IL PRODOTTO. Prof.ssa Silvia Gravili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PRODOTTO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it"

Transcript

1 IL PRODOTTO Prof.ssa Silvia Gravili 1

2 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO forze economiche forze competitive prodotto forze politiche forze socioculturali distribuzione forze demografiche cliente prezzo forze tecnologiche promozione forze legali e regolamenti forze ambientali 2

3 IL PRODOTTO bene, servizio o idea che viene acquistato/consumato in quanto rispondente a un bisogno o un desiderio tangibile vs intangibile utilità e benefici (funzionali, sociali, psicologici) 3

4 IL PRODOTTO è il cuore della brand equity, principale determinante sia delle esperienze e giudizi dei consumatori, sia delle comunicazioni aziendali alla base di una grande marca c è sempre un grande prodotto 4

5 COMUNICARE IL PRODOTTO obiettivo: far conoscere il prodotto far raggiungere un livello soddisfacente di qualità percepita la percezione della qualità del prodotto è in grado di influire su atteggiamenti e comportamenti di acquisto ma raggiungere un livello soddisfacente di qualità percepita è diventato più difficile, perché il continuo miglioramento dei prodotti ha innalzato le aspettative dei consumatori 5

6 QUALITA PERCEPITA DI PRODOTTO performance funzionali: conformità ai bisogni e assenza di difetti affidabilità (durata della performance nel tempo) durevolezza (vita economica attesa) manutenzione (facilità di riparazione) stile ed estetica 6

7 QUALITA PERCEPITA DI PRODOTTO caratteristiche intangibili: comunicazione di prodotto servizi collegati al prodotto valore del brand significato di prodotto 7

8 OGNI PRODOTTO HA UN SIGNIFICATO le persone comprano le cose non solo per le loro caratteristiche funzionali, ma anche per quello che significano Sidney Levy, 1959 le cose incarnano gli obiettivi, dimostrano le capacità, e forgiano l identità dei loro proprietari. Le persone sono in larga misura un riflesso delle cose con cui interagiscono M. Csikszent-mihalyi, E. Rochberg - Halton, 1986 il prodotto incarna nozioni d identità socialmente riconosciute e diventa un gettone di scambio simbolico di significato V. Margolin - R. Buchanan,

9 LINGUAGGIO DI PRODOTTO accessori immaginario funzionalità prezzo tecnologia pubblicità brand stile interfaccia / grafica funzione composizione materiale forma odore sensorialità prodotto nome 9

10 INNOVAZIONE E BISOGNI DEL CLIENTE funzione (tecnologia) performance cliente (bisogni) senso (linguaggio) significato valore simbolico valore emozionale fonte: Verganti, Design driven innovation,

11 ALCUNI PUNTI FOCALI i significati nascono dall interazione tra l utilizzatore e il prodotto; dipendono intrinsecamente dalla percezione di ogni singolo utilizzatore, e non possono essere definiti in maniera deterministica i significati di prodotto garantiscono un vantaggio competitivo ogni prodotto e servizi ha un significato (non soltanto quelli di fascia alta) i significati di prodotto sono ancora più rilevanti in un periodo di flessione economica 11

12 PRODOTTO DELL ANNO premio ai prodotti innovativi di largo consumo inseriti nella Grande Distribuzione Organizzata, nella Grandi Superfici Specializzate, nelle Farmacie e Parafarmacie, tra gennaio 2009 e giugno 2010 Unico giudice: il consumatore 12

13 PRODOTTO DELL ANNO La ricerca di TNS Infratest: - atteggiamenti, sensibilità, attese dei consumatori nei confronti dell Innovazione in generale e per ogni singola categoria merceologica; - TRI*M Index, indicatore univoco che misura la qualità della Consumer Experience 35,7% crescita fatturato PdA 6,1% crescita categorie di appartenenza PdA fonti: IRI InfoScan Census 13

14 PRODOTTO DELL ANNO La ricerca di TNS Infratest: attrattività del prodotto (appeal, promessa, marchio, innovazione percepita, packaging, prezzo) valore d'uso del prodotto (livello di soddisfazione del consumatore in seguito all utilizzo del prodotto) etica e valori dell impresa (conciliare mass market e sostenibilità) fonte:tns Italia,

15 COSA CI SI ASPETTA DALL INNOVAZIONE fonte:tns Italia,

16 PRODOTTO DELL ANNO Tendenze 2009: maggior cautela dei consumatori a sperimentare, dovuta alla difficoltà di percepire le reali innovazioni (disillusione) recupero della marca come importante elemento di rassicurazione, fiducia e mantenimento del proprio status sociale ricerca di naturalità e benessere sia per l individuo che per la collettività e l ambiente (impatto ambientale e sociale) fonte:tns Italia,

17 fonte:tns Italia,

18 fonte:tns Italia,

19 fonte:tns Italia,

20 fonte:tns Italia,

21 REALIZZARE UN PRODOTTO dalla catena di montaggio alla personalizzazione di massa Total Quality Management (TQM) Just in Time (JIT) Return on Quality (ROQ) kaizen muda 21

22 CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI PRODOTTI CONSUMER PRODOTTI BUSINESS prodotti di largo consumo istallazioni / servizi prodotti shopping attrezzature accessorie prodotti speciali prodotti non richiesti materie prime e componenti materiali di processo, consumo, manutenzione 22

23 PRODOTTI CONVENIENCE di largo consumo / acquistati frequentemente poco costosi / sforzo d acquisto minimo commercializzato attraverso molti punti vendita al dettaglio modesto sforzo promozionale da parte del punto vendita sforzo promozionale da parte del produttore ruolo critico del packaging 23

24 PRODOTTI SHOPPING considerevole sforzo nella pianificazione ed esecuzione dell acquisto bassa frequenza d acquisto (ci si aspetta che durino piuttosto a lungo) bassa fedeltà alla marca meno punti vendita al dettaglio sforzo promozionale congiunto punto vendita / produttore 24

25 PRODOTTI SPECIALITY possiedono una o più caratteristiche peculiari acquirenti disposti a spendere notevoli sforzi / cifre per procurarseli acquirenti non accettano prodotto sostitutivo numero limitato di punti vendita al dettaglio interesse primario degli acquirenti: ricerca del punto vendita che disponga del prodotto prescelto 25

26 PRODOTTI UNSOUGHT acquistati quando si deve risolvere un problema improvviso discriminante: velocità e risoluzione del problema vengono ignorate alcune caratteristiche di prodotto che gli acquirenti potrebbero normalmente considerare se avessero più tempo per il processo decisionale 26

27 LIVELLI DI PRODOTTO potential p. augmented prod. expected product generic product core benefit 27

28 LIVELLI DI PRODOTTO GENERIC PRODUCT: versione basilare del prodotto, comprendente gli attributi/ caratteristiche strettamente necessari al suo funzionamento EXPECTED PRODUCT: serie di attributi o caratteristiche che gli acquirenti normalmente si aspettano di ritrovare in un prodotto 28

29 LIVELLI DI PRODOTTO AUGMENTED PRODUCT: ulteriori benefici, attributi o servizi associati al prodotto che lo distinguono da quelli della concorrenza POTENTIAL PRODUCT: tutte le eventuali trasformazioni che il prodotto potrebbe subire successivamente 29

30 LINEA DI PRODOTTO ARTICOLO ( ITEM ): versione specifica di un prodotto, tra quelli di un organizzazione LINEA DI PRODOTTO: insieme di prodotti che appartengono alla medesima categoria, che sono considerati come unità in base e strettamente correlati in considerazione di mktg, tecniche o uso finale 30

31 LINEA DI PRODOTTO ESTENSIONI DI LINEA: una marca esistente è utilizzata per attribuire un nome a un nuovo prodotto rivolto a un nuovo segmento di mercato all interno di una categoria di prodotti in cui l impresa è già presente 31

32 MIX DI PRODOTTO MIX DI PRODOTTO: insieme di tutte le linee e gli articoli che una determinata azienda offre agli acquirenti AMPIEZZA: numero delle linee di prodotti offerte dall impresa PROFONDITA : numero e natura dei differenti prodotti offerti in ciascuna linea di prodotti 32

33 MIX DI PRODOTTO: P&G Tessuti e casa Igiene orale Fragranze Animali Salute e bellezza Batterie Elettrodomestici Rasatura Snack Profondità Ampiezza fonte: 33

34 CICLO DI VITA 0 tempo fonte: Pride - Ferrel, Marketing,

35 INTRODUZIONE PRIMA COMPARSA SUL MERCATO profitti negativi bassi volumi di vendita alti costi per cliente 35

36 INTRODUZIONE obiettivi di mktg/comunicazione: realizzare la conoscenza del prodotto intensa promozione vendite, per spingere alla prova del prodotto 36

37 INTRODUZIONE focus: promozione / acquisizione di visibilità: campioni gratuiti presenza sui media punti di debolezza: apportare rapidamente correzioni, per impedirne l eliminazione prematura prezzo 37

38 CRESCITA VENDITE RAPIDAMENTE CRESCENTI / PICCO DEI PROFITTI economie di scala veloce crescita delle vendite ingresso dei concorrenti prezzi basati sul valore percepito della marca 38

39 CRESCITA obiettivi di mktg / comunicazione: sostenere e promuovere l atto di acquisto, sottolineando le differenze rispetto ai concorrenti rafforzare la posizione del prodotto nel mercato creare e mantenere la fedeltà alla marca 39

40 CRESCITA focus: benchmark concorrenti: più sono, più diminuiscono i prezzi variazione della life expectancy penetrazione di mercato: uso più intenso della segmentazione sviluppo di varianti di prodotto distribuzione: carenze nella copertura geografica acquisizione di nuovi punti di distribuzione 40

41 CRESCITA E SVILUPPO DEL PRODOTTO ESISTENTE MODIFICAZIONI DEL PRODOTTO: qualità funzioni estetica forma 41

42 MATURITA RAGGIUNTO IL PICCO DI VENDITE, LA DOMANDA RALLENTA intensa concorrenza (ed espulsione dei concorrenti più deboli) elevata conoscenza di prodotto da parte degli acquirenti copertura distributiva elevata / tecnologia stabilizzata mercati ipersegmentati 42

43 MATURITA obiettivi di mktg / comunicazione: mantenere la quota di mercato cash flow per i distributori: promozioni dirette espansione delle distribuzione verso mercati globali (possibili adattamenti di prodotto) 43

44 MATURITA azioni di mktg per i consumatori: segmentazione del mercato in modo creativo / esplorazione di nuove nicchie o nuovi segmenti di mercato differenziazione dei prodotti guidata dalla scelta dei segmenti target e individuazione di fonti di vantaggio competitivo capacità di mantenere bassi i costi di produzione (eg. semplificazione produttiva, economie di scala, sinergie con altre linee di prodotto) 44

45 MATURITA azioni di mktg per i consumatori: aggiunta di valore al prodotto di base (servizi ai clienti, accordi di finanziamento, garanzie e riparazioni, orari di apertura, numero verde, supporto tecnico, consegna rapida, ecc.) massima copertura distributiva varietà di strategie di prezzo per differenziare le offerte nelle linee di prodotti 45

46 MATURITA per i consumatori: azioni di comunicazione mettere in evidenza miglioramenti / differenze nelle proprie versioni del prodotto rispetto ai concorrenti consolidare l immagine e il posizionamento del brand e del prodotto marketing di relazione 46

47 IL MARKETING DI RELAZIONE perché attivare la relazione: clientela sempre più esigente e meno "passiva" nel comportamento di acquisto dalla transazione/orientamento al mercato alla relazione/orientamento al cliente dal one to many al one to one 47

48 DALLA TRANSAZIONE ALLA RELAZIONE Approccio tradizionale Oggi obiettivo focus prodotto prezzo canali di vendita vendere un prodotto mercato offerta indifferenziata performance riduzioni generali tradizionali creare un cliente fedele cliente offerta personalizzata significati servizi differenziato per segmenti nuovi canali, in sinergia con i tradizionali comunicazione unidirezionale bidirezionale 48

49 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT cosa: costruzione, sviluppo, mantenimento e ottimizzazione di soddisfacenti relazioni di scambio tra consumatori e impresa, come: raccogliendo dati utili in tutti i punti di contatto con i clienti (eg. web, contact center, punto vendita, follow up, sondaggi, ecc.) e analizzando questi dati perchè: per comprendere sempre meglio (e se possibile anticipare) bisogni e desideri dei clienti (incremento di customer loyality e customer retention) 49

50 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT profondo cambiamento culturale: - visione sempre più integrata e complessiva delle attività - moltiplicazione dei canali e dei punti di accesso - ridefinizione della cultura interna e dell organizzazione interna verso la centralità del cliente - ottica del learning by doing - costruzione di un network di relazioni per - promuovere e migliorare l informazione e la condivisione del sapere in ottica di marketing predittivo 50

51 CRM: metodologie, strumenti, processi e attività fonte: 51

52 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT funzionalità minime di un sistema informativo per sviluppare azioni di CRM: - Gestione di database - Possibilità di segmentazione delle variabili in base a parametri modificabili - Tracciabilità dei contatti - Gestione e controllo delle campagne (Campaign Management) - Reportistica (Report Management) Analisi statistica (Data Mining) - Condivisione dei dati in tempo reale con i vari reparti - Interfaccia con gli altri sistemi aziendali 52

53 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT valorizzare i contatti con i clienti, costruire un rapporto di fiducia, attivare dialoghi interattivi specifici, personalizzare i prodotti allo scopo di soddisfare specifici bisogni, accrescere la customer intimacy e far aumentare per il consumatore il costo associato all abbandono fornire un supporto a/ creare sinergie con le forze di vendita 53

54 SOLO DIPENDENTI SODDISFATTI GESTISCONO CLIENTI SODDISFATTI! comunicazione: collante dell organizzazione e componente strategica di sviluppo dell impresa qualità dei prodotti/servizi customer needs customer satisfaction eccellenza nell organizzazione tendenza all innovazione valorizzazione R.U. politiche condivise design discourse cultura organiz. 54

55 CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT volontà della P.A. di avvicinare e rendere i cittadini il più possibile partecipi alla gestione della cosa pubblica (presa delle decisione e organizzazione/erogazione dei servizi) efficienza e trasparenza amministrativa 55

56 POSIZIONAMENTO DI PRODOTTO insieme delle decisioni e delle attività che hanno lo scopo di creare e mantenere un certo concetto del prodotto dell impresa (rispetto alle marche concorrenti) nella mente dei consumatori. risultato delle percezioni degli attributi del prodotto da parte dei clienti rispetto ai prodotti concorrenti e degli sforzi di comunicazione da parte dell impresa 56

57 MAPPA DI POSIZIONAMENTO rappresentazioni geometriche sintetiche delle percezioni dei consumatori relativamente alle dimensioni che utilizzano nella valutazione dei prodotti concorrenti. Di solito si utilizzano due variabili, selezionate tra quelle ritenute più significative per localizzare prodotti di marche diverse nella mente del consumatore. 57

58 MAPPA DI POSIZIONAMENTO costosi Excedrin Nuprin Aleve Orudis KT Advil per cefalee Anacin Tylenol Extra Strenght Tylenol Motrin per dolori del corpo Bayern St. Joseph s Norwich poco costosi fonte: Pride - Ferrel, Marketing,

59 POSIZIONAMENTO DI PRODOTTO obiettivi: confrontare come il proprio prodotto è percepito rispetto ai punti ideali evidenziare il rapporto tra la soddisfazione della clientela e la performance dell azienda rispetto alla concorrenza identificare nuove opportunità offerte dal mercato 59

60 POSIZIONAMENTO DI PRODOTTO obiettivi: per prodotti esistenti: modellare il prodotto, il prezzo e le prestazioni in funzione dei bisogni del proprio mercato target per l introduzione di nuovi prodotti: ridurre al minimo il rischio di cannibalizzazione rispetto ai prodotti già esistenti nella stessa linea 60

61 DECLINO RAPIDA DIMINUZIONE DELLE VENDITE perdita di distintività e riconoscibilità (brand switching) riduzione degli sforzi di promozione (tranne offerte speciali) eliminazione dei distributori marginali eliminazione di alcuni articoli dalla linea di prodotto / pianificazione del ritiro del prodotto 61

62 DECLINO focus: linea: sfoltire la linea, eliminando i prodotti che non procurano profitto riposizionare il prodotto per allungarne il ciclo di vita, se le condizioni tecnologiche e/o sociali lo consentono punti vendita: mantenimento dei soli punti vendita con grandi volumi ricorso allo spaccio aziendale 62

63 DECLINO caratteristiche revisione sistematica portafoglio prodotti contributo al fatturato performance vendite /costi profitti futuri valore delle modificazioni apportate da com. e mktg eliminare o riposizionare? riposizionamento eliminazione prezzo distribuzione immagine eliminazione graduale (phase out) eliminazione per esaurimento (run out) ritiro immediato 63

64 COME ALLUNGARE IL CICLO DI VITA DI UN PRODOTTO? a) aumentarne le funzionalità o le prestazioni, e magari proteggerle nel lungo termine dall imitazione attraverso brevetti ma i prodotti che competono esclusivamente sulle funzionalità, ogni volta che vengono inventate nuove funzioni, diventano velocemente obsoleti, forzando le aziende a una continua riprogettazione 64

65 ALLUNGARE LA VITA DEL PRODOTTO PUNTANDO SOLO SULLE PRESTAZIONI conseguenze: - veloce imitazione della concorrenza - accorciamento del ciclo di vita del prodotto - corsa pazza e senza senso per aggiungere nuove caratteristiche - ansia da recupero dell investimento (per le aziende) - produzione di inquinamento semiotico (per i consumatori) 65

66 COME ALLUNGARE IL CICLO DI VITA DI UN PRODOTTO? b) ridurne progressivamente il prezzo, tenendolo a un livello inferiore rispetto ai nuovi prodotti lanciati successivamente sul mercato ma - un ribasso dei prezzi non può durare all infinito, perchè non si può scendere a lungo sotto il costo di produzione - anche i concorrenti possono avere la disponibilità/capacità di abbassare i prezzi, scatenando una guerra dei prezzi che indebolisce notevolmente l organizzazione 66

67 COME ALLUNGARE IL CICLO DI VITA DI UN PRODOTTO? c) operare in contesti competitivi tiepidi, dove la pressione competitiva è limitata (ad es.: monopoli, nicchie di mercato, controllo di asset complementari come i canali di distribuzione) ma non è sempre possibile 67

68 IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO NON E ESOGENO! dipende strettamente dalla strategia di innovazione di un azienda fonte: Verganti, Design driven innovation,

69 confronto tra le strategie di innovazione nel settore delle game console fonte: Verganti, Design driven innovation,

70 COME ALLUNGARE IL CICLO DI VITA DI UN PRODOTTO? d) creare un business classic: prodotto dalla forte personalità e identità, che sfugge alla legge dell imitazione e dell obsolescenza perchè, anche se i concorrenti riescono a copiarne/superarne le funzionalità, non possono imitarne i significati, che restano attaccati al prodotto originario e al marchio 70

71 CREARE UN BUSINESS CLASSIC vantaggi: - ciclo di vita molto più lungo - vendite e quote di mercato rilevanti per tutta la sua durata (profitti) - minore sensibilità ai ribassi di prezzo dei concorrenti 71

72 CREARE UN BUSINESS CLASSIC vantaggi: - effetto alone positivo intorno alla brand (brand equity) - rafforzamento della propria posizione competitiva - fedeltà dei clienti - posizione nella rete sociale e accesso privilegiato alle risorse chiave (interpreti) 72

73 IL CICLO DI VITA DI UN BUSINESS CLASSIC fonte: Verganti, Design driven innovation,

74 UN BUSINESS CLASSIC: IMAC 74

75 penso che ci sia un mercato mondiale forse per cinque computer Thomas Watson, presidente IBM 75

76 PROCESSO DI ACQUISIZIONE DI PRODOTTO consapevolezza interesse valutazione prova adozione 76

77 DISTRIBUZIONE DELLE CATEGORIE DI ADOTTANTI fonte: Pride - Ferrel, Marketing,

78 DISTRIBUZIONE DELLE CATEGORIE DI ADOTTANTI Innovatori: i primi a provare nuovi prodotto. Provano piacere a sperimentarli e tendono ad essere audaci. Adottanti iniziali: scelgono accuratamente i nuovi prodotti. Sono visti come quelli a cui chiedere. Maggioranza anticipatrice: prudente e cauta nello sperimentare nuovi prodotti, li adotta immediatamente prima che lo faccia la persona media. Maggioranza ritardataria: piuttosto scettica, finisce per adottare un prodotto a causa della necessità economica o della pressione sociale. Ritardatari: sospettosi della novità, acquistano un prodotto quando magari è stato già sostituito da uno più nuovo. 78

79 PROCESSO DI PIANIFICAZIONE PER LANCIO DI PRODOTTO Focus sul consumatore-cliente (segmenti target; atteggiamenti; concept, product e market test) Focus sulla concorrenza (prescinde dalla categoria merceologica. È rappresentata da chiunque possa offrire soddisfazione allo stesso bisogno/desiderio) Focus sul posizionamento (specifici fattori: benefici offerti, tipologia di consumatori/target, occasioni d uso, storia/ origine, categoria di prodotto, livello di prezzo, eventi o testimonial, associazione alla propria azienda, riferimento a marche concorrenti) 79

80 PROCESSO DI PIANIFICAZIONE PER LANCIO DI PRODOTTO Focus sulle risorse: di struttura (coordinamento interfunzionale, marketing, ricerca e sviluppo, analisi di fattibilità ecc.) di sviluppo (analisi di laboratorio, registrazioni, dati di mercato, ricerche e test ecc.) finanziarie (economie di scala e di esperienza, investimenti in comunicazione, prezzo di penetrazione, disefficienze di sistema, rischi di cannibalizzazione, ecc.) 80

81 PROCESSO DI PIANIFICAZIONE PER LANCIO DI PRODOTTO Focus sui rischi: strategici (modifiche sostanziali e critiche nel mercato o nel contesto competitivo) di cannibalizzazione (forte riduzione di quote di mercato per prodotti maturi, spostamento di fascia di clienti aziendali già acquisiti, ecc.) operativi ( rischio di perdite derivanti da disfunzioni a livello di procedure, personale, sistemi interni, oppure da eventi esogeni. Causano un incremento dei costi operativi in termini più che proporzionali all aumento del reddito) 81

82 PROCESSO DI PIANIFICAZIONE PER LANCIO DI PRODOTTO Focus sul product concept (segmenti target; atteggiamenti; caratteristiche, vantaggi, personalità) Focus sul tempo (diagrammi di flusso: Gantt, Pert, ecc.) Focus economico (ROI, ROE, investimenti una tantum, customer LTV) 82

83 CUSTOMER LIFETIME VALUE (CLV - LTV) che cos è: il totale netto delle entrate che un azienda può aspettarsi da un cliente nel corso di una relazione di un determinato periodo di tempo (J. Novo, Maximizing Marketing ROI with Customer Behavior Analysis, 2001) perché è importante: fino a quando non si identifica e non si conosce esattamente l ammontare del profitto complessivo fornito da un determinato cliente, non è possibile sapere quanto tempo, quanto sforzo e, cosa più importante, quanta denaro è possibile investire per acquisire quel cliente (J. Abraham, Getting Everything You Can Out of All You've Got, 2000) 83

84 GT BY CITROEN concept car nata dalla collaborazione tra Citroën e Polyphony dal virtuale al reale 8 febbraio 2010: presentazione al Carnevale di Venezia 84

85 NAMING Denotativo Connotativo parola di dizionario Toys, Sapori Intesa, Diesel nome di persona/personaggio Omino Bianco, Mastro Lindo Virgilio, Alice, Armani composizione di parole Coca Cola, Divani e Divani Novartis, Bel paese, Nescafè parola alterata Mayò, Nutella, Intimissimi Milka, L Orèal piccola frase/espressione Chupa Chups That s Amore sigla Ibm, Fiat 7up, 121 parola inventata - Kodak, Yaris memorizzabilità, capacità di significazione, trasferibilità, adattabilità, proteggibilità fonte: Nomen Italia 85

86 PROCESSO DI SCELTA DELNAMING fonte: Keller, Busacca, Ostillio,

87 IL PACKAGING funzioni: per i consumatori: involucro, praticità, sicurezza / conservazione, differenziazione / riconoscimento, promozione per il canale: facilità di trasporto, magazzinaggio e movimentazione 87

88 IL PACKAGING elemento strategico di comunicazione carico di valori soggettivi, di vissuto, di significati: mediante simboli verbali e non verbali, è capace di informare i potenziali acquirenti sulle caratteristiche, usi e benefici del prodotto percorso narrativo, costruito in maniera sinergica tra elementi verbali, iconici e simbolici, per dare risposta ai bisogni materiali ed emozionali dell acquirente 88

89 IL PACKAGING <<In quel momento tutta la fila si sposta avanti d'un passo; e chi finora aveva sostato accanto al "Bleu d'auvergne" venato di verde viene a trovarsi all'altezza del "Brin d'amour" il cui biancore trattiene fili di paglia secca appiccicati; chi contemplava una palla avvolta in foglie può concentrarsi su un cubo cosparso di cenere>>. <<L'animo di Palomar oscilla tra spinte contrastanti: quella che tende a una conoscenza completa, esaustiva, e potrebbe essere soddisfatta solo assaporando tutte le qualità; o quella che tende a una scelta assoluta, all'identificazione del formaggio che solo è suo, un formaggio che certamente esiste anche se lui ancora non sa riconoscerlo (non sa riconoscersi in esso). Oppure, oppure: non è questione di scegliere il proprio formaggio ma d'essere scelti. C'è un rapporto reciproco tra formaggio e cliente: ogni formaggio aspetta il suo cliente, si atteggia in modo d'attrarlo.>> <<Al posto dei formaggi vede nomi di formaggi, concetti di formaggi, significati di formaggi, storie di formaggi, contesti di formaggi, psicologie di formaggi.>> I. Calvino, Palomar, Il museo dei formaggi,

90 IL PACKAGING IN AZIENDA customer relationship management gestione della customer satisfaction strategie di innovazione dell offerta packaging differenziazione e posizionamento di brand / prodotto product concept management della qualità corporate identity e corporate image comunicazione di prodotto rapporto coi canali distributivi logistica 90

91 IL PACKAGING efficiente polisensoriale funzionale packaging multiuso innovativo seduttivo gioioso empatico appealing modulare 91

92 IL PACKAGING 92

93 IL PACKAGING 93

94 CAMBIARE IL PACKAGING PER RINNOVARE IL BRAND 94

95 GIOCARE CON IL PACKAGING Natale, dicembre 2009 Halloween, ottobre

96 IL PACKAGING DEDICATO H] ra`n]jjk ej p]jpe a h] rann]jjk ] ^ana jah pqk hk_]ha* Kbbne mq]h_ko] `e ao_hqoerk ]e pqke _heajpe( Daejagaj Heiepa` A`epekj Nki] Bej]ha.,,5( h] jqkr] ^kppeche] _aha^n]per]( ej a`evekja heiep]p]( na]hevv]p] `] Daejagaj lan h] Ùj]ha `e Qab]?d]ilekjo Ha]cqa a `a`e_]p] qje_]iajpa ]h _]j]ha dkna_]* Qj] ^kppeche] `] _khhavekja _da ej_naiajpan ha pqa raj`epa* 96

97 NUOVO IL PRIMO LUCIDALABBRA AL GUSTO DI BIRRA La fragranza del luppolo e la leggerezza della schiuma, per labbra scintillanti dal riflesso dorato e baci dal sapore irresistibile. Il regalo di San Valentino perfetto per la tua lei, che farà felice anche te. Offered by 97

98 COSA SI ASPETTA L ACQUIRENTE velocità / capire subito di cosa si parla trasparenza e completezza / informazioni chiare e immediate, rappresentazioni grafiche realistiche dei prodotti 98

99 COSA SI ASPETTA L ACQUIRENTE coerenza / colori ed elementi aderenti a vision e mission della marca facilità: la semplicità di comunicazione e di percezione sono indice di qualità e mai di povertà 99

100 E. W. FAISON : VIEW Visibility: Informative: capacità di attirare l attenzione del consumatore sullo scaffale, emergendo alla vista rispetto ai prodotti concorrenti saper comunicare immediatamente la natura del contenuto Emotional impact: evocare nell immaginario dell acquirente impressioni positive e conformi alle scelte di marketing Workability: ergonomicità e praticità del package nell uso domestico 100

101 VIEW : IL TOBLERONE 101

102 PROGETTARE UN BUON PACKAGING progettazione di tipo user centered approccio che tenga conto dell utente finale cui il prodotto è prevalentemente rivolto, della frequenza d uso dell imballaggio e dell ambiente d uso. focus sugli aspetti legati al confort e alla sicurezza dell interazione tra l utente e il packaging 102

103 L INDAGINE DE IL SALVAGENTE aprile 2010, società Ergoproject obiettivo: individuare tipologie e caratteristiche degli imballaggi che non garantiscono all utente un interazione sicura, funzionale e confortevole metodo: analisi di 47 prodotto, a cui è stato attribuito un voto da 1 a

104 L INDAGINE DE IL SALVAGENTE aprile 2010, società Ergoproject criteri di valutazione: scelta del prodotto lettura delle istruzioni di apertura e conservazione apertura del packaging ed eventuale richiusura riutilizzo e conservazione 104

105 L INDAGINE DE IL SALVAGENTE risultati: - confezioni prive di istruzioni utili - rischio di ferirsi nell aprire la confezione e/o rischio di contaminazione/ deterioramento del prodotto - istruzioni disposte su parti del packaging soggette a rottura e a cestinazione - individuazione del sistema di apertura e conservazione del prodotto non palese voto: 4,5 voto: 5,5 105

106 L INDAGINE DE IL SALVAGENTE risultati: - sistemi di apertura che non funzionano o sembrano non avere utilità - packaging non proporzionati al quantitativo di contenuto - non corretti dimensionamento e sagomatura della confezione / l impugnatura e la manipolazione non viene favorita - qualità dei materiali non appropriati alla modalità di apertura della confezione e di conservazione del prodotto - packaging che richiedono strumenti per l apertura non compatibili con il luogo d uso del prodotto 106

107 L INDAGINE DE IL SALVAGENTE i packaging più difficili da aprire (e più pericolosi) sono quelli dei giocattoli: spesso per venirne a capo sono necessarie capacità di osservazione, esperienza, manualità e forza video dell indagine: 107

108 DA 5 P DEL MKTG MIX A RIFIUTO dati ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale: in Italia nel 2006 la quantità di imballaggi immessi al consumo (su un totale di circa 31 milioni di tonnellate di spazzatura) è stata di 12,2 milioni di tonnellate, il 3% in più rispetto all'anno precedente : + 9% degli imballaggi immessi al consumo (da 11,2 milioni di tonnellate a 12,2) 108

109 DA 5 P DEL MKTG MIX A RIFIUTO dati ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale: i contenitori non riutilizzati rappresentano il 5% del peso della nostra spesa il 60% del volume e il 40% del peso dei rifiuti solidi urbani sono rappresentati dagli imballaggi 109

110 L AZIONE DELL U.E. Sesto Programma Comunitario di Azione per l'ambiente : "Ambiente 2010: il nostro futuro, la nostra scelta" (luglio luglio 2012) Priorità e obiettivi della politica ambientale : cambiamento climatico biodiversità ambiente e salute gestione sostenibile delle risorse e dei rifiuti 110

111 L AZIONE DELL U.E. 4R: riduzione, riutilizzo, riciclo, recupero Educazione dei consumatori che, attraverso un accessibile e corretta informazione in materia di ambiente, potranno scegliere i prodotti più ecologici, orientando così il mercato e migliorare, nel contempo, la qualità della vita. Strumenti: Regolamenti ad attuazione volontaria/certificazioni EMAS ed ECOLABEL 111

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli