Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima)."

Transcript

1 Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Il controllo in cascata si usa per migliorare la risposta al setpoint, e soprattutto al disturbo di carico, quando il classico anello di controllo in retroazione non consente di ottenere prestazioni soddisfacenti. Tipicamente questo accade quando la funzione di trasferimento del processo G(s)=Y(s)/U(s) non è a fase minima, ovvero un sistema (o un filtro) la cui funzione di trasferimento è quella che fra tutte le possibili funzioni di trasferimento con identica risposta in modulo introduce il minimo sfasamento possibile per ogni frequenza a cui essa è valutata. Ciò è dovuto al fatto che tutti i suoi zeri e tutti i suoi poli sono a parte reale negativa o nulla, il che le conferisce particolari e desiderate proprietà fra le quali la più immediata è la stabilità. Il controllo in cascata prevede l utilizzo di una misura addizionale, la variabile di controllo w, e di un regolatore R 2 per chiudere un secondo anello di regolazione (interno o secondario), il cui setpoint è generato dal regolatore della variabile controllata y.l anello di regolazione di y è detto esterno o primario. La funzione di trasferimento G(s) è fattorizzata nel prodotto delle funzioni di trasferimento G 1 (s) e G 2 (s), dove G 2 (s) ha caratteristiche dinamiche più favorevoli, in relazione alla possibilità di chiudere anelli di controllo ad ampia banda rispetto a G 1 (s). L utilità e l efficacia del controllo in cascata dipendono, oltre che dalle proprietà della G(s), dalla possibilità di disporre di una variabile ausiliaria di caratteristiche opportune, tale che l anello interno abbia una banda di ampiezza pari a ω C 2, alcune volte maggiore di quella ω C ottenibile con un anello di retroazione chiuso esclusivamente sulla variabile controllata y. Con F2(s) = R2(s)G2(s)/(1+R2(s)G2(s)) funzione di trasferimento relative all anello interno.

2 Spiegare perché l azione derivativa non può essere utilizzata per processi del prim ordine con ritardo con rapporto di controllabilità superiore a circa 1.5. Con azione derivativa ci si riferisce alla componente D(s) di un generico regolatore PID(s), la cui azione è descritta da:,, rispettivamente nel dominio del tempo e nel dominio in frequenza, con K c sta ad indicare il guadagno, mentre T D è la costante di tempo relativa all azione derivativa considerata, parametri su cui si deve giocare per la taratura di questo componente. L azione derivativa non può essere utilizzata da sola, perché farebbe perdere al sistema di controllo la fondamentale proprietà di essere passa-basso e spesso è inutilizzata anche in presenza delle altre azioni sia per difficoltà di taratura da parte dell utente sia per i rumori di misura, in quanto causa un amplificazione del segnale che si intende misurare. Nella taratura dei regolatori è frequente approssimare la dinamica del processo con una funzione di trasferimento del primo ordine con ritardo, in questo modo, per raggiungere un elevato guadagno in banda è necessario imporre delle frequenze di taglio molto alte, quindi un ritardo molto basso. L azione derivativa, non può essere usata con sistemi di questo genere proprio perché la sua aggiunta renderebbe ancora più difficoltoso il raggiungimento di un ragionevole guadagno in banda. Non si può, invece, rinunciare all utilizzo di un integratore con questo tipo di approssimazione. L azione derivativa è inutile, o inutilizzabile, per processi a fase non minima, in cui si ha diminuzione della fase a modulo costante o crescente (τ/t>0.6, per G(s) del prim ordine con ritardo). Può essere dannosa per gli organi di attuazione, in presenza di rilevante rumore di misura. Elencare le possibili forme (in termini di segnali elettronici) delle uscite dei regolatori industriali Le uscite dei regolatori industriali sono tipicamente: - In corrente ( da 4 a 20 ma) - In tensione (da 0 a 10 V) Illustrare brevemente la ragione che motiva l impiego del regolatore integrale nei sistemi di controllo e i principali inconvenienti ad essa associati. L azione integrale, o integratore, calcola la seguente risposta:, E particolarmente importante nelle applicazioni, perché assicura un errore nullo a regime per variazioni a scalino (o valori costanti) del riferimento y SP e del disturbo d. Essendo la funzione di trasferimento dell integratore I(s)=K C /(st I ), le funzioni di trasferimento in un anello chiuso dai due ingressi all errore presentano uno zero nell origine. L errore rimane nullo anche in presenza di variazioni del guadagno K P del processo purchè sia preservata la stabilità del sistema in anello chiuso. Con un regolatore PI l azione integrale si somma a quella proporzionale, assumendo proprio il valore che annulla l errore a regime, si spiega quindi l origine del termine automatic reset associato all azione integrale. Quest ultima introduce uno sfasamento di 90 (contributo di -90 alla fase) nella funzione di trasferimento d anello e non è asintoticamente stabile (poiché ha un polo nell origine), quest ultimo fatto provoca, ad esempio, il

3 problema del wind-up; inoltre, il valore u(0) deve essere assegnato correttamente ogni qual volta il regolatore inizia ad operare in modo automatico, per evitare brusche variazioni della variabile u(t). Disegnare uno schema a blocchi Simulink di un regolatore PID (in qualsiasi forma, continua o discreta e accademica o standard ISA) che implementi un meccanismo antiwindup dell integratore. La variabile di controllo di un qualsiasi anello di regolazione è sempre limitata superiormente ed inferiormente. In condizioni di regime, se il processo è ben progettato, la variabile di controllo assume valori abbastanza lontani dai limiti di saturazione, ma può capitare che li raggiunga in occasione di transitori ampi o rapidi, causati da variazioni rilevanti del setpoint e/o del disturbo di carico. Quando la variabile di controllo è in saturazione il processo evolve con ingresso costante, come se fosse in anello aperto, in assenza di capacità di regolazione. Anche il regolatore si trova ad evolvere in anello aperto, venendo a mancare l effetto della retroazione sull errore, e poiché l integratore è un sistema dinamico non asintoticamente stabile, in questa condizione può allontanarsi anche notevolmente dal campo di valori utili per il controllo. Se accade ciò, occorre tempo, dopo che l errore è tornato a valori tali da non richiedere più la saturazione della variabile di controllo, prima che l integratore, e con esso l uscita del regolatore, ritorni ai valori utili per il controllo. Si parla in questo caso di wind-up dell integratore, ovvero di una sovra elongazione non lineare che può presentarsi in sistemi di questo tipo. Un semplice metodo per evitare ciò consiste nell arrestare l integrazione quando interviene la saturazione (processo di integrazione condizionata). L effettiva causa del wind-up è la saturazione dell attuatore, per condizionare correttamente l integrazione occorre quindi individuare precisamente tale condizione. Il metodo più sicuro consiste, in generale, nell usare dei dispositivi di rilevazione. In simulink lo schema a blocchi corrispondente ad un filtro anti-windup è il seguente:

4 Scrivere due funzioni di trasferimento di due processi per il quale non è applicabile il primo metodo di Ziegler e Nichols, o metodo della risposta allo scalino, spiegando brevemente. Il metodo di taratura di Ziegler-Nichols è un metodo euristico per la taratura di un controllore PID. E stato pensato per settare le azioni integrale (I) e derivativa (D) su un guadagno nullo. Il guadagno dell azione proporzionale (P) K P viene fatto aumentare, partendo da zero, finchè non raggiunge un valore limite KU, valore che permette al sistema di controllo in anello di oscillare con un ampiezza costante, senza che queste oscillazioni spariscano dopo un transitorio. KU e TU sono utilizzate per regolare i guadagni delle azioni P,I e D dipendenti dal tipo di controllore utilizzato. Si applica ai processi che hanno risposta allo scalino monotona (a S ) con un ritardo iniziale e si può approssimare il loro andamento con la risposta allo scalino di un sistema del primo ordine con ritardo : Con Kp = Y0/ U0 guadagno statico del processo e ritardo apparente. Per l applicazione del metodo il processo deve essere operabile in anello aperto per il tempo necessario alla prova e si deve, inoltre, poter introdurre una perturbazione brusca sul processo medesimo. La condizione di avvio, inoltre, deve essere stazionaria, cosa non facile da riconoscere automaticamente senza disporre di informazioni sulla dinamica del processo. Lo scalino va scelto sufficientemente ampio poiché i parametri della risposta siano ben riconoscibili anche in presenza del rumore di misura ma non troppo, per non coinvolgere non linearità e/o per non risultare pericoloso per l impianto. La determinazione dei parametri τ(tau) e T della curva risente dell approssimazione della costruzione grafica e della difficoltà di individuare univocamente il punto di flesso della curva e la relativa tangente (un metodo alternativo potrebbe essere quello delle aree) Quando sono adeguati i regolatori della famiglia PID? In molti casi, le specifiche di prestazione non sono particolarmente stringenti, se non addirittura blande, la difficoltà del problema di controllo dipende in primo luogo proprio dalle specifiche di prestazione. Per processi puramente algebrici, come nelle regolazioni di portata con valvole, l integratore è la scelta più opportuna. Il regolatore PID, allo stesso modo, è sufficiente dove la dinamica dominante è del secondo ordine. L azione derivativa fornisce un anticipo di fase associato alla crescita del modulo e può essere sfruttata efficacemente per ridurre lo sfasamento complessivo e allargare la banda passante per i processi a fase minima. Se la fase non minima è rilevante, come nei processi a ritardo puro dominante, e le specifiche di prestazione sono stringenti, sono necessari schemi di controllo più sofisticati, come il predittore di Smith, che introduce la compensazione del ritardo utilizzando un modello del processo, oppure il controllo in cascata, che richiede una misura addizionale sul processo. Il PID può essere inadeguato, invece per il controllo di sistemi con modi oscillatori, cioè con una o più coppie di poli complessi poco smorzati.

5 Per un processo descritto dalle seguente relazione: Y s G s U s V s D s, dove G s e G s sono funzioni di trasferimento e Y s, U s e s D sono rispettivamente le trasformate di Laplace di uscita (variabile controllata), variabile di controllo e disturbo, progettare l azione di compensazione in andata. Ci sono casi in cui il controllo in retroazione non consente di mantenere l errore di regolazione entro i limiti richiesti. Questo può accadere tipicamente in presenza di disturbi soggetti a variazioni molto ampie e rapide, per la natura stessa del controllo in retroazione, che interviene solo dopo la comparsa di un errore. Se il disturbo è misurabile si può introdurre un azione di controllo in andata, dipendente da tale misura e volta alla minimizzazione dell effetto del disturbo. Quest azione sarà complementare a quella in retroazione: da un lato risulta predittiva, cioè interviene al manifestarsi della causa (disturbo) e non del suo effetto (errore), dall altro la sua implementazione richiede un modello del processo, quindi è più sensibile a errori di modellazione. Rientra nel controllo in andata anche l introduzione di un azione diretta dal setpoint alla variabile di controllo. Con entrambe queste azioni, il controllo in andata potrebbe apparire come un alternativa al controllo in retroazione, ma cosi non è.

6 Spiegare brevemente il funzionamento degli amplificatori di potenza (detti anche drive o convertitori elettronici) PWM. Il PWM (Pulse With Modulator) è un circuito che opera, analogamente agli amplificatori switching, in modo periodico e, in ogni periodo, mantiene l uscita al valore on per un tempo proporzionale al suo ingresso u. La frazione d/t del periodo T del PWM in cui l uscita è on, nel k-esimo intervallo di modulazione è data da: Dove i pedici m ed M indicano rispettivamente i valori minimo e massimo. In questo modo, il valor medio nel periodo dell uscita è lineare con u come si avrebbe con un controllore proporzionale modulante seguito da un amplificatore lineare. L uscita a tempo proporzionale è vantaggiosa quando l impiego di un attuatore on-off è più semplice ed economico. Assumendo condizioni stazionarie (o di regime) si chiede di calcolare l errore di regolazione dovuto ad un disturbo di carico costante di ampiezza d. Con un regolatore puramente proporzionale, a regime, con ingressi costanti, l errore di regolazione (denotato con ), in generale non si annulla ma assume valori dipendenti dagli ingressi stessi. Con riferimento allo schema precedente, detta G(s) la funzione di trasferimento del processo, con G(0)=Kp, si ha: Affinchè l errore sia piccolo, in guadagno d anello KcKp deve essere grande. D altra parte, il guadagno d anello elevato renderà il sistema più sensibile al rumore di misura. In più, se si tiene conto della dinamica del processo, esso non potrà diventare troppo alto, pena l instabilità del sistema ad anello chiuso. Si può pensare di annullare l errore sommando alla variabile di controllo un valore appropriato U, facilmente calcolabile, eventualmente aggiustato dall operatore:. Il valore U è chiamato reset.

7 Nell ipotesi di ritardo lentamente variabile ma misurabile, si spieghi come si potrebbe tenerne conto con la tecnica del gain scheduling. Il gain scheduling è una soluzione empirica per rendere un controllore adattiivo, molto utilizzata nel settore aeronautico., essa conferisce una maggiore robustezza e presetazioni migliori al sistema che lo utilizza. L idea alla base del gain scheduling è quella di progettare il controllore per diversi punti di funzionamento del sistema da controllare, che può essere costituito, ad esempio da un motore; le diverse configurazioni, essendo frutto di un approssimazione, riescono a garantire il rispetto delle specifiche solo localmente al punto di lavoro. Dunque, si interpolano i parametri ottenuti nelle diverse configurazioni, rendendoli variabili con il punto di funzionamento. Si applica su sistemi non lineari, per i quali un controllo lineare classico non riesce a soddisfare le specifiche in termini di stabilità e prestazioni. Il primo passo consiste nell individuazione di una cosiddetta variabile di scheduling, ovvero un parametro che caratterizza le variazioni del sistema. La scelta di questa variabile determina in maniera importante le prestazioni del controllore e viene effettuata attraverso considerazioni sulla natura del sistema da controllare. Il sistema viene linearizzato in un numero N di punti, che rappresentano N valori della variabile di scheduling. Si ottengono N rappresentazioni lineari, valide localmente al valore della variabile di scheduling, sulle quali è possibile tarare un controllore lineare. Il set di parametri ottenuto viene interpolato per ricavare delle leggi (continue) di variazione dei parametri del controllore. Successivamente, il controllore viene sottoposto a prove sperimentali per accertare il rispetto delle specifiche di progetto. In genere, si ottiene il rispetto delle specifiche solo per condizioni di regime sulla variabile di scheduling, mentre durante i transitori è difficile garantire il rispetto delle specifiche in modo stringente. Il vantaggio del suo utilizzo sta nel fatto che esso permette l utilizzo delle tecniche di controllo lineare anche per sistemi non lineari. Gi svantaggi principali sono due: la laboriosità del processo di sintesi del controllore (per via delle numerose N identificazioni) e il rischio di avere un controllore troppo distante dalle specifiche.

8 Discutere le differenze tra la forma standard ISA di un regolatore PID commerciale e la forma standard accademica. La legge di controllo PID accademica (o scolastica) esprime la semplice somma delle azioni P,I e D ed è un qualcosa di ideale: Con Kc guadagno proporzionale, Ti tempo integrale, Td tempo derivativo. In termini di trasformata di Laplace si ha:. L implementazione della legge di controllo nei regolatori commerciali si discosta dalla forma scolastica. La forma seguente, nota come forma standard ISA, rappresenta una generalizzazione delle diverse versioni: I coefficienti b e c assumono di regola, valori compresi tra 0 e 1, c, in particolare, vale tipicamente 0 o 1, b è detto peso sul set point. Si osserva che con b=c=1, la forma ISA coincide con quella scolastica. Quindi, la forma standard ISA prevede 6 parametri, quindi due in più di quelli del PID accademico, oltre al filtro sulla derivata. I due parametri, detti pesi sul setpoint, consentono di aggiustare i due zeri del regolatore che intervengono nelle risposte al setpoint, che altrimenti dipenderebbero esclusivamente dai parametri Ti e Td. Un PID in forma standard ISA è un regolatore a due vie: l elaborazione del setpoint e quella della misura sono diverse. Ciò consente di aggiustare in modo indipendente le risposte al setpoint e al disturbo di carico.

9 Discutere la scelta del regolatore (azioni P, I, D) per il processo del prim ordine + ritardo Nella taratura dei regolatori è frequente approssimare la dinamica del processo con una funzione di trasferimento del primo ordine con ritardo, del tipo : In questo caso, la scelta della legge di controllo dipende dal rapporto di controllabilità τ/t. Il ritardo puro τ impone un limite insuperabile per la pulsazione di taglio ω C, raggiungibile con un regolatore della famiglia PID. Solitamente, si sceglie di regolare questo tipo di processo con un regolatore PI(s), cancellando il polo del processo con lo zero del regolatore e cercando le rimanenti incognite K C e ω C. La presenza dell integratore è giustificata dal fatto che si ha un fdt ad anello chiuso con un errore nullo a transitorio esaurito (data la presenza del polo nell origine). Si esclude, solitamente, il derivatore, in quanto aggiungerlo ad un controllo proporzionale renderebbe ancor più difficoltoso il raggiungimento di un ragionevole guadagno in banda. A cosa serve il Metodo delle aree e sotto quali ipotesi si ricavano le relative relazioni? Questo metodo si applica ai processi che hanno risposta allo scalino monotona (o a S ), cioè del primo ordine, si utilizza per ricavare τ e T. Con riferimento alla figura, nell ipotesi che la curva corrisponda effettivamente alla risposta allo scalino di un sistema del primo ordine con ritardo, si ha : Dove Ao è l area compresa tra Y0 e y(t) e A1 quella sottesa alla y(t) per 0<t< τ+t, mentre e è la base dei logaritmi naturali. Ricavando, quindi, per via grafica o numerica i valori di Y0 e A0, si può ricavare τ+t, inoltre, determinando anche A1 si ricava il prodotto Teτ. Il metodo delle aree si presta all implementazione in un microprocessore e, dal momento che impiega valori integrali, è meno sensibile ai disturbi di alta frequenza. Può essere visto anche come caso particolare di un più generale metodo, detto dei momenti.

10 Spiegare cosa determina le principali limitazioni dei sistemi di controllo La prima causa di limitazione di un sistema di controllo è la presenza di fase non minima, ovvero la fdt di un sistema che fra tutte quelle possibili introduce il minimo sfasamento possibile per ogni frequenza cui è valutata. Nel caso di servomeccanismi, una limitazione deriva dal fatto di controllare il carico usando come attuatore il motore, cui è connesso tramite un elemento cedevole, questo sistema cedevole introduce una limitazione, qualora si volesse controllare il carico senza tenere presente il comportamento del motore, non sarebbe possibile, in quanto la pulsazione di taglio dev essere scelta minore di omega_zero o circa metà di omega_polo. Nei motori in corrente continua, gli amplificatori usano una fdt di primo ordine semplice, basata sul polo lento della meccanica, poiché la dinamica veloce degli switch elettronici viene filtrata, quindi per la regolazione del motore è sufficiente imporre la banda passante e cancellare il polo meccanico della fdt. Spiegare in cosa consiste il predittore di Smith Il predittore di Smith può consentire di migliorare notevolmente le prestazioni nel caso di ritardi rilevanti, a condizione di disporre di un modello sufficientemente preciso del processo. Si consideri un sistema affetto da ritardo puro avente fdt: essendo G (s) razionale. Ai fini della retroazione, il predittore di Smith utilizza, al posto della variabile regolata y, una variabile z, la cui trasformata di Laplace è data da: Le prestazioni ottenibili, sono quindi condizionate dalla disponibilità di un modello del processo, utilizzato per il calcolo di z, sufficientemente preciso. Ciò consente di ottenere una banda passante ampia e un migliore inseguimento del setpoint. Se G (s) è a fase minima e di basso ordine, con un regolatore della famiglia PID si può ottenere una funzione di trasferimento d anello di modulo elevato in un campo di frequenze ampio, confrontato con il caso in cui il ritardo è presente nell anello, che assicura una più ampia banda passante e quindi una migliore capacità di inseguire il setpoint.

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Prof. Luigi Glielmo Università del Sannio L. Glielmo 1 / 23 Contenuto della presentazione Controllori PID Metodi di taratura in anello aperto

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale REGOLATORI STANDARD PID Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Corso Tecnologie dei Sistemi di Controllo. Tecniche di taratura di un PID

Corso Tecnologie dei Sistemi di Controllo. Tecniche di taratura di un PID Corso Tecniche di taratura di un PID Ing. Valerio Scordamaglia Università Mediterranea di Reggio Calabria, Loc. Feo di Vito, 89060, RC, Italia D.I.M.E.T. : Dipartimento di Informatica, Matematica, Elettronica

Dettagli

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE PID: DESIGN TECHNIQUES AND IMPLEMENTATION ISSUES Relatore: Laureando: Prof.ssa Maria Elena Valcher Davide Meneghel Corso di Laurea in

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Regolatori PID Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Regolatori PID CENNI STORICI

Dettagli

Proprieta` dei sistemi in retroazione

Proprieta` dei sistemi in retroazione Proprieta` dei sistemi in retroazione Specifiche di controllo: errore a regime in risposta a disturbi costanti errore di inseguimento a regime quando il segnale di riferimento e` di tipo polinomiale sensibilita`

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Un sistema di controllo digitale è costituito da elementi a tempo continuo (il processo da controllare, l attuatore, il trasduttore analogico, il filtro

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

Orlando Allocca Regolatori standard

Orlando Allocca Regolatori standard A09 159 Orlando Allocca Regolatori standard Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4882-7

Dettagli

Regolatori PID. Corso di Controllo Digitale. a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it

Regolatori PID. Corso di Controllo Digitale. a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it Regolatori PID Corso di Controllo Digitale a cura di Simona Onori s.onori@disp.uniroma2.it Novembre 2005 Introduzione I regolatori lineari più usati in ambito industriale sono certamente i PID, o regolatori

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo

Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Controlli Automatici Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo Anno Accademico 2011/2012 Candidato: Marco Ferro

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

REGOLATORI STANDARD O PID

REGOLATORI STANDARD O PID REGOLATORI STANDARD O ID Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G (s), il regolatore

Dettagli

Caratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TECNICHE 06-02 - 1998. RigaSoft

Caratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TECNICHE 06-02 - 1998. RigaSoft aratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TENIHE 06-02 - 1998 RigaSoft 2 >

Dettagli

Esercizi in MATLAB-SIMULINK

Esercizi in MATLAB-SIMULINK Appendice A Esercizi in MATLAB-SIMULINK A.1 Implementazione del modello e del controllo di un motore elettrico a corrente continua A.1.1 Equazioni del modello Equazioni nel dominio del tempo descrittive

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTOLLO di un MOTOE ELETTICO a COENTE CONTINUA 1. EQUAZIONI DEL MODELLO Equazioni nel dominio del tempo descrittive del Modello elettromagnetico

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Controllo Modulante. Wu(t) Una semplice modellazione matematica consente di scrivere le seguenti equazioni:

Controllo Modulante. Wu(t) Una semplice modellazione matematica consente di scrivere le seguenti equazioni: 38 Controllo Modulante Non tutti i sistemi possono essere descritti e controllati tramite il PLC poiché alcuni processi industriali non sono caratterizzati da modelli ad eventi discreti bensì da variabili

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Sistemi di controllo (già analizzati) Tempo continuo (trasformata di Laplace / analisi in frequenza) C(s) controllore analogico impianto attuatori

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

Dinamica di sistemi controllati in retroazione. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano

Dinamica di sistemi controllati in retroazione. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L5 Dinamica di sistemi controllati in retroazione Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L5 Tipologie di problemi di controllo Esistono due tipologie distinte

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO Ing. Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Obiettivo: analisi e sintesi dei sistemi di controllo in retroazione in cui è presente un calcolatore digitale Il controllo digitale è ampiamente usato, grazie alla diffusione di microprocessori e microcalcolatori,

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Controlli Automatici prof. M. Indri Sistemi di controllo digitali

Controlli Automatici prof. M. Indri Sistemi di controllo digitali Controlli Automatici prof. M. Indri Sistemi di controllo digitali Schema di controllo base r(t) + e(t) {e k } {u k } u(t) Campionatore (A/D) Controllore digitale Ricostruttore (D/A) Sistema (tempo cont.)

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo nel dominio della frequenza

Progetto di un sistema di controllo nel dominio della frequenza Contents Progetto di un sistema di controllo nel dominio della frequenza 3. Le specifiche del progetto nel dominio della frequenza......... 3.2 Sintesi del controllore........................... 6.3 Determinazione

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C Capitolo La funzione di trasferimento. Funzione di trasferimento di un sistema.. L-trasformazione dei componenti R - L - C. Determinazione delle f.d.t. di circuiti elettrici..3 Risposta al gradino . Funzione

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE Nello studio dei sistemi di controllo in retroazione spesso si richiede che l uscita segua

Dettagli

CONTROLLO DELLA PORTATA DEGLI ESTRUSORI

CONTROLLO DELLA PORTATA DEGLI ESTRUSORI F. Previdi (UNIVERSITÀ DI BERGAMO) - A. Bertuletti, S. Savaresi, M.Sirtori (POLITECNICO DI MILANO) - A. Panarotto (CESAP) CONTROLLO DELLA PORTATA DEGLI ESTRUSORI Questo articolo è strutturato nel seguente

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia Università degli studi di Salerno Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629 Traccia SINGLE LOOP CUSTOM PROCESS con Process Model = Disturbance Model 1. adotta un controllore PID ideale

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4 INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi

FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi FONDAMENTI DI AUTOMATICA Michele Basso, Luigi Chisci e Paola Falugi 22 novembre 26 2 Indice 1 Analisi in frequenza di sistemi LTI 5 1.1 Introduzione............................. 5 1.2 Analisi armonica..........................

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Stabilità dei sistemi

Stabilità dei sistemi Stabilità dei sistemi + G(s) G(s) - H(s) Retroazionati Sistemi - Stabilità - Rielaborazione di Piero Scotto 1 Sommario In questa lezione si tratteranno: La funzione di trasferimento dei sistemi retroazionati

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

SEGNALI ANALOGICI. Guida Pratica all uso dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale e loro gestione tramite PLC

SEGNALI ANALOGICI. Guida Pratica all uso dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale e loro gestione tramite PLC APPUNTI DI AUTOMAZIONE SEGNALI ANALOGICI Guida Pratica all uso dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale e loro gestione tramite PLC A cura di Marco Dal Prà Versione n. 04 del 1 Dicembre

Dettagli

Sistemi con ritardo. Appunti di Controlli Automatici. Ing. Alessandro Pisano. Versione 1.0

Sistemi con ritardo. Appunti di Controlli Automatici. Ing. Alessandro Pisano. Versione 1.0 Sistemi con ritardo Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO 1. Introduzione (3) 2. Funzioni di trasferimento di sistemi con ritardo (4) 3. Stabilità a ciclo chiuso

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1 Indice 1 I SISTEMI LINEARI E CONTINUI NEL DOMINIO DEL TEMPO 2 1.1 Introduzione........................................ 2 1.2 La funzione di trasferimento...............................

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi.

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Il motore brushless (senza spazzole) è costituito da un rotore, su cui sono alloggiati i magneti

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

RICHIAMI DI BASE DI SISTEMI AUTOMATICI INDICE:

RICHIAMI DI BASE DI SISTEMI AUTOMATICI INDICE: RICHIAMI DI BASE DI SISTEMI AUTOMATICI 1.1. Definizioni di base. INDICE: Cap1 : Definizioni e schemi a blocchi 1.2. Classificazione dei sistemi di controllo. Sistemi ad anello aperto (o a catena aperta).

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli