspect will be approached during the field phase of the LIFE ESTRUS project. The three devices, although with slightly different percentages in terms of discarded flow rate versus reference flow, seemed to better perform at the higher flow rates. This is basically due to dripping and spilling phenomena through the by-pass observed for all the devices, especially at low intensity flow rates. Such phenomena are strictly connected with the specific design of deviators which are expected to convey water on the filter media, on the contrary they actually force low flow rates to drip through the by-pass. Such an evidence is particularly relevant since low flows are associated with shorter return periods and also reflect the initial part of rainfall events, usually characterized by the higher pollution load (in terms of concentration). In order to evaluate the influence of such hydraulic losses on the devices treatment efficiency, the experimental results are here interpreted through a simple pollution generation/wash-off model. The model has been applied to IPLOM S.p.A. monitoring site for a long term simulation over a period of 18 years. The hydrologic response of the experimental catchment both in terms of quantity and quality aspects has been simulated by using the Storm Water Management Model SWMM (Huber and Dickinson, 1992). As for the quantity module, the flow routing is based on the kinematic wave model and on the Manning equation; the Soil Conservation Service Curve Number method has been assumed for infiltration method. As for the quality module, the model continuously simulates the solids build-up at impervious surfaces between two rainfall events and pollutants wash-off during storm events. Build-up is simulated through the Alley and Smith equation (Alley and Smith, 1981). The exponential expression of Jewell and Adrian (Jewell and Adrian, 1978) had been used for the simulation of the wash-off phase. The model has been calibrated using the experimental rainfall-runoff data collected during the first phase of the monitoring campaign. Results of such model are the hydrograph and pollutograph of the total suspended solids. The model has been implemented in order to simulate the behaviour of the catch basin treatment device. For this purpose the experimental results obtained from the hydraulic tests are here interpreted in terms of treatment efficiency. In particular, two treatment systems characterized by a different behavior corresponding to very low flow rate values, were selected. In Figures 1 and 2 are shown the results of the hydraulic performance test for the Catch-All HR I manufactured by Marathon Materials, Inc. and the Ultra Urban Filter manufactured by Abtech Industries expressed in terms of hydraulic efficiency loss (1- η i ) as a function of the influent flow rate. Results are interpreted using the following expressions respectively for the Catch-All HR I and the Ultra Urban Filter: 1 b 1. Q η = = 0.28 e in (1) i Q 09 Q in Berretta et al. 3

14 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, Q Q 10 2 b in η i = = (2) Qin Qin 7.01 Qin where Q b e Q in are the by-passed flow rate and the influent flow rate entering the catch basin filters. Figure 1. Bypassed flow percentage versus influent flow rate for the Marathon Materials, Inc. - Catch-All HR I filter. The continuous solid curve represents the interpolating curve, while dashed lines mark off the 99% confidence bounds. Figure 2. Bypassed flow percentage versus influent flow rate for the Abtech Industries Ultra Urban filter. The continuous solid curve represents the interpolating curve, while dashed lines mark off the 99% confidence bounds. The catch basin treatment system efficiency η t is then expressed as a function of the hydraulic efficiency η i and the chemical-physical treatment efficiency of the filter system η cf through the following expression: η = η η (3) t i cf 4 On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment

15 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 The chemical-physical treatment efficiency of the filter media η cf represents the pollutants removal capacity usually specified by the manufacturer. Such parameter depends on the flow rate, the specific pollutant and its concentration and the filter media condition in time. In the present paper the chemical-physical efficiency of the filter media is assumed to be constant (no clogging phenomenon) and the value is supposed to be equal to 0.9. RESULTS AND DISCUSSION Water Quality Data In Tables 1, the mean, median and standard deviation values of the Event Mean Concentration (flow-weighted average of constituent concentrations), together with the maximum and minimum concentration values observed across the whole monitoring campaign are summarized with respect to the analyzed parameters. Table 1 Event mean Concentration values (mean, median and standard deviation) of water quality constituents across the whole monitoring campaign with respect to Iplom experimental site. In addition the maximum and minimum concentration values measured at Iplom site are also reported. EMC Event Mean Concentration Concentration value mean median σ max min ph (-) TSS [mg/l] TOC [mg/l] HC [mg/l] Zn d [μg/l] Zn p [μg/l] Zn tot [μg/l] Cu d [μg/l] Cu p [μg/l] Cu tot [μg/l] Pb d [μg/l] Pb p [μg/l] Pb tot [μg/l] Ni d [μg/l] Ni p [μg/l] Ni tot [μg/l] Relevant EMC values for total suspended solids, total organic carbon and total hydrocarbons clearly emerge. By comparing EMC values with the quality standards for direct discharging into the receiving water bodies (Annex 5 Italian Decree by Law 152/06 according to the EC Dir. 91/271), results indicate that EMC mean values for TSS and HC (respectively 227 and 6.8 mg/l) exceed the quality standards respectively equal to 80 and 5 mg/l. In particular TSS load is significant across the whole monitoring campaign ranging from 93 to 532 mg/l with concentration peaks equal to 849 mg/l; such values are likely due to two main pollutant sources: vehicular (mainly trucks) traffic and dry deposition phenomena of oil refinery emissions. As for hydrocarbons, the concentration values are directly linked to the land use: the monitored watershed is employed for loading petrol products into the tank trucks; note that concentration peaks ranging between 12 and 16 mg/l have been measured during 3 over 6 Berretta et al. 5

16 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 rainfall events. Due to the characteristics of pollutant load washed-off by runoff at IPLOM site, the TOC concentration values are significant, and range from 22 to 295 mg/l. As for heavy metals, results indicate that zinc, copper, nickel and lead reveal concentration values comparable with data reported in the literature, while mercury, cadmium and chromium are present only in traces. Among metals, zinc plays an important role, as reported in the literature, thus revealing the most significant concentration as dissolved and particulate fractions: the mean EMC of total zinc is equal to mg/l with a peak concentration equal to mg/l. In addition, it is important to observe that all metals show a predominant particulate-bound fraction across the whole monitoring campaign, thus pointing out the relevance of TSS abatement in order to reduce the impact of storm water discharges for the specific site of concern. The pollutant mass transport behaviour during the monitored rainfall events has been observed through the dimensionless M(V) curves representing the cumulative fraction of the total pollutant mass vs. the cumulative fraction of the total runoff volume. Results indicate that the first flush phenomenon generally occurs with respect to TSS and TOC as illustrated in Figure 3. The occurrence of the first flush phenomenon which corresponds to a more pronounced initial mass delivery, confirms the importance of the pollutant load abatement at the beginning of the event (generally corresponding to lowmedium flow rates), however it should be considered that the TSS and TOC reveal generally significant concentration values for the whole rainfall-runoff event. On the contrary for lead, zinc and mainly hydrocarbons, the mass delivery behaviour show a linear pattern with respect to runoff volume, such results point out that mass delivery behaviour is strongly different with respect to different pollutants therefore collecting and treating merely the first flush runoff volume may result an ineffective treatment system, in terms of pollutant abatement. As for mercury, cadmium and chromium the occurrence of the first flush phenomenon is observed, however it can be assumed that, due to the limited concentration values measured across the monitoring campaign, the first flush is enhanced by the rapid depletion of pollutant mass operated by the initial phase of wash-off. Long term simulation results The treatment system behavior has been observed for the first part of the rainfall event, considering the first 5 mm of runoff depth. A total of 1856 rainfall events have been simulated and analyzed from 1990 to Figures 4 and 5 show the cumulative mass of suspended solids washed-off by runoff and entering the treatment devices (M in ) and the non-treated cumulative mass due to the bypass hydraulic loss and to the chemical-physical treatment efficiency (M nt ) as a function of the average flow rate over the first 5 mm of runoff depth (Q mean-r5 ). In the same graphs the catch basin treatment system efficiency η t are reported. In light of the results obtained for the Catch-All HR I filter, the system efficiency strongly decreases because of the untreated bypassed runoff fraction for rainfall events characterized by a mean flow rate averaged over the first 5 mm of runoff depth lower than 1 l/s. Such rainfall events are characterized by a system treatment efficiency ranging between 66% and 80%. They represent the 87% of the simulated events and they are characterized by TSS load, in terms of delivered mass, equal to 69% of the total mass washed-off by the whole series of simulated rainfall events. It has to be noticed that such significant treatment efficiency decrease is only due to the dripping and spilling phenomena occurring for low flow rates, an additional efficiency decrease is expected due to clogging phenomena which will be addressed during the field phase of the LIFE ESTRUS project. 6 On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment

17 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, ,0 0,8 SST 1,0 0,8 TOC ΣMcum/ΣMtot 0,6 0,4 31Mar07 03May07 04May07 0,2 23May07 26May07 01June07 0,0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,0 0,8 HC 0,6 31Mar07 0,4 03May07 04May07 0,2 23May07 26May07 01June07 0,0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,0 0,8 Pb tot ΣMcum/ΣMtot ΣMcum/ΣMtot 0,6 0,4 31Mar07 03May07 04May07 0,2 23May07 26May07 01June07 0,0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1, Zn tot Mar07 03May07 04May May07 26May07 01June ,6 0,4 31Mar07 03May07 04May07 0,2 23May07 26May07 0,0 01June07 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,0 31Mar07 03May07 Cu tot 0,8 04May07 23May07 0,6 26May07 01June07 0,4 0,2 0,0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 ΣV cum /ΣVtot ΣV cum /ΣVtot Figure 3. M(V) dimensionless representation for the rainfall-runoff events monitored at the IPLOM S.p.A. site. Berretta et al. 7

18 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, M in, M nt, η t [%] M nt η t M in Q mean_r5 [l/s] Figure 4. Treatment efficiency of the Catch-All HR I filter, cumulative number of rainfall events (N), influent suspended solids mass (M in ) and non treated mass (M nt ) vs the mean flow rate over the first 5 mm of runoff depth (Q mean(runoff=5mm)) M in, M nt, η t [%] M nt η t M in Q mean_r5 [l/s] Figure 5. Treatment efficiency of the Ultra Urban filter, cumulative number of rainfall events (N), influent suspended solids mass (M in ) and non treated mass (M nt ) vs the mean flow rate over the first 5 mm of runoff depth (Q mean(runoff=5mm)). 8 On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment

19 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 The Ultra Urban filter shows a different behavior in terms of treatment efficiency reduction: it clearly emerges the scarce influence of hydraulic losses. On the contrary to Catch-All HR I filter, results of the simulation show a slight decrease of the treatment efficiency for rainfall events characterized by mean flow rate higher than 0.1 l/s. From findings of elaboration, the Ultra Urban filter whose treatment efficiency seems to be irrespective of hydraulic loss influence for low flow rates, has been selected for the second phase of the time-shifted monitoring campaign at the IPLOM Spa site. CONCLUSIONS In the present paper the preliminary results of the Demonstration LIFE ESTRUS Project which aims at demonstrating the suitability and cost-effectiveness of catch basin treatment solutions for storm water runoff in harbor areas and production sites are presented. Based on the experimental data collected at the IPLOM S.p.A. monitoring site, the treatment efficiency of two different catch basin filter devices has been evaluated through a long term simulation over a period of 18 years. Data collected revealed relevant EMC values for total suspended solids, total organic carbon and total hydrocarbons. Heavy metals showed a predominant particulate-bound fraction across the whole monitoring campaign. The simulation results, focused on the TSS delivery, allowed to assess the influence of the hydraulic performance of the filter media in terms of treatment efficiency decrease. From findings of the elaborations, the hydraulic loss influence seems not significant for the Ultra Urban filter which was therefore chosen for installation in the IPLOM Spa site for the second phase of the time shifted monitoring campaign. The model has been implemented in order to describe the treatment efficiency decrease due only to the hydraulic failure caused by dripping and spilling phenomenon at low flow rate. However clogging phenomenon will be described in light of the results of the second phase of the monitoring campaign thus allowing to fully describe catch basin treatment system behaviour. AKNOWLEGEMENT This work was funded under the framework of the Life Environment Project ENVIT ESTRUS (Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Storm water). The kind cooperation of the manufacturers of the tested catch basin inserts is also gratefully acknowledged. The research has been carried out while the authors were at the University of Genova, Italy. REFERENCES Alley, W.M., Estimation of impervious-area washoff parameter, Wat. Resources. Res. 17(6), , Alley, W.M. and Smith, P.E., Estimation of accumulation parameters for urban runoff quality modelling, Wat. Resources. Res. 17(6), , ASCE, Determining urban stormwater best management practice (BMP) removal efficiencies, Urban Water Resources Research Council of the American Society of Civil Engineers. WA DC, ESTRUS - Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater, Contract n LIFE05 ENV/IT/000894, ESTRUS - Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater, Deliverable D.1A-Appendix C, Preliminary survey on different catch basin insert typologies for ESTRUS Project Laboratory Intercomparison, ESTRUS - Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater, Deliverable D.4, Technical report on the monitoring stations as installed, ESTRUS - Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater, Deliverable D.8B, Evaluation of Phase I of the time-shifted monitoring campaign, Berretta et al. 9

20 11 th International Conference on Urban Drainage, Edinburgh, Scotland, UK, 2008 Hipp, A., O. Ogunseitan, R. Lejano, and C. S. Smith, Optimization of stormwater filtration at the urban/watershed interface, Environmental Science & Technology 40(15): , Huber, W.C. and Dickinson, R.E., Storm Water Management Model, SWMM, Version 4, User s Manual, USEPA, report no. EPA 600/3-88/001a (NTIS PB /AS). Athens Georgia, Jewell, T.K. and Adrian, D.D., SWMM storm water pollutant washoff functions, ASCE Journal of Env. Engg. Div. 104(5), , Lau, S.-L., Khan, E., Stenstrom, M. K., Catch basin inserts to reduce pollution from stormwater, Wat. Sci. Tech., 44 (7), 23-34, Molini A., Berretta C., Cattaneo C., Furfaro M., Gnecco I., La Barbera P., Lanza L.G., Rovatti M.: A laboratory intercomparison of distributed stormwater treatment devices. Proc. of the 6th International Conference on Sustainable Techniques and Strategies in Urban Water Management, Novatech 2007, Lyon - France - June 25-28, 2007 Morgan RA, Edwards FG, Brye KR, Burian SJ., An evaluation of the urban stormwater pollutant removal efficiency of catch basin inserts, Water Environ Res Sep-Oct;77(5):500-10, On the efficiency of catch basin inserts for storm water runoff treatment

ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater

ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater INTRODUZIONE In ambiente urbano il carico inquinante associato alle acque di dilavamento di origine meteorica è oramai riconosciuto come uno

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

LEEDer in Ecosustainability

LEEDer in Ecosustainability LEEDer in Ecosustainability Da oggi le cucine Ernestomeda sono conformi al rating system LEED, una certificazione internazionale che valuta e attesta la sostenibilità nell edilizia. Ernestomeda kitchens

Dettagli

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio Marco Maglionico Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione provoca alterazioni al regime delle acque

Dettagli

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP and Labelling - quick guide on EU efficiency and product labelling Settembre 2015 September 2015 2015 ErP/EcoDesign

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Massima resa in filtrazione Economicità Semplicità di utilizzo Basso impatto ambientale

Massima resa in filtrazione Economicità Semplicità di utilizzo Basso impatto ambientale Massima resa in filtrazione Economicità Semplicità di utilizzo Basso impatto ambientale TECNOLOGIE E SISTEMI PER FILTRARE LUBROREFRIGERANTI E OLI INTERI DA TAGLIO Maximum efficiency in filtration Economical

Dettagli

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243 Molle per stampi DIE SPRIGS ISO 10243 2 Die springs Molle per stampi Located in Colnago, Milano TIPCOCIMA S.r.l. is a joint-venture between TIPCO Inc., a global supplier of pierce punches and die buttons

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

The distribution energy resources impact

The distribution energy resources impact LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 Il ruolo dell accumulo visto da una società di distribuzione ENEL Distribuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac.

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac. BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge UNITA LUBETOOL MC-EL-3P-4P-5P-6P-7P, MC-EL-3M-4M-5M-6M-7M, MC-EL-2P E MC- EL-2M Sono forniti completi di scatola di protezione metallica

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY REPORT TECNICO Pagina 1 di 8 RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY TECHNICAL REPORT ROUGHNESS ANALYSIS

Dettagli

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Sandro Artina Marco Maglionico DISTART Costruzioni Idrauliche Università di Bologna -Facoltà di Ingegneria sandro.artina@unibo.it

Dettagli

textile laser solutions

textile laser solutions - textile laser solutions - OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. L esperienza di OT-LAS nel settore della marcatura, decorazione

Dettagli

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI La nostra azienda opera da oltre 25 anni sul mercato della tranciatura lamierini magnetid e pressofusione rotori per motori elettrici: un lungo arco di tempo che ci ha visto

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller)

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller) Unione Europea Università degli studi di Salerno Dipartimento di Ingegneria Industriale Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica X Ciclo N.S. (2008-2011) Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale Tesi di laurea Specialistica Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Bristle test of different filaments based on the Brush "Record" - Toothbrush with whitening filaments, white filaments

Bristle test of different filaments based on the Brush Record - Toothbrush with whitening filaments, white filaments Bristle test of different filaments based on the Brush "Record" - Toothbrush with whitening filaments, white filaments As mentioned earlier all bristle test were carried out with two cleaning machines.

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating.

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating. DIRECTIVE 29/125/EC - REGULATION EU 547/212 Pentair informs you about the new requirements set by Directive 29/125/EC and its Regulation EU 547/212 regarding pumps for water. Here below you find a brief

Dettagli

La bellezza non è nulla senza l affidabilità Beauty is nothing without reliability

La bellezza non è nulla senza l affidabilità Beauty is nothing without reliability La bellezza non è nulla senza l affidabilità Beauty is nothing without reliability Nell evoluzione del moderno concetto di abitare, il bagno e soprattutto la doccia ha assunto sempre più un ruolo da protagonista

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

ARIA & ACQUA - AIR & WATER

ARIA & ACQUA - AIR & WATER DROP-STOP ECOPLAST 23 DROP-STOP è un prodotto in moduli componibili aventi differenti dimensioni e materiali: POLIPROPILENE LUNGHEZZA = 215 MM LARGHEZZA = 205 MM ALTEZZA = 198 MM SUPERFICIE UTILE = 0,043

Dettagli

FRAMES WINDOW TECHNOLOGY MOTTURA.COM

FRAMES WINDOW TECHNOLOGY MOTTURA.COM FRAMES WINDOW TECHNOLOGY MOTTURA.COM FRAMES UNA GAMMA DEDICATA Rollbox 40 e 60 sono tende a rullo filtranti ed oscuranti specifiche per installazione diretta senza foratura su serramenti in alluminio.

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY

M/S AMARU' GIOVANNI VIA S. ERASMO snc 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY M/S 02010 VASCHE DI CASTEL S. ANGELO (RI) ITALY RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 49/2012 in accordo con la norma UNI EN 14688 TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 49/2012 In compliance

Dettagli

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari Alessandro Franchi ARPA Toscana L'uso di pesticidi in agricoltura produce un impatto

Dettagli

OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva.

OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. - laser solutions - OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. L esperienza di OT-LAS nel settore della marcatura, decorazione e taglio

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella.

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella. MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL / The new wall lamps S, L, XL MAIL è la nuova collezione di applique a luce indiretta disegnata da Alberto Saggia e Valerio Sommella. I designer ALBERTO SAGGIA nasce a Novara

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

Ino-x. design Romano Adolini

Ino-x. design Romano Adolini Ino-x design Romano Adolini Nuovo programma placche Ino-x design Romano Adolini OLI, importante azienda nel panorama nella produzione di cassette di risciacquamento, apre al mondo del Design. Dalla collaborazione

Dettagli

Filtrotecnica Italiana

Filtrotecnica Italiana FT-FT 11/04 Filtri a tasche Vee bag Vee bag filters Filtri a tasche I filtri a tasche sono stati studiati per l impiego in tutte quelle applicazioni dove si richiedono un elevato grado di filtrazione dell

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Raffineria di Livorno Darsena Petroli (Italy) Pipeline YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

produzione filtri per oleodinamica idrosanitaria ed applicazioni industriali GENERAL CATALOG

produzione filtri per oleodinamica idrosanitaria ed applicazioni industriali GENERAL CATALOG produzione filtri GENERAL CATALOG per oleodinamica idrosanitaria ed applicazioni industriali Born to create filtering systems for liquids and gas present in systems or machinery, by studying them down

Dettagli

Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture

Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture II Convegno Nazionale Il Verde Pensile nel Clima Mediterraneo Genova, 6 Marzo 9 Scenari di regimazione idrica nella conversione a verde pensile delle coperture Anna Palla e Luca G. Lanza DICAT- Università

Dettagli

COMMERCIO COMMERCE. CAROSELLO, Carugate - Centro commerciale. MERITALIA, Milano - Show room

COMMERCIO COMMERCE. CAROSELLO, Carugate - Centro commerciale. MERITALIA, Milano - Show room COMMERCIO COMMERCE CAROSELLO, Carugate - Centro commerciale MERITALIA, Milano - Show room 2 4 1 Eurocommercial Properties Ampliamento Centro Commerciale Carosello Carugate (Milano) 2.2 D AT I D I P R O

Dettagli

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU

FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza 1 FP7 Environment nel quadro delle altre iniziative territoriali-ambientali EU Antonio Speranza Consorzio Interuniversitario Nazionale Fisica Atmosfere e Idrosfere Indice 1. Programmazione

Dettagli

2" GAS 2" GAS 2" GAS 2-1/2" GAS 2-1/2" GAS 85 (1P) 150 (1P) 150 (1P) 190 (1P) 250 (1P)

2 GAS 2 GAS 2 GAS 2-1/2 GAS 2-1/2 GAS 85 (1P) 150 (1P) 150 (1P) 190 (1P) 250 (1P) RACA PLUS ENERGY Le unità RACA PLUS ENERGY sono studiate per soddisfare in modo completo qualunque esigenza ed applicativa grazie ad una gamma completa di modelli e configurazioni. Sono disponibili con

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti.

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. La gamma NAUTILUS, nata dall esperienza maturata dalla nostra azienda in oltre 36 anni di attività nella progettazione e produzione di sistemi di

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG)

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG) CERTIFICATO DI CONFORMITÀ DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA / CERTIFICATE OF CONFORMITY OF THE FACTORY PRODUCTION CONTROL N./No. 0474-CPR-0566 In conformità al Regolamento N. 305/2011/EU del Parlamento

Dettagli

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy RPS TL da 280 kwp a 1460 kwp RPS TL from 280 kwp to 1460 kwp RPS TL System L elevata affidabilità e la modularità della costruzione sono solo alcuni

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015

Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015 Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015 Data/Ora Ricezione 01 Aprile 2015 17:17:30 MTA Societa' : SAIPEM Identificativo Informazione Regolamentata : 55697 Nome utilizzatore : SAIPEMN01 - Chiarini Tipologia

Dettagli

CORPORATE TECNECO Issue 02 09.02.2015

CORPORATE TECNECO Issue 02 09.02.2015 TECNECO Issue 02 09.02.2015 Proge&amo, produciamo e commercializziamo filtri aria, filtri olio, filtri carburante e filtri abitacolo per automobili, veicoli commerciali leggeri, mezzi agricoli e industriali.

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Idraulica ed Università di Palermo Sistemi localizzati di riuso delle acque reflue e meteoriche in ambiente urbano G. Freni,, G. Mannina,, M. Torregrossa,, G. Viviani Sommario Introduzione alle problematiche

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2001 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for the transportation system for

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Marco Cognome. Gambini Indirizzo. Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marco Cognome Gambini Indirizzo Via del Politecnico, 1 Ingegneria Industriale Città Roma CAP 00133 Paese ITALIA Telefono (fisso) 06-72597214 Cellulare 339-4908297

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna

Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna Auditenergetico e prime proposte di intervento per alcune scuole superiori della Provinciadi Ravenna Work package 3: Policy concepts for the promotion of renewable energy in the cities COP 3.5.5 - Report

Dettagli

TEST REPORT INDICE - INDEX

TEST REPORT INDICE - INDEX Test Report Number: 10/11/2015 Sesto San Giovanni (MI) Data Emissione - Issuing date Luogo Emissione - Issuing place Verifica della conformità al capitolato prove di KIDS P.A. S.r.l secondo EN 12266-1:2012

Dettagli

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it Esperienza

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Soul Fashion srl Company Profile

Soul Fashion srl Company Profile Soul Fashion srl Company Profile azienda Soul Fashion srlè un azienda giovane e fortemente motivata, focalizzata nel realizzare una linea di abbigliamento incentrata su forme, colori, tessuti e dettagli

Dettagli

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003 Mod. 1067 DS1067-019 LBT8388 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE Sch./Ref.1067/003 ITALIANO DESCRIZIONE GENERALE L interfaccia 1067/003 consente di collegare alla Centrale 1067/032 o 1067/042 (ver. 2.00

Dettagli

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins)

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) V. Juliette Cortes1, Simone Sterlacchini2, Thom Bogaard3, Simone Frigerio1,

Dettagli

Ozone Systems MCP-XT Range

Ozone Systems MCP-XT Range Ozone Systems MCP-XT Range Ozone production from air, PSA, LOX between 40 g/h and 1,300 g/h Low power consumption especially with air Compact and completely housed Complete process instrumentation Air

Dettagli

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi in collaborazione con Datamat-Ingegneria dei Sistemi s.p.a. YIELD MANAGEMENT

Dettagli

GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE

GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE GSM WATER CONTROL TELECONTROLLO REMOTO DI IMPIANTI, GESTIONE ACQUA SERBATOI, CONDUTTURE REMOTE CONTROL SYSTEM, MANAGEMENT OF WATER, TANKS AND PIPELINE TELELETTURA REMOTA DI INVASI, ACQUEDOTTI, CONDUTTURE,CONTATORI

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 2 gruppi di ricerca MED & UNIBS Gruppo di Impianti Industriali Meccanici Laboratorio Chem4Tech Azioni A1 B2 e B9 C1 OPERATIONS MANAGEMENT AND INDUSTRIAL ENGINEERING

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE

DNV BUSINESS ASSURANCE DNV BUSINESS ASSURANCE CERTIFICATO CE DI TIPO EC TYPE-EXAMINATION CERTIFICATE Certificato No. / Certificate No. 2666-2013-CE-ITA-ACCREDIA Questo certificato è di 5 pagine / This certificate consists of

Dettagli