Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Derivati: principali vantaggi e utilizzi"

Transcript

1 Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003

2 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 2

3 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures (cenni) Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 3

4 Senza derivati cosa possiamo fare? In un mondo senza derivati possiamo operare: al rialzo (posizioni lunghe) al ribasso (posizioni corte) 4

5 su diversi orizzonti temporali Non possiamo sfruttare mercati laterali Non possiamo dosare la posizione in funzione delle nostre aspettative Non possiamo creare strategie complesse 5

6 Come visualizzare i possibili risultati? Posizione lunga (rialzista) Posizione corta (ribassista) Profitti Profitti Prezzo Prezzo Perdite Perdite 6

7 I profili visti hanno alcune caratteristiche Sono simmetrici Sono lineari Non hanno leva finanziaria (il guadagno/perdita è in proporzione 1:1 con il movimento del titolo acquistato/venduto) Sono illimitati (l unico limite è quello del prezzo positivo) 7

8 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 8

9 I derivati possono aiutarci a superare questi limiti Futures: consentono di aumentare la leva finanziaria (il rapporto tra guadagno/perdita percentuale e movimento percentuale dell azione è maggiore di 1) e di operare con facilità sia al rialzo che al ribasso Ma permane l impossibilità di: sfruttare mercati laterali dosare la posizione in funzione delle nostre aspettative creare strategie complesse 9

10 I contratti futures su indici azionari (FIB e minifib) Sono contratti a termine, il cui prezzo segue in maniera molto fedele il prezzo a pronti dell indice Sono standardizzati sia per scadenze che per ammontare Prevedono un margine iniziale e una liquidazione giornaliera dei profitti/perdite conseguiti Si sfrutta la somiglianza tra movimento del prezzo a termine e del prezzo a pronti per speculare su quest ultimo 10

11 FIB e MIB30 11

12 I vantaggi dei contratti future Leva finanziaria: un medesimo capitale produce un risultato multiplo di quello ottenibile a pronti Possibilità di operare direttamente su indici Facilità nel prendere posizioni corte Standardizzazione degli elementi contrattuali Alta liquidità Rischio di credito nullo (ruolo della Cassa di Compensazione e Garanzia) 12

13 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 13

14 Grazie alle opzioni si ha la possibilità di: sfruttare mercati laterali dosare la posizione in funzione delle nostre aspettative creare strategie complesse 14

15 I contratti di opzione Il contratto di opzioni è un contratto standardizzato che da al compratore il diritto, ma non l obbligo di: comprare (call) o vendere (put) una quantità determinata di un attività finanziaria o reale (sottostante) ad una data specifica (opzioni di tipo europeo) oppure entro una data specifica (opzioni di tipo americano) per un certo prezzo prefissato (strike o prezzo di esercizio) 15

16 Terminologia Opzione in-the money: per una call, quando il prezzo di mercato dell azione è maggiore del prezzo di esercizio; viceversa per una put Opzione at-the money: quando il prezzo di mercato dell azione è uguale al prezzo di esercizio Opzione out-of-the money: per una call, quando il prezzo di mercato dell azione è inferiore al prezzo di esercizio; viceversa per una put VALORE DI MERCATO OUT OF THE MONEY AT THE MONEY IN THE MONEY TEMPO Strike Price Quotazione Titolo Sottostante ESEMPIO CALL 16

17 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 17

18 Il risultato a scadenza di un opzione call Profitti E S A scadenza un opzione call vale: 0 se S < E (S-E) se S > E Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza 18

19 Il risultato a scadenza di un opzione call inclusivo del premio pagato Profitti P Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato E E+P S Se consideriamo il premio pagato il payoff complessivo si sposta verso il basso. L opzione viene esercitata quando S>E Quando S = E+P siamo in una situazione di breakeven (profitto nullo) 19

20 Il risultato a scadenza di un opzione put Profitti A scadenza un opzione put vale: E S (E-S) se S < E 0 se S > E Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato 20

21 Il risultato a scadenza di un opzione put inclusivo del premio pagato Profitti P Perdite E-P E E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato S Se consideriamo il premio pagato il payoff complessivo si sposta verso il basso. L opzione viene esercitata quando S< E Quando S = E-P siamo in una situazione di break-even (profitto nullo) 21

22 Chi vende l opzione ha un risultato speculare rispetto all acquirente Acquirente call Acquirente put call put Venditore call Venditore put 22

23 Le caratteristiche dei risultati a scadenza delle opzioni Asimmetrici Limitazione della perdita massima per l acquirente, limitazione del profitto massima per il venditore Situazione molto diversa tra acquirente e venditore in termini di rischio Differente trattamento delle due posizioni (necessità di margini per il venditore) Ancora risultati lineari, se considerati a scadenza 23

24 Le strategie statiche Rispondono a fabbisogni ben identificabili dell investitore Sono una buona palestra prima di passare al trading dinamico in opzioni Presentano risultati che dipendono solo dal prezzo a scadenza Coerentemente, tutti i grafici che vedremo sono riferiti alla scadenza dei contratti di opzione 24

25 1. Strategia rialzista tramite l acquisto di opzioni call Profitti L operatore rialzista può usare opzioni call per raggiungere il proprio obiettivo P E E+P S Non si espone, se non limitatamente al premio pagato, al rischio di ribasso, mentre partecipa ai rialzi di mercato Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato Il grado di aggressività della strategia dipende dal prezzo di esercizio scelto (differenza fondamentale rispetto all operatività cash). 25

26 Perché usare l opzione e non direttamente l azione sttostante? Per due motivi principali: Esempio del 18/03/2003 per sfruttare l effetto leva offerto dal derivato perché l opzione consente di dosare il rischio in funzione delle proprie previsioni, scegliendo diversi prezzi di esercizio STMicroelect. spot 18,94 Opzioni Call scad. 06/03 E 19,5 P 1,7810 E 20,0 P 1,5575 E 23,0 P 0,6710 E 25,0 P 0,

27 Risultato unitario dell acquisto di opzioni call STMicroelect. con diversi strike (18/03/2003) 14,00 12,00 Guadagno/Perdita 10,00 8,00 6,00 4,00 Prezzo Spot = 18,94 2,00 0,00-2, Prezzo STM a scadenza dell'opzione 27

28 Risultato per investiti in opzioni call STMicroelect. con diverso strike (18/03/2003) ,00 Guadagno/Perdita , , ,00 Prezzo Spot = 18, , , Prezzo STM a scadenza dell'opzione 28

29 2. Strategia ribassista tramite l acquisto di opzioni put Profitti In questo caso ci troviamo in una situazione speculare rispetto all acquisto di una call. P E-P E S La posizione genera profitti quando il prezzo dell azione scende, e prevede una perdita massima pari al premio pagato. Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato Anche in questo caso il livello di aggressività dipende dal prezzo di esercizio scelto. 29

30 3. Protective put Profitti P E S Se possediamo l azione sottostante (linea bianca) possiamo proteggerne il valore acquistando un opzione put (linea rossa) Il nostro risultato complessivo sarà dato dalla linea verde. Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato Parteciperemo ai movimenti positivi dell azione (con una piccola penalizzazione data dal premio pagato) ma ci proteggeremo dai ribassi della stessa 30

31 4. Covered call Profitti P E S Rispetto alla semplice detenzione dell azione (linea bianca) l aggiunta di una posizione di vendita di call (linea verde) consente di aggiungere redditività in tutti i casi, tranne che in quello di una forte ascesa del prezzo dell azione. Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio incassato Per questo la vendita di una call coperta è una strategia che dà buoni risultati quando l azione sottostante mostra movimenti limitati, al rialzo o al ribasso. 31

32 5. Strategie di spread: Bull Spread Profitti Il bull spread è una strategia rialzista con una limitazione di profitti e perdite. P2 P1 E1 E2 S Si costruisce solitamente ricorrendo a opzioni call: una acquistata in-the-money e una venduta out-of-the money. Perdite E1,E2 = prezzi di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P1, P2 = premi pagati/incassati 32

33 6. Strategie di spread: Bear Spread Profitti Il bear spread è una strategia ribassista con una limitazione di profitti e perdite. P2 P1 E2 E1 S Si costruisce solitamente ricorrendo a opzioni put: una acquistata in-the-money e una venduta out-of-the money. Perdite E1,E2 = prezzi di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P1,P2 = premi pagati/incassati 33

34 7. Strategie non direzionali: straddle Profitti P Perdite E = prezzo di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P = premio pagato E S Lo straddle è un classico esempio di strategia non direzionale. La strategia è adatta a chi ipotizza forti movimenti di prezzo dell azione sottostante, ma non ha idea della direzione di questi movimenti. Consiste nell acquisto simultaneo di due opzioni, una call e una put, con medesimo sottostante, prezzo di esercizio e scadenza. 34

35 8. Collar Profitti P2 P1 Perdite E1 E2 E1,E2 = prezzi di esercizio S = prezzo del sottostante a scadenza P1,P2 = premi pagati/incassati S In un collar si parte da una posizione nel sottostante e si limitano perdite e profitti potenziali con l acquisto di una put out-of-the money e la vendita di una call out-of-the money. Il grado di protezione dalle perdite e il grado di limitazione dei profitti dipendono dai prezzi di esercizio delle due opzioni. Spesso si scelgono i due prezzi di esercizio in maniera tale che i premi siano uguali (zero-costcollar). 35

36 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie statiche Strategie dinamiche 36

37 Le strategie dinamiche in opzioni Fino ad ora abbiamo visto i risultati di alcune strategie alla scadenza del contratto di opzione. L evoluzione naturale del trader lo porta a valutare strategie dinamiche che considerano anche cosa succede tra l acquisto dell opzione e la sua scadenza. 37

38 Se passiamo a una logica di trading dinamica... Dobbiamo capire da cosa dipende il prezzo di un opzione Dobbiamo capire come il prezzo reagisce a variazioni delle grandezze che lo determinano Dobbiamo capire cosa succede al valore dell opzione durante la vita dell opzione 38

39 Da cosa dipende il prezzo di un opzione? 1. Il prezzo di esercizio STM Spot 18,94 (18/03) STM Aprile CALL E 18,0 P 1,8035 E 22,0 P 0,3570 STM Aprile PUT E 17,0 P 0,50 E 20,0 P 1,7080 Per una call, maggiore il prezzo di esercizio, minore il premio Per una put, maggiore il prezzo di esercizio, maggiore il premio 39

40 Da cosa dipende il prezzo di un opzione? 2. Il prezzo del sottostante STM Spot 18,94 (18/03) STM Call E 20,0 Aprile P 0,8145 Per una call, un aumento del prezzo del sottostante determina un aumento del valore dell opzione STM Spot 19,60 (19/03) STM Call E 20,0 Aprile P 0,9050 Per una put, un aumento del prezzo del sottostante determina una riduzione del valore dell opzione 40

41 Da cosa dipende il prezzo di un opzione? 3. Il tempo a scadenza STM Spot 18,94 (18/03) STM Call E 24,0 Giugno P 0,62 Settembre P 1,20 Maggiore il tempo a scadenza, maggiore il valore dell opzione a parità di altri fattori (e a meno di situazioni particolari). STM Put E 20,0 Marzo P 0,1598 Aprile P 1,7080 Il passaggio del tempo è tendenzialmente nemico dei compratori di opzioni. 41

42 Da cosa dipende il prezzo di un opzione? 4. La volatilità dell azione Esempio 18/03/03 La volatilità dell azione è Call TIM Aprile 03 l unico fattore di pricing non Prezzo TIM 3,88 - E=4,2 osservabile direttamente sul mercato, perché si tratta della Premio = 0,067 volatilità stimata durante la vita del contratto Call TISCALI Aprile 03 Si distingue quindi tra volatilità PREZZO TIS 3,88 - E=4,2 storica (oggettiva) e volatilità implicita, ovvero quella Premio = 0,1285 incorporata nei contratti di opzione 42

43 La volatilità delle azioni TIM e Tiscali: un interpretazione intuitiva 43

44 La volatilità nel pricing delle opzioni La volatilità usata per prezzare le opzioni fa riferimento a un concetto statistico: la devizione standard (o scarto quadratico medio) dei rendimenti dell azione (σ). Questa misura è un indicatore di dispersione dei rendimenti periodali (solitamente giornalieri o settimanali) dell azione attorno al loro valore medio. La volatilità giornaliera o settimanale viene annualizzata moltiplicandola per la radice quadrata del tempo. Se ad esempio la volatilità settimanale stimata è pari al 2% quella annua equivale a 2%*radq(52) = 2%*7,21 = 14,42% 44

45 Da cosa dipende il prezzo di un opzione? 5. Tasso di interesse e dividendi Le variazioni del tasso di interesse hanno solitamente un impatto trascurabile sul valore dell opzione, a meno che non si tratti di shock di grande dimensione Più rilevante è l impatto dei dividendi, che riguarda tutte le opzioni che coprono il periodo temporale in cui avviene lo stacco dividendi 45

46 Il valore dell opzione durante la sua vita Call a scadenza Call 1 mese prima della scadenza Call 3 mesi prima della scadenza Time decay E S 46

47 Il valore dell opzione durante la sua vita Il problema principale con i fattori che determinano il prezzo dell opzione è che purtroppo non si muovono isolatamente ma congiuntamente Occorrono sensibilità ed esperienza per stimare l impatto congiunto di movimenti in più di una delle variabili considerate Esempio classico: perché il mercato va in mio favore e il valore dell opzione che ho acquistato scende? (Risposta: passaggio del tempo, volatilità, tassi di interesse) 47

48 Conclusione: gli investimenti migliori li conosceremo solo a posteriori.. ciò che possiamo fare prima è selezionare gli investimenti più adatti (alle nostre aspettative, alla nostra tolleranza al rischio, alla nostra capacità patrimoniale)... e i derivati possono offrirci un grande aiuto in questo compito. 48

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di MAGGIO 2004 NUMERO 22 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE Le news del mese 1 Nel prossimo numero 1 Prima pagina 2 IDEM Quiz

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Financial Trend Analysis

Financial Trend Analysis Financial Trend Analysis Analisi relativa a MIB Elaborata il giorno 25/01/2013 Financial Trend Analysis srl L'autorizzazione all'accesso alle presenti informazioni è strettamente riservata ad uso personale

Dettagli

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading.

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading. 1/ 33 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Per cominciare... 3 Conoscere i propri obiettivi... 3 Raggiungere i propri obiettivi... 3 Idoneità al trading... 3 Preparazione al trading... 3 I margini... 3

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Strategie Operative mediante Opzioni

Strategie Operative mediante Opzioni Strategie Operative mediante Opzioni Una posizione su: l opzione e il sottostante è detta hedge 2 o più opzioni dello stesso tipo è detta spread una miscela di calls e puts è detta combinazione Posizioni

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Gabriele VILLA Responsabile Business Development Investitori Privati Stefania FAIELLA Derivatives Markets Products and Indices Borsa Italiana

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

OptionCube Educational

OptionCube Educational OptionCube Educational Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario... 2 La descrizione di OptionCube... 3 OptionCube Educational... 3 OptionCube Educational

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

Financial Trend Analysis

Financial Trend Analysis Financial Trend Analysis Analisi relativa a S&P 500 INDEX Elaborata il giorno 22/02/2013 L'autorizzazione all'accesso alle presenti informazioni è strettamente riservata ad uso personale con il tassativo

Dettagli

Economia e tecnica del mercato mobiliare

Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università ità degli Studi di Cagliari i Anno Accademico 2013-2014 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Opzioni sui tassi d interesse Interest rate

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Manuale Versione 1.2 del 4 giugno 2015 1.0 Executive summary... 1 2.0 Calcolo dei Margini per il comparto azionario e derivati azionari... 1 2.1. Tipologie

Dettagli

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Operare con strumenti derivati per la copertura dei rischi di portafoglio Gli strumenti derivati

Dettagli

Conoscere gli strumenti derivati

Conoscere gli strumenti derivati Conoscere gli strumenti derivati Una breve guida alle principali caratteristiche e all utilizzo degli strumenti finanziari derivati di Borsa Italiana Alcuni articoli contenuti in questa pubblicazione -

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

IL TRADING CON LE OPZIONI RESO SEMPLICE

IL TRADING CON LE OPZIONI RESO SEMPLICE 1 WWW.CALMAIL.IT Stefano Calicchio IL TRADING IN OPZIONI RESO SEMPLICE La guida introduttiva al trading in opzioni e alle principali strategie di option trading. www.calmail.it 2 Tutti i diritti riservati.

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures.

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures. IDEMDJD]LQH 1XPHUR 1(:6 /8*/,2$//,16(*1$',PLQL),%(,'(0672& )8785(6 $JRVWR 0LQL),%: il 17 luglio il minifib ha segnato il nuovo record storico giornaliero con 15.080 contratti scambiati. Il precedente record

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità TRADINGONLINE EXPO Milano, 25 e 26 ottobre 2007 Definizione dei take-profit e degli stop-loss in base base alla volatilità Relatore: Maurizio Milano, docente SIAT resp. Analisi tecnica Gruppo Banca Sella

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

I certificati e le strategie di recupero delle perdite

I certificati e le strategie di recupero delle perdite I certificati e le strategie di recupero delle perdite Nevia Gregorini Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Indice 1. Gli Easy e le strategie di recupero delle perdite

Dettagli

Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità

Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità Andrea Berardi Università di Verona e GRETA Loriana Pelizzon London Business School e GRETA 1. Introduzione Le opzioni hanno una funzione

Dettagli

Cosa sono le Butterfly

Cosa sono le Butterfly MAX SEVERI 2 INTRODUZIONE Dopo aver affrontato i primi basilari aspetti del mondo delle opzioni, iniziamo ad andare nel dettaglio con una prima struttura molto semplice, sia da capire che soprattutto da

Dettagli

SG Warrants Italia. Covered warrant

SG Warrants Italia. Covered warrant SG Warrants Italia Covered warrant Definizione di covered warrant 2 Valutazione del covered warrant 6 Coefficienti di sensibilità 8 Fattori che influenzano i prezzi delle opzioni 12 Trattamento fiscale

Dettagli

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe Strategie di hedging con i Certificati Massimiliano Volpe 2 Con il termine di hedging si fa riferimento ad una strategia d'investimento disegnata per ridurre il profilo di rischio di un investimento mediante

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Introduzione all Operatività con le Opzioni

Introduzione all Operatività con le Opzioni Introduzione all Operatività con le Opzioni a cura di Antonio Dorati Congratulazioni! Stai per fare il primo passo verso la conoscenza di uno strumento di trading straordinario le Opzioni. In questo ebook

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

Strategie con le opzioni

Strategie con le opzioni 1 Strategie con le opzioni Maria Letizia Guerra 2 Aprile 2008 Strategie con le opzioni 3 1 Strategie con le opzioni 1.1 Hedge Si chiama copertura una qualsiasi transazione volta alla rimozione totale o

Dettagli

I CONTRATTI DI OPZIONE

I CONTRATTI DI OPZIONE I CONTRATTI DI OPZIONE INDICE Capitolo 1 - Definizione e terminologia...2 Capitolo 2 - Funzionamento e payout...4 Capitolo 3 - Elementi di valutazione delle opzioni...8 Capitolo 4 A cosa servono le opzioni?...15

Dettagli

studi e analisi finanziarie Put ladder

studi e analisi finanziarie Put ladder Put ladder ( guadagniamo con i forti ribassi di mercato ) In questo articolo ci accingiamo ad esporre l analisi di un Put ladder, affronteremo prima la parte teorica poi, in successivo articolo, esporremo

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit TURBO E SHORT COVERED WARRANT I.P. 03.2006 Obiettivo Trading Covered warrant, Turbo e Short UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389 E-mail: info@tradinglab.it

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

E-BOOK A CURA DI: DOTT. DOMENICO DALL OLIO

E-BOOK A CURA DI: DOTT. DOMENICO DALL OLIO DENTRO GLI IRON CONDOR: LA VERITA SU UNA DELLE PIU DIFFUSE STRATEGIE NON DIREZIONALI SULLE OPZIONI UNA ANALISI STATISTICA DI LUNGO PERIODO SU TRE MERCATI EUROPEI SVELA LA LORO REALE PROFITTABILITA E-BOOK

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Giampaolo Ferradini Autore Il Sole 24 ORE L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Sono contratti finanziari in cui si definisce un accordo di remunerazione. La remunerazione

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale

Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Futures e Opzioni: un Portafoglio Non Direzionale Relatore Ch. Prof.ssa Diana Barro Laureando Daniel Miatello

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

MINI FUTURE CERTIFICATE

MINI FUTURE CERTIFICATE MINI FUTURE CERTIFICATE MINI FUTURE CERTIFICATE SG Leva, trasparenza e liquidità I Long e Short Mini Future consentono, in modo agevole, di prendere posizioni sia rialziste che ribassiste su indici, azioni,

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

(I GRAFICI sono mancanti per problemi tecnici del sito e verranno aggiunti successivamente)

(I GRAFICI sono mancanti per problemi tecnici del sito e verranno aggiunti successivamente) (I GRAFICI sono mancanti per problemi tecnici del sito e verranno aggiunti successivamente) Aggiornamento Operativo successivo (ore 12:40) Aggiorno le tabelle operative sui vari mercati che restano in

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli