S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O"

Transcript

1 Baschi gennaio 2015 LA LEGGE DI STABILITA 2015 L. 190 del PARTE SECONDA Comma 1 Bilancio e Risultati differenziali. Commi 2 e 3 Trasferimenti dello stato alle Gestioni Previdenziali. Commi 4 e 5 Fondo per la realizzazione del Piano La buona scuola. Comma 46 Riguarda la fruibilità del credito di imposta per investimenti di cui alla L. 296/2006 da parte delle imprese che effettuano l'acquisizione dei beni strumentali nuovi indicati nel comma 273, destinati a strutture produttive ubicate nelle aree delle regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Sardegna, Abruzzo e Molise. Comma 49 Tagli ai fondi per interventi strutturali di politica economica. Commi 50 e 51 Stanziamento di ulteriori risorse per la bonifica dall amianto dei siti di interesse nazionale. Comma 52 Destinazione di 60 milioni di euro al Fondo per le emergenze nazionali. Comma 53 Possibilità per la Protezione Civile di utilizzare fino a 8 milioni di euro delle risorse disponibili sulla contabilità speciale per fronteggiare le conseguenze degli eventi atmosferici di ottobre Comma 90 Misure atte a favorire il consumo di benzina nei luoghi di confine. Commi da 91 a 95 Crediti di imposta riconosciuti agli enti di previdenza obbligatoria. Comma 96 Misure per favorire il processo telematico e l efficienza della giustizia. Comma 97 Costi di notificazione a carico del notificante nei procedimenti davanti al giudice di pace. Commi da 98 a 106 Potenziamento delle misure di sicurezza al Palazzo di Giustizia di Palermo. Comma 109 Finanziamento di 30 milioni di euro per la CIG in deroga per i dipendenti nel settore della pesca. Comma 111 Le entrate derivanti da tasse sulle merci imbarcate e sbarcate includono anche le sovrattasse. Comma 132 Implementazione del Fondo per le politiche della famiglia per sostenere le adozioni internazionali. Comma 133 Destinazione di fondi per la cura e riabilitazione delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d azzardo (ludopatie). Commi 134 e 135 Aumento della dotazione economica dell INVALSI (istituto nazionale di valutazione sistema educativo, di informazione e formazione). Comma 136 Destinazione di fondi per la promozione della lingua italiana all estero. Comma 141 I versamenti ai partiti da parte dei candidati ed eletti a cariche pubbliche sono considerati erogazioni liberali ai fini della detraibilità dalle imposte sui redditi. 1

2 Comma 142 Stanziamento di fondi per l Agenzia Spaziale Italiana. Comma 143 Trasformazione dei comitati locali e provinciali della Croce Rossa italiana. Comma 144 Assegnazione da parte dell Agcom dei diritti d uso di frequenze per applicazione di Sdl (Supplemental Down Link). Comma 145 Cofinanziamento dei fondi strutturali UE. Comma 146 Indennizzi a coloro che avevano fatto domanda per la partecipazione alla gara delle frequenze ex art. 3quinquies del d.l. 16/2012 mai indetta. Comma 147 Proroga dei termini per la liberazione di frequenze nel Digitale terrestre. Comma 148 Costo degli indennizzi per la mancata gara di cui al comma 146 valutati in euro 31,6 milioni. Commi 150 e 151 Messa a disposizione di fondi per l autotrasporto anche per processi di ristrutturazione ed aggregazione. Comma 152 Stanziamento di fondi per le scuole sarde danneggiate dall alluvione. Comma 153 Stanziamento di fondi per i porti. Comma 154 Messa a regime la disciplina del 5 per mille. Nuove norme per la rendicontazione delle somme erogate per il 5 per mille. Comma 155 Stanziamento di fondi per integrare le spese di funzionamento dell Agenzia delle Entrate. Commi 156 e 157 Incremento del fondo relativo alla Carta acquisti ordinaria. Comma 158 Incremento di 300 mln annui dal 2015 del Fondo nazionale per le politiche sociali. Commi da 159 a 161 Incremento del Fondo per le non autosufficienze e di quello per il diritto al lavoro dei disabili. Comma 162 Assegnazione di un contributo una tantum alla Fondazione Auschwitz- Birkenau. Commi da 163 a 165 Benefici pensionistici alle vittime del terrorismo. Comma 167 Incremento dell autorizzazione di spesa per la diagnosi precoce di patologie metaboliche ereditarie. Comma 168 Integrazione delle risorse assegnate all Autorità Garante per l infanzia e l adolescenza. Comma 169 Finanziamento alle scuole paritarie. Commi 170 e 171 Rifinanziamento del Fondo per la Formazione artistica e musicale. Comma 172 Incremento del Fondo di finanziamento ordinario delle università. Commi 173 e 174 Stanziamenti per il finanziamento di interventi in favore di collegi universitari di merito. Comma 175 Stanziamento di spese per la partecipazione italiana all Agenzia Spaziale Europea. Comma 176 Aumento del contributo all Istituto Italiano Tecnologico. Comma 177 Finanziamento di progetti di radioastronomia dell Istituto nazionale di astrofisica. Comma 178 Incremento del Fondo per le missioni internazionali di pace. 2

3 Comma 179 Incremento del Fondo per la protezione dei richiedenti asilo e rifugiati. Comma 180 Stabilizzazione delle risorse destinate ai Centri di accoglienza dei richiedenti asilo (Cara). Comma da 181 a 184 Istituito il Fondo per l accoglienza dei minori stranieri non accompagnati; stabiliti i limiti di quota del Fondo per le politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità a stranieri ridotti in schiavitù; fissato il limite di intervento della Presidenza del Consiglio per emersione, assistenza ed integrazione sociale. Comma 185 Proroga al dell obbligo di tracciare attraverso il codice a barre le vendite e le rese di quotidiani e periodici. Comma 186 Indennizzi per i soggetti danneggiati da trasfusioni sanguigne. Comma 187 Autorizzazione di spesa per la riforma del terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. Comma 188 Autorizzazione di spesa (16 milioni annui fino al 2018 e poi 4 milioni annui) per l adeguamento e ristrutturazione dei sistemi informatici della Ragioneria dello Stato necessari per realizzare la riforma del Bilancio dello Stato. Comma 189 Incremento del Fondo interventi strutturali di politica economica (Fispe). Comma 190 Stabilizzazione del finanziamento delle attività istituzionali del Comitato paralimpico nazionale. Comma 191 Autorizzazione di spesa a favore dell Unione Italiana Ciechi. Comma 192 Inclusione delle reti metropolitane di aree metropolitane tra le opere a cui attribuire le risorse del Fondo infrastrutture. Comma 193 Rete elettrica ed altri aspetti delle Ferrovie dello Stato. Comma 194 Autorizzazione di spesa (20 milioni annui) per l emittenza radiotelevisiva locale. Commi da 195 a 198 Uso esclusivo dei distintivi della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco e possibilità della loro concessione in uso attraverso contratti di sponsorizzazione. Comma 199 Istituzione di un Fondo per la copertura delle esigenze di spesa indifferibili. Commi 200 e 201 Istituzione di un ulteriore Fondo per le esigenze indifferibili che si manifestano in corso di gestione. Comma 204 Riduzione di risorse al Fondo infrastrutture e previsione della sua soppressione dal Commi 202 e 203 Ulteriori stanziamenti per la promozione del Made in Italy da assegnare all Ice (Agenzia per la promozione all estero e internazionalizzazione delle imprese italiane). Comma 205 Incremento dell autorizzazione di spesa del Fondo Interventi strutturali di politica economica. Comma 206 Autorizzazione al Dipartimento dei Vigli del fuoco alla stipula di convenzioni e contratti per la permuta di materiali e prestazioni con soggetti pubblici e privati. Comma 213 Modifica il comma 515 della legge di stabilità Commi da 214 a Istituzione di un Fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario; intenzione di sovvenzionare con contributi i produttori di latte. Comma 219 Attingimento alle risorse ENAV derivanti dai servizi di navigazione aerea civile 3

4 per fronteggiare gli oneri derivanti dal mancato gettito di tassazione dei servizi di assistenza alla navigazione aerea. Comma 220 Predisposizione di specifici modelli tariffari per l applicazione dei diritti aeroportuali. Comma 221 Modifiche alle recenti norme per incrementare il traffico aereo. Comma 222 Soppressione degli incentivi per l acquisto di veicoli ecocompatibili. Commi da 223 a 227 Le risorse di cui al comma 83 della Legge di stabilità 2014 sono destinate esclusivamente all acquisto di materiale rotabile su gomma: delega al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti all emanazione di un decreto per l attuazione delle modalità. Comma 228 Destinazione del Fondo di cui al comma 88 dell art. 1 della Legge di stabilità 2014 alle reti metropolitane in costruzione in aree metropolitane. Commi da 229 a 231 Previsione della possibilità di approvazione da parte del Cipe dei progetti preliminari per consentire la continuità dei lavori sulle tratte ferroviarie Brescia- Verona-Padova, sul terzo valico dei Giovi e del tunnel del Brennero. Commi 232 e Divieto di circolazione dal 1 gennaio 2019 per autobus Euro 0. Abolizione dal 1 gennaio 2015 del credito d imposta sul gasolio per gli autotrasportatori che circolano con mezzi Euro 0 o inferiori. Comma 234 Ripristino fino al 2018 delle agevolazioni sulle accise per gli autotrasportatori. Comma 235 Aumento delle risorse destinate al Piano per l edilizia sociale. Comma Semplificato l utilizzo delle risorse per il miglioramento della competitività dei porti italiani e della intermodalità. Comma 237 Estensione a tutto il 2015 dell IVA al 10% per Marina Resort. Comma 238 Fissazione di un limite di 50 mln per le richieste di finanziamento degli enti locali per alcuni tipi di intervento. Comma 239 Autorizzazione di spesa per i collegamenti a trasporto veloce nello stretto di Messina. Comma 240 Concessione di un contributo quindicennale per l avvio dei lavori sulla tratta Andora-Finale Ligure. Comma 241 Autorizzazione di spesa per la tutela e promozione del patrimonio culturale e storico. Comma 242 Regole per la fruizione di alcuni crediti d imposta di cui all elenco n. 2 allegato alla legge. Comma 249 Obbligo di tentativo di negoziazione assistita anche per le controversie in materia di contratti di trasporto. Comma 250 Continuazione da parte del Ministero dello Sviluppo economico delle rilevazioni sul prezzo del gasolio al fine della valutazione dell adeguatezza del compenso al trasportatore. Comma 252 Riduzione di trasferimenti statali a 40 Enti. Comma 253 Estensione delle funzioni della Commissione parlamentare di controllo anche all attività dei gestori di forme obbligatorie di previdenza. 4

5 Commi da 254 a 256 Proroga del blocco della contrattazione e degli aumenti di stipendio nel pubblico impiego. Comma 257 Conferma per tutto il 2015 dei contratti di Co.Co.Co in essere presso la struttura tecnica di missione del Ministero delle infrastrutture. Commi da 258 a 267 Restrizioni di alcuni istituti riguardanti la carriera militare. Comma 268 Proroga per tutto il 2015 dei contratti a tempo determinato nelle Regioni a Statuto speciale. Comma 269 Autorizzazione alle Dogane allo scorrimento delle graduatorie relative ai concorsi interni già banditi. Commi 270 e 272 Interventi di Finanza pubblica. Comma 271 Interpretazione autentica dell art. 5, commi 9 e 14 del d.l. 70/2011. Comma 273 Norme sulla manutenzione immobili pubblici. Commi da 274 a 276 Valorizzazione del patrimonio mobiliare di Poste Italiane SpA. Commi da 277 a 280 Modifiche al servizio postale: reintroduzione della posta ordinaria con consegna media entro quattro giorni. Commi da 281 a 284 Attuazione della sentenza del Tribunale UE su ricorso di Poste Italiane SpA. Commi 285 e 286 Aumento al 50% della parte di Fondi raccolti da Poste Italiane da investire in titoli governativi dell area euro. Comma 287 Tagli di 2 miliardi nel 2015 ai Ministeri. Commi da 288 a 291 Riduzione delle spese degli organi di rilevanza costituzionale, del Cnel e della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comma 292 Riduzione del 5% delle somma da riversare alla RAI. Comma 294 Fissato un tetto ai fondi destinati al sostegno del trasporto merci per ferrovia da e per il Sud. Commi 295 e 296 Riconoscimento all Anas di una quota del 12,5% dello stanziamento per la realizzazione dell intervento per spese non previste da altre disposizioni di legge. Comma 297 Trasferimento da Consip a Sogei delle attività informatiche riservate allo Stato. Comma 298 Istituzione del Registro Nazionale dei donatori di cellule riproduttive per la fecondazione eterologa. Comma Stanziamento di 20 mln annui fino al 2031 per opere di interconnessione autostradale. Commi da 306 a 308 Versamento allo Stato da parte dell INPS di parte degli interessi percepiti su mutui concessi e da parte di INPS e INAIL per i risparmi di spese conseguiti. Commi da 309 a Riduzione di somme da traferire ai Patronati. Previsione delle attività che possono svolgere i Patronati in favore di soggetti privati e pubblici Commi 315 e 316 Finanziamento di 12 mln all Agenzia Italiana Lavoro e riduzione stessa somma del Fondo per interventi strutturali di politica economica. Comma 317 Rinvio ad un Dpcm da emanare per l individuazione di iniziative di elevata utilità sociale valutabili nell ambito dei piani triennali di investimento dell INAIL. 5

6 Comma 318 Rinegoziazione dei termini degli accordi circa la determinazione dei contributi alle organizzazioni internazionali di cui l Italia è parte. Commi 319 e 320 Revisione globale dei coefficienti riguardanti l indennità di servizio all estero e il contributo spese di abitazione. Riduzione dei trattamenti economici per il personale in servizio all estero. Comma 321 Diffusione della informazione italiana all estero affidata alla presidenza del Consiglio dei ministri. Comma 322 Stanziamenti al Fondo Igrue per la cooperazione e lo sviluppo. Comma 323 Rinvio della votazione per il rinnovo dei Comitati degli italiani all estero. Comma Differimento al del termine per la verifica al Banco nazionale di prova delle armi da scena. Commi da 325 a 327 Riduzione dell autorizzazione di spesa per la Scuola per l Europa di Parma. Comma 328 Riduzione del numero di coordinatori periferici di educazione fisica. Comma 329 Abolizione dal 2016 degli esoneri dall insegnamento per i docenti con funzioni vicarie. Commi 330 e 331 Dal 2016 niente più distacchi presso altre istituzioni pubbliche per il personale scolastico. Commi 332 e 333- Sbarramento per le supplenze brevi dei docenti e del personale Ata delle scuole. Commi da 334 a 336 Previsione di riduzione di posti e di spesa per il personale Ata delle scuole. Comma 337 Riduzione di spesa per i rimborsi di spesa per accertamenti medico legali sostenuti da parte di università e Afam (Alta formazione artistica, musicale e coreutica). Comma Soppressione del contributo alla scuola ateneo Jean Monnet. Commi da 339 a 341 Tagli ai Fondi per università ed altre istituzioni. Comma 342 Riduzione di disponibilità e spese per gli istituti Afam. Commi 343 e 344 Previsione di risparmi di spesa per i compensi ai componenti degli enti di ricerca vigilati dal Ministero dell Istruzione. Comma 345 Tetto massimo per gli uffici di diretta collaborazione del Miur e riduzione di fondi. Commi da 346 a 349 Per le università con i conti a livello sostenibile (spesa massima del 80% in stipendi) anche se con vari limiti possono stipulare contratti con ricercatori a tempo determinato. Commi da 350 a 352 Revisione della composizione delle commissioni per gli esami di maturità e nuovi compensi dei componenti. Commi 353 e Proroga della possibilità di stipula di contratti di servizi di pulizia ed ausiliari in determinate regioni. Comma 355 Riduzione della spesa per adeguarsi alla convenzione del 1992 sulla biodiversità di Rio de Janeiro. 6

7 Comma 356 Nuovi riferimenti per il decreto che perimetra il sito inquinato di Bagnoli- Coroglio. Commi 357 e 358 Stanziamento di finanziamenti per progetti innovativi in campo navale. Comma 359 Riduzione di spesa sui mutui garantiti dallo Stato per le ferrovie in concessione. Comma 360 Riduzione del finanziamento per la superstrada di Formia. Comma Riduzione dl contributo straordinario per Reggio Calabria. Comma Riduzione della quota Anas del canone annuo versato allo Stato dai concessionari autostradali sui pedaggi. Commi 363 e 364 Niente più diaria biennale alle forze dell ordine che rientrano in Italia dopo un periodo di servizio all estero. Per i militari servizio all estero per massimi 4 anni. Comma 365 Aboliti gli stage nelle forze armate. Comma Le medaglie mauriziane non saranno più coniate in oro. Comma 367 Abolizione del servizio bus casa-lavoro per i militari. Commi 368 e 369 Previsti tagli al numero degli alloggi di rappresentanza per gli ufficiali. Comma 370 Pensionamento forzato di generali e colonnelli in eccedenza. Comma 371 e 372 Tagli al personale civile della Difesa nelle ambasciate e tagli agli uffici del ministero della Difesa. Comma 373 Tagli agli oneri derivanti dal ridimensionamento degli organici militari e ai volontari in ferma prefissata o rafferma. Comma Dismissione immobili della Difesa obiettivi di incasso. Comma 375 Fissazione delle dismissioni degli alloggi liberi della Difesa. Commi 376 e 377 Norme per garantire l afflusso alle casse dello Stato dei Fondi programmati per la dismissione degli immobili della Difesa. Comma 378 Abolite alcune promozioni automatiche per gli alti ufficiali. Comma 379 Proroga a tutto il 2016 dei contributi a favore dell Agenzia industrie Difesa. Comma 380 Previsione di maggiori risorse a Difesa Servizi SpA per l acquisizione di beni mobili e servizi. Commi da 381 a 383 Prevista la fusione tra due organismi operanti al servizio dell agricoltura: l istituto nazionale di economia agraria (Inea) va a fondersi con il Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura (Cra). Comma 385 Riduzione di spese di progettazione delle opere del piano irriguo nazionale. Comma 386 Stanziate risorse a favore dell integrazione di filiera del settore agricolo e agroalimentare e per il rafforzamento dei distretti agroalimentari. Commi 387 e 388 Modificazioni al T.U. delle disposizioni in materia di debito pubblico che intervengono sulla gestione della tesoreria dello Stato. Comma 389 Abrogazione delle regole sulla gestione fiscale della raccolta di Cassa Depositi e Prestiti che prevedevano l equiparazione a quelle vigenti per i titoli di Stato. Comma 390 Previsione di infruttuosità dei conti correnti aperti presso la tesoreria dello Stato. Commi da 391 a 395 Inclusione delle CCIAA nel sistema della tesoreria unica. 7

8 Commi 396 e 397 Previsione di una contabilità speciale per i fondi destinati alla gestione delle garanzie rilasciate dallo Stato. Commi da 398 a 405 Si tratta di una serie di norme aventi ad oggetto la finanza regionale. Commi da 406 a 413 Recepimento dell accordo che ridefinisce i rapporti tra lo Stato, la Regione Trentino Alto Adige e le Province autonome di Trento e Bolzano. Commi da 414 a 417 Regole concernenti le regioni a statuto speciale. Commi da 418 a 420 Regole concernenti le Città metropolitane. Commi da 421 a 428 Riguardano le dotazioni organiche delle città metropolitane. Comma 430 Riguarda la possibilità concessa alle province di rinegoziare le rate dei mutui in scadenza assumendosi i relativi oneri. Commi da 431 a 434 Dispongono la realizzazione del piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate ed il finanziamento di un Fondo per la sua attuazione. Commi 435 e 436 Riduce la dotazione del Fondo di solidarietà comunale. Commi da 437 a 449 Riguardano interventi, anche finanziari, relativamente alle aree colpite dal terremoto in Abruzzo. Comma 450 Riguarda la possibilità di assunzione di personale a tempo determinato da parte dei Comuni istituiti per fusioni e un finanziamento a favore delle unioni di Comuni. Comma 451 Prorogato anche al 2018 il contributo al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica delle Province, Comuni e Città metropolitane. Commi da 452 a 458 E istituito il Commissario straordinario del Governo per il pagamento dei debiti pregressi della Regione Piemonte. Comma 459 Riguarda il raddoppio della percentuale della quota del Fondo di solidarietà comunale da ripartire. Commi da 460 a 466 e da 468 a 478- Riguardano il patto di stabilità e gli obiettivi di bilancio delle Regioni a statuto ordinario. Comma 467 Esclusione dal computo del saldo finanziario rilevante ai fini del rispetto del patto di stabilità di Province e Città metropolitane delle spese per interventi di edilizia scolastica fino ad un massimo 50 mln annui. Commi da 479 a 483 Unificazione delle misure di flessibilità del patto di stabilità regionalizzato, verticale od orizzontale, misure applicabili alle Regioni a statuto ordinario e ad alcune Regione a statuto speciale. Commi da 484 a 488 Riguarda misure in merito al patto di stabilità verticale incentivato degli enti locali e delle Regioni. Commi da 489 a Riguarda norme per il rispetto dei vincoli del patto di stabilità per gli enti locali. Comma 501 Pone il termine di 60 gg dalla scadenza dei Consigli precedenti per le elezioni per il rinnovo dei Consigli regionali. Comma 502 Vengono escluse per il 2015 dal patto di stabilità dei Comuni dell Emilia Romagna e del Veneto interessati dai terremoti del 28 e 29 maggio 2012 le spese sostenute con risorse proprie finalizzate a fronteggiare i terremoti e la ricostruzione. 8

9 Commi 503 e 504 Riguarda lo spostamento di due anni del pagamento delle rate di mutui concessi da Cassa depositi e prestiti agli enti locali colpiti dal terremoto di maggio Commi da 505 a 507 e 509 e 510 Riguardano alcune indicazioni per la compilazione dei bilanci delle Regioni. Comma 508 Estesa la deducibilità del 20% dell IMU sugli immobili strumentali anche all IMI che applica la provincia di Bolzano al posto dell IMU. Comma 511 Destinazione di fondi alla Regione Sardegna. Commi da 512 a 523 Recepimento del protocollo d intesa per i rapporti finanziari tra Stato e Regione Friuli Venezia Giulia. Comma 524 Possibilità per la Regione Friuli Venezia Giulia di rimodulare gli interventi a favore della minoranza linguistica slovena. Comma 525 Riguarda la perdita di gettito subita dalla Regione Val d Aosta nella determinazione dell accisa sull energia elettrica e sugli alcoolici. Commi da 526 a 530 Tratta del passaggio dai Comuni al Ministero della Giustizia dei costi degli uffici giudiziari. Comma 531 Stanziamento di fondi per 110 mln annui come contributo statale per Roma Capitale. Comma da 532 a 534 Riguarda interventi a favore del Comune di Milano in funzione dell EXPO Comma 535 Stanziamento di fondi per interventi conservativi del Duomo di Milano. Comma 536 Per i Comuni è estesa al 2015 la possibilità di destinare alle spese correnti il 50% dei proventi delle concessioni edilizie. Comma 537 Riguarda il limite di durata per gli enti locali delle operazioni di rinegoziazione di mutui per passività esistenti già rinegoziate. Comma 538 Anche questo comma riguarda alcune indicazioni per la compilazione dei bilanci delle Regioni. Comma 539 Eleva il tetto massimo degli interessi passivi degli enti locali rispetto alle entrate dei primi tre titoli delle entrate del penultimo anno precedente. Commi 540 e 541 Istituito un Fondo per dare un contributo in conto interessi a Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni per debiti contratti nel Comma 542 Proroga per gli enti locali dell aumento del limite massimo di ricorso ad anticipazioni di tesoreria. Comma 543 Termine per la sottoposizione all organo deliberante del bilancio per gli enti sperimentatori della nuova contabilità. Comma 544 Prorogato al 2015 il termine per il riconoscimento del compenso per lavoro straordinario reso per il terremoto del maggio Commi 545 e 546 Termine per rivedere i bilanci stabilmente riequilibrati da parte delle neo elette amministrazioni degli enti dissestati. Commi 547 e 548 Riguardano norme per la società EXPO SpA. Comma 549 Riguarda la rete nazionale standard di telecomunicazioni Te.T.Ra. 9

10 Comma 550 Obbliga i comuni lombardi e veneti colpiti dal terremoto del 2012 ad applicare le misure di centralizzazione degli acquisti. Comma 551 Modifica il decreto c.d. Sblocca Italia relativamente ad alcuni interventi nel siti contaminati. Commi da 552 a 554 Riguarda le autorizzazioni per l esecuzione di alcune opere nelle aree dove si coltivano giacimenti di idrocarburi. Commi da 555 a 588 Riguarda finanziamenti ed altre norme relative al c.d. Patto per la salute nelle regioni e nelle province autonome di Trento e Bolzano. Comma 590 Fissate tariffe per l autorizzazione (o il rinnovo della stessa) all immissione in commercio di medicinali omeopatici. Commi 591 e 592 Demanda ad un decreto del ministro per la Salute l individuazione delle modalità per la produzione e distribuzione in ambito ospedaliero di farmaci monodose, in via sperimentale per un biennio. Commi da 593 a 598 Istituiscono un fondo per il concorso al rimborso delle regioni per l acquisto di medicinali innovativi. Commi 599 e 600 Finanziamenti per le attività di contrasto alle malattie infettive: autorizzazione delle richieste di aspettativa per il personale medico e paramedico che intenda operare nei Paesi interessati dal virus Ebola. Contributo straordinario all istituto per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani. Comma 601 Riguarda la ripartizione dei pesi ai fini del riparto del fabbisogno sanitario nazionale. Commi 602 e 603- Contributo al Centro nazionale di adroterapia oncologica di Pavia. Commi 604 e 605- Autorizzazione di spesa in relazione alla grave situazione economicofinanziaria e sanitaria della Regione Molise. Comma 606 Tratta del trasferimento di risorse da parte delle Regioni agli enti del Servizio Sanitario Nazionale. Commi 607 e 608 Autorizzazione alla Regione Sicilia all aumento delle tariffe massime delle prestazioni dell Istituto per i trapianti di Palermo. Comma 609 Riguarda l affidamento dei servizi pubblici locali a rete e le società partecipate dagli enti locali. Commi da 611 a 614 Razionalizzazione da parte di Regioni, enti locali, CCIAA università e autorità portuali delle società partecipate per ridurne il numero entro fine anno. Comma 615 Stabilisce che l affidamento in house del servizio idrico è possibile solo a società partecipate dai Comuni dell Ato. Comma 616 Riguarda l estensione al 2015 delle facilitazioni per lo scioglimento delle società partecipate anche alle aziende speciali. Commi 617 Abrogazione delle norme che regolavano la casella di posta elettronica certificata (c.d. Cec-pac) utilizzabile per i rapporti con la P.A. e attribuzione delle risorse all Agid per la semplificazione nelle relazioni informatiche con la P.A. Commi da 618 a 620 Spostamento del regime di punto franco del porto vecchio di Trieste 10

11 ad altre zone legate ad attività portuali e sdemanializzazione, con assegnazione al Comune delle aree del porto vecchio di Trieste. Commi 621, 622 e 624 Riguarda il concorso di taluni redditi alla formazione dell imponibile delle forme pensionistiche complementari ai fini dell applicazione dell imposta sostitutiva del 17%. Comma 628 Incremento della dotazione del Fondo per interventi strutturali di politica economica. Comma 642 Riguarda il limite del per l esercizio di attività di accertamento, liquidazione e riscossione per le entrate dei Comuni da parte delle società agenti della riscossione. Commi da 643 a 651 Varie norme in materia di gioco, da quelle riguardanti i gestori privati che offrono scommesse con vincite in denaro, a quelle riguardanti le agenzie di scommesse, al contrasto del gioco illegale, alle slot machine scollegate dalla rete legale, alla riduzione di 500 mln dei compensi spettanti ai concessionari ed agli altri operatori di filiera nell ambito delle reti di raccolta delle newslot e videolottery. Comma 652 Destinazione al Fondo per gli interventi strutturali di politica economica e al Fondo per la riduzione della pressione fiscale delle maggiori entrate attese dai giochi. Commi 653 e 654 Tratta dell affidamento per la gestione del gioco del Lotto automatizzato e degli altri giochi numerici a quota fissa. Comma 660 Estende ai finanziamenti erogati da Stato e Regione l imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui agli arr. 15,16,17 del DPR 601/1973. Commi da 661 a 664 Relativamente al terremoto dell Emilia Romagna dispone l applicazione del regime de minimis agli aiuti ai sinistrati, l esenzione da IMU fino alla completa ricostruzione, e comunque fino al 30 giugno 2015, dei fabbricati distrutti dal sisma. Comma 665 Dispone il diritto al rimborso delle imposte pagate in più rispetto al 10% dai contribuenti delle province di Catania, Ragusa e Siracusa interessate dal terremoto del Comma 668 Introduzione nell ambito del Fondo di rotazione per il coordinamento delle politiche comunitarie dei fondi strutturali e di investimento (Sie). Commi da 669 a 672 Prevede il concorso della UE al Fondo di rotazione per il coordinamento delle politiche comunitarie; prevede il concorso del Fondo al monitoraggio del Mef e l erogazione da parte del Fondo di risorse per accelerare i pagamenti da parte delle amministrazioni interessate. Comma 673 Affidamento dell audit per l accordo di partenariato Commi 674 e 675 Aumento dei finanziamenti per lo sviluppo delle aree interne del Paese per il triennio Commi 676 e 677 Destinazione agli interventi dei programmi di azione e coesione delle risorse stornate dai piani comunitari per le regioni meno sviluppate. Commi da 682 a 689 Riguarda la riformulazione della disciplina in materia di scarico per inesigibilità introdotta dagli artt. 19 e 29 del Dlgs 112/1999. Comma 694 Rifinanziamento del Fondo per le emergenze nazionali. 11

12 Commi 695 e 696 Stanziamento di fondi per il pagamento delle supplenze saltuarie dei docenti e del personale Ata nelle scuole. Commi 697 e 698 Riduzione degli stanziamenti iscritti nel bilancio 2014 relativi al pagamento dei debiti della P.A mediante utilizzo di parte del maggior gettito da entrate IVA conseguenti ai detti pagamenti. Il miglioramento dei saldi di finanza pubblica compensa il minor gettito IVA con esclusione del ricorso all aumento delle accise. Comma 699 E una norma di copertura finanziaria di alcune norme. Comma Istituzione di una contabilità speciale per il riacquisto dei titoli delle regioni. Comma 701 Dispone l entrata in vigore retroattiva al dei commi da 692 a 700. Commi da 703 a 706 Norme che riguardano il funzionamento del Fondo di sviluppo e coesione. Comma 709 Destinazione ad apposito Fondo istituito presso l INPS delle economie derivanti dalla revisione dell importo complessivo dei trattamenti pensionistici (di cui al comma 707 trattato nella prima parte). Comma 712 Incremento dell autorizzazione di spesa al Fondo interventi strutturali di politica economica. Comma 713 Eleva a euro il limite per la tracciabilità dei pagamenti di enti ed associazioni. Comma 714 Possibilità per Agea di avvalersi di Equitalia per la notifica di cartelle e per la riscossione coattiva della quote latte. Comma 717 Riduzione dal 2015 al 2024 del Fondo per interventi strutturali di politica economica. Comma 720 Riduce il Fondo per la compensazione degli effetti finanziari a legislazione vigente conseguenti all attualizzazione dei contributi pluriennali. Commi 723 e 724 Riduce la dotazione finanziaria del Fondo integrativo speciale per la ricerca. Comma 725 Esclusione dall obbligo di effettuare la ritenuta sui compensi corrisposti a non residenti da parte dei vettori marittimi ed aerei che si trovano in luogo non soggetto alla sovranità di alcuno stato. Comma 726 Riguarda i termini del rimborso per le operazioni di controllo preventivo delle Entrate. Comma 727 Rinvia alle tabelle A e B per gli importi dei finanziamenti dei provvedimenti approvabili. Comma 728, 729 e 731 Riguarda gli importi delle spese a carattere strutturale e quelle a carattere pluriennale in conto capitale con rinvio alla tabella C ed E. Comma 730 Rinvio alla tabella D per le riduzioni di spesa di parte corrente. Commi 732 e 733 Disciplina delle coperture finanziarie e degli eventuali sforamenti di spesa. Comma 734 Dispone l applicabilità delle disposizioni della legge di stabilità alle regioni a statuto speciale e alle province di Trento e Bolzano compatibilmente con le norme dei rispettivi statuti e loro norme di attuazione. 12

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Il cinema e i cinema del prossimo futuro

Il cinema e i cinema del prossimo futuro Il cinema e i cinema del prossimo futuro Leggi regionali di sostegno alle strutture e alle attività del cinema (con esclusione dell adeguamento alla tecnologia digitale) LIGURIA Legge regionale 3 maggio

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati ALLEGATO CAPO I - Misura per la riapertura dei cantieri Articolo 1 Disposizioni urgenti per sbloccare gli interventi sugli assi ferroviari Napoli-Bari e Palermo- Catania-Messina ed altre misure urgenti

Dettagli

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese Sblocca Italia I mille cantieri per far ripartire il Paese 1. Grandi cantieri sbloccati Grandi opere ferme e già finanziate, individuate secondo priorità strategiche e rimuovendo gli ostacoli burocratici

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Fondo rotativo per la progettazione. School Bonus Per chi effettua donazioni per le scuole

Fondo rotativo per la progettazione. School Bonus Per chi effettua donazioni per le scuole 300 milioni per scuole innovative Grande concorso nazionale! 40 milioni Prevenzione intonaci e controsoffitti 90 milioni Mutui BEI per i Conservatori e le Accademie Legge 107/2015 Fondo rotativo per la

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Evidenziamo in questa scheda i principali provvedimenti relativi alla legge di Stabilità 2015 recentemente approvata dal Parlamento.

Evidenziamo in questa scheda i principali provvedimenti relativi alla legge di Stabilità 2015 recentemente approvata dal Parlamento. Sintesi della legge di Stabilità 2015 a cura del Senatore Giorgio Santini Evidenziamo in questa scheda i principali provvedimenti relativi alla legge di Stabilità 2015 recentemente approvata dal Parlamento.

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI 692 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI ESIGENZE INDIFFERIBILI *testo definitivo trasmesso dal governo al Parlamento

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU41 09/10/2014 Codice DB0803 D.D. 13 giugno 2014, n. 379 Contributi semestrali a favore dell'istituto Bancario "Banca Popolare di Milano Scarl" a copertura dei mutui agevolati disposti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB0803 D.D. 26 novembre 2014, n. 638 Contributi semestrali a favore degli Enti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle leggi 457/78, 94/82

Dettagli

Attuazione del Programma di Governo

Attuazione del Programma di Governo Attuazione del Programma di Governo 17 maggio-17 novembre 2006 Sei mesi di Governo dell Italia Una pubblica amministrazione di qualità Modernizzazione ed efficienza delle amministrazioni pubbliche Tempi

Dettagli

Il bando Liguria/unioni di Comuni

Il bando Liguria/unioni di Comuni Il bando Liguria/unioni di Comuni Contributi alle nuove Unioni di Comuni Amministrazione Erogatrice Regione Liguria Istituzionale Normativa Dlgs 18 agosto 2000 n.267, articolo 32 Dl 31 maggio 2010 n.78/2010,

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Capitolo UPB LA COPERTURA DEI DISAVANZI DI ESERCIZIO NON RIPIANATI LEGGE 18.6.98, N.194). UPB

Capitolo UPB LA COPERTURA DEI DISAVANZI DI ESERCIZIO NON RIPIANATI LEGGE 18.6.98, N.194). UPB 2.1.01 Assegnazioni per la gestione del sistema dei trasporti e delle comunicazioni 2302105 ASSEGNAZIONE DI FONDI DALLO STATO A TITOLO DI CONTRIBUTO 1.326.261,32 2.3.01.02 Gestione del Sistema del trasporto

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU38 24/09/2015 Codice A15010 D.D. 23 luglio 2015, n. 604 Contributi semestrali a favore degli Istituti mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle Leggi 457/78, 94/82

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e 2013/2015 - Terza variazione. Il Consiglio

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

A R T I C O L A T O ALLEGATO A

A R T I C O L A T O ALLEGATO A A R T I C O L A T O ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Prima variazione SOMMARIO Preambolo Capo I Variazioni al Bilancio

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 166 i dossier www.freefoundation.com Primo approfondimento TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 10 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La Legge di Stabilità 2013 in 10 punti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014 Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/10/2014 Circolare n. 121 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA

RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA RISORSE, MONITORAGGIO, TRASPARENZA: UN QUADRO SULL EDILIZIA SCOLASTICA Roma, 27 marzo 2015 #MutuiBei #AnagrafeScolastica L Anagrafe Scolastica sarà presentata ad aprile 2015 Per la prima volta una fotografia

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici

La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici NOTA DI SINTESI a cura dell Ufficio Legislativo Dipartimento Territorio La legge di Stabilità 2015 - C 2679 Le principali misure d interesse per la Commissione Ambiente e lavori pubblici L ambiente, i

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 38/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Determinazione del costo globale annuo massimo per le operazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. L.R. 1/2007, art. 8, cc. 55 e 56 B.U.R. 13/2/2008, n. 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. Regolamento recante le indicazioni per l articolazione del bilancio consuntivo

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98)

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) D.P.C.M. 15 dicembre 1999 (non pubblicato nella G.U.) Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca 201407171150 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca D.D:G. n. 314 28 luglio 2014 VISTA la Legge 31 dicembre 2009, n. 196 "Legge di contabilità e finanza pubblica" VISTO il decreto legislativo

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006 SCHEDA FINANZIARIA 2007 ( Prima bozza ) PORTATA DELLA MANOVRA FINANZIARIA 33,4 MILIARDI DI EURO ENTRATE ATTESE 13.0 TAGLI ALLA SPESA 20.4 Effetti revisione IRPEF 2.0 Patto di stabilità interno 4.3 Misure

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009 Il fabbisogno non include gli eventuali finanziamenti che saranno erogati su richiesta del Governo greco, in seguito all accordo dell 11 aprile 2010 con il quale è stato definito un programma triennale

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag.

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA RISORSE E BILANCIO SERVIZIO BILANCI BUDGET CENTRI AUTONOMI DI GESTIONE SETTORE CONTABILITÀ ANALITICA E RENDICONTAZIONI Adempimenti connessi al contenimento della spesa

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 22 dicembre 2014. Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Delibera CIPE del 21 marzo 1997 Criteri per la ripartizione dei finanziamenti relativi al programma operativo di metanizzazione del Mezzogiorno e direttive per l istruttoria delle domande di ammissione

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli