Controllo in retroazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo in retroazione"

Transcript

1 Conrollo in reroazione E. regolaore di poraa: la miura della poraa (F) viene confronaa con il e-poin F p ed il comando di regolazione viene inviao all organo di auazione (valvola) L effeo della regolazione della valvola i riflee ulla poraa e l azione del regolaore fa in modo che a regime F = F p F p F FC regolaore miuraore di poraa valvola di regolazione pag.

2 Azione proporzionale dinamica dell auaore Azioni di conrollo () L azione correiva è proporzionale all errore di regolazione L azione di conrollo ha generalmene dei limii, impoi dal campo di funzionameno dei enori e dell auaore (valvola) Non è garanio l ineguimeno del e-poin (errore di regime non nullo) u F aurazione e - F p e regolaore proporzionale u( ) = K p ( Fp F ) K p u r aurazione campo di regolazione miuraore di poraa valvola di regolazione pag. 2

3 Conrollo proporzionale del DO [_in,s_in] q Dai di ingreo /Y Mu*u[]*u[2]/(Ku[]) Fcn -/Y /Y (r)*q / S_in L azione di conrollo è proporzionale all errore di regolazione ricircolo Kd Kd Sum / X_in K L a = K = K a a U K a g ( DO DO) p Ca DO a Sum3 Produc (-Y)/Y /Y2 Ka Areazione Sum2 / DO_in (r)*q Poraa d aria ricircolo DO Conrollo proporzionale DO e-poin Miura di DO Kg errore DOp Regolaore proporzionale DO pag. 3

4 Preazione del regolaore proporzionale U a (m 3 /h) DO (mg/l) X H (mg/l) BOD (mg/l) empo (ore) Errore di offe diminuice con l aumenare del guadagno, ma non i annulla mai pag. 4

5 Errore di offe all aumenare del guadagno 3 errore di regolazione Nel conrollo proporzionale, l aumeno del guadagno fa diminuire l errore di regolazione, ma lo annullerebbe olo e foe infinio Guadagno proporzionale pag. 5

6 Analii dell errore di regolazione (offe) Se R e P rappreenano il regolaore e il proceo, il modello ad anello chiuo i può crivere come y p e R P y e y = = yp y e R P y y p = y = y p R P e R P R P e y ( R P) ( R P) p = y ( R P) = y R P p Per annullare l errore e i deve avere un guadagno di anello R.P infinio Il guadagno proporzionale non è in grado di oddifare queo requiio pag. 6

7 Errore di ineguimeno e guadagno K p y p K p y Imporane: il guadagno infinio è neceario olo a regime! K p 0 D()G() pag. 7

8 Azione inegrale Per oenere un guadagno RP infinio è neceario che o R o P enda all infinio Se P ciò ignifica che il proceo ha un meccanimo di accumulo inerno e queo è ufficiene (iema di ipo ) Se P è limiao, allora deve eere R, perciò il regolaore deve fornire quea capacià di accumulo ale capacià è daa dall Azione Inegrale R PI : u( ) = K P e( ) K Il ermine inegrale accumula gli errori nel empo e produce un azione di conrollo proporzionale alla loro omma Anche errori molo piccoli, e ommai nel empo danno un azione di conrollo molo fore Cancellazione dell errore di ineguimeno I 0 e( σ ) dσ pag. 8

9 Vanaggio dell azione inegrale Supponendo di avere un errore coane nel empo, l azione inegrale produce un azione correrice che crece linearmene Azione PI Azione P empo R PI : u( ) = K P e( ) K I 0 e( σ ) dσ i empo di ree i: empo occorrene perché l'azione inegrale uguagli l'azione proporzionale. In quel momeno ( i ) i ha un raddoppio dell azione correrice globale. pag. 9

10 Azione derivarice Conocendo la endenza di variazione dell errore, i può anicipare la richiea di regolazione La derivaa dell ucia anicipa la ua poizione fuura, perciò il regolaore che ua la derivaa può dare un azione correrice aniciparice errore in diminuzione R : u( ) = K e( PD P ) K D de d errore in crecia pag. 0

11 Vanaggio dell azione derivarice Supponendo di avere un errore che crece linearmene nel empo, l azione derivarice produce un azione correrice proporzionale alla variazione dell errore Azione PD Azione P R : u( ) = K e( PD P ) K D de d empo d empo di derivazione d : Anicipo dell'azione correrice ripeo alla ola azione proporzionale. L azione correrice viene applicaa d iani prima ripeo al olo proporzionale. pag.

12 Conrollo PID Il regolaore PID (Proporzionale - Inegrale - Derivaivo) fornice le re azioni di conrollo in grado di ineguire il e-poin e conraare una grande varieà di diurbi PID yp - i e dσ 0 K PROCESSO p y de D d Azione P Azione I Azione D u( ) = K e( ) e( σ )dσ p i 0 d de( ) d pag. 2

13 Ripoa ipica di un iema conrollao grande errore a regime Errore di regolazione errore a regime PID: riduce le ocillazioni durane la regolazione PI: annulla l errore a regime pag. 3

14 Aumeno del guadagno proporzionale Errore di regolazione p p Aumenare K p riduce l errore di regolazione ma non lo annulla Per K p grandi i poono avere ocillazioni anche e il proceo non è di per é ocillaorio pag. 4

15 Effeo di i e K p in un regolaore PI L azione inegrale ende a provocare maggiori ocillazioni ma aumena la velocià di ripoa Per valori di i e/o K p molo grandi il iema può divenare inabile Noa : la coane inegrale i è il empo di ree aumeno dell azione inegrale aumeno dell azione proporzionale Errore di regolazione I Errore di regolazione K p pag. 5

16 Effeo dell azione derivarice K d Aumenare K d può migliorare la ripoa del regolaore, ma ende a produrre una ripoa ocillane K d è uile per procei con dinamica molo lena, dove la predizione del comporameno può anicipare di molo l azione correiva pag. 6

17 Sinonizzazione con il meodo di Ziegler-Nichol Meodo inrodoo negli anni 40 da Ziegler e Nichol Sinonizzazione direa del PID, baao u miure del proceo Meodo in caena apera: ricava i parameri del PID ulla bae della ripoa a gradino Meodo in caena chiua: i provoca un ocillazione oenua e i ricavano i parameri del PID dalla ua ampiezza e frequenza pag. 7

18 meodo Z-N: caena apera. Effeuare un e a gradino Δu Δy 2. Deerminare i parameri del proceo: Guadagno G Riardo δ Coane di empo Δy G = Δ u δ riardo angene nel puno di maima pendenza Coane di empo Δu Δy 3. Calcolare i parameri del PID con le egueni formule: PI : K p = 0.9 i = 3.3 δ G δ PID : K p =.2 i = 2 δ d = 0.5 G δ δ pag. 8

19 2 meodo Z-N: caena chiua Eliminae le azioni inegrale e derivaiva, i provoca un ocillazione oenua con un gradino di e-poin aumenando il olo guadagno proporzionale K p K p K u (guadagno limie) Si calcola il periodo dell ocillazione P u Si calcolano i parameri del PID econdo le formule PI : K PID : K p p = 0.45 K = 0.60 K u u i i Pu =.2 Pu = 2 d = P 8 u pag. 9

20 Il problema del WIND-UP Quando i ha aurazione dell'auaore, il e-poin non viene raggiuno Queo provoca un incremeno dell ucia dell inegraore che aumena indefiniamene e non viene bloccao (wind-up) Quando il e-poin rienra nel campo di regolazione, l ucia dell inegraore deve caricari per poer generare un nuovo egnale di conrollo uile. Queo può richiedere molo empo, durane il quale non i ha alcuna azione di conrollo Rimedio: bloccare l inegrazione appena l auaore aura y p PID - Comando di blocco all inegraore KI e dσ 0 K D de d δ 0 K p Ucia del PID δ - Modello di auaore u PROCESSO Ucia dell auaore pag. 20

21 Eempio di Wind-up A caua dell errore che non va a zero il conribuo inegrale crece Ucia del PID Il e-poin è maggiore del limie dell auaore L ucia aura al maimo valore conenio Se-poin Ucia dell auaore Riardo nell azione di conrollo Quando il e-poin riorna nel campo di regolazione, è neceario che i carichi prima di ornare operaivo pag. 2

22 Effeo dell azione Ani-WindUp Se-poin L ucia del PID viene bloccaa al livello della aurazione Ucia del PID Ucia dell auaore Appena l errore rienra nel campo di regolazione, l inegraore è ubio operaivo pag. 22

23 Sruura del regolaore digiale Pare analogica PROCESSO PROCESSO SISEMI HARDWARE/SOFWARE DI INERFACCIAMENO D/ A A/ D PROOCOLLI CANALE DI COMUNICAZIONE ALGORIMI ELA BORA ORE DI PROCESSO Pare digiale SPECIFICHE DI PROCESSO pag. 23

24 pag. 24 PID digiale in forma incremenale Approimando alle differenze finie con inervallo Soraendo ermine a ermine e raggruppando i ermini dell'errore e(), e(-), e(-2) oppure in funzione di y e y p = 0 d i p d ) de( )d e( ) e( K ) ( u σ σ = = = = d k i p d k i p e e k e e K u e e k e e K u ) 2 ( ) ( ) ( ) ( ) ) ( ) ( ) ( ) ( ) 0 0 [ ] = = 2 d i p e 2e e e e e K ) u( ) u( δu = 2 d d d i p p i p y y 2 y K y K δu Parendo dalla definizione del PID nel empo p y y e =

25 pag. 25 PID digiale in forma incremenale Può eere vio come equazione alle differenze Per oenere il egnale "pieno" i aggiunge un inegraore in ucia Vanaggio: ingrei più piccoli = minore pericolo di aurazione inerna z ) (z G i p K 2 z z γ β α y p y [ ] 2 i p p z ) z u( ) z u( u u u y z z K y u = = = δ δ γ β α δ = = = d p d p d i p K 2 K K γ β α u δ u -

26 Schema SIMULINK per PID campionao -K- u_pid ingreo y_pid ucia regolaa ZOH Yp Se-poin z y(-) Gain3 -K- Gain2 z y(-2) PID empo-dicreo in forma incremenale Ab -K- Ab Lambda -z - Sum2 errore inegrale -K- Gain -K- Gain Sum - Sum -z - Inegraore Sauraion ingreo incremenale errore di regolazione e_pid lancio3 Proceo Ab Ab * Produc IAE valoreiae Clock c empo coninuo campionaore d empi campionai IAE= 0 ( e λδu ) d pag. 26

27 Azione di conrollo PID Comando al compreore per la poraa d aria (variabile manipolaa) funzione dell errore di DO Il PID ha re azioni (Proporzionale - Inegrale - Derivarice) che danno una correzione dinamica dell errore Regolaore PID per il DO Poraa d aria (variabile manipolaa) U air S O K p PID de( ) d Segnale DO (variabile miuraa) i 0 d e( σ )dσ - S O p S o Q plan Ox Sedimenaore Q w pag. 27

28 Implemenazione Simulink del regolaore PID [_in,s_in] Dai di ingreo q /Y Mu*u[]*u[2]/(Ku[]) Fcn -/Y (r)*q ricircolo Kd Sum / S_in /Y Olre al PID è ao / X_in aggiuno un modello per la dinamica del iema di areazione Kd (-Y)/Y Ca DO a Sum3 Produc /Y2 Ka Areazione Sum2 DO_in (r)*q ricircolo DO Poraa d aria Sauraion Kg a Auazione areaori PID Conrollore PID errore DOp DO e-poin Miura di DO pag. 28

29 Preazione del regolaore PID BOD (mg/l) X H (mg/l) DO (mg/l) U a (m 3 /h) empo (ore) S O2 = S p pag. 29

30 Preazione di un regolaore PID per DO Simulazione con il regolaore viluppao in ambiene LabView 8.20 pag. 30

31 Diagramma del regolaore PID in LabView pag. 3

32 Pannello fronale del regolaore PID pag. 32

33 Diagramma del regolaore PID pag. 33

34 mg/l Erraa inonizzazione del PID.5 Preazione reale del PID Sinonizzazione correa Variazioni di e-poin 0.5 DO filrao DO al quale Ic (ma) 20 5 Segnale di comando (ucia del PID) Poenza (kw) Poenza aorbia dalla urbina empo () pag. 34

35 PID oimizzao numericamene Valido anche per iemi nonlineari e/o con riardo Baao ullo eo approccio della calibrazione paramerica u l = Aggiuameno dei parameri del PID Nuovi parameri Valore del funzionale di errore 0.5 IAEU y ime Simulazione del proceo ad anello chuo Valuazione della funzione di errore fin 2 = e λδu 0 [ ] d I parameri da oimizzare ono i coefficieni del PID Il crierio di oimizzazione è un crierio inegrale di preazione pag. 35

36 Riulai di conrollo PID 3 mgo 2 /L k L a[d - ] empo (d) pag. 36

37 Conrollo della Deniro Doaggio del carbonio organico, e nell influene non ce n è a ufficienza Obieivo di conrollo: enere bao il conenuo di nirao Variabile conrollaa: Concenrazione di nirao Variabile manipolaa: Poraa di C org ipo di conrollore: Prediivo Fuzzy Doaggio C org p S NO 3 Serbaoio C org Q plan S NO3 Q in Anox Ox Seler Q w pag. 37

38 Concei bae di conrollo prediivo Perché uare il conrollo prediivo? Dinamiche complee e nonlineari Siemi mulivariabile con riardo Vincoli ull ingreo (maimo doaggio) Manenere bao il numero di parameri di inonizzazione Preazioni robue Caraeriiche del conrollore Uare un prediore fuzzy eplicio con orizzone H p - pai avani Calcolo di una equenza di conrolli fuuri baao ulla minimizzazione di un funzionale di preazione Scela numerica dell azione oimale di conrollo Sraegia ad orizzone receivo (ad ogni pao l orizzone di conrollo avanza di un pao) pag. 38

39 Sruura del conrollo prediivo u( k ) y OIMIZZAORE PROCESSO y p ( k ) p ŷ( k i u i ) i u MODELLO PREDIIVO Ad ogni iane k i applica al modello un inieme di poibili ingrei e i ceglie quello che minimizza il coo u un orizzone di predizione di H p pai Servono: Un modello del proceo per predire l effeo del conrollo ull ucia Un funzionale di coo Un oimizzaore per cegliere il miglior conrollo pag. 39

40 Il principo del conrollo prediivo Orizzone di predizione H p Orizzone di conrollo H c Se-poin y p Ucie paae y Ucia predea ŷ Ingreo di conrollo u Olre H c il conrollo rimane coane fino ad H p k k k k Hc k H p pag. 40

41 La maledizione della dimenionalià Iniziando con l ucia correne y(k) il numero di poibili fuure ucie aumena eponenzialmene con la cela dei poibili conrolli {u(k), u(kh p )}. Quale conrollo cegliere? ŷ ( k ) ŷ ( k 2) ŷ( k H ) ŷ( k H ) c p y( k ) k k k 2 k Hc k H p pag. 4

42 Soluzione del conrollo prediivo La equenza di H p pai di conrollo oimale è quella che minimizza il funzionale di coo, baao ulle predizioni dell ucia ŷ ( k i k ) i =,..,H p H ( p ) H 2 c 2 J = yp ( k i ) ŷ( k i k ) β u( k i k ) i= i= 0 Si limia il conrollo ad aumere un numero finio di valori i u u { } i i i,u,...,u Si decompone il funzionale J in una omma di coi, uno per ciacun pao H p ( i ) J = i= 0 Ad ogni pao i minizza l ulimo ermine applicando ui i conrolli poibili e cegliendo quello che minizza il coo del pao i i 2 J m ( i ) ( i ) J = J min u i j i pag. 42

43 L oimizzazione Branch & Bound Si decompone il problema nel cercare il conrollo a coo minimo ad ogni pao fra i poibili valori del conrollo e ommare ad eo il coo cumulaivo dei pai precedeni ŷ ( k ) ŷ ( k 2 ) ŷ( k H ) ŷ( k H p ) c y( k ) k (o) J k () J k 2 (2) J k H J (H c ) c k H J (H p ) p ( i ) ( i ) J = J min u i j i pag. 43

44 S NO3 (mg/l) Conroller Performance Se-poin racking performance proce model e-poin Inpu carbon flow Q c (l/h) ime (h) Reul publihed in Waer Sci. ech., 45(4-5): (2002) pag. 44

45 Accoppiameno fra regolaori DO Se-poin: Coi di aerazione Produzione NO 3 - NO 3- Se-poin: Coi di doaggio N oale in ucia O 2 C org NH 4 NO 2 - NO 3 - N 2 La Direiva Acque CE (60/2000) pone un limie all Azoo oale in ucia, perciò la converione NH 4 NO 3 mediane aerazione deve eere enua oo conrollo perché: Se è ecceiva, crea un carico ecceivo per la deniro ed un operazione anieconomica dell aerazione; Se è inufficiene può produrre NO 2- nell effluene ed una quanià inufficiene di Azoo oidao non è diponibile per la deniro Concluione: i due procei devono eere coordinai pag. 45

46 Conrollo Niro/Deniro a due livelli Loop del doaggio di C org (Low level conroller ) Neun conrollore deerminiico è capace di volgere una buona azione di conrollo. Al conrario, il conrollore Prediivo Fuzzy funziona molo bene anche in condizioni di fori variazioni di carico; Loop di conrollo del DO (Low level conroller 2) Un emplice regolaore PID da buone preazioni, menre i regolaori Fuzzy i ono dimorai difficili da inonizzare; Conrollore di alo livello Il coordinameno fra l oidazione dell ammonio e la rimozione del nirao è eenziale, perché ambedue i procei implicano coi operaivi ed influenzano la qualià dell ucia. Compio del conrollore di alo livello è l individuazione dei e-poin, ale che ia ON < 0 mg-n/l & N-NO 2 < 0.6 mg- N/l a minimo coo. pag. 46

47 Conrollo Niro/Deniro a due livelli Normaiva ull effluene High Level Conroller N o Senor Conrol pah p S NO 3 p S O 2 Proce pah Low Level Conroller Low Level Conroller 2 Q c S NO3 U air S O2 Q in, S F,in Anox Ox Seler Q in, S NO3,in Q w Q r,s NO3,r pag. 47

48 Superficie oimale dei e-poin NO 2 > >0.6 ON NO 2 < >0.6 ON Curve a coo c oane Curve a NH 4 coane NO 3 Se poin (mg/l) La funzione del conrollore di alo livello è la elezione dei epoin per i conrollori di bao livello Opimal e-poin NO 2 > DO Se poin (mg/l) <0.6 ON Livello più bao che oddifa ai vincoli di qualià dell effluene pag. 48

49 Limii dei conrollo di bao livello I conrollori di bao livello da oli non ono efficaci nel conraare le fluuazioni diurne e manenere il ON al di oo del limie medio precrio. 2 Smorzameno picchi oal oupu Nirogen(mgN/l) ON limi 7 Conrollo a due livelli Conrollori di bao livello ime (day) pag. 49

50 Schema a caroello alernao (Avedøre) Il iema a caroello ha 6 linee di oidazione comandae da 4 miuraori di oigeno diciolo ed un miuraore di ammoniaca. I Moori di oidazione (M) vengono accei in funzione delle indicazioni di ammoniaca preene La raegia è di operare la vaca alernaivamene in modo aerobico per oidare l ammoniaca in modo anoico per denirificare Sono diponibili divere equenze in funzione del ipo di carico pag. 50

51 Conceo bae di procei alernai pag. 5

52 Cicli impiano Avedøre pag. 52

53 Geione eimanale Avedøre NH 4 DO pag. 53

54 Bibliografia Carlon B. and Lindberg C.F. (997). Some conrol raegie for he acivaed ludge proce, Univ. of Uppala. Olon,G.and Newell, B. (999). Waewaer reamen Syem. IWA Publihing, London. Alex J., Beeau J.F., Hellinga C., Jeppon U., Marili-Libelli S., Pon M.N., Spanjer H.and Vanhooren H. (999). Benchmark for evaluaing conrol raegie in waewaer reamen plan. Proc. ECC 99, Karlruhe. Copp J. (200) he COS imulaion benchmark: Decripion and imulaor manual. Office for official publicaion of he European Communiy, Luxembourg. 54 pp. Nielen M. K. (200). Conrol of waewaer yem in pracice, ICA Repor. Marili-Libelli S., L. Giuni. (2002). Fuzzy predicive conrol for nirogen removal in biological waewaer reamen. Waer Sci. ech., 45(4-5): pag. 54

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

REGISTRAZIONE DEL MOTO. Lo scopo è riempire una tabella t/s (istante di tempo/posizione occupata)

REGISTRAZIONE DEL MOTO. Lo scopo è riempire una tabella t/s (istante di tempo/posizione occupata) REGISTRAZIONE DEL MOTO Lo copo è riempire una abella / (iane di empo/poizione occupaa) (ec) (meri) Ciò i può fare in due modi: 1) Prefiare le poizioni e miurare a quale empo vengano raggiune. Si compila

Dettagli

Metodo della trasformata di Laplace

Metodo della trasformata di Laplace Meodo della raformaa di aplace Il meodo imbolico conene di affronare l analii di rei coneneni componeni reaivi (condenaori e induori) in regime inuoidale, aggirando la compleià maemaica inrodoa dalle relazioni

Dettagli

Metodo della Trasformata di Laplace (mtl)

Metodo della Trasformata di Laplace (mtl) Lezione 7 Meodo della raformaa di Laplace Lezione n.7 Meodo della raformaa di Laplace (ml). Inroduzione. Richiami ulla raformaa di Laplace. Proprieà della raformaa. Regola di derivazione.3 abella di raformae

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale Universià degli Sudi di Firenze Facolà di Ingegneria Tesi di laurea magisrale in Ingegneria per l'ambiene e il Terriorio 20 Aprile 2006 Teleconrollo via inerne del processo SBR con ecniche di inelligenza

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

Tema 3. Insiemi, elementi di logica, calcolo combinatorio, relazioni e funzioni

Tema 3. Insiemi, elementi di logica, calcolo combinatorio, relazioni e funzioni Tema 3 Iniemi, elemeni di logica, calcolo combinaorio, relazioni e funzioni 3.1 Queii di livello bae 3.1.1 Si coniderino i egueni enunciai: n è un muliplo di 3 o è un numero pari, e inolre è minore di

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

6. Tassi di sostituzione lordi e netti del sistema pensionistico obbligatorio e complementare

6. Tassi di sostituzione lordi e netti del sistema pensionistico obbligatorio e complementare 6. Tai di oiuzione lordi e nei del iema penioniico obbligaorio e complemenare 6.1. Premea Il capiolo è dedicao all analii dei ai di oiuzione del iema penioniico obbligaorio nell inero periodo di previione

Dettagli

DINAMICA STUDIA IL MOTO DEI CORPI E LE CAUSE CHE LO PRODUCONO. ITIS MAJORANA SERIATE (BG) Prof. E. Morandini

DINAMICA STUDIA IL MOTO DEI CORPI E LE CAUSE CHE LO PRODUCONO. ITIS MAJORANA SERIATE (BG) Prof. E. Morandini DINAMICA STUDIA IL MOTO DEI CORPI E LE CAUSE CHE LO PRODUCONO DINAMICA SI BASA SU 3 PRINCIPI ONDAMENTALI PRINCIPIO DI INERZIA (ALILEI) ONI CORPO PERSEVERA NEL PROPRIO STATO DI QUIETE O DI MOTO INCHÈ NON

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

CAPITOLO 9 - RETI DINAMICHE NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CAPITOLO 9 - RETI DINAMICHE NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA G. SUPT FUGA MT D TOA D T ovembre CAPTOO 9 - T DAMCH DOMO DA FQUZA pag. / CAPTOO 9 - T DAMCH DOMO DA FQUZA TODUZO l meodo della raformaa di aplace, chiamao anche analii nel dominio della frequenza, è una

Dettagli

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento

Lezione 15. Lezione 15. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. ADC di tipo Flash. Sommario. Materiale di riferimento Sommario Lezione 15 Converiore di ipo Flash Converiore a gradinaa Converiore a rampa Converiore ad approssimazioni successive (SA) Converiore di ipo SigmaDela Esempi di converiori preseni a bordo di mc

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

ANALISI STATISTICA DELLE VENDITE E METODI PER LA PREVISIONE

ANALISI STATISTICA DELLE VENDITE E METODI PER LA PREVISIONE La previione delle vendie ANALISI STATISTICA DELLE VENDITE E METODI PER LA PREVISIONE Prof. Domenico SUMMO. Premea Un imprendiore, nell eplicare la propria aivià economica, non fa alro che prevedere quali

Dettagli

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 4-5 Eserciazione 7 CICUII IN EGIME SINUSOIDALE Fa. Un generaore di correne alernaa con volaggio massimo di 4 e frequenza di 5 Hz è collegao a una resisenza 65 Ω.

Dettagli

Analisi nei domini del tempo e della frequenza

Analisi nei domini del tempo e della frequenza Elaborazione digiale dei egnali di miura - 1 Analii nei domini del empo e della requenza Ogni egnale reale può eere prodoo aggiungendo onde inuoidali a) Coordinae ridimenionali: empo, requenza ed ampiezza.

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Azionamenti Elettrici

Azionamenti Elettrici Azionameni Elerici 2.4. CONVERTITORI DC/DC... 33 2.4.1. Conrollo dei converiori DC/DC... 33 2.4.2. FullBridge converer (DC/DC)... 34 2.4.2.1. PWM con commuazione di ensione bipolare...35 2.4.2.2. PWM con

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Trasformata di Laplace unilatera Teoria

Trasformata di Laplace unilatera Teoria Definizione Tafomaa di Laplace unilaea Teoia L[f()] = f() $ e ($) d = F() Dove: f() = funzione eale afomabile. E nulla pe

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Controllo di processo e automazione

Controllo di processo e automazione 6.5 Conrollo di processo e auomazione 6.5. Inroduzione L auomazione e il conrollo di processo sono essenziali per il funzionameno sicuro e reddiizio degli impiani perolchimici e di raffinazione. Di seguio

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing Modelli di Ricerca Oeraiva er il Lo Sizing Corso di Modelli di Sisemi di Produzione I Sommario Inroduzione La gesione delle score (Problema e modelli) Parameri Fondamenali (cosi di e soccaggio) Aroccio

Dettagli

Politica Economica Europea

Politica Economica Europea Poliica Economica Europea 2 Tao di cambio Obieivo: confronare il valore di uno eo bene denominao in due value divere Bene X P$ Bene X P Eprimere il valore di un bene denominao in una valua, in un alra

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1 Ottica LEYBOLD Schede di fiica Velocità della luce Miura eeguita ediante ipuli luinoi di breve durata LEYBOLD Schede di fiica Deterinazione della velocità della luce nell aria eeguita ediante il tepo di

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Domande di Affidabilità e controllo della qualità

Domande di Affidabilità e controllo della qualità Domande di Affidabilià e conrollo della qualià QUALITÀ IL MAUALE DELLA QUALITÀ Si può cerificare che un'aienda è in qualià quando ha un iema di qualià ed un corripondene manuale della qualià valido e lo

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2 COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA Ecco una piccola e semplice guida che illusra come risolvere, a grandi linee gli esercii proposi agli esami di Analisi Maemaica (del DM 509/99, cioè successione

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

Introduzione allo studio delle reti elettriche

Introduzione allo studio delle reti elettriche Marco Panareo Inrodzione allo dio delle rei eleriche Unierià deli Sdi di Lecce - Facolà di Ineneria II Indice Rei eleriche lineari Lee di Kirchho per le correni Lee di Kirchho per le enioni Solzione di

Dettagli

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte Programmazione della produzione a lungo ermine e gesione delle score Coneso. Il problema della gesione delle score consise nel pianificare e conrollare i processi di approvvigionameno dei magazzini di

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

9. Conversione Analogico/Digitale

9. Conversione Analogico/Digitale 9.1. Generalià 9. Conversione Analogico/Digiale 9.1. Generalià In un converiore analogico/digiale, il problema di fondo consise nello sabilire la corrispondenza ra la grandezza analogica di ingresso (che

Dettagli

TIPI DI REGOLATORI. Esistono diversi tipi di regolatori che ora analizzeremo.

TIPI DI REGOLATORI. Esistono diversi tipi di regolatori che ora analizzeremo. TIPI DI REGOLATORI Esisono diversi ipi di regolaori che ora analizzeremo 1REGOLATORI ON-OFF Abbiamo deo che i regolaori sono quei sisemi che cercano di manenere l uscia cosane On-Off sa per indicare che

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS. Fiera Milano 8 maggio 2014

LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS. Fiera Milano 8 maggio 2014 LO TORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL ITEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTER Fiera Milano 8 maggio 2014 PV+sorage e gesione dei carichi: allineare la produzione foovolaica al consumo

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli