Controllo in retroazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo in retroazione"

Transcript

1 Conrollo in reroazione E. regolaore di poraa: la miura della poraa (F) viene confronaa con il e-poin F p ed il comando di regolazione viene inviao all organo di auazione (valvola) L effeo della regolazione della valvola i riflee ulla poraa e l azione del regolaore fa in modo che a regime F = F p F p F FC regolaore miuraore di poraa valvola di regolazione pag.

2 Azione proporzionale dinamica dell auaore Azioni di conrollo () L azione correiva è proporzionale all errore di regolazione L azione di conrollo ha generalmene dei limii, impoi dal campo di funzionameno dei enori e dell auaore (valvola) Non è garanio l ineguimeno del e-poin (errore di regime non nullo) u F aurazione e - F p e regolaore proporzionale u( ) = K p ( Fp F ) K p u r aurazione campo di regolazione miuraore di poraa valvola di regolazione pag. 2

3 Conrollo proporzionale del DO [_in,s_in] q Dai di ingreo /Y Mu*u[]*u[2]/(Ku[]) Fcn -/Y /Y (r)*q / S_in L azione di conrollo è proporzionale all errore di regolazione ricircolo Kd Kd Sum / X_in K L a = K = K a a U K a g ( DO DO) p Ca DO a Sum3 Produc (-Y)/Y /Y2 Ka Areazione Sum2 / DO_in (r)*q Poraa d aria ricircolo DO Conrollo proporzionale DO e-poin Miura di DO Kg errore DOp Regolaore proporzionale DO pag. 3

4 Preazione del regolaore proporzionale U a (m 3 /h) DO (mg/l) X H (mg/l) BOD (mg/l) empo (ore) Errore di offe diminuice con l aumenare del guadagno, ma non i annulla mai pag. 4

5 Errore di offe all aumenare del guadagno 3 errore di regolazione Nel conrollo proporzionale, l aumeno del guadagno fa diminuire l errore di regolazione, ma lo annullerebbe olo e foe infinio Guadagno proporzionale pag. 5

6 Analii dell errore di regolazione (offe) Se R e P rappreenano il regolaore e il proceo, il modello ad anello chiuo i può crivere come y p e R P y e y = = yp y e R P y y p = y = y p R P e R P R P e y ( R P) ( R P) p = y ( R P) = y R P p Per annullare l errore e i deve avere un guadagno di anello R.P infinio Il guadagno proporzionale non è in grado di oddifare queo requiio pag. 6

7 Errore di ineguimeno e guadagno K p y p K p y Imporane: il guadagno infinio è neceario olo a regime! K p 0 D()G() pag. 7

8 Azione inegrale Per oenere un guadagno RP infinio è neceario che o R o P enda all infinio Se P ciò ignifica che il proceo ha un meccanimo di accumulo inerno e queo è ufficiene (iema di ipo ) Se P è limiao, allora deve eere R, perciò il regolaore deve fornire quea capacià di accumulo ale capacià è daa dall Azione Inegrale R PI : u( ) = K P e( ) K Il ermine inegrale accumula gli errori nel empo e produce un azione di conrollo proporzionale alla loro omma Anche errori molo piccoli, e ommai nel empo danno un azione di conrollo molo fore Cancellazione dell errore di ineguimeno I 0 e( σ ) dσ pag. 8

9 Vanaggio dell azione inegrale Supponendo di avere un errore coane nel empo, l azione inegrale produce un azione correrice che crece linearmene Azione PI Azione P empo R PI : u( ) = K P e( ) K I 0 e( σ ) dσ i empo di ree i: empo occorrene perché l'azione inegrale uguagli l'azione proporzionale. In quel momeno ( i ) i ha un raddoppio dell azione correrice globale. pag. 9

10 Azione derivarice Conocendo la endenza di variazione dell errore, i può anicipare la richiea di regolazione La derivaa dell ucia anicipa la ua poizione fuura, perciò il regolaore che ua la derivaa può dare un azione correrice aniciparice errore in diminuzione R : u( ) = K e( PD P ) K D de d errore in crecia pag. 0

11 Vanaggio dell azione derivarice Supponendo di avere un errore che crece linearmene nel empo, l azione derivarice produce un azione correrice proporzionale alla variazione dell errore Azione PD Azione P R : u( ) = K e( PD P ) K D de d empo d empo di derivazione d : Anicipo dell'azione correrice ripeo alla ola azione proporzionale. L azione correrice viene applicaa d iani prima ripeo al olo proporzionale. pag.

12 Conrollo PID Il regolaore PID (Proporzionale - Inegrale - Derivaivo) fornice le re azioni di conrollo in grado di ineguire il e-poin e conraare una grande varieà di diurbi PID yp - i e dσ 0 K PROCESSO p y de D d Azione P Azione I Azione D u( ) = K e( ) e( σ )dσ p i 0 d de( ) d pag. 2

13 Ripoa ipica di un iema conrollao grande errore a regime Errore di regolazione errore a regime PID: riduce le ocillazioni durane la regolazione PI: annulla l errore a regime pag. 3

14 Aumeno del guadagno proporzionale Errore di regolazione p p Aumenare K p riduce l errore di regolazione ma non lo annulla Per K p grandi i poono avere ocillazioni anche e il proceo non è di per é ocillaorio pag. 4

15 Effeo di i e K p in un regolaore PI L azione inegrale ende a provocare maggiori ocillazioni ma aumena la velocià di ripoa Per valori di i e/o K p molo grandi il iema può divenare inabile Noa : la coane inegrale i è il empo di ree aumeno dell azione inegrale aumeno dell azione proporzionale Errore di regolazione I Errore di regolazione K p pag. 5

16 Effeo dell azione derivarice K d Aumenare K d può migliorare la ripoa del regolaore, ma ende a produrre una ripoa ocillane K d è uile per procei con dinamica molo lena, dove la predizione del comporameno può anicipare di molo l azione correiva pag. 6

17 Sinonizzazione con il meodo di Ziegler-Nichol Meodo inrodoo negli anni 40 da Ziegler e Nichol Sinonizzazione direa del PID, baao u miure del proceo Meodo in caena apera: ricava i parameri del PID ulla bae della ripoa a gradino Meodo in caena chiua: i provoca un ocillazione oenua e i ricavano i parameri del PID dalla ua ampiezza e frequenza pag. 7

18 meodo Z-N: caena apera. Effeuare un e a gradino Δu Δy 2. Deerminare i parameri del proceo: Guadagno G Riardo δ Coane di empo Δy G = Δ u δ riardo angene nel puno di maima pendenza Coane di empo Δu Δy 3. Calcolare i parameri del PID con le egueni formule: PI : K p = 0.9 i = 3.3 δ G δ PID : K p =.2 i = 2 δ d = 0.5 G δ δ pag. 8

19 2 meodo Z-N: caena chiua Eliminae le azioni inegrale e derivaiva, i provoca un ocillazione oenua con un gradino di e-poin aumenando il olo guadagno proporzionale K p K p K u (guadagno limie) Si calcola il periodo dell ocillazione P u Si calcolano i parameri del PID econdo le formule PI : K PID : K p p = 0.45 K = 0.60 K u u i i Pu =.2 Pu = 2 d = P 8 u pag. 9

20 Il problema del WIND-UP Quando i ha aurazione dell'auaore, il e-poin non viene raggiuno Queo provoca un incremeno dell ucia dell inegraore che aumena indefiniamene e non viene bloccao (wind-up) Quando il e-poin rienra nel campo di regolazione, l ucia dell inegraore deve caricari per poer generare un nuovo egnale di conrollo uile. Queo può richiedere molo empo, durane il quale non i ha alcuna azione di conrollo Rimedio: bloccare l inegrazione appena l auaore aura y p PID - Comando di blocco all inegraore KI e dσ 0 K D de d δ 0 K p Ucia del PID δ - Modello di auaore u PROCESSO Ucia dell auaore pag. 20

21 Eempio di Wind-up A caua dell errore che non va a zero il conribuo inegrale crece Ucia del PID Il e-poin è maggiore del limie dell auaore L ucia aura al maimo valore conenio Se-poin Ucia dell auaore Riardo nell azione di conrollo Quando il e-poin riorna nel campo di regolazione, è neceario che i carichi prima di ornare operaivo pag. 2

22 Effeo dell azione Ani-WindUp Se-poin L ucia del PID viene bloccaa al livello della aurazione Ucia del PID Ucia dell auaore Appena l errore rienra nel campo di regolazione, l inegraore è ubio operaivo pag. 22

23 Sruura del regolaore digiale Pare analogica PROCESSO PROCESSO SISEMI HARDWARE/SOFWARE DI INERFACCIAMENO D/ A A/ D PROOCOLLI CANALE DI COMUNICAZIONE ALGORIMI ELA BORA ORE DI PROCESSO Pare digiale SPECIFICHE DI PROCESSO pag. 23

24 pag. 24 PID digiale in forma incremenale Approimando alle differenze finie con inervallo Soraendo ermine a ermine e raggruppando i ermini dell'errore e(), e(-), e(-2) oppure in funzione di y e y p = 0 d i p d ) de( )d e( ) e( K ) ( u σ σ = = = = d k i p d k i p e e k e e K u e e k e e K u ) 2 ( ) ( ) ( ) ( ) ) ( ) ( ) ( ) ( ) 0 0 [ ] = = 2 d i p e 2e e e e e K ) u( ) u( δu = 2 d d d i p p i p y y 2 y K y K δu Parendo dalla definizione del PID nel empo p y y e =

25 pag. 25 PID digiale in forma incremenale Può eere vio come equazione alle differenze Per oenere il egnale "pieno" i aggiunge un inegraore in ucia Vanaggio: ingrei più piccoli = minore pericolo di aurazione inerna z ) (z G i p K 2 z z γ β α y p y [ ] 2 i p p z ) z u( ) z u( u u u y z z K y u = = = δ δ γ β α δ = = = d p d p d i p K 2 K K γ β α u δ u -

26 Schema SIMULINK per PID campionao -K- u_pid ingreo y_pid ucia regolaa ZOH Yp Se-poin z y(-) Gain3 -K- Gain2 z y(-2) PID empo-dicreo in forma incremenale Ab -K- Ab Lambda -z - Sum2 errore inegrale -K- Gain -K- Gain Sum - Sum -z - Inegraore Sauraion ingreo incremenale errore di regolazione e_pid lancio3 Proceo Ab Ab * Produc IAE valoreiae Clock c empo coninuo campionaore d empi campionai IAE= 0 ( e λδu ) d pag. 26

27 Azione di conrollo PID Comando al compreore per la poraa d aria (variabile manipolaa) funzione dell errore di DO Il PID ha re azioni (Proporzionale - Inegrale - Derivarice) che danno una correzione dinamica dell errore Regolaore PID per il DO Poraa d aria (variabile manipolaa) U air S O K p PID de( ) d Segnale DO (variabile miuraa) i 0 d e( σ )dσ - S O p S o Q plan Ox Sedimenaore Q w pag. 27

28 Implemenazione Simulink del regolaore PID [_in,s_in] Dai di ingreo q /Y Mu*u[]*u[2]/(Ku[]) Fcn -/Y (r)*q ricircolo Kd Sum / S_in /Y Olre al PID è ao / X_in aggiuno un modello per la dinamica del iema di areazione Kd (-Y)/Y Ca DO a Sum3 Produc /Y2 Ka Areazione Sum2 DO_in (r)*q ricircolo DO Poraa d aria Sauraion Kg a Auazione areaori PID Conrollore PID errore DOp DO e-poin Miura di DO pag. 28

29 Preazione del regolaore PID BOD (mg/l) X H (mg/l) DO (mg/l) U a (m 3 /h) empo (ore) S O2 = S p pag. 29

30 Preazione di un regolaore PID per DO Simulazione con il regolaore viluppao in ambiene LabView 8.20 pag. 30

31 Diagramma del regolaore PID in LabView pag. 3

32 Pannello fronale del regolaore PID pag. 32

33 Diagramma del regolaore PID pag. 33

34 mg/l Erraa inonizzazione del PID.5 Preazione reale del PID Sinonizzazione correa Variazioni di e-poin 0.5 DO filrao DO al quale Ic (ma) 20 5 Segnale di comando (ucia del PID) Poenza (kw) Poenza aorbia dalla urbina empo () pag. 34

35 PID oimizzao numericamene Valido anche per iemi nonlineari e/o con riardo Baao ullo eo approccio della calibrazione paramerica u l = Aggiuameno dei parameri del PID Nuovi parameri Valore del funzionale di errore 0.5 IAEU y ime Simulazione del proceo ad anello chuo Valuazione della funzione di errore fin 2 = e λδu 0 [ ] d I parameri da oimizzare ono i coefficieni del PID Il crierio di oimizzazione è un crierio inegrale di preazione pag. 35

36 Riulai di conrollo PID 3 mgo 2 /L k L a[d - ] empo (d) pag. 36

37 Conrollo della Deniro Doaggio del carbonio organico, e nell influene non ce n è a ufficienza Obieivo di conrollo: enere bao il conenuo di nirao Variabile conrollaa: Concenrazione di nirao Variabile manipolaa: Poraa di C org ipo di conrollore: Prediivo Fuzzy Doaggio C org p S NO 3 Serbaoio C org Q plan S NO3 Q in Anox Ox Seler Q w pag. 37

38 Concei bae di conrollo prediivo Perché uare il conrollo prediivo? Dinamiche complee e nonlineari Siemi mulivariabile con riardo Vincoli ull ingreo (maimo doaggio) Manenere bao il numero di parameri di inonizzazione Preazioni robue Caraeriiche del conrollore Uare un prediore fuzzy eplicio con orizzone H p - pai avani Calcolo di una equenza di conrolli fuuri baao ulla minimizzazione di un funzionale di preazione Scela numerica dell azione oimale di conrollo Sraegia ad orizzone receivo (ad ogni pao l orizzone di conrollo avanza di un pao) pag. 38

39 Sruura del conrollo prediivo u( k ) y OIMIZZAORE PROCESSO y p ( k ) p ŷ( k i u i ) i u MODELLO PREDIIVO Ad ogni iane k i applica al modello un inieme di poibili ingrei e i ceglie quello che minimizza il coo u un orizzone di predizione di H p pai Servono: Un modello del proceo per predire l effeo del conrollo ull ucia Un funzionale di coo Un oimizzaore per cegliere il miglior conrollo pag. 39

40 Il principo del conrollo prediivo Orizzone di predizione H p Orizzone di conrollo H c Se-poin y p Ucie paae y Ucia predea ŷ Ingreo di conrollo u Olre H c il conrollo rimane coane fino ad H p k k k k Hc k H p pag. 40

41 La maledizione della dimenionalià Iniziando con l ucia correne y(k) il numero di poibili fuure ucie aumena eponenzialmene con la cela dei poibili conrolli {u(k), u(kh p )}. Quale conrollo cegliere? ŷ ( k ) ŷ ( k 2) ŷ( k H ) ŷ( k H ) c p y( k ) k k k 2 k Hc k H p pag. 4

42 Soluzione del conrollo prediivo La equenza di H p pai di conrollo oimale è quella che minimizza il funzionale di coo, baao ulle predizioni dell ucia ŷ ( k i k ) i =,..,H p H ( p ) H 2 c 2 J = yp ( k i ) ŷ( k i k ) β u( k i k ) i= i= 0 Si limia il conrollo ad aumere un numero finio di valori i u u { } i i i,u,...,u Si decompone il funzionale J in una omma di coi, uno per ciacun pao H p ( i ) J = i= 0 Ad ogni pao i minizza l ulimo ermine applicando ui i conrolli poibili e cegliendo quello che minizza il coo del pao i i 2 J m ( i ) ( i ) J = J min u i j i pag. 42

43 L oimizzazione Branch & Bound Si decompone il problema nel cercare il conrollo a coo minimo ad ogni pao fra i poibili valori del conrollo e ommare ad eo il coo cumulaivo dei pai precedeni ŷ ( k ) ŷ ( k 2 ) ŷ( k H ) ŷ( k H p ) c y( k ) k (o) J k () J k 2 (2) J k H J (H c ) c k H J (H p ) p ( i ) ( i ) J = J min u i j i pag. 43

44 S NO3 (mg/l) Conroller Performance Se-poin racking performance proce model e-poin Inpu carbon flow Q c (l/h) ime (h) Reul publihed in Waer Sci. ech., 45(4-5): (2002) pag. 44

45 Accoppiameno fra regolaori DO Se-poin: Coi di aerazione Produzione NO 3 - NO 3- Se-poin: Coi di doaggio N oale in ucia O 2 C org NH 4 NO 2 - NO 3 - N 2 La Direiva Acque CE (60/2000) pone un limie all Azoo oale in ucia, perciò la converione NH 4 NO 3 mediane aerazione deve eere enua oo conrollo perché: Se è ecceiva, crea un carico ecceivo per la deniro ed un operazione anieconomica dell aerazione; Se è inufficiene può produrre NO 2- nell effluene ed una quanià inufficiene di Azoo oidao non è diponibile per la deniro Concluione: i due procei devono eere coordinai pag. 45

46 Conrollo Niro/Deniro a due livelli Loop del doaggio di C org (Low level conroller ) Neun conrollore deerminiico è capace di volgere una buona azione di conrollo. Al conrario, il conrollore Prediivo Fuzzy funziona molo bene anche in condizioni di fori variazioni di carico; Loop di conrollo del DO (Low level conroller 2) Un emplice regolaore PID da buone preazioni, menre i regolaori Fuzzy i ono dimorai difficili da inonizzare; Conrollore di alo livello Il coordinameno fra l oidazione dell ammonio e la rimozione del nirao è eenziale, perché ambedue i procei implicano coi operaivi ed influenzano la qualià dell ucia. Compio del conrollore di alo livello è l individuazione dei e-poin, ale che ia ON < 0 mg-n/l & N-NO 2 < 0.6 mg- N/l a minimo coo. pag. 46

47 Conrollo Niro/Deniro a due livelli Normaiva ull effluene High Level Conroller N o Senor Conrol pah p S NO 3 p S O 2 Proce pah Low Level Conroller Low Level Conroller 2 Q c S NO3 U air S O2 Q in, S F,in Anox Ox Seler Q in, S NO3,in Q w Q r,s NO3,r pag. 47

48 Superficie oimale dei e-poin NO 2 > >0.6 ON NO 2 < >0.6 ON Curve a coo c oane Curve a NH 4 coane NO 3 Se poin (mg/l) La funzione del conrollore di alo livello è la elezione dei epoin per i conrollori di bao livello Opimal e-poin NO 2 > DO Se poin (mg/l) <0.6 ON Livello più bao che oddifa ai vincoli di qualià dell effluene pag. 48

49 Limii dei conrollo di bao livello I conrollori di bao livello da oli non ono efficaci nel conraare le fluuazioni diurne e manenere il ON al di oo del limie medio precrio. 2 Smorzameno picchi oal oupu Nirogen(mgN/l) ON limi 7 Conrollo a due livelli Conrollori di bao livello ime (day) pag. 49

50 Schema a caroello alernao (Avedøre) Il iema a caroello ha 6 linee di oidazione comandae da 4 miuraori di oigeno diciolo ed un miuraore di ammoniaca. I Moori di oidazione (M) vengono accei in funzione delle indicazioni di ammoniaca preene La raegia è di operare la vaca alernaivamene in modo aerobico per oidare l ammoniaca in modo anoico per denirificare Sono diponibili divere equenze in funzione del ipo di carico pag. 50

51 Conceo bae di procei alernai pag. 5

52 Cicli impiano Avedøre pag. 52

53 Geione eimanale Avedøre NH 4 DO pag. 53

54 Bibliografia Carlon B. and Lindberg C.F. (997). Some conrol raegie for he acivaed ludge proce, Univ. of Uppala. Olon,G.and Newell, B. (999). Waewaer reamen Syem. IWA Publihing, London. Alex J., Beeau J.F., Hellinga C., Jeppon U., Marili-Libelli S., Pon M.N., Spanjer H.and Vanhooren H. (999). Benchmark for evaluaing conrol raegie in waewaer reamen plan. Proc. ECC 99, Karlruhe. Copp J. (200) he COS imulaion benchmark: Decripion and imulaor manual. Office for official publicaion of he European Communiy, Luxembourg. 54 pp. Nielen M. K. (200). Conrol of waewaer yem in pracice, ICA Repor. Marili-Libelli S., L. Giuni. (2002). Fuzzy predicive conrol for nirogen removal in biological waewaer reamen. Waer Sci. ech., 45(4-5): pag. 54

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Perché il Controllo Fuzzy?

Perché il Controllo Fuzzy? Pregi - Non è necessario un modello matematico dettagliato 2 - Può incorporare facilmente esperienza umana espressa in termini "qualitativi" 3 - E' robusto 4 - E' adattabile alle modifiche del processo

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoimi di iia di n gafo Ilaia Caelli caelli@dii.nii.i Unieià degli Sdi di Siena Dipaimeno di Ingegneia dell Infomazione A.A. 2009/2010 I. Caelli Viia di n gafo, A.A. 2009/2010 1/44 Gafi Viia in ampiezza

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi ommario Corso di tatistica Facoltà di Economia a.a. 2006-2007 2007 francesco mola L algebra degli eventi Diagrammi di Venn Teoremi fondamentali Probabilità Condizionata ed Indipendenza tocastica Lezione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm BAT 20 W ESEMPIO D ORDE Per eseguire correttamente l ordine di questo modello seguire l esempio sotto riportato: PRODOTTO BA20#080050 0B1 ST 9010 BA20#080050 articolo riportato nella tabella prezzi a fianco

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE TESI DI LAUREA SPECIALISTICA CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Pag 1 di 92 Francesco Sardo ELEMENTI DI STATISTICA PER VALUTATORI DI SISTEMI QUALITA AMBIENTE - SICUREZZA REV. 11 16/08/2009 Pag 2 di 92 Pag 3 di 92 0 Introduzione PARTE I 1 Statistica descrittiva 1.1

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli