DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI"

Transcript

1 DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABU EDILIZI (LR 23 / 2004) 2009 a cura di Massimo Betti Luca Trentini Rossella Ventura

2 QUADRO GENERALE PER TUTTE LE IPOTE DI RILEVAMENTO DI POSBILI ABU EDILIZI PROCEDURA GENERALE vedi diagramma pag. 2 la fattispecie rientra nelle ipotesi di cui agli artt. 9, 10, 11 o 12? PROCEDURA ART. 9 vedi diagramma pag. 3 PROCEDURA ART. 10 c. 1 vedi diagramma pagg. 4 PROCEDURA ART. 10 c. 2 vedi diagramma pagg. 5-6 PROCEDURA ART. 10 c. 3 vedi diagramma pag. 7 PROCEDURA ART. 11 vedi diagramma pag. 8 PROCEDURA ART. 12 vedi diagramma pag. 9 PROCEDURA ART. 13 vedi diagramma pag. 10 PROCEDURA ART. 14 vedi diagramma pagg PROCEDURA ART. 15 vedi diagramma pagg PROCEDURA ART. 16 vedi diagramma pag. 15 PROCEDURA ART. 17 vedi diagramma pag. 16 PER L IPOTE DI SPONTANEA PRESENTAZIONE TARDIVA DI DIA PROCEDURA ART. 18 c. 2 vedi diagramma pag. 17 PER L IPOTE DI ANNULLAMENTO DI PERMESSO DI COSTRUIRE PROCEDURA ART. 19 vedi diagramma pag. 18 1

3 DIAGRAMMA PROCEDURA GENERALE F A S E 1 art. 2 c. 1 rilevamento d ufficio art. 2 c. 4 art. 4 c. 1 denuncia da parte di terzi se la denuncia è sufficientemente circostanziata e se si ravvisano ipotesi di irregolarità della sussistenza dell abuso (*) art. 2 c. 4 comunicazione da organi di polizia 30 gg si riscontrano irregolarità? Se il provvedimento non origina da comunicazione di organi di polizia e se si rileva una possibile rilevanza penale, effettuare rapporto alla A.G. (331 cpp 361 cp) 15 gg atto di accertamento di insussistenza dell abuso (*) art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) 15 gg F A S E 2 atto di accertamento e comunicazione alla A.G. art. 4 c. 1 ordinanza di sospensione dei lavori (**) se l ordinanza è violata ci sono i presupposti per la regolarizzazione ex art. 17? 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) vedi PROCEDURA ART gg F A S E 3 art. 4 c gg art.5 c. 2 provvedimento sanzionatorio atto sostitutivo della Provincia (*) Valutare se si ricade nelle ipotesi di cui agli artt. 9, 10, 11 o 12. Se sì, proseguire con i relativi diagrammi. Altrimenti proseguire con i diagrammi relativi alle ipotesi di cui agli artt. 13, 14, 15 o 16. 2

4 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 9 (aree inedificabili o soggette a tutela) FASE 1 FASE 2 la fattispecie rientra nei casi di cui all art. 9 c. 5? richiesta alla Soprintendenza di procedere al ripristino (*) ordinanza di demolizione e di ripristino dello stato dei luoghi (**) (da comunicare anche alle eventuali Amministrazioni competenti alla tutela) la fattispecie rientra nei casi di cui all art. 9 c. 4? l ordinanza è stata ottemperata entro 90 gg? di ottemperanza (**) la vigilanza sul vincolo compete al Comune? atto di accertamento di inottemperanza (**) di inottemperanza e di dichiarazione di acquisizione al patrimonio comunale (**) di inottemperanza e di dichiarazione di acquisizione al patrimonio dell Ente competente (**) provvedimento di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi a cura del Comune o delle Amministrazioni competenti alla tutela (**) trascrizione nei registri immobiliari trasmissione all Ente competente ai fini della trascrizione e del ripristino atto di accertamento del compiuto ripristino (*) 180 gg provvedimento di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi a cura del Comune (*) 180 gg esecuzione demolizione 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) atto di compiuta demolizione (*) avvenuto recupero spese 3

5 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 10 COMMA 1 (edifici vincolati dalla Parte II del DLgs 42/04) FASE 1 FASE 2 atto di irrogazione di sanzione pecuniaria (**) comunicazione di trasgressione al Ministero per atti di conseguenza (*) (art. 160 DLgs 42/04) 4

6 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 10 COMMA 2 (immobili vincolati dagli strumenti urbanistici) FASE 1 FASE 2 parere CQAP l interessato ha chiesto la sanzione pecuniaria alternativa al ripristino? parere CQAP relazione tecnica sulla possibilità del ripristino è possibile il ripristino? entro 90 gg dalla richiesta atto di: (**) irrogazione di sanzione pecuniaria eventuale prescrizione di opere entro congruo termine l eventuale prescrizione di opere èottemperata? di ottemperanza (**) di inottemperanza (**) conseguenze predefinite nell atto di prescrizione delle opere SEGUE 5

7 SEGUE Art. 10 comma 2 atto di ordinanza di restituzione in pristino e di irrogazione di sanzione pecuniaria (**) l ordinanza di restituzione in pristino è stata ottemperata? atto di accertamento ottemperanza (**) atto di accertamento inottemperanza (**) la fattispecie a quale tipologia è riconducibile? art. 13 art. 14 o art. 16 art. 15 vedi procedura uguale a quella dell art. 13 FASE 4 relativa all inottemperanza vedi procedura uguale a quella dell art. 14 FASE 4 relativa all inottemperanza conseguenze predefinite nel provvedimento sanzionatorio 6

8 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 10 COMMA 3 (edifici vincolati dalla Parte III del DLgs 42/04) FASE 1 FASE 2 parere CQAP conclusione procedimento art. 167 DLgs 42/04 (**) atto di irrogazione di sanzione per illecito edilizio (**) 7

9 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 11 (abusi su suoli pubblici) FASE 1 atto di: (**) diffida con ordinanza di sospensione dei lavori ordinanza di demolizione e di ripristino dello stato dei luoghi l ordinanza è stata ottemperata entro 90 gg? di inottemperanza (**) di ottemperanza (**) provvedimento di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi a cura del Comune (**) 180 gg esecuzione demolizione 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) atto di compiuta demolizione e ripristino dello stato dei luoghi (*) avvenuto recupero spese 8

10 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 12 (lottizzazione abusiva) FASE 1 ordinanza di sospensione dei lavori con divieto di negoziazione degli immobili ex art. 12 comma 7 (**) trascrizione nei registri immobiliari 90 gg ci sono i presupposti per la revoca dell ordinanza? atto dichiarativo di acquisizione delle aree al patrimonio disponibile del Comune (**) provvedimento di revoca dell ordinanza e cancellazione della trascrizione (**) trascrizione nei registri immobiliari ci sono i presupposti per una riconfigurazione della fattispecie di abuso? provvedimento di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi a cura del Comune (*) 180 gg vedi procedimento specifico per la tipologia di abuso esecuzione demolizione 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) atto di compiuta demolizione (*) 9

11 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 13 (nuova costruzione senza titolo o in totale difformità o con variazioni essenziali) FASE 1 FASE 2 ordinanza di demolizione e di ripristino dello stato dei luoghi (**) ci sono i presupposti per l applicazione dell art. 17? vedi PROCEDURA ART. 17 l ordinanza è stata ottemperata entro 90 gg? di inottemperanza e di dichiarazione di acquisizione al patrimonio comunale (**) di ottemperanza (**) trascrizione nei registri immobiliari F A S E sussiste un prevalente interesse pubblico a conservare l opera? provvedimento di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi a cura del Comune (*) delibera del Consiglio comunale (*) 180 gg 4 esecuzione demolizione 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) atto di compiuta demolizione (*) avvenuto recupero spese 10

12 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 14 (ristrutturazione senza titolo abilitativo o in totale difformità o con variazioni essenziali) FASE 1 FASE 2 l interessato ha chiesto la sanzione pecuniaria alternativa al ripristino? relazione tecnica sulla possibilità del ripristino solo per comma 3 (centri storici) parere CQAP 60 gg è possibile il ripristino? entro 90 gg dalla richiesta atto di: (**) irrogazione di sanzione pecuniaria eventuale prescrizione di opere entro congruo termine richiesta del contributo di costruzione l eventuale prescrizione di opere èottemperata? di inottemperanza (**) di ottemperanza (**) conseguenze predefinite nell atto di prescrizione delle opere SEGUE 11

13 SEGUE Art. 14 ordinanza di demolizione entro congruo termine, max 120 gg (**) ci sono i presupposti per l applicazione dell art. 17? vedi: PROCEDURA ART. 17 l ordinanza è stata ottemperata? di inottemperanza (**) di ottemperanza (**) F A S E provvedimento di demolizione a cura del Comune (**) esecuzione demolizione 180 gg 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) 4 atto di compiuta demolizione (*) avvenuto recupero spese 12

14 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 15 (parziale difformità) FASE 1 FASE 2 l interessato ha chiesto la sanzione pecuniaria alternativa al ripristino? relazione tecnica sulla possibilità del ripristino è possibile il ripristino? entro 90 gg dalla richiesta atto di: (**) irrogazione di sanzione pecuniaria eventuale prescrizione di opere entro congruo termine richiesta del contributo di costruzione l eventuale prescrizione di opere èottemperata? di inottemperanza (**) di ottemperanza (**) conseguenze predefinite nell atto di prescrizione delle opere SEGUE 13

15 SEGUE Art. 15 ordinanza di demolizione entro congruo termine, max 120 gg (**) l ordinanza è stata ottemperata? di inottemperanza (**) di ottemperanza (**) provvedimento di demolizione a cura del Comune (**) 180 gg esecuzione demolizione 15 gg art.5 c. 2 atto sostitutivo della Provincia (*) atto di compiuta demolizione (*) avvenuto recupero spese 14

16 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 16 (altri interventi in assenza o in difformità dal titolo abilitativo) FASE 1 FASE 2 atto di irrogazione di sanzione pecuniaria con eventuale prescrizione di opere entro congruo termine (**) l eventuale prescrizione di opere è stata ottemperata? di ottemperanza (**) di inottemperanza (**) conseguenze predefinite nel provvedimento sanzionatorio 15

17 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 17 (accertamento di conformità) ricevimento domanda di regolarizzazione ex art. 17 (*) la domanda è accettabile? vedi procedimento specifico per la tipologia di abuso solo nei casi di cui all art. 3 LR 31/2002 parere CQAP atto di irrogazione di sanzione pecuniaria (**) atto di rilascio di permesso in sanatoria o accoglimento DIA in sanatoria (**) 16

18 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 18 COMMA 2 (DIA tardiva) ricevimento DIA a lavori in corso d opera vedi procedimento specifico per la tipologia di abuso ci sono i presupposti per l accoglimento della DIA? atto di irrogazione di sanzione pecuniaria da notificare all interessato 17

19 DIAGRAMMA PROCEDURA ART. 19 (permesso annullato) rilevamento di vizi di legittimità in un permesso di costruire i vizi possono essere rimossi? atto di rimozione dei vizi atto di annullamento del permesso di costruire (**) è possibile la restituzione in pristino e, inoltre, sussiste un interesse pubblico concreto e attuale alla restituzione in pristino? atto di irrogazione di sanzione pecuniaria (**) ordinanza di demolizione e di ripristino dello stato dei luoghi, ai sensi dell art. 13 o dell art. 14, a seconda della fattispecie (**) segue come da procedure art. 13 o art

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 ABUSI EDILIZI E SANZIONI Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 CHE COSA È UN ABUSO EDILIZIO Intervento in assenza di titolo edilizio Intervento in difformità dal titolo edilizio

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O COMUNE DI ROVIGO Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica UNITA' ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ; Servizio Urbanistica, Edilizia Privata e Lavori Pubblici : Geom. Alessandro Salmoiraghi Tel. 0321/996284 E-mail: tecnico@comune.vapriodagogna.no.it Adempimenti specifici

Dettagli

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO SOMMARIO Introduzione... XV PARTE PRIMA LAVIGILANZA CAPITOLO 1 ISOGGETTI di NICOLA CENTOFANTI 1. Il potere di vigilanza del comune... 3 1.1. I poteri di vigilanza del dirigente o del responsabile del procedimento...

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti IL NUOVO TESTO UNICO DELL EDILIZIA DPR 380/2001 Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti MISURE DI SALVAGUARDIA Il potere di sospensione Fra l adozione di uno strumento urbanistico da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE Prot. Al Comune di Carmignano Ufficio Edilizia e Urbanistica Piazza G. Matteotti n. 1 59015 Carmignano (PO) RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA RESPONSABILE Geom. Simone Lorenzi Tel. +39 0584.775208 Mail: lorenzisimone@comune.stazzema.lu.it

Dettagli

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo aggiornato con le modifiche introdotte da: D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164) D.L. 28/03/2014,

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc

COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/ Fax 095/ Cod. Fisc COMUNE DI RAGALNA UFFICIO TECNICO Via Paternò, 32 - Tel. 095/7985111 - Fax 095/7985102 - Cod. Fisc. 02183980875 REGOLAMENTO COMUNALE SULL IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Agli Autori

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dalla Legge Regionale //2008,

Dettagli

Settore Edilizia Privata, Territorio E Ambiente

Settore Edilizia Privata, Territorio E Ambiente Edilizia DENOMINAZIONE E OGGETTO 1 Autorizzazione alla riconfigurazione degli impianti per telefonia cellulare PROVVEMENTO 75 gg. per il rilascio dell autorizzazione per quanto di competenza ASSENSO, LA

Dettagli

INDICE. Regolamento sanzioni paesaggistiche

INDICE. Regolamento sanzioni paesaggistiche INDICE Art 1. Quadro normativo di riferimento... 3 Art 2. Ambito di applicazione... 4 Art 3. Casi di esclusione... 4 Art 4. Interventi di ristrutturazione edilizia ed opere comportanti ampliamenti non

Dettagli

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI Premessa... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 1.1. Cenni sull evoluzione normativa... 1 1.2. Il Testo Unico.... 3 1.3. La legge 443/2001...

Dettagli

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa...

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa... Premessa........................................... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa........................................ 1 1.1. Cenni sull

Dettagli

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA

EDIZIONE STRAORDINARIA. Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA EDIZIONE STRAORDINARIA Spedizione in abbonamento postale Parte I-II (Serie generale) Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia Anno 35 - Numero 47 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Abusi edilizi. Abusi edilizi. segnalato da: Daniele Rallo. pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro. prezzo pieno : 45,00 1 / 9

Abusi edilizi. Abusi edilizi. segnalato da: Daniele Rallo. pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro. prezzo pieno : 45,00 1 / 9 Abusi edilizi segnalato da: Daniele Rallo Raccolta, organizzata in una dettagliata classificazione tematica, di massime giu pagine: 2199 = equivalenti a 3738 pagine in formato libro prezzo pieno : 45,00

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA SETTORE 4 : GOVERNO DEL TERRITORIO S.U.E. S.U.A.P. DETERMINAZIONE N 15 DEL 04/04/2013 UFFICIO SEGRETERIA GENERALE PROTOCOLLO GENERALE DETERMINAZIONE N 352 DEL 04/04/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE PER

Dettagli

Il Dirigente Responsabile

Il Dirigente Responsabile Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA Procedimento Unità organizzativa responsabile istruttoria Breve descrizione procedimenti Normativa Dove ottenere le informazioni Per i procedimenti

Dettagli

ISBN:

ISBN: Abusi edilizi e titoli abilitativi in sanatoria Contenuti: - Schede operative - Casi e Questioni - Normativa - Riferimenti regionali - Formulario ISBN: 978-88-6219-265-1 Abusi edilizi e titoli abilitativi

Dettagli

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974.

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Adeguamento, ai sensi dell art. 251 del D.Lgs. n. 267/2000, delle tariffe dei diritti di

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA UR- BANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 2. Cenni sull evoluzione normativa... 2 3. Il testo unico... 3 4. La legge n. 443/2001... 5

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 5 del 19/01/2016

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 5 del 19/01/2016 COMUNE DI COLOGNE PROVINCIA DI BRESCIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 5 del 19/01/2016 OGGETTO: CRITERI DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE PER

Dettagli

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

Legge regionale Umbria 3 novembre 2004, n. 21

Legge regionale Umbria 3 novembre 2004, n. 21 Legge regionale Umbria 3 novembre 2004, n. 21 Norme sulla vigilanza, responsabilità, sanzioni e sanatoria in materia edilizia (B.U. 8 novembre, 2004, n. 47) TITOLO I VIGILANZA SULL'ATTIVITÀ URBANISTICO

Dettagli

COMUNE DI VENOSA Provincia di Potenza

COMUNE DI VENOSA Provincia di Potenza RIFERIMENTI: Tel. 0972.308624 CODICE URB 1 URB 2 URB 3 RIFERIMENTI NORMATIVI L.R.23/99 L.R.23/99 Norme di settore TITOLO PROCEDIMENTO Piani e programmi di cui alla L.R. 23/99 e Varianti al R.U. Approvazione

Dettagli

Comune di Craveggia Provincia del Verbano Cusio Ossola UFFICIO SEGRETARIO Tel fax 0324 /98033

Comune di Craveggia Provincia del Verbano Cusio Ossola UFFICIO SEGRETARIO Tel fax 0324 /98033 ORDINANZA N. 19/2015 Reg. Affissioni Sito N. /2015 Ordinanza di ripristino stato dei luoghi previa demolizione di manufatti abusivi realizzati in un fabbricato contraddistinto al Comune di Craveggia alla

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N /11/2013. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N /11/2013. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 459 Data: 25/11/2013 Servizio Urbanistica, Edilizia Privata ORDINANZA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta il giorno VENTICINQUE

Dettagli

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A S.U.E. - Modello F.1.0 AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A bollo OPERE IN PARZIALE DIFFORMITA DAL TITOLO ABILITATIVO

Dettagli

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale L.R. 6/2009: GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Regione Emilia-Romagna Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale Dott. Giovanni Santangelo 1 III.

Dettagli

L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE

L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE Data 19/05/2017 Dalle ore 15 alle ore 19 sede di svolgimento: HOTEL MINERVA Via Fiorentina n.4 Arezzo L ABUSO EDILIZIO, LE PROCEDURE SANZIONATORIE E LA REGOLARIZZAZIONE DI OPERE EDILIZIE GIA REALIZZATE

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO

LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. 10 novembre 2014 n. 65 modulo n. 3: LA NUOVA DISCIPLINA DELL'ABUSO EDILIZIO (SANZIONI, PROCEDIMENTI, SANATORIE) 2 LR 65/2014 - Titolo VII CRITERI

Dettagli

COMUNE DI CHIALAMBERTO

COMUNE DI CHIALAMBERTO COMUNE DI CHIALAMBERTO PROVINCIA DI TORINO Via Roma 2, C.A.P. 10070 Chialamberto Tel. (0123) 50.67.01 Fax (0123) 50.63.69 C. F. 83002850010 ----------------- REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA RISARCITORIA PER OPERE OGGETTO DI CONDONO EDILIZIO Approvato: delibera Consiglio Comunale n. 67 del 29/11/2004 esecutiva il 13/12/2004 IL SEGRETARIO

Dettagli

DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009

DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009 DIREZIONE URBAN LAB SVILUPPO URBANISTICO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE DI SERVIZIO N. 1 DEL 21 gennaio 2009 OGGETTO: NUOVE MODALITA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE IN MATERIA

Dettagli

Comune di Sona Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2010 CENTRO DI RESPONSABILITA: EDILIZIA PRIVATA

Comune di Sona Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2010 CENTRO DI RESPONSABILITA: EDILIZIA PRIVATA Comune di Sona Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2010 COMUNE DI: CENTRO DI RESPONSABILITA: SERVIZIO RESPONSABILE: BOSIO MARCO UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Vigilanza attività edilizia OPERATIVA

Dettagli

Sportello Unico dell'edilizia

Sportello Unico dell'edilizia ordine degli architetti p. p. e c. ordine degli ingegneri Bergamo Sportello Unico dell'edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO Sabato 29 ottobre 2011 inquadramento

Dettagli

COMUNE DI CHIANNI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL DPR 380/2001 E DALLA LR N. 65/2014.

COMUNE DI CHIANNI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL DPR 380/2001 E DALLA LR N. 65/2014. COMUNE DI CHINNI PROVINCI DI PIS REGOLMENTO DI PPLICZIONE DELLE SNZIONI MMINISTRTIVE PREVISTE L DPR 380/2001 E LL LR N. 65/2014 Pagina 1 di 9 1 PPROVTO CON DELIBERZIONE C.C. N. 21 DEL 30.11.2015 1 - SCOPO

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- s.o. n. 239) TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI

Dettagli

RISPETTO DEI TEMPI (media percentuale) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO. arch. Maria Grazia Chiusa ing. Mario Provenzano

RISPETTO DEI TEMPI (media percentuale) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO. arch. Maria Grazia Chiusa ing. Mario Provenzano SETTORE 3 SERVIZI AL TERRITORIO Risultati monitoraggio del rispetto tempi procedimenti 20 dicembre 2016 (ex D. Lgs n. 33/2013, art. 24, c. 2 previsto dle linee guida ANAC) n. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 PEEP

Dettagli

Tabella OBLAZIONI DA ADOTTARE NEI PROCEDIMENTI DI ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ... 3

Tabella OBLAZIONI DA ADOTTARE NEI PROCEDIMENTI DI ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ... 3 R. U. E. RE GOL AME NT OURBANI S T I COE DI L I Z I O COMPL E ME NT O3 C.U. n. 43 29/09/2015 S ANZ I ONI AMMI NI S T RAT I VEPE CUNI ARI E AGOS T O2015 INDICE NOTA INTRODUTTIVA... 2 ART. 1 - STRUTTURA

Dettagli

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI Relatori: Enrico AMANTE Avvocato del Foro di Firenze, consulente A.N.C.I. Toscana e presidente I.N.U. sezione Toscana Claudio BELCARI Funzionario con responsabilità dirigenziali del S.U.E. e S.U.A.P. del

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE PROVINCIA DI FORLÌ CESENA

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE PROVINCIA DI FORLÌ CESENA COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE PROVINCIA DI FORLÌ CESENA U.D.P. Edilizia Privata Urbanistica DISCIPLINA DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALLA L.R. 23/04 E S.M.I. IN MATERIA DI VIOLAZIONI

Dettagli

L.R. 11 Agosto 2008, n Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia

L.R. 11 Agosto 2008, n Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia L.R. 11 Agosto 2008, n. 15 - Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI S O M MA R I O Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Collaborazione istituzionale Art. 3 Supporto agli

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA DI ABUSI EDILIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA DI ABUSI EDILIZI Approvato con delib. C.C. 83 del 30.11.2010 Modificato con delib. C.C. 36 del 13.06.2013 COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA / ATTESTAZIONE DI CONFORMITA IN SANATORIA (Art. 209, L.R. 65/2014)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA / ATTESTAZIONE DI CONFORMITA IN SANATORIA (Art. 209, L.R. 65/2014) MARCA DA BOLLO 16,00 Al Comune di Borgo a Mozzano Servizio Assetto del Territorio Ufficio Edilizia RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA / ATTESTAZIONE DI CONFORMITA IN SANATORIA (Art. 209, L.R.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER COSTRUZIONI ABUSIVE ART. 1 DEFINIZIONI Il presente Regolamento intende determinare le modalità e le procedure per la

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SANZIONI AMMINISTRATIVE AI SENSI DELL'ARTICOLO 37 DEL D.P.R. 380/2001 PER INTERVENTI IN ASSENZA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA COMUNE DI GUALTIERI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA QUANTIFICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PREVISTE IN MATERIA EDILIZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

N. 75 Del 08/04/2016

N. 75 Del 08/04/2016 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75 Del 08/04/2016 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L IRROGAZIONE

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 La nozione di procedimento amministrativo... 3 2A I principi generali del procedimento amministrativo (art. 1)... 4 2B I principi sovranazionali... 5 2C I principi della C.E.D.U....

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE

SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE SCHEMA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PROPOSTA DI REGOLAMENTO COMUNALE: APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE IN MATERIA

Dettagli

IL RESPONSABILE D AREA

IL RESPONSABILE D AREA IL RESPONSABILE D AREA Premesso: - che il D.L. 12.11.2014 n. 133 c.d. sblocca Italia è stato convertito con modifiche dalla legge 11/11/2014, n. 164, la quale all art. 17, comma 1, lett. q-bis, ha inasprito

Dettagli

NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI

NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI NORME FONDAMENTALI SULL ABUSIVISMO PER LE PROCEDURE ESECUTIVE E FALLIMENTARI Normativa di riferimento: - L. 47/85, - L. 724/94, - D.L. 269/03 (L.R. Lazio 12/2004), - D.P.R. 380/01 - art.13 L. 47/85 sanatoria

Dettagli

P.ZZA LIBERTA, MERLINO (LO) TEL. 02/ FAX 02/ P.I sito web:

P.ZZA LIBERTA, MERLINO (LO) TEL. 02/ FAX 02/ P.I sito web: DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA Nato a ( ) il codice fiscale/partita Iva Residente in, via n. tel, e-mail/pec nella sua qualità di: [ ] proprietario; [ ] avente titolo; [ ] altro ai sensi e per gli effetti

Dettagli

CITTÀ DI GIMIGLIANO PROVINCIA DI CATANZARO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE NUMERO 66 DEL 08/09/2016

CITTÀ DI GIMIGLIANO PROVINCIA DI CATANZARO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE NUMERO 66 DEL 08/09/2016 COPIA CITTÀ DI GIMIGLIANO PROVINCIA DI CATANZARO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE NUMERO 66 DEL 08/09/2016 OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

AREA TECNICO-MANUTENTIVA

AREA TECNICO-MANUTENTIVA ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Accesso agli atti amministrativi Accesso civico L. 241/1990 e Regolamento Comunale Modulistica comunale su istanza di parte Dott. Flavio Seculin 30 giorni dalla presentazione

Dettagli

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA I TITOLI EDILIZI ABILITATIVI NEL T.U. EDILIZIA dopo le modifiche apportate da: D.L. n. 78,/2010 conver. in L. n. 122/2010; D.L. 70/2010 conver. in L. n. 106/2011; D.L. 22/6/2012, conver. in L. 134/2012

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************

COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ COMUNE DI SAN PIETRO CLARENZA Citta Metropolitana di Catania ************ UFFICIO TECNICO - AREA URBANISTICA REGOLAMENTAZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

Comune di Spoleto

Comune di Spoleto 1/5 Unità proponente: PMS - Polizia Municipale e Servizi Generali Oggetto: ORDINANZA DIRIGENZIALE - INGIUZIONE - RIMOZIONE MANUFATTI VARI - DITTA: EMILI GIAMPAOLO Responsabile del procedimento: Vincenzo

Dettagli

Diritto del contenzioso. Lezione del 17 ottobre 2016 «l azione: le azioni di annullamento e le azioni di rimborso»

Diritto del contenzioso. Lezione del 17 ottobre 2016 «l azione: le azioni di annullamento e le azioni di rimborso» Diritto del contenzioso Lezione del 17 ottobre 2016 «l azione: le azioni di annullamento e le azioni di rimborso» Natura del processo tributario Processo d impugnazione di atti amministrativi autoritativi

Dettagli

AUTODENUNCIA ILLECITI EDILIZI

AUTODENUNCIA ILLECITI EDILIZI Marca da bollo: AL COMUNE DI RAVENNA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Istanza VBG n : timbro accettazione: - PROTOCOLLO GENERALE (P.G.): AUTODENUNCIA ILLECITI EDILIZI Il/La sottoscritto/a... Codice Fiscale...

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO

CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO COMUNE DI OSTRA (Provincia di Ancona) 3 SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE

Dettagli

Quadro Riepilogativo della documentazione 5

Quadro Riepilogativo della documentazione 5 Quadro Riepilogativo della documentazione 5 DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA Procura/delega Nel caso di procura/delega a presentare la segnalazione Soggetti coinvolti h), i) Sempre obbligatorio Ricevuta

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio ( D.Leg.vo 42/2004). Obbligo della relazione paesaggistica dal 31/7/2006

OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali e del paesaggio ( D.Leg.vo 42/2004). Obbligo della relazione paesaggistica dal 31/7/2006 Prot. Gen. 231199 del 6/9/2006 OGGETTO: Modifiche al Codice dei beni culturali Data : Pag. 1 di 5 A tutto il Personale del Settore E,pc. Al Punto Informazione Professionisti LL.SS Il Decreto Legislativo

Dettagli

Il nuovo condono edilizio

Il nuovo condono edilizio Il nuovo condono edilizio Legge provinciale 8 marzo 2004, n. 3 Disposizioni in materia di definizione degli illeciti edilizi (condono edilizio) entrata in vigore il 10 marzo 2004 Piergiorgio Mattei Direttore

Dettagli

Titolare/i. residente in (indirizzo) codice fiscale 2 residente in (indirizzo) codice fiscale 3 residente in (indirizzo) codice fiscale

Titolare/i. residente in (indirizzo) codice fiscale 2 residente in (indirizzo) codice fiscale 3 residente in (indirizzo) codice fiscale COMUNE DI SILVANO D ORBA PROVINCIA DI ALESSANDRIA P.ZA C. BATTISTI 25 15060 Silvano d'orba Tel. 0143/841491 Fax 0143/841154 www.comune.silvanodorba.al.it e-mail: sildor@tin.it Posta Elettronica Certificata:

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE ALLEGAT O DENOMINAZIONE QUADRO INFORMATIVO DI RIFERIMENTO CASI IN CUI È PREVISTO Procura/delega

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITA PAESAGGISTICA E CRITERI PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI IN MATERIA

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE SANZIONE PECUNIARIA in luogo della demolizione o rimozione, ai sensi della L.R. 65/ :

RICHIESTA APPLICAZIONE SANZIONE PECUNIARIA in luogo della demolizione o rimozione, ai sensi della L.R. 65/ : Prot. Marca da Bollo A Settore Gestione del Territorio Servizio Edilizia Privata Abusi Edilizi del Comune di Grosseto Via Sonnino, 50-58100 Grosseto PEC: comune.grosseto@postacert.toscana.it RICHIESTA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2015, N. 27587: acquisizione gratuita dell opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune e ordine di demolizione «l acquisizione gratuita

Dettagli

ARTICOLO 1 - Obiettivi ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione ARTICOLO 3 Principi generali... 3

ARTICOLO 1 - Obiettivi ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione ARTICOLO 3 Principi generali... 3 INDICE ARTICOLO 1 - Obiettivi... 3 ARTICOLO 2 Ambiti di applicazione... 3 ARTICOLO 3 Principi generali... 3 ARTICOLO 4 Accertamento dell epoca della violazione... 4 ARTICOLO 5 Graduazione delle sanzioni

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI PER GLI ABUSI EDILIZI AI SENSI DELLA L.R. 15/2008 E S.M.I.

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI PER GLI ABUSI EDILIZI AI SENSI DELLA L.R. 15/2008 E S.M.I. COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI PER GLI ABUSI EDILIZI AI SENSI DELLA L.R. 15/2008 E S.M.I. Allegato alla Delibera Consiliare... COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Questioni vecchie e nuove

Questioni vecchie e nuove Questioni vecchie e nuove in tema sanatoria: l art. 209, l.r. 65/2014 Avv. Enrico Amante Premesse L art. 209 della legge 65/2014: introduce due novità conferma due profili del previgente art. 140 l.r.

Dettagli

Allegato A alla delibera 401/10/Cons. Disciplina dei tempi dei procedimenti dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Allegato A alla delibera 401/10/Cons. Disciplina dei tempi dei procedimenti dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Allegato A alla delibera 401/10/Cons Disciplina dei tempi dei procedimenti dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni A. ATTIVITÀ ESPLETATA NEL SETTORE DEI SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI E DELLA RADIOFONIA

Dettagli

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como

Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre Morbegno. dr.ssa Ileana Pisani, Studio Legale Spallino, Como Incontro U.N.I.T.E.L. 21 ottobre 2004 - Morbegno Quesito - n. 8 - Relatore Ambito Riferimento legislativo Il condono edilizio dopo la sentenza della corte costituzionale. Analisi comparata delle proposte

Dettagli

Book - Reati Edilizi.book Page V Friday, September 23, :01 AM SOMMARIO

Book - Reati Edilizi.book Page V Friday, September 23, :01 AM SOMMARIO Book - Reati Edilizi.book Page V Friday, September 23, 2005 11:01 AM SOMMARIO Capitolo Primo Gli interventi eseguiti in assenza del permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali

Dettagli

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI SAN GIUSEPPE VESUVIANO PROVINCIA DI NAPOLI MOD 01 PARTE PRIMA PARTE GENERALE DA COMPILARE PER SINGOLA PRATICA IL SOTTOSCRITTO COGNOME NOME NATO A IL RESIDENTE IN ALLA VIA N. IS. LETT. CAP. TEL./FAX INDIRIZZO E-MAIL: CODICE FISCALE: PARTITA I.V.A.:

Dettagli

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE Pag. 1 di 6 Spazio riservato all'ufficio COMUNE DI PIAZZA MARCONI 51 58053 2 copie in carta semplice originale copia I PARTE sottoscritt_...... (C.F.......) nat_ a...... il...... e residente in (1)........

Dettagli

COMUNE DI PIENZA PROVINCIA DI SIENA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI. (ai sensi degli artt della L.R. 1/2005 e s.m.i.) Residente in Prov. C.A.P.

COMUNE DI PIENZA PROVINCIA DI SIENA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI. (ai sensi degli artt della L.R. 1/2005 e s.m.i.) Residente in Prov. C.A.P. COMUNE DI PIENZA PROVINCIA DI SIENA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (ai sensi degli artt. 82-84 della L.R. 1/2005 e s.m.i.) Al Comune di Pienza UfficioTecnico Corso Il Rossellino, 61 53026 Pienza (SI) INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Art. 3 - AUTORITA COMPETENTE Art. 4 - SOGGETTI ACCERTATORI

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del )

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PIANO ATTUATIVO (Allegato 1 Suppl. ordinario BUR n. 10 del 7.3.2012) Il sottoscritto Cognome Nome Volpi Luca Nato a Terni Il 29/07/1967 Codice fiscale/ P.IVA Residente in

Dettagli

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione

Edilizia. PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria. Descrizione Edilizia PRATICHE EDILIZIE Permesso di costruire in sanatoria Descrizione (abusi commessi per interventi soggetti a Permessi di costruire e DIA) (abusi commessi per interventi soggetti a SCIA) L'accertamento

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA / ATTESTAZIONE DI CONFORMITA IN SANATORIA (Art. 209, L.R. 65/2014)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA / ATTESTAZIONE DI CONFORMITA IN SANATORIA (Art. 209, L.R. 65/2014) COMUNE di SCANDICCI Provincia di Firenze Settore Edilizia e Urbanistica SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA aggiornamento 15.01.2015 marca da bollo 16,00 (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato

Dettagli

Comune di TORRIGLIA Provincia di Genova Area Urbanistica Edilizia Privata

Comune di TORRIGLIA Provincia di Genova Area Urbanistica Edilizia Privata Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 43 del 07/10/2011 Comune di TORRIGLIA Provincia di Genova Area Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI PER OPERE

Dettagli

SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELL'ETRURIA MERIDIONALE

SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELL'ETRURIA MERIDIONALE SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELL'ETRURIA MERIDIONALE Elenco delle tipologie di procedimento svolte dalla per i Beni Archeologici dell'etruria meridionale, termine per la conclusione di ciascun

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 297 DEL 31/08/2009

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 297 DEL 31/08/2009 Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 297 DEL 31/08/2009 OGGETTO : SANZIONE E ART. 167 D.LGS. N. 42/2004 PER OPERE REALIZZATE IN ZONA DI VINCOLO PAESAGGISTICO IN ASSENZA O DIFFORMITA` DALL`AUTORIZZAZIONE

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 08032/2010 REG.SEN. N. 00874/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli